Il Business Plan. Concetti base

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Business Plan. Concetti base"

Transcript

1 Il Business Plan Concetti base

2 LA PIANIFICAZIONE E il processo con il quale Si stabiliscono gli obiettivi da raggiungere nel periodo (3-5 anni) Si individuano le risorse (umane e finanziarie) e gli strumenti (nuovi prodotti, nuovi mercati) per raggiungere gli obiettivi 2

3 IL BUSINESS PLAN è lo strumento che permette di guidare pianificare e controllare LE DECISIONI STRATEGICHE D IMPRESA 3

4 consiste nella rappresentazione organica di un idea imprenditoriale, di una nuova iniziativa produttiva in sostanza è il documento che traduce un progetto in un piano ben organizzato e strutturato 4

5 TALE DOCUMENTO Traduce in termini numerici e descrittivi le principali informazioni del progetto Rappresenta la realtà aziendale nell ambito di un determinato periodo d osservazione, evidenziandone le componenti economico-patrimoniali-finanziarie 5

6 LE INFORMAZIONI CHE FORNISCE IL BUSINESS PLAN TECNICHE Caratteristiche del prodotto/della commessa Tecnologie da utilizzare MARKETING Mercato/clientela da raggiungere Prezzi e politiche promozionali CONTABILI Spese necessarie all avvio Fonti di finanziamento ECONOMICHE Impatto del progetto sui costi e sui ricavi dell azienda DESCRITTIVE Compagine imprenditoriale Storia della società Adempimenti burocratici, amministrativi, ambientali 6

7 LA STRUTTURA-TIPO DEL BUSINESS PLAN CHI SIAMO, DOVE SIAMO E CHE COSA VOGLIAMO FARE COME LO VOGLIAMO FARE PARTE DESCRITTIVA (ARGOMENTI) PARTE NUMERICA (DATI) BUSINESS PLAN 7

8 UNA COMPOSIZIONE TIPICA DEL BUSINESS PLAN

9 PARTE DESCRITTIVA (argomenti) Presentazione dell impresa Iniziativa proposta Prodotto/servizio Mercato e concorrenza Ciclo di produzione 9

10 PARTE NUMERICA (dati) Documenti consuntivi Informazioni (monetarie e non) di integrazione Ripartizione investimenti Ipotesi previsionali Capacità produzione Prezzi e volumi 10

11 Si parla di BUSINESS PLAN anche quando l intervento proposto riguarda una struttura già esistente e non solo una nuova impresa 11

12 In una società avviata la regolare e sistematica costruzione del business plan consente all imprenditore di valutare quello che vuole fare e il modo migliore per farlo 12

13 LA PRIMA FASE DEL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE È rappresentata da un idea che prende forma improvvisamente in seguito a studi in seguito a ricerche di mercato 13

14 SUCCESSIVAMENTE È necessario un processo strutturato per verificare la fattibilità del progetto 14

15 IL PASSAGGIO DALL IDEA AL PROGETTO genera una serie di analisi e valutazioni per verificare diverse informazioni inerenti: il mercato potenziale al quale rivolgersi le spese da sostenere (costi fissi e variabili) la copertura finanziaria necessaria per realizzare il progetto la dotazione di risorse umane idonee 15

16 IL RISULTATO FINALE DI QUESTO PROCEDIMENTO È rappresentato da documenti contabili previsionali che informano sull impatto economico-finanziario-patrimoniale dell iniziativa e consentono di valutare l effettiva realizzabilità e meritevolezza soprattutto in termini di utili del progetto 16

17 Le tecniche di analisi dei costi Adottate consistono nel DIRECT COSTINTG E L analisi del BEP 17

18 Le tecniche di analisi dei costi PRIMA DI ESAMINARE IL B.PLAN E OPPORTUNO CHIARIRE ALCUNI CONCETTI 18

19 LA TECNICA DEL DIRECT COSTING

20 CARATTERISTICHE DEL DIRECT COSTING E UNA TECNICA DI CALCOLO DEI COSTI BASATA SULLA DISTINZIONE DEI COSTI IN FISSI E VARIABILI 20

21 I COSTI VARIABILI SONO PROPORZIONALI ALLA QUANTITA PRODOTTA E, PERTANTO, SONO ATTRIBUITI AI SINGOLI PRODOTTI CUI SI RIFERISCONO 21

22 I COSTI FISSI RAPPRESENTANO L ONERE CHE L IMPRESA DECIDE DI SOSTENERE PER SVOLGERE L ATTIVITA PRODUTTIVA. SONO SOSTENUTI INDIPENDENTEMENTE DALLA PRODUZIONE EFFETTUATA 22

23 I COSTI FISSI SONO CONSIDERATI COSTI DI STRUTTURA O DI CAPACITA NON SONO, PERTANTO, IMPUTATI ALLE SINGOLE LAVORAZIONI, MA AL RISULTATO ECONOMICO DEL PERIODO 23

24 IL DIRECT COSTING CONSIDERA I COSTI FISSI NON COME COSTI DA IMPUTARE AL SINGOLO PRODOTTO, MA COME COSTI DI PERIODO CHE DEVONO ESSERE NECESSARIAMENTE COPERTI PER RAGGIUNGERE UN PAREGGIO ECONOMICO. AL PRODOTTO VENGONO IMPUTATI SOLAMENTE QUEI COSTI CHE GLI SONO OGGETTIVAMENTE RIFERIBILI, CIOE I COSTI VARIABILI 24

25 CRITICHE ALLA TECNICA DEL FULL COSTING I RISULTATI CHE SI OTTENGONO CON TALE TECNICA NON SONO OGGETTIVI MA CONVENZIONALI A CAUSA DEL RIPARTO DEI COSTI FISSI: POTREBBERO FAR COMMETTERE ERRORI DI VALUTAZIONE 25

26 CON IL FULL COSTING SI OTTIENE UN INFORMAZIONE DI COSTO COMPLETA MA FUORVIANTE CHE RICHIEDE COSTOSE ELABORAZIONI 26

27 LA METODOLOGIA DI CALCOLO DEI COSTI PIENI IMPUTA I COSTI INDIRETTI AGLI OGGETTI DI CALCOLO BASANDOSI SU CONGETTURE PIU O MENO ATTENDIBILI, QUALUNQUE SIA IL CRITERIO DI RIPARTIZIONE ADOTTATO 27

28 LA TECNICA DEL DIRECT COSTING PIUTTOSTO CHE ELABORARE METODOLOGIE DI CALCOLO COMPLESSE CHE PRODUCONO INFORMAZIONI DI COSTO CARATTERIZZATE DA UN CERTO GRADO DI SOGGETTIVITA, FOCALIZZA L ATTENZIONE ESCLUSIVAMENTE SUGLI ELEMENTI DI COSTO OGGETTIVAMENTE IMPUTABILI ALL OGGETTO DI CALCOLO 28

29 CON IL DIRECT COSTING SI OTTIENE UN INFORMAZIONE DI COSTO PRECISA E CERTA, ANCHE SE INCOMPLETA 29

30 CON IL DIRECT COSTING SI PERVIENE ALLE SEGUENTI CONFIGURAZIONI DI COSTO COSTI DELLA MATERIA PRIMA PER SINGOLO PRODOTTO + COSTI DELLA MANO D OPERA VARIABILE PER PRODOTTO + ALTRI COSTI VARIABILI PER PRODOTTO = COSTO INDUSTRIALE VARIABILE PER PRODOTTO + ALTRI COSTI GENERALI COMMERCIALI VARIABILI PER PRODOTTO = COSTO COMPLESSIVO VARIABILE PER SINGOLO PRODOTTO 30

31 IL DIRECT COSTING NON SI PROPONE DI INDIVIDUARE IL COSTO GLOBALE DI UN PARTICOLARE OGGETTO. IL SUO OBIETTIVO E QUELLO DI DETERMINARE IL LIVELLO MINIMO DEI RICAVI NECESSARIO A COPRIRE I COSTI TOTALI SOSTENUTI NEL PERIODO OSSERVATO, OSSIA IN CHE MISURA UNA DETERMINATA PRODUZIONE E IN GRADO DI CONTRIBUIRE ALLA COPERTURA DEI COSTI DI PERIODO 31

32 SECONDO L OTTICA DEL DIRECT COSTING AI FINI DELL ECONOMICITA AZIENDALE E NECESSARIO CHE SIA SEMPRE SODDISFATTA L EQUAZIONE: RICAVI TOTALI - COSTI VARIABILI TOTALI>=COSTI FISSI TOTALI 32

33 CON LA TECNICA DEL DIRECT COSTING LE VALUTAZIONI DI CONVENIENZA DELLA REDDITIVITA DEI DIFFERENTI PRODOTTI SI BASANO SUL CONFRONTO DEL MARGINE DI CONTRIBUZIONE. I COSTI FISSI ENTRANO NEL SISTEMA DI CALCOLO ESCLUSIVAMENTE A LIVELLO AZIENDALE 33

34 IL MARGINE DI CONTRIBUZIONE È DATO DALLA DIFFERENZA TRA IL RICAVO E IL COSTO COMPLESSIVO VARIABILE CHE DEVE PARTECIPARE ALLA COPERTURA DEI COSTI FISSI E ALLA FORMAZIONE DELL UTILE DI PERIODO 34

35 LE DIVERSE CONFIGURAZIONI DEL MARGINE DI CONTRIBUZIONE Margine di contribuzione unitario: differenza tra prezzo e costo variabile di un singolo prodotto: indica quale e il contributo in termini monetari che apporta un ulteriore prodotto venduto alla copertura dei costi fissi Margine di contribuzione totale: prodotto tra margine di contribuzione unitario e unità prodotte/vendute Margine di contribuzione aziendale: sommatoria dei margini di contribuzione totali: indica quale e il margine che rimane all azienda per coprire i costi di periodo 35

36 LE METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI DIRETTI DIRECT COSTING SEMPLICE DIRECT COSTING EVOLUTO 36

37 ESEMPIO: DIRECT COSTING SEMPLICE DESCRIZIONE PENNE A SFERA RASOI PROFUMI RICAVI UNITARI COSTI VARIABILI UNITARI MdC UNITARIO QUANTITA PRODOTTO/ VENDUTA Costi fissi

38 PENNE A SFERA RASOI PROFUMI RICAVI UNITARI COSTI VARIABILI UNITARI = M.D.C. UNITARIO X QUANT. PROD/VEND = M.D.C. COMPLESSIVO DI PRODOTTO TOTALE M.D.C COSTI FISSI = RISULTATO ECONOMICO DI PERIODO

39 ESEMPIO: DIRECT COSTING EVOLUTO DESCRIZIONE PENNE A SFERA RASOI PROFUMI RICAVI UNITARI COSTI VARIABILI UNITARI M.D.C. UNITARIO QUANTITA PRODOTTO/ VENDUTA COSTI FISSI DIRETTI (AMMORT., PUBBLICITA, R&S) COSTI DI STRUTTURA

40 PENNE A SFERA RASOI PROFUMI RICAVI UNITARI COSTI VARIABILI UNITARI = M.D.C. UNITARIO X QUANTITA PRODOTTA/VENDUTA =1 M.D.C COSTI FISSI SPECIFICI = 2 M.D.C TOTALE M.D.C COSTI FISSI COMUNI = RISULTATO ECONOMICO DI PERIODO

41 COMMENTI IL DIRECT COSTING SEMPLICE EVIDENZIA MARGINI PIU REMUNERATIVI PER I RASOI E PER I PROFUMI RISPETTO ALLE PENNE A SFERA CIO POTREBBE PORTARE A SCELTE ERRATE PERCHE BASATE SU INFORMAZIONI DI COSTO INCOMPLETE 41

42 L ANALISI DEI COSTI FISSI SPECIFICI RIBALTA L ORDINE DI CONVENIENZA DELLE TRE LINEE DI PRODOTTO POICHE LE PENNE RICHIEDONO INVESTIMENTI PRODUTTIVI, COMMERCIALI E DI RICERCA E SVILUPPO MOLTO INFERIORI. AL CONTRARIO I PROFUMI, A CAUSA DEGLI ELEVATI COSTI FISSI SPECIFICI, RISULTANO MENO REDDITIZI

43 IL DIRECT COSTING EVOLUTO PER LE SUE CARATTERISTICHE PUO ESSERE UTILIZZATO PROFICUAMENTE IN IMPRESE CON ELEVATI COSTI FISSI CHE OPERANO SU MOLTEPLICI AREE DI RISULTATO CARATTERIZZATE DA UN ELEVATO NUMERO DI AREE DI RESPONSABILITA (ES. STRUTTURE DIVISIONALI) 43

44 LA BREAK-EVEN ANALYSIS

45 LA BREAK-EVEN ANALYSIS O ANALISI COSTI-VOLUMI- RISULTATI E UNA TECNICA IMPIEGATA NELLE DECISIONI AZIENDALI CHE ANALIZZA LE COMPONENTI ECONOMICHE IN FUNZIONE SOLO DELL OUTPUT FINALE, OSSIA DELLE UNITA PRODOTTE 45

46 CARATTERISTICHE E ESTREMAMENTE FLESSIBILE E DI FACILE APPLICAZIONE PERCHE CONDIZIONATA SOLO DALLA VARIABILE UNITA PRODOTTE PONE IN RELAZIONE IL VOLUME DI PRODUZIONE, VARIABILE INDIPENDENTE, CON L ANDAMENTO DEI COSTI E DEI RICAVI TOTALI 46

47 FINALITA DELLO STRUMENTO CONSENTE DI EVIDENZIARE QUALI SONO I LIVELLI PRODUTTIVI DA RAGGIUNGERE PER: OTTENERE IL PAREGGIO TRA COSTI E RICAVI RILEVARE CERTI OBIETTIVI IN TERMINI DI REDDITIVITA 47

48 L IMPIEGO DI QUESTA TECNICA, OLTRE A CONSENTIRE DI DETERMINARE GRAFICAMENTE O MATEMATICAMENTE IL PUNTO DI ROTTURA (BEP), PERMETTE DI VERIFICARE, IN VIA PREVENTIVA O CONSUNTIVA, GLI EFFETTI SUL REDDITO DI POSSIBILI VARIAZIONI DI QUANTITA ECONOMICHE (VENDITE, COSTI FISSI, COSTI VARIABILI, PREZZI) 48

49 INOLTRE PERMETTE DI DETERMINARE IL MARGINE DI SICUREZZA (FATT. OBIETTIVO-FATT. DI PAREGGIO/FATTURATO OBIETTIVO) DEFINIRE I VALORI OBIETTIVO DELLE SINGOLE VARIABILI INSERITE NELL EQUAZIONE: RISULTATO ECONOMICO = RICAVI TOTALI - COSTI TOTALI 49

50 PRESUPPOSTI/LIMITI DELLA BEA DISTINGUE I COSTI TOTALI IN FISSI E VARIABILI CONSIDERA LINEARI LE FUNZIONI DI COSTO E DI RICAVO PRESUPPONE CHE LE QUANTITA PRODOTTE SIANO PARI A QUELLE VENDUTE (ASSENZA DI RIMANENZE DI PRODOTTI FINITI) CONSIDERA DATA LA CAPACITA PRODUTTIVA E PERTANTO I COSTI FISSI NON VARIANO NEL LORO IMPORTO COMPLESSIVO 50

51 I METODI PER L APPLICAZIONE DELLA BEA METODO MATEMATICO METODO GRAFICO 51

52 METODO MATEMATICO IL PUNTO DI PAREGGIO TRA COSTI TOTALI E RICAVI SARA INDICATO DALLA RISOLUZIONE DELL EQUAZIONE CT=RT CON INCOGNITA LA QUANTITA PRODOTTA E COLLOCATA SUL MERCATO DOVE: CT (COSTI TOTALI)=CF+CV=CF+cvu x Q RT(RICAVI TOTALI)=pu x Q 52

53 LEGENDA pu = prezzo unitario di vendita dei prodotti Q = quantità venduta = quantità prodotta CV = costi variabili CF = costi fissi cvu = costi variabili unitari 53

54 RISOLVENDO L EQUAZIONE: pxq = CF + cvu x Q Q x(p-cvu) = CF ISOLANDO Q, AVREMO: CF Q = p cvu Dove (p-cvu) costituisce il margine di contribuzione unitario che esprime, a livello di unità di prodotto o a livello complessivo (se moltiplicato per la quantità prodotta) quanto residua dai ricavi di vendita dopo aver coperto i costi variabili e quindi l utile per coprire i costi fissi 54

55 METODO GRAFICO I costi fissi sono rappresentati da una retta parallela all asse delle ascisse I costi variabili sono rappresentati da una retta passante per l origine con coefficiente angolare rappresentato dal costo variabile unitario I ricavi totali sono rappresentati da una retta passante per l origine con coefficiente angolare rappresentato dal prezzo di vendita dei prodotti 55

56 LA RAPPRESENTAZIONE COSTI RICAVI GRAFICA DELLA BEA K RT CT RT=CT T CVT CFT Q1 Q* Q2 Q 56

57 Q* RAPPRESENTA LA PRODUZIONE DI EQUILIBRIO, VALE A DIRE IL LIVELLO DI PRODUZIONE A CUI CORRISPONDE UN PROFITTO PARI A ZERO E PALESE CHE RAPPRESENTA LA LINEA DI ROTTURA: PER QUANTITA SUPERIORI A Q* RT > CT E, QUINDI, SI REALIZZANO PROFITTI, PER QUANTITA INFERIORI CT >RT E, QUINDI, IL RISULTATO E UNA PERDITA 57

58 DAL PUNTO DI VISTA GRAFICO LA BEA CONSENTE DI RILEVARE IL LIVELLO DI UTILE (SEGMENTO K) O DI PERDITA (SEGMENTO T) ASSOCIATO A DETERMINATI LOTTI PRODUTTIVI, RISPETTIVAMENTE Q1 E Q2 58

59 LA POTENZIALITA ECONOMICO-STRUTTURALE ESPRIME LA CAPACITA DELL IMPRESA DI PRODURRE REDDITO DATA DA UNA COMBINAZIONE DEI COSTI FISSI E VARIABILI E DEI RICAVI. MINORE E IL VOLUME CHE PERMETTE L EGUAGLIANZA TRA I COSTI TOTALI ED I RICAVI TOTALI, MIGLIORE E LA POTENZIALITA ECONOMICO-STRUTTURALE 59

60 LA POTENZIALITA ECONOMICO-STRUTTURALE MIGLIORA SE IL PAREGGIO TRA COSTI E RICAVI, SI OTTIENE IN CORRISPONDENZA DI VOLUMI MINORI. SE NELLA COMBINAZIONE I COSTI FISSI PREVALGONO SU QUELLI VARIABILI, IL VOLUME IN RELAZIONE AL QUALE SI HA IL PAREGGIO TRA COSTI E RICAVI, E PIU ELEVATO CHE NON NELLA COMBINAZIONE OPPOSTA. 60

61 LEVA OPERATIVA LA DISTINZIONE TRA COSTI FISSI E VARIABILI, PERMETTE DI DETERMINARE IL GRADO DI LEVA OPERATIVA DI UN IMPRESA, E CIOE IL GRADO DI SENSIBILITA DEL REDDITO, A VARIAZIONI NEI VOLUMI DI VENDITA 61

62 SI GENERA UN EFFETTO LEVA OGNI QUAL VOLTA LA VARIAZIONE (POSITIVA O NEGATIVA) DI UNA VARIABILE INDIPENDENTE, DETERMINA UNA VARIAZIONE MAGGIORE SU UN ALTRA VARIABILE (EFFETTO MOLTIPLICATIVO). LA VARIAZIONE AMPLIFICATA E L EFFETTO, MENTRE LA LEVA NE E LA CAUSA APPARENTE. 62

63 IL GRADO DI LEVA OPERATIVA DI UN IMPRESA SARA TANTO PIU ALTO QUANDO: E PIU AMPIA LA FORBICE PREZZI DI VENDITA COSTI VARIABILI E PIU ELEVATA L INCIDENZA DEI COSTI FISSI, E QUINDI QUANTO PIU SI E VICINI AL PUNTO DI PAREGGIO 63

64 PER VOLUMI SUPERIORI AL B.E.P., IL MARGINE UNITARIO DI CONTRIBUZIONE MISURA LA CONTRIBUZIONE AL PROFITTO, PER CUI QUESTO CRESCE PIU VELOCEMENTE IN CASO DI LEVA OPERATIVA ALTA. TALE CONDIZIONE COMPORTA UN RISCHIO ELEVATO LEGATO AGLI ALTI VOLUMI PRODUTTIVI IN GRADO DI GENERARE PROFITTI COMPLESSIVI. 64

65 LA SCELTA DEL LIVELLO DI LEVA OPERATIVA E FONDAMENTALE IN FASE DI PROGETTAZIONE, MA RAPPRESENTA ANCHE UN UTILE STRUMENTO SU CUI AGIRE PER OTTENERE UNA MIGLIORE POTENZIALITA STRUTTURALE DI UN AZIENDA GIA OPERANTE. 65

66 LA DETERMINAZIONE DELLA LEVA OPERATIVA CONSENTE, IN LINEA GENERALE, DI OTTIMIZZARE ALCUNE SCELTE SECONDO LE CARATTERISTICHE DEL MERCATO IN CUI SI OPERA. 66

67 IN PARTICOLARE, IN PRESENZA DI MERCATI FORTEMENTI VARIABILI NEL TEMPO MEDIO- LUNGO, E PREFERIBILE RENDERE FLESSIBILE LA STRUTTURA, E OPTARE PER UNA BASSA LEVA OPERATIVA CHE, SE NON PERMETTE INCREMENTI CONSISTENTI DI PROFITTO ALL AUMENTARE DELLE VENDITE, RENDE POSSIBILE OTTENERE UN B.E.P. PER QUANTITA MINORI E, QUINDI, RAGGIUNGIBILE PIU FACILMENTE ANCHE IN PERIODI DI CONTRAZIONE DEI VOLUMI VENDUTI. 67

68 AL CONTRARIO IN UN MERCATO LA CUI TENDENZA E COSTANTE, O CHE E ADDIRITTURA IN SVILUPPO, LA SCELTA DI UNA COMBINAZIONE CHE DIA UNA LEVA OPERATIVA ALTA, RENDE PIU INTERESSANTE L AUMENTO DEI VOLUMI DI VENDITA. UN B.E.P. PIU ELEVATO IN QUESTO CASO NON PREOCCUPA ECCESSIVAMENTE PROPRIO PER LE CONDIZIONI DI MERCATO. 68

69 L ANALISTA ESTERNO NON È QUASI MAI IN GRADO DI DETERMINARE IL B.E.P. DI UN IMPRESA, VISTO CHE NON CONOSCE CON ESATTEZZA LA RIPARTIZIONE DEI COSTI FISSI E VARIABILI. E COMUNQUE INTERESSANTE ANALIZZARE IL TREND DEL REDDITO OPERATIVO AL VARIARE DEL FATTURATO, PER DESUMERE INFORMAZIONI INDIRETTE SULL EFFETTO DI LEVA OPERATIVA. 69

70 TREND DI LEVA OPERATIVA Variazione % Reddito operativo Variazione % Fatturato 70

71 IL MARGINE DI SICUREZZA IL MARGINE DI SICUREZZA INDICA DI QUANTO PERCENTUALMENTE, POSSONO DIMINUIRE LE VENDITE ATTUALI (CIOE DI QUANTO PUO RIDURSI IL LIVELLO DI FATTURATO NETTO ESPOSTO IN BILANCIO) PRIMA CHE L IMPRESA COMINCI A REALIZZARE PERDITE. 71

72 ESEMPIO: VENDITE EFFETTIVE 1215 VENDITE DI EQUILIBRIO M.S. = X 100 = 42,96% = 43% 1215 QUESTO DATO INDICA CHE L IMPRESA PUO SOPPORTARE UNA CONTRAZIONE DEI RICAVI DI VENDITA PARI AL 43% PRIMA CHE SI QUANTIFICHI UNA PERDITA OPERATIVA. 72

73 OCCORRE, TUTTAVIA, OSSERVARE ESPLICITAMENTE, CHE IL M.S. E UN INDICATORE SIGNIFICATIVO SOLO SE SI SUPPONE CHE LA RIDUZIONE DEI RICAVI DI VENDITA SIA CONNESSA AD UNA CONTRAZIONE DEI VOLUMI FISICI DI PRODUZIONE. 73

74 IL M.S. NON E UTILIZZABILE SE SI SUPPONE CHE LA RIDUZIONE DEI RICAVI DI VENDITA SIA CONSEGUENTE AD UNA DIMINUZIONE DEI PREZZI MEDI DI VENDITA. LA SEMPLICE RIDUZIONE DEL PREZZO UNITARIO DI VENDITA, INFATTI, PUR CONTRAENDO IL FATTURATO, NON COMPORTEREBBE ALCUNA RIDUZIONE NEI VOLUMI PRODOTTI E VENDUTI E, DI CONSEGUENZA, ALCUNA RIDUZIONE NEI COSTI VARIABILI. 74

75 IL MARGINE DI SICUREZZA E UN DATO IMPORTANTE PER APPREZZARE LA SITUAZIONE ECONOMICA, PROSPETTICA, DELL IMPRESA ANALIZZATA, IN QUANTO E INDICATORE DELLA CAPACITA DI RESISTENZA DELL IMPRESA DI FRONTE AD UN CALO DELLA DOMANDA, CIOE AD UNA DIMINUZIONE DELLE QUANTITA VENDUTE E, DI CONSEGUENZA PRODOTTE. 75

76 NELLE ANALISI DI BILANCIO COMPARATIVE TRA DUE IMPRESE CHE ABBIANO LO STESSO FATTURATO E LO STESSO RISULTATO OPERATIVO, A PARITA DI OGNI ALTRA CONSIDERAZIONE, E PREFERIBILE QUELLA CHE PRESENTI IL M.S. PIU ELEVATO. 76

77 IL M.S. DIPENDE DALLA DIMENSIONE DELLE VENDITE DI EQUILIBRIO, MA IL VOLUME DI QUESTE SI CONNETTE A SUA VOLTA ALLA STRUTTURA DEI COSTI E, IN ULTIMA ANALISI, A QUELLA DELL INTERO PROCESSO PRODUTTIVO. 77

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Economia Aziendale. L analisi dei costi

Economia Aziendale. L analisi dei costi Economia Aziendale L analisi dei costi Roma, 03 novembre 2014 Dott.ssa Sabrina Ricco 1 Tematiche La contabilità generale e la contabilità analitica I costi aziendali: i costi fissi e i costi variabili

Dettagli

L analisi dei costi per le decisioni di impresa

L analisi dei costi per le decisioni di impresa Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia Giorgio Fuà Dipartimento di Management e Organizzazione Industriale Prof. Attilio Mucelli mucelli@econ.univpm.it - www.econ.univpm.it/mucelli L analisi

Dettagli

15. Analisi del rapporto tra costi, volumi e risultati. Ragioneria Generale ed Applicata Sede di Fano

15. Analisi del rapporto tra costi, volumi e risultati. Ragioneria Generale ed Applicata Sede di Fano 15. Analisi del rapporto tra costi, volumi e risultati Ragioneria Generale ed Applicata Sede di Fano UNO STRUMENTO PER L ANALISI CONGIUNTA DELL ANDAMENTO DEI COSTI, RICAVI, RISULTATI B.E.P.= break even

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1 4.00 3.50 3.00 2.50 2.00 1.50 1.00 0.50 18/1/00 J F M A M J J A S O N D J SEAT-PAGINE GIALLE SEAT-PAGINE GIALLE RNC HIGH 3.49 28/12/99, LOW 0.70 1/1/99, LAST 3.09 14/1/00 HIGH 2.30 28/12/99, LOW 0.54 1/1/99,

Dettagli

Capitolo 10 Le decisioni relative al prezzo (pricing)

Capitolo 10 Le decisioni relative al prezzo (pricing) Capitolo 10 Le decisioni relative al prezzo (pricing) Prezzi e pricing Schema di sintesi 1. Prezzo e pricing: definizioni 2. Come stabilire il prezzo di un prodotto o servizio 3. Le manovre di prezzo (aumento

Dettagli

LA POLITICA DEI PREZZI:

LA POLITICA DEI PREZZI: LA POLITICA DEI PREZZI: I VINCOLI DI MERCATO E LA CORRETTA DETERMINAZIONE DEL COSTO DEL PRODOTTO 1 DETERMINAZIONE DEL PREZZO APPROCCIO CENTRATO SULL AZIENDA APPROCCIO CENTRATO SUL MERCATO 2 APPROCCIO CENTRATO

Dettagli

MATERIALE DIDATTICO DOCENTE. Christian Corsi ARGOMENTO BREAK EVEN ANALYSIS

MATERIALE DIDATTICO DOCENTE. Christian Corsi ARGOMENTO BREAK EVEN ANALYSIS Facoltà di Scienze della Comunicazione Insegnamento di: PUBBLICITÀ E MARKETING a.a. 2010/2011 MATERIALE DIDATTICO DOCENTE Christian Corsi ARGOMENTO BREAK EVEN ANALYSIS info: ccorsi@unite.it Definizione

Dettagli

Budget e marchi di impresa

Budget e marchi di impresa Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 11 dicembre 2009 Budget e marchi di impresa Costi e ricavi per la pianificazione dell attività Budget e marchi di impresa

Dettagli

ESERCIZIO 1 ANALISI COSTI VOLUMI-RISULTATI + MARGINI DI CONTRIBUZIONE

ESERCIZIO 1 ANALISI COSTI VOLUMI-RISULTATI + MARGINI DI CONTRIBUZIONE ESERCIZIO 1 ANALISI COSTI VOLUMI-RISULTATI + MARGINI DI CONTRIBUZIONE La Penelope SPA è un azienda produttrice di telai. La produzione si articola su due linee: la linea Trama e la linea Ordito. Nel 2007

Dettagli

L'analisi volumi costi risultati

L'analisi volumi costi risultati L'analisi volumi costi risultati Lucidi a cura di Alessandro Zattoni Università Parthenope L'analisi costi - volumi - risultati Uno dei principali modelli per l analisi di problemi di natura operativa

Dettagli

Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella Phd Matteo Navaroni Assistant: Dott. Mirko Panigati

Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella Phd Matteo Navaroni Assistant: Dott. Mirko Panigati Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2012-2013 Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella Phd Matteo Navaroni Assistant: Dott. Mirko Panigati Università di Pavia Analisi di Bilancio 1 Materiali

Dettagli

TITOLO LE ANALISI DI SENSITIVITA (Alberto Falini)

TITOLO LE ANALISI DI SENSITIVITA (Alberto Falini) SESSIONE N 13 TITOLO LE ANALISI DI SENSITIVITA (Alberto Falini) DATA LEZIONE 23 OTTOBRE 2002 1 1) Break - Even analisys L identificazione delle modalità attraverso le quali è possibile agire sulla redditività

Dettagli

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS 0 α Quantità prodotte CUS = cus * q Esempi di COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA costo dei prodotti:materie prime, semi-lavorati; costo delle lavorazioni esterne; costo

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI. Prof. Lino Cinquini. Dott.

ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI. Prof. Lino Cinquini. Dott. ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI Prof. Lino Cinquini l.cinquini@sssup.it Dott. Andrea Tenucci a.tenucci@sssup.it 13 marzo 2014 Palazzo dei

Dettagli

IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO

IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO L analisi del punto di pareggio esprime, sia per via grafica che in termini matematici la relazione COSTI - VOLUME PROFITTO e dà un quadro immediato degli elementi

Dettagli

3. La contabilità analitica nelle imprese industriali

3. La contabilità analitica nelle imprese industriali 3. La contabilità analitica nelle imprese industriali Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo la contabilità analitica delle imprese industriali, ripercorrendo le diverse tipologie di costo.

Dettagli

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PIANO DI LAVORO PIANIFICAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 5 AL PROF.SSA MARILINA SABA a.s 2010/2011 Moduli UNITA ORARIE 1. Il controllo della gestione

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Il sistema informativo aziendale insieme delle attività connesse alla raccolta, analisi e rappresentazione delle informazioni interne ed esterne all'azienda dati indispensabili per poter valutare lo stato

Dettagli

!!!" # "$% &' # "-!.! /"$ &01 & # ' ''

!!! # $% &' # -!.! /$ &01 & # ' '' !!!" # "$% &' ())*+()), # "-!.! /"$ &01 & # ' '' MAKE or BUY? BENETTON decisione di esternalizzazione concentrazione su attività core (design, tintura, ecc.) affidamento a façonisti delle attività non

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Prima Puntata www.studiobarale.it Parte 1 di 6 Obiettivi spiegare le diverse metodologie di calcolo dei costi di prodotto, mostrandone logiche

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

Analisi dei costi e contabilità industriale

Analisi dei costi e contabilità industriale Analisi dei costi e contabilità industriale A cura di dottor Alessandro Tullio La Contabilità Industriale 1 CONTABILITA INDUSTRIALE A COSA SERVE? ANALIZZARE I COSTI ORIENTARE I PREZZI DETERMINARE RISULTATI

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra)

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) La GESTIONE (operazioni che l azienda compie per raggiungere i suoi fini) può essere: ORDINARIA

Dettagli

LE VALUTAZIONI DI CONVENIENZA ECONOMICA NELLE DECISIONI DI GESTIONE OPERATIVA

LE VALUTAZIONI DI CONVENIENZA ECONOMICA NELLE DECISIONI DI GESTIONE OPERATIVA LE VALUTAZIONI DI CONVENIENZA ECONOMICA NELLE DECISIONI DI GESTIONE OPERATIVA Programmazione e Controllo 1 1. Le possibili tipologie di decisioni 2. I costi rilevanti nelle decisioni tipo make or buy 3.

Dettagli

L analisi dei costi: il costing

L analisi dei costi: il costing L analisi dei Costi - a.a. 2012/2013 L analisi dei costi: il costing 1 La tecnica del costing (1) Il termine costing indica la tecnica specificatamente rivolta alla rilevazione dei costi. Negli ultimi

Dettagli

Il caso CodeInt s.r.l.

Il caso CodeInt s.r.l. L ANALISI DEI COSTI DI DISTRIBUZIONE PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA COMMERCIALE Il caso CodeInt s.r.l. Che cos è la contabilità analitica? insieme di determinazioni economicoquantitative mediante cui

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

L ABC DELL ECONOMIA AZIENDALE. A cura di Chiara Morelli

L ABC DELL ECONOMIA AZIENDALE. A cura di Chiara Morelli L ABC DELL ECONOMIA AZIENDALE A cura di Chiara Morelli LE AZIENDE DI PRODUZIONE L attività economica di produzione di beni e servizi è svolta da unità economiche denominate Aziende di produzione o Imprese.

Dettagli

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: per operare in modo efficiente le aziende hanno bisogno di conoscere se l utilizzo delle risorse che stanno impiegando nelle diverse attività è economicamente

Dettagli

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI I COSTI ROF. MATTIA LETTIERI Indice 1. LE FUNZIONI DI COSTO --------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2. I COSTI DELL IMRESA NEL BREVE ERIODO

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

La contabilità gestionale. Prof. Sartirana

La contabilità gestionale. Prof. Sartirana La contabilità gestionale Prof. Sartirana La contabilità gestionale E chiamata anche contabilità industriale Contrariamente alla contabilità generale ha per oggetto i FATTI INTERNI di gestione e non i

Dettagli

Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011. L analisi dei costi. di Francesco Giunta

Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011. L analisi dei costi. di Francesco Giunta Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011 L analisi dei costi di Francesco Giunta I COSTI Il raggiungimento di condizioni di equilibrio economico impone di tenere sotto costante controllo i costi.

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi _ MODULO 5 la gestione economica _ I UD14 La ripartizione dei costi comuni obiettivi Vedremo come si forma il costo e con quale metodologia i costi indiretti possono essere ripartiti tra i settori aziendali

Dettagli

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 4_Il calcolo del costo di prodotto e la contabilità per centri di costo Il costo unitario di prodotto Conoscere il COSTO UNITARIO DI PRODOTTO è importante per:

Dettagli

Analisi dei margini: componenti e rischi

Analisi dei margini: componenti e rischi Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei margini: componenti e rischi Capitolo 7 Indice degli argomenti 1. Principali componenti del reddito operativo 2. Tipici fattori

Dettagli

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali v Evidenziare gli investimenti iniziali v Valutare economicità v Evidenziare i flussi di cassa netti v Predisporre la copertura finanziaria

Dettagli

IL BUDGET GLOBALE D AZIENDA

IL BUDGET GLOBALE D AZIENDA IL BUDGET GLOBALE D AZIENDA BUDGET ECONOMICO BUDGET FINANZIARIO BUDGET FONTI - IMPIEGHI BUDGET DI CASSA BUDGET PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO (RICAVI E COSTI) BUDGET COMMERCIALE COSTI COMMERCIALI RICAVI

Dettagli

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni.

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie

Dettagli

I margini lordi nelle aziende che producono su commessa Il caso Sicilyelectronic srl

I margini lordi nelle aziende che producono su commessa Il caso Sicilyelectronic srl I margini lordi nelle aziende che producono su commessa Il caso Sicilyelectronic srl Corso di Economia Aziendale (esercitazioni) Università degli Studi di Palermo Agenda Caratteristiche delle aziende che

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 08-04-10 DOMANDA 1 Definire e illustrare graficamente il concetto di break even point. ESERCIZIO 1 La società Dolly Creation S.p.A. produce bambole da collezione e giochi per la prima infanzia.

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Parte 2 «Mix» Margini e Break Even Point Mix vendite e margine medio GAMMA SpA (Tavola 4) Prodotti Vendite Mix vendite Margine di contribuzione

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI Obiettivo dell analisi per indici è la valutazione delle scelte dell imprenditore attraverso la misurazione degli effetti economici, finanziari e patrimoniale prodotti dalle stesse. La corretta misurazione

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE Pisa 16 marzo 2014 Pisa 16 marzo 2014 1 VALUTAZIONE-CONFRONTO RISULTATI DI DUE AZIENDE: Impresa A Impresa B CAPITALE INVESTITO 50 100

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN L analisi della domanda ed il Piano di Marketing Dr.ssa Emanuela d

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO CLASSE 5ALA PROF.SSA LUPETTI SIMONETTA ANNO SCOLASTICO 2012/13

PIANO DI LAVORO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO CLASSE 5ALA PROF.SSA LUPETTI SIMONETTA ANNO SCOLASTICO 2012/13 PIANO DI LAVORO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO CLASSE 5ALA PROF.SSA LUPETTI SIMONETTA ANNO SCOLASTICO 2012/13 MODULI UNITA ORARIE 1. Il controllo dei risultati attraverso l analisi di bilancio per 98 indici

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata 1

Ragioneria Generale e Applicata 1 9 L ECONOMICITA Ragioneria Generale e Applicata 1 L ECONOMICITA è un concetto generale che riguarda tutte le aziende (sia aziende di produzione che aziende di erogazione) e che definisce il criterio (regola

Dettagli

10 L EFFICIENZA. L efficienza

10 L EFFICIENZA. L efficienza 10 L EFFICIENZA Ragioneria Generale e Applicata 1 L efficienza Quali condizioni aiutano l azienda a raggiungere l equilibrio economico? L Efficienza Un impresa è efficiente quando riesce a massimizzare

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi

TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi 3.2 margine di contribuzione ( ) Scelta del prodotto di cui incrementare la produzione e la vendita

Dettagli

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Cosa significa «Investimento»? L investimento è la seconda

Dettagli

Indice di rischio globale

Indice di rischio globale Indice di rischio globale Di Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione Con tale studio abbiamo cercato di creare un indice generale capace di valutare il rischio economico-finanziario

Dettagli

Fondamenti di contabilità analitica

Fondamenti di contabilità analitica Incontri di formazione per la contabilità economico-patrimoniale Prima fase Principi base della contabilità economico-patrimoniale ed analitica Fondamenti di contabilità analitica Riccardo Giannetti (rgiannet@ec.unipi.it)

Dettagli

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA Esercizio 1: variabilità dei costi In base alle seguenti informazioni relative ai costi dell uso aziendale di un autoveicolo: costi fissi: assicurazione 1.200

Dettagli

Istituzioni di Economia

Istituzioni di Economia Corso di laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia I costi di produzione (Capitolo 13) I costi di produzione La legge dell offerta P Offerta Le imprese sono disposte a produrre e vendere quantità

Dettagli

Le finalità del calcolo dei costi di produzione. Le configurazioni di costo.

Le finalità del calcolo dei costi di produzione. Le configurazioni di costo. Le finalità del calcolo dei costi di produzione. Le configurazioni di costo. 1 Le finalità del calcolo dei costi Il calcolo del costo riferito a fenomeni o oggetti aziendali può rispondere a molteplici

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Analisi delle configurazioni dei costi

Analisi delle configurazioni dei costi Analisi delle configurazioni dei costi i costi riferiti ad un medesimo oggetto possono assumere varie configurazioni a seconda del tipo di attività e dei fattori produttivi che s intende analizzare in

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-MAIL: MAIL@ITCGFERMI.IT PIANO DI LAVORO ECONOMIA

Dettagli

Analisi dei margini: componenti e rischi. Docente: Prof. Massimo Mariani

Analisi dei margini: componenti e rischi. Docente: Prof. Massimo Mariani Analisi dei margini: componenti e rischi Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Le principali componenti del reddito operativo i più importanti indici di redditività la leva operativa e finanziaria

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO RIEPILOGO ARGOMENTI I MODULO

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO RIEPILOGO ARGOMENTI I MODULO PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO RIEPILOGO ARGOMENTI I MODULO ESERCIZIO 1 CASO ZIPPO S.R.L. La ZIPPO SRL è un azienda che produce giocattoli per la prima infanzia. Il processo produttivo avviene in tre reparti

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Unità A Il bilancio d esercizio: significato e formazione

Unità A Il bilancio d esercizio: significato e formazione I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e p e r i S e r v i z i C o m m e r c i a l i Tu r i s t i c i A l b e r g h i e r i e d e l l a R i s t o r a z i o n e G. M a t t e o t t i 5 6 1 2 4 - P i s a

Dettagli

ESERCIZIO 1 CONFIGURAZIONI DI COSTO

ESERCIZIO 1 CONFIGURAZIONI DI COSTO ESERCIZIO 1 CONFIGURAZIONI DI COSTO Per la produzione del prodotto Beta sono stati sostenuti i seguenti costi: (valori in euro) COSTO MATERIE PRIME (UNITARIO) 10 TRASPORTO AL MAGAZZINO( PER UNITA') 2 ALTRI

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E.

RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E. RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E. La riclassificazione economica dello SP: La gestione dell impresa viene idealmente scomposta in aree omogenee di attività Le attività e le passività, i

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria Il caso Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria di Silvia Tommaso - Università della Calabria Nella scelta delle fonti di finanziamento, necessarie alla copertura del fabbisogno

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 Appunti di estimo Il fine economico dell imprenditore Le motivazioni che spingono un imprenditore ad avviare attività di impresa sono: Produrre beni e servizi,

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Introduzione... 2 Differenze fondamentali tra Contabilità Generale ed Analitica... 3 Classificazioni dei costi impiegate in Contabilità

Introduzione... 2 Differenze fondamentali tra Contabilità Generale ed Analitica... 3 Classificazioni dei costi impiegate in Contabilità Appunti di Economia Capitolo 10 Contabilità industriale Introduzione... 2 Differenze fondamentali tra Contabilità Generale ed Analitica... 3 Classificazioni dei costi impiegate in Contabilità Industriale...

Dettagli

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale n La Pianificazione n L Organizzazione n Il Coinvolgimento del Personale n Il Controllo Componenti del Sistema di Pianificazione n Valutazioni interne

Dettagli

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese.

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese. Modulo N: 01 TECNICA TURISTICA classe V L serale Prof. Franco Denominazione: Il Capitale Argomento: Teoria e pratica inerenti al capitale di un impresa in generale. sviluppare la capacità di comprensione

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista*

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista* 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 2 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 1 CONTROLLO G E S T I O N E FRANCO CELLINO Economista* I l controllo di gestione rappresenta uno dei momenti, o meglio il

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Metodi di calcolo dei costi di prodotto

Metodi di calcolo dei costi di prodotto Metodi di calcolo dei costi di prodotto Presentazione Ing. Cecilia Fariselli Da 23 anni nel settore dell Information Technology. Da oltre 10 anni gestione manageriale, organizzazione aziendale, operando

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

Obiettivi della lezione

Obiettivi della lezione Prezzo Obiettivi della lezione Analisi del prezzo come variabile marketing Il prezzo e la redditività aziendale Euro/kilo Oro 15000! Kg "! F22 Raptor 6500! Kg!! Branded Notebook 1000! Kg "! Fashion dress

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali Indice Obiettivi Architettura Rendiconto economico e Budget Personale Ammortamenti Break Even Point Cruscotto aziendale χ Budget Vendite χ Costi commerciali

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli