La BI nelle imprese familiari italiane: i risultati di un indagine quantitativa (a cura di Paolo Pasini e Angela Perego)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La BI nelle imprese familiari italiane: i risultati di un indagine quantitativa (a cura di Paolo Pasini e Angela Perego)"

Transcript

1 La BI nelle imprese familiari italiane: i risultati di un indagine quantitativa (a cura di Paolo Pasini e Angela Perego) Il campione La distribuzione delle aziende del campione rispecchia la composizione del tessuto economico nazionale: più della metà (53%) delle aziende appartengono ai settori dell industria manifatturiera, in prevalenza discreta (47%), e dell industria continua (6%). Tra le aziende appartenenti al settore dell industria manifatturiera sono parecchi i casi di realtà che svolgono la propria attività all interno di distretti industriali con mercati di riferimento spesso internazionali. La restante parte del campione è costituita per il 32% da aziende appartenenti al settore dei servizi, incluse le telecomunicazioni, mentre il restante 15% è equamente suddiviso tra i settori dei servizi di Distribuzione (Commercio all ingrosso e al dettaglio), Servizi Finanziari (Banche/Assicurazioni/Finanza) e Servizi di Pubblica Utilità (Pubblica Amministrazione, Utilities e Sanità). Il campione può essere segmentato anche in funzione della dimensione aziendale: Aziende Piccole: fino 50 milioni di Euro, 57,4%. Aziende Medie: tra 50 e 250 milioni di Euro, 42,6%. Un ulteriore rilevante elemento di analisi è rappresentato dalla figura organizzativa che ha compilato la survey online. Assumendo che l adesione alla ricerca sia stata una dimostrazione di interesse alle tematiche proposte, è possibile ipotizzare che le figure organizzative che hanno compilato il questionario ricoprano ruoli di responsabilità o quantomeno di leadership nella gestione dei processi di gestione delle informazioni nelle proprie aziende o nella progettualità di introduzione e diffusione dei sistemi a supporto. Con questo presupposto risulta significativo il dato secondo il quale la maggior parte dei questionari sia stata compilata da figure appartenenti a funzioni di Business (57,6%) piuttosto che appartenenti alla funzione Sistemi Informativi (42,4%). Servizi 31,8% Distribuzione 5,7% Financial Services 6,8% Industria Continua 5,7% PA, Utilities e Sanità 3,4% Industria Discreta 46,6% Figura 1 La composizione del campione per settore di appartenenza

2 2 Sistemi Informativi; 42,4% Amministrazione e Finanza; 18,8% Commerciale; 21,2% Figura 2 La composizione del campione per figura organizzativa che ha compilato il questionario Direzione Generale; 17,6% Questo dato può testimoniare quanto la diffusione di sistemi di Business Intelligence sia seguita non solo, o non più, in modo esclusivo dalla funzione Sistemi Informativi, seguendo logiche di servizio nei confronti delle funzioni di Business. Si registra, invece, una responsabilità diretta, nonché un presidio delle tecnologie stesse, da parte delle funzioni di Business che ne fanno utilizzo. Tale sbilanciamento risulta più marcato all interno dell industria manifatturiera, settore nel quale la propensione all utilizzo di soluzioni di Business Intelligence sembra maggiore. La distribuzione delle figure organizzative che hanno compilato il questionario tra le funzioni di business è simile tra Amministrazione e Finanza, Commerciale e Direzione Generale. Andando a verificare il dato in dettaglio per dimensioni aziendali, è possibile verificare, come prevedibile, che la compilazione da parte di figure appartenenti alla Direzione Generale è presente quasi unicamente nel caso di aziende più piccole. Allo stesso tempo è interessante sottolineare come il numero di compilatori del questionario appartenenti alla funzione Amministrazione e Finanza, probabilmente direttamente responsabile dei sistemi di Business nelle aziende medie, invece, diminuisca fino ad azzerarsi al crescere delle dimensioni aziendali. La lettura trasversale di questi dati conferma l ipotesi che nelle aziende piccole e medie le tecnologie di gestione delle informazioni siano spesso gestite direttamente dalle funzioni di Business. In questi casi, dal punto di vista organizzativo, la funzione SI è spesso molto piccola, se non inesistente, e le funzioni di Business si dotano autonomamente di soluzioni e tecnologie atte a soddisfare le proprie necessità. Al crescere delle dimensioni aziendali e conseguentemente della complessità organizzativa, tecnica e architetturale di gestione dei flussi informativi, la funzione SI comunemente torna a essere responsabile dell introduzione e della diffusione dei sistemi di BI verso le altre funzioni. A conferma di ciò, la compilazione del questionario da parte di figure identificate con ruoli di responsabilità nell ambito della Business Intelligence ( BI manager, Application Manager, etc.) è limitata alle sole aziende di dimensioni medie Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

3 3 L organizzazione e la proprietà Ulteriore elemento importante per l analisi dei dati raccolti è la classificazione dell assetto proprietario e la definizione del modello di governance prevalente in azienda. Per quanto riguarda l assetto proprietario, la maggior parte delle aziende (6) si è riconosciuta nella forma di proprietà detenuta ed esercitata da un unico soggetto imprenditore o da un unica famiglia. Nella restante parte del campione la maggior parte delle aziende (17%) indica un assetto proprietario caratterizzato da una maggioranza detenuta da un unico imprenditore e da pochi altri soggetti istituzionali o imprenditori singoli. In riferimento, invece, ai modelli di governance, si sono indagati il modello individuale (l'imprenditore decide), il modello collegiale familiare (più esponenti della famiglia di controllo sono coinvolti attivamente nelle decisioni strategiche) e il modello collegiale manageriale (oltre alla famiglia o all'imprenditore partecipano attivamente alle decisioni strategiche anche manager assunti dall'esterno in posizioni chiave dell'azienda). Una considerevole parte delle aziende del campione (35%) ragiona su modelli di governo familiari o addirittura individuali, fenomeno più accentuato nelle aziende più piccole (48%). È importante evidenziare, parallelamente, quanto un numero significativo di aziende, seppur classificatesi come aziende a proprietà ristretta, muovano invece strategia e governance aziendali secondo modelli collegiali e manageriali, secondo i quali anche il management esterno, posto in posizioni chiave, partecipa insieme alla famiglia alle decisioni strategiche. Questo elemento è indice di un significativo grado di maturità manageriale, anche nelle aziende minori e a proprietà individuale, che conduce spesso a un atteggiamento aperto, o perlomeno esplorativo, verso l innovazione. Non sembra esserci alcuna correlazione significativa tra il modello di governo aziendale e la diffusione interna delle competenze IT, anche in termini di presenza di una funzione SI. Quale tra queste casistiche rappresenta più da vicino l'assetto proprietario della sua azienda? proprietario unico/imprenditore/famiglia 60,2% proprietà molto frammentata 13,6% imprenditore e pochi/grandi soggetti istituzionali o imprenditori singoli imprenditore e molti proprietari istituzionali e molti piccoli azionisti 9,1% 17, Figura 3 La composizione del campione per assetto proprietario Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

4 4 7 Qual è il modello di governo prevalente? 64,8% ,5% 14,8% modello collegiale familiare modello collegiale manageriale modello individuale Figura 4 La composizione del campione per modello di governance Infatti, non sono rari i casi in cui, in corrispondenza di modelli di governance individuale, si riscontra una maggior diffusione dell Information Technology in azienda, dipendendo essa da una forte convinzione e determinazione dell imprenditore che decide di investire ampiamente in IT. Tali situazioni inducono a pensare come la diffusione di strumenti tecnologici, quali possono essere le soluzioni di Business Intelligence, possano anche e soprattutto derivare direttamente dall orientamento positivo all innovazione dei processi e dei modelli aziendali, e conseguentemente dal commitment in prima persona dell imprenditore o della proprietà. In termini generali il dato dimostra comunque una significativa familiarità anche da parte delle aziende di minori dimensioni con l impiego e la diffusione interna di strumenti tecnologici per il governo dei flussi informativi. Questo fenomeno può essere interpretato anche come reazione organizzativa per sopperire alla mancanza, spesso in aziende più piccole, di una vera e propria struttura IT di riferimento. Ad ogni modo sembra in parte attenuato il mito della correlazione tra le competenze aziendali sulla BI e le dimensioni aziendali: nonostante si confermi la maggior competenza tecnica presente in aziende che dispongono di una funzione SI dedicata, bisogna altresì rilevare l intraprendenza delle aziende minori nell introduzione e diffusione delle tecnologie di Business. Come ulteriore elemento di profilazione del campione, si è osservato che il 77,5% delle aziende dispone di un sistema gestionale di tipo ERP, implementato prevalentemente (65% dei casi) utilizzando un pacchetto software di mercato e solo nel 23% dei casi tramite uno sviluppo completamente custom. In particolare si nota come l implementazione di package di mercato si sia prevalentemente concentrata tra il 2000 e il 2003, con il 4 dei casi, dopo questo boom iniziale il processo di adozione è stato più graduale, portando un altro 4 a implementare un package ERP dal 2004 ad oggi Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

5 5 I processi decisionali aziendali e le soluzioni a supporto Per un migliore inquadramento degli scenari caratteristici all interno dei quali si sviluppano i processi decisionali aziendali, sono state rivolte alcune domande per valutare qualità e quantità delle informazioni a supporto del controllo direzionale e per identificare quali siano le principali difficoltà nell impiego di tali informazioni. Il supporto informativo ai processi decisionali interni è stato misurato in termini di: usabilità, accessibilità, tempestività/aggiornamento delle informazioni; significatività e affidabilità delle informazioni; completezza delle informazioni prodotte. Per quanto riguarda il primo di questi punti, la maggior parte delle aziende valuta il grado di reperibilità (accessibilità delle informazioni), il grado di utilizzabilità e trasferibilità (manipolazione e trasferimento delle informazioni) e il grado di tempestività (disponibilità immediata delle informazioni) di livello alto, con un punteggio pari a 4 o 5 (su una scala da 1 a 5). Tra i diversi fattori misurati, la mancanza di tempestività nella disponibilità di informazioni è quello percepito in modo più negativo, un giudizio leggermente migliore è dato alle problematiche di trasferibilità. A conferma di ciò si nota che il 28% delle aziende giudica insoddisfacente (attribuendo un punteggio pari a 1 e 2 su una scala da 1 a 5) il grado attuale di tempestività dei dati, mentre tale giudizio negativo è attributo all accessibilità ai dati solo dal 15% delle imprese appartenenti al campione. Questa tendenza, in termini di settore, sembra essere ancora più accentuata nella Distribuzione che presenta un giudizio sensibilmente più positivo su questi parametri di qualità e quantità delle informazioni disponibili. Anche la misurazione di quanto il supporto informativo a disposizione sia in grado di coprire le esigenze in termini di significatività e affidabilità porta a risultati decisamente positivi, con una porzione di aziende pari circa alla metà del campione che definisce la propria realtà organizzativa con un grado di giudizio alto (pari ad un punteggio compreso tra 4 e 5 su una scala da 1 a 5). Il 53% delle aziende giudica in questo modo la capacità di usufruire di informazioni rilevanti rispetto ai fenomeni da controllare e le prestazioni da analizzare e il 64% assegna il medesimo punteggio alto al grado di disponibilità, affidabilità e correttezza delle informazioni Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

6 ,6% Qual è il grado di accessibilità, trasferibilità e tempestività delle informazioni nella sua azienda? 34,8% 50,6% 49,4% 19,1% 31,5% 28,1% 25,8% Accessibilità Trasferibilità Tempestività 46,1% A -Basso B -Medio C -Alto Figura 5 Il grado di accessibilità, trasferibilità e tempestività delle informazioni Qual è il grado di significatività e affidabilità delle informazioni nella sua azienda? 36, 52,8% 11,2% 11,2% Significatività 24,7% Affidabilità 64, A -Basso B -Medio C -Alto Figura 6 Il grado di significatività e affidabilità delle informazioni I risultati dell analisi lasciano in ogni modo trasparire la presenza di margini di miglioramento nelle prassi e nelle soluzioni adottate dalle aziende nella gestione delle informazioni, sia dal punto di vista più strettamente tecnologico, sia dal punto di vista del processo organizzativo. Decisamente inferiori alle valutazioni precedenti, invece, sono i risultati della misurazione in termini di completezza delle informazioni, verificato indagando quanto il Sistema Informativo è in grado di fornire tutte le informazioni necessarie per il controllo e l'analisi delle prestazioni aziendali e quanto può fornire tutte le informazioni necessarie alla direzione per prendere le decisioni tattiche e strategiche. In questo caso si rileva un incidenza maggiore di risposte che si collocano nel range di giudizio basso. Nella valutazione della copertura delle informazioni a fini strategici, si nota, addirittura, come la maggioranza delle imprese (38%) giudichi basso il livello raggiunto. Un approfondimento di analisi in funzione del modello di governo evidenzia però due realtà in contrapposizione: le aziende con un modello di governo collegiale manageriale dichiarano un livello alto di completezza delle informazioni per attività di controllo nel 47% dei casi e di copertura delle informazioni a supporto della strategia nel 32% dei casi, mentre le aziende con un modello di governo collegiale familiare o individuale hanno un 2011 Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

7 7 alto grado di completezza per il controllo nel 19% dei casi e di copertura per la strategia solo nel 16% di imprese Qual è il grado di completezza e e di copertura delle informazioni a supporto del controllo e della strategia nella sua azienda? 31,5% 31,5% 37,1% Completezza per il controllo 38,2% 36, 25,8% Copertura per la strategia A -Basso B -Medio C -Alto Figura 7 Il grado di completezza e di copertura delle informazioni Le informazioni di cui oggi la sua azienda dispone per controllare le prestazioni e decidere nel breve-medio termine sono prevalentemente prodotte da: 25,8% 32,6% 41,6% sistemi di Office sistemi gestionali sistemi di Business Intelligence Figura 8 La fonte delle informazioni aziendali Dettagliando quali siano le soluzioni tecnologiche a supporto dei processi decisionali aziendali, le aziende hanno risposto che nel 33% dei casi i fabbisogni informativi sono coperti direttamente da funzionalità di reportistica disponibili all interno del sistema gestionale. Una porzione di aziende pari al 42% sostiene, invece, di disporre di sistemi specializzati nella raccolta e integrazione, nell'analisi e nella presentazione efficace dei dati per il controllo aziendale e per il supporto alle decisioni manageriali, riconducibili ai sistemi di Business Intelligence. La restante parte, pari al 26%, gestisce, infine, l analisi delle informazioni in modo autonomo attraverso sistemi di produttività individuale, quali il foglio elettronico. Questi risultati in parte sorprendono rispetto ai giudizi mediamente bassi dati precedentemente alla qualità e alla completezza delle informazioni per il controllo e le decisioni aziendali (figure 6, 7 e 8): il 42% di chi sostiene di aver realizzato sistemi di BI evidentemente manifesta carenze in questi sistemi derivanti da implementazioni non sempre di successo o da scoperture informative conseguenti a loro volta da cattive analisi dei requisiti informativi. La tendenza attuale alla progettazione dei sistemi di BI con tecniche user-centriche, prototipali, iterative e 2011 Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

8 8 continue, è la risposta alle difficoltà che oggettivamente spesso si incontrano nella fase di formalizzazione dei Business Requirement. Interessanti elementi emergono dall analisi delle fonti delle informazioni per supportare i processi di controllo e presa di decisione correlata alla forma di governo in uso nelle aziende. In particolare emerge come nelle aziende con un modello di governo di tipo collegiale manageriale (caratterizzato dalla presenza di top manager esterni alla famiglia in posizioni chiave), ci sia una maggiore presenza di sistemi di Business Intelligence (54% dei casi), invece in aziende con modelli di governo maggiormente incentrati sulla figura dell imprenditore o della famiglia (modello individuale e modello collegiale familiare) questa percentuale si riduce al 19%. In secondo luogo, si evidenzia come le aziende con un modello individuale o collegiale familiare utilizzino ancora in modo significativo gli strumenti di Office per scopi direzionali (37,5%), mentre nelle aziende a governo collegiale manageriale la loro rilevanza sia decisamente inferiore, solo il 19%. Infine, si evidenzia come le aziende con un modello individuale o collegiale familiare utilizzino i sistemi gestionali per produrre informazioni direzionali (44%), mentre nelle aziende a governo collegiale manageriale la loro rilevanza sia decisamente inferiore, si assesta al 26%. Ulteriori spunti di analisi emergono dall incrocio di queste risposte con l appartenenza delle aziende ai diversi settori. I sistemi di Business Intelligence risultano infatti più diffusi nei settori della Distribuzione (8) e dei Servizi Finanziari (67%), mentre il soddisfacimento dei fabbisogni di analisi e reportistica attraverso funzionalità del sistema gestionale è più diffuso nei settori dell industria discreta e continua. Una diffusione sensibilmente maggiore dei sistemi di BI si rileva nelle imprese medie rispetto a quelle piccole, ed è interessante notare come al diminuire delle dimensioni aziendali, aumenti la percentuale di impiego di funzionalità di analisi e reportistica proprie del sistema gestionale, mentre rimanga sostanzialmente invariato il peso dell impiego di strumenti di produttività individuale Le informazioni di cui oggi la sua azienda dispone per controllare le prestazioni e decidere nel breve-medio termine sono prevalentemente prodotte da: 37,5% 19,3% 43,8% 26,3% 18,8% 54,4% sistemi di Office sistemi gestionali sistemi di Business Intelligence Modello collegiale familiare e Modello Individuale Modello Collegiale manageriale Figura 9 La fonte delle informazioni aziendali per modello di governo 2011 Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

9 9 Le informazioni di cui oggi la sua azienda dispone per controllare le prestazioni e decidere nel breve-medio termine sono prevalentemente prodotte da: Distribuzione Financial Services Industria Continua Industria Discreta PA, Utilities e Sanità Servizi sistemi di Office sistemi gestionali sistemi di Business Intelligence Figura 10 La fonte delle informazioni aziendali per settore L orizzonte temporale coperto dai sistemi di BI è un altro aspetto interessante per capire quale sia il reale fabbisogno. A conferma di un orientamento già noto a ricercare soluzioni predittive e di supporto ai processi previsionali, quasi la metà delle aziende (43%) considera che sia di massima rilevanza disporre di sistemi in grado di formulare ipotesi sul futuro. Il dato è confermato dal fatto che, a fronte della stessa domanda, solo il delle aziende considera oggi rilevante avere a disposizione sistemi che analizzano il passato e spiegano cosa è successo, ed ancor meno, 17%, sistemi che analizzano il presente e spiegano cosa sta succedendo. Interessante è l incrocio di quest ultima domanda, relativa all orizzonte temporale di maggior interesse delle analisi condotte sui flussi informativi aziendali a disposizione, e la domanda precedente, sulla tipologia di sistemi oggi presenti in azienda a supporto di tali attività. Da una parte è possibile verificare come l incidenza delle aziende in cui la principale fonte di informazioni è costituita dal sistema gestionale, cresce al crescere della rilevanza attribuita a sistemi in grado di analizzare il passato e spiegare cosa è successo. Non è, invece, possibile sostenere pienamente che le aziende che auspicano sistemi rivolti al futuro e al cosa succederà, allo stesso tempo gestiscano le proprie informazioni prevalentemente attraverso strumenti di Business Intelligence: da una parte la percentuale delle aziende che dispongono di soluzioni di Business Intelligence cresce al crescere della rilevanza attribuita alle soluzioni simulative e predittive; dall altra, però, nelle stesse aziende si registra un sostanziale equilibrio nell utilizzo di sistemi gestionali, di Business Intelligence e di produttività individuale. Quest ultima osservazione, e in particolare l alta percentuale relativa di impiego di strumenti di Office, si spiega con il fatto che le analisi e le previsioni sul futuro comportano la necessità di disporre di una forte integrazione tra componenti tecnologiche e competenze di 2011 Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

10 10 dominio (marketing, business development, etc.), spesso fuse insieme all interno di questi ambienti software di lavoro già ben conosciuti e percepiti come molto usabili. 6 Qual è il grado di rilevanza dei sistemi che spiegano il passato, di quelli che spiegano il presente e di quelli che spiegano il futuro? 5 43,2% 47,7% 43,2% 4 36,4% 35,2% 35,2% 3 20,5% 17, 21,6% A -Basso B -Medio C -Alto Passato Presente Futuro Figura 11 La rilevanza delle informazioni aziendali per analizzare il passato, il presente e il futuro Inoltre, se si correlano i sistemi di BI con diversi orizzonti temporali al modello di governo, si può osservare che i due modelli considerati nell indagine, differiscono in modo significativo per l importanza assegnata ai sistemi di BI orientati al futuro (simulazioni, scenari, previsioni, predizioni, etc.). Infatti nel modello individuale/familiare il 59% delle aziende attribuisce loro una rilevanza alta, mentre nel modello collegiale manageriale tale percentuale scende al 33%. Infine, è rilevante evidenziare i risultati derivanti dall incrocio della domanda sulla rilevanza attribuita dalle aziende a sistemi con capacità previsione e simulazione e il settore di appartenenza delle aziende stesse Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

11 Qual è il grado di rilevanza dei sistemi che spiegano il passato, di quelli che spiegano il presente e di quelli che spiegano il futuro? 53,1% 43,8% 59,4% ,3% 25, 28,1% 25, A -Basso 18,8% 15,6% B -Medio C -Alto - Passato Presente Futuro Aziende che hanno adottato un modello di governo collegiale familiare o individuale Figura 12 La rilevanza delle informazioni aziendali per analizzare il passato, il presente e il futuro nelle aziende con un modello di governo collegiale familiare o individuale 6 Qual è il grado di rilevanza dei sistemi che spiegano il passato, di quelli che spiegano il presente e di quelli che spiegano il futuro? ,1% 38,6% 38,6% 45,6% 40,4% 33,3% 3 26,3% A -Basso 19,3% 15,8% B -Medio C -Alto Passato Presente Futuro Aziende che hanno adottato un modello di governo collegiale managerale Figura 13 La rilevanza delle informazioni aziendali per analizzare il passato, il presente e il futuro nelle aziende con un modello di governo collegiale manageriale 2011 Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

12 12 C -Alto B -Medio A -Basso Distribuzione Financial Services Industria Continua Industria Discreta PA, Utilities e Sanità Servizi Figura 14 La rilevanza delle informazioni aziendali per analizzare il futuro, per settore L interesse per sistemi predittivi e di supporto a processi previsionali è maggiore nelle aziende appartenenti al settore industriale, probabilmente per le esigenze sempre più stringenti di pianificazione della capacità produttiva e programmazione di costi e investimenti. Allo stesso modo tale interesse è progressivamente superiore al crescere della dimensione aziendale: questo fenomeno è probabilmente da intendersi come raggiungimento, da parte di queste aziende, della soglia di fatturato e dimensioni critiche per intraprendere un cammino di espansione verso nuovi canali, nuovi mercati e nuovi prodotti, indispensabile oggi per la sopravvivenza stessa dell azienda, soprattutto di piccole e medie dimensioni. In questo scenario l interesse per strumenti predittivi che permettano di sostenere e indirizzare scelte strategiche e politiche commerciali è maggiormente sentito dalle aziende che hanno raggiunto dimensioni medie. Le prospettive della BI nelle imprese che non l hanno ancora adottata Come visto nel paragrafo precedente, il 58% delle imprese del campione dell indagine ha dichiarato di utilizzare sistemi di informatica individuale o report prodotti dai sistemi gestionali per supportare le attività di controllo e il processo decisionale aziendale. Le motivazione di questa non adozione dei sistemi di Business intelligence è in prima istanza imputata alla mancanza di uno sponsor direzionale forte. Questa, insieme alla mancanza di risorse IT interne o esterne, è sicuramente un indicatore della ridotta disponibilità di competenze, sia dal lato del business, sia dal lato dei sistemi informativi, per introdurre e gestire in azienda una tale tipologia di sistemi. Anche l aspetto economico emerge un ostacolo, da sempre discusso: la difficoltà, reale o percepita, di quantificare l impegno necessario nella progettazione dei sistemi di Business Intelligence ancora oggi è un forte deterrente, soprattutto se a questa si aggiunge la difficoltà di calcolare il ritorno dell investimento Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

13 13 Sembra, invece, destare poca preoccupazione la qualità dei dati provenienti dai sistemi gestionali, forse perché tema ormai molto bene presidiato, e la mancanza di best practice nei settori di riferimento. A suo avviso perché non sono ancora stati introdotti nella sua azienda sistemi specifici per l'analisi e la visualizzazione dei dati (sistemi di Business Intelligence)? mancanza di un reale sponsor direzionale interno 39,1% investimenti e costi crescenti e di difficile previsione 37, scarsità di risorse competenti IT interne o esterne fisiologica mancanza di tempo da parte dei manager per l'intelligence e l'analisi dei dati incapacità di gestire il processo di "change management" sottostante tecnologie poco usabili dagli utenti difficile coinvolgimento della funzione amministrativa/controller dati provenienti dal sistema amministrativo-gestionale poco aggiornati o affidabili aspettative disattese ed insuccessi riportati da precedenti esperienze mancanza di best practice e di benchmarking nel nostro settore 30,4% 26,1% 21,7% 17,4% 13, 10,9% 10,9% 8,7% Figura 15 Le motivazioni della non adozione dei sistemi di Business Intelligence Persistono, inoltre, alcune preoccupazioni sulla capacità di gestire il necessario cambio culturale e quindi il c.d. Change Management che questi sistemi richiedono. Allo stesso modo alcuni considerano ancora queste tecnologie poco user-friendly, questa osservazione può avere fondamento se rapportata a una possibile popolazione utente non particolarmente abituata all uso delle tecnologie in generale. Stesso discorso può essere fatto in riferimento al fatto che più del 26% delle aziende del campione indica, come ostacolo all introduzione dei sistemi di Business Intelligence, la mancanza di tempo da parte dei manager da dedicare proprio all analisi dei dati. Questo dato può essere letto utilizzando due chiavi di lettura: da un lato in questa tipologia di aziende tutte le figure aziendali, anche quelle di più alto livello, sono assorbite molto dall operatività e, a meno di particolari problematiche o cambiamenti aziendali o di mercato, si affidano alla loro profonda conoscenza dell azienda e delle dinamiche di mercato per prendere decisioni e definire le linee di azione aziendali; dall altro lato la poca conoscenza degli strumenti di Business Intelligence, li fa percepire come strumenti molto complessi e laboriosi che richiedono l investimento di numerose risorse di tempo per poter ottenere dei risultati efficaci Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

14 14 Questi ostacoli però sono considerati superabili da circa il 7 delle aziende che ha, infatti, comunque pianificato l introduzione dei sistemi di Business Intelligence nel breve e medio periodo. Di contro il 33% delle aziende non prevedono di investire in questi sistemi. Dall analisi dei dati raccolti emerge come le aziende che intendono introdurre sistemi di Business Intelligence in azienda sono decisamente orientate verso soluzioni specifiche e generalmente non offerte dai loro attuali fornitori dei sistemi gestionali. Questo è un forte segnale della consapevolezza che avere una buona expertise nel mondo dei sistemi gestionali non è garanzia di altrettante riconosciute competenze nel campo dei sistemi di BI. In aggiunta, probabilmente per diversificare il rischio, non si vuole essere completamente dipendenti da un unico fornitore software. Una parte delle aziende del campione, il 20,4 %, ritiene, invece, più opportuno procedere alla realizzazione in casa di una soluzione perfettamente aderente alle proprie esigenze. Infine molto ridotta è la percentuale di aziende che intende risolvere i problemi di controllo e supporto decisionale con soluzioni di informatica individuale, in particolare strumenti di Office. Questo sottolinea ulteriormente la consapevolezza esistente sulla natura particolare e specifica degli strumenti di Business Intelligence, che non possono e non devono essere confusi con strumenti c.d. general purpose di informatica individuale. Nella sua azienda l'introduzione di sistemi di Business Intelligence è: 4 33,3% 33,3% 3 18,8% 14,6% in corso di valutazione prevista entro i prossimi 12 mesi pianificata oltre l'anno non prevista Figura 16 - La pianificazione degli investimenti in sistemi di Business Intelligence L'orientamento nella scelta dei sistemi di Business Intelligence sarà più probabilmente verso l'adozione di: strumenti di Office 10,2% sistemi di BI realizzati in casa con sviluppo prevalentemente custom soluzioni specializzate di fornitori diversi dall'attuale fornitore del sistema ERP 20,4% 51, soluzioni del fornitore del sistema ERP 18,4% Figura 17 Le tipologie di sistemi di Business Intelligence Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

15 15 Nella sua azienda, l'adozione di un sistema di Business Intelligence sarà: la risposta ad un contesto competitivo sempre più aggressivo la risposta all'evoluzione del business e dell'organizzazione aziendale la naturale evoluzione del sistema ERP 14,9% 19,1% 66, Figura 18 Le motivazioni che spingono all adozione di sistemi di Business Intelligence L indagine evidenza, poi, come la scelta di introdurre i sistemi di Business Intelligence in azienda sia soprattutto dettata da un evoluzione dell azienda stessa sia in termini di aumento di complessità del business (dimensioni, internazionalizzazione, diversificazione di prodotto e/o mercato, etc.) sia di cambiamento dell organizzazione aziendale (nuove strutture di vendita, creazione di funzioni centrali come sharedservices, nuove strutture di responsabilizzazione economica, etc.). Solo il 14,9% delle aziende del campione, percepisce i sistemi di Business Intelligence come la naturale evoluzione dei sistemi gestionali, percezione, invece, molto diffusa negli anni passati. Lo sviluppo della BI nelle imprese che l hanno già adottata Il 41,6% delle aziende del campione hanno dichiarato di aver già adottato strumenti di Business Intelligence nelle proprie aziende. In particolare dai dati raccolti emerge come l esperienza di più di un terzo delle aziende risalga a prima del 2004, il 33,3% delle aziende hanno avviato l introduzione di questi sistemi tra il 2004 e il 2006 e il restante 30,6% ha iniziato questo percorso negli ultimi anni. Per quanto riguarda le scelte fatte dalle aziende in termini di soluzioni, i risultati confermano sostanzialmente quanto espresso dalle aziende che intendono adottare a breve strumenti di Business Intelligence Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

16 In quale anno è stata introdotta la Business Intelligence nella sua azienda? 25, 33,3% 11,1% 13,9% 16,7% prima del 2000 tra il 2000 e il 2003 tra il 2004 e il 2006 tra il 2007 e il 2009 dopo il 2009 Figura 19 L anzianità dei sistemi di Business Intelligence L'orientamento nella scelta dei sistemi di Business Intelligence è stato verso l'adozione di: strumenti di Office 0, sistemi di BI realizzati in casa con sviluppo prevalentemente custom soluzioni specializzate di fornitori diversi dall'attuale fornitore del sistema ERP 31, 50, soluzioni del fornitore del sistema ERP 19, Figura 20 - Le tipologie di sistemi di Business Intelligence La metà delle aziende del campione ha, infatti, adottato soluzioni specializzate offerte da fornitori diversi dai fornitori di sistemi gestionali, poco più di un terzo delle aziende ha realizzato in casa il proprio sistema, il 19% invece si è appoggiato sulle soluzioni del fornitore attuale dei sistemi gestionali e nessuno ha utilizzato strumenti di office. Allo stesso modo la decisione di adottare soluzioni di Business Intelligence è stata, per la maggioranza delle imprese del campione, dettata dall evoluzione del business e dell organizzazione aziendale. Per il 21,6% delle aziende, invece, è la risposta all aumento di competitività del contesto in cui la proprio azienda opera. Infine il 13,5% del campione la considera la naturale evoluzione dei sistemi gestionali. Anche in questo caso si nota come ciò che è stato fatto e vissuto dalle aziende che hanno già esperienza nei sistemi di Business Intelligence trova riscontro nelle intenzioni e nelle percezioni delle aziende che devono ancora intraprendere questo percorso. Questo suggerisce un processo di condivisione delle esperienze fatte e di conseguenza una trasmissione degli elementi culturali di base più significativi che portano le aziende a far tesoro delle esperienze delle altre aziende e ad affrontare il processo di adozione dei sistemi di Business Intelligence, consci delle problematiche più comuni e delle modalità da adottare per risolverle Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

17 17 L analisi dei dati raccolti evidenza come l IT manager abbia un ruolo centrale e proattivo nella fase decisionale. Infatti, in quasi la metà delle aziende, questa figura è colui che ha deciso l introduzione dell attuale sistema di Business Intelligence. Nella sua azienda, l'adozione di un sistema di Business Intelligence è stata: la risposta ad un contesto competitivo sempre più aggressivo la risposta all'evoluzione del business e dell'organizzazione aziendale 21,6% 64,9% la naturale evoluzione del sistema ERP 13,5% Figura 21 - Le motivazioni della necessità di disporre di sistemi di Business Intelligence Chi ha deciso l'introduzione degli attuali sistemi di Business Intelligence? un consulente IT esterno un consulente direzionale esterno 2,4% 2,4% l'it manager 47,6% il direttore amministrativo l'ad o il DG (non appartenente alla famiglia imprenditoriale) l'imprenditore 11,9% 14,3% 21,4% Figura 22 La figura del decisore Con una incidenza decisamente inferiore, il ruolo del decisore è ricoperto anche dall amministratore delegato (21,4%), dall imprenditore (14,3%) o dal direttore amministrativo (11,9%). Questi dati sottolineano come una tale decisione è presa internamente all azienda, ed eventuali consulenti esterni hanno un ruolo assolutamente marginale o di supporto. Non marginale però è il ruolo del partner IT nella fase di implementazione. In particolare il suo contributo risiede principalmente nelle elevate competenze tecniche e di prodotto e in una expertise sicuramente più ampia sulle modalità di progettazione, realizzazione, avviamento e utilizzo dei sistemi di Business Intelligence. Colpisce nuovamente la scarsa rilevanza assegnata ai metodi di progettazione agili, usercentrici, iterativi (11%), metodi oggi in forte diffusione soprattutto per la componente dei sistemi di BI più decisionali (simulativi, scenari, modelli decisionali e predittivi, etc.), forse ancora poco diffusi in questo segmento di aziende che rivolge la sua attenzione più ai sistemi di reporting, analisi e KPI Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

18 18 Qual è stato il contributo del partner IT che ha implementato i sistemi di Business Intelligence nella sua azienda? competenze tecniche o di prodotto sw competenze più ampie di Business Intelligence 44,4% 50, project management advisor/consulente di business introduzione metodi di progetto snelli, veloci, iterativi, prototipali altro 2,8% 11,1% 25, 22,2% Figura 23 Il contributo del partner IT Minori sono, invece, i contributi di competenze di project management o di business consulting: solo il 25% delle aziende ha intravvisto nel project management il valore offerto dal partner IT, mentre il 22,2% gli riconosce un ruolo di consulente di business. I benefici apportati dai sistemi di Business Intelligence dichiarati dalle aziende del campione riguardano principalmente la qualità delle informazioni e la capacità di interpretazione del business. Più dell 8 delle aziende, infatti, indica un miglioramento della qualità delle informazioni disponibili e quasi il 64% la possibilità di disporre di maggiori informazioni in tempi minori con un aumento della capacità di rispondere a eventi imprevisti. Il 72,2% delle aziende, invece, associa l introduzione dei sistemi di Business Intelligence a benefici in termini di aumento della capacità di controllo aziendale e alla possibilità di applicare nuovi modelli interpretativi del business (nuove segmentazioni della clientela target, nuove azioni commerciali collegate a nuovi mix di prodotti/canali a marginalità superiore, varie forme di discriminazioni di prezzo, etc.). L analisi del grado di diffusione della Business Intelligence evidenzia come le aree maggiormente coperte siano quelle del marketing, delle vendite, dell amministrazione, finanza e controllo e della direzione generale. Le aree con i gradi di diffusione minore sono, invece, la produzione e la supply chain. Ciò nonostante, il grado di copertura non è ancora ritenuto sufficiente e quindi le aziende del campione ritengono di dover continuare a investire in queste aree Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

19 19 Nella sua azienda, quali benefici ha portato l'introduzione dei sistemi di Business Intelligence? miglioramento della qualità delle informazioni disponibili aumento della capacità di controllo e nuovi modelli di interpretazione del business maggiore disponibilità di informazioni e in tempi minori e maggiore reazione ad eventi imprevisti 63,9% 72,2% 80,6% miglioramento della qualità dei dati nei sistemi gestionali 27,8% aumento della capacità previsionale ideazione e lancio di nuovi business (nuovi prodotti/servizi o nuovi mercati) miglioramento dei processi amministrativi (ad esempio chiusure mensili) 13,9% 11,1% 19,4% miglioramento della situazione finanziaria aziendale 5,6% Figura 24 I benefici portati dai sistemi di Business Intelligence Si nota, infine, come si inizi a percepire l esigenza di investire anche nell area della supply chain che, fino ad oggi, è stata sensibilmente più trascurata insieme alla produzione in questo segmento di aziende. Nella sua azienda qual è oggi il grado di diffusione dei sistemi di Business Intelligence nelle aree aziendali? 1. Marketing e vendite 2. Amministrazione, Finanza e Controllo 3. Direzione Generale 4. Customer Service 5. Produzione e Operations 6. Supply Chain 7. Altro Quali sono le aree in cui la sua azienda dovrebbe investire di più in sistemi di Business Intelligence? 1. Marketing e vendite 2. Direzione Generale 3. Amministrazione, Finanza e Controllo 4. Supply Chain 5. Produzione e Operations 6. CustomerService 7. Altro Figura 25 Le linee di sviluppo della Business Intelligence in azienda Partner della ricerca: Dialog Sistemi e Sinfo-One Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

La Business Intelligence

La Business Intelligence Parte 1 La Business Intelligence Capitolo 1 Cos è la Business Intelligence 1.1 Il sistema informativo aziendale Sempre la pratica dev essere edificata sopra la buona teorica. Leonardo da Vinci Le attività,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Cos è la Businèss Intèlligèncè

Cos è la Businèss Intèlligèncè Cos è la Businèss Intèlligèncè di Alessandro Rezzani Il sistema informativo aziendale... 2 Definizione di Business Intelligence... 6 Il valore della Business Intelligence... 7 La percezione della Business

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli