ESEMPI DI APPLICAZIONI DELLE CALCOLATRICI NELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESEMPI DI APPLICAZIONI DELLE CALCOLATRICI NELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA"

Transcript

1 ESEMPI DI APPLICAZIONI DELLE CALCOLATRICI NELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA a cura di Aurelia Orlandoni, Ercole Castagnola, Sebastiano Cappuccio

2 2

3 INDICE Introduzione pag Linguaggi algebrici pag Introduzione ai numeri reali pag Polinomi pag Introduzione alle disequazioni pag Piano cartesiano pag Rette nel piano cartesiano pag Equazioni pag Funzioni pag Grafici di funzioni e trasformazioni elementari pag Problemi e modelli pag Fasci di parabole pag Una proprietà delle cubiche pag Due problemi di geometria pag Le equazioni di un orsetto pag Introduzione alle successioni pag Distribuzione delle frequenze pag Dalla statistica alla probabilità pag Regressione e correlazione pag Per approfondire pag

4 4

5 INTRODUZIONE In questo fascicolo sono presentate solo alcune tra le innumerevoli applicazioni in classe possibili con una calcolatrice grafica e simbolica; in particolare vengono mostrate quelle nelle quali il rapporto qualità/ prezzo (cioè tra l importanza concettuale e le necessarie conoscenze dello strumento) è particolarmente alto e quindi sono alla portata anche di chi non ha molta esperienza nell uso delle calcolatrici. Ciascuna applicazione è preceduta da una scheda simile alla seguente: TITOLO: ARGOMENTO E CLASSE: POSSIBILITÀ D USO: COMMENTI: RIFERIMEN- TO Vengono citati esempi di articoli o lavori vari sull argomento. DIFFICOL- TÀ * facilissimo ** facile *** medio **** difficile Il grado di difficoltà fa riferimento alle necessarie conoscenze dello strumento utilizzato STRUMENTO CNG (calcolatrice numerica e grafica) CGS (calcolatrice grafica e simbolica) CAS (sistema di elaborazione simbolica, sia su computer che su calcolatrice) FE (foglio elettronico) GD (geometria dinamica) LP (linguaggio di programmazione, sia su computer che su calcolatrice) 5

6 Le indicazioni su ARGOMENTO E CLASSE fanno di norma riferimento alla bozza dei Nuovi Programmi di Matematica elaborata dalla UMI-CCIM come appare in Matematica 2003, Attività didattiche e prove di verifica per un nuovo curricolo di Matematica. In molti casi viene riportato come esempio un brano di un lavoro ritenuto particolarmente significativo. La maggior parte di questi esempi sono tratti dal CD di ADT 2004, ed. Ghisetti e Corvi. NOTA: Molti dei lavori qui pubblicati fanno riferimento alla calcolatrice TI-92. Le stesse attività possono essere eseguite anche con le equivalenti calcolatrici TI- 89, TI-89 Titanium e Voyage

7 LINGUAGGI ALGEBRICI ARGOMENTO E CLASSE Numeri e algoritmi; uso consapevole delle parentesi. Primo biennio. POSSIBILITÀ D USO Digitazione di espressioni numeriche (CNG) e letterali (CGS). Traduzione di espressioni numeriche e letterali dal normale linguaggio algebrico alla forma lineare e viceversa. COMMENTI Un certo addestramento alla digitazione di espressioni (numeriche o letterali) sulla calcolatrice o al computer (CAS) può essere molto utile allo studente, non solo come abilità di base per successive applicazioni, ma anche e soprattutto come spunto di riflessione su alcuni importante aspetti dell algebra di base. RIFERIMENTO /documen/italia/libr o_b/ticap03.pdf DIFFICOLTÀ * STRUMENTO CNG CGS CAS Chiunque operi con una tastiera, sia essa di calcolatrice o di computer, sa bene che non sempre è facile riprodurre espressioni aritmetiche o algebriche perché il tradizionale linguaggio algebrico usa (ad esempio nelle frazioni o nell elevamento a potenza) scritture su più livelli non facilmente riproducibili con la tastiera. Ciò costringe nella digitazione a operare con un linguaggio algebrico almeno in parte diverso da quello usuale: il formato lineare. Il formato algebrico lineare Il dover digitare espressioni in forma lineare costringe a inserire parentesi anche quando, nel linguaggio algebrico tradizionale, vengono omesse perché non necessarie. Ciò costringe a riflettere sulla priorità delle operazioni e sull uso delle parentesi. Lo studente ha così la possibilità di operare con almeno tre diversi formalismi algebrici: tradizionale lineare 7

8 grafi ad albero Il passaggio dall uno all altro formalismo consente così una più approfondita comprensione e una maggiore consapevolezza della struttura di una espressione. È importante in questo processo di traduzione il fatto che i CAS e le calcolatrici grafico-simboliche fanno rivedere nel formato tradizionale ciò che si è scritto, offrendo la possibilità di controllare la correttezza della digitazione. Nella tabella che segue vediamo a titolo di esempio alcune e- spressioni scritte usando la notazione lineare, quella tradizionale e il corrispondente grafo ad albero: (5+7)/(4 2) / / (5+7)/ /(4 2) / / /

9 L operazione di elevamento a potenza Anche l operazione di elevamento a potenza nel formato tradizionale non può essere riprodotta con una tastiera: è stato così introdotto un esplicito simbolo (di norma l accento circonflesso ^) per indicare questa operazione. Così, ad esempio, 3 2 deve essere digitato come 3^2. Può sembrare banale, ma il dover utilizzare una struttura del tipo operando operatore operando, simile a quella delle altre operazioni, fa sì che lo studente percepisca meglio il concetto di potenza come operatore e le sue proprietà (o non-proprietà, come la commutativa e la associativa). I diversi significati del segno meno In ogni tipo di linguaggio non formale (come invece sono ad e- sempio i linguaggi di programmazione) una parola ha spesso significati assai diversi. Di solito ciò non trae in inganno chi lo usa, perché egli ne sa interpretare correttamente il significato in base al contesto 1 ; ciò talvolta avviene anche in matematica, ad esempio a proposito della parola meno. Una delle principali difficoltà nell algebra e- lementare è data dalla gestione del segno meno ; questo disagio, da parte di molti studenti, dipende spesso dall ambiguità di fondo di questo simbolismo matematico. Lo stesso simbolo viene infatti utilizzato con due diversi significati: quello operativo (o di operatore binario) quando indica l operazione di sottrazione tra due numeri quello predicativo (o di operatore unario) quando indica l opposto di un numero. Nelle calcolatrici sono presenti due diversi tasti per indicare i due significati del meno : - e (-). Ciò non può che chiarire meglio questa duplice natura del simbolo e costringere così lo studente a prenderne concretamente coscienza riducendo gli errori di segno che spesso non sono dovuti a distrazione, ma a una scarsa comprensione dei significati del simbolo. 1 Ad esempio: Nella minestra c è poco sale, Le sale del palazzo ospitano una grande festa, Il prezzo del petrolio sale : la parola sale, pur con significati e ruoli sintattici assai diversi, non crea ambiguità grazie al contesto. 9

10 INTRODUZIONE AI NUMERI REALI ARGOMENTO E CLASSE Numeri reali come numeri decimali. Classe prima: POSSIBILITÀ D USO Individuazione del valore approssimato di numeri reali (ad esempio radicali quadratici) per tentativi, o, meglio, per approssimazioni successive. COMMENTI Anche questo argomento favorisce la percezione numerica, spesso distratta dai formalismi algebrici, in particolare nel calcolo con i radicali. Nel documento di riferimento viene presentato l algoritmo delle scatole cinesi. RIFERIMENTO /documen/italia/labcl ass/dfoa02.pdf DIFFICO LTÀ * STRUMENTO CNG CGS CAS Scatole cinesi (Donata Foà) Si comincia quasi sempre dalla radice di 2 e si introduce l'algoritmo che permette di approssimarla con la precisione voluta; è abbastanza scomodo ripercorrere questo cammino a mano o con una macchina calcolatrice che dia solo i numeri, è facile perdersi nei numeri decimali e non vedere bene il procedimento. Proviamo ad usare le liste con il comando seq (sequence). Visto che 2 è compreso fra 1 e 2 si suddivide l'intervallo in dieci parti con il comando seq che costruisce una sequenza di numeri da un minimo a un massimo secondo una funzione assegnata, nel nostro caso 1 + k/10 con k che varia da 0 a 9. seq(1+k/10,k,0,9) appare la sequenza dei decimali 1.1, 1.2, se non appare così occorre andare a modificare il tipo di numero da exact a approximate (per fare questo battere il tasto Mode e andare fino in fondo). 10

11 Una volta ottenuta la sequenza dei decimali bisogna farne il quadrato per vedere fra quali valori è compreso il 2. Si seleziona la riga di scrittura, si digita ^2 e si ottengono i quadrati; a mano si sceglie quello approssimato per difetto e si ricomincia da capo a partire da questo: l'unica differenza sta nel grado di approssimazione: seq(1.4+k/100,k,0,9) e così via fino al numero di decimali voluto. Per trovare la parte intera di una radice il comando è un po' diverso; supponiamo di avere 1398: si può partire da 30 e andare avanti. seq(k^2,k,30,40) (*il numero limitato di numeri è consigliato solo per ragioni di schermo*). È evidente che questo metodo elimina tutta la parte di calcolo e permette di ricostruire la procedura anche più volte, permette di costruire suddivisioni diverse, in due parti, in tre o in quante si vuole e quindi individuare la scatola cinese come classe di equivalenza, permette di capire quante operazioni vengono effettuate nelle diverse partizioni e qual è la più veloce, induce negli studenti l'idea di algoritmo e quindi di costruire un programma che ricalchi questo procedimento. 11

12 POLINOMI ARGOMENTO E CLASSE Polinomi in una indeterminata e, più in generale, calcolo di e- spressioni letterali. Classe Prima. POSSIBILITÀ D USO Sostituzione di un valore numerico ad una o più variabili di una e- spressione simbolica. Tabulazione del valore di una espressione al variare dei valori di una variabile. COMMENTI L applicazione, di solo apparente banalità, consente di non perdere la percezione numerica del valore di una espressione letterale. Permette anche di far comprendere come una espressione può assumere valori nulli, positivi, negativi, oppure perdere di significato a seconda del valore assegnato alla variabile, applicazione propedeutica ai concetti di equazione, disequazione e funzione. RIFERIMENTO DIFFICOLTÀ * STRUMENTO CGS CAS FE Il passaggio dal calcolo numerico a quello simbolico costituisce una importante tappa nell apprendimento dell Algebra. Questo passaggio può essere reso più graduale attraverso l uso di uno strumento di calcolo per effettuare la sostituzione di un valore ad una variabile dell espressione. La calcolatrice simbolica, con il tasto with ( ) e l ambiente table, è particolarmente adatta a questo tipo di applicazione. La stessa cosa può essere realizzata manualmente ma, a causa della pesantezza dei calcoli, ciò può far perdere di vista questa importante concettualizzazione. Il tasto with produce una assegnazione locale che sostituisce nell espressione indicata a sinistra, il valore indicato a destra della barra verticale. 12

13 Fig. 1. Nella prima linea l espressione viene semplificata automaticamente (in questo caso si tratta di una scomposizione in fratti semplici ). Nelle linee successive grazie all uso del tasto with, rappresentato da una barra verticale, l espressione vene valutata sostituendo alla variabile a rispettivamente i valori 4, 0 e 1. Fig. 2. Un CAS consente anche sostituzioni multiple con più variabili contemporaneamente. Si noti l uso del connettivo and. Ciò è molto utile per far sì che lo studente non perda il significato numerico delle espressioni letterali che deve manipolare e acquisti una visione dinamica di tali espressioni. La cosa può essere ulteriormente approfondita con l uso dell ambiente Table: dopo aver scritto una espressione simbolica nell apposito ambiente di definizione delle funzioni, i valori dell espressione possono facilmente essere tabulati facendo variare i valori della variabile x a partire da un dato valore iniziale con un passo prefissato. Sarà così facile riconoscere come per determinati valori della variabile l espressione si annulla, per altri può perdere di significato e così via (vedi anche scheda successiva). 13

14 Fig. 3. L espressione (in questo caso sarebbe ovviamente più corretto chiamarla funzione, ma a questi livelli scolari probabilmente il concetto di funzione non è ancora stato introdotto) viene definita nell apposito Editor. Fig. 4. Il valore iniziale della tabella tblstart x = 0 e il passo tbl = 1 sono i valori di default. Possono comunque essere modificati in qualsiasi istante dall utente. Fig. 5: Nell ambiente Table vengono tabulati i valori della funzione (anzi, nel nostro lessico in questo contesto, della espressione) data: nella prima colonna compaiono i valori della variabile x, nella seconda colonna i valori dell espressione corrispondenti ad essi. 14

15 INTRODUZIONE ALLE DISEQUAZIONI ARGOMENTO E CLASSE Equazioni e disequazioni di primo grado a una incognita. Primo biennio. POSSIBILITÀ D USO Tabulazione di una funzione con l ambiente Table. COMMENTI Anche un CAS (ad esempio Derive con l uso di Vector) o un foglio elettronico permettono la stessa cosa, ma in modo meno espressivo e immediato e soprattutto più complesso da realizzare. RIFERIMEN- TO DIFFICOLTÀ * con le calcolatrici grafiche e/o simboliche ** con un altro CAS ** con il foglio elettronico STRUMENTO CG CGS CAS FE Per questo argomento la tecnologia facilita un importante salto concettuale: quello dalle equazioni alle disequazioni. Spesso, paradossalmente, l aver appreso le tecniche di calcolo delle equazioni può costituire un ostacolo all apprendimento delle disequazioni: non dobbiamo scandalizzarci se uno studente, che viene lodato se scrive x = 3 come risultato dell equazione x 2 = 9, si stupisce di essere rimproverato quando scrive x > 3 come risultato della disequazione x 2 > 9: il suo disorientamento è comprensibile! Si propone quindi di calcolare il valore di una espressione in una data variabile (che potremmo chiamare ad esempio x) al variare di tale x. Non è neppure necessario aver già introdotto il concetto di funzione, anzi, tutto ciò può anche essere propedeutico a tale argomento. Viene poi posto il problema di studiare il segno di una espressione, inteso come individuazione dei valori della variabile che danno origine a un valore positivo, negativo, nullo o che non possono generare alcun valore. Gli aspetti relazionali e funzionali di tale argomento potranno poi essere approfonditi in un secondo momento. x 2 Vediamo ad esempio l espressione: x 5 15

16 Lo studente potrà così vedere come il valore assunto dall espressione si modifica al mutare del valore assegnato alla variabile: la calcolatrice gli offre un modello dinamico che sostituisce la visione statica usata fino ad allora in Algebra. Saranno poi possibili esplorazioni dirette scorrendo la tabella dei valori o modificando il passo di variazione della variabile. Da queste esplorazioni sorgeranno poi spontaneamente i limiti di tale modo di agire: ad esempio la difficoltà che talora si presenta nell individuare gli zeri (si pensi alla tabulazione dell espressione 5x 2 1 nella prima figura sotto) o i valori in corrispondenza dei quali l espressione (7x 8)/(6x 7) (nella seconda figura sotto) assume valori negativi. In questo esempio sarà necessario adottare una rete a maglie più strette per individuare la presenza dell intervallo desiderato, mentre nel precedente, a causa della natura degli zeri, la nostra rete a maglie necessariamente razionali riesce a circoscriverli ma non a individuarli. Si presenta così la necessità di un procedimento esatto che permetterà di studiare il segno di una espressione e si potranno quindi introdurre il concetto di disequazione e le relative tecniche di calcolo per la ricerca degli eventuali valori della variabile che forniscono un risultato, ad esempio, positivo. 16

17 PIANO CARTESIANO ARGOMENTO E CLASSE Il piano cartesiano: il metodo delle coordinate. Classe Seconda, Terza. POSSIBILITÀ D USO Costruzione di una libreria di funzioni e loro uso nella risoluzione di problemi. Ad esempio: DIST(xa,ya,xb,yb), per calcolare la distanza tra due punti, PMED(xa,ya,xb,yb) per determinare le coordinate del punto medio di un segmento.. COMMENTI In questo caso si propone la costruzione di una libreria di funzioni nell ambito della geometria analitica, ma se ne potrebbero realizzare altre, ad esempio in trigonometria relativamente alla risoluzione dei triangoli, o in analisi per la determinazione delle rette tangente e normale al grafico di una funzione ecc. RIFERIMENTO V. scheda successiva DIFFICOLTÀ ** STRUMENTO CGS CAS Non scenderemo in dettaglio in questa sede, rimandando alla lunga lista di riferimenti elencato nella scheda successiva. Ci limiteremo a far osservare che le funzioni qui proposte sono estremamente semplici, tanto da non richiedere l uso del linguaggio di programmazione, ma una semplice assegnazione con il tasto STO nell ambiente di calcolo. Ad esempio per definire la funzione DIST basterà digitare: ((xa-xb)^2+(ya-yb)^2) STO DIST(xa,ya,xb,yb) Il principio ispiratore di questo tipo di attività è concentrare l attenzione dello studente sul metodo risolutivo del problema proposto utilizzando gli strumenti che ha a disposizione. Particolarmente significativo è il ruolo dello studente che non si limita ad applicare formule precostituite (questo lavoro è demandato alla macchina) ma si fa attore del proprio apprendimento e costruttore del proprio sapere. Interessante è anche la fase di verifica della correttezza delle formule implementate nella libreria, fase che viene demandata allo 17

18 studente, la ricerca e il riconoscimento di situazioni estreme e l interpretazione dei risultati forniti dalla macchina in questi casi. Ecco alcuni esempi di problemi: riconoscimento dell allineamento di tre punti A, B, C se AC = AB+BC (e B compreso fra A e C), riconoscimento di triangoli rettangoli, dati i vertici, se i lati verificano la relazione pitagorica, riconoscimento di quadrilateri particolari (ad es. parallelogrammi, rombi, rettangoli) dati i vertici e usando le note proprietà (ad es. diagonali con il medesimo punto medio), Da non trascurare anche la possibilità di dare compiti con dati tutti diversi tra uno studente e l altro: poiché le difficoltà di calcolo perdono drasticamente di importanza, non esistono più calcoli facili o difficili né risultati belli o brutti : l unica cosa importante è la correttezza del metodo risolutivo. Si noti infine anche la possibilità di definire le funzioni fornendo come argomenti delle funzioni le coordinate dei punti interessati (come qui sopra suggerito) oppure di utilizzare, se lo si desidera, strutture di dati più complesse come le liste o i vettori, individuando così i punti attraverso un loro identificatore. 18

19 RETTE NEL PIANO CARTESIANO ARGOMENTO E CLASSE Il piano cartesiano: il metodo delle coordinate. Classe Terza POSSIBILITÀ D USO Prosegue la costruzione della libreria di funzioni e loro uso nella risoluzione di problemi. COMMENTI Ancora una volta la libreria di funzioni sarà usata come cassetta degli attrezzi per la risoluzione di problemi di maggiore complessità. La creazione e l uso sistematico di una libreria di funzioni, oltre ad essere di per sé un utile esercizio, stimola l abitudine alla generalizzazione, favorisce la divisione di problemi in sottoproblemi, consente di risolvere con pochissimi calcoli manuali e in breve tempo problemi anche di notevole complessità, ponendo l accento soprattutto sul metodo risolutivo. RIFERIMENTO /documen/italia/labclass/ GRAVE02.PDF /documen/italia/labclass/ MCHIM01.PDF /documen/italia/labclass/ NNOLL02.PDF DIFFICOLTÀ ** STRUMENTO CGS CAS Alcuni esempi: RETTA(xa,ya,xb,yb) per determinare l equazione della retta passante per due punti. DPR(xa,ya,a,b,c) per calcolare la distanza tra un punto e una retta PARALL(punto, retta) per determinare l equazione della retta passante per un punto dato e parallela a una retta data PERPEN(punto, retta) per determinare l equazione della retta passante per un punto dato e perpendicolare a una retta data... 19

20 Si noti che queste implementazioni delle formule di geometria analitica possono essere utilizzate a loro volta come macro per costruirne delle nuove. Ad esempio potrà essere così definita la funzione che, date le coordinate di due punti, determina l equazione dell asse del segmento di cui essi sono estremi come luogo di punti equidistanti dagli estremi stessi: solve(dist(xa,ya,x,y)=dist(xb,yb,x,y),y) STO ASSE(xa,ya,xb,yb) Vale quanto già detto nella scheda precedente riguardo al riconoscimento di situazioni estreme e all interpretazione dei risultati forniti dalla macchina. Ad esempio, nel caso in cui la retta sia parallela all asse delle ordinate, la nota formula che viene applicata in RETTA(xa,ya,xb,yb) è ovviamente inefficace; ma in tali casi lo studente potrà (anzi, dovrà) riconoscere la situazione, saper motivare il mancato funzionamento del suo attrezzo e arrivare manualmente al risultato desiderato. Si noti che queste funzioni sono definite direttamente nell ambiente Home senza passare attraverso l ambiente di programmazione e che, fatto non irrilevante, per definirle sono state usate altre funzioni definite in precedenza: la costruzione di attrezzi più semplici ci permette la costruzione di attrezzi via via sempre più complessi. Se si desidera dare un maggiore risalto agli aspetti algoritmici, u- tilizzando il linguaggio di programmazione e le strutture di controllo in esso disponibili, possono essere definite funzioni più sofisticate, che tengano conto delle varie situazioni particolari che possono presentarsi. Nei documenti in riferimento vengono presentate librerie di questo tipo. 20

21 EQUAZIONI ARGOMENTO E CLASSE Equazioni e sistemi di equazioni. Primo Biennio Secondo Biennio POSSIBILITÀ D USO Risoluzione di equazioni e sistemi. COMMENTI Viene qui di seguito riportato un documento elaborato, come altri presenti in questo fascicolo, nell ambito del progetto Labclass. Si tratta di uno sguardo di assieme sulle possibilità offerta dalle calcolatrici simboliche nella risoluzione di equazioni. RIFERIMENTO /documen/italia/labclass/ dfoa02.pdf DIFFICOLTÀ ** STRUMENTO CGS CAS Il comando Solve (Donata Foà) Questo è il comando più importante perché permette di risolvere equazioni, disequazioni di primo grado, in maniera esatta o approssimata secondo le situazioni. La sintassi è la seguente: solve(equazione/disequazione,variabile) E necessario indicare rispetto a quale variabile si vuol risolvere. Questo è un passaggio fondamentale per gli studenti che si abituano a considerare le variabili tutte come potenziali incognite, senza privilegi impliciti: Digitare solve(a*x=b,x) solve(a*x=b,a) solve(a*x=b,b) La macchina non sa fare la discussione delle equazioni e non pone vincoli, si limita a dire se l'uguaglianza è vera o falsa quando i vincoli li mettiamo noi. Per esempio solve(a*x=b,x) dà come risultato b/a a meno che non si ponga noi la condizione a = 0. 21

22 In questo caso occorre utilizzare il comando with ([2 nd ] k) e scrivere solve(a*x=b,x) a=0 e il risultato è "false" 2. Nel caso però di equazioni numeriche in cui la soluzione non sia accettabile come ad esempio x 1 4 dà la risposta "false" e di fronte a un'identità risponde x 3 x 3 "true" Una cosa interessante e istruttiva per gli studenti, nella soluzione di equazioni, come anche in altri contesti, è la possibilità di far lavorare la macchina passo passo, indicandole i passaggi uno ad uno senza usare il comando solve ma usando i principi di equivalenza delle equazioni. Si voglia risolvere 3x - 2 = 5-4x. Si seleziona la riga di scrittura e si digita +4x; la scritta diventa ans(1)+4x; ciò significa che si è sommato ad entrambi i membri 4x e nello schermo compare 7x - 2 = 5; sempre selezionando la riga di scrittura si digita +2; diventa 7x = 7; si digita /7 e appare x = 1. 2 Sulla voyage 200, sulla TI-92 Plus e sulla TI89 compare 0=b e non false [N.d.R. ] 22

23 Questo procedimento (operare con la stessa operazione in entrambi i membri di un'equazione) si può applicare sempre purché si sia disposti a fare o a far fare alla macchina il controllo dei risultati; Si voglia risolvere (x 2 +1) = x - 1. Selezionando la riga di scrittura si digita ^2 e si ottiene il quadrato di entrambi i membri: (x^2+1) = (x-1)^2 se non si attiva nessun controllo la soluzione che si ottiene x = 0 è falsa ma è una buona occasione per discuterne con gli studenti e porre la condizione che x sia maggiore di 1 con il comando with; la risposta diventa false. Di fronte a equazioni con più soluzioni, queste appaiono separate dal connettivo or. Ad esempio provate a risolvere l'equazione 2 x = x 2 oppure l'equazione x 2-2x+5 = 0 oppure 2x 2-4x - 3 = 0. Quanto alle disequazioni, con la stessa procedura delle equazioni si riesce a risolvere quelle di primo grado, non quelle di grado superiore. Equazioni trigonometriche, in cui le soluzioni sono infinite, del tipo: 2sin(x)cos(x) - sin(x) = 0 vengono risolte col comando solve e le soluzioni appaiono come in figura è l'equivalente di k numero intero) Alcune applicazioni effettuate nel lavoro curricolare: 1) Risoluzione di sistemi 3x 2y 1 Si voglia risolvere il sistema. 5x y 3 23

24 Si possono seguire le stesse strade che si percorrono manualmente senza fare errori di calcolo e essendo costretti a evidenziare le operazioni e quindi il processo logico; solve(5x+y=3,y): appare la funzione nella forma y = f(x). solve( 3x-2y=1 y=-5x+3,x): appare la soluzione in x. Il comando (with) significa "con la condizione assegnata" ovvero con la y uguale a quella espressa nell uguaglianza precedente; il dover specificare rispetto a quale variabile si risolve è importante e significativo. Altrimenti si può operare col metodo di riduzione moltiplicando opportunamente le due equazioni e sommandole fra loro: selezionare l espressione 5x + y = 3, moltiplicarla per 2: si ottiene u- n'equazione in cui le y hanno lo stesso coefficiente; occorre sviluppare l'espressione con il comando Expand; selezionando quest'ultima espressione e digitando ans(1)+(3x-2y=1) si ottiene la somma membro a membro in cui è scomparsa la y; non resta che dividere il risultato per 13 per ottenere la soluzione in x; per la y basta utilizzare il comando solve e risolvere una qualsiasi delle due equazioni con la condizione che x = 7/13 rispetto alla y. Per studenti un po' più grandi che hanno già sentito parlare di trasformazioni, di vettori e matrici si possono appunto usare le matrici: digitare [3, - 2;5,1] sto matrice (*la matrice del sistema*) [1;3] sto vett (*il vettore dei termini noti*) simult(matrice,vett): restituisce il risultato del sistema sotto forma di vettore [7/13; 4/13]. La virgola sposta l'elemento nella stessa riga, il punto e virgola cambia riga. 24

25 Anche senza assegnare la matrice o il vettore a delle variabili si può procedere per esteso: simult([3, - 2;5,1],[1;3]): Nella riga sopra compaiono scritte esplicitamente la matrice e il vettore (sulla sinistra) e il risultato (sulla destra). Quando si ha a che fare con una parabola passante per tre punti questa è,probabilmente, la via più conveniente. Niente vieta comunque di usare il metodo di riduzione anche in questo caso: certo è un po' più complicato, ma diventa accessibile se si usa il comando ans(n) ovvero "answer n" che richiama il risultato che sta n passi avanti: ans(1) è il risultato immediatamente precedente, ans(2) quello subito sopra e così via. Proviamo su questo caso: x y z 2 2x 3y 4z 0. x 2y 2z 3 ans(1)+ans(3) restituisce un'equazione nelle sole y e z, che ora è diventata ans(1), quindi 2*ans(4)-ans(3) dà un'equazione in y e z. 25

26 È chiaro che si può procedere così fino alla fine ed è anche chiaro che si deve esprimere a parole con chiarezza cosa si vuol fare, quale equazione si vuol modificare e perché. Non è poca cosa da pretendere dagli studenti. Se il sistema da risolvere non è di primo grado il procedimento è lo stesso; provare l'intersezione di un cerchio con una parabola opportuna; vengono espresse anche le condizioni di realtà delle radici. 26

27 FUNZIONI ARGOMENTO E CLASSE Funzioni. Secondo Biennio POSSIBILITÀ D USO Definizione e uso di funzioni. COMMENTI Una funzione può essere rappresentata secondo vari registri rappresentativi, ad esempio quello proposizionale, quello algebrico, quello grafico-cartesiano, quello tabulare e infine come macchina che, ricevuto un input, produce un output. È importante che l alunno impari a utilizzare correttamente tutti questi registri e che sappia passare con disinvoltura dall uno all altro. RIFERIMENTO /documen/italia/altro/pa cco13.ppt /documen/italia/labclass/ gserv01.pdf /documen/italia/labclass/ gserv02.pdf DIFFICOLTÀ * con le calcolatrici simboliche ** con un altro CAS ** con il foglio elettronico STRUMENTO CG CGS CAS FE Tra gli strumenti proposti la calcolatrice simbolica appare lo strumento più adatto, vista la facilità di utilizzare una stessa funzione nei vari registri e di passare dall uno all altro con la semplice pressione di un tasto: una funzione (o anche più di una contemporaneamente) può essere definita nell ambiente di calcolo Home con una semplice assegnazione, oppure nell apposito ambiente Y=Editor. Fig. 1. La definizione di una funzione nell ambiente Y=Editor. Fig. 2. La tabulazione automatica dei valori della funzione nell ambiente Table (a sinistra) e 27

28 il grafico nell ambiente Graph della funzione prima definita. Si noti la possibilità di suddividere lo schermo in due parti. Fig. 3. Le stesse operazioni (definizione di una funzione, sua tabulazione e grafico) possono essere facilmente realizzate anche con una semplice calcolatrice grafica di basso prezzo, sacrificando solo qualcosa nella risoluzione dello schermo grafico. Si noti (seconda immagine) che anche con queste calcolatrici è possibile modificare il valore iniziale e il passo di tabulazione. Fig. 3. Altri due modi di definire una funzione nell ambiente di calcolo Home di una calcolatrice simbolica. I valori della funzione possono essere poi tabulati nell ambiente Table ed è immediato ottenere una rappresentazione grafica nell ambiente Graph. Infine se la calcolatrice ha anche la possibilità di eseguire calcoli simbolici, le funzioni definite possono essere manipolate tornando nell ambiente di calcolo Home. 28

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R.

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE Prerequisiti e sviluppi universitari a cura di G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. ZAN Unione Matematica Italiana 2006 Ho continuato

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli

ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli I tasti utilizzati con Cabri Jr. [Y=] [WINDOW] [ZOOM] [TRACE] [GRAPH] [2ND] [DEL] [CLEAR] [ALPHA] [ENTER] Apre il menu File (F1).

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Relazioni + Geometria Alunno: Classe: 1 C 05.06.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Dati gli insiemi =2,3,5,7 e =2,4,6, rappresenta

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri Giovanna Mayer Nucleo: Numeri Introduzione Tematica: Si propongono attività e giochi per sviluppare in modo più consapevole la capacità di confrontare frazioni, confrontare numeri decimali e successivamente

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Esercitazioni di Excel

Esercitazioni di Excel Esercitazioni di Excel A cura dei proff. A. Khaleghi ed A. Piergiovanni. Queste esercitazioni hanno lo scopo di permettere agli studenti di familiarizzare con alcuni comandi specifici di Excel, che sono

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli