Fysis Fund SICAV-SIF Vesta Industrial

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fysis Fund SICAV-SIF Vesta Industrial"

Transcript

1 Fysis Fund SICAV-SIF Vesta Industrial Novembre 2014

2 Executive Summary Vesta Industrial è stato costituito ai sensi della legge Lussemburghese nel Gennaio È strutturato come SIF Specialized Investment Fund, veicolo di investimento di diritto Lussemburghese e oggetto di supervisione dall autorità di vigilanza locale (CSSF) al fine di garantire la massima trasparenza a tutela degli investitori. Vesta Industrial fa capo a Fysis Fund SICAV-SIF S.C.A., fondo di investimento di diritto Lussemburghese, chiuso e multi-comparto. La gestione del Fondo è organizzata come richiesto dalla normativa locale, con una Società di Gestione regolamentata e puramente indipendente. Inoltre, una caratteristica distintiva dell organizzazione di Vesta prevede il coinvolgimento di un Investment Advisor esterno ed indipendente, composto da un team di professionisti esperti provenienti da contesti differenti, in modo da svolgere l attività di investimento con approccio estremamente mirato. Il processo decisionale prevede che la delibera finale necessiti dell approvazione da parte di un apposito Organo Deliberante (composto dall Investment Advisor del Fondo e da tre professionisti esterni al Fondo). Vesta Industrial investirà in PMI Italiane caratterizzate da attività internazionale e che emettano titoli di debito a breve e medio termine ai sensi del Decreto Legislativo 83/2012, art. 1 e 32. La strategia di investimento consiste nella selezione analitica e rigorosa delle emittenti. Tale attività verrà portata a termine da un team di professionisti specializzati, composto da membri del CdA del General Partner, membri del CdA dell Investment Advisor e altri membri dello staff o collaboratori dell Investment Advisor. 2

3 Fysis Fund Valori Chiave IL FONDO Fysis Fund SICAV-SIF è un fondo di investimento multi-comparto, incorporato ai sensi della legge lussemburghese nel gennaio del E' strutturato come SIF - Specialized Investment Fund, un veicolo di investimento con sede in Lussemburgo e supervisionato dal regolatore locale (CSSF), in modo da assicurare massima trasparenza e proteggere gli investitori LA SOCIETA L advisor di investimento del fondo è gestito da un gruppo di investment managers con esperienza nei differenti settori finanziari, industriali, dell energia e di investimento, supportati da un gruppo di partner strategici con esperienza internazionale Un team con più di 100 anni di esperienza combinata nella gestione di investimenti alternativi e con un comprovato track recod in diverse industrie 3

4 Il Fondo Fysis Fysis Fund SICAV-SIF Efesto Energy Vesta Industrial Relysis Real Estate Astra Private Equity Investe in società specializzate nella produzione di energia rinnovabile, preferibilmente ma non solo sul mercato secondario. Investe in PMI Italiane caratterizzate da attività internazionale e che emettano titoli di debito a breve e medio termine ai sensi del Decreto Legislativo 83/2012. Si pone come target investimenti nel settore immobiliare su un orizzonte temporale di mediolungo periodo, attraverso la partecipazione in holding companies. Strutturerà un portafoglio diversificato di partecipazioni in private equity, principalmente indirizzate a società di piccole e medie dimensioni operanti nei settori dell alta tecnologia, dei servizi per l ambiente, dei materiali di base e industriali, della manifattura tradizionale e dell hospitality.

5 Il Comparto Vesta Industrial Investitori Qualificati Fysis Specialized Asset Management Terzi Garanti (eventuali) SOTTOSCRIZIONE QUOTE Vesta Industrial Koralia Advisory Rating Agency PMI GARANZIA MINIBOND Quotazione Segmento PRO RATING PMI Mini-Bond Mini-Bond Mini-Bond Mini-Bond Mini-Bond PMI PMI PMI PMI PMI 5

6 Regolamento ATTORI PRINCIPALI Fysis Specialized Asset Management Promotore e General Partner (gestore) del Fondo; Koralia Advisory Investment Advisor del Fondo nel processo di selezione e monitoraggio delle società emittenti. TIPOLOGIA E DIMENSIONE TEMPISTICA SOTTOSCRIZIONE / IMPEGNI Fondo mobiliare chiuso e riservato ad investitori qualificati con durata massima di 10 anni, con i primi 24 mesi di investment period; Patrimonio iniziale stimato del Fondo pari a ,00; Importo massimo del Fondo pari a ,00; Sottoscrizione minima pari a ,00 di valore nominale. Primo periodo di sottoscrizione pari a 3 mesi, poi si procederà all avvio dell attività di investimento e all apertura del secondo periodo di sottoscrizione di 24 mesi fino al raggiungimento dell importo massimo del Fondo; Il richiamo degli impegni può essere totale o parziale nel rispetto dell ammontare minimo e del periodo di investimento del Fondo; CALCOLO NAV In carico a Fiducenter SA (Central Administrator), sotto la supervisione di Fysis Specialized Asset Manegement e in conformità ai LuxGAAP; Valuta: EUR NAV Iniziale: 1.000,00 Frequenza: semestrale il 30 Giugno ed il 31 Dicembre (pubblicazione a 30 giorni); Valutazione dei minibond al costo di acquisizione, eccetto nel caso in cui si verifichi una variazione nel rating dell emittente; COMMISSIONI DI SOTTOSCRIZIONE E DI GESTIONE Commissioni di Sottoscrizione: max. 3% Commissioni di Gestione: 1,2%; Commissioni di Performance: fino al 20% p.a. di eventuali eccedenze nell incremento del NAV per ogni periodo di performance, pagabile su base annua in via posticipata 6

7 Portafoglio Target ASSET CLASS IN PORTAFOGLIO Portafoglio investito almeno per il 80% in strumenti di debito, prevalentemente Minibond quotati emessi da PMI italiane anche non quotate ovvero minibond non quotati purché emessi da PMI italiane le cui azioni siano negoziate su mercati regolamentati. Potranno anche essere sottoscritti Minibond non quotati emessi da PMI non quotate, nel caso di elevato rating dell emittente. Inoltre, potranno essere sottoscritte cambiali finanziarie, commercial paper e altri strumenti emessi dalle Società Target; Il restante 20% può essere impiegato in strumenti diversi. GRANULARITÀ Portafoglio composto da ca posizioni differenti in funzione della dimensione del Fondo. DIVERSIFICAZIONE SETTORIALE DIVERSIFICAZIONE GEOGRAFICA LIMITI DI CONCENTRAZIONE INDICATIVI Portafoglio investito principalmente nei settori Meccanica e manufatturiero di qualità, Local Utilities, Infrastrutture e Trasporti, Turismo, Food & Beverage, Branded Companies caratterizzate da una forte connotazione Made in Italy ; Le politiche del Fondo escludono investimenti nei settori Immobiliare/Real Estate e Servizi Finanziari. Il portafoglio sarà costruito prestando attenzione a una distribuzione geografica sull intero territorio italiano, con particolare focus alle aree produttive rilevanti del paese. 20% per singolo settore merceologico ; 10% per singolo emittente; Importo singolo investimento ca. 2-5 milioni (massimo 10 milioni); Possibilità di acquisizioni parziali (syndicated loans). RENDIMENTO TARGET Compreso tra il 4,00% ed il 6,00% su base annua BENCHMARK Portafoglio diversificato di emissioni obbligazionarie quotate con importi inferiori ad 30 mio, emesse da Small Cap non quotate, localizzate nell area Western Europe e con fatturato massimo pari a 20 mio. 7

8 Caratteristiche Minibond STRUTTURA Titoli senior unsecured, con scadenza massima pari a 5 anni, amortizing con rimborso legato al rating (italiano o alla francese) in 6/7 rate di capitale, a partire indicativamente dal 24 /30 mese dalla data di emissione (vita media ca. 3,5 anni); Cedole semestrali a tasso fisso. PRICING Il rendimento dei titoli dipenderà dai seguenti elementi: Rischiosità dell emittente; Livello degli spread sulle obbligazioni corporate su mercati regolamentari; Premio per la illiquidità richiesto dagli investitori ( bps); Livello degli spread sui finanziamenti bancari di pari durata; Tipologia del titolo emesso (senior, subordinato, con partecipazione agli utili); Presenza di garanzie (fidejussioni da parte di fondi di garanzia o Confidi). USE OF PROCEEDS La destinazione dei fondi provenienti dall emissione è riservata a nuovi investimenti (materiali, immateriali e finanziari, con l eccezione di quelli speculativi) e al finanziamento del circolante (pagamento fornitori, stipendi e/o equivalenti, imposte e tasse); non saranno consentiti utilizzi per il rifinanziamento/rimborso di debiti finanziari esistenti. COVENANTS Market standard tra cui, a titolo di esempio, clausole di Negative Pledge, Pari Passu, Change of Control, Cross Default, etc. LISTING I titoli emessi da soggetti privi di strumenti di capitale quotati su mercati regolamentati saranno listati presso il segmento PRO del mercato ExtraMOT gestito da Borsa Italiana. 8

9 Investitori Potenziali FONDI PENSIONE Fondi la cui finalità è la realizzazione una forma di previdenza per l'erogazione di trattamenti pensionistici complementari del sistema obbligatorio pubblico, secondo criteri di corrispettività, finanziati dagli aderenti e dai datori di lavoro. FONDAZIONI Fondazioni di origine bancaria non profit, private e autonome, che perseguono esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico e che investono in attività diversificate, prudenti e fruttifere al fine di sostenere attività d'interesse collettivo. CASSE DI PREVIDENZA Enti previdenziali di riferimento per i liberi professionisti che assicurano le funzioni di previdenza e assistenza e, nell ottica dell impiego dei contributi degli assistiti, effettuano investimenti di lungo periodo principalmente su strumenti obbligazionari. BANCHE DEL TERRITORIO Banche di Credito Cooperativo, Casse di Risparmio e Banche Popolari che partecipino all attività del Fondo sia sul fronte dell emissione, coinvolgendo le PMI clienti potenzialmente idonee, sia sul fronte della sottoscrizione. FONDI DI FONDI Fondi il cui portafoglio è costituito non da titoli, ma da quote di altri fondi o SICAV (OICR), allo scopo di offrire, attraverso un solo investimento, un prodotto diversificato. ASSICURAZIONI Società assicurative con obiettivi sia di promozione degli investimenti produttivi su territorio nazionale che nella generazione di ritorni sull investimento costanti nel lungo periodo con bassa volatilità. COOPERATIVE Società Cooperative che attuano una gestione attiva dei flussi di cassa e dei c.d. Prestiti Sociali con progetti di investimento di ampio respiro caratterizzati da prudenza e bassa volatilità. FAMILY OFFICE PRIVATE FINANZIARIE REGIONALI Clientela HNWI che sia profilata come Cliente Professionale o Controparte Qualificata ai sensi dell'allegato II della Direttiva 2009/39/CE (c.d. Direttiva MiFID), recepita dalla Consob nell'allegato 3 al Regolamento Intermediari. Società finanziarie regionali a partecipazione prevalentemente pubblica che rafforzano l operatività degli intermediari finanziari assicurando alle PMI l accesso agli strumenti finanziari a favore della 9 crescita del sistema produttivo del territorio di appartenenza.

10 Prerequisiti Prerequisiti formali ai fini dell eligibilità Business plan dettagliato a sostegno delle prospettive di espansione e delle esigenze di cassa. [Documento di 8-10 pagine che illustri, in modo sintetico e chiaro, il Contesto, la Business Idea, il Prospetto Economico-Finanziario, la Fase Esecutiva (in particolare, l avviamento del business nei primi 100 giorni), il CV dello Star team] Prerequisiti formali per l emissione di Minibond Società ed Enti (ad es. società di capitali, società cooperative, mutue assicuratrici) anche non emittenti strumenti finanziari di capitale quotati su mercati regolamentati o su sistemi multilaterali di negoziazione ; Società e Enti diversi dalle banche e dalle micro-imprese come definite dalla raccomandazione 2003/361/CE della Commissione Europea del 6 maggio 2003; Ai fini del presente lavoro, in linea con la raccomandazione 2003/361/CE, si definisce microimpresa un impresa che occupa meno di 10 persone e realizza un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiore a ,00; Rispetto dei limiti fissati dal comma 1 art c.c. (obbligazioni totali emesse non superiori al doppio del capitale sociale più riserve), a meno di quotazione del titolo su mercati regolamentati o MTF (Multi Trading Facility) ovvero di titolo convertibile in azioni; Emissione e sottoscrizione dei titoli a favore di investitori qualificati, pena la perdita dei vantaggi fiscali concessi dal D.L. 83/2012 con riferimento alla deducibilità degli interessi passivi, a meno di quotazione dei titoli su mercati regolamentati o MTF (Multi Trading Facility); Non sottoscrizione dei titoli da parte di soci/azionisti qualificati (i.e. che detengano più del 2 per cento del capitale o patrimonio dell emittente) nemmeno parzialmente, anche in via indiretta, anche per il tramite di società fiduciarie o per interposta persona pena la perdita dei vantaggi fiscali concessi dal D.L. 83/2012 con riferimento. Prerequisiti sostanziali per l ammissione al Fondo Minibond Ultimi due bilanci annuali approvati, di cui almeno l ultimo sottoposto a revisione contabile ai sensi del d.lgs. n. 39 del 27 gennaio 2010 salvo diversa normativa di settore applicabile; Documento di ammissione alla quotazione con contenuti minimi indicati nelle linee guida del Regolamento del segmento PRO del mercato ExtraMOT di Borsa Italiana. 10

11 Profilo Società Target DISTRIBUZIONE DELLE SOCIETA ITALIANE PER FATTURATO FATTURATO Da a

12 Rating Classi di PD (dati CERVED) PD CLASSI Cerved S&P s Moody s Fitch 0.00% % A1.1 A1.1 AAA Aaa AAA 0.10% % A1.2 A1.2 AA+ / AA Aa1 / Aa2 AA+ / AA 0.20% % A1.3 A1.3 AA- Aa3 AA- INVESTMENT GRADE 0.25% % A % % A2.2 A2.1 A+ A1 A+ A2.2 A A2 A Investment Grade 0.40% % A3.1 A3.1 A- A3 A- 0.77% % B1.1 B1.1 BBB+ / BBB Baa1 / Baa2 BBB+ / BBB 1.50% % B1.2 B1.2 BBB- Baa3 BBB- 3.51% % B2.1 B2.1 BB+ / BB Ba1 / Ba2 BB+ / BB SPECULATIVE GRADE 6.70% % B % % C % % C1.2 B2.2 BB- Ba3 BB- C1.1 B+ / B B1 / B2 B+ / B C1.2 B- B3 B- Speculative Grade 33.57% % C2.1 C2.1 CCC / C Caaa / Ca / C CCC / C 12

13 Vantaggi VANTAGGI PER LE IMPRESE Accesso diretto al mercato dei capitali; Quotazione del titolo presso un MTF (Multilateral Trading Facility) gestito da Borsa Italiana; Percorso formativo importante propedeutico a successivi step di crescita attraverso i mercati dei capitali; Visibilità sul mercato e mediatica, funzionale ad un aumento delle credenziali dell emittente presso clienti, fornitori e sistema finanziario; Disintermediazione intelligente del sistema bancario e soluzione del problema credit crunch ; Diversificazione delle fonti di finanziamento con uno strumento senior unsecured privo di garanzie reali e/o personali; Piena deducibilità degli interessi passivi (entro il limite del 30% dell Ebitda); Allungamento vita media del debito finanziario; Disponibilità di nuova finanza per gli investimenti e il finanziamento del circolante. VANTAGGI PER GLI INVESTITORI Nuova Asset Class con interessanti profili di rischio/rendimento; Minimizzazione dei rischi di default dovuta alla diversificazione di portafoglio; Sottoscrizione di uno strumento (Fondo chiuso) di estrema semplicità gestionale; Sostegno a determinati settori/gruppi di imprese con utilizzo limitato di fondi; Destinazione del risparmio verso impieghi produttivi nel Paese; Selezione del portafoglio investimenti effettuata da gestori specializzati; Rating e monitoraggio emittenti operato da Agenzie di Rating indipendenti riconosciute da ESMA e CONSOB (CRIF/CERVED); Possibilità, per gli investitori istituzionali, di superare la sfida culturale e convogliare risorse significative a favore dell economia reale. 13

14 Timetable Principali attività GIU LUG AGO SETT OTT NOV DIC GEN FEB MAR APR MAG GIU Accordo Quadro Scouting Marketing Origination Inizio Attività Avvio Progetto 14

15 Processo di Emissione Scouting Screening Rating Decisione di investimento Emissione e Listing Attività Attività Attività Attività Attività Origination sul un potenziale di oltre PMI Verifica dei requisiti oggettivi e qualitativi per accedere alla fase di screening Selezione top picks da parte di Koralia Advisory Approvazione Organo Deliberante Redazione Information Memorandum e presentazione delle aziende target a Fysis Specialized Asset Management Richiesta rating per le target che hanno ottenuto una prima approvazione dall Organo Deliberante Rilascio rating pubblico e indipendente da parte di CRIF/CERVED Review indipendente della proposta di investimento Approvazione da parte dell Organo Deliberante Redazione documentazione Filing Minibond al Segmento PRO di ExtraMOT Emissione e Sottoscrizione da parte del Fondo Listing e Closing Attori Attori Attori Attori Attori Koralia Advisory Koralia Advisory Organo Deliberante Fysis Specialized Asset Management Organo Deliberante CRIF/CERVED Fysis Specialized Asset Management Organo Deliberante Fysis Specialized Asset Management Borsa Italiana, Eventuali Terzi Garanti 15

16 Processo di Quotazione su ExtraMOT PRO Planning Operazione Definizione caratteristiche e tempistica dell operazione Definizione documento di ammissione (che può coincidere con un estratto del documento di offerta che includa i contenuti minimi) Invio e Analisi Doc. Invio domanda + documento di ammissione da parte dell Emittente Analisi della completezza della documentazione da parte di Borsa Italiana Ammissione (max 7 gg) Avviso di ammissione alla quotazione dello strumento a far data dal secondo giorno successivo la pubblicazione dell avviso Negoziazione Requisiti informativi ongoing 16

17 Outlook del Mercato Sono stati 35 i minibond quotati sull ExtraMot Pro da metà febbraio a fine agosto per un totale di 1,193 miliardi di euro Di queste 35 aziende solo 16 sono le PMI non quotate che hanno emesso minibond, per 151,9 milioni di euro, ed hanno dichiarato nel documento di ammissione che i proventi del collocamento del bond saranno utilizzati esclusivamente per lo sviluppo del piano industriale o di progetti specifici Considerando soltanto le PMI che hanno fino ad ora emesso e collocato minibond sul segmento ExtraMOT Pro, la size media è stata nel raggio dei 5 milioni, tasso fisso tra il 6 e 7% e scadenza a 3-4 anni Finalità minibond ultimi 8 mesi 0,13 0,13 Ristrutturazione del debito Società Quotate 0,06 0,68 Scadenze Contratti pubblici Sviluppo e ricerca 17

18 TEAM E KEY PARTNERS

19 Private Debt Team BOARD MEMBERS C. Mongillo A. Giussani I. Truzman M. Zianveni M. Koeune PRIVATE DEBT TEAM COMITATO INVESTIMENTO C. Mongillo L. Crafa Prof. Ferri A. Giudici L. Trebbi Prof. Riva G. Carella Prof. Basile 19

20 Private Debt Team Ciro Mongillo, Chairman Amministratore delegato e socio fondatore della Keystone Srl, società che si occupa di consulenza finanziaria per le imprese e iscritta all Albo dei Mediatori Creditizi (OAM D.Lgs 141/2010). Dal 2009 si occupa anche di investimenti nel settore energia, nel ruolo di Presidente del CdA e co-fondatore di True Energy Advisory Srl, società che fornisce consulenza strategica e servizi di investment management. Dal gennaio 2011 ricopre il ruolo di Investments Advisor del Fondo IRIS SICAV SIF True Energy. Dal 2011 è membro del consiglio di amministrazione di True Energy GP Sàrl, (General Partner), società di gestione dell omonimo fondo di investimento di diritto lussemburghese, che investe nel settore delle energie rinnovabili. È attualmente Amministratore Delegato di True Enegy Wind S.A., società di diritto lussemburghese quotata sul mercato AIM di Borsa Italiana e operante nel settore delle energie rinnovabili, con focus particolare sul settore mini-eolico. È inoltre Amministratore Delegato e socio fondatore di FYSIS S.A.M., società di gestione di Fysis Fund SICAV-SIF S.C.A., fondo di investimento Lussemburghese di tipo chiuso, autorizzato dal CSSF nel Gennaio 2014 e dotato di struttura multi-comparto per diversificare gli investimenti nei settori Renewables, Minibond, Luxury e Real Estate Luciano Crafa, Senior Manager Laureato in Economia e Commercio presso l Università L. Bocconi di Milano, iscritto all Ordine dei Dottori Commercialisti e Revisori Contabili, inizia la propria carriera presso la Società E&W Consultants Srl (oggi Ernst & Young) in qualità di consulente in materia societaria e fiscale. In seguito matura esperienza presso il Gruppo Fininvest, prima all interno della Direzione Centrale di Gruppo e, in seguito, come dirigente del controllato Gruppo Standa nell ambito della Direzione Generale Amministrazione Finanza e Controllo. Nell ambito di questo incarico si occupa di pianificazione finanziaria e fiscale, riorganizzazione del Gruppo e monitoraggio di operazioni di finanza straordinaria. Dal 2000 al 2010, fa parte, come professionista senior, della Poli e Associati S.p.A., società di consulenza strategica e finanziaria con sede in Milano specializzata nell assistenza a 360 al cliente nell ambito delle operazioni di finanza straordinaria quali fusioni ed acquisizioni, advisory per operazioni sui mercati dei capitali, ristrutturazioni finanziarie e societarie, assistenza per operazioni di project financing e per la revisione delle strutture di controllo e degli assetti proprietari. Dal 2011 ha costituito il proprio Studio di consulenza e continua a l attività professionale nell ambito delle esperienze e materie sviluppate nel corso del precedente percorso professionale. 20

21 Private Debt Team Alessandro Giudici, Senior Manager Laureato nel 2003 in Ingegneria Gestionale presso il Politecnico di Milano, ha conseguito nel 2003 un master in finanza aziendale e controllo di gestione presso IFAF Scuola di Finanza di Milano. Attualmente ricopre il ruolo di Complianca Officer di ARC Asset Management S.A. e quello di Operation Manager del Fondo IRIS FUND SICAV SIF True Energy, per il quale si occupa del coordinamento e del controllo di tutte le attività del fondo e del rapporto con gli stakeholders e con le autorità. Ha iniziato la sua carriera presso REAG Real Estate Advisory Group nel 2003, dove si è inizialmente occupato di analisi e consulenza nel campo immobiliare. A partire dal 2007 ha ricoperto il ruolo di responsabile del dipartimento ricerca e sviluppo di Reag S.p.A., divenendo nel 2009 Operations Manager di REAG Europe S.A. in Lussemburgo, incarico che ricopre fino al 2010, seguendo i servizi al mercato dei fondi d investimento e la relativa normativa. Si è unito ad Arc nel 2011, con il ruolo di Compliance Officer. Lorenzo Trebbi, Analyst Analista presso Keystone srl, svolge attività di supporto nello studio di fattibilità e nell analisi finanziaria dei progetti, in particolare nell ambito delle energie rinnovabili. Ha maturato esperienza in ambito finanziario lavorando presso UniCredit, dopo aver conseguito il Master of Science in Finance e la Laurea Triennale in Economia e Finanza, entrambe presso l Università Bocconi di Milano. Gianmarco Carella, Analyst Analista presso Keystone srl, svolge attività di supporto nello studio di fattibilità e nell analisi finanziaria dei progetti, in particolare nell ambito delle energie rinnovabili. Ha maturato esperienza in ambito finanziario lavorando presso BNP Paribas Investmnent Banking a Parigi e Mittel Advisory a Milano, dopo aver conseguito il Master of Science in Finance e la Laurea Triennale in Economia e Finanza, entrambe presso l Università Bocconi di Milano. 21

22 Board Members Antonio Cesare Giussani, Councilor Membro dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Como, inizia la sua carriera come membro del Consiglio di Sorveglianza di diverse aziende. Nel 1987 ha fondato Studio Giussani, studio professionale che oggi impiega dieci persone ed offre servizi aziendali, fiscali, contabili e di consulenza finanziaria. Dal 1995 è iscritto al registro dei Revisori Legali. Nel 2001 è stato membro del Collegio Sindacale di Colline Comasche Spa e dal 2003 ha ricoperto lo stesso ruolo per Antiga Spa. Dal 2004 al 2009 è stato membro del Comitato Ristretto Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Como (Servizio Idrico Integrato. Dal 2004 è sindaco al secondo mandato del proprio comune di residenza, Oltrona di San Mamette. Dal 2012 è revisore contabile di enti pubblici quali il comune di Senna Comasco, il comune di Cucciago e Pare e, dal 2013, della città di Cinisello Balsamo. Michael Zianveni Laurea in Legge ottenuta all Università di Nancy (Francia), è esperto legale in tema di diritto societario e regolamentazione finanziaria. È responsabile del dipartimento legale di Fiducenter SA, oltre che Partner e Managing Director di Fiduncenter dal Marc Koeune Laurea in Scienze Economiche, Economia e Management all Università Louis Pastor di Strasburgo (Francia), vanta oltre 14 anni di esperienza nell industria dei servizi finanziari lussemburghesi, specialmente in relazione alla domiciliazione di società. Presso Fiducenter, è responsabile del settore amministrativo 22

23 Comitato di Investimento ATTIVITÀ Il comitato di investimento contribuisce all individuazione delle linee guida strategiche e costituisce un organo consultivo indipendente a supporto della management company. MEMBRI Fysis Fund SICAV-SIF identifica, per ogni comparto, un Comitato di Investimento composto da: Presidente del Comitato di Investimento Koralia Advisory Srl N. 3 professionisti esterni con elevata e consolidata esperienza nel settore di riferimento Prof. Salvatore Ferri (presidente) Koralia Advisory Prof. Gianpaolo Basile Dott. Raffaele Riva Professionista Esterno 23

24 Comitato di Investimento Prof. Salvatore Ferri, Presidente Professore Associato di Economia Aziendale presso l Università degli Studi di Napoli Parthenope, dove è titolare dell insegnamento di Tecnica Professionale. E, inoltre, Professore incaricato presso l Università degli Studi La Sapienza. Dottore Commercialista e Revisore Contabile, ha un ampia esperienza nella consulenza contabile, fiscale e societaria, con specifico riferimento alle imprese e gruppi, sia nazionali che internazionali. Consulente aziendale specializzato in operazioni di finanza straordinaria, operazioni di M&A, valutazione d azienda, due diligence e negli start-up d impresa. Iscritto all Albo dei Consulenti presso il Tribunale Civile di Roma. Membro del Comitato Tecnico per lo Studio dei Principi Contabili Internazionali istituito dall ANDAF. Svolge, inoltre, funzioni di organo di controllo (componente di Collegi Sindacali e di Collegi dei Revisori) in numerose Società ed Enti, di rilevanza nazionale. È autore di numerose pubblicazioni nelle tematiche della valutazione d azienda, del management e delle strategie aziendali. Prof. Gianpaolo Basile Dal 1993 al 1998, lavora come consulente full-time in area finance e controllo di gestione per primaria società di consulenza aziendale, svolgendo attività a favore di PMI operanti nell area geografica Nord-Est. Dal 1998 al 1999 è componente di un team di progetto, parte di una primaria società di consulenza marketing strategico, nell ambito dell analisi strategica dei mercati online relativi al settore bancario e finanziario. Dal 1998 ad oggi, è Amministratore e Partner dello Studio di Consulenze Aziendali Basile- Lucadamo & Partner operante sull intero territorio nazionale negli ambiti della pianificazione strategica ed operativa nelle aree gestionale, fiscale, finanziaria e gestione del personale. Dal 1999 ad oggi, ha ricoperto e ricopre ruoli di consigliere o di controllo (sindaco in collegi sindacali) in primarie aziende operanti in diversi settori, tra cui squadre di calcio militanti nelle massime serie A e B. è inoltre professore di Marketing ed International Management rispettivamente presso l Università degli Studi di Salerno e presso la Vitez Univeristy in Bosnia Herzegovina, vantando numerose pubblicazioni a sfondo economico, sociale e manageriale e partecipando a progetti di ricerca in ambito strategico per conto di istituzioni finanziarie. Dott. Raffaele Riva Laureato in Economia e Commercio a Milano, ha due master post laurea in fiscalità della SUPSI di Lugano e un master in diritto dei trust e degli affidamenti fiduciari di Uniforma. In Italia è Revisore Legale e Dottore Commercialista, già membro dell Associazione Nazionale dei CFO; in Svizzera é Fiduciario Commercialista; inoltre è membro TEP della Society of Trust and Estate Practitioners (STEP). Promotore di società operanti a Lugano nel Wealth Management e di una società fiduciaria statica a Milano operante secondo la Legge 1966/1939. Da vent anni lavora nella consulenza internazionale ed ha partecipato a numerosi progetti di finanza straordinaria e start-up internazionali, riorganizzazione e ristrutturazione aziendale, sviluppo e implementazione di family business. Ha iniziato la sua carriera in una "Big Four" lavorando in Italia e in Inghilterra, abilitandosi a Milano all esercizio della professione di Dottore Commercialista nel Dal 1992 al 1997 ha ricoperto incarichi di senior executive e senior manager, in una merchant bank. Ha ricoperto numerose cariche in società, anche quotate in mercati regolamentati, principalmente in Europa, USA e Sud America. 24

25 Key Partner ASSET MANAGEMENT Specialized Asset Management INVESTMENT ADVISOR AGENZIE DI RATING STUDIO LEGALE REVISORE BANCA DEPOSITARIA 25

26 Rassegna Stampa 26

27 Contatti Per Informazioni e Contatti Partner Associato 27

28 Disclaimer Questo documento è prodotto a scopo esclusivamente informativo, non costituisce sollecitazione e non rappresenta un offerta formale all acquisto o alla sottoscrizione di strumenti finanziari. Qualsiasi ricerca o analisi utilizzata nella redazione di questo documento è basata su fonti ritenute affidabili ma non vi è garanzia sull accuratezza e completezza di tali fonti. Ogni opinione, stima o previsione può essere modificata in qualsiasi momento senza preavviso. Questo documento non è destinato alla distribuzione a investitori privati e non è diretto a persone fisiche o giuridiche che siano cittadini o residenti o aventi sede in luoghi, regioni, paesi o altre giurisdizioni dove tale distribuzione, pubblicazione, disponibilità o uso siano contrari a leggi o regolamentazioni. Questo documento è prodotto da Koralia Advisory Srl per uso interno e non può essere riprodotto o distribuito, sia parzialmente che integralmente, senza autorizzazione da parte di Koralia Advisory Srl. L'utente riconosce che il presente documento è di proprietà copyright di Koralia Advisory Srl, e riconosce inoltre che esso può contenere informazioni, fotografie, grafici, e altro materiale (collettivamente "Contenuto") che sono protetti da diritti d'autore, marchi di fabbrica, marchi di servizio, segreti commerciali o altri diritti di proprietà, e che questi diritti sono validi e protetti in tutte le forme, i supporti, le modalità di distribuzione, e le tecnologie attualmente esistenti o in seguito sviluppati. Tutto il Contenuto è protetto da copyright individualmente o come opera collettiva in base alle leggi sul copyright e dai trattati, e Koralia Advisory Srl possiede tutti i copyright nella selezione, coordinamento, organizzazione e valorizzazione di tali contenuti e nelle banche dati ai sensi di legge e dei trattati. Salvo quanto previsto nella frase precedente o consentito dagli usi commerciali delle leggi o dei trattati vigenti sul copyright, qualora esistenti, non si può pubblicare, riprodurre o distribuire in alcun modo contenuti protetti dal diritto d'autore, o altri diritti di proprietà, senza ottenere il permesso del proprietario del copyright o di altro diritto di proprietà. L'utente non può modificare, rimuovere, eliminare, aumentare, aggiungere, pubblicare, trasmettere, partecipare al trasferimento o alla vendita, creare lavori derivati da o in qualsiasi modo sfruttare qualsiasi parte del Contenuto, in tutto o in parte. 28

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

Fondo Progetto MiniBond Italia

Fondo Progetto MiniBond Italia Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Giovanni Scrofani Responsabile Fondo Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Zenit SGR - Promotore e gestore Zenit SGR è una Società di Gestione

Dettagli

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Prato, 14 maggio 2015 Lo scenario Il contesto italiano si caratterizza per una diffusa sottocapitalizzazione delle imprese,

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985 CORPORATE FINANCE Consulenza di Investimento dal 1985 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata nel 1985 a Torino. Offre servizi

Dettagli

Vademecum per l emissione di minibond. In collaborazione con

Vademecum per l emissione di minibond. In collaborazione con Vademecum per l emissione di minibond In collaborazione con Perchè un crescente numero di PMI sceglie il minibond? Accedere ad un canale di finanziamento extra bancario totalmente nuovo Nessuna diluizione

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

La piattaforma MiniBond di BPVi

La piattaforma MiniBond di BPVi La piattaforma MiniBond di BPVi Una nuova opportunità di finanziamento per le PMI Italiane Ottobre 2014 2 MiniBond QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La riforma introdotta dal decreto legge n. 83/2012, convertito

Dettagli

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Mario Gabbrielli Paolo Chiappa Davide D Affronto Lucia Fracassi Mini Bond Principali obiettivi La svolta dei mini bond facilitare e rendere più conveniente

Dettagli

Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane

Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane www.fabfinance.eu Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane Andamento della capacità delle imprese di autofinanziamento (valori percentuali)*

Dettagli

Fondo Progetto MiniBond Italia Ora anche i Piccoli possono Volare

Fondo Progetto MiniBond Italia Ora anche i Piccoli possono Volare Fondo Progetto MiniBond Italia Ora anche i Piccoli possono Volare ZenitSGR -Promotoree Gestoredel FondoPMI Zenit SGR è una Società di Gestione del Risparmio indipendente, nata nel 1995 e specializzata

Dettagli

Fondo Minibond PMI Italia IL PRIMO FONDO CHE INVESTE IN MINIBOND SUL MERCATO ITALIANO

Fondo Minibond PMI Italia IL PRIMO FONDO CHE INVESTE IN MINIBOND SUL MERCATO ITALIANO Fondo Minibond PMI Italia IL PRIMO FONDO CHE INVESTE IN MINIBOND SUL MERCATO ITALIANO Auditorium Banca Monte dei Paschi di Siena, Sala Minghetti Roma 22 luglio 2013 Agenda 2 Fondo Minibond PMI Italia IL

Dettagli

Il Gruppo Consultinvest

Il Gruppo Consultinvest Il Gruppo Consultinvest viene fondato nel 1988 per iniziativa di operatori qualificati del settore finanziario e di imprenditori modenesi attualmente presenti attivamente nella compagine sociale. Nel 2001

Dettagli

SELEZIONE FIA PRIVATE DEBT OTTOBRE 2015. QUESTIONARIO - RfP

SELEZIONE FIA PRIVATE DEBT OTTOBRE 2015. QUESTIONARIO - RfP Requisiti di partecipazione Per FIA si intende lo OICR in fase raccolta che viene proposto. Per GEFIA (di seguito per brevità SOCIETA o GEFIA) si intende il soggetto che ha costituito e gestirà il FIA.

Dettagli

Linee Guida sui Minibond

Linee Guida sui Minibond Linee Guida sui Minibond 1 LINEE GUIDA SUI MINIBOND INDICE Premessa e scenario di riferimento I nuovi strumenti di debito per le imprese: i minibond 1. Cosa sono i minibond 2. Chi può emettere minibond:

Dettagli

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI Catania - 30 Maggio 2014 ADB Analisi Dati Borsa Consulenza di Investimento Attiva a Torino dal 1985, ADB offre alla propria selezionata Clientela servizi

Dettagli

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Gabriele Casati Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Antares AZ I è un fondo d investimento mobiliare chiuso riservato a Investitori Qualificati

Dettagli

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Il mercato dei capitali per la filiera del gelato I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Rimini, 26 gennaio

Dettagli

IL RATING COME PASSAPORTO

IL RATING COME PASSAPORTO I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL RATING COME PASSAPORTO PER IL MERCATO DEI CAPITALI Dr. Mauro Alfonso Amministratore Delegato

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA TE WIND S.A.

COMUNICATO STAMPA TE WIND S.A. COMUNICATO STAMPA TE WIND S.A. IL CDA APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 3 GIUGNO 214 IL PIANO OPERATIVO PROSEGUE CON SUCCESSO IN AUMENTO SIA LE INSTALLAZIONI CHE LE TURBINE IN

Dettagli

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese Cuneo - 25 Novembre 2014 ADB Analisi Dati Borsa SpA Consulenza di Investimento Clienti Analisi Dati Borsa SpA è una società di consulenza in

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI L offerta di Borsa Italiana per le PMI Paola Fico Responsabile Regolamentazione Emittenti quotati Borsa Italiana London Stock Exchange Group Convegno di studi Università di Macerata 14 Novembre 2014 I

Dettagli

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate MiniBond e Rischi di Credito Mario Bottero MiniBond Specialist Milano, 11 Giugno 2014 Analisi e valutazione del rischio di credito

Dettagli

PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND

PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND 17 marzo 2016 Domande.. Cosa si intende per minibond? Sono obbligazioni corporate o strumenti di debito a medio-lungo termine; consentono alle

Dettagli

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO E il mercato obbligazionario nato per consentire alle società italiane un accesso flessibile ed efficiente ai mercati dei capitali Nasce

Dettagli

Arkios Italy Where Finance meets Corporate Strategy

Arkios Italy Where Finance meets Corporate Strategy Where Finance meets Corporate Strategy Milano, Londra, Pechino, Dubai Stoccolma, Berlino, Zurigo, Madrid, Mumbai, Houston, Tel Aviv, Singapore, Melbourne Dalla Parte dell Imprenditore è una Boutique di

Dettagli

Presentazione istituzionale

Presentazione istituzionale Presentazione istituzionale Novembre 2014 Milano Via Turati, 9-20121 info@advamsgr.com tel. 02 620808 fax 02 874984 www.advamsgr.com Indice La carta d identità La storia e le competenze La governance e

Dettagli

Indice. Una considerazione conclusiva. Universo investibile Rappresentazione sintetica del processo Livelli valutativi. Solidità Rischio insolvenza

Indice. Una considerazione conclusiva. Universo investibile Rappresentazione sintetica del processo Livelli valutativi. Solidità Rischio insolvenza EUREGIO MINIBOND Indice PensPlan Invest SGR Key terms del Fondo Attuali investitori Portafoglio del Fondo Breakdown del portafoglio Indici economico finanziari degli emittenti in portafoglio Processo di

Dettagli

Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013

Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013 Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013 Leonardo Frigiolini - AD Unicasim SpA Piazza De Ferrari, 2 - Genova info@unicasim.it

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Chi siamo PEP&CFC appartiene al Gruppo Dafisa Holdings Capital Finance Group Limited, ed è stata istituita quale società specializzata nella consulenza in materia finanziaria

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

P.Cappugi. Gli investimenti locali dei Fondi Pensione Territoriali in Europa Venezia, 8 Ottobre 2010

P.Cappugi. Gli investimenti locali dei Fondi Pensione Territoriali in Europa Venezia, 8 Ottobre 2010 P.Cappugi Gli investimenti locali dei Fondi Pensione Territoriali in Europa Venezia, 8 Ottobre 2010 1 Indice Parte 1 Parte 2 Premessa Modello di business e organizzazione commerciale del Gruppo Banca Esperia

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana - Sommario I Partners Il Network Le nostre

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE SU AIM ITALIA

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE SU AIM ITALIA IL PROCESSO DI QUOTAZIONE SU AIM ITALIA Luca Tavano Mid & Small Caps Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group Bologna 31 Marzo 2015 L offerta di Borsa Italiana per le PMI Mercati regolamentati

Dettagli

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO Oggetto sociale, capitale e soci La SGR esercita, nell interesse dei sottoscrittori del Fondo (partecipanti) e nel rispetto delle vigenti disposizioni normative e regolamentari

Dettagli

Finanziare lo sviluppo con i Minibond

Finanziare lo sviluppo con i Minibond Topic CFO Bocconi Alumni Association Finanziare lo sviluppo con i Minibond Università L. Bocconi, Milano 8 Maggio 2014 Andrea Moresco Chief Financial Officer Gruppo JSH Hotels & Resorts Sommario JSH Group:

Dettagli

DIREZIONE INVESTMENT BANKING. Il Ruolo del Nomad. Roma, 22 aprile 2009

DIREZIONE INVESTMENT BANKING. Il Ruolo del Nomad. Roma, 22 aprile 2009 DIREZIONE INVESTMENT BANKING Il Ruolo del Nomad Roma, 22 aprile 2009 Il Gruppo Montepaschi Overview Il Gruppo MPS ha perfezionato il 30 maggio 2008 l acquisizione di Banca Antonveneta divenendo il 3 gruppo

Dettagli

Fondo di Fondi Bilanciato Flessibile Una proposta gestionale concreta al continuo cambiamento dei mercati finanziari globali AMPIA DIVERSIFICAZIONE

Fondo di Fondi Bilanciato Flessibile Una proposta gestionale concreta al continuo cambiamento dei mercati finanziari globali AMPIA DIVERSIFICAZIONE Fondo di Fondi Bilanciato Flessibile Una proposta gestionale concreta al continuo cambiamento dei mercati finanziari globali MOMENTUM METODOLOGIE QUANTITATIVE INVESTIMENTO OICR AMPIA DIVERSIFICAZIONE ASSET

Dettagli

EOS Servizi Fiduciari

EOS Servizi Fiduciari Cura del dettaglio www.eosfiduciaria.it Una fiduciaria d eccellenza EOS Servizi Fiduciari è la fiduciaria di amministrazione statica del Gruppo BSI SA. La società è attiva da oltre 30 anni nel settore

Dettagli

I mini-bond come strumento alternativo di finanziamento

I mini-bond come strumento alternativo di finanziamento I mini-bond come strumento alternativo di finanziamento Topic CFO - BAA Bocconi Finanziare lo sviluppo con i Minibond Maurizio Belli Financial Innovations Milano, 8 maggio 2014 Milano Via Filippo Turati,

Dettagli

Giampietro Nattino PRESIDENTE DEL CDA

Giampietro Nattino PRESIDENTE DEL CDA Il nostro migliore investimento è il tempo dedicato a comprendere e soddisfare le esigenze della clientela, mettendo a disposizione della medesima servizi di consulenza e prodotti finanziari di alta qualità.

Dettagli

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Università Bocconi di Milano Milano, 25 novembre 2014 RENZO PARISOTTO PREMESSE: il sistema

Dettagli

asset management wealth management family office

asset management wealth management family office asset management wealth management family office asset management wealth management family office 03 05 06 09 14 15 16 Chi siamo Punti distintivi Team Wealth Management Family Office Asset Management Finlabo

Dettagli

PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014

PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014 PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014 ADVISORY Pafinberg Srl predispone e fornisce soluzioni finanziarie personalizzate su specifiche esigenze del cliente, che richiedono il concorso di molteplici competenze

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

EUREGIO MINIBOND. --- Florian Schwienbacher. Workshop Gli investitori incontrano le imprese. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 EUREGIO MINIBOND

EUREGIO MINIBOND. --- Florian Schwienbacher. Workshop Gli investitori incontrano le imprese. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 EUREGIO MINIBOND Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Florian Schwienbacher Euregio Minibond managed by PensPlan Invest SGR arranged and advised by PRADER BANK Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo

Dettagli

ExtraMOT PRO. La risposta di Borsa Italiana alle esigenze di funding delle PMI

ExtraMOT PRO. La risposta di Borsa Italiana alle esigenze di funding delle PMI ExtraMOT PRO La risposta di Borsa Italiana alle esigenze di funding delle PMI ExtraMOT PRO 1. I mercati obbligazionari di Borsa Italiana 2. Perchè quotarsi su ExtraMOT PRO 3. ExtraMOT PRO, finalità e caratteristiche

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INTERMEDIARI E IMPRESA-UNA NUOVA FORMA DI FINANZIAMENTO: IL «MINI BOND» MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI NUNZIA MELACCIO Commissione Banche e Intermediari

Dettagli

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Cristiano Galli Milano, 12 maggio 2016 Agenda I II III IV Il contesto di riferimento: ipotesi

Dettagli

Modello di Business e Servizi di Consulenza

Modello di Business e Servizi di Consulenza Modello di Business e Servizi di Consulenza L Advisor Finanziario specializzato nell Analisi Fondamentale e nel Rischio di Credito Crediamo nella supremazia della Conoscenza. Crediamo nelle forza delle

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

ELITE Thinking Long Term

ELITE Thinking Long Term ELITE Thinking Long Term ELITE ELITE è una piattaforma di servizi integrati creata per supportare le Imprese nella realizzazione dei loro progetti di CRESCITA Supporto/stimolo ai cambiamenti culturali,

Dettagli

09 dicembre 2008 pag. 1 di 6

09 dicembre 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 700.000 Codice Nel presente Documento Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Azimut è la più grande realtà finanziaria indipendente attiva nel mercato del risparmio gestito italiano Dal 7 Luglio 2004 è quotata alla Borsa di Milano e

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

EOS Servizi Fiduciari

EOS Servizi Fiduciari Cura del dettaglio www.eosfiduciaria.it Una fiduciaria d eccellenza EOS Servizi Fiduciari è la fiduciaria di amministrazione statica del Gruppo BSI SA. La società è attiva da oltre 30 anni nel settore

Dettagli

PMI e mercato dei capitali:

PMI e mercato dei capitali: PMI e mercato dei capitali: Focus su AIM Italia e programma ELITE Barbara Lunghi Head of Mid & Small Caps - Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group L offerta di Borsa Italiana per le

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017 Roma, 23.09.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 30.06.2015

Dettagli

NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE

NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La disintermediazione del credito alle imprese NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE ANDREA CROVETTO C.E.O. Epic

Dettagli

MISSION... 3 AREE DI INTERVENTO... 4

MISSION... 3 AREE DI INTERVENTO... 4 Set Consulting srl 00152 Roma - Via di Monteverde, 74 Ph. +39 06 58 23 14 37 - Fax +39 06 53 80 89 - consulenti@setconsulting.it Cap. Soc. 52.000 Cod. Fisc. e P. IVA 06095671001 C.C.I.A.A. 951256 Trib.

Dettagli

MPS Capital Services - Direzione Investment Banking. Luglio 2013

MPS Capital Services - Direzione Investment Banking. Luglio 2013 MPS Capital Services - Direzione Investment Banking Luglio 2013 1. Il Gruppo Montepaschi 2 Il Gruppo Montepaschi Overview Filiali in Italia Il Gruppo Montepaschi, terzo gruppo bancario Italiano, è attivo

Dettagli

Come e perché investire nei Minibond

Come e perché investire nei Minibond Come e perché investire nei Minibond 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Il mercato dei capitali in ITALIA 180% Capitalizzazione mercato azionario (%PIL) 35,0% Incidenza dei prestiti

Dettagli

Agenda. "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap

Agenda. MINI GREEN BOND in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento Eugenio de Blasio Milano, 9 maggio 2014 Agenda 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap 2. I Mini Bond ed il segmento ExtraMOT PRO: un

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

IL MERCATO DEI MINIBOND: E COSTI CONNESSI ALL EMISSIONE

IL MERCATO DEI MINIBOND: E COSTI CONNESSI ALL EMISSIONE I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15 Luglio 2015 IL MERCATO DEI MINIBOND: PROSPETTIVE, PRICING E COSTI CONNESSI ALL EMISSIONE Prof. Raffaele

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

TRUE ENERGY SOLAR S.A.,

TRUE ENERGY SOLAR S.A., COMUNICATO STAMPA TE WIND S.A., SOCIETA DI DIRITTO LUSSEMBURGHESE: IL CDA DETERMINA I TERMINI E LE CONDIZIONI DELL AUMENTO DI CAPITALE RISERVATO E DELL AUMENTO DI CAPITALE IN OPZIONE Approvato un aumento

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

Private Debt: un mercato in crescita Filippo Di Naro Amministratore Delegato e Responsabile Investimenti

Private Debt: un mercato in crescita Filippo Di Naro Amministratore Delegato e Responsabile Investimenti Private Debt: un mercato in crescita Filippo Di Naro Amministratore Delegato e Responsabile Investimenti Agenda 1. Il Contesto Economico 2. Il Mercato dei cd. «Minibond» 3. Gli Attori Coinvolti 4. Conclusioni

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

17 luglio 2008 pag. 1 di 6

17 luglio 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 20.000.000 Codice Nel presente Foglio Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

Sella Capital Management Società di Gestione del Risparmio

Sella Capital Management Società di Gestione del Risparmio Sella Capital Management Società di Gestione del Risparmio Presentazione per la Clientela Qualificata/Istituzionale 1 MOL FIL/ L F DOFL 2 ID/ L F D Sella Capital Management SGR (SCM) è una società di gestione

Dettagli

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Valeria Lattuada MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Muzinich & Co. è una società di asset management istituzionale

Dettagli

COME SUPPORTARE LA PICCOLA MEDIA IMPRESA VENETA ATTRAVERSO GLI STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI

COME SUPPORTARE LA PICCOLA MEDIA IMPRESA VENETA ATTRAVERSO GLI STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI COME SUPPORTARE LA PICCOLA MEDIA IMPRESA VENETA ATTRAVERSO GLI STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI Venerdì, 16 Gennaio Altavilla Vicentina Centro Congressi Fondazione CUOA Villa Valmarana Morosini Esempio

Dettagli

Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio

Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio In collaborazione con Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting. 1. Il

Dettagli

Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond. Sergio Ferrarini e Stefano Visalli

Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond. Sergio Ferrarini e Stefano Visalli Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond Sergio Ferrarini e Stefano Visalli Lucca, 24 aprile 2014 Agenda 1 Opportunità di finanziarsi in minibond attraverso Epic 2 Come funziona? Una dimostrazione

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

Mercato Alternativo del Capitale e private equity

Mercato Alternativo del Capitale e private equity Confindustria Palermo Mercato Alternativo del Capitale e private equity interventi di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 15 novembre 2007 1 Presentazione di Vertis SGR e

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 15 aprile 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

Ora anche i Piccoli. possono Volare

Ora anche i Piccoli. possono Volare Ora anche i Piccoli possono Volare Zenit SGR - Promotore e Gestore del Fondo PMI Zenit SGR è una Società di Gestione del Risparmio indipendente, nata nel 1995, esclusivamente dedicata e specializzata nell

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QD. Il fondo interno è un fondo obbligazionario flessibile.

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QD. Il fondo interno è un fondo obbligazionario flessibile. Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QS. Data di istituzione e inizio operatività del fondo interno: 15/03/2014

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QS. Data di istituzione e inizio operatività del fondo interno: 15/03/2014 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Presentazione di Intermonte

Presentazione di Intermonte Presentazione di Intermonte Offerta di servizi dedicati alle medie imprese nazionali per favorire l accesso al mercato borsistico Novembre 2013 Sommario 1. Descrizione dell intermediario: Presentazione

Dettagli

Road show imprese per crescere

Road show imprese per crescere Road show imprese per crescere Il nuovo rapporto tra banca e cliente per evolvere Napoli, 27 aprile 2016 Finanza d Impresa e M&A Indice 1 Finanza d Impresa e cliente corporate: una collaborazione win-win

Dettagli

Sesta Emissione - Scheda informativa

Sesta Emissione - Scheda informativa BTP Italia Sesta Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Modalità di collocamento sul MOT Quotazione Taglio minimo

Dettagli

Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative

Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative Roma, 9 Novembre 2010 Circolare N.19354 Confindustria Fisco, Finanza e Welfare Il Direttore Elio Schettino Con l obiettivo di sostenere le piccole

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli