Giornata Europea della Logopedia, 6 Marzo 2009 Disabilità e diritti. Documento a cura di: Cattaneo A., Ramella B.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giornata Europea della Logopedia, 6 Marzo 2009 Disabilità e diritti. Documento a cura di: Cattaneo A., Ramella B."

Transcript

1 Questo documento vuole fornire un aiuto concreto alle famiglie che spesso si trovano ad affrontare da sole iter burocratici complicati e tradurre paroloni sconosciuti per cercare di ottenere il meglio per i propri figli con disabilità. Fa riferimento ad un ottima guida creata da FISH Piemonte ed AREA Onlus Di.To 0-6 Disabilità a Torino La guida alle risorse della città per genitori e bambini : sono state scelte, revisionate ed in parte aggiornate le informazioni che potevano essere collegate alle disabilità neurologiche. Si rimanda alla guida completa per ulteriori approfondimenti

2 INDICE Un piccolo ma fondamentale chiarimento Pag. 3 Riconoscimento della condizione di invalido civile Pag. 4 Visita medica e relativo verbale Pag. 5 Domanda di aggravamento Pag. 6 Istanza di ricorso Pag. 6 Cittadini stranieri Pag. 7 Fac-simile dei moduli per la richiesta Pag. 8 Aiuti economici e agevolazioni fiscali Pag. 12 Congedi Pag. 12 Indennità mensile di frequenza Pag. 15 Indennità di accompagnamento Pag. 15 Aggiornamenti normativi 1 trimestre 2009 Pag. 17 Tassa automobilistica Pag. 18 La ZTL per disabili Pag. 19 Tessere per diversamente abili Pag. 20 Buoni taxi Pag. 21 Viaggiare in treno Pag. 22 Barriere architettoniche Pag. 23 Quadro riassuntivo delle agevolazioni Pag. 24 Ausili Pag. 27

3 UN PICCOLO MA FONDAMENTALE CHIARIMENTO INIZIALE La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa. Una persona disabile è invalida civile soltanto dopo essere stata esaminata dalla commissione medicolegale competente. Lo stesso vale per il certificato di handicap: una persona disabile non è "handicappata" finchè lo stato di handicap non viene accertato dalla commissione medico-legale competente (L. 104/92, art. 4). La persona con invalidità civile può anche non avere richiesto il certificato di handicap, e viceversa. INVALIDITÀ CIVILE L'invalidità civile è un giudizio di carattere sanitario. Essa valuta la riduzione della capacità lavorativa della persona in funzione della gravità della patologia. Dai 15 ai 65 anni di età il grado di invalidità viene espresso in percentuale. Al di sotto dei 15 e al di sopra dei 65 anni l invalidità l'invalidità corrisponde al grado di difficoltà a svolgere i compiti e le funzioni proprie dell età ed è espressa con codici regionali. CERTIFICATO DI HANDICAP. Il certificato di handicap è un riconoscimento medico legale e sociale che tiene conto di quanto la disabilità del soggetto incida sulla sua vita personale e sociale. L handicap viene distinto in: (a) stato di handicap (b) stato di handicap in situazione di gravità. In base al grado di handicap certificato la persona disabile ha diritto a fruire di determinati benefici in ambito fiscale, lavorativo, familiare. La legge di riferimento è la L.104/92 e successive modifiche.

4 RICONOSCIMENTO DELLA CONDIZIONE DI INVALIDO CIVILE Per essere riconosciuto invalido civile, cieco civile o sordomuto è necessario presentare una domanda di accertamento dello stato di invalidante all'azienda Sanitaria Locale di Residenza. A seguito della domanda viene convocata una visita medico-legale per accertare se il richiedente possiede i requisiti sanitari che prevedono il diritto all'erogazione di presidi e benefici economici riconosciuti dalla legge vigente. Come fare la domanda - Procedura La domanda consiste nella compilazione di un modulo, tale modulo si differenzia a seconda se la persona interessata al riconoscimento dell'invalidità civile sia minorenne o interdetto oppure maggiorenne. Alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione: un certificato del medico curante (medico di base o medico specialista). Tale certificato deve indicare la diagnosi con chiarezza e precisione e le eventuali difficoltà di natura fisica, mentale, sensoriale che derivano dalle patologie certificate. Per il riconoscimento dello stato di cecità deve essere allegato un certificato medico oculistico di struttura pubblica che attesti la cecità assoluta o parziale (residuo visivo non superiore ad un ventesimo in entrambi gli occhi con correzione o ancora un residuo perimetrico binoculare inferiore al 10% in entrambi gli occhi). Nel caso di sordomutismo è necessario allegare un certificato otorinolaringoiatrico attestante la sordità prima dell'apprendimento del linguaggio parlato definibile entro il dodicesimo anno di vita; la fotocopia di un documento di identità valido; la fotocopia del codice fiscale. Se le patologie cui è affetto l'interessato possono comportare un riconoscimento della condizione di invalido civile ed un riconoscimento della condizione di cieco civile per gravi problemi di vista è necessario presentare due distinte domande ciascuna sull'apposito modulo. Se l'interessato è minorenne o interdetto, deve essere compilato il modulo "Istante minore anni 18 o interdetto" e firmato osservando le seguenti indicazioni: richiedente minore di anni 18 Se il richiedente è minorenne la domanda deve essere firmata dal legale rappresentante specificando se trattasi di genitore o tutore. richiedente interdetto - Se il richiedente maggiorenne è stato dichiarato interdetto la domanda deve essere firmata dal tutore. Nel caso in cui l'interessato maggiorenne si trovi nell'impossibilità fisica di firmare la domanda (es. paralisi agli arti superiori) o sia analfabeta, deve presentarsi personalmente con un documento in corso di validità all'ufficio competente a ritirare le domande. L'impiegato, accertata l'identità dell'interessato, è tenuto ad indicare in calce al modulo la motivazione dell'impossibilità a sottoscrivere. Se l'interessato non può presentarsi personalmente per motivi di salute la domanda deve essere presentata dal coniuge o, in sua assenza, dai figli o, in mancanza di questi, da altro parente in linea retta o collaterale fino al terzo grado, oppure da altro soggetto indicando le motivazioni dell'impedimento. LA VISITA MEDICA ED IL RELATIVO VERBALE

5 Una volta presentata la domanda viene fissata la data della visita di accertamento durante la quale è possibile farsi assistere dal proprio medico di fiducia. Si ricorda che è necessario, in corso di visita medica, esibire tutta la documentazione sanitaria attestante le patologie certificate dal medico curante. La visita viene effettuata dalla Commissione di prima istanza presso il Servizio di Medicina Legale dell'asl di residenza ad eccezione delle visite per il riconoscimento dello stato di cecità assoluta o parziale che sono effettuate presso un'apposita Commissione medica provinciale istituita presso l'asl 2 per la provincia di Torino e presso le AASSLL competenti per territorio negli altri capoluoghi di provincia. A Torino la domanda presentata all'asl di residenza del richiedente viene successivamente trasmessa, d'ufficio, alla segreteria della Commissione medica provinciale competente per il riconoscimento dello stato di cieco civile. Nel caso in cui l'interessato sia impossibilitato a presentarsi a visita per gravi condizioni di salute è possibile richiedere una visita domiciliare esibendo certificato del medico curante che attesta l'impossibilità dell'interessato a lasciare il domicilio. Effettuata la visita, la procedura prevede che il relativo verbale venga inviato alla Commissione medica di verifica. La commissione medica di verifica valuta il giudizio espresso dalla commissione medica di prima istanza esaminando la documentazione medica agli atti e, se lo ritiene necessario, convoca a nuova visita l'interessato o richiede ulteriore documentazione sanitaria. Una volta effettuata la valutazione da parte della Commissione medica di verifica, il verbale ritorna all'asl di competenza che provvede all'invio a domicilio del verbale. Nel verbale viene indicato l'esito della visita medica (non invalido, invalido, cieco civile, sordomuto, minore o invalido ultrasessantacinquenne con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni della propria età) caratterizzato da un codice differente per ciascuna condizione e l'eventuale percentuale di invalidità civile. Nel caso in cui venga riconosciuta una condizione di invalidità che dà diritto all'erogazione di provvidenze economiche, l'a.s.l. provvede ad inviare all'inps i dati necessari per le erogazioni economiche senza che l'interessato presenti ulteriore domanda. L'INPS provvederà ad inviare per posta all'interessato la richiesta di ulteriore documentazione utile ad accertare requisiti non sanitari (reddito, iscrizione nelle liste speciali, ecc.). NOTA BENE Le pratiche per l'assegno mensile, le pensioni e le indennità sono GRATUITE. L'assegno mensile, le pensioni e l'indennità di frequenza sono erogabili se l'interessato ha un reddito personale non superiore ad un limite stabilito annualmente per legge. Requisito essenziale per ottenere l'assegno di invalidità mensile, oltre alla percentuale compresa tra il 74% ed il 99%, è dato dall'iscrizione alle liste speciali di collocamento. Per ottenere l'indennità di frequenza, erogata ai minori con difficoltà persistenti a svolgere le funzioni proprie dell'età, è necessario presentare annualmente all'inps un certificato di frequenza scolastica o di asilo nido oppure un certificato attestante la frequenza di un centro di riabilitazione pubblico o convenzionato con l'ente pubblico, non è ammessa la frequenza di presso strutture private. Le indennità di accompagnamento per invalidità civile e quella per cecità assoluta, l'indennità speciale per cecità parziale e l'indennità di comunicazione per sordomuti sono erogate indipendentemente dal reddito personale e dall'età. L'indennità di accompagnamento per invalidità civile non è riconosciuta se l'interessato è ricoverato a tempo pieno presso una struttura, pubblica o privata, la cui retta è a totale carico dell'ente pubblico. I MINORENNI possono essere riconosciuti: codice 01 "non invalido", codice 07 "minore con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni della propria età o ipoacusico". In questo caso si ha diritto all'esenzione pagamento ticket sanitario, protesi, ortesi e/o ausili ed

6 indennità di frequenza (compatibilmente con il reddito annuo individuale e la frequenza di centri di riabilitazione, scuole di ogni ordine e grado, compreso l'asilo nido). I minori che hanno compiuto i sedici anni di età possono essere percentualizzati ai fini dell'iscrizione nelle liste collocamento speciali del Centro per l'impiego. codice 05 "invalido con totale e permanente inabilità lavorativa e con impossibilità a deambulare senza l'aiuto permanente di un accompagnatore" oppure codice 06 "invalido con totale e permanente inabilità lavorativa e con necessità di assistenza continua non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita". In questo caso si ha diritto all'esenzione pagamento ticket sanitario, ortesi e/o ausili e indennità di accompagnamento (svincolata dal reddito individuale). E' incompatibile con il diritto a percepire l'indennità di frequenza. codice 08 "cieco con residuo visivo non superiore ad un ventesimo in entrambi gli occhi con eventuale correzione".in questo caso si ha diritto all'esenzione pagamento ticket sanitario, protesi, ortesi e/o ausili, pensione per ciechi parziali (compatibilmente con il reddito annuo individuale) e indennità speciale per ciechi parziali (svincolata dal reddito individuale). codice 09 "cieco assoluto".in questo caso ha diritto all'esenzione dal pagamento del ticket sanitario, protesi, ortesi e/o ausili e indennità di accompagnamento per ciechi assoluti (svincolata dal reddito individuale). codice 10 "sordomuto".in questo caso ha diritto all'esenzione pagamento ticket sanitario, protesi, ortesi e/o ausili ed indennità di comunicazione (indipendentemente dal reddito individuale). Al compimento della maggiore età è necessario presentare domanda di rivalutazione dello stato di invalidità civile per ottenere una percentualizzazione della capacità lavorativa residua che permetta di mantenere i diritti acquisiti rispetto alle prestazioni sanitarie e, se la percentuale è pari o superiore al 46%, l'iscrizione alle liste speciali di collocamento ai fini dell'integrazione lavorativa. Tale rivalutazione è indispensabile anche a ottenere i benefici economici previsti quali l'assegno di invalidità e la pensione di inabilità. Anche nel caso di sordomutismo e cecità è necessario presentare nuovamente una domanda di accertamento di invalidità al compimento del diciottesimo anno di vita. DOMANDA DI AGGRAVAMENTO Nel caso in cui una persona già dichiarata invalida presenti un peggioramento delle proprie condizioni di salute, può presentare la domanda di aggravamento al fine di rivalutare lo stato di invalidità civile. Per ottenere tale valutazione è necessario presentare la domanda presso il Servizio di Medicina Legale Settore invalidi civili sito in Torino Via Farinelli 25 piano terra. La modulistica è uguale a quella utilizzata per la presentazione della prima domanda di invalidità civile, ma nel caso specifico, è indispensabile corredarla con la documentazione sanitaria attestante l'effettivo peggioramento dello stato di salute (relazione di un medico specialista e/o esami). Inoltre è necessario allegare alla domanda la fotocopia del precedente verbale di invalidità. ISTANZA DI RICORSO AL GIUDIZIO ESPRESSO DALLA COMMISSIONE MEDICA DI PRIMA ISTANZA Qualora la valutazione espressa dalla Commissione medica di prima istanza sia ritenuta inadeguata è possibile inoltrare ricorso alla Commissione medica di seconda istanza presso: Ministero Economia e Finanze - Direzione Centrale degli Uffici Locali e dei Servizi Ufficio XIII Via Casilina, Roma, allegando: copia del verbale di invalidità civile e della busta che conteneva il verbale stesso,

7 copia della documentazione sanitaria esaminata dalla commissione medica di prima istanza. L'interessato o il suo legale rappresentante può presentare ricorso amministrativo al Ministero Economia e Finanze entro 60 giorni dalla ricezione del verbale di invalidità. Il Ministero Economia e Finanze ha tempo 180 giorni per esprimere un parere; trascorso tale periodo di tempo senza alcuna risposta il ricorso si deve intendere respinto. In tal caso l'interessato può inoltrare ricorso legale al giudice del lavoro presso il Tribunale ordinario di Torino. In caso di risposta da parte del Ministero Economia e Finanze il nuovo verbale di invalidità sarà inviato all'interessato, all'a.s.l. ed alla Regione quest'ultima provvederà all'invio del medesimo all'inps di competenza. Nel corso dei 180 giorni, previsti per la risposta da parte del Ministero Economia e Finanze, non può essere presentata alcuna domanda di aggravamento. CITTADINI STRANIERI Specifiche disposizioni relative ai cittadini stranieri riguardano soltanto coloro che provengo da paesi extracomunitari in quanto i cittadini provenienti da paesi dell'unione Europea residenti in Italia hanno gli stessi diritti degli italiani. I cittadini stranieri extracomunitari residenti in Italia, adulti o minori, con regolare permesso di soggiorno, possono presentare domanda di riconoscimento di invalidità civile. L'eventuale riconoscimento della condizione di invalido civile, cieco civile o sordomuto dà diritto ai benefici riconosciuti ai cittadini italiani, con le modalità ed i limiti sopra indicati, relativamente a: erogazione di protesi, ortesi e ausili, iscrizione nelle liste speciali, esenzione dal pagamento del ticket sanitario. Fa eccezione l'erogazione delle prestazioni economiche derivanti dal riconoscimento di invalidità civile per la quale è necessario che l'interessato sia titolare della carta di soggiorno, oppure, nel caso di minori, sia iscritto nella carta di soggiorno di un genitore. La carta di soggiorno è un documento rilasciato ai cittadini stranieri extracomunitari in possesso di regolare permesso di soggiorno da almeno sei anni per motivi che consentono un numero indeterminato di rinnovi e che possono dimostrare di possedere un reddito sufficiente a mantenere sé e familiari. REGIONE PIEMONTE Nella seduta di martedì 2 maggio, la Giunta ha approvato una serie di provvedimenti con lo scopo di snellire le procedure burocratiche legate al riconoscimento dell'invalidità. Le due leggi vigenti in materia di handicap e di accertamenti sanitari per stabilire il grado di invalidità e disabilità risultavano talvolta non coordinate tra loro e, di conseguenza, il soggetto interessato veniva sottoposto a ripetute visite di accertamento per finalità diverse. La nuova delibera, che amplia e integra la nuova legge n. 80 del 9 marzo 2006, consente, a chi lo desidera, di poter svolgere contestualmente le visite necessarie alla verifica dell'invalidità civile e alla certificazione dell'handicap, senza essere sottoposto a due differenti controlli. Inoltre, dopo il rilascio del documento attestante l'invalidità civile o la disabilità, il cittadino, nel richiedere il riconoscimento delle agevolazioni cui ha diritto, non dovrà più fare nuove visite né produrre personalmente la documentazione. Saranno gli uffici interessati ad acquisire i dati di cui hanno bisogno richiedendone la trasmissione per via telematica all'azienda sanitaria di competenza. Infine, la verifica dell'invalidità civile e dell'handicap per i cittadini con patologie prognosticate in fase terminale dovrà essere effettuato dalle commissioni mediche competenti entro 15 giorni dalla presentazione della domanda (Torino, 02/05/2006)

8 Fac-simile dei moduli per la richiesta

9

10

11

12 AIUTI ECONOMICIE E AGEVOLAZIONI FISCALI I genitori di figli portatori di handicap grave possono fruire di particolari agevolazioni: prolungamento dell'astensione facoltativa o, in alternativa, una o due ore (a seconda della durata dell'orario di lavoro) di permesso giornaliero retribuito, fino al terzo anno di età del bambino; tre giorni di permessi mensili retribuiti, fruibili anche in maniera continuativa, oltre il terzo anno di età del bambino. I riposi, i permessi e i congedi spettano al genitore lavoratore anche quando l'altro genitore non ne ha diritto. Questo significa che il genitore lavoratore può fruire delle agevolazioni anche se la madre non lavora. I permessi e il congedo per grave handicap non possono essere fruiti contemporaneamente. I riposi e i permessi possono essere cumulati con il congedo parentale (astensione facoltativa di 6 mesi per la madre e 7 mesi per il padre; 10/11 mesi se viene fruito da entrambi) e con il congedo per malattia del figlio. I genitori possono fruire contemporaneamente l'uno dell'astensione facoltativa e l'altro dei permessi per i figli disabili. Non è possibile, però, che lo stesso genitore fruisca contemporaneamente dei permessi per i figli disabili e dell'astensione facoltativa nella stessa giornata. La norma riconosce il diritto ai riposi, ai permessi e ai congedi, anche ai genitori adottivi e agli affidatari. CONGEDO La legge ha introdotto dal 1 gennaio 2001 un congedo straordinario retribuito per l'assistenza di figli che sono portatori di grave handicap. Il congedo ha la durata massima di due anni nell'arco della vita lavorativa e può essere frazionato (a giorni, a settimane, a mesi ecc.) A chi spetta: Ai genitori, naturali o adottivi, e dal 27 aprile 2001 (data di entrata in vigore del decreto legislativo che riordina i permessi e i congedi per i genitori di portatori di handicap grave) anche agli affidatari di disabili per i quali è stata accertata la situazione di gravità; i genitori non possono fruire del congedo contemporaneamente. Ai fratelli o alle sorelle conviventi del portatore di handicap grave, in caso di decesso di entrambi i genitori o quando questi ultimi siano impossibilitati a provvedere all'assistenza del figlio handicappato perché totalmente inabili. Non è possibile fruire del congedo parentale (astensione facoltativa) e del congedo per grave handicap contemporaneamente. Per ottenere il congedo sono richieste le stesse condizioni che permettono di fruire degli speciali congedi previsti dalla legge sull'handicap (giorni di permesso mensili retribuiti, prolungamento dell'astensione facoltativa, permessi orari retribuiti ecc.). L'importo Il congedo è retribuito con un'indennità pari all'ultima retribuzione percepita, è coperto dai contributi figurativi e viene corrisposto per tutti i giorni per i quali il beneficio è richiesto. Per i periodi per i quali non è prevista attività lavorativa (es. part-time verticale), il congedo non è riconosciuto. L'indennità non può essere riconosciuta ai lavoratori domestici e ai lavoratori a domicilio. La domanda

13 La domanda di congedo (Mod-Hand4 per i genitori e Mod-Hand5 per fratelli e sorelle) deve essere presentata all'inps in duplice copia. Una di esse viene restituita dall'inps per ricevuta all'interessato che la deve presentare al datore di lavoro. Alla domanda deve essere allegata, tra l'altro, la documentazione della ASL dalla quale risulti la gravità dell'handicap. La legge finanziaria 2004 ha abolito la norma secondo la quale al momento della domanda di congedo la gravità dell'handicap doveva essere stata accertata da almeno cinque anni. Le domande presentate prima del 1 gennaio 2004, respinte per mancanza del vecchio requisito dei cinque anni, devono essere ripresentate. CONGEDO STRAORDINARIO Per l'assistenza di persone con handicap grave, la legge prevede un congedo straordinario indennizzato. La disabilità si considera grave se la minorazione, singola o plurima, ha ridotto l'autonomia personale, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente e continuativo. A chi spetta al coniuge, se convive con la persona gravemente disabile ai genitori, naturali o adottivi, e agli affidatari di persone con disabilità per i quali è stata accertata la situazione di gravità, in particolari condizioni: ai fratelli o alle sorelle (alternativamente) conviventi con il soggetto portatore di handicap grave, se si verificano le seguenti due condizioni: entrambi i genitori sono deceduti o totalmente inabili il fratello portatore di handicap grave non è coniugato o non convive col coniuge, oppure, se è coniugato e convivente col coniuge, ricorre una delle seguenti situazioni: o il coniuge non lavora o è lavoratore autonomo o il coniuge ha espressamente rinunciato a usufruire del congedo I requisiti Per ottenere il congedo sono richiesti gli stessi requisiti che permettono di avere diritto alle speciali agevolazioni previste dalla legge sull'handicap (giorni di permesso mensili retribuiti, prolungamento dell'astensione facoltativa, permessi orari retribuiti). La durata Il congedo ha la durata massima di due anni nell'arco della vita lavorativa, può essere frazionato a giorni, a settimane, a mesi. L'indennita' Il congedo è retribuito con un'indennità pari all'ultima retribuzione percepita ed è coperto da contributi figurativi. Nel caso di part-time verticale, il congedo non è riconosciuto per i periodi per i quali non è prevista attività lavorativa. L'indennità non può essere riconosciuta ai lavoratori domestici e ai lavoratori a domicilio. La domanda I moduli di domanda di congedo straordinario sono disponibili presso gli uffici Inps e sul sito Internet dell Istituto nella sezione moduli. La domanda deve essere presentata all Inps in duplice copia. La copia che viene restituita dall Inps per ricevuta va presentata al datore di lavoro. Alla domanda deve essere allegata la documentazione della Asl dalla quale risulti la gravità dell handicap. Ogni domanda per essere presa in esame deve contenere la documentazione indispensabile e le informazioni indicate nel modulo, come previsto dall articolo 1, comma 783 della legge 296/06.

14 IL PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE E I PERMESSI PER MATERNITÀ I genitori di figli con disabilità grave hanno diritto a particolari agevolazioni: prolungamento del congedo parentale(astensione facoltativa). Il congedo parentale, nella generalità dei casi, è di sei mesi entro i tre anni di vita del bambino e può essere prolungato fino al compimento degli otto anni di età del bambino, per un periodo complessivo non superiore a undici mesi tra i due genitori. Nel caso di figli con disabilità grave, la madre o il padre hanno diritto all'astensione fino al compimento dei tre anni di età del bambino. In alternativa al congedo parentale, la madre o il padre hanno diritto a una o due ore (a seconda della durata dell'orario di lavoro) di permesso giornaliero retribuito, fino al terzo anno di età del bambino; tre giorni di permessi mensili retribuiti, da utilizzare anche in maniera continuativa, oltre il terzo anno di età del bambino e fino a diciotto anni di età. I giorni di permesso non utilizzati non possono essere cumulati con quelli del mese successivo. I riposi, i permessi e i congedi spettano al genitore lavoratore anche quando l'altro genitore non ne ha diritto, perchè non lavora o perchè svolge lavoro autonomo. I permessi e il congedo per handicap grave non possono essere utilizzati dai due genitori contemporaneamente. I riposi e i permessi possono essere cumulati con il congedo parentale (astensione facoltativa di 6 mesi per la madre e 7 mesi per il padre; 10/11 mesi se viene utilizzato da entrambi) e con il congedo per malattia del figlio. Se un genitore usufruisce dell'astensione facoltativa, l'altro può avere diritto nello stesso periodo, ai permessi mensili per i figli con disabilità. Non è possibile, però, che lo stesso genitore utilizzi nella stessa giornata i permessi per i figli disabili e l'astensione facoltativa. La norma riconosce il diritto ai riposi, ai permessi e ai congedi anche ai genitori adottivi e agli affidatari. La domanda Per avere diritto ai permessi è necessario presentare un modulo di domanda corredato dai documenti che provino la disabilità, agli uffici Inps e al proprio datore di lavoro. I moduli sono disponibili presso gli uffici Inps oppure sul sito nella sezione "moduli". Ogni domanda per essere presa in esame deve contenere la documentazione ritenuta indispensabile e le informazioni indicate nel modulo, come previsto dall articolo 1, comma 783 della legge 296/06. Chi paga I permessi per assistenza alle persone con disabilità sono retribuiti dal datore di lavoro, il quale procede al relativo conguaglio con i contributi dovuti all'inps.

15 L'INDENNITA MENSILE DI FREQUENZA L'indennità mensile di frequenza è stata introdotta dalla legge 11 ottobre 1990, n. 289 "Modifiche alla disciplina delle indennità di accompagnamento di cui alla: legge 21 novembre 1988, n. 508, recante norme integrative in materia di assistenza economica agli invalidi civili, ai ciechi civili ed ai sordomuti e istituzione di un'indennità di frequenza per minori invalidi". Requisiti necessari essere residente in Italia essere cittadini italiani o cittadini comunitari residenti da più di tre mesi in Italia, o essere iscritti sulla carta di soggiorno del genitore essere minore di anni 18 frequentare, anche in modo non continuo, un centro di riabilitazione, la scuola di ogni ordine e grado a partire dalla scuola materna, il centro di formazione professionale essere stato riconosciuto "minore con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie dell'età oppure essere ipoacustico che presenta un una perdita uditiva superiore a 60 decibel" essere privo di reddito o con un reddito non superiore a 4.382,43 riferito all'anno Incompatibilità Non hanno diritto all'indennità mensile di frequenza coloro che: percepiscono l'indennità di accompagnamento percepiscono la speciale indennità per i ciechi parziali percepiscono l'indennità di comunicazione È possibile scegliere il trattamento economico più favorevole tra l'indennità mensile di frequenza ed eventuali altre indennità. Importo dovuto Per l'anno 2009 l'importo mensile è di 255,13. Tale importo viene corrisposto da ottobre a giugno. Frequenza di centri di riabilitazione o corsi La concessione dell'indennità di frequenza ai minori riconosciuti invalidi civili è subordinata alla frequenza continua o anche periodica di: centri ambulatoriali o centri diurni socioeducativi, anche di tipo semiresidenziale, pubblici o privati, purché operanti in regime di convenzione, specializzati nel trattamento terapeutico o nella riabilitazione e nel recupero di persone portatrici di handicap scuole pubbliche o private, di ogni ordine e grado, a partire dalla scuola materna, nonché centri di formazione o di addestramento professionale finalizzati al reinserimento sociale dei soggetti stessi. A seguito di una recente sentenza della Corte Costituzionale anche la frequenza all'asilo dà diritto a percepire l'indennità di frequenza. La frequenza di centri di riabilitazione e/o di scuole deve essere opportunamente certificata, il certificato di INDENNITA DI ACCOMPAGNAMENTO L indennità di accompagnamento è stata istituita a favore delle persone completamente inabili, che non possono svolgere gli atti quotidiani della vita senza un aiuto costante. L indennità non è incompatibile con lo svolgimento di una attività lavorativa dipendente o autonoma, qualora la persona abbia una residua capacità di lavoro. Il riconoscimento di questa prestazione è indipendente dall età e dal reddito. I requisiti Per ottenere l indennità di accompagnamento è necessario avere i seguenti requisiti:

16 - il riconoscimento di un invalidità totale (non essere in grado di deambulare o di svolgere autonomamente gli atti quotidiani della vita tipici dell età). - la cittadinanza italiana e la residenza in Italia. Ne hanno diritto anche i cittadini dell Unione Europea e loro familiari (coniuge e figli a carico), residenti in Italia, che hanno svolto un lavoro dipendente o autonomo in uno degli stati dell Unione. Possono fruire della prestazione anche i cittadini extracomunitari titolari di carta di soggiorno, nonché i minori iscritti nella loro carta di soggiorno. L indennità di accompagnamento è incompatibile con le prestazioni simili concesse per cause di servizio, lavoro o guerra (in questo caso si può scegliere il trattamento più favorevole) e viene sospesa qualora la persona disabile sia ricoverata gratuitamente in strutture per lunga degenza con pagamento delle retta a carico dello Stato (o di ente pubblico). Continua, invece, a essere pagata durante i periodi di ricovero per terapie. Coloro che percepiscono l indennità di accompagnamento devono presentare, entro il 31 marzo di ogni anno, una dichiarazione di responsabilità nella quale specificano se sono ricoverati a titolo gratuito in istituti a lungodegenza o in cliniche per la riabilitazione con retta a totale carico di enti pubblici. Per compilare la dichiarazione bisogna utilizzare il modulo che l Inps invia al domicilio e che va restituito o alla propria sede Inps, alla sede Asl competente per territorio oppure al Comune di residenza. Se la dichiarazione non viene consegnata, l Inps provvede al controllo dei requisiti.

17 AGGIORNAMENTI NORMATIVI 1 TRIMESTRE 2009 L Agenzia delle Entrate ha pubblicato una Guida alle agevolazioni fiscali per i disabili. In base all attuale normativa, le principale agevolazioni riguardano: Figli a carico Veicoli Sussidi tecnici e informatici Spese sanitarie Assistenza personale Abbattimento barriere architettoniche Le agevolazioni riguardanti Iva, Irpef, bollo auto e imposta sui passaggi di proprietà sono fruibili di norma anche da parte dei familiari del disabile (cioè: coniuge, fratelli, sorelle, suoceri, nuore e generi, adottanti, nonché figli e genitori, in mancanza dei quali subentrano i discendenti o ascendenti più prossimi), quando il disabile stesso sia da considerare a carico in base al proprio reddito personale complessivo. Fanno eccezione i casi specifici previsti dalla normativa e indicati in dettaglio dalla Guida. Da ricordare che nell anno 2009, in base al decreto legge 185/2008, convertito nella L. 2/2009 (misure anticrisi), è previsto un bonus per le famiglie a basso reddito, è possibile, cioè, usufruire di un beneficio nella misura di euro se nel nucleo familiare vi sono figli a carico del richiedente portatori di handicap, riconosciuto come tale ai sensi della legge 104 del 1992 e il reddito complessivo familiare non è superiore ad euro Per i contribuenti con disabilità che non possono recarsi presso gli sportelli, l Agenzia delle entrate ha attivato un servizio di assistenza fiscale domiciliare da parte di funzionari qualificati. Per usufruirne è possibile rivolgersi alle Associazioni che operano nel settore, ai servizi sociali degli enti locali, ai coordinatori del servizio delle Direzioni regionali dell Agenzia. Informazioni e chiarimenti si possono avere rivolgendosi ai centri di assistenza telefonica, al numero dal lunedì al venerdì dalle alle 17, il sabato dalle 9 alle 13, oppure agli sportelli degli Uffici locali dell Agenzia delle entrate. Provvidenze economiche per invalidi civili, ciechi civili e sordomuti: importi e limiti reddituali per il 2009 Tipo di provvidenza Importo Limite di reddito Pensione ciechi civili assoluti 275,91 267, , ,81 Pensione ciechi civili assoluti (se ricoverati) 255,13 246, , ,81 Pensione ciechi civili parziali 255,13 246, , ,81 Pensione invalidi civili totali 255,13 246, , ,81 Pensione sordomuti 255,13 246, , ,81 Assegno mensile invalidi civili parziali 255,13 246, , ,42 Indennità mensile frequenza minori 255,13 246, , ,42 Indennità accompagnamento ciechi civili assoluti 755,71 733,41 Nessuno Nessuno Indennità accompagnamento invalidi civili totali 472,00 465,09 Nessuno Nessuno Indennità comunicazione sordomuti 236,15 233,00 Nessuno Nessuno Indennità speciale ciechi ventesimisti 180,11 176,00 Nessuno Nessuno Lavoratori con drepanocitosi o talassemia major 458,20 443,56 Nessuno Nessuno

18 VIAGGIARE TASSA AUTOMOBILISTICA accompagnamento ); Secondo l'articolo 10 della legge regionale 23 settembre 2003, n. 23, possono ottenere l'esenzione dal pagamento della tassa automobilistica, prevista per i disabili, coloro che, essendo proprietari di veicoli, rientrano nei seguenti casi: a. persona disabile dichiarata grave ai sensi dell'art. 3 comma 3 della legge 104/92 per ridotte o impedite capacità motorie ( o comunque in possesso di indennità di b. persona che abbia fiscalmente a carico una persona disabile dichiarata grave ai sensi dell'art. 3 comma 3 della legge 104/92 per ridotte o impedite capacità motorie ( o comunque titolare di indennità di accompagnamento ) ; c. persona con disabilità psichica o mentale che abbia l'indennità di accompagnamento (ex art. 1, L. 18/1980); d. persona che abbia fiscalmente a carico una persona con disabilità psichica o mentale che abbia l'indennità di accompagnamento (ex art. 1, L. 18/1980); e. persona non vedente o sordomuta assoluta; f. persona che abbia fiscalmente a carico una persona non vedente o sordomuta assoluta; g. invalido con ridotte o impedite capacità motorie con veicolo adattato (adattamento risultante dalla carta di circolazione e dalla patente speciale). Possono essere esentati solo veicoli con cilindrata non superiore a: cc se dotati di motore a benzina; cc se diesel. L'esenzione può essere concessa per un solo veicolo. Il trasferimento da un veicolo ad un altro di un'esenzione già in essere può essere effettuato soltanto se il veicolo precedentemente esentato sia stato oggetto di: radiazione; vendita; furto. L'esenzione concessa ha effetto soltanto per il futuro per cui non ha efficacia retroattiva: eventuali mancati pagamenti relativi ad anni già scaduti potranno essere contestati, con conseguente applicazione delle sanzioni previste dalla legge per i casi di omesso versamento. Ne deriva altresì che il riconoscimento dell'esenzione non dà diritto al rimborso delle tasse pagate per gli anni trascorsi. L'esenzione, una volta concessa, viene rinnovata anno per anno senza necessità di ulteriori adempimenti. Allorquando però il certificato medico-legale attestante l'invalidità riporta un termine per la revisione dello stato di disabilità, l'esenzione stessa viene automaticamente chiusa alla scadenza del predetto termine. Vanno, inoltre, comunicati al Settore Tributi della Regione Piemonte (entro trenta giorni dal loro verificarsi) tutti quei fatti tali da modificare la situazione in base alla quale l'esenzione è stata riconosciuta (guarigione del disabile, cessazione della condizione di persona fiscalmente a carico, eccetera), compresa la vendita del veicolo oggetto di esenzione.

19 Come ottenere l'esenzione Per ottenere l'esenzione gli interessati devono consegnare oppure spedire a mezzo posta, entro novanta giorni dalla scadenza prevista per il pagamento della relativa tassa automobilistica, agli uffici del Settore Tributi, Piazza Castello, Torino (orario per il pubblico da lunedì a venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00) il modulo accompagnato dalla documentazione specificata all'interno dello stesso. In alternativa la richiesta può essere depositata presso: gli URP regionali che hanno sede in ogni capoluogo di provincia; gli sportelli dei Concessionari della Riscossione. In allegato alla domanda vanno presentati i seguenti documenti: copia della carta di circolazione nella quale il proprietario risulti essere il disabile o la persona che lo ha fiscalmente a carico; copia della patente (per il caso di cui al precedente punto g); autocertificazione (per i casi di cui ai precedenti punti b), d) ed f) in cui si dichiara che il disabile è persona fiscalmente a carico del proprietario del veicolo che si vuole esentare; copia conforme all'originale del certificato medico-legale attestante lo stato di disabilità. Nel caso in cui la situazione che dà diritto all'esenzione si verifichi durante l'ultimo anno fiscale, e quindi non possa essere documentabile, è possibile ciononostante ottenere il beneficio esibendo il certificato di stato di famiglia. Effettuata l'istruttoria dell'istanza, Il Settore Tributi provvederà a darne comunicazione dell'esito (positivo o negativo) al richiedente. Nel caso di istanza tempestivamente inoltrata, ma non accolta, il richiedente è tenuto al pagamento della tassa, ma non è tenuto a corrispondere gli interessi e le sanzioni previste nel caso di ritardato pagamento. frequenza deve essere inviato ogni anno alla sede INPS di competenza. LA ZTL PER I DISABILI Destinatari: Residenti a Torino con capacità deambulatoria sensibilmente ridotta, ciechi assoluti e altre patologie individuate dall'asl di competenza. Consente: Transito in ZTL Ordinaria, nelle vie e nelle corsie riservate, aree pedonali etc. Sosta negli spazi appositamente riservati ai disabili. I possessori di contrassegno invalidi rilasciato da altro comune che si recano spesso in Città possono, motivando la richiesta (dichiarazione del datore di lavoro, ecc.), registrare le targhe dei veicoli (massimo 5) che utilizzano e su cui sarà esposto il loro contrassegno invalidi. Questo permetterà loro di evitare la procedura di esenzione a posteriori. Validità: fino a 5 anni Costo: 4,81 (3 costo del permesso + 1,81 diritti di segreteria) Come richiederlo: Rivolgersi all'ufficio Permessi della Città Al ritiro del contrassegno, occorre presentare la dichiarazione del numero di targa dei veicoli (fino a 5) da abbinare al permesso per la circolazione nelle aree controllate dalle telecamere: Variazioni alle modalità di pagamento per i permessi Disabili (Contrassegno H) Dal 1 gennaio 2009, per i soli permessi disabili (contrassegno H), sarà possibile pagare le spese di rilascio e rinnovo permessi direttamente alla Cassa dell'ufficio Permessi. Per le altre tipologie di contrassegno rimane valido il solo pagamento con versamento su c.c.p. Questi gli importi da corrispondere: Contrassegno H - Disabili: 3,00 Uffici Postali nei pressi dell' Ufficio Permessi: Via San Francesco da Paola 40 - orari: Via Maria Vittoria 24 - orari:

20 Per ogni permesso è necessario versare anche i diritti di segreteria ( 0,52) e i diritti di permesso ( 1,29). L'importo complessivo di 1,81 dovrà essere corrisposto in contanti, al ritiro del permesso, presso lo sportello Cassa dell'ufficio Permessi. Per ogni permesso ritirato è necessario portare una marca da bollo di 14,62, oltre a quella apposta sulla domanda. Nel caso in cui l'importo della ricevuta (comprensiva dell'importo versato su c.c.p., dei diritti di segreteria e di permesso) superi i 77,47, si dovrà anche portare una sola marca da bollo di 1,81. TESSERE PER DIVERSAMENTE ABILI La tessera di libera circolazione è un documento di viaggio regionale che permette a particolari categorie di utenti, ed in alcuni casi all'eventuale accompagnatore, di viaggiare gratuitamente sulle linee urbane ed extraurbane finanziate dalla Regione Piemonte con Legge Regionale 4 gennaio 2000 n. 1. Dal 1 novembre 2001, la tessera di libera circolazione è valida anche per viaggiare in treno. La tessera, consente al suo possessore e all'eventuale accompagnatore di viaggiare su tutti i treni regionali e diretti aventi origine e destinazione in città piemontesi. Inoltre, può essere utilizzata sui treni interregionali di competenza della Regione Piemonte con Origine o Destinazione esterna alla Regione Piemonte come meglio dettagliato nell'allegato. Hanno diritto al rilascio della tessera di libera circolazione i residenti nella Regione Piemonte che rientrino in una delle seguenti categorie: ciechi assoluti e ciechi ventesimisti (la gratuità del viaggio e' consentita all'eventuale accompagnatore) sordomuti "grandi invalidi" (invalidi: di guerra, civili di guerra e per servizio), appartenenti alle categorie dalla Iª alla IVª; viene rilascia una tessera che permette la gratuità del viaggio all'eventuale accompagnatore a coloro che appartengono alla Iª categoria con una super invalidità; disabili (invalidi civili e del lavoro) con una percentuale di invalidità non inferiore al 67% (nei casi nei casi di invalidità al 100% la gratuità del viaggio è consentita anche all'eventuale accompagnatore)" i minori invalidi (la gratuità del viaggio e' consentita anche all'eventuale accompagnatore) ultrasessantacinquenni con difficoltà persistenti nello svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età (art. 6 del D.Lgs. 509/1988) I residenti della Provincia di Torino (ad eccezione dei residenti nel Comune di Torino che potranno rivolgersi presso il centro Servizi Cliente GTT S.p.A., C.so Francia 6 - Torino) possono richiedere agli sportelli sottoelencati la tessera cartacea o, in alternativa, la tessera elettronica "conctactless ticket" nominativa che consente di viaggiare anche sulla linea metropolitana di Torino; I residenti nei Comuni dell'area metropolitana potranno richiedere la tessera di libera circolazione presso GTT S.p.A, Centro Servizi al Cliente, C.so Francia n. 6 o, in altrenativa, presso i Circondari della Provincia di Torino I residenti nei Comuni di Beinasco, Carmagnola, Grugliasco e Moncalieri e Venaria potranno richiedere la tessera di libera circolazione sia agli sportelli predisposti in ciascun Comune, sia presso GTT S.p.A, Centro Servizi al Cliente, C.so Francia n. 6 e sia presso i Circondari della Provincia di Torino. Per le domande presentate agli sportelli dei Circondari della Provincia di Torino o dei Comuni di Beinasco, Carmagnola, Grugliasco e Moncalieri dovranno essere presentati i seguenti documenti: Domanda (Modello A o B); Carta d identità; Certificato di invalidità in originale o dichiarazione sostitutiva di notorietà;

Minore con indennità di frequenza

Minore con indennità di frequenza Minore con indennità di frequenza Definizione presente nel verbale: "minore con difficoltà persistenti a svolgere le funzioni proprie dell'età o con perdita uditiva superiore a 60 decibel nell'orecchio

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Attività produttive C.O.R.S.I. viale Papa Giovanni XIII n 106-24121 Bergamo Tel.

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Attività produttive C.O.R.S.I. viale Papa Giovanni XIII n 106-24121 Bergamo Tel. PROVINCIA DI BERGAMO Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Attività produttive C.O.R.S.I. viale Papa Giovanni XIII n 106-24121 Bergamo Tel. 035/387235 Fax 035/387410 L intento del presente opuscolo,

Dettagli

GUIDA alla legge 104/1992

GUIDA alla legge 104/1992 infouilca UIL CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI Milano e Lombardia ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ i quaderni di

Dettagli

Definizione presente nel verbale: "invalido con totale e permanente inabilità lavorativa (artt. 2 e 12, L. 118/1971): 100%".

Definizione presente nel verbale: invalido con totale e permanente inabilità lavorativa (artt. 2 e 12, L. 118/1971): 100%. Invalido al 100% Definizione presente nel verbale: "invalido con totale e permanente inabilità lavorativa (artt. 2 e 12, L. 118/1971): 100%". Di seguito riportiamo in estrema sintesi i benefici, e le relative

Dettagli

L invalidità civile.

L invalidità civile. L invalidità civile. Ai sensi dell art. 2 della Legge n. 118/1971, "si considerano mutilati e invalidi civili i cittadini affetti da minorazione congenita e/o acquisita (comprendenti) gli esiti permanenti

Dettagli

A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE OBBLIGATORIA

A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE OBBLIGATORIA L'INDENNITÀ DI MATERNITÀ CHE COS E E' un'indennità sostitutiva della retribuzione che viene pagata alle lavoratrici assenti dal servizio per gravidanza e puerperio. A CHI SPETTA A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE

Dettagli

URP INVALIDI CIVILI INCONTRO AI CITTADINI

URP INVALIDI CIVILI INCONTRO AI CITTADINI URP INVALIDI CIVILI INCONTRO AI CITTADINI L INVALIDITA CIVILE: CHE COSA E' Consiste nel riconoscimento di uno stato invalidante, indipendente da causa di servizio,lavoro o di guerra, in base al quale l'

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

LEGGE 104/1992 TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE (ISTRUZIONI PER L USO)

LEGGE 104/1992 TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE (ISTRUZIONI PER L USO) LEGGE 104/1992 TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE (ISTRUZIONI PER L USO) Questo documento vuole essere una sorta di guida pratica per districarsi tra le spire della burocrazia degli enti pubblici. INDICE CERTIFICAZIONE

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALL INVALIDITA CIVILE

GUIDA SINTETICA ALL INVALIDITA CIVILE GUIDA SINTETICA ALL INVALIDITA CIVILE A Il ricorso B L'invalidità civile 1. L'indennità di accompagnamento 2. La pensione di inabilità 3. L'assegno di assistenza 4. L'indennità di frequenza per i minori

Dettagli

Disabili: integrazione dalla A alla Z

Disabili: integrazione dalla A alla Z Disabili: integrazione dalla A alla Z Riconoscimento invalidità A cura dell Associazione Nazionale Subvedenti Finito di stampare dicembre 2005 Il progetto è stato realizzato grazie al contributo del Ciessevi

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva nell Assistenza Integrativa e Protesica INVALIDITA CIVILE: perché e quali vantaggi Dott. Lorenzo Brusa Dott.ssa Laura Signorotti CHI E L INVALIDO CIVILE Si considerano mutilati

Dettagli

ASSISTENZA IN FAVORE DEI MINORATI CIVILI PENSIONE D INABILITÀ INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO ASSEGNO MENSILE DI ASSISTENZA INDENNITÀ DI FREQUENZA

ASSISTENZA IN FAVORE DEI MINORATI CIVILI PENSIONE D INABILITÀ INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO ASSEGNO MENSILE DI ASSISTENZA INDENNITÀ DI FREQUENZA In questa guida ci proponiamo di dare alcune utili informazioni sui diritti e sulle agevolazioni previsti per i cittadini disabili nonché per i lavoratori che li assistono. La guida non ha la presunzione

Dettagli

L'indennità di maternità

L'indennità di maternità Home Page Torna alle Informazioni Torna ai Servizi Torna Indietro Torna indietro Voi siete qui: Home > Informazioni > I contributi > Contributi fig.. L'indennità di maternità E' un'indennità sostitutiva

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

Invalidità civile minorazioni non inferiore ad un terzo anche lo straniero

Invalidità civile minorazioni non inferiore ad un terzo anche lo straniero Specialista in Medicina Legale Via Ragusa 4 20125 Milano Tel. 02 66 809 704 mariocorcelli@fastwebnet.it Articolo tratto dal sito: www.medico-legale.it Titolo: Invalidità civile. Questa sintesi sull invalidità

Dettagli

23.1 NOZIONI GENERALI

23.1 NOZIONI GENERALI 23 - HANDICAP 23.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

Salvatore Satta. Aggiornato nel settembre 2006 a cura di Vittorio Glassier, Salvatore. Runca.

Salvatore Satta. Aggiornato nel settembre 2006 a cura di Vittorio Glassier, Salvatore. Runca. Elaborazione a cura del Patronato Acli DIREZIONE GENERALE Via Marcora n. 18/20 00153 Roma Hanno collaborato: Damiano Bettoni, Vittorio Glassier, Stefano Salvi, Salvatore Satta. Aggiornato nel settembre

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE

Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE INVALIDITA - CIVILE - DI SERVIZIO - DI LAVORO - DI GUERRA INVALIDI CIVILI Sono considerati invalidi civili secondo la Legge 118/1971: Cittadini di età

Dettagli

RICONOSCIMENTO INABILITÀ e PENSIONE DI INABILITA

RICONOSCIMENTO INABILITÀ e PENSIONE DI INABILITA RICONOSCIMENTO INABILITÀ e PENSIONE DI INABILITA Cos è il servizio/intervento? Cosa offre il servizio/intervento? Per ottenere il riconoscimento delle disabilità civili e dell'handicap la persona disabile

Dettagli

Relazione a cura di Paolo Zani Aprile 2010

Relazione a cura di Paolo Zani Aprile 2010 Relazione a cura di Paolo Zani Aprile 2010 Ogni diritto non conosciuto è un diritto negato Premessa fondamentale L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro e.. sulle domande!!!!! Perché

Dettagli

A chi rivolgersi. Sportello Disabilità Regione Lombardia. Servizio Legale Ledha legale@ledha.it

A chi rivolgersi. Sportello Disabilità Regione Lombardia. Servizio Legale Ledha legale@ledha.it A chi rivolgersi Sportello Disabilità Regione Lombardia Via Melchiorre Gioia 39 20124 Milano Tel 02/67654740 Sportello_disabili@regione.lombardia.it Servizio Legale Ledha legale@ledha.it Annamaria Cremona

Dettagli

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo 21 - HANDICAP 21.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

Provvidenze economiche

Provvidenze economiche Provvidenze economiche 2.1 Assegno mensile di assistenza TIPOLOGIA DI PRESTAZIONE Agevolazione Autorizzazione Certificazione Contributo economico Servizio DI COSA SI TRATTA L assegno mensile di assistenza

Dettagli

FIBA CISL Gruppo Intesa Sanpaolo

FIBA CISL Gruppo Intesa Sanpaolo Guida pratica FIBA CISL Gruppo Intesa Sanpaolo Portatori di HANDICAP aggiornamento Marzo 2014 SOMMARIO DEFINIZIONE DI HANDICAP... 3 Quando una persona è definita portatrice di handicap?... 3 ACCERTAMENTO

Dettagli

Appunti per genitori. n. 6. (Dr.ssa Beatrice Rizzetto ) DIRITTI DOVERI DEL GENITORE DEL BAMBINO CON DISABILITÁ

Appunti per genitori. n. 6. (Dr.ssa Beatrice Rizzetto ) DIRITTI DOVERI DEL GENITORE DEL BAMBINO CON DISABILITÁ Appunti per genitori n. 6 (Dr.ssa Beatrice Rizzetto ) DIRITTI DOVERI DEL GENITORE DEL BAMBINO CON DISABILITÁ INCONTRI DEI GENITORI CON GLI SPECIALISTI DEL PRESIDIO RIABILITATIVO VILLA MARIA DIRITTI DOVERI

Dettagli

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola Lo Stato assiste i pazienti oncologici attraverso il riconoscimento

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI INVALIDITA' CIVILE E DI HANDICAP

IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI INVALIDITA' CIVILE E DI HANDICAP IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI INVALIDITA' CIVILE E DI HANDICAP Il riconoscimento dello stato di invalidità civile e dello stato di handicap, ai sensi della Legge 104/92, dà diritto a molteplici benefici.

Dettagli

QUADRO RIASSUNTIVO DELLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER DISABILI

QUADRO RIASSUNTIVO DELLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER DISABILI QUADRO RIASSUNTIVO DELLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER DISABILI (*) L agevolazione spetta solo ai non vedenti NOTE AL QUADRO RIASSUNTIVO DELLE AGEVOLAZIONI (1) TIPO DI HANDICAP A - Il trattamento fiscale indicato

Dettagli

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna 4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna I diritti del malato oncologico Silvia Bettega Servizio Sociale Adulti

Dettagli

L INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO

L INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO L INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO A cura di Adelmo Mattioli, Direttore Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti, Segretario Spi-Cgil Emilia Romagna L'indennità di accompagnamento, prevista dalla legge 11.2.1980,

Dettagli

DIRITTI DOVERI DEL GENITORE DEL BAMBINO CON DISABILITÁ

DIRITTI DOVERI DEL GENITORE DEL BAMBINO CON DISABILITÁ Appunti per genitori n. 6 (Dr.ssa Beatrice Rizzetto ) DIRITTI DOVERI DEL GENITORE DEL BAMBINO CON DISABILITÁ INCONTRI DEI GENITORI CON GLI SPECIALISTI DEL PRESIDIO RIABILITATIVO VILLA MARIA DIRITTI DOVERI

Dettagli

Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340

Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340 Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340 BENEFICI ECONOMICI A FAVORE DEGLI INVALIDI CIVILI INDICE: LE FASI DEL PROCEDIMENTO L ACCERTAMENTO SANITARIO DELL ASL DOVE

Dettagli

1. Congedi per gravi e documentati motivi familiari (art. 42, comma 5,D.Lgs. 26.3.2001, n. 151)

1. Congedi per gravi e documentati motivi familiari (art. 42, comma 5,D.Lgs. 26.3.2001, n. 151) Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 26 Aprile 2002 Circolare n. 85 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

CONVENZIONE TRA ASSOCIAZIONE ANGELA SERRA E PATRONATO EPASA/CNA

CONVENZIONE TRA ASSOCIAZIONE ANGELA SERRA E PATRONATO EPASA/CNA EPASA Ente di Patronato promosso da CONVENZIONE TRA ASSOCIAZIONE ANGELA SERRA E PATRONATO EPASA/CNA Quando un cittadino ha seri problemi di salute e vuole conoscere quali sono le prestazioni previdenziali

Dettagli

Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n.

Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n. Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n. 68/1999 A decorrere dall 1.1.2010 le domande per il riconoscimento

Dettagli

Relazione a cura di Paolo Zani Marzo 2012

Relazione a cura di Paolo Zani Marzo 2012 Relazione a cura di Paolo Zani Marzo 2012 G.I.L.S. XXIII Giornata italiana per la lotta alla sclerodermia Milano 24 marzo 2012 Ogni diritto non conosciuto è un diritto negato Premessa fondamentale L'Italia

Dettagli

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI HANDICAP (LEGGE 104/92) La legge sull handicap prevede interventi volti concretamente a prevenire e rimuovere le condizioni invalidanti che impediscono lo sviluppo

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI E LAVORATIVE

LE AGEVOLAZIONI FISCALI E LAVORATIVE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E LAVORATIVE AGEVOLAZIONI PER L'ACQUISTO DI VEICOLI I disabili, in caso di acquisto di un autovettura, senza limiti di cilindrata, nuova od usata, alla condizione che il veicolo

Dettagli

Disabilità e provvidenze economiche

Disabilità e provvidenze economiche Aggiornato ad Aprile 2006 Disabilità e provvidenze economiche Pensione non reversibile a favore di Ciechi civili (ciechi assoluti e ciechi parziali). - CIECHI ASSOLUTI La pensione non reversibile è concessa

Dettagli

C O M U N E DI C A M P A G N A

C O M U N E DI C A M P A G N A C O M U N E DI C A M P A G N A PROVINCIA DI SALERNO UFFICIO INVALIDI CIVILI GUIDA ALLE PRESENTAZIONI RELATIVE ALL INVALIDITA CIVILE 1 INDICE - PRESENTAZIONE 1)- INVALIDITA CIVILE 2)-PROCEDIMENTO 3)-MODALITA

Dettagli

TITOLO: LA LEGGE 104/92

TITOLO: LA LEGGE 104/92 TITOLO: LA LEGGE 104/92 SOMMARIO: Lo scopo di questa dispensa è di fornire una visione semplificata di quanto contenuto nel testo del decreto legge 104/92 del5 febbraio 1992. Ovviamente tale documento

Dettagli

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP La persona handicappata maggiorenne in situazione di gravità

Dettagli

Agevolazioni sui veicoli

Agevolazioni sui veicoli Agevolazioni sui veicoli I soggetti portatori di handicap di cui all art. 3 della L.104/92 con ridotte o impedite capacità motorie permanenti, nonché, come ha inteso estendere l art. 30, comma 7, della

Dettagli

Requisito di età. Alcune prestazioni si differenziano a seconda dell'età dei soggetti

Requisito di età. Alcune prestazioni si differenziano a seconda dell'età dei soggetti INVALIDITA' CIVILE Il cittadino portatore di invalidità civile, invalidità non derivante da lavoro, dal servizio o guerra o handicap, ha diritto ad aver riconosciuto questo status che permette di acquisire

Dettagli

INVALIDITÀ CIVILE E HANDICAP

INVALIDITÀ CIVILE E HANDICAP INVALIDITÀ CIVILE E HANDICAP Tutto il materiale sul tema dell'invalidità civile e handicap fa parte del progetto Laboratorio Civico, progetto di Formazione alla tutela del diritto alla salute realizzato

Dettagli

Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie

Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie LEGGI IN GIOCO DIRITTI E OPPORTUNITA a cura della dott.ssa Laura Gatti (assistente sociale reparto NPIA Esine) DISABILITA E HANDICAP

Dettagli

Capitolo Secondo. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 1.CHI NE HA DIRITTO 2. PER QUALI VEICOLI?

Capitolo Secondo. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 1.CHI NE HA DIRITTO 2. PER QUALI VEICOLI? Capitolo Secondo. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 1.CHI NE HA DIRITTO Sono ammesse alle agevolazioni le seguenti categorie di disabili: 1. non vedenti e sordomuti; 2. disabili con handicap psichico

Dettagli

Cognome Nome Nato a il Residente a. Recapito telefonico dipendente a tempo indeterminato/determinato in qualità di

Cognome Nome Nato a il Residente a. Recapito telefonico dipendente a tempo indeterminato/determinato in qualità di Richiesta di congedo straordinario per assistenza al genitore con disabilità grave (art. 42 comma 5 del D. Lgs. n. 151/2001, come modificato dalla Legge n. 350/2003 e dal D.lgs. 18.07.2011, n 119) Al Direttore

Dettagli

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 La legge riconosce ai lavoratori disabili e ai loro familiari il diritto di fruire, in presenza di determinate condizioni, di permessi retribuiti o di congedi

Dettagli

INVALIDITÀ CIVILE: DEFINIZIONI

INVALIDITÀ CIVILE: DEFINIZIONI 1 INVALIDITÀ CIVILE: DEFINIZIONI L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico, psichico o intellettivo,

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 1 Le minorazioni civili L invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa

Dettagli

Ecco i benefici a seconda della percentuale di invalidità: Meno di 33%: NON INVALIDO

Ecco i benefici a seconda della percentuale di invalidità: Meno di 33%: NON INVALIDO Invalidità civile le percentuali di invalidità Il requisito minimo è essere affetti da malattie e menomazioni permanenti e croniche, sia di natura fisica che psichica ed intellettiva che riducono la capacità

Dettagli

La Legge 104/92. Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale ed i diritti delle persone handicappate

La Legge 104/92. Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale ed i diritti delle persone handicappate La Legge 104/92 Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale ed i diritti delle persone handicappate Stefania Cupido Associazione Giuseppe Dossetti: i Valori 1 La Legge 104/92 segna il passaggio

Dettagli

Tra famiglia e lavoro

Tra famiglia e lavoro Tra famiglia e lavoro A cura di Laura Abet* Conciliare i tempi di lavoro e quelli della famiglia è impresa difficile per tutti. La presenza di una persona con disabilità all'interno del nucleo familiare

Dettagli

SOSTEGNI SOCIALI E ISTITUZIONALI PER IL PAZIENTE PSICHIATRICO E LA SUA FAMIGLIA

SOSTEGNI SOCIALI E ISTITUZIONALI PER IL PAZIENTE PSICHIATRICO E LA SUA FAMIGLIA SOSTEGNI SOCIALI E ISTITUZIONALI PER IL PAZIENTE PSICHIATRICO E LA SUA FAMIGLIA TRACCE DI RISPOSTE AI QUESITI RICORRENTI A CURA DI IVONNE ALBANI (Aggiornato a Giugno 2000) La malattia mentale coinvolge

Dettagli

INVALIDITÀ.CIVILE E.HANDICAP

INVALIDITÀ.CIVILE E.HANDICAP INVALIDITÀ.CIVILE E.HANDICAP Guida.ai.diritti I.quaderni.di.Eleonora 13 INVALIDITÀ.CIVILE E.HANDICAP Guida.ai.diritti I.quaderni.di.Eleonora 13 Via Po, 162 00198 ROMA Tel. 06 852331 Fax 06 85233488 www.italuil.it

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992

INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992 INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992 1) Premessa - legislazione di riferimento Il legislatore, con la legge n. 104/1992 ha attribuito un complesso di provvidenze

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli

DIRITTI DEL MINORE CON DISABILITA. Informazioni utili per la famiglia

DIRITTI DEL MINORE CON DISABILITA. Informazioni utili per la famiglia DIRITTI DEL MINORE CON DISABILITA Informazioni utili per la famiglia Questo opuscolo ha lo scopo di illustrare il percorso previsto dalla Regione Emilia Romagna in attuazione della Legge Regionale 4/2008

Dettagli

VADEMECUM INVALIDITA CIVILE a cura dell ANMIC Associazione Nazionale Mutilati Invalidi Civili Sede Provinciale di Grosseto Via Trento, 15/A Tel.

VADEMECUM INVALIDITA CIVILE a cura dell ANMIC Associazione Nazionale Mutilati Invalidi Civili Sede Provinciale di Grosseto Via Trento, 15/A Tel. VADEMECUM INVALIDITA CIVILE a cura dell ANMIC Associazione Nazionale Mutilati Invalidi Civili Sede Provinciale di Grosseto Via Trento, 15/A Tel. 0564/23505 Fax 0564/429222 1) PERCENTUALE DI INVALIDITA

Dettagli

.l.sottoscritt.. nat...a.prov.il. residente in. (c.a.p.) Via/P.zza..n. Stato civile Professione Telefono.. Codice fiscale Tessera sanitaria n..

.l.sottoscritt.. nat...a.prov.il. residente in. (c.a.p.) Via/P.zza..n. Stato civile Professione Telefono.. Codice fiscale Tessera sanitaria n.. RICHIEDENTE MAGGIORENNE All AZIENDA SANITARIA LOCALE di Commissione Medica per l accertamento delle Invalidità Civili, delle Condizioni Visive e del Sordomutismo.l.sottoscritt.. nat...a.prov.il residente

Dettagli

Segreteria Centrale Organo di Coordinamento FABI - Banca Monte dei Paschi di Siena. I malati oncologici

Segreteria Centrale Organo di Coordinamento FABI - Banca Monte dei Paschi di Siena. I malati oncologici Segreteria Centrale Organo di Coordinamento FABI - Banca Monte dei Paschi di Siena I malati oncologici Le patologie oncologiche, nelle varie fasi da quella iniziale a quella acuta ed infine a quella della

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA QUADRO A - DATI ANAGRAFICI

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA QUADRO A - DATI ANAGRAFICI Modulistica per minorenni DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA (Artt. 5, 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) QUADRO A - DATI ANAGRAFICI RELATIVI ALL INVALIDO CIVILE,

Dettagli

INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO

INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO L indennità di accompagnamento è stata istituita con la l.18/1980 e modificata, per un esigenza di chiarimento largamente diffusa, dall art. 1 della l. 508/1988.Infatti, la

Dettagli

Diritti, opportunità, del malato reumatico Invalidità civile

Diritti, opportunità, del malato reumatico Invalidità civile ANMAR Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Diritti, opportunità, del malato reumatico Invalidità civile Premessa Questo opuscolo vuole essere un aiuto ai malati che spesso, oltre che contro la

Dettagli

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI La conoscenza di quelli che sono i diritti di chi è affetto da una disabilità, permette ai familiari di compiere i giusti passi per agevolare il reinserimento

Dettagli

Indennità di Frequenza dislessia

Indennità di Frequenza dislessia Indennità di Frequenza dislessia È possibile per tutti i bimbi o ragazzi dislessici ottenere un indennità di frequenza, viene erogata dall INPS, per aiutare le famiglie a sostenere le spese, per PC, programmi

Dettagli

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Questo documento vuole essere un ausilio a tutti i lavoratori si trovassero nella necessità di denunciare un infortunio, una malattia professionale, un danno

Dettagli

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE DIRITTI SOCIALI IN CARCERE Guida pratica per l accesso alle misure a sostegno del reddito A cura dei volontari dell associazione l altro diritto Realizzata nell ambito del progetto diritti in azione, rete

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSI PER L ANNO.

DOMANDA DI PERMESSI PER L ANNO. Mod.Hand 1 (genitori di Minori) ALL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Sede di - Area prestazioni a sostegno del reddito - ALL AZIENDA Via n. DOMANDA DI PERMESSI PER L ANNO. (d.gs. 151/2001, art.

Dettagli

INFORMA DISABILITÀ Via S. Secondo 29 bis TORINO Tel. 011.5662039 www.aslto1.it/informadisabili

INFORMA DISABILITÀ Via S. Secondo 29 bis TORINO Tel. 011.5662039 www.aslto1.it/informadisabili INFORMA DISABILITÀ Via S. Secondo 29 bis TORINO Tel. 011.5662039 www.aslto1.it/informadisabili DIRITTI E AGEVOLAZIONI PER LA PERSONA DISABILE E I SUOI FAMILIARI Tipo di agevolazione Aventi diritto Riferimenti

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 1 Le minorazioni civili L invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa

Dettagli

GUIDA ALL INVALIDITA CIVILE

GUIDA ALL INVALIDITA CIVILE 2012 GUIDA ALL INVALIDITA CIVILE Avv. Anna Fasciani www.consigliolegale.it INDICE 1. LE PRESTAZIONI IN FAVORE DEGLI INVALIDI CIVILI 1.1 Pensione di invalidità 1.2 Assegno mensile 1.3 Indennità di accompagnamento

Dettagli

Regione Emilia Romagna: esenzione tassa automobilistica per persone disabili. Disabili con ridotte o impedite capacità motorie

Regione Emilia Romagna: esenzione tassa automobilistica per persone disabili. Disabili con ridotte o impedite capacità motorie Regione Emilia Romagna: esenzione tassa automobilistica per persone disabili Disabili con ridotte o impedite capacità motorie La Legge Finanziaria per il 1998 (L.449/97) ha introdotto l esenzione dal pagamento

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con in collaborazione con Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia con particolare riguardo all alimentazione, al vestiario,

Dettagli

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP PENSIONI Il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 (articolo 1, comma 8) prevede la possibilità per i lavoratori con invalidità non inferiore all 80%, di anticipare l età pensionabile (pensione di

Dettagli

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Certificazioni di invalidità civile e handicap La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa e danno diritto a benefici

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI www.ihrogno.it LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI Lovere 22 aprile 2009 1 DEFINIZIONI AGEVOLAZIONE. Per agevolazione fiscale si intende un trattamento preferenziale accordato dalla legge in determinati

Dettagli

L'ASSICURAZIONE PER LE COLF

L'ASSICURAZIONE PER LE COLF L'ASSICURAZIONE PER LE COLF Sono lavoratori domestici coloro che prestano la loro opera esclusivamente per le necessità della vita familiare del datore di lavoro (tuttofare, camerieri, cuochi, bambinaie,

Dettagli

Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI

Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI 1 Legge 104/92 e successive integrazioni Legge quadro per l assistenza l integrazione sociale e i diritti delle persone disabili Permessi e congedi

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO FOCUS SU CASI PARTICOLARI NELLA GESTIONE Gestione pensioni Investimenti Intervengono: Dott.ssa Tiziana Bocus Dott.ssa Giuseppina Castiglione Esperte

Dettagli

(Ludovico Adalberto De Grigiis)

(Ludovico Adalberto De Grigiis) Invalidi: abolizione del ricorso amministrativo e decadenza (Articolo di Ludovico Adalberto De Grigiis) Invalidità civile: stop ai ricorsi amministrativi e decadenza dal diritto trascorsi 6 mesi dalla

Dettagli

La pensione di inabilità è compatibile con l'indennità di accompagnamento e con tutte le pensioni percepite a titolo di invalidità.

La pensione di inabilità è compatibile con l'indennità di accompagnamento e con tutte le pensioni percepite a titolo di invalidità. LE PRESTAZIONI A FAVORE DEGLI INVALIDI CIVILI Si considerano mutilati e invalidi civili i cittadini affetti da minorazioni congenite o acquisite, anche a carattere progressivo (compresi gli irregolari

Dettagli

Condizioni di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria per reddito

Condizioni di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria per reddito Condizioni di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria per reddito Ai fini dell'accesso alle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, l'esenzione dalla partecipazione alla spesa

Dettagli

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati.

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO Roma, 10 luglio 2001 Circolare n. 138 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

OGGETTO: Agevolazioni auto per i disabili

OGGETTO: Agevolazioni auto per i disabili OGGETTO: Agevolazioni auto per i disabili Premessa Per l acquisto dei veicoli per le persone disabili sono previste le seguenti agevolazioni fiscali: la detrazione dall Irpef del 19% del costo del veicolo;

Dettagli

ASPETTI ECONOMICI DELLA INVALIDITA. L invalidità può essere, genericamente, definita come la riduzione permanente delle capacità o delle

ASPETTI ECONOMICI DELLA INVALIDITA. L invalidità può essere, genericamente, definita come la riduzione permanente delle capacità o delle AVV ANNA PAOLA MONNO VIA MAZZINI 5 21052 BUSTO ARSIZIO TEL /FAX 0331 678428 ASPETTI ECONOMICI DELLA INVALIDITA L invalidità può essere, genericamente, definita come la riduzione permanente delle capacità

Dettagli

AUTORIZZAZIONE SOSTA INVALIDI

AUTORIZZAZIONE SOSTA INVALIDI AUTORIZZAZIONE SOSTA INVALIDI Dal 15 settembre 2012 è cambiato il contrassegno che consente la sosta in appositi spazi, nonché il riconoscimento dei veicoli a servizio delle persone diversamente abili;

Dettagli

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Aggiornato alla Circ. INPS n^ 159 del 15/11/2013 La Corte Costituzionale con la recente sentenza n. 203 del 3 luglio 2013 ha dichiarato l

Dettagli

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS:

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: Requisiti: per i nuclei familiari residenti a Trezzo, con dichiarazione isee che non superi i 7500 euro oppure per utilizzo di apparecchiature elettromedicali.

Dettagli

II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO

II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 1. CHI NE HA DIRITTO Sono ammesse alle agevolazioni le seguenti categorie di disabili: 1. non vedenti e sordomuti; 2. disabili con handicap psichico o mentale titolari

Dettagli

Relatore: Giuseppina D Intino Dirigente Medico Direzione Provinciale INPS Pescara. 68 CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel

Relatore: Giuseppina D Intino Dirigente Medico Direzione Provinciale INPS Pescara. 68 CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel La tecnologia nello studio medico del Medico di Famiglia: coniugare approccio olistico e high-tech La legge 104/92: diritti, integrazione sociale e assistenza della persona handicappata: dal sostegno socio-assistenziale

Dettagli

I ncontri DISABILITÀ LAVORO. cosa prevede la legge. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O. dicembre 2014 anno IV

I ncontri DISABILITÀ LAVORO. cosa prevede la legge. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O. dicembre 2014 anno IV I ncontri idee&fatti 27 dicembre 2014 anno IV DISABILITÀ E LAVORO n S P E C I A L E I N S E RT O n S P E C I A L E I N S E RT O DISABILITÀ E LAVORO 3 5 LEGGE 104/1992 CONGEDI PER CAUSE PARTICOLARI E GRAVI

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato al bilancio, programmazione economico-finanziaria e partecipazione DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE

REGIONE LAZIO Assessorato al bilancio, programmazione economico-finanziaria e partecipazione DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE REGIONE LAZIO Assessorato al bilancio, programmazione economico-finanziaria e partecipazione DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE DIREZIONE REGIONALE BILANCIO RAGIONERIA FINANZE TRIBUTI AREA

Dettagli