CURRICULUM VITÆ DI Cinzia Mameli. Formazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CURRICULUM VITÆ DI Cinzia Mameli. Formazione"

Transcript

1 CURRICULUM VITÆ DI Cinzia Mameli Nazionalità: Italiana Cognome: Mameli Nome: Cinzia Data di nascita: 2 Agosto 1973 Luogo di nascita: Lanusei (NU) Residenza: Via del Fornaccio n Bracciano (RM) Tel. Cell. 333/ Formazione 1998 Laurea in Psicologia, indirizzo in Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione, presso l Università degli Studi di Cagliari, Facoltà di Scienze della Formazione, con votazione 110/110 e lode, meritevole di stampa, con una tesi dal titolo Aggressività a scuola: il bullismo Tirocinio post-lauream presso il Dipartimento di Psicologia di Cagliari Superamento della prova di Esame di Stato e iscrizione all Albo dell Ordine degli Psicologi della Regione Sardegna (n 630); Frequenza e conclusione con profitto del corso quadriennale per Operatori Psicoterapeuti per l Età Evolutiva tenuto da A.Ps.I.A. Associazione Psicoterapia Infanzia Adolescenza riconosciuto con D.M dal Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica ai sensi della Legge 56/89 art.3), in collaborazione con A.R.E.E. (Associazione Regionale Età Evolutiva); Tirocinio presso la U.S.L. n 7 di Carbonia, servizio materno-infantile di Iglesias. Durante tale periodo si sono condotti colloqui per idoneità di affidamento e adozione, nonché attività di diagnosi e psicoterapia con bambini e adolescenti; Tirocinio presso il C.I.M. (Centro di Igiene Mentale) di Lanusei (Nu) in cui si è svolta attività di diagnosi e psicoterapia;

2 2003 Notifica annotazione sull Albo dell Ordine degli Psicologi del diritto all esercizio dell attività di psicoterapeuta; Conclusione con profitto del corso di formazione per Operatori specializzati sulla diffusione degli interventi psicoeducativi familiari per la schizofrenia nei DSM italiani, organizzato dall Istituto di Psichiatria dell Università di Napoli; 2004 Diploma di specializzazione (12 giugno) Psicoterapia Psicoanalitica dell Età Evolutiva (A.Ps.I.A. Associazione Psicoterapia Infanzia Adolescenza riconosciuto con D.M dal Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica ai sensi della Legge 56/89 art.3), in collaborazione con A.R.E.E. (Associazione Regionale Età Evolutiva). Socio ordinario di A.Ps.I.A. ( Associazione Psicoterapia Infanzia Adolescenza); Vincitrice della selezione per il Master Percorsi e strumenti di ricerca nelle scienze sociali presso l Università degli Studi di Firenze, Facoltà di Scienze politiche (a.a. 2004/2005); Frequentazione con profitto del Master Percorsi e strumenti di ricerca nelle scienze sociali presso l Università degli Studi di Firenze, Facoltà di Scienze politiche (a.a. 2004/2005). Il Master risponde all idea di colmare il divario che esiste tra metodologia della ricerca e aspetti applicativi connessi alla scelta degli strumenti di rilevazione e di analisi dei dati. Interessi Scientifici Studi e ricerche sul tema del bullismo: a partire dal modello teorico di Dan Olweus (1996) e grazie alla collaborazione della prof.ssa Ada Fonzi ed Ersilia Menesini (1997) dell Università degli Studi di Firenze, che hanno concesso al Dipartimento di Psicologia di Cagliari l utilizzo dello strumento per la rilevazione delle dimensioni qualitative quantitative del fenomeno del bullismo, è stato possibile analizzare le caratteristiche del comportamento aggressivo a scuola nel territorio sardo sia dal punto di vista teorico che dal punto di vista sperimentale; Studi sull evoluzione del fenomeno aggressivo nel tempo e adattamento culturale del questionario sul bullismo utilizzato con i bambini per la fascia adolescenziale: considerando lo stesso modello teorico di riferimento norvegese (Olweus, 1996) e italiano (Fonzi, Menesini,7) gli studi sull aggressività a scuola hanno riguardato l evoluzione del comportamento aggressivo nel tempo. Dal punto di vista sperimentale si è proceduto all adattamento culturale della versione del questionario sul bullismo per la fascia adolescenziale; Studi sui modelli di intervento sul bullismo: analisi del modello gerarchico di intervento sul bullismo dello studioso norvegese Dan Olweus (1996) a carattere sistemico-ecologico, ha consentito di sostenere l importanza dell intervento sociale di rete.

3 Studi e approfondimenti sulla psicologia dei tipi dei tratti e delle disposizioni: si tratta di uno studio che ha riguardato l esperienza di ricerca presso il centro Progenia nato a Lanusei nel Novembre 2001, finanziato dal Ministero della Sanità Americana (N.I.A.) e gestito dall I.R.T.A.M. (Istituto di Ricerca sulle Anemie e Talassemie Mediterranee) e dal C.N.R. (Consiglio Nazionale di Ricerca) ) sotto la direzione del Prof. Antonio Cao, Professore Ordinario di Pediatria presso l Università di Cagliari. Il tema affrontato è quello della genetica della personalità (Eysenck,1947; Bouchard, 1992; Loehlin e Rowe, 1992; Lohelin, 1992; Rowe, 1984). Secondo tal modello teorico esiste una grossa influenza della componente genetica sullo sviluppo della personalità dell individuo, pur non trascurando l influenza ambientale. Studi nell ambito della psicologia dello sviluppo e dell educazione relativi ai programmi di insegnamento universitario: i programmi di insegnamento universitario e, in concomitanza, gli interessi scientifici del docente, hanno riguardato l analisi dei primi modelli teorici della psicologia dello sviluppo e dell educazione, con un particolare riguardo al modello piagetiano e alla psicologia culturale, fino all analisi dell attuale modello probabilistico, olistico, costruttivista della psicologia dello sviluppo. In particolare, per ciò che concerne lo sviluppo affettivo, si è approfondito lo studio del modello psicoanalitico (teoria pulsionale e psicoanalisi dell Io). I programmi dell insegnamento sul bullying nelle organizzazioni sociali e produttive, hanno riguardato l analisi dell aggressività in termini adattivi e disadattivi, l analisi delle principali forme di devianza come il bullismo e le forme di prevaricazione adulte quali il mobbing e alcune sue manifestazioni particolari come il nonnismo; Studi e approfondimenti di alcuni temi dello sviluppo psicologico strettamente legati ai contenuti dell educazione sessuale: l acquisizione dell identità di genere secondo la psicoanalisi, la teoria dell apprendimento e l indirizzo cognitivo. L evoluzione dei concetti di maschio e femmina secondo l indirizzo cognitivista. In particolare: le teorie elaborate dai bambini circa la nascita, mutamenti evolutivi nella comprensione del ruolo, della moralità e dei modi di essere di sé e degli altri e le concezioni dell amicizia nelle diverse età. Da questi studi è nato un progetto di prevenzione primaria per i bambini di scuola elementare. Studi e approfondimenti legati alle principali teorie sulla motivazione: dalla teoria comportamentista alla teoria socio-cognitiva o socio-comportamentale che mette in rilievo l importanza dei fattori esterni nella motivazione ad apprendere. Le recenti teorie sulla motivazione iniziano a rivolgersi verso processi cognitivi di più alto livello (metacognizione o l abilità di riflettere sul proprio modo di pensare). Un interesse particolare ha riguardato l analisi del ciclo del pensiero uno schema circolare che spiega come il pensiero influenzi sentimenti ed emozioni dell individuo fino a modificarne il comportamento. Da questi studi è nato un progetto di intervento per motivare gli alunni difficili. Partecipazione e Comunicazioni in Convegni 2000 Presentazione, in qualità di relatrice, del lavoro di ricerca dal titolo Bullying in Sardinia: social and anthropological considerations (Marini, Mameli), al VI Convegno Europeo di Psicologia. Il lavoro descrive due ricerche condotte presso alcune scuole elementari di Cagliari e dell Ogliastra, il cui obiettivo ha riguardato l analisi delle dimensioni qualitative e quantitative del bullismo in Sardegna. Tale studio ha tenuto in stretta considerazione l influenza della dimensione culturale sulla estensione del fenomeno del bullying nel territorio sardo. Presentazione, in qualità di relatrice, dei lavori di ricerca svolti sul fenomeno del bullismo negli anni /2000 (Marini, Mameli), al I Convegno Regionale sui Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza: il lavoro ha riguardato una attenta analisi dell evoluzione del fenomeno del

4 bullismo nel tempo e l individuazione di similitudini e differenze tra l atto di prevaricazione compiuto durante l infanzia e quello perpetrato nel corso dell adolescenza; Partecipazione al IV Convegno Nazionale di Psicoterapia dell Adolescenza dal titolo Figure della violenza in adolescenza Presentazione, in qualità di relatrice, dei risultati di una ricerca sul bullismo (Marini, Mameli) condotta su un campione di adolescenti frequentanti alcuni istituti superiori di Cagliari al convegno Giovani, bullismo e disagio, organizzato dal Comune di Iglesias (Ca) in collaborazione con A.R.E.E. (Associazione Regionale Età Evolutiva). L indagine ha consentito di evidenziare come il bullismo rappresenti una forma di devianza sociale che, in adolescenza, si caratterizza per una minore frequenza delle denunce di prevaricazione e una maggiore intensità dell atto aggressivo. Presentazione, in qualità di relatrice, del lavoro Adolescenti disagiati, bulli o devianti (Marini, Mameli) al Convegno Il fenomeno del bullismo: dalla ricerca all intervento, organizzato dal Comune di Sennori (SS) e dalla cooperativa sociale Lariso-Nuoro. L intervento ha avuto come obiettivo quello di consentire una chiarificazione su terminologie troppo spesso usate a sproposito come quelle di disagio evolutivo, bullismo e devianza, al fine di specificare le caratteristiche psicologiche del fenomeno del bullying e proporre modalità di intervento adeguate al problema. Presentazione, in qualità di relatrice, del lavoro di ricerca dal titolo Il fenomeno del bullying: dall infanzia all adolescenza al Convegno Regionale sulla Rappresentazione dello Psicologo Scolastico in Sardegna, organizzato da A.R.E.E. Onlus (Associazione Regionale Età evolutiva) in collaborazione con la Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato Pubblica Istruzione, Beni Culturali. Tale lavoro descrive similitudini e differenze tra il bullismo durante l infanzia e quello che invece si sviluppa durante l adolescenza. Quest ultimo, appare sempre più sottile e indiretto, vicino alle forme adulte di prevaricazione (mobbing); ma, nel momento in cui aumenta l intensità dell atto aggressivo, l attacco adolescenziale si estende al di fuori della scuola e si esplicita in forme di devianza più vicine alle baby gangs piuttosto che al bullismo. Presentazione, in qualità di relatrice, del lavoro di ricerca dal titolo Dal bullying al mobbing: una linea di continuità? (Marini, Mameli) al Convegno Nazionale (Villasimius, Settembre), Il Mobbing. Prevenzione del Disagio in Ambito Lavorativo, organizzato dal Dipartimento di Psicologia di Cagliari. Il presente lavoro ha indagato eventuali somiglianze e differenze tra la prevaricazione a scuola e quella al lavoro. Da uno studio condotto in Sardegna è emerso come l età di passaggio dal bullying al mobbing potrebbe essere quella dei anni, cioè, quando l adolescente - che ha già sviluppato una sua idea di prevaricazione - denuncia l adulto come colui che non interviene di fronte ad episodi di bullismo. L adulto diventa perciò, modello sociale da imitare e promotore di una cultura dell indifferenza adottabile anche dagli stessi adolescenti Presentazione, in qualità di relatrice, del lavoro di ricerca L intervento di rete nei contesti socio-educativi (Marini, Mameli, Agus) al Convegno Nazionale, La prevenzione del disagio e la promozione del benessere psicosociale, organizzato dal Dipartimento di Psicologia di Cagliari (21-23 luglio 2005). Il lavoro intende descrivere un modello di rete che si sviluppa su tre differenti aree tra loro intersecantisi: ricerca, formazione e intervento. Una delle applicazioni del modello di rete ha coinvolto alcuni Comuni dell Ogliastra (Ulassai, Loceri, Gairo) e ha riguardato un intervento finalizzato al Sostegno Educativo Territoriale (S.E.T.).

5 Presentazione, in qualità di relatrice del lavoro di ricerca Il ballo solitario del Sé al corso I Preadolescenti e le Prove della Crescita (20-21 Gennaio Nuoro) organizzato dalla A.S.L. n.3 di Nuoro. Presentazione, in qualità di relatrice, di un lavoro teorico-pratico sul bullismo, relativo al tema dell educazione alla salute nelle scuole, pubblicato da Lazio-Sanita in Manuale di Educazione alla salute nelle scuole (Ottobre 2007-Novembre 2008). Attività professionali Organizzazione del VI Convegno Europeo di Psicologia dietro supervisione del prof. Stefano Carta, docente di psicologia dinamica presso il Dipartimento di Psicologia di Cagliari (a.a. 1998/); Collaborazione con l équipe ORIENTASARDEGNA alla creazione di un CD-rom dal titolo Idee, metodi e strumenti per l orientamento pubblicato dal Dipartimento di Psicologia dell Università degli Studi di Cagliari (a.a. 1998/); Collaborazione con l équipe ORIENTASARDEGNA alla stesura del libro EsplorAzione. Percorsi per l autorientamento, pubblicato dal Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Cagliari (a.a. 1998/); Collaborazione per la coordinazione delle attività di orientamento svolte nell ambito della manifestazione del Salone dello Studente, organizzata dall Università degli Studi di Cagliari (a.a. /2000); Collaborazione con A.R.E.E. (Associazione Regionale Età Evolutiva) in qualità di psicologa-psicoterapeuta ed esperta sul fenomeno del bullismo, dal al 2001; Collaborazione con la rivista A.R.E.E., periodico dell Associazione Regionale Età Evolutiva dal al 2001; Dal 2002 al 2005 psicoterapeuta e responsabile dell attività degli operatori di strada presso il Centro di Ascolto Specialistico per Adolescenti Lo Snodo, istituito a Nuoro e finanziato dalla Provincia. Tale attività ha consentito la produzione di materiale specifico per adolescenti, quali guide, manuali, ma anche la realizzazione di un programma radiofonico nato nel mese di Settembre 2005, Snodando, in collaborazione con Radio Barbagia, la radio centrale di Nuoro. Il programma è interamente gestito dagli adolescenti che scelgono il tema della puntata e gli ospiti da invitare durante la registrazione della trasmissione. Tale attività è coordinata dalle operatrici di strada che, a loro volta, ricevono direttive dal loro responsabile di area. Responsabile del servizio di assistenza domiciliare e di consulenza familiare del Comune di Ulassai per gli anni 2003/2004. Il lavoro ha riguardato una attività di supervisione del lavoro degli assistenti domiciliari che avevano in carico alcune famiglie disagiate e il sostegno psicologico rivolto alle stesse famiglie con minori a carico; Coordinatore del servizio psicopedagogico all interno del Progetto S.E.T. (Sostegno Educativo Territoriale) finanziato dalla Regione Sardegna e promosso dalla cooperativa sociale La Rondine di Lanusei (Nu) presso il Comune di Gairo e Loceri (provincia di Nuro) per l a.a. 2004/2005.

6 Conduzione di uno sportello psicologico nell ambito del progetto Centri di aggregazione per minori, gestito dalla cooperativa sociale sanitaria Arcobaleno e finanziato dalla legge 285 (2005/06); Attività di coordinamento presso l asilo nido Il Ranocchio di Anguillara Sabazia (RM) gestito dalla cooperativa sociale sanitaria Arcobaleno (dal 2006); Professore per l insegnamento di psicologia presso l associazione di musicoterpia Fedim (a.s.2008/2009). Attività didattica universitaria Assunzione del ruolo di collaboratore esterno per la coordinazione delle attività di orientamento svolte nell ambito della manifestazione del Salone dello Studente, organizzata dall Università degli Studi di Cagliari nell a.a. /2000; Tutor per l insegnamento di Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione presso il corso di laurea in scienze motorie, Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Cagliari (a.a. 2000/2001); Professore a contratto per l insegnamento di Psicologia dello sviluppo e della Formazione nel Corso Biennale di Specializzazione per insegnanti di sostegno, presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell Università degli Studi di Cagliari (a.a. 2000/2001); Professore a contratto per l insegnamento di Psicologia dello Sviluppo e della Formazione presso il corso di laurea per i servizi sociali dell Università degli Studi di Nuoro (a.a. 2001/2002); Professore a contratto per l insegnamento di Psicologia dello Sviluppo e della Formazione presso il corso di laurea per i servizi sociali dell Università degli Studi di Nuoro (a.a. 2002/2003); Professore a contratto per l insegnamento del modulo Il bullying nelle organizzazioni sociali e produttive presso il II anno del corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche applicate all Apprendimento e alla Salute Psicosociale (a.a. 2003/2004); Professore a contratto per l insegnamento del modulo Il bullying nelle organizzazioni sociali e produttive presso il II anno del corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche applicate all Apprendimento e alla Salute Psicosociale (a.a. 2004/2005); Professore a contratto per l insegnamento di Fondamenti di Psicologia dello sviluppo per il primo anno del corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche applicate al lavoro, alle organizzazioni e al turismo (a.a. 2004/2005); Professore a contratto per l insegnamento del modulo Il bullying nelle organizzazioni sociali e produttive presso il II anno del corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche applicate all Apprendimento e alla Salute Psicosociale (a.a. 2005/2006);

7 Attività didattica extra moenia Attività di formazione, istruzione e addestramento al corpo docente (a.a. 2000/2001) dell Istituto Comprensivo di Villamassargia (Ca) sulla tematica del bullismo, organizzata da A.R.E.E. (Associazione Regionale Età Evolutiva); Seminario sul bullismo (a.a. 2000/2001) presso la Scuola Media Statale di Villaputzu (Ca) rivolto al corpo docente, organizzato da A.R.E.E. (Associazione Regionale Età Evolutiva); Attività di formazione, istruzione e addestramento sulla tematica del bullismo (a.a. 2002/2003) rivolta agli insegnanti della scuola media del Comune di Sennori (SS) organizzata dalla cooperativa sociale di Nuoro, LARISO; Partecipazione al Progetto di Educazione alla Salute (a.a. 2003/2004), promosso dall Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare e Media del Comune di Lanusei (Nu) e finalizzato alla realizzazione di attività di sensibilizzazione verso forme di aggressività disadattive come il bullismo, in alcune classi della scuola media di Lanusei (Nu). Apertura di uno sportello psicologico nelle scuole dei Comuni di Gairo e Loceri (Nu) in cui si svolgono colloqui con bambini e genitori e si promuovono attività educative a carattere preventivo come il Progetto su Motivazione e Autostima realizzato attraverso la strategia della peer education con i ragazzi della terza media e il percorso sulle emozioni legato al Progetto di Educazione sessuale e relazione affettiva per i bambini della scuola elementare. Anche lo sportello psicologico riguarda il Progetto S.E.T. (Sostegno Educativo Territoriale) finanziato dalla Regione Sardegna e promosso dalla cooperativa sociale La Rondine di Lanusei (Nu). Collaborazione con l Istituto Superiore di Sanità per la realizzazione di un manuale sulla promozione della salute nella scuola ( ). Studi e Ricerche Dal 1998 collabora col Dipartimento di Psicologia, presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell Università degli Studi di Cagliari, svolgendo attività di studio e ricerca sui temi della psicologia dello sviluppo e dell educazione e in particolare, sul fenomeno del bullismo. Da Novembre 2001 a Marzo 2004, svolge attività di ricerca sulla Genetica della Personalità presso il centro Progenia, operante a Lanusei dal Novembre 2001, finanziato dal Ministero della Sanità degli U.S.A (N.I.A.) e gestito dall I.R.T.A.M. (Istituto di Ricerca sulle Anemie e Talassemie Mediterranee) e dal C.N.R. (Consiglio Nazionale di Ricerca) sotto la direzione del Prof. Antonio Cao, Professore Ordinario di Pediatria presso l Università di Cagliari. L attività svolta è consistita nella somministrazione di un questionario di personalità, il NEO- PI-R (Revised Neo Personality Inventory). La somministrazione del questionario si centra sulla rilevazione di un fenotipo delle Emozioni Positive. Di tale fenotipo, verranno successivamente studiate le componenti ereditarie; Da Marzo 2004 a Giugno 2004 partecipazione al progetto di ricerca nazionale Ex 40%, Carico lavorativo,stress e qualità dei servizi in contesti lavorativi caratterizzati da esecutività dei compiti e da relazione d aiuto. Tra i risultati più interessanti di tale studio è emerso come il settore lavorativo più soggetto a stress sia quello scolastico.

8 Da Marzo 2004 amarzo 2005 conduzione in Ogliastra, di una ricerca volta all analisi delle correlazioni tra ansia e disturbi allergici. L osservazione che un numero sempre maggiore di soggetti decide di rivolgersi ai centri allergologici per affrontare i propri disturbi e il casuale riscontro in alcuni di essi di tratti di personalità spesso ansiosi o tendenti alla depressione, ha fatto scaturire l idea di uno studio sperimentale che ha come obiettivo l individuazione di una eventuale correlazione tra ansia e allergie oltre all analisi di eventuali differenze legate al genere, all età e alla dimensione culturale di riferimento. Da Marzo 2004 a Ottobre 2005, stesura di un progetto sul bullismo in cui viene promosso l affinamento e l applicazione di nuovi strumenti per il potenziamento delle aree di ricerca, intervento e formazione in relazione al fenomeno delle prevaricazioni; Da Maggio 2004 agennaio 2005, partecipazione, insieme all équipe del centro Lo Snodo di Nuoro, ad una ricerca sui Tempi di vita degli adolescenti nuoresi. Gli autori si sono chiesti come vivessero l adolescenza i ragazzi nuoresi, quali fossero i loro rapporti in famiglia, a scuola o col gruppo dei pari e quanto, in generale, fossero vicini o lontani dal modello adolescenziale sponsorizzato nel XXI secolo; Da Ottobre 2004 a Maggio 2005, conduzione presso la scuola elementare di Loceri (NU), di una ricerca-intervento sulla Educazione sessuale e le relazioni affettive. Ai risultati dell indagine è stata fatta seguire l applicazione di un progetto di sensibilizzazione sulla tematica degli affetti e della sessualità. Tale progetto rientra nel S.E.T (Sostegno Educativo Territoriale), progetto finanziato dalla Regione Sardegna a favore della prevenzione del disagio giovanile e gestito dalla cooperativa sociale La Rondine di Lanusei (Nu); Da Gennaio 2005 a Maggio 2005, conduzione presso la scuola media di Gairo (NU) di un progetto volto all accrescimento dell autostima in soggetti difficili, con reali difficoltà di apprendimento. La strategia educativa applicata consiste nella peer-education, ossia una attività educativa promossa da un piccolo gruppo di ragazzi che, opportunamente preparati circa i contenuti del progetto, insegneranno ai loro pari ciò che hanno appreso dall educatore. Tale progetto rientra nel S.E.T (Sostegno Educativo Territoriale) progetto finanziato dalla Regione Sardegna a favore della prevenzione del disagio giovanile e gestito dalla cooperativa sociale La Rondine di Lanusei (Nu) Pubblicazioni Franco Marini, Cinzia Mameli, Il bullismo nelle scuole, Carocci, Roma; Franco Marini, Cinzia Mameli., Bullying in Sardinia: social and anthropological considerations (abstract), in atti del VI Convegno Europeo di Psicologia; AA.VV., Idee, metodi e strumenti per l orientamento ORIENTASARDEGNA Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, Dipartimento di Psicologia dell Università degli Studi di Cagliari; AA.VV., EsplorAzione. Percorsi per l autorientamento, ORIENTASARDEGNA Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Cagliari;

9 Cinzia Mameli, Bullismo e cultura: due mondi a confronto, in A.R.E.E. (Periodico dell Associazione Regionale Età Evolutiva) n 31, pp10-12; Franco Marini, Cinzia Mameli, Bullismo e Adolescenza, Carocci, Roma; AA.VV., Nuoro. La Città degli Adolescenti, LO SNODO- Provincia di Nuoro, Assessorato ai Servizi Sociali e alle Politiche Giovanili; Cinzia Mameli, Il Paradosso dell Adolescenza, in A.R.E.E. n 55 (Periodico dell Associazione Regionale Età Evolutiva); Franco Marini, Cinzia Mameli, Bullying e Mobbing: linee di continuità e demarcazione, in A.R.E.E. n 55 (Periodico dell Associazione Regionale Età Evolutiva); 2006 Franco Marini, Cinzia Mameli, Dal bullying al mobbing: una linea di continuità? in Franco Marini, Marcello Nonnis (2006) Il mobbing. Dal disagio al benessere lavorativo Carocci- Roma (pp ) AA.VV, a cura di A. De Santi, V. Fabio, F. Filippini, A. Minutillo e R. Guerra (2008), La promozione della salute nelle scuole, Rapporti Istisan 08/21. Conoscenza delle lingue straniere Buona conoscenza delle seguenti lingue straniere: - Inglese (parlato e scritto) - Francese (parlato e scritto) Conoscenza dei programmi informatici Buona conoscenza dei seguenti programmi: - Sistema operativo WINDOWS XP e relative applicazioni (Microsoft Word, Microsoft Excel, Microsoft PowerPoint) - Programma di statistica SPSS (Statistical Package for Social Sciences) - Internet Si autorizza il trattamento dei dati personali in conformità alla L. n. 196/03.

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato

Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato Introduzione: Riconoscendo la necessità di sviluppare un nuovo e diverso approccio alle problematiche

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale

Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale Prof. Benedetto Vertecchi che cosa! impareremo? 1-2 Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale 1 quali apporti concorrono a definire la conoscenza educativa? 3-4 la pedagogia sperimentale!

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli