Scritto da Perziani Venerdì 04 Novembre :56 - Ultimo aggiornamento Lunedì 07 Novembre :49

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scritto da Perziani Venerdì 04 Novembre :56 - Ultimo aggiornamento Lunedì 07 Novembre :49"

Transcript

1 CONFERIMENTO/MUTAMENTO DI INCARICHI E MOBILITA SINOSSI RAGIONATA TRA CCNL E CIN di PIETRO PERZIANI (DICEMBRE 2006) 1MATERIE E LIVELLI DI CONTRATTAZIONE Il conferimento e il mutamento degli incarichi e la mobilità professionale ed interregionale sono stati normati a più riprese nel corpo del CCNL; a livello di contrattazione integrativa nazionale è stata demandata solo la definizione dei criteri per il conferimento e il mutamento degli incarichi (Art.4, comma 1, lettera e) del CCNL); siamo qui in presenza di una novità molto importante, perché nel precedente CCNL la materia era oggetto solo di informazione preventiva a livello regionale. In data è stato sottoscritto il CIN in applicazione dell articolo del CCNL sopra citato; si tratta di un testo molto snello, perché si sono volute evitare inutili ripetizioni di quanto già stabilito nel livello superiore. A livello regionale, su questa materia non è previsto alcun ulteriore passaggio, nel senso che i criteri stabiliti a livello nazionale vanno semplicemente applicati da parte dei Direttori degli USR e le OO.SS. hanno facoltà di richiedere l informazione successiva sull applicazione delle norme contrattuali; niente vieta, comunque, che si apra a tale livello un 1 / 8

2 confronto sulle modalità applicative dei criteri stabiliti a livello nazionale, nell ambito di un confronto più generale su tutte le materie attinenti il conferimento/mutamento degli incarichi e la mobilità professionale ed interregionale. 2CONFERIMENTO DELL INCARICO DIRIGENZIALE In premessa, va detto che il D.Lgs 165/2001, più volte richiamato nel testo contrattuale, a cominciare dall art.11, comma 2 del CCNL, è il riferimento normativo fondamentale per tutto quanto attiene al conferimento degli incarichi dirigenziali; tutto quanto stabilito nel CCNL e nel CIN va quindi letto alla luce del citato decreto legislativo. Per prima cosa, il CCNL stabilisce che ogni dirigente ha diritto al conferimento di un incarico, salvo non sia stato oggetto di valutazione negativa (Art.11, comma 1); questa norma potrebbe apparire addirittura pleonastica, mentre ha un importanza fondamentale: l Amministrazione non può lasciare, come avvenuto in passato, un dirigente senza incarico, dato che all espletamento dell incarico è legata la corresponsione della retribuzione di posizione e di risultato. L incarico è conferito dal direttore regionale nell ambito ( e nei limiti) della dotazione organica regionale (Art.11, comma 4, prima frase), che a sua volta è definita in rapporto al numero delle istituzioni scolastiche della regione; viene qui stabilito un rapporto diretto tra dirigente ed istituzione scolastica, per cui andrà sempre conferito un incarico di direzione di una scuola, anche se il dirigente può di fatto non esercitare tale funzione (Incarico nominale, art. 13 CCNL), in quanto può: svolgere altri incarichi, presso Enti, altre amministrazioni o presso gli uffici centrali o periferici del MIUR svolgere incarichi ispettivi 2 / 8

3 essere collocato, in applicazione di specifiche normative, in una posizione di comando, utilizzazione, esonero, collocamento fuori ruolo, con conseguente mancato svolgimento dell incarico dirigenziale. Nei casi sopra indicati, l incarico presso un istituzione scolastica si trasforma da effettivo in nominale, ma il riferimento all istituzione scolastica va sempre mantenuto, anche ai fini della determinazione dei posti vacanti da mettere a concorso; in caso di utilizzazione presso l Amministrazione centrale o periferica del MIUR, presso altri od Amministrazioni, di incarichi ispettivi e di studio, verrà conferito da parte del responsabile del relativo ufficio uno specifico incarico (Art.11, comma 4, seconda frase), che sostituisce quello di direzione di un istituzione scolastica, mentre in caso di collocamento del dirigente in posizioni di stato (esonero sindacale, utilizzazione presso associazioni, mandato politico ) che non comportino lo svolgimento della funzione dirigente, non verrà naturalmente conferito alcun ulteriore incarico oltre quello nominale. 3NATURA E CONTENUTI DELL INCARICO DIRIGENZIALE In applicazione delle modifiche del D.Lgs 165/2001 effettuate dalla Legge Frattini, l assegnazione dell incarico dirigenziale non ha più la veste di un atto bilaterale, ma si è come scisso in due parti: il conferimento dell incarico vero e proprio, che ha natura di procedimento amministrativo e che deve comunque specificare natura, oggetto, programmi ed obiettivi, tempi di attuazione, risorse disponibili, durata e trattamento economico complessivo dell incarico conferito (Art. 11, comma 3 del CCNL) il contratto individuale di lavoro, stipulato in conformità con il vigente CCNL, che accede al provvedimento di conferimento dell incarico, che deve specificare la data di inizio del rapporto, la qualifica, il trattamento economico fondamentale, la retribuzione di posizione e di risultato, le possibili cause di risoluzione del rapporto (Art. 12, comma 1). 3 / 8

4 Come si vede, ci sono anche delle sovrapposizioni tra i due atti; siamo comunque all interno della normativa generale del D.Lgs 165/2001 e della Legge Frattini. Nel citato comma 3 dell art.11 è stata però inserita una previsione che per noi ha importanza fondamentale: programmi ed obiettivi non debbono essere generici, ma debbono essere formulati in coerenza con il POF della specifica istituzione scolastica, prevedendo anche una interlocuzione tra Direttore dell USR e dirigente scolastico; non appare infatti praticamente impossibile che il Direttore dell USR conosca in profondità i POF di tutte le istituzioni scolastiche della regione e sia quindi in grado di definire in modo specifico programmi ed obiettivi di ogni dirigente scolastico. E stata così valorizzata la specificità dell istituzione scolastica autonoma e la funzione del dirigente, che deve assumere un ruolo attivo nella definizione dell incarico: per noi si tratta di un atto di collaborazione tra dirigenti, non di un imposizione. 4LE DIVERSE MODALITA DI CONFERIMENTO DELL INCARICO E L ORDINE DELLE OPERAZIONI Il conferimento dell incarico può assumere diverse modalità; il CCNL fissa con precisione l ordine da seguire nelle operazioni di conferimento (Art. 11, comma 5): 1Conferma dell incarico ricoperto; alla scadenza dell incarico, la precedenza viene assegnata alla conferma nella stessa sede; nel CIN, all art. 2, viene specificato che la conferma è disposta d ufficio, senza bisogno di alcuna domanda da parte del dirigente. 2Assegnazione di altro incarico a seguito di riorganizzazione della istituzione scolastica; può accadere che una o più istituzioni istituzione scolastica scompaiano, a seguito di una ristrutturazione; il conferimento di un nuovo incarico ai dirigenti coinvolti avviene subito dopo le conferme. In sede di CIN sono stati stabiliti i criteri, di cui parleremo in seguito. 3Conferimento di nuovo incarico alla scadenza di quello in atto ed assegnazione di sede a coloro che rientrano da incarico nominale; alla scadenza dell incarico, anziché la conferma, può essere disposto il conferimento dell incarico su altra sede, a richiesta del dirigente o per decisione del Direttore dell USR. In sede di CIN, si è stabilito che nel caso il Direttore decida, per un dirigente che aveva chiesto la conferma, il conferimento dell incarico su una sede diversa, tale decisione vada adeguatamente motivata (Art. 7, comma 1); se si trattasse infatti, di una decisione dovuta non ad esigenze di carattere organizzativo, ma a una valutazione più o 4 / 8

5 meno negativa dell operato del dirigente, il Direttore potrebbe assumere una tale decisione solo dopo aver acquisito il parere del Comitato dei Garanti, di cui parleremo in seguito. Per quanto riguarda il rientro da incarico nominale, va ricordato quanto detto nell art.13, comma 4 del CCNL: in caso di concorrenza sulla stessa sede di un dirigente con incarico effettivo e di un dirigente con incarico nominale che rientra in servizio è garantita la precedenza al dirigente che precede cronologicamente nella titolarità della stessa e, a parità cronologica dell affidamento, al dirigente che l abbia effettivamente svolto. 4Mutamento di incarico in pendenza di contratto individuale; superato il periodo di prova, si può chiedere il mutamento dell incarico in pendenza di contratto; ottenuto il mutamento, non lo si può richiedere di nuovo nei successivi due anni (Art. 17, commi 2 e 3 del CCNL). Se, ad esempio, un dirigente ha chiesto il mutamento alla fine dell a.s. 2003/04 e l ha ottenuto, deve rimanere nella sede per gli anni scolastici 2004/05 e 2005/06; potrà richiedere di nuovo il mutamento alla fine dell a.s. 2005/06 ed eventualmente ottenerlo per l a.s. 2006/07. Il mutamento dell incarico non va confuso con il conferimento di un incarico diverso a scadenza del precedente incarico, di cui al punto precedente; si ha infatti il mutamento solo in pendenza di incarico, per cui se un dirigente ottiene il conferimento di un nuovo incarico alla scadenza del precedente, può legittimamente richiedere il mutamento anche l anno seguente, dato che si tratta di due istituti giuridici diversi. 5Mutamento di incarico in casi eccezionali; è in ogni caso ammesso il mutamento di incarico in casi eccezionali, di particolare urgenza o per motivi familiari, quali malattie curabili solo nelle sedi richieste, il trasferimento del coniuge ed altri casi previsti da norme speciali (Art. 17, comma 4 del CCNL) 5 / 8

6 6Mobilità professionale; con il CCNL si è chiarito che alla mobilità professionale è riservato il 30% dei posti vacanti e disponibili di ogni settore formativo (Art.18, comma 3). I problemi derivano dal fatto che, in presenza di una procedura concorsuale non ancora espletata, i posti messi a concorso non sono disponibili, per cui a fronte di un numero di posti vacanti anche elevato, l aliquota del 30% si calcola su un numero di posti molto inferiore. 7Mobilità interregionale; come per la mobilità professionale, il CCNL ha chiarito che alla mobilità interregionale è riservato il 15% dei posti disponibili e vacanti in ogni settore formativo. 5CRITERI PER IL MUTAMENTO E IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI Come già detto, la contrattualizzazione dei criteri per il conferimento/mutamento degli incarichi è la principale novità introdotta dal CCNL in materia di conferimento dell incarico dirigenziale; non si deve naturalmente pensare ad una reintroduzione di punteggi o graduatorie: si tratta sempre di criteri, che guidano la discrezionalità del direttore dell USR (Art. 3, comma 1, lettere a e b del CIN): 1. vanno valutate le esperienze e le competenze maturate, desumibili anche dall applicazione delle procedure di cui all art. 20 del C.C.N.L.; 2. va riconosciuta un ulteriore priorità, a parità di condizioni, a chi abbia maturato nell attuale sede di servizio un maggior numero di anni e/o si impegni a permanere per almeno due incarichi consecutivi nella sede richiesta, con espressa rinuncia ad avvalersi della facoltà prevista dall art. 17 commi 2 e 3 del C.C.N.L. (mutamento di incarico in pendenza di contratto). 6 / 8

7 Per prima cosa, va valutata la professionalità del dirigente, desumibile dal suo curriculum e dalle risultanze della valutazione, una volta che questa entrerà in vigore per tutti i dirigenti; come ulteriore elemento, a parità delle altre condizioni di cui appena detto, si tiene conto della permanenza nell attuale sede di servizio e/o dell impegno a rimanere nella sede richiesta per almeno due incarichi, cioè da un minimo di sei anni ad un massimo di dieci. Un discorso a parte è stato fatto per le situazioni di ristrutturazione della rete scolastica, dato che in questo caso il dirigente è vittima di decisioni che non dipendono dalla sua volontà (Art. 4 del CIN); si è inteso perciò privilegiare il raggiungimento di un accordo tra i dirigenti interessati, a partire dalle loro preferenze, salvaguardare le posizioni economiche acquisite e valorizzare la continuità nell azione dirigenziale, mediante il riferimento al numero di classi che sono transitate dalla vecchia alla nuova istituzione scolastica. 6DISCREZIONALITA, MOTIVAZIONI, GARANZIE La previsione dell art. 7, comma 1 del CIN (obbligo da parte del Direttore dell USR di motivare il diniego in caso di mancato accoglimento delle richieste del dirigente) può apparire addirittura tautologica, dato che è a tutti noto che uno dei pilastri del nostro ordinamento consiste nell obbligo, da parte di ogni pubblico funzionario, di assumere decisioni che abbiano come motivazione il perseguimento del pubblico interesse e che, a partire dalla legge 241/90, ogni cittadino ha il diritto di conoscere le motivazioni degli atti amministrativi che lo riguardano; la discrezionalità, cioè, non va confusa con l arbitrio. Di fatto, è stata contrattualizzata una previsione legislativa, rendendola così immediatamente fruibile da parte degli interessati e vincolante per il Direttore regionale, senza possibilità ( o tentazione ) di diversa interpretazione; il dirigente scolastico, inoltre, potrà eventualmente rivolgersi al giudice del lavoro, anziché dover impugnare il provvedimento davanti al TAR. Inoltre, se la previsione del CIN appena considerata si legge insieme a quanto previsto dall art. 36 del CCNL, si capisce che il mancato accoglimento delle richieste del dirigente può essere motivato solo da ragioni in positivo, esigenze organizzative o concorrenza su una stessa sede di più dirigenti; in quest ultimo caso, il Direttore dell USR accoglierà la richiesta del dirigente che presenti il curriculum professionale più adatto alla direzione della scuola in questione, sia da più anni nella scuola precedente e, magari, si impegni a permanere nella per due mandati. Se il mancato accoglimento della richiesta dipendesse infatti da ragioni in negativo, quali una valutazione negativa dell operato del dirigente, scatterebbero le norme di garanzia per il dirigente di cui all art. 37 del CCNL,l obbligo cioè per il Direttore regionale di acquisire preventivamente il parere del Comitato dei Garanti. 7 / 8

8 8 / 8

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ufficio I

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ufficio I MIUR.AOODRPI.REGISTRO UFFICIALE(U).0004070.01-06-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Torino,1 giugno 2015 Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti e scuole di ogni ordine e grado

Dettagli

Torino, 30 giugno 2014

Torino, 30 giugno 2014 Prot. n. 5353/U/C2a Torino, 30 giugno 2014 Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti e scuole di ogni ordine e grado della regione Piemonte Ai Dirigenti e Reggenti Ambiti Territoriali Ai Direttori Generali

Dettagli

Oggetto: Dirigenti scolastici Conferimento e mutamento d incarico a.s. 2018/2019.

Oggetto: Dirigenti scolastici Conferimento e mutamento d incarico a.s. 2018/2019. Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti e scuole di ogni ordine e grado della regione Piemonte Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali e p.c. Alle

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ufficio I

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ufficio I MIUR.AOODRPI.REGISTRO UFFICIALE(U).0006340.06-06-2016 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti e scuole di ogni ordine e grado della regione Piemonte

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Q12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Ufficio IV - Dirigenti scolastici e personale della scuola. Prot.AOODRPU n.7151

Dettagli

e, p.c. Ai Dirigenti degli Uffici Ambiti Territoriali del Veneto

e, p.c. Ai Dirigenti degli Uffici Ambiti Territoriali del Veneto Venezia-Mestre, 12 giugno 2019 Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado del Veneto e, p.c. Ai Dirigenti degli Uffici Ambiti Territoriali del Veneto Ai Direttori Generali

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 19323 AOODRLA R.U. Allegati : A - Elenco sedi vacanti e/o disponibili B - Modello domanda incarico Roma, 13/6/2016 AI DIRIGENTI delle Istituzioni Scolastiche della REGIONE LAZIO AI DIRIGENTI DEGLI

Dettagli

tra la delegazione di parte pubblica trattante per la contrattazione integrativa a livello nazionale

tra la delegazione di parte pubblica trattante per la contrattazione integrativa a livello nazionale Contratto integrativo nazionale per il personale dell area V della Dirigenza scolastica in attuazione dell art. 4, comma 1, lett. e) del C.C.N.L. sottoscritto in data 11 aprile 2006 L anno 2007, il giorno

Dettagli

tra la delegazione di parte pubblica trattante per la contrattazione integrativa a livello nazionale

tra la delegazione di parte pubblica trattante per la contrattazione integrativa a livello nazionale Contratto integrativo nazionale per il personale dell area V della Dirigenza scolastica in attuazione dell art. 4, comma 1, lett. e) del C.C.N.L. sottoscritto in data 11 aprile 2006 L anno 2007, il giorno

Dettagli

Prot.AOODRPU n Bari, li 13 giugno 2016 Dirigente Silipo Giuseppe. Al sito web

Prot.AOODRPU n Bari, li 13 giugno 2016 Dirigente Silipo Giuseppe. Al sito web Prot.AOODRPU n. 9890 Bari, li 13 giugno 2016 Dirigente Silipo Giuseppe Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado della Regione Puglia Loro sedi Ai Dirigenti degli Uffici territoriali

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegati: A Elenco Istituzioni scolastiche a.s. 19-20 Regione Lazio B Modulo Domanda a.s. 19-20 titolari Regione Lazio C Modulo Domanda a.s. 19-20 mobilità interregionale in Entrata D Modulo Domanda a.s.

Dettagli

MIUR.AOODRVE.REGISTRO UFFICIALE(U)

MIUR.AOODRVE.REGISTRO UFFICIALE(U) MIUR.AOODRVE.REGISTRO UFFICIALE(U).0011115.04-06-2018 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (vedasi timbratura in alto) Venezia, (vedasi timbratura in alto) e, per conoscenza: Ai Dirigenti

Dettagli

Prot. n. AOODRCA Napoli, 16 giugno 2016

Prot. n. AOODRCA Napoli, 16 giugno 2016 Prot. n. AOODRCA. 8865 Napoli, 16 giugno 2016 Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali dell Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado

Dettagli

Prot. n. AOODRCA Napoli, 08 giugno 2015

Prot. n. AOODRCA Napoli, 08 giugno 2015 - Ufficio V Prot. n. AOODRCA. 5735 Napoli, 08 giugno 2015 Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali dell Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine

Dettagli

MIUR.AOODRSI.REGISTRO UFFICIALE(U)

MIUR.AOODRSI.REGISTRO UFFICIALE(U) MIUR.AOODRSI.REGISTRO UFFICIALE(U).0016906.19-06-2017 www.usr.sicilia.it Ufficio III Dirigenti scolastici Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche ed educative della Sicilia Ai Dirigenti scolastici in

Dettagli

FAQ MOBILITA E FASCE DI COMPLESSITA

FAQ MOBILITA E FASCE DI COMPLESSITA Dirigenti Scolastici N. 37/ 2011 11 Giugno 2011 E on line il sito web della FLC CGIL Lombardia, all indirizzo www.flccgil.lombardia.it Nel sito un ampia sezione dedicata ai DIRIGENTI SCOLASTICI, con una

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Cagliari, 01 giugno 2017 Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole di ogni ordine e grado della Regione Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali uff. V VI VII VIII della Regione Ai Direttori Regionali degli UU.SS.RR.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale Prot. n. AOODRFR Trieste, 2 luglio 2014 E-MAIL URGENTE Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche del Friuli Venezia Giulia loro sedi Ai Dirigenti degli Uffici V, VI, VII, VIII, Ambiti Territoriali per

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, Palermo - Tel. 091/

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, Palermo - Tel. 091/ Ufficio III Dirigenti scolastici Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche ed educative della Sicilia Ai Dirigenti scolastici in particolare posizione di stato della Sicilia e, p.c. Agli Ambiti Territoriali

Dettagli

MIUR.AOOUSPBL.REGISTRO UFFICIALE(I)

MIUR.AOOUSPBL.REGISTRO UFFICIALE(I) MIUR.AOOUSPBL.REGISTRO UFFICIALE(I).0005877.30-06-2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Prot n.miuraoodrve.uff.i/8290/c3a Venezia, 27 giugno 2014 Ai Dirigenti Scolastici della

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, Palermo - Tel. 091/

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, Palermo - Tel. 091/ Prot. MIUR.AOODRSI.REG.UFF.n. 11163 USC Palermo, 24/06/2016 Ufficio III Dirigenti scolastici Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche ed educative della Sicilia Ai Dirigenti scolastici in particolare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale - Ufficio I Via Lungomare 259, 88100 CATANZARO - Tel. 0961734411 Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali dell Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado della Regione

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, Palermo - Tel. 091/

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, Palermo - Tel. 091/ Prot. MIUR.AOODRSI.REG.UFF.n. 8364 USC Palermo, 18/06/2015 Ufficio III Dirigenti scolastici Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche ed educative della Sicilia Ai Dirigenti scolastici in particolari

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio I- Risorse Umane Affari Legali Via Lungomare 259-88100 CATANZARO - Tel.

Dettagli

Prot n.miuraoodrve.uff.i/ 8358/C3a Venezia,13 giugno 2013

Prot n.miuraoodrve.uff.i/ 8358/C3a Venezia,13 giugno 2013 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio I Affari generali e personale

Dettagli

1) Documentazione (sito esterno) USR Campania, 8 giugno 2015, N, 5735»

1) Documentazione (sito esterno) USR Campania, 8 giugno 2015, N, 5735» La nota dell Ufficio Scolastico Regionale per la Campania, relativa all Area V Dirigenti scolastici A.S > 1) Documentazione (sito esterno) USR Campania, 8 giugno 2015, N, 5735» MINISTERO DELL ISTRUZIONE,

Dettagli

Dirigente: Giovanni Desco Responsabile del procedimento: Angela Trovato Tel. 051/ Fax: 051/

Dirigente: Giovanni Desco Responsabile del procedimento: Angela Trovato Tel. 051/ Fax: 051/ Ai Dirigenti degli Uffici di Ambito Territoriale dell Emilia-Romagna Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado dell Emilia-Romagna Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE 1 OGGETTO MOBILITÀ VOLONTARIA E ASPETTATIVA QUESITO (posto in data 26 marzo 2013) Tempo fa avevo fatto richiesta di mobilità interregionale per trasferirmi dall azienda ospedaliera presso la quale lavoro,

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione E M A N A La seguente direttiva n. 26 del 19.2.2008, registrata alla Corte dei Conti il 28.2.2008, reg. 1 fg. 225 CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI visti gli articoli 4 e 14 del decreto legislativo

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione E M A N A La seguente direttiva n. 26 del 19.2.2008, registrata alla Corte dei Conti il 15.2.2008, reg.1 fg.156 CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI visti gli articoli 4 e 14 del decreto legislativo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale - Ufficio I Via Lungomare 259, 88100 CATANZARO - Tel. 0961734411 e p.c. Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali dell Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO REGIONALE CONCERNENTE LE UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L A.S. 2016/2017 Nel giorno 19 agosto 2016 la parte pubblica

Dettagli

Prot n. MIUROODRVE-Uff6/5550/C3a Venezia, Ai Dirigenti Scolastici della Regione Veneto Loro Sedi

Prot n. MIUROODRVE-Uff6/5550/C3a Venezia, Ai Dirigenti Scolastici della Regione Veneto Loro Sedi Prot n. MIUROODRVE-Uff6/5550/C3a Venezia, 19.5.2009 Ai Dirigenti Scolastici della Regione Veneto e, per conoscenza: Agli Uffici Scolastici Provinciali della Regione Veneto Alle Organizzazioni Sindacali

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE OGGETTO RIENTRO NELL AZIENDA DI ORIGINE QUESITO (posto in data 13 maggio 2010) Dopo un trasferimento per mobilità volontaria esterna fra due aziende diverse, è possibile chiedere di poter rientrare all

Dettagli

Mobilità Dirigenti Scolastici a. s. 2019/2020. Dati richiesti nell istanza on-line (da non utilizzare per l inoltro all USR Sicilia)

Mobilità Dirigenti Scolastici a. s. 2019/2020. Dati richiesti nell istanza on-line (da non utilizzare per l inoltro all USR Sicilia) Mobilità Dirigenti Scolastici a. s. 2019/2020 Dati richiesti nell istanza on-line (da non utilizzare per l inoltro all USR Sicilia) All'Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Ufficio III drsi@postacert.istruzione.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale UFFICIO III

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale UFFICIO III MIUR.AOODRSA.REGISTRO UFFICIALE(U).0008475.04-07-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università Cagliari, 04 luglio 2014 Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole di ogni ordine e grado della Regione Ai Dirigenti

Dettagli

Il contratto di apprendistato: in particolare

Il contratto di apprendistato: in particolare Il contratto di apprendistato: in particolare i chiarimenti del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sul parere di conformità della Commissione provinciale o dell ente bilaterale. L'apprendistato,

Dettagli

Modello di domanda per conferimento e mutamento degli incarichi dirigenziali a.s. 2016/2017 (Allegato 3 alla nota USRER prot del 06/06/2016)

Modello di domanda per conferimento e mutamento degli incarichi dirigenziali a.s. 2016/2017 (Allegato 3 alla nota USRER prot del 06/06/2016) Modello di domanda per conferimento e mutamento degli incarichi dirigenziali a.s. 216/217 (Allegato 3 alla nota USRER prot. 7345 del 6/6/216) Modulo validato in data Sezione del modulo validata in data

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. il Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche e integrazioni.

IL DIRETTORE GENERALE. il Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche e integrazioni. IL DIRETTORE GENERALE VISTO lo Statuto dell Università. VISTO il Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche e integrazioni. VISTO il CCNL del 16.10.2008. VISTA la L. 204/2010, art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MOBILITA

REGOLAMENTO PER LA MOBILITA Documento allegato come parte integrante e sostanziale alla deliberazione dell Ufficio di Presidenza n. 138 del 10 dicembre 09 REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE REGOLAMENTO PER LA MOBILITA DIREZIONE

Dettagli

CITTÀ DI ALBANO LAZIALE Provincia di Roma

CITTÀ DI ALBANO LAZIALE Provincia di Roma CITTÀ DI ALBANO LAZIALE Provincia di Roma REGOLAMENTO per la disciplina delle procedure di mobilità esterna Art. 1 (Principi generali) 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità per

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento comunale in materia di mobilità interna del personale dipendente

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento comunale in materia di mobilità interna del personale dipendente CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento comunale in materia di mobilità interna del personale dipendente Approvato con D.G.C. n. 85 del 04/03/2014 Modificato con D.G.C. n. 364 del 06/10/2014 Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione. Esaminata la Bozza Regolamento Aziendale per il Personale; sentito il Direttore;

Il Consiglio di Amministrazione. Esaminata la Bozza Regolamento Aziendale per il Personale; sentito il Direttore; AZIENDA SPECIALE MULTISERVIZI DEL COMUNE DI COLLE DI VAL D ELSA Deliberazione n 24 del 20/10/2010 Oggetto: Approvazione Regolamento Generale del Personale. Il Consiglio di Amministrazione Esaminata la

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione. Esaminata la Bozza Regolamento Aziendale per il Personale; sentito il Direttore;

Il Consiglio di Amministrazione. Esaminata la Bozza Regolamento Aziendale per il Personale; sentito il Direttore; AZIENDA SPECIALE MULTISERVIZI DEL COMUNE DI COLLE DI VAL D ELSA Deliberazione n 24 del 20/10/2010 Oggetto: Approvazione Regolamento Generale del Personale. Il Consiglio di Amministrazione Esaminata la

Dettagli

TRA. la delegazione di parte pubblica

TRA. la delegazione di parte pubblica CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE LE UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED ATA PER L ANNO SCOLASTICO 2012/13 L anno 2012, il giorno 11 del

Dettagli

Comune di Serravalle Scrivia Via Berthoud 49 - p.iva tel. 0143/ fax cap 15069

Comune di Serravalle Scrivia Via Berthoud 49 - p.iva tel. 0143/ fax cap 15069 Comune di Serravalle Scrivia Via Berthoud 49 - p.iva 00211750062 - tel. 0143/609411 - fax 61522 - cap 15069 Provincia di Alessandria *** Servizi Amministrativi *** Disciplina dei principi e dei criteri

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE E L AFFIDAMENTO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE E L AFFIDAMENTO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO REGOLAMENTO PER LA GRADUAZIONE E L AFFIDAMENTO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO AI SENSI DELL ART.10 CCNL 20/09/2001 1 Indice Funzioni di coordinamento... ART. 1 Individuazione delle Funzioni di Coordinamento

Dettagli

1. la programmazione regionale di innovazione e qualificazione del SSR è orientata verso la

1. la programmazione regionale di innovazione e qualificazione del SSR è orientata verso la Integrazione al protocollo regionale di definizione degli obiettivi e delle prime indicazioni in merito all applicazione delle disposizioni in tema di stabilizzazione del personale precario di cui al D.Lgs.

Dettagli

Dirigenti scolastici: conferimento e mutamento d incarico per l A.S. 2013/2014

Dirigenti scolastici: conferimento e mutamento d incarico per l A.S. 2013/2014 La nota del MIUR. Documentazione disponibile >>> MIUR, 7 giugno 2013, N. 5688 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ASSUNZIONI MEDIANTE MOBILITA ESTERNA

REGOLAMENTO PER LE ASSUNZIONI MEDIANTE MOBILITA ESTERNA APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.U. N. 46/2014 E MODIFICATO CON G.U. N. 5/2015 E G.U. 20/2015 REGOLAMENTO PER LE ASSUNZIONI MEDIANTE MOBILITA ESTERNA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Norme di

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA

PROVINCIA DI IMPERIA PROVINCIA DI IMPERIA ATTO N. 4 DEL 13/01/2015 IL PRESIDENTE Oggetto: Conferimento ad interim al Dott. Luigi Mattioli dell incarico di funzioni dirigenziali relative al Settore Amministrazione Finanziaria

Dettagli

N.B.: è abrogata ogni norma non coerente con il Regolamento Uffici e Servizi approvato con delibera G.P. n. 87 del 28/4/2009

N.B.: è abrogata ogni norma non coerente con il Regolamento Uffici e Servizi approvato con delibera G.P. n. 87 del 28/4/2009 REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO PER I DIRIGENTI E LE ALTE SPECIALIZZAZIONI, PER IL PERSONALE DEGLI UFFICI POSTI ALLE DIRETTE DIPENDENZE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA, PER

Dettagli

DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE REGOLAMENTO DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE 1 Art. 1 Definizione di posizione organizzativa Il presente regolamento disciplina i criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e

Dettagli

31/01/2017. Le novità introdotte nel testo dell ipotesi di contratto non firmata dalla Gilda A cura di Antonietta Toraldo

31/01/2017. Le novità introdotte nel testo dell ipotesi di contratto non firmata dalla Gilda A cura di Antonietta Toraldo 31/01/2017 Le novità introdotte nel testo dell ipotesi di contratto non firmata dalla Gilda A cura di Antonietta Toraldo La mobilità 2017-2018 opera in un unica fase per ciascun grado di scuola. Il movimento

Dettagli

Intervento di adeguamento normativo in materia di personale. Art. 1 (Modifiche all art. 5 della L.R. n. 49/2010)

Intervento di adeguamento normativo in materia di personale. Art. 1 (Modifiche all art. 5 della L.R. n. 49/2010) Intervento di adeguamento normativo in materia di personale Art. 1 (Modifiche all art. 5 della L.R. n. 49/2010) 1. L art. 5 della L.R. 17 novembre 2010, n. 49 (Interventi normativi e finanziari per l anno

Dettagli

ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004)

ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004) a) Funzioni di direzione

Dettagli

PROFESSIONE&LAVORO: dall'assunzione alla pensione. Istruzioni per l'uso della professione di medico e dirigente sanitario tra leggi e contratto.

PROFESSIONE&LAVORO: dall'assunzione alla pensione. Istruzioni per l'uso della professione di medico e dirigente sanitario tra leggi e contratto. PROFESSIONE&LAVORO: dall'assunzione alla pensione. Istruzioni per l'uso della professione di medico e dirigente sanitario tra leggi e contratto. la mobilità a cura di Esecutivo Nazionale Anaao Assomed

Dettagli

Contratto integrativo nazionale per il personale dell area V della Dirigenza scolastica relativo al periodo

Contratto integrativo nazionale per il personale dell area V della Dirigenza scolastica relativo al periodo Contratto integrativo nazionale per il personale dell area V della Dirigenza scolastica relativo al periodo 1.9.2000-31.12.2001 L anno 2002, il giorno 23 del mese di settembre, in Roma presso il Ministero

Dettagli

AVVISO. Prot. n.2605/c21 Calvisano, 29 Giugno 2017 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

AVVISO. Prot. n.2605/c21 Calvisano, 29 Giugno 2017 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO Via CERVI, 2 25012 CALVISANO Tel. 030 968015 - Fax 030 9988381 - C.F. 94007010179 e-mail: bsic84800a@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA PER IL PERSONALE DIPENDENTE DI AIPO

REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA PER IL PERSONALE DIPENDENTE DI AIPO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA PER IL PERSONALE DIPENDENTE DI AIPO Premessa L Agenzia interregionale per il fiume Po intende regolamentare le procedure relative alla cosiddetta mobilità interna del

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana REGOLAMENTO PER LA TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE 1 Regolamento per la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale Approvato con Decreto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ VOLONTARIA DEI DIPENDENTI (approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 165 del )

REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ VOLONTARIA DEI DIPENDENTI (approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 165 del ) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ VOLONTARIA DEI DIPENDENTI (approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 165 del 16.07.2009) CAPO I MOBILITÀ ESTERNA IN ENTRATA Articolo 1 Principi generali L Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME Adottato con la seguente deliberazione della Giunta Comunale: - ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti

Dettagli

Le novità introdotte nel testo dell ipotesi di contratto

Le novità introdotte nel testo dell ipotesi di contratto 31/12/2018 Le novità introdotte nel testo dell ipotesi di contratto A cura di Antonietta Toraldo Il Contratto Collettivo Nazionale Integrativo disciplina la mobilità del personale docente, educativo ed

Dettagli

Gilda degli insegnanti

Gilda degli insegnanti 31/12/2018 Le novità introdotte nel testo dell ipotesi di contratto A cura di Antonietta Toraldo Il Contratto Collettivo Nazionale Integrativo disciplina la mobilità del personale docente, educativo ed

Dettagli

Agli atti della scuola Al Sito web (home page, albo pretorio, amministrazione trasparente)

Agli atti della scuola Al Sito web (home page, albo pretorio, amministrazione trasparente) Prot. n. 1829/B1 Vignale M.to, 26/05/2017 Agli atti della scuola Al Sito web (home page, albo pretorio, amministrazione trasparente) Avviso per l'individuazione dei docenti trasferiti o assegnati all ambito

Dettagli

Vademecum sulle utilizzazioni e sulle assegnazioni provvisorie:

Vademecum sulle utilizzazioni e sulle assegnazioni provvisorie: Vademecum sulle utilizzazioni e sulle assegnazioni provvisorie: Le domande di utilizzazione e di assegnazione provvisoria del personale docente, educativo ed A.T.A. debbono essere presentate entro i termini

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 87 Del 2 Luglio 2007

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 87 Del 2 Luglio 2007 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 87 Del 2 Luglio 2007 OGGETTO: Applicazione art.1 comma 558 della Legge 27.12.2006 n.296 LA GIUNTA COMUNALE Premesso che con proprio atto n. 174 del 18.12.2006 è stato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLA MOBILITA ALL INTERNO DELL A.S.L. PERSONALE DEL COMPARTO (non dirigente) PREMESSA

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLA MOBILITA ALL INTERNO DELL A.S.L. PERSONALE DEL COMPARTO (non dirigente) PREMESSA Regione Autonoma della Sardegna - A.S.L. n. 5 - ORISTANO =================================================================== REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLA MOBILITA ALL INTERNO DELL A.S.L. PERSONALE

Dettagli

STATUTO DELL AVVOCATURA

STATUTO DELL AVVOCATURA CASA S.p.A. STATUTO DELL AVVOCATURA INDICE Premessa pag. 1 Articolo 1 - PRINCIPI DEONTOLOGICI PROFESSIONALI pag. 2 Articolo 2 PRINCIPI AZIENDALI pag. 2 Articolo 3 ISCRIZIONE ALL ALBO pag. 2 Articolo 4

Dettagli

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca MIUR.AOODRSA.REGISTRO UFFICIALE.0010780.10-08-2011 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE Ufficio I Cagliari, 10 Agosto 2011 IL

Dettagli

Mobilità 2017: domande e risposte La scheda sull'intesa siglata il 31 gennaio

Mobilità 2017: domande e risposte La scheda sull'intesa siglata il 31 gennaio 1) Documentazione (sito esterno) Fonte: UIL Scuola, Scheda, 01-02-2017» UIL Scuola 1 Febbraio 2017 Mobilità 2017: domande e risposte La scheda sull'intesa siglata il 31 gennaio Quali docenti potranno partecipare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI GUSSAGO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI GUSSAGO ISTITUTO COMPRENSIVO DI GUSSAGO Via Marcolini, 10-25064 - Gussago (Bs) Cod.Fisc.80051160176 - Tel.030/2521477 - Fax 030/2527469 www.ic gussago.gov. it e - mail: BSIC88900L@PEC.ISTRUZIONE.IT. Gussago, 21

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Ufficio del Capo di Gabinetto Via Ostiense 131/L 00154 - Roma 065756780-0657068248

Dettagli

6. Costituiscono elementi di valutazione deducibili dal curriculum o dagli atti d ufficio:

6. Costituiscono elementi di valutazione deducibili dal curriculum o dagli atti d ufficio: Allegato H ( 1 ) CRITERI PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI DELLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE A- Ambito di applicazione 1. Le disposizioni di seguito riportate definiscono, ai sensi dell articolo

Dettagli

- n del 29/05/2017 (VII.01 Organici, lavoratori socialmente utili, graduatorie)

- n del 29/05/2017 (VII.01 Organici, lavoratori socialmente utili, graduatorie) ISTITUTO COMPRENSIVO DI CANALE Viale del Pesco, 5 12043 CANALE CN Tel./Fax 0173 979115 e-mail: comprensivo.canale@gmail.com cnic82200q@pec.istruzione.it www.iccanale.gov.it Protocollo digitale Canale,

Dettagli

Regolamento per la mobilità. esterna. della PROVINCIA DI BRINDISI

Regolamento per la mobilità. esterna. della PROVINCIA DI BRINDISI ALLEGATO C Regolamento per la mobilità esterna della PROVINCIA DI BRINDISI 1 Art. 1 Principi generali 1. Il presente Regolamento riguarda i criteri e le modalità per l attuazione dei trasferimenti di personale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Direzione Generale Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 2586 del 08 marzo 2011 Ai dirigenti scolastici delle

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E AREA AMMINISTRATIVA ED ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO RISORSE UMANE N : 480/2014 del 06/12/2014 D E T E R M I N A Z I O N E OGGETTO: DR. QUIRINO VOLPE - PRESA D ATTO DIMISSIONI INCARICO ART. 110 C.1 D.LGS.

Dettagli

Area DIRIGENZA MEDICA

Area DIRIGENZA MEDICA Ferrara, 6 Marzo 2008 Area DIRIGENZA MEDICA ACCORDO DECENTRATO per la definizione della * RETRIBUZIONE di POSIZIONE * - Anno 2007 - Dipartimento Gestione Risorse Umane Ufficio Relazioni Sindacali RICHIAMATI:

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE 1 OGGETTO INCARICO DI FACENTE FUNZIONE QUESITO (posto in data 21 ottobre 2014) Ricopro da più di due anni l'incarico di direttore facente funzioni e tutto fa pensare, visto che ancora non è stato bandito

Dettagli

CITTA DI ALESSANDRIA

CITTA DI ALESSANDRIA CITTA DI ALESSANDRIA Decreto n. 75 OGGETTO: CONFERIMENTO INCARICO DI DIREZIONE AL DIRIGENTE A TEMPO INDETERMINATO DR. ANTONELLO ZACCONE IL SINDACO VISTO il decreto lgs.vo n.267/2000 Testo Unico delle leggi

Dettagli

Prot. n. AOODRCA. 4777 Napoli, 1 luglio 2014

Prot. n. AOODRCA. 4777 Napoli, 1 luglio 2014 Prot. n. AOODRCA. 4777 Napoli, 1 luglio 2014 Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali dell Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado della

Dettagli

L'anno 2004, il giorno 29 del mese di giugno, in Potenza, presso gli Uffici di Via Mazzini in Potenza, in sede di negoziazione decentrata regionale,

L'anno 2004, il giorno 29 del mese di giugno, in Potenza, presso gli Uffici di Via Mazzini in Potenza, in sede di negoziazione decentrata regionale, Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale della Basilicata Potenza Via Mazzini n. 80 - Tel. 0971/330711 Fax 0971/410381 CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO REGIONALE CONCERNENTE

Dettagli

L affidamento può essere a titolo gratuito od oneroso per i professori di I e II fascia, sarà obbligatoriamente a titolo oneroso per i ricercatori.

L affidamento può essere a titolo gratuito od oneroso per i professori di I e II fascia, sarà obbligatoriamente a titolo oneroso per i ricercatori. Dipartimento di Scienze Regolamento per il conferimento di incarichi d insegnamento e di didattica integrativa ai sensi della legge 30 dicembre 2010 n. 240 per i Corsi di Studio approvato dal Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI DIRIGENTI E DI ESPERTI AD ALTA SPECIALIZZAZIONE PROVINCIA DI PADOVA N. 4 7

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI DIRIGENTI E DI ESPERTI AD ALTA SPECIALIZZAZIONE PROVINCIA DI PADOVA N. 4 7 I R E G O L A M E N T I P R O V I N C I A L I N. 4 7 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI DIRIGENTI E DI ESPERTI AD ALTA SPECIALIZZAZIONE Approvato con D.G.P. 27.07.2009

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ESTERNI (ai sensi della normativa nazionale e comunitaria)

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ESTERNI (ai sensi della normativa nazionale e comunitaria) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ESTERNI (ai sensi della normativa nazionale e comunitaria) 2011-04-22 Art. 1 finalità del regolamento Con il presente regolamento SIPRO intende disciplinare le

Dettagli

REGOLAMENTO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA

REGOLAMENTO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA REGOLAMENTO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA ARTICOLO 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento disciplina i criteri e le modalità per l attuazione dei trasferimenti di personale, compreso quello

Dettagli

VISTO il Contratto collettivo nazionale del personale del comparto Ministeri sottoscritto il ;

VISTO il Contratto collettivo nazionale del personale del comparto Ministeri sottoscritto il ; CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DI SELEZIONE INTERNA PER IL PASSAGGIO DALL AREA B ALL AREA C DEL PERSONALE DELL ISPETTORATO CENTRALE REPRESSIONE FRODI VISTO il Contratto collettivo nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA MOBILITA INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO/AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA MOBILITA INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO/AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA MOBILITA INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO/AMMINISTRATIVO Emanato con Decreto 5 ottobre 2002, n. 4392 Entrato in vigore il 29 ottobre 2002 SERVIZIO PERSONALE TECNICO

Dettagli

Graduatoria interna d istituto Scuola dell infanzia e primaria Docenti soprannumerari

Graduatoria interna d istituto Scuola dell infanzia e primaria Docenti soprannumerari Graduatoria interna d istituto Scuola dell infanzia e primaria Docenti soprannumerari Verona, 13/2/2017 Ai sensi dell'art. 19, comma 4 e dell'art. 21, comma 3, dell ipotesi di C.C.N.I. mobilità 2017-2018

Dettagli

BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE

BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE L art. 91, comma 1, del CCNL 2006/2009, stabilisce che le Amministrazioni,

Dettagli

- n del 30/06/2017 (VII.01 Organici, lavoratori socialmente utili, graduatorie,interne) ANNO SCOLASTICO

- n del 30/06/2017 (VII.01 Organici, lavoratori socialmente utili, graduatorie,interne) ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2016-2017 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO L. ANGELINI Almenno San Bartolomeo - Barzana - Palazzago Scuola dell Infanzia - Primaria - Secondaria

Dettagli

IL RETTORE D E C R E T A

IL RETTORE D E C R E T A N. 245 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CATANIA IL RETTORE?? Vista la legge 9 maggio 1989, n.168 istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica;?? Visto lo Statuto dell Università

Dettagli

MOBILITA A.S. 2007/2008 APPROFONDIMENTI E CHIARIMENTI

MOBILITA A.S. 2007/2008 APPROFONDIMENTI E CHIARIMENTI MOBILITA A.S. 2007/2008 APPROFONDIMENTI E CHIARIMENTI IL BONUS Premessa L attribuzione di un punteggio aggiuntivo è stata introdotta dal CCNI del 2001 con la finalità di limitare la mobilità del personale

Dettagli

- n del 30/06/2017 (VII.01 Organici, lavoratori socialmente utili, graduatorie,interne) ANNO SCOLASTICO

- n del 30/06/2017 (VII.01 Organici, lavoratori socialmente utili, graduatorie,interne) ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2016-2017 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO L. ANGELINI Almenno San Bartolomeo - Barzana - Palazzago Scuola dell Infanzia - Primaria - Secondaria

Dettagli

Comune di Loro Ciuffenna Prov. Arezzo. Regolamento per la mobilità esterna

Comune di Loro Ciuffenna Prov. Arezzo. Regolamento per la mobilità esterna Comune di Loro Ciuffenna Prov. Arezzo Regolamento per la mobilità esterna Art. 1-Principi generali 1. Il presente regolamento riguarda i criteri e le modalità per l attuazione dei trasferimenti di personale

Dettagli

ACCORDO CRITERI DI SELEZIONE PER LA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE ANNO PREMESSA Quadro legislativo e contrattuale

ACCORDO CRITERI DI SELEZIONE PER LA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE ANNO PREMESSA Quadro legislativo e contrattuale ACCORDO CRITERI DI SELEZIONE PER LA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE ANNO 2016 TRA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA OSPEDALI RIUNITI UMBERTO I G.M. LANCISI G. SALESI E ORGANIZZAZIONI SINDACALI AREA

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n 4873/VII.2 DEL 24/07/2017 RETTIFICA Avviso relativo ai requisiti dei candidati, ai criteri oggettivi per l'esame comparativo degli stessi, alle formalità per la presentazione delle candidature

Dettagli