Insufficienza Renale Cronica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Insufficienza Renale Cronica"

Transcript

1 L assistenza infermieristica:la gestione dei presidi Erika Tonoli C.S. Reparto di Geriatria/UCSI Fondazione Poliambulanza Brescia S.Angelo Lodigiano Aprile 2008

2 Cenni anatomico-funzionali Rene: funzioni. Il rene è l organo principale dell apparato urinario e svolge la funzione di: depurazione filtrazione riassorbimento escrezione

3 L anatomia macroscopica del rene è strettamente collegata alle sue funzioni. La corteccia, i calici, e il bacinetto confluiscono nelle strutture escretrici.

4 Anche l unità funzionale del rene (il nefrone) è strutturato per rispondere alle funzioni principali filtrazione, riassorbimento ed escrezione. Il glomerulo filtra L ansa di Henle riassorbe Il tubulo distale e i dotti collettori espellono

5 IRC: definizione Perdita permanente delle funzioni del rene con: l incapacità di depurare (eliminando prodotti azotati del metabolismo) mantenere l omeostasi idro-elettrolitica secernere eritropoietina.

6 IRC: eziologia Progressione di processo patologico cronico (ad esempio diabete) Progressione di processo acuto resosi irreversibile (ad esempio glomerulonefrite, pielonefrite)

7 IRC: quantificazione del danno La misurazione del danno renale può essere determinata da diverse unità di misura: Creatinina (plasmatica, urinaria) Velocità di filtrazione glomerulare (VFG) La creatininemia è molto diffusa e da molto tempo si utilizza nella routine della pratica quotidiana. La VFG (che viene calcolata da una apposita formula)

8 IRC:staging. La progressione della VGF permette di stadiare e seguire il danno d organo nel tempo al fine di prevedere appositi protocolli diagnostico-terapeutici in base alle varie fasi della malattia renale. VGF STADIO Funzione /sintomi Azioni VGF 90 STADIO I Asintomatico. F.renale 50% ma compensata. Ipertensione, edemi lievi. Osservazione per prevenzione secondaria. Trattamento delle condizioni morbose concomitanti. VGF STADIO II Sintomatico. Ipertensione,stanchezza, scarso appettito, pallore, nicturia. Stima della progressione VGF STADIO III Anemia, crampi, dispnea. Valutazione e trattamento delle eventuali complicazioni VGF STADIO IV End Stage Renal Disease Nausea, vomito, prurito, disgeusia. Valutazione per eventuale consulto nefrologico per terapie specifiche. VGF < 15 Uremia ESRD Progressione dei sintomi prec. fino al coma uremico e morte. Eventuale dialisi La sintomaticità compare quando è alterata la funzione del 70-80% circa dei nefroni normalmente funzionanti. Ciò avviene perché vi è una funzione vicariante dei nefroni residui. In ciò si esplica la riserva funzionale del rene.

9 Esami di laboratorio: Esame urine: chimico-fisico Esami ematici: azotemia elettroliti (calcio, fosforo, PTH) emoglobina proteinuria 24 ore microalbuminuria eritrociti creatinina VFG paratormone emogasanalisi

10 Preparazione per il prelievo delle urine: Esame urine a fresco ci permette di vedere: se è presente sangue all esame chimico e/o microscopico se è presente albumina o altre proteine se sono presenti globuli bianchi o altre cristalli o cilindri Raccolta del campione: (Paziente autosufficiente) igiene del mattino delle parti intime e delle mani prima del prelievo si raccolgono le urine scartando quelle della notte quindi la seconda minzione mitto intermedio

11 Preparazione per il prelievo delle urine: Raccolta del campione: (Paziente NON autosufficiente) lavaggio corretta della mani da parte degli operatori igiene del mattino delle parti intime del paziente lavaggio operatore con soluzione alcolica cateterismo estemporaneo (manovra sterile) mitto intermedio Se il paziente è incontinente si posiziona il cateterismo estemporaneo al mattino dopo le adeguate procedure ( lavaggio mani, manovra sterile) e si clampa per qualche ora.

12 Preparazione per il prelievo delle urine delle 24 ore: Raccolta del campione: (Paziente autosufficiente) igiene del mattino delle parti intime e delle mani prima del prelievo si raccolgono le urine scartando quelle della notte quindi conservazione in apposito contenitore dalla seconda minzione in poi fino al mattino successivo (comprese quelle notturne) o si porta tutto il contenitore (graduato) oppure si mescolano le urine e si raccoglie un campione (indicando la quantità globale)

13 Preparazione per il prelievo delle urine delle 24 ore: Raccolta del campione: (Paziente non autosufficiente) lavaggio delle mani dell operatore accurata igiene del paziente lavaggio operatore con soluzione alcolica preparazione del materiale per il posizionamento di un catetere vescicale (Foley) con procedura sterile

14 Cateterismo vescicale:finalità Diagnostiche : esame urine raccolta citologia valutazione di ristagno vescicale monitoraggio diuresi Terapeutiche: ostruzione cronica delle vie urinarie protezione di lesioni da pressione

15 Cateterismo vescicale:complicanze Lesioni o traumatismi durante il posizionamento Infezioni vie urinarie Ipotonia muscolare vescicale Formazione di fistole Decubiti urtetrali

16 Cateterismo vescicale:strumenti Tipi di catetere vescicale: Materiale Lume Dimensioni Peculiarità Lattice 1/2/3 vie ch Nelaton couvelaire Foley Silicone Thiemann (Caucciù Poliuretano Polivinilcloruro)

17

18

19

20 Cateterismo vescicale:strumenti Nel caso in cui sia necessario posizionare un catetere vescicale è sempre preferibile il posizionamento di un circuito chiuso in modo da poter eseguire, se necessari, dei prelievi di urine in modo corretto.

21 Cateterismo vescicale:procedura Informazione del paziente (parente) Adeguamento dell ambiente (privacy) Preparazione dell occorrente (materiale e paziente) Procedura: Lavaggio sociale delle mani Indossare i guanti non sterili Posizionare correttamente il paziente Detergere l area genitale Togliere i guanti e sostituirli con guanti sterili Posizionare il telino sterile

22 Cateterismo vescicale:procedura Nell uomo: retrarre il prepuzio con la mano non dominante e, con la mano dominante prendere la garza imbevuta di antisettico e disinfettare Lubrificare la parte prossimale del catetere e raccordare il sistema di raccolta. Procedere all inserimento del catetere. Nella donna: evidenziare il meato uretrale con la mano non dominante. Con la mano dominante disinfettare (come sopra), lubrificare, inserire il catetere. In entrambe i casi (uomo, donna), dopo l inserimento del catetere e la verifica del corretto posizionamento gonfiare il palloncino di ancoraggio.

23 Nefrostomia Catetere introdotto nella pelvi renale che permette il drenaggio di urina direttamente dal rene.sostituito periodicamente ogni 30/40 giorni sotto guida radiologica. Finalita terapeutiche: Stenosi infiammatorie e/o iatrogene dell uretere Ostruzioni acute dell uretere Tumori dell uretere e/o retroperitoneali con compromissione della pervietà ureterale

24 Nefrostomia Procedura pre posizionamento Informazione al paziente Digiuno dalle 24 del giorno precedente Sospensione farmaci anticoagulanti e controllo INR preprocedurale Documentazione (cartella clinica e radiografie) Accompagnare il paziente in uroradiologia

25 Procedura post posizionamento Abbondante idratazione Controlli frequenti pervieta del drenaggio medianto lavaggi con sol. fisiologica Controlli della medicazione Controllo del tubo di drenaggio(per evitare angolazioni anomale) Monitoraggio diuresi Durante la mobilizzazione del paziente controllare che il punto di sutura rimanga ancorato alla cute Rinnovare la medicazione ogni 2/3 giorni

26 Cistostomia sovrapubica: Particolare catetere che introdotto direttamente in vescica permette il drenaggio di urina Finalita : Impossibilita a posizionare un catetere vescicale per ostacolo cervico-uretrale In caso di trauma del bacino con sospetto di lesione uretrale

27 Procedura pre posizionamento: (assicurarsi che il paziente sia a vescica piena) Tricotomia sovrapubica Disinfezione Preparare kit cistocentesi Anestetico locale Trousse chirurgica Bisturi Filo di sutura

28 Procedura post posizionamento Effettuare medicazione sterile ogni due giorni Controllo della pervieta del tubo di drenaggio Controllo della ferita e del punto di sutura Monitoraggio diuresi

29 Prelievo di urina da catetere vescicale : Accurato lavaggio delle mani Disinfezione con Iodopovidone l apposito dispositivo per il prelevamento Utilizzare siringa e ago sterili Manovrare correttamente il contenitore per evitare contaminazioni

30 Raccomandazioni: Garantire la privacy del paziente Utilizzare cateteri a circuito chiuso(sostituzione ogni 7 giorni della sacca in modo asettico) Mantenere la sacca sotto il livello della vescica In caso di manovra clampare il tubo di drenaggio Rimuovere il catetere il prima possibile

31 Take home messages: L esame delle urine è MOLTO IMPORTANTE!!!!

32 I. P? Asta sterilizzata Barattolo STERILE!!! Cane visto dalle terga

33 Take home messages: L esame delle urine è MOLTO IMPORTANTE!!!! E MOLTO importante che venga eseguito in modo corretto!!!

34 E probabile che io non passi l esame urine? Grazie per l attenzione.

PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE

PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE RESPONSBILITA DELL INFERMIERE E RIFERIMENTI LEGISLATIVI SULLA PRATICA DELL INSERIMENTO DEL CATETERE VESCICALE TALE TECNICA E DI COMPETENZA INFERMIERISTICA

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Prelievo di urine per urinocoltura OBIETTIVO Ottenere un campione

Dettagli

PROTOCOLLO di GESTIONE del CATETERE VESCICALE

PROTOCOLLO di GESTIONE del CATETERE VESCICALE PROTOCOLLO di GESTIONE del CATETERE VESCICALE COMMISSIONE PROFESSIONALE PER LE CURE DOMICILIARI Fernando ANZIVINO, Mara CALDERONI, Giuseppina CAROSELLI, Alessandra GALLETTI, Stefano GIORDANI, Gaetano MARINELLI,

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

Argomenti di Patologia Clinica Esami della funzione renale Rene e laboratorio Perché esaminare la funzionalità renale? Per identificare le disfunzioni renali Per diagnosticare le patologie renali Per monitorare

Dettagli

Schededisupporto. Catetere a permanenza tipo Foley a palloncino ACCESSORI E MODIFICHE DESCRIZIONE FUNZIONE CONTROINDICAZIONI MODALITÀ DI UTILIZZO

Schededisupporto. Catetere a permanenza tipo Foley a palloncino ACCESSORI E MODIFICHE DESCRIZIONE FUNZIONE CONTROINDICAZIONI MODALITÀ DI UTILIZZO Catetere a permanenza tipo Foley a palloncino In lattice o in silicone 100%, abitualmente a due vie: una per il deflusso d urina, l altra per instillare l acqua che gonfia il dispositivo a palloncino che

Dettagli

Protocollo Medico GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE A CIRCUITO CHIUSO STERILE

Protocollo Medico GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE A CIRCUITO CHIUSO STERILE Pagina 1 di 10 INIDICE 1.0 SCOPO... 2 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3.0 ABBREVIAZIONI, DEFINIZIONI E TERMINOLOGIA... 2 4.0 RESPONSABILITA... 3 5.0 MODALITA OPERATIVA / PROCEDURA... 4 Posizionamento Catetere

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO URINARIO

MALATTIE DELL APPARATO URINARIO MALATTIE DELL APPARATO URINARIO Diuresi = quantità di urina emessa nelle 24ore (1500 ml) Sintomi e segni legati all apparato urinario: - Ematuria = sangue nelle urine - piuria = pus nelle urine - oliguria

Dettagli

Classificazione delle stomie urinarie e tecniche di confezionamento

Classificazione delle stomie urinarie e tecniche di confezionamento Classificazione delle stomie urinarie e tecniche di confezionamento LE DERIVAZIONI URINARIE CLASSIFICAZIONE CONTINENTI: INTERNE ESTERNE INCONTINENTI: TEMPORANEE PERMANENTI SCHEMA DERIVAZIONI URINARIE DERIVAZIONI

Dettagli

Principali patologie renali -Pielonefrite acuta e cronica -Glomerulonefrite acuta e cronica -Sindrome nefrosica -Insufficienza renale reversibile e irreversibile -Calcolosi renale Pielonefrite acuta Da

Dettagli

Cateterismo vescicale a permanenza e Presidi necessari al posizionamento.

Cateterismo vescicale a permanenza e Presidi necessari al posizionamento. Cateterismo vescicale a permanenza e Presidi necessari al posizionamento. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza:

Dettagli

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE MEDICI PER SAN CIRO LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE Dr Ciro Lenti U.O. Nefrologia e Dialisi AUSL 11 Empoli P.O. San Miniato (PI) Le infezioni delle vie urinarie sono infezioni che possono riguardare i

Dettagli

CORSO S T E T O E RICO-PR P ATI T CO A.S. S L. L P E P S E C S ARA 14/17/19 D 19 I D CE C M

CORSO S T E T O E RICO-PR P ATI T CO A.S. S L. L P E P S E C S ARA 14/17/19 D 19 I D CE C M Il cateterismo vescicale CORSO TEORICO-PRATICO A.S.L. PESCARA 14/17/19 DICEMBRE 2007 Dott. R. Renzetti CATETERISMO VESCICALE Il cateterismo vescicale è una metodica di drenaggio atta all'evacuazione dell

Dettagli

LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA

LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA OPUSCOLO INFORMATIVO LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA Questa guida è stata pensata per aiutarla a

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE (DICEMBRE 2002) A cura di: SIMONA GASTALDI Ortopedia II, LAURA

Dettagli

Da: Trattato delle Operazioni Ledran 1774

Da: Trattato delle Operazioni Ledran 1774 CATETERISMO La grande arte di cateterizzare consiste in una specie di intesa tra la mano che tiene il pene e quella che tiene la sonda; perché esse devono per così dire, sintonizzarsi in modo tale che

Dettagli

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT Paolo Sorrenti FASE PRE IMPIANTO ü Preparazione del paziente all ingresso ü Preparazione del laboratorio di elettrofisiologia ü Preparazione

Dettagli

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie Evento formativo Prevenire le infezioni correlate all assistenza sanitaria: un impegno condiviso dei professionisti del Dipartimento POIT 1 Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni

Dettagli

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE a cura di Andrea B. Galosi Il catetere vescicale è un dispositivo (tubicino flessibile) che permette il drenaggio continuo dell urina dalla vescica all esterno attraverso

Dettagli

Apparato urinario: il maggior depuratore del sangue. prof. Filippo Quitadamo

Apparato urinario: il maggior depuratore del sangue. prof. Filippo Quitadamo Apparato urinario: il maggior depuratore del sangue. 1 2 3 4 Rene : 150 grammi, lungo 12 cm, largo 7 cm 5 INDICATORI Conoscenze: 1. Descrivere l apparato escretore. 2. Illustrare l organizzazione anatomica

Dettagli

In quali persone dobbiamo sospettare una nefropatia?

In quali persone dobbiamo sospettare una nefropatia? Stabilire se un paziente è normale o patologico, è sempre un compito arduo per il medico In quali persone dobbiamo sospettare una nefropatia? Nei pazienti affetti da patologie a rischio Nei soggetti, anche

Dettagli

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un 1 Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un rischio di sviluppare una malattia renale cronica di

Dettagli

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI ACUTA Dolore costante e non colico, localizzato al fianco eo irradiato all inguine. Micro-macroematuria. Sovente nausea e vomito. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Eliminazione.. Calogero Papa Inf. Stomaterapista Fondazione IRCCS S. Matteo - Pavia

Eliminazione.. Calogero Papa Inf. Stomaterapista Fondazione IRCCS S. Matteo - Pavia Eliminazione.. Calogero Papa Inf. Stomaterapista Fondazione IRCCS S. Matteo - Pavia 2 grossi problemi Urinaria Incontinenza Fecale stipsi Cause Traumatiche Post intervento Neuropatie Post Radioterapia

Dettagli

L EMATURIA (URINE ROSSE). COSA È E COME POSSIAMO GESTIRLA. Collana piùinforma

L EMATURIA (URINE ROSSE). COSA È E COME POSSIAMO GESTIRLA. Collana piùinforma L EMATURIA (URINE ROSSE). COSA È E COME POSSIAMO GESTIRLA. Collana piùinforma COS È L EMATURIA? Con questo termine si definisce la presenza di sangue nelle urine. Si distinguono due tipi di ematuria: la

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Pagina 1 di 1 Emissione: 10.11.2000 PROCEDURA N. 69 Aggiornamento: 27.9.2001 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Destinatari

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

DIPARTIMENTO MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA PROCEDURA OPERATIVA RACHICENTESI

DIPARTIMENTO MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA PROCEDURA OPERATIVA RACHICENTESI DIPARTIMENTO MALATTIE DEL UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA Gruppo di lavoro - Coordinatore Dipartimento CPSE Dott.ssa Danila Massenti - CPS infermiere Susanna Bellavia - CPS infermiere Annalisa Massei

Dettagli

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO CORSO CORSO OSS DISCIPLINA: OSS DISCIPLINA: ANATOMIA PRIMO E FISIO-PATOLOGIA SOCCORSO MASSIMO MASSIMO FRANZIN FRANZIN COSTITUITO DA: DUE RENI DUE URETERI

Dettagli

CdL in INFERMIERISTICA LE MALATTIE RENALI

CdL in INFERMIERISTICA LE MALATTIE RENALI CdL in INFERMIERISTICA Medicina Generale e Specialistica Dr Claudio Pagano Dip di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Padova LE MALATTIE RENALI IL RENE: ANATOMIA 1 IL RENE: ANATOMIA IL RENE NORMALE

Dettagli

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA - alterazione funzione renale con quadro clinico molto vario da muto a gravissimo - patogenesi varia, distinta in tre forme: 1. pre-renale (funzionale) 2. renale (organica) 3. post-renale (ostruttiva)

Dettagli

I Reni (Fig.1) (Fig.1) Fig. 1 (Fig. 2).

I Reni (Fig.1) (Fig.1) Fig. 1 (Fig. 2). I Reni Sono due organi situati nell addome, a forma di fagiolo, grandi poco più di un pugno, collegati alla vescica da un condotto (Uretere) (Fig.1). L urina dei due reni si raccoglie nella vescica. Fig.

Dettagli

L igiene intima La pulizia del meato urinario La ventralizzazione del pene (fig. 1) cambiata la posizione di ancoraggio alla gamba

L igiene intima La pulizia del meato urinario La ventralizzazione del pene (fig. 1) cambiata la posizione di ancoraggio alla gamba IL RUOLO DELL INFERMIERE NELLA RIABILITAZIONE DELLA VESCICA NEUROGENA DEL MIELOLESO Patrizia Ferroni, Unità Spinale Unipolare Osp. Silvestrini PERUGIA La mielolesione, provoca l interruzione delle vie

Dettagli

www.fondazionedamico.org

www.fondazionedamico.org www.fondazionedamico.org COSA SONO Sono due organi situati nell addome, a forma di fagiolo, grandi poco più di un pugno, collegati alla vescica da un condotto chiamato uretere. L urina prodotta dai due

Dettagli

PROTOCOLLO DI GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE

PROTOCOLLO DI GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE PROTOCOLLO DI GESTIONE DEL CATETERE Premessa I cateteri vescicali sono tra gli strumenti maggiormente impiegati nella gestione dell incontinenza negli Ospiti della RSD, il 47% degli assistiti infatti è

Dettagli

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA Artificiale: Dialisi Naturale: Trapianto EMODIALISI Metodica di depurazione extra- corporea realizzata mediante scambi di soluti e di acqua

Dettagli

La diagnostica delle malattie renali è difficile:

La diagnostica delle malattie renali è difficile: La diagnostica delle malattie renali è difficile: Le nefropatie sono in genere asintomatiche I reperti non sono eclatanti nè esclusivi Le competenze specialistiche si sovrappongono: gli stessi pazienti

Dettagli

I Reni (Fig.1) (Fig.1) Fig. 1 (Fig. 2).

I Reni (Fig.1) (Fig.1) Fig. 1 (Fig. 2). Associata alla International Federation of Kidney Foundations Presidente: Prof. Vittorio E. Andreucci - Via Giacomo Puccini 18-80127 Napoli Tel. (081)5562922 - Fax (081)5466844 - e-mail: firandreucci@yahoo.it

Dettagli

La palpazione del rene è possibile solo in individui magri o quando il rene è deformato in modo grave dalla patologia

La palpazione del rene è possibile solo in individui magri o quando il rene è deformato in modo grave dalla patologia PALPAZIONE della regione lombare La palpazione del rene è possibile solo in individui magri o quando il rene è deformato in modo grave dalla patologia La palpazione della regione lombare renale deve ricercare

Dettagli

IL PAZIENTE IN DIALISI

IL PAZIENTE IN DIALISI IL PAZIENTE IN DIALISI Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI DIALISI OBIETTIVI Cenni sull INSUFFICIENZA RENALE Diversi tipi di DIALISI Il PAZIENTE DIALIZZATO: problematiche ed emergenze EMORRAGIE della

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

ESAME DELLE URINE. Dr.ssa Marta Greco. Scienze Infermieristiche

ESAME DELLE URINE. Dr.ssa Marta Greco. Scienze Infermieristiche ESAME DELLE URINE Dr.ssa Marta Greco Scienze Infermieristiche Esame urine E l esame fondamentale della diagnostica nefrologica Campione ideale per un corretto esame: - Prime Urine del mattino (le urine

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR

Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR Benedetto Maria Teresa Imola, 11/6/08 PERCORSI AMBULATORIO NEFROLOGICO AMBULATORIO DI PREDIALISI AMBULATORIO DIALISI:

Dettagli

Presidi per la gestione della vescica e dell intestino

Presidi per la gestione della vescica e dell intestino AUTONOMIA E QUOTIDIANITÀ Presidi per la gestione della vescica e dell intestino Patrizia Ferroni CPS Infermiera Uroriabilitatrice - Perugia AUTONOMIA La parola autonomia deriva dal greco e significa poter

Dettagli

assistenza infermieristica Alla persona con insufficienza renale

assistenza infermieristica Alla persona con insufficienza renale Con affetto alle mie figlie Sofia e Beatrice FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA PER INFERMIERE Tesi di Laurea assistenza infermieristica Alla persona con insufficienza renale Laureanda Simonetta

Dettagli

AZIENDA MONALDI COTUGNO CTO PROCEDURA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE (IVU) ASSOCIATE A CATETERISMO VESCICALE

AZIENDA MONALDI COTUGNO CTO PROCEDURA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE (IVU) ASSOCIATE A CATETERISMO VESCICALE Pagina 1 di 9 POCEDUA PEVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE VIE UINAIE (IVU) ASSOCIATE A CATETEISMO VESCICALE Copia Controllata Modalità di trasmissione Copia Non Controllata ev. Data Motivo evisione 00 Approvazione:

Dettagli

CATETERE VESCICALE POSIZIONAMENTO, GESTIONE, FATTORI DI RISCIO E COMPLICANZE

CATETERE VESCICALE POSIZIONAMENTO, GESTIONE, FATTORI DI RISCIO E COMPLICANZE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N 16 C.F. e P.I. 00349050286 Unità Operativa Anestesia e Rianimazione Direttore dr. Claudio Mongiat Tel.: 049/97188334 Fax: 049/9718368 e-mail:claudio.mongiat@sanita.padova.it

Dettagli

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE Segnali d allarme Gran parte delle malattie renali si possono comportare come killer silenziosi : operano indisturbate, senza sintomi, per anni e, quando i loro effetti si

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI URINARIE CORRELATE AL CATETERISMO VESCICALE IN AMBITO DOMICILIARE

LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI URINARIE CORRELATE AL CATETERISMO VESCICALE IN AMBITO DOMICILIARE LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI URINARIE CORRELATE AL CATETERISMO VESCICALE IN AMBITO DOMICILIARE PROTOCOLLO OPERATIVO INFERMIERISTICO INDICE 1. Premessa... 3 2. Attori, riferimenti legislativi... 4 3.

Dettagli

DEFINIZIONE DI INCONTINENZA URINARIA

DEFINIZIONE DI INCONTINENZA URINARIA DEFINIZIONE DI INCONTINENZA URINARIA Una perdita involontaria di urina, di grado tale da costituire un problema igienico e sociale (vecchia definizione ICS) Qualsiasi perdita involontaria di urina (nuova

Dettagli

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE L'urina normale è sterile. L'isolamento di batteri nelle urine è legato alla colonizzazione batterica della mucosa del tratto urinario e/o dei reni. Le infezioni del tratto

Dettagli

Applicazione linee guida nella fase preanalitica. Graziella Saccani

Applicazione linee guida nella fase preanalitica. Graziella Saccani Applicazione linee guida nella fase preanalitica Graziella Saccani Tra i maggiori problemi preanalitici, le procedure di raccolta, trasporto, trattamento e conservazione del campione rappresentano le maggiori

Dettagli

PP.DS.11 PROCEDURA DI PRESIDIO PER IL CATETERISMO VESCICALE IN SOGGETTO ADULTO

PP.DS.11 PROCEDURA DI PRESIDIO PER IL CATETERISMO VESCICALE IN SOGGETTO ADULTO Pag. 1/15 PROCEDURA DI PRESIDIO PER IL CATETERISMO VESCICALE IN SOGGETTO ADULTO REV. DATA AUTORIZZAZIONI REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 11 ottobre 2004 Gruppo di lavoro sul cateterismo vescicale C.I.O.

Dettagli

GESTIONE ASETTICA DA PARTE DI UN SOLO OPERATORE DI UN CATETERE VENOSO CENTRALE PER DIALISI

GESTIONE ASETTICA DA PARTE DI UN SOLO OPERATORE DI UN CATETERE VENOSO CENTRALE PER DIALISI Procedura/Istruzione Operativa GESTIONE ASETTICA DA PARTE DI UN SOLO OPERATORE DI UN CATETERE VENOSO CENTRALE PER DIALISI Codice Documento_Edxx AAA_COD_xxx_Edxx Pag. 1/12 Data emissione: gg/mm/aa Unità

Dettagli

PROCEDURA. PROPOSTA Struttura Cognome e nome Firma

PROCEDURA. PROPOSTA Struttura Cognome e nome Firma 1 di 11 REDAZIONE Struttura di appartenenza Cognome e nome Funzione/Qualifica Firma U. O. Professioni sanitarie Chetta Gaetano infermieristiche ed ostetriche Infermiere esperto P. O. Villa delle Ginestre

Dettagli

APPARATO ESCRETORE. Formato da: Reni Canali escretori (ureteri) Vescica Uretra. Come funziona. Patologie che possono colpirlo BEI ALICE, 3 C, 10/01/11

APPARATO ESCRETORE. Formato da: Reni Canali escretori (ureteri) Vescica Uretra. Come funziona. Patologie che possono colpirlo BEI ALICE, 3 C, 10/01/11 Formato da: Reni Canali escretori (ureteri) Vescica Uretra Come funziona Patologie che possono colpirlo APPARATO ESCRETORE BEI ALICE, 3 C, 10/01/11 RENI E l organo principale dell apparato escretore, costituito

Dettagli

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE Infusione di liquidi Infusione rapidacontrollata Infusione controllata nelle 24h I sistemi di Infusione meccanica in uso sono: Pompa volumetrica Pompa elastomerica Pompa

Dettagli

TRACHEOSTOMIA: Nursing

TRACHEOSTOMIA: Nursing 6 Congresso Regionale FADOI Umbria 4 Congresso Regionale ANIMO Umbria Perugia 22 Novembre 2013 TRACHEOSTOMIA: Nursing Inf. Chiara CANTALUPO Malattie Apparato Respiratorio Az. Ospedaliera S. MARIA TERNI

Dettagli

Dalla vescica le urine raggiungono l'esterno attraverso un condotto denominato uretra.

Dalla vescica le urine raggiungono l'esterno attraverso un condotto denominato uretra. Il tumore vescicale L'apparato urinario è costituito da : reni, ureteri, vescica e uretra. I reni sono due organi situati nella regione lombare, classicamente descritti come di forma "a fagiolo", deputati

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Preparazione della Terapia Endovenosa OBIETTIVI Garantire un

Dettagli

PROTOCOLLO INSERIMENTO CATETERE VESCICALE A CIRCUITO CHIUSO STERILE

PROTOCOLLO INSERIMENTO CATETERE VESCICALE A CIRCUITO CHIUSO STERILE E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA PROTOCOLLO INSERIMENTO CATETERE VESCICALE A CIRCUITO CHIUSO PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO G. De Paoli, A. N. Paoletti, P. Lucchini, A. Sozzo, F. Tromba A. Casarico,

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Quando nella pipì qualcosa mi preoccupa: la microematuria C.T. Carasi

Quando nella pipì qualcosa mi preoccupa: la microematuria C.T. Carasi HContatti Padova, 18 ottobre 2014 Il pediatra di famiglia incontra la nefrologia pediatrica Quando nella pipì qualcosa mi preoccupa: la microematuria C.T. Carasi CASI CLINICI Martina 3 aa e 6/12 A. Familiare

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO D. Ibba, S. Longo, A. Formisano, M. Monti Cenderello N Crisalli M.P. Fabbri P. Mazzella M. Sansone

Dettagli

Il sondaggio Gastrico

Il sondaggio Gastrico SONDAGGIO GASTRICO/DUODENALE LE VARICI ESOFAGEE Il sondaggio Gastrico Definizione: Introduzione di un sondino (Levin-SNG) nello stomaco attraverso le prime vie dell apparato digerente; Scopi: Diagnostico:Valutare

Dettagli

Patologia urinaria. IVU complicate pielonefriti. Gianesini dr. Giuseppe S.C. Urologia AO Ospedale di Circolo e Fond. Macchi Varese

Patologia urinaria. IVU complicate pielonefriti. Gianesini dr. Giuseppe S.C. Urologia AO Ospedale di Circolo e Fond. Macchi Varese Patologia urinaria IVU complicate pielonefriti coliche renali Gianesini dr. Giuseppe S.C. Urologia AO Ospedale di Circolo e Fond. Macchi Varese CLASSIFICAZIONE INFEZIONI VIE URINARIE Infezioni delle vie

Dettagli

Manuale della Qualità SITRA IL CATETERISMO VESCICALE

Manuale della Qualità SITRA IL CATETERISMO VESCICALE Manuale della Qualità SITRA Ospedale Luigi Sacco AZIENDA OSPEDALIERA POLO UNIVERSITARIO IL CATETERISMO VESCICALE Edizione 1 del 03/2010 Rev. 0 REDAZIONE RESPONSABILE PROCEDURA VERIFICA APPROVAZIONE Renata

Dettagli

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DEI CALCOLI DI RENE, URETERE E VESCICA. Collana Luciano Giuliani

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DEI CALCOLI DI RENE, URETERE E VESCICA. Collana Luciano Giuliani IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DEI CALCOLI DI RENE, URETERE E VESCICA. Collana Luciano Giuliani I calcoli urinari sono pietre che si formano all interno dei canali che veicolano l urina dal rene alla vescica.

Dettagli

DIALISI: da sapere LA DIALISI. Sommario:

DIALISI: da sapere LA DIALISI. Sommario: DIALISI: da sapere A cura di Domenico Santoro, Annamaria Bruzzese e Rossella Siligato UOC Nefrologia e Dialisi Dip. di Medicina Clinica e Sperimentale Azienda Ospedaliera Universitaria G. Martino, Messina

Dettagli

Procedura sanitaria specifica. Gestione medicazione della ferita chirurgica Pagina di 1/11

Procedura sanitaria specifica. Gestione medicazione della ferita chirurgica Pagina di 1/11 Gestione medicazione della ferita chirurgica Pagina di 1/11 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo... 2 2. Campo di applicazione... 2 3. Diagramma di flusso (omesso)... 2 4. Responsabilità... 2 5. Descrizione

Dettagli

Iperadrenocorticismo nel cane

Iperadrenocorticismo nel cane Iperadrenocorticismo nel cane Con il termine di iperadrenocorticismo o morbo di Cushing si definisce una patologia caratterizzata da alti livelli ematici di cortisolo. E una patologia endocrina molto frequente

Dettagli

Casa di Cura HERMITAGE CAPODIMONTE spa

Casa di Cura HERMITAGE CAPODIMONTE spa Esami E del sangue E necessario il digiuno dopo un pasto serale leggero. E consentito bere acqua. Il digiuno deve essere di almeno 14-18 ore per il dosaggio di colesterolo e trigliceridi. Curva glicemica

Dettagli

Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse

Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse Riconoscere i segni ed i sintomi specifici della sepsi Rilevazione e monitoraggio

Dettagli

A.S.L. CASERTA. Procedura aziendale N. O3/CIO Prevenzione delle infezioni delle vie urinarie nel cateterismo vescicale [ICV]

A.S.L. CASERTA. Procedura aziendale N. O3/CIO Prevenzione delle infezioni delle vie urinarie nel cateterismo vescicale [ICV] A.S.L. CASERTA Comitato Tecnico Aziendale per il Controllo e la Sorveglianza delle Infezioni Ospedaliere [C.I.O.] Procedura aziendale N. O3/CIO Prevenzione delle infezioni delle vie urinarie nel cateterismo

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA MALATTIA RENALE CRONICA E LA TERAPIA SOSTITUTIVA.

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA MALATTIA RENALE CRONICA E LA TERAPIA SOSTITUTIVA. OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA MALATTIA RENALE CRONICA E LA TERAPIA SOSTITUTIVA. I reni sono due organi di forma simile ad un fagiolo, lunghi circa 12 cm, posti ai lati della colonna vertebrale. La funzione

Dettagli

EMERGENZE UROLOGICHE. Università degli studi di Milano Polo didattico Policlinico. Prof. Augusto Maggioni

EMERGENZE UROLOGICHE. Università degli studi di Milano Polo didattico Policlinico. Prof. Augusto Maggioni Università degli studi di Milano Polo didattico Policlinico EMERGENZE UROLOGICHE Prof. Augusto Maggioni Clinica Urologica I Scuola di Specializzazione in Urologia LA RITENZIONE IMPOSSIBILITA A MINGERE

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ASSISTENTI FAMILIARI

CORSO DI FORMAZIONE ASSISTENTI FAMILIARI Assistenza Domiciliare 2012 CORSO DI FORMAZIONE ASSISTENTI FAMILIARI ASSISTENZA STARE VICINO A QUALCUNO PER AIUTARLO BISOGNO I BISOGNI SECONDO MASLOW: BISOGNI FISIOLOGICI BISOGNO DI SICUREZZA BISOGNO DI

Dettagli

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison)

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) L ipoadrenocorticismo è una malattia endocrina causata dalla ridotta produzione di mineralcorticoidi (aldosterone) e glucocorticoidi (cortisolo) da parte delle

Dettagli

ANATOMIA RENI, URETERI, VESCICA

ANATOMIA RENI, URETERI, VESCICA ANATOMIA RENI, URETERI, VESCICA ANATOMIA VESCICA E URETRA ANATOMIA PENE E SCROTO FISIOLOGIA DELLA MINZIONE CENTRI NERVOSI DELLA MINZIONE Area Frontale - Centro pontino + + www Anamnesi Esame obiettivo

Dettagli

CONVIVERE CON LA MALATTIA RENALE

CONVIVERE CON LA MALATTIA RENALE CONVIVERE CON LA MALATTIA RENALE PREFAZIONE Questa messa a punto sull insufficienza renale cronica, la dialisi e il trapianto è fatta a beneficio dei pazienti ed è tratta dal manuale Convivere con la malattia

Dettagli

PROCEDURA CATETERISMO FEMMINILE

PROCEDURA CATETERISMO FEMMINILE Associazione Nazionale Infermieri Prevenzione Infezioni Ospedaliere PROCEDURA CATETERISMO FEMMINILE Giuliano Bon redazione Coordinatore infermieristico U.O. di Urologia, Ospedale di Gorizia emissione Novembre

Dettagli

Utilizzo degli stent nei piccoli animali da compagnia Relazione a cura del dr. Francesco Collivignarelli

Utilizzo degli stent nei piccoli animali da compagnia Relazione a cura del dr. Francesco Collivignarelli Utilizzo degli stent nei piccoli animali da compagnia Relazione a cura del dr. Francesco Collivignarelli Lo stent è un dispositivo tubolare in metallo, plastica o materiale riassorbibile che viene introdotto

Dettagli

ERRORI IN LABORATORIO LA RESPONSABILITA' DELL'INFERMIERE NELLA FASE PREANALITICA

ERRORI IN LABORATORIO LA RESPONSABILITA' DELL'INFERMIERE NELLA FASE PREANALITICA ERRORI IN LABORATORIO LA RESPONSABILITA' DELL'INFERMIERE NELLA FASE PREANALITICA 1 2 Compito laboratori clinici FORNIRE: Informazioni clinicamente utili per la diagnosi,la terapia il monitoraggio e la

Dettagli

rüsch Urologia Per quasi qualsiasi applicazione

rüsch Urologia Per quasi qualsiasi applicazione rüsch Urologia Per quasi qualsiasi applicazione UROLOGIA Codice colore, punte e durata dell applicazione... 02 1 CATETERI DI FOLEY TRANSURETRALI 1.1 Drenaggio standard a 2 vie... 03 1.2 Cateteri per drenaggio

Dettagli

Iperadrenocorticismo (Malattia di Cushing)

Iperadrenocorticismo (Malattia di Cushing) Iperadrenocorticismo (Malattia di Cushing) Iperadrenocorticismo nel cane Con il termine di iperadrenocorticismo o morbo di Cushing si definisce una patologia caratterizzata da alti livelli ematici di cortisolo.

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

Corso di Aggiornamento

Corso di Aggiornamento Corso di Aggiornamento APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA DELLA ECOTOMOGRAFIA IN NEFROLOGIA F. Petrarulo (S.C. di Nefrologia e Dialisi ASL BA-Osp. Di Venere ) 30 Giugno 2007 Auditorium Ordine dei Medici Quando

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

MATERIALI CITOLOGICI: PRELIEVO, CONSERVAZIONE E INVIO

MATERIALI CITOLOGICI: PRELIEVO, CONSERVAZIONE E INVIO MATERIALI CITOLOGICI: PRELIEVO, CONSERVAZIONE E INVIO Maria Alma Audi Grivetta Anatomia Patologica Ospedale di Circolo di Varese 8-11-2014 paziente medico laboratorio accettazione + registrazione referto

Dettagli

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli.

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. CLEARANCE Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. Clearance of a bridge CLEARANCE La funzione glomerulare

Dettagli

Alterazioni equilibrio acidobase

Alterazioni equilibrio acidobase Alterazioni equilibrio acidobase In base all equazione di HendersonHasselbalch ph = pk+ log [HCO 3 ] [CO 2 ] Acidosi: rapporto HCO 3 /CO 2 ph. Se diminuzione dipende da: HCO 3 acidosi metabolica (nonrespiratoria)

Dettagli

Procedura generale sanitaria Gestione del paziente portatore di catetere vescicale

Procedura generale sanitaria Gestione del paziente portatore di catetere vescicale Cod. PGS10/DS Pagina di 1/22 ORIGINALE N CONSEGNATO A INDICE 1. Scopo... 2 2. Campo di applicazione... 2 3. Diagramma di flusso (omesso)... 2 4. Responsabilità... 2 5. Descrizione delle attività... 2 5.1.

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE AGLI ESAMI E MODALITA DI PRELIEVO

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE AGLI ESAMI E MODALITA DI PRELIEVO OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE AGLI ESAMI E MODALITA DI PRELIEVO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE E MODALITÀ DI PRELIEVO L esecuzione del prelievo del sangue richiede generalmente un digiuno standard

Dettagli

La gravidanza per la donna

La gravidanza per la donna encathopedia La gravidanza per la donna con lesione midollare Consulenza pre-concezionale Fattori da considerare Parto e travaglio Con il contributo della dottoressa Lorita Cito Fattori da considerare

Dettagli

COME PREPARARSI AGLI ESAMI

COME PREPARARSI AGLI ESAMI COME PREPARARSI AGLI ESAMI Prima di effettuare qualsiasi prelievo del sangue è importante porre attenzione ad alcune piccole ma importanti regole perché alcuni fattori come ad esempio il digiuno, l'esercizio

Dettagli

La persona con insufficienza renale cronica

La persona con insufficienza renale cronica La persona con insufficienza renale cronica L INSUFFICIENZA RENALE CRONICA LA FUNZIONE DEI RENI Assistere in famiglia: istruzioni per l uso I reni sono due organi di forma simile ad un fagiolo, lunghi

Dettagli