La BI nelle imprese familiari italiane: i risultati di un indagine quantitativa (a cura di Paolo Pasini e Angela Perego)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La BI nelle imprese familiari italiane: i risultati di un indagine quantitativa (a cura di Paolo Pasini e Angela Perego)"

Transcript

1 La BI nelle imprese familiari italiane: i risultati di un indagine quantitativa (a cura di Paolo Pasini e Angela Perego) Il campione La distribuzione delle aziende del campione rispecchia la composizione del tessuto economico nazionale: più della metà (53%) delle aziende appartengono ai settori dell industria manifatturiera, in prevalenza discreta (47%), e dell industria continua (6%). Tra le aziende appartenenti al settore dell industria manifatturiera sono parecchi i casi di realtà che svolgono la propria attività all interno di distretti industriali con mercati di riferimento spesso internazionali. La restante parte del campione è costituita per il 32% da aziende appartenenti al settore dei servizi, incluse le telecomunicazioni, mentre il restante 15% è equamente suddiviso tra i settori dei servizi di Distribuzione (Commercio all ingrosso e al dettaglio), Servizi Finanziari (Banche/Assicurazioni/Finanza) e Servizi di Pubblica Utilità (Pubblica Amministrazione, Utilities e Sanità). Il campione può essere segmentato anche in funzione della dimensione aziendale: Aziende Piccole: fino 50 milioni di Euro, 57,4%. Aziende Medie: tra 50 e 250 milioni di Euro, 42,6%. Un ulteriore rilevante elemento di analisi è rappresentato dalla figura organizzativa che ha compilato la survey online. Assumendo che l adesione alla ricerca sia stata una dimostrazione di interesse alle tematiche proposte, è possibile ipotizzare che le figure organizzative che hanno compilato il questionario ricoprano ruoli di responsabilità o quantomeno di leadership nella gestione dei processi di gestione delle informazioni nelle proprie aziende o nella progettualità di introduzione e diffusione dei sistemi a supporto. Con questo presupposto risulta significativo il dato secondo il quale la maggior parte dei questionari sia stata compilata da figure appartenenti a funzioni di Business (57,6%) piuttosto che appartenenti alla funzione Sistemi Informativi (42,4%). Servizi 31,8% Distribuzione 5,7% Financial Services 6,8% Industria Continua 5,7% PA, Utilities e Sanità 3,4% Industria Discreta 46,6% Figura 1 La composizione del campione per settore di appartenenza

2 2 Sistemi Informativi; 42,4% Amministrazione e Finanza; 18,8% Commerciale; 21,2% Figura 2 La composizione del campione per figura organizzativa che ha compilato il questionario Direzione Generale; 17,6% Questo dato può testimoniare quanto la diffusione di sistemi di Business Intelligence sia seguita non solo, o non più, in modo esclusivo dalla funzione Sistemi Informativi, seguendo logiche di servizio nei confronti delle funzioni di Business. Si registra, invece, una responsabilità diretta, nonché un presidio delle tecnologie stesse, da parte delle funzioni di Business che ne fanno utilizzo. Tale sbilanciamento risulta più marcato all interno dell industria manifatturiera, settore nel quale la propensione all utilizzo di soluzioni di Business Intelligence sembra maggiore. La distribuzione delle figure organizzative che hanno compilato il questionario tra le funzioni di business è simile tra Amministrazione e Finanza, Commerciale e Direzione Generale. Andando a verificare il dato in dettaglio per dimensioni aziendali, è possibile verificare, come prevedibile, che la compilazione da parte di figure appartenenti alla Direzione Generale è presente quasi unicamente nel caso di aziende più piccole. Allo stesso tempo è interessante sottolineare come il numero di compilatori del questionario appartenenti alla funzione Amministrazione e Finanza, probabilmente direttamente responsabile dei sistemi di Business nelle aziende medie, invece, diminuisca fino ad azzerarsi al crescere delle dimensioni aziendali. La lettura trasversale di questi dati conferma l ipotesi che nelle aziende piccole e medie le tecnologie di gestione delle informazioni siano spesso gestite direttamente dalle funzioni di Business. In questi casi, dal punto di vista organizzativo, la funzione SI è spesso molto piccola, se non inesistente, e le funzioni di Business si dotano autonomamente di soluzioni e tecnologie atte a soddisfare le proprie necessità. Al crescere delle dimensioni aziendali e conseguentemente della complessità organizzativa, tecnica e architetturale di gestione dei flussi informativi, la funzione SI comunemente torna a essere responsabile dell introduzione e della diffusione dei sistemi di BI verso le altre funzioni. A conferma di ciò, la compilazione del questionario da parte di figure identificate con ruoli di responsabilità nell ambito della Business Intelligence ( BI manager, Application Manager, etc.) è limitata alle sole aziende di dimensioni medie Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

3 3 L organizzazione e la proprietà Ulteriore elemento importante per l analisi dei dati raccolti è la classificazione dell assetto proprietario e la definizione del modello di governance prevalente in azienda. Per quanto riguarda l assetto proprietario, la maggior parte delle aziende (6) si è riconosciuta nella forma di proprietà detenuta ed esercitata da un unico soggetto imprenditore o da un unica famiglia. Nella restante parte del campione la maggior parte delle aziende (17%) indica un assetto proprietario caratterizzato da una maggioranza detenuta da un unico imprenditore e da pochi altri soggetti istituzionali o imprenditori singoli. In riferimento, invece, ai modelli di governance, si sono indagati il modello individuale (l'imprenditore decide), il modello collegiale familiare (più esponenti della famiglia di controllo sono coinvolti attivamente nelle decisioni strategiche) e il modello collegiale manageriale (oltre alla famiglia o all'imprenditore partecipano attivamente alle decisioni strategiche anche manager assunti dall'esterno in posizioni chiave dell'azienda). Una considerevole parte delle aziende del campione (35%) ragiona su modelli di governo familiari o addirittura individuali, fenomeno più accentuato nelle aziende più piccole (48%). È importante evidenziare, parallelamente, quanto un numero significativo di aziende, seppur classificatesi come aziende a proprietà ristretta, muovano invece strategia e governance aziendali secondo modelli collegiali e manageriali, secondo i quali anche il management esterno, posto in posizioni chiave, partecipa insieme alla famiglia alle decisioni strategiche. Questo elemento è indice di un significativo grado di maturità manageriale, anche nelle aziende minori e a proprietà individuale, che conduce spesso a un atteggiamento aperto, o perlomeno esplorativo, verso l innovazione. Non sembra esserci alcuna correlazione significativa tra il modello di governo aziendale e la diffusione interna delle competenze IT, anche in termini di presenza di una funzione SI. Quale tra queste casistiche rappresenta più da vicino l'assetto proprietario della sua azienda? proprietario unico/imprenditore/famiglia 60,2% proprietà molto frammentata 13,6% imprenditore e pochi/grandi soggetti istituzionali o imprenditori singoli imprenditore e molti proprietari istituzionali e molti piccoli azionisti 9,1% 17, Figura 3 La composizione del campione per assetto proprietario Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

4 4 7 Qual è il modello di governo prevalente? 64,8% ,5% 14,8% modello collegiale familiare modello collegiale manageriale modello individuale Figura 4 La composizione del campione per modello di governance Infatti, non sono rari i casi in cui, in corrispondenza di modelli di governance individuale, si riscontra una maggior diffusione dell Information Technology in azienda, dipendendo essa da una forte convinzione e determinazione dell imprenditore che decide di investire ampiamente in IT. Tali situazioni inducono a pensare come la diffusione di strumenti tecnologici, quali possono essere le soluzioni di Business Intelligence, possano anche e soprattutto derivare direttamente dall orientamento positivo all innovazione dei processi e dei modelli aziendali, e conseguentemente dal commitment in prima persona dell imprenditore o della proprietà. In termini generali il dato dimostra comunque una significativa familiarità anche da parte delle aziende di minori dimensioni con l impiego e la diffusione interna di strumenti tecnologici per il governo dei flussi informativi. Questo fenomeno può essere interpretato anche come reazione organizzativa per sopperire alla mancanza, spesso in aziende più piccole, di una vera e propria struttura IT di riferimento. Ad ogni modo sembra in parte attenuato il mito della correlazione tra le competenze aziendali sulla BI e le dimensioni aziendali: nonostante si confermi la maggior competenza tecnica presente in aziende che dispongono di una funzione SI dedicata, bisogna altresì rilevare l intraprendenza delle aziende minori nell introduzione e diffusione delle tecnologie di Business. Come ulteriore elemento di profilazione del campione, si è osservato che il 77,5% delle aziende dispone di un sistema gestionale di tipo ERP, implementato prevalentemente (65% dei casi) utilizzando un pacchetto software di mercato e solo nel 23% dei casi tramite uno sviluppo completamente custom. In particolare si nota come l implementazione di package di mercato si sia prevalentemente concentrata tra il 2000 e il 2003, con il 4 dei casi, dopo questo boom iniziale il processo di adozione è stato più graduale, portando un altro 4 a implementare un package ERP dal 2004 ad oggi Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

5 5 I processi decisionali aziendali e le soluzioni a supporto Per un migliore inquadramento degli scenari caratteristici all interno dei quali si sviluppano i processi decisionali aziendali, sono state rivolte alcune domande per valutare qualità e quantità delle informazioni a supporto del controllo direzionale e per identificare quali siano le principali difficoltà nell impiego di tali informazioni. Il supporto informativo ai processi decisionali interni è stato misurato in termini di: usabilità, accessibilità, tempestività/aggiornamento delle informazioni; significatività e affidabilità delle informazioni; completezza delle informazioni prodotte. Per quanto riguarda il primo di questi punti, la maggior parte delle aziende valuta il grado di reperibilità (accessibilità delle informazioni), il grado di utilizzabilità e trasferibilità (manipolazione e trasferimento delle informazioni) e il grado di tempestività (disponibilità immediata delle informazioni) di livello alto, con un punteggio pari a 4 o 5 (su una scala da 1 a 5). Tra i diversi fattori misurati, la mancanza di tempestività nella disponibilità di informazioni è quello percepito in modo più negativo, un giudizio leggermente migliore è dato alle problematiche di trasferibilità. A conferma di ciò si nota che il 28% delle aziende giudica insoddisfacente (attribuendo un punteggio pari a 1 e 2 su una scala da 1 a 5) il grado attuale di tempestività dei dati, mentre tale giudizio negativo è attributo all accessibilità ai dati solo dal 15% delle imprese appartenenti al campione. Questa tendenza, in termini di settore, sembra essere ancora più accentuata nella Distribuzione che presenta un giudizio sensibilmente più positivo su questi parametri di qualità e quantità delle informazioni disponibili. Anche la misurazione di quanto il supporto informativo a disposizione sia in grado di coprire le esigenze in termini di significatività e affidabilità porta a risultati decisamente positivi, con una porzione di aziende pari circa alla metà del campione che definisce la propria realtà organizzativa con un grado di giudizio alto (pari ad un punteggio compreso tra 4 e 5 su una scala da 1 a 5). Il 53% delle aziende giudica in questo modo la capacità di usufruire di informazioni rilevanti rispetto ai fenomeni da controllare e le prestazioni da analizzare e il 64% assegna il medesimo punteggio alto al grado di disponibilità, affidabilità e correttezza delle informazioni Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

6 ,6% Qual è il grado di accessibilità, trasferibilità e tempestività delle informazioni nella sua azienda? 34,8% 50,6% 49,4% 19,1% 31,5% 28,1% 25,8% Accessibilità Trasferibilità Tempestività 46,1% A -Basso B -Medio C -Alto Figura 5 Il grado di accessibilità, trasferibilità e tempestività delle informazioni Qual è il grado di significatività e affidabilità delle informazioni nella sua azienda? 36, 52,8% 11,2% 11,2% Significatività 24,7% Affidabilità 64, A -Basso B -Medio C -Alto Figura 6 Il grado di significatività e affidabilità delle informazioni I risultati dell analisi lasciano in ogni modo trasparire la presenza di margini di miglioramento nelle prassi e nelle soluzioni adottate dalle aziende nella gestione delle informazioni, sia dal punto di vista più strettamente tecnologico, sia dal punto di vista del processo organizzativo. Decisamente inferiori alle valutazioni precedenti, invece, sono i risultati della misurazione in termini di completezza delle informazioni, verificato indagando quanto il Sistema Informativo è in grado di fornire tutte le informazioni necessarie per il controllo e l'analisi delle prestazioni aziendali e quanto può fornire tutte le informazioni necessarie alla direzione per prendere le decisioni tattiche e strategiche. In questo caso si rileva un incidenza maggiore di risposte che si collocano nel range di giudizio basso. Nella valutazione della copertura delle informazioni a fini strategici, si nota, addirittura, come la maggioranza delle imprese (38%) giudichi basso il livello raggiunto. Un approfondimento di analisi in funzione del modello di governo evidenzia però due realtà in contrapposizione: le aziende con un modello di governo collegiale manageriale dichiarano un livello alto di completezza delle informazioni per attività di controllo nel 47% dei casi e di copertura delle informazioni a supporto della strategia nel 32% dei casi, mentre le aziende con un modello di governo collegiale familiare o individuale hanno un 2011 Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

7 7 alto grado di completezza per il controllo nel 19% dei casi e di copertura per la strategia solo nel 16% di imprese Qual è il grado di completezza e e di copertura delle informazioni a supporto del controllo e della strategia nella sua azienda? 31,5% 31,5% 37,1% Completezza per il controllo 38,2% 36, 25,8% Copertura per la strategia A -Basso B -Medio C -Alto Figura 7 Il grado di completezza e di copertura delle informazioni Le informazioni di cui oggi la sua azienda dispone per controllare le prestazioni e decidere nel breve-medio termine sono prevalentemente prodotte da: 25,8% 32,6% 41,6% sistemi di Office sistemi gestionali sistemi di Business Intelligence Figura 8 La fonte delle informazioni aziendali Dettagliando quali siano le soluzioni tecnologiche a supporto dei processi decisionali aziendali, le aziende hanno risposto che nel 33% dei casi i fabbisogni informativi sono coperti direttamente da funzionalità di reportistica disponibili all interno del sistema gestionale. Una porzione di aziende pari al 42% sostiene, invece, di disporre di sistemi specializzati nella raccolta e integrazione, nell'analisi e nella presentazione efficace dei dati per il controllo aziendale e per il supporto alle decisioni manageriali, riconducibili ai sistemi di Business Intelligence. La restante parte, pari al 26%, gestisce, infine, l analisi delle informazioni in modo autonomo attraverso sistemi di produttività individuale, quali il foglio elettronico. Questi risultati in parte sorprendono rispetto ai giudizi mediamente bassi dati precedentemente alla qualità e alla completezza delle informazioni per il controllo e le decisioni aziendali (figure 6, 7 e 8): il 42% di chi sostiene di aver realizzato sistemi di BI evidentemente manifesta carenze in questi sistemi derivanti da implementazioni non sempre di successo o da scoperture informative conseguenti a loro volta da cattive analisi dei requisiti informativi. La tendenza attuale alla progettazione dei sistemi di BI con tecniche user-centriche, prototipali, iterative e 2011 Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

8 8 continue, è la risposta alle difficoltà che oggettivamente spesso si incontrano nella fase di formalizzazione dei Business Requirement. Interessanti elementi emergono dall analisi delle fonti delle informazioni per supportare i processi di controllo e presa di decisione correlata alla forma di governo in uso nelle aziende. In particolare emerge come nelle aziende con un modello di governo di tipo collegiale manageriale (caratterizzato dalla presenza di top manager esterni alla famiglia in posizioni chiave), ci sia una maggiore presenza di sistemi di Business Intelligence (54% dei casi), invece in aziende con modelli di governo maggiormente incentrati sulla figura dell imprenditore o della famiglia (modello individuale e modello collegiale familiare) questa percentuale si riduce al 19%. In secondo luogo, si evidenzia come le aziende con un modello individuale o collegiale familiare utilizzino ancora in modo significativo gli strumenti di Office per scopi direzionali (37,5%), mentre nelle aziende a governo collegiale manageriale la loro rilevanza sia decisamente inferiore, solo il 19%. Infine, si evidenzia come le aziende con un modello individuale o collegiale familiare utilizzino i sistemi gestionali per produrre informazioni direzionali (44%), mentre nelle aziende a governo collegiale manageriale la loro rilevanza sia decisamente inferiore, si assesta al 26%. Ulteriori spunti di analisi emergono dall incrocio di queste risposte con l appartenenza delle aziende ai diversi settori. I sistemi di Business Intelligence risultano infatti più diffusi nei settori della Distribuzione (8) e dei Servizi Finanziari (67%), mentre il soddisfacimento dei fabbisogni di analisi e reportistica attraverso funzionalità del sistema gestionale è più diffuso nei settori dell industria discreta e continua. Una diffusione sensibilmente maggiore dei sistemi di BI si rileva nelle imprese medie rispetto a quelle piccole, ed è interessante notare come al diminuire delle dimensioni aziendali, aumenti la percentuale di impiego di funzionalità di analisi e reportistica proprie del sistema gestionale, mentre rimanga sostanzialmente invariato il peso dell impiego di strumenti di produttività individuale Le informazioni di cui oggi la sua azienda dispone per controllare le prestazioni e decidere nel breve-medio termine sono prevalentemente prodotte da: 37,5% 19,3% 43,8% 26,3% 18,8% 54,4% sistemi di Office sistemi gestionali sistemi di Business Intelligence Modello collegiale familiare e Modello Individuale Modello Collegiale manageriale Figura 9 La fonte delle informazioni aziendali per modello di governo 2011 Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

9 9 Le informazioni di cui oggi la sua azienda dispone per controllare le prestazioni e decidere nel breve-medio termine sono prevalentemente prodotte da: Distribuzione Financial Services Industria Continua Industria Discreta PA, Utilities e Sanità Servizi sistemi di Office sistemi gestionali sistemi di Business Intelligence Figura 10 La fonte delle informazioni aziendali per settore L orizzonte temporale coperto dai sistemi di BI è un altro aspetto interessante per capire quale sia il reale fabbisogno. A conferma di un orientamento già noto a ricercare soluzioni predittive e di supporto ai processi previsionali, quasi la metà delle aziende (43%) considera che sia di massima rilevanza disporre di sistemi in grado di formulare ipotesi sul futuro. Il dato è confermato dal fatto che, a fronte della stessa domanda, solo il delle aziende considera oggi rilevante avere a disposizione sistemi che analizzano il passato e spiegano cosa è successo, ed ancor meno, 17%, sistemi che analizzano il presente e spiegano cosa sta succedendo. Interessante è l incrocio di quest ultima domanda, relativa all orizzonte temporale di maggior interesse delle analisi condotte sui flussi informativi aziendali a disposizione, e la domanda precedente, sulla tipologia di sistemi oggi presenti in azienda a supporto di tali attività. Da una parte è possibile verificare come l incidenza delle aziende in cui la principale fonte di informazioni è costituita dal sistema gestionale, cresce al crescere della rilevanza attribuita a sistemi in grado di analizzare il passato e spiegare cosa è successo. Non è, invece, possibile sostenere pienamente che le aziende che auspicano sistemi rivolti al futuro e al cosa succederà, allo stesso tempo gestiscano le proprie informazioni prevalentemente attraverso strumenti di Business Intelligence: da una parte la percentuale delle aziende che dispongono di soluzioni di Business Intelligence cresce al crescere della rilevanza attribuita alle soluzioni simulative e predittive; dall altra, però, nelle stesse aziende si registra un sostanziale equilibrio nell utilizzo di sistemi gestionali, di Business Intelligence e di produttività individuale. Quest ultima osservazione, e in particolare l alta percentuale relativa di impiego di strumenti di Office, si spiega con il fatto che le analisi e le previsioni sul futuro comportano la necessità di disporre di una forte integrazione tra componenti tecnologiche e competenze di 2011 Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

10 10 dominio (marketing, business development, etc.), spesso fuse insieme all interno di questi ambienti software di lavoro già ben conosciuti e percepiti come molto usabili. 6 Qual è il grado di rilevanza dei sistemi che spiegano il passato, di quelli che spiegano il presente e di quelli che spiegano il futuro? 5 43,2% 47,7% 43,2% 4 36,4% 35,2% 35,2% 3 20,5% 17, 21,6% A -Basso B -Medio C -Alto Passato Presente Futuro Figura 11 La rilevanza delle informazioni aziendali per analizzare il passato, il presente e il futuro Inoltre, se si correlano i sistemi di BI con diversi orizzonti temporali al modello di governo, si può osservare che i due modelli considerati nell indagine, differiscono in modo significativo per l importanza assegnata ai sistemi di BI orientati al futuro (simulazioni, scenari, previsioni, predizioni, etc.). Infatti nel modello individuale/familiare il 59% delle aziende attribuisce loro una rilevanza alta, mentre nel modello collegiale manageriale tale percentuale scende al 33%. Infine, è rilevante evidenziare i risultati derivanti dall incrocio della domanda sulla rilevanza attribuita dalle aziende a sistemi con capacità previsione e simulazione e il settore di appartenenza delle aziende stesse Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

11 Qual è il grado di rilevanza dei sistemi che spiegano il passato, di quelli che spiegano il presente e di quelli che spiegano il futuro? 53,1% 43,8% 59,4% ,3% 25, 28,1% 25, A -Basso 18,8% 15,6% B -Medio C -Alto - Passato Presente Futuro Aziende che hanno adottato un modello di governo collegiale familiare o individuale Figura 12 La rilevanza delle informazioni aziendali per analizzare il passato, il presente e il futuro nelle aziende con un modello di governo collegiale familiare o individuale 6 Qual è il grado di rilevanza dei sistemi che spiegano il passato, di quelli che spiegano il presente e di quelli che spiegano il futuro? ,1% 38,6% 38,6% 45,6% 40,4% 33,3% 3 26,3% A -Basso 19,3% 15,8% B -Medio C -Alto Passato Presente Futuro Aziende che hanno adottato un modello di governo collegiale managerale Figura 13 La rilevanza delle informazioni aziendali per analizzare il passato, il presente e il futuro nelle aziende con un modello di governo collegiale manageriale 2011 Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

12 12 C -Alto B -Medio A -Basso Distribuzione Financial Services Industria Continua Industria Discreta PA, Utilities e Sanità Servizi Figura 14 La rilevanza delle informazioni aziendali per analizzare il futuro, per settore L interesse per sistemi predittivi e di supporto a processi previsionali è maggiore nelle aziende appartenenti al settore industriale, probabilmente per le esigenze sempre più stringenti di pianificazione della capacità produttiva e programmazione di costi e investimenti. Allo stesso modo tale interesse è progressivamente superiore al crescere della dimensione aziendale: questo fenomeno è probabilmente da intendersi come raggiungimento, da parte di queste aziende, della soglia di fatturato e dimensioni critiche per intraprendere un cammino di espansione verso nuovi canali, nuovi mercati e nuovi prodotti, indispensabile oggi per la sopravvivenza stessa dell azienda, soprattutto di piccole e medie dimensioni. In questo scenario l interesse per strumenti predittivi che permettano di sostenere e indirizzare scelte strategiche e politiche commerciali è maggiormente sentito dalle aziende che hanno raggiunto dimensioni medie. Le prospettive della BI nelle imprese che non l hanno ancora adottata Come visto nel paragrafo precedente, il 58% delle imprese del campione dell indagine ha dichiarato di utilizzare sistemi di informatica individuale o report prodotti dai sistemi gestionali per supportare le attività di controllo e il processo decisionale aziendale. Le motivazione di questa non adozione dei sistemi di Business intelligence è in prima istanza imputata alla mancanza di uno sponsor direzionale forte. Questa, insieme alla mancanza di risorse IT interne o esterne, è sicuramente un indicatore della ridotta disponibilità di competenze, sia dal lato del business, sia dal lato dei sistemi informativi, per introdurre e gestire in azienda una tale tipologia di sistemi. Anche l aspetto economico emerge un ostacolo, da sempre discusso: la difficoltà, reale o percepita, di quantificare l impegno necessario nella progettazione dei sistemi di Business Intelligence ancora oggi è un forte deterrente, soprattutto se a questa si aggiunge la difficoltà di calcolare il ritorno dell investimento Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

13 13 Sembra, invece, destare poca preoccupazione la qualità dei dati provenienti dai sistemi gestionali, forse perché tema ormai molto bene presidiato, e la mancanza di best practice nei settori di riferimento. A suo avviso perché non sono ancora stati introdotti nella sua azienda sistemi specifici per l'analisi e la visualizzazione dei dati (sistemi di Business Intelligence)? mancanza di un reale sponsor direzionale interno 39,1% investimenti e costi crescenti e di difficile previsione 37, scarsità di risorse competenti IT interne o esterne fisiologica mancanza di tempo da parte dei manager per l'intelligence e l'analisi dei dati incapacità di gestire il processo di "change management" sottostante tecnologie poco usabili dagli utenti difficile coinvolgimento della funzione amministrativa/controller dati provenienti dal sistema amministrativo-gestionale poco aggiornati o affidabili aspettative disattese ed insuccessi riportati da precedenti esperienze mancanza di best practice e di benchmarking nel nostro settore 30,4% 26,1% 21,7% 17,4% 13, 10,9% 10,9% 8,7% Figura 15 Le motivazioni della non adozione dei sistemi di Business Intelligence Persistono, inoltre, alcune preoccupazioni sulla capacità di gestire il necessario cambio culturale e quindi il c.d. Change Management che questi sistemi richiedono. Allo stesso modo alcuni considerano ancora queste tecnologie poco user-friendly, questa osservazione può avere fondamento se rapportata a una possibile popolazione utente non particolarmente abituata all uso delle tecnologie in generale. Stesso discorso può essere fatto in riferimento al fatto che più del 26% delle aziende del campione indica, come ostacolo all introduzione dei sistemi di Business Intelligence, la mancanza di tempo da parte dei manager da dedicare proprio all analisi dei dati. Questo dato può essere letto utilizzando due chiavi di lettura: da un lato in questa tipologia di aziende tutte le figure aziendali, anche quelle di più alto livello, sono assorbite molto dall operatività e, a meno di particolari problematiche o cambiamenti aziendali o di mercato, si affidano alla loro profonda conoscenza dell azienda e delle dinamiche di mercato per prendere decisioni e definire le linee di azione aziendali; dall altro lato la poca conoscenza degli strumenti di Business Intelligence, li fa percepire come strumenti molto complessi e laboriosi che richiedono l investimento di numerose risorse di tempo per poter ottenere dei risultati efficaci Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

14 14 Questi ostacoli però sono considerati superabili da circa il 7 delle aziende che ha, infatti, comunque pianificato l introduzione dei sistemi di Business Intelligence nel breve e medio periodo. Di contro il 33% delle aziende non prevedono di investire in questi sistemi. Dall analisi dei dati raccolti emerge come le aziende che intendono introdurre sistemi di Business Intelligence in azienda sono decisamente orientate verso soluzioni specifiche e generalmente non offerte dai loro attuali fornitori dei sistemi gestionali. Questo è un forte segnale della consapevolezza che avere una buona expertise nel mondo dei sistemi gestionali non è garanzia di altrettante riconosciute competenze nel campo dei sistemi di BI. In aggiunta, probabilmente per diversificare il rischio, non si vuole essere completamente dipendenti da un unico fornitore software. Una parte delle aziende del campione, il 20,4 %, ritiene, invece, più opportuno procedere alla realizzazione in casa di una soluzione perfettamente aderente alle proprie esigenze. Infine molto ridotta è la percentuale di aziende che intende risolvere i problemi di controllo e supporto decisionale con soluzioni di informatica individuale, in particolare strumenti di Office. Questo sottolinea ulteriormente la consapevolezza esistente sulla natura particolare e specifica degli strumenti di Business Intelligence, che non possono e non devono essere confusi con strumenti c.d. general purpose di informatica individuale. Nella sua azienda l'introduzione di sistemi di Business Intelligence è: 4 33,3% 33,3% 3 18,8% 14,6% in corso di valutazione prevista entro i prossimi 12 mesi pianificata oltre l'anno non prevista Figura 16 - La pianificazione degli investimenti in sistemi di Business Intelligence L'orientamento nella scelta dei sistemi di Business Intelligence sarà più probabilmente verso l'adozione di: strumenti di Office 10,2% sistemi di BI realizzati in casa con sviluppo prevalentemente custom soluzioni specializzate di fornitori diversi dall'attuale fornitore del sistema ERP 20,4% 51, soluzioni del fornitore del sistema ERP 18,4% Figura 17 Le tipologie di sistemi di Business Intelligence Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

15 15 Nella sua azienda, l'adozione di un sistema di Business Intelligence sarà: la risposta ad un contesto competitivo sempre più aggressivo la risposta all'evoluzione del business e dell'organizzazione aziendale la naturale evoluzione del sistema ERP 14,9% 19,1% 66, Figura 18 Le motivazioni che spingono all adozione di sistemi di Business Intelligence L indagine evidenza, poi, come la scelta di introdurre i sistemi di Business Intelligence in azienda sia soprattutto dettata da un evoluzione dell azienda stessa sia in termini di aumento di complessità del business (dimensioni, internazionalizzazione, diversificazione di prodotto e/o mercato, etc.) sia di cambiamento dell organizzazione aziendale (nuove strutture di vendita, creazione di funzioni centrali come sharedservices, nuove strutture di responsabilizzazione economica, etc.). Solo il 14,9% delle aziende del campione, percepisce i sistemi di Business Intelligence come la naturale evoluzione dei sistemi gestionali, percezione, invece, molto diffusa negli anni passati. Lo sviluppo della BI nelle imprese che l hanno già adottata Il 41,6% delle aziende del campione hanno dichiarato di aver già adottato strumenti di Business Intelligence nelle proprie aziende. In particolare dai dati raccolti emerge come l esperienza di più di un terzo delle aziende risalga a prima del 2004, il 33,3% delle aziende hanno avviato l introduzione di questi sistemi tra il 2004 e il 2006 e il restante 30,6% ha iniziato questo percorso negli ultimi anni. Per quanto riguarda le scelte fatte dalle aziende in termini di soluzioni, i risultati confermano sostanzialmente quanto espresso dalle aziende che intendono adottare a breve strumenti di Business Intelligence Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

16 In quale anno è stata introdotta la Business Intelligence nella sua azienda? 25, 33,3% 11,1% 13,9% 16,7% prima del 2000 tra il 2000 e il 2003 tra il 2004 e il 2006 tra il 2007 e il 2009 dopo il 2009 Figura 19 L anzianità dei sistemi di Business Intelligence L'orientamento nella scelta dei sistemi di Business Intelligence è stato verso l'adozione di: strumenti di Office 0, sistemi di BI realizzati in casa con sviluppo prevalentemente custom soluzioni specializzate di fornitori diversi dall'attuale fornitore del sistema ERP 31, 50, soluzioni del fornitore del sistema ERP 19, Figura 20 - Le tipologie di sistemi di Business Intelligence La metà delle aziende del campione ha, infatti, adottato soluzioni specializzate offerte da fornitori diversi dai fornitori di sistemi gestionali, poco più di un terzo delle aziende ha realizzato in casa il proprio sistema, il 19% invece si è appoggiato sulle soluzioni del fornitore attuale dei sistemi gestionali e nessuno ha utilizzato strumenti di office. Allo stesso modo la decisione di adottare soluzioni di Business Intelligence è stata, per la maggioranza delle imprese del campione, dettata dall evoluzione del business e dell organizzazione aziendale. Per il 21,6% delle aziende, invece, è la risposta all aumento di competitività del contesto in cui la proprio azienda opera. Infine il 13,5% del campione la considera la naturale evoluzione dei sistemi gestionali. Anche in questo caso si nota come ciò che è stato fatto e vissuto dalle aziende che hanno già esperienza nei sistemi di Business Intelligence trova riscontro nelle intenzioni e nelle percezioni delle aziende che devono ancora intraprendere questo percorso. Questo suggerisce un processo di condivisione delle esperienze fatte e di conseguenza una trasmissione degli elementi culturali di base più significativi che portano le aziende a far tesoro delle esperienze delle altre aziende e ad affrontare il processo di adozione dei sistemi di Business Intelligence, consci delle problematiche più comuni e delle modalità da adottare per risolverle Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

17 17 L analisi dei dati raccolti evidenza come l IT manager abbia un ruolo centrale e proattivo nella fase decisionale. Infatti, in quasi la metà delle aziende, questa figura è colui che ha deciso l introduzione dell attuale sistema di Business Intelligence. Nella sua azienda, l'adozione di un sistema di Business Intelligence è stata: la risposta ad un contesto competitivo sempre più aggressivo la risposta all'evoluzione del business e dell'organizzazione aziendale 21,6% 64,9% la naturale evoluzione del sistema ERP 13,5% Figura 21 - Le motivazioni della necessità di disporre di sistemi di Business Intelligence Chi ha deciso l'introduzione degli attuali sistemi di Business Intelligence? un consulente IT esterno un consulente direzionale esterno 2,4% 2,4% l'it manager 47,6% il direttore amministrativo l'ad o il DG (non appartenente alla famiglia imprenditoriale) l'imprenditore 11,9% 14,3% 21,4% Figura 22 La figura del decisore Con una incidenza decisamente inferiore, il ruolo del decisore è ricoperto anche dall amministratore delegato (21,4%), dall imprenditore (14,3%) o dal direttore amministrativo (11,9%). Questi dati sottolineano come una tale decisione è presa internamente all azienda, ed eventuali consulenti esterni hanno un ruolo assolutamente marginale o di supporto. Non marginale però è il ruolo del partner IT nella fase di implementazione. In particolare il suo contributo risiede principalmente nelle elevate competenze tecniche e di prodotto e in una expertise sicuramente più ampia sulle modalità di progettazione, realizzazione, avviamento e utilizzo dei sistemi di Business Intelligence. Colpisce nuovamente la scarsa rilevanza assegnata ai metodi di progettazione agili, usercentrici, iterativi (11%), metodi oggi in forte diffusione soprattutto per la componente dei sistemi di BI più decisionali (simulativi, scenari, modelli decisionali e predittivi, etc.), forse ancora poco diffusi in questo segmento di aziende che rivolge la sua attenzione più ai sistemi di reporting, analisi e KPI Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

18 18 Qual è stato il contributo del partner IT che ha implementato i sistemi di Business Intelligence nella sua azienda? competenze tecniche o di prodotto sw competenze più ampie di Business Intelligence 44,4% 50, project management advisor/consulente di business introduzione metodi di progetto snelli, veloci, iterativi, prototipali altro 2,8% 11,1% 25, 22,2% Figura 23 Il contributo del partner IT Minori sono, invece, i contributi di competenze di project management o di business consulting: solo il 25% delle aziende ha intravvisto nel project management il valore offerto dal partner IT, mentre il 22,2% gli riconosce un ruolo di consulente di business. I benefici apportati dai sistemi di Business Intelligence dichiarati dalle aziende del campione riguardano principalmente la qualità delle informazioni e la capacità di interpretazione del business. Più dell 8 delle aziende, infatti, indica un miglioramento della qualità delle informazioni disponibili e quasi il 64% la possibilità di disporre di maggiori informazioni in tempi minori con un aumento della capacità di rispondere a eventi imprevisti. Il 72,2% delle aziende, invece, associa l introduzione dei sistemi di Business Intelligence a benefici in termini di aumento della capacità di controllo aziendale e alla possibilità di applicare nuovi modelli interpretativi del business (nuove segmentazioni della clientela target, nuove azioni commerciali collegate a nuovi mix di prodotti/canali a marginalità superiore, varie forme di discriminazioni di prezzo, etc.). L analisi del grado di diffusione della Business Intelligence evidenzia come le aree maggiormente coperte siano quelle del marketing, delle vendite, dell amministrazione, finanza e controllo e della direzione generale. Le aree con i gradi di diffusione minore sono, invece, la produzione e la supply chain. Ciò nonostante, il grado di copertura non è ancora ritenuto sufficiente e quindi le aziende del campione ritengono di dover continuare a investire in queste aree Osservatorio BI SDA Bocconi, School of Management;

19 19 Nella sua azienda, quali benefici ha portato l'introduzione dei sistemi di Business Intelligence? miglioramento della qualità delle informazioni disponibili aumento della capacità di controllo e nuovi modelli di interpretazione del business maggiore disponibilità di informazioni e in tempi minori e maggiore reazione ad eventi imprevisti 63,9% 72,2% 80,6% miglioramento della qualità dei dati nei sistemi gestionali 27,8% aumento della capacità previsionale ideazione e lancio di nuovi business (nuovi prodotti/servizi o nuovi mercati) miglioramento dei processi amministrativi (ad esempio chiusure mensili) 13,9% 11,1% 19,4% miglioramento della situazione finanziaria aziendale 5,6% Figura 24 I benefici portati dai sistemi di Business Intelligence Si nota, infine, come si inizi a percepire l esigenza di investire anche nell area della supply chain che, fino ad oggi, è stata sensibilmente più trascurata insieme alla produzione in questo segmento di aziende. Nella sua azienda qual è oggi il grado di diffusione dei sistemi di Business Intelligence nelle aree aziendali? 1. Marketing e vendite 2. Amministrazione, Finanza e Controllo 3. Direzione Generale 4. Customer Service 5. Produzione e Operations 6. Supply Chain 7. Altro Quali sono le aree in cui la sua azienda dovrebbe investire di più in sistemi di Business Intelligence? 1. Marketing e vendite 2. Direzione Generale 3. Amministrazione, Finanza e Controllo 4. Supply Chain 5. Produzione e Operations 6. CustomerService 7. Altro Figura 25 Le linee di sviluppo della Business Intelligence in azienda Partner della ricerca: Dialog Sistemi e Sinfo-One Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi, School of Management;

Claudio Demattè. Osservatorio Business Intelligence. Le practice e le modalità di adozione della BI nelle imprese familiari italiane

Claudio Demattè. Osservatorio Business Intelligence. Le practice e le modalità di adozione della BI nelle imprese familiari italiane Divisione Ricerche Claudio Demattè Osservatorio Business Intelligence Le practice e le modalità di adozione della BI nelle imprese familiari italiane Novembre 2011 Copyright Osservatorio Business Intelligence

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI

MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI Indagine su un campione di PMI che utilizzano Microsoft Dynamics NAV A cura di: consulting Quali sono i principali vantaggi di Microsoft Dynamics NAV? CARATTERISTICHE

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002 Azienda Speciale Camera di Commercio di Lecco LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 22 UNA SINTESI DEI RISULTATI In collaborazione con Versione st/15 aprile 25 Progetto Laboratorio

Dettagli

Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor

Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor Stefano Mainetti mainetti@fondazionepolitecnico.it Tavola rotonda di Zerouno Milano, 12 giugno 2008 Agenda Ecosistema

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

SDA Bocconi School of Management Dimensioni di complessità aziendale e valore dei Sistemi Informativi. Severino Meregalli, Gianluca Salviotti

SDA Bocconi School of Management Dimensioni di complessità aziendale e valore dei Sistemi Informativi. Severino Meregalli, Gianluca Salviotti SDA Bocconi School of Management Dimensioni di complessità aziendale e valore dei Sistemi Informativi Severino Meregalli, Gianluca Salviotti SDA Bocconi School SAP of Bozza of Management per la discussione

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Il Check-up dell innovazione, edizione 2008-09

Il Check-up dell innovazione, edizione 2008-09 Il Check-up dell innovazione, edizione 2008-09 Paolo Pasini Professore di Sistemi Informativi Direttore Osservatorio Business Intelligence e Performance Management Filippo Fabrocini Business Development

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA Per Il settore in cifre presentiamo il rapporto sulle esigenze formative del settore sicurezza, realizzato da Sicurservizi per conto

Dettagli

Il data warehouse nelle aziende italiane

Il data warehouse nelle aziende italiane Byte Italia n.10 - vembre 1998 di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Il nuovo ruolo dell Information Technology aziendale è quello di fornire al top management informazioni rapide ed efficaci sulle quali

Dettagli

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo?

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Il Marketing Interno per valorizzare la Funzione Acquisti Milano, 6 Novembre 2014 PROCUREMENT HOUR La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Indice

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

I Sistemi Informativi Direzionali. I reporting direzionali

I Sistemi Informativi Direzionali. I reporting direzionali I Sistemi Informativi Direzionali I reporting direzionali Concezioni del controllo Concezione tradizionale valutare l efficienza, l onestà e la diligenza dei dipendenti Concezione moderna (p.e. Anthony)

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Digitalizzare i processi aziendali

Digitalizzare i processi aziendali CDR - Claudio Dematté Research Digitalizzare i processi aziendali Stato dell arte e innovazione delle soluzioni gestionali 27 ottobre 2015 per Digital Transformation: esempi di Tag cloud 2 Il contesto

Dettagli

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI ANALISI SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI Descrizione dell indagine e del panel utilizzato L associazione itsmf Italia

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

mysap ERP: IL VOSTRO SETTORE. IL VOSTRO BUSINESS. IL VOSTRO FUTURO.

mysap ERP: IL VOSTRO SETTORE. IL VOSTRO BUSINESS. IL VOSTRO FUTURO. mysap ERP mysap ERP mysap ERP: IL VOSTRO SETTORE. IL VOSTRO BUSINESS. IL VOSTRO FUTURO. mysap ERP è la soluzione più completa esistente sul mercato internazionale, progettata in modo specifico per soddisfare

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

TiQ Green Energy Management: La soluzione IT per il continuo miglioramento dell utlizzo dell energia. You cannot Manage What you cannot Measure

TiQ Green Energy Management: La soluzione IT per il continuo miglioramento dell utlizzo dell energia. You cannot Manage What you cannot Measure TiQ Green Energy Management: La soluzione IT per il continuo miglioramento dell utlizzo dell energia You cannot Manage What you cannot Measure 1. Moduli di GEM Energy Monitoring Misurare è il primo passo

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Il processo di managerializzazione delle PMI. Ostacoli tipici e condizioni di successo. Gianluca Cinti Barbara Giurlanda

Il processo di managerializzazione delle PMI. Ostacoli tipici e condizioni di successo. Gianluca Cinti Barbara Giurlanda Il processo di managerializzazione delle PMI. Ostacoli tipici e condizioni di successo Gianluca Cinti Barbara Giurlanda 1 Indice 1. Obiettivi del documento 2. PMI e processi di managerializzazione 3. L

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel

IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel Fondo Interbancario: IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel Indice Gli impegni normativi Gli impatti L approccio Banksiel Le soluzioni Banksiel Case study 2 Gli impegni normativi 3 Gli impegni normativi

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

Investi in conoscenza, il rendimento è garantito.

Investi in conoscenza, il rendimento è garantito. Investi in conoscenza, il rendimento è garantito. CATALOGO CORSI 2013/2014 INDICE AREE CORSI Area Commerciale e Marketing Area Innovazione PAG 04 PAG 07 Area Organizzazione e Risorse Umane Area Economico

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA Microsoft Dynamics: soluzioni gestionali per l azienda Le soluzioni software per il business cercano, sempre più, di offrire funzionalità avanzate

Dettagli

SDA Bocconi School of Management per Unindustria Reggio Emilia. Percorso formativo per Responsabili Sistemi Informativi"

SDA Bocconi School of Management per Unindustria Reggio Emilia. Percorso formativo per Responsabili Sistemi Informativi SDA Bocconi School of Management per Unindustria Reggio Emilia Percorso formativo per Responsabili Sistemi Informativi" 1 Il percorso formativo 2 L idea della formazione per Unindustria Reggio Emilia In

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

Una nuova generazione per l albergo di domani

Una nuova generazione per l albergo di domani I Una nuova generazione per l albergo di domani Indagine su come i giovanni vedono il proprio futuro professionale. Lettura assai utile anche ai senior Il Gruppo Giovani Albergatori sta vivendo una stagione

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Agenda. I. Descrizione questionario. II. Risultati ed evidenze. III. Regione Sicilia: focus. Obiettivi della ricerca

Agenda. I. Descrizione questionario. II. Risultati ed evidenze. III. Regione Sicilia: focus. Obiettivi della ricerca Agenda I. Descrizione questionario Obiettivi della ricerca Caratteristiche campione analizzato II. Risultati ed evidenze III. Regione Sicilia: focus 2 Agenda I. Descrizione questionario 3 I. Descrizione

Dettagli

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE Executive summary DNV GL - BUSINESS ASSURANCE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Sommario Introduzione Metodologia e campione della ricerca Analisi dello scenario attuale Gestione della salute e sicurezza sul

Dettagli

STRATEGIC Management Partners

STRATEGIC Management Partners STRATEGIC Management Partners Strategic Report Creare un vantaggio competitivo nella relazione IT e business Gianluca Quarto Sintesi 2 E un dato di fatto che i sistemi informatici rappresentano uno strumento

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.1 Gestire

Dettagli

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI Siamo ancora in tempo Questo è l anno in cui lo scenario competitivo nel quale si muovono le PMI italiane è difficile come non mai in passato. L affiancamento di un Partner qualificato qual è implica per

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale Academy Lindt Academy Percorso di Formazione Manageriale EDIZIONE 2010-2011 Academy Da dove siamo partiti Dal desiderio di definire un percorso che miri a soddisfare i fabbisogni formativi di giovani con

Dettagli

SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI

SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI Analisi fabbisogni su campione di aziende della provincia di Firenze 2007-2008 Firenze,

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Banking & Financial Diploma Percorso base

Banking & Financial Diploma Percorso base Banking & Financial Diploma Sono oggi più di 3.000 i partecipanti che hanno conseguito l Attestato ABI di professionalità bancaria e finanziaria, con risultati eccellenti in termini di crescita personale

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

SCG 01 Appunti slides

SCG 01 Appunti slides SCG 01 Appunti slides il successo o l insuccesso del CdG è conseguenza dell adeguatezza o meno al grado di complessità dei problemi di governo d impresa 4 Le carenze nel controllo di gestione. 2 domande:

Dettagli

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 Evento organizzato in collaborazione con Digital Government: in fondo alle classifiche Il grado di digitalizzazione

Dettagli

sfide del ventunesimo Secolo

sfide del ventunesimo Secolo 21 Century Finance Survey Ottimizzare i le potenzialità, garantire i risultati. ti Il CFO di fronte alle sfide del ventunesimo Secolo Copyright 2013 - Business International È vietata la riproduzione,

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

La BI secondo Information Builders

La BI secondo Information Builders Page 1 of 6 Data Manager Online Pubblicata su Data Manager Online (http://www.datamanager.it) Home > La BI secondo Information Builders La BI secondo Information Builders La BI secondo Information Builders

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

QUANTO EMERGE DAL 15 RAPPORTO sulle retribuzioni

QUANTO EMERGE DAL 15 RAPPORTO sulle retribuzioni SEGNALI IN BUSTA PA Per la prima volta dopo cinque anni, nel tengono le retribuzioni nonostante il calo dell occupazione. Un segnale buono anche se per considerarlo l inizio di una fase specifica è necessaria

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Architetture IT nelle imprese della Puglia: stato di adozione e principali trend in atto. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano

Architetture IT nelle imprese della Puglia: stato di adozione e principali trend in atto. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano Architetture IT nelle imprese della Puglia: stato di adozione e principali trend in atto Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 1 Gli obiettivi e la metodologia della Ricerca Gli obiettivi

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

IL MONITORAGGIO DEI COSTI DI FUNZIONAMENTO

IL MONITORAGGIO DEI COSTI DI FUNZIONAMENTO IL MONITORAGGIO DEI COSTI DI FUNZIONAMENTO STRUMENTI PER L INNOVAZIONE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CONFERENZA DEI SERVIZI DI CONTROLLO DELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME partner delle Amministrazioni

Dettagli

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Contesto di riferimento Framework Lo standard

Dettagli

Quanto sei pronto ad Innovare? Prime evidenze dal check-up dell innovazione. SDA Bocconi School of Managment

Quanto sei pronto ad Innovare? Prime evidenze dal check-up dell innovazione. SDA Bocconi School of Managment Quanto sei pronto ad Innovare? Prime evidenze dal check-up dell innovazione Paolo Pasini, Gianluca Salviotti SDA Bocconi School of Managment Copyright SDA Copyright Bocconi SDA 2006Bocconi 2006 1 Agenda

Dettagli

Divisione Ricerche Claudio Demattè. Osservatorio Business Intelligence

Divisione Ricerche Claudio Demattè. Osservatorio Business Intelligence Divisione Ricerche Claudio Demattè Osservatorio Business Intelligence SDA Bocconi School of Management SDA Bocconi School of Management è nata nel 1971 dall'università Bocconi per essere una scuola di

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting 9 ottobre 2014 L andamento del PIL a livello mondiale: l Italia continua ad arretrare Mondo

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

The Global CFO Study 2008 Bilanciamento dei rischi e delle performance nell Integrated Finance Organization

The Global CFO Study 2008 Bilanciamento dei rischi e delle performance nell Integrated Finance Organization The Global CFO Study 2008 Bilanciamento dei rischi e delle performance nell Integrated Finance Organization Luigi Padovani, Financial Management Services, South West Europe 15 Aprile 2008 in collaborazione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Centro Sviluppo Commercio, Turismo e Terziario. INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2010-2012 condotta da CE.S.CO.T Pistoia

Centro Sviluppo Commercio, Turismo e Terziario. INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2010-2012 condotta da CE.S.CO.T Pistoia INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2010-2012 condotta da CE.S.CO.T Pistoia 1 INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2010-2012 La presente analisi è stata effettuata nell ultimo biennio, in particolare riguarda

Dettagli

Finalità e metodologia dell indagine

Finalità e metodologia dell indagine RAPPORTO SULLE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TERZIARIO INNOVATIVO TORINESE Luglio 2012 Finalità e metodologia dell indagine Nelle pagine che seguono sono presentati i risultati di una indagine sul settore

Dettagli

POLITICA DI INVESTIMENTO

POLITICA DI INVESTIMENTO POLITICA DI INVESTIMENTO Il presente documento è stato predisposto in osservanza al disposto di cui all'art. 8 del Regolamento Emittenti AIM / Mercato Alternativo del Capitale approvato da Borsa Italiana

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia Analizzare e gestire il CAMBIAMENTO tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Le aziende sono sempre più di frequente poste di fronte al cambiamento. Oggi ai manager si richiede

Dettagli

in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA

in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Un sistema di valutazione dei fornitori che integra e potenzia i sistemi aziendali di Vendor Assessment

Un sistema di valutazione dei fornitori che integra e potenzia i sistemi aziendali di Vendor Assessment Un sistema di valutazione dei fornitori che integra e potenzia i sistemi di Vendor Assessment Tel. 02 38608265 Fax. 0238608901 Tel. 02 02 72546759 La valutazione del rischio fornitori in meno tempo, riducendo

Dettagli

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci SIMULWARE Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci Introduzione Il mercato di riferimento per la Business Intelligence è estremamente eterogeneo: dalla piccola azienda

Dettagli

Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi

Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi Una crescita sostenibile attraverso il potenziamento dei clienti più redditizi 2012 Microsoft Dynamics AX con il modulo Professional Services offre una soluzione

Dettagli

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa OSSERVATORIO CRM Milano, Circolo della Stampa E la parola di pietra è caduta Sul mio petto ancora vivo. Non è nulla, ecco, ero preparata. In qualche modo la supererò. Ho molto lavoro oggi: occorre uccidere

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP)

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP) SERVIZI PMI Project management outsourcing La vita (dell IT) è quella cosa che succede mentre siamo impegnati a fare tutt altro e quindi spesso capita di dover implementare una nuova piattaforma applicativa,

Dettagli

PROGETTAZIONE MODELLO DI CONTROLLO DI GESTIONE

PROGETTAZIONE MODELLO DI CONTROLLO DI GESTIONE Lewitt Insight Case Study n 42 PROGETTAZIONE MODELLO DI CONTROLLO DI GESTIONE Agosto 2015 www.lewitt.it info@lewitt.it Contesto e Problema L azienda che ha richiesto l intervento opera nel settore Alimentare.

Dettagli