Fabbisogno di energia termica in regime invernale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fabbisogno di energia termica in regime invernale"

Transcript

1 Corso di IMPIANTI TECNICI Fabbisogno di energia termica in regime invernale Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara

2 Il DPR 412/93 suddivide il territorio nazionale in Zone climatiche in funzione del valore assunto dal parametro Gradi Giorno GG: GG = n j= 1 t i t eg, j La sommatoria è estesa a tutti i giorni dell anno in cui t eg,j < 12 C t i : temperatura di riferimento per gli interni riscaldati = 20 C t eg,j : temperatura media giornaliera esterna. Allegato A DPR 412/93: Zona climatica GG Zona A: GG < 600 Zona B: 600 < GG < 900 Zona C: 900 < GG < 1400 Zona D: 1400 < GG < 2100 Zona E: 2100 < GG < 3000 Zona F: GG > 3000

3 Le zone climatiche servono a stabilire il periodo annuo di esercizio degli impianti (stagione di riscaldamento) e la temperatura esterna di progetto. DPR 412/93 Zona climatica Zona A: Zona B: Zona C: Zona D: Zona E: Zona F: Stagione di riscaldamento 1 Dicembre - 15 Marzo 1 Dicembre - 31 Marzo 15 Novembre - 31 Marzo 1 Novembre - 15 Aprile 15 Ottobre - 15 Aprile 200 gg. dal 15 Ottobre UNI Localita Pescara L Aquila Chieti Teramo Zona climatica D E D D

4 Categorie di edifici (DPR 412/93): E.1 : Edifici adibiti a residenza e assimilabili (1) residenze a carattere continuativo (abitazioni civili, collegi, conventi, case di pena, caserme) (2) residenze con occupazione saltuaria ( case per vacanze, fine settimana e simili) (3) edifici adibiti ad albergo, pensione e simili. E.2: Edifici adibiti ad uffici E.3 Edifici adibiti a case di cura, ospedali... E.4 Edifici adibiti ad attività ricreative, di culto, associative... E.5 Edifici adibiti ad attività commerciali E.6 Edifici adibiti ad attività sportive: (1) piscine, saune...; (2) palestre...; (3) servizi... E.7 Edifici adibiti ad attività scolastiche... E.8 Edifici adibiti ad attività industriali ed artigianali Se esistono categorie diverse nello stesso edificio ciascuna deve essere considerata nella categoria che le compete.

5 UNI TS UNI TS /2008: Prestazioni energetiche degli edifici parte I: Determinazione del fabbisogno di energia termica dell edificio per la climatizzazione estiva ed invernale. Modalità per l applicazione della UNI EN ISO 13790/2008 ( Prestazione energetica degli edifici- Calcolo del fabbisogno di energia per il riscaldamento e il raffrescamento ) con riferimento al metodo utilizzato per il calcolo dei fabbisogni di energia termica per riscaldamento e per raffrescamento UNI TS /2008: Prestazioni energetiche degli edifici parte II: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria. Metodi e dati per il calcolo del fabbisogno di acqua calda sanitaria, di energia elettrica degli ausiliari e del fabbisogno di energia primaria UNI TS /2008: Prestazioni energetiche degli edifici parte III: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione estiva. UNI TS /2008: Prestazioni energetiche degli edifici parte IV: Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per il riscaldamento di ambienti e la preparazione di acqua calda sanitaria.

6 Perdite per trasmissione Perdite per ventilazione Apporti interni EDIFICIO Apporti solari Edificio Fattore di utilizzazione Perdite di emissione IMPIANTO Energia primaria Perdite di distribuzione Perdite di accumulo Perdite di generazione Impianto termico Energia primaria degli ausiliari

7 Potenze termiche da considerare nel bilancio termico Dispersioni termiche tra ambiente interno ed esterno attraverso pareti opache e trasparenti Dispersioni termiche tra ambiente interno ed esterno attraverso i ponti termici Dispersioni termiche tra ambiente interno ed ambienti interni a diversa temperatura (non riscaldati) Dispersioni termiche verso il terreno Scambi termici dovuti alle infiltrazioni d aria attraverso l involucro (finestre, cassonetti, etc.) e al rinnovo dell aria (ventilazione) Apporti termici gratuiti sensibili e latenti dovuti a persone, impianti di illuminazione, apparecchiature presenti Apporti gratuiti solari

8 Regime invernale La temperatura esterna subisce oscillazioni contenute intorno al valore medio che è sensibilmente diverso dalla temperatura interna di 20 C Condizioni di regime stazionario: temperatura esterna costante pari ad un valore medio statistico determinato per ciascun mese dell anno del sito in cui è ubicato l edificio (UNI 10349) temperatura interna costante pari a 20 ±1 C (DPR 412/93)

9 Dimensionamento dell impianto termico Calcolo delle dispersioni per trasmissione e ventilazione Per il dimensionamento dell impianto termico, si effettua il calcolo delle dispersioni termiche nelle condizioni più gravose di funzionamento, trascurando gli apporti solari e gratuiti ed imponendo una condizione di temperatura esterna costante e minima per il sito considerato (DPR 1052/77) Per Pescara Te = 2 C In molti casi pratici si fa ancora riferimento alla vecchia Norma UNI 7357/74, sebbene sia stata sostituita dalla UNI EN 12831

10 DISPERSIONI PER TRASMISSIONE Pareti opache verso l esterno Q d,1 n Q d, 1 = Q i in cui: i= 1 Q i = U i A i ( t t ) in out t U i A i : : in t out : trasmittanza della iesima parete opaca dell involucro area della superficie disperdente della iesima parete opaca dell involucro differenza di temperatura tra interno ed esterno U i + j= 1 1 L j + λ = n m 1 α in j k = 1 1 C k 1 + α out L j λ j α in : : α out C k : spessore dello strato jesimo della parete iesima conducibilità termica dello strato jesimo della parete iesima (UNI-CTI 10351) adduttanza interna (7,7 W/m 2 K per pareti verticali, 6 W/m 2 K per pareti orizzontali) : adduttanza esterna (25 W/m 2 K) : conduttanza unitaria del kesimo strato non omogeneo della parete iesima

11 DISPERSIONI PER TRASMISSIONE Ponti termici Q d 2 Ponte termico: discontinuità di forma, di struttura o mista (forma + struttura) Producono in incremento della dispersione termica (via preferenziale di dispersione) Es: Attacco parete-solaio, parete-parete, parete pavimento, pilastro, telaio di finestra o di porta Ponte termico di forma Ponte termico di struttura Ponte termico misto

12 In corrispondenza di un ponte termico il fenomeno termico non può essere considerato monodimensionale Le linee isoflusso sono sempre perpendicolari alle linee isoterme. Nelle zone indisturbate: linee isoterme parallele alle facce estreme della parete => flusso termico monodimensionale. Nella zona del ponte termico: linee isoterme incurvate => flusso termico bi-tridimensionale.

13 Coefficiente di eterogeneità della temperatura superficiale ρ = t t in in t t pt p0 ρ 1,5 Ponte termico grave t in t pt t p0 : : : temperatura dell aria interna temperatura della parete nella zona del ponte termico temperatura della parete nella zona indisturbata In edifici isolati termicamente, i ponti termici non corretti incidono sulle dispersioni termiche percentualmente di più che negli edifici non isolati Intervento correttivo ottimale: isolamento a cappotto dell edificio

14 Poiché il flusso non è monodimensionale, non si può calcolare la dispersione termica di un ponte termico col metodo della trasmittanza. A ciascuna tipologia di ponte termico è associato un coefficiente lineico, che consente di valutare la potenza termica dispersa nel modo seguente: Q pt = k L ( t t ) in out essendo: k: coefficiente lineico del ponte termico considerato [W/mK] L: estensione lineare del ponte termico considerato [m] t in : temperatura di progetto interna [K] t out : temperatura di progetto esterna [K]

15 Coefficienti lineici UNI EN Tipologia di ponte termico [W/mK] Se il ponte termico è costituito da un giunto tra due strutture che fanno parte di due zone termiche diverse, il valore del coefficiente lineico dedotto dalla UNI EN deve essere ripartito tra le due zone interessate

16 In prima approssimazione, per tener conto delle dispersioni dovute ai ponti termici, si possono adottare le seguenti maggiorazioni percentuali alla dispersione totale della struttura (UNI EN ISO 14683) Tipologia di struttura Magg. % Parete con isolamento a cappotto dall esterno senza aggetti, balconi e con ponti termici corretti 5 Parete con isolamento a cappotto dall esterno con aggetti, balconi 15 Parete omogenea in mattoni pieni o in pietra senza isolante 5 Parete a cassa vuota con mattoni forati senza isolante 10 Parete a cassa vuota con isolamento nell intercapedine (ponte termico corretto) 10 Parete a cassa vuota con isolamento nell intercapedine (ponte termico non corretto) 20 Pannello prefabbricato in calcestruzzo con pannello isolante all interno 30

17 Individuati tutti i ponti termici dell ambiente considerato si effettua il calcolo della potenza totale dispersa sommando i singoli contributi Q d 2 n = k i=1 i L i ( t t ) in out dove: n: numero di ponti termici dell ambiente considerato k i : coefficiente lineico dell iesimo ponte termico dell ambiente considerato [W/mK] L i : estensione lineare dell iesimo ponte termico dell ambiente considerato [m] t in : temperatura di progetto interna [K] t out : temperatura di progetto esterna [K]

18 DISPERSIONI PER TRASMISSIONE Serramenti Q d 3 La dispersione termica attraverso una finestra si calcola tenendo conto che i serramenti sono costituiti da due componenti: telaio e superficie vetrata. Q d 3 = U w A w ( t t ) in out dove: U w : trasmittanza termica del serramento [W/m 2 K] A w : area del serrranento [m 2 ] Per calcolare il valore di U w si possono utilizzare due procedure definite dalla UNI EN ISO 10077/2002

19 Metodo rigoroso U w = U g A g + U A g f + A A f f + l g ψ g U g : trasmittanza termica area vetrata [W/m 2 K] A g : area del vetro [m 2 ] U f : trasmittanza termica del telaio [W/m 2 K] A f : area del telaio [m 2 ] l g : lunghezza del perimetro del vetro [m] ψ g : trasmittanza termica lineare del serramento [W/mK] La trasmittanza termica lineare tiene conto della conduzione di calore complementare dovuta all interazione tra telaio, vetro e distanziatore del vetro e dipende dalle proprietà termiche di ognuno di questi componenti. La norma ISO definisce un metodo numerico per il calcolo di ψ ge fornisce, in alternativa, dei valori di default per tipiche combinazioni di telai vetri e distanziatori

20 Metodo semplificato Materiale Spessore (mm) U f (W/m 2 K) Si determina il valore della trasmittanza termica del telaio U f in funzione del tipo di materiale utilizzato e del suo spessore Legno duro (rovere, mogano, iroko) Legno tenero (pino, abete, larice..) 50 2,4 60 2,2 70 2,1 50 2,0 60 1,9 70 1,8 PVC a due camere 2,2 Es. telaio in legno tenero, spessore 50 mm, U f = 2 W/m 2 K PVC a tre camere 2,0 PVC (telai da mm) 1,2 1,7 Alluminio senza taglio termico 7,0 Alluminio con taglio termico 2,2 3,8

21 Con il valore di U f si determina U w selezionando il tipo di vetrata con il relativo valore di U g Tipo di vetrata U g Uw con area telaio pari al 20%dell area dell intera finestra U f Uw con area telaio pari al 30%dell area dell intera finestra U f 1,8 2,0 2,2 2,6 3,0 3,4 3,8 7,0 1,8 2,0 2,2 2,6 3,0 3,4 3,8 7,0 Singola 5,7 4,9 5,0 5,0 5,1 5,2 5,2 5,3 6,0 4,5 4,6 4,6 4,8 4,9 5,0 5,1 6, ,3 3,2 3,2 3,3 3,4 3,5 3,5 3,6 4,1 3,0 3,1 3,2 3,3 3,4 3,5 3,6 4, ,1 3,0 3,0 3,1 3,2 3,3 3,4 3,5 3,9 2,9 2,9 3,0 3,1 3,3 3,4 3,5 4, ,9 2,8 2,9 3,0 3,1 3,1 3,2 3,3 3,8 2,7 2,8 2,9 3,0 3,1 3,2 3,4 4,2 Esempio: vetrata con U g = 3,1 W/m 2 K, U w =3,0 W/m 2 K

22 DISPERSIONI PER TRASMISSIONE Q d, Dispersioni verso locali non riscaldati 4 = n, 4 in cui: i= 1 Q d Q i Q i = U i A i ( t t ) in loc U i A i : : tin t loc : trasmittanza della iesima parete dell involucro disperdente verso un locale non riscaldato area della superficie della iesima parete dell involucro disperdente verso un locale non riscaldato differenza di temperatura tra interno e locale non riscaldato U i = n 1 L j m α in + j= 1 λ j 1 + k = 1 1 C k 1 + α out

23 Temperature esterne di progetto per locali non riscaldati UNI CTI 7357/74 Temp. Locale contiguo 20 C Temp. est. -5 C

24 DISPERSIONI PER TRASMISSIONE Dispersioni verso il terreno Q d,5 Q d = U, 5 pav Apav in ( t 12,5) U : coefficiente globale di scambio termico tra l ambiente interno ed il terreno [W/m 2 K] t in pav A pav : area del pavimento [m 2 ] 12 : differenza di temperatura tra ambiente interno e temperatura media del terreno [K] U 1 = 1 + K C pav 1 pav K pav C : : trasmittanza termica del terreno [W/m 2 K] conduttanza termica del terreno [1,74 W/m 2 K]

25 DISPERSIONI PER VENTILAZIONE La necessità di effettuare il ricambio d aria richiesto per motivi igienici comporta l introduzione all interno dell ambiente di aria di rinnovo a temperatura pari a quella esterna. La potenza termica necessaria per riscaldare quest aria alla temperatura di benessere equivale ad una dispersione, che viene pertanto detta per ventilazione Q v = ρ c a a G v ( t t ) in out In cui: Q v : potenza termica dispersa per ventilazione [W] ρ a : densità dell aria [1,2 kg/m 3 ] c a : calore specifico dell aria [4186 J/kg K] G v : portata dell aria di rinnovo [m 3 /s] t in : temperatura dell aria interna [ C] t out : temperatura dell aria esterna [ C]

26 La portata d aria di rinnovo di calcola ipotizzando un numero di ricambi orari per una civile abitazione pari a 0,3 volumi /ora (UNI TS ). Indicando con V il volume dell ambiente, si ha: G = 0,3 V 3600 m s 3 A titolo di esempio, calcoliamo la potenza dispersa per ventilazione da un ambiente di volume 600 m 3 : Q v = ρ c a a G = 4520,9 W 4,5 kw v ( t t ) = 1, ,3 ( 20 2) i e =

27 FABBISOGNO DI ENERGIA PRIMARIA DEL SISTEMA EDIFICIO-IMPIANTO BILANCIO ENERGETICO AI SENSI DELLA UNI TS Procedura standard per la determinazione del fabbisogno di energia primaria per il riscaldamento invernale ed il raffrescamento estivo dell edificio e per la produzione di acqua calda sanitaria note le caratteristiche del fabbricato. Dopo aver definito gli ambienti da climatizzare e distinto le varie zone termiche si stabiliscono le condizioni interne ed esterne di riferimento e si effettua il calcolo, per ogni mese e per ogni zona dell edificio dei fabbisogni termici netti per il riscaldamento (Q H ), per il raffrescamento (Q C ), e per l acqua calda sanitaria

28 Fabbisogno netto di energia per il riscaldamento UNI TS Equazione 1: ( Q + Q ) ( Q Q ) Q H H, tr H, ve H H,int + H, sol = η (MJ) in cui: Q H Q H,tr Q H,ve Q H,int Q H,sol η H : : : : : : Fabbisogno termico netto dell edificio in regime invernale Energia termica dispersa per trasmissione Energia termica dispersa per ventilazione Apporti gratuiti interni Apporti gratuiti solari Fattore di utilizzazione

29 La UNI TS prevede di esprimere il fabbisogno termico ed ogni sua componente in Mega-Joule [MJ], ma molte normative riguardanti la certificazione energetica utilizzano il chilowattora [kwh] kj kj 1 kwh = 1 1h = s = 3600 kj = 3, 6 s s 1 1 MJ = kwh = 0, 28 kwh 3,6 MJ I dati climatici esterni sono reperibili dalla UNI-CTI 10349, in particolare per ciò che riguarda le temperature medie mensili delle varie località e l irraggiamento solare medio mensile per ciascun orientamento

30 Temperature medie mensili esterne della località considerata UNI-CTI 10349

31 Irraggiamento solare medio mensile su piano orizzontale UNI-CTI 10349

32 I dati di progetto interni si reperiscono dal DPR 412/93 Temperature interne di progetto in regime invernale Destinazione d uso E.1 E.2 E.3 E.4 E.5 E.6 (1) E.6 (2) E.7 E.8 Tin [ C]

33 Energia termica dispersa per trasmissione Q H, tr ( t t ) t ( ) F, Φ,, 1 12 QH, tr = Htr in out k r k r mn k t (MJ) in cui: H tr : coefficiente globale di scambio termico per trasmissione della zona termica considerata [W/K] t in : temperatura di progetto interna [ C] t out : temperatura media mensile esterna [ C] t 1-12 : tempo di durata del mese considerato [s] F rk : fattore di vista tra il componente k-esimo e la volta celeste Φ r,mn,k : extra flusso termico dovuto alla radiazione infrarossa verso la volta celeste dal componente k-esimo mediato sul tempo [W]

34 Il coefficiente H tr si calcola come somma dei seguenti contributi: H = H + H + tr D g H U essendo: H D : coefficiente di scambio termico diretto per trasmissione verso l ambiente esterno [W/K] H g : coefficiente di scambio termico per trasmissione verso il terreno [W/K] H U : coefficiente di scambio termico diretto per trasmissione verso l esterno attraverso ambienti non climatizzati [W/K]

35 Coefficiente di scambio termico diretto per trasmissione verso l ambiente esterno H = A U, D k k c k MSO A k : area dell elemento k-esimo che separa l ambiente climatizzato dall esterno [m 2 ] U c,k : trasmittanza termica corretta per tener conto dell effetto di ponti termici dell elemento k-esimo. [W/m 2 K] L elemento k-esimo potrebbe essere un serramento e la sua trasmittanza U w può essere calcolata con i metodi rigoroso o semplificato già illustrati nelle slide precedenti. In questo caso non si opera la correzione perché già insita nella U w

36 Diapositiva 35 MSOffice1 ; 25/03/2014

37 La correzione della trasmittanza della parete k-esima si effettua tenendo conto della presenza di eventuali ponti termici nel modo seguente: U = U 1+ c, k k ( F ) U k : trasmittanza termica della parete k-esima [W/m 2 K] F pt : maggiorazione dovuta alla presenza del ponte termico pt Tipologia di struttura Parete con isolamento a cappotto dall esterno senza aggetti, balconi e con ponti termici corretti F pt 0,05 Parete con isolamento a cappotto dall esterno con aggetti, balconi 0,15 Parete omogenea in mattoni pieni o in pietra senza isolante 0,05 Parete a cassa vuota con mattoni forati senza isolante 0,10 Parete a cassa vuota con isolamento nell intercapedine (ponte termico corretto) 0,10 Parete a cassa vuota con isolamento nell intercapedine (ponte termico non corretto) 0,20 Pannello prefabbricato in calcestruzzo con pannello isolante all interno 0,30

38 Coefficiente di scambio termico diretto per trasmissione verso l esterno attraverso il terreno A: area dell elemento [m 2 ] H g A U U F : trasmittanza termica del pavimento [W/m 2 K] = F b tr : coefficiente correttivo che tiene conto della temperatura dell ambiente verso cui avviene la dispersione, diverso da 1 nel caso in cui tale ambiente è diverso da quello esterno. b tr Coefficiente di scambio termico diretto per trasmissione verso l esterno attraverso ambienti non climatizzati o climatizzati a diversa temperatura H U = H iu H U : coefficiente di scambio termico per trasmissione verso l esterno attraverso ambienti non climatizzati [W/K] H iu : coefficiente di scambio termico per trasmissione tra ambiente climatizzato e ambiente non climatizzato [W/K] b tr : coefficiente correttivo che tiene conto della temperatura dell ambiente verso cui avviene la dispersione, diverso da 1 nel caso in cui tale ambiente è diverso da quello esterno. b tr

39 Ambiente confinante Esterno 1 Ambiente con una parete esterna 0,40 Ambiente senza serramenti e con almeno due pareti esterne 0,50 Ambiente con serramenti e con almeno due pareti esterne 0,60 Ambiente con tre pareti esterne 0,80 Piano interrato o seminterrato senza finestre o serramenti esterni 0,50 Piano interrato o seminterrato con finestre o serramenti esterni 0,80 Sottotetto con tasso di ventilazione elevato 1,00 Sottotetto con tetto non isolato 0,90 Sottotetto con tetto isolato 0,70 Pavimento controterra 0,45 Parete controterra 0,45 Parete su vespaio aerato 0,80 Aree interne di circolazione liberamente ventilate (rapporto tra l area delle 1.00 aperture e volume dell ambiente maggiore di 0,005 m 2 /m 3) b tr

40 Dispersione per ventilazione Q ( tin tout ) 1 12 = H t H, ve ve H ve : coefficiente globale di scambio termico per ventilazione [W/K] Il coefficiente di scambio termico per ventilazione si calcola nel modo seguente: essendo: ρ a c a q ve k, mn q f = ρ a ca q k H ve ve, k, mn : capacità termica volumica dell aria, : portata del flusso d aria k-esimo mediata nel tempo ve,k ve, t, k : : portata del flusso d aria k-esimo frazione di tempo in cui si verifica il flusso d aria d aria k-esimo q ve, k, mn = qve, k fe, t, k

41 L extra flusso dovuto alla radiazione infrarossa verso il cielo per uno specifico elemento si ricava con la formula: Φ = R U h t r, 1 12 se c c r 1 12 A R se : resistenza termica unitaria esterna dell elemento [m 2 K/W] U c : trasmittanza termica dell elemento [W/m 2 K] A c : area dell elemento [m 2 ] h r : coefficiente di scambio radiativo esterno [W/m 2 K] t 1-12 : differenza media tra la temperatura esterna e la temperatura apparente del cielo (in prima approssimazione si può assumere t 1-12 = 11 K) Il coefficiente h r può essere considerato pari a: h r = 5 ε dove ε èl emissività per la radiazione termica della superficie esterna, pari a 0,9 per i materiali da costruzione:

42 Il fattore di forma tra un componente edilizio e la volta celeste vale: F r = F sh ( 1+ S) 2 essendo: F sh : fattore di riduzione per ombreggiatura pari a 1 in assenza di ombreggiatura da elementi esterni I valori di F sh sono forniti dalla norma per vari tipi di superfici ombreggianti S: coseno dell angolo di inclinazione del componente sull orizzonte Ombreggiatura Angolo S Orizzontale 0 1 Verticale 90 0 Inclinato 45 0,707

43 Apporti termici gratuiti interni Apporti interni in funzione della destinazione d uso comprendenti presenza di persone, illuminazione, apparecchiature (UNI ) Q H, int = Φint t1 12 Per edifici di categoria E.1 (1) ed E.1 (2) con superficie utile del pavimento minore o uguale a 170 m 2 gli apporti interni possono essere calcolati nel modo seguente: Φint = ,294 Af 0, Af Se la superficie utile del pavimento è maggiore di 170 m 2 : Φ int = 450 W

44 Per le altre categorie di edifici si può utilizzare la seguente tabella, in cui il dato è fornito per unità di superficie utile del pavimento

45 Apporti termici gratuiti solari Gli apporti solari sono da considerarsi provenienti dalla radiazione solare esterna ed entranti attraverso le superfici trasparenti oppure quelle opache oppure incidenti sugli ambienti non climatizzati che fanno parte dell abitazione (es. sottotetto) Q = Φ t + ( btr ) Φ sol,1 12, u t1 12 H,,, sol sol k k Φ sol,k,1-12 : flusso termico k-esimo di origine solare entrante sia attraverso superfici opache che trasparenti, calcolabile conoscendo i dati di irradianza media mensile reperibili dalla UNI e utilizzando particolari formule per l area di captazione solare distinguendo il caso di superficie trasparente ed opaca [W] Φ sol,k,1-12,u : flusso termico k-esimo di origine solare entrante nell ambiente attraverso l ambiente non climatizzato adiacente [W]

46 Fattore di utilizzazione η H,ng E funzione della capacità termica dell edificio Relazione n. 26 della UNI TS η H, ng = 1 γ 1 γ ah H ah + 1 H Qgn apporti γ H = = τ 1 a a = H, 0,0 QH, ht dispersioni H = a H + τ H,0 τ H, 0 = 15h τ : costante di tempo della zona termica considerata che caratterizza l inerzia termica interna della zona stessa sia per il periodo di riscaldamento che per quello di raffresacamento τ = Cm 3,6 = H m H C tr, adj m 3,6 + H ve, adj C m : capacità termica della zona termica [kj/m 2 K] H m : coefficiente di dispersione termica dell edificio [W/K] S dis : superficie disperdente [m 2 ]

47 La capacità termica interna può essere ricavata dal prospetto 19 della UNI TS )

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 2

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 2 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 2 Ing. Antonio Mazzon Descrizione sintetica procedura di calcolo - edifici nuovi Calcolo degli scambi termici per

Dettagli

Fabbisogno di energia termica in regime invernale

Fabbisogno di energia termica in regime invernale Corso di IMPIANTI TECNICI Fabbisogno di energia termica in regime invernale Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Il DPR 412/93 suddivide il territorio

Dettagli

Efficienza energetica degli edifici: strategie operative

Efficienza energetica degli edifici: strategie operative Attività di di FORMAZIONE tecnici comunali Efficienza energetica degli edifici: strategie operative Arch. Arianna Palano Dipartimento BEST, Politecnico di Milano 1. TECNICHE PER LA VAUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

La certificazione energetica

La certificazione energetica La certificazione energetica A cura di Dott. Ing. Neri Manuela Software CENED per la regione Lombardia http://www.cened.it/software Indice della presentazione Certificazione energetica: cos è e perché?

Dettagli

Corso di Energetica degli Edifici

Corso di Energetica degli Edifici Corso di Energetica degli Edifici Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino Ing. Fernanda Fuoco Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino

Dettagli

STRUTTURE TRASPARENTI. Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015

STRUTTURE TRASPARENTI. Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015 STRUTTURE TRASPARENTI Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015 1 NORMATIVA TECNICA NAZIONALE UNI EN 410:2000. Vetro per edilizia - Determinazione delle caratteristiche luminose e solari delle vetrate. UNI

Dettagli

DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER

DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER Impianti di Climatizzazione e Condizionamento a.a. 2011-12 - Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti 1 CALCOLO DEI CARICHI TERMICI E DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER ALCUNI CASI DI STUDIO Il

Dettagli

L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO

L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO prof. ing. Vincenzo Corrado Dipartimento Energia, Politecnico di Torino vincenzo.corrado@polito.it Introduzione al concetto di ponte termico

Dettagli

PROCEDURA DI CALCOLO ANALITICA PER LA DETERMINAZIONE DEL FABBISOGNO DI ENERGIA

PROCEDURA DI CALCOLO ANALITICA PER LA DETERMINAZIONE DEL FABBISOGNO DI ENERGIA Corso di Laurea in Edilizia Corso di Certificazione Energetica e Sostenibilità Edilizia a.a. 2011/2012 Docente: Ph.D. Domentico Tripodi Assistente: Ing. Nunziata Italiano PROCEDURA DI CALCOLO ANALITICA

Dettagli

Tipologie di intervento

Tipologie di intervento CORSO DI LAUREA INGEGNERIA EDILE- ARCHITETTURA La certificazione energetica degli edifici IL DECRETO LEGISLATIVO 192/2005 Tipologie di intervento TIPOLOGIA 1 Edifici di nuova costruzione; Ristrutturazione

Dettagli

Apporti termici. Corso di Energetica degli Edifici. Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino

Apporti termici. Corso di Energetica degli Edifici. Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino Corso di Energetica degli Edifici Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino Ing. Fernanda Fuoco Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino

Dettagli

La Finestra sul PVC PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552

La Finestra sul PVC PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552 La Finestra sul PVC La Finestra sul PVC n. 80 del 08/10/2014 PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552 Il 2 ottobre sono state pubblicate da UNI le nuove versioni della UNI/TS

Dettagli

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 Ing. Antonio Mazzon Esempio: EDIFICIO RESIDENZIALE Edificio di tipo residenziale (2 pian1: categoria E1 del DPR

Dettagli

Appendice A DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA. (Allegato 1, Capitolo 3)

Appendice A DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA. (Allegato 1, Capitolo 3) Appendice A (Allegato 1, Capitolo 3) DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA SOMMARIO 1 PARAMETRI DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO... 2 1.1 Parametri relativi al fabbricato... 2 1.2

Dettagli

Nuova versione TERMO_CE 9.05

Nuova versione TERMO_CE 9.05 Nuova versione TERMO_CE 9.05 Principali migliorie rispetto alla versione precedente Fabbisogno di energia termica per climatizzazione invernale ed estiva Queste in sintesi le principali variazioni rispetto

Dettagli

ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL

ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL CORSO PER CERTIFICATORE ENERGETICO IN REGIONE LOMBARDIA ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL 13/12/2007 Gabriele Masera Nota:

Dettagli

IMPIANTI di RISCALDAMENTO

IMPIANTI di RISCALDAMENTO ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI Di Vittorio Docente: GILBERTO GENOVESE IMPIANTI di RISCALDAMENTO Carico termico invernale Anno Scolastico 2008-2009 CORSO: Impianti CONTENUTI: Sistema clima impianto - edificio

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO 1. LA TRASMITTANZA TERMICA La grandezza più importante per caratterizzare il comportamento termico dell involucro

Dettagli

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Le resistenze liminari Rsi e Rse si calcolano, noti i coefficienti conduttivi (liminari) (o anche adduttanza) hi e he, dal loro reciproco. (tabella secondo

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d VERIFICA DEL C d 1 1) Determinazione del Coefficiente di dispersione volumico Cd [W/m 3 K] Rif. normativo: UNI 10379 - App. E UNI 7357 Calcolo del Coefficiente di dispersione volumico Cd con: Φtr, p Cd

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE TERZA

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE TERZA IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE TERZA 1 Definizione del Fabbisogno Energetico Normalizzato FEN In base al par. 4 della UNI 10379, si definisce fabbisogno energetico normalizzato FEN la quantità di energia

Dettagli

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio ATOMO 1 I PONTI TERMICI Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni dell edificio elementi opachi elementi vetrati PONTI TERMICI I ponti termici

Dettagli

Bilancio energetico dell'edificio Termini inclusi

Bilancio energetico dell'edificio Termini inclusi UNIVERSITÀ IUAV DI VENEZIA CLAMARCH indirizzo Conservazione Laboratorio integrato 2 Modulo di impianti tecnici nell edilizia storica Anno Accademico 2010-2011 Il bilancio energetico dell edificio Francesca

Dettagli

Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura. Corso di Fisica Tecnica. Docenti: arch. Francesco Bianchi ing.

Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura. Corso di Fisica Tecnica. Docenti: arch. Francesco Bianchi ing. Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Docenti: arch. Francesco Bianchi ing. Francesco Cocco DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI PER UN EDIFICIO RESIDENZIALE A PATIO

Dettagli

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40 INDICE indice Introduzione 7 1. Nozioni di base 9 1.1 Fisica del ponte termico 14 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23 2. Conseguenze dei ponti termici 31 2.1 Inefficienza energetica 31 2.2 Effetti igienico-sanitari

Dettagli

Costituiscono una discontinuità geometrica o di materiale dell involucro edilizio Rappresentano una «via preferenziale» di trasmissione del calore

Costituiscono una discontinuità geometrica o di materiale dell involucro edilizio Rappresentano una «via preferenziale» di trasmissione del calore I PONTI TERMICI Costituiscono una discontinuità geometrica o di materiale dell involucro edilizio Rappresentano una «via preferenziale» di trasmissione del calore Il loro contributo sulla quota di energia

Dettagli

ESERCITAZIONE. Corso per certificatori energetici degli edifici. ing. Sonia Subazzoli ESERCITAZIONE. Ing. Sonia Subazzoli 1/40

ESERCITAZIONE. Corso per certificatori energetici degli edifici. ing. Sonia Subazzoli ESERCITAZIONE. Ing. Sonia Subazzoli 1/40 Corso per certificatori energetici degli edifici ing. Sonia Subazzoli ESERCITAZIONE Ing. Sonia Subazzoli 1/40 SOMMARIO DELLA LEZIONE 1. RIPASSO DEL BILANCIO ENERGETICO; ESEMPI DI CALCOLO DI TRASMITTANZA,

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO INDIRIZZO COMMITTENTE INDIRIZZO COMUNE Villetta monofamiliare Via Roma - Milano (MI) Edilclima srl MILANO Rif.

Dettagli

- aumento delle dispersioni termiche (ciò è più accentuato con il maggiore isolamento delle pareti dell edificio)

- aumento delle dispersioni termiche (ciò è più accentuato con il maggiore isolamento delle pareti dell edificio) I Ponti Termici E possibile definire il ponte termico come quella configurazione strutturale o geometrica che produce una deviazione del flusso termico dalla condizione di flusso monodimensionale tra le

Dettagli

Complesso residenziale, Trondheim

Complesso residenziale, Trondheim Complesso residenziale, Trondheim Fig. 3.54 Sezione verticale. Immagini tratte da: Hegger, Fuchs, Stark, Zeumer, Energy Manual Sustainable Architecture, Institut fur internazionale Architektur-Dokumentation

Dettagli

Carichi termici in regime invernale ed estivo. Prof.Arch.Gianfranco Cellai

Carichi termici in regime invernale ed estivo. Prof.Arch.Gianfranco Cellai Carichi termici in regime invernale ed estivo Prof.Arch.Gianfranco Cellai Generalità Mantenere condizioni ambiente interne confortevoli significa controllare i carichi termici perturbatori generati nell

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Industriale Caratteristiche termiche delle strutture edilizie Calcolo del fabbisogno energetico degli edifici Prof. Simone Secchi Calcolo della trasmittanza termica Metodo di calcolo riportato nella norma UNI EN ISO

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI In Italia, il 19 agosto 2005 è sstato disposto il Decreto Legislativo n. 192 in attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia,

Dettagli

Certificazione energetica: procedure e. dalla UNI TS 11300

Certificazione energetica: procedure e. dalla UNI TS 11300 CONVEGNO Requisiti di rendimento energetico e procedure di certificazione energetica degli edifici, la progettazione edilizia verso la riduzione dell utilizzo di energia fossile Certificazione energetica:

Dettagli

Il calcolo energetico di una serra solare: esempi ed applicazioni mediante il software in-serra

Il calcolo energetico di una serra solare: esempi ed applicazioni mediante il software in-serra Il calcolo energetico di una serra solare: esempi ed applicazioni mediante il software in-serra Ph.D. Ing. Riccardo Farina Ingegnere Meccanico - Dottore di Ricerca in Ingegneria dei Sistemi - Green Energy

Dettagli

Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373

Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373 CORSO DI FORMAZIONE PER CERTIFICATORE ENERGETICO DELLA REGIONE LIGURIA Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373 Docente: Prof. Ing Paolo CAVALLETTI 1/41 Software di Diagnosi

Dettagli

Certificazione energetica degli edifici Gli indicatori di prestazione energetica e i metodi di valutazione e di calcolo

Certificazione energetica degli edifici Gli indicatori di prestazione energetica e i metodi di valutazione e di calcolo Certificazione energetica degli edifici Gli indicatori di prestazione energetica e i metodi di valutazione e di calcolo Arch. Valerio Marino 1 Leggi e norme Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22

Dettagli

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO Clara PISTONI - Giovanna CARIA IMPIANTO DATI GENERLI CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO INFORMAZIONI INTRODUTTIVE 2 COMUNE CERMENATE

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO:

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO: PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO: M1 - NORMATIVA EUROPEA E NAZIONALE Introduzione Problema economico/problema politico/problema ambientale NORMATIVA COMUNITARIA - DIRETTIVA 2002/91/CE Punti cardine/attestato

Dettagli

Stima dei carichi termici estivi

Stima dei carichi termici estivi Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA Stima dei carichi termici estivi Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Carichi termici: Flussi termici sensibili

Dettagli

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno LA TRASMITTANZA TERMICA DI STRUTTURE OPACHE La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Valutazione dei consumi condominio via Ausonia 12A

RELAZIONE TECNICA Valutazione dei consumi condominio via Ausonia 12A RELAZIONE TECNICA Valutazione dei consumi condominio via Ausonia 12A Premessa La sottoscritta Elena Ameri, nata a Genova il 12/10/1984, residente in Genova via Sestri 25 int 3, iscritta all ordine degli

Dettagli

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il decreto legislativo n. 311 del 29.12.2006 (che modifica il precedente decreto n. 192/2005), pubblicato sulla

Dettagli

VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB)

VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB) 5 VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB) I nuovi decreti sull efficienza energetica degli edifici L entrata in vigore del D.Lgs 192 nell ottobre 2005 ha portato alla ribalta anche nel nostro Paese il

Dettagli

I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO. Giovanni Riva

I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO. Giovanni Riva I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO Giovanni Riva 1 DECRETO REQUISITI MINIMI Servizi considerati e metodologia di calcolo La

Dettagli

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ALLEGATO A - REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale A.1.1 Per gli edifici residenziali della classe E.1, esclusi collegi, conventi, case

Dettagli

Impianti tecnici nell edilizia storica

Impianti tecnici nell edilizia storica Impianti tecnici nell edilizia storica Docente: Prof. Francesca Cappelletti Collaboratore: Arch. Chiara Tambani 1 Programma 1) INVOLUCRO EDILIZIO: caratterizzazione termica e verifiche Resistenza termica

Dettagli

Fabbisogno di energia termica dell edificio

Fabbisogno di energia termica dell edificio Corso di Energetica degli Edifici Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino Ing. Fernanda Fuoco Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino

Dettagli

GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEI DATI AGGIUNTIVI Sistema di certificazione energetica degli edifici - S.A.C.E.

GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEI DATI AGGIUNTIVI Sistema di certificazione energetica degli edifici - S.A.C.E. Manuale d uso SACE Modulo Controlli Certificatori Energetici Rev. 01 Rev. 01 del 03-12-2014 Rif. Progetto Sistema per l esecuzione di verifiche e controlli sulle attività di certificazione energetica degli

Dettagli

La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO

La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO 1 La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO SITUAZIONE NORMATIVA E LEGISLATIVA DETERMINAZIONE DELLA TRASMITTANZA

Dettagli

CONCETTI DI TERMICA NEGLI EDIFICI

CONCETTI DI TERMICA NEGLI EDIFICI CONCETTI DI TERMICA NEGLI EDIFICI QUADRO NORMATIVO L.373/1976 Introduce il primo concetto di prestazione energetica, in particolare riferimento alla coibentazione degli impianti di produzione di energia.

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : CONI SPA EDIFICIO : PISCINA MILANO CONI INDIRIZZO : VIA MONTEVIDEO N.20

Dettagli

DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo

DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo 1-Efficaci elementi di schermatura delle superfici vetrate ( esterni o interni) 2-Ottimizzare la ventilazione naturale 3-Eventuale ventilazione

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : EDIFICIO : Appartamento VICENZA INDIRIZZO : COMUNE : VICENZA INTERVENTO

Dettagli

La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda. Dott. Ing. Mauro CAPPELLO

La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda. Dott. Ing. Mauro CAPPELLO La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda Dott. Ing. Mauro CAPPELLO 1 Unità didattica: 4 La trasmittanza termica 2 La trasmittanza termica: introduzione La prestazione termica dei materiali,

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

METODO DI CALCOLO SEMPLIFICATO DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA GLOBALE EPgl DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI ESISTENTI V 1.0

METODO DI CALCOLO SEMPLIFICATO DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA GLOBALE EPgl DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI ESISTENTI V 1.0 docente: Ph.D. Domenico Tripodi Corso di Laurea in Edilizia Corso di Certificazione Energetica e Sostenibilità Edilizia a.a. 2011/2012 collaboratore: Ing. Nunziata Italiano Esercitazione METODO DI CALCOLO

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA ENERGETICO-AMBIENTALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA ENERGETICO-AMBIENTALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA ENERGETICO-AMBIENTALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE La relazione deve contenere gli elementi descrittivi idonei

Dettagli

2. L applicazione delle disposizioni di cui alla D.G.R. VIII/5018 e s.m.i. è esclusa:

2. L applicazione delle disposizioni di cui alla D.G.R. VIII/5018 e s.m.i. è esclusa: Simulazione tema d esame S_002 1. Indicare l affermazione errata: a. la superficie utile è la superficie netta calpestabile degli ambienti a temperatura controllata o climatizzati dell edificio; b. la

Dettagli

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 2 2. DEFINIZIONI 1/3 DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 24 febbraio 2010 BRESCIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 BORGO DI VILLA ASTORI TORRE

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE

Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE software certificato CTI per le UNI-TS 11300 1-2-4 include anche la UNI-TS 11300 parte 3 Semplice da usare, esegue la verifica di nuove costruzioni, ristrutturazioni,

Dettagli

Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/06/2013

Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/06/2013 Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/6/213 Figura 1. Prospetto est (sinistra) e vista sud-ovest (destra). Figura 2. Pianta piano terra (sinistra) e piano primo (destra): indicate con tratteggio

Dettagli

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007)

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Per problemi con il programma di calcolo si deve considerare principalmente la guida all uso della scheda operativa per il calcolo

Dettagli

PRESTAZIONI TERMOFISICHE DELL INVOLUCRO EDILIZIO

PRESTAZIONI TERMOFISICHE DELL INVOLUCRO EDILIZIO PRESTAZIONI TERMOFISICHE DELL INVOLUCRO EDILIZIO Fabio Sciurpi Laboratorio di Fisica Ambientale Dipartimento TAeD, Via San Niccolò 93, Firenze fabio.sciurpi@taed.unifi.it Il sistema edificio - impianto

Dettagli

TERMOTECNICA E IMPIANTI A.A. 2011/2012. U.05 Serramenti 1/17

TERMOTECNICA E IMPIANTI A.A. 2011/2012. U.05 Serramenti 1/17 TERMOTECNICA E IMPIANTI A.A. 2011/2012 U.05 Serramenti U.05 Serramenti 1/17 COMPONENTI TRASPARENTI (UNI/TS 11300- La trasmittanza termica delle finestre si calcola secondo la UNI EN ISO 10077-1. La trasmittanza

Dettagli

APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E

APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E TECNICI PUNTO ENERGIA L Attestato di Prestazione Energetica alla luce del Decreto Legge 63/2013. Esempi di calcolo. Prof. Ing. Dimitrios

Dettagli

Sezione 1: Norme relative al calcolo del fabbisogno globale di energia negli edifici (basate sui risultati ottenuti con le norme della sezione 2)

Sezione 1: Norme relative al calcolo del fabbisogno globale di energia negli edifici (basate sui risultati ottenuti con le norme della sezione 2) Sezione 1: Norme relative al calcolo del fabbisogno globale di energia negli edifici (basate sui risultati ottenuti con le norme della sezione 2) 15217:2007 15603:2008 pren 15429 15459:2008 TR 15615 Prestazione

Dettagli

DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA

DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA Allegato B DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA SOMMARIO 1 PARAMETRI DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO... 2 1.1 Parametri relativi al fabbricato... 2 1.2 Parametri relativi agli

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B COMMITTENTE : Amministrazione comunale di Rogeno EDIFICIO : Scuola Secondaria INDIRIZZO : Rogeno,Via vecchia Casletto

Dettagli

CORSO PER ENERGY MANAGER DEL SETTORE ALBERGHIERO

CORSO PER ENERGY MANAGER DEL SETTORE ALBERGHIERO CORSO PER ENERGY MANAGER DEL SETTORE ALBERGHIERO PRESTAZIONI ENERGETICHE DEI COMPONENTI DELL INVOLUCRO 1 ARGOMENTI DEL MODULO 1. RISPETTO DELLE TRASMITTANZE MINIME PREVISTE DALLA NORMATIVA VIGENTE 2. TRASMISSIONE

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ENERGETICO DI UNA SERRA SOLARE

RELAZIONE DI CALCOLO ENERGETICO DI UNA SERRA SOLARE RELAZIONE DI CALCOLO ENERGETICO DI UNA SERRA SOLARE secondo la norma internazionale UNI EN ISO 1379 PREMESSA Scopo della presente relazione tecnica è la determinazione della riduzione del fabbisogno di

Dettagli

Risparmio energetico degli edifici:

Risparmio energetico degli edifici: Risparmio energetico degli edifici: FOCUS SULLA NORMATIVA REGIONALE Relatore: Arch. SIMONA ALAURIA Certificatore Energetico per la Regione Liguria Studio Tecnico Amatori Sanremo (IM) 1. Concetto di risparmio

Dettagli

Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica)

Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica) Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica) Per i partecipanti in omaggio 1 SACERT SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER CERTIFICATORI COSA È SACERT R SACERT (Sistema per l'accreditamento

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 COMMITTENTE : EDIFICIO : Casa a schiera BOLOGNA INDIRIZZO : COMUNE : BOLOGNA Rif.: C:\Users\manuel.canella\Desktop\BOLOGNA

Dettagli

I Ponti Termici e la Termografia

I Ponti Termici e la Termografia Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Facoltà di Ingegneria I Ponti Termici e la Termografia Docente Prof. Marco Dell Isola Anno Accademico 2013-2014 } } Ponti Termici } Flusso monodimensionale

Dettagli

TEST DI AUTOVALUTAZIONE Non valido ai fini dell abilitazione finale.

TEST DI AUTOVALUTAZIONE Non valido ai fini dell abilitazione finale. 5 Il fabbisogno di energia trasmissione Q h,tr di cui alla parte della UNITS 00:008 è funzione: Nella UNITS00 il coefficiente b tr di correzione dello scambio termico dipende: Il rendimento globale medio

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Applicazione DLgs 311/06 Strumenti di calcolo: DOCET ABSTRACT

Applicazione DLgs 311/06 Strumenti di calcolo: DOCET ABSTRACT Applicazione DLgs 311/06 Strumenti di calcolo: DOCET arch. Consuelo Nava A cura di R. Astorino ABSTRACT NORMATIVE TECNICHE DI RIFERIMENTO D.Lgs 19 agosto 2005, n 192 Attuazione della direttiva 2002/91CE

Dettagli

UNI/TS 11300-1 TESTO ITALIANO SPECIFICA TECNICA OTTOBRE 2014

UNI/TS 11300-1 TESTO ITALIANO SPECIFICA TECNICA OTTOBRE 2014 SPECIFICA TECNICA Prestazioni energetiche degli edifici Parte 1: Determinazione del fabbisogno di energia termica dell edificio per la climatizzazione estiva ed invernale UNI/TS 11300-1 OTTOBRE 2014 Energy

Dettagli

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI -

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - A. INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE COMPLESSIVA DELL EDIFICIO...2 A) VALORI LIMITE...2 B) COSTI AMMISSIBILI...3 C) CONTENUTO DELL ASSEVERAZIONE...3 B. INTERVENTI SU STRUTTURE

Dettagli

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE La trasmissione del calore può avvenire attraverso tre meccanismi: - Conduzione; - Convezione; - Irraggiamento; Nella conduzione la trasmissione del calore è riconducibile

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Laboratorio di Progettazione 3M prof. Giovanni Longobardi DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE prof. Marco Frascarolo Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Architettura A.A. 2010-2011

Dettagli

Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure della Regione Lombardia

Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure della Regione Lombardia EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI ED ENERGIE DA FONTI RINNOVABILI NEL NUOVO QUADROLEGISLATIVO politiche, procedure, buone pratiche Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure

Dettagli

ALLEGATO TECNICO Estratto ed adattato dalla delibera della G.P. n. 2190 dd. 13/9/02

ALLEGATO TECNICO Estratto ed adattato dalla delibera della G.P. n. 2190 dd. 13/9/02 ALLEGATO TECNICO Estratto ed adattato dalla delibera della G.P. n. 2190 dd. 13/9/02 1. REQUISITI OBBLIGATORI PER LA QUALIFICAZIONE DI EDIFICIO A BASSO CONSUMO E A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Per essere qualificata

Dettagli

L incidenza prestazionale del serramento. serramento. Le proprietàtermiche termiche del. Per. Ind. Roberto Ponzini. Milano 30 novembre 2011

L incidenza prestazionale del serramento. serramento. Le proprietàtermiche termiche del. Per. Ind. Roberto Ponzini. Milano 30 novembre 2011 L incidenza prestazionale del serramento Le proprietàtermiche termiche del serramento Per. Ind. Roberto Ponzini Milano 30 novembre 2011 Fabbisogno termico e involucro edilizio Dispersioni Calore di Ventilazione

Dettagli

MANUALE TECNICO. Software di Diagnosi e Certificazione Energetica degli Edifici su piattaforma web

MANUALE TECNICO. Software di Diagnosi e Certificazione Energetica degli Edifici su piattaforma web Software di Diagnosi e Certificazione Energetica degli Edifici su piattaforma web MANUALE TECNICO del motore di calcolo DOCET PRO con interfaccia CELESTE DOCET pro versione 0.4 www.itc.cnr.it Copyright

Dettagli

arch. Caterina Gargari

arch. Caterina Gargari arch. Caterina Gargari Dip. TAeD Tecnologie dell Architettura e Design DIRETTIVA 2010/31/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 19 maggio 2010 sulla prestazione energetica nell edilizia Art. 25

Dettagli

14. LA TRASMISSIONE GLOBALE DEL CALORE

14. LA TRASMISSIONE GLOBALE DEL CALORE 4. LA TRASMISSIONE GLOBALE DEL CALORE Quando la trasmissione del calore coinvolge tutte e tre le modalità finora viste si parla di 'trasmissione globale' del calore. Si tratterà in particolare nel seguito

Dettagli

CORSO BASE modulo 1 4 h

CORSO BASE modulo 1 4 h ALLEGATO I - CB 1/5 CORSO BASE modulo 1 4 h Introduzione Protezione climatica ed ambientale Effetto serra naturale e di derivazione antropogena Emissioni con effetti sul clima Effetti sui cambiamenti climatici

Dettagli

Il calcolo del carico termico, estivo ed invernale, degli edifici

Il calcolo del carico termico, estivo ed invernale, degli edifici Il calcolo del carico termico, estivo ed invernale, degli edifici Prof. Filippo de Rossi 1/40 CARICHI TERMICI INVERNALI ED ESTIVI: CENNI INTRODUTTIVI Il calcolo dei carichi termici, in entrambe le stagioni,

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

ing. Sonia Subazzoli

ing. Sonia Subazzoli Corso per certificatori energetici degli edifici ing. Sonia Subazzoli BILANCIO ENERGETICO E METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEL SISTEMA EDIFICIO-IMPIANTO Ing. Sonia Subazzoli

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 1 2 1 PREMESSA Finalità di un qualsiasi impianto tecnico è: creare condizioni idonee per il normale svolgimento dell attività umana all interno o all esternodiambienti

Dettagli

Comportamento dinamico dell involucro opaco

Comportamento dinamico dell involucro opaco Comportamento dinamico dell involucro opaco Prof. Ing. Pietro Stefanizzi Politecnico di Bari E-mail: pietro.stefanizzi@poliba.it Bari, 3 ottobre 2014 CONDUTTIVITA TERMICA? UNI 10351:1994 Materiale solido

Dettagli

MANUALE D USO SOFTWARE CENED Versione 1.2

MANUALE D USO SOFTWARE CENED Versione 1.2 + MANUALE D USO SOFTWARE CENED Versione 1.2 Il presente manuale d uso è uno strumento di supporto all utilizzo del software CENED+ curato e realizzato da CESTEC SpA. Autori: Giacomo Di Nora Clara Pistoni

Dettagli

ALLEGATO F. - combustibile utilizzato: gas metano gasolio GPL teleriscaldamento olio combustibile energia elettrica biomassa altro

ALLEGATO F. - combustibile utilizzato: gas metano gasolio GPL teleriscaldamento olio combustibile energia elettrica biomassa altro ALLEGATO F Scheda informativa per interventi di cui all articolo 1, comma 345, limitatamente agli interventi di sostituzione di finestre comprensive di infissi in singole unità immobiliari e 346 della

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

Le barriere radianti sulle coperture ventilate

Le barriere radianti sulle coperture ventilate Le barriere radianti sulle coperture ventilate C A R A T T E R Z Z A Z I O N E T E R M I C A D E L L E C O P E R T U R E V E N T I L A T E M U N I T E D I B A R R I E R A R A D I A N T E, I N R E L A Z

Dettagli