L ARCHITETTURA PRIVATA AD AQUILEIA IN ETÀ ROMANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ARCHITETTURA PRIVATA AD AQUILEIA IN ETÀ ROMANA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI ARCHEOLOGIA ANTENOR QUADERNI 24 L ARCHITETTURA PRIVATA AD AQUILEIA IN ETÀ ROMANA ATTI DEL CONVEGNO DI STUDIO (PADOVA, FEBBRAIO 2011) a cura di Jacopo Bonetto e Monica Salvadori con la collaborazione di Alessandra Didonè e Caterina Previato

2 ANTENOR QUADERNI DIREZIONE Irene Favaretto, Francesca Ghedini COMITATO SCIENTIFICO Maria Stella Busana, Jacopo Bonetto, Paolo Carafa, Marie Brigitte Carre, Heimo Dolenz, Christof Flügel, Andrea Raffaele Ghiotto, Stefania Mattioli Pesavento, Mauro Menichetti, Athanasios Rizakis, Monica Salvadori, Daniela Scagliarini, Alain Schnapp, Gemma Sena Chiesa, Desiderio Vaquerizo Gil, Paola Zanovello, Norbert Zimmermann COORDINAMENTO SCIENTIFICO Isabella Colpo SEGRETERIA REDAZIONALE Matteo Annibaletto, Maddalena Bassani La presente opera raccoglie gli Atti delle giornate di studio conclusive del Progetto di Ricerca di Interesse Nazionale (bando 2007) L edilizia domestica ad Aquileia e nel suo territorio coordinato dall Università degli Studi di Padova (prof. J. Bonetto) in collaborazione con l Università degli Studi di Roma La Sapienza e l Università degli Studi del Molise. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Roma La Sapienza Università degli Studi del Molise Volume revisionato dal comitato scientifico composto da: Heimo Dolenz (Landesmuseum für Kärnten), Christof Flügel (Landestelle für nichstaatlichen Museen in Bayern), Angela Pontrandolfo (Università degli Studi di Salerno), Daniela Scagliarini (Università degli Studi di Bologna) Volume realizzato con il contributo di: Banca di credito cooperativo di Fiumicello ed Aiello del Friuli Università degli Studi di Padova Dipartimento di Archeologia Piazza Capitaniato, Padova ISBN Padova 2012, Padova University Press Università degli Studi di Padova via 8 febbraio 1848, Padova tel , fax Le foto di reperti di proprietà dello Stato sono pubblicate su concessione del Ministero per i Beni e le Attività culturali, Soprintendenza per i Beni Archeologici del Friuli Venezia Giulia (Aut. del 24/02/2012, prot. n 563/19). Tutti i diritti sono riservati. È vietata in tutto o in parte la riproduzione dei testi e delle illustrazioni. Volume stampato presso la tipografia Italgraf - Noventa Padovana

3 Sommario ALVIANO SCAREL, Premessa... pag. IX LUIGI FOZZATI, Premessa...» XI FRANCESCA GHEDINI, Presentazione...» XIII JACOPO BONETTO, MONICA SALVADORI, Introduzione...» XV TEMI GENERALI JACOPO BONETTO, L edilizia privata antica di Aquileia. Profilo storiografico...» 1 CLAUDIO ZACCARIA, Chi erano i proprietari delle ricche domus aquileiesi? Piste epigrafiche...» 49 LE CASE E L ARCHITETTURA PATRIZIO PENSABENE, ENRICO GALLOCCHIO, Contributo per la storia del quartiere residenziale sud-ovest: i fondi ex CAL e Beneficio Rizzi...» 67 MICHELE BUENO, VALENTINA MANTOVANI, MARTA NOVELLO, Lo scavo della casa delle Bestie ferite...» 77 VANESSA CENTOLA, GUIDO FURLAN, ANDREA RAFFAELE GHIOTTO, EMANUELE MADRIGALI, CATERINA PREVIATO, La casa centrale dei fondi ex Cossar ad Aquileia: nuovi scavi e prospettive di ricerca...» 105 FEDERICA FONTANA, La domus dei Putti danzanti lungo la via Gemina: aspetti planimetrici e funzionali...» 131 ANTONIA SPANÒ, FILIBERTO CHIABRANDO, FULVIO RINAUDO, Contributi della geomatica ai temi delle ricerche archeologiche. Il caso dell insula di via Gemina ad Aquileia...» 141 LUCIANA MANDRUZZATO, FRANCA MASELLI SCOTTI, Il quartiere abitativo precedente il complesso teodoriano di Aquileia...» 157 CATERINA PREVIATO, Tecniche costruttive utilizzate nelle case di Aquileia: le sottofondazioni pluristratificate...» 165 LE CASE E L APPARATO DECORATIVO MONICA SALVADORI, Edilizia privata e apparati decorativi ad Aquileia: lo stato della ricerca...» 181 MICHELE BUENO, MARTA NOVELLO, FEDERICA RINALDI, Per un corpus dei mosaici di Aquileia: status quo e prospettive future...» 195

4 VI SOMMARIO MARTA NOVELLO, L autorappresentazione delle élites aquileiesi nelle domus tardoantiche... pag. 221 FLAVIANA ORIOLO, Modi dell abitare ad Aquileia: i rivestimenti parietali...» 243 FABRIZIO SLAVAZZI, Gli arredi di lusso di Aquileia: nuove ricerche...» 263 FEDERICA GIACOBELLO, Arredi in bronzo del Museo Archeologico Nazionale di Aquileia...» 273 FULVIA CILIBERTO, Il lusso dell acqua: sculture con funzione di fontana ad Aquileia...» 281 FEDERICA FONTANA, EMANUELA MURGIA, La domus dei Putti danzanti lungo la via Gemina: alcuni elementi dell apparato decorativo...» 297 MAURIZIO GOMEZ SERITO, EDUARDO RULLI, I materiali lapidei naturali della domus dei Putti danzanti : marmi bianchi e colorati...» 309 LE CASE E I MATERIALI ANNALISA GIOVANNINI, Ninnoli, oggetti di devozione domestica, ricordi famigliari: immagini di terracotta da Aquileia tra scavi e dati d archivio...» 317 GRAZIA FACCHINETTI, Ritualità connesse alla costruzione di domus. Le offerte monetali di fondazione ad Aquileia...» 337 FILOMENA GALLO, ALESSANDRA MARCANTE, GIANMARIO MOLIN, ALBERTA SILVESTRI, PATRICK DEGRYSE, MONICA GANIO, I vetri della casa delle Bestie ferite ad Aquileia: uno studio archeologico e archeometrico...» 353 DIANA DOBREVA, Studio e analisi di alcuni contesti della domus centrale presso i fondi ex Cossar.» 369 LE CASE FUORI DELLA CITTÀ PAOLA MAGGI, FLAVIANA ORIOLO, Luoghi e segni dell abitare nel suburbio di Aquileia...» 407 MAURIZIO BUORA, L interpretazione delle foto aeree di Aquileia e una sconosciuta villa extraurbana nel suburbio occidentale...» 429 LUDOVICO REBAUDO, La villa delle Marignane ad Aquileia. La documentazione fotografica di scavo ( ) - con appendici di Alberto Savioli ed Elena Braidotti...» 443 FABIO PRENC, Dinamiche insediative e tipologie edilizie nella Bassa Friulana...» 475 MARIA STELLA BUSANA, CLAUDIA FORIN, Le ville romane nel territorio di Aquileia: alcune considerazioni in merito all articolazione e all uso degli spazi...» 487 VALENTINA DEGRASSI, RITA AURIEMMA, L edilizia residenziale lungo l arco costiero nord-orientale, tra il Lacus Timavi e Grignano...» 511 PAOLA VENTURA, Edilizia privata presso il Lacus Timavi: la villa di via delle Mandrie a Monfalcone (GO) - con appendice di Gabriella Petrucci...» 533 LE CASE TRA TARDOANTICO E MEDIOEVO GIUSEPPE CUSCITO, Edilizia privata ed edifici cristiani di culto: un problema aperto...» 555 YURI MARANO, Dopo Attila. Urbanesimo e storia ad Aquileia tra V e VI secolo d.c....» 571 LUCA VILLA, Modelli di evoluzione dell edilizia abitativa in Aquileia tra l antichità e il medioevo...» 591 MARINA RUBINICH, Dalle Grandi Terme alla Braida Murada : storie di una trasformazione...» 619

5 SOMMARIO VII LE CASE E LA VALORIZZAZIONE ANTONELLA CORALINI, Antichi vicini di casa. Presenze reali e virtuali nel mondo digitale...» 639 GIOVANNA MONTEVECCHI, PAOLO BOLZANI, La domus dei tappeti di pietra. Un sito archeologico nel cuore di Ravenna...» 665 EMANUELE MADRIGALI, Esperienze di restauro e valorizzazione di Aquileia: l esempio dei fondi ex Cossar...» 685 VILMA FASOLI, Tra frammento e contesto: la valorizzazione come progetto condiviso...» 699 FABIANA PIERI, GIULIA MIAN, VALENTINA DEGRASSI, La villa romana di Ronchi dei Legionari. Un esperienza di valorizzazione...» 707 MAURIZIA DE MIN, PIERLUIGI GRANDINETTI, EUGENIO VASSALLO, Un idea progettuale per la conservazione, protezione e valorizzazione dei resti della domus della Pesca nel fondo Cossar...» 723

6 UN IDEA PROGETTUALE PER LA CONSERVAZIONE, PROTEZIONE E VALORIZZAZIONE DEI RESTI DELLA DOMUS DELLA PESCA NEL FONDO COSSAR Maurizia De Min*, Pierluigi Grandinetti**, Eugenio Vassallo*** *Architetto, Libero professionista, **Architetto, Libero professionista, ***Architetto, Libero professionista, RIASSUNTO Il progetto prevede un sistema di percorsi, che collega la basilica e la via Sacra con la stalla Violin, nuovo centro per i visitatori, e di qui si affaccia sul fondo Cossar, valorizzato come parte compiuta di un isolato romano. In esso compare la Domus della Pesca, ricreata nei suoi elementi costitutivi, come spazio museale, attraverso un sistema di coperture e passerelle il sistema Domus replicabile in siti analoghi. Nella valorizzazione dei segni della storia il luogo assume così una nuova identità, ricca di significati e di suggestioni. ABSTRACT The project provides for a system of paths that connects the Basilica and the Sacred Way with the Violin stable, new visitors center, and from here appears on the fondo Cossar, valued as part of a complete Roman block. In it appears the Domus of the fishery, recreated into its constituent elements, as a museum, through a system of walkways and roofs the Domus system repeatable in similar sites. The valorization of historical signs takes place as a new identity, full of meanings and impressions. L architettura privata ad Aquileia in età romana, Atti del Convegno di Studio (Padova, febbraio 2011), a cura di Jacopo Bonetto e Monica Salvadori, Padova 2012, pp

7 Archeologia, architettura, paesaggio; conservazione, valorizzazione, divulgazione: sono queste le tematiche che abbiamo riconosciuto come portanti nel concorso di idee bandito dalla Fondazione Aquileia per la valorizzazione del fondo Cossar e che abbiamo posto al centro della nostra proposta progettuale 1, provando a configurare a partire da esse un insieme organico di interventi, in grado di assicurare la conservazione dei resti esistenti e di riconoscerli come testimonianze ancora vive di un passato lontano, garantendo loro accessibilità e fruibilità in regime di sicurezza. E ancora abbiamo voluto tratteggiare un ipotesi d intervento che mantenesse vivo il rapporto con gli esiti, sempre nuovi, che la ricerca archeologica può essere in grado di produrre. Tutto ciò nella consapevolezza della complessità proposta dalla sedimentata stratificazione di segni della storia che caratterizzano questo luogo e dal loro intreccio con i segni della natura. È in questa direzione che il progetto si è mosso, valorizzando tale complessità a partire dalle risorse presenti in questa parte di Aquileia: in primo luogo dalla straordinaria presenza nel fondo Cossar - di un pezzo di insula romana, con almeno tre domus che vi insistono. A ciò si aggiungono la stalla Violin e il piccolo borgo storico che la circonda, i resti ancora interrati delle mura e del torrione romani, la via Sacra composta da filari di cipressi e siepi di bosso fino al porto fluviale, il fiume Natissa come limite tra la città romana e il paesaggio agrario circostante, fino ad arrivare sull asse urbano nordsud allo straordinario complesso della Basilica. A partire da queste risorse il primo tema del progetto riguarda la scoperta di un pezzo, di una parte della città romana, attraverso la costruzione di un identità per il fondo Cossar, e quindi di un suo nuovo ruolo nell ambito della città. Primo passo in questa direzione è lo studio degli interventi di conservazione e restauro indispensabili per garantire la permanenza, prima, e la fruibilità poi di tutto l insieme degli elementi emersi dalle complesse e delicate operazioni di scavo condotte per mettere in luce le tracce della domus. Operazione non semplice, questa, per la molteplicità delle stratificazioni presenti, per la delicatezza delle strutture, dei materiali e degli apparati decorativi. Se si escludono il porto, il complesso forense, il fondo CAL e il sepolcreto, di Aquileia romana poco resta oggi alla vista dei visitatori: in particolare degli isolati e delle case romane si possono cogliere pienamente solo frammenti. Il tentativo del progetto è quello di far riemergere l area archeologica delle domus del fondo Cossar, opportunamente sistemata e valorizzata, come parte tendenzialmente compiuta di un isolato romano. L area archeologica viene inserita all interno di un ambito di scavo a figura quadrata, i cui limiti verso est e verso ovest sono definiti dai due tracciati stradali antichi riportati alla luce e recuperati. 1 Il gruppo di progettazione è costituito da: Eugenio Vassallo (capogruppo), Pierluigi Grandinetti, Sandro Pittini, Massimiliano Valle, Marino Del Piccolo, Daniele Mucin, Dario Cazzaro, Piera Puntel. I consulenti: Maurizia De Min, Alberto Candolini, Stefano Massarino, Federico Mondini. I collaboratori: Michela Cafazzo, Silvia Degan, Sara Di Resta, Nicolò Gnan, Andrea Marchioli, Alessandro Piraccini.

8 UN IDEA PROGETTUALE PER LA CONSERVAZIONE, PROTEZIONE E VALORIZZAZIONE DEI RESTI DOMUS DELLA PESCA NEL FONDO COSSAR 725 Due piani leggermente inclinati trattati a prato stabile connettono la quota attuale di campagna con la quota archeologica posta a un livello inferiore, in modo da configurare l area come una valle incassata. Al fine di eliminare la marginalità dell area valorizzandone l accessibilià e quindi dandole una nuova centralità, il progetto la inserisce in un sistema articolato di percorsi, che collega innanzitutto la Basilica con la stalla Violin, ampliata e ripensata come centro visitatori, e di qui si affaccia sulla valle delle domus. Un altro accesso all area avviene dal torrione e dalle mura repubblicane, ricomposte nel volume come architetture verdi, e dalla pista ciclabile a est delle stesse, oltre la quale il percorso prosegue nel parco del porto fluviale e del Natissa. Specie vegetali del periodo romano in forma di siepi arricchiscono i percorsi, adeguatamente segnalati e illuminati di notte. Rispetto all unico percorso pedonale oggi esistente a scala urbana, quello della via Sacra, il progetto prevede due nuovi percorsi pedonali, in pietrisco stabilizzato. Il primo corre in un tratto compreso tra l area delle domus e l estremità settentrionale del foro a fianco della prevista pista ciclabile, che permetterà il collegamento a scala territoriale tra Palmanova e Grado recuperando il tracciato della vecchia linea ferroviaria ora in disuso. Un secondo percorso, di interesse paesaggistico e archeologico, ridisegna sul suolo il tracciato delle mura repubblicane, a partire dal tratto sud di cui è previsto il recupero. Questi nuovi percorsi, insieme con quello della via Sacra, consentiranno la formazione di anelli e quindi di circuiti turistici, differenziandosi completamente dall attuale condizione di confusione e promiscuità tra auto, biciclette e pedoni, che caratterizza il traffico ad Aquileia. Questi itinerari potranno svilupparsi secondo differenti livelli percettivi: multiscalari, da quello paesaggistico a quello architettonico e archeologico; temporali, attraverso l uso dell idea ormai consolidata del museo diffuso e la riappropriazione del tempo dei luoghi; multisensoriali, recuperando e valorizzando le essenze vegetali autoctone assieme a quelle antiche e offrendo gradi cromatici e olfattivi sempre diversi in ogni stagione. In quest ottica, si è pensato di realizzare tra il fiume Natissa e il percorso della via Sacra un parco botanico di Aquileia romana che, sviluppandosi in modo lineare fino alla golena a sud, accompagni il visitatore in un piacevole itinerario ricco di profumi, colori, architetture monumentali e reperti archeologici. Nella valorizzazione dei segni della storia e della natura, il luogo dovrebbe assumere così una nuova identità, ricca di significati e di suggestioni (fig. 1). Si è delineato così il secondo tema, che a partire dalla riorganizzazione in parte già descritta dell ambito del fondo Cossar, riguarda la configurazione architettonica degli elementi che lo compongono. Si è già detto come la via Sacra e i nuovi percorsi di progetto si intersechino in un sito posto in prossimità della ricostruzione del torrione delle mura repubblicane, in cui si prevede un luogo di sosta attrezzato. Il torrione e il tratto di mura ricostruiti attraverso un architettura verde costituiscono una sorta di soglia temporale tra l antico e il presente che, una volta superata passando all interno dello spessore murario, permette l accesso all insula delle antiche domus. Dal centro urbano invece è previsto un nuovo percorso pedonale e ciclabile, lastricato dalla Basilica alla stalla Violin, in pietrisco stabilizzato da qui al torrione e alla nuova area di sosta, accessibile per i disabili, su scarpate in terra inerbita in modo da collegare i diversi livelli del suolo. Esso è collegato all area di visita delle domus attraverso una passerella pedonale sopraelevata, con sottostanti canalizzazioni tra cui quella di raccolta dell acqua meteorica, che viene convogliata e riusata per l irrigazione del verde previsto dal progetto. La stalla Violin, come nuovo centro visitatori, viene riutilizzata nella conservazione dei suoi peculiari caratteri rurali e ampliata sul fronte nord. La parte in ampliamento consiste in una struttura sospesa, al fine di rendere visibile l area archeologica sottostante in continuità con quella esistente, che eventualmente venisse in luce durante i lavori. Ad essa si accede da piazza Capitolo, passando sotto il portico, attraverso una rampa sospesa sugli scavi. Al primo livello si trovano i servizi igienici per gli utenti e un ascensore per i disabili; una scala esterna, utilizzabile anche come via d esodo, conduce al primo piano che ospita il centro informazioni, il bookshop e il punto di gestione della domus della pesca e si affaccia, con una terrazza belvedere, sul fondo Cossar.

9 726 MAURIZIA DE MIN, PIERLUIGI GRANDINETTI, EUGENIO VASSALLO Fig. 1. L area di intervento e l intorno: planimetria di inquadramento.

10 UN IDEA PROGETTUALE PER LA CONSERVAZIONE, PROTEZIONE E VALORIZZAZIONE DEI RESTI DOMUS DELLA PESCA NEL FONDO COSSAR 727 Infine, le mura romane con la torre di avvistamento vengono ricomposte come architetture verdi, attraverso la realizzazione di un rivestimento vegetale secondo l antica arte topiaria romana come se il guscio verde esterno conservasse la memoria della forma architettonica interna. L intervento parte dal sedime archeologico della struttura muraria riportato in luce dagli scavi, opportunamente restaurato e integrato con pietrisco di tinta analoga nelle lacune eventualmente presenti. Per il rivestimento, si propone un essenza sempreverde - l Eleagnus reflexa - con l alternativa o la compresenza del Carpino bianco. Si tratta di specie particolarmente adeguate a realizzare coperture verdi, pulite e compatte, non invasive nei confronti delle strutture murarie e di quelle metalliche, facili da potare e di grande durabilità: un architettura compatibile, anzi vivente, discreta e delicata. Il terzo tema del progetto riguarda la protezione e valorizzazione dei resti archeologici delle case romane, con la messa a punto di un sistema costruttivo-architettonico che abbiamo chiamato: progettare con la storia: il sistema Domus utilizzabile non solo nel fondo Cossar, ma anche in altre situazioni, aquileiesi e non, secondo la richiesta del bando. Partendo dagli studi disponibili in loco, da quelli generali sulla domus romana e dalle ricostruzioni ipotizzate in altri contesti (tra cui spicca naturalmente quello pompeiano), si può affermare che il tipo edilizio della domus, di forma rettangolare, originariamente a un piano, è sempre parte di un insula, con i muri perimetrali che sui lati brevi si affacciano sulla strada (spesso aprendosi con le botteghe), mentre quelli sui lati lunghi, completamente chiusi, la separano dalle domus contigue, con cui talvolta li condividono. Si tratta quindi di un tipo edilizio sostanzialmente urbano, poco riconoscibile dall esterno se non per gli accessi. La domus cioè si riconosce nel suo spazio interno, chiuso dai muri perimetrali e illuminato dalla corte porticata. Si tratta di uno spazio introflesso, proiettato su se stesso, che configura un proprio paesaggio, tutto interiore, che esclude il paesaggio esterno. E l invenzione dello spazio interno domestico, come sottolinea Sergio Bettini, è uno dei contributi più signicativi che i romani hanno dato alla costruzione dell architettura. È da qui che deve partire la risposta alla richiesta specifica del bando di concorso: l invenzione di una copertura che richiami le volumetrie e gli andamenti degli ambienti originari in maniera da consentire la comprensione della struttura complessiva della domus, una costruzione cioè evocante l antico. Rispetto alle numerose esperienze condotte nel campo delle protezioni archeologiche dalla fine dell 800 in poi anche ad Aquileia, la scelta si riduce in realtà a due tipologie: - quella, più diffusa, di una copertura unica, continua su tutta la domus, una struttura reticolare a grandi luci prevalentemente orizzontale, poggiante su pilastri perimetrali, al cui interno ricreare, partendo dall alto con marchingegni e pannelli sospesi (come in una scena teatrale), ambienti ed effetti della casa romana: uno spazio più scenografico che architettonico entro un grande contenitore indifferente; - l altra scelta, innovativa, di cui vi sono rari esempi, è quella di ricostruire per analogia un sistema costruttivo e architettonico allusivo di quello romano, partendo dalla sua logica compositiva, che è peraltro l opposto di quella della copertura unica. È questa la via architettonica, irta di ostacoli, che abbiamo scelto con questo progetto, mettendo a punto un sistema (sperimentato nella Domus della Pesca), che parte dagli elementi compositivi primari della casa romana: il muro perimetrale continuo che chiude il paesaggio interno e nasconde quello esterno e che crea, grazie allo spazio aperto della corte porticata, un peculiare rapporto tra luce e ombra; i muri interni che sopravanzano spesso le coperture a falde, che possono così appoggiarvisi mantenendo una pendenza tendenzialmente costante e chiudendo gli spazi sottostanti ad altezze variabili. Si tratta quindi di una forma architettonica unitaria verso l esterno, ma fortemente articolata al suo interno, che consente una grande variabilità degli spazi e una loro trasformabilità nel tempo (come l innalzamento anche parziale di un piano). Il nostra sistema, chiamato Domus, ripropone questi elementi talora fisicamente, come nel caso di catene, puntoni e coperture, talora idealmente come nel caso dei muri. Lo fa in forma sobria ed essenziale, puntando a ricreare, per quanto possibile, lo scheletro della domus, cioè la struttura

11 728 MAURIZIA DE MIN, PIERLUIGI GRANDINETTI, EUGENIO VASSALLO Fig. 2. Il sistema Domus per la protezione, fruizione e valorizzazione dei resti archeologici delle case romane: esploso assonometrico.

12 UN IDEA PROGETTUALE PER LA CONSERVAZIONE, PROTEZIONE E VALORIZZAZIONE DEI RESTI DOMUS DELLA PESCA NEL FONDO COSSAR 729 del suo spazio interno nel rapporto luce/ombra: struttura che potrà essere mantenuta a vista quando prevalga la mera esigenza di protezione dei resti ovvero arricchita e rivestita, di volta in volta, a ricreare gli ambienti della domus anche negli effetti decorativi, qualora all esigenza protettiva si affianchi quella espositiva e di fruizione turistica. Gli elementi costitutivi del sistema Domus possono essere così sintetizzati: - i montanti metallici, costituiti da un micropalo infisso a rotazione al centro del muro archeologico fino a raggiungere il sottosuolo. Tale soluzione - minimamente invasiva rispetto ai resti archeologici, in quanto àncora la struttura sovrastante al sottosuolo, evitando fondazioni di qualsiasi natura e conservando integralmente la composizione del muro che circonda il foro - è stata adottata al fine di non intaccare i perimetri murari spesso interessati da pavimenti in mosaico. Al micropalo, non visibile, è fissata una coppia di profili in acciaio verniciato, di forma tendenzialmente piatta, che proseguono le facce murarie ricostituendo idealmente la figura del muro; - una passerella sospesa, anch essa metallica, da fissare ai montanti verticali quando sia eventualmente necessaria una percorribilità sopraelevata, il cui piano di calpestio può essere trasparente in vetro stratificato in presenza di mosaici; - la struttura di sostegno della copertura, costituita da catene e puntoni in legno di rovere, allusivi delle coperture romane, appoggiati a una struttura reticolare in profili di legno e acciaio ancorata ai montanti verticali, che consente di ridurne il numero coprendo grandi luci. Tale struttura può essere lasciata a vista o rivestita, appendendovi elementi leggeri, secondo soluzioni variabili nel tempo e nello spazio, anche al fine di consentire una pluralità d uso degli ambienti; - il manto di copertura, costituito da tegole piane di laterizio poste su arcarecci in legno, allusivo anch esso delle coperture romane; - le protezioni perimetrali, lungo i muri di delimitazione della domus, a ricostituirne la figura. Nel caso della presenza di mosaici e/o dell uso museale della domus, tali protezioni sono costituite da due pannelli a lamelle oblique in tavole di legno di rovere, che garantiscono una soffusa illuminazione naturale e soprattutto la ventilazione naturale e proteggono contemporaneamente dalla pioggia, dal sole e dai volatili, riducendo drasticamente l escursione termica sui mosaici. Nello spazio tra i due pannelli corrono tutte le reti primarie, impiantistiche e di raccolta delle acque meteoriche, oltre che i sostegni verticali della copertura (fig. 2). La descrizione degli elementi costitutivi il sistema Domus mostra già la sua elevata flessibilità, ulteriormente accresciuta dal fatto che esso può essere realizzato anche per parti della casa, qualora si vogliano proteggerne solo alcuni ambiti significativi (come si è mostrato, a titolo esemplificativo, in Fig. 3. La protezione e valorizzazione della Domus della Pesca come spazio museale: pianta e sezione longitudinale.

13 730 MAURIZIA DE MIN, PIERLUIGI GRANDINETTI, EUGENIO VASSALLO corrispondenza della domus settentrionale, per l ambito del mosaico del buon pastore ). Il sistema Domus consente infine la protezione e fruizione dei resti archeologici secondo varie soluzioni applicative, costruttive ed espositive, tra le quali: una soluzione preliminare, nella fase di scavo/restauro, con protezioni perimetrali provvisorie (come ad esempio tende removibili, impermeabili antirraggiamento); una soluzione definitiva, in assenza di pavimenti musivi, senza protezioni perimetrali; una soluzione definitiva, con protezioni perimetrali a lamelle in presenza di pavimenti musivi e/o di un uso museale della domus. L ultimo tema del progetto riguarda l applicazione del sistema Domus alla Domus della Pesca individuata dal bando di concorso, per la sua protezione e valorizzazione come spazio museale. Tale applicazione ha incontrato non poche difficoltà sia per la complessità della sua articolazione planimetrica, frutto di numerose trasformazioni, sia perché gli scavi archeologici non erano ancora completati nella parte sud-est e per tutta la parte ovest. Per quest ultima si è avanzata solo un ipotesi orientativa, che andrà specificata e adeguata in funzione dei risultati degli scavi stessi. Il rapporto tra archeologi e architetti sarà comunque necessario per la definizione finale del progetto, nella valutazione del significato dei resti e delle stratificazioni, nella comprensione della qualità degli spazi e delle modalità della loro fruizione (fig. 3). Rispetto al sistema di protezione, si è introdotta qui la copertura con capriata semplice a due falde per i vani d ingresso e per il tablinum, sia per esigenze costruttive di raccordo con le coperture contermini che per sottolineare il ruolo di questi due spazi: il primo che diventa uno spazio didattico-espositivo, anche con proiezioni audiovisive, sulla storia e la vita della domus; il secondo, il tablinum a sottolinearne la grandiosità. Si tratta infatti di una grande sala di rappresentanza in asse con la corte porticata, intorno alla quale si organizzavano gli altri ambienti domestici, tipica della domus aquileiese, all interno della quale il progetto propone di ricollocare il pavimento in mosaico oggi sovrapposto, che viene alzato e inclinato, in modo da poterlo ammirare dall alto, lungo una passerella sospesa raggiungibile attraverso una scala (con servoscala per i disabili) dal percorso sottostante. Il percorso di visita della domus, il più possibile aderente a quello antico, superate le botteghe e la sala d ingresso, percorre i corridoi mosaicati della grande corte/giardino, sul cui fondo viene steso uno strato di terra o pietrisco di colore naturale, al fine di consentirne la percorribilità attraverso una rampa, mentre viene restaurata e ripristinata la fontana con gioco d acqua. Superata la corte dopo essersi affacciato sull accesso del tablinum, il visitatore prosegue verso nord-ovest percorrendo sulla passerella i pavimenti musivi degli ambienti residenziali a nord per poi piegare a sud e, ammirati i mosaici del tablinum, ritornare verso est, lungo le camere da letto anch esse in mosaico. Il grande corridoio con canaletta per la raccolta dell acqua piovana, di passaggio verso la parte ovest della domus, non ancora del tutto riportato in luce, è stato coperto con pannelli di vetro, per creare un ambiente di raccordo luminoso e per sottolineare la possibilità che fosse scoperto. Per quanto riguarda l organizzazione espositiva della domus, in funzione del suo uso museale, essa costituisce già grazie ai mosaici esistenti (compresi quelli da ricollocare, ad esempio lungo le pareti della sala d ingresso) il museo di se stessa. A ciò si aggiungono il sistema delle coperture in legno e i rapporti tra spazi chiusi e aperti, sottolineato nel progetto da pannelli colorati (con colori tratti da Fig. 4. La Domus della Pesca : vista prospettica della corte orientale, con il giardino e la fontana.

14 UN IDEA PROGETTUALE PER LA CONSERVAZIONE, PROTEZIONE E VALORIZZAZIONE DEI RESTI DOMUS DELLA PESCA NEL FONDO COSSAR 731 frammenti ceramici aquileiesi) o semitrasparenti, a delimitare gli spazi e a fornire elementi di informazione (fig. 4). È una prima ipotesi questa, che vuole mostrare le potenzialità del sistema proposto e che tenta di rispondere alla richiesta del concorso di prevedere un ambiente interessante, organizzato e fruibile dal punto di vista culturale. Tale ipotesi potrà essere ulteriormente sviluppata e integrata con ulteriori elementi di interesse (come ad esempio teche per l esposizione dei reperti rinvenuti negli scavi, proiezione audiovisiva di ricostruzioni virtuali delle superfici decorate, ecc.), perché il sistema costruttivoespositivo proposto dal progetto consente al suo interno un ampia trasformabilità. È possibile cioè immaginare lo spazio architettonico interno come un sistema complesso e articolato di relazioni e variazioni, rispetto all unità della forma, nel rapporto tra parti antiche e di nuova realizzazione. In definitiva coniugare l esigenza della conservazione dei reperti con la necessità di una loro piena fruizione e la possibilità di una adeguata valorizzazione è la grande sfida alla quale il progetto ha cercato di ripondere.

RELAZIONE STATO DI FATTO

RELAZIONE STATO DI FATTO RELAZIONE STATO DI FATTO L intervento è localizzato principalmente nell area denominata Terrazzo del Garove, situata tra il Padiglione di Ponente e i fronti della Reggia esposti a sud. Negli ultimi anni,

Dettagli

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA Relazione tecnica ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI E DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE PREMESSA Il Comune di Sotto

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO GENERALE Il progetto nasce dalla volontà di riqualificare Piazza Carmelitani attraverso un insieme sistematico di interventi

Dettagli

Relazione paesaggistica

Relazione paesaggistica Relazione paesaggistica TIPOLOGIA DELL OPERA E/O DELL INTERVENT0 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICA VIABILITA OPERA CORRELATA A: X edificio X area di pertinenza

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto.

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto. IMMOBILARE DAL ZIN S.R.L. Ogni cosa che vedo e faccio prende senso in uno spazio della mente dove regna la stessa calma di qui, la stessa penombra, lo stesso silenzio percorso da fruscii di foglie. I.

Dettagli

Tecnologie edili per l ambiente. facciate continue serramenti - pareti mobili

Tecnologie edili per l ambiente. facciate continue serramenti - pareti mobili Certificato n. 4858 Tecnologie edili per l ambiente facciate continue serramenti - pareti mobili Progetto di ampliamento della sede Arnoldo Mondadori Editore con completa ristrutturazione della CASCINA

Dettagli

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14 Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest ago. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI

Dettagli

Guardaroba E previsto uno spazio nell atrio del Museo, accanto all ingresso (attualmente utilizzato per biglietteria e bookshop), di mq. 14,40.

Guardaroba E previsto uno spazio nell atrio del Museo, accanto all ingresso (attualmente utilizzato per biglietteria e bookshop), di mq. 14,40. Provincia: racusa Lotto: SR 1 Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi Viale Teocrito 66. racusa Tel. 0931 464022 Relazione Biglietteria. Il locale biglietteria è in atto costituito da un ambiente indipendente,

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE MOTTO:LA NAVICELLA DELL INGEGNO 1 PRINCIPI GUIDA GENERALI Il progetto prevede la demolizione del fabbricato

Dettagli

Ristrutturazione di un edificio in via Zenale, Milano

Ristrutturazione di un edificio in via Zenale, Milano Progetti Roberto Gamba filippo taidelli Ristrutturazione di un edificio in via Zenale, Milano Sezione schematica dell intervento. Nella pagina a fianco: la facciata su strada, affiancata al volume sul

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE SENIGALLIA LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE RINASCE UN AREA DI SENIGALLIA Si chiama RESIDENZE SAN SEBASTIANO. Un nome che già appartiene all identità cittadina: San Sebastiano è il nome dell antistante

Dettagli

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Il laterizio costituisce il principale materiale da costruzione della casa. La scelta di adottare elementi naturali e sostenibili

Dettagli

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali Introduzione Liston è una parola utilizzata in varie città del Veneto per indicare un particolare luogo della città, generalmente una piazza o parte di essa. Il termine liston indica le lunghe lastre di

Dettagli

Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto

Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto SALERNO PORTA OVEST LA GALLERIA PER IL PORTO conferenza stampa del 27 Aprile 2011 Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto

Dettagli

Materiale di studio ad uso interno Riproduzione riservata

Materiale di studio ad uso interno Riproduzione riservata Conciliare la Conservazione e la valorizzazione del nostro patrimonio culturale con la creatività e l innovazione, utilizzando i linguaggi della nostra contemporaneità Materiale di studio ad uso interno

Dettagli

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE Questionario per l assicurazione tutti i rischi della costruzione di opere civili (C.A.R.) E per l'assicurazione DECENNALE POSTUMA danni diretti all

Dettagli

Parte Terza Casi studio

Parte Terza Casi studio Parte Terza Casi studio In questo capitolo conclusivo vogliamo analizzare nel dettaglio due diverse tipologie di spazi retail. Abbiamo scelto un negozio monomarca e un department store proprio perché,

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE 1 Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini RELAZIONE GENERALE PREMESSE Il presente progetto esecutivo si riferisce all intervento 17029/2013 Cimiteri Comunali: costruzione ossarini, relativo

Dettagli

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale... PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...5 DESCRIZIONE INTERVENTO...6 Generalità...6 Motivazioni delle scelte

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso. 2.2. Consistenza, destinazioni d uso, conformità alle norme, mobilità

1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso. 2.2. Consistenza, destinazioni d uso, conformità alle norme, mobilità INDICE Premessa 1. Inquadramento dell esistente 1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso 1.2. Aspetti urbanistici 2. Analisi proposta progettuale 2.1. Caratteristiche generali 2.2. Consistenza,

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Prova pratico-grafica (6 ore) Tema n.1 Consideriamo un edificio

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

COMUNE DI RIMINI PROVINCIA DI RIMINI START ROMAGNA S.P.A. Via A. Spinelli, 140 47521 Cesena (FC) P.IVA 03836450407

COMUNE DI RIMINI PROVINCIA DI RIMINI START ROMAGNA S.P.A. Via A. Spinelli, 140 47521 Cesena (FC) P.IVA 03836450407 COMUNE DI RIMINI PROVINCIA DI RIMINI START ROMAGNA S.P.A. Via A. Spinelli, 140 47521 Cesena (FC) P.IVA 03836450407 Oggetto PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO PER NUOVO PARCHEGGIO PUBBLICO DA REALIZZARSI SU

Dettagli

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE Questionario per l assicurazione tutti i rischi della costruzione di opere civili (C.A.R.) E per l'assicurazione DECENNALE POSTUMA danni diretti all

Dettagli

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TRICASE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVA CAPPELLA LOCULI COMUNALE NEL CIMITERO CAPOLUOGO IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA Il comune di Tricase ha affidato l incarico al sottoscritto

Dettagli

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s)

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Tema N.1 Il candidato imposti il progetto di un complesso

Dettagli

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO Comune di Milano Settore Concessioni e Autorizzazioni Edilizie QUADERNI TECNICI SULLA FRUIBILITÀ AMBIENTALE Guida alla progettazione senza barriere architettoniche secondo l applicazione delle prescrizioni

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli.

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE L inserimento ambientale del progetto tiene conto degli aspetti dell intera area e degli edifici di futura nuova realizzazione

Dettagli

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi.

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi. Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico Piazza verdi Progetto degli arredi Relazione PIAZZA VERDI: UTILIZZAZIONE, TUTELA E ARREDO Descrizione tecnica

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra Comune di Ceggia arco della MEMORIA Analisi dei siti proposti Dott. Stefano Roman - aesaggista Società Terra 05 ottobre 2012 Simbologia Come spesso si è avuto modo di sottolineare, il progetto arco della

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

I vincitori del Premio di architettura Città di Venezia. 1) Insediamenti residenziali, commerciali, direzionali, terziario, produttivo di scala urbana

I vincitori del Premio di architettura Città di Venezia. 1) Insediamenti residenziali, commerciali, direzionali, terziario, produttivo di scala urbana I vincitori del Premio di architettura Città di Venezia Il Bando prevedeva sei sezioni: 1) Insediamenti residenziali, commerciali, direzionali, terziario, produttivo di scala urbana 2) Restauro o recupero

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fa 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Manzoni, 18 - MANIAGO (PN) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile

QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile La Società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante: - RISPONDERE a tutte le domande contenute nelle

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

CONVENZIONE Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania

CONVENZIONE Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania CONVENZIONE tra LA DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DELLA CAMPANIA, LA SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI, PAESAGGISTICI, STORICI, ARTISTICI ED ETNOANTROPOLOGICI DI NAPOLI

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8 Allegato E COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico (art. 55 LRT n. 1/05) Norme Tecniiche dii Attuaziione Variante parziale Allegato 8 Elenco dei materiali da impiegare

Dettagli

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.2 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 78 Art.27 Progetto Strategico Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto Il Progetto

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA ATTENZIONE: la risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all' epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se

Dettagli

IL CANNOCCHIALE VERDE

IL CANNOCCHIALE VERDE RELAZIONE DI APPROFONDIMENTO TEMATICO IL CANNOCCHIALE VERDE Codice: GOUDRON8 PERCORSO PROGETTUALE Il CANNOCCHIALE VERDE In questa sintetica metafora crediamo di aver racchiuso l intento, gli obiettivi

Dettagli

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE Parco Alpi Marittime INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE DI VERNANTE Il Centro visite è ubicato al piano terra di un edificio posto al centro dell abitato di Vernante in Valle Vermegnana. La struttura

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 Disciplina Spazi Edificati Unità Tipo Intervento Uso specifico Mappale Via 1 Rit 2 Rit 3 Rit 4 Rit 5

Dettagli

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008 PROVINCIA DI LIVORNO Elenco dei materiali da impiegare e delle modalità per gli interventi sugli edifici inseriti nei centri storici e nelle schede del patrimonio edilizio esistente di particolare valore

Dettagli

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO Villa singola di pregio 35 1.22,00 382,00 TABELLA RIASSUNTIVA DEI COSTI E PERCENTUALI D INCIDENZA COD. OPERA PREZZI IN URO % 01 Impianto di cantiere e scavi 02 Struttura

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria Possiamo considerare l architetto austriaco un pioniere dell architettura solare, avendo egli svolto da oltre venti anni attività di ricerca

Dettagli

consolidata e di completamento con destinazione residenziale (art. 23 N. T. A. di P. R. G.);

consolidata e di completamento con destinazione residenziale (art. 23 N. T. A. di P. R. G.); RELAZIONE TECNICA Il Piano di Recupero interessa un ambito che comprende l edificio ad uso residenziale di Via Catania n. 126 (foglio 25, mappali 112 e 198) di proprietà ALER, noto come casa di plastica

Dettagli

LEGENDA. ISOLATO 1. pag. 4. ISOLATO 2. pag. 7. ISOLATO 3. pag. 10. ISOLATO 4. pag. 13. ISOLATO 5. pag. 16

LEGENDA. ISOLATO 1. pag. 4. ISOLATO 2. pag. 7. ISOLATO 3. pag. 10. ISOLATO 4. pag. 13. ISOLATO 5. pag. 16 1 2 3 LEGENDA ISOLATO 1. pag. 4 ISOLATO 2. pag. 7 ISOLATO 3. pag. 10 ISOLATO 4. pag. 13 ISOLATO 5. pag. 16 4 P.R.G. - Comune di Storo PIANO DEL CENTRO STORICO DESCRIZIONI PROGETTUALI ISOLATO N. 01 CATEGORIE

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE DEL PROGETTO Nonostante nel Comune di Assemini siano presenti tre fermate della linea metropolitana, la zona più densamente popolata è anche quella meno servita dal collegamento

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

e della Promenade architetturale

e della Promenade architetturale IV. Progetto Mura Restauro e valorizzazione del sistema fortificato e della Promenade architetturale 1. Immagine della pianta di Pisa di Van Lint Progetto Mura: restauro e valorizzazione del sistema fortificato

Dettagli

3.2 Descrizione sintetica dell impatto ambietale dell opera e delle misure. compensativo previste. Indicare inoltre se l intervento è soggetto alle

3.2 Descrizione sintetica dell impatto ambietale dell opera e delle misure. compensativo previste. Indicare inoltre se l intervento è soggetto alle 3.2 Descrizione sintetica dell impatto ambietale dell opera e delle misure compensativo previste. Indicare inoltre se l intervento è soggetto alle procedure di verifica o valutazione di impatto ambientale

Dettagli

CHIUSURE ORIZZONTALI DI

CHIUSURE ORIZZONTALI DI CHIUSURE ORIZZONTALI DI COPERTURA INCLINATE Chiusure orizzontali di copertura discontinue - Costituite da piani inclinati (falde) La geometria dipende della pianta dell edificio e della pendenza da conferire

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Ristori 52/2, GORIZIA 1 Indice 1. OGGETTO E

Dettagli

Pagina 0 di 17 A.01 RELAZIONE ILLUSTRATIVA PIAZZA MALATESTA PRELIMINARE.doc

Pagina 0 di 17 A.01 RELAZIONE ILLUSTRATIVA PIAZZA MALATESTA PRELIMINARE.doc Pagina 0 di 17 Data febbraio 2015 SOMMARIO Premessa... 2 A.01.1 Descrizione dell'intervento da realizzare... 4 A.01.2 Illustrazione delle lavorazioni previste... 7 A.01.3 Illustrazione delle ragioni della

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

L ARCHITETTURA PRIVATA AD AQUILEIA IN ETÀ ROMANA

L ARCHITETTURA PRIVATA AD AQUILEIA IN ETÀ ROMANA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI ARCHEOLOGIA ANTENOR QUADERNI 24 L ARCHITETTURA PRIVATA AD AQUILEIA IN ETÀ ROMANA ATTI DEL CONVEGNO DI STUDIO (PADOVA, 21-22 FEBBRAIO 2011) a cura di Jacopo

Dettagli

Premessa essenziale per un corretta valutazione dell opera è la valutazione sul clima di risorse limitate,

Premessa essenziale per un corretta valutazione dell opera è la valutazione sul clima di risorse limitate, modulo 377 361 Venti ALLOGGI in affitto a canone sostenibile: un esempio che supera il concetto di NET ZERO ENERGY BUILDING. A Borgo San Lorenzo, in Toscana, progetto di Riccardo Roda SILVIO PAPPALETTERE

Dettagli

CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio

CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio PIANO DI GESTIONE Il Piano di gestione per la proposta progettuale di riqualificazione dell Amiantifera

Dettagli

ADEGUAMENTO DEL COMPLESSO SCOLASTICO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE GENERALE

ADEGUAMENTO DEL COMPLESSO SCOLASTICO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE GENERALE REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI TURRIACO ADEGUAMENTO DEL COMPLESSO SCOLASTICO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE GENERALE Indice

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco della Maremma CENTRO VISITE ALBERESE Il Centro ubicato in frazione Alberese a Grosseto, si articola su due piani e dispone di due ingressi. Dall ingresso principale è possibile

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

D avide architetto Sigurtà

D avide architetto Sigurtà D avide architetto Sigurtà via dei Ronchi n 26 25017 Lonato (BS) Tel. 347 68 48 384 Fax: 030 913 14 32 E.mail: davidesigurta@libero.it Homepage: members.xoom.it/davide_sig Concorso di progettazione per

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA TRIUMPLINA 43 PROGETTO DI TRASFORMAZIONE area ex IDRA - Violino Unita di intervento D.1a

COMUNE DI BRESCIA TRIUMPLINA 43 PROGETTO DI TRASFORMAZIONE area ex IDRA - Violino Unita di intervento D.1a COMUNE DI BRESCIA TRIUMPLINA 43 PROGETTO DI TRASFORMAZIONE area ex IDRA - Violino Unita di intervento D.1a Progettista Committente Progetto Sede operativa: Via Massimo d'azeglio, 23 25128 Brescia T. +39

Dettagli

SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE E PAVIMENTAZIONI SUPERFICI SCOPERTE

SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE E PAVIMENTAZIONI SUPERFICI SCOPERTE Dipartimento Provinciale di Milano Sede di Melegnano via Maestri 2-20077 (MI) Tel. 02.98115388 Fax 02.98115328 Unità Organizzativa Territorio e Attività Integrate TIT. 3.1.5 SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE

Dettagli

GITE DI SOCIALIZZAZIONE

GITE DI SOCIALIZZAZIONE GITE DI SOCIALIZZAZIONE ANNO 2015/2016 PER LE SCUOLE SUPERIORI Il Parco archeologico si trova in collina e sorge sulle rive del fiume Trebbia. La vegetazione attuale ripropone le essenze tipiche del Neolitico.

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve. Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE

STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve. Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE COMUNE DI CURTAROLO - Provincia di Padova STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE Committente COMUNE DI CURTAROLO Progettista

Dettagli

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Sessione anno 1990 Prima prova scritto-grafica A confine con una strada di un centro

Dettagli

STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva

STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva. Quello che viene qui presentato è un edificio industriale senza precedenti, un nuovo modello di sviluppo per i progetti

Dettagli

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TURRIACO PROVINCIA DI GORIZIA LAVORI DI SISTEMAZIONE VIABILITA PER REALIZZAZIONE DI UN PERCORSO CICLABILE - PEDONALE E SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA AQUILEIA, VIA ROMA, VIA MEITNER,

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt. 26 47 62 63 Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

ELENCO DEI PROGETTI FINORA APPROVATI E FINANZIATI NELL AMBITO DI INTERREG IV I-A ADMUSEUM BANDO A SPORTELLO (scaduto il 31.12.

ELENCO DEI PROGETTI FINORA APPROVATI E FINANZIATI NELL AMBITO DI INTERREG IV I-A ADMUSEUM BANDO A SPORTELLO (scaduto il 31.12. ELENCO DEI PROGETTI FINORA APPROVATI E FINANZIATI NELL AMBITO DI INTERREG IV I-A ADMUSEUM BANDO A SPORTELLO (scaduto il 31.12.2013) 1) Una forma peculiare di emigrazione bellunese: i gelatieri del Cadore

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PIANO DI RECUPERO DI CAPANNE POSTE IN LOC. TEGOLETO VIA DELLE SCUOLE.

COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PIANO DI RECUPERO DI CAPANNE POSTE IN LOC. TEGOLETO VIA DELLE SCUOLE. COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PIANO DI RECUPERO DI CAPANNE POSTE IN LOC. TEGOLETO VIA DELLE SCUOLE. Proprietari: Sig.ri FARALLI Pietro e MARTINI Caterina Relazione Tecnica Illustrativa I Tecnici:

Dettagli

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE 29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE INTRODUZIONE L idea per la nuova biblioteca di maranello, nasce innanzitutto da due

Dettagli

Tipologie edilizie e costi

Tipologie edilizie e costi Parcheggi 8-10-2007 11:46 Pagina 18 o- o PROGETTARE TECNOLOGIA Progetto Realizzazione Gestione 18 Tipologie edilizie e costi Parcheggi: quanto costa realizzarli Quanto costa realizzare un parcheggio fuori

Dettagli

Progetto CASA NATURALE

Progetto CASA NATURALE Progetto 56 il tetto green La tradizione architettonica canadese legata all'utilizzo del legno si evolve in versioni contemporanee come in questa residenza a La Malbaie, nella regione di Charlevoix di

Dettagli

Comitato Scientifico. Comitato di Redazione. Coordinamento di Redazione

Comitato Scientifico. Comitato di Redazione. Coordinamento di Redazione Q uaderni Norensi Soprintendenza per i Beni Archeologici per le province di Cagliari e Oristano Piazza Indipendenza 7-09124 Cagliari Dipartimento di Antichità, Filosofia e Storia Via Balbi 4-16126 Genova

Dettagli

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Aggiornato 01.07.05 ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Applicato in forma sperimentale agli interventi edilizi maggiori. (Approvato ai sensi dell art. 30 delle Norme di Attuazione del Piano Territoriale

Dettagli