La business intelligence entra in produzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La business intelligence entra in produzione"

Transcript

1 Alberto Canepari La business intelligence entra in produzione Come misurare le prestazioni logistico-produttive (*) A. Canepari lavora come Consultant per Jmac Europe spa, società di consulenza che opera nel campo delle operations e dell innovazione di prodotto. Si è specializzato fin dagli studi universitari nel tema della misurazione delle performance. Ha portato a termine numerosi progetti di successo nel campo della definizione e implementazione di sistemi di misurazione delle prestazioni logistiche in medie aziende del Nord-Est Italiano. L articolo affronta il tema della misurazione delle performance logistiche-produttive nelle medie aziende manifatturiere. L autore parte dall analisi delle cause per le quali le aziende non misurano facilmente le loro prestazioni operative per poi descrivere un approccio semplice e pratico per progettare e costruire un modello di indicatori di misurazione delle performance con investimenti di tempo e di denaro per le aziende limitati. Nella prima parte dell articolo, inserita in questo numero, viene introdotto il tema della misurazione delle prestazioni logistiche, viene presentata la metodologia e vengono descritti gli indicatori che fanno parte del modello. Nel prossimo numero verranno descritte le modalità di implementazione del modello e messi in luce quelli che, in base all esperienza maturata dall autore, possono essere gli sviluppi derivanti dall introduzione di una cultura della misurazione in ambito logistico-produttivo. Introduzione In questi anni di attività come consulenti nelle medie aziende abbiamo riscontrato che ben poche misurano le prestazioni logistiche. Ogni volta che acquisiamo un nuovo cliente una delle nostre prime attività è quella di elaborare una serie di indicatori di prestazioni quali misure del servizio reso a clienti o ricevuto da fornitori, analisi delle scorte e dei consumi di materiali, semilavorati e prodotti finiti ecc.. Solo misurando i fenomeni siamo in grado di capire dove stanno i problemi e di identificare le soluzioni. Generalmente le aziende clienti sono favorevolmente impressionate dai nostri sistemi di misura delle prestazioni e ci chiedono di aiutarle a impostare un sistema per rilevare con cadenze regolari le loro prestazioni. E un fatto che misurare le prestazioni è il primo passo per migliorarle, anzi nella nostra esperienza per il solo fatto di misurare le prestazioni queste generalmente migliorano. Peraltro l esperienza dimostra anche che, una volta introdotta la cultura della misurazione, questa viene nel tempo affinata con l introduzione di nuovi indicatori per controllare sempre più strettamente la realtà aziendale. Insomma un indicatore tira l altro e si innesca un processo virtuoso di affinamento. La principale ragione per cui le aziende italiane non usano misurare le prestazioni è di carattere culturale: spesso si privilegia la filosofia del SISTEMI & IMPRESA N.7 - SETTEMBRE

2 fare senza porsi il problema di capire se si sta facendo bene o ci si sta muovendo nella direzione giusta. Un altro problema che ostacola la misura delle prestazioni è legato alla difficoltà di reperire i dati dai sistemi gestionali o alla non correttezza di questi dati o ancora alla difficoltà dei sistemi gestionali a produrre le sintesi necessarie in forme facilmente leggibili. D altra parte è anche vero che un sistema gestionale è fatto per immagazzinare i dati e produrre i documenti principali (ordini, bolle, fatture, ecc.) non certo per misurare le prestazioni. I dati necessari per tali misure nel 90% dei casi sono però presenti nei sistemi gestionali. Spesso anche i consulenti non sono di grande aiuto alle aziende in quanto si limitano a disegnare modelli di indicatori, magari belli, ma di difficile realizzazione e soprattutto non supportano l azienda nelle fasi realizzative. Anche la Business Intelligence (BI) tradizionale appare inadeguata. Essa non ha avuto la diffusione che ci si aspettava in parte per motivi di costo. Inoltre le società di software che si sono tuffate nella BI si limitano ad installare uno strumento, ma non sono in grado di aiutare le aziende nel definire e utilizzare gli indicatori di prestazione. Per creare degli indicatori bisogna conoscere molto bene i fenomeni che si devono misurare. E per questo motivo che la BI si è concentrata sulla misurazione di grandezze economico-finanziarie o di vendita che sono più famigliari alle software house che non le prestazioni logistico-produttive. L approccio Jmac Europe Con l obiettivo di portare la business intelligence in produzione, focalizzandosi non tanto sullo strumento, ma sull analisi e l interpretazione dei dati, ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo sviluppato una metodologia ribattezzata JPMS (Jmac Performance Measurement System). Con questa metodologia non ci limitiamo a installare un software o a disegnare un modello, ma cerchiamo di seguire l azienda nel disegno, implementazione ed utilizzo del sistema di monitoraggio delle prestazioni. La Metodologia comprende i seguenti passaggi: 1 - check up iniziale in cui si rileva il processo logistico e si effettuano le prime misurazioni quantitative; 2 - definizione del set di indicatori (definizione del modello); 3 - implementazione di uno strumento per il loro calcolo semplice, immediato ed integrato con il sistema gestionale (quale che esso sia); 4 - individuazione dei responsabili degli indicatori e assistenza sullo strumento e sull interpretazione dei risultati; 5 - supporto alla Direzione per la definizione degli obiettivi di performance attesi; 6 - istituzione di una riunione logistica periodica in modo che gli indicatori siano esaminati da tutti gli interessati e in caso di scostamenti delle performance effettive dagli obiettivi siano ricercate le cause e definite azioni correttive; 7 - sviluppi e affinamenti successivi del modello Vediamo ora più in dettaglio questi passaggi. Il check up Obiettivo del check up è quello di tracciare il processo logistico dell azienda (per usare la terminologia cara agli amanti della produzione snella il value stream mapping della catena logistica) e individuare le principali criticità. Durante il check up vengono già fatte delle analisi quantitative (generalmente sul servizio a clienti e le scorte) basandosi normalmente sui dati dei dodici mesi precedenti. Il personale dell azienda prende confidenza con i numeri e comincia ad apprezzare il significato delle misurazioni. La mappatura del processo logistico viene fatta con interviste ai singoli attori della catena logistica. L utilizzo di flow chart, schemi, disegni consente di rappresentare in modo efficace l intero processo. L analisi del flusso logistico permette di focalizzare le analisi per le fasi successive SISTEMI & IMPRESA N.7 - SETTEMBRE 2004

3 Marketing Ricerca e Sviluppo Progettazione Vendite Programmazione Approvvigionamenti Produzione Spedizioni Figura 1 - Il modello Q-C-T-E. Figura 2 - Gli indicatori del modello JPMS. (E) Ambiente (Q) Qualità (C) Costi (T) Tempi Il modello Se il check up richiede un analisi una tantum delle prestazioni, successivamente si imposta per il cliente un modello completo di indicatori da ottenere in modo automatico e da analizzare in modo sistematico. Nella definizione del modello abbiamo fatto riferimento ad uno schema semplice ma molto efficace mutuato dal lavoro svolto dal gruppo JMA in Giappone: lo schema Q-C-T-E (Figura 1). Secondo i nostri colleghi Giapponesi quattro sono i fattori che determinano oggi più che mai la capacità competitiva delle aziende nei mercati: Q (qualità), C (costo), T (tempo), E (ambiente). La forza competitiva di un azienda rispetto alle aziende concorrenti consiste infatti nel fare arrivare ai propri clienti prodotti di miglior qualità (Qualità) ad un prezzo inferiore anche di un sola euro (Costo), con rapidità superiore anche di un solo minuto (tempo), riducendo al minimo gli impatti ambientali (ambiente). Lo sviluppo armonioso dei fattori Q-C-T-E è dunque importante ed altrettanto importante è la costante misurazione delle relative prestazioni. Anche nel processo logistico-produttivo (dagli approvvigionamenti alle spedizioni) questi quattro aspetti ricoprono un ruolo fondamentale. Gli indicatori ricompresi nel modello JPMS e rappresentati schematicamente in figura 2 permettono di misurare in modo particolare gli aspetti di tempo e di costo: 1 - indicatori sul servizio ai clienti (Tempo) 2 - indicatori sulle scorte (Costo) 3 - indicatori sui lead time produttivi (Tempo) 4 - indicatori sull efficienza produttiva (Costo) 5 - indicatori sul servizio da fornitori (Tempo) 6 - indicatori sui costi logistici (Costo). Gli indicatori proposti sono ben conosciuti in letteratura. In questo senso non abbiamo scoperto nulla di nuovo, ma definito un metodo semplice e rapido per ottenere ed utilizzare le informazioni che si desumono da essi. Vediamo innanzitutto di descrivere in breve in significato di ciascuno di questi indicatori. Analisi costi logistici - Analisi del Servizio dei Fornitori - Matrice di reciprocità Cross Analysis scorte/consumi Analisi del Servizio al Cliente FORNITORI Mag MP FABBRICA Mag PF MERCATO - Analisi del Lead Time di produzione - Analisi dell Efficienza degli impianti SISTEMI & IMPRESA N.7 - SETTEMBRE

4 Data ordine cliente GIRO CARTA Data inserimento ordine Data consegna richiesta Data consegna confermata Data ultima spedizione Tempo Figura 3 - Gli indicatori per misurare il servizio al cliente. TAC - Tempo di attesa cliente FLEX PUNT (affidabilità) TEO - Tempo di Evasione ordine (velocità) Figura 4 - Curve di dispersione ideali. Servizio a clienti Per indicatori sul servizio a clienti (dando in questa sede per scontata la qualità dei prodotti) intendiamo degli indicatori costruiti sulle date di consegna. Sono i 4 indicatori rappresentati nella figura 3: TAC: tempo di attesa del cliente (rappresenta il tempo che il cliente/mercato è disposto ad attendere per ricevere il prodotto). FLEX: flessibilità (rappresenta la flessibilità dell azienda alle richieste del cliente). PUNT: puntualità o affidabilità (rappresenta la capacità dell azienda di mantenere quanto promesso). TEO: tempo di evasione dell ordine o velocità (rappresenta la velocità effettiva con cui l azienda serve il cliente/mercato). Questi indicatori possono essere calcolati come: Media: es. tempo attesa del cliente medio, flessibilità media, puntualità media, tempo evasione dell ordine medio,.. Percentuale: es. Puntualità (% righe consegnate alla data o entro la data), flessibilità (% righe confermate alla data richiesta dal cliente), tempo di evasione (% righe consegnate con un lead time di X giorni). Curve di dispersione: es. curva del tempo di attesa del cliente, curva della puntualità, curva del tem SISTEMI & IMPRESA N.7 - SETTEMBRE 2004

5 Figura 5 - Costruzione della Cross Analysis. CONSUMI CONSUMI A B C D A A B C D GIACENZE GIACENZE B C A B C D D po di evasione dell ordine,.. Indicatori medi o percentuali hanno il grosso pregio di essere sintetici, allo stesso tempo però non danno un quadro completo del fenomeno, quadro che è invece dato dalle curve di dispersione rappresentate nella figura 4. Nelle curve di dispersione vengono messe in relazione due variabili: solitamente sull asse delle ascisse i giorni, sull asse delle ordinate il numero di righe (o le quantità o il valore). Nella figura vengono rappresentate le curve di dispersione ideali per ciascuno dei quattro indicatori sul livello di servizio. Siamo nel caso di un azienda probabilmente monoprodotto, con politiche di servizio chiare, flessibilità ottima, puntualità ottima, tempo di evasione dell ordine esattamente uguale al tempo di attesa del cliente. Chiaramente la realtà è ben lontana dalla situazione ideale. Nella maggior parte delle aziende, la proliferazione di prodotti finiti, ha portato a tempi di risposta molto variegati; difficilmente dunque la curva del tempo di attesa del cliente assuma un andamento così regolare come nella figura. Per l interpretazione degli indicatori il primo dato da verificare è la velocità o TEO: se questa è superiore al tempo che il mercato è disposto ad attendere, e quindi al TAC, è chiaro che l azienda rischia di uscire dal mercato. Uno dei problemi che più spesso si riscontrano sono curve del TAC e TEO con andamento casuale. Questo sta ad indicare la mancanza di politiche di servizio chiare e condivise con i clienti. L azienda cerca di fare quello che gli chiede il cliente, ottima flessibilità certo, ma quasi mai riesce a mantenere la parola data e la curva della puntualità (PUNT) e il frazionamento delle consegne sono un disastro. La cosa fondamentale è di stabile delle politiche di servizio chiare e condivise e tarare il modello logistico produttivo in modo da poter sempre rispettare le politiche fissate. Un altro aspetto molto importante da considerare è di prevedere la possibilità di gestire delle causali che identifichino i motivi dei ritardi per ciascun ordine. In questo modo oltre a misurare il livello di servizio si misurano le cause che generano disservizio e si facilita il processo di identificazione delle soluzioni. Gli indicatori possono essere calcolati sulla totalità delle righe ordine, o solo su alcune di esse (es. righe ordini di una famiglia di articoli, righe ordini di un cliente, righe ordini di un determinato periodo). Questa segmentazione dell analisi è molto utile per identificare dove si verificano i problemi. Molti nostri clienti utilizzano gli indicatori di servizio relativi a singoli clienti o fornitori in sede di trattativa con questi ultimi. Analisi delle scorte Lo strumento principe per l analisi delle scorte di prodotti finiti, semilavorati e materiali componenti è la cross analysis o analisi incrociata scorte-consumi (Figura 5). SISTEMI & IMPRESA N.7 - SETTEMBRE

6 $ Lead Time Giac enza Mentre molte aziende eseguono analisi ABC dei consumi o delle scorte separatamente, poche aziende eseguono un analisi a mezzo di una matrice che incrocia i due aspetti. La nostra matrice include 16 quadranti ognuno dei quali ha un significato ben preciso. Ad esempio i materiali del quadrante AA sono quelli che appartengono al primo 80% sia dei consumi che delle scorte, mentre i materiali del quadrante AD sono quelli che rientrano nel primo 80% delle scorte, ma hanno avuto negli ultimi 12 mesi consumi zero. La giacenza da considerare per ciascun codice può essere la giacenza media o la giacenza puntuale. Più corretto è utilizzare la giacenza media. La Cross Analysis viene effettuata per prodotti finiti, semilavorati e materie prime e per ciascuna di queste categorie può essere segmentata per gruppi di codici (famiglie), per stabilimento ecc.. L analisi fornisce vari tipi di informazioni: 1 - informazioni di natura logistica: indici di rotazione, equilibrio delle scorte, rotture di stock; 2 - informazioni di natura produttiva: complessità indotta dalla proliferazione di codici, concentrazione dei volumi su pochi codici. Oltre alla matrice giacenze/consumi è possibile costruire un altra matrice nella quale si incrociano, sempre con la logica ABC, le frequenze di consumo e i consumi, matrice che può essere utilizzata come strumento decisionale di assegnazione alle famiglie e agli articoli di politiche di gestione delle scorte diverse a seconda dei quadranti della matrice stessa. In questo senso la cross analysis diventa un potente strumento per definire le logiche di programmazione migliori per ciascun articolo. Le curve di fluttuazione (Figura 6) rappresentano il trend cumulato di una variabile. Ad esempio nel caso del magazzino Materie prime le curve rappresentano la cumulata dei carichi e la cumulata degli scarichi a valore. La giacenza iniziale rappresenta il primo carico. Le curve di fluttuazione rispetto alla cross analysis mettono in evidenza l andamento della giacenza e del lead time (tempo di copertura di magazzino) nel tempo. La forma delle curve permette di evidenziare fenomeni di stagionalità e di lotto, il numero di ordini, il numero di prelievi, la frequenza dei prelievi che non emergerebbero con la semplice analisi incrociata scorte/consumi. Le curve di fluttuazione possono essere utilizzate a livello aggregato o anche a livello di singolo codice evidenziando quella che ci piace definire la storia logistica del codice nel tempo. Molti altre variabili o fenomeni possono essere rappresentati con le curve: ordini di acquisto e ricevimenti, entrate ed uscite nei processi di trasformazione, ordini cliente e spedizioni. La situazione ideale è che queste curve abbiano entrambe un andamento lineare e che tendano ad avvicinarsi fino a coincidere: se le curve coincidono siamo in una situazione di perfetta sincronia tra quelli che sono i carichi e i consumi, i processi di input e i processi di output. Viceversa se una delle due curve od entrambe hanno un andamento a gradoni siamo in presenza di fenomeni di lotto in entrata e/o in uscita. Il lotto è il sintomo di un vincolo che può essere di natura tecnologico-produttiva, di acquisto, ecc. In caso di presenza di lotti le due curve non possono avvicinarsi più di tanto ed è necessario rimuovere o ridurre il vincolo prima di poter sincronizzare gli input con gli output del processo. Carichi Scarichi Figura 6 - Curve di fluttuazione. t 72 - SISTEMI & IMPRESA N.7 - SETTEMBRE 2004

7 Figura 7 - Indicatori per misurare il servizio da fornitori. Data RDA (richiesta acquisto) GIRO CARTA Data inserimento ordine Data consegna richiesta Data consegna confermata Data ultima ricevimento Tempo TRC - Tempo di risposta richiesto FLEX PUNT (affidabilità) TRE - Tempo di Risposta effettivo (velocità) Servizio da fornitori Per indicatori sul servizio da fornitori intendiamo degli indicatori costruiti sulle date di consegna. Sono i 4 indicatori rappresentati nella figura 7: TRC: tempo risposta concordato FLEX: flessibilità PUNT: puntualità TRE: tempo di risposta effettivo. La costruzione ed interpretazione degli indicatori è identica agli indicatori che misurano il servizio ai clienti. Particolarmente interessante risulta essere l utilizzo del Tempo di Risposta effettivo per verificare la correttezza dei lead time inseriti nelle anagrafiche articoli e in genere mai aggiornati dalle aziende con effetti negativi sulla programmazione dei materiali e sul valore delle giacenze di magazzino. Se il tempo di risposta è sistematicamente inferiore al lead time, perché non ridurre il lead time di anagrafica? E evidente che tale riduzione porta a una riduzione delle scorte e ad un accorciamento dei tempi in gioco nella programmazione e controllo avanzamento della produzione. Le considerazioni fatte per i fornitori possono ovviamente essere estese anche ai terzisti. Lead time di produzione e indice di flusso Il lead time di produzione è il tempo che intercorre tra la data di emissione dell ordine di produzione e la data di versamento dell ordine. Nell esempio semplificato rappresentato in figura 8 è il tempo tra il prelievo delle materie prime e il versamen- Figura 8 - Costruzione dell indice di flusso. = reparto c = centro di lavoro = magazzino MP PF b a Lead time singolo Data inizio Data fine Lead time cumulato Curve di Fluttuazione/ Curve di Distribuzione Definizione percorsi a + b + c Incrocio con Tempi ciclo Indici di Flusso SISTEMI & IMPRESA N.7 - SETTEMBRE

8 to del prodotto finito a magazzino. Buona parte di questo periodo non è costituito da lavorazioni ma, da trasporti (tra centri di lavoro diversi e all interno dello stesso centro di lavoro), attese (presso un centro di lavoro per il fatto che un lotto diverso è in lavorazione), setup (per l attrezzaggio e la regolazione della macchina), code (per il fatto che non tutto il lotto viene lavorato contemporaneamente). La differenza tra lead time dell ordine di produzione e tempo di lavorazione reale viene intercettata con l indice di flusso (lead time/ tempo ciclo di lavorazione). Un indice di flusso pari a 10 significa che ogni 10 ore impiegate in produzione solo 1 è di trasformazione e dunque aggiunge valore, mentre le altre sono improduttive e si possono equiparare ad altrettanti sprechi. L indice di flusso può essere suddiviso in due componenti (Figura 9): l elasticità di programmazione e il tempo di coda (basta moltiplicare numeratore e denominatore dell indice per il tempo ciclo del lotto medio). Tanto più la differenza tra lead time e tempo ciclo del lotto medio è bassa tanto più la programmazione rilascia l ordine di produzione al più tardi. Tanto più il lotto è grande tanto più aumenta il tempo dovuto alle code del lotto stesso. La possibilità di suddividere l indice di flusso permette di analizzare e capire le cause di lead time produttivi eccessivamente lunghi. Tanto più breve è il lead time produttivo tanto più si hanno dei vantaggi in termini di: velocità delle consegne riduzione delle scorte possibilità di produrre direttamente su ordine cliente e quindi nell area della certezza piuttosto che accumulare scorte e quindi produrre nell area dell incertezza (produzione al buio). Per il calcolo del lead time di produzione deve essere presente in azienda un sistema di rilevazione dei dati di fabbrica (MES) o, in ogni caso, devono essere gestiti gli ordini di produzione e gli avanzamenti. Efficienza impianti (OEE) Spesso le aziende, seguendo un impostazione tradizionale di tipo economico-finanziaria, calcolano l efficienza come rapporto tra le ore lavorate a standard e le ore effettivamente lavorate dal personale diretto (più raramente le ore lavorate dalla macchina). L efficienza è dunque calcolata sul componente umana. In realtà in molte aziende si è passati negli ultimi anni da una struttura labour intensive ad una struttura capital intensive. La com- Elasticità program.ne IF = Lead Time Tempo Ciclo del lotto medio X Tempo Ciclo del lotto medio Tempo Ciclo unitario Tempo di coda Tempo potenziale Tempo disponibile teorico/capacità produttiva teorica Tempo disponibile/ Tempo programmato Tempo di funzionamento Tempo Netto di funzionamento Tempo effettivo Guasti Set up Regolazione Perdite di avviamento Micro fermate Riduzioni di velocità Difettosità e rilavorazioni Tempo potenziale: 24h al giorno x 365 giorni all anno Tempo disponibile teorico: (tempo potenziale - ore dedotte per festività, interventi di manutenzione, turni non lavorati) Tempo disponibile: (tempo potenziale teorico - disponibilità non impiegata) Es: (480 m - 60 m) = 420 Disponibilità: (tempo disponibile - tempi fermata) / tempo disponibile Es: (480 m - 30 m) / 420 m = 92,9% Efficienza prestazioni: (tempo ciclo x produzione Tot.) / tempo di funzionamento Es: (0,6 /unità x m 358 unità) / 390 m = 55,1% Tasso di Qualità: (produzione tot. - produzione difettosa) / Produzione tot. Es: (358 unità - 5 unità) / 358 unità = 98,6% Figura 9 - Componenti dell indice di flusso. Figura 10 - Costruzione dell OEE SISTEMI & IMPRESA N.7 - SETTEMBRE 2004

9 Figura 11 - Esplosione delle componenti di costo per determinare i costi logistici. RO (Reddito operativo) Costo aziendale Ricavi delle vendite Costi di produzione Costi generali Costi della logistica Costi dei materiali Costi di Manodopera Costi impianti Costi della logistica in entrata Costi della logistica interna Costi della logistica in uscita ponente critica non è più la manodopera ma l effettivo utilizzo/funzionamento delle macchine. Secondo questa accezione l efficienza globale degli impianti rappresenta la percentuale di tempo destinata a trasformare le materie prime/semilavorati in produzione buona sul totale del tempo programmato dall azienda. Altro aspetto molto importante è riuscire a comprendere le cause che determinano le performance di efficienza degli impianti. Il Japan Institute of Plant Maintenance (JIPM) ha individuato le seguenti tipologie di perdite di efficienza (Figura 10): Perdite per guasti Perdite per set up Perdite per regolazioni finché non si realizzano prodotti della qualità richiesta Perdite di avviamento. Queste perdite determinano i tempo di funzionamento o disponibilità dell impianto. Perdite per Micro fermate Perdite per riduzione della velocità. Queste perdite determinano l efficienza delle prestazioni dell impianto. Perdite per difettosità e rilavorazioni. Queste perdite determinano il tasso di qualità. L efficienza viene misurata con un indice conosciuto come OEE (Overall Equipment Effectiveness). La formula dell indice è la seguente: Disponibilità X Efficienza prestazioni X Tasso di qualità L OEE permette dunque di determinare le cause principali che determinano perdite di efficienza. L OLE è la contropartita dell OEE misurato sulle persone. Viene applicato quando la componente tecnologica non è preponderante, ma lo è la componente umana. Viene calcolato per misurare l efficienza delle linee di assemblaggio. Più si è efficienti nell utilizzo degli impianti è più sono veloci i tempi di attraversamento o lead time produttivi e più possono essere ridotti i lotti di produzione. E dunque fondamentale avere un efficienza elevata sugli impianti critici, i cosiddetti colli di bottiglia. Anche per il calcolo dell efficienza deve essere presente in azienda un sistema di rilevazione dei dati di fabbrica che permetta di rilevare i tempi dei vari stati in cui si trova la singola macchina. La differenza tra capacità produttiva teorica e tempo programmato, rappresenta una misura della capacità dell ufficio programmazione di saturare/utilizzare gli impianti. Più che un indicatore per la fabbrica è un indicatore di programmazione. Costi logistici Misurate le prestazioni operative della catena logistica è importante misurare anche quanto costa gestire il flusso logistico. Questo vale ancora di più in una situazione come quella attuale in cui l offerta di servizi logistici sul mercato è ampia e le aziende possono tranquillamente decidere di esternalizzare attività logistiche considerate non critiche e che operatori specializzati potrebbero SISTEMI & IMPRESA N.7 - SETTEMBRE

10 svolgere in maniera più efficiente. I Costi logistici sono tutti quei costi connessi alla gestione del flusso logistico. Sono costi che rientrano generalmente tra i costi indiretti di produzione (personale, trasporti di acquisto o trasferimento, ammortamenti, attrezzature) a parte i costi di trasporto di vendita che vengono considerati generalmente costi di natura commerciale. Il modello di riferimento che utilizziamo nel calcolo dei costi logistici prevede la distinzione tra costi della logistica in entrata, costi della logistica interna, costi della logistica in uscita (Figura 11). I costi logistici variano da azienda ad azienda. Abbiamo cercato comunque di fare una riclassificazione. I costi della logistica in entrata sono: personale ufficio acquisti personale ricevimento merci personale magazzino materie prime e componenti ammortamenti attrezzature e carrelli di magazzino manutenzione attrezzature e carrelli di magazzino spese generali ufficio acquisti e magazzino trasporti su acquisti (normali e/o urgenti) Information Technology. I costi della logistica interna sono: personale ufficio programmazione (interna/ esterna) personale ricevimento merci personale magazzino semilavorati ammortamenti attrezzature e carrelli di magazzino manutenzione attrezzature e carrelli di magazzino contenitori e imballi semilavorati Trasporti su acquisti (normali e/o urgenti) Information Technology. I costi della logistica in uscita sono: personale ufficio amministrazione vendita personale spedizioni personale magazzino prodotti finiti ammortamenti attrezzature e carrelli di magazzino manutenzione attrezzature e carrelli di magazzino imballi di spedizione trasporti (normali e/o urgenti) Information Technology. I costi di Information Technology (IT) per far funzionare la catena logistica possono essere anche molto rilevanti. Per costi di IT intendiamo: ammortamenti hardware e software PC, ammortamenti hardware e software sistema gestionale e sistemi dipartimentali, canoni di manutenzione annuali per upgrading del software e/o per assistenza tecnica, interventi di assistenza da parte di personale interno all azienda appartenente all area dei sistemi informativi. Nel caso di una azienda con filiali tutti i costi legati alle filiali possono essere considerati come costi logistici di gruppo. Nella nostra esperienza riscontriamo che: 1 - una voce importante tra i costi logistici è spesso costituita dai trasporti urgenti o speciali. Spesso le aziende ricorrono a trasporti urgenti per far fronte a ritardi di produzione, 2 - l analisi dei costi logistici è importante per prendere decisioni di tipo Make or Buy su attività di natura logistica. La difficoltà di calcolo dei costi logistici dipende molto dall evoluzione dei sistemi di controllo di gestione e contabilità dei costi che le aziende hanno a disposizione. Possiamo dire che in un azienda con una contabilità per centri di costo già sviluppata il calcolo non è complesso e può essere fatto in breve tempo (continua nel prossimo numero). BIBLIOGRAFIA JMA, JMAC, JMAC Europe, Total Productivity Management, Franco Angeli, Koudate, Samaritani, Eco-Eco Management, FrancoAngeli, Sciuccati, Tanaka, Riprogettare il sistema di produzione, Il Sole 24 Ore Libri, SISTEMI & IMPRESA N.7 - SETTEMBRE 2004

La business intelligence entra in produzione

La business intelligence entra in produzione Alberto Canepari La business intelligence entra in produzione Come realizzare un sistema di misurazione delle prestazioni logistico-produttive (*) A. Canepari lavora come Consultant per Jmac Europe spa,

Dettagli

Il progetto Lean Accounting in Metal Work

Il progetto Lean Accounting in Metal Work Il progetto Lean Accounting in Metal Work Nel 2010 parte il progetto Lean Accounting in Metal Work con l obiettivo di costruire un sistema di lean accounting che affianchi e poi sostituisca il sistema

Dettagli

ID e Operations. KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica. Bologna, 15 Maggio 2012

ID e Operations. KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica. Bologna, 15 Maggio 2012 ID e Operations KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica Bologna, 15 Maggio 2012 Dott. Alessandro Pacelli Partner Opta Dott. Gianluca Spada Partner Opta Presentazione

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Piani operativi seconda parte Sommario della lezione Gestione dell Informazione nella Supply Chain Piani

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

Lean Accounting. Il Value Stream Costing >> 12. Nicola Gianesin

Lean Accounting. Il Value Stream Costing >> 12. Nicola Gianesin VSM 18-11-2009 10:40 Pagina 1 Sintesi Scopo di questo articolo è quello di approfondire il tema del Value Stream Costing, ossia di esporre come possano evolvere i sistemi di determinazione e controllo

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi 1) Modello di riferimento Per prestazioni di un sistema produttivo si intendono i risultati direttamente percepibili e misurabili dal cliente oppure dal sistema

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico

La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico 1. Introduzione Le Scorte sono costituite in prevalenza da materie prime, da accessori/componenti, da materiali di consumo. Rappresentano

Dettagli

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione La e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri e Controllo di Produzione : compiti 2 Rendere disponibili le informazioni necessarie per: Gestire in modo efficiente ed efficace il

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Processi snelli terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Processi snelli Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Relatore: Antonino Galatà. Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012

Relatore: Antonino Galatà. Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012 Relatore: Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012 DEFINIZIONE DI CAPITALE CIRCOLANTE Il Capitale Circolante (o Working Capital) di un azienda è tecnicamente formato da una serie di macro voci

Dettagli

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali Just-In-Time (JIT) Filosofia produttiva nata presso l azienda giapponese Toyota negli anni 70. Ha l obiettivo di soddisfare la domanda del cliente in termini di cosa e quanto produrre, configurando l intero

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

METODOLOGIE E INDICATORI PER IL CONTROLLO DEI COSTI IN PRODUZIONE

METODOLOGIE E INDICATORI PER IL CONTROLLO DEI COSTI IN PRODUZIONE METODOLOGIE E INDICATORI PER IL CONTROLLO DEI COSTI IN INDICE INTRODUZIONE AGLI INDICATORI REALIZZARE UN SISTEMA DI INDICATORI INDICATORI PER IL CONTROLLO DELLA Indicatori di prestazione Obiettivi degli

Dettagli

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza Efficienza Produttiva Il Piano d azione dell efficienza Nino Guidetti Direttore Commerciale Grandi Clienti Schneider Electric per eliminare le inefficienze La Lean Manufacturing è una strategia operativa,

Dettagli

Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto. Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l.

Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto. Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l. Workshop: Lean Manufacturing 2008 il progetto Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l.) Agenda Obiettivi della

Dettagli

Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione

Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione 1 PIANIFICAZIONE DI LUNGO PERIODO DELLA PRODUZIONE CAP.1 :Terminologia 2 TERMINOLOGIA Efficacia Efficacia : Risultato fornito Risultato previsto

Dettagli

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP LEAN ORGANIZATION Organization fabbrica snella L impatto della sui in ottica 1 8 14 Trasmettere i principi teorici e definire, in termini di logica ed operatività, le principali metodologie del Production

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT & EXECUTION

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT & EXECUTION SUPPLY CHAIN MANAGEMENT & EXECUTION PIANIFICAZIONE DELLA DOMANDA PIANO PRINCIPALE DI PRODUZIONE a CAPACITA FINITA PIANIFICAZIONE DEI MATERIALI e SINCRONIZZAZIONE CAPACITA GESTIONE DI CLIENTI, FORNITORI

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

L approccio Lean. Investire sulle persone chiave individuare i champions e gli agenti del cambiamento

L approccio Lean. Investire sulle persone chiave individuare i champions e gli agenti del cambiamento Cosa si intende per L approccio Lean Investire sulle persone chiave individuare i champions e gli agenti del cambiamento Ottenere e usare il contributo di tutti a tutti i livelli Facciamolo e basta con

Dettagli

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Le scorte

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Le scorte dell Università degli Studi di Parma Le scorte La funzione delle scorte Le scorte sono un insieme di merci accumulate in attesa di un utilizzo futuro. Specializzazione geografica di una unità operativa

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi Lean Production CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE Lean Production e approccio Just In Time! Insieme di attività integrate progettato per ottenere alti volumi produttivi pur utilizzando scorte

Dettagli

Lean production. Rappresenta l evoluzione del modello Toyota, ed è basata sul cosiddetto Lean Thinking (pensare snello):

Lean production. Rappresenta l evoluzione del modello Toyota, ed è basata sul cosiddetto Lean Thinking (pensare snello): Lean production Rappresenta l evoluzione del modello Toyota, ed è basata sul cosiddetto Lean Thinking (pensare snello): doing more and more with less and less less human effort, less equipment, less time,

Dettagli

Schede di autovalutazione per ambito

Schede di autovalutazione per ambito Schede di autovalutazione per ambito Classic Le schede sono concepite per evidenziare l argomento dell analisi, imputare una rilevanza (ovvero un peso ) a seconda dell importanza dell argomento, indicare

Dettagli

Gestire le scorte con la Cross Analysis: un attività efficiente

Gestire le scorte con la Cross Analysis: un attività efficiente Gestire le scorte con la Cross Analysis: un attività efficiente di Alberto Stancari Consulente Dimensione Consulting S.r.l. Fronteggiare la domanda senza «stressare» la Produzione. Quando l azienda è in

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1 La logistica aziendale Qualsiasi impresa

Dettagli

I processi di approvvigionamento

I processi di approvvigionamento azienda/fornitori I processi di acquisto/utilizzazione dei fattori produttivi correnti circuiti sempre aperti: flussi fisico tecnici ed economici (in entrata) flussi monetari-finanziari (in uscita) settore

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUINTO I MODELLI DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE E DEI MATERIALI SOMMARIO: 1. I processi produttivi. - 2. Layout delle macchine operatrici. - 3. I sistemi flessibili di produzione. - 4. La scelta

Dettagli

Panthera: l erp italiano per eccellenza.

Panthera: l erp italiano per eccellenza. PRESENTA Panthera: l erp italiano per eccellenza. Panthera è l ERP italiano per eccellenza. Frutto di esperienze trentennali in ambito gestionale, sviluppato utilizzando tecnologie all avanguardia, Panthera

Dettagli

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 20 Sempre un passo avanti EXECUTIVE MASTER COURSE Production Manager OBIETTIVI Il corso mette in condizione i partecipanti

Dettagli

Gestione Produzione Release 4.0

Gestione Produzione Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Gestione Produzione Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright.

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

LA NORMAZIONE ISO 9000

LA NORMAZIONE ISO 9000 LA NORMAZIONE ISO 9000 Le norme serie ISO 900x sono nate nel 1987; Introducono il concetto di assicurazione o garanzia della qualità Sostanzialmente un fornitore dovrebbe (volontariamente) certificarsi

Dettagli

LA LOGISTICA INTERNA NELLE AZIENDE MANIFATTURIERE

LA LOGISTICA INTERNA NELLE AZIENDE MANIFATTURIERE LA LOGISTICA INTERNA NELLE AZIENDE MANIFATTURIERE SCOPO DELLA LOGISTICA E' CONSENTIRE LA CONSEGNA DEI PRODOTTI FINITI NEI TEMPI NEI MODI E ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE PREDEFINITE. DISPORRE DEI MATERIALI

Dettagli

Recuperare efficienza migliorando il comportamento industriale delle aziende del territorio

Recuperare efficienza migliorando il comportamento industriale delle aziende del territorio Gli strumenti per la competitività Recuperare efficienza migliorando il comportamento industriale delle aziende del territorio Registrazione dei partecipanti ore 19.15 Apertura dei lavori e coordinamento:

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale dott. Matteo Rossi La funzione produzione La produzione assume caratteristiche differenti da impresa a impresa,

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

Excellence Production System

Excellence Production System Workshop Project Management 2012 Beyond The Project Lean Manufacturing un nuovo modello per l eccelenza Excellence Production System Salerno 27 Gennaio 2012 Giovanni Tullio Scenario : Superare la crisi

Dettagli

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione Prof. Arturo Capasso LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione si occupa della trasformazione fisica dei prodotti e delle attività accessorie necessarie per rendere

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO: q PROGRAMMARE LA PRODUZIONE OTTIMIZZARE L UTILIZZO DELLA CAPACITA PRODUTTIVA

Dettagli

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS MOTIS Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE PERSONALE - ACQUISTI PROGETTAZIONE DIREZIONE MAGAZZINO MATERIA PRIMA INGRESSO

Dettagli

Il magazzino e le scorte

Il magazzino e le scorte Albez edutainment production Il magazzino e le scorte Classe IV ITC In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 La logistica

Dettagli

Lean Accounting Come gestire la transizione dalla fabbrica snella all azienda snella

Lean Accounting Come gestire la transizione dalla fabbrica snella all azienda snella Lean Accounting Come gestire la transizione dalla fabbrica snella all azienda snella ALBERTO CANEPARI In questo articolo viene data una definizione di lean accounting e viene approfondito il tema del lean

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 6_L Activity Based Costing Il calcolo del costo di prodotto sulla base delle attività Le tradizionali metodologie per il calcolo del costo di prodotto sono state

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Norma UNI 11155 Gli Indici Logistici Attività operative delle imprese Misurazione delle prestazioni logistiche

Norma UNI 11155 Gli Indici Logistici Attività operative delle imprese Misurazione delle prestazioni logistiche Norma UNI 11155 Gli Indici Logistici Attività operative delle imprese Misurazione delle prestazioni logistiche Cos è l UNI L'UNI - Ente Nazionale Italiano di Unificazione è un'associazione privata senza

Dettagli

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie Moduli Applicativi BMS-PRS: Produzione di Serie BMS-PRC: Produzione a Commessa BMS-PIP: Pianificazione Produzione BMS-CNP: Configuratore di Prodotto BMS-QUA: Qualità e Non Conformità BMS-DOC: Gestione

Dettagli

I PRINCIPI DELL EFFICIENZA PRODUTTIVA

I PRINCIPI DELL EFFICIENZA PRODUTTIVA Academy dell Efficienza I PRINCIPI DELL EFFICIENZA PRODUTTIVA Nino Guidetti Direttore Commerciale Grandi Clienti Schneider Electric Metodologia Lean Six Sigma Organizzazione snella, fortemente orientata

Dettagli

Corso di gestione dell informazione aziendale. Casi Aziendali

Corso di gestione dell informazione aziendale. Casi Aziendali Corso di gestione dell informazione aziendale Casi Aziendali Anno Accademico 2004/2005 1 Caso 3 Progettazione di un Nuovo Sistema Informativo Aziendale 2 Progettazione di un Nuovo SI Aziendale Obiettivi

Dettagli

King Produzione. Gestione. produzione

King Produzione. Gestione. produzione King Produzione Gestione flessibile della produzione Gestione flessibile della produzione... 3 CARATTERISTICHE GENERALI... 4 IL LANCIO DI PRODUZIONE... 6 IL LANCIO PRODUZIONE CON MRP... 7 PRODUZIONE BASE...

Dettagli

Teseo 7 Industry. Il gestionale ideale per le aziende di produzione. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it

Teseo 7 Industry. Il gestionale ideale per le aziende di produzione. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it Teseo 7 Industry Il gestionale ideale per le aziende di produzione. Z ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it tel. (+39) 055 91971 fax. (+39) 055 9197515 e mail: commerciale@centrosistemi.it

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Le attività logistiche non. Il valore generato

Le attività logistiche non. Il valore generato GESTIONE Il valore generato dall attività logistica di Roberto Giorgetti Roberto Giorgetti, consulente direzionale e ricercatore nel campo della gestione aziendale Nelle attività delle imprese la logistica

Dettagli

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Via Durando, 38-20158 Milano Italy Tel +39 02 39 32 56 05 - Fax +39 02 39 32 56 00 www.simcoconsulting.it - E-mail c.cernuschi@simcoconsulting.it

Dettagli

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale di Massimo Lazzari (*) Molti settori industriali si trovano oggi a dover operare in contesti estremamente competitivi, caratterizzati, da un lato,

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE CAP. 16 Una definizione La logistica è il sistema di connessione tra l approvvigionamento dei materiali, la trasformazione

Dettagli

Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione

Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione Michelangelo Ingrassia Responsabile Soluzioni Aziendali Hub Nord Ovest m.ingrassia@teamsystem.com Diamo forma al cambiamento

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon. Information Management Riepilogo 19 marzo 2012

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon. Information Management Riepilogo 19 marzo 2012 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Information Management Riepilogo 19 marzo 2012 Forrester Effect Trappole Mancanza di indicatori Definizione

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti)

ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti) ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti) Tra le novità della UNI EN ISO 9001: 2000 il più aggiornato standard di riferimento per la certificazione della qualità non sono tanto il monitoraggio

Dettagli

Rinascimento della Manifattura Bolognese

Rinascimento della Manifattura Bolognese Bologna, 28/03/2013 Rinascimento della Manifattura Bolognese Progetto UNINDUSTRIA-CNA con il contributo di 0 Agenda: 17.00-17.20 Apertura dei Lavori Mauro Ferri - Presidente PROTESA SpA 17.20-17.50 Presentazione

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa.

La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa. Area Produzione l Controllo di Produzione l Distinta Base e Cicli di Produzione l Politiche MRP I e II l Schedulatore l Conto Lavoro La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa. I moduli preposti in

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica.

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA PrintVis PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. PrintVis è integrato con Microsoft Dynamics NAV e, in qualità di prodotto

Dettagli

esolver per la Moda Software e servizi per le imprese del settore fashion. Sistema integrato per la gestione aziendale. www.sistemi.

esolver per la Moda Software e servizi per le imprese del settore fashion. Sistema integrato per la gestione aziendale. www.sistemi. SISTEMA IMPRESA Sistema integrato per la gestione aziendale. esolver per la Moda Software e servizi per le imprese del settore fashion. esolver per la Moda è la soluzione software completa e integrata

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

OUTSOURCING DELLA LOGISTICA. Dossier LOGISTICA & TRASPORTI

OUTSOURCING DELLA LOGISTICA. Dossier LOGISTICA & TRASPORTI Dossier & TRASPORTI Renato Fabbri CUBO Società di Consulenza Aziendale S.r.l. OUTSOURCING DELLA Questo articolo presenta il case history di una media impresa in cui si è realizzato l outsourcing completo

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm.

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm. 1 APACHE V4 è la soluzione ERP (Enterprise Resource Planning) di MBM Italia per le aziende di produzione. È un software integrato e modulare, che fornisce gli strumenti gestionali alle aree operative di

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Ph.D. Ing. Mosè Gallo Introduzione La produzione di un bene o l erogazione di in servizio richiede

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business Key Value for high performance business Consulenza Direzionale www.kvalue.net KValue Srl Via E. Fermi 11-36100 Vicenza Tel/Fax 0444 149 67 11 info@kvalue.net Presentazione Società L approccio KValue KValue

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento La gestione delle scorte ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA La gestione

Dettagli

IL NUMERO UNO NEL CONTROLLO DELLA COMMESSA. manufacturing. Il miglior sistema per il controllo di commessa C O S T I 180 E F F I C I E N Z A

IL NUMERO UNO NEL CONTROLLO DELLA COMMESSA. manufacturing. Il miglior sistema per il controllo di commessa C O S T I 180 E F F I C I E N Z A manufacturing Il miglior sistema per il controllo di commessa 60 100 80 120 140 60 100 80 120 140 60 100 80 120 140 40 160 40 160 40 160 20 C O S T I 180 p r e v i s t i 0 200 20 E F F I C I E N Z A 180

Dettagli

FONDIMPRESA - P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA. Area tematica: SVILUPPO DEI SISTEMI GESTIONALI

FONDIMPRESA - P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA. Area tematica: SVILUPPO DEI SISTEMI GESTIONALI FONDIMPRESA - P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA Area tematica: SVILUPPO DEI SISTEMI GESTIONALI INDICE DEI CORSI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO* Contabilità generale (Liuc) 1 Controllo

Dettagli

MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA

MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA ak TRACK GESTIONE MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA IL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ DEI MATERIALI NELLA PRODUZIONE La norma ISO 8402 definisce la tracciabilità

Dettagli

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella by Per avere ulteriori informazioni: Visita il nostro sito WWW.LEANNOVATOR.COM Contattaci a INFO@LEANNOVATOR.COM 1. Introduzione Il termine

Dettagli

OTTIMIZZARE I COSTI DI MAGAZZINO E RIDURRE LE SCORTE

OTTIMIZZARE I COSTI DI MAGAZZINO E RIDURRE LE SCORTE OTTIMIZZARE I COSTI DI MAGAZZINO E RIDURRE LE SCORTE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DEI COSTI LA PIANIFICAZIONE DEI COSTI PERMETTE DI FARE 4 COSE: q PREVEDERE IL FUTURO q DEFINIRE GLI OBIETTIVI DI REDDITIVITA

Dettagli

Programmi gestionali per imprese

Programmi gestionali per imprese Programmi gestionali per imprese GestImp: tecnologia e applicazioni avanzate Il software GestImp, tra i programmi gestionali per medio e grandi imprese, è senza dubbio uno tra i più innovativi ed avanzati.

Dettagli