Attività accademica. - Membro del Consiglio della Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica della Facoltà di Psicologia, Università di Torino.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attività accademica. - Membro del Consiglio della Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica della Facoltà di Psicologia, Università di Torino."

Transcript

1 Prof. Dott. Fabio Veglia psicologo psicoterapeuta professore ordinario di psicologia clinica Università di Torino Dipartimento di Psicologia Via Po, Torino Tel. 011/ Attività accademica - Professore ordinario di Psicologia clinica presso la Facoltà di Psicologia, Università di Torino, dal Membro del Consiglio Direttivo del Collegio dei professori e dei ricercatori di psicologia clinica delle Università italiane ( ). - Presidente del Consiglio Direttivo del Collegio dei professori e dei ricercatori di psicologia clinica delle Università italiane ( ). - Membro del Collegio docenti della Scuola di Dottorato in Scienze Umane, dell Università di Torino, Indirizzo di Psicologia clinica e delle relazioni interpersonali. - Membro del Consiglio della Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica della Facoltà di Psicologia, Università di Torino. - Membro del Comitato scientifico della Scuola di specializzazione in Psicologia della Salute, Facoltà di Psicologia, Università di Torino - Professore afferente al Centro di Scienza Cognitiva, Università e Politecnico di Torino. - Docente di «Psicopatologia generale» e di «Psicologia e psicopatologia del comportamento sessuale» presso il Vecchio Ordinamento, Facoltà di Psicologia, Università di Torino. - Docente di «Psicopatologia» presso il Corso di studio triennale in Scienze e Tecniche Neuropsicologiche, Università di Torino. - Docente di «Psicopatologia II» presso il Corso di studio triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche per l individuo, i servizi e la comunità, Università di Torino. - Docente di «Psicologia e psicopatologia dei processi cognitivi e dello sviluppo sessuale» presso il Corso di laurea specialistica in Psicologia Clinica e di Comunità, Università di Torino. - Docente di «Psicopatologia e psicologia clinica cognitiva» e di «Psicologia clinica e psicoterapia cognitiva» presso il Corso di laurea specialistica in Scienze della Mente, Università di Torino. - Docente di «Psicosessuologia forense», presso il Corso di laurea magistrale in Psicologia criminale e investigativa, Facoltà di Psicologia. Università di Torino.

2 - Docente di «Psicopatologia generale e dell età evolutiva», «Metodi e tecniche quantitative in psicologia clinica», «Tecniche di psicoterapia breve, di sostegno e di intervento sulla crisi», «Psicodinamica della coppia e della famiglia e tecniche di intervento», presso la Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica dell Università di Torino. - Docente di Psicologia Clinica presso la SIS dell Università di Torino - Docente di Sessuologia Clinica presso la Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica dell Università di Siena. - Docente di Sessuologia clinica presso il Master in Terapia sessuale e della coppia, Università di Barcellona. - Docente presso l Università di Firenze per un programma cofinanziato di formazione su «Sessualità e disabilità» per la Provincia di Firenze. - Docente e tutor presso il Dottorato in Psicologia clinica e delle relazioni interpersonali, Facoltà di psicologia dell Università di Torino. - Membro della Commissione Tirocini della Facoltà di Psicologia di Torino. - Tutor per i tirocini presso il Dipartimento di psicologia, il SDS «Servizio Disabilità e Sessualità» della Città di Torino, la Casa di Cura Villa Serena di Piossasco. Principali incarichi istituzionali non accademici - Coordinatore scientifico del Servizio Handicap e Sessualità della Città di Torino. - Direttore della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva di Torino, sedi di Torino, Genova e Vercelli, riconosciuta dal Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica. - Direttore didattico della Scuola di Psicoterapia Cognitiva dell infanzia e dell adolescenza, sede di Novara, riconosciuta dal Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica. - Direttore scientifico di M.IN.D. Mastery Interaction Development, Istituto per la formazione e la ricerca. - Responsabile per la ricerca in Psicologia Clinica presso la Fondazione Carlo Molo, sezione CE.R.NE di Torino (Centro di Ricerca in Neuroscienze), dal Docente di «Sessuologia» presso la Scuola di Psicoterapia Cognitiva di Como, riconosciuta dal Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica. - Docente di «Sessuologia clinica» presso la Scuola di Psicoterapia Cognitiva di Bologna, riconosciuta dal Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica.

3 - Docente di «Conduzione del colloquio clinico» presso la Scuola di Psicoterapia Interattivo Cognitiva di Padova, riconosciuta dal Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica. - Perito presso il Tribunale Ecclesiastico Regionale Piemontese - Membro del Collegio dei didatti SITCC (Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva) - Membro del Comitato scientifico della FISS (Federazione Italiana Sessuologia Scientifica). - Vice presidente della Fondazione Carlo Molo e del CERNE (Centro di Ricerca in Neuroscienze). - Già Membro del Consiglio dell Ordine degli Psicologi del Piemonte ( ) - Già consulente per la formazione e la ricerca scientifica presso la Fondazione Robert Hollman, Centro di intervento precoce per bambini con deficit visivo, Cannero Riviera - Già Direttore scientifico del Progetto della Comunità Europea ENHPS (European Network of Health Promoting Schools) per la verifica dei modelli di educazione sessuale, condotto presso il Provveditorato agli studi di Vicenza in collaborazione col Dipartimento di Psicologia dell Università di Torino. - Già componente del Comitato Scientifico per il Progetto della Regione Veneto «La rete delle scuole che promuovono la salute», Rete Europea dell Organizzazione Mondiale della Sanità e dell Unione Europea. - Già supervisore scientifico e referente del progetto «Analisi della dimensione psico-sociologica dei malati di cancro in Piemonte come coadiuvante delle cure» Fondazione CRT Progetto Alfieri e Fondazione Molo. - Già consulente presso la Clinica Odontostomatologica dell'università di Torino Attività didattiche e formative non accademiche Dal 1981 ho svolto docenze, seminari, conferenze, e ho progettato, diretto e condotto corsi nei settori della Psicologia Applicata, della Sessuologia e della Psicologia Clinica trattando principalmente i seguenti argomenti: - psicologia e psicopatologia dell apprendimento - psicologia dell handicap e psicologia della riabilitazione - psicologia e psicopatologia dello sviluppo e dell attaccamento - psicologia e psicopatologia del comportamento sessuale - metodologia della terapia sessuale mansionale e metodologia della terapia della coppia - sessuologia clinica e psicoprofilassi delle malattie trasmesse sessualmente - metodologia dell educazione sessuale - psicosessuologia applicata all handicap e alla disabilità

4 - psicosomatica clinica (con particolare riferimento alla cardiologia, alla ginecologia, all odontoiatria) - metodologia della psicoterapia cognitiva - metodologia dell approccio narrativo in psicoterapia - metodologia della riabilitazione psichiatrica secondo il modello comportamentale e cognitivo. Ho svolto tali attività presso numerosi Enti pubblici e privati, tra i quali: - Università, Consorzi Universitari, Scuole di specializzazione, sia in Italia che all estero - OMS, Save the Children, Croce Rossa Italiana - Ministero della Salute, USSL, ASL, ASO su tutto il territorio nazionale, Scuole di formazione alle professioni sanitarie, Collegi e ordini professionali nell area sanitaria - Ministero dell Istruzione, Scuole di ogni ordine e grado su tutto il territorio nazionale Provveditorati agli Studi, Uffici scolastici regionali e provinciali - Assessorati all assistenza e ai servizi sociali di Regioni, Province e Comuni, Cooperative sociali, Consorzi, Scuole di formazione per operatori sociali in Italia e all estero - Pubbliche amministrazioni - Enti no profit ed Associazioni Onlus - Associazioni scientifiche Attività clinica - Laureato in psicologia il 2 luglio 1980 presso l'università di Padova, con la votazione di 110/110 e lode. (Tesi di laurea: «Analisi dei requisiti psicometrici di alcuni strumenti utilizzabili per la diagnosi delle problematiche sessuali»). - Psicoterapeuta, iscritto all'elenco degli psicoterapeuti dell'ordine degli Psicologi del Piemonte. - Direttore del Servizio di Psicologia Clinica del Centro Clinico Crocetta di Torino e psicoterapeuta presso lo stesso Servizio, dal Dal 2005 il Centro Clinico Crocetta è convenzionato, per la ricerca, con il Dipartimento di Psicologia dell Università di Torino. - Direttore del Servizio di Psicologia Clinica presso la Casa di Cura Villa Serena di Piossasco (To), Centro per la Riabilitazione delle Cardiopatie, accreditato dalla Regione Piemonte. - Direttore del Servizio di Psicologia Clinica presso la Casa di Cura Villa Grazia di Ciriè (To) Centro di riabilitazione fisiatrica e di geriatria, accreditato dalla Regione Piemonte. - Già Direttore dello Studio Torinese di Sessuologia e psicoterapeuta presso lo stesso studio, dal 1982 al Socio didatta SITCC Società Italiana di Terapia Comportamentale e cognitiva

5 - Socio ordinario SPR Società per la ricerca in psicoterapia. - Socio ordinario SISC Società Italiana di Sessuologia Clinica. - Member of SSSS The Society for the Scientific Study of Sex, Philadelphia, U.S.A. - Socio fondatore dell Accademia di Scienze Cognitive. Attività di supervisione clinica - Dal 1990 supervisore delle équipes del Servizio di Psicologia Clinica del Centro Clinico Crocetta di Torino (Unità di psicodiagnostica, Unità di psicoterapia adulti, Unità di psicopatologia e psicoterapia dell'età evolutiva, Unità di psicosessuologia e sessuologia clinica, Unità di psicosomatica e biofeedback training, Unità di psichiatria e riabilitazione psicosociale, Unità di psicopatologia dell'apprendimento, Unità di psicogeriatria) e dell Ambulatorio della Scuola di psicoterapia cognitiva di Torino. - Dal 1996 coordinatore scientifico e supervisore dell'équipe del Progetto Handicap e Sessualità, Città di Torino /87 supervisore delle Comunità alloggio per ex degenti OP, presso l'op di Collegno /89 supervisore della Comunità alloggio per handicappati psichici, Comune di Nichelino supervisore del Centro Socio Terapeutico della Provincia di Torino in C.so G.Lanza e supervisore del Laboratorio di Massima Autonomia /96 supervisore presso il Servizio Handicappati dell'ussl di Casale Monferrato /91 responsabile e supervisore del «Programma di educazione sessuale» nelle Comunità Alloggio della Provincia di Torino, Assessorato alla Sanità e Assistenza /92 coordinatore e supervisore del «Progetto sessualità» del Centro Socio Terapeutico di Via Braccini, Comune di Torino. - Dal 1998 al 2001 formatore e supervisore delle équipes del Dipartimento di Salute Mentale di Alba. - Dal 1998 al 2004 formatore e supervisore delle équipes del Dipartimento di Salute Mentale di Asti. - Dal 2003 al 2006 formatore e supervisore delle équipes del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo - Dal 2003 al 2010 formatore presso il Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 di Torino

6 PUBBLICAZIONI DI FABIO VEGLIA a) Monografie a. 1 F.VEGLIA, 1988, L'educazione sociale, Omega, Torino. a. 2 D.DETTORE, J.M.FRIEDMAN, J. LO PICCOLO, F.VEGLIA, 1990, La depressione di Eros. Eziologia e trattamento del basso desiderio sessuale, Angeli, Milano. a. 3 F.VEGLIA, 1991, Una carne sola. Insegnare la sessualità agli handicappati, Angeli, Milano. a. 4 F.VEGLIA, ed.,1999, Storie di vita. Narrazione e cura in psicoterapia cognitiva. Bollati Boringhieri, Torino. a. 5 F.VEGLIA, ed., 2000, Handicap e Sessualità: il silenzio, la voce, la carezza. Dal riconoscimento di un diritto al primo Centro comunale di ascolto e consulenza, Angeli, Milano. a. 6 F.VEGLIA, R.PELLEGRINI, 2003, C era una volta la prima volta, Erickson, Trento. a. 7 F.VEGLIA, 2004, Manuale di educazione sessuale, Vol. 1 Teoria e Metodologia, Erickson, Trento a. 8 F.VEGLIA, 2005, Manuale di Educazione sessuale, Vol. 2 Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Erickson, Trento. a. 9 F.VEGLIA, R. PELLEGRINI, 2007, Érase una vez la primera vez. Como hablar de sexo y amor en familia y en la escuela, Graó, Barcelona. a. 10 F.VEGLIA, R.PELLEGRINI, 2010, Vet aquí una vegada la primera vegada, Graó, Barcelona. a. 11 C. RUGGERINI, S. MANZOTTI, G. GRIFFO, F. VEGLIA, 2013, Narrazione e disabilità intellettiva. Valorizzare esperienze individuali nei percorsi educativi e di cura, Centro Studi Erickson, Trento. b) Capitoli in monografie b. 1 F.VEGLIA, 1988, «L'insegnante socialmente competente», in A. Minio ed., Timidezza e inibizione sociale, Thyrus. b. 2 F.VEGLIA, 1989, «La conduzione del colloquio tra insegnante e genitori» in A. Minio ed. Parlare e scrivere a scuola, Thyrus. b. 3 D.DETTORE e F.VEGLIA, 1990, «Aspetti biologici e psicologici del desiderio sessuale», pp , in D.Dettore, J.M.Friedman, J.LoPiccolo, F.Veglia, La depressione di Eros, Angeli, Milano.

7 b. 4 D.DETTORE e F.VEGLIA, 1990, «Un modello teorico cognitivo-comportamentale del basso desiderio sessuale», pp , in D.Dettore, J.M.Friedman, J.LoPiccolo, F.Veglia, La depressione di Eros, Angeli, Milano. b. 5 F.VEGLIA e D.DETTORE, 1990, «L'assessment», pp , in D.Dettore, J.M.Friedman, J.LoPiccolo, F.Veglia, La depressione di Eros, Angeli, Milano. b. 6 F.VEGLIA e D.DETTORE, 1990, «La pianificazione dell'intervento», pp , in D.Dettore, J.M.Friedman, J.LoPiccolo, F.Veglia, La depressione di Eros, Angeli, Milano. b. 7 F.VEGLIA e D.DETTORE, 1990, «Le tecniche cognitive», pp , in D.Dettore, J.M.Friedman, J.LoPiccolo, F.Veglia, La depressione di Eros, Angeli, Milano. b. 8 F.VEGLIA e D.DETTORE, 1990, «Le tecniche comportamentali», pp , in D.Dettore, J.M.Friedman, J.LoPiccolo, F.Veglia, La depressione di Eros, Angeli, Milano. b. 9 F.VEGLIA, 1991, «Handicap e sessuologia: la storia di un incontro difficile», pp , in F.Veglia, Una carne sola, Angeli, Milano. b. 10 D.MONTI e F.VEGLIA, 1991, «Elementi di neurofisiologia e sessuologia medica», pp.35-49, in F.Veglia, Una carne sola, Angeli, Milano. b. 11 D.DETTORE e F.VEGLIA, 1991, «Lineamenti di psicologia dell'apprendimento», pp , in F.Veglia, Una carne sola, Angeli, Milano. b. 12 M.PILONE e F.VEGLIA, 1991, «Lineamenti di tecniche comportamentali per l'insegnamento di nuove abilità», pp , in F.Veglia, Una carne sola, Angeli, Milano. b. 13 F.VEGLIA e D.DETTORE, 1991, «Il comportamento sessuale appreso: handicappati e normodotati», pp , in F.Veglia, Una carne sola, Angeli, Milano. b. 14 F. VEGLIA, 1991, «La gestione dei comportamenti sessuali disadattivi», pp , in F.Veglia, Una carne sola, Angeli, Milano. b. 15 F.VEGLIA, 1991, «L'insegnamento delle abilità di base necessarie per la vita sessuale», pp , in F.Veglia, Una carne sola, Angeli, Milano. b. 16 F.VEGLIA, 1991, «L'insegnamento dei comportamenti sessuali adattivi», pp , in F.Veglia, Una carne sola, Angeli, Milano. b. 17 F.VEGLIA, 1991, «L'educazione sessuale degli handicappati psichici», pp , in F.Veglia, Una carne sola, Angeli, Milano. b. 18 R.PELLEGRINI, F.MASCHERPA, F.VEGLIA, 1991, «Handicap fisico e sessualità», pp , in F.Veglia, Una carne sola, Angeli, Milano. b. 19 D.DETTORE e F.VEGLIA, 1991, «Handicap fisico e competenza sociale», pp , in F.Veglia, Una carne sola, Angeli, Milano. b. 20 R.PELLEGRINI e F.VEGLIA, 1991, «L'approccio multimodale alla sessualità del disabile», pp , in F.Veglia, Una carne sola, Angeli, Milano.

8 b. 21 F.VEGLIA, 1992, «Il discorso sul metodo», pp , in AAVV, Disabilità e apprendimento, Omega, Torino. b. 22 F.VEGLIA, 1996, «La riabilitazione del cardiopatico: nuovi orientamenti per un servizio di psicologia clinica», pp , in G.Rezzonico, F.Lambruschi, eds. La psicoterapia cognitiva nel servizio pubblico, Angeli, Milano. b. 23 F.VEGLIA, 1996, «I disturbi sessuali», pp , in B.G.Bara, ed., Manuale di psicoterapia cognitiva, Bollati Boringhieri, Torino. b. 24 F.VEGLIA, 1999, «Della storia personale in psicologia cognitiva», pp , in F. Veglia, ed., Storie di vita. Narrazione e cura in psicoterapia cognitiva. Bollati Boringhieri, Torino. b. 25 F.VEGLIA, 1999, «Della storia personale in psicoterapia cognitiva: riflessioni per uno studio clinico del divenire individuale», pp in F. Veglia, ed., Storie di vita. Narrazione e cura in psicoterapia cognitiva. Bollati Boringhieri, Torino. b. 26 F.VEGLIA, 1999, «Per un discorso sul metodo storico», pp , in F. Veglia, ed., Storie di vita. Narrazione e cura in psicoterapia cognitiva. Bollati Boringhieri, Torino. b. 27 R.ARDITO e F.VEGLIA, 1999, «Analisi comparata dei metodi storici», pp , in F. Veglia, ed., Storie di vita. Narrazione e cura in psicoterapia cognitiva. Bollati Boringhieri, Torino. b. 28 R.PELLEGRINI e F.VEGLIA, 1999, «Procedure e strumenti per la raccolta della storia personale», pp , in F. Veglia, ed., Storie di vita. Narrazione e cura in psicoterapia cognitiva. Bollati Boringhieri, Torino. b. 29 F.VEGLIA, 1999, «La terapia della coppia: dal comportamentismo al cognitivismo», pp , in G.Cociglio, D.Fontana, M.Massobrio e G.G.Rovera La coppia: nuove realtà, nuovi valori, nuovi problemi, Angeli, Milano. b. 30 C. BASILE e F.VEGLIA, 1999, «Disturbi delle condotte sessuali», pp , in C.Conti, Repertorio delle Scale di valutazione in psichiatria, S.E.E., Firenze. b. 31 F.VEGLIA e R.B.ARDITO, 1999, «La sessualità negli handicappati psichici», pp , in L.Zani Minoja e P.Marandola, Vita affettivo-sessuale in condizione di disagio, La Goliardica Pavese, Pavia. b. 32 F.VEGLIA, M.E.ZOCCARATO, 2000, «Handicap e sessualità: il silenzio, la voce, la carezza», pp , in F.Veglia, ed., Handicap e Sessualità: il silenzio, la voce, la carezza, Angeli, Milano. b. 33 P.CONTO e F.VEGLIA, 2000, «Un'esperienza di educazione sessuale in comunità alloggio», pp , in F.Veglia, ed., Handicap e Sessualità: il silenzio, la voce, la carezza, Angeli, Milano. b. 34 R.PELLEGRINI, F.VEGLIA, 2000, «Handicap e sessualità: la logica del servizio», pp , in F.Veglia, ed., Handicap e Sessualità: il silenzio, la voce, la carezza, Angeli, Milano. b. 35 F.VEGLIA, 2000, «Promuovere la vita sessuale delle persone handicappate», pp , in F.Veglia, ed., Handicap e Sessualità: il silenzio, la voce, la carezza, Angeli, Milano.

9 b. 36 F.VEGLIA, 2000, «Gestire i comportamenti sessuali problematici», pp , in F.Veglia, ed., Handicap e Sessualità: il silenzio, la voce, la carezza, Angeli, Milano. b. 37 F.VEGLIA, 2000, «Educare la sessualità delle persone con handicap mentale», pp , in F.Veglia, ed., Handicap e Sessualità: il silenzio, la voce, la carezza, Angeli, Milano. b. 38 F.VEGLIA, 2000, A. BIANCO, S. ACELLA, D. COLACE, L. GUIATI, A. RIZZO, M. TERREN, M.E. ZOCCARATO, 2000, «Il Progetto Handicap e Sessualità: Centro di ascolto e consulenza, Centro studi e Centro di formazione», pp , in F.Veglia, ed., Handicap e Sessualità: il silenzio, la voce, la carezza, Angeli, Milano. b. 39 F.VEGLIA, 2001, «Sessualità», in S.Borgo, G.Della Giusta, L.Sibilia, eds, Dizionario di psicoterapia cognitivo-comportamentale, McGraw-Hill, Milano. b. 40 F.VEGLIA, 2001, «Valori», in S.Borgo, G.Della Giusta, L.Sibilia, eds, Dizionario di psicoterapia cognitivo-comportamentale, McGraw-Hill, Milano. b. 41 F.VEGLIA, 2001, «Spontaneità», in S.Borgo, G.Della Giusta, L.Sibilia, eds, Dizionario di psicoterapia cognitivo-comportamentale, McGraw-Hill, Milano. b. 42 F.VEGLIA, 2001, «Storie di vita», in S.Borgo, G.Della Giusta, L.Sibilia, eds, Dizionario di psicoterapia cognitivo-comportamentale, McGraw-Hill, Milano. b. 43 F.VEGLIA, 2002, «Rilessioni in margine alla pedofilia alla luce della teoria dell attaccamento», pp , in G.Gulotta, S.Pezzati, Sessualità, diritto e processo, Giuffrè, Milano. b. 44 G.TINELLI, G.MACCHI, F.VEGLIA, 2003, «Lo psicologo nel trattamento integrato del dolore», in P. Maritano Dolore e dolori. Manuale di diagnosi e terapia, Edizioni Medico Scientifiche, Torino. b. 45 F.VEGLIA, 2003, «Il punto di vista di Fabio Veglia», in D.Ianes, A.Canevaro, Diversabilità, Erickson, Trento. b. 46 F.VEGLIA, 2004, «Sessualità e sviluppo: implicazioni psicopedagogiche, psicopatologiche e cliniche in età evolutiva», in F.Lambruschi, ed., Psicoterapia cognitiva dell età evolutiva, Bollati Boringhieri, Torino. b. 47 F.VEGLIA, S.MONTANARI, 2004, «Handicap mentale e sessualità», in J.Baldaro Verde, M.Del Ry, Identità sessuale e progetto per una educazione sessuale integrata, Angeli, Milano. b. 48 F.VEGLIA, I.DE MARCO, 2004, «Educare alla sessualità. Il modello interattivo narrativo», in A.Iannacone, C.Longobardi, Lineamenti di psicologia scolastica. Percorsi educativi dalla prescuola alla scuola dell obbligo, Angeli, Milano. b. 49 F.VEGLIA, 2004, «Mental disability and sexuality», in J.A. Rondal, A.Rasore Quartino, S.Soresi, The Adult with Down syndrome. A new Challenge for Society, Whurr Publishers, London. b. 50 F.VEGLIA, 2004, «Modelli e metodi per l educazione sessuale: una mappa», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento.

10 b. 51 F.VEGLIA, 2004, «Le dimensioni della sessualità umana: una prospettiva evolutiva e narrativa», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 52 F.VEGLIA, 2004, «Lineamenti di metodologia dell educazione sessuale: il modello interattivo narrativo», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 53 F.VEGLIA, 2004, «Il metodo narrativo per l educazione sessuale: linee guida», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 54 F.VEGLIA, ELISABETTA LAGNA, 2004, «Metodi e modelli a confronto», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 55 F.VEGLIA, BARBARA COLLA, 2004, «Politiche di educazione sessuale a confronto», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 56 F.VEGLIA, GLORIA RUA, 2004, «Note sulle politiche di educazione sessuale in Canada», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 57 F.VEGLIA, SABRINA MANZI, 2004, «Note sulle politiche di educazione sessuale negli Stati Uniti», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 58 F.VEGLIA, MARIAELENA MARTIRANI, 2004, «Note sulle politiche di educazione sessuale nell America del Sud», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 59 F.VEGLIA, SERENA ROMA, 2004, «Note sulle politiche di educazione sessuale nei paesi dell Africa Settentrionale», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 60 F.VEGLIA, MANUELA DAO, 2004, «Note sulle politiche di educazione sessuale nei paesi dell Africa centrale e meridionale», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 61 F.VEGLIA, STELLA CRIELESI, 2004, «Note sulle politiche di educazione sessuale in Cina», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 62 F.VEGLIA, LUCIANO PEZZULLO, 2004, «Note sulle politiche di educazione sessuale in India», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 63 F.VEGLIA, CHIARA TABONE, 2004, «Note sulle politiche di educazione sessuale in Thailandia», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 64 F.VEGLIA, FRANCESCA SAGAZIO, 2004, «Note sulle politiche di educazione sessuale in Giappone», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento.

11 b. 65 F.VEGLIA, DANIELA BIDINOTTO, 2004, «Note sulle politiche di educazione sessuale in Australia», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 66 F.VEGLIA, MARA AIMO, ANGELA PIERRI, 2004, «Note sulle politiche di educazione sessuale in Italia e nella Comunità Europea», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Teoria e metodologia. Vol. 1, Erickson, Trento. b. 67 F.VEGLIA, 2005, «Il sogno in psicoterapia cognitiva» in G.Rezzonico, D.Liccione, Sogni e psicoterapia. L uso del materiale onirico in psicoterapia cognitiva, Bollati Boringhieri. b. 68 F.VEGLIA, ROSSELLA PELLEGRINI, 2005, «Architettura delle unità didattiche secondo il modello narrativo di F.Veglia», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 69 F.VEGLIA, 2005, «Elementi di anatomia dell apparato genitale femminile», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 70 F.VEGLIA, 2005, «Elementi di anatomia dell apparato genitale maschile», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 71 F.VEGLIA, 2005, «Introduzione alla psicofisiologia del comportamento sessuale», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 72 F.VEGLIA, 2005, «Psicofisiologia del desiderio sessuale», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 73 F.VEGLIA, 2005, «Psicofisiologia dell eccitazione sessuale», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 74 F.VEGLIA, 2005, «Psicofisiologia dell orgasmo», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 75 F.VEGLIA, 2005, «Psicofisiologia della masturbazione», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 76 F.VEGLIA, 2005, «Basi biologiche e apprendimento del comportamento sessuale», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 77 F.VEGLIA, 2005, «Psicopedagogia del piacere sessuale», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 78 F.VEGLIA, 2005, «Psicologia della contraccezione», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento.

12 b. 79 F.VEGLIA, 2005, «Prevenzione delle malattie trasmesse sessualmente», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 80 F.VEGLIA, 2005, «Identità e orientamento sessuale», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 81 O. PACE, F.VEGLIA, 2005, «Programmi di educazione sessuale per le vittime di abusi, molestie o violenze sessuali», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 82 K. RININO, F.VEGLIA, 2005, «Programmi di educazione sessuale per le persone con disturbi psichiatrici», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 83 F.VEGLIA, S. MONTANARI, S. VACCHETTA, 2005, «Programmi di educazione sessuale per le persone con disabilità mentale», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 84 F.VEGLIA, C. MOSSO, A. PERRONE, A. SOLDATO, 2005, «L educazione sessuale per le persone con disabilità mentale: il punto di vista degli educatori», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 85 S. TEDESCHI, F.VEGLIA, 2005, «Metodologia e strumenti per la ricerca e la formazione», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 86 F.VEGLIA, I. DE MARCO, C. ROBASTO, 2005, «Il SEA Sex Education & Attachment di F.Veglia: uno strumento per l osservazione delle emozioni, degli atteggiamenti e dell apprendimento durante l educazione sessuale nelle scuole dell infanzia e primarie», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 87 F.VEGLIA, F. ORTALDA, I. DE MARCO, C. LISA, 2005, «Validazione del SEA Sex Education & Attachment», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 88 F.VEGLIA, F. ORTALDA, I. DE MARCO, G. BORLA, 2005, «Il SOQ Sex Outcome Questionnaire di F.Veglia: un questionario per la valutazione degli atteggiamenti, dell apprendimento e degli esiti formativi di programmi di educazione sessuale nelle scuole secondarie», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 89 C. MEINI, K. KRASSEVEZ, F.VEGLIA, 2005, «Emozionarsi per conoscere: l educazione sessuale rivolta agli adolescenti. Una ricerca sul campo», in F.Veglia, Manuale di educazione sessuale. Interventi e percorsi secondo il metodo narrativo. Vol. 2, Erickson, Trento. b. 90 F.VEGLIA, 2006, «I disturbi sessuali», in Bara B. ed. Nuovo manuale di psicoterapia cognitiva. Vol. 3 Patologie, Bollati Boringhieri, Torino. p

13 b. 91 AMANZIO M. & VEGLIA F., 2009, «Prospettive cognitiviste», in C. Albasi, Psicopatologia e ragionamento clinico, Cortina, Milano. p b. 92 F. VEGLIA, 2009, «Vita affettiva e sessualità nell autismo», videointervista in Ianes D., Zappella M., L autismo. Aspetti clinici e interventi psicoeducativi, Erickson, Trento. b. 93 F. VEGLIA, BRUNETTI A.F., DE MARCO I., 2010, «Il counselling sessuologico: una prospettiva narrativa» in G. Rezzonico, C. Meier, Il counselling cognitivo-relazionale, Franco Angeli, Milano. b. 94 P. MONACI, F. VEGLIA, 2010, «La terapia dialettico comportamentale», in P. Monaci, E. Zanalda, Percorsi di autonomia sociale per pazienti con doppia diagnosi, Ananke, Torino. b. 95 F. VEGLIA, 2011, «Problemi della vita sessuale e riproduttiva» in A. Salvini, M. Dondoni, Psicologia clinica dell interazione e psicoterapia, Giunti, Firenze. b. 96 DE MARCO I., BRUNETTI A.F.,VEGLIA F., «Le emozioni in sessuologia: il modello narrativo» in: Lavorare con le emozioni nell approccio costruttivista, a cura di G. Rezzonico, I. De Marco, Bollati Boringhieri, Torino. b. 97 F. VEGLIA, A.F. BRUNETTI, 2012, «Le emozioni nella psicologia narrativa» in: Lavorare con le emozioni nell approccio costruttivista, a cura di G. Rezzonico, I. De Marco, Bollati Boringhieri, Torino. b. 98 F. VEGLIA, M. ZACCAGNINO, 2012, Il modello cognitivo, in: Comer R.J., Granieri A., Rovetto F., Psicologia Clinica, Utet Università, Torino, pp b. 99 F. VEGLIA, «Handicap sessuale e sessualità», in: G. Cociglio, Manuale del consulente sessuale, Franco Angeli, Milano (in press). b. 100 F. VEGLIA, «L educazione sessuale», in: G. Cociglio, Manuale del consulente sessuale, Franco Angeli, Milano (in press). b. 101 S. GIORCELLI, P. GUSMEROLI, F. VEGLIA, 2013, Narrazione e sessualità: l esperienza di un gruppo, in: C. Ruggerini, S. Manzotti, G. Griffo, F. Veglia, Narrazione e disabilità intellettiva, Centro Studi Erickson, Trento, pp b. 102 F. VEGLIA, 2013, Narrazione: origine, funzioni e necessità, in: C. Ruggerini, S. Manzotti, G. Griffo, F. Veglia, Narrazione e disabilità intellettiva, Centro Studi Erickson, Trento, pp

14 c) Articoli su rivista c.1 F.VEGLIA, R. PELLEGRINI, 1986, «Pianificazione dell'intervento in un caso di disfunzioni sessuali multiple», pp , in Sessuologia Comportamentale, Terapia del Comportamento, Bulzoni, Roma. c.2 F.VEGLIA, R.PELLEGRINI, 1986, «Tecniche di self-report in setting di coppia e individuale», pp , in Sessuologia Comportamentale, Terapia del Comportamento, Bulzoni, Roma. c.3 F.VEGLIA, 1990, «L'educazione sessuale nella scuola cattolica», pp , Docete, Roma. c.4 S.SCALA, F.VEGLIA, P.SANOLLI, P.MAZZONE, G.PRETI, 1993, «Évaluation psychologique dans le traitement de l'édenté total», pp , Les cahiers de prothèse, 82. c.5 F.VEGLIA, 1993, «La terapia del vaginismo», pp , Doctor Ginecologia, 4. c.6 F.VEGLIA, 1994, «La sessualità dell'handicappato psichico come problema di apprendimento», pp , in Handicap psichico e sessualità, ANFFAS, Varese. c.7 F.VEGLIA, 1999, «Sviluppo psicopatologico e deficit cognitivo: aspetti clinici», pp , Abilitazione e riabilitazione, 2. c.8 F.VEGLIA, 1999, «L autoformazione in psicoterapia cognitiva», pp , Adultità, 10. c.9 F.VEGLIA e F.BRUNETTI, 2000, «Nuove applicazioni della psicologia cognitiva per la diagnosi e il trattamento del vaginismo», Riv. di sessuologia, 2. c.10 F.VEGLIA, 2000, «Dimensione semantica e funzione narrativa della paura in psicoterapia cognitiva», Psiche, Rivista di cultura psicanalitica, 1. c.11 G.DELL OSBEL, F.VEGLIA, 2001, «Handicap e attaccamento» Tiflologia per l integrazione, 4. c.12 G.DELL OSBEL, F.VEGLIA, 2001, «Crescere un bambino cieco: implicazioni psicologiche dell atteggiamento iperprotettivo delle madri» Minori e giustizia, 3-4. c.13 F.VEGLIA, S.MONTANARI, 2004, «L educazione sessuale: il punto di vista psicopedagogico», L educatore, 22. c.14 R.B. ARDITO, M. ADENZATO, G. DELL OSBEL, E. IZARD, F. VEGLIA, 2004, «Attachment representations in adults with congenital blindness: Associations with maternal interactive behaviours during childhood», Psychological reports, 95(1): c.15 A.NOTA, G. MARTINENGO, S. RAFFAELLI, M. PASTORINI, F. VEGLIA, 2005, «Temi critici e psicopatologia: il gruppo lettura come attivatore di narrativa personale. Analisi di un esperienza riabilitativa su pazienti psichiatrici in fase acuta afferenti al Day Hospital e ricoverati in SPDC», Quaderni Italiani di Psichiatria, XXIV:

15 c.16 M. ZACCAGNINO, B. ACTIS PERINETTI, F. VEGLIA, 2006, «Italian Validation of Manchester Child Attachment Story Task and its relationships with AAI, SAT, temperamental characteristics and social skills», Infant Mental Health Journal, 27(3), No. 344 c.17 ALBASI C., BORGOGNO F., GRANIERI A., ARDITO R., CASSULLO G., FREILONE F., GANDINO G., LASORSA C., PERFETTI A., RICCO C., VEGLIA F., 2007, «La psicologia clinica oggi, tra teoria e pratica, formazione e ricerca: piccolo contributo a un dibattito aperto», Rivista di Psicologia Clinica, 2: c.18 F. VEGLIA, I. DE MARCO, 2008, «The Narrative Model in Sexual Education: Research and Applications» in Abstract of the 9th Congress of the European Federation of Sexology, European Journal of Sexology and Sexual Health, 17 Suppl. 1: 42 c.19 L. BARONE, M. DEL GIUDICE, A. FOSSATI, F. MANARESI, B. ACTIS PERINETTI, P. CASTELLI, L. COLLE, G. MORGANTI, F. VEGLIA, 2009, «Psychometric properties of the Manchester Child Attachment Story Task: An Italian multicentre study», International Journal of Behavioural Development, 33 (2): c.20 I.DE MARCO, S. GIORCELLI, S. TESTA, F. VEGLIA, B. BARA, 2010, «Contribution to an Assessment of the Validity of the Subjective Therapeutic Report Form (STReF) Using Second-Order Confirmatory Factor Analysis Approach to Multitrait-Multimethod Analysis», BPA Bollettino di Psicologia Applicata, Vol. 260, p c.21 E.CHIAPASCO, F. VEGLIA, 2011, «Prestazioni psicologiche on line: situazione attuale e prospettive della deontologia», Psicologi a confronto, 5 (1): c.22 N.CASTELLINO, F. BOSCO, W.L. MARSHALL, L. E. MARSHALL, F. VEGLIA, 2011, «Mindreading abilities in sexual offenders: An analysis of theory of mind processes», Consciousness and Cognition, 20: c.23 ZACCAGNINO M., CUSSINO M., SAUNDERS R., JACOBVITZ D., VEGLIA F., 2011, «Le figure alternative di attaccamento: impatto sulla modifica dello state of mind e sulla trasmissione intergenerazionale dei modelli operativi interni», Psicologia clinica dello sviluppo, 3: c.24 M. CUSSINO, M. ZACCAGNINO, G. DI FINI, F. VEGLIA, 2013, «Postnatal Depression And Prevention: Effects Of A Psychoeducational Intervention», Minerva Psichiatrica 51(1): c.25 M. ZACCAGNINO, M. CUSSINO, C. CALLERAME, B. ACTIS PERINETTI, F. VEGLIA, J. GREEN, 2012, Attachment and social understanding in young school-age children: an investigation using the Manchester Child Attachment Story Task, Minerva Psichiatrica 51(1): c.26 M. ZACCAGNINO, C. VISIOLI, S. VIANZONE, F. VEGLIA, 2011, «Il modello operativo interno del sistema di accudimento e funzione riflessiva genitoriale: implicazioni teoriche e metodologiche» Minerva Pediatrica (submitted). c.27 T. FRAU, S. TESTA, S. GHIDINELLI, B. ACTIS PERINETTI, M. TIRASSA, F. VEGLIA, «Autobiographical Memories and Self Representation Task (AMSeRT): A new instrument to evaluate children s competence to recall a past personal event», (JBD ) has been submitted to the International Journal of Behavioral Development.

16 c.28 M. ZACCAGNINO, M. CUSSINO, R. COOK, D. JACOBVITZ, F. VEGLIA, 2012, «Alternative Caregiving Figures And Their Role On Adult Attachment Representations», Clinical Psychology & Psychotherapy (in press). c.29 G. DI FINI, C. CIVILOTTI, M. ZACCAGNINO, F. VEGLIA, 2013, Attaccamento Adulto e Temi di Vita: Una Ricerca Qualitativa attraverso l Analisi Testuale delle Adult Attachment Interview, Quaderni Di Psicoterapia Cognitiva (ISSN: ), (in press). d) Proceedings d.1 R.PELLEGRINI, F.VEGLIA, «Il test sulla discriminazione tra comportamenti affermativi, non affermativi ed aggressivi di Jakubowski: risultati di una ricerca condotta su campione italiano e indicazioni per un nuovo metodo di correzione del test», comunicazione al 2 Congresso Nazionale AIAMC, Torino, d.2 F.VEGLIA, 1986, «Stress e disfunzione», relazione al seminario «Diagnosi e Terapia dei disordini cranio-mandibolari», Clinica Odontostomatologica dell'università di Torino, in Rubrica di Gnatologia, Odontostomatologia e Implantoprotesi, 3. d.3 F.VEGLIA, A. NOVO, 1989, «L'intervento psicologico orientato alla prevenzione secondaria dello stress nelle coronaropatie», X Congresso Nazionale dell'associazione Italiana Centri di Cura delle Cardiopatie, Torino. d.4 L.MOSCONE, S.SCALA, F.VEGLIA, 1989, «Profilo psicologico del paziente odontoprotesico», pp , in G.Dolci (a cura di), XII Congresso Nazionale Società Italiana di Odontoiatria e Chirurgia Maxillofacciale, Monduzzi Editore, Roma. d.5 S.SCALA, F.VEGLIA, 1991, «Evaluation of the psychological attitude of totally edentulous patients in prosthetic treatment: a longitudinal survey», International Symposium on the treatment of edentulous people, Marseille. d.6 F.VEGLIA, 1994, «La pratica sessuologica tra sessuologie e psicoterapie», Congresso SITCC, «La pratica Cognitiva», Lugano. d.7 F.VEGLIA, 1995, «Il corpo fuori di sé: disturbi psicosessuali ed esperienze somatiche critiche», 1 Convegno «Il Corpo e la terapia cognitiva», Orvieto. d.8 F.VEGLIA, 1996, «La psicoterapia della coppia secondo l'approccio cognitivista», XIV Congresso Nazionale della Società Italiana di Sessuologia Clinica, «La coppia: nuove realtà, nuovi valori, nuovi problemi», Torino. d.9 F. VEGLIA, 1997, «Il corpo impara, il corpo insegna: lineamenti per una nuova educazione sessuale», 2 Convegno «Il corpo e la terapia cognitiva», Orvieto. d.10 F. VEGLIA, 1997, Emozioni, affettività e conoscenza. Convegno Educazione affettiva e ritardo mentale. Aspetti teorici e pratico-applicativi, Rivarolo Canavese, 18 Ottobre.

17 d.11 F. VEGLIA, 1998, Handicap e sessualità. Paura, mistero e poesia. Conferenza per AnffAS di Sondrio, Sondrio. d.12 F.VEGLIA, 1998, «Il nodo della storia in psicoterapia», 9 Congresso Nazionale SITCC «La psicoterapia cognitiva. Teoria e pratica clinica», Torino. d.13 L. CIONINI, A. SEMERARI, F. VEGLIA, 1998, La storia evolutiva del paziente in psicoterapia cognitiva. IX Congresso Nazionale SITCC «La psicoterapia cognitiva. Teoria e pratica clinica», Torino. d.14 E.IZARD, G. DELL OSBEL, M. ADENZATO, F.VEGLIA, 1998, «Iperprotezione, esplorazione e stile di attaccamento in un gruppo di ciechi congeniti», 9 Congresso Nazionale SITCC «La psicoterapia cognitiva. Teoria e pratica clinica», Torino. d.15 F.VEGLIA, 1998, «SSS Scheda di Sintesi della Seduta», 9 Congresso Nazionale SITCC «La psicoterapia cognitiva. Teoria e pratica clinica», Torino. d.16 F.VEGLIA, 1998, «Education sexuelle et gestion de la sexualité dans les institutions», 10ême journée de l Association pour la Recherche Medicale en Sexologie de Savoie (ARMSS), Le sujet handicapé et la sexualité, Aix Les Bains. d.17 F.VEGLIA, 1998, Conoscere e conoscersi attraverso l emozione nella relazione educativa con persone in situazione di handicap mentale. Convegno La relazione educativa con persone in situazione di handicap. Ruolo e significati dell emozione, ANffAS, Ivrea. d.18 G.MAZZUCCO, F.VEGLIA, 1999, «Valutazione delle conoscenze relative alla propria malattia in pazienti ischemici», Convegno del Gruppo Italiano di Valutazione Funzionale e Riabilitazione del Cardiopatico, Il recupero funzionale del cardiopatico post-chirurgico, Lanzo. d.19 F.VEGLIA, 1999, «Il problema della formazione del personale», Convegno Sezione Piemonte della Società Italiana di Psichiatria, Le attività del centro di salute mentale: strategie e metodi, Asti. d.20 F.VEGLIA, 1999, «Relazione, conoscenza, narrazione: dall accoppiamento al piacere sessuale condiviso», 17 Congresso Nazionale Società Italiana di Medicina Psicosomatica «Significato e senso della malattia, Siena. d.21 F.VEGLIA, 2000, La Scheda sulla Storia di vita come strumento di raccordo e di cooperazione tra Servizi dei Dipartimenti di Salute Mentale. Congresso Nazionale Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva, Orvieto. d.22 F. VEGLIA, 2000, Il percorso diagnostico: l approccio psicologico. Convegno Disfunzione erettile: quale approccio per una gestione integrata? Asti. d.23 F. VEGLIA, 2000, La terapia delle disfunzioni sessuali e delle parafilie in pazienti con disturbi di personalità, Convegno Sesso e legge, Torino. d.24 F. VEGLIA, 2001 Educazione sessuale anche per gli handicappati. Convegno Identità sessuale e progetti per un educazione sessuale integrata, Genova.

18 d.25 F. VEGLIA, 2001, Handicap, affettività e sessualità. Incontro e dibattito nell ambito del Progetto Progetto Handicap e Sessualità della Città di Torino, Torino. d.26 F. VEGLIA, 2001, C. VANDONI, A. PARDEY, (2001), SSS Scheda di Sintesi della Seduta, Convegno Nazionale La psicoterapia: la ricerca per la qualità nella clinica, Palermo. d.27 F. VEGLIA, 2001, La sessualità e l anziano, I Convegno Nazionale di Psicogeriatria cognitiva. Genova. d.28 F. VEGLIA, 2001, Educare alla sessualità le persone disabili: lineamenti per un modello di intervento, Convegno Sessualità e Disabilità. Senigallia. d.29 F. VEGLIA, 2001, Metodologia dell educazione sessuale, valutazione e bilancio del Progetto ENHPS (European Network of Health Promoting Schools) in Provincia di Vicenza. Convegno L educazione sessuale a Scuola, Bassano del Grappa. d.30 F. VEGLIA, 2002, Modelli e stili di attaccamento. III Ciclo di Conferenze Scientifiche del progetto di Promozione della salute mentale e di Prevenzione dei Disturbi Psichici nell Adolescenza e nella Prima età adulta, Asti. d.31 F. VEGLIA, 2001, Handicap e sessualità. Il silenzio, la voce, la carezza. Conferenza inserita nel programma di Special Olympics Italia a cura di AnffAS e Croce Rossa Italiana, Portogruaro. d.32 F. VEGLIA, 2002, Sessualità. Convegno Vita sociale, Sessualità e Vita indipendente (dopo di noi) per il XX Anniversario Associazione Sindrome di Down Onlus, Regione Campania. Napoli. d.33 F. VEGLIA, 2003, Handicaps e sessualità. XXVI Congresso Nazionale del Centro Italiano di Sessuologia. Pluralità e Accoglienza. Aspetti sessuologici, psicologici, sociologici nella coppia, nella famiglia, nel sociale, Firenze. d.34 F. VEGLIA, 2003, Il silenzio, la voce, la carezza: lineamenti di un Servizio per la sessualità dei disabili. I Congresso Nazionale della Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica, Pisa. d.35 F. VEGLIA, 2003, Tra sogni e bisogni: il lavoro preventivo con gli adolescenti. Convegno regionale Modelli di interventi di educazione alla salute in adolescenza, presentazione dei progetti sperimentali regionali in tema di affettività e di prevenzione all AIDS, Venezia. d.36 F. VEGLIA, 2003, La Scheda per la raccolta delle storie di vita come strumento clinico e di cooperazione nel trattamento del paziente grave. V Convegno ASCo, La conversazione col paziente difficile, Monza. d.37 F. VEGLIA, 2003, Quale educazione sessuale nella Scuola secondaria?, Convegno Nazionale Peer-Education, adolescenti protagonisti di quale prevenzione? Verbania. d.38 F. VEGLIA, 2003, Noi come loro! Sessualità ed handicap: è così difficile parlarne? Conferenza presso Fondazione Ferrero, Alba.

19 d.39 M.ZACCAGNINO, B.ACTIS PERINETTI, F.VEGLIA, 2004, La validazione italiana della Manchester Child Attachment Story Task: un indagine preliminare, Convegno AIP, Aosta. d.40 F.VEGLIA, S.MONTANARI, 2004, «Metacognizione e disabilità mentale. Una ricerca empirica in persone con Sindrome di Down», XIII Congresso nazionale AIRIPA (Associazione Italiana per la Ricerca e l'intervento nella Psicopatologia dell'apprendimento) I disturbi dell'apprendimento, Urbino. d.41 F.VEGLIA, S.MONTANARI, 2004, «Affettività e sessualità nelle persone con disabilità mentale» XIII Congresso nazionale AIRIPA (Associazione Italiana per la Ricerca e l'intervento nella Psicopatologia dell'apprendimento) I disturbi dell'apprendimento, Urbino. d.42 F.VEGLIA, S.MONTANARI, 2004, «Sindrome di Down e deficit delle funzioni metacognitive. risultati preliminari di una ricerca empirica, II Convegno Nazionale Associazione Italiana di Scienze Cognitive, Lavoro e scienze cognitive: ambienti, tecnologie, attività, Ivrea. d.43 F.VEGLIA, S.MONTANARI, 2004, «Metacognizione, deficit e disfunzione. Uno studio con persone portatrici di handicap mentale»,, IV Congresso Nazionale del Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca Handicap, Disabilità e Riabilitazione, Disabilità, trattamento ed integrazione, Padova. d.44 ACTIS PERINETTI B., VEGLIA F., 2005, «Analisi delle correlazioni fra Manchester Child Attachment Story Task, Adult Attachment Interview, Separation Anxiety Test», Comunicazione presentata al XII European Conference on Developmental Psychology, Tenerife. d.45 PASTORINI M., ACTIS PERINETTI B., MUZZI M., MONTANARI, S., ZACCAGNINO M., ZUFFRANIERI M., VEGLIA F., 2005, «State of mind, maternal responsivity and reliability competences inmothers of visually impairement children», Comunicazione presentata al XII European Conference on Developmental Psychology, Tenerife. d.46 M. ZACCAGNINO, B. ACTIS PERINETTI, F. VEGLIA, 2005, «Italian Validation of the Manchester Child Attachment Story Task and its relationships with AAI, SAT, temperamental characteristics and social skills», Comunicazione presentata al XII European Conference on Developmental Psychology,Tenerife. d.47 ZACCAGNINO M., ACTIS PERINETTI B., VEGLIA F., 2005, «Relazione tra legame di attaccamento misurato con la Manchester Child Attachment Story Task, temperamento, competenze sociali tra pari e riuscita scolastica», Comunicazione presentata al XIX Congresso dell AIP, Associazione Italiana di Psicologia, Sezione Psicologia dello Sviluppo, Cagliari. d.48 ZACCAGNINO M., FAZZI E., VEGLIA F., 2005, «Il comportamento del sonno nel bambino nei primi tre anni di vita: relazione con la qualità dell attaccamento madre bambino e misure temperamentali» Comunicazione presentata al VII Congresso dell Associazione Italiana di Psicologia, Sezione Psicologia Clinica, Cagliari. d.49 VEGLIA F., ACTIS PERINETTI B., CALDERARA M.L., MICELI R., MONTANARI S., MONTEFUSCO L., RENNER S., MUZI M., VALLOA., ZACCAGNINO M., 2005, «Relazione tra le rappresentazioni di attaccamento, sensibilità materna e competenze abilitanti in madri di bambini ipovedenti: l esperienza di Cannero Riviera» Comunicazione presentata al VII Congresso dell Associazione Italiana di Psicologia, Sezione Psicologia Clinica, Cagliari.

20 d.50 ZACCAGNINO M., ACTIS PERINETTI, B., VEGLIA F., 2006, «Italian Validation of Manchester Child Attachment Story Task and its relationships with AAI, SAT, temperamental characteristics and social skills», Comunicazione presentata al Congresso della World Association of Infant Mental Health, Parigi. d.51 I.DE MARCO, F. VEGLIA, B. BARA, 2006, «The ScReTs: A Questionnaire on the Subjective Relationship Between Medical Staff and Patients in Psycho-Oncology» in: Abstracts of the 8th World Congress of Psycho-Oncology, Psycho-Oncology 15 (2): 221. d.52 ZACCAGNINO M., FAZZI E., VEGLIA F., 2007, «A Questionnaire on Sleep Behaviour in the Firts Years of Life: Validation and Results from a Normative Sample», Atti del 13 European Conference on developmental Psychology, Jena, Medimond Publischer, Bologna. d.53 ACTIS PERINETTI B., ZACCAGNINO M., VEGLIA F., 2007, «Attaccamento disorganizzato e sviluppo delle competenze sociali», Comunicazione presentata al IX Congresso dell'associazione Italiana Psicologia, Sezione di Psicologia Clinica, Perugia. d.54 FRAU T., ACTIS PERINETTI B., VEGLIA F., 2007, «Representation of Self and Early Conscience Development through the use of Autobiographical Memory in Mother-Child Conversation» Comunicazione presentata al 13th European Conference on Developmental Psychology, Jena, Germania. d.55 FRAU T., ZACCAGNINO M., COEN S., FRIGERIO S., VEGLIA F., 2007, «Attaccamento in bambini nati a rischio: esiti a lungo termine della prematurità», Atti del Convegno Nazionale AIP Associazione Psicologi Italiani, Sezione Clinica, Perugia. d.56 F. VEGLIA, DE MARCO I., 2007, «La sessualità nel malato oncologico», X Congresso Nazionale SIPO, Torino. d.57 ACTIS PERINETTI B., FRAU T., VEGLIA F., 2008, «Lo sviluppo delle competenze sociali alla luce della teoria dell'attaccamento: L'osservazione del gioco libero in bambini in età prescolare e scolare» Convegno Nazionale AIP Associazione Psicologi Italiani, Sezione Clinica, Padova. d.58 F. VEGLIA, 2008, «Riflessioni critiche sul periodo di latenza nello sviluppo sessuale», XIV Congresso Nazionale SITCC, Cagliari d.59 FRAU T., ACTIS PERINETTI B., ZACCAGNINO M., COEN S., FRIGERIO F., VEGLIA F., 2008, «Effetti a lungo termine della nascita prematura nelle competenze sociali in bambini in età prescolare e scolare», IV Congresso Mondiale dell Associazione Mondiale di Salute Mentale Infantile (AISMI), maggio 2008, Grado. d.60 CASTELLINO N., ORTALDA F., VEGLIA F., 2008, «Prevention of Sexual Abuse against Children. An Epidemiological Research in Turin s High Schools», in: Dallo stress al trauma. Implicazioni psicopatologiche e psicoterapeutiche. Atti del IV Congresso Internazionale dell Associazione Mondiale di Salute Mentale Infantile AISMI, Grado. p d.61 FRAU T., ACTIS PERINETTI B., ZACCAGNINO M., COEN S., FRIGERIO F., VEGLIA F., 2008, «Effetti a lungo termine della nascita prematura nelle competenze sociali in bambini in età prescolare e scolare» In: Dallo stress al trauma. Implicazioni psicopatologiche e

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

CURRICULUM VITAE. ROBERTA FADDA Ricercatrice in Psicologia dello Sviluppo Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Cagliari

CURRICULUM VITAE. ROBERTA FADDA Ricercatrice in Psicologia dello Sviluppo Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Cagliari CURRICULUM VITAE ROBERTA FADDA Ricercatrice in Psicologia dello Sviluppo Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Cagliari Nazionalità Italiana Data di nascita 21 Gennaio 1975 Indirizzo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi ISIPSÉ Istituto di Specializzazione Scuola di Psicoterapia in Psicologia Psicoanalitica del Sé e Psicoanalisi Relazionale presenta il convegno internazionale Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA UFFICIO FORMAZIONE E ECM IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA Mod. -0701-08 a Rev. 02 Del 10/07/2011 LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: STRATEGIE E STRUMENTI LOW ED HIGH TECH PER LA COMUNICAZIONE,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento Percorso di Formazione Dall autismo all integrazione socio-lavorativa Organizzato da: AGSAV ONLUS Associazione Genitori

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST emanuela.canepa@unipd.it Biblioteca di psicologia Fabio Metelli Università degli Studi di Padova Materiale didattico: guida corso Casella della biblioteca

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema I CAS DELLE AZIENDE OSPEDALIERE DOTT. A. CAPALDI I.R.C.C.s Candiolo Regione

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

tizianamuzio@libero.it tiziana.muzio.832@psypec.it MZUTZN80R70I693G P.IVA 01826240994 Nazionalità

tizianamuzio@libero.it tiziana.muzio.832@psypec.it MZUTZN80R70I693G P.IVA 01826240994 Nazionalità C U R R I C U L U M V I T A E D O T T. S S A T I Z I A N A M U Z I O Informazioni personali Nome/Cognome Indirizzo TIZIANA MUZIO VIA DI MONTESANO 4/8 GENOVA Telefono 347 9690257 E-mail P.E.C. C.F. tizianamuzio@libero.it

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass I Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Rouame Abdelaziz Indirizzo(i) 7, via S. Andrea, 48022, Lugo di Romagna, Italia Telefono(i) 051 6597766/ 0545 24698 Mobile: 3282119380

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) Il sottoscritto Salvatore Silvano Lopez, nato a Milano, il 10 ottobre 1954, residente in

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli