I COLLEGAMENTI VERTICALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I COLLEGAMENTI VERTICALI"

Transcript

1 parte 1ª 1 : I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) Possiamo distinguere: I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) I collegamenti verticali meccanizzati (c.v.m.) - scale - cordonate (o - piani inclinati (o gradonate) - montascale - scale mobili - elevatori - ascensori - montacarichi

2 I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) Oltre a rappresentare l elemento di collegamento tra piani differenziati di un edificio costituiscono il percorso di accesso e di uscita per i diversi piani di un edificio La loro configurazione deve, quindi, rispondere: - a requisiti ergonomici e distributivi (corretto dimensionamento in relazione all utenza) - a requisiti di funzionalità e sicurezza (accesso alle diverse parti dell edificio, edificio, esodo degli occupanti l edificio) l I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) I collegamenti verticali non meccanizzati e, in particolare, le scale hanno rappresentato nelle diverse epoche, e rappresentano tuttora, un elemento suscettibile di forte valenza architettonica Nella piramide maya la scala è,, allo stesso tempo, matrice formale ed elemento di collegamento dell edificio edificio

3 I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) I collegamenti verticali non meccanizzati e, in particolare, le scale hanno rappresentato nelle diverse epoche, e rappresentano tuttora, un elemento suscettibile di forte valenza architettonica Nel teatro greco la scala è,, allo stesso tempo, matrice formale ed elemento funzionale I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) Si può forse affermare che è in epoca rinascimentale (1500) e barocca ( ) che le scale assurgono ai più elevati livelli di rappresentatività qualificando significativamente sia spazi interni, sia spazi esterni

4 I collegamenti verticali non meccanizzati Scalone Palazzo senatorio al Campidoglio (Michelangelo - Roma ) (c.v.n.m.) Scalinata Piazza di Spagna/Trinità dei Monti (Francesco De Sanctis - Roma ) 1725) I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) Scalinata Biblioteca Laurenziana (Michelangelo - Firenze ) Scalone Palazzo Reale di Caserta (Vanvitelli )

5 I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) Non mancano esempi nell architettura moderna e contemporanea nei quali i collegamenti verticali sviluppano, oltre la funzione più meramente utilitaria, anche un importante ruolo nella composizione architettonica dell edificio edificio I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) Nel GUGGENHEIM MUSEUM di F.L.Wright convivono e si può dire compongono l edificio tre collegamenti verticali: - il piano inclinato a spirale - la scala - l ascensore Il piano inclinato a spirale costituisce l elemento formale caratterizzante l edificio l e il percorso espositivo (da percorrere in discesa dopo aver raggiunto il livello più alto mediante la scala e/o l ascensore) l

6 I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) Nel CENTRE POMPIDOU di Renzo Piano e Richard Rogers il collegamento verticale si dichiara all esterno come elemento compositivo della facciata I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) Padiglione FOLIE P7 - Bernhard Tschumi - La Villette - Parigi le scale come citazione le scale come elementi plastici nello spazio

7 I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) Le scale impossibili di ESCHER I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) ESCHER riesce anche a far risalire l acqua l!

8 Dicesi PENDENZA di un collegamento verticale non meccanizzato il rapporto tra il dislivello dei piani collegati (h) e la proiezione orizzontale del collegamento (b) (unità di misura: percentuale %)% Dicesi INCLINAZIONE di un collegamento verticale non meccanizzato l angolo tra la retta tangente al suo andamento in sezione e l orizzontale l (α) (unità di misura: gradi ) b h α pendenza inclinazione Le scale comuni (pendenza : 26% -> > 100%) (inclinazione : 15 -> > 45 ) si suddividono in: - leggere (pend.:27%-> > 42%- inclinaz.:15.:15 ->23 ) - normali (pend.:42%-> > 70%- inclinaz.:23.:23 ->35 ) - pesanti (pend.:70%-> > 100%- inclinaz.:35.:35 ->45 ) I tipi di c.v.n.m. pendenza/inclinazione le scale costituiscono una barriera architettonica

9 Le cordonate si utilizzano per il superamento di dislivelli ridotti I tipi di c.v.n.m. pendenza/inclinazione le cordonate costituiscono una barriera architettonica I piani inclinati si utilizzano per il superamento di dislivelli ridotti e per eliminare barriere architettoniche I tipi di c.v.n.m. pendenza/inclinazione i piani inclinati (non costituiscono una barriera architettonica )

10 I tipi di c.v.n.m. pendenza/inclinazione piani inclinati o rampe per l eliminazione l delle barriere architettoniche non è consentito superare dislivelli superiori a 3,20 m mediante piani i inclinati/rampe larghezza della rampa abilitata al transito di una sola sedia a ruote: 90 cm larghezza della rampa abilitata al transito con incrocio di due e sedie a ruote: 150 cm pendenza: 8% ripiano orizzontale: 1 ogni 10 m e in presenza di porte dimensioni minime del ripiano in assenza di porte: 150 x 150 cm dimensioni del ripiano in presenza di porte: (da considerarsi oltre l ingombro l di apertura delle porte) - trasversale 140 cm - longitudinale 170 cm pendenza in caso di adeguamento: sono ammesse pendenze superiori all'8% rapportate allo sviluppo effettivo della rampa. in tal caso, il rapporto tra la pendenza e la lunghezza del tratto deve essere comunque inferiore rispetto a quelli derivabili dal diagramma (D.M. 14/6/ n.236) Le parti costituenti una scala (terminologia) pianerottolo d arrivo pozzo pianerottolo di riposo vano scala gradini rampa

11 Le parti costituenti una scala (terminologia) vano scala: il volume contenente lo sviluppo della scala vano scala Le parti costituenti una scala (terminologia) rampa: insieme di gradini consecutivi rampa

12 Le parti costituenti una scala (terminologia) pianerottolo: ripiano di sosta tra due rampe - di arrivo (quando dallo stesso si accede alle unità abitative) - di riposo (ripiano intermedio tra due piani dell edificio) edificio) pianerottolo d arrivo pianerottolo di riposo Le parti costituenti una scala (terminologia) pozzo pozzo (o tromba) : spazio compreso tra le rampe

13 gradino Le parti costituenti una scala (terminologia) pedata larghezza alzata Il rapporto tra le dimensioni dell alzata e della pedata determina la pendenza della rampa (cioè la sua comodità di percorrenza) Le caratteristiche dimensionali la larghezza delle rampe Il dimensionamento della larghezza delle rampe deriva dal numero di persone che si prevede possano percorrerle contemporaneamente Le scale costituenti percorso di uscita (di sicurezza) non possono, in generale, avere larghezza inferiore a m 1,20

14 Le caratteristiche dimensionali alzata e pedata (formule varie) All aumentare della pendenza il passo si accorcia per bilanciare lo sforzo necessario per il sollevamento verticale. Esso è usualmente considerato pari al doppio dello sforzo occorrente per superare la stessa distanza in orizzontale La formula più correntemente utilizzata è quella di BLONDEL: 2a + p = 64 cm (o cm) altre formule: a + p = cm (REITMAYER) p - a = 12 cm (DOLL e LEHMANN) a 2 + p 2 = 33,6 (n.n.) a = 23-1/7 (p - 20) (p - 5) (FREESE) a/p = tang (a/2,54-3) 8 (J.PARKER) a a 2 + p 2 = 600 ( HERMANT) Le caratteristiche dimensionali la lunghezza delle rampe La lunghezza delle rampe è determinata dal numero di gradini (pedate) susseguenti senza interposizione di pianerottolo Il numero di alzate susseguenti deve essere tale da non ingenerare re affaticamento La normativa di sicurezza non ammette rampe: - con numero di alzate inferiore a 3 - con numero di alzate superiore a 15 Per non incorrere in difficoltà di percorrenza tutti i gradini di una rampa devono essere caratterizzati da gradini con uguale alzata e pedata Tutte le rampe di una scala dovrebbero essere caratterizzate da gradini aventi medesima alzata e pedata In interventi di recupero può essere tollerata (dovendo rispettare quote preesistenti) una variazione minima delle alzate tra rampe differenziate

15 Le caratteristiche dimensionali pianerottoli di arrivo e di riposo I pianerottoli di arrivo e di riposo devono avere larghezza almeno pari a quella delle rampe (misurata a partire dal limite del pozzo della scala) Il pianerottolo di arrivo è generalmente anche più ampio della larghezza delle rampe per meglio disimpegnare gli accessi alle unità abitative e all ascensore ascensore Per risultare rispondente alla normativa per disabili il pianerottolo di arrivo (per la funzionalità dell accesso all ascensore) ascensore) deve avere dimensioni minime non inferiori a m 1,50 x 1,50 Gli elementi di completamento balaustra La balaustra (o parapetto o ringhiera) della scala deve avere un altezza non inferiore a m 1,00

16 Gli elementi di completamento grado, sottogrado e battiscopa laterale Gli elementi di completamento i gradini portati Quando non sono parte integrante della soluzione strutturale, i gradini vengono realizzati in materiale leggero dopo la formazione delle rampe

17 I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) TIPOLOGIE Possiamo distinguere i c.v.n.m. sulla base della loro posizione rispetto al fabbricato c.v.n.m. esterni all edificio c.v.n.m. interni all edificio le scale esterne all edificio tra le scale esterne all edificio possiamo distinguere: - le scale parallele alla facciata - a rampe semplici - a rampe doppie - le scale perpendicolari alla facciata (o frontali) Palazzo dei Senatori Campidoglio - Roma Villa Farnese a Caprarola (Antonio da Sangallo --- Vignola ) Piramide Maya (El Castillo - Messico) - le scale a rampe curve

18 le scale interne all edificio tra le scale interne all edificio possiamo distinguere: - le scale diritte (o a rampa singola) la rampa può essere interrotta da uno o più pianerottoli a seconda della lunghezza - le scale a tenaglia composte da una rampa ampia che, dopo un pianerottolo, si divide in due rampe parallele (o viceversa) le scale interne all edificio tra le scale interne all edificio possiamo distinguere: - le scale ad anima caratterizzate da due rampe parallele separate da elemento portante centrale - le scale a pozzo caratterizzate da due o più rampe che si sviluppano intorno ad uno spazio centrale libero (pozzo)

19 le scale interne all edificio tra le scale interne all edificio possiamo distinguere: - le scale elicoidali (a pianta circolare o ellittica) caratterizzate da rampe ad andamento curvilineo (circolare o ellittico) che si sviluppano intorno ad uno spazio centrale libero - le scale a chiocciola caratterizzate da una successione di gradini di forma triangolare/trapezia trapezia vincolati ad un elemento portante centrale Tipi di scale con riferimento alla forma in pianta del vano scala possiamo distinguere: scale quadrate scale rettangolari scale poligonali scale mistilinee scale circolari scale ellittiche

20 Tipi di scale con riferimento alla ai requisiti di sicurezza in caso di incendio possiamo distinguere: - scale a prova di fumo - scale a prova di fumo interne - scale protette - scale di sicurezza esterne scala a prova di fumo Tipi di scale con riferimento alla ai requisiti di sicurezza in caso di incendio possiamo distinguere: scala in vano costituente compartimento antincendio avente accesso, per ogni piano - mediante porte di resistenza al fuoco almeno RE predeterminata e dotate di congegno di autochiusura - da spazio scoperto o da disimpegno aperto per almeno un lato su spazio scoperto dotato di parapetto a giorno (D.M. 30 novembre 1983) ZONA A RISCHIO murature REI ZONA A RISCHIO porta REI R = stabilità - E = tenuta porta REI COMPARTIMENTO SCALA A PROVA DI FUMO

21 scala a prova di fumo Tipi di scale con riferimento alla ai requisiti di sicurezza in caso di incendio possiamo distinguere: esempi Tipi di scale con riferimento alla ai requisiti di sicurezza in caso di incendio possiamo distinguere: scala a prova di fumo interna scala in vano costituente compartimento antincendio avente accesso, per ogni piano, da filtro a prova di fumo (D.M. 30 novembre 1983) filtro a prova di fumo: : vano delimitato da strutture con resistenza al fuoco REI predeterminata, e comunque non inferiore a 60,, dotato di due o più porte munite di congegni di autochiusura con resistenza al fuoco REI predeterminata, e comunque non inferiore a 60,, con camino di ventilazione di sezione adeguata e comunque non inferiore a 0,10 mq sfociante al di sopra della copertura dell edificio, edificio, oppure vano con le stesse caratteristiche di resistenza al fuoco e mantenuto in sovrapressione ad almeno 0,3 mbar,, anche in condizioni di emergenza, oppure aerato direttamente verso l esterno l con aperture libere di superficie non inferiore a 1 mq con esclusione di condotti (D.M. 30 novembre 1983) murature REI ZONA A ZONA A RISCHIO RISCHIO porta REI FILTRO A PROVA DI FUMO COMPARTIMENTO porta REI SCALA A PROVA DI FUMO INTERNA porta REI

22 con riferimento alla ai requisiti di sicurezza in caso di incendio possiamo distinguere: scala a prova di fumo interna esempi Tipi di scale APERTURA DI AERAZIONE PERMANENTE PORTA REI 120 FILTRO PORTA REI 120 PORTA REI 120 PORTA REI 120 SCALA DI SICUREZZA FILTRO A PROVA DI FUMO SCALA DI SICUREZZA FILTRO A PROVA DI FUMO CANALE DI IMMISSIONE ARIA PER MANTENIMENTO FILTRO IN SOVRAPRESSIONE (0,3 mbar) Tipi di scale con riferimento alla ai requisiti di sicurezza in caso di incendio possiamo distinguere: scala protetta scala in vano costituente compartimento antincendio avente accesso diretto da ogni piano, con porte di resistenza al fuoco REI predeterminata e dotate di congegno di autochiusura (D.M. 30 novembre 1983) ZONA A RISCHIO murature REI ZONA A RISCHIO porta REI R = stabilità - E = tenuta - I = isolamento COMPARTIMENTO SCALA PROTETTA

23 Tipi di scale con riferimento alla ai requisiti di sicurezza in caso di incendio possiamo distinguere: scala di sicurezza esterna scala totalmente esterna, rispetto al fabbricato servito, munita di parapetto regolamentare e di altre caratteristiche stabilite dalla norma (D.M. 30 novembre 1983) - h parapetto non inf.. a mt 1 - parapetto dotato di almeno un corrente intermedio e di corrente fermapiede - altri requisiti (rampe lineari, dim.. alzata e pedata, ecc.) in relazione alle destinazioni d uso d dell edificio edificio ed alle relative norme specifiche Tipi di scale con riferimento alla tipologia edilizia possiamo distinguere: casa in linea - scala con illuminazione e aerazione dirette

24 Tipi di scale con riferimento alla tipologia edilizia possiamo distinguere: casa a torre - scala con illuminazione e aerazione dirette casa a torre - scala senza illuminazione e aerazione dirette le soluzioni costruttive le scale in legno scala intelaiata all inglese i gradini sono sovrapposti ai cosciali o travi bordonali

25 le soluzioni costruttive le scale in legno scala a a cassetta i gradini sono incastrati nei cosciali o travi bordonali un tirante metallico contrasta l eventuale l inflessione laterale dei cosciali le soluzioni costruttive le scale in metallo scala a profili in acciaio e laterizi

26 le soluzioni costruttive le scale in metallo scala a profili in acciaio con gradini in legno le soluzioni costruttive le scale in materiale lapideo con gradini a a sbalzo costituiti da pietra da taglio a a massello con gradini a a sbalzo costituiti da pietra da taglio a a lastre

27 le scale in muratura scala ad anima con volte a botte inclinate nelle rampe e volte a crociera nei pianerottoli le soluzioni costruttive le scale in muratura scala ad anima con volte a a collo d ocad oca le soluzioni costruttive

28 le scale in muratura scala ad anima con volte a botte rampanti nelle rampe e volte a botte orizzontali nei pianerottoli le soluzioni costruttive le scale in muratura le soluzioni costruttive scala a a pozzo con volte a botte a generatrici inclinate nelle rampe e volte a crociera e a botte nei pianerottoli

29 le scale in muratura scala a a pozzo con rampe sostenute da volte rampanti alla romana le soluzioni costruttive le soluzioni costruttive le scale in c.a. - a gradini prefabbricati

30 le soluzioni costruttive le scale in c.a. - a rampe prefabbricate le soluzioni costruttive le scale in c.a. - a sbalzo da parete con setto portante centrale con setti portanti laterali

31 le soluzioni costruttive le scale in c.a. - a sbalzo da trave a ginocchio le soluzioni costruttive le scale in c.a. - a sbalzo da trave a ginocchio soletta a sbalzo da trave a ginocchio gradini a sbalzo da trave a ginocchio armatura trave a ginocchio

32 le scale in c.a. - a soletta rampante le soluzioni costruttive le scale in c.a. le soluzioni costruttive - a soletta rampante sagomata a a ginocchio

33 le scale in c.a. le soluzioni costruttive - a soletta rampante incastrata nei pianerottoli con trave in c.a. al bordo dei pianerottoli a sostegno delle solette delle rampe e dei pianerottoli le scale in c.a. le soluzioni costruttive - a soletta rampante incastrata nei pianerottoli con pianerottoli a a sbalzo

34 le scale in c.a. le soluzioni costruttive - a soletta rampante incastrata nei pianerottoli con pianerottoli incastrati lateralmente le scale in c.a. - a travi rampanti le soluzioni costruttive

35 la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele procedura di progetto la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele procedura di progetto Noto l interpiano l da servire occorre stabilire il numero delle alzate da utilizzare. Adottando una delle formule note si sceglie una coppia a,, p p compatibile con l utenza l prevista. Ad esempio: 2a + + p p = cm (BLONDEL) => scegliendo p = 30 cm (edificio residenziale) => a =16,5 17,5 I valori di a e p sono da considerarsi di primo approccio e vanno verificati ed, eventualmente, modificati sulla base di ulteriori dati. interpiano

36 In particolare: la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele procedura di progetto - il valore definitivo dell alzata a si ottiene come segue: - noto l interpiano l I,, si valuta n = I/a ; - si approssima n ad un valore intero n,, di solito il primo intero > di n n se si vuole che l alzata l non sia superiore a quella a scelta; - si calcola a = I/n ottenendo un numero di solito a più cifre decimali; - si approssima a con una precisione al millimetro cercando di ripartire, per arrotondamento, le differenze sui vari gradini poich iché ad una precisione grafica più accurata non potrebbe corrispondere un esecuzione altrettanto precisa essendo solitamente le misurazioni di cantiere al più approssimate al millimetro (più generalmente al centimetro ) interpiano la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele procedura di progetto Tornando all esempio numerico: se I = 300 cm e se si adotta a = 17 cm si ha: n = 300/17 = 17,65 cm scegliendo n = 18 si ha: a = 300/18 = 16, cm Adottando per a il valore approssimato a=16,7 cm si dovranno compensare le differenze cumulate per ogni rampa (circa 4 decimi di millimetro per ogni gradino) nella quotatura dei singoli pianerottoli Per le correzioni inerenti i singoli gradini si può operare variando opportunamente l acquatura della pedata.

37 la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele lo sfalsamento Per realizzare correttamente una scala a più rampe occorre progettarne lo sfalsamento. Si tratta di una procedura di disegno della scala che consente di ottenere due risultati rilevanti sia sotto l aspetto l architettonico, sia sotto quello costruttivo: - la continuità dei piani intradossali della scala (rampe e pianerottoli) - la continuità del corrimano la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele lo sfalsamento Il primo risultato (continuit( continuità dei piani intradossali) ) oltre a rendere più pulito l andamento dell intradosso della scala, ne semplifica le fasi realizzative (assenza di spigoli e sbalzi nella realizzazione delle cassaforme,, più agevole disposizione delle armature) Il secondo risultato (continuit( continuità del corrimano) ) oltre a determinare un corrimano esteticamente più gradevole, ne migliora la funzionalità evitando bruschi cambi di quota cui la mano dovrebbe adattarsi percorrendo la scala

38 la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele lo sfalsamento Quando una scala viene progettata senza tener conto dello sfalsamento, pur potendo ottenere il risultato di un pozzo della scala di lunghezza pari alla sola somma delle pedate (invece che somma delle pedate + 1 pedata) ottenendo un ingombro della scala ridotto, si devono accettare, come conseguenza, le discontinuità degli intradossi e del corrimano. la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele lo sfalsamento Planimetricamente,, infatti, la procedura che verifica lo sfalsamento comporta che la lunghezza del pozzo della scala si incrementa di una pedata. La posizione delle pedate delle 2 rampe consecutive non può essere decisa esaminando solo l andamento l in pianta, ma occorre considerare anche l andamento l in sezione. Si procede come segue: - si stabilisce la posizione del pozzo della scala e se ne tracciano le proiezioni (tratteggi( verticali in rosso) - si disegnano i pianerottoli di cui sono note le quote (al finito e al rustico) e, di solito, gli spessori (determinati dalle loro caratteristiche costruttive) segue>

39 continua la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele lo sfalsamento - si congiungono i punti di intersezione degli intradossi dei pianerottoli con le corrispondenti proiezioni del pozzo scala, ottenendo il profilo intradossale della scala - si stabilisce o lo spessore della rampa (questo è il dato di solito obbligato per motivi strutturali) o la distanza della prima alzata rispetto alla proiezione del pozzo della scala - scelto uno dei due valori l altro l si ottiene di conseguenza ricordando che tutte le linee di pendenza occorrenti per il disegno in sezione delle due rampe consecutive devono intersecarsi, a due a due, in punti appartenenti alle linee di proiezione del pozzo della scala e che in tali punti confluiscono anche le corrispondenti linee costruttive (intradosso ed estradosso rustico e finito) dei pianerottoli la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele lo sfalsamento Provando a ridurre lo spessore della rampa,, rispetto al disegno precedente, si può verificare che la prima alzata si allontana dalla proiezione del pozzo della scala. Quando questa distanza diviene pari a 1/2 della pedata si verifica che la rampa successiva presenta le pedate allineate con quelle della precedente. In questo caso si dice che lo sfalsamento è nullo. Stazionando su un pianerottolo generico, lo sfalsamento è quindi la distanza tra l ultima l alzata della rampa di arrivo e la prima alzata di quella di partenza. Nel caso del disegno precedente é pari, quindi, ad 1 pedata e poiché l ultima alzata della rampa di arrivo precede la prima alzata della rampa di partenza (nel verso di salita) si dice che lo sfalsamento è di una pedata indietro (o è negativo)

40 la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele lo sfalsamento In generale, quindi, si potrà avere: - sfalsamento nullo - sfalsamento indietro o negativo - sfalsamento in avanti o positivo la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele lo sfalsamento Nel caso dello sfalsamento in avanti o positivo si evidenzia, esaminando la sezione, che esso comporta una riduzione dello spessore della rampa.. Ne deriva che uno sfalsamento di una pedata in avanti risulta possibile, in genere, in presenza di spessori maggiori dei pianerottoli tali da consentire un idoneo spessore della rampa. (Una semplice verifica di quanto sopra la si può ottenere immaginando di traslare la sagoma dei gradini verso destra lasciando inalterata la posizione dell intradosso della rampa generica)

41 la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele lo sfalsamento Un impedimento alla realizzazione dello sfalsamento può essere l impossibilitl impossibilità di aumentare la lunghezza del pozzo della scala (e conseguentemente del vano scala) In tal caso il pozzo della scala potrà avere una lunghezza esattamente uguale alla somma delle pedate delle rampe, ma bisognerà accettare la presenza delle discontinuità di intradosso e di corrimano. Procedura analitica la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele lo sfalsamento Oltre che mediante costruzione grafica lo sfalsamento può essere calcolato analiticamente mediante formule derivanti dalla trigonometria piana. Considerando i triangoli e le notazioni in figura si ha: α = arctag a/p d = s - r/cos α x1 = d/tag α x2 = p - x1 sfalsamento sf = x1 - x2

42 la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele gli elaborati grafici: pianta, sezione, particolari Rappresentazione grafica in pianta: - al piano in cui ha inizio la scala - ai piani intermedi ( piano tipo ) - all ultimo piano la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele gli elaborati grafici: pianta,, sezione, particolari ,00m +4,65m NUMERAZIONE ALZATE - QUOTE ALTIMETRICHE - ASSE DI PERCORRENZA

43 la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele gli elaborati grafici: pianta, sezione,, particolari la tipica scala dell edificio edificio residenziale la scala a due rampe parallele gli elaborati grafici: pianta, sezione, particolari

44 Scale a a gradini sfalsati (superamento di dislivelli elevati in spazi ridotti) Scala uso bordo alzate da 26 cm Scala a a gradini sfalsati alzate da 18,55 cm La correzione in curva metodo 1 Si disegna in pianta la scala con le alzate distanziate di p sulla linea di calpestio e tracciate normalmente a questa nel tratto rettilineo ed alle tangenti nel tratto curvilineo; si traccia sul piano lo sviluppo della scala lungo il suo bordo interno, si segnano i gradini nella loro o posizione iniziale e le inclinazioni dei tratti rettilinei e curvi; si ottiene la spezzata ABCD.. Si traccia l asse l del segmento BC passante per il suo punto mediano M; ; con centro in B si stacca sulla AB un segmento A B=BM e con centro in C si stacca sulla CD un segmento CD =CM =CM; ; dai punti A e D D si tracciano le perpendicolari alle rette di inclinazione fino ad incontrare l asse l di BC nei punti O e O.. Con centro in O e O si tracciano gli archi A M e MD tangenti alle rette di inclinazione e tangenti tra loro nel punto M; ; si prolungano le pedate della scala fino ad incontrare questi archi e in pianta si riportano sul bordo interno i punti di intersezione. Congiungendo questi punti con i corrispondenti punti inizialmente presi sulla linea di calpestio si hanno le nuove inclinazioni delle alzate della scala nella quale ora i gradini del tratto rettilineo invitano verso quelli del tratto curvilineo.

45 Si segnano in pianta, sulla linea di calpestio, i punti 1,2, n distanziati della larghezza p della pedata; si traccia la retta a,, normale alla linea di calpestio in corrispondenza della prima alzata del tratto rettilineo di raccordo e si prolunga fino ad incontrare, nel punto O,, la traccia t dell ultima alzata del tratto curvilineo di raccordo; a partire da O si riportano su a tanti segmenti di lunghezza p quante sono le pedate comprese tra la prima e l ultima l alzata di raccordo e si congiungono gli estremi di questi con i corrispondenti punti 1,2, n, tracciati sulla linea di calpestio; si ottengono le tracce delle alzate della scala in curva compensata. La correzione in curva metodo 2 Si segnano in pianta, sulla linea di calpestio i punti 1,2,3, n distanziati della larghezza p della pedata; si traccia quindi un segmento A B uguale allo sviluppo della curva AB (linea di calpestio) ) e dal punto A una semiretta arbitraria su cui si stacca un segmento A B uguale allo sviluppo della curva CD. Sul prolungamento della congiungente B B si sceglie un punto O che dista da B poco più del segmento A B e da questo si proiettano i punti 1,2,3, n riportati sulla A B ; ; si trovano sulla A B i punti 1,, 2, 2 n,, che si riportano sulla curva CD e si congiungono con i corrispondenti punti 1, 2, n,, tracciando le alzate della scala in curva compensata. La correzione in curva metodo 3

46 La correzione in curva raccordo tra rampe ortogonali La correzione in curva raccordo tra rampe ortogonali

47 La correzione in curva raccordo tra rampe ortogonali Gli spazi impossibili di Escher FINE

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE: GENERALITA Le comunicazioni verticali vanno intese come elementi di collegamento tra piani a diversi livelli e di conseguenza tra gli spazi che insistono su tali piani.

Dettagli

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE Gli elementi di comunicazione verticale hanno il compito di consentire a persone e cose di superare un dislivello, internamente o

Dettagli

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio SCALE / nomenclatura SCALE / segni convenzionali. TIPOLOGIE DI SCALE. Problemi geometrici fra rampe successive. SCALE / RAPPRESENTAZIONE elementi di completamento. SCHEMI STRUTTURALI COMPARATIVI PER SCALE

Dettagli

Da Galiani V. (a cura di), Dizionario degli elementi costruttivi, UTET 2001

Da Galiani V. (a cura di), Dizionario degli elementi costruttivi, UTET 2001 Le scale Da Galiani V. (a cura di), Dizionario degli elementi costruttivi, UTET 2001 L'insieme di tutte le strutture portanti che individuano lo spazio della scala si chiama gabbia. L'insieme delle strutture

Dettagli

SCALE E PARAPETTI. I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute.

SCALE E PARAPETTI. I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute. SCALE E PARAPETTI I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute. Le scale sono elementi strutturali che servono per superare un dislivello ossia collegano

Dettagli

LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO

LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO Le scale L'insieme di tutte le strutture portanti che individuano lo spazio della scala si chiama gabbia. L'insieme delle strutture portanti

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) Compartimentazione Distanze di sicurezza Ing. Silvano BARBERI Corpo Nazionale

Dettagli

08/04/2014 PARTI COSTITUENTI UNA SCALA

08/04/2014 PARTI COSTITUENTI UNA SCALA PARTI COSTITUENTI UNA SCALA 1 Dimensionamento dei gradini Il dimensionamento dei gradini secondo la manualistica manuali tecnici vengono spesso riportati criteri di dimensionamento dei gradini, basati

Dettagli

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo COMANDO VIGILI DEL FUOCO DI VARESE VENERDI 07 Maggio 10 - ore 8,30 Sede: UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - Villa Toeplitz Relatore: Ing.

Dettagli

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso PARTIZIONI INTERNE PARTIZIONE INTERNA Elemento di fabbrica che ha il compito di suddividere lo spazio interno in ambienti i posti tutti sullo stesso piano d uso, separando visivamente ii ambienti i contigui

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m Premessa La scala si sviluppa in una gabbia, di forma rettangolare, formata da quattro pilastri posti agli spigoli e travi lungo i quattro lati. Viene realizzata secondo la tipologia di trave a ginocchio

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

SCALE A CHIOCCIOLA PREFABBRICATE IN C.A. ANTISISMICHE

SCALE A CHIOCCIOLA PREFABBRICATE IN C.A. ANTISISMICHE SCALE A CHIOCCIOLA PREFABBRICATE IN C.A. ANTISISMICHE 2 LE SCALE ELICOIDALI PREFABBRICATE Un sistema imprenditoriale, che vogliamo sottoporre a tutti coloro che devono progettare, costruire o utilizzare.

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

C. Scale e ascensori

C. Scale e ascensori Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre PREVENZIONE INCENDI 167 C. Scale e ascensori Scale Il numero e la larghezza delle scale a servizio di particolari attività (ad esempio alberghi o locali di pubblico spettacolo)

Dettagli

Strutture per coperture inclinate

Strutture per coperture inclinate Le strutture per coperture inclinate sono costituite da elementi o parti strutturali disposti secondo piani differenti da quello orizzontale (definiti falde), destinati a svolgere la funzione di copertura

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA Materiale Il componente (o i componenti variamente associati) che può (o possono) partecipare alla combustione

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

rilievo classificazione e metodologie arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini

rilievo classificazione e metodologie arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini rilievo classificazione e metodologie testi a cura di arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura e Società Laboratorio di Rappresentazione

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI PREVENZIONE INCENDI D.M. 30/11/1983 1. Caratteristiche costruttive 2. Distanze 3. Affollamento - esodo 4. Mezzi antincendio

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

Università degli studi di Parma. Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica

Università degli studi di Parma. Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica Università degli studi di Parma Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica 0. NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 Testo Unico

Dettagli

LE SCALE DI RAPPRESENTAZIONE

LE SCALE DI RAPPRESENTAZIONE IL SUPPORTO La CARTA DA DISEGNO è raggruppabile in due tipi fondamentali: - carta opaca o bianca - carta trasparente o da lucido, usata per disegni a china. GLI STRUMENTI Il gruppo di linee da usare per

Dettagli

ESEMPIO PER LA RESIDENZA

ESEMPIO PER LA RESIDENZA COMUNE DI BOLZANO GEMEINDE BOZEN ESEMPIO PER LA RESIDENZA PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI E PUBBLICI A COMPLETAMENTO

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA:

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA: MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 30 NOVEMBRE 1983 (G.U. n. 339 del 12 dicembre 1983) Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO VISTA la

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato Studio Tecnico Ing. MASSIMO CECCARINI Cod. Fisc. CCC MSM 56H14 G999V Part. I.V.A. 00036530970 Viale V. Veneto, 13 59100 PRATO Tel. e Fax 0574 29062 / 607600 Prato, li 27/12/10. e-mail: studiomcmp@conmet.it

Dettagli

Opuscolo tecnico. Scale. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Scale. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Scale upi Ufficio prevenzione infortuni Le scale permettono di superare un dislivello. Lo sviluppo e l uso di nuovi metodi di costruzione e materiali permettono realizzazioni variegate

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali.

Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Nei capitoli precedenti abbiamo visto come realizzare dei modelli grafici costruendo le viste direttamente sui piani di proiezione ortogonali

Dettagli

CHIUSURE ORIZZONTALI DI

CHIUSURE ORIZZONTALI DI CHIUSURE ORIZZONTALI DI COPERTURA INCLINATE Chiusure orizzontali di copertura discontinue - Costituite da piani inclinati (falde) La geometria dipende della pianta dell edificio e della pendenza da conferire

Dettagli

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12 Provincia Regionale di Ragusa Lavori di "Adeguamento alle norme di sicurezza e prevenzione incendi immobili scolastici nella zona di Ragusa, Comiso e Vittoria. Completamento 2.000.000" - Progetto Esecutivo

Dettagli

MANUALE OPERATIVO BLUMATICAD PROJECT

MANUALE OPERATIVO BLUMATICAD PROJECT INDICE DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE... 2 FUNZIONI DI EASY 2D... 3 MURATURE E TRAMEZZI... 4 MURI ESTERNI PERIMETRALI... 4 DIVISORI INTERNI... 6 CREAZIONE AMBIENTI... 8 INFISSI INTERNI ED ESTERNI... 12

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

I disegni in pianta, sezione e prospetto

I disegni in pianta, sezione e prospetto I disegni in pianta, sezione e prospetto Alcuni disegni tratti da: M. Canciani, I disegni di progetto costruzioni, tipi e analisi, cap.1 il processo geometrico Città Studi edizioni, Novara 2009, ISBN 978-88-251-7331-4

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE 2 CAPITOLO 1 - LE NORME UNI 3 CAPITOLO 2 - LE RAPPRESENTAZIONI FONDAMENTALI E TRIDIMENSIONALI 9 CAPITOLO 3 - LE STRUTTURE 12

INDICE INTRODUZIONE 2 CAPITOLO 1 - LE NORME UNI 3 CAPITOLO 2 - LE RAPPRESENTAZIONI FONDAMENTALI E TRIDIMENSIONALI 9 CAPITOLO 3 - LE STRUTTURE 12 INDICE INTRODUZIONE 2 CAPITOLO 1 - LE NORME UNI 3 1.1 Formato dei fogli da disegno 1.2 Iscrizioni 1.3 Tipi, grossezze e applicazione delle linee 1.4 Scale 1.5 Quotatura 1.6 Sezioni CAPITOLO 2 - LE RAPPRESENTAZIONI

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Articolo 1 Campo di applicazione d) auditori e sale convegno; Allegato REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

Dettagli

CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT

CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT INDICE Caratteristiche principali pag. 3 Riferimenti normativi abbattimento delle barriere architettoniche pag. 4 Riferimenti

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno delle strutture portanti. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi

Dettagli

Sede di Milano Palazzo Lombardia

Sede di Milano Palazzo Lombardia Informazioni sui rischi specifici esistenti, sulle misure di prevenzione e protezione e di emergenza adottate presso: Sede di Milano 1. ATTIVITA PRESENTI NELLA SEDE è un grande complesso edilizio pubblico

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

Indice GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Scopo della ''Guida Alla Progettazione...2 Organizzazione della Guida...2 Campo di Applicazione della Guida...3 Riferimenti Legislativi...3 Elenco Schede Tecniche...4 Sezione

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 TESTO COMPARATO Prescrizioni Tecniche atte a garantire la fruizione degli edifici residenziali privati, degli

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP18 Rev: 20/10/2009 12.33.00 Pagina 1/1 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A VOLTA a bassa pendenza (inferiore a 15 ) con annesso a copertura PIANA Nuova Esistente

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA Arch. Elena Crespi PARETI VERTICALI ELEMENTI DI PICCOLE DIMENSIONI ELEMENTI DI GRANDI DIMENSIONI SOLAI ELEMENTI SPECIALI ARMATURA LONGITUDINALE ARMATURA

Dettagli

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO L edilizia residenziale privata: problemi e soluzioni di vivibilità Geom. Silvia Trolli CAAD di Reggio Emilia Bologna, 18 maggio 2012 CAAD - Centri per l Adattamento

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi L'armatura deve comunque possedere le seguenti caratteristiche: essere realizzata in modo da evitare il rischio di seppellimento: in un terreno incoerente, la procedura deve consentire di disporre armature

Dettagli

RELAZIONE STATO DI FATTO

RELAZIONE STATO DI FATTO RELAZIONE STATO DI FATTO L intervento è localizzato principalmente nell area denominata Terrazzo del Garove, situata tra il Padiglione di Ponente e i fronti della Reggia esposti a sud. Negli ultimi anni,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE 17/04/2009 1 PROGETTO PRELIMINARE D. Lgs. 163/2006; DM 05.11.2001 Tavola E.3 del Progetto Preliminare delle Opere di Urbanizzazione -Strada di circa 900 m con andamento Nord Sud, parallela a Via Unità

Dettagli

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4.1 Introduzione In questo capitolo sono riportati alcuni risultati, ottenuti con modelli semplificati, delle

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE 1 ESIGENZE DA SODDISFARE L opera deve essere progettata ed eseguita in modo che la manutenzione, la verifica o la riparazione dell opera e delle sue pertinenze, comprese le

Dettagli

1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso. 2.2. Consistenza, destinazioni d uso, conformità alle norme, mobilità

1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso. 2.2. Consistenza, destinazioni d uso, conformità alle norme, mobilità INDICE Premessa 1. Inquadramento dell esistente 1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso 1.2. Aspetti urbanistici 2. Analisi proposta progettuale 2.1. Caratteristiche generali 2.2. Consistenza,

Dettagli

AF Systems At the forefrontof passive fire protection. La protezione passiva dal fuoco dalla certificazione alla realtà di cantiere

AF Systems At the forefrontof passive fire protection. La protezione passiva dal fuoco dalla certificazione alla realtà di cantiere AF Systems At the forefrontof passive fire protection La protezione passiva dal fuoco dalla certificazione alla realtà di cantiere Pistoia, 05/06/2015 Ing. Thomas Ollapally Normativa Tecnica AF Systems

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate BARRIERE ARCHITETTONICHE LEGGE del 9/1/89 n. 13, D.M. del 14/6/89 n. 236, D.P.R. del 24/7/96 n.503 Dgrv n.509 del 2/3/2010 Allegato A Dgrv n.1428 del 6/9/2011 Allegato A e B RELAZIONE Tecnico- Illustrativa

Dettagli

10a - Chiusure e partizioni interne

10a - Chiusure e partizioni interne 10a - Chiusure e partizioni interne, infissi esterni verticali. Requisiti ed elementi. Modelli funzionali ed alternative tecniche. La chiusura di un edificio è quella parte dell organismo edilizio che

Dettagli

POLIFUNZIONALE (G22)

POLIFUNZIONALE (G22) Certificato n. 4858 Tecnologie edili per l ambiente facciate continue serramenti - pareti mobili Progetto di ristrutturazione dell edificio POLIFUNZIONALE (G22) Lodi Via Milano Facciate continue sistema

Dettagli

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA In collaborazione con: COMUNE DI BOLOGNA GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA IL TOTAL LOOK DEGLI EDIFICI Bologna 15 aprile 2015 In partnership con: PRESUPPOSTI

Dettagli