CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL INFRASTRUTTURA DEL SISTEMA INFORMATIVO DEL CASELLARIO GIUDIZIALE (SIC)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL INFRASTRUTTURA DEL SISTEMA INFORMATIVO DEL CASELLARIO GIUDIZIALE (SIC)"

Transcript

1 Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i., per l affidamento del servizio di manutenzione per l infrastruttura del Sistema Informativo del Casellario ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL INFRASTRUTTURA DEL SISTEMA INFORMATIVO DEL CASELLARIO GIUDIZIALE (SIC) Capitolato tecnico Pagina 1 di 22

2 Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i., per l affidamento del servizio di manutenzione per l infrastruttura del Sistema Informativo del Casellario INDICE 1 OGGETTO Breve Descrizione dell infrastruttura SIC IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE Tipologia serventi Altre apparecchiature Servizio di manutenzione Livelli di servizio Manutenzione preventiva Manutenzione correttiva Manutenzione software Recesso per apparecchiatura dal contratto di manutenzione Inserimento di apparecchiatura nel contratto di manutenzione Variazione del livello di servizio Apparecchiature con manutenzione di tipo A Apparecchiature con manutenzione di tipo B Apparecchiature con manutenzione di tipo C SERVIZI ACCESSORI SERVIZIO DI POTENZIAMENTO DELL INFRASTRUTTURA Livelli di servizio Collaudo dei potenziamenti Capitolato tecnico Pagina 2 di 22

3 1 OGGETTO Il presente capitolato contiene le specifiche tecniche relative al servizio di manutenzione hardware e software per l infrastruttura del sistema informativo del Casellario di proprietà del Ministero della Giustizia. In esso sono inoltre descritte le modalità di fornitura degli eventuali potenziamenti dell infrastruttura e le modalità di erogazione dei servizi accessori che l Amministrazione si riserva di richiedere nel periodo di vigenza contrattuale. Nel corpo del capitolato, ai termini di cui appresso, viene attribuito il significato riportato a fianco di ciascuno di essi: a) Committente, il Ministero della Giustizia; b) Amministrazione, il Ministero della Giustizia; c) Impresa, la società aggiudicataria della gara; d) Fornitura, l erogazione dei servizi previsti dal presente capitolato; e) Servizio/i, il servizio o l insieme dei servizi costituenti la fornitura; f) Apparecchiatura: si intende l apparecchiatura hardware completa, comprensiva di tutte le Componenti hardware e delle eventuali Opzioni accessorie richieste dall Amministrazione; g) Opzione/i: si intende la Componente o l insieme delle Componenti previste come accessori opzionali dell Apparecchiatura; trattasi di un opzione hardware o di un opzione software. Capitolato tecnico Pagina 3 di 22

4 1.1 BREVE DESCRIZIONE DELL INFRASTRUTTURA SIC L infrastruttura SIC è costituita da due poli di elaborazione distinti a base dati replicata e da alcune macchine accessorie. In sintesi, l ubicazione delle apparecchiature costituenti l infrastruttura stessa è la seguente: Polo Primario, dislocato presso il Casellario Centrale di Roma (piazza Firenze); Polo Secondario, attualmente dislocato presso il Casellario Centrale di Roma. Nel corso del contratto l Amministrazione potrebbe effettuarne il trasferimento presso una diversa sede di Roma o di altro capoluogo di provincia sul territorio nazionale; apparecchiatura per il sistema statistico, ubicata presso il Casellario Centrale di Roma; apparecchiature (due) per il sistema di monitoraggio, ubicate presso il Casellario Centrale di Roma; apparecchiature (due) per il servizio DNS, ubicate presso il Casellario Centrale di Roma; apparecchiature (tre) per applicazioni a supporto della gestione applicativa, ubicate presso il Casellario Centrale di Roma. Ciascuno dei due poli di elaborazione è costituito dalle seguenti apparecchiature (sottosistemi): Database Server : tre server AIX v5.3 che ospitano il DBMS Oracle Enterprise Edition v10g R2, configurati in cluster attraverso Oracle RAC (DB) e IBM GPFS v3.2 (file system) Application Server : due server AIX V5.3 che ospitano gli ambienti applicativi BEA WebLogic Server v10.3 e JBoss 4.2.3, configurati in modalità attivo-attivo utilizzando il meccanismo del session-affinity. L instradamento delle richieste viene effettuato attraverso due load-balancer configurati in alta affidabilità. Un cluster di due web server (Apache) implementa uno strato di front-end unico per tutte le applicazioni. Sia i load balancer che i web server sono attualmente coperti da garanzia, pertanto non entreranno a far parte inizialmente delle apparecchiature oggetto della presente fornitura. Entrambi i sottosistemi sono connessi a uno Storage array EMC CX500 in SAN, tramite due switch EMC Connectrix, configurati in alta affidabilità. Capitolato tecnico Pagina 4 di 22

5 Fa parte a tutti gli effetti dell infrastruttura anche un ambiente di test e collaudo, sempre dislocato presso il Casellario Centrale di Roma e realizzato con sistemi analoghi all ambiente di produzione ma meno potenti e/o di precedente generazione. Le seguenti figure schematizzano i Database Server e gli Application Server dell ambiente di produzione. rete casellario BULL Escala PL850R-L plus MB 8 CPU en1 en2 en5 en3 en4 en6 en1 en2 en5 SWITCH Gigabit (CRS e GPFS) en3 en4 en6 SWITCH Gigabit (CRS e GPFS) en3 en4 en6 en1 en2 en5 BULL Escala PL860R MB 4 CPU BULL Escala PL850R-L MB 8 CPU HBA multipath HBA multipath HBA multipath Implementato con Etherchannel SWITCH FC GPFS per i file comuni tra le istanze (datafile) e per i file specifici alle singole istanze (redo log, undo) Raw Disks per OCR e Voting Disks SWITCH FC Rete Pubblica Rete Privata SAN Software Oracle su tutti i nodi: Oracle CRS Patch CRS Bundle Oracle Database Patch Patch CPU Architettura Database Server Capitolato tecnico Pagina 5 di 22

6 rete casellario SWITCH SWITCH BULL Escala PL850R-L plus 7904 MB 4 CPU en1 en2 en7 en9 en3 en4 SWITCH (GPFS) SWITCH (GPFS) en3 en9 en4 en1 en2 en7 BULL Escala PL850R-L 7936 MB 4 CPU en6 en5 en8 HBA multipath en6 en5 en8 HBA multipath SWITCH FC SWITCH FC GPFS per i file della certificazione massiva Architettura Application server Capitolato tecnico Pagina 6 di 22

7 2 IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE Per razionalizzare e centralizzare il servizio di manutenzione delle apparecchiature che compongono l infrastruttura del sistema informativo del Casellario, si è ritenuto opportuno bandire una gara europea per l affidamento del servizio ad un unico gestore. Il servizio avrà efficacia triennale dalla data di decorrenza contrattuale. Fatto salvo quanto meglio precisato nei paragrafi successivi a proposito del recesso e dell inserimento di apparecchiature, il servizio di manutenzione dovrà inizialmente essere erogato per le apparecchiature installate ed attive, che alla data della stipula del contratto non siano coperte da manutenzione in garanzia o da contratto di manutenzione ad hoc. Allo scadere della garanzia o dei suddetti contratti l Amministrazione potrà richiedere di estendere il servizio alle altre apparecchiature, secondo le modalità descritte nel seguito. Con le stesse modalità il servizio potrà essere esteso anche ad apparecchiature che attualmente non fanno parte dell infrastruttura. Le apparecchiature eventualmente fornite come potenziamento dell infrastruttura dovranno essere assistite secondo i livelli di servizio riportati nel presente capitolato sia nel periodo di garanzia, sia successivamente. 2.1 TIPOLOGIA SERVENTI I serventi che costituiscono l infrastruttura possono essere così classificati in base al sistema operativo e dell architettura: Server UNIX complessi (in cluster, Database Server); Server UNIX normali (in bilanciamento, Application Server); Server LINUX/Windows (macchine accessorie). I canoni di manutenzione mensili dei server verranno calcolati in base alla tipologia ed al livello di servizio richiesto. 2.2 ALTRE APPARECCHIATURE Le altre apparecchiature che costituiscono l infrastruttura possono essere così classificate: Storage Array EMC Clariion CX500 (1 per polo); Tape Library Overland LXN4000 (1 per polo); Switch EMC Connectrix MDS 9216i (2 per polo); Switch Gigabit Ethernet (4 per polo); Switch 3COM Superstack T (1 per polo); Load Balancer Cisco ACE 4710 (2 per polo); Stampante di rete Genicom ML450 Laser (1); Capitolato tecnico Pagina 7 di 22

8 UPS DLD 600 (2). Il canone di manutenzione mensile delle altre apparecchiature verrà calcolato a corpo, considerando tutte le altre apparecchiature al livello di servizio A. 2.3 SERVIZIO DI MANUTENZIONE LIVELLI DI SERVIZIO L Impresa dovrà garantire la manutenzione on-site delle apparecchiature oggetto del contratto per 36 mesi a decorrere dalla data della Dichiarazione di inizio del servizio, che sarà comunicata, tramite lettera formale, dal Committente all Impresa in data successiva alla stipula del contratto. Il servizio di manutenzione comprende ogni prestazione atta all eliminazione dei malfunzionamenti e alla prevenzione degli stessi, così come disciplinata di seguito. Si precisa che ai fini del presente capitolato tecnico, si intende per malfunzionamento qualsiasi anomalia funzionale o fermo dei Sistemi che, direttamente o indirettamente, provochi l interruzione, la non completa disponibilità all utenza o il degrado delle prestazioni del servizio erogato dai Sistemi o venga comunque a ridurre il suo livello complessivo di disponibilità. Il servizio è comprensivo di tutti gli oneri necessari per la perfetta e puntuale esecuzione del servizio stesso, quali a titolo esemplificativo e non esaustivo, quelli relativi alla manodopera, parti di ricambio, materiali di consumo, ritiro, imballaggio, riconsegna, nonché ogni altro onere per mantenere e/o riportare in perfetto stato di funzionamento i Sistemi. L Amministrazione, anche tramite personale di aziende terze all uopo preposte, comunicherà all Impresa la manifestazione di malfunzionamenti o la necessità di pianificazione di un intervento correttivo/migliorativo dei Sistemi, mediante chiamata telefonica ad un apposito numero, confermata mediante e mail ad un apposito indirizzo di posta e/o a mezzo fax ad un numero all uopo dedicato. L Impresa inserirà la chiamata nel proprio sistema di gestione ed assegnerà ad essa un identificativo di chiamata, che dovrà comunicare all Amministrazione contestualmente alla chiamata medesima. Il sistema di gestione dell Impresa dovrà garantire il tracciamento della chiamata (stato dell intervento) in tutte le sue fasi, fino alla chiusura della stessa. Si precisa che i termini per la gestione della richiesta decorreranno dal momento di apertura della chiamata. Alla chiusura della chiamata sarà a carico del tecnico che ha eseguito l intervento la redazione di una nota d intervento, mediante la quale l Impresa dovrà mantenere traccia delle azioni intraprese al fine di consentire all Amministrazione la verifica dell attività svolta. La nota d intervento dovrà essere firmata dallo stesso tecnico e dal referente dell Amministrazione per accettazione. Una copia dovrà essere consegnata al referente dell Amministrazione. Successivamente dovrà essere trasmessa all Amministrazione anche tramite . Capitolato tecnico Pagina 8 di 22

9 La nota d intervento dovrà riportare le seguenti informazioni: - numero identificativo della chiamata; - numero di matricola del Sistema in avaria; - data e ora di inizio intervento on-site ; - data e ora di ripristino del Sistema /termine attività pianificata; - nome del tecnico che ha effettuato l intervento; - nome del referente dell Amministrazione; - descrizione dettagliata del problema; - soluzione adottata; - esito della chiamata. Alla fine di ogni trimestre l Impresa dovrà produrre il documento chiamato Elenco degli interventi, contenente tutti gli interventi prodotti nel corso di tale periodo, con evidenziati quelli che non hanno rispettato gli SLA previsti e le note di intervento ad essi associate. Il servizio prevede la Manutenzione preventiva e la Manutenzione correttiva secondo le modalità di seguito dettagliate Manutenzione preventiva Per quanto riguarda la Manutenzione preventiva, l Impresa si impegna a realizzare gli interventi tecnici (controlli, regolazioni, sostituzioni) finalizzati a ottimizzare ed aggiornare i Sistemi e prevenirne futuri malfunzionamenti; i tempi e le modalità degli interventi dovranno essere concordati con l Amministrazione ed effettuati periodicamente, almeno una volta al mese. La Manutenzione preventiva comprende, altresì, l implementazione delle modifiche tecniche, consistenti in miglioramenti e/o aggiornamenti, inclusa la fornitura e l installazione degli upgrade, di cui al successivo paragrafo 2.3,3, al fine di elevare il grado di affidabilità dei Sistemi, di migliorarne il funzionamento e di aumentare la sicurezza. Nell ambito della Manutenzione preventiva, è compresa anche la fornitura degli ultimi aggiornamenti software relativi ai Sistemi Operativi AIX e agli altri software di base indicati nel paragrafo Inoltre il Fornitore dovrà consegnare con cadenza mensile al referente dell Amministrazione gli aggiornamenti software mediante supporti ottici. Capitolato tecnico Pagina 9 di 22

10 2.3.2 Manutenzione correttiva L Impresa si obbliga confermare la presa in carico del problema entro 1 ora solare dalla chiamata (effettuata secondo le modalità precedentemente descritte) mediante comunicazione via o via FAX all Amministrazione. Di seguito sono indicati i tre tipi di Livello di Servizio. Livello di servizio A B C Orario di servizio Lunedì - venerdì Sabato Lunedì -venerdì ; Sabato Lunedì - venerdì , Sabato Tempo di intervento 2h lavorative 4h lavorative Tempo di ripristino 4h lavorative 8h lavorative 16h lavorative Sia il tempo di ripristino che il tempo di intervento decorrono dal momento di apertura della chiamata. L Impresa dovrà provvedere a riparare guasti, blocchi o altri inconvenienti che dovessero verificarsi, a mettere a disposizione tutte le parti di ricambio e ad eseguire tutte le prove ed i controlli necessari a garantire il ripristino del pieno funzionamento delle apparecchiature in avaria. A seguito del malfunzionamento e/o del fermo dei Sistemi, qualora il ripristino della funzionalità non intervenga entro i termini precedentemente indicati, il Committente applicherà le penali di cui al contratto, salvo in ogni caso il risarcimento del maggior danno. Le parti di ricambio - che dovranno essere identiche alle parti sostituite, di primaria qualità e nuove di fabbrica - verranno fornite dall Impresa senza alcun onere aggiuntivo per l Amministrazione. Le parti sostituite verranno ritirate dalla Impresa stessa che ne acquisisce la proprietà, salvo diverse indicazioni da parte dell Amministrazione. L Impresa potrà apportare, previa comunicazione al Committente, le modifiche ed i miglioramenti tecnici ritenuti opportuni al fine di elevare il grado di affidabilità delle apparecchiature e/o di semplificare la manutenzione provvedendo a proprie spese alle relative installazioni. Le parti fornite dovranno essere nuove restando impegnata l Impresa a quanto previsto in termini di garanzia. Ove il ripristino della piena funzionalità delle apparecchiature richieda un tempo superiore al termine designato per il corrispondente tipo di manutenzione, ovvero Capitolato tecnico Pagina 10 di 22

11 comporti il trasferimento delle stesse in luogo diverso dai locali dell Amministrazione, l Impresa, previa comunicazione all Amministrazione, dovrà provvedere, a propria cura e spese e per l'intero periodo del ripristino, alla sostituzione delle apparecchiature in avaria con altre aventi le medesime caratteristiche tecniche e funzionali, ferma restando l applicazione delle penali disciplinate nel contratto sino al momento della sostituzione delle apparecchiature. L Impresa dovrà garantire il ripristino della configurazione software e adoperarsi, per quanto possibile, al recupero degli archivi presenti sulle apparecchiature da sostituire. In nessun caso dati di proprietà dell Amministrazione dovranno essere portati fuori Manutenzione software L Impresa dovrà erogare sulle apparecchiature oggetto del contratto, nell ambito della manutenzione preventiva e correttiva, il servizio di manutenzione software. Per l erogazione di questo servizio sono richieste figure professionali rispondenti al profilo: Sistemista Senior AIX Titolo di studio Esperienze lavorative Conoscenza piattaforma Unix Conoscenza altri software di base Laurea in discipline tecniche o cultura equivalente Minimo 10 anni, di cui almeno 6 nella mansione Installazione, personalizzazione e gestione del sistema operativo Configurazione e personalizzazione file di sistema Gestione procedure startup e shutdown Conoscenza specifica nella installazione, configurazione e personalizzazione del sw di virtualizzazione Installazione e personalizzazione del DBMS Oracle in configurazione RAC e degli AS BEA Weblogic e JBoss In particolare, per quanto riguarda i sistemi operativi dei serventi AIX e Linux il servizio di manutenzione software dovrà assicurare: su richiesta dell Amministrazione o a causa di un malfunzionamento, la tempestiva consegna ed installazione, di tutte le nuove versioni del sistema operativo (SO), del microcode, firmware e/o delle patches resesi disponibili durante l efficacia del contratto; l Amministrazione potrà utilizzare le nuove versioni o continuare ad usare le precedenti; ciascuna nuova versione comprenderà tutte le modifiche, i miglioramenti e la documentazione tecnica relativa; l assistenza tecnica necessaria al buon funzionamento del SO ed in particolare, in caso di cattivo funzionamento di uno o più componenti, la sostituzione della componente malfunzionante, intendendo come Capitolato tecnico Pagina 11 di 22

12 malfunzionamento ogni difformità del prodotto dalla relativa documentazione. L acquisto delle varie versioni del software (S.O. e/o patches), resesi disponibili durante l efficacia del contratto e la cui installazione sia stata richiesta dall Amministrazione, dovrà essere a carico dell Impresa. Il software fornito rimarrà proprietà dell Amministrazione. Per quanto riguarda i sistemi operativi dei serventi Windows, il servizio di manutenzione software dovrà assicurare: su richiesta dell Amministrazione o a causa di un malfunzionamento, la tempestiva consegna ed installazione, di tutte le nuove versioni del sistema operativo (SO), del microcode, firmware e/o delle patches resesi disponibili durante l efficacia del contratto; l Amministrazione potrà utilizzare le nuove versioni o continuare ad usare le precedenti; ciascuna nuova versione comprenderà tutte le modifiche, i miglioramenti e la documentazione tecnica relativa; l assistenza tecnica necessaria al buon funzionamento del SO ed in particolare, in caso di cattivo funzionamento di uno o più componenti, la sostituzione della componente malfunzionante, intendendo come malfunzionamento ogni difformità del prodotto dalla relativa documentazione. Nel caso dei sistemi operativi Windows, l acquisto delle varie versioni del software (S.O. e/o patches), resesi disponibili durante l efficacia del contratto e la cui installazione sia stata richiesta dall Amministrazione, sarà a carico dell Amministrazione. Il servizio di manutenzione sarà effettuato sulla versione al momento installata, anche nel caso in cui sia stata fornita una nuova versione del SO e l Amministrazione abbia continuato ad utilizzare la precedente. L Impresa aggiudicataria si obbliga ad eseguire il ripristino dell operatività del SO entro i termini specificati nel paragrafo precedente. In caso di inadempienza alle obbligazioni precedentemente descritte, il Committente applicherà le penali disciplinate nel contratto. Il servizio di manutenzione software riguarderà anche i software di base installati sui sistemi, ad eccezione dei prodotti Oracle e BEA per cui l Amministrazione ha stipulato appositi contratti quadro con i produttori. In particolare il servizio riguarderà i seguenti software: IBM GPFS 3.2; Job Scheduler; Red Hat JBoss 4.2.3; Capitolato tecnico Pagina 12 di 22

13 EMC Navisphere 6.x Departmental; EMC PowerPath Enterprise 5.1; EMC SnapView; EMC MirrorView (sincrono e asincrono); Legato Networker. Per i suddetti software il servizio di manutenzione software dovrà assicurare: su richiesta dell Amministrazione o a causa di un malfunzionamento, la tempestiva consegna ed installazione, di tutte le nuove versioni del prodotto e/o delle patches resesi disponibili durante l efficacia del contratto; l Amministrazione potrà utilizzare le nuove versioni o continuare ad usare le precedenti; ciascuna nuova versione comprenderà tutte le modifiche, i miglioramenti e la documentazione tecnica relativa; l assistenza tecnica necessaria al buon funzionamento del prodotto ed in particolare, in caso di cattivo funzionamento di uno o più componenti, la sostituzione della componente malfunzionante, intendendo come malfunzionamento ogni difformità del prodotto dalla relativa documentazione. L acquisto delle varie versioni del software resesi disponibili durante l efficacia del contratto e la cui installazione sia stata richiesta dall Amministrazione, dovrà essere a carico dell Impresa. Il software fornito rimarrà proprietà dell Amministrazione. Qualora nel corso del contratto l Amministrazione sostituisse qualcuno dei suddetti software di base con altri di analoghe funzionalità, il servizio dovrà essere garantito anche sui nuovi software di base. In caso di sostituzione del software, l acquisto dei nuovi software e di eventuali successivi aggiornamenti sarà a carico dell Amministrazione Recesso per apparecchiatura dal contratto di manutenzione Per ogni tipo di apparecchiatura la cui manutenzione è disciplinata dal presente capitolato, è previsto il recesso dal servizio di manutenzione in ogni momento del periodo di efficacia del contratto. Il recesso deve essere formalizzato mediante apposita comunicazione al Fornitore da parte dell Amministrazione. Ciò comporterà, dal mese successivo alla segnalazione, la detrazione del canone di spesa, relativo alla apparecchiatura dismessa, dal canone globale del contratto di manutenzione Inserimento di apparecchiatura nel contratto di manutenzione Eventuali apparecchiature analoghe a quelle la cui manutenzione è disciplinata dal presente capitolato che fossero acquisite ex-novo dall Amministrazione, una volta Capitolato tecnico Pagina 13 di 22

14 ultimato il periodo di manutenzione in garanzia devono poter essere inserite nel contratto di manutenzione in qualsiasi momento del periodo di efficacia del contratto. Lo stesso dicasi per apparecchiature già in possesso dell Amministrazione ma non inserite nel contratto di manutenzione. L inserimento deve essere formalizzato mediante apposita comunicazione al Fornitore da parte dell Amministrazione. Ciò comporterà, dal mese successivo alla segnalazione, l aggiunta del canone di spesa relativo alla nuova apparecchiatura, al canone globale del contratto di manutenzione Variazione del livello di servizio Per ogni apparecchiatura già inserita nel contratto di manutenzione con un certo livello di servizio (A, B, C), deve essere prevista la possibilità di passare ad un altro livello di servizio, definitivamente o per specifici periodi. La variazione deve essere formalizzata mediante apposita comunicazione al Fornitore da parte dell Amministrazione. Ciò comporterà, dal mese successivo alla segnalazione, la variazione del canone di spesa relativo all apparecchiatura oggetto della variazione. Capitolato tecnico Pagina 14 di 22

15 2.4 APPARECCHIATURE CON MANUTENZIONE DI TIPO A La seguente tabella elenca i server cui dovrà essere erogata la manutenzione con livelli di servizio di tipo A. CLASSIFICAZIONE DESCRIZIONE NUMERO Server Unix complesso BULL Escala PL860R 4 processori 4.2 GHz 2 Server Unix complesso BULL Escala PL850R-L Plus 8 processori 1.65 GHz 2 Server Unix complesso BULL Escala PL850R-L 8 processori 1.5 GHz 2 Server Unix normale BULL Escala PL850R-L Plus 4 processori 1.65 GHz 2 Server Unix normale BULL Escala PL850R-L 4 processori 1.5 GHz 2 Di seguito si indicano nel dettaglio le caratteristiche tecniche delle apparecchiature di cui sopra. Macchina Configurazione Hardware Configurazione Software 2 macchine modello: Model Escala PL850-RL plus (Application Server) 2 macchine modello: Model Escala PL850-RL (Application Server) Processor Type: PowerPC_POWER5 Number Of Processors: 4 Processor Clock Speed: 1648 MHz CPU Type: 64-bit Kernel Type: 64-bit Memory Size: 7904 MB Good Memory Size: 7904 MB Firmware Version: IBM,SF240_382 6 schede LAN 10/100/1000 Base-TX PCI-X Adapter 3 Fibre Channel per collegamento SAN Processor Type: PowerPC_POWER5 Number Of Processors: 4 Processor Clock Speed: 1499 MHz CPU Type: 64-bit Kernel Type: 64-bit Memory Size: 7936 MB Good Memory Size: 7936 MB Firmware Version: IBM,SF240_382 6 schede LAN 10/100/1000 Base-TX PCI-X Adapter 3 Fibre Channel per collegamento SAN Sistema operativo: AIX 5.3 Application Sever: Oracle WebLogic 10.3, JBoss 4.2.3, GPFS 3.2 Tools: IBM J9 VM build 2.4, J2RE IBM J9 2.4 AIX ppc64-64, ProfileManager 5 Sistema operativo: AIX 5.3 Application Sever: Oracle WebLogic 10.3, JBoss 4.2.3, GPFS 3.2 Tools: IBM J9 VM build 2.4, J2RE IBM J9 2.4 AIX ppc64-64, ProfileManager 5 2 macchine Processor Type: PowerPC_POWER5 Sistema operativo: AIX 5.3 modello: Number Of Processors: 8 DBMS: Oracle RAC DBMS Model Escala Processor Clock Speed: 1648 MHz Enterprise Edition v10g R2, GPFS 3.2 Capitolato tecnico Pagina 15 di 22

16 PL850-RL plus (Database Server) 2 macchine modello: Model Escala PL850-RL (Database Server) 2 macchine modello: Model Escala PL860 (Database Server) CPU Type: 64-bit Kernel Type: 64-bit Memory Size: MB Firmware Version: IBM,SF240_382 6 schede LAN 10/100/1000 Base-TX PCI-X Adapter 3 Fibre Channel per collegamento SAN Processor Type: PowerPC_POWER5 Number Of Processors: 8 Processor Clock Speed: 1499 MHz CPU Type: 64-bit Kernel Type: 64-bit Memory Size: MB Good Memory Size: MB Firmware Version: IBM,SF240_382 6 schede LAN 10/100/1000 Base-TX PCI-X Adapter 3 Fibre Channel per collegamento SAN Processor Type: PowerPC_POWER6 Number Of Processors: 4 Processor Clock Speed: 4204 MHz CPU Type: 64-bit Kernel Type: 64-bit Memory Size: MB Firmware Version: IBM,EL340_039 6 schede LAN 10/100/1000 Base-TX PCI-X Adapter 3 Fibre Channel per collegamento SAN Sistema operativo: AIX 5.3 DBMS: Oracle RAC DBMS Enterprise Edition v10g R2, GPFS 3.2 Sistema operativo: AIX 5.3 DBMS: Oracle RAC DBMS Enterprise Edition v10g R2, GPFS 3.2 Per tutte le apparecchiature di cui al paragrafo 2.2 (altre apparecchiature) la manutenzione dovrà essere erogata con livelli di servizio di tipo A. Capitolato tecnico Pagina 16 di 22

17 2.5 APPARECCHIATURE CON MANUTENZIONE DI TIPO B La seguente tabella elenca le apparecchiature alle quali dovrà essere erogata la manutenzione con livelli di servizio di tipo B. CLASSIFICAZIONE DESCRIZIONE NUMERO Server Windows/Linux n. 3 server OLIDATA Supermicro AS2020A-8R n. 2 server IBM eserver xseries 336 n. 1 server HP Proliant DL580 G5 (cod B21) 6 Capitolato tecnico Pagina 17 di 22

18 2.6 APPARECCHIATURE CON MANUTENZIONE DI TIPO C La seguente tabella elenca le apparecchiature alle quali dovrà essere erogata la manutenzione con livelli di servizio di tipo C. CLASSIFICAZIONE DESCRIZIONE NUMERO Server Unix normale BULL Escala PL850R 4 processori 2 Server Unix normale BULL Escala PL850R 2 processori 2 Di seguito si indicano nel dettaglio le caratteristiche tecniche delle apparecchiature di cui sopra. 2 macchine modello: Model Escala PL850-R (Application Server) 2 macchine modello: Model Escala PL850-R (Database Server) Processor Type: PowerPC_POWER5 Number Of Processors: 2 Processor Clock Speed: 1502 MHz CPU Type: 64-bit Kernel Type: 64-bit Memory Size: 3728 MB Good Memory Size: 3728 MB Firmware Version: IBM,SF240_358 5 schede Lan 10/100/1000 Base-TX PCI-X Adapter 2 Fibre Channel Processor Type: PowerPC_POWER5 Number Of Processors: 4 Processor Clock Speed: 1502 MHz CPU Type: 64-bit Kernel Type: 64-bit Memory Size: 7680 MB Firmware Version: IBM,SF240_358 5 schede Lan 10/100/1000 Base-TX PCI-X Adapter 3 Fibre Channel per collegamento SAN Sistema operativo: AIX 5.3 Application Sever: Oracle WebLogic 10.3, JBoss 4.2.3, GPFS 3.2 Tools: IBM J9 VM build 2.4, J2RE IBM J9 2.4 AIX ppc64-64, ProfileManager 5 Sistema operativo: AIX 5.3 DBMS: Oracle RAC DBMS Enterprise Edition v10g R2, GPFS 3.2 Capitolato tecnico Pagina 18 di 22

19 3 SERVIZI ACCESSORI Durante i tre anni di erogazione del servizio di manutenzione l Impresa dovrà prevedere la disponibilità di 140 giorni persona, la cui quotazione farà parte dell offerta economica, per supportare l Amministrazione nelle seguenti attività: Disinstallazione/reinstallazione delle apparecchiature a fronte di esigenze di razionalizzazione del CED e/o di spostamento di tutte o parte delle apparecchiature presso altri CED. In particolare, tale attività consisterà: nella rimozione di tutti i collegamenti presenti tra una determinata apparecchiatura e le altre apparecchiature alle quali è collegata, nel ripristino dei collegamenti necessari al corretto funzionamento dell apparecchiatura, successivamente allo spostamento/trasporto. Supporto sistemistico sui sistemi operativi e gli altri software di base oggetto del servizio di manutenzione, a fronte di attività di manutenzione applicativa o di interventi sistemistici riguardanti gli altri software di base (Oracle, Bea). Per l erogazione di questo servizio sono richieste figure professionali rispondenti al profilo: Sistemista Senior AIX Titolo di studio Esperienze lavorative Conoscenza piattaforma Unix Conoscenza altri software di base Laurea in discipline tecniche o cultura equivalente Minimo 10 anni, di cui almeno 6 nella mansione Installazione, personalizzazione e gestione del sistema operativo Configurazione e personalizzazione file di sistema Gestione procedure startup e shutdown Conoscenza specifica nella installazione, configurazione e personalizzazione del sw di virtualizzazione Installazione e personalizzazione del DBMS Oracle in configurazione RAC e degli AS BEA Weblogic e JBoss L Impresa dovrà inoltre prevedere la disponibilità di 40 giorni persona in reperibilità, la cui quotazione farà parte dell offerta economica, per garantire il servizio di manutenzione al di fuori del normale orario di erogazione a fronte di eventi di particolare criticità quali, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, le consultazioni elettorali (Manutenzione estesa). Il tecnico in reperibilità sarà contattato su un numero di rete mobile da concordare e dovrà intervenire presso l Amministrazione al massimo entro un ora dalla chiamata. Si precisa che per giorno persona si intende un impegno pari a otto ore lavorative o a Capitolato tecnico Pagina 19 di 22

20 otto ore di reperibilità. I giorni persona potranno essere utilizzati dall amministrazione anche per frazioni. Per usufruire dei servizi accessori l Amministrazione concorderà con l Impresa un piano di lavoro per le varie attività da eseguire di volta in volta, nel quale verranno definiti tempi, modi di erogazione e costo delle attività stesse. In particolare, il costo sarà definito a corpo, ovvero sulla base delle tariffe giorno/persona e del numero complessivo di giorni/persona, così come fissati dall Amministrazione e dall Impresa nel piano di lavoro, per la realizzazione della singola attività. Il costo sarà quindi pagato solo all effettiva realizzazione dell attività concordata, indipendentemente dal numero di giorni persona realmente impiegati per ottenerla. Ogni attività ed intervento erogati in base al piano di lavoro precedentemente concordato, saranno descritti in una nota di intervento preparata dall Impresa ed approvata dall Amministrazione. I servizi accessori dovranno essere erogati dall Impresa, su richiesta dell Amministrazione, in orario di servizio (dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle o il sabato dalle 8,00 alle 14,00) o, all occorrenza, fuori dall orario di servizio (in orario serale/notturno, il sabato pomeriggio, la domenica ed i festivi). A seconda di quando saranno erogati i servizi, saranno utilizzate due differenti tariffe giorno persona: la tariffa feriale, per le attività eseguite in orario di servizio e la tariffa festiva per le attività eseguite fuori dall orario di servizio. Inoltre, a seconda del tipo di attività richiesta, sarà utilizzata una tariffa giorno persona diversa. In particolare per l attività di disinstallazione/reinstallazione delle apparecchiature sarà utilizzata la tariffa tecnico mentre per le attività di supporto sistemistico sarà utilizzata la tariffa sistemista. Infine per il servizio di manutenzione estesa sarà utilizzata una tariffa di reperibilità. In caso di effettivo intervento durante la reperibilità, sarà utilizzata la tariffa tecnico festiva. Riassumendo, dovranno essere offerte le seguenti tariffe giorno persona: Tariffa tecnico feriale, per complessivi 20 giorni; Tariffa tecnico festiva, per complessivi 40 giorni; Tariffa sistemista feriale, per complessivi 50 giorni; Tariffa sistemista festiva, per complessivi 30 giorni; Tariffa di reperibilità, per complessivi 40 giorni. Il numero di giorni persona totale ed i numeri di giorni persona per tariffa sono basati su una stima di massima, effettuata allo scopo di dimensionare correttamente il massimale contrattuale. L Amministrazione avrà facoltà di utilizzare del tutto o in parte i servizi accessori e di variare il numero di giorni persona per tariffa in funzione delle effettive esigenze che si presenteranno durante l esecuzione del contratto. Capitolato tecnico Pagina 20 di 22

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it ***

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it *** Oggetto: Accordo Quadro con più operatori economici sul quale basare l aggiudicazione di appalti specifici, ai sensi e per gli effetti dell art. 2, comma 225, L.n. 191/2009, per l affidamento dei Servizi

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia. Prot. 1377 Cagliari, 13/03/2013 > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.eu ORDINE D ACQUISTO N. 39/2013 RIF. DET. A CONTRARRE N. 31

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI LISTI INO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI APRILE 2012 APICE Listino Prezzi 04/2012 Indice dei contenuti ARMADI GESTIONE CHIAVI... 3 1. KMS... 4 1.1. ARMADI KMS COMPLETI DI CENTRALINA ELETTRONICA E TOUCH

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO e CAPITOLATO D ONERI

CAPITOLATO TECNICO e CAPITOLATO D ONERI CAPITOLATO TECNICO e CAPITOLATO D ONERI 1 Indice CAPITOLATO TECNICO PREMESSE p. 4 Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE p. 5 Art. 2 OGGETTO p. 5 Art. 3 PREZZO p. 6 CAPO I STRUTTURA DEL SERVIZIO Art. 4 ASSISTENZA

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Modello elettronico di cui all'art. 3, comma 1, lett. b) della direttiva emanata con Delibera n. 254/04/CSP del 10 novembre 2004 1/20. Aemcom s.r.l.

Modello elettronico di cui all'art. 3, comma 1, lett. b) della direttiva emanata con Delibera n. 254/04/CSP del 10 novembre 2004 1/20. Aemcom s.r.l. Modello elettronico di cui all'art. 3, comma 1, lett. b) della direttiva emanata con Delibera n. 254/04/CSP del 10 novembre 2004 1/20 OPERATORE: Aemcom s.r.l. PERIODO DI RILEVAZIONE DEI DATI: 2 semestre

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

U.N.I.F. - UNIONE NAZIONALE ISTITUTI di ricerche FORESTALI

U.N.I.F. - UNIONE NAZIONALE ISTITUTI di ricerche FORESTALI G.U.FOR. Gestione Utilizzazioni FORestali Procedura sperimentale, inerente la gestione centralizzata dei dati relativi alle utilizzazioni forestali (taglio, assegno, collaudo e vendita dei prodotti legnosi)

Dettagli

CAPITOLATO/DISCIPLINARE

CAPITOLATO/DISCIPLINARE CAPITOLATO/DISCIPLINARE Il presente bando è finalizzato all acquisto di nr. 1 trattore stradale usato per traino semirimorchi da utilizzare per il servizio di trasporto RSU prodotti nel territorio del

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Termini del servizio La funzione dell Help Desk è quella di assicurare il mantenimento delle caratteristiche ottimali di funzionamento della

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Guida alla Convenzione. PC Desktop 12. - lotto 2

Guida alla Convenzione. PC Desktop 12. - lotto 2 Guida alla Convenzione PC Desktop 12 - lotto 2 Realizzato da azienda con sistema di gestione per la qualità certificato ISO 9001:2008 1. Premessa La presente Guida ha l obiettivo di illustrare la Convenzione

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10 PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 10 INDICE: DESCRIZIONE NR. PAGINA 1. PREMESSA 3 2. OGGETTO DELL APPALTO 3 3.

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli