STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI FINANZIARI E ASSICURATIVI IN TICINO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI FINANZIARI E ASSICURATIVI IN TICINO"

Transcript

1 1. Servizi finanziari e assicurativi STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI FINANZIARI E ASSICURATIVI IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211

2 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA E FARMACEUTICA 3. LEGNO E ARREDO 4. INDUSTRIA METALLURGICA 5. MECCANICA STRUMENTALE E DI PRECISIONE 6. INDUSTRIA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE E DEI COMPONENTI ELETTRONICI 7. INDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE, DEL VETRO E DELLA CERAMICA 8. INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE SETTORE TERZIARIO 9. ALBERGHI E RISTORANTI 1. SERVIZI FINANZIARI E ASSICURATIVI 11. SANITÀ E ASSISTENZA SOCIAL E 12. FORMAZIONE E RICERCA 13. COMMERCIO 14. ATTIVITÀ IMMOBILIARI, INFORMATICA E ATTIVITÀ PROFESSIONALI E IMPRENDITORIALI 15. TRASPORTI TERRESTRI E ATTIVITÀ AUSILIARIE 2

3 Breve quadro statistico della situazione nei servizi finanziari e assicurativi, in Ticino Premessa Con servizi finanziari e assicurativi indicheremo l intero comparto, composto dai sottocomparti delle intermediazioni finanziarie 1, dalle assicurazioni (escluse le assicurazioni sociali) e dei servizi ausiliari delle attività finanziarie e delle assicurazioni. La situazione nel 28 Secondo i dati del Censimento federale delle aziende del 28 (data di riferimento 3 settembre), i servizi finanziari e assicurativi contano in Ticino 788 aziende per un totale di posti di lavoro (vedi tab. 1). Circa sette posti di lavoro su dieci (ossia 8'18) sono propri alle 328 aziende attive nelle intermediazioni finanziarie, mentre dei restanti 3'23 impieghi, 1'444 appartengono al sottocomparto delle assicurazioni, e 1'759 ai servizi ausiliari finanziari e assicurativi. Nel suo complesso il comparto rappresenta per effettivo di posti di lavoro l 8.8% del settore terziario ticinese ed il 6,3% dell'interno sistema produttivo cantonale, pesi superiori a quelli rilevati a livello nazionale, rispettivamente del 7.6% e 5.3%. 1 Aziende e addetti nei servizi finanziari e assicurativi in Ticino, nel 28 Aziende Addetti di cui frontalieri di cui apprendisti Settore terziario 16' '167 19'7 3'815 Attività finanziarie e assicurazioni (escluse le assicurazioni sociali) ' Intermediazioni finanziarie 328 8' Assicurazioni ( escl. assicurazioni sociali) 18 1' Servizi ausiliari delle attività finanziarie e delle assicurazioni Fonte: Censimento federale delle aziende, UST (Neuchâtel) 352 1' Il lavoro a tempo pieno caratterizza l 86.8% dei posti di lavoro del comparto finanziario e assicurativo, percentuale superiore alla media del settore terziario ticinese pari al 69.4%, mentre il personale femminile occupa 4 posti di lavoro su 1 (contro quasi 5 posti su 1 per il terziario cantonale nel suo complesso). Con una quota parte del 4.5% i lavoratori frontalieri occupano una minima parte di posti di lavoro, inferiore rispetto alla media misurata per il settore terziario cantonale pari al 14,7%. A livello di sottocomparti si passa dal 3.5% per le intermediazione finanziarie, all 1.7% per le assicurazioni e all 11.3% per i servizi ausiliari. I servizi finanziari e assicurativi in Ticino offrono in totale 186 posti di apprendistato, per i tre quarti nell intermediazione finanziaria (13 posti su 186), pari all 1.6% dei posti totali del comparto. Quota inferiore sia rispetto alla media registrata a livello svizzero (3.%) che alla media del settore terziario in Ticino (2.9%). In termini di livelli di qualifica richiesti per posto di lavoro, la rilevazione sulla struttura dei salari del 28 (RSS Ticino 2 ) indica che poco meno della metà dei posti di lavoro (45.4%) nel campo finanziario e assicurativo 3 si costituisce di lavori particolarmente esigenti, indipendenti e molto qualificati; circa quattro posti su dieci (41.1%) richiedono invece conoscenze professionali e specializzate, mentre solamente nel 13.5% dei posti di lavoro si svolgono attività semplici e ripetitive. 1 Composto da banche cantonali, banche commerciali svizzere ed estere, istituti privati, società d investimento, istituti di credito specializzati e società di leasing 2 Dati riferiti al settore privato, che considerano l intero organico delle aziende interrogate (vengono quindi prese in considerazione tutte le tipologie di attività e le mansioni svolte nell azienda) 3 I dati forniti dalla rilevazione sulla struttura dei salari (RSS) riguardano l intero comparto finanziario e assicurativo; non si dispongono dei dati a livello dei singoli sottocomparti 3

4 Nel comparto le qualifiche richieste sono decisamente più elevate rispetto al settore terziario cantonale, dove i valori sono rispettivamente pari al 31.7%, 38.6% e al 29.7% per le attività semplici e ripetitive. La struttura dei profili formativi si caratterizza per oltre un terzo degli impiegati del comparto - ossia il 37.5% - che ha conseguito una formazione superiore (università, politecnico oppure una formazione professionale superiore), più della metà (il 53.6%) in possesso di un diploma di apprendistato, una maturità o un titolo equivalente, mentre l 8.9% degli addetti non detiene una formazione conclusa. Anche in questo ambito quindi profili mediamente superiori a quelli registrati per il terziario nel suo complesso (rispettivamente con il 25.5%, 48.8% e 25.7%). Nei servizi finanziari e assicurativi, la classe dimensionale più rilevante in termini numerici rimane sia in Ticino che in Svizzera quella delle microaziende (fino a 9 addetti); in Ticino sono 583 e impiegano il 17.% dei lavoratori (1 822 addetti su 1 77), in Svizzera sono e occupano il 12.5% degli addetti del comparto (25'187 su 21'91). In Ticino le piccole e medie aziende, attive prevalentemente nelle intermediazioni finanziarie, offrono il maggior numero di impieghi: circa i due terzi dei posti di lavoro dell intero comparto sono equamente ripartiti tra le 166 piccole aziende (1-49 addetti) e le 33 aziende di medie dimensioni (5-25 addetti), rispettivamente con 3'281 e 3'314 addetti. Le 6 grandi aziende, tutte attive nelle intermediazioni finanziarie 4, impiegano il 21.4% degli addetti dell intero comparto ticinese (pari a 2'291 su 1'77). A livello svizzero invece sono le 149 grandi aziende (di cui 15 attive nell intermediazione finanziaria) a detenere il maggior numero di addetti: 71'173 posti sui 21'91 totali (pari al 35.2%). La dimensione aziendale media in Ticino per l intero comparto si attesta quindi a 13.6 addetti per azienda, contro un dato nazionale di Dati superiori alla dimensione media misurata per il settore terziario di 6.6 addetti per azienda in Ticino e 7.7 in Svizzera. Un analisi a livello di sottocomparti mostra che l attività di intermediazione finanziaria si caratterizza per una dimensione media di 24 addetti per azienda, mentre nelle assicurazioni troviamo 12.5 addetti, e solo 4.5 addetti per azienda è il valore nel campo dei servizi ausiliari 5. A Aziende dei servizi finanziari ed assicurativi secondo la classe dimensionale, nel 28 Grandi aziende > 25 addetti.8% < 2 addetti 17.5% Medie aziende addetti 4.2% Piccole aziende 1-49 addetti 21.1% Microaziende, < 1 addetti G 73.9% Fonte: Censimento federale delle aziende, UST (Neuchâtel) B Attività finanziarie Assicurazioni Servizi ausiliari 2 addetti 15.1% 3-4 addetti 21.1% 5-9 addetti 2.3% Addetti ETP e aziende nei servizi finanziari ed assicurativi, e nel settore terziario per regione, nel 28 Settore terziario addetti 3.6% 6.9% aziende 5.1% 5.7% addetti aziende addetti aziende addetti aziende 18.1% 29.1% 3.6% 1.6% 5.5% 16.5% 18.8% 16.2% 16.1% 18.6% 5.3% 14.8% 75.3% 71.% 75.1% 55.2% 49.7% 59.2% 47.4% 45.4% 14.1% 18.2% 9.3% 12.2% 15.4% 15.9% 6.5% 8.8% % 2% 4% 6% 8% 1 Bellinzonese e valli Locarnese e valli Luganese Mendrisiotto Fonte: Censimento federale delle aziende, UST (Neuchâtel) 4 Precisamente nel sottocomparto delle intermediazioni monetarie, dove vengono registrate tutte le attività bancarie e parabancarie 5 I servizi ausiliari racchiudono le attività di mediazione titoli, gestione indipendente di capitali e di amministrazione di mercati finanziari; la dimensione piccola è una prerogativa fondamentale per queste attività molto specifiche e personalizzate, che hanno registrato una forte crescita dalla fine degli anni 9. 4

5 I servizi finanziari e assicurativi sono fortemente concentrati nel Luganese, terza piazza finanziaria in Svizzera dopo Zurigo e Ginevra, dove troviamo i due terzi delle aziende ed il 73.1% degli addetti totali impiegati (7 828 su 1 77). Questo predominio si rispecchia anche a livello di sottocomparti dove, solo nel campo delle assicurazioni, assume valori più contenuti ed emerge una presenza piuttosto marcata nel Bellinzonese e valli. L'evoluzione Addetti ETP nei servizi finanziari ed assicurativi in Ticino, dal Settore terziario 85'66 99'85 96'652 94'225 98'939 11'46 19'952 Attività finanziarie e assicurazioni (escluse le assicurazioni sociali) 1'11 11'295 1'189 9'436 11'537 1'38 1'77 Intermediazioni finanziarie 8'381 9'34 8'376 7'512 8'746 7'632 7'769 Assicurazioni ( escl. assicurazioni sociali) 1'432 1'635 1'457 1'538 1'372 1'299 1'353 Servizi ausiliari '42 1'45 1'586 Fonte: Dati provvisori. Censimento federale delle aziende, UST (Neuchâtel) Tra il 1985 e il 28 l attività nei servizi finanziari e assicurativi in Ticino è cresciuta sia in termini di aziende, che, in modo meno marcato, di posti di lavoro. Gli addetti equivalenti a tempo pieno (ETP) sono passati da 1'11 a 1 77 (+6,9%, v. tab. 2), mentre le aziende sono passate da 464 a 788 (+69.8%, v. tab. 3), in un contesto caratterizzato da un settore terziario ticinese che ha registrato un importante crescita in entrambe le categorie (+28.4% di addetti e +26.% di aziende). Nello stesso periodo il comparto ha registrato in Svizzera una crescita marcata sia nel numero di addetti, passati da 153'127 a 21'91 (+31.9%), che di aziende, passate da 8'492 a 12'479 (+46.9%). L analisi per il periodo mostra come l intero comparto ticinese dei servizi finanziari e assicurativi abbia registrato una crescita piuttosto contenuta, soprattutto se rapportata all evoluzione registrata a livello nazionale (v.graf. C). Con la creazione di 696 nuovi posti di lavoro (ETP), pari a +6.9%, il comparto ha contribuito solo marginalmente alla forte crescita avuta nel settore terziario ticinese, del +28.4% (+24'292 impieghi). A livello di sottocomparti l attività delle intermediazioni finanziarie ha subito due forti fluttuazioni. Nel corso degli anni 9 le ristrutturazioni aziendali dei maggiori gruppi hanno inciso negativamente sul numero di impieghi in Ticino, mentre tra il C Evoluzione degli addetti ETP (indice, 1985=1), nel settore terziario, nel comparto finanziario e in quello assicurativo, in Ticino e in Svizzera, dal 1985 al Svizzera Comparto dei servizi finanziari e assicurativi Ticino Svizzera Ticino Settore terziario Fonte: Dati provvisori. Censimento federale delle aziende, UST (Neuchâtel) 6 I dati di serie storica sono da considerare ancora provvisori. Le risultanze dell analisi non sono però inficiati da questo fatto. 5

6 21 e il 25, probabilmente, sotto le forti pressioni esterne si sono persi altri 1'114 posti di lavoro (-12.7%). La leggera ripresa registrata tra il Censimento 25 e 28 ha permesso di stabilizzare il numero a 7'769 impieghi (equivalenti ad una riduzione di 612 posti, -7.3%, sull intero periodo). Il sottocomparto assicurativo ha mantenuto una maggiore stabilità, fatta eccezione per alcune turbolenze registrate a metà anni 9, per un bilancio sull intero periodo che segna una flessione totale di posti di lavoro pari al 5.5% (-79 impieghi rispetto al 1985). I servizi ausiliari delle attività finanziarie e delle assicurazioni hanno per contro registrato una crescita continua ed esponenziale; molto marcata tra il 1998 ed il 21 con la creazione di 1'34 nuovi impieghi - pari ad una crescita del 268% - che ha portato il sottocomparto a registrare 1'586 addetti (ETP) nel 28 (con una crescita del 71% rispetto al 1985). Questa marcata progressione è dovuta in parte alla comparsa di nuove tipologie di attività finanziarie, quali la mediazione e la gestione di titoli e la gestione indipendente di capitali, a partire dalla fine degli anni 9. A livello nazionale, i servizi finanziari e assicurativi hanno creato nel periodo il 31.2% di nuovi posti di lavoro, passando da a 21'91, ricalcando la crescita dell intero settore terziario svizzero (+34.3%, da a 2 37'642 addetti). Nello specifico, il sottocomparto delle intermediazioni finanziarie è cresciuto del 19.5%, le assicurazioni hanno registrato una leggera flessione (-1.5% posti di lavoro) mentre i servizi ausiliari sono passati da 2'867 addetti nel 1985 a 32'4 nel 28 (con una crescita superiore al 1 %). In termini di aziende tra il 1985 e il 28 si registra in Ticino un aumento di 324 aziende per l intero comparto (da 464 a 788, +69.8%) con una riduzione piuttosto marcata nel sottocomparto delle assicurazioni (-51 aziende, -32%) e una forte crescita nei servizi ausiliari (da 44 a 352 aziende). Simile l evoluzione a livello nazionale, dove per il comparto si è passati da 8'492 a 12'479 aziende (+46.9%), con una crescita importante nel sottocomparto dei servizi ausiliari (da 454 a 5'969 aziende). Sottocomparto delle intermediazioni finanziarie Svizzera Ticino Sottocomparto delle assicurazioni Svizzera Ticino Sottocomparto dei servizi ausiliari Svizzera Ticino Fonte: Dati provvisori. Censimento federale delle aziende, UST (Neuchâtel) 6

7 3 Aziende nei servizi finanziari ed assicurativi in Ticino, dal Settore terziario 13'166 14'35 15'675 15'765 15'74 15'633 16'588 Attività finanziarie e assicurazioni (escluse le assicurazioni sociali) Intermediazioni finanziarie Assicurazioni ( escl. assicurazioni sociali) Servizi ausiliari delle attività finanziarie e delle assicurazioni Fonte: Dati provvisori. Censimento federale delle aziende, UST (Neuchâtel) Un'analisi del numero di addetti per regione evidenzia come il Luganese abbia rafforzato il proprio primato negli ultimi anni, passando nel periodo da una quota del 63.9% al 73.1% degli addetti totali del comparto (pari a 7'828 addetti su 1'77 nel 28). Il Bellinzonese e valli a fine anni 9 ha superato il Mendrisiotto grazie alla lieve crescita degli effettivi, passati da 1'176 a 1'273 (dall 11.7% al 11.9%), e alla flessione nel distretto di Mendrisio da 1'686 a 998 addetti (dal 16.8% a 9.3%). Flessione registrata anche nel Locarnese e valli, dove gli addetti sono passati da 752 a 68 (dal 7.5% al 5.7%). Il numero di aziende ha marcato un evoluzione leggermente positiva nel distretto di Mendrisio, nel Bellinzonese e nel Locarnese (e valli); solamente nel Luganese si è registrata una forte avanzata, da 213 a 48 aziende tra il 1985 e il 28. Lugano riconferma quindi il maggior numero di aziende: la quota sul totale del comparto è passata dal 49.8% del 1985 al 6.9% nel 28. Seguono il Mendrisiotto con il 14.5% (il 15.3% nel 1985), il Bellinzonese e valli con il 13.3% (19.4% nel 1985) ed infine il Locarnese e valli con l 11.3% (15.5% ad inizio periodo). Si segnala inoltre che nel distretto di Lugano vi sono 5 delle 6 grandi aziende del comparto (tutte attive nelle attività di intermediazione finanziaria); una sola si trova invece nel Bellinzonese e valli. D Aziende e addetti ETP nel comparto finanziario e assicurativo per regione, dal 1995 aziende addetti 5 9' 8' ' 6' 5' 4' 3' 2' 1' Bellinzonese e valli Locarnese e valli Luganese Mendrisiotto Bellinzonese e valli Locarnese e valli Luganese Mendrisiotto Fonte: Dati provvisori. Censimento federale delle aziende, UST (Neuchâtel) 7

8 Evoluzione delle qualifiche richieste e della formazione tra il 2 e il 28 Di assoluto rilievo è il cambiamento avvenuto sia nelle qualifiche richieste per posto di lavoro (v. graf. E) che nei livelli formativi dei salariati (v. graf. F) nel comparto finanziario e assicurativo. Dal 2 al 28 (anni per i quali si dispone della rilevazione sulla struttura dei salari in Ticino - RSS), i posti di lavoro esigenti, indipendenti e molto qualificati sono passati dal 36.4% al 45.4% - e rappresentano attualmente la categoria principale. Gli impieghi che richiedono conoscenze professionali e specializzate sono per contro diminuiti - dal 45.% al 41.1% - come pure le attività semplici e ripetitive, dal 18.5% al 13.5%. Vi è stato quindi un aumento della richiesta di qualifiche più elevate. Il livello di formazione dei lavoratori si è di conseguenza adeguato ai bisogni del comparto. Tra il 2 e il 28 gli addetti con un titolo universitario, una formazione professionale superiore o un titolo equivalente sono passati dal 23.9% al 37.5%, mentre sono per contro diminuiti sia gli addetti con un diploma di apprendistato, una maturità o una formazione equivalente passati dal 65.7% al 53.6%, come pure coloro senza una formazione conclusa da 1.4% a 8.9%. E Servizi finanziari e assicurativi Settore terziario Livello di qualifica richiesto dai servizi finanziari e assicurativi e dal settore terziario ticinese, nel 2 e 28 q p p % 18.5% 29.7% 41.1% 45.4% 45.% 38.6% 35.9% 42.8% 36.4% 31.7% 21.3% % 2% 4% 6% 8% 1 Attività semplici e ripetitive Conoscenze professionali e specializzate Lavoro partic. esigente e difficile e lavoro indip. e molto qualificato (livello 1+2) F Formazione del salariato nei servizi finanziari e assicurativi e nel settore terziario ticinese, nel 2 e 28 Servizi finanziari e assicurativi Settore terziario % 1.4% 25.7% 53.6% 65.7% 48.8% 3.6% 53.4% 37.5% 23.9% 25.5% 16.% % 2% 4% 6% 8% 1 Formazione non conclusa, competenze acquisite in azienda Apprendistato, maturità, brevetto d'insegnamento e altre formazioni complete Università, politecnico, scuola universitaria prof. e formazione professionale superiore Fonte: Rilevazione sulla struttura dei salari 28 (Neuchâtel) (RSS Ticino), UST 8

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO 3. Legno e arredo STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA E FARMACEUTICA

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE IN TICINO 8. Industria alimentare e delle bevande STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO 13. Commercio STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA E FARMACEUTICA 3.

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL COMPARTO CHIMICO-FARMACEUTICO IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL COMPARTO CHIMICO-FARMACEUTICO IN TICINO 2. Chimica e farmaceutica STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL COMPARTO CHIMICO-FARMACEUTICO IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI DI FORMAZIONE E RICERCA IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI DI FORMAZIONE E RICERCA IN TICINO 12. Formazione e ricerca STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI DI FORMAZIONE E RICERCA IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA METALLURGICA IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA METALLURGICA IN TICINO 4. Industria metallurgica STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA METALLURGICA IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA E

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE, DEL VETRO E DELLA CERAMICA IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE, DEL VETRO E DELLA CERAMICA IN TICINO 7. Industria delle materie plastiche, del vetro e della ceramica STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE, DEL VETRO E DELLA CERAMICA IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL SETTORE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL SETTORE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE IN TICINO 9. Alberghi e ristoranti STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL SETTORE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

Statistica sulla domanda di turismo alberghiero in Ticino

Statistica sulla domanda di turismo alberghiero in Ticino Statistica sulla domanda di turismo alberghiero in Ticino Marzo - maggio 2015 Contenuti La sintesi dell Osservatorio del Turismo 3 Analisi per regioni turistiche svizzere 4 Arrivi e pernottamenti mensili

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

Risultati della rilevazione svizzera della struttura dei salari 2010. Nel 2010, salario lordo mediano pari a 5979 franchi al mese

Risultati della rilevazione svizzera della struttura dei salari 2010. Nel 2010, salario lordo mediano pari a 5979 franchi al mese Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 28.11.2011, 9:15 3 Lavoro e reddito N. 0352-1111-80 Risultati della rilevazione svizzera della struttura

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA In questa analisi vengono presi in esame i dati relativi alle comunicazioni obbligatorie pervenute al Sistema Informativo Lavoro

Dettagli

Nel 2012 i consumi finali delle economie domestiche hanno sostenuto la crescita

Nel 2012 i consumi finali delle economie domestiche hanno sostenuto la crescita Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 29.08.2013, 9:15 4 Economia N. 0352-1309-30 Conti economici nazionali della Svizzera nel 2012 Nel 2012

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nuovi indici immobiliari ticinesi CAEX e APEX

COMUNICATO STAMPA. Nuovi indici immobiliari ticinesi CAEX e APEX Nuovi indici immobiliari ticinesi CAEX e APEX La Banca dello Stato del Cantone Ticino lancia, in collaborazione con CIFI SA, due nuovi indici immobiliari ticinesi: CAEX per le case unifamiliari e APEX

Dettagli

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE 5.1 - Imprese dei settori industria e servizi Al Censimento intermedio dell Industria e dei Servizi (31 dicembre1996) sono state rilevate 3.494 imprese 1 di tipo industriale

Dettagli

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 Le previsioni occupazionali delle cooperative e delle imprese sociali nella Provincia di Bologna. Dati di consuntivo 2013 A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica

Dettagli

Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012

Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012 Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012 (Contributo DINTEC al rapporto Giornata Economia 2013) 1. Il quadro nazionale Nel periodo 1999-2012 l EPO

Dettagli

I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI PER IL 2013 Il Sistema Informativo Excelsior a supporto delle politiche del

I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI PER IL 2013 Il Sistema Informativo Excelsior a supporto delle politiche del I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI PER IL 2013 Il Sistema Informativo Excelsior a supporto delle politiche del lavoro e della formazione Conferenza stampa 23 luglio 2013

Dettagli

IL SETTORE LEGNO-MOBILE-SEDIA IN PROVINCIA DI UDINE ANALISI STATISTICA. (aggiornamento maggio 2015)

IL SETTORE LEGNO-MOBILE-SEDIA IN PROVINCIA DI UDINE ANALISI STATISTICA. (aggiornamento maggio 2015) IL SETTORE LEGNO-MOBILE-SEDIA IN PROVINCIA DI UDINE ANALISI STATISTICA (aggiornamento maggio 2015) Il Sistema Legno-Mobile Sedia costituisce uno degli assi portanti del manifatturiero in Provincia di Udine

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI RISULTATI GENERALI Nel secondo trimestre del 2003 è continuato il trend negativo per domanda e occupazione. Il fatturato è rimasto sui livelli precedentemente raggiunti.

Dettagli

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO L indagine sugli esiti occupazionali dei corsi di formazione ha preso in considerazione i corsi Nof del biennio 2002/2003 e i post-diploma del 2003, analizzando

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO

A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO A.4.1 Le unità locali Le unità locali presenti sul territorio della provincia di Ferrara, al Censimento dell Industria e dei Servizi 2001, erano 32.101, in aumento, rispetto al

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Sistema Informativo Excelsior

Sistema Informativo Excelsior Sistema Informativo Excelsior Sintesi dei principali risultati - 2011 SOMMARIO TAVOLE STATISTICHE Appendice 1 Corrispondenza tra la classificazione di attività economica ATECO 2007 e i settori EXCELSIOR

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA RISULTATI GENERALI L andamento dell Industria di Roma e Provincia nel quarto trimestre del 2002 è risultato sostanzialmente negativo. Con riferimento al Comune, i

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia La farmaceutica è un patrimonio manifatturiero che il Paese non può perdere La farmaceutica e il suo indotto 174 fabbriche 62.300 addetti

Dettagli

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area Impruneta, 20 ottobre 2012 Riccardo Perugi Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Indice dei contenuti 1. Una

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

E ELLE - INDICATORI STATISTICI DELL'ECONOMIA e DEL LAVORO COMMERCIO E SERVIZI

E ELLE - INDICATORI STATISTICI DELL'ECONOMIA e DEL LAVORO COMMERCIO E SERVIZI Sono 37.086 le imprese della provincia di Modena che svolgono un attività nel settore terziario, che si occupano quindi di commercio o di servizi rivolti alle imprese e alle famiglie; tale numero è in

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI 1 trimestre 201 Allegato Statistico Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica Maggio 201 1. Gli indicatori congiunturali Nel primo trimestre 201 le imprese

Dettagli

Flash Industria 3.2011

Flash Industria 3.2011 08 novembre 2011 Flash Industria 3.2011 Nel terzo trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una crescita del +2,0 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

La struttura economica romana

La struttura economica romana Capitolo 1 La struttura economica romana 15 LA STRUTTURA ECONOMICA ROMANA Il sistema produttivo 1 La struttura del sistema produttivo romano 1.1 La situazione nel 2001 In Italia secondo i dati dell archivio

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano FocusReport3 agosto 2014 KIBS: il percorso della conoscenza Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL Secondo i dati forniti dall Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

Crescita delle cifre d affari dell 1 per cento in termini reali

Crescita delle cifre d affari dell 1 per cento in termini reali Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 16.09.2009, 9:15 6 Industria e servizi N. 0352-0909-80 Cifre d affari del commercio al dettaglio nel

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007

TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007 TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007 (fonte: Camera di Commercio di Torino) 1 ANDAMENTO PRODUZIONE INDUSTRIALE La produzione industriale torinese nel 2 trimestre del 2007 ha avuto un tasso di crescita del

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno.

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SETTIMO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 214 CON 46.5 AZIENDE ANALIZZATE protagonisti della ripresa: già nel biennio 213-14

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

Gli adulti all università

Gli adulti all università 13. Gli adulti all università La riforma universitaria ha allargato soprattutto nei primi anni di applicazione - la presenza degli studenti universitari immatricolati dopo i 19 anni. I laureati immatricolati

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario 2.1 Il terziario a Roma: dimensioni e tendenze evolutive 2.2 Caratteristiche della realtà romana 2.3 Le attività del terziario nel comune di Roma:

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

Maturità professionale

Maturità professionale situazione gennaio 2010 telefono fax e-mail internet Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della formazione professionale via Vergiò 18 cp 367

Dettagli

8. Dati finanziari e bancari

8. Dati finanziari e bancari 8. Dati finanziari e bancari Roma rappresenta dopo Milano il principale Centro finanziario del Paese con 46 Istituti creditizi, 1.988 sportelli bancari, 91 miliardi di euro depositati in banca (pari al

Dettagli

Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI

Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI Indirizzo: MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA Opzioni: Manutenzione mezzi di trasporto Apparati, impianti e servizi tecnici, industriali e civili QUALIFICHE OPERATORE

Dettagli

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento 26 marzo 2013 IL SETTORE DELLE COSTRUZIONI in provincia di Trento il contesto economico Nel 2012 l area dell euro è nuovamente in recessione, con una riduzione del Pil pari allo 0,6%; si stima che permanga

Dettagli

I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO L ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO:-1%

I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO L ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO:-1% Venezia, 26 dicembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale Unioncamere del Veneto sulle imprese del commercio e dei servizi III trimestre 2008 I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014 Comunicato stampa Inchiesta congiunturale 2013/2014 Sensibile miglioramento nel 2013 per le aziende ticinesi dopo le difficoltà degli ultimi anni. Previsioni sostanzialmente positive anche per il 2014,

Dettagli

Il personale occupato nel settore bancario ticinese: un indagine dell ABT

Il personale occupato nel settore bancario ticinese: un indagine dell ABT Il personale occupato nel settore bancario ticinese: un indagine dell ABT Franco Citterio, Associazione Bancaria Ticinese L Associazione Bancaria Ticinese (ABT) effettua ogni anno un indagine volta a radiografare

Dettagli

Principali risultati del «Microcensimento mobilità e trasporti 2010» Ufficio federale di statistica UST

Principali risultati del «Microcensimento mobilità e trasporti 2010» Ufficio federale di statistica UST 11 Mobilità e trasporti 901-1000 Mobilità in Svizzera Principali risultati del «Microcensimento mobilità e trasporti 2010» Ufficio federale di statistica UST Ufficio federale dello sviluppo territoriale

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

PROPERti MARKET study

PROPERti MARKET study ricerca di mercato immobiliare PROPERti MARKET study 2013 Luganese Locarnese Bellinzonese Mendrisiotto INDICE Il Ticino economico 10 I crediti ipotecari 18 Il Ticino immobiliare 24 Come trasformare un

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Quarterly Report Q4/212 Q4/212 Dopo diversi trimestri di crescita, il mercato del lavoro svizzero nel quarto trimestre 212 ha registrato una chiara tendenza negativa. Ciò

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

OSSERVATORIO ECONOMICO

OSSERVATORIO ECONOMICO Nell ultimo trimestre del 2013 gli indicatori di produzione (-5,8%), fatturato (-5,1%), ordinativi (-7,3%) e export (-0,4%) si riportano a valori sostanzialmente simili a quelli del secondo trimestre,

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Turismo alberghiero in Ticino RAPPORTO TREND ANNO TURISTICO 2014. O-Tur. Anno: III Numero: IX Autori: Igor Sarman Andrea Pellegrini Stefano Scagnolari

Turismo alberghiero in Ticino RAPPORTO TREND ANNO TURISTICO 2014. O-Tur. Anno: III Numero: IX Autori: Igor Sarman Andrea Pellegrini Stefano Scagnolari 06.05.2015 Anno: III Numero: IX Autori: Igor Sarman Andrea Pellegrini Stefano Scagnolari Turismo alberghiero in Ticino RAPPORTO TREND ANNO TURISTICO 2014 O-Tur Via Maderno, 24 -CP4361 CH-6904 Lugano www.otur.usi.ch

Dettagli

Un approccio sistemico al distretto ticinese di servizi finanziari

Un approccio sistemico al distretto ticinese di servizi finanziari Banche: struttura ed evoluzione Un approccio sistemico al distretto ticinese di servizi finanziari foto Ti-Press / Davide Agosta René Chopard, Centro di Studi Bancari Alcuni elementi introduttivi Metodologia,

Dettagli

a cura del Centro Studi primo semestre 2013

a cura del Centro Studi primo semestre 2013 a cura del Centro Studi primo semestre 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA

Dettagli

ANDAMENTO DEGLI ORDINI Primo trimestre 2016

ANDAMENTO DEGLI ORDINI Primo trimestre 2016 ANDAMENTO DEGLI ORDINI Primo trimestre 216 Il primo trimestre 216 evidenzia segnali confortanti sia sul mercato domestico che su quello estero. L industria italiana delle tecnologie per la lavorazione

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

AVVIAMENTI ISCRITTI IN MOBILITA' immutate le proprie caratteristiche: prevalenza della. trentenni iscritti (30,56%),

AVVIAMENTI ISCRITTI IN MOBILITA' immutate le proprie caratteristiche: prevalenza della. trentenni iscritti (30,56%), Marzo 2009 I flussi delle iscrizioni: Ancora in crescita il numero di coloro che si rivolgono ai tre centri per l impiego in cerca di occupazione. Lo stock di fine mese si attesta a 15.322 unità in crescita

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

una (potenziale) realtà

una (potenziale) realtà Analisi IL DISTRETTO TICINESE DI SERVIZI FINANZIARI una (potenziale) realtà René Chopard Centro di Studi Bancari 75 Non potevamo mancare al consueto appuntamento di settembre con dati, statistiche e società

Dettagli

Disoccupati registrati (+368, +5.2%)

Disoccupati registrati (+368, +5.2%) Disoccupati registrati (+368, +5.2%) Persone in cerca di impiego registrate (+319, +3.0%) Tasso di disoccupazione (+0.2 punti percentuali) Documentazione per la stampa della Sezione del lavoro / 9 gennaio

Dettagli

1. Ragioneria Indirizzo tradizionale, amministrativo e mercantile

1. Ragioneria Indirizzo tradizionale, amministrativo e mercantile 1. Ragioneria Indirizzo tradizionale, amministrativo e mercantile Fanno parte di questo gruppo i seguenti titoli: Ragioniere Ragioniere, indirizzo amministrativo- Aziende che assumono I settori coinvolti

Dettagli

CAPITOLO III. Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco

CAPITOLO III. Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco CAPITOLO III Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco RICERCA E SVILUPPO NEL SETTORE DEL FARMACO Dati ed evoluzione temporale Nel 2009 le imprese del farmaco hanno investito in Ricerca e Sviluppo 1.220

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

Area Ricerca Formaper. Legge 1/99 anno 2002 interventi a favore della nascita di lavoro autonomo e imprese a Milano e provincia

Area Ricerca Formaper. Legge 1/99 anno 2002 interventi a favore della nascita di lavoro autonomo e imprese a Milano e provincia Area Ricerca Formaper Legge 1/99 anno 2002 interventi a favore della nascita di lavoro autonomo e imprese a Milano e provincia Rapporto n 2.3 Giugno 2003 Il rapporto è stato realizzato dall Area Ricerca

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG87U ATTIVITÀ 74.14.1 - CONSULENZE FINANZIARIE ATTIVITÀ 74.14.4 - ATTIVITÀ DEGLI AMMINISTRATORI DI SOCIETÀ

STUDIO DI SETTORE SG87U ATTIVITÀ 74.14.1 - CONSULENZE FINANZIARIE ATTIVITÀ 74.14.4 - ATTIVITÀ DEGLI AMMINISTRATORI DI SOCIETÀ STUDIO DI SETTORE SG87U ATTIVITÀ 74.14.1 - CONSULENZE FINANZIARIE ATTIVITÀ 74.14.4 - ATTIVITÀ DEGLI AMMINISTRATORI DI SOCIETÀ ED ENTI, CONSULENZA AMMINISTRATIVO-GESTIONALE E PIANIFICAZIONE AZIENDALE ATTIVITÀ

Dettagli

DOMANDA DI LAVORO E RETRIBUZIONI NELLE IMPRESE ITALIANE RAPPORTO 2010

DOMANDA DI LAVORO E RETRIBUZIONI NELLE IMPRESE ITALIANE RAPPORTO 2010 DOMANDA DI LAVORO E RETRIBUZIONI NELLE IMPRESE ITALIANE RAPPORTO 2010 I fabbisogni professionali e le strategie imprenditoriali per agganciare la ripresa Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Milano,

Dettagli

Studenti e Lavoro Provincia di Lecco

Studenti e Lavoro Provincia di Lecco Studenti e Lavoro Provincia di Lecco Luglio 2010 - Settembre 2012 Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Lecco Rapporto a cura di: Centro di Ricerca Interuniversitario per i Servizi di

Dettagli

Lo scenario energetico in Italia

Lo scenario energetico in Italia Lo scenario energetico in Italia Il Bilancio Energetico Nazionale Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica annualmente il Bilancio Energetico Nazionale (BEN) del nostro Paese. Questo ci dà l opportunità

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli