Oderzo, 11 Maggio 2018 INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO DEL NODULO TIROIDEO TIR3 UPDATE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oderzo, 11 Maggio 2018 INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO DEL NODULO TIROIDEO TIR3 UPDATE"

Transcript

1 Oderzo, 11 Maggio 2018 INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO DEL NODULO TIROIDEO TIR3 UPDATE

2 INDICAZIONI OPERATIVE PER I MEDICI DI MEDICINA GENERALE Dr. Paolo Favero Oderzo, Palazzo Foscolo 11 maggio 2018

3 CASO CLINICO Donna di 58 anni Non patologie tiroidee in famiglia Normotesa con rischio cardiovascolare a 10 aa del 1% Normopeso, non fuma Gastrite cronica HP positiva già eradicata Osteopenia femorale Stato ansioso con episodi di cardiopalmo da molti anni per cui ha costantemente monitorato la funzionalità tiroidea

4 CASO CLINICO TERAPIA: Colecalciferolo 50 continuativamente Esomeprazolo 20 mg Lorazepam gtt al bisogno

5 CASO CLINICO ANAMNESI : A fine novembre 2017 si presenta in studio per comparsa di tumefazione in loggia tiroidea sinistra, asintomatica. Alla palpazione si apprezza nodulo elastico, mobile, con cute sovrastante integra. Non alterazioni della deglutizione ne della fonazione. PA 125/75 con fc 78 r

6

7 CASO CLINICO Si tranquillizza la paziente e si prescrivono i seguenti accertamenti: Ecografia del collo per tumefazione tiroidea in priorità D TSH, ABTPO, (routine) calcitonina? Visita endocrinologica

8 ESITO ECO TIROIDE Ghiandola tiroide dimensioni aumentate in toto (lobo destro 2,1 x 2 x 4 cm circa; lobo sinistro è interamente occupato da formazione nodulare misura 2,5 x 3,4 x 4,6 cm circa). A destra III medio-superiore nodulo ipoecogeno, con orletto periferico ipoecogeno con aspetto spongiforme delle dimensioni di 1,4 x 1,7 cm circa e vascolarizzazione periferica. Al III inferiore nodulo iso-ipoecogeno ovalare delle dimensioni di 1,4 x 1,8 cm circa, con area anecogena centrale con vascolarizzazione prevalentemente periferica ed alcuni spot intranodulari. A sinistra la formazione ovalare occupa interamente il lobo, appare iperecogena con area anecogena centrale ed orletto periferico ipoecogeno e vascolarizzazione prevalentemente periferica. Non significative linfoadenopatie latero-cervicali bilateralmente. Ghiandole salivari maggiori nella norma. Trachea in asse. Utile correlazione clinico-laboratoristica e videat specialistico

9 ESITI ACCERTAMENTI TSH : 1.12 mlu/l ( I.R. : ) CALCITONINA: 1 pg/ml ( I.R : ) ALTRI ESAMI EMATOCHIMICI : NELLA NORMA Visita Endocrinologica: si propone AGOASPIRATO ECOGUIDATO che la paziente esegue dopo circa 30 giorni, il cui risultato è il seguente

10 ESITO REFERTO ES. ISTOLOGICO

11 CASO CLINICO La paziente ritorna in studio molto preoccupata e mi preparo per un counselling per nulla facile. Riinvio per valutazione all Endocrinologo che riinvia per valutazione al Chirurgo, che valutato il caso, propone INTERVENTO CHIRURGICO La paziente è in attesa di eseguire l intervento chirurgico

12 CONSIDERAZIONI Gli accessi per patologia tiroidea presso il MMG è circa il 2-3% di tutti gli accessi Infatti soffre di patologia tiroidea il 20% della popolazione italiana Spesso tale patologia si associa ad altre patologie tipo diabete mellito, malattie autoimmuni Possibilità di fare Medicina di Opportunità per fare efficace prevenzione

13 CONSIDERAZIONI La percentuale di noduli rilevabili - alla palpazione è del 6-17% - all ecografia è del 30-68%

14 COSA DOBBIAMO SAPERE DIFRONTE AD UN RISCONTRO DI NODULO TIROIDEO? la probabilità che un nodulo sia maligno:2-5% quali sono i fattori di rischio per malignità: - esposizione a precedenti radiazioni al collo o di tutto l organismo - parente di 1 grado con tumore alla tiroide - fissibilità rispetto ai tessuti circostanti - presenza di turbe della deglutizione/fonazione - fumatori - tiroidite di Hashimoto

15 FOLLOW UP Monitorare eventuale insorgenza di complicanze Favorire l aderenza terapeutica Proseguire nel counselling

16 CONCLUSIONI La patologia nodulare tiroidea è abbastanza frequente Necessita di un counselling efficace Patologia spesso benigna ma necessita escludere la malignità Ci sono strumenti efficaci per la diagnosi (Esami ematochimici, Ecografia, Agoaspirato)

17 CONCLUSIONI UNA BUONA ED EFFICACE COLLABORAZIONE CON GLI SPECIALISTI...