UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA MINISTERO DEL TESORO. Revisione di metà periodo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA MINISTERO DEL TESORO. Revisione di metà periodo"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA MINISTERO DEL TESORO Regiione Callabrriia Fondii Sttrrutttturrallii POR Calabria NN I TT PP OO A L L E G A T O 3 A n a ll ii s ii d e ll m e rr c a tt o d e ll ll a v o rr o ii n C a ll a b rr ii a Revisione di metà periodo 1

2 INDICE ANALISI DEI DATI SUL MERCATO DEL LAVORO IN CALABRIA IL CONTESTO SOCIO-ECONOMICO PRINCIPALI CARATTERISTICHE E CRITICITÀ DEL MERCATO DEL LAVORO CALABRESE IL LAVORO SOMMERSO IN CALABRIA I FABBISOGNI PROFESSIONALI DELLE IMPRESE IN CALABRIA LA DIMENSIONE D IMPRESA IN CALABRIA LA SITUAZIONE DEI LAVORATORI ANZIANI

3 ANALISI DEI DATI SUL MERCATO DEL LAVORO IN CALABRIA 1. IL CONTESTO SOCIO-ECONOMICO Il mercato del lavoro calabrese anche nel 2003 è quello che presenta le maggiori criticità a livello nazionale soprattutto in termini di disoccupazione e di occupazione. La rassegna dei principali indicatori aggregati evidenzia comunque come il mercato del lavoro calabrese, dopo aver sperimentato la forte contrazione tra il 1995 ed il , negli ultimi anni abbia vissuto una fase di ripresa lenta che si è manifestata in un miglioramento nei tassi di occupazione e di disoccupazione. Il miglioramento del mercato del lavoro locale, rispetto al quadro delineato nel POR, a partire dal 1999 è stato confermato da una crescita di unità dello stock di forza lavoro, anche se in leggera diminuzione rispetto al 2002 (tra il 2002 ed il 2003 la forza lavoro è diminuita di unità), e da un aumento nel numero degli occupati di unità ( unità solo dal 2002 al 2003); lo stock dei disoccupati è invece diminuito di oltre unità (quasi di unità solo dal 2002 al 2003), assestandosi su un valore di , di cui quasi il 52% (percentuale rimasta invariata dal 1999) costituito dalla componente femminile. Più dettagliamente, dall esame dei principali indicatori si evince quanto segue: 1. Il tasso di partecipazione in Calabria è passato dal 43,8% del 1999 al 44.8% del 2003 (tabella 3.1). Tale livello rimane inferiore di 4,3 punti percentuali rispetto alla media nazionale (49,1%). La partecipazione delle donne calabresi (31,8%) continua ad essere più elevata di quella media del Mezzogiorno (28,8%), mentre il tasso di partecipazione maschile pari al 58,5%, è invece inferiore di 1,7 punti percentuali rispetto alla media delle regioni meridionali (60,2%) (figura 3.1). La classe di età più critica risulta essere quella tra i 25 ed i 34 anni dove i tassi di partecipazione calabresi sono più bassi di quelli nazionali di 12,4 punti percentuali (figura 3.2). A livello provinciale (figura 3.3) nel 2003, l ambito teritoriale che presenta la situazione più difficile, con un tasso inferiore al 40%, si conferma Crotone, nonostante abbia conosciuto la crescita relativa più elevata nei tassi di attività rispetto al 1999; per contro, Vibo Valentia registra il tasso di attività più elevato (48,4%), unitamente ad una notevole crescita negli ultimi anni (di 4,2 punti percentuali rispetto al 1999; Reggio Calabria, che nel 1999 presentava il tasso più elevato (46,1%), ha visto un non trascurabile peggioramento (-1,7%); lievi miglioramenti o sostanziale stazionarietà sono ascrivibili alle province di Cosenza, che registra un tasso di partecipazione (45%) rimasto pressoché invariato rispetto al 1999 e Catanzaro, con un tasso del 45,6% aumentato di +1,6 punti percentuali rispetto al Il tasso di occupazione calabrese (figura 3.4) nel 2003 risulta pari al 34,3%, inferiore di ben 2 punti percentuali rispetto alla media meridionale (36,2%). Nel corso degli ultimi anni si è registrato un profilo di crescita costante che si è concretizzato in una variazione positiva di + 2,7 punti percentuali rispetto al Tale dinamica, sostanzialmente allineata a quella evidenziata 1 L analisi dei dati sul mercato del lavoro in Calabria contenuta nel POR documenta tra il 1995 ed il 1999 la perdita di oltre posti di lavoro, un calo dello stock di forze lavoro di oltre unità, ed un aumento dello stock di disoccupati di oltre 2000 unità; 3

4 a livello nazionale, non ha permesso di restringere il divario rispetto al valore medio italiano, rimasto attorno ai 10 punti percentuali. Disaggregando i tassi per età e per genere, si rileva che i tassi di occupazione femminili sono più alti nelle classi di età centrali (25-34 anni), ma contrariamente a quanto avviene nel Meridione, cominciano subito a decrescere (figura 3.5). Per quanto riguarda i maschi, invece, analogamente a quanto riscontrato nell andamento dei tassi di attività per età, i tassi di occupazione in Calabria sono inferiori a quelli del Sud per ogni classe di età. Sotto il profilo territoriale, le province di Catanzaro e di Vibo Valentia registrano variazioni positive rispetto al 1999 (figura 3.3) rispettivamente di +6 e +5,1 punti percentuali. I tassi di occupazione di Cosenza e di Crotone hanno conosciuto un incremento di quasi di 2 punti percentuali, mentre la provincia di Reggio Calabria, il cui tasso di tasso di occupazione nel 2003 è risultato pari al 32,2%, è cresciuta solo di 1 punto percentuale. 3. Il tasso di disoccupazione regionale nel 2003 si è assestato attorno al 23,4%, in calo rispetto al 1999 di oltre 4 punti percentuali (figura 3.6). Sia il tasso maschile che quello femminile sono marcatamente superiori alle medie nazionali (la differenza è di 21,7 punti percentuali per il tasso femminile e di 11 per quello maschile) e del Mezzogiorno (8 per quello femminile e 3,9 punti di differenza per il tasso maschile). Disaggregando i tassi di disoccupazione per età (figura 3.7), gli scostamenti maggiori tra i tassi di disoccupazione regionali e nazionali si rilevano per le classi di età giovanili, per cui il gap è in media di 27 punti percentuali circa (per gli under-35). Il divario di genere maggiore, inoltre, è ascrivibile alla classe tra i 25 ed i 44 anni, i cui tassi maschili e femminili si differenziano in media di ben 17 punti percentuali (il tasso di disoccupazione nella classe anni è del 42,7% per le donne e del 25,7% per gli uomini, nella classe anni è del 30% per le donne e del 12,1% per gli uomini). A livello provinciale, i tassi di disoccupazione più bassi si registrano nelle province di Catanzaro e di Cosenza, rispettivamente del 20,1% e del 21,9%. La provincia di Reggio Calabria invece, presenta non solo il tasso di disoccupazione medio più alto in Calabria (il tasso totale è del 27,5%), ma anche il tasso maschile (22%) più alto in assoluto, mentre il disagio maggiore per le donne si verifica nella provincia di Vibo Valentia, con un tasso di disoccupazione che raggiunge il 37,8%. Il miglioramento dei livelli di disoccupazione ha interessato, seppure in misura differenziata, tutte le province calabresi ad eccezione di Crotone, che contrariamente ha visto crescere il tasso di 5,3 punti percentuali (figura 3.6). 4. Un altro indicatore interessante da considerare nell esame del mercato del lavoro è rappresentata dalla popolazione inattiva disponibile a lavorare, disaggregabile nei due sottoinsiemi forza lavoro potenziale e popolazione disposta a lavorare a particolari condizioni 2 (figura 3.8). La dinamica delle due componenti dal 1999 ad oggi evidenza un aumento delle forze di lavoro potenziali (figura 3.8). Questo fenomeno potrebbe costituire un segnale abbastanza incoraggiante: gli inattivi in età da lavoro si stanno avvicinando al mercato del lavoro regolare, forse attratti dal miglioramento generalizzato del mercato del lavoro, dal rinnovato contesto normativo istituzionale (introduzione del credito d imposta; Legge Tremonti) a vantaggio della neo-imprenditorialità calabrese 3. 2 La forza lavoro potenziale comprende quegli individui che, possono essere considerati partecipanti non attivi al mercato del lavoro ovvero una forza lavoro che presumibilmente entra ed esce dal mercato del lavoro in relazione all andamento ciclico. La popolazione disposta a lavorare a determinate condizioni comprende quegli individui la cui scelta di partecipare al mercato del lavoro è legata a situazioni individuali che sembrerebbero trovare uno sbocco privilegiato nell offerta di lavoro nero. Questo aggregato può quindi offrire una stima del numero di persone coinvolte nel sommerso in Calabria. 3 Si veda anche la sezione sul lavoro sommerso 4

5 . In conclusione, dall analisi degli indicatori aggregati emerge un quadro che pur continuando ad essere fortemente critico continua a presentare leggeri miglioramenti anche nel Tutti gli indicatori aggregati, che hanno sperimentato una evidente dinamica peggiorativa per tutti gli anni 90 (soprattutto il tasso di disoccupazione), dal 1999 ad oggi hanno ripreso a migliorare. Nel 2003, rispetto al 1999, è infatti diminuito di 4,6 punti percentuali il tasso di disoccupazione (passato dal 28% nel 1999, al 23,4% nel 2003) ed è aumentato di 2,7 punti percentuali il tasso di occupazione (da 31,6% nel 1999 al 34,3% nel 2003). E inoltre aumentato, anche se solo leggermente, il tasso di attività. La performance migliore nel 2003 è quella della provincia di Catanzaro che presenta non solo dei livelli di partecipazione e di occupazione relativamente elevati, ma anche un fenomeno di disoccupazione più contenuto rispetto alle altre province calabresi. Tra il 1999 ed il 2003 la provincia di Catanzaro presenta anche un più accentuato miglioramento, riuscendo a diminuire il suo tasso di disoccupazione di ben 9,6 punti percentuali. Segue la provincia di Vibo Valentia, che ha sperimentato un aumento significativo sia nei tassi di partecipazione (+4,2 punti percentuali) che di occupazione (+5,1 punti percentuali). La provincia che presenta la situazione più difficile nel 2003, con un tasso di attività e di occupazione inferiore alla media regionale, è Crotone, che si conferma fortemente marginale nel panorama economico regionale. 5

6 Tabella 3.1 Mercato del Lavoro in Calabria (tassi percentuali) Maschi Femmine Totali Tassi di Attività (1) Tassi Disoccupaz. di Tassi Occupazione (1) di Tassi Attività (1) di Tassi di Disoccupaz. Tassi Occupazione (1) di Tassi Attività (1) di Tassi di Disoccupaz. Tassi Occupazione (1) di ,7 18,3 47,3 30,5 32,3 20,5 43,7 23,3 33, ,8 21,1 55,9 30,6 40,5 18,2 43,8 28,0 31, ,6 18,1 48,0 32,3 35,7 20,8 45,1 24,6 34, ,5 17,7 48,2 31,8 33,3 21,2 44,8 23,4 34,3 Elaborazioni IRS su dati Istat, Forze di lavoro, serie revisionate (1) Calcolati sulla popolazione di età superiore ai 15 anni 6

7 Figura 3.1 Tassi di attività maschili, femminili e totali -Calabria, Mezzogiorno, Italia, Tassi di attività maschili 65,0 55,0 45,0 35,0 25, Tassi di attività femminili 65,0 55,0 45,0 35,0 25, Tassi di attività totali 65,0 55,0 45,0 35,0 25, I tassi di attività sono calcolati come rapporto tra le forze lavoro e la popolazione di età superiore ai 15 anni. Elaborazioni su dati Istat Forze di lavoro, serie revisionate 7

8 maschi femmine Calabria ITALIA Centro Calabria ITALIA Centro Figura 3.2 Tassi di attività per sesso e classi di età Calabria, Italia, Mezzogiorno maschi femmine Fonti: Elaborazioni su dati Istat, forze di lavoro 8

9 Figura 3.3 Tassi di attività occupazione e disoccupazione provinciali 2003 e variazione dei tassi nel periodo Tassi di attività maschili e femminili, 2003 Cosenza Catanzaro Reggio Calabria Crotone Vibo Valentia 6,0 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0-1,0-2,0-3,0 Tassi di attività provinciali, Calabria -confronto 1999/2003- CALABRIA Cosenza Catanzaro Reggio Calabria Crotone Vibo Valentia Maschi Femmine Maschi Femmine Tassi di occupazione maschili e femminili, 2003 Fonti: elaborazioni CALABRIAIRS su dati Cosenza Istat, forze Catanzaro di lavoro, serie Reggio revisionate Calabria Crotone Vibo Valentia Tassi di occupazione provinciali, Calabria confronto 1999/2003 CALABRIA Cosenza Catanzaro Reggio Calabria Crotone Vibo Valentia uomini donne uomini donne 35,0 25,0 15,0 5,0 Tassi di disoccupazione maschili e femminili, 2003 CALABRIA Cosenza Catanzaro Reggio Calabria Crotone Vibo Valentia Tassi di disoccupazione provinciali, Calabria confronto 1999/2003 CALABRIA Cosenza Catanzaro Reggio Calabria Crotone Vibo Valentia uomini donne uomini donne (1) I tassi di attività ed occupazione sono calcolati come rapporto tra le forze lavoro e la popolazione di età superiore ai 15 anni. 9

10 Figura 3.4 Tassi di occupazione maschili, femminili e totali -Calabria, Mezzogiorno, Italia, Tassi di occupazione maschili 55,0 45,0 35,0 25,0 15, Tassi di occupazione femminili 55,0 45,0 35,0 25,0 15, Tassi di occupazione totali 55,0 45,0 35,0 25,0 15, I tassi di occupazione sono calcolati come rapporto tra gli occupati e la popolazione di età superiore ai 15 anni. Elaborazioni su dati Istat Forze di lavoro, serie revisionate 10

11 Figura 3.5 Tassi di occupazione per sesso e classi di età Calabria, Italia, Mezzogiorno maschi femmine Fonti: Elaborazioni su dati Istat, forze di lavoro 11

12 Figura 3.6 Tassi di disoccupazione maschili, femminili e totali -Calabria, Mezzogiorno, Italia, ,0 Tassi di disoccupazione maschili 35,0 25,0 15,0 5, Tassi di disoccupazione femminili 45,0 35,0 25,0 15,0 5, Tassi di disoccupazione totali 45,0 35,0 25,0 15,0 5, Elaborazioni su dati Istat, Forze di lavoro, serie revisionate 12

13 Figura 3.7 Tassi di disoccupazione per sesso e classi di età Calabria, Italia, Mezzogiorno maschi femmine Fonti: Elaborazioni su dati Istat, forze di lavoro 13

14 Figura 3.8 Popolazione inattiva disponibile a lavorare - Calabria 1995/ uomini Forze di lavoro potenziali vorrebbero lavorare o immediatamente disponibili a particolari condizioni 100 donne Forze di lavoro potenziali vorrebbero lavorare o immediatamente disponibili a particolari condizioni Elaborazioni su dati Istat, forze di lavoro, serie revisionate 2. PRINCIPALI CARATTERISTICHE E CRITICITÀ DEL MERCATO DEL LAVORO CALABRESE Nel 2003 il mercato del lavoro calabrese è caratterizzato da una popolazione e conseguentemente una forza lavoro piuttosto giovane e con livelli d istruzione relativamente elevati. In particolare, nel 2003 il 46,2% del totale della popolazione in Calabria (il 41,3% in Italia) ed il 37% della forza lavoro calabrese (il 38% in Italia) ha meno di 35 anni. Rispetto al 2002, come a livello nazionale, è leggermente diminuita la percentuale di giovani che partecipano al mercato del lavoro, passata dal 37,8% nel 2002 al 36,9% nel Per quanto riguarda i livelli d istruzione, le persone in possesso di almeno un diploma superiore in Calabria ammontano nel 2003 a unità ( in più rispetto al 1999, e ben in più rispetto al 2002) corripondenti al 28,9% della popolazione complessiva, contro il 30,1% del Centro-Nord ed il 27,4% del Mezzogiorno. Nel periodo compreso tra il 1999 ed il 2003 è diminuito nel contesto regionale del 15,1% la percentuale di individui appartenenti alla forza lavoro con bassi titoli di studio ovvero con al massimo la licenza elementare (la percentuale di forza lavoro è passata dal 17,4% nel 1999, al 14,8% nel 2003), mentre sono aumentati del 4,6% 14

15 la percentuale degli occupati e delle persone in cerca di occupazione laureate e del 7,8% di quelle aventi almeno il diploma di maturità (nel 1999 l 11,5% della forza lavoro era laureata ed il 33% diplomata, nel 2003 le percentuali sono rispettivamente del 12% e del 35,6%). I divari tra i tassi di attività calabresi e quelli di altri ambiti territoriali - rispetto alla media del Centro-Nord, differenze di circa 11 punti percentuali - permangono elevati soprattutto per le persone in possesso di titoli di studio medi (diploma di maturità o qualifica senza possibilità di accesso all istruzione universitaria). Divari meno consistenti si rilevano invece in relazione agli individui in possesso di un titolo universitario, dove il tasso di attività sia maschile che femminile si attesta sull 80%, mentre risultano leggermente più elevati in Calabria (+1,8 punti percentuali), sempre rispetto alle regioni del Centro-Nord, i tassi di coloro che hanno bassissimi livelli di istruzione. Nonostante la positività di questi dati, i tassi di attività calabresi (soprattutto femminili) rimangono molto bassi rispetto al Centro Nord (-8 punti percentuali) per tutti i titoli di studio, ma soprattutto in corrispondenza di titoli di studio medi (diploma di maturità o qualifica senza possibilità di accesso all istruzione universitaria) dove i tassi si discostano di circa 11 punti percentuali. Le differenze minori si rilevano invece in relazione agli individui in possesso di un titolo universitario, dove il tasso di attività sia maschile che femminile si attesta sull 80% (figura 3.9), mentre risultano leggermente più elevati in Calabria (+1,8 punti percentuali), sempre rispetto alle regioni del Centro-Nord, i tassi di coloro che hanno bassissimi livelli di istruzione. 15

16 Figura 3.9 Tassi di attività maschili e femminili per titolo di studio uomini Titolo universitario Maturità Qualifica senza accesso Licenza Media Licenza elementare/ Nessun titolo Calabria Centro-Nord Mezzogiorno - donne Titolo universitario Maturità Qualifica senza accesso Licenza Media Licenza elementare/ Nessun titolo Calabria Centro-Nord Mezzogiorno Elaborazioni su dati Istat, Forze di lavoro, serie revisionate Un occupazione profondamente terziarizzata ed esigenze di flessibilità per un sistema industriale in via di sviluppo. Dal 1999 il sistema produttivo calabrese ha intrapreso una dinamica di crescita che ha investito soprattutto i settori dei servizi e l agricoltura, su cui tradizionalmente si basa il sistema economico regionale (l agricoltura assorbe infatti il 12,8% dell occupazione contro il 3,5% del Centro-Nord, il terziario il 67% contro il 62% del Centro Nord). Dopo la riduzione di oltre occupati fra il 1995 ed il 1999, nel 2003 rispetto al 1999, i nuovi occupati sono di cui donne: unità sono state assorbite dal settore agricolo, (circa , donne), dal terziario (servizi privati e pubblica amministrazione). 16

17 In particolare, nel 2003 la P.A comprende addetti (di cui il 71,2% sono di sesso maschile) 4. Questa ripresa economica ha avuto ovviamente dei riflessi sulla domanda di lavoro, che è aumentata nei settori a maggior crescita, dirigendosi verso profili direttivi-quadri, impiegatizi ed operai. Gli operai ed assimilati, in crescita del 10,9% (di oltre unità di cui uomini) rispetto al 1999, assorbono il 39% dell occupazione maschile ed il 27,6% della femminile. I direttivi-quadri sono aumentati di oltre unità (di cui quasi donne) e assorbono il 30% dell occupazione maschile ed il 49,5% della femminile). Degli oltre occupati calabresi nel 2003, sono dipendenti (in crescita di circa unità rispetto al 1999). Le caratteristiche del sistema produttivo regionale rendono molto comune l utilizzo del part-time e del lavoro dipendente temporaneo: tra il 1999 ed il 2003, i dipendenti temporanei sono cresciuti di circa unità con un incidenza sull occupazione dipendente del 18% circa (contro il 10% nazionale e l 8% del Centro-Nord). Gli occupati parttime sono invece cresciuti di oltre unità (di cui oltre donne) assorbiti per il 52% dai servizi e per il 30% dall industria (figura 3.10); l incidenza del part-time è relativamente elevata anche sull occupazione complessiva maschile che in Calabria è pari al 5,5%, più elevata rispetto alle medie nazionale (3,2%), del Centro Nord (2,8%) e del Mezzogiorno (3,9%). 4 Per un approfondimento si veda il paragrafo relativo alla dimensione d impresa in Calabria 17

18 Figura 3.10 Composizione settoriale (%) dell'occupazione - uomini e donne ,5 46,1 50,3 26,3 12,8 8,4 3,5 Agricoltura 7,1 13,5 Trasformazione industriale 11,8 7,5 Costruzioni 1,0 0,9 altre attività industriali 1,1 16,8 15,7 16,7 Commercio altre attività del terziario Calabria Centro-nord Mezzogiorno Elaborazioni su dati Istat, forze di lavoro, serie revisionate Composizione settoriale (%) dell'occupazione - uomini e donne ,3 50,6 46,1 12,3 8,7 3,5 Agricoltura 7,6 26,5 13,3 Trasformazione industriale 11,2 7,2 Costruzioni 1,10,91,1 altre attività industriali 16,4 15,6 16,3 Commercio altre attività del terziario Calabria Centro Nord Mezzogiorno Continuano i segnali di miglioramento della disoccupazione in Calabria, anche se permangono criticità. I disoccupati tra il 1999 ed il 2003 sono diminuiti di oltre unità (quasi di unità solo dal 2002 al 2003), assestandosi su un valore di ; la disoccupazione anche nel 2003 è prevalentemente femminile e giovanile, e riguarda livelli d istruzione elevati (anche se in leggero calo), il 52% dei disoccupati sono donne (la percentuale è rimasta invariata dal 1999); circa persone in cerca di occupazione nel 2003 di cui di sesso femminile, sono in possesso di almeno un diploma di maturità; nel 2003 gli uomini in possesso di almeno un diploma di maturità sono rimasti stabili al 41,4% dei disoccupati (contro il 41,7% del 1999), mentre la quota di disoccupate in possesso di un diploma o di un titolo universitario è cresciuta dal 45,6% del 1999 al 46% del 2003 (tabella 3.2). 18

19 Tabella 3.2 Composizione della disoccupazione per titolo di studio uomini titolo universitario Maturità Qualifica senza accesso Licenza media Elementare Totale valori assoluti migliaia composizione % valori assoluti - migliaia composizione % valori assoluti - migliaia composizione % donne titolo universitario Maturità Qualifica senza accesso Licenza media Elementare Totale valori assoluti migliaia composizione % valori assoluti migliaia composizione % valori assoluti migliaia composizione % Elaborazioni su dati Istat, forze di lavoro, serie revisionate Tra il 1999 ed il 2003 si è verificato anche un certo miglioramento nelle condizioni occupazionali dei giovani, che rimangono comunque molto critiche: la disoccupazione (specialmente femminile) si è spostata verso le classi di età più avanzate: il numero di disoccupati di età compresa tra i 15 ed i 34 anni è diminuito di circa unità (di cui oltre donne) mentre i disoccupati con più di 35 anni sono aumentati del 3,3% (le donne del 6,1%), passando dai disoccupati over-35 del 1999 ai del 2003; tuttavia il tasso di disoccupazione per la classe nel 2003 è ancora elevatissimo: pari al 56,7%, più del doppio della media nazionale e circa 8 punti percentuali superiore alla media del Mezzogiorno, anche se in calo di 9,5 punti percentuali rispetto al Il calo è stato significativo soprattutto per le donne (-10,6 punti percentuali rispetto al 1999) la cui situazione rimane comunque negativa; il tasso di disoccupazione femminile per la classe di età è pari al 64,2% (era del 69,9% solo nel 2002), più del doppio del dato nazionale (30,9%) e di 6 punti superiore alla media del Mezzogiorno (58,3%); la disoccupazione regionale mantiene una preoccupante connotazione di lungo periodo 5 : il 57,6% delle donne nel 2003 è in cerca da più di 12 mesi contro il 57,3% dell Italia ed il 67,1% del Mezzogiorno. La durata della disoccupazione (maschile e femminile) è inoltre indipendente dall età in quanto la quota di disoccupazione di lunga durata in Calabria è 5 Peraltro condivisa a livello nazionale, dove nel 2003 il 57.5% dei disoccupati è in cerca di occupazione da più di 12 mesi. 19

20 simile per gli under e gli over 25: supera il 60% per gli under 25 ed è del 57,3% per quelli di età superiore ai 25 anni. Il quadro delineato da questa analisi non si discosta in maniera significativa da quanto rilevato all inizio della programmazione ; dopo la fase di contrazione verificatasi nel mercato del lavoro nel quinquennio , il miglioramento del mercato del lavoro nel periodo , oltre ad aver causato un incremento dei tassi e dei livelli di partecipazione ed occupazione, ha anche condotto ad un netto abbassamento della disoccupazione, specialmente giovanile. Nonostante l evidente miglioramento degli indicatori nell ultimo triennio, il mercato del lavoro Calabrese si presenta in condizioni indubbiamente negative, specialmente quando raffrontato alle medie nazionali. I tassi di attività, occupazione e disoccupazione indicano che dal 1999 ad oggi: sono aumentate le opportunità occupazionali grazie allo sviluppo del settore dei servizi e dell agricoltura, su cui tradizionalmente si basa il sistema economico calabrese. È leggermente migliorato il profilo di partecipazione al mercato del lavoro: è aumentata in particolare la forza lavoro potenziale cioè quella popolazione in età che si trova sul confine fra partecipazione ed inattività; È diminuita la disoccupazione giovanile e femminile, che rimane comunque estremamente elevata. Questi miglioramenti del resto sembrano aver riguardato soprattutto le province di Catanzaro e Vibo Valentia, con il rischio di accentuare anche le disparità interne alla regione rispetto ad aree fortemente marginali come la provincia di Crotone. Anche nel 2003 sembrano quindi essere presenti quei fattori di criticità che erano stati rilevati all inizio della programmazione e che sono profondamente legati al permanere di una forte arretratezza socio-economica nei confronti del Centro-Nord e del resto d Europa: I livelli ed i tassi di partecipazione ed occupazione regionali continuano ad essere bassi, non solo rispetto alla media nazionale e del Centro Nord, ma anche rispetto alla media del Mezzogiorno. Nonostante il miglioramento del sistema economico regionale sembri aver causato un aumento nel tasso di creazione di posti di lavoro, l elevata mortalità imprenditoriale in Calabria non crea particolari garanzie che tale processo possa portare ad un aumento stabile nell occupazione. I livelli ed i tassi di disoccupazione continuano ad essere molto elevati; il fenomeno della disoccupazione è profondamente legato alla fase di ingresso nel mercato del lavoro e rischia di protrarsi anche per periodi medio lunghi. la disoccupazione giovanile è molto radicata nel contesto regionale così come quella femminile; in crescita anche il fenomeno della disoccupazione intellettuale, a fronte di una domanda di lavoro poco qualificata; La presenza di una forte componente irregolare nell attività economica regionale inosservabile e difficilmente quantificabile; i dati ufficiali di cui disponiamo offrono un quadro parziale del mercato del lavoro e delle dinamiche produttive regionali a meno di un interpretazione che tenga conto del peso rilevante dell informal sector. 20

21 3. IL LAVORO SOMMERSO IN CALABRIA La debolezza del sistema produttivo delle regioni meridionali, e della Calabria in particolare, che si manifesta come effetto macroscopico in un elevatissimo tasso di disoccupazione, è positivamente correlata alla nascita ed allo sviluppo di forme consistenti di economia sommersa. Il sommerso calabrese è strutturalmente diverso dal sommerso che si ritrova in altre aree del paese (ad. es. le regioni Nord-Est). La motivazione che spinge le imprese verso forme di lavoro non regolare non è semplicemente legata all evasione di un obbligo contributivo, ma costituisce spesso l unica forma possibile per mantenere in vita un attività che altrimenti non potrebbe sopravvivere alla competizione. Quindi l economia sommersa in Calabria, più che una forma patologica di economia ufficiale, potrebbe essere definita come una forma fisiologica che coinvolge interi contesti territoriali e interi settori economici: alcune volte sono intere imprese che operano in forma sommersa, altre volte sono delle imprese che mantengono sommersa una parte più o meno cospicua della loro attività. La quantificazione di questi fenomeni è estremamente complessa e risulta particolarmente difficile se basata sulle sole statistiche ufficiali del mercato del lavoro. È spesso necessario far ricorso alle fonti statistiche di tipo amministrativo (INPS, INAIL) e ad indagini sul campo per riuscire a stimare, anche solo in maniera parziale ed inesatta, questi fenomeni. Proprio sulla base dei dati INPS, tra il 1999 ed il 2001 è stato rilevato un deciso incremento nel numero di unità locali e nel numero di dipendenti. Questo fenomeno, non sembra ricollegabile ad un elevata natalità imprenditoriale nell ultimo triennio, bensì rappresenta un primo rilevante indicatore di emersione di realtà microimprenditoriali 6. L Eurispes stima che nel 2000 la Calabria avrebbe prodotto una ricchezza nascosta pari a milioni di Euro, circa il 38% del Pil regionale grazie a quasi 298 milioni di ore di lavoro: Cosenza, con milioni Euro annui, risulta la provincia calabrese con il più alto livello di ricchezza nascosta. Secondo l Eurispes, il lavoro sommerso in Calabria presenta inoltre caratteristiche strutturalmente diverse dal resto d Italia, configurandosi come modalità di lavoro a carattere continuativo che coinvolge principalmente, disoccupati, cassaintegrati, giovani in cerca di prima occupazione ed immigrati. I dati Istat relativi alle unità di lavoro (ULA) 7 in Italia nel 1999 ci dicono che in Calabria sono presenti oltre ULA non regolari, pari all 11% delle ULA non regolari presenti nel Mezzogiorno. La rilevanza del lavoro sommerso nel panorama occupazionale regionale si coglie meglio dall analisi dei tassi di irregolarità 8 : il tasso di irregolarità calabrese nel 1999 è pari al 27,8%, l incidenza regionale più alta in Italia, nettamente superiore a quella del Mezzogiorno (22,6%). Il settore che presenta il tasso di irregolarità più elevato e quello agricolo (30%) seguito dal terziario (17%) e dalle costruzioni (16%); relativamente bassa invece l incidenza nell industria in senso stretto (5%). Tra il 1995 ed il 1999 il fenomeno del lavoro sommerso sembra aver registrato in Calabria una leggera contrazione, che si contrappone alla crescita registrata nel Mezzogiorno ed a livello nazionale: nel 1999 il numero indice (base 1995=100) delle ULA non regolari in Calabria è pari a 95,2 contro il 111,2 del Mezzogiorno ed il Vedi anche il paragrafo sulla dimensione d impresa in Calabria 7 sono definite regolari le prestazioni lavorative svolte da lavoratori dipendenti e indipendenti, rilevate dalle indagini statistiche presso le imprese e le istituzioni e/o dalle fonti amministrative. Sono definite non regolari le prestazioni lavorative svolte senza il rispetto della normativa vigente in materia fiscale contributiva (comprensive anche di quelle degli stranieri non residenti e non registrati), quindi non osservabili direttamente presso le imprese, le istituzioni e le fonti amministrative. 8 Incidenza percentuale delle unità di lavoro non regolari sul totale delle unità di lavoro. 21

22 nazionale. Questo calo nelle ULA non regolari può essere per gran parte dovuto alla contrazione generalizzata sperimentata dall economia regionale in questi anni piuttosto che ad un effettiva diminuzione del sommerso. 22

23 4. I FABBISOGNI PROFESSIONALI DELLE IMPRESE IN CALABRIA Dall indagine Excelsior sulle previsioni di assunzione per il 2003 emerge con chiarezza come la domanda di professioni espressa dalle imprese calabresi sia fortemente condizionata da un tessuto produttivo prevalentemente concentrato sui comparti terziario e agricolo, dirigendosi prevalentemente verso profili giovani, con un titolo di studio medio-basso. La tabella B2.1 mostra che oltre il 53% delle assunzioni previste per il 2003 sono nel terziario (commercio, servizi e studi professionali); il settore delle costruzioni assorbirebbe il 26,7% circa delle assunzioni mentre appena il 19% dei nuovi inquadramenti dovrebbe essere assunto nel comparto industriale. I profili più ricercati sono quelli adatti a svolgere mansioni legate alla vendita ed all offerta di servizi (19,4%), operai specializzati (33% circa) e personale non qualificato (14% circa). Nel valutare questi dati bisogna tenere presente che l indagine Excelsior non considera i fabbisogni professionali delle imprese agricole e della Pubblica Amministrazione a cui è ascrivibile una quota importante della domanda di lavoro regionale. Per tale motivo potrebbe risultare sottostimata la domanda diretta verso profili con una qualifica bassa ( personale non qualificato e lavoratori specializzati nell agricoltura e nella pesca non superano il 14% delle assunzioni totali) e soprattutto medio/alta (le categorie dirigenti e direttori e professioni intellettuali coinvolgono meno del 4% degli inquadramenti). Le figure ricercate dalle imprese sono di basso profilo dal punto di vista del titolo di studio richiesto e della posizione professionale che dovrebbero andare ad occupare (Tabella B2,2 e B2.3): il 58,5% delle previsioni di assunzione riguarda individui in possesso di una licenza media, mentre solo per il 3,1% delle assunzioni previste è richiesto un titolo universitario (laurea o diploma universitario). Il 78% delle assunzioni dovrebbe riguardare posizioni da operai e apprendisti ed il restante 21% funzioni impiegatizie. La domanda di lavoro si rivolge prevalentemente verso i giovani: il 54,7% dei profili ricercati ha meno di 35 anni, anche se per una quota rilevante delle assunzioni (31%) l età non è considerata un fattore importante. Infine la tipologia contrattuale più utilizzata è il tempo indeterminato (nel 63% dei casi); seguono il tempo determinato ed il contratto di formazione e lavoro (abolito, solamente per il settore privato, dalla recente riforma del mercato del lavoro). 23

24 Tabella B2.1 - Previsioni di assunzioni 2003 per professione e settore in Calabria Dirigenti direttori e Professioni intellettuali scientifiche e di elevata specializzazione Professioni tecniche Professioni esecutive relative all'amministrazione e alla gestione Professioni relative alle vendite ed ai servizi per le famiglie Lavoratori specializzati nell'agricoltura e nella pesca Operai specializzati Conduttori impianti, operatori macchinari operai montaggio industr. e Personale non qualificato Totale composiz ione % Industria ,9 Costruzioni ,7 Commercio ,1 Servizi ,0 Studi professionali ,4 TOTALE composizione % 0,11 3,23 8,54 8,70 19,38 0,45 32,75 12,97 13, Fonte: elaborazioni Irs su dati Excelsior Tabella B2.2 - Previsioni di assunzioni 2003 per titolo di studio e classi di età in Calabria Sino a 25 anni Da 26 a 35 anni Oltre 35 anni Non rilevante TOTALE composizione % Licenza scuola media ,5 Formazione professionale ,8 Qualifica professionale ,8 Diploma superiore ,9 Diploma universitario ,2 Laurea ,9 TOTALE composizione % 27,4 37,3 3,4 31,8 10 Fonte: elaborazioni Irs su dati Excelsior Tabella B2.3 - Previsioni di assunzioni 2003 per inquadramento e tipologia contrattuale in Calabria Assunti a tempo indeterminato Assunti a tempo determinato Assunti con CFL Assunti apprendisti Assunti altri contratti Assunti part-time Totale assunti composizione % Dirigenti ,1 Impiegati e quadri ,3 Operai e apprendisti ,6 TOTALE composizione % 63,7 15,7 10,1 9,2 1,3 7,0 10 Fonte: elaborazioni Irs su dati Excelsior 24

25 5. LA DIMENSIONE D IMPRESA IN CALABRIA I dati INPS sull attività imprenditoriale in Calabria segnalano una realtà economica in fase di espansione per la presenza crescente di forme di microimprenditorialità nel terziario. In base a questi dati tra il 1999 ed il 2001, il numero d imprese in regione è cresciuto di 1241 unità ed il numero di dipendenti è aumentato di quasi unità. Questo fenomeno non sembrerebbe essere connesso ad una natalità imprenditoriale improvvisamente elevata, specialmente in una fase congiunturale dell economia che tra il 1999 ed il 2001 non è stata molto positiva. Più plausibile invece l ipotesi di un lento processo di regolarizzazione di imprese che hanno sempre operato ai margini del sistema economico. Dai dati INPS emerge con chiarezza una struttura dimensionale delle imprese calabresi dominata dalla microimprenditoria di tipo artigianale; nel 2002 il 78% delle imprese calabresi hanno da 1 a 4 persone alle dipendenze ed il 59% dei dipendenti è impiegato in imprese con meno di 15 persone. Tra il 1999 ed il 2001 Il ruolo della microimprenditoria si è ulteriormente rafforzato a danno delle imprese di dimensioni medio-grandi. Il peso delle tre classi dimensionali minime (da 1 a 4, da 5 a 10, da 11 a 15) sull occupazione regionale è aumentato di circa 5 punti percentuali, mentre è evidente un certo indebolimento della quota relativa alle classi dimensionali superiori ai 1000 dipendenti passata dall 8% del 1999 al 4,2% del Dal punto di vista settoriale, le imprese calabresi appartengono soprattutto al ramo commercio, arti e professioni ( unità locali nel 2001); il 28% delle imprese (8.194 unità) sono imprese artigiane mentre il 20% delle imprese sono industriali (6044 unità). Scendendo nel dettaglio delle microimprese da 1 a 4 dipendenti, nel triennio la quota di imprese artigiane è cresciuta di 2 punti percentuali, a scapito di quelle industriali. 25

26 6. LA SITUAZIONE DEI LAVORATORI ANZIANI In Calabria, la situazione nel mercato del lavoro delle persone tra i 55 e 64 anni non appare critica se confrontata con i dati relativi alle altre fasce di età, anche se ancora lontana dagli obiettivi di piena occupazione fissati a livello europeo. Nel 2003, il tasso di occupazione per questa fascia di età è infatti pari al 36,1% rispetto al 30,3% a livello nazionale), quello di disoccupazione al 10,3% (rispetto al 23,4% complessivo). Questo risultato è tuttavia determinato dalla minore partecipazione al mercato del lavoro che caratterizza questa fascia di età: il tasso di attività per i 55-64enni è infatti pari al 40,2% (Tabella B4.1; per i valori medi regionali si veda la tabella 3.2). La bassa partecipazione è rilevante soprattutto nel caso delle donne: solo una donna su cinque tra i 55 ed i 64 anni confluisce tra le forze di lavoro, e di queste il 14,4% sono disoccupate. Per quanto riguarda la componente maschile, il tasso di attività si attesta nel 2003 al 58,2%, a fronte di un tasso di occupazione del 53,2% e di disoccupazione dell 8,6%. In generale, dall avvio del POR sia la partecipazione che l occupazione dei lavoratori anziani sono aumentate, grazie alla dinamica registrata dalla componente femminile. Nel periodo considerato, infatti, l occupazione dei lavoratori anziani è significativamente cresciuta tra le donne del 33,2%, mentre nel caso degli uomini è rimasta stazionaria (+0,1%). A prescindere dal genere, si è ridotta l occupazione delle persone con bassi titoli di studio, determinando anche per questa fascia d età un progressivo innalzamento del livello d istruzione medio degli occupati. Nel 2003, tuttavia, oltre la metà dei lavoratori occupati tra i 55 ed i 64 anni hanno ancora solo il titolo di studio della scuola dell obbligo; i diplomati costituiscono il 27,7%, mentre i laureati raggiungono il 12,5%. In media, le donne occupate sono più istruite degli uomini, confermando il ruolo centrale del capitale umano nel determinare le scelte di partecipazione e permanenza delle donne nel mercato del lavoro (Tabella B4.2). Tabella B4.1 Situazione sul mercato del lavoro degli individui anziani (55-64 anni) Totale Maschi Femmine Tassi di: attività occupazione disoccupazione Fonte: elaborazioni Irs su dati Istat, Forze di Lavoro (Serie Revisionate) Tabella B4.2 Occupazione per sesso e titolo di studio, individui anni, 2003 Totale Maschi Femmine (a) (b) (a) (b) (a) (b) Laurea e dottorato Scuola superiore Scuola dell'obbligo Nessun titolo di studio Totale (a) composizione % nel 2003 (b) variazione % Fonte: elaborazioni su dati Istat, Forze di Lavoro (Serie Revisionate) POR Calabria Allegato III - Mercato del Lavoro Pagina 26

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principali facoltà che preparano gli ADDETTI AL FRONT OFFICE

Dettagli

sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006

sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006 sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006 A cura di: Flavio Necchi, Paolo Mariani, Biancamaria Zavanella, Paolo Pavanati Elaborazioni

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop Note e commenti n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop 1 L analisi sullo stock fa riferimento al totale delle imprese (coopera ve e non) a ve al 31 Dicembre

Dettagli

D. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata i

D. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata i D. i La Tabella 1 illustra le previsioni concernenti, il quadro economico e del mercato del lavoro con riferimento al settore. Il valore aggiunto totale aumenterà dell 8,5% dal 2014 al 2018, passando da

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Appunti APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Sono 54 mila i giovani in apprendistato, pari al 15% degli occupati tra i 15 e i 9 anni d età. Nel biennio 009-010 si è registrato un calo complessivo

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 213 In breve Nel I trimestre 213 permangono le criticità del mercato del lavoro lombardo. Il quadro ancora negativo dell economia

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Risultati dell Indagine Excelsior realizzata dal sistema camerale sulla domanda di lavoro delle imprese per l anno 2010 Servizio Documentazione

Dettagli

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA Presentazione dei dati del 4 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA 1 Nell ormai consueto

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il valore aggiunto prodotto dall industria cartaria e della stampa rappresenta l 1 per cento del Pil italiano.

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Centro Studi Unindustria & CSC Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Novembre 2013 SOMMARIO L Indagine Occupazione Assenze Retribuzioni 1 L Indagine Imprese associate al Sistema Confindustria Struttura

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro Provincia di LECCO POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro IL LAVORO RIPARTE? Marzo 2014 Il rapporto di ricerca

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 21 In breve Il quadro del mercato del lavoro lombardo rimane nel complesso debole, sebbene con qualche segnale di miglioramento.

Dettagli

K. Attività finanziarie e assicurative i

K. Attività finanziarie e assicurative i K. i La Tabella 1 illustra le previsioni concernenti, il quadro economico e del mercato del lavoro con riferimento al settore. Il valore aggiunto totale aumenterà del 6,0% dal 2014 al 2018, passando da

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE Anno 2014 Parma, giugno 2015 A cura di OSSERVATORIO ECONOMICO UFFICIO STUDI Introduzione La prima edizione dell indagine sull occupazione condotta dell Unione Parmense degli

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

CHIMICO CLINICO FORENSE E DELLO SPORT STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

CHIMICO CLINICO FORENSE E DELLO SPORT STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? CHIMICO CLINICO FORENSE E DELLO SPORT STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale facoltà che prepara i CHIMICI FORENSI è Scienze

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Obiettivo della esposizione Fornire (attingendo alle diverse fonti) le principali informazioni sulle dinamiche occupazionali

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO: SOGGETTI, IMPRESE E TERRITORI CAPITOLO 4

MERCATO DEL LAVORO: SOGGETTI, IMPRESE E TERRITORI CAPITOLO 4 MERCATO DEL LAVORO: SOGGETTI, IMPRESE E TERRITORI CAPITOLO 4 4 4. Mercato del lavoro: soggetti, imprese e territori QUADRO D INSIEME Il mercato del lavoro nell Unione europea ha registrato nel 2014 alcuni

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

MATEMATICO FINANZIARIO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

MATEMATICO FINANZIARIO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? MATEMATICO FINANZIARIO STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale facoltà che prepara i MATEMATICI FINANZIARI è Scienze Matematiche

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Focus I giovani e il mercato del lavoro

Focus I giovani e il mercato del lavoro Focus I giovani e il mercato del lavoro Per trovare lavoro conviene proseguire gli studi dopo il diploma Nel 2008 77 giovani (25-34 anni) su 100 lavorano o cercano un lavoro (tasso di attività); al sono

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Luglio 2010 1 Rapporto curato da: G. Coccia gcoccia@lavoro.gov.it B. Rossi brossi@lavoro.gov.it Sul sito http://www.lavoro.gov.it

Dettagli

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI ANNO 2012 Giugno 2013 1 INDICE 1 Il mercato del lavoro provinciale secondo l Istat p. 3 1.1 Premessa 3 1.2 La partecipazione al mercato del lavoro

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

La fotografia dell occupazione

La fotografia dell occupazione La fotografia dell occupazione La dimensione aziendale Come osservato precedentemente in Veneto il 97,3% delle imprese ha un numero di addetti inferiore a 19 e raccoglie il 60,5% del totale degli occupati

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Settembre 213 In breve Il recente rafforzamento del ciclo internazionale ha portato qualche primo debole segnale di inversione di tendenza

Dettagli

PROMOTORE FINANZIARIO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

PROMOTORE FINANZIARIO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? PROMOTORE FINANZIARIO STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale facoltà che prepara i PROMOTORI FINANZIARI è Economia, con i

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

VALLE D AOSTA DATI SOCIO-ECONOMICI

VALLE D AOSTA DATI SOCIO-ECONOMICI VALLE D AOSTA DATI SOCIO-ECONOMICI La Valle d Aosta, costituita in regione autonoma a statuto speciale con legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 4, realizza la singolare condizione, unica nel territorio

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

L istruzione nel Comune di Udine

L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali U.Org. Studi e Statistica L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE U.Org. Studi e Statistica Via B. Stringher, 10-33100 Udine E-mail: statistica@comune.udine.it

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica

Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. 05_08.doc 1 R.I. 08/05 Aprile 2005 Foto di copertina: Cantiere

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009 1 luglio 2010 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970- L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria per gli

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

economico congiunturale

economico congiunturale indicatori Economica Numero 6 novembre-dicembre 55 Osservatorio economico congiunturale indicatori ll punto sull economia della provincia di 56 Economica Numero 6 novembre-dicembre I RISULTATI DI BILANCIO

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

6.1 L occupazione femminile

6.1 L occupazione femminile 6.1 L occupazione femminile E oramai noto come la presenza femminile sul mercato del lavoro sia notevolmente cresciuta nell ultimo decennio. La società in trasformazione ha registrato così un importante

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio

Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio Dipartimento di Scienze Sociali Università degli Studi di Napoli Federico II enrica.morlicchio@unina.it La riduzione dell occupazione nella crisi

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche

I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche Analisi estratta dal Capitolo 5 (La valutazione strategica) del Rapporto di valutazione 2012 realizzato da FGB e IRS nell ambito delle Attività

Dettagli

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia SOCIOLOGIA Il lavoro delle donne I nodi della partecipazione Il lavoro delle donne Caratteristiche della partecipazione Conciliazione tra lavoro e famiglia Caratteristiche dell occupazione femminile I

Dettagli

Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro

Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro Le Linee guida per la formazione nel 2010 e il rilancio dei contratti a contenuto formativo Roma, 6 maggio 2010 Emmanuele Massagli Ricercatore

Dettagli

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA In questa analisi vengono presi in esame i dati relativi alle comunicazioni obbligatorie pervenute al Sistema Informativo Lavoro

Dettagli

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna Le donne e il mondo del lavoro Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a 15 marzo 2013 Le forze di lavoro La popolazione attiva In provincia di su 100 individui

Dettagli

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese Nel corso degli ultimi anni diversi studiosi e responsabili di importanti istituzioni hanno sostenuto che le cooperative hanno reagito alla crisi in corso meglio delle altre forme di impresa. La maggior

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO 1 Rapporto 2007 sulla occupazione nelle imprese ricettive, di viaggi e di ristorazione della Provincia

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Rizzieri Stefania Marzo 2007

Rizzieri Stefania Marzo 2007 Rizzieri Stefania Marzo 2007 1 Provincia di Savona. Settore Politiche del Lavoro e Sociali. Osservatorio del Mercato del Lavoro Obiettivi dell indagine Fornire alcune informazioni sulle performance occupazionali

Dettagli

I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo

I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo Aggiornamento dei dati al 2013 (16 aprile 2014, ver. 0.3) APRILE 2014 Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012-2014 Area

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Quaderni di studi e statistiche sul mercato del lavoro Numero 3 Novembre 2011 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali SEGRETARIATO GENERALE Ufficio di Statistica Coordinamento delle attività del

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Salvio CAPASSO Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e del Territorio Napoli, 12 maggio 2015 Agenda

Dettagli

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA In vista dell avvio della nuova ASL provinciale di Monza e Brianza, con l auspicio che possa essere

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica

COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica IL MERCATO DEL LAVORO QUADRO LOCALE Sintesi dei dati 26 IL MERCATO DEL LAVORO QUADRO LOCALE S i n t e s i d e i d a t

Dettagli