Latteria Sociale di Tomaselli di Erica Masina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Latteria Sociale di Tomaselli di Erica Masina"

Transcript

1 Latteria Sociale di Tomaselli di Erica Masina La frazione di Tomaselli con evidenziata la Latteria NOTE DI STORIA Tratte da: Tomaselli Ieri e Oggi, memorie vécie, ricordi freschi di Adone Tomaselli Secondo quanto assicurano gli anziani, l'attività del casélo turnario della frazione di Tomaselli i- nizia nel Fonti documentarie sono di difficile reperimento, in seguito ai forti danni che tutti gli archivi della zona hanno subito nel corso del Primo conflitto mondiale. Tuttavia risulta agli atti del Comune, che già nel maggio 1904 Strigno lamentava l'uso di acqua potabile, non autorizzato, da parte di questo Caseificio Sociale. Il primo Statuto societario è stato ufficializzato l'11 giugno 1914 e registrato il 21 dello stesso mese dal notaio Povinelli di Strigno. Venti anni più tardi, il sign. Annibale Trenti fondava la Società Civile Privata Latteria Sociale di Tomaselli di Strigno Valsugana, il cui atto costitutivo divenne un documento chiaro essenziale, semplice e soprattutto ben comprensibile a tutti i soci. Il caseificio rimase attivo fino al 5 giugno 1992, quando fu costretto a chiudere principalmente perchè non più adeguato alle mutate normative in materia igienico sanitaria. 1

2 Per circa 90 anni, dunque, la Latteria sociale di Tomaselli raccolse e lavorò il latte non solo di Tomaselli e dei vicini masi Latini, Bettega, Pellegrini, ma anche quello di Spera, Samone, Strigno, Agnedo, Villa e Bieno, diventando importantissimo punto di riferimento per tutte queste Comunità. Il ricordo del suo saporitissimo formaggio e dell'ottimo burro prodotti è ancora ben presente nelle testimonianze di quanti hanno avuto la fortuna di assaggiarli! Giornalmente venivano lavorati circa Kg di latte, dai quali si ottenevano forme di formaggio da 8-10 Kg ciascuna e 8-10 Kg di pani di burro. Era compito del socio turnista, proprietario della cotta giornaliera, provvedere alla fornitura della legna da ardere necessaria alla lavorazione che avveniva nelle due grandi caldaie in rame poste al piano terra. La calgera durante la caliata circa vent anni fa. Foto Nereo Tomaselli Con la chiusura del Casèlo, però, a Tomaselli venne a mancare soprattutto l'unico punto di incontro sociale ancora rimasto, essendo state chiuse anche le due storiche trattorie di posta. L'immobile fu trasformato in magazzino-deposito di attrezzature e materiale vario del Comune. La proprietà, però rimase alla Società del Caseificio di Tomaselli fino al 18 novembre 2003, data in cui l'amministrazione del Comune di Strigno la acquisisce per uso capione. 2

3 I PERCHE DEL RECUPERO La Latteria Sociale nel 2006, prima dell intervento di recupero Dopo la chiusura della Latteria, in soli 15 anni, i piccoli proprietari hanno venduto le poche bestie da latte del paese, i versanti da pascolo e i luoghi della fienagione si sono trasformati in aree boschive, per l avanzare delle acacie e dei castagni selvatici. Le abitudini della gente sono cambiate e con esse anche il paesaggio dei masi di questa parte importante della fascia pedemontana del Lagorai. Da alcuni anni, però, l amministrazione comunale di Strigno ha sostenuto un progressivo recupero delle attività agro-pastorali, innegabile caratteristica della storia economica e sociale del paese. La ristrutturazione delle malghe di proprietà ne è una dimostrazione concreta. Certo, il processo è lento : è più semplice il processo inverso di decostruzione. Molte sono state le amministrazioni che, anche sotto l impulso dei sostegni comunitari e provinciali, hanno restaurato i propri immobili sull alpe. Strigno, però, come Pejo prima, ha fatto un passo che ben pochi sulle Alpi hanno avuto la volontà di fare: ha cercato di riattivare tutta la filiera che regge il sistema della storica zootecnia di montagna. 3

4 Con l intervento di recupero della Latteria Sociale di Tomaselli, pertanto, ci si è proposti di: - RIDARE un punto di riferimento e d incontro alla Comunità di Tomaselli; - COSTITUIRE un Centro di Documentazione sulla cultura dell alpeggio in Lagorai e sui processi socio-economici e non solo ad essa collegati; - FAR CONOSCERE il ruolo dei piccoli caseifici turnari per le economie di montagna; - AFFERMARE l importanza delle piccole stalle di fondovalle: senza di loro anche l alpeggio estivo in malga non esisterebbe più e con esso sparirebbe pure quel paesaggio meraviglioso del quale tutti abbiamo tanto bisogno; - FAR CONOSCERE ed APPREZZARE il formaggio prodotto dagli antichi saperi dell arte casearia del Lagorai, specie di quelle malghe difficilmente raggiungibili, purchè il prodotto rispetti il disciplinare Originale malghe del Lagorai ; - VALORIZZARE il Formaggio di casa, prodotto durante i mesi invernali da casari che utilizzano il latte della propria stalla, mantenuta prevalentemente a foraggio, con vacche pascolate e preferibilmente di razza autoctona; - FAVORIRE la formazione e lo scambio di buone pratiche fra casari; - COSTITUIRE un centro per la formazione rivolto alle scuole e alle famiglie, sia per assicurare la trasmissione dei saperi, sia per formare consumatori più consapevoli; - INVITARE i visitatori a recarsi in malga e presso le aziende collegate sul Percorso del latte. Le vasche del latte prima del recupero: si noti la compresenza degli strumenti caseari, che fortunatamente si sono conservati, con i materiali di vario tipo depositati nella Latteria. 4

5 IL PROGETTO E L INTERVENTO DI RISTRUTTURAZIONE Non si può sapere dove si va, se non si conosce da dove si parte. Non può esserci innovazione senza sapere ciò che è stato. Non c è conservazione senza manutenzione costante ed utilizzo. La storia sfugge se non viene vissuta e stratificata da trasformazioni sempre nuove. Per questo il progetto è stato: - CONSERVATIVO sia della struttura edilizia ove possibile, sia degli strumenti dell archeologia industriale ancora presenti; - DI RISTRUTTURAZIONE nella realizzazione degli elementi necessari per l adeguamento alle mutate esigenze di utilizzo, normative igienico sanitarie, normative antisismiche, etc.; - INNOVATIVO nella ricerca di nuove tecnologie atte ad ottimizzare i costi di gestione e la compatibilità ambientale della produzione lattiero-casearia; - PARTECIPATO nelle scelte per l apporto tecnico ricevuto in particolare dai casari delle malghe del Lagorai, che si sono confrontati sulle migliori tecnologie applicabili in laboratori caseari; - DI COMUNITA per l importanza che ha avuto il cantiere nel riavvicinare la frazione di Tomaselli attorno all aspetto prettamente SOCIALE che la Latteria ha avuto fino ad una quindicina di anni fa. Proprio per la sua valenza socio-economico-culturale sull intero ambito territoriale del Lagorai e per le metodologie di recupero e gestionali proposte, il progetto si è classificato al primo posto nella graduatoria stilata dal Comitato Scientifico del Leader Plus Gal Valsugana, misura 6, bando Analogamente è stato anche ritenuto congruente con le finalità del Patto territoriale della Valsugana Orientale e in linea con gli obiettivi fissati dalla Legge Provinciale 30 luglio 1987, n.12 Programmazione e sviluppo delle attività culturali nel Trentino. La destinazione d uso determinata dalla Provincia Autonoma di Trento su tutto il co-finanziamento è, testualmente, esclusivamente a scopo didattico-informativo; in caso di utilizzo diverso si dovrà procedere alla revoca del contributo concesso. L impegno finanziario è stato così ripartito su due committenze diverse: - Euro ,07 per il recupero dell immobile (compresi lavori in appalto, economia, allacciamenti, spese tecniche ed imposte di legge), di cui Euro ,06 coperti dal contributo G.A.L.Valsugana ed Euro ,01 a carico del Comune di Strigno, committente proprietario; - Euro ,43 per arredi e allestimenti necessari all attività del laboratorio caseario e dell aula didattica, di cui Euro ,14 coperti da contributo provinciale ed Euro ,29 a carico della Libera Associazione Malghesi e Pastori del Lagorai, committente gestore in seguito ad apposita Convenzione stipulata con il Comune di Strigno. In ottemperanza agli obiettivi sociali sopra espressi, l Amministrazione ha fatto comunque salva la possibilità di utilizzo saltuario dell aula didattica da parte dei censiti, in particolare della Comunità di Tomaselli e dell Associazione Sant Agata, secondo regolamento da stabilirsi. 5

6 A seguito di gara d appalto, i lavori sono stati aggiudicati il 20 aprile 2007 all impresa Costruzioni F.lli Melchiori snc, consegnati il giorno 8 giugno 2007 e ultimati il 30 giugno Sono stati subappaltate le opere da elettricista alla ditta Tomaselli Mario, da termoidraulico a Parotto Vittorino e la fornitura e installazione del servoscala per permettere l accesso ai disabili. Le opere da pittore sono state eseguite da Tomaselli Franco con la collaborazione straordinaria di Nereo Tomaselli per la realizzazione dell insegna. I serramenti sono della falegnameria Curzel di Caldonazzo. Discorso a parte va fatto per gli interventi di restauro conservativo eseguiti sia dalla falegnameria Tomio Franco e Bruno di Borgo per il recupero delle capriate originali della Latteria e parte dell orditura primaria del tetto, sia dall officina di Fulvio Toller di Castelnuovo, che ha restaurato tutte le attrezzature e le macchine dell archeologia industriale conservatesi con la rimessa in funzione a titolo dimostrativo didattico. Questi elementi, che sono stati inventariati e schedati secondo i criteri stabiliti dal regesto del Ministero per i Beni Culturali, rappresentano un primo nucleo importantissimo del patrimonio della Latteria, che ci si augura possa essere implementato grazie alla collaborazione e al coinvolgimento della Comunità. E patrimonio storico-culturale non solo un oggetto, ma anche una testimonianza, un racconto, qualsiasi apporto alla trasmissione dei saperi fra generazioni diverse. Il nuovo coagulatore a doppio fondo che funziona ad acqua calda per ridurre i consumi energetici (analogamente all installazione dei pannelli solari per la produzione dell acqua calda sanitaria) convive nel laboratorio caseario con la calgera e il carrello per il riscaldamento a legna, realizzati all inizio del Novecento e ancora perfettamente conservati. 6

7 RINGRAZIAMENTI Infine, ma non da ultimo, in qualità di progettista e direttore dei lavori vorrei cogliere l occasione per ringraziare sentitamente tutti i colleghi che hanno collaborato, in particolare l arch. Paola Andriollo (coordinatore per la sicurezza), l ing. Stefano Voltolini (strutturista, calcoli statici), l ing. Enrico Beber (termoidraulico), il perito Marco Dalsasso (elettricista) e l ing. Paolo Osti (collaudatore statico). Sono grata per la disponibilità sempre dimostrata dall Amministrazione e dal personale del Comune di Strigno in tutte le fasi di progettazione e realizzazione dell opera, al dott. Gino Stocchetti, direttore del GAL Valsugana per aver creduto da subito nel progetto, al dott. Pierangelo Santini, direttore del Servizio Attività Culturali della Provincia Autonoma di Trento, alla dottoressa Maria Laura Rusconi, tecnico dell Unità Operativa d Igiene e Sanità Pubblica Veterinaria di Borgo Valsugana, e a tutti coloro che, a vario titolo, hanno contribuito alla buona riuscita dell intervento, primi fra tutti Laura Zanetti e gli amici malghesi e pastori del Lagorai, in particolare Mario Castagna, Francesco Lenzi, Manuela Pagliaro, Oswald Tonner e Dario Zottele per i molti consigli tecnico-operativi che mi hanno saputo dare. Sarà sempre per me molto bello poter ricordare gli incontri e le chiacchierate pazienti e conviviali avute con tutta la Comunità di Tomaselli, il sacchettino dei crostoli del Comitato Sant Agata e i magnifici caffè delle signore vicine di casa, che tanti disagi per il cantiere hanno saputo sopportare con una gentilezza davvero squisita. Peccato, però, che il 14 dicembre non possa essere fisicamente con noi il Sindaco Silvio Tomaselli che tanto ha voluto questo restauro. Anche il suo ricordo sarà senz altro patrimonio della Latteria Sociale di Tomaselli. 7

8 L aula didattica e le capriate restaurate 8

9 Il Locale della memoria, dove vengono tesaurizzati gli antichi strumenti di lavorazione Il burcio del burro e le vasche di affioramento della panna rimessi in funzione a scopo dimostrativo 9

10 Il caserin del formaggio, il locale di salatura e in asse, l antica calgera restaurata. 10

Allegato parte integrante Allegato A) Protocollo d'intesa

Allegato parte integrante Allegato A) Protocollo d'intesa Allegato parte integrante Allegato A) Protocollo dintesa " " % " " % & ( Pag. 1 di 12 All. 001 RIFERIMENTO: 2006-S129-00033 )""" * " + " " + ", )+ % " -, "., + Pag. 2 di 12 All. 001 RIFERIMENTO: 2006-S129-00033

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

ATTIVITA PER LE SCUOLE DELL INFANZIA

ATTIVITA PER LE SCUOLE DELL INFANZIA Allegato 3 ATTIVITA PER LE SCUOLE DELL INFANZIA 1- FATTORIA DIDATTICA in collaborazione con l associazione La Centralina di Civo (SO) 1 GRADO SCOLASTICO: Infanzia Primaria Secondaria di Primo grado GIORNATE

Dettagli

Concessione dell Alpe di Orimento e dell Alpe di Gotta. Proposta gestionale. Il sottoscritto Nome..cognome...nato/a

Concessione dell Alpe di Orimento e dell Alpe di Gotta. Proposta gestionale. Il sottoscritto Nome..cognome...nato/a 1 Concessione dell Alpe di Orimento e dell Alpe di Gotta (allegato 2) Proposta gestionale Il sottoscritto Nome..cognome.......nato/a a.il....codice Fiscale. residente nel Comune di...provincia... Via/Piazza...n

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE

BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE Art. 1 Finanziamento degli interventi di ERS nell ambito di programmi di riqualificazione urbana

Dettagli

La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli interventi, equità dei costi, sostenibilità ambientale

La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli interventi, equità dei costi, sostenibilità ambientale Progetti di efficienza energetica nella Pubblica Amministrazione: azioni e strategie per superare gli ostacoli La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. ------------------------------------------------------------------------------------------------- 1 dicembre 2015

PROVINCIA DI UDINE. ------------------------------------------------------------------------------------------------- 1 dicembre 2015 PROVINCIA DI UDINE NOTIZIE PER LA STAMPA ------------------------------------------------------------------------------------------------- 1 dicembre 2015 Fondo Montagna 2015: distribuiti 555 mila euro,

Dettagli

Masserie Giovannelli

Masserie Giovannelli Masserie Giovannelli La forza della famiglia rurale 1 L azienda Masserie Giovannelli si trova a 1.000 msl nel Comune di Cercemaggiore in provincia di Campobasso, zona riconosciuta come Sito di Interesse

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI UMANITARI N 2 anno 2010

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI UMANITARI N 2 anno 2010 BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI UMANITARI N 2 anno 2010 La Fondazione HLF - Human Life Fund con sede in Roma, Via G. Carissimi, n. 26, C.F. [97324910583] (di seguito HLF

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Premessa L Amministrazione Comunale di Matino ha incaricato il sottoscritto Arch. Daniele Cataldo a redigere il seguente progetto definitivo-esecutivo (al fine della realizzazione

Dettagli

Completamento della nuova sede dell Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Maiorana di Termoli

Completamento della nuova sede dell Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Maiorana di Termoli Risorse umane Completamento della nuova sede dell Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Maiorana di Termoli Regione: MOLISE Provincia: CAMPOBASSO Le opere previste nel progetto generale riguardano

Dettagli

Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano

Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano I terroir delle Alpi per la caratterizzazione e la difesa delle produzioni casearie d alpeggio Torino, Regione Piemonte, 19-20 ottobre 2010 Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano

Dettagli

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi riguardanti la storia della comunità, dell economia e delle istituzioni trentine budget complessivo 150.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

-----------REPUBBLICA ITALIANA----------REP.N... PROT.N...----- -------COMUNE DI SAN STINO DI LIVENZA PROVINCIA DI VENEZIA-----

-----------REPUBBLICA ITALIANA----------REP.N... PROT.N...----- -------COMUNE DI SAN STINO DI LIVENZA PROVINCIA DI VENEZIA----- -----------REPUBBLICA ITALIANA----------REP.N... PROT.N....----- -------COMUNE DI SAN STINO DI LIVENZA PROVINCIA DI VENEZIA----- --------TEL.0421 473912---------CODICE FISCALE: 83001230271---------- --------------------------PARTITA

Dettagli

FAQ NUOVI LIBRETTI DI IMPIANTO, MANUTENZIONE E CONTROLLI DI EFFICIENZA ENERGERTICA

FAQ NUOVI LIBRETTI DI IMPIANTO, MANUTENZIONE E CONTROLLI DI EFFICIENZA ENERGERTICA FAQ NUOVI LIBRETTI DI IMPIANTO, MANUTENZIONE E CONTROLLI DI EFFICIENZA ENERGERTICA I - LIBRETTO DI IMPIANTO PER LA CLIMATIZZAZIONE Cos è il nuovo libretto di impianto? Il libretto di impianto per la climatizzazione

Dettagli

Città di Ugento Provincia di Lecce

Città di Ugento Provincia di Lecce Copia Città di Ugento Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE Settore 3 - Lavori Pubblici e Manutenzione N. 1293 Registro Generale N. 227 Registro del Settore Oggetto : IMMOBILE CONFISCATO DI

Dettagli

Crucolo TROFEO 3 M T B

Crucolo TROFEO 3 M T B MEMORIAL GIORDANO PURIN TROFEO 3 M T B Crucolo SABATO 18 LUGLIO Cicloturistica aperta a tutti i tesserati degli Enti riconosciuti dalla Consulta, agli amatori ed escursionisti provvisti di certificato

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 5 Adunanza 3 febbraio 2009 OGGETTO: I.I.S. CURIE, GRUGLIASCO (TO) SEZIONE STACCATA DI COL- LEGNO. RISTRUTTURAZIONE DELLA VILLA N. 6. APPROVAZIONE

Dettagli

Nuova attività agrituristica Società agricola SOLE LUNA Baiso (RE) MISURA 413 Azione 1

Nuova attività agrituristica Società agricola SOLE LUNA Baiso (RE) MISURA 413 Azione 1 Nuova attività agrituristica Società agricola SOLE LUNA Baiso (RE) L azienda SoleLuna è un agriturismo di prossima inaugurazione a Baiso. Insieme alle coltivazioni biologiche, è stato realizzata la struttura

Dettagli

UTILIZZO STRUTTURA CENTRO POLIFUNZIONALE

UTILIZZO STRUTTURA CENTRO POLIFUNZIONALE COMUNE DI PODENZANA REGOLAMENTO UTILIZZO STRUTTURA CENTRO POLIFUNZIONALE APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE N. 26 DEL 25/11/2013 1 Il Centro di Aggregazione Polifunzionale è costituito da un immobile a due

Dettagli

Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015

Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 La facciata ristrutturata Comune di Castiglione d Adda Via Roma 130, 26823 - Castiglione d Adda Tel. 0377/900403 Fax.

Dettagli

Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE E DEI CRITERI DI SCELTA DELLE FORME ORGANIZZATIVE DI GESTIONE DEI SERVIZI.

Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE E DEI CRITERI DI SCELTA DELLE FORME ORGANIZZATIVE DI GESTIONE DEI SERVIZI. Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE E DEI CRITERI DI SCELTA DELLE FORME ORGANIZZATIVE DI GESTIONE DEI SERVIZI. Approvato con delibera consiliare n. 48 dd 14/09/2001

Dettagli

SETTORE RAGIONERIA, TRIBUTI E PERSONALE Piazza Municipio n.9 80075 Forio P.I.: 01368590632 C.F.: 83000990636 DETERMINA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

SETTORE RAGIONERIA, TRIBUTI E PERSONALE Piazza Municipio n.9 80075 Forio P.I.: 01368590632 C.F.: 83000990636 DETERMINA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli SETTORE RAGIONERIA, TRIBUTI E PERSONALE Piazza Municipio n.9 80075 Forio P.I.: 01368590632 C.F.: 83000990636 e-mail: ragioneria@comune.forio.na.it tel.0813332914 fax.0813332942

Dettagli

INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI

INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI VILLAGGI In questa azione il concetto di accesso a un bene patrimoniale viene esteso ad una più ampia valorizzazione della vita

Dettagli

Dott. Ing. Barbara Dall Agata CURRICULUM VITAE

Dott. Ing. Barbara Dall Agata CURRICULUM VITAE Nata a Forlì il 16/04/1963 Coniugata con n. 2 figli Residente a Forlì in Via Cadore 21 Telefono ufficio 0543.714328 Telefono mobile 329.2103063 Percorso di studi ed abilitazioni conseguite Dott. Ing. Barbara

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Pesaro, 22 Novembre 2013 Relazione del Dott. Giorgio De Rosa Dottore Commercialista Revisore Legale

Pesaro, 22 Novembre 2013 Relazione del Dott. Giorgio De Rosa Dottore Commercialista Revisore Legale Pesaro, 22 Novembre 2013 Relazione del Dott. Giorgio De Rosa Dottore Commercialista Revisore Legale DETRAZIONE IRPEF PER RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE È il bonus tradizionalmente noto come detrazione IRPEF

Dettagli

La nostra azienda. Questi siamo noi.

La nostra azienda. Questi siamo noi. La nostra azienda Questi siamo noi. La nostra azienda opera nel settore delle costruzioni e delle ristrutturazioni da vent anni, in luoghi dai contesti unici e prestigiosi, prevalentemente in provincia

Dettagli

CORSO CASARO D ALPE con diploma cantonale

CORSO CASARO D ALPE con diploma cantonale CORSO CASARO D ALPE con diploma cantonale 1 Indice 1. Motivazioni del corso p. 3 2. Chi lo organizza p. 3 3. A chi è destinato p. 3 4. Piano di insegnamento p. 3 4.1 Definizione dei moduli e date delle

Dettagli

Edizione 2016. Il termine per presentare le richieste di contributo complete di tutti gli allegati è il 31 maggio 2016.

Edizione 2016. Il termine per presentare le richieste di contributo complete di tutti gli allegati è il 31 maggio 2016. Edizione 2016 Bando per interventi di messa in sicurezza, ristrutturazione e riqualificazione degli edifici scolastici e per la formazione professionale. Il Bando è suddiviso in due misure: Misura 1) Interventi

Dettagli

BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N.

BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N. Allegato A alla DGR n. --- del --- BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N. 104 Indice 1. Obiettivi 2. Tipologie

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Approvato dal Consiglio Provinciale con deliberazione n. 117 del 10.12.2002 Modificato con delibera di Consiglio Provinciale n. 19 del 1.4.2004 1 REGOLAMENTO

Dettagli

Breve presentazione dell'azienda agricola Capre e cavoli di Vararo

Breve presentazione dell'azienda agricola Capre e cavoli di Vararo Breve presentazione dell'azienda agricola Capre e cavoli di Vararo Il luogo L'azienda nata nel 2002, è situata nella conca di Vararo, frazione montana di Cittiglio, posta a 750 m. di altezza s.l.m.. L'asprezza

Dettagli

COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO COPIA COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 194 DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: LAVORI REALIZZAZIONE NUOVO ACQUEDOTTO, STAZIONE DI SOLLEVAMENTO E SERBATOIO DI ACCUMULO PER

Dettagli

Settore Gestione e Controllo del Territorio - Servizio lavori pubblici ed ambiente - Nembro, 29 ottobre 2002 RISTRUTTURAZIONE ED AMPLIAMENTO DELLA VILLA BERTULETTI PRESSO LA LOCALITA DI LONNO CRONISTORIA

Dettagli

LECCE CATEGORIA IMPIANTISTI IDRO-TERMO-SANITARI

LECCE CATEGORIA IMPIANTISTI IDRO-TERMO-SANITARI Lecce, 18 Dicembre 2013 Ai Sigg. Soci della Categoria Impiantisti Idro-termo-sanitari LORO SEDI Oggetto: Manutenzione verifiche impianti termici - Chiarimenti A seguito dell entrata in vigore, dal 12/7/2013,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA RETE

PRESENTAZIONE DELLA RETE Progetto LIFE11/NAT/IT/000187 TEN Trentino Ecological Network IL PROGETTO LIFE+TEN E LE RETI DI RISERVE: la rete ecologica del Trentino in azione Rete di Riserve Alpi Ledrensi : azioni e programmi Paolo

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012. Interventi dei Sigg. consiglieri

CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012. Interventi dei Sigg. consiglieri CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Gestione del servizio di segreteria comunale in forma associata tra i comuni di Orbassano e Villar Dora. Costituzione ed approvazione

Dettagli

Art. 160 bis del D.Lgs. 163/2006 Testo Unico dei Contratti Pubblici

Art. 160 bis del D.Lgs. 163/2006 Testo Unico dei Contratti Pubblici Francesco Pastore 1 Il leasing immobiliare pubblico è uno strumento messo a disposizione della Pubblica Amministrazione per la realizzazione, l acquisizione ed il completamento di opere pubbliche o di

Dettagli

AZIENDA San Valentino Città di Levico Terme

AZIENDA San Valentino Città di Levico Terme Prot. n. 2089/15 (1) AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA San Valentino Città di Levico Terme LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO Verbale di deliberazione N. 9 OGGETTO: APPROVAZIONE 3^ PERIZIA DI VARIANTE

Dettagli

Valorizzazione della filiera lattiero casearia ovi caprina: il controllo della qualità del latte

Valorizzazione della filiera lattiero casearia ovi caprina: il controllo della qualità del latte Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 - Misura 111 Valorizzazione della filiera lattiero casearia ovi caprina: il controllo della qualità del latte 25 settembre 2015 Località Nuraghe Losa -Abbasanta (Or)

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Ecoabita è un progetto della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Provincia

Dettagli

Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte

Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte Una delegazione dell Enpam ha incontrato i medici e gli odontoiatri che hanno subìto danni allo studio professionale e ai macchinari a causa dell alluvione

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C ALLEGATO 2 REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C SCHEDA DI CANDIDATURA DELL'INTERVENTO Ente proponente Consorzio del Parco del Trebbia Area protetta Parco Regionale

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE 1 Stato Attuale: La casa dello studente di che trattasi è sita in Via Asiago 2, all interno di un ampia area a verde individuata a Catasto Terreni alla Sezione GEC Foglio

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 44 DEL 21/05/2014

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 44 DEL 21/05/2014 C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 44 DEL 21/05/2014 OGGETTO: PROLUNGAMENTO CONVENZIONE CON COOPERATIVA LO SCOIATTOLO

Dettagli

Prot. n. 4284/C22 Tremestieri Etneo, 8 ottobre 2009

Prot. n. 4284/C22 Tremestieri Etneo, 8 ottobre 2009 Scuola Secondaria di grado Statale Raffaello Sanzio Via S. Marco, 3-95030 - Tremestieri Etneo(CT) Cod. Fiscale 8002700879 - Cod. Min. CTMM06700R Indirizzo e-mail ctmm06700r@istruzione.it N. tel/fax 095/496093

Dettagli

REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO

REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO Premessa Il Comune di Casalgrande proprietario dell immobile, sito nella frazione di Casalgrande Alto, all incrocio tra Via Statutaria

Dettagli

DETRAZIONE DEL 36% Torino, lì 11 settembre 2007. Circolare n. 22/2007

DETRAZIONE DEL 36% Torino, lì 11 settembre 2007. Circolare n. 22/2007 Dott. Carlo Agosta Dott. Enrico Pogolotti Dott. Davide Mancardo Dott.ssa Chiara Valente Dott.ssa Stefania Neirotti Torino, lì 11 settembre 2007 Circolare n. 22/2007 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti sulle

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

Le azioni previste nel Patto di Sviluppo 2011 2014. Asse 1 - Ricerca ed innovazione OBIETTIVI E FINALITÀ

Le azioni previste nel Patto di Sviluppo 2011 2014. Asse 1 - Ricerca ed innovazione OBIETTIVI E FINALITÀ Le azioni previste nel Patto di Sviluppo 2011 2014 Asse 1 - Ricerca ed innovazione Le azioni previste in questo asse riguardano lo sviluppo di temi di ricerca industriale e di sviluppo precompetitivo,

Dettagli

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 25 DEL 28/04/2015

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 25 DEL 28/04/2015 C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 25 DEL 28/04/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO PRELIMINARE GIOVANI AL CENTRO PER

Dettagli

CeSFAM Centro servizi per le foreste e le attività della montagna

CeSFAM Centro servizi per le foreste e le attività della montagna Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna CeSFAM Centro servizi per le foreste e le attività della montagna Regione Autonoma Friuli Venezia

Dettagli

Prot. n. 29 Reg. n. 29 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE

Prot. n. 29 Reg. n. 29 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Prot. n. 29 Reg. n. 29 Strembo, 5 marzo 2015 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Oggetto: Approvazione perizia di stima per i lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria e gestione delle strutture del Parco

Dettagli

FORMALE ESSENZIALITÀ RISTRUTTURAZIONE

FORMALE ESSENZIALITÀ RISTRUTTURAZIONE Cord. S. Lucia ok imp._3 sed. A Casa 11/06/10 11:23 Pagina 2 RISTRUTTURAZIONE PH. GIANNI CANALI (CALEIDOSTUDIO) IN PRIMIS... SINTONIA CON IL COMMITTENTE. QUESTA LA STRATEGIA VINCENTE CHE CONSENTE DI DARE

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo c.a.p. 24045 Piazza Roma n. 1 P.IVA 00294190160 Tel. 03633915109 0363391501 Fax 0363398774 D.U.V.R.I.

COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo c.a.p. 24045 Piazza Roma n. 1 P.IVA 00294190160 Tel. 03633915109 0363391501 Fax 0363398774 D.U.V.R.I. D.U.V.R.I. DOCU M E N T O UNICO DI VALUTAZIO N E DEI RISC HI DA INTERFE R E N Z E (ART. 26 DEL D.LG S N. 81/08) SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI PER IL TRIENNIO 01/07/2010 30/06/2013 Premessa

Dettagli

COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016

COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016 COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016 Allegato e parte integrante della relazione previsionale e programmatica approvata dal consiglio comunale con

Dettagli

SERVIZIO TECNICO URBANISTICO

SERVIZIO TECNICO URBANISTICO COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO SERVIZIO TECNICO URBANISTICO DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE N. 218-2011/SEG Archivio determinazioni di data 07.07.2011 Visto regolarità contabile di data 08.07.2011

Dettagli

Finanziato da: Promosso da: Anga Forlì-Cesena e Rimini - Giovani Coldiretti Forlì-Cesena - Giovani CIA Forlì-Cesena e Rimini

Finanziato da: Promosso da: Anga Forlì-Cesena e Rimini - Giovani Coldiretti Forlì-Cesena - Giovani CIA Forlì-Cesena e Rimini Federazione Coldiretti Forlì-Cesena Forlì-Cesena e Rimini Forlì-Cesena e Rimini PROGETTO L impiego a fini energetici della biomassa disponibile di origine agricola in Provincia di Forlì-Cesena attraverso

Dettagli

IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA

IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA Rabai M., Lugoboni A. DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA - Regione Lombardia Riassunto Gli autori delineano la realtà zootecnica

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 231 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005, sul sostegno allo

Dettagli

RISPARMIARE SOLDI ED ENERGIA IN AZIENDA NON È MAI STATO COSÌ SEMPLICE

RISPARMIARE SOLDI ED ENERGIA IN AZIENDA NON È MAI STATO COSÌ SEMPLICE RISPARMIARE SOLDI ED ENERGIA IN AZIENDA NON È MAI STATO COSÌ SEMPLICE [ ] L energia può rappresentare fino al 40% dei costi di un azienda. Perché spendere tanto se puoi risparmiare? Il nostro lavoro è

Dettagli

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari DIREZIONE OPERE PUBBLICHE ECONOMIA MONTANA E FORESTE La programmazione integrata delle filiere agro alimentari nelle aree LEADER del Piemonte Torino, 27 novembre 2014 1 PSR 2007 2013 ASSE IV LEADER 13

Dettagli

Asse 4 - Attuazione dell approccio Leader AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

Asse 4 - Attuazione dell approccio Leader AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg. CE 1698/2005 Asse 4 - Attuazione dell approccio Leader GAL ELIMOS AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ASSE 3 Qualità della vita nelle

Dettagli

Presentazione XIX Magnalonga dell Alta Vallagarina Castel Pietra 5 settembre 2014.

Presentazione XIX Magnalonga dell Alta Vallagarina Castel Pietra 5 settembre 2014. Presentazione XIX Magnalonga dell Alta Vallagarina Castel Pietra 5 settembre 2014. Foto: https://plus.google.com/photos/105970845897404373370/albums/6 056614842153513505?authkey=COqw_8yx9tCgDA Cordiale

Dettagli

Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale

Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale a livello comunitario: Direttiva Fonti Energetiche Rinnovabili (Direttiva 2009/28/EC) Direttiva Emission

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE 1. Per gli scarichi che vengono immessi in un pozzo perdente può essere richiesta la tariffa di fognatura e depurazione? L art. 34 comma

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

Messa di Natale per il mondo del lavoro sabato 19 dicembre alla Latteria Soresina

Messa di Natale per il mondo del lavoro sabato 19 dicembre alla Latteria Soresina Messa di Natale per il mondo del lavoro sabato 19 dicembre alla Latteria Soresina In foto da sinistra: Gloria Vairani (organizzatrice dell evento), don Irvano Maglia (delegato episcopale per la Pastorale),

Dettagli

Arca: accordo con gli organismi di certificazione

Arca: accordo con gli organismi di certificazione EDILIZIA IN LEGNO Arca: accordo con gli organismi di certificazione Cantiere > Costruzione Parte ufficialmente la certificazione per l edilizia in legno Arca (Architettura Comfort Ambiente), un modello

Dettagli

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/5 PROGETTO LA GRANDE GUERRA/DER ERSTE WELTKRIEG INTERREG IV ITALIA AUSTRIA Interventi di completamento edificio pubblico ed aree di pertinenza

Dettagli

COMUNE DI RIOLUNATO. (Provincia di Modena)

COMUNE DI RIOLUNATO. (Provincia di Modena) COMUNE DI RIOLUNATO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI MUTUI A TASSO AGEVOLATO PER INTERVENTI DI RECUPERO EDILIZIO, URBANISTICO ED AMBIENTALE NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

COMUNE DI CALCINAIA Provincia di Pisa

COMUNE DI CALCINAIA Provincia di Pisa COMUNE DI CALCINAIA Provincia di Pisa ORIGINALE SERVIZIO III - TECNICO DETERMINAZIONE N. 45 DEL 26/02/2014 OGGETTO: PROCEDURA APERTA SVOLTA CON MODALITA' TELEMATICA PER L'APPALTO DEI LAVORI DI RIMOZIONE

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

particolare Soggetto realizzatore Il progetto in sintesi Cooperativa Sociale Le Ali, Onlus

particolare Soggetto realizzatore Il progetto in sintesi Cooperativa Sociale Le Ali, Onlus particolare Soggetto realizzatore Cooperativa Sociale Le Ali, Onlus Il progetto in sintesi Questo progetto è il frutto del lavoro di tante persone che hanno voluto unire le loro diverse competenze e capacità

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 94 di data 6 marzo 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 94 di data 6 marzo 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 94 di data 6 marzo 2015 OGGETTO: Lavori di sistemazione e risanamento della Malga Guì p.ed. 293

Dettagli

COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO SERVIZI EDUCATIVI IN AMBITO SCOLASTICO, CENTRI ESTIVI E ASILO NIDO ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE

COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO SERVIZI EDUCATIVI IN AMBITO SCOLASTICO, CENTRI ESTIVI E ASILO NIDO ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO SERVIZI EDUCATIVI IN AMBITO SCOLASTICO, CENTRI ESTIVI E ASILO NIDO ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.)

Dettagli

BANDO AMBIENTENERGIA 2015

BANDO AMBIENTENERGIA 2015 BANDO AMBIENTENERGIA 2015 Misura Formazione di Energy Manager Livello II Bando per la selezione dei Comuni interessati a beneficiare del servizio Pagina 1 di 8 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 OGGETTO... 5 SOGGETTI

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

HAAS-HOCO ITALIA Via Nazionale, I-39040 Ora (BZ) Tel. +39.0471.802009 Fax+39.0471.810564 www.haas-fertigbau.it. 50 casa naturale

HAAS-HOCO ITALIA Via Nazionale, I-39040 Ora (BZ) Tel. +39.0471.802009 Fax+39.0471.810564 www.haas-fertigbau.it. 50 casa naturale 50 casa naturale HAAS-HOCO ITALIA Via Nazionale, I-39040 Ora (BZ) Tel. +39.0471.802009 Fax+39.0471.810564 www.haas-fertigbau.it idee costruire Percorso condiviso di floriana morrone foto di corrado bonomo

Dettagli

GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L.

GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Fondo Europeo agricolo per lo sviluppo rurale L Europa investe nelle zone GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Mod_ 67 Rev. 00 del 25.11.2011 Sarsina, 20 dicembre 2013 Prot. n. 362/L/cc NOTIFICA DI CONCESSIONE

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA GIANNINI ROMINA

AZIENDA AGRICOLA GIANNINI ROMINA AZIENDA AGRICOLA GIANNINI ROMINA Nel mistero di un paese nascosto tra le rocce e la fitta vegetazione, il fascino di una piccola azienda di montagna 1 AZIENDA AGRICOLA GIANNINI ROMINA L area in cui è situata

Dettagli

Allegato alla deliberazione giuntale n. 202 dd. 30.12.2015 CONVENZIONE. per il sostegno delle attività di formazione musicale con particolare

Allegato alla deliberazione giuntale n. 202 dd. 30.12.2015 CONVENZIONE. per il sostegno delle attività di formazione musicale con particolare Allegato alla deliberazione giuntale n. 202 dd. 30.12.2015 COMUNE DI AVIO PROVINCIA DI TRENTO N. Rep. Atti Privati CONVENZIONE per il sostegno delle attività di formazione musicale con particolare riferimento

Dettagli

CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO COMPRESI NEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL CHIESE

CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO COMPRESI NEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL CHIESE CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO COMPRESI NEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL CHIESE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI RELATIVI AGLI INTERVENTI PER L INSTALLAZIONE DI COLLETTORI SOLARI

Dettagli

MODULO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI

MODULO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Richiedente:.. [ Titolo progetto:.. MODULO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Si richiede di compilare il presente modulo e di inviarlo firmato e completo degli allegati a: Fondazione di Piacenza e Vigevano

Dettagli

CORSO CASARO D ALPE con diploma cantonale 2015-2017

CORSO CASARO D ALPE con diploma cantonale 2015-2017 CORSO CASARO D ALPE con diploma cantonale 2015-2017 1 Indice 1. Motivazioni del corso p. 3 2. Chi lo organizza p. 3 3. A chi è destinato p. 3 4. Piano di insegnamento p. 3 4.1 Definizione dei moduli e

Dettagli

GARBARI S.p.A. Via dell Ora del Garda 1, 38121 TRENTO Tel. +39 0461 957700 Fax +39 0461 957727- www.garbari.it

GARBARI S.p.A. Via dell Ora del Garda 1, 38121 TRENTO Tel. +39 0461 957700 Fax +39 0461 957727- www.garbari.it GARBARI S.p.A. Via dell Ora del Garda 1, 38121 TRENTO Tel. +39 0461 957700 Fax +39 0461 957727- www.garbari.it Quello che fai, fallo bene. È questo il motto presente nell affresco che si trova all entrata

Dettagli

Città di Ugento Provincia di Lecce

Città di Ugento Provincia di Lecce Copia Città di Ugento Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE Settore 3 - Lavori Pubblici e Manutenzione N. 1555 Registro Generale DEL 14/11/2014 N. 271 Registro del Settore DEL 10/11/2014 Oggetto

Dettagli

Villetta a Peschiera Borromeo (MI) Ristrutturazione di una villetta su due livelli a Peschiera Borromeo (MI) della superficie complessiva di Mq 220.

Villetta a Peschiera Borromeo (MI) Ristrutturazione di una villetta su due livelli a Peschiera Borromeo (MI) della superficie complessiva di Mq 220. Da oltre quarant'anni ci occupiamo delle case di Milano, evolvendo la nostra offerta al variare delle necessità e dei tempi. Già da diversi anni, infatti, l offerta CLM Arredamento si è arricchita di una

Dettagli

Francesco Prosperetti Soprintedente ai Beni Ambientali, Architettonici, Artistici e Storici di Salerno e Avellino

Francesco Prosperetti Soprintedente ai Beni Ambientali, Architettonici, Artistici e Storici di Salerno e Avellino Interventi tratti dal progetto di Restauro conservativo realizzato dagli allievi dei corsi di formazione professionale per restauratore d'arte e intarsiatore restauratore mobili Sezione decentrata regionale

Dettagli

Oggetto: Richiesta certificato di agibilità.

Oggetto: Richiesta certificato di agibilità. (al presente modulo dovrà essere allegato un documento di riconoscimento, in corso di validità, del richiedente e la compilazione potrà avvenire a mano o con sistema informatico, ma nel secondo caso dovranno

Dettagli

CONVENZIONE Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania

CONVENZIONE Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania CONVENZIONE tra LA DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DELLA CAMPANIA, LA SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI, PAESAGGISTICI, STORICI, ARTISTICI ED ETNOANTROPOLOGICI DI NAPOLI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli