Creazione di uno schizzo nella modellazione sincrona

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Creazione di uno schizzo nella modellazione sincrona"

Transcript

1 Creazione di uno schizzo nella modellazione sincrona Numero di pubblicazione spse01510

2

3 Creazione di uno schizzo nella modellazione sincrona Numero di pubblicazione spse01510

4 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto software e la relativa documentazione sono di proprietà di Siemens Product Lifecycle Management Software Inc Siemens Product Lifecycle Management Software Inc. Tutti i diritti riservati. Tutti i marchi appartengono ai rispettivi proprietari. 2 Creazione di uno schizzo spse01510

5 Sommario Introduzione Informazioni generali sullo schizzo in 3D Workflow dello schizzo Attività: Disegnare uno schizzo semplice Blocco del piano schizzo Disegno di schizzi sincroni delle parti Regioni Aprire gli schizzi Comportamento degli schizzi sincroni nell ambiente ordinato Disegno di schizzi ordinati delle parti Comandi relativi ai disegni Disegno di elementi 2D Relazioni geometriche dello schizzo Relazioni geometriche Strumenti di disegno Misurazione della distanza e dell area Quotatura degli schizzi Quote bloccate Orientamento della quota Stile della quota Schizzi in PathFinder Menu del contesto degli schizzi in PathFinder Menu del contesto degli schizzi utilizzati in PathFinder Origine del piano dello schizzo Riposizionare il comando di origine Comando Origine zero Riposizionare il workflow dell origine Vista dello schizzo Consumo dello schizzo e migrazione delle quote Utilizzo degli schizzi combinabili spse01510 Creazione di uno schizzo 3

6 Sommario Spostare schizzi Manipolazione degli elementi degli schizzi in 2D Spostamento e copia degli elementi dello schizzo in 3D Copiare, tagliare e incollare gli elementi degli schizzi Proiezione degli elementi su un piano dello schizzo Comando Proietta su schizzo Attività didattiche di schizzo Parte Parte Part Progetti dello schizzo Attività: Disegnare uno schizzo semplice A-1 Selezionare un comando relativo allo schizzo A-1 Disegnare la forma dello schizzo con i segmenti della linea A-2 Aggiungere uno cerchio allo schizzo A-3 Posizionare le relazioni della geometria dello schizzo A-4 Posizionare le quote dello schizzo A-4 Schizzo completato A-6 Sommario A-6 Esercizi A-6 Attività: Creare regioni B-1 Si apre un part file B-1 Disegnare un rettangolo B-1 Selezionare la regione B-2 Creare le regioni annidate B-3 Selezionare più regioni B-4 Sommario B-5 Esercizi B-5 Attività: Creazione di schizzi (Parte 1) C-1 Avviare il processo relativo alla creazione di schizzi C-1 Disegnare la geometria dello schizzo C-2 Regioni formate C-5 Posizionare le relazioni geometriche C-6 Aggiungere le quote C-7 Disattivare lo schizzo C-7 Sommario C-8 Attività: Creazione di schizzi (Parte 2) D-1 Creare un piano schizzo D-1 Avviare il processo relativo alla creazione di schizzi D-3 Osservare l associatività dello schizzo D-4 Disegnare la geometria dello schizzo D-5 Modificare la visualizzazione D-7 Sommario D-7 4 Creazione di uno schizzo spse01510

7 Sommario Attività: Creazione di schizzi (Parte 3) E-1 Disegnare uno schizzo su una faccia E-2 Copiare lo schizzo E-2 Incollare lo schizzo E-3 Ruotare lo schizzo copiato E-4 Spostare lo schizzo copiato E-6 Sommario E-9 Disegno A F-1 Disegno B G-1 Disegno C H-1 Disegno D I-1 Disegno E J-1 spse01510 Creazione di uno schizzo 5

8

9 Capitolo 1 Introduzione Corso personalizzato per Solid Edge. Questo corso è progettato per insegnare all utente ad utilizzare Solid Edge. Il corso è personalizzato e contiene istruzioni seguite da attività. Corsi personalizzati di Solid Edge spse01510 Sketch spse01515 Creazione delle feature di base spse01520 Spostamento e rotazione delle facce spse01525 Utilizzo delle relazioni geometriche spse01530 Creazione delle feature per il trattamento spse01535 Costruzione di feature procedurali spse01536 Modellazione delle feature sincrone e ordinate spse01540 Modellazione degli assiemi spse01541 Esplodi-Rendering-Anima spse01545 Creazione di disegni dettagliati spse01546 Progetto Sheet Metal spse01550 Migliorare le abilità con i progetti spse01560 Modellazione di una parte mediante le superfici spse01610 Strutture di Solid Edge spse01640 Creazione di pattern dell assieme spse01645librerie dei sistemi di assiemi spse01650 Utilizzo di assiemi di grandi dimensioni spse01655 Revisione degli assiemi spse01660 Rapporti sugli assiemi spse01665 Sostituzione di parti di un assieme spse01510 Creazione di uno schizzo 1-1

10 Capitolo 1 Introduzione spse01670 Progettazione nel contesto di un assieme spse01675 Feature di assieme spse01680 Ispezione degli assiemi spse01685 Assiemi alternativi spse01690 Componenti virtuali degli assiemi spse01695 XpresRoute (tubature) spse01696 Creazione di un cablaggio preassemblato con Cavi e cablaggi spse01424 Utilizzo di Solid Edge Embedded Client Iniziare con le esercitazioni La formazione personalizzata inizia dove terminano le esercitazioni. Le esercitazioni rappresentano il modo più rapido per familiarizzare con le funzioni di base di Solid Edge. Se non si ha alcuna esperienza con Solid Edge, iniziare con le esercitazioni per la modifica e la modellazione della parte di base prima di iniziare questo corso personalizzato. 1-2 Creazione di uno schizzo spse01510

11 Capitolo 2 Informazioni generali sullo schizzo in 3D. La geometria di schizzo 2D definisce la forma della sezione trasversale utilizzata per creare un corpo solido di base o la forma utilizzata per creare una feature su un corpo solido esistente. Gli schizzi vengono creati in 3D o su una faccia planare o su un piano di riferimento. Bloccarsi su una faccia planare o su un piano di riferimento per disegnare la geometria dello schizzo. Sia gli schizzi aperti che gli schizzi chiusi possono essere utilizzati per creare una feature modello. Uno schizzo che forma un area chiusa (da elementi dello schizzo o una combinazione di elementi dello schizzo e bordi del modello sul piano di schizzo) produce una regione selezionabile. Quando una regione è selezionata, viene avviato il comando Feature protrusione. Per utilizzare uno schizzo aperto, selezionare un comando di protrusione (Estrudi o Rivoluzione) nel gruppo Solidi che richiede un passaggio di definizione del materiale del lato dello schizzo aperto. Gli schizzi non guidano le feature. Le relazioni geometriche applicate alla geometria dello schizzo non migrano verso la feature creata. Il sistema può individuare, sulla feature che ne risulta facce tangenti, parallele, coplanari e concentriche. Le relazioni dimensionali migrano dalla geometria dello schizzo agli spigoli del solido, mentre viene creata una feature. Le geometrie utilizzate per creare feature vengono poste nel raccoglitore Schizzi Utilizzati in PathFinder. Qualunque altra geometria di schizzo rimane nel raccoglitore Schizzi. spse01510 Creazione di uno schizzo 2-1

12 Capitolo 2 Informazioni generali sullo schizzo in 3D. Per impostazione predefinita, tutte le geometrie di schizzo posizionate su un piano di schizzo si uniscono in un singolo schizzo. Questo procedimento viene controllato dall opzione Unisci a schizzi complanari. Se viene richiesto uno schizzo separato sul piano di schizzo l opzione Unisci a schizzi complanari deve essere disabilitata. Questa opzione di schizzo è utilizzata principalmente nel flusso di lavoro di progettazione del layout di assieme. Workflow dello schizzo 1. Selezionare la scheda Schizzo, nel gruppo Disegno, selezionare un comando di schizzo. 2. Iniziare a disegnare o bloccare un piano di schizzo (piano di riferimento o faccia planare) sul quale disegnare la geometria. 3. (Facoltativo) Disegnare uno schizzo nell orientamento della vista attiva o ruotare la vista normale al piano di schizzo utilizzando il comando Vista dello schizzo. 4. Disegnare una geometria di schizzo o eseguire qualunque operazione relativa allo schizzo (per esempio: posizionare relazioni, quote). 5. Finire o disegnare un altro schizzo. Se il piano dello schizzo è bloccato ed è necessario un altro piano di schizzo, sbloccare il piano. Ripetere gli step 2-4. Se la nuova area di schizzi è sullo stesso piano, continuare la geometria dello schizzo. Nota È possibile avere solo uno schizzo su un piano, ma lo schizzo può contenere tutte le regioni e gli elementi separati che si desiderano. Se è richiesto uno schizzo separato sul piano di schizzo disattivare l opzione Unisci a schizzi complanari. Attività: Disegnare uno schizzo semplice. Questa attività consente di svolgere la procedura di disegno di uno schizzo semplice. Verranno aggiunte relazioni e quote. Consultare l Appendice A per l attività. 2-2 Creazione di uno schizzo spse01510

13 Informazioni generali sullo schizzo in 3D. spse01510 Creazione di uno schizzo 2-3

14

15 Capitolo 3 Blocco del piano schizzo Molti comandi in Solid Edge utilizzano un piano 2D per il posizionamento della geometria nello spazio del modello 3D. Ad esempio, quando si disegnano elementi di schizzo 2D, come linee, archi e cerchi, gli elementi 2D risiedono su un piano del sistema di coordinate, un piano di riferimento o una faccia planare del modello. Questo piano 2D viene chiamato piano schizzo. È disponibile solo un piano schizzo alla volta. Esistono due metodi per bloccare l input al piano schizzo: Blocco automatico, in cui il comando attivo blocca al posto dell utente il piano schizzo e lo sblocca quando si riavvia il comando o quando si avvia un altro comando. Blocco manuale, in cui si blocca il piano schizzo e lo si sblocca in seguito. Bloccare il piano schizzo facilita il disegno su diversi piani di riferimento o sulle facce planari. Blocco del piano schizzo automatico Quando si avvia un comando che utilizza un piano schizzo, quindi si posiziona il cursore su un piano di riferimento o una faccia planare, il piano o la faccia vengono evidenziati (1) e un bordo del piano (2) viene evidenziato per indicare l asse X del piano schizzo corrente. Le linee di allineamento che si estendono all esterno del cursore, si allineano al piano sotto il cursore. Inoltre, viene visualizzato un simbolo di blocco (3) se si desidera bloccare manualmente il piano schizzo, descritto in seguito. spse01510 Creazione di uno schizzo 3-1

16 Capitolo 3 Blocco del piano schizzo Quando si fa clic per posizionare il punto iniziale dell elemento di schizzo, il piano schizzo viene automaticamente bloccato sulla faccia o sul piano evidenziato. Le linee di allineamento (1) (2) restano visualizzate durante il disegno per indicare l asse X e Y del piano schizzo corrente. Il piano schizzo resta bloccato finché non si fa clic con il pulsante desto del mouse per riavviare il comando corrente o per avviare un altro comando. Ciò assicura che tutti gli input dello schizzo si trovano sul piano schizzo corrente. Bloccare il piano schizzo facilita il disegno su diverse facce del modello. Ad esempio, dopo aver disegnato il primo cerchio, è possibile fare clic con il pulsante destro del mouse per riavviare il comando, quindi disegnare un cerchio su una seconda faccia, fare clic di nuovo con il pulsante destro del mouse e disegnare un cerchio su una terza faccia. 3-2 Creazione di uno schizzo spse01510

17 Blocco del piano schizzo Blocco del piano schizzo manuale È possibile anche bloccare il piano schizzo manualmente. Questa operazione è utile quando la geometria dello schizzo è complessa o si estende oltre i bordi esterni della faccia planare o del piano di riferimento su cui si desidera disegnare. Quando l utente si trova in un comando che supporta il blocco manuale del piano schizzo, viene visualizzato un simbolo di blocco accanto al cursore (1) in corrispondenza di una faccia planare o di un piano di riferimento. È possibile fare clic su questo simbolo per bloccare manualmente il piano. Suggerimento Inoltre, è possibile bloccare e sbloccare il piano schizzo premendo il tasto F3 quando l utente si trova in qualsiasi comando che supporta il blocco del piano schizzo. Il piano schizzo resta bloccato indipendentemente dalla posizione del cursore finché non viene sbloccato manualmente. Ciò facilita il disegno oltre i bordi esterni della faccia planare. spse01510 Creazione di uno schizzo 3-3

18 Capitolo 3 Blocco del piano schizzo Quando il piano schizzo è stato bloccato manualmente, viene visualizzato un simbolo indicatore del piano bloccato (1) nell angolo in alto a destra della finestra grafica. Quando si desidera sbloccare il piano schizzo, è possibile fare clic sul simbolo indicatore del piano bloccato nella finestra grafica per sbloccarlo o è possibile premere il tasto F3. Blocco del piano e PathFinder Se si blocca il piano schizzo automaticamente o manualmente, viene visualizzato un indicatore del piano bloccato (1) in PathFinder adiacente allo schizzo bloccato. Se nel modello compaiono schizzi esistenti, è possibile bloccare e sbloccare il piano dello schizzo utilizzando il comando Blocca piano schizzo sul menu di scelta rapida di PathFinder quando il cursore si trova su una voce dello schizzo. 3-4 Creazione di uno schizzo spse01510

19 Capitolo 4 Disegno di schizzi sincroni delle parti Il disegno di schizzi sincroni consente di stabilire i requisiti di base della forma di una parte prima di costruire qualunque feature. È possibile disegnare uno schizzo sincrono su un piano principale del sistema di coordinate di base, su una faccia piana del modello o su un piano di riferimento. È possibile utilizzare questi schizzi per costruire una feature basata su un schizzo come una feature di estrusione che aggiunga o rimuova materiale. spse01510 Creazione di uno schizzo 4-1

20 Capitolo 4 Disegno di schizzi sincroni delle parti Aiuti visivi per la creazione di sketch Sono disponibili vari aiuti visivi per la creazione di sketch La triade al centro della finestra grafica è il sistema di coordinate di base. I piani principali del sistema di coordinate di base vengono utilizzati tipicamente per disegnare il primo schizzo della feature di base su una nuova parte. È possibile anche visualizzare indipendentemente la griglia, linee di allineamento e rappresentazione coordinate con il comando Opzioni griglia. 4-2 Creazione di uno schizzo spse01510

21 Disegno di schizzi sincroni delle parti Introduzione alla creazione di sketch Iniziare a disegnare schizzi è molto facile. Quando si tracciano elementi questi vanno sul sistema di coordinate di base, sulla faccia piana, sul piano di riferimento che è direttamente sotto il cursore al momento in cui si inizia a posizionare l elemento. Quando si inizia una nuova parte, normalmente si disegna uno schizzo su uno dei tre piani principali del sistema di coordinate di base Ad esempio, è possibile disegnare il primo schizzo per una nuova parte sul piano principale XZ del sistema di coordinate di base (1). È possibile capire su quale piano si sta disegnando poiché il piano sotto il cursore viene evidenziato, e le linee di allineamento, che si estendono dal cursore, si regolano automaticamente a seconda del piano sul quale è il cursore. Quando si fa clic per definire il punto finale di un elemento, tipo una linea, l immissione viene bloccata sul piano corrente. Nota Se sotto il cursore non c è un sistema di coordinate di base, una faccia del modello o un piano di riferimento, l elemento andrà a cadere su uno dei tre piani principali del documento. Il sistema sceglierà automaticamente quello più facile da vedere. Blocco del piano schizzo La maggior parte dei comandi per disegnare uno schizzo richiedono un piano di schizzo bloccato per posizionare geometrie 2D in uno spazio di modellazione 3D. Esistono due metodi per bloccare il piano schizzo: spse01510 Creazione di uno schizzo 4-3

22 Capitolo 4 Disegno di schizzi sincroni delle parti Blocco automatico, in cui il comando attivo blocca al posto dell utente il piano schizzo e lo sblocca quando si avvia un altro comando. Questo rende più facile iniziare. Blocco manuale, in cui si blocca il piano schizzo e lo si sblocca in seguito. Questo metodo risulta più utile per schizzi complessi o schizzi in cui le geometrie si estendono oltre i limiti del piano di schizzo. Schizzi sincroni bloccati alle facce Uno schizzo sincrono tracciato su una faccia del modello viene bloccato automaticamente alla faccia. Se la faccia si muove, lo schizzo si muove con lei. L opzione Mantieni piani di schizzo delle Regole Live è attiva per impostazione predefinita. Per sbloccare lo schizzo dalla faccia del modello, disattivare l opzione Mantieni piani di schizzo in Regole Live. Se uno schizzo viene tracciato su una faccia del modello complanare a un piano di riferimento di base, lo schizzo non è bloccato alla faccia. Orientamento del piano di schizzo lungo l asse X Quando si evidenzia un piano del sistema di coordinate, una faccia planare o un piano di riferimento in cui si desidera disegnare uno schizzo, viene visualizzato automaticamente un orientamento dell asse X di default (1). 4-4 Creazione di uno schizzo spse01510

23 Disegno di schizzi sincroni delle parti Mentre si sta definendo il piano di schizzo e viene evidenziato l asse X di default (1), è possibile utilizzare i tasti di scelta rapida per modificare l orientamento dell asse X. Ad esempio, è possibile premere il tasto N per selezionare il bordo lineare successivo (2) oppure il tasto B per selezionare il bordo lineare precedente (3). I tasti di scelta rapida validi per definire l orientamento dell asse X di un piano dello schizzo sono visualizzati nella PromptBar durante la definizione del piano dello schizzo. L orientamento dell asse X (1) (2) di uno schizzo controlla l allineamento di testo per le quote e determina gli assi orizzontali e verticali per le relazioni orizzontali e verticali. spse01510 Creazione di uno schizzo 4-5

24 Capitolo 4 Disegno di schizzi sincroni delle parti Regioni dello schizzo In un documento Part o Sheet Metal, quando si disegnano gli elementi di schizzo 2D che formano un area chiusa, quest ultima viene automaticamente visualizzata come regione dello schizzo (1). Quando si lavora con una vista ombreggiata, anche le regioni chiuse vengono rappresentate come ombreggiate. In un documento Part o Sheet Metal, è possibile utilizzare le regioni dello schizzo per costruire le feature utilizzando lo strumento di selezione. Le regioni dello schizzo vengono formate automaticamente quando una serie di elementi dello schizzo si chiude su se stessa (1) oppure quando gli elementi dello schizzo e uno o più bordi del modello formano un area chiusa (2). Quando si disegna, è possibile che si desideri disattivare le regioni dello schizzo. È possibile ottenere questo risultato annullando il comando Attiva regioni, che si trova sul menu di scelta rapida quando si seleziona uno schizzo in PathFinder. Si può utilizzare il comando Abilita regioni per rendere le regioni di nuovo selezionabili. Il comando Attiva regioni non è disponibile in un documento Assembly. 4-6 Creazione di uno schizzo spse01510

25 Disegno di schizzi sincroni delle parti Aggiungere quote e relazioni geometriche È possibile aggiungere le quote e le relazioni geometriche per controllare le dimensioni, la forma e la posizione degli elementi dello schizzo. È possibile posizionare anche quote e relazioni geometriche in relazione agli assi primari del sistema di coordinate. Questo può essere particolarmente utile per le parti simmetriche, durante le successive modifiche. Per esempio, le quote 10 mm e 22.5 mm sono state poste relativamente agli assi X e Z del sistema di coordinate di base. Nota È possibile visualizzare o nascondere le relazioni geometriche utilizzando il comando Simboli relazioni. Inoltre, si possono definire relazioni funzionali usando il comando Variabili. Mantenere le quote orizzontali e verticali alla geometria dello schizzo Per mantenere le quote orizzontali e verticali alla geometria dello schizzo è possibile muovere l origine del piano dello schizzo e riorientare l asse X del piano dello schizzo utilizzando il comando Riposiziona origine dalla scheda Sketching. Questo rende possibile disegnare e dimensionare su facce complanari diverse nello stesso schizzo pur mantenendo quote, testo e relazioni orientate ad un bordo o una faccia, come mostrato. spse01510 Creazione di uno schizzo 4-7

26 Capitolo 4 Disegno di schizzi sincroni delle parti Uso degli schizzi per costruire le feature Per impostazione predefinita, quando si utilizza uno schizzo per costruire una feature in un documento Part o Sheet Metal, gli elementi dello schizzo vengono automaticamente consumati e trasferiti nella raccolta Schizzi utilizzati in PathFinder e le quote presenti sullo schizzo vengono automaticamente fatte migrare nei bordi del modello appropriato, quando possibile. Nota Dopo aver costruito una feature in un modello sincrono, la geometria dello schizzo originale non guida più la feature. Quando si seleziona uno schizzo in PathFinder, è possibile utilizzare il comando Migra geometria e quote sul menu di scelta rapida per controllare se si verificano il consumo degli elementi dello schizzo e la migrazione delle quote quando si costruiscono feature utilizzando lo schizzo. Modificare gli schizzi È possibile spostare e ridimensionare gli elementi dello schizzo utilizzando lo strumento di selezione. É possibile modificare un elemento dello schizzo anche utilizzando comandi quali Estendi al successivo, Ritaglia, Specchio, Scala, Ruota, Adatta, e così via. Con questi comandi selezionare prima il comando poi seguire i quello che viene richiesto per modificare gli elementi desiderati. 4-8 Creazione di uno schizzo spse01510

27 Disegno di schizzi sincroni delle parti Creazione di uno schizzo e PathFinder Gli schizzi disegnati vengono elencati in PathFinder. Inoltre, PathFinder elenca il sistema di coordinate di base, le quote PMI, i piani di riferimento di base, le feature costruite, gli schizzi utilizzati e così via. È possibile visualizzare o nascondere un singolo schizzo o tutti gli schizzi di un documento utilizzando la casella di opzione in PathFinder e i comandi sul menu rapido di PathFinder. Quando un nome di schizzo è selezionato in PathFinder, è possibile utilizzare i comandi del menu rapido per: Cancellare uno schizzo Tagliare, copiare ed incollare uno schizzo Ridenominazione di uno sketch. spse01510 Creazione di uno schizzo 4-9

28 Capitolo 4 Disegno di schizzi sincroni delle parti Spostare schizzi A volte può essere necessario spostare o ruotare uno schizzo intero in una nuova posizione nello spazio. In modo predefinito, quando si utilizza lo strumento di selezione per selezionare elementi dello schizzo nella finestra grafica, si possono selezionare solo una regione dello schizzo o l elemento dello schizzo selezionato. Per selezionare uno schizzo intero si deve selezionare una voce schizzo in PathFinder, o utilizzare QuickPick per selezionare uno schizzo nella finestra grafica. Si può poi utilizzare il simbolo di direzione per spostare o ruotare lo schizzo in una nuova posizione dello spazio. Se, durante tale spostamento, lo schizzo diventa complanare a un altro schizzo, i due schizzi vengono combinati in uno solo, a meno che non sia stata deselezionata l opzione Unisci a schizzi complanari per uno degli schizzi Creazione di uno schizzo spse01510

29 Disegno di schizzi sincroni delle parti Schizzi ed associatività La geometria dello schizzo non è direttamente associativa al piano o alla faccia sulla quale viene disegnata. Se si sposta il piano o la faccia sulla quale è stato disegnato lo schizzo la geometria dello schizzo non viene spostata a meno che non sia anch essa nel gruppo selezionato. Questo non si applica agli schizzi disegnati sul piano principale del sistema di coordinate di base o sul piano di riferimento di base dato che questi piani sono fissi nello spazio. Si possono applicare relazioni geometriche 2D tra elementi dello schizzo e bordi del modello. Se si sposta il bordo del modello, gli elementi dello schizzo e le relazioni geometriche vengono aggiornati. Ripristinare schizzi Per ripristinare uno schizzo nella sua posizione originale nel modello, utilizzare il comandoripristina nel menu a scelta rapida quando uno schizzo utilizzato è selezionato. Questo può risultare utile se si intende utilizzare lo schizzo per costruire una nuova feature in un altro punto del modello o se è stata cancellata una feature descritta dallo schizzo utilizzato. Proiettare elementi in uno schizzo Si può utilizzare il comando Progetto a schizzo sulla pagina Sketching per proiettare bordi del modello o elementi dello schizzo sul piano dello schizzo corrente. Gli elementi dello schizzo che vengono proiettati sono associativi all elemento genitore. Se viene modificato l elemento genitore anche l elemento proiettato viene aggiornato. Nota Il collegamento associativo tra elemento genitore ed elemento proiettato si interrompe nel momento in cui viene costruita la feature utilizzando l elemento proiettato. Regioni Definizione Oggetto aiuto utilizzato per creare una feature solida che consiste in facce planari e non planari. Una regione è un area chiusa formata da elementi di schizzo o da una combinazione di elementi di schizzo e spigoli parte. Le regioni sono formate dall inserimento della geometria dello schizzo in 2D sui piani dello schizzo o facce della parte. Le regioni vengono create quando una serie di elementi dello schizzo o spigoli del modello formano un area chiusa. Le regioni sono un sottoprodotto di uno sketch chiuso. Le regioni non selezionate appaiono in azzurro ombreggiato. spse01510 Creazione di uno schizzo 4-11

30 Capitolo 4 Disegno di schizzi sincroni delle parti Esempi di regione Selezione di una regione Mentre il cursore si sposta su una regione, la regione appare in marrone chiaro ombreggiato. Quando viene selezionata, la regione appare in verde ombreggiato. È possibile selezionare le regioni sia negli workflow azione-oggetto che oggetto-azione Creazione di uno schizzo spse01510

31 Disegno di schizzi sincroni delle parti Attività: Creare regioni Disegnare uno schizzo e osservare quando le regioni vengono formate e come selezionarle. Consultare l Appendice B per l attività. Aprire gli schizzi Uno schizzo aperto che non è coplanare con la faccia di un solido o è coplanare con la faccia di un solido ma non tocca né incrocia lo spigolo di una faccia non crea una regione. Si crea una regione se uno schizzo aperto è collegato a uno spigolo di faccia coplanare o lo incrocia. Nota Gli schizzi aperti utilizzano il comando per l estrusione per creare la feature di un solido. Definire il lato dello schizzo aperto per aggiungere materiale e lo schizzo si estende automaticamente all altra faccia per creare una feature di un solido. Comportamento degli schizzi sincroni nell ambiente ordinato Gli schizzi sincroni vengono utilizzati per creare feature sincrone e ordinate. Gli schizzi ordinati non possono essere utilizzati per creare feature sincrone perché nell ambiente sincrono non è possibile selezionare gli elementi ordinati. Gli schizzi sincroni possono essere selezionati solo quando si crea una feature ordinata utilizzando l opzione Seleziona da schizzo nello step Profilo. Modifica di feature ordinate create con uno schizzo sincrono Le feature ordinate sono guidate da schizzi. Per modificare la definizione di sezione trasversale di una feature ordinata, modificare la feature di guida. spse01510 Creazione di uno schizzo 4-13

32 Capitolo 4 Disegno di schizzi sincroni delle parti Di seguito sono disponibili i metodi per la modifica di uno schizzo sincrono di guida per una feature ordinata. Modificare direttamente gli schizzi sincroni. Passo 1: Passo 2: Passo 3: Attivare la visualizzazione dello schizzo sincrono di guida. Selezionare un elemento di schizzo da modificare. È possibile spostare l elemento di schizzo selezionato e/o modificare le proprietà dell elemento sulla barra dei comandi. Modificare le quote sketch. Nota Questo metodo non consente di modificare o aggiungere relazioni di schizzi sincroni. Nota Dopo la modifica dello schizzo sincrono, la feature ordinata viene aggiornata dinamicamente. Modifica feature (Modifica profilo) Passo 1: Passo 2: Selezionare la feature ordinata da modificare. Scegliere il comando Modifica profilo nella casella Modifica feature. Passo 3: Passo 4: L ambiente di modellazione passa alla modalità sincrona. È possibile ora modificare completamente lo schizzo sincrono. Quando le modifiche agli schizzi sincroni sono complete, passare all ambiente ordinato per esaminare le modifiche alle feature. Modifica feature (Modifica dinamica) Passo 1: Passo 2: Selezionare la feature ordinata da modificare. Scegliere il comando Modifica dinamica nella casella Modifica feature. Passo 3: Viene visualizzato lo schizzo sincrono di guida. Apportare le modifiche allo schizzo sincrono Creazione di uno schizzo spse01510

33 Disegno di schizzi sincroni delle parti Comportamento dello schizzo sincrono nella modellazione ordinata Le quote di schizzo sincrono non vengono migrate alle feature ordinate. Gli schizzi sincroni non vengono utilizzati quando si crea una feature ordinata. Gli schizzi sincroni possono fare da guida a una feature ordinata. Gli schizzi sincroni vengono visualizzati quando si è in ambiente ordinato. Le regioni sono disattivate. Gli schizzi sincroni vengono visualizzati con stile e colori degli schizzi sincroni. Quando si utilizza lo Strumento di selezione nell ambiente ordinato, gli elementi di schizzo sincrono vengono individuati come singoli elementi. Gli schizzi sincroni possono essere spostati utilizzando la guida di direzione. Viene spostato l intero schizzo (non i singoli elementi). Nell ambiente ordinato, i comandi di relazione o geometrie di schizzo sincrono non sono disponibili. Gli schizzi sincroni e ordinati non possono essere copiati quando si è nell ambiente ordinato. spse01510 Creazione di uno schizzo 4-15

34

35 Capitolo 5 Disegno di schizzi ordinati delle parti Il disegno di schizzi ordinati consente di stabilire i requisiti funzionali di base di una parte prima di costruire eventuali feature. Si può disegnare uno schizzo su qualunque piano di riferimento con il comando Schizza negli ambienti Part e Sheet Metal. Quindi, utilizzare gli schizzi per creare delle feature di profilo di base. Lo schizzo di una parte prima della modellazione offre i seguenti vantaggi. Consente di disegnare profili multipli su un piano di profilo: Consente di disegnare le relazioni, per esempio Tangenza ed Uguaglianza, tra i profili posti su piani di riferimento diversi. Consente di disegnare i profili desiderati,creando in seguito le feature necessarie. Disegno di schizzi ordinati Facendo clic sul pulsante Schizza e selezionando un piano di riferimento o una faccia planare, viene visualizzata una vista di profilo. È quindi possibile utilizzare i comandi di disegno per disegnare la geometria 2D. Gli elementi degli schizzi disegnati vengono assegnati al livello attivo. Ad esempio, quando si lavora con uno schizzo complesso da utilizzare per costruire una feature loft, si consiglia di disporre gli elementi su livelli multipli. Nota Per ulteriori informazioni sul disegno 2D in Solid Edge, vedere i seguenti argomenti correlati: Disegno in Solid Edge e profili di disegno. Si possono aggiungere note e relazioni per controllare la posizione e la dimensione dei profili. Inoltre, si possono definire relazioni funzionali usando il comando Variabili. Utilizzare i comandi Salva e Salva tutto per salvare lo schizzo durante il spse01510 Creazione di uno schizzo 5-1

36 Capitolo 5 Disegno di schizzi ordinati delle parti processo di creazione. Al termine del disegno, utilizzare il pulsante Ritorna sulla barra dei comandi per uscire dalla finestra di profilo. Per ulteriori informazioni sul disegno di schizzi, vedere l argomento della Guida Disegnare elementi 2D. Schizzi e PathFinder Gli schizzi sono rappresentati nella scheda PathFinder esattamente come le altre feature. Li si può visualizzare o nascondere dalla struttura delle feature usando Visualizzazione PathFinder: Il comando Schizzi sul menu breve. Si può usare PathFinder per riordinare o rinominare uno schizzo esattamente come qualsiasi altra feature. Visualizzazione degli schizzi Si può gestire la visualizzazione di tutti gli schizzi in un solo documento, oppure individualmente. Per mostrare o nascondere gli schizzi, utilizzare Mostra tutto, quindi Schizzo. o Nascondi tutto, quindi Schizzo, comandi Schizzi. Per mostrare o nascondere gli schizzi, selezionarne uno nella finestra dell applicazione o in PathFinder, e usare i comandi Mostra o Nascondi sul menu breve. È inoltre possibile controllare la visualizzazione degli elementi in uno schizzo assegnando gli elementi a un gruppo logico di livelli, quindi visualizzare o nascondere i livelli per verificare la visualizzazione degli elementi. Lo schizzo, se è attivo, viene mostrato utilizzando i colori del Profilo. Se non è attivo, si utilizzano i colori della Costruzione. È possibile impostare i colori desiderati usando il comando Opzioni. Uso degli schizzi per costruire le feature Gli schizzi possono essere utilizzati per costruire delle feature nei seguenti modi: Direttamente, facendo clic sul pulsante Seleziona dallo schizzo sulla barra dei comandi della feature. Indirettamente, facendo clic sul pulsante Disegna, posto sulla barra dei comandi della feature, quindi copiando in modo associativo la geometria dello schizzo nel piano di profilo attivo usando il comando Includi. Uso diretto degli schizzi Se non occorre modificare il profilo, si possono usare direttamente i profili dello schizzo. Quando si costruisce una feature ordinata, fare clic sul pulsante Seleziona dallo schizzo nella barra dei comandi della feature. Quindi si possono selezionare uno o più profili di schizzo. Quando si fa clic sul pulsante Accetta, posto sulla barra dei comandi, i profili selezionati vengono controllati per verificare che siano validi per il tipo di feature in costruzione. Ad esempio, se si sta costruendo una feature di base ordinata, il profilo selezionato deve essere chiuso. Se si seleziona un profilo aperto o più di un profilo, verrà visualizzato un messaggio di errore. È, quindi, possibile selezionare il pulsante Deseleziona (x) sulla barra dei comandi per deselezionare i profili selezionati. 5-2 Creazione di uno schizzo spse01510

37 Disegno di schizzi ordinati delle parti Le feature ordinate, costruite utilizzando profili schizzati, sono associative allo schizzo e verranno aggiornate quando viene modificato lo schizzo. Uso indiretto degli schizzi Se occorre modificare il profilo dello schizzo prima di usarlo per costruire una feature, occorre dapprima copiarlo nel piano di profilo attivo usando il comando Includi. Quando si fa clic sul pulsante Disegna profilo, posto sulla barra degli strumenti della feature, e si definisce il piano di profilo desiderato, viene visualizzata una vista del profilo. Si può quindi usare il comando Includi per copiare gli elementi nei profili dello schizzo nel piano di profilo attivo. Una volta copiati gli elementi dello schizzo, si possono usare i comandi di disegno per modificarli. Ad esempio, può essere necessario aggiungere gli elementi al profilo non contenuto nello schizzo. Inoltre, si possono aggiungere quote e relazioni tra gli elementi sul piano di profilo attivo e sullo schizzo. Gli elementi schizzati copiati sono associativi rispetto allo schizzo e verranno aggiornati se si modificano le quote dello schizzo. Modifica degli schizzi È possibile modificare gli elementi dello schizzo utilizzando la barra dei comandi o le guide di relazione dell elemento. Quando si modifica un elemento, anche gli altri elementi potranno cambiare. spse01510 Creazione di uno schizzo 5-3

38 Capitolo 5 Disegno di schizzi ordinati delle parti Selezione degli elementi Utilizzare Strumento di selezione per selezionare gli elementi in diversi modi: Per selezionare gli elementi individuali, posizionare il cursore sull elemento e fare clic quando si evidenzia. Per selezionare più elementi, premere il tasto Ctrl o Maiusc mentre si selezionano gli elementi. Per selezionare tutti gli elementi 2D, premere Ctrl+A. Il comando Strumento di selezione non deve essere attivo per funzionare. Per deselezionare un elemento, premere il tasto Maiusc o Ctrl e fare clic sull elemento. Per selezionare diversi elementi con una fence, trascinare il cursore per definirla. È possibile utilizzare il pulsante Opzioni di selezione, posto sulla barra dei comandi Strumento di selezione, per selezionare i criteri desiderati. Barre dei comandi Dopo aver selezionato un elemento, è possibile modificarlo cambiandone i valori su una barra dei comandi. Ad esempio, è possibile modificare la lunghezza di una linea digitando un nuovo valore nella casella Lunghezza sulla barra dei comandi. Maniglie degli elementi Utilizzare le guide per modificare l elemento. Un simbolo dell elemento viene rappresentato da un quadrato solido sull elemento, come l estremo di una linea o il centro di un arco. Si possono trascinare dinamicamente le guide quando si modifica un elemento. Selezionare dapprima l elemento, e trascinarlo per modificarlo. Linee Trascinare la guida per modificare la lunghezza, l angolo o la linea. Archi Per modificare l arco, trascinare un estremità, un punto medio o un asse. Raccordi e smussi Trascinare la guida per modificare le dimensioni di un raccordo o di uno smusso. Schizzi e feature di rivoluzione Gli schizzi utilizzati per la costruzione delle feature ordinate di rivoluzione devono disporre di un asse definito nello schizzo. Se si seleziona un profilo di schizzo senza asse, viene visualizzato un messaggio d errore. Occorrerà annullare la feature di rivoluzione che si sta costruendo e quindi aprire lo schizzo per definire l asse. Schizzi e comandi di scorrimento e loft Il disegno di schizzi può essere particolarmente utile quando si costruiscono feature scorrimento e loft. Poiché il comando Schizzo consente di definire delle relazioni tra i profili posti su piani separati, si possono definire più facilmente le relazioni necessarie per controllare correttamente tali feature. Inoltre, la capacità di uscire da 5-4 Creazione di uno schizzo spse01510

39 Disegno di schizzi ordinati delle parti una finestra di profilo di schizzo senza creare una feature può essere particolarmente utile quando si disegnano profili per feature scorrimento e loft complesse. Conversione dei dati della vista di disegno 2D in uno schizzo 3D È possibile utilizzare il comando Crea 3 per convertire i dati della vista di disegno bidimensionali in uno schizzo tridimensionale. Il comando mostra il dialogo Crea 3D che richiede gli elementi della vista di disegno da includere nello schizzo. Prima di selezionare gli elementi da includere nello schizzo, selezionare il modello per creare un file part, assembly o sheet metal. Dopo aver selezionato il modello, specificare l angolo di proiezione da utilizzare quando si creano gli schizzi nel nuovo documento. Dopo aver specificato l angolo di proiezione, selezionare il tipo della vista per gli elementi da includere nello schizzo: Le viste principali di piega sono ortogonali o allineate con la vista principale. Selezionare questo tipo di vista per definire la vista principale. Le viste ausiliarie di piega sono viste reali ausiliarie derivate generalmente dalle viste principali e richiedono una linea di piega per determinare il bordo o l asse attorno a cui si vorrà piegare la vista. Le viste di copia non sono ortogonali e non si allineano realmente con la vista principale. Queste viste sono posizionate come schizzi sullo stesso piano della vista dalla quale sono derivate nel file draft. Appena inserite queste informazioni, si può selezionare la geometria per creare gli schizzi. Si possono includere le linee, archi, cerchi, curve, linee multiple e spezzate create con I dati importati. È possibile trascinare il mouse per recintare gli elementi oppure premere il tasto Maiusc e fare clic su ogni elemento per selezionarne più di uno. Se si seleziona per prima l opzione Piega viste principali o Piega viste ausiliarie e non è la vista principale, fare clic sul pulsante Linea di piega appena selezionati tutti gli elementi per la vista. Tale pulsante consente di definire una linea o un punto in una vista ausiliaria o ortogonale sulla quale si piega la vista principale. spse01510 Creazione di uno schizzo 5-5

40 Capitolo 5 Disegno di schizzi ordinati delle parti Per definire un altra vista, fare clic sul pulsante Vista successiva e selezionarla. Continuare a definire tutte le viste addizionali. Appena definite le viste, fare clic su Finisci per creare il file del modello in cui si posizioneranno le viste come schizzi. 5-6 Creazione di uno schizzo spse01510

41 Capitolo 6 Comandi relativi ai disegni I comandi per la creazione e la manipolazione degli elementi dello schizzo sono posizionati sulla scheda Schizzo (1) nel gruppo Disegno (2). Disegno di elementi 2D In Solid Edge, è possibile disegnare gli elementi 2D per semplificare il completamento di diverse attività. Ad esempio, è possibile utilizzare gli elementi 2D per costruire feature nell ambiente Part e disegnare layout nell ambiente Assembly. Nell ambiente Draft, si possono usare gli strumenti di disegno 2D per eseguire varie operazioni quali il disegno da zero di schizzi nel foglio del modello 2D o nelle viste 2D, la creazione di squadrature di sfondo e la definizione di piani di taglio per le viste di sezione. I comandi di disegno, le relazioni e le quote funzionano analogamente in tutti gli ambienti. Strumenti e comandi per il disegno È possibile disegnare qualsiasi tipo di elemento 2D geometrico in Solid Edge, come linee, archi, cerchi, curve b-spline, rettangoli e poligoni. È possibile anche utilizzare Solid Edge per eseguire quanto segue: spse01510 Creazione di uno schizzo 6-1

42 Capitolo 6 Comandi relativi ai disegni Spostare, ruotare, scalare e creare copie speculari degli elementi Ritagliare ed estendere gli elementi Aggiungere smussi e raccordi Creare elementi grafici di precisione da uno schizzo a mano libera Modificare il colore degli elementi Gli strumenti che si utilizzano con i comandi di disegno, ovvero IntelliSketch, le zone d intento e la griglia, consentono di mettere facilmente in relazione gli elementi fra loro, di definire le intenzioni del disegno mentre si eseguono degli schizzi e di fornire coordinate precise relative a qualsiasi posizione dei punti chiave del disegno. Input dei comandi di disegno Utilizzare i comandi di disegno di Solid Edge per fornire l input facendo clic nella finestra grafica o digitando i valori nelle caselle della barra dei comandi. Non occorre alcun ordine preciso di input. Spesso può essere utile usare una combinazione di input della barra dei comandi e della finestra grafica. Ad esempio, è possibile digitare una lunghezza linea nella barra dei comandi, premere il tasto Invio o Tab per bloccare il valore, quindi impostare l angolo di orientamento della linea nella finestra grafica. Oppure si può usare la dinamica dei comandi di disegno per ottenere un idea grafica delle dimensioni e dell orientamento desiderati, quindi digitare i valori nelle caselle della barra dei comandi per fornire input più specifici. È possibile utilizzare l opzione Colore linea sulla barra dei comandi degli elementi per applicare i colori agli elementi 2D. Si può fare clic sull opzione Altro per definire colori personalizzati mediante la finestra di dialogo Colori. Dinamica di disegno Mentre si disegna, il software mostra una visualizzazione temporanea e dinamica dell elemento che si sta disegnando (1). Questa visualizzazione temporanea mostra l aspetto che dell elemento se si fa clic nella posizione corrente del cursore del mouse. Fino al momento in cui si fa clic nel punto che definisce completamente l elemento che si sta disegnando, i valori nelle caselle della barra dei comandi si aggiornano mentre 6-2 Creazione di uno schizzo spse01510

43 Comandi relativi ai disegni si sposta il cursore. In questo modo si hanno informazioni continue su dimensione, forma, posizione e altre caratteristiche dell elemento che si sta disegnando. Quando si blocca un valore immettendolo nella casella della barra dei comandi, la visualizzazione dinamica dell elemento che si sta disegnando mostra che il valore è bloccato. Ad esempio, se si blocca la lunghezza di una linea, la lunghezza della linea dinamica non cambia mentre si sposta il cursore del mouse per impostare l angolo. Se si desidera liberare la dinamica per un valore, è possibile deselezionare la casella di valore facendo doppio clic sulla casella e premendo il tasto Backspace o Canc. Applicazione e visualizzazione delle relazioni Mentre si disegna, IntelliSketch riconosce e applica relazioni 2D che controllano le dimensioni, la forma e la posizione dell elemento. Quando si effettuano delle modifiche, le relazioni permettono al disegno di mantenere quelle caratteristiche che non si desidera alterare. Quando accanto al cursore del mouse viene visualizzato un indicatore di relazione, è possibile fare clic per applicare quella relazione. Ad esempio, se viene visualizzato l indicatore di relazione orizzontale quando si fa clic per inserire il punto finale di una linea, la linea sarà esattamente orizzontale. Inoltre si possono applicare relazioni agli elementi dopo averli disegnati. I simboli delle relazioni visualizzati sulla geometria 2D mostrano il modo in cui gli elementi sono correlati. Per rimuovere una relazione, eliminarne il simbolo. È possibile visualizzare o nascondere i simboli delle relazioni utilizzando il comando Simboli relazioni. Mantenimento delle relazioni È possibile disegnare e modificare gli elementi 2D in modo tale da soddisfare al meglio le proprie esigenze. È possibile rendere associativi i disegni e i layout di assieme applicando delle relazioni oppure è possibile disegnarli a mano libera. spse01510 Creazione di uno schizzo 6-3

44 Capitolo 6 Comandi relativi ai disegni Quando si disegnano gli elementi 2D in un documento Part, le relazioni 2D vengono mantenute. Il mantenimento delle relazioni tra gli elementi bidimensionali rende gli elementi associativi (o correlati) gli uni agli altri. Quando si modifica un elemento 2D correlato ad un altro elemento 2D, il secondo elemento viene aggiornato automaticamente. Ad esempio, se si sposta un cerchio che ha una relazione tangente con una linea, anche la linea di muove in modo che gli elementi rimangano tangenti.. È inoltre possibile disegnare elementi liberamente, o non associativamente. Quando si modifica una parte non associativa di uno schizzo dell assieme o di un disegno, gli elementi modificati si spostano liberamente senza provocare il cambiamento di altre parti del progetto. Ad esempio, se si sposta un cerchio tangente ad una linea (ma che non dispone di una relazione di tangenza con la linea), la linea non si sposta con il cerchio. Per controllare disegno e modifica liberi o associativi degli elementi 2D nei layout e nei disegni, utilizzare il comando Mantieni relazioni negli ambienti Assembly e Draft. Nota Quando si costruisce una feature sincrona utilizzando gli elementi 2D, gli elementi di schizzo vengono spostati nel raccoglitore Schizzi utilizzati di PathFinder. Come funzionano le relazioni 2D Un elemento senza alcuna relazione applicata può essere spostato e modificato in diversi modi. Ad esempio, quando non ci sono relazioni fra due linee (1), le linee possono essere spostate e modificate senza influire l una sull altra. Se si applica una relazione perpendicolare fra le due linee (2) e si sposta una linea, le linee rimangono perpendicolari. Quando si applica una relazione tra gli elementi, la relazione si mantiene quando si modifica uno degli elementi. Per esempio: 6-4 Creazione di uno schizzo spse01510

1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture

1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture Lezione 1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture Informazioni generali sulla progettazione delle strutture È possibile creare segmenti di percorso e strutture utilizzando l applicazione Progettazione

Dettagli

Modellazione di una parte mediante le Superfici

Modellazione di una parte mediante le Superfici Modellazione di una parte mediante le Superfici Numero di pubblicazione spse01560 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto software e la relativa documentazione

Dettagli

Esplosione degli assiemi

Esplosione degli assiemi Esplosione degli assiemi Numero di pubblicazione spse01691 Esplosione degli assiemi Numero di pubblicazione spse01691 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto

Dettagli

Progetto sheet metal

Progetto sheet metal Progetto sheet metal Numero di pubblicazione spse01546 Progetto sheet metal Numero di pubblicazione spse01546 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto software

Dettagli

Creazione di disegni dettagliati

Creazione di disegni dettagliati Creazione di disegni dettagliati Numero di pubblicazione spse01545 Creazione di disegni dettagliati Numero di pubblicazione spse01545 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni

Dettagli

Miglioramento delle abilità grazie ai progetti

Miglioramento delle abilità grazie ai progetti Miglioramento delle abilità grazie ai progetti Numero di pubblicazione spse01550 Miglioramento delle abilità grazie ai progetti Numero di pubblicazione spse01550 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva

Dettagli

Animazione di assiemi

Animazione di assiemi Animazione di assiemi Numero di pubblicazione spse01693 Animazione di assiemi Numero di pubblicazione spse01693 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto

Dettagli

Ispezione degli assiemi

Ispezione degli assiemi Ispezione degli assiemi Numero di pubblicazione spse01680 Ispezione degli assiemi Numero di pubblicazione spse01680 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo FINSON EXTRACAD 6 minimo AVVIO Attraverso l icona ExtraCAD 2D presente sul desktop o tra i programmi del menù Start. In alcuni casi il software potrebbe non essere stato installato nella cartella Programmi,

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

Modellare una poltrona

Modellare una poltrona 7 Modellare una poltrona Sfruttando i comandi di costruzione delle superfici, modelleremo un arredo di media complessità, la poltrona, alla ricerca di una geometria organica che rispetti la continuità

Dettagli

Ispezione degli assiemi

Ispezione degli assiemi Ispezione degli assiemi Numero di pubblicazione spse01680 Ispezione degli assiemi Numero di pubblicazione spse01680 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

Guida rapida - versione Web e Tablet

Guida rapida - versione Web e Tablet Guida rapida - versione Web e Tablet Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Gestisce interattivamente

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Corso di disegno C.A.D. 3D. sull uso di SolidDEdge

Corso di disegno C.A.D. 3D. sull uso di SolidDEdge Corso di disegno C.A.D. 3D sull uso di SolidDEdge Solid Edge è un sistema di computer-aided design (CAD) per assiemi meccanici, modellazione di parti e produzione di disegni. Sviluppato con la tecnologia

Dettagli

DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010

DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010 DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010 Esistono molte versioni di Microsoft Word, dalle più vecchie ( Word 97, Word 2000, Word 2003 e infine Word 2010 ). Creazione di documenti Avvio di Word 1. Fare clic sul

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

Revisione di assiemi

Revisione di assiemi Revisione di assiemi Numero di pubblicazione spse01655 Revisione di assiemi Numero di pubblicazione spse01655 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto software

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Le principali novità di Word XP

Le principali novità di Word XP Le principali novità di Word XP di Gemma Francone supporto tecnico di Mario Rinina Il programma può essere aperto in diversi modi, per esempio con l uso dei pulsanti di seguito riportati. In alternativa

Dettagli

Solid Edge 2D Drafting Domande frequenti (FAQ)

Solid Edge 2D Drafting Domande frequenti (FAQ) Solid Edge 2D Drafting Domande frequenti (FAQ) Siemens PLM Software www.siemens.it/plm Domande frequenti Cos è Solid Edge 2D Drafting? Solid Edge 2D Drafting è un pacchetto software per la creazione di

Dettagli

Il foglio elettronico: Excel

Il foglio elettronico: Excel Il foglio elettronico: Excel Laboratorio di Informatica Corso di Laurea triennale in Biologia Dott. Fabio Aiolli (aiolli@math.unipd.it) Dott.ssa Elisa Caniato (ecaniato@gmail.com) Anno accademico 2007-2008

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

Personalizza. Page 1 of 33

Personalizza. Page 1 of 33 Personalizza Aprendo la scheda Personalizza, puoi aggiungere, riposizionare e regolare la grandezza del testo, inserire immagini e forme, creare una stampa unione e molto altro. Page 1 of 33 Clicca su

Dettagli

autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione

autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione XV Capitolo 1 Introduzione ad AutoCAD 1 1.1 Comprensione della finestra di AutoCAD 1 Componenti della finestra 5 Area di disegno 9 Barra dei

Dettagli

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra:

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra: Capitolo 9 I GRAFICI Si apra il Foglio3 e lo si rinomini Grafici. Si crei la tabella seguente: Figura 104. Tabella grafico Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico.

Dettagli

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE 6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE Le funzionalità di Impress permettono di realizzare presentazioni che possono essere arricchite con effetti speciali animando gli oggetti o l entrata delle diapositive.

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi FONDAMENTI DI INFORMATICA 3 Elaborazione testi Microsoft office word Concetti generali Operazioni principali Formattazione Oggetti Stampa unione Preparazione della stampa Schermata iniziale di Word Come

Dettagli

Funzioni per documenti lunghi

Funzioni per documenti lunghi 8 Funzioni per documenti lunghi In questo capitolo: Creare e personalizzare intestazioni e piè di pagina Organizzare le informazioni Riorganizzare un documento Creare un documento master Inserire un frontespizio

Dettagli

Layout dell area di lavoro

Layout dell area di lavoro Layout dell area di lavoro In Windows, Dreamweaver fornisce un layout che integra tutti gli elementi in una sola finestra. Nell area di lavoro integrata, tutte le finestre e i pannelli sono integrati in

Dettagli

Introduzione al foglio elettronico

Introduzione al foglio elettronico Introduzione al foglio elettronico 1. Che cos'è un foglio elettronico? Un foglio elettronico è un programma che permette di inserire dei dati, di calcolare automaticamente i risultati, di ricalcolarli

Dettagli

Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL. Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL

Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL. Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL Gli strumenti di presentazione servono a creare presentazioni informatiche

Dettagli

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo Disegnare Il disegno (1) Quando si disegna in Adobe Photoshop si creano forme vettoriali e tracciati. Per disegnare potete usare gli strumenti: Forma Penna Penna a mano libera Le opzioni per ogni strumento

Dettagli

DISPENSA DI GEOMETRIA

DISPENSA DI GEOMETRIA Il software di geometria dinamica Geogebra GeoGebra è un programma matematico che comprende geometria, algebra e analisi. È sviluppato da Markus Hohenwarter presso la Florida Atlantic University per la

Dettagli

Microsoft PowerPoint

Microsoft PowerPoint Microsoft introduzione a E' un programma che si utilizza per creare presentazioni grafiche con estrema semplicità e rapidità. Si possono realizzare presentazioni aziendali diapositive per riunioni di marketing

Dettagli

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti.

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. 1 POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. Le presentazioni sono composte da varie pagine chiamate diapositive

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

Corsi ECDL 2008 2009 Fabio Naponiello

Corsi ECDL 2008 2009 Fabio Naponiello Chi inizia un'attività di ufficio con l ausilio di strumenti informatici, si imbatte subito nei comuni e ricorrenti lavori di videoscrittura. Redigere lettere, comunicati, piccole relazioni ecc, sono tipiche

Dettagli

1. Le macro in Access 2000/2003

1. Le macro in Access 2000/2003 LIBRERIA WEB 1. Le macro in Access 2000/2003 Per creare una macro, si deve aprire l elenco delle macro dalla finestra principale del database: facendo clic su Nuovo, si presenta la griglia che permette

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

per immagini guida avanzata Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Elementi chiave della formattazione professionale per immagini guida avanzata GRAFICO PIRAMIDI 35 30 25 20

Dettagli

Alibre Design. Lezione n 6 Messa in tavola. www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22

Alibre Design. Lezione n 6 Messa in tavola. www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22 Alibre Design Lezione n 6 Messa in tavola www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22 Abbiamo già visto nelle lezioni precedenti come avviare Alibre in modalità Pezzo (per disegnare una parte) o in modalità

Dettagli

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access sergiopinna@tiscali.it Seconda Parte: Ms Access (lezione #2) CONTENUTI LEZIONE Query Ordinamento Avanzato Maschere Report Query (interrogazioni) Gli strumenti

Dettagli

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo MODELLAZIONE SOLIDA Cliccando con il tasto destro sulla barra grigia in alto attiviamo la scheda dei Solidi > Gruppo di schede > Solidi. Tale scheda si compone di diversi gruppi: il gruppo di Modellazione

Dettagli

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI 5.6 STAMPA In alcune circostanze può essere necessario riprodurre su carta i dati di tabelle o il risultato di ricerche; altre volte, invece, occorre esportare il risultato di una ricerca, o i dati memorizzati

Dettagli

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino -

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino - Capitolo3 LAVORARE CON LE IMMAGINI E certo che l impatto visivo in un sito internet è molto importante ma è bene tenere presente che immagini e fotografie, pur arricchendo la struttura grafica di un web,

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni.

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni. Maschere di Livello Maschere di livello Le maschere di livello sono utili per nascondere porzioni del livello a cui vengono applicate e rivelare i livelli sottostanti. Sono uno strumento di composizione

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione (Syllabus 5.0 Ooo Impress 3.0)

Modulo 6 Strumenti di presentazione (Syllabus 5.0 Ooo Impress 3.0) Modulo 6 Strumenti di presentazione (Syllabus 5.0 Ooo Impress 3.0) Le versioni per Linux e Windows sono praticamente identiche. I pochi casi di difformità nei comandi sono segnalati. Ricordarsi di utilizzare,

Dettagli

Excel Foglio elettronico: esempio

Excel Foglio elettronico: esempio Excel Sist.Elaborazione Inf. excel 1 Foglio elettronico: esempio Sist.Elaborazione Inf. excel 2 Foglio elettronico o spreadsheet griglia o tabella di celle o caselle in cui è possibile inserire: diversi

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

Guida per l'utente alla pianificazione OrgPublisher per tutti i browser

Guida per l'utente alla pianificazione OrgPublisher per tutti i browser Guida per l'utente alla pianificazione OrgPublisher per tutti i browser Sommario Guida per l'utente alla pianificazione OrgPublisher per tutti i browser Sommario Accesso alla pianificazione per tutti i

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel

Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini Excel 2000 1 Presentazione della barra degli strumenti di disegno La barra degli strumenti

Dettagli

Operazioni fondamentali

Operazioni fondamentali Elaborazione testi Le seguenti indicazioni valgono per Word 2007, ma le procedure per Word 2010 sono molto simile. In alcuni casi (per esempio, Pulsante Office /File) ci sono indicazioni entrambe le versioni.

Dettagli

Ipsia Monza via Monte Grappa 1 20052 Monza (MI) tel. 039-2003476 fax 039-2003475. Corsi CAD 2D Base. Struttura modulare

Ipsia Monza via Monte Grappa 1 20052 Monza (MI) tel. 039-2003476 fax 039-2003475. Corsi CAD 2D Base. Struttura modulare Corsi CAD 2D Base Struttura modulare Struttura della Parte I Concetti di base 1.a introduzione al Cad 2 1.b definizione delle viste 2 1.c interscambio dei disegni 2 1.d visualizzazione dei disegni 2 Tot.

Dettagli

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Alla fine del capitolo saremo in grado di: Operare su forme tridimensionali comunque inclinate nello spazio rispetto ai piani

Dettagli

Concetti Fondamentali

Concetti Fondamentali EXCEL Modulo 1 Concetti Fondamentali Excel è un applicazione che si può utilizzare per: Creare un foglio elettronico; costruire database; Disegnare grafici; Cos è un Foglio Elettronico? Un enorme foglio

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 03 Apertura, creazione e salvataggio di disegni 27 04 Strumenti di ausilio al disegno 43

sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 03 Apertura, creazione e salvataggio di disegni 27 04 Strumenti di ausilio al disegno 43 sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 AutoCAD, AutoCAD per Mac, e 1 L avvio di AutoCAD 2 I primi cenni sull interfaccia 2 L area di disegno 5 Il cursore grafico 5 L icona del sistema di

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

Obiettivo Generare un file.notebook integrato con testo, collegamenti, video, suoni e immagini ed esportarlo in diversi formati: PDF, HTML e JPG.

Obiettivo Generare un file.notebook integrato con testo, collegamenti, video, suoni e immagini ed esportarlo in diversi formati: PDF, HTML e JPG. SMART Board Prerequisiti PC Pentium III - 128Mb di Ram- 110 Mb di spazio su HD - casse acustiche - software Notebook e driver di SMART Board Videoproiettore - LIM Installazione software Smart Board su

Dettagli

CORSO DI ALLINEAMENTO DA SOLID EDGE XX A SOLID EDGE ST5

CORSO DI ALLINEAMENTO DA SOLID EDGE XX A SOLID EDGE ST5 CORSO DI ALLINEAMENTO DA SOLID EDGE XX A SOLID EDGE ST5 Piano di formazione per il riallineamento delle versioni precedenti a Solid Edge with Synchronous Technology 5 LA PROGRESSIONE DELL INNOVAZIONE E

Dettagli

Introduzione a Word. Prima di iniziare. Competenze che saranno acquisite. Requisiti. Tempo stimato per il completamento:

Introduzione a Word. Prima di iniziare. Competenze che saranno acquisite. Requisiti. Tempo stimato per il completamento: Introduzione a Word Word è una potente applicazione di elaborazione testi e layout, ma per utilizzarla nel modo più efficace è necessario comprenderne gli elementi di base. Questa esercitazione illustra

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Microsoft Paint. Per far partire il programma occorre cliccare su START \ PROGRAMMI \ ACCESSORI \ PAINT

Microsoft Paint. Per far partire il programma occorre cliccare su START \ PROGRAMMI \ ACCESSORI \ PAINT Microsoft Paint Paint è uno strumento di disegno che consente di creare disegni sia semplici che elaborati. È possibile creare disegni in bianco e nero o a colori e salvarli come file bitmap. I disegni

Dettagli

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2 Le Palette (parte prima) Come abbiamo accennato le Palette permettono di controllare e modificare il vostro lavoro. Le potete spostare e nascondere come spiegato nella prima lezione. Cominciamo a vedere

Dettagli

SPOSTARE UN FILE USANDO IL MOUSE

SPOSTARE UN FILE USANDO IL MOUSE SPOSTARE UN FILE USANDO IL MOUSE Dopo aver creato una cartella può nascere l'esigenza di spostare un file all'interno della nuova cartella creata. Per comodità, visualizza le icone in modalità Icone medie.

Dettagli

Microsoft Word 2007 Avanzato Lezione 16. Dimensione delle immagini

Microsoft Word 2007 Avanzato Lezione 16. Dimensione delle immagini Dimensione delle immagini e Scorrimento del testo Dimensione delle immagini Anche oggi parliamo di immagini. Cominciamo proponendo qualche considerazione circa le dimensioni e il ritaglio dell immagine

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Sommario Indietro >> Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Personalizzazione Apertura del pannello di controllo Funzioni del pannello di controllo Schede Elenchi del pannello di controllo

Dettagli

Microsoft Word. Nozioni di base

Microsoft Word. Nozioni di base Microsoft Word Nozioni di base FORMATTARE UN DOCUMENTO Gli stili Determinano l aspetto dei vari elementi di testo di un documento Consistono in una serie di opzioni (predefinite o personalizzate) salvate

Dettagli

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database.

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database. 1 di 13 22/04/2012 250 Supporto / Access / Guida e procedure di Access 2007 / Tabelle Guida alle relazioni tra tabelle Si applica a: Microsoft Office Access 2007 Uno degli obiettivi di una buona strutturazione

Dettagli

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prof. Orlando De Pietro Programma L' hardware Computer multiutente e personal computer Architettura convenzionale di un calcolatore L unità centrale

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO Windows è il programma che coordina l'utilizzo di tutte le componenti hardware che costituiscono il computer (ad esempio la tastiera e il mouse) e che consente di utilizzare applicazioni

Dettagli

Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott.

Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Strumenti di presentazione (Microsoft PowerPoint) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Personalizzazione stampe con strumento Fincati

Personalizzazione stampe con strumento Fincati Personalizzazione stampe con strumento Fincati Indice degli argomenti Introduzione 1. Creazione modelli di stampa da strumento Fincati 2. Layout per modelli di stampa automatici 3. Impostazioni di stampa

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO

ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO AutoCAD (prodotto dall'autodesk) è, senza dubbio, il programma più diffuso nel campo del disegno tecnico assistito

Dettagli

Guida OpenOffice.org Writer

Guida OpenOffice.org Writer Guida OpenOffice.org Writer Le visualizzazioni di Writer Writer permette di visualizzare un documento in diverse maniere tramite: Visualizza->Schermo intero: permette di visualizzare il documento Writer

Dettagli

SPOSTARE UN FILE USANDO I COMANDI TAGLIA ED INCOLLA

SPOSTARE UN FILE USANDO I COMANDI TAGLIA ED INCOLLA SPOSTARE UN FILE USANDO IL MOUSE Dopo aver creato una cartella può nascere l'esigenza di spostare un file all'interno della nuova cartella creata. 1 - Posiziona il puntatore sopra il file da spostare 2

Dettagli

2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le seguenti due tabelle (una tabellina non compilata e una compilata)

2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le seguenti due tabelle (una tabellina non compilata e una compilata) Tabellina Pitagorica Per costruire il foglio elettronico per la simulazione delle tabelline occorre: 1. Aprire Microsoft Excel 2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le

Dettagli

Ci sono molti vantaggi nel mettere in relazione le

Ci sono molti vantaggi nel mettere in relazione le Capitolo 4 Relazioni tra tabelle 4.1 Definizione di una relazione 4.2 Visualizzazione e modifica delle relazioni 4.3 Stampa delle relazioni Ci sono molti vantaggi nel mettere in relazione le tabelle di

Dettagli

Laboratorio informatico di base

Laboratorio informatico di base Laboratorio informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche (DISCAG) Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it) Sito Web del corso: www.griadlearn.unical.it/labinf

Dettagli

Lavorare con Solid Edge Embedded Client

Lavorare con Solid Edge Embedded Client Lavorare con Solid Edge Embedded Client Numero di pubblicazione spse01424 103 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto software e la relativa documentazione

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Organizzazione dei tasti

Organizzazione dei tasti Utilizzare la tastiera La tastiera è lo strumento principale per l'immissione di informazioni nel computer, che si tratti di scrivere una lettera o di calcolare dati numerici. Non tutti sanno però che

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOCAD

FONDAMENTI DI AUTOCAD Indice Introduzione XIII PARTE PRIMA FONDAMENTI DI AUTOCAD 1 Capitolo 1 Iniziare a disegnare 3 1.1 Conoscere AutoCAD 3 1.2 Avviare AutoCAD 4 1.3 Creare un nuovo disegno 5 1.4 Utilizzare l interfaccia di

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

Il controllo della visualizzazione

Il controllo della visualizzazione Capitolo 3 Il controllo della visualizzazione Per disegnare in modo preciso è necessario regolare continuamente l inquadratura in modo da vedere la parte di disegno che interessa. Saper utilizzare gli

Dettagli

4. Strumenti di aiuto al lavoro

4. Strumenti di aiuto al lavoro 4. Strumenti di aiuto al lavoro GRIGLIA E SNAP La GRIGLIA è una matrice rettangolare di punti o linee (a seconda dello stile di visualizzazione) disposti secondo un intervallo X e Y che si estende sull'area

Dettagli