I modelli fondati sul mercato dei capitali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I modelli fondati sul mercato dei capitali"

Transcript

1 I modelli fondati sul mercato dei capitali Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008

2 AGENDA L approccio basato sugli spread dei corporate bonds L approccio basato sulle quotazioni azionarie Il modello di Merton Il modello KMV Esercizi 2

3 L approccio basato sugli spread dei corporate bonds I modelli analizzati in questo capitolo (capital market approaches) ricavano la probabilità di insolvenza dell emittente partendo dai prezzi di azioni e obbligazioni Lo spread richiesto dal mercato ai titoli obbligazionari rischiosi (rispetto al rendimento di titoli di uguale scadenza privi di rischio di insolvenza) riflette le aspettative del mercato circa la probabilità di insolvenza degli emittenti Gli input di questi modelli sono: la curva degli spread tra i rendimenti zero-coupon dei corporate bond di una certa impresa e i rendimenti zerocoupon dei titoli risk-free una stima del tasso di recupero atteso, sui corporate bond, in caso di insolvenza 3

4 Premessa: i tassi composti continui I tassi di interesse (i) saranno espressi come tassi composti continui montante di un debito a fine anno M Ce Indicando con C il valore corrente di un investimento e con M il valore finale: i i ln M C É sempre possibile passare da un tasso semplice o composto periodale i s al corrispondente tasso composto continuo i c, imponendo che conducano entrambi allo stesso montante: i Ce c M C(1 i s ) i s e c 1 fattore di montante di tipo esponenziale capitale iniziale i ln1 i i c s 4

5 L approccio basato sugli spread dei corporate bonds La stima della probabilità di insolvenza ad un anno Supponiamo: PD= p LGD=100% i= tasso di rendimento dei titoli di Stato a un anno d= spread fra titolo rischioso e titolo risk-free. i*=i+d tasso di rendimento a un anno del titolo rischioso Per un investitore neutrale al rischio è indifferente investire un euro nel titolo obbligazionario rischioso o nel titolo di Stato quando: montante investito nel titolo risk free = montante investito nel corporate bond, ponderato per la probabilità che questo venga restituito e i id p e 1 p 1 e d funzione crescente di d 5

6 L approccio basato sugli spread dei corporate bonds La stima della probabilità di insolvenza ad un anno Maggiore è lo spread d richiesto dal mercato, maggiore è la probabilità di default Supponendo che i*= 5% e i= 4%: p 1 e 0,01 0,995% Supponiamo ora più realisticamente che i creditori recuperino, in caso di insolvenza, una quota R del capitale prestato più i relativi interessi al tasso i*: e i id id 1 p pr e 1 p R e 1 p 1 e 1 R 1 e LGD d d 0,01 1 e p 1,99% Ipotizzando tasso di recupero R = 50% 1 0,5 6

7 L approccio basato sugli spread dei corporate bonds La stima della probabilità di insolvenza su orizzonti superiori all anno Consideriamo la curva dei tassi zero-coupon, dei corporate bond di un certo emittente e dei titoli privi di rischio e i relativi spread. 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% Scadenza (, anni) Rendimento su titoli privi di rischio (i ) asso sulle obbligazioni societarie asso sui titoli privi di rischio Ritorno su obbligazioni societarie rischiose (i* ) Spread (d ) p p' condizionata all assenza di default nei periodi precedenti 1 4,00% 5,00% 1,00% 2,49% 2,49% 2 4,10% 5,20% 1,10% 5,44% 3,03% 3 4,20% 5,50% 1,30% 9,56% 4,36% 4 4,30% 5,80% 1,50% 14,56% 5,52% 5 4,50% 6,20% 1,70% 20,37% 6,80% 0% Scadenza Spread (d) 7

8 L approccio basato sugli spread dei corporate bonds La stima della probabilità di insolvenza su orizzonti superiori all anno p è la probabilità di default cumulata relativa a un periodo di anni Probabilità che l emittente fallisca tra oggi e la fine del -esimo anno Se l investitore è neutrale al rischio, il montante atteso di un euro investito nel corporate bond dovrà essere uguale al montante di un euro investito nel titolo risk free: e i i d i d 1 p p R e 1 p R e 1 p d 1 e 1 R d 1 e LGD Da ciò è possibile ricavare le probabilità di default cumulate associate alle diverse scadenze, come si osserva nella quinta colonna della tabella della slide 7 (R=60%) al crescere dell orizzonte temporale crescono anche le PD cumulate 8

9 L approccio basato sugli spread dei corporate bonds La stima della probabilità di insolvenza su orizzonti superiori all anno s 1-p s probabilità che il debitore sopravviva tra oggi e la fine del -esimo anno probabilità di sopravvivenza marginale durante il -esimo anno probabilità (condizionata alla sopravvivenza del debitore fino alla fine dell anno -1) che il debitore non fallisca nel corso dell anno Per qualsiasi s s s 1 s s s 1 La probabilità di sopravvivenza tra 0 e è data dal prodotto tra la probabilità di sopravvivenza tra 0 e -1 e la probabilità (marginale) di sopravvivenza il -esimo anno 9

10 L approccio basato sugli spread dei corporate bonds La stima della probabilità di insolvenza su orizzonti superiori all anno La probabilità di default marginale durante l anno ( ) è data dal complemento a uno della relativa probabilità di sopravvivenza marginale: p 1 s s 1 s Riferendoci sempre all esempio di slide 7, la probabilità di default marginale nel secondo anno sarà: p 1 p p 1 p p p 1 1 5,44% 1 1 2,49% 2 2 3,03% 10

11 L approccio basato sugli spread dei corporate bonds La stima della probabilità di insolvenza su orizzonti superiori all anno Le PD marginali possono essere calcolate anche utilizzando i tassi di rendimento zero-coupon a termine, ossia i tassi forward impliciti nella curva spot: Data di decorrenza (-1) Data di scadenz a () 1i1 i i 1 asso forward su titoli privi di rischio ( -1 i 1 ) asso forward su obbligazioni societarie ( -1 i* 1 ) Spread forward ( -1 d 1) 1 p' condizionata all assenza di default precedenti 0 1 4,00% 5,00% 1,00% 2,49% 2,49% 1 2 4,20% 5,40% 1,20% 2,98% 5,40% 2 3 4,40% 6,10% 1,70% 4,21% 9,38% 3 4 4,60% 6,70% 2,10% 5,20% 14,09% 4 5 5,30% 7,80% 2,50% 6,17% 19,39% p 11

12 L approccio basato sugli spread dei corporate bonds La stima della probabilità di insolvenza su orizzonti superiori all anno Gli spread fra i tassi spot relativi alle due categorie di titoli (inclinati positivamente) si riflettono negli spread (più elevati) fra i tassi a termine Spread a pronti crescenti, spread a 3,0% termine sopra a quelli a pronti É possibile stimare le probabilità di insolvenza relative agli anni successivi al primo usando lo stesso criterio con cui si è ricavata la probabilità di insolvenza a un anno 2,5% 2,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,0% Spread a termine Spread a pronti Scadenza 12

13 L approccio basato sugli spread dei corporate bonds La stima della probabilità di insolvenza su orizzonti superiori all anno Richiamando l equivalenza tra i montanti per un investitore neutrale al rischio: e p p R e p R e i i d i d montante di un operazione a termine priva di rischio p e 1 d e 1 R LGD 1 Ipotizzando un tasso di recupero R del 60%, si possono ottenere le varie probabilità di insolvenza (quinta colonna della tabella di slide 11) p 1 e 1,20% % 2,98% montante atteso da un operazione a termine sul corporate bond d secondo anno 13

14 L approccio basato sugli spread dei corporate bonds La stima della probabilità di insolvenza su orizzonti superiori all anno Utilizzando la relazione tra PD marginali e cumulate, possiamo calcolare anche le PD cumulate associate alle PD marginali: p 1 p 1 p 1 1 p 1 p 1 p 1 (1 2,98%)(1 2,49%) 5,40% PD cumulata a due anni In alternativa, dato che la probabilità di sopravvivenza cumulata è la produttoria di tutte le probabilità di sopravvivenza marginali per gli anni da 1 a (ultima colonna della tabella di slide 11) : Funzione s st 1 pt delle sole p 1 s 1 pt PD t 1 t 1 t 1 marginali p t t1 p 1 p1 p 1 p 1 2,49% 1 2,98% 1 4,21% 9,38% probabilità di un default tra oggi e la fine del terzo anno 14

15 L approccio basato sugli spread dei corporate bonds Pregi e limiti 1. sono utilizzati dati di mercato oggettivi 2. è un modello forward looking, capace cioè di stimare i tassi di insolvenza attesi dal mercato per i futuro 1. lo spread viene tutto attribuito al rischio di credito Spesso in realtà una parte dello spread sui corporate bond riflette semplicemente la minore liquidità 2. ipotesi di neutralità al rischio Nella realtà per scambiare un investimento certo con uno rischioso gli investitori richiedono un premio VANAGGI LIMII e i id 1 p * R e P 1 p* è più basso rispetto ai p calcolati precedentemente Le PD sono distorte verso l alto (PD risk-neutral) 15

16 L approccio basato sugli spread dei corporate bonds Pregi e limiti LIMII DI IPO OPERAIVO Il modello è inapplicabile per le imprese che non emettono titoli obbligazionari quotati Anche le imprese con debito quotato hanno spesso carenza di dati relativi ai tassi di rendimento zero-coupon associati alle diverse scadenze Ottenibili con il bootstrapping dai titoli con cedola; l impresa deve aver emesso titoli di diversa scadenza per poter ricavare l intera curva degli spread 16

17 Questo approccio si basa sul modello di pricing delle opzioni da Black e Scholes nel 1973 Il primo ad applicare questo modello al rischio di insolvenza è stato Merton (1974) L insolvenza di un impresa avviene nel momento in cui il valore delle attività risulta inferiore al valore delle passività verso terzi Il valore del capitale è azzerato e gli azionisti avranno la convenienza a dichiarare l insolvenza e lasciare l azienda in mano ai creditori Gli azionisti detengono l opzione di dichiarare insolvenza, cioè di cedere l azienda ai creditori anziché rimborsare il debito, quando il valore delle passività verso terzi è superiore al valore dell attivo 17

18 Il modello di Merton È un modello strutturale Il modello ipotizza una struttura finanziaria dell impresa semplificata: Una sola forma di passività verso terzi (rimborso del capitale F alla scadenza ) con valore di mercato pari a B Attivo dell impresa a valore di mercato = V Equity E = V - B B 0, V 0 e E 0 sono i valori correnti Variazioni istantanee percentuali dell attivo Si concentra sulle caratteristiche strutturali che determinano la PD: il valore dell attivo, il valore del debito e la volatilità dell attivo. dv V dt rendimento istantaneo atteso dagli attivi dz tasso di variabilità del moto browniano geometrico v dt v dt disturbo casuale 18

19 Il modello di Merton Le variazioni percentuali dell attivo ( rendimento dell attivo ) si muovono in modo stocastico e l incertezza aumenta al crescere dell orizzonte temporale Rischio di credito: la possibilità che alla scadenza del debito () il valore dell attivo dell impresa, V, sia inferiore al valore di rimborso del prestito, F Questa possibilità è tanto maggiore quanto maggiore è: la leva finaziaria B 0 /V 0 la volatilità del rendimento delle attività dell impresa V la scadenza del debito 19

20 Logaritmo del valore dell attivo Rischio e valore nelle banche Il modello di Merton La probabilità di insolvenza di un impresa è data dalla probabilità che V < F, cioè l area sottostante alla distribuzione normale, contenente tutti i rendimenti negativi che determinano un V a scadenza inferiore al valore di rimborso del debito Evoluzione passata Valore del debito (logaritmo) Possibili evoluzioni future Distribuzione di probabilità di tutti i possibili valori futuri Probabilità di default p Oggi Al tempo (ad es. tra un anno) 20

21 Il modello di Merton L area (probabilità di default) é tanto maggiore quanto minore è V 0 maggiore è F Queste variabili racchiudono tutti i fattori rilevanti per la determinazione della PD maggiore è V Maggiore è la scadenza del debito Le prospettive di evoluzione dell impresa, del settore economico di appartenenza e della congiuntura macroeconomica Financial risk, determinato dalla leva finanziaria Business Risk, considerato nella volatilità del rendimento dell attivo 21

22 Payoff dei detentori del debito Rischio e valore nelle banche Il modello di Merton L opzione detenuta dagli azionisti nei confronti dei creditori è un opzione put Put sull attivo dell impresa con strike F e scadenza posizione corta Per valori di V > F, come V 2, il valore dell attivo è tale da poter rimborsare totalmente i creditori V 2 F va a beneficio degli azionisti Per V < F, come V 1, l impresa è insolvente e la banca riceve solo parte del pagamento dovuto V 1 F V 2 Valore dell attivo(v ) 22

23 Il modello di Merton Per coprirsi i creditori potrebbero a loro volta acquistare un opzione put sul valore dell attivo dell impresa (V), con scadenza e strike F. La combinazione delle due posizioni produce un payoff garantito Payoff al tempo 0 Payoff al tempo se V <F se V >F Concessione prestito -B 0 V F Acquisto put -P 0 F-V 0 otale -(B 0 +P 0 ) F F Il valore delle due posizioni (B 0 +P 0 ) deve esse pari a quello di un titolo privo di rischio che a scadenza paga F i P 0 B 0 Fe 23

24 Il modello di Merton Il valore dell opzione put, P 0, può essere determinato utilizzando il modello di Black e Scholes d d 1 2 P i 0 Fe N d2) N( d1) ( V V i V ln 0 i V 1 lnl V ln 0 F 2 2 Fe 2 2 V V 1 2 V ln( L) 2 d1 V V V 0 L Fe i V V È possibile a questo punto determinare: il valore corrente del prestito B 0 la probabilità di insolvenza (risk neutral) dell impresa debitrice il rendimento richiesto dai creditori sul prestito e il relativo spread 24

25 Il modello di Merton: il valore del prestito e lo spread di equilibrio Sostituendo l equazione della put (slide 24) nella formula di slide 23, otteniamo: i 1 B0 Fe d L i N( d ) N( d ) V Fe N( d ) N( ) 1 1 Il valore del prestito è tanto maggiore quanto minore è la leva finanziaria Il rendimento di equilibrio del prestito è i* che rende uguale il valore attuale del rimborso finale F a B 0 Fe * i B 0 i * B ln F 0 ln Fe i F P 0 25

26 Il modello di Merton: il valore del prestito e lo spread di equilibrio Sostituendo all interno dell ultima equazione della slide 25 il valore P 0 (slide 24) si può ricavare i*, nonché lo spread d i* - i : d i * i ln N( d Esempio: consideriamo un impresa con: Con questi dati è possibile stimare B 0, e d V ) 1 ln N( d N( d L 1 0 ) N( d ) 1 2 i 1 2 Fe V 0 = euro V =10% F = euro = 1 anno i = 5% i L = Fe * / V = 85,61% ) 26

27 Il modello di Merton: il valore del prestito e lo spread di equilibrio Si ottiene quindi: d 2 d1 V d L 1 2 ln 2 V 1 V 1,604 1,504 N( d1) 0,054 N( d 2 ) 0,934 B N( d1) N( d2) L i 0 Fe 85,371 d 1 1 ln N( d2 ) N( d1) L 0,280% All impresa sarà applicato un tasso attivo del 5,28%, pari al risk free più d. 27

28 Il modello di Merton: il valore del prestito e lo spread di equilibrio Nella tabella seguente vengono calcolati i valori dello spread di equilibrio in corrispondenza di vari livelli di L e diverse volatilità. V 5% 10% 15% 20% 25% 30% L 50% 0,000% 0,000% 0,000% 0,002% 0,029% 0,149% 60% 0,000% 0,000% 0,002% 0,044% 0,243% 0,700% 70% 0,000% 0,001% 0,052% 0,355% 1,032% 2,063% 80% 0,000% 0,050% 0,506% 1,494% 2,873% 4,519% 90% 0,033% 0,795% 2,272% 4,070% 6,036% 8,112% 100% 2,015% 4,069% 6,165% 8,301% 10,478% 12,696% Lo spread è tanto maggiore quanto maggiore è, a parità di altre condizioni, L e quanto maggiore è la volatilità dell attivo 28

29 Il modello di Merton: la probabilità di default Probabilità di insolvenza dell impresa: p pr V F ale probabilità equivale alla probabilità di esercizio dell opzione put implicita nel prestito. Usando il modello di Black e Scholes, la probabilità di esercizio è: N( d 2 ) 1 N( d 2 ) Riferendosi all esempio precedente: p V F N d ) 1 N( ) PD p pr ( 2 d 2 V F 1 N( d ) N( d ) 6,63% Pr 2 2 Le PD così ottenute rappresentano probabilità neutrali al rischio (il tasso di rendimento atteso sull attivo viene sostituito, per comodità, con il tasso risk free) 29

30 Il modello di Merton: la struttura a termine degli spread e delle PD La curva per scadenza degli spread è crescente per le imprese con PD contenuta è decrescente per le imprese con PD elevata Scadenza L = 90%, V = 20% L = 75%, V =10% (anni) p (PD d (spread) p (PD d (spread) cumulata) cumulata) 1 33,48% 4,07% 0,24% 0,01% 2 40,86% 3,69% 2,48% 0,06% 3 44,79% 3,37% 5,77% 0,13% 4 47,47% 3,12% 9,04% 0,19% 5 49,52% 2,93% 12,00% 0,24% 6 51,19% 2,77% 14,64% 0,28% 7 52,61% 2,64% 16,98% 0,31% 8 53,85% 2,53% 19,06% 0,33% 9 54,95% 2,44% 20,93% 0,35% 10 55,95% 2,36% 22,61% 0,36% ESEMPIO: Probabilità di insolvenza cumulate (slide 29) e corrispondenti spread composti continui annui (slide 26) per due imprese con leva e volatilità degli attivi diverse Si ipotizza un tasso risk free del 5% 30

31 Spread Rischio e valore nelle banche Il modello di Merton: la struttura a termine degli spread e delle PD Dalla tabella della slide precedente si nota che: scadenze più lunghe conducono a premi al rischio annui più ridotti quando la probabilità di insolvenza è considerevole Le imprese con PD elevata hanno un alto rischio di non sopravvivere al primo anno Dopo il primo anno, la probabilità di divenire insolventi negli anni successivi si riduce 4,5% 4,0% 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,0% Scadenza (anni) La curva delle PD marginali decresce al crescere dell orizzonte temporale (inclinazione negativa della struttura per scadenza degli spread) Bassa qualità, PD elevata Alta qualità, PD ridotta 31

32 Il modello di Merton: pregi e limiti VANAGGI 1. Mostra efficacemente le variabili rilevanti per determinare la PD di un impresa Leva finanziaria financial risk Variabilità del valore dell attivo business risk 2.Consente di ricavare PD e spread in un modo oggettivo, chiaro ed elegante 32

33 Il modello di Merton: pregi e limiti LIMII 1. Ipotesi semplificatrice di un unica passività, che prevede il rimborso del capitale e degli interessi in unica soluzione a scadenza. In realtà la struttura finanziaria delle imprese è complessa e il default può avvenire in qualsiasi momento, non solo al rimborso del debito 2. L ipotesi che la distribuzione dei rendimenti dell attivo sia normale potrebbe rivelarsi irrealistica 3. Alcune delle variabili di input del modello, come V 0 e V, non sono direttamente osservabili nel mercato 33

34 Il modello di Merton: pregi e limiti (continua) Limiti: 4. Ipotesi di tassi di interesse privi di rischio costanti 5. Logica arbitrage-free, ossia di assenza di opportunità di arbitraggio. In realtà non è possibile procedere a continui arbitraggi sull attività sottostante l opzione ( l attivo del debitore ), come il modello richiederebbe 6. Il modello si concentra sul solo rischio di insolvenza, senza considerare il rischio di migrazione (deterioramento del merito creditizio dell emittente) 34

35 Il modello KMV per la stima di V 0 e V I limiti 1-3 vengono affrontati dal modello sviluppato da KMV Il modello di KMV parte dalla constatazione che il valore del capitale azionario (E) è equivalente al valore di un opzione call sul valore dell attivo dell impresa, con scadenza e prezzo F. Payoff al tempo 0 Payoff al tempo se V <F se V >F Azionista -E 0 0 (V -F) Acquisto di una call -C 0 0 (V -F) 35

36 Payoff per gli azionisti Rischio e valore nelle banche Il modello KMV per la stima di V 0 e V Se V <F, l impresa è insolvente e l attivo residuo viene interamente utilizzato per rimborsare il debito. Gli azionisti perdono dunque l intero valore del proprio investimento iniziale Se V >F, V - F rappresenta la ricchezza degli azionisti Profilo del payoff per gli azionisti (opzione call sull attivo dell impresa) V 1 F V 2 Valore dell attivo(v ) 36

37 Il modello KMV per la stima di V 0 e V Se le due posizioni sono equivalenti in termini di payoff, anche il costo iniziale deve essere uguale. Utilizzando la formula di Blacke Scholes: E 0 V0 d i N( d1) Fe N( 2) E 0 è dato dal valore della capitalizzazione di borsa. V 0 non è osservabile: si deve determinare un valore coerente con E 0 Anche V non è noto e deve essere determinato É necessaria una seconda equazione che leghi tra loro V 0 e V, tale equazione è ricavata con il lemma di Ito: Volatilità del valore di mercato del capitale (osservabile) V0 E N( d 1 ) V E 0 37

38 Il modello KMV per la stima di V 0 e V Si può quindi costruire un sistema: E0 V0N V0 E N 1 E0 i d1 Fe Nd 2 d La risoluzione non può essere svolta per via diretta, ma solo con un processo iterativo. V Esempio: dati impresa E 0 = 10 milioni di euro E = 50%. = 1 anni F = 90 milioni di euro. i = 5%. 38

39 Il modello KMV per la stima di V 0 e V Procedimento iterativo: Assegnamo alle due incognite due valori iniziali, V 0 =100 milioni e V =10% Con questi valori otteniamo: E0 14,63 Sono valori superiori a quelli osservati empiricamente, riproviamo con due valori più bassiv 0 =90 e V =2%: In questo caso i risultati sono troppo bassi. Si deve modificare V 0 e V fino a ottenere valori di E 0 e E corrispondenti ai valori empirici. E E0 E 65% 4,39 41% 39

40 Il modello KMV per la stima di V 0 e V La seguente tabella mostra i risultati del processo iterativo automatizzato: Input Valore di mercato del capitale azionario (E) Deviazione standard del rendimento azionario ( E ) 50% Valore nominale di rimborso del debito (F) asso di interesse privo di rischio (i) 5% Scadenza del debito () 1 Output Valore di mercato dell attivo (V 0 ) Deviazione standard annua del rendimento dell attivo ( V ) 5,33% Ulteriori output ottenibili con il modello di Merton Valore di mercato del debito (B 0 ), equazione Spread d di equilibrio 0,04% asso (i*=i+d) di equilibrio 5,04% Probabilità di insolvenza risk-neutral (p) 2,07% I valori di V 0 e V possono essere utilizzati per calcolare le equazioni di Merton per stimare i valori della PD e dello spread di equilibrio (terza parte della tabella). KMV però segue una procedura diversa 40

41 L approccio di KMV alla stima delle PD KMV segue un approccio a due stadi: 1. Viene stimato un indice di rischio chiamato distanza dall insolvenza (distance to default DD) 2. DD viene convertito in una probabilità di default sulla base di una legge empirica KMV riconosce che le imprese si finanziano con una combinazione di debito a breve termine e di debito a lungo termine. È importante che il valore degli attivi non scenda al di sotto di quello del debito a breve mentre è possibile che gli attivi scendano al di sotto del debito totale senza che si abbia insolvenza 41

42 L approccio di KMV alla stima delle PD La soglia critica per l insolvenza è il default point (DP), data da tutto il debito a breve termine (b) più il 50% del debito a lungo termine (l) Formalmente la DD è: DD DP V 0 V 0 b DP V 1 2 l Differenza fra valore dell attivo e livello del default point, espressa come multiplo della deviazione standard dell attivo 42

43 L approccio di KMV alla stima delle PD Esempio: dati dell impresa debiti a breve termine = 6 milioni di euro debiti a lungo termine = 2 milioni di euro 1 DP DD 10 10% 7 3 Default point in milioni di euro Distance to default La differenza tra il valore dell attivo e il default point viene correttamente standardizzata per la volatilità, che misura il rischio di oscillazione di valore dell attivo. Maggiore la volatilità, minore la protezione dal default 43

44 Frequenza di default Rischio e valore nelle banche L approccio di KMV alla stima delle PD Dopo aver stimato la DD di un ampio campione di imprese in passato, si valuta la corrispondenza empirica tra DD e tassi di default empiricamente registrati (un esempio di analisi è riportato in tabella) 10,00% DD (valore approssi mato) (a) n. di società (b) n. di società insolventi (c ) = (b) / (a) Frequenza di default % % % ,4% ,07% ,04% 1,00% 0,10% 0,01% Distance to Default I dati suggeriscono un legame abbastanza preciso tra DD e frequenza di default ( EDF expected default frequency). Data la DD, verrà assegnata la PD corrispondente 44

45 Pregi e limiti del modello KMV VANAGGI 1. Le EDF (le PD del modello KMV) si adeguano rapidamente alle mutevoli condizioni economico-finanziarie delle imprese valutate, dato che si fondano su dati di mercato forward looking 2. Le EDF non subiscono variazioni significative al variare del ciclo economico, diversamente dai tassi di insolvenza associati alle classi di rating (aumentano nelle fasi recessive, diminuiscono in quelle espansive) 3. Mentre tutte le imprese assegnate da un agenzia ad una certa classe di rating condividono la stessa stima della PD, nel modello KMV l EDF è calcolata specificatamente per ogni impresa 45

46 Pregi e limiti del modello KMV Approfondiamo il secondo vantaggio: Le EDF relative alle singole classi di merito di KMV non cambiano nelle diverse fasi del ciclo In una recessione le PD associate alle classi di rating delle agenzie aumentano, mentre la composizione della classe rimane stabile Nel modello KMV in caso di recessione il peggioramento del merito creditizio di un impresa si traduce in una diminuzione della DD e in un cambio di classe verso una EDF peggiore. La corrispondenza tra classe e PD (EDF) non cambia Nel modello KMV le migrazioni sono più frequenti, come si può notare nelle tabelle della slide successiva 46

47 Pregi e limiti del modello KMV Rating alla fine dell anno (%) AAA AA A BBB BB B CCC Default Rating iniziale AAA 90,81 8,33 0,68 0,06 0,12 0,00 0,00 0,00 AA 0,70 90,65 7,79 0,64 0,06 0,14 0,02 0,00 A 0,09 2,27 91,05 5,52 0,74 0,26 0,01 0,06 BBB 0,02 0,33 5,95 86,93 5,30 1,17 1,12 0,18 BB 0,03 0,14 0,67 7,73 80,53 8,84 1,00 1,06 B 0,00 0,11 0,24 0,43 6,48 83,46 4,07 5,20 CCC 0,22 0,00 0,22 1,30 2,38 11,24 64,86 19,79 Fonte: Standard and Poor s. Rating alla fine dell anno (%) AAA AA A BBB BB B CCC Default Rating iniziale AAA 66,26 22,22 7,37 2,45 0,86 0,67 0,14 0,02 AA 21,66 43,04 25,83 6,56 1,99 0,68 0,20 0,04 A 2,76 20,34 44,19 22,94 7,42 1,97 0,28 0,10 BBB 0,30 2,80 22,63 42,54 23,52 6,95 1,00 0,26 BB 0,08 0,24 3,69 22,93 44,41 24,53 3,41 0,71 B 0,01 0,05 0,39 3,48 20,47 53,00 20,58 2,01 CCC 0,00 0,01 0,09 0,26 1,79 17,77 69,94 10,13 Fonte: Crouhy, Galai e Mark 2000: 47

48 Pregi e limiti del modello KMV 2 LIMII 1. Il modello non può essere utilizzato per la stima della probabilità di insolvenza delle imprese non quotate, per cui non è disponibile il valore di mercato e la volatilità del capitale azionario, ed è rilevante perché le banche finanziano molto spesso imprese non quotate Possibili soluzioni Private firm model: utilizzo dei dati di mercato di imprese quotate simili all impresa non quotata che si desidera valutare RiskCalc : si calcola uno score basato principalmente su dati di bilancio, ma tra le variabili indipendenti è inserita la DD media di un peer-group di imprese quotate simili Score maggiormente forward looking 48

49 Pregi e limiti del modello KMV (continua) Limiti: 2. Il modello KMV, come tutti i modelli basati sull approccio contingent claim, si fonda sull ipotesi di efficienza dei mercati azionari In presenza di mercati inefficienti, poco liquidi e incapaci di riflettere tutte le informazioni disponibili, simili input divengono scarsamente affidabili 49

50 Esercizi/1 1. La seguente tabella riporta i rendimenti (composti continui) sulle obbligazioni di una società con rating A e sui titoli di Stato (tasso risk free), entrambi con vita residua di uno o due anni. Calcolate i tassi di perdita attesa impliciti per le obbligazioni rischiose e mettete in evidenza le principali ipotesi sottese all approccio basato sugli spread obbligazionari. Scadenza 1 anno 2 anni itoli di Stato (risk free) 4,50% 4,70% Obbligazioni societarie con rating A 4,75% 5,00% 50

51 Esercizi/2 2. La società Alfa paga sulle sue obbligazioni zero coupon a un anno uno spread del 2% sul rendimento dei titoli di Stato con identica struttura e scadenza. Sulle sue obbligazioni zero coupon a due anni, il differenziale rispetto ai titoli di Stato con identica scadenza è il 2,5%. Sapendo che gli investitori si attendono, in caso di default di Alfa, un tasso di recupero pari a un terzo del valore nominale a scadenza, calcolate la probabilità di default (neutrale al rischio) che il mercato sta implicitamente assegnando ad Alfa, per il solo secondo anno. 51

52 Esercizi/3 3. Una società, che dispone di attivi del valore di 100 milioni di euro, con una volatilità del 15%, sta sostituendo tutti i suoi debiti con un unico, grande prestito del valore nominale a scadenza di 85 milioni di euro e una durata di due anni. I tassi privi di rischio sono, attualmente, al 6% (composti continuamente). Usando il modello di Merton, controllate se il tasso equo da applicare al prestito dovrebbe essere maggiore del 6,5%. Inoltre, immaginate che la società stia emettendo 20 milioni di euro di nuovo capitale, che verrà investito in maniera tale da lasciare invariata la volatilità dell attivo. Pensate che, in conseguenza di questo nuovo capitale, il tasso equo sul prestito dovrebbe scendere? Pensate possa scendere al di sotto del 6,1%? 52

Principali tipologie di rischio finanziario

Principali tipologie di rischio finanziario Principali tipologie di rischio finanziario Rischio di mercato: dovuto alla variabilità dei prezzi delle attività finanziarie Rischio di credito: dovuto alla possibilità che la controparte venga meno ai

Dettagli

M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008

M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008 M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008 CAP. 5 (2a PARTE) LA STIMA DEL COSTO OPPORTUNITA DEL CAPITALE 1 LA STIMA

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Modelli di portafoglio

Modelli di portafoglio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Modelli di portafoglio Corso di Risk Management Milano, 26 Marzo 2008 Perchè stimare EL e UL: un esempio Actual Portfolio Loss 2.00% 1.80% 1.60%

Dettagli

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il pricing delle

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Private Equity & Finanza per la Crescita

Private Equity & Finanza per la Crescita Divisione Ricerche Claudio Dematté Private Equity & Finanza per la Crescita Minibond: analisi delle aspettative del mercato e definizione di un modello di pricing Prof. Emanuele Carluccio I quesiti di

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

OPZIONI, DURATION E INTEREST RATE SWAP (IRS)

OPZIONI, DURATION E INTEREST RATE SWAP (IRS) ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI, DURATION E INTEREST RATE SWAP (IRS) Valutazione delle opzioni Esercizio 1 2 ESERCIZIO 1 Il portafoglio di un investitore è composto di 520 azioni della società

Dettagli

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012 La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo 17 Maggio 2012 DEFINIZIONE DELL UNIVERSO INVESTIBILE UNIVERSO INVESTIBILE AZIONARIO OBBLIGAZIONARIO L acquisto di una azione o simil strumento

Dettagli

Pricing del rischio di credito. Aldo Nassigh LIUC, 9 dicembre 2010

Pricing del rischio di credito. Aldo Nassigh LIUC, 9 dicembre 2010 Pricing del rischio di credito Aldo Nassigh LIUC, 9 dicembre 2010 AGENDA 1. Credit ratings 2. Default Intensity e Unconditional default probability 3. Recovery Rate 4. Stima delle probabilità di default

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

Introduzione alberi binomiali

Introduzione alberi binomiali Introduzione alberi binomiali introduzione L albero binomiale rappresenta i possibili sentieri seguiti dal prezzo dell azione durante la vita dell opzione Il percorso partirà dal modello a uno stadio per

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI FATTORI CHE INFLUENZANO I TASSI D INTERESSE TASSI D INTERESSE E INFLAZIONE LA STRUTTURA PER SCADENZE DEI TASSI D INTERESSE Capitoli 4 e 5 MEF SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE?

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

Titoli obbligazionari

Titoli obbligazionari Titoli obbligazionari Tipologie e classificazione strumenti obbligazionari; Mercati di quotazione; Tipologie di rischio; Valutazione di un titolo obbligazionario; Determinazione misure di rendimento; Struttura

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin no. 1

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin no. 1 A.1 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin no. 1 Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia al n. 3493.4

Dettagli

IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO

IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO Luca Majocchi Credito Italiano Convegno annuale APB Vicenza, 23 giugno 2000 (1) OBIETTIVO Condividere alcuni spunti di riflessione sulla prospettiva

Dettagli

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012 ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI 2 LE OPZIONI Le opzioni sono contratti che forniscono al detentore il diritto di acquistare o vendere una certa quantità del bene sottostante a una certa

Dettagli

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Silvana Stefani Piazza dell Ateneo Nuovo 1-20126 MILANO U6-368 silvana.stefani@unimib.it 1 Unità 10 Contenuti della lezione Valutazione di titoli obbligazionari

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

L'affidabilità delle banche europee: analisi basate su spread creditizi e indicatori azionari

L'affidabilità delle banche europee: analisi basate su spread creditizi e indicatori azionari L'affidabilità delle banche europee: analisi basate su spread creditizi e indicatori azionari Giuseppe Vulpes UniCredit Research & Strategy VI Rapporto FinMonitor su Fusioni e Aggregazioni tra gli Intermediari

Dettagli

Titoli obbligazionari

Titoli obbligazionari Titoli obbligazionari Tipologie e classificazione strumenti obbligazionari; Mercati di quotazione; Tipologie di rischio; Valutazione di un titolo obbligazionario; Determinazione misure di rendimento; Struttura

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 Ottobre 2015 1 di 11 SOMMARIO 1 MOTIVAZIONE... 3 1.1 Consultazione... 4 1.2 Definizioni... 4 2 SCALA DI VALUTAZIONE... 7 2.1 Scala di Rating... 7 3 METODOLOGIA E RATING CRITERIA...

Dettagli

TEST FINANZA OTTOBRE 2013

TEST FINANZA OTTOBRE 2013 TEST FINANZA OTTOBRE 03. Si consideri la funzione f ( ) ln( e ). Determinare l espressione corretta della derivata seconda f ( ). e f( ) ( e ) A B f( ) e f( ) ln ( e ) C D f( ). Dati i tre vettori (, 3,

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale stima del costo del capitale stima del costo del capitale di aziende operanti

Dettagli

Introduzione ANDREA SIRONI

Introduzione ANDREA SIRONI I Introduzione ANDREA SIRONI I.1 Il rischio di credito: un problema di definizione i.2 Il rischio di credito: una classificazione I.3 Le componenti del rischio di credito I.4 Principali approcci alternativi

Dettagli

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Corso tecnico - pratico MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Modulo 1 (base): 22-23 aprile 2015 Modulo 2 (avanzato):

Dettagli

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Il valore dell impresa come una torta Debito Capitale Azionario 2 Struttura Finanziaria

Dettagli

Appunti sulla valutazione dei titoli obbligazionari. ad uso del corso di Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari

Appunti sulla valutazione dei titoli obbligazionari. ad uso del corso di Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Appunti sulla valutazione dei titoli obbligazionari ad uso del corso di Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Marco Fumagalli A.A. 2011-2012 Contents 1. LA RELAZIONE PREZZO-RENDIMENTO... 2 1.1. L obbligazione

Dettagli

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Iccrea Banca S.p.A. Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

"OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023"

OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023 "OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023" Il presente documento informativo è redatto al fine di riassumere le principali caratteristiche, i principali rischi e i costi dello strumento

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli 1. I Tassi di interesse Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Strumenti (in generale) Un titolo rappresenta un diritto sui redditi futuri dell emittente o sulle sue attività Un

Dettagli

Il piano d ammortamento (francese) prevede un totale di 20 rate semestrali pari a: D 300.000 a 14, 2888 Il debito residuo dopo 10 semestri sarà:

Il piano d ammortamento (francese) prevede un totale di 20 rate semestrali pari a: D 300.000 a 14, 2888 Il debito residuo dopo 10 semestri sarà: Gli esercizi sono suddivisi per argomenti. A) Piani d ammortamento. ) I esonero 003. Un individuo si accorda per restituire un importo di 300 mila euro mediante il versamento di rate costanti semestrali

Dettagli

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Roma, Giugno 2007 Indice Introduzione Uso del CB: il merito di credito di partenza Uso del CB: entità/qualità

Dettagli

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: Via G. B. Brunelli, 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Iscritta all Albo delle Società Cooperative a Mutualità Prevalente al n. A160602 Capitale

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria Valutazione opzioni Non posso usare le formule di attualizzazione in quanto non riesco a trovare un accettabile tasso a

Dettagli

Rischio di Credito Opzioni, Futures e Altri Derivati (Capitolo 23), 8a ed., Copyright John C. Hull 2011

Rischio di Credito Opzioni, Futures e Altri Derivati (Capitolo 23), 8a ed., Copyright John C. Hull 2011 Rischio di Credito Ratings Secondo Moody s il miglior rating è Aaa, seguito da Aa, A, Baa, Ba, B, Caa, Ca e C. I corrispondenti ratings di S&P e Fitch sono AAA, AA, A, BBB, BB, B, CCC, CC e C. Le obbligazioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Variabile

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Variabile Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Variabile Banca di Anghiari

Dettagli

La struttura a Termine dei Tassi d interesse

La struttura a Termine dei Tassi d interesse La struttura a Termine dei Tassi d interesse Idee fondamentali Il tempo è rischio, quindi 100 domani non valgono 100 oggi. Ergo si deve attualizzare, ossia trovare il valore attuale dei 100 domani. Tuttosi

Dettagli

SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 (Isin XS0512071902)

SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 (Isin XS0512071902) SCHEDA PRODOTTO SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 (Isin XS0512071902) Natura dello strumento finanziario Il titolo SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 è un obbligazione

Dettagli

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO La Cassa di Risparmio di Orvieto, in qualità di Emittente, invita gli investitori a prendere attenta visione della nota informativa, al fine di comprendere i fattori

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA AGRICOLA POPOLARE

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

III SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

III SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA ALPI MARITTIME CREDITO COOPERATIVO CARRU S.C.P.A. in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo Carrù S.c.p.a.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 Lozzo Atestino 35034 PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all Albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 91.022,40 al 31.12.2009

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up Banca di Forlì Credito Cooperativo 12/2007 12/2010

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CHIANTIBANCA TASSO FISSO CHIANTIBANCA 13.12.2012 2022 5,00% TASSO FISSO SEM SOCI ISIN IT0004881170 Le presenti Condizioni Definitive sono state

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria Il costo del capitale è un tasso di attualizzazione Quale tasso di attualizzazione? Il Wacc La stima del costo del

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo Settembre 2013 1 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

La valutazione delle aziende. 4a parte

La valutazione delle aziende. 4a parte La valutazione delle aziende 4a parte 95 Il WACC Il WACC non è né un costo, né un rendimento minimo: è la media ponderata di un costo e di un rendimento minimo. Considerare il WACC un costo può essere

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DEL CHIANTI FIORENTINO E MONTERIGGIONI TASSO FISSO CHIANTIBANCA 02.04.2012 2015 3,75% TASSO FISSO SEMESTRALE ISIN IT0004805682 Le presenti

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

"BNPP OBBLIGAZIONE TASSO MISTO IN USD A 10 ANNI"

BNPP OBBLIGAZIONE TASSO MISTO IN USD A 10 ANNI "BNPP OBBLIGAZIONE TASSO MISTO IN USD A 10 ANNI" Il presente documento informativo è redatto al fine di riassumere le principali caratteristiche, i principali rischi e i costi dello strumento finanziario

Dettagli

Il modello binomiale ad un periodo

Il modello binomiale ad un periodo Opzioni Un opzione dà al suo possessore il diritto (ma non l obbligo) di fare qualcosa. Un opzione call (put) europea su un azione che non paga dividendi dà al possessore il diritto di comprare (vendere)

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 03/04/2012-03/04/2015 A TASSO VARIABILE CON TASSO MINIMO 2,00% Codice ISIN IT0004805302

Dettagli

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione 1/16 TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione SEZIONE III - INFORMAZIONI SULL AAMENTO DELLA GESTIONE valida dal 26 aprile 2010 Dati aggiornati al 31 dicembre

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento 2014 PREMESSA Il presente documento definisce ed illustra

Dettagli

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 Processo per la determinazione dei prezzi degli Strumenti Finanziari - SINTESI - I N D I C E PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 1.- Fasi di applicazione del modello...2

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono le obbligazioni societarie e quali vantaggi offrono?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono le obbligazioni societarie e quali vantaggi offrono? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono le obbligazioni societarie e quali vantaggi offrono? Cosa sono le obbligazioni societarie e quali vantaggi offrono?

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924 Salvo diversa indicazione, tutti i dati riportati sono aggiornati al 30.05.2014 SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924 Quanto segue costituisce

Dettagli

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro)

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) TABELLA 10.1 Titoli di Stato: le caratteristiche principali Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) CTZ (Certificati del Tesoro Zerocoupon) CCT (Certificati di Credito

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Corporate Banking a.a. 2010-2011 (Professor Eugenio Pavarani) La stima del costo del capitale 1 Indice della lezione Il costo del capitale (=

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Firenze 7 e 8 ottobre 2005

Firenze 7 e 8 ottobre 2005 Le Banche Regionali e il Corporate Banking: Esperienze dall Europa Firenze 7 e 8 ottobre 2005 Palazzo Incontri Banca CR Firenze via dei Pucci, 1 Un Modello di Analisi dei Profili Finanziari dell Impresa

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital SA e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

AVVISO n.17336 26 Settembre 2007 MOT DomesticMOT

AVVISO n.17336 26 Settembre 2007 MOT DomesticMOT AVVISO n.17336 26 Settembre 2007 MOT DomesticMOT Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : CAPITALIA dell'avviso Oggetto : DomesticMOT inizio negoziazione obbligazioni "Capitalia" Testo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli