I principali strumenti di policy per la Società dell Informazione a livello comunitario

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I principali strumenti di policy per la Società dell Informazione a livello comunitario"

Transcript

1 I principali strumenti di policy per la Società dell Informazione a livello comunitario Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino La Strategia di Lisbona Marzo 2000: il Consiglio europeo (tenutosi a Lisbona) conviene di fare, entro il 2010, dell'europa: "l'economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale ; La strategia, che si basa sul paradigma innovazione, occupazione e crescita, affronta pressoché tutti gli aspetti dell economia: lavoro, investimenti, finanza, infrastrutture, trasporti, ricerca e sviluppo ecc. e pone tra gli obiettivi primari il piano per lo sviluppo delle tecnologie digitali e della Società dell Informazione (il cosiddetto eeurope Plan);

2 2. Il Piano eeurope 2002 Motivazioni: - Alla fine degli anni 90 era evidente il differenziale di crescita tra l economia americana e quella europea. L economia statunitense accelerava aumentando di anno in anno il tasso di crescita degli investimenti mentre l Europa rallentava perdendo competitività; - Diventò chiaro come il principale fattore di crescita degli Stati Uniti fosse il tasso di incremento degli investimenti in tecnologie digitali (anni 90). Proprio in quegli anni infatti l altissima produttività del settore ICT cominciava a trasferirsi in tutti gli altri settori dell economia americana; - In questo scenario è stato sviluppato eeurope 2002, che ha tradotto in un piano d azione per la Società dell Informazione la strategia di Lisbona, con l obiettivo di recuperare nel minor tempo possibile il differenziale di competitività con gli Stati Uniti; Obiettivi del Piano: 1) Rete internet più economica, veloce e sicura; 2) Investire in persone e competenze; 3) Stimolare l utilizzo di Internet 2. Rete internet più economica, veloce e sicura Accesso più economico e rapido a Internet: - Necessità di stimolare la concorrenza (soprattutto nel local loop), di abbassare i costi di accesso, di un nuovo quadro normativo, di incentivare le reti mobili (wireless); Accesso più rapido per ricercatori e studenti: - Necessità di creare/potenziare le reti, nazionali ed europee, a larga banda (almeno 2,5 Gbit/s); di collegare gli atenei europei in quanto le applicazioni che oggi vengono sviluppate negli ambienti accademici si prestano a futuri sbocchi commerciali; Reti e carte intelligenti sicure: - Necessità di aumentare la sicurezza nell'accesso ai servizi elettronici promuovendo l'impiego delle carte intelligenti in tutte le forme; Migliore coordinamento nella lotta alla criminalità informatica.

3 2. Investire in persone e competenze Giovani d Europa nell era digitale: - Necessità di garantire un numero sufficiente di PC nelle scuole, di garantire un collegamento rapido a Internet, di formare i docenti sull utilizzo di nuovi strumenti tecnologici per la didattica; Lavorare nell economia della conoscenza: - Necessità di investire in formazione che contribuirà a sviluppare nuove competenze (formazione continua, formazione IT, formazione per i soggetti più deboli); di migliorare le prospettive di occupazione dei gruppi maggiormente esposti alla disoccupazione (donne e lavoratori anziani); Partecipazione di tutti alla Società dell Informazione: - Garantire a tutti l accessibilità ai siti della PA; nuove postazioni di accesso pubbliche (biblioteche, comuni, ecc..). 2. Stimolare l utilizzo di Internet Accelerare la diffusione del commercio elettronico: - Necessità: di completare il quadro normativo per contribuire alla creazione di un mercato interno del commercio elettronico; di definire criteri comuni e di promuovere la trasparenza per aumentare la fiducia del consumatore (diritti d autore, moneta elettronica, ecc.); Amministrazioni pubbliche on-line (egovernment): - Necessità: di trasformare e semplificare le vecchie procedure di interazione dell Amministrazione con l utente finale creando servizi elettronici più rapidi ed efficienti (front office); di migliorare l organizzazione interna e i contatti per via elettronica tra le varie amministrazioni (back office);

4 3. eeurope 2005: una società dell informazione per tutti (1) Principali risultati di eeurope 2002: - La connettività a Internet è cresciuta rapidamente per le aziende, i cittadini e le amministrazioni pubbliche; - Attualmente, l Europa dispone della rete dorsale per la ricerca più veloce del mondo (denominata GEANT ); - È stato adottato un quadro legislativo per le comunicazioni elettroniche e per il commercio elettronico; - I prezzi delle telecomunicazioni sono diminuiti e la concorrenza è aumentata. Tuttavia era chiaro che queste realizzazioni non si sarebbero potute tradurre immediatamente in benefici economici tangibili, miglioramenti della qualità dei servizi, maggiore inclusione sociale e crescita rapida; Il piano eeurope 2002 si è concluso con la presentazione della relazione conclusiva, ampiamente positiva, ed è stato sostituito da un altro piano biennale ancora più ampio ed ambizioso, il piano eeurope eeurope 2005: una società dell informazione per tutti (2) Motivazioni: - La società dell informazione presenta grandi potenzialità in termini di aumento della produttività e di miglioramento della qualità di vita. Potenzialità che crescono grazie agli sviluppi tecnologici della banda larga e dell accesso multi-piattaforma, ossia la possibilità di collegarsi ad Internet, non solo con il computer, ma anche con TV digitale e sistemi di comunicazione mobili di terza generazione; - I nuovi servizi, le nuove applicazioni e i nuovi contenuti porteranno alla creazione di mercati nuovi e forniranno gli strumenti necessari per aumentare la produttività e, di conseguenza, la crescita e l occupazione in tutti i settori dell economia. Garantiranno inoltre a tutti i cittadini un accesso più pratico agli strumenti di comunicazione e di informazione; - Sorge tuttavia un problema: il finanziamento di servizi multimediali avanzati dipende dalla disponibilità di un infrastruttura a banda larga che consenta di veicolare tali servizi; - eeurope 2005 intende stimolare lo sviluppo dei servizi e dell infrastruttura, al fine di creare una dinamica in cui la crescita di un fattore induca la crescita dell altro.

5 3. eeurope 2005: una società dell informazione per tutti (3) Sia lo sviluppo di nuovi servizi, che la costruzione dell infrastruttura sono compiti che spettano principalmente al settore privato; eeurope 2005 creerà un contesto favorevole agli investimenti privati attraverso la predisposizione di un quadro giuridico favorevole agli investimenti, ma anche attraverso misure che stimolino la domanda e riducano pertanto l incertezza degli investitori privati; Dal punto di vista della domanda, le azioni in materia di e- government, di e-health, di e-learning e di e-business sono destinate a stimolare lo sviluppo di nuovi servizi. Le autorità pubbliche possono far uso del loro potere di acquisto per raggruppare la domanda e dare così un impulso decisivo alla creazione di nuove reti; Dal punto di vista dell offerta, le azioni incentrate sulla banda larga e sulla sicurezza dovrebbero facilitare l installazione dell infrastruttura. 3. eeurope 2005: una società dell informazione per tutti (4) Obiettivi del Piano: Entro il 2005 l Europa deve dotarsi di: 1) moderni servizi pubblici on-line: - e-government (amministrazioni) - servizi di e-learning (istruzione) - servizi di e-health (sanità) 2) un ambiente dinamico di e-business; 3) ampia disponibilità di accesso a banda larga a prezzi concorrenziali;

6 3. Moderni servizi pubblici on-line (1) Azioni proposte per l egovernment: Collegamenti a banda larga (entro il 2005); Interoperabilità (per la fine del 2003); Servizi pubblici interattivi (entro la fine del 2004); Appalti pubblici on line (entro la fine del 2005); Punti di accesso pubblico a Internet..I risultati della rilevazione ICT nelle PAL italiane, condotta dall Istat nel 2005 in collaborazione con la rete CRC - CNIPA, rilevano forti ritardi su tutti i punti.. 3. Moderni servizi pubblici on-line (2) Azioni proposte per l elearning Collegamenti a banda larga (entro la fine del 2005) Nuove iniziative del Programma elearning Campus virtuali per tutti gli studenti (entro la fine del 2005) Riqualificazione in prospettiva della società della conoscenza (donne, disoccupati, entro la fine del 2003)

7 3. Moderni servizi pubblici on-line (3) Azioni proposte per l ehealth Tessera sanitaria elettronica; Reti di informazione sanitaria; Servizi sanitari on - line; Un ambiente dinamico di ebusiness Revisione dell attuale legislazione allo scopo di individuare ed eliminare gli elementi che impediscono alle imprese di far uso dell'ebusiness: estendere le regole che disciplinano il commercio elettronico all'offerta di prodotti e servizi off-line al fine di creare condizioni di parità tra modalità commerciali diverse (on-line e offline); creazione di una rete europea per le controversie on-line; semplificazione del quadro fiscale con una direttiva sulla fattura elettronica; nuova direttiva sulle aliquote iva; 3. Ampia disponibilità di accesso a banda larga a prezzi concorrenziali PMI (istituzione di una rete europea per sostenere l ebusiness, programma Go Digital) Azioni proposte per la Banda Larga Accesso a banda larga nelle regioni svantaggiate attraverso forme di incentivo pubblico per gli operatori privati (nel rispetto delle norme sulla concorrenza); Eliminare gli ostacoli alla diffusione della banda larga (accesso a diritti di passaggio, piloni e condotti) e stimolare la concorrenza effettiva in grado di abbassare i costi di accesso; Contenuti multi-piattaforma: le autorità pubbliche e gli operatori privati devono offrire contenuti su piattaforme tecnologiche diverse (televisione interattiva digitale, servizi mobili 3G, ecc);

8 4. i2010: Una società europea dell informazione per la crescita e l occupazione (1) Motivazioni: Constatati e analizzati i ritardi e le difficoltà nel conseguire i risultati di eeurope 2005, il Consiglio europeo di Bruxelles di marzo 2005 ha rilanciato la strategia di Lisbona, puntando su tre aree chiave: 1) l Europa come area più interessante dove investire e lavorare; 2) sviluppare la conoscenza e l innovazione; 3) creare più numerosi e migliori posti di lavoro; In questo quadro, allo sviluppo della società dell informazione è riconosciuto un ruolo fondamentale: la nostra performance innovativa dipende in modo cruciale dal rafforzare gli investimenti e l utilizzo di nuove tecnologie, in specifico le ICT, nel settore privato e in quello pubblico; Le ICT costituiscono l asse portante dell economia della conoscenza; contribuiscono a circa metà della crescita della produttività nelle economie moderne; ma purtroppo l Europa ha investito di meno e in ritardo nelle ICT rispetto agli Usa, soprattutto nel terziario, in servizi quali i trasporti, la distribuzione, i servizi finanziari; 4. i2010: Una società europea dell informazione per la crescita e l occupazione (2) Le tecnologie dell informazione e delle comunicazioni costituiscono uno stimolo importante per la crescita e l occupazione. Il 25% della crescita del PIL e il 40% della crescita della produttività dell Unione europea sono dovuti alle TIC. Le differenze tra i risultati economici dei paesi industrializzati si spiegano, in larga misura, con il livello degli investimenti e della ricerca relativi alle TIC e del loro utilizzo e con la competitività della società dell informazione e del settore dei media1. I servizi, le competenze, i media e i contenuti nel campo delle TIC occupano un posto sempre più importante nell economia e nella società; Le TIC miglioreranno ancora in termini di intelligenza, miniaturizzazione, sicurezza, velocità, facilità d uso, la connessione sarà permanente e i contenuti saranno disponibili in formati multimediali tridimensionali; Anche se la responsabilità primaria in questo ambito compete alle scelte di investimento del mondo imprenditoriale e delle amministrazioni pubbliche, l Europa intende dare una mano con una nuova iniziativa i2010 che promuoverà l adozione e l utilizzo delle ICT per dare continuità all agenda di eeurope

9 4. i2010: la struttura del Piano La Commissione propone il nuovo quadro strategico i2010 (società europea dell informazione 2010) che definisce: - gli orientamenti strategici di massima; - promuove un economia digitale aperta e competitiva; - conferisce alle ICT un ruolo di primo piano nella promozione dell inclusione e della qualità della vita. La Commissione propone tre priorità per le politiche europee della società dell informazione e dei media: 1) Creare uno spazio unico europeo dell informazione capace di accogliere un mercato interno aperto e competitivo per la società dell informazione e i media; 2) Rafforzare l innovazione e gli investimenti nella ricerca sulle ICT per promuovere la crescita e la creazione di posti di lavoro più numerosi e di migliore qualità; 3) Costruire una società europea dell informazione basata sull inclusione, capace di stimolare la crescita e l occupazione e che dia priorità al miglioramento dei servizi pubblici e alla qualità della vita. 4. i2010: creare uno spazio unico La creazione di nuovi contenuti, di nuovi servizi e di nuovi modelli economici stimolano la crescita e l occupazione; Si stima che i mercati di contenuti on-line dell Europa occidentale triplicheranno entro il 2008 (mentre la parte dei consumatori decuplicherà); Si prevede che tali sviluppi si propagheranno in tutto il settore che rappresenta già l 8% del PIL dell UE; Pertanto la creazione di uno spazio unico europeo dell informazione deve affrontare fin da subito quattro principali sfide poste dalla convergenza digitale: la velocità: aumentare la velocità dei servizi in banda larga in Europa per fornire contenuti di qualità (filmati ad alta definizione, brani musicali, cartine georeferenziate); la ricchezza dei contenuti: accrescere la certezza giuridica ed economica per incoraggiare nuovi servizi e i contenuti on-line; l interoperabilità: migliorare le apparecchiature e le piattaforme in grado di comunicare tra di loro e i servizi in grado di migrare da una piattaforma all altra; la sicurezza: rendere internet più sicura dinanzi alle frodi, ai contenuti dannosi e ai problemi tecnologici per accrescere la fiducia degli investitori e dei consumatori.

10 4. i2010: innovazione e investimento nella ricerca (1) l Europa rappresenta circa un terzo dell insieme delle vendite nel settore delle TIC che aumentano del 5% all anno, con una crescita a due cifre in mercati emergenti quali l India e la Cina; L Europa è un leader mondiale nel campo delle comunicazioni elettroniche e rappresenta circa il 40-50% delle entrate dei 6 principali attori mondiali; L Europa è inoltre ai primi posti in settori quali la nanoelettronica, i microsistemi e i sistemi integrati; La strategia di Lisbona pone l accento sugli investimenti nella ricerca e nell innovazione al fine di stimolare la crescita e l occupazione; i2010 contribuirà attivamente a rimuovere gli ostacoli che separano i frutti della ricerca dalle ricadute economiche; Due gli strumenti per realizzare questo punto: 1) il Settimo programma quadro di ricerca (PQ7); 2) il Programma per la competitività e l innovazione (PCI); Nel PQ7 i pilastri tecnologici sono: le tecnologie al servizio della conoscenza, dei contenuti e della creatività, in particolare la cognizione, la stimolazione e la visualizzazione; reti di comunicazione avanzate e aperte; programmi software sicuri e affidabili; sistemi integrati; nanoelettronica 4. i2010: innovazione e investimento nella ricerca (2) In sintesi, per avviare l agenda i2010 relativa agli investimenti nella ricerca e nell innovazione la Commissione: Proporrà un aumento dell 80% del sostegno alla ricerca comunitaria sulle ICT entro il 2010 e inviterà gli Stati membri a fare altrettanto; Darà la priorità, nella ricerca strategica sulle ICT, ai principali pilastri tecnologici del PQ7 (2007); Avvierà iniziative di ricerca e diffusione volte a superare le principali strozzature che richiedono soluzioni tecnologiche e insieme organizzative (2006) Definirà misure complementari per incoraggiare gli investimenti privati nella ricerca e nell innovazione nel campo delle ICT (2006); Definirà politiche per il commercio elettronico volte a rimuovere gli ostacoli di natura tecnologica, organizzativa e giuridica all adozione delle ICT, con un occhio di riguardo alle PMI; Elaborerà strumenti per il sostegno a nuove forme di lavoro che favoriscono l innovazione nelle imprese e l adattamento ai nuovi bisogni in materia di competenze;

11 4. i2010: INCLUSIONE, MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI PUBBLICI E DELLA QUALITÀ DI VITA (1) La risposta contenuta in i2010 è triplice: 1) assicurarsi che le ICT apportino vantaggi a tutti i cittadini; 2) rendere i servizi pubblici migliori, più efficaci dal punto di vista dei costi e più accessibili; 3) migliorare la qualità di vita. 1.1) La Commissione fornirà orientamenti per estendere la copertura geografica della banda larga nelle zone ancora poco servite e rivedrà il campo di applicazione della direttiva servizio universale nel 2005 e la direttiva nel suo complesso nel 2006; 1.2) La Commissione riesaminerà il contributo delle ICT e dell alfabetizzazione digitale ai principali obiettivi in materia di competenze nell ambito dell iniziativa Istruzione e formazione 2010 ; 2.1) La Commissione intende promuovere i servizi pubblici basati sulle ICT, in particolare attraverso il suo progetto e-commission, che risultano essere più trasparenti, accessibili e efficaci in relazione ai costi (egov, eprocurement); 2.2) Restano da affrontare importanti sfide: dal punto di vista tecnico risultano necessarie interfacce comuni, la portabilità dell identità da un sistema all altro e sistemi di autenticazione; 4. i2010: INCLUSIONE, MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI PUBBLICI E DELLA QUALITÀ DI VITA (2) 3) La Commissione propone di avviare iniziative di grande visibilità che coinvolgono le ICT sulle sfide sociali più importanti. Le tre priorità iniziali sono: 3.1) le esigenze di una società alle prese con l invecchiamento della popolazione; 3.2) trasporti sicuri e meno inquinanti; 3.3) la diversità culturale 3.1) La prima iniziativa riguarderà le cure alla popolazione che invecchia per mezzo di tecnologie per il benessere, l autonomia e la salute; 3.2) La seconda riguarderà l automobile intelligente: più avanzata, più sicura e meno inquinante e affronterà i problemi ambientali e di sicurezza dovuti all aumento del traffico stradale; 3.3) La terza riguarderà le biblioteche digitali e sarà volta a rendere più agevole e attraente l utilizzo delle fonti multimediali. Tale iniziativa si baserà sul ricco patrimonio dell Europa e metterà in contatto gli ambienti multiculturali con i progressi tecnologici e i nuovi modelli economici

12 5. Programma per l Innovazione e la Competitività (PIC) Il Programma Quadro per l Innovazione e la Competitività (PIC) è il primo degli interventi proposti dalla CE per sostenere il conseguimento degli obiettivi di Lisbona nel periodo ; Mentre il 7PQ riguarderà le attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione, il PIC interverrà a valle per colmare il divario tra ricerca e innovazione, promuovendo l innovazione anche non tecnologica, le innovazioni che hanno superato la fase dimostrativa e sono pronte per la prima applicazione commerciale, nonché la prima applicazione commerciale di tecnologie esistenti, ma utilizzate in modo nuovo e innovativo; Il PIC si scompone in 3 programmi: - ICT Policy Support: riguarda in gran parte l attuazione di i2010 e darà continuità agli obiettivi dei programmi e-ten, Modinis e e-content, sostenendo le attività di regolazione e di ricerca della Commissione (in particolare sui nuovi mercati della convergenza digitale); - gli altri due programmi Entrepreneurship and Innovation Programme, rivolto soprattutto alle imprese, e, Intelligent Energy-Europe per diffondere l utilizzo delle fonti di energia rinnovabili e altri obiettivi; ll budget del CIP per il periodo è di 3.621,3 milioni di euro, da ripartire tra i 3 pilastri: ICT Policy Support (728 M ); Entrepreneurship and Innovation Programme (2.166 M ); Intelligent Energy-Europe (727 M ). 6. La società dell informazione nel 7 Programma Quadro (1) Diversamente dai cicli precedenti, il 7PQ per la ricerca coprirà sette anni invece dei cinque abituali, allineandosi così con le altre aree di programmazione comunitaria per il periodo ; Il budget previsto è di M ; Il 7PQ si articola in quattro programmi: 1) Cooperazione (32,3 M ) che prevede 4 sottoprogrammi di sostegno a: ricerca collaborativa; Joint technology initiatives (sviluppate sulla base delle Piattaforme tecnologiche europee); coordinamento tra programmi di ricerca non comunitari (nazionali); cooperazione internazionale; I 9 temi prioritari sono: salute; cibo, agricoltura e biotecnologie; ICT; nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di produzione; energia; ambiente e cambiamenti climatici; trasporti e aeronautica; ricerca socio-economica e scienze umane; spazio e sicurezza (La quota destinata alla società dell informazione ammonta a circa 9 M );

13 6. La società dell informazione nel 7 Programma Quadro (2) 2) Idee (7,5 M ) che sostiene la ricerca di frontiera (Ad es. il PIC aiuterà le PMI ad accedere al 7PQ e a sfruttare il venture capital per portare sul mercato i risultati della ricerca; oppure, il PIC identificherà esempi di eccellenza che possano essere adattati e replicati negli interventi regionali rispetto agli obiettivi di coesione ecc..); 3) Persone (4,7 M ) che sostiene il potenziale umano e l alta formazione (ex Marie Curie fellowship); 4) Capacità (4,2 M ) che sostiene le infrastrutture per la ricerca; i cluster regionali per la ricerca in associazione con università, centri di ricerca, PMI (regioni della conoscenza) e al potenziale di ricerca delle regioni convergenza. 7. Il Programma d azione integrato per l apprendimento permanente Un altro programma importante, che mostra molta attenzione alle tematiche della società dell informazione, è quello che racchiude le principali iniziative comunitarie a sostegno dell apprendimento permanente, con un budget previsto per il periodo di M ; Nel programma, l obiettivo operativo promuovere lo sviluppo, nel campo dell apprendimento permanente, di contenuti, servizi, soluzioni pedagogiche e pratiche innovativi basati sulle ICT compare sistematicamente in tutti e quattro i sotto-programmi nei quali esso è strutturato: Comenius (istruzione scolastica), Erasmus (istruzione e formazione superiore), Leonardo da Vinci (istruzione e formazione professionale) e Grundtvig (educazione degli adulti).

14 8. Piano d azione egovernment i2010 (1) Il Piano d azione egovernment i2010 vuole contribuire agli obiettivi di Lisbona e di i2010 in base a due considerazioni: - che un governo/amministrazione moderno/a, efficiente, innovativo/a sia ormai un fattore chiave di competitività nell economia globale; - che le sfide dell ampliamento dell Europa ai nuovi Stati membri e dei cambiamenti interni (invecchiamento della popolazione, mobilità delle persone, multiculturalità ecc.) richiedano anch esse un governo/amministrazione migliore ; Il Piano risponde anche ad altre preoccupazioni: che si acceleri la produzione di benefici tangibili per gli utenti; che le iniziative di egovernment nazionali e locali non creino nuove barriere (ad es. di interoperabilità) e frammentazioni alla costruzione del mercato unico; Il Piano indica quattro obiettivi prioritari che vengono di seguito sintetizzati: 8. Piano d azione egovernment i2010 (1) 1. Non lasciare indietro nessuno accrescere l inclusione tramite l egovernment L egovernment inclusivo riguarda sia la lotta a possibili nuove esclusioni generate dalla messa in rete dei servizi, sia il potenziamento delle politiche per l inclusione sociale, grazie all uso delle ICT, in specifico nel campo dell egovernment; Gli obiettivi previsti per il 2010 sono: benefici significativi dall egovernment per tutti i cittadini, compresi quelli socialmente svantaggiati; informazioni e servizi pubblici più facilmente accessibili e che riscuotano la fiducia degli utenti; tramite un uso innovativo delle ICT, maggiore consapevolezza dei benefici dell egovernment, competenze e supporto agli utenti.

15 8. Piano d azione egovernment i2010 (2) 2. Concretizzare l obiettivo di un governo efficace ed efficiente La promessa dell egovernment su questo terreno deve ancora realizzarsi; Gli obiettivi previsti per il 2010 sono: un alto livello di soddisfazione degli utenti riguardo ai servizi della PA; la riduzione significativa del carico burocratico su cittadini e imprese; notevoli guadagni di efficienza della PA; (ove possibile e opportuno) maggiore trasparenza e responsabilità della PA. Lo sviluppo di sistemi di misurazione dei costi, dei benefici, dell impatto ecc. con indicatori e metodi condivisi e lo scambio di esperienze e soluzioni sono le misure già avviate che la Commissione intende rafforzare ed estendere per facilitare il conseguimento di questi obiettivi. 8. Piano d azione egovernment i2010 (3) 3. Servizi chiave ad alto impatto per i cittadini e le imprese A fianco delle centinaia di servizi pubblici che si stanno mettendo in rete a livello nazionale, regionale e locale, si identificano alcuni servizi paneuropei che possono avere un impatto importante per i cittadini, le imprese e le stesse PA, fungendo da esempi di riferimento del modello di egovernment europeo; Il principale servizio già identificato è l eprocurement, per l importanza degli acquisti pubblici nell economia europea (15-20% del PIL); Gli obiettivi previsti per il 2010 sono: tutte le PA devono gestire processi di eprocurement per il 100% degli approvvigionamenti; almeno il 50% dell approvvigionamento pubblico deve essere effettuato Elettronicamente;

16 8. Piano d azione egovernment i2010 (4) 3. Servizi chiave ad alto impatto per i cittadini e le imprese A fianco delle centinaia di servizi pubblici che si stanno mettendo in rete a livello nazionale, regionale e locale, si identificano alcuni servizi paneuropei che possono avere un impatto importante per i cittadini, le imprese e le stesse PA, fungendo da esempi di riferimento del modello di egovernment europeo; Il principale servizio già identificato è l eprocurement, per l importanza degli acquisti pubblici nell economia europea (15-20% del PIL); Gli obiettivi previsti per il 2010 sono: tutte le PA devono gestire processi di eprocurement per il 100% degli approvvigionamenti; almeno il 50% dell approvvigionamento pubblico deve essere effettuato Elettronicamente; 8. Piano d azione egovernment i2010 (5) 4. Garantire su larga scala i fattori abilitanti chiave per l egovernment Tra gli aspetti più critici da risolvere per poter proseguire con lo sviluppo dell egovernment sono considerati i sistemi interoperabili per la gestione elettronica dell identità (acronimo inglese, eidm), necessari per identificare gli utenti che vogliono accedere ai servizi in rete; quelli per l autenticazione dei documenti elettronici; e quelli per l archiviazione elettronica degli stessi; Per il 2010, si prevede che i cittadini e le imprese possano beneficiare di strumenti di identificazione per la fruizione, nel proprio paese o all estero, di servizi on-line, che siano sicuri e facili da usare, emessi a livello locale, regionale o nazionale, e in regola con le norme sulla protezione dei dati personali.; La CE punta alla interoperabilità dei diversi sistemi di eidm, a partire da quella delle firme elettroniche.

I principali strumenti di policy per la Società dell Informazione a livello comunitario

I principali strumenti di policy per la Società dell Informazione a livello comunitario I principali strumenti di policy per la Società dell Informazione a livello comunitario Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. La Strategia

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 1.6.2005 COM(2005) 229 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali ForumPA - Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano flavia.marzano2@unibo.it Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano 1 Ricerca europea? Arrivare al 3% del

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE SOMMARIO TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE CAPITOLO PRIMO LE ORIGINI DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE 1. Introduzione 1.1 La definizione di società dell informazione 1.2 La Società

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Agenda digitale europea

Agenda digitale europea Agenda digitale europea A cura di: Giancarlo Cervino Dottore Commercialista Politecnico di Torino - 25 novembre 2011 Comunicazione COM (2010) 245 definitivo/2 del 26 agosto 2010 Lo scopo generale dell

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Al servizio di gente unica STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Trieste 11 febbraio 2015 La crescita digitale in

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

L agenda digitale europea

L agenda digitale europea Agenda digitale, alfabetizzazione e competenze digitali: verso un Piano nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali Rosamaria Barrese * L agenda digitale europea L Agenda Digitale

Dettagli

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa Protocollo d intesa La Regione Puglia, di seguito denominata Regione, con sede in Bari, Lungomare Nazario Sauro n. 33, (C.F. 80017210727), qui rappresentata dal Presidente della Giunta regionale, on.le

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 Il Background del Programma LLP Dichiarazione di Bologna (1999): costruzione di uno spazio europeo dell istruzione superiore Consiglio di Lisbona (2000):

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa 1 Politiche educative e iniziative di elearning in Europa Handimatica, 30 novembre 2006 2 Società della Informazione in Europa 1999 eeurope- An Information Society for all 2000 eeurope Action Plan 2002

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FORMAZIONE AVANZATA e-government 1. Premessa Oggi l innovazione nella pubblica amministrazione (PA) e, in particolare,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) 62 Sezioni Territoriali (presso le Unioni Provinciali di Confindustria) Oltre 1 milione

Dettagli

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys Come accedere ai finanziamenti dell UE in via diretta? Le risorse finanziarie del bilancio comunitario messe a disposizione

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Agenda Digitale Toscana I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Laura Castellani ICT e crescita Nell Agenda Digitale Europea la Commissione ha indicato ai Paesi membri obiettivi per il 2020

Dettagli

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Rimini - 23 giugno 2005 Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Esiste il digital divide nei territori periferici? La discriminazione nasce dalla carenza di infrastrutture o da

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT Che cosa è lo Small Business Act? Tenuto conto del contesto globale, caratterizzato da continui mutamenti

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma SCUOLA DIGITALE Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma Smart communities Alfabetizzazione informatica E-commerce Agenda digitale italiana E-government, Investimenti Sicurezza Infrastrutture Ricerca

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

2014-2020. Horizon. Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism

2014-2020. Horizon. Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism 2014-2020 Horizon Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism Regolamento (UE) n. 1291/2013 che istituisce Horizon 2020 - il programma quadro di ricerca e innovazione (2014-2020) Base giuridica

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Sapere e Saper fare: il Sistema Nazionale di Certificazione delle Competenze e gli orientamenti Europei

Sapere e Saper fare: il Sistema Nazionale di Certificazione delle Competenze e gli orientamenti Europei UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO CONGRESSO NAZIONALE AICA 2013 Sapere e Saper fare: il Sistema Nazionale di Certificazione delle Competenze e gli orientamenti Europei Fisciano, 19 settembre 2013 Rosamaria

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

ORIZZONTE 2020. Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020. Renzo Tomellini

ORIZZONTE 2020. Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020. Renzo Tomellini ORIZZONTE 2020 Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020 Renzo Tomellini Il quadro politico La strategia 'Europa 2020': indirizzata ad una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei PROGRAMMAZIONE 2014-202O Si sta aprendo il cantiere della programmazione dei Fondi europei 2014-2020. L Unione Europea ha già presentato una strategia generale

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca PREFAZIONE Nel marzo del 2005, i leader dell UE hanno rilanciato la strategia di Lisbona con un nuovo partenariato per la crescita e l occupazione. La costruzione della società della conoscenza e una crescita

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME)

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Obiettivo Il passaggio dalla programmazione 2007-13 a quella 2014-2020 porterà molti cambiamenti

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea Quesiti più frequenti Cos è il programma quadro (PQ) di ricerca dell Unione europea? Il PQ

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa IP/03/645 Bruxelles, 7 maggio 2003 Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa La Commissione europea ha pubblicato la strategia per il mercato

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE

NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE DIREZIONE ORGANIZZAZIONE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA Premessa Le azioni intraprese dalla

Dettagli

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Valentina Montesarchio Vice Segretario Generale Unioncamere del Veneto Unioncamere del Veneto e Regione del Veneto stanno definendo le attività per la prosecuzione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA 11 GIUGNO 2015 Presentazione del RAE al 31 dicembre 2014 ASPETTI PRINCIPALI DEL RAE

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: 2020: i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA CREATIVA La cultura come elemento di competitività del

Dettagli

CONVEGNO SCUOLA DIGITALE: AMBIENTI E STRUMENTI PER LA DIDATTICA VERSO EUROPA 2020

CONVEGNO SCUOLA DIGITALE: AMBIENTI E STRUMENTI PER LA DIDATTICA VERSO EUROPA 2020 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Innovare significa cogliere i cambiamenti, questo è il nostro DNA CHI SIAMO

Innovare significa cogliere i cambiamenti, questo è il nostro DNA CHI SIAMO CHI SIAMO Vendor propone soluzioni di Efficienza Energetica e Finanziaria per le imprese private e pubbliche, avvalendosi di un team composto da professionisti con esperienza decennale nel settore. In

Dettagli

Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo della produzione nel settore pesca

Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo della produzione nel settore pesca 2FISH: Inclusione delle professioni di servizio alla Pesca nel sistema dell Istruzione e Formazione Grant Contract 517846-LLP-1-2011-1-DK- LEONARDO-LMP Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo

Dettagli

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010 VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo 30 novembre 2010 Cosa si intende per accreditamento? L art. 2 del DLgs 276/2003 definisce:

Dettagli

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Principali Fonti UE di aggiornamento Eur-Lex Legislazione in vigore e in preparazione a cura dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni.

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni. Bando StartUp Risorse investite 30 milioni - Linea 1 Big data: 8 milioni - Linea 2 Cultura ad impatto aumentato: 14 milioni - Linea 3 Social Innovation Cluster: 7 milioni - Linea 4 Contamination Labs:

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR)

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) Torino, 20 novembre 2014 Europa 2020 Europa 2020 è un documento

Dettagli

Banda ultralarga: 6 miliardi per il nuovo piano

Banda ultralarga: 6 miliardi per il nuovo piano Banda ultralarga: 6 miliardi per il nuovo piano - 5 marzo 2015 - Il Consiglio dei Ministri ha approvato la Strategia italiana per la banda ultralarga e per la crescita digitale 2014-2020. Le due strategie

Dettagli

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI MISSIONE IMPRESA capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI con le risorse del fondo per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile in agricoltura

Dettagli

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili Dott. Marco Orazi Dott. Michele Archetti Dott.ssa Paola Porcellana Dott.ssa Mara Zanatta Dott.ssa Francesca Lodrini Dott. Massimo Colombo Dott.ssa

Dettagli

Domanda Pubblica Innovativa come leva per la competitività e la crescita: Open Data

Domanda Pubblica Innovativa come leva per la competitività e la crescita: Open Data Direzione Generale della Provincia Autonoma di Trento Incarico Speciale in materia di Innovazione Domanda Pubblica Innovativa come leva per la competitività e la crescita: Open Data Trento 27 febbraio

Dettagli

Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini

Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini Roma, 13 Novembre 2013 Ing. Carolina Cirillo Direttore Servizi Informatici e Telematici Agenda Perché l Open

Dettagli

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015 L Agenda digitale del Piemonte 2 febbraio 2015 I punti di partenza La Digital Agenda europea è una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020 Nella politica di coesione 2014-2020 il miglior

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione Laboratorio di specializzazione professionale in Scienze dell'educazione permanente e della formazione continua I progetti

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport.

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. newsletter N.4 Dicembre 2013 Questo numero è stato realizzato da: Franca Fiacco ISFOL Agenzia Nazionale LLP Programma settoriale Leonardo da Vinci Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione,

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra Punto di Contatto Nazionale Tema 2 Prodotti Alimentari, Agricoltura e Pesca e Biotecnologie 7PQ Tema 5 Energia Programma EURATOM Competitiveness

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

La cooperazione internazionale nelle attività di ricerca e innovazione

La cooperazione internazionale nelle attività di ricerca e innovazione La cooperazione internazionale nelle attività di ricerca e innovazione Dott.ssa Sabrina De Nardi Dott.ssa Sabrina De Nardi 7 settembre 2012 Servizio Ricerca e Trasferimento Tecnologico L Unione Europea

Dettagli

e delle imprese di servizi 2014/2015 Laurea magistrale in Servizio sociale e politiche sociali Fondi e finanziamenti Tipologie di Fondi Fondi pubblici: derivano dall attuazione di obiettivi politici locali

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 1) Identificativo Ente Dati anagrafici Cognome e Nome 1.. Nome Università/Ente.. Area didattica. 2a) FESR La proposta di Regolamento

Dettagli

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia Tabella 6: della Società dell Informazione, Asse I - Infrastruttura a banda larga 1. Completamento della copertura a banda larga degli Enti pubblici e dei siti strategici per l erogazione di servizi di

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy n. 022 - Martedì 31 Gennaio 2012 Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy Questo breve report dell Agenzia Europea per l'ambiente prende in esame il ruolo del riciclo nella

Dettagli

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Workshop Politiche di Integrazione Socio- Sanitaria: modelli a confronto e sfide per un futuro sostenibile IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Cittadella, 23-24 settembre 2014 IL

Dettagli

Infrastrutture di ricerca di interesse regionale Manifestazione di interesse

Infrastrutture di ricerca di interesse regionale Manifestazione di interesse Infrastrutture di ricerca di interesse regionale Manifestazione di interesse Il Quadro di riferimento La Commissione europea nella comunicazione Il contributo della politica regionale alla crescita intelligente

Dettagli

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino UDINE ITALY 15 Settembre 2015 La Strategia Macroregionale Alpina (EUSALP) Roberta Negriolli REGIONE LOMBARDIA Delegazione di Bruxelles

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli