Introduzione Gli autori di questa ricerca Executive summary Le medie imprese italiane Il motore dell economia italiana...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione... 3. Gli autori di questa ricerca... 5. Executive summary... 7. Le medie imprese italiane... 8. Il motore dell economia italiana..."

Transcript

1

2 Section title

3 Indice Introduzione... 3 Gli autori di questa ricerca... 5 Executive summary... 7 Le medie imprese italiane... 8 Il motore dell economia italiana...10 Crescere nonostante tutto...12 Il cuore dell industria manifatturiera...13 Operatori globali...16 Fucina dell innovazione...18 Il Mittelstand gap...19 Le sfide specifiche delle medie imprese italiane...20 Accesso al credito...20 Gestione delle risorse umane...21 Complessità normative...21 I Leader della crescita...22 Le medie imprese italiane in prospettiva...25 Metodologia...27

4

5 Introduzione Trovare il modo per rimettere l economia italiana sulla strada della crescita rappresenta un autentica sfida per economisti, accademici, politici e semplici osservatori. È per questa ragione che ho trovato particolarmente stimolante la prospettiva di realizzare una ricerca finalizzata a individuare ed esplorare i problemi specifici con cui devono misurarsi le medie imprese italiane un segmento dell economia che è riuscito non solo a sopravvivere, ma addirittura a prosperare in un momento in cui le storie di successo appaiono più uniche che rare. Leggendo il rapporto finale salta subito all occhio la rilevanza delle medie imprese in Italia rispetto alle piccole e grandi imprese, soprattutto in termini di produttività, contributo all economia, occupazione e presenza globale. Probabilmente non è un dato che giunge nuovo, perché il successo delle medie imprese è da tempo un argomento al centro dell interesse e del dibattito dell opinione pubblica. Ma l elemento che a mio parere rende particolarmente interessante questo rapporto è che consente di comparare e confrontare le nostre medie imprese con quelle britanniche, francesi e cosa forse più significativa di tutte tedesche. Questa comparazione fra Paesi e questa analisi delle medie imprese europee oltre a consentirci di individuare le aree in cui l Italia riesce e ha una posizione di preminenza, ci fornisce un punto di riferimento per identificare quelle aree in cui siamo meno forti e possiamo imparare dagli altri Paesi europei. Ad esempio, il riconoscimento e l attenzione di cui godono le medie imprese in Germania hanno consentito al Mittelstand di evolversi fino a diventare un gruppo di aziende di élite capace di alimentare l economia tedesca. Immaginiamo quali risultati potremmo ottenere se incoraggiassimo e sostenessimo allo stesso modo le nostre medie imprese: non ho dubbi che saremmo in grado di replicare il successo della Germania. Per noi di GE Capital patrocinare la causa delle medie imprese è concretamente importante: non soltanto perché sentiamo di poter aiutare i nostri clienti che fanno di tutto per crescere perfino nell attuale contesto del dopo-crisi finanziaria, ma anche perché siamo fermamente convinti che queste imprese rappresentano la migliore speranza di una crescita dinamica e sostenibile per l Italia sul palcoscenico nazionale, europeo e globale. Paolo Braghieri CEO, GE Capital Italy 3

6 4

7 Gli autori di questa ricerca Questo rapporto è stato scritto dal professor Ashwin Malshe della ESSEC Business School in collaborazione con i professori Paolo Gubitta, Bruno Parigi e Diego Campagnolo dell Università di Padova. Professor Ashwin Malshe, ESSEC Business School Ashwin Malshe insegna alla ESSEC Business School dal Ha un dottorato in marketing, con particolare attenzione alla finanza e all econometria, conseguito presso la State University of New York di Binghamton. Le sue ricerche si concentrano in primo luogo sull analisi e la misurazione dell impatto della strategia di marketing sui risultati del settore finanziario. Tra gli altri suoi campi di interesse, i rapporti businessto-business, il finanziamento al commercio e il comportamento del consumatore. Professor Paolo Gubitta, Università di Padova Paolo Gubitta (dottorato all Università Ca Foscari di Venezia) è professore di organizzazione aziendale e imprese familiari all Università di Padova. Le sue ricerche sono focalizzate sull organizzazione delle piccole e medie imprese, l imprenditorialità e le società di servizi professionali. Professor Bruno Parigi, Università di Padova Bruno M. Parigi (dottorato alla Rutgers University) è professore di economia all Università di Padova, dove dirige il programma di economia e finanza. I suoi campi di interesse sono il settore bancario e la corporate governance. Professor Diego Campagnolo, Università di Padova Diego Campagnolo (dottorato all Università di Padova) è assistente di organizzazione aziendale all Università di Padova. Le sue ricerche sono focalizzate sull evoluzione dei modelli di business e le strategie di crescita delle piccole e medie imprese. 5

8 6

9 Executive summary Il mercato delle medie imprese rappresenta un segmento piccolo ma significativo del mondo imprenditoriale italiano, un segmento in grado, a nostro parere, di rimettere l economia italiana sui binari della crescita. Anche in questa fase di recessione le medie imprese hanno contribuito al PIL nazionale nella misura di euro per dipendente, molto di più delle grandi ( euro) e delle piccole imprese ( euro). Le medie imprese italiane evidenziano anche una maggiore solidità sul piano occupazionale: hanno creato posti di lavoro in più, mentre le grandi imprese ne hanno tagliati Questi nuovi posti di lavoro equivalgono a un contributo aggiuntivo all economia italiana di 1,12 miliardi di euro. I prodotti di alta qualità, la focalizzazione sul settore manifatturiero e la capacità di espandersi a livello internazionale e di innovare sono i fattori all origine dei successi del segmento delle medie imprese in Italia. Le medie imprese italiane del comparto manifatturiero sono riuscite a ritagliarsi una nicchia per la fabbricazione di prodotti di elevata qualità, capaci di soddisfare nel miglior modo possibile i cambiamenti nelle esigenze dei consumatori. Il risultato è che il made in Italy ormai è sinonimo di offerta di alta qualità in molti settori, fra cui tessile e abbigliamento, calzature e pelletteria, occhiali, moda, cibo, mobili e meccanica. Con un contributo al PIL pari a euro per dipendente, le medie imprese del comparto manifatturiero in Italia sono ancora più produttive delle medie imprese italiane in generale. Non solo: in 20 dei 24 sottosettori del comparto manifatturiero che abbiamo preso in esame, il contributo delle medie imprese al PIL è superiore a quello delle piccole e delle grandi imprese, un dato che attesta il predominio uniforme delle medie imprese nel settore manifatturiero. Da quando l Europa è stata colpita dalla recessione, il 27 per cento delle medie imprese italiane ha registrato un calo sui mercati nazionali nell arco degli ultimi 5 anni. Questo calo è stato compensato con un espansione sui mercati esteri, resa possibile dalla reputazione acquisita di prodotti di alta qualità. Il risultato è che il 30 per cento dei ricavi oggi è generato all esterno dell Unione Europea; e nello stesso periodo di tempo le attività delle medie imprese italiane in Cina sono cresciute del 23 per cento, diversificando il rischio legato alle fluttuazioni della domanda. Le medie imprese italiane di solito operano in settori dove le innovazioni di prodotto sono meno importanti delle innovazioni di processo, normalmente più difficili da brevettare. Eppure le imprese di questo segmento detengono il 48 per cento ( ) di tutti i brevetti detenuti dalle imprese italiane. E all interno di questi brevetti, sei su sette riguardano il comparto manifatturiero. L incessante spinta all innovazione è senza dubbio uno dei fattori di successo delle medie imprese italiane. L accesso al capitale d esercizio rappresenta un grosso problema per le medie imprese. Il capitale d esercizio è il carburante che alimenta le imprese: strategie a lungo termine come innovazione e prodotti di alta gamma necessitano di investimenti costanti, ma oltre un terzo delle imprese italiane non riesce a disporre di un capitale d esercizio sufficiente, e un terzo circa incontra serie difficoltà a ottenere linee di credito dalle banche. Un altro problema decisivo per le medie imprese è rappresentato dall impianto normativo. La politica fiscale italiana è una delle più rigide della zona euro e adempiere agli obblighi tributari può comportare costi piuttosto elevati. Molte imprese finiscono per impiegare una quota considerevole del proprio flusso di cassa in adempimenti burocratici. La difficoltà di accesso al capitale d esercizio e le complessità normative rappresentano ostacoli decisivi per la crescita economica, che le autorità italiane stanno cercando di superare. 7

10 Le medie imprese italiane Fra le quattro maggiori economie europee (Germania, Regno Unito, Francia e Italia, d ora in poi indicati come «UE-4»), l Italia è quella che in questo momento attraversa la situazione economica più grave. Il PIL nazionale secondo le previsioni subirà una contrazione intorno al 2 per cento nel 2012 e dovrebbe crescere di circa lo 0,4 per cento nel 2013, al di sotto della media dell Eurozona (1 per cento) 1. La disoccupazione, che si aggira intorno alla soglia del 10 per cento, ha raggiunto livelli mai visti nell ultimo decennio 2. Il debito pubblico supera il 123 per cento del PIL 3 e fra gli investitori crescono i dubbi sulla capacità del Governo italiano di farvi fronte. Anche il disavanzo di bilancio, del 2 per cento del PIL, rappresenta un problema serio se sommato ai miliardi di euro di debito pubblico 4. In questo contesto poco incoraggiante, abbiamo isolato ed esaminato un segmento piccolo ma significativo del mondo imprenditoriale italiano, un segmento in grado, a nostro parere, di rimettere l economia italiana sui binari della crescita: le medie imprese. L economia italiana è caratterizzata storicamente dalla predominanza della piccola impresa. Quasi il 40 per cento della forza lavoro del settore privato è impiegato in aziende che generano ricavi annui inferiori ai 2,5 milioni di euro. Per gli altri Paesi dell UE-4, questa percentuale si aggira fra il 12 e il 17 per cento. Questa relativa sovrarappresentazione delle piccole imprese nell economia italiana orienta le medie imprese verso dimensioni con minori ricavi, in una fascia fra i 5 e i 250 milioni di euro. Anche se la fascia del segmento medio delle imprese italiane è più ristretta rispetto agli altri tre Paesi dell UE-4 (per esempio in Germania le medie imprese sono comprese fra i 20 e i milioni di euro), si contano in Italia medie imprese, quasi il triplo di quelle esistenti nel Regno Unito e in Germania e il 70 per cento in più della Francia. È un dato che evidenzia la differenza strutturale fra le medie imprese italiane e quelle degli altri Paesi dell UE-4. La prevalenza delle piccole imprese in Italia viene comunemente attribuita a tre ragioni: le leggi sul lavoro, che a partire dagli anni 70 di fatto hanno scoraggiato la crescita; i maggiori margini di manovra nel controllo del reddito per le piccole imprese; le difficoltà incontrate dalle famiglie proprietarie a raccogliere capitale azionario mantenendo al tempo stesso un controllo ferreo sull impresa. 8 1 Eurostat 2 Eurostat 3 Eurostat 4 Bloomberg, (http://www.bloomberg.com/news/ /italy-bondattack-breaches-euro-s-defenses-as-region-s-contagion-worsens.html)

11 Le medie imprese rappresentano meno del 2% delle aziende italiane ma generano oltre il 40% del PIL del settore privato. Contributo delle medie imprese all'economia italiana Numero di imprese Ricavi Dipendenti PIL 1,6% 32,7% 28,3% 41,2% 98,4% 67,3% 71,7% 58,8% Medie Tutte le altre Oltre il 40% del PIL del settore privato è prodotto dall' 1,6% delle imprese italiane Innanzitutto, la regolamentazione del mercato del lavoro in Italia presenta da decenni condizioni di rigidità. L articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, introdotto nel 1970, rende molto difficile per le imprese con più di 15 dipendenti licenziare i lavoratori, con il risultato che le imprese hanno preferito rimanere al di sotto di questa soglia. In secondo luogo, oltre all IRES, l imposta sul reddito delle società, le imprese italiane pagano anche l IRAP, l imposta regionale sulle attività produttive. Attualmente, per la determinazione del reddito imponibile ai fini IRAP non è possibile dedurre il costo del lavoro. L effetto indiretto è quello di limitare la crescita dimensionale delle imprese, perché scoraggia l assunzione di altri dipendenti e incoraggia al contrario l outsourcing. Infine, le imprese a conduzione familiare in alcuni casi si tengono alla larga dagli investitori professionali per paura di perdere il controllo dell impresa e rallentare il processo decisionale. Se si limita l accesso a capitali esterni, è difficile crescere. 9

12 Il motore dell economia italiana Le medie imprese italiane impiegano 5.2 milioni di persone e sono le più produttive tra quelle dei Paesi dell UE-4. Le medie imprese italiane danno lavoro a 5,2 milioni di persone, ossia il 28,3 per cento della forza lavoro del settore privato. In media hanno 85 dipendenti, da un minimo di 30 a un massimo di 500 per impresa. Complessivamente generano ricavi annui per miliardi di euro e possono vantare il livello di ricavi per dipendente ( euro) più alto dell UE-4. Perché le medie imprese italiane sono più produttive delle medie imprese degli altri Paesi dell UE-4? Una fetta importante delle medie imprese italiane è focalizzata sulla produzione manifatturiera specializzata, con prodotti famosi in tutto il mondo per qualità e design. Fra gli esempi più pertinenti c è Nice, che vende i suoi prodotti di domotica in 100 Paesi di ogni parte del mondo, l azienda di abbigliamento Brunello Cucinelli e il produttore di gelati GROM. Brunello Cucinelli Un azienda leader nel settore dell abbigliamento, è cresciuta nell ultimo decennio a un tasso CAGR (tasso di crescita annuale composto) intorno al 23 per cento La Brunello Cucinelli è riconosciuta a livello internazionale per la creatività e la qualità dei suoi prodotti, e questo le ha consentito di raggiungere l anno scorso 155 milioni di euro di ricavi GROM Un azienda che produce e vende al dettaglio gelati di alta qualità; negli 8 anni dalla sua fondazione, nel 2003, è cresciuta con un tasso CAGR di quasi il 90 per cento Nel 2011 i ricavi della GROM hanno toccato i 23 milioni di euro Nice È stata una delle prime aziende a introdurre il design e l estetica nei prodotti di domotica È l azienda in più rapida crescita nel suo settore, con un CAGR del 30 per cento fra il 1993 (quando è stata fondata) e il 2011 (quando ha riportato ricavi per cica 220 milioni di euro) Ha avuto un rendimento migliore dei suoi concorrenti, con un margine operativo lordo del 28 per cento, rispetto alla media del settore di circa il 22 per cento 10

13 Ogni dipendente di una media impresa italiana aggiunge euro al PIL nazionale. Oltre a generare ricavi importanti, le medie imprese italiane forniscono un forte valore aggiunto all economia italiana. Rispetto al contributo medio al PIL nazionale delle medie imprese dell UE-4 (32 per cento), quelle italiane contribuiscono al PIL nazionale per il 41 per cento (237 miliardi di euro). Ancora più impressionante è il dato sulla produttività: ogni dipendente di una media impresa italiana aggiunge euro al PIL nazionale, contro i euro Medie imprese motore di produttività Italia: PIL per dipendente per dimensioni dell'impresa degli altri Paesi dell UE-4, una differenza di euro. La performance è ancora più brillante se la si confronta con le grandi e piccole imprese (incluse le microimprese): le grandi imprese italiane aggiungono euro per dipendente al PIL, e le piccole imprese euro. Le medie imprese italiane si impongono quindi come importanti creatrici di valore. Leader in Europa per produttività Medie imprese: PIL per dipendente Piccole Medie Grandi Francia Germania Italia Regno Unito 11

14 Crescere nonostante tutto Le medie imprese italiane hanno creato nuovi posti di lavoro durante la crisi finanziaria. Uno dei problemi fondamentali dell economia italiana è l alto tasso di disoccupazione, che nel momento in cui viene scritto questo saggio veleggia oltre il 10 per cento. Per una nazione che cerca di uscire da una recessione, è fondamentale ridurre il numero dei senza lavoro. Una comparazione delle variazioni dei livelli occupazionali nelle piccole, medie e grandi imprese italiane sopravvissute alla recente recessione getta luce sulle dinamiche occupazionali che si stanno sviluppando in Italia. Abbiamo messo a confronto la situazione dell occupazione nel 2007, prima dell inizio della recessione, e nel 2010, quando le economie hanno cominciato a stabilizzarsi. Dall analisi emerge che nelle imprese italiane sopravvissute sono andati perduti posti di lavoro, uno schema che si ripete con numeri fin troppo simili in tutti i Paesi dell UE-4. Per contro, le medie imprese sopravvissute hanno creato posti di lavoro Variazione netta dell'occupazione in Italia, imprese sopravvissute in più, e le piccole imprese Ricordiamo che mediamente un dipendente di una media impresa italiana aggiunge euro al PIL nazionale: pertanto, i nuovi posti di lavoro creati dalle medie imprese hanno incrementato il PIL nazionale in questo arco di tempo di circa 1,12 miliardi di euro. Nello schema generale, 1,12 miliardi di euro possono sembrare una somma trascurabile, ma è il caso di sottolineare che si tratta di un contributo marginale, cioè oltre e in aggiunta a quello che le medie imprese già forniscono al PIL italiano. Inoltre, il periodo preso in esame coincide con la peggiore recessione globale da decenni. In questo contesto molto pesante per le imprese, i licenziamenti operati dalle grandi aziende sono stati in linea con le aspettative: queste imprese sono sopravvissute tagliando la forza lavoro. Le medie imprese (e anche le piccole) invece non solo sono sopravvissute, ma sono anche riuscite a incrementare l occupazione. Variazione dell'occupazione nell'ue-4, imprese sopravvissute Piccole Medie Grandi Piccole Medie Grandi Le medie imprese dell'ue-4 hanno creato più di nuovi posti di lavoro durante la crisi finanziaria Le medie imprese italiane hanno creato posti di lavoro in più durante la crisi finanziaria Nello stesso periodo le grandi imprese hanno tagliato quasi 1,5 milioni di posti di lavoro. 12

15 Il cuore dell industria manifatturiera In tutti i Paesi dell UE-4, le medie imprese sono molto attive nel comparto manifatturiero, per effetto della forte vocazione industriale di questi Paesi. In Italia, tuttavia, le medie imprese del settore manifatturiero sono quelle che contribuiscono maggiormente al PIL nazionale. Il settore manifatturiero italiano contribuisce per il 31 per cento al PIL complessivo del settore privato, e oltre la metà di questo 31 per cento (per l esattezza il 59 per cento) viene generato specificamente dalle medie imprese. In Francia, in Germania e nel Regno Unito, invece, le medie imprese contribuiscono solo per un terzo al PIL industriale. Questo dato mette in risalto il ruolo predominante delle medie imprese nel comparto manifatturiero italiano. operano nel comparto manifatturiero sono ancora più produttive: aggiungono al PIL nazionale oltre euro per dipendente, euro in più della media del loro segmento. Per le piccole e le grandi imprese la cifra corrispondente è rispettivamente di e euro per dipendente. È interessante osservare che secondo questo parametro la produttività delle grandi imprese è pari alla metà di quella delle piccole imprese e ad appena un terzo di quella delle medie: è un dato che mette in risalto le macroscopiche inefficienze delle grandi imprese italiane che sembra siano da attribuire alla debolezza dell economia e alla rigidità della normativa del lavoro. Come detto in precedenza, le medie imprese italiane sono estremamente efficienti, con un contributo al PIL nazionale di oltre euro per dipendente. Le medie imprese che Le medie imprese italiane hanno una posizione dominante nel comparto manifatturiero Contributo delle imprese italiane al PIL del settore manifatturiero per dimensioni Contributo al PIL del settore manifatturiero nell'ue-4 16% 25% 58,5% 34% 37,9% 35,7% 59% Piccole e micro Medie Grandi Francia Germania Italia Regno Unito 13

16 Il 59% del valore dei beni e servizi prodotti dal settore manifatturiero italiano è generato da medie imprese. Siamo scesi in profondità nella composizione del settore manifatturiero, analizzando i singoli sottosettori per avere un quadro ancora più chiaro. Abbiamo riscontrato che le macchine da cantiere (per esempio le scavatrici), la metalmeccanica e i prodotti alimentari sono i sottosettori del comparto manifatturiero dove le medie imprese sono più presenti: questi tre sottosettori rappresentano in totale il 37 per cento del contributo delle medie imprese del settore manifatturiero in termini di valore aggiunto lordo. I prodotti chimici, le attrezzature elettriche e la gomma e plastica aggiungono un altro 19 per cento. italiane in termini di valore aggiunto lordo in 20 casi supera quello delle piccole e grandi imprese, a conferma del predominio uniforme delle medie imprese nel comparto manifatturiero. In nessuno degli altri tre Paesi dell UE-4 riscontriamo una supremazia del genere: lì sono le grandi imprese che danno il contributo maggiore in termini di valore aggiunto lordo. Le medie imprese manifatturiere italiane sembrano essere riuscite a ritagliarsi una nicchia per la fabbricazione di prodotti di elevata qualità, capaci di soddisfare nel miglior modo possibile i cambiamenti nelle esigenze dei consumatori. Il risultato è che il made in Italy ormai è sinonimo di alta qualità in molti settori, fra cui tessile e abbigliamento, calzature e pelletteria, occhiali, moda, cibo, mobili e meccanica. In una certa misura, questo effetto «Made in Italy», ampiamente studiato, spiega il ruolo attivo giocato dalle medie imprese italiane nell export; i clienti internazionali che hanno una limitata capacità di discernere a priori la qualità dei prodotti si fidano della consolidata reputazione dell Italia, che il segmento delle medie imprese ha contribuito non poco a costruire. Per concludere, sui 24 sottosettori che abbiamo preso in esame, il contributo delle medie imprese 14

17 Contributo al PIL per sottosettori manifatturieri e dimensioni delle imprese Contributo al PIL delle piccole e grandi imprese Contributo al PIL delle medie imprese 50% 50% 100% Tessile Prodotti chimici Prodotti alimentari Bevande Abbigliamento Gomma e plastica Macchine da cantiere Carta Mobili Altro Attrezzature elettriche Metalmeccanica Pelletteria Metalli di base Legno Minerali non metallici Riparazioni e installazioni Computer ed elettronica Prodotti farmaceutici Stampa Veicoli a motore Attrezzature di trasporto Petrolio Prodotti del tabacco 21% 20% 79% 76% 76% 76% 76% 75% 75% 75% 74% 73% 73% 72% 71% 68% 68% 65% 63% 62% 61% 47% 36% 35% Piccole Grandi Medie Le medie imprese italiane danno un contributo al PIL superiore a quello delle grandi imprese in 20 sottosettori manifatturieri su 24 Microimprese non incluse 15

18 Operatori globali Il 55% delle medie imprese italiane opera a livello globale. La nostra ricerca evidenzia che una maggioranza (il 55 per cento) delle medie imprese italiane opera su scala globale. Anche in Germania la tendenza è analoga: la metà delle medie imprese è attiva sui mercati globali. In Francia e nel Regno Unito, in cambio, solo 41 medie imprese su cento si considerano operatori globali. Nella nostra indagine fra gli alti dirigenti abbiamo riscontrato alcune interessanti tendenze legate al mutamento dell equilibrio fra mercati nazionali e internazionali per le medie imprese. Il 42 per cento delle medie imprese italiane ha registrato un calo dei ricavi sul mercato nazionale ed L'impronta geografica delle medie imprese dell'ue-4 Quale dei seguenti aggettivi descrive meglio il mercato in cui opera la vostra impresa? europeo negli ultimi 5 anni, contro il 16 per cento delle medie imprese tedesche e il 20 per cento di quelle britanniche. Più nello specifico, nello stesso intervallo di tempo il 27 per cento delle medie imprese italiane ha registrato un calo dei ricavi sul mercato nazionale. Per contro, il 30 per cento dei ricavi di questo segmento oggi viene generato all esterno dell Unione Europea e le attività in Cina nello stesso periodo sono cresciute del 23 per cento. Francia Germania Italia Regno Unito 29% 5% 41% 19% 3% 51% 12% 13% 55% 24% 12% 41% 27% 20% 25% 23% Globale Paneuropeo Nazionale Locale/regionale Le medie imprese italiane hanno un raggio d'azione globale 16

19 Il 30% dei ricavi delle medie imprese italiane proviene da mercati extra-ue. Le medie imprese italiane sono più globali rispetto alle loro colleghe europee, ma potrebbe trattarsi di una caratteristica delle imprese italiane in generale. Per appurare la cosa abbiamo messo a confronto grandi imprese italiane con imprese di dimensioni analoghe in Francia, Germania e Regno Unito e abbiamo scoperto che in questi tre mercati la percentuale di grandi imprese che si considerano aziende globali si attesta fra il 69 e il 75 per cento, contro il 59 per cento delle grandi aziende italiane. La conclusione è che probabilmente le medie imprese italiane si impegnano maggiormente per diventare globali. Ricavi derivanti da attività extra-ue 30% 24% 25% 17% Francia Germania Italia Regno Unito Le medie imprese italiane pensano globale Perché le medie imprese italiane si sono orientate alla globalizzazione? L effetto «Made in Italy» senza dubbio contribuisce molto a questa avanzata presenza globale dell Italia. Si aggiunga che il mercato interno italiano tendenzialmente è meno sviluppato di quello degli altri Paesi europei, e questo genera un incentivo all espansione globale. Le aziende specializzate sono riuscite ad adeguare il loro modello di impresa e a entrare nella catena logistica globale grazie a investimenti adeguati nelle capacità di progettazione, che le hanno messe in condizione di creare e consolidare rapporti con clienti internazionali. 17

20 Fucina dell innovazione Le medie imprese possiedono il 48% di tutti i brevetti detenuti da imprese italiane. Nel nostro rapporto sull UE-4 emerge il ruolo delle medie imprese come motori di innovazione. Per misurare l innovazione abbiamo usato i dati esistenti disponibili relativi al numero di brevetti di proprietà di queste aziende e abbiamo riscontrato che le medie imprese possiedono il 48 per cento ( ) di tutti i brevetti detenuti da imprese italiane. È una percentuale molto più alta della media dell UE-4 (37 per cento) e indica che in Italia le medie imprese sono il motore fondamentale dell innovazione, facendo leva su processi formali di innovazione perfino in settori caratterizzati da approcci più informali, basati su innovazioni estetiche e di design. Aggiungiamo che sei brevetti su sette, fra quelli detenuti dalle medie imprese italiane, provengono dal comparto manifatturiero, a ulteriore conferma del ruolo predominante di questo settore in Italia. Tuttavia, in termini reali, le medie imprese italiane sono meno innovative rispetto a quelle tedesche, britanniche e francesi. Per esempio, le medie imprese tedesche, con quasi brevetti, detengono una quantità di brevetti oltre tre volte e mezzo superiore a quella detenuta dalle medie imprese italiane. Basandosi sui dati dell inchiesta è difficile individuare con esattezza il motivo di questo ritardo delle imprese italiane rispetto a quelle dell UE-4. Una possibile ragione, fra le tante, è che in Italia molte medie imprese operano nel settore del lusso e dei prodotti di design (per esempio abbigliamento, calzature, tessile, mobili e occhiali), dove l innovazione tradizionalmente verte più sul design e sull estetica che sulla tecnologia. Dato il breve ciclo vitale di questi prodotti, la protezione a lungo termine garantita dai brevetti non ha senso. Inoltre, le medie imprese italiane tendono a operare in settori dove l innovazione di processo può essere più importante dell innovazione di prodotto. E bisogna tener conto che solo le innovazioni di prodotto sono brevettabili. Brevetti detenuti da imprese italiane Brevetti detenuti dalle medie imprese in tutti i Paesi dell'ue-4 28% % 24% Piccole e micro Medie Grandi Francia Germania Italia Regno Unito Le medie imprese sono la linfa vitale dell'innovazione italiana......ma sono indietro rispetto alle medie imprese dell'ue-4 18

21 Il Mittelstand gap: il ritardo delle medie imprese italiane sulla Germania Nell analisi parallela che abbiamo condotto sulle medie imprese tedesche è stato sorprendente in particolare osservare la sicurezza nei propri mezzi dei Top Manager. Abbiamo chiesto loro di assegnare un punteggio alla propria impresa rispetto a 10 parametri collegati all eccellenza gestionale, che coprivano aree funzionali come la finanza, il marketing e la gestione. I Top Manager delle medie imprese tedesche hanno detto che le loro aziende sono gestite meglio delle grandi imprese in 8 parametri su 10. Un dato in netto contrasto con quello italiano, dove i dirigenti hanno fornito una risposta di questo genere sono in 2 parametri su 10. La capacità delle medie imprese tedesche di pianificare e realizzare la crescita attraverso l eccellenza operativa risulta pertanto particolarmente istruttiva. Per evidenziare il contrasto abbiamo eseguito un analisi comparata che dimostra il costoopportunità di questo ritardo delle imprese italiane rispetto alla Germania. In una simulazione what-if ci siamo chiesti che cosa sarebbe successo se dal 2009 a oggi le medie imprese italiane avessero tenuto gli stessi ritmi di crescita di quelle tedesche. Stiamo parlando di due economie che, anche se dissimili sotto molti aspetti, sono entrambe di grosse dimensioni, globali e fortemente orientate all export. Se tra il 2009 e il 2012 le medie imprese italiane avessero seguito la stessa traiettoria di crescita di quelle tedesche, avrebbero generato 69 miliardi di euro in più di fatturato e creato oltre posti di lavoro. Inoltre, le esportazioni italiane sarebbero cresciute del 10,7 per cento, con 9,7 miliardi di euro di export in più verso Cina, India e America Latina. Sono cifre che danno da pensare: fornire un convinto supporto alle medie imprese per metterle in condizioni di far fronte ai loro problemi imprenditoriali avrebbe impresso una forte spinta all economia italiana per tornare a crescere. 19

Le medie imprese italiane

Le medie imprese italiane Le medie imprese italiane Fra le quattro maggiori economie europee (Germania, Regno Unito, Francia e Italia, d ora in poi indicati come «UE-4»), l Italia è quella che in questo momento attraversa la situazione

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione 2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione La creatività è uno dei principali driver della competitività del nostro sistema produttivo. Le imprese che investono in creatività e nelle capacità individuali

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 Il Country Payment Report è uno studio di Intrum Justitia Intrum Justitia raccoglie dati da migliaia di aziende in Europa per acquisire conoscenze sulle abitudini di pagamento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Il fatturato dell industria italiana rimarrà su ritmi di crescita ancora superiori al 2% nell anno in corso per poi entrare in

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 Le previsioni delle imprese manifatturiere liguri per il terzo trimestre 2013 hanno confermato alcuni

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo Spazio a perto VALUTAZIONI Il costo dell energia elettrica per le imprese italiane: un analisi comparata a livello europeo I costi sostenuti dalle imprese italiane per l energia elettrica sono considerati

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

Direzione Artigianato e Commercio STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA DEI GIOVANI IMPRENDITORI ARTIGIANI. Sintesi dei risultati

Direzione Artigianato e Commercio STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA DEI GIOVANI IMPRENDITORI ARTIGIANI. Sintesi dei risultati Direzione Artigianato e Commercio STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA DEI GIOVANI IMPRENDITORI ARTIGIANI Sintesi dei risultati Dicembre 2001 1 Giovani artigiani e giovani imprese: un viaggio nell artigianato

Dettagli

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Tendenze e prospettive strategiche Gennaio 2015 La rilevanza del settore agroalimentare In Italia il processo di produzione e distribuzione di prodotti agroalimentari

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Piano nazionale del Turismo

Piano nazionale del Turismo Piano nazionale del Turismo 5 azioni per raddoppiare il PIL del turismo C o n f e r e n z a s t a m p a 22 settembre 2010 Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria Daniel John Winteler, Presidente

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia Avvocati e notai Lawyers Newsletter Zurigo, gennaio 2013 L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia A partire dal 2002 è stata progressivamente introdotta la libera circolazione delle

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Il mid-market che cresce veloce e guarda a mercati lontani

Il mid-market che cresce veloce e guarda a mercati lontani MEDIE IMPRESE MOTORE DI SVILUPPO Il mid-market che cresce veloce e guarda a mercati lontani GE Capital Contents Introduzione Gli autori di questa ricerca 1. Executive Summary 6 2. Il mid-market Italiano

Dettagli

Rapporto sull industria italiana 2013

Rapporto sull industria italiana 2013 KF Economics - K Finance Rapporto sull industria italiana 2013 Analisi dei bilanci 2005-2011 Maggio 2013 Rapporto sull industria italiana 2013 1/35 Disclaimer La presente ricerca Rapporto sull industria

Dettagli

Giuria della Congiuntura

Giuria della Congiuntura Giuria della Congiuntura Centro studi e ricerche economico sociali l evoluzione congiunturale dell industria manifatturiera delle Marche risultati del 1 trimestre 2015 e previsioni per il 2 trimestre 2015

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA

L ITALIA VISTA DALL EUROPA L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 2004 Sintesi L obiettivo strategico dell Unione europea per il decennio in corso, stabilito dai Capi di Stato e di Governo degli

Dettagli

Focus sulle aziende familiari del comparto Alimentare

Focus sulle aziende familiari del comparto Alimentare Osservatorio AIdAF-Unicredit-Bocconi (AUB) su tutte le aziende familiari italiane di medie e grandi dimensioni 1 Executive Summary Focus sulle aziende familiari del comparto Alimentare Guido Corbetta,

Dettagli

Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale

Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale Venezia, 30 settembre 2015 La Tavola Rotonda si pone l obiettivo di analizzare i nuovi orientamenti che il sistema produttivo italiano può

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008 APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 28 PROMOSSO DALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BERGAMO E DALLA PROVINCIA DI BERGAMO EDIZIONE A CURA DELLA CAMERA DI COMMERCIO

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO

QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO CHECK-IN RAPPORTO EXPORT ONLINE SU SACE.IT/RAPPORTOEXPORT QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO 12 SACEMAG ANDARE OLTRE I BRIC E PUNTARE SUI NEXT GENERATION MARKET PER LE MIGLIORI OPPORTUNITÀ GEOGRAFICO-SETTORIALI,

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI Giugno 2012 Gruppo ad alto livello presieduto dal professor B. T. Bayliss SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI Il gruppo

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ

MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ 7 novembre 13 ASSETTI STRUTTURALI E FATTORI DI COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE ITALIANE: MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ UN SISTEMA CHE COMPETE SU PIÙ MERCATI La maggior parte delle imprese

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

APERTURA INTERNAZIONALE

APERTURA INTERNAZIONALE 3CAPITOLO 3 APERTURA INTERNAZIONALE E POTENZIALITÀ DI CRESCITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO ITALIANO Nel 2011 la domanda estera netta ha ripreso, dopo molti anni, il ruolo di principale motore della crescita.

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli