Scheda dei dati di Sicurezza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda dei dati di Sicurezza"

Transcript

1 Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/13 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza/della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Irgafos 168 Deminazione chimica: fosfito di tris(2,4-di-terz-butilfenil) Numero CAS: Numero di registrazione REACH: , Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Usi pertinenti identificati: Stabilizzante Uso n raccomandato: Il prodotto n é stato testato e pertanto n é raccomandato per usi che preveda il contatto con mucose, cute abrasa o sangue; o per usi nei quali sia previsto l'inserimento del dispositivo all'inter del corpo uma. Per informazioni regolatorie dettagliate, si consulti il Documento di Food Contact, disponibile su richiesta Informazioni sul fornitore della scheda di dati di sicurezza Ditta: BASF SE Ludwigshafen GERMANY Indirizzo di contatto: BASF Italia S.p.A. Via Marconato Cesa Mader (MB) ITALY Telefo: Indirizzo Numero telefonico di emergenza International emergency number: Telefo:

2 Pagina: 2/13 SEZIONE 2: Identificazione dei pericoli 2.1. Classificazione della sostanza o della miscela In accordo al Regolamento 1272/2008/CE (CLP) Il prodotto n é soggetto a classificazione in base ai criteri GHS Informazioni da indicare sull'etichetta Globally Harmonized System, EU (GHS) Il prodotto n é soggetto ad etichettatura in base ai criteri GHS Altri pericoli In accordo al Regolamento 1272/2008/CE (CLP) In determinate condizioni le polveri del prodotto so esplosive. SEZIONE 3: Composizione/Informazioni sugli ingredienti 3.1. Sostanze Carattere chimico fosfito di tris(2,4-ditert-butilfenile) Numero CAS: Numero CE: Miscele SEZIONE 4: Misure di primo soccorso 4.1. Descrizione delle misure di pronto soccorso Sostituire gli indumenti contaminati. In caso d'inalazione: Riposo, aria fresca, soccorso medico. In caso di contatto con la pelle: Lavare a fondo con acqua e sapone.

3 Pagina: 3/13 In caso di contatto con gli occhi: Sciacquare a fondo per 15 minuti sotto acqua corrente tenendo le palpebre aperte. In caso di ingestione: Sciacquare la bocca e bere abbondante acqua Principali sintomi ed effetti, sia acuti e che ritardati sintomi: I sintomi e gli effetti ti più importanti so descritti in etichetta (vedi sezione 2) e/o nella sezione 11. Altri sintomi ed effetti importanti n so al momento cosciuti Indicazione della eventuale necessità di consultare immediatamente un medico oppure di trattamenti speciali Trattamento: nel trattamento sintomatico (decontaminazione, funzioni vitali) n so ti antidoti specifici. SEZIONE 5: Misure antincendio 5.1. Mezzi di estinzione Estinguenti adatti: polvere di estinzione, schiuma Mezzi di estinzione n adatti per ragioni di sicurezza: diossido di carbonio Indicazioni supplementari: Evitare di sollevare la polvere del prodotto a causa del pericolo di esplosioni da polvere Pericoli speciali derivanti dalla sostanza o dalla miscela vapori civi Sviluppo di fumi/nebbie. Le sostanze citate posso liberarsi in caso di incendio Raccomandazioni per gli addetti all'estinzione degli incendi Misure particolari di protezione: Usare un apparecchio respiratorio integrato. Ulteriori informazioni: Il pericolo dipende dalle sostanze infiammabili e dalle condizioni dell'incendio. L'acqua contaminata usata per lo spegnimento deve essere eliminata in conformità con le disposizioni legislative locali. SEZIONE 6: Misure in caso di fuoriuscita accidentale 6.1. Precauzioni personali, dispositivi di protezione e procedure in caso di emergenza

4 Pagina: 4/13 Evitare la formazione di polveri. Utilizzare indumenti protettivi personali Precauzioni ambientali Contenere l'acqua inquinata e/o l'acqua di estinzione inquinata. Non immettere nelle fognature, nelle acque di superficie e nelle acque sotterranee Metodi e materiali per il contenimento e per la bonifica Piccole quantità: Raccogliere con mezzi idonei ed eliminare. Grandi quantità: Raccogliere con mezzi che fissa la polvere ed eliminare. Evitare la formazione di polveri Riferimenti ad altre sezioni Le informazioni relative al controllo dell'esposizione/protezione personale e le considerazioni sullo smaltimento so riportate alle Sezioni 8 e 13 SEZIONE 7: Manipolazione e stoccaggio 7.1. Precauzioni per la manipolazione sicura Nel travaso di grosse quantità senza aspiratore, proteggere le vie respiratorie. Protezione antincendio ed antiesplosione: Evitare la formazione di polveri. Evitare l'accumulo di cariche elettrostatiche. Classe d'esplosione delle polveri: Classe d'esplosione delle polveri 2 (valore Kst da 200 a 300 bar m s-1) Condizioni per lo stoccaggio sicuro, comprese eventuali incompatibilità Ulteriori informazioni sulle condizioni di stoccaggio: Conservare i contenitori ermeticamente chiusi in luogo asciutto e fresco Usi finali particolari Per gli usi identificati elencati nella Sezione 1 devo essere osservate le raccomandazioni della Sezione 7 SEZIONE 8: Controllo dell'esposizione/protezione individuale 8.1. Parametri di controllo Componenti con valori limite da rispettare sul posto di lavoro Non è to alcun limite di esposizione professionale Controlli dell'esposizione Equipaggiamento di protezione personale Protezione delle vie respiratorie:

5 Pagina: 5/13 Protezione delle vie respiratorie in caso di deboli concentrazioni o azioni brevi: Filtro per particelle solide e liquide con potere di ritenzione medio (ad es. EN 143 o 149, Tipo P2 o FFP2). Protezione delle mani: Guanti resistenti ai prodotti chimici (EN 374) Materiali idonei anche per contatto diretto e prolungato (Raccomandazioni: fattore di protezione 6, corrispondente a >480 minuti di tempo di permeazione secondo EN 374): per es. nitrilcaucciù, cloroprencaucciù, cloruro di polivinile (PVC) ed altri. Ulteriori indicazioni: le informazioni si basa sui stri test, su dati bibliografici e sulle informazioni dei produttori di guanti o si ricava, per analogia, da sostanze di simile composizione. Bisogna tener presente che, a causa di diversi fattori (ad es. la temperatura), la durata d'uso di un guanto di protezione contro gli agenti chimici può essere in pratica tevolmente inferiore al tempo di permeazione rilevato dai test. A causa della grande molteplicità dei tipi, è opportu osservare le istruzioni d'uso dei produttori. Protezione degli occhi: Occhiali di sicurezza con protezioni laterali (occhiali a gabbia) ( ad es. EN 166) Protezione del corpo: I dispositivi di protezione individuale devo essere scelti sulla base dell' esposizione e del tipo di attività svolta. Misure generali di protezione ed igiene Si devo osservare le consuete misure precauzionali per la manipolazione dei prodotti chimici. Si raccomanda di indossare indumenti da lavoro chiusi. Si devo osservare le consuete misure precauzionali per la manipolazione dei prodotti chimici. SEZIONE 9: Proprietà fisiche e chimiche 9.1. Informazioni sulle proprietà fisiche e chimiche fondamentali Stato fisico: cristalli, polvere Colore: bianco Odore: idore Soglia odore: Nessun dato applicabile disponibile. Valore del ph: 6 (1 %(m), C) (come sospensione) Punto di fusione: C Punto d'ebollizione: n applicabile Punto di infiammabilità: > 150 C (DIN 51584) Velocità di evaporazione: Il prodotto n é volatile. Infiammabilità: n facilmente infiammabile (Direttiva 84/449/CEE, A.10)

6 Pagina: 6/13 Limiti inferiore di esplosione: Non rilevante ai fini della classificazione ed etichettatura di solidi. Limiti superiore di esplosione: Non rilevante ai fini della classificazione ed etichettatura di solidi. Temperatura di accensione: 400 C Tensione di vapore: < 0, hpa (misura) (20 C) Densità: 1,03 g/cm3 (20 C) Solubilità in acqua: (Direttiva 92/69/CEE, A.6) < 0,005 mg/l (20 C) Coefficiente di ripartizione n-ottalo/acqua (log Kow): > 6 (calcolo) (20-25 C) Decomposizione termica: > 350 C Viscosità dinamica: n determinato Pericolo di esplosione: n esplosivo Caratteristiche di comportamento al fuoco: Da valutazioni basate sulla sua struttura, il prodotto n è classificato come comburente Altre informazioni capacità di autocombustione: la sostanza n é soggetta ad autocombustione. Energia minima di accensione: Nessun dato disponibile. Densità apparente: ca. 360 kg/m3 Igroscopia: n applicabile Massa molecolare: 646,93 g/mol Altre informazioni: Se necessario,ulteriori informazioni sui parametri chimico-fisici so riportate in questa sezione. SEZIONE 10: Stabilità e reattività Reattività Nessuna reazione pericolosa se si rispetta le prescrizioni/indicazioni per lo stoccaggio e la manipolazione.

7 Pagina: 7/13 Corrosione dei Non corrosivo per il metallo. metalli: Reazione con l' Reazione con: acqua acqua/l' aria: Gas infiammabili: Gas tossici: Gas corrosivi: Fumo o nebbia: Perossidi: Reazione con: Gas infiammabili: Gas tossici: Gas corrosivi: Fumo o nebbia: Perossidi: aria Formazione di gas infiammabili: Note: In presenza di acqua n si forma gas infiammabili. Temperatura for: 220 C Volume di gas di decomposizione < 5 l/kg specifico: Stabilità chimica Il prodotto è stabile se si rispetta le prescrizioni/indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio Possibilità di reazioni pericolose Pericolo di esplosione da polveri Condizioni da evitare Evitare la formazione di polveri. Evitare il deposito di polveri. Evitare ogni fonte di ignizione: calore, scintille, fiamme libere. Evitare cariche elettrostatiche Materiali incompatibili Materie da evitare: ossidanti forti, acidi forti, basi forti Prodotti di decomposizione pericolosi Prodotti di decomposizione pericolosi: Nessun prodotto di decomposizione pericoloso se si rispetta le prescrizioni per il magazzinaggio e la manipolazione. SEZIONE 11: Informazioni tossicologiche Informazioni sugli effetti tossicologici

8 Pagina: 8/13 Tossicità acuta Dati sperimentali/calcolati: DL50 ratto (orale): > mg/kg DL50 ratto (dermale): > mg/kg (OECD - linea guida 402) Irritazione Dati sperimentali/calcolati: Corrosione/irritazione della pelle coniglio: n irritante. Gravi danni oculari/irritazione oculare coniglio: n irritante. Sensibilizzazione delle vie respiratorie/della pelle Dati sperimentali/calcolati: altro porcelli d'india: n sensibilizzante Mutagenicità sulle cellule germinali Valutazione di mutagenicità: Sulla base degli ingredienti, n c'è il sospetto di un possibile effetto mutage. Dati sperimentali/calcolati: test di Ames negativo Cangerogenicità Valutazione di cancerogenicità: In base ai componenti n è da presumere un effetto canceroge sull'uomo. tossicità riproduttiva Valutazione di tossicità per la riproduzione: I risultati di studi su animali n evidenzia effetti di danneggiamento della fertilità. Tossicità specifica per organi bersaglio (esposizione singola) Valutazione STOT singola: Sulla base dei dati disponibili, n é attesa alcuna tossicità specifica degli organi bersaglio dopo una singola esposizione. Tossicità di dose ripetuta e tossicità specifica per organi bersaglio (esposizione ripetuta) Valutazione della tossicità in seguito a somministrazione ripetuta: Non stati osservati effetti avversi nei test su animali anche dopo esposizione ripetuta.

9 Pagina: 9/13 Pericolo in caso di aspirazione Non é atteso alcun rischio di aspirazione. SEZIONE 12: Informazioni ecologiche Tossicità Valutazione della tossicità acquatica: Con buona probabilità il prodotto n è civo per gli organismi acquatici. Ittiotossicità: CL50 (96 h) > 100 mg/l, Pesci (OECD 203; ISO 7346; 92/69/CEE, C.1) Nessun effetto riscontrato in corrispondenza alla più alta concentrazione sperimentata. La prova è stata effettuata al di sopra della solubilità massima. Invertebrati acquatici: CE50 (24 h) 510 mg/l, Daphnia magna (OECD - linea guida 202, parte 1) Piante acquatiche: CE50 (72 h) > 75,2 mg/l, Scenedesmus sp. (Direttiva 92/69/CEE, C.3) La prova è stata effettuata al di sopra della solubilità massima. Nessun effetto riscontrato in corrispondenza alla più alta concentrazione sperimentata. Microorganismi/Effetti sui fanghi attivi: CE50 (3 h) > 100 mg/l, Fanghi attivi (OECD - linea guida 209) Persistenza e degradabilità Valutazione di biodegradabilità ed eliminazione (H2O): Il prodotto è difficilmente solubile in acqua e pertanto può essere eliminato dall'acqua mediante separazione meccanica in impianti di depurazione idonei. Considerazioni sullo smaltimento: (OECD 301B; ISO 9439; 92/69/EEC, C.4-C) Difficilmente biodegradabile (secondo criteri OECD) Potenziale di bioaccumulo Potenziale di bioaccumulo: Sulla base dei dati disponibili, n é atteso alcun bioaccumulo della sostanza Mobilità nel suolo Valutazione trasporto tra reparti ambientali: Volatilità: La sostanza n evapora nell'atmosfera dalla superficie dell'acqua Risultati della valutazione PBT e vpvb

10 Pagina: 10/13 Secondo l'allegato XIII del Regolamento (EC) N.1907/2006 concernente la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH): Il prodotto n contiene sostanze che soddisfa i criteri PBT (persistente/bioaccumulabile/tossico) o i criteri vpvb (molto persistente/molto bioaccumulabile) Altri effetti civi Il prodotto n contiene sostanze incluse nell'allegato I del Regolamento 2037/2000/EC sulle sostanze che danneggia lo strato di ozo Indicazioni supplementari Ulteriori informazioni di ecotossicità: Non far pervenire il prodotto nell'ambiente in modo incontrollato. SEZIONE 13: Considerazioni sullo smaltimento Metodi di trattamento dei rifiuti Osservando la rmativa locale deve essere avviato ad una discarica controllata oppure ad un idoneo impianto di termodistruzione. Imballaggi contaminati: Gli imballaggi n contaminati posso essere riutilizzati. Gli imballi n bonificabili devo essere eliminati come la sostanza. SEZIONE 14: Informazioni sul trasporto Trasporto via terra ADR Numero ONU: Nome di spedizione appropriato ONU: Classi di pericolo connesso al trasporto: Gruppo d'imballaggio: Pericoli per l'ambiente: Precauzioni speciali per gli utilizzatori RID Numero ONU: Merce n pericolosa ai sensi della rmativa per il trasporto Nessu to Merce n pericolosa ai sensi della rmativa per il trasporto

11 Pagina: 11/13 Nome di spedizione appropriato ONU: Classi di pericolo connesso al trasporto: Gruppo d'imballaggio: Pericoli per l'ambiente: Precauzioni speciali per gli Nessu to utilizzatori Trasporto navale inter ADN Numero ONU: Nome di spedizione appropriato ONU: Classi di pericolo connesso al trasporto: Gruppo d'imballaggio: Pericoli per l'ambiente: Precauzioni speciali per gli utilizzatori: Merce n pericolosa ai sensi della rmativa per il trasporto Nessu to Trasporto in navi da navigazione interna Non valutato Trasporto via mare IMDG Sea transport IMDG Merce n pericolosa ai sensi della rmativa per il trasporto Not classified as a dangerous good under transport regulations Numero ONU: UN number: Not applicable Nome di spedizione UN proper shipping Not applicable appropriato ONU: name: Classi di pericolo connesso Transport hazard Not applicable al trasporto: class(es): Gruppo d'imballaggio: Packing group: Not applicable Pericoli per l'ambiente: Environmental Not applicable hazards: Precauzioni speciali per gli utilizzatori Nessu to Special precautions for user None kwn Trasporto aereo IATA/ICAO Air transport IATA/ICAO

12 Pagina: 12/13 Merce n pericolosa ai sensi della rmativa per il trasporto Not classified as a dangerous good under transport regulations Numero ONU: UN number: Not applicable Nome di spedizione UN proper shipping Not applicable appropriato ONU: name: Classi di pericolo connesso Transport hazard Not applicable al trasporto: class(es): Gruppo d'imballaggio: Packing group: Not applicable Pericoli per l'ambiente: Environmental Not applicable hazards: Precauzioni speciali per gli utilizzatori Nessu to Special precautions for user None kwn Numero ONU Si veda nella tabella sopra i valori di "Numero UN" per le rispettive regolamentazioni Nome di spedizione appropriato ONU Si veda nella tabella sopra i valori di "Nome di spedizione appropriato UN" per le rispettive regolamentazioni Classi di pericolo connesso al trasporto Si veda nella tabella sopra i valori di "Classe(i) di pericolo connesso al trasporto" per le rispettive regolamentazioni Gruppo d'imballaggio Si veda nella tabella sopra i valori di "Gruppo di imballaggio" per le rispettive regolamentazioni Pericoli per l'ambiente Si veda nella tabella sopra i valori di "Pericoli per l'ambiente" per le rispettive regolamentazioni Precauzioni speciali per gli utilizzatori Si veda nella tabella sopra i valori di "Precauzioni speciali per gli utilizzatori" per le rispettive regolamentazioni Trasporto alla rinfusa secondo l'allegato II di MARPOL ed il codice IBC Transport in bulk according to Annex II of MARPOL and the IBC Code regolamento: Non valutato Regulation: Not evaluated Spedizione approvata: Non valutato Shipment approved: Not evaluated sostanza inquinante: Non valutato Pollution name: Not evaluated Categoria d'inquinamento: Non valutato Pollution category: Not evaluated Tipo di nave cisterna: Non valutato Ship Type: Not evaluated SEZIONE 15: Informazioni sulla regolamentazione Norme e legislazione su salute, sicurezza e ambiente specifiche per la sostanza o la miscela

13 Pagina: 13/13 Divieti, restrizioni e autorizzazioni Allegato XVII del Regolamento 1907/2006/CE Le restrizioni previste dal Regolamento CE 1907/2006, Allegato XVII, n si applica per l'uso(i) del prodotto identificato(i) in scheda di sicurezza. In caso si applichi altre informazioni regolatorie che n sia già state menzionate altrove nella scheda di sicurezza, queste so descritte in questa sezione. Riferimenti rmativi (Italia): 1) Regolamento 1272/2008/CE e successivi adeguamenti; 2) Direttiva 2012/18/UE (Seveso III) e D.Lgs 105/2015; 3) D.Lgs. 81/2008 e D.Lgs 152/ Valutazione della sicurezza chimica Valutazione sulla Sicurezza Chimica eseguita SEZIONE 16: Altre informazioni Valutazione delle classi di pericolo in base ai criteri GHS (versione più recente). I dati contenuti all'inter della presente Scheda dei Dati di Sicurezza si basa sulle stre attuali coscenze e dan informazioni relative ad una sicura gestione e manipolazione del prodotto. Il presente documento n é un Certificato di Analisi (CdA), né una scheda tecnica e n costituisce un accordo sulle specifiche del prodotto. Gli usi identificati ivi indicati n costituisco un accordo sulla qualità contrattuale del prodotto della sostanza/miscela, né tantome u specifico uso accordato. E' responsabilità di chi riceve il prodotto garantire che qualsiasi diritto proprietario e legislazioni vigenti sia osservati. Sul margine sinistro i punti esclamativi indica le variazioni rispetto la versione precedente.