Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici. Walter Bertolino

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici. Walter Bertolino"

Transcript

1 Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici Walter Bertolino

2 Patologie ostetriche che si associano alle 3 mutazioni più frequenti Tipo di deficit Patologia gravidica associata Iperomocisteinemia In omozigosi (mutazione C677T della MTHFR) È presente nel 22 % delle gravidanze complicate contro 8% delle non complicate. 1. Aborti ricorrenti precoci 2. Distacco di placenta 3.IUGR 4.Preeclampsia Fattore V Leiden Presente nel 20% delle gravidanze complicate con tro il 6% dei controlli. 1. Aborti ricorrenti 2. Aborti del 2 trimestre 3. Distacco di placenta 4. Preeclampsia 5. MEEF Mutazione protrombina (gene G20210A) Presente nel 10% delle grav. complicate e nel 3% dei controlli 1. Ipertensione gestazionale 2. Distacco di placenta 3.IUGR (da Kupferminc et al., N. Engl. J. Med. 340 (1): 9-13, 1999)

3 Pazienti sottoposte a screening per TROMBOFILIA ( aa ) Anamnesi familiare positiva per : Tromboembolismo venoso Embolia polmonare Infarto Ictus Anamnesi personale positiva per : Tromboembolismo venoso Embolia polmonare Infarto Ictus

4 Pazienti sottoposte a screening per TROMBOFILIA ( aa ) Indicazioni ostetriche: 2 o più aborti 1 MEF IUGR Ipertensione gestazionale Preeclampsia HELLP syndrome Distacco di Placenta Malformazioni fetali

5 Pazienti sottoposte a screening per TROMBOFILIA ( aa ) Tutte le Gravidanze a rischio per : Trombocitemia Trombocitopenia Diabete Trapianto di fegato / rene LES M. di Crohn Connettiviti Ipertensione cronica Talassemia B major Iper ipotiroidismo Epatiti croniche Cirrosi HIV + Linfoma Leucemie etc.

6 Fattori Trombofilici ricercati Mutazioni genetiche Deficit F II ( ) F V Leiden MTHFR ( C6777T ) PAI 1 4g/4g Antitrombina III Proteina S Proteina C

7 Fattori Trombofilici ricercati Omocisteinemia Anticorpi Antifosfolipidi ANA Anticorpi anticardiolipina IgG - IgM Anticorpi anti B2 glicoproteina Anticoagulante Lupico ( LAC ) Anticorpi anti DNA monofilamento Anti RO - SSA Anti LA - SSB

8 Trombofilia ed insuccessi riproduttivi

9 Pazienti arruolate per insuccessi riproduttivi e positive allo screening per Trombofilia: 300 (escluse tutte le pazienti con altra patologia associata)

10 Prevalenza dei fattori Trombofilici nella popolazione studiata F II omozigosi 0,5% F II eterozigosi 10,5% F V omozigosi 1 % F V eterozigosi 12 % totale 24% MTHFR omozigosi 34 % MTHFR eterozigosi 37,5% totale 71,5% PAI1 4g/4g PAI1 4g/5g 37 % 25,5% totale 64,5%

11 Prevalenza dei fattori Trombofilici nella popolazione studiata Deficit Deficit Deficit A III prot. S prot. C 3 % 6,5% 2 % totale 11,5% Anticorpi anticardiolipina 6,5% LAC 1,5% totale 8% Iperomocisteinemia 5% totale 5% Totale : 184,5 % E più facile riscontrare l associazione di 2 fattori e qualche volta anche 3

12 Gravidanze monitorate nelle pazienti con screening positivo: 750 Gravidanze non trattate : 550 Gravidanze trattate : 200 ( ASA 75 EBPM )

13 Esito di 550 gravidanze in pazienti non trattate Aborti 261 (47,5%) MEF 49 IUGR 55 Preeclampsia 39 (7 %) Distacco placenta 17 (3 %) Complicanze 421 (76,5%) (9 %) (10 %) Parti a termine 129/550 (23,5%)

14 Esito di 200 gravidanze in pazienti trattate Aborti 20 (10%) MEF 2 (1%) IUGR 18 (9%) Preeclampsia 0 0% Distacco placenta 2 (1%) Complicanze 42 (21%) Parti a termine 158/200 (79%)

15 Esito di 550 gravidanze in pazienti non trattate Esito di 200 gravidanze in pazienti trattate Aborti ,5% Aborti 20-10% MEF 49 - MEF 2-1% IUGR 55-10% IUGR 18-9% Preeclampsia 39-7% Preeclampsia 0-0% Distacco placenta 17-3% Distacco placenta 2-1% Complicanze ,5% Complicanze 42-21% Parti a termine 129/550 (23,5%) 9% Parti a termine 158/200 (79%)

16 Outcome delle gravidanze in pz non trattate e trattate

17 Fattori Trombofilici presenti nelle MEF MEF 49 casi F II 5% F V 20% 25% MTHFR omozigosi 30% MTHFR eterozigosi 50% PAI1 4g/4g 50% PAI1 4g/5g 15% ACL 20% LAC 10% Casistica generale 65% 30% Deficit prot. S 4% Deficit prot. C 2% 6% 80% F II 11% 24% FV 13% MTHFR (34% - 37,5 %) 71,5% PAI1 (37% - 25,5%) 62,5% ACL LAC 8% Deficit prot. S / C 8,5% Deficit A III 3%

18 Fattori Trombofilici presenti nelle MEF MEF 49 casi F II 5% F V 20% 25% MTHFR omozigosi 30% MTHFR eterozigosi 50% PAI1 4g/4g 50% PAI1 4g/5g 15% ACL 20% LAC 10% Casistica generale 65% 30% Deficit prot. S 4% Deficit prot. C 2% 6% 80% F II 11% 24% FV 13% MTHFR (34% - 37,5 %) 71,5% PAI1 (37% - 25,5%) 62,5% ACL LAC 8% Deficit prot. S / C 8,5% Deficit A III 3%

19 Considerazioni F II e F V sono presenti insieme nella casistica generale e in quella delle MEF con la stessa percentuale del 25%; ma se considerati singolarmente il F II lo troviamo nel 5% ( era nel 10% ) ed il F V nel 20% ( era nel 12% ). Il FV sembra essere un fattore di rischio per MEF più importante del F II Stessa considerazione per LAC ed ACL ( da 8% a 30% ). PAI1 4g/4g continua ad evidenziarsi come fattore di rischio importante, in quanto presente nel 50% dei casi in omozigosi rispetto al 37% dei casi della casistica generale

20 n Aborti tardivi / MEF : 49 casi Prevalenza dei fattori trombofilici per settimane di gestazione Settimane n Aborti tardivi / MEF - Fattori trombofilici FV,MTHFR omo Fv, MTHFR omo, PAI1 4g/4g 8 MTHFR omo PAI1 4g/5g MTHFR etero PAI1 4g/4g MHFR omo,pai1 4g/4g ACL, LAC, MTHFR etero

21 Considerazioni Sembra esistere una finestra in cui la sindrome da Anticorpi Antifosfolipidi gioca un ruolo importante ed è tra la 24^ e la 28^ settimana La mutazione del F V Leiden si conferma come importante fattore di rischio per MEF Sembra emergere un altro fattore di rischio : il PAI1 4g/4g che, nelle MEF, è presente in omozigosi nel 50% dei casi. In eterozigosi nel 15%.

22 Disaggregando i dati per settimana di gestazione, il PAI1 4g/4g sembra avere un ruolo : maggiore fra la 18^ e la 22^ settimana ( 80% dei casi ) minore fra la 28^ e la 36^ ( 50% dei casi ) rilevante nelle MEF a termine ( 75% dei casi, anche come unico fattore di rischio)

23 La mutazione in omozigosi dell MTHFR sembrerebbe casualmente associata alle MEF con una prevalenza del 30% circa ( come nella casistica generale ) Ma anche qui, disaggregando i dati per settimane di gestazione, l omozigosi dell MTHFR appare avere un ruolo: maggiore prima della 18 w ( 16-18w ) essendo presente nel 70% dei casi sempre minore nelle epoche successive - 40% circa quasi irrilevante nelle MEF a termine di Gr (25%)

24 MEF per Settimane MTHFR omozigosi PAI1 4g/4g omozigosi % 80% % 50% > 37 25% 75%

25 Fattori Trombofilici e Preeclampsia ( ipertensione + proteinuria ) 39 casi F II eterozigosi F V eterozigosi Mthfr omozigosi Mthfr eterozigosi PAI1 4G/4G PAI1 4G/5G Deficit Prot. S Deficit Antitrombina III Casistica Generale 10% 15% 25% 50% 25% 25% 12.5% 12.5% 25% F II 24% FV 75% 50% 25% 11% 13% MTHFR (34% - 37,5 %) 71% PAI1 (37% - 25,5%) 62,5% ACL LAC Deficit prot. S / C 8% 8,5%

26 Genotipi maggiormente presenti nelle preeclampsie più severe e precoci Sett. Fattori trombofilici 25 Deficit prot. S 28 ACL - MTHFR etero 28 FV 30 FV 31 F II - MTHFR etero 32 PAI1 4g/4g 35 Deficit prot. S - PAI1 4g/5g - MTHFR etero 35 F V - PAI1 4g/4g - MTHFR etero

27 Genotipi maggiormente presenti nelle HELLP syndrome Sett. Fattori trombofilici 29 MTHFR omo - PAI1 4g/4g 30 MTHFR etero - PAI1 4g/4g 30 F V - PAI1 4g/4g 31 PAI1 4g/4g 31 PAI1 4g/4g

28 Nelle forme di PE più severe e precoci e nelle HELLP syndrome i fattori da noi più frequentemente riscontrati sono : F II, F V, PAI1 4g/4g, ACL ed il Deficit di Prot. S Nelle forme di PE meno severe i fattori da noi più frequentemente riscontrati sono : MTHFR omo, MTHFR etero, PAI1 4g/5g, deficit A

29 Fattori Trombofilici e Distacco intempestivo di Placenta normoinserta 17 casi F V omozigosi F V eterozigosi Mthfr omozigosi Mthfr eterozigosi PAI1 4G/4G PAI1 4G/5G ACL Deficit Prot. C Casistica Generale 18% F II 50% 30% 20% 20% 10% 10% FV 11% 24% 80% 40% 13% MTHFR (34% - 37,5 %) 71% PAI1 (37% - 25,5%) 62,5% ACL LAC 20% Deficit prot. S / C 8% 8,5%

30 Fattori Trombofilici e Distacco intempestivo di Placenta normoinserita Percentuale Fattori Trombofilici M THFR om o; 50% M THFR e te ro; 30% PAI1 4g/4g; 20% PAI1 4g/5g; 20% F V ; 18% 15 De f. Prot. C; 10% ACL; 10% FV MTHFR omo MTHFR etero PAI1 4g/4g PAI1 4g/5g Def. Prot. C ACL

31 Genotipi riscontrati nei casi di distacco di placenta più severi e precoci Sett. Fattori trombofilici 28 F V omozigosi PAI1 4g/5g 28 Deficit prot. C - PAI1 4g/4g 28 MTHFR omozigosi 32 F V - MTHFR omozigosi 32 MTHFR omozigosi - PAI1 4g/4g

32 Considerazioni F II FV PAI1 4g/4g Deficit A III Deficit Prot. S Predisposizione a preeclampsia? FV MTHFR in Omozigosi ACL e deficit prot. C Predisposizione al distacco di placenta?

33 Casi clinici..??!!!

34 Caso 1

35 M.V. Età: 31 aa Anamnesi Familiare : Madre trombofilica: Sindrome anticorpi antifosfolipidi ( diagnosticata dopo TVP arti inferiori a 50 aa e TVP arti superiori dopo qualche anno > recupero totale dopo terapia specifica ) Anamnesi personale: a 20 aa assume contraccettivi orali per 3 aa circa Anamnesi ostetrica: 2005 : (29 aa) aborto a 6 W 2006 : (30 aa) aborto a 10 W 2007 : (31 aa) aborto a 6 W 2007 studio trombofilico evidenzia : - Sindrome anticorpi antifosfolipidi > ACL IgG 74 U.I. (vn < 12) ; LAC + ( confermati a distanza di 8 settimane ) - MTHFR omozigosi PAI 1 4g/5g eterozigosi per entrambi i partner

36 2007 4^ Gravidanza : ASA 100 mg+ EBPM ( dosaggio profilattico ) + Ac. Folico + B12 > Aborto a 7 W ^ gravidanza : ASA 100 mg + EBPM ( dosaggio profilattico ) + Ac. Folico + B12 > Aborto a 8 W ^ Gravidanza : ASA 100 mg + EBPM ( dosaggio intermedio ) + Ac. Folico + B12 Decorso regolare con parto eutocico a 39 W : gr. 3050

37 Caso 2

38 D.F.M. Età: 35aa Anamnesi Familiare : padre deceduto per infarto a 50 aa ; nonna pat.: bypass aorto cor. A 55 aa Anamnesi ostetrica: 2000 : (27aa) Gr a termine con P.S. ; gr : (32aa) MEF a 8 mesi ( IUGR ) gr : (33aa) Aborto interno al 3 mese > RCU > dopo 24 ore TVP arto inf. Sn ( evidenza clinica e al Doppler : safena e femorale sn) trattata con eparina (6000 UI x 2) > seguono 3 Doppler a distanza di tre mesi ciascuno con risoluzione della trombosi Marzo 2008 (35aa) > TIG pos. > minaccia di aborto >Aborto alla 6^ sett.

39 Complicanze della GR sempre più precoci: rapporto con l età? Settembre 2008 > Suggeriamo uno studio trombofilico ( mai effettuato finora malgrado l anamnesi ) che evidenzia : Mutazione F II in eterozigosi MTHFR in eterozigosi PAI 1 4g/4g in omozigosi Siamo in attesa dello studio trombofilico anche del marito

40 COMMENTO Con la combinazione F II in eterozigosi + MTHFR in eterozigosi + PAI 1 4g/4g in omozigosi l esito negativo delle gravidanze diventa sempre più precoce Il rischio di trombosi materna aumenta con l età Malgrado la trombosi complicante la 3^ gravidanza e la MEF nella 2^, nessuno aveva consigliato uno screening per trombofilia

41 Caso 3

42 C.A nata il 17/5/1975. Anamnesi ostetrica : 2004 (29aa) 1^ gr esitata in MEF a 31w > induzione del parto: peso del neonato 1350 gr Anamnesi familiare: la madre aveva avuto una prima gravidanza gemellare con MEF di entrambi i feti al 7^ mese; alla gravidanza successiva : distacco di placenta al 7^ mese > TC con neonato sopravissuto Questa paziente meritava uno screening trombofilico prima della Gravidanza? Probabilmente SI Qualora fosse risultata trombofilica sarebbe rientrata in criteri di profilassi diversi per l anamnesi familiare positiva? La risposta è NO in quanto le linee guida non prevedono nella Gravida trombofilica una profilassi diversa in base all anamnesi familiare

43 La paziente aveva assunto pillola E/P per un anno senza alcun problema. Tale situazione non è da considerarsi sufficiente ad escludere un rischio trombofilico Screening della coppia Genotipo paziente : FV Genotipo coniuge : etero PAI1 4g/4g MTHFR etero PAI1 4g/4g Commento Le linee guida non prevedono alcuna profilassi nei casi di eterozigosi per FV; non considerano gli altri difetti evidenziati ( omozigosi del PAI1) che nella nostra casistica rappresenta un importante fattore di rischio per MEF Nella 2^ gravidanza, in seguito a trattamento con ASA e EBPM, la signora ha partorito spontaneamente a termine di Gr un feto del peso di gr. 3200

44 Caso 4

45 P.L. età: 34 aa 2004 : Giunge al nostro ambulatorio di gravidanza a rischio per consulenza al 6 mese della 1^ gravidanza Anamnesi personale: nulla da segnalare Anamnesi Familiare : padre : TVP + embolia polmonare grave a 50aa ; zia pat.: TVP - 1 cugina paterna deceduta per ictus post partum -1 cugina paterna > TVP post partum Anamnesi ostetrica: Su consiglio del ginecologo curante era stato effettuato uno screening per Trombofilia che aveva evidenziato : F II eterozigosi MTHFR omozigosi PAI 1 4g/5g eterozigosi - deficit prot. S Non era però stata suggerita alcuna profilassi

46 Su nostra indicazione inizia : EBPM a dosaggio profilattico, Folico, B12 A 38 W : ricovero per TVP arto inferiore sn ( vena femorale, iliaca sn, iliaca comune con trombo flottante). Inizia terapia anticoagulante con Eparina e.v. con parziale canalizzazione della vene interessate. Dopo consulto col chirurgo vascolare si decide di espletare il parto tramite T.C. alla 39^ w, previa sospensione dell Eparina 8 ore prima ed applicazione di un filtro cavale. Nascita di feto vivo e vitale, gr Dopo 24 ore rimozione del filtro cavale e ripresa della terapia con Eparina + Coumadin

47 COMMENTO Avrebbe dovuto iniziare prima l Eparina? A quale dosaggio ( profilattico, intermedio)?

48 Caso 5

49 S.M. Età: 38 aa 2004 : ( 34 aa ) 3^ gravidanza al 6 mese, ricovero nella nostra U.O. per TVP arto inf. Sn ( dalla poplitea all iliaca comune ) > EBPM (dosaggio terapeutico) Anamnesi familiare: Nulla da segnalare Anamnesi ostetrica: 1997 : (27 aa) Gr > MEF a 8 mesi 1998 : (28 aa) IUGR > TC all 8 mese al 7 giorno di puerperio TVP arto inf. Dx ( vena poplitea e femorale ) > EBPM e risoluzione

50 Studio Trombofilico in gravidanza : F V omozigosi MTHFR eterozigosi 9/2/2004 : TC a 38 W > gr. 2780, vivo e vitale Prima dell intervento posizionamento di FILTRO CAVALE rimosso dopo 5 gg Commento Nessuno aveva consigliato uno screening né dopo la 1^ MEF né dopo la trombosi avvenuta in puerperio; secondo le linee guida ( FV in omozigosi e pregressa trombosi ) questa paziente avrebbe dovuto essere sottoposta a terapia con dosaggio intermedio di EBPM sin dall inizio della gestazione

51 Caso 6

52 B.F 2005 (27aa) : 1^ Gr La paziente giunge al nostro PS a 28 w per distacco di placenta (dopo essere stata seguita presso altra struttura); viene eseguito un T.C. > neonato gr deceduto dopo 3 settimane Lo Studio Trombofilico evidenzia : F V omozigosi MTHFR eterozigosi PAI1 4g/5g

53 Nel 2007 ( 29 aa) > 2^ gravidanza seguita presso il nostro ambulatorio di Gr a rischio e trattata con ASA e EBPM > TC a 38 w con neonato vivo e vitale Commento L omozigosi del F V rientra nei casi in cui le linee guida consigliano la profilassi primaria con EBPM in gravidanza, ma in questo caso l anamnesi familiare e personale era negativa per cui non vi era nessuna indicazione allo screening nella 1^ Gr

54 Caso 7

55 C. R. Età: 33 aa 2008 : (33 aa) Gravidanza bigemina bicoriale biamniotica con MEF di un feto a 17w Anamnesi ostetrica: 1996 : (21 aa) Aborto interno al 2 mese 1997 : (22 aa) Parto spontaneo gr : (26 aa) Parto spontaneo gr 3200 Anamnesi Familiare : Madre: ictus a 42aa ( 48 ore dopo isterectomia; residuata sordità ) Cugina paterna : episodio di TVP ad entrambi gli arti inferiori a 40 aa

56 Dopo MEF del 1^ gemello : studio trombofilico materno ed inizio terapia con EBPM fino al parto C.R. Madre: F II omozigosi MTHFR eterozigosi PAI1 4g/4g

57 Paziente: Coniuge: F II omozigosi MTHFR eterozigosi MTHFR eterozigosi PAI1 4g/4g PAI 1 4g/4g a 38,4 w parto spontaneo del 2^ feto gr. 3100, vivo e vitale

58 Studio trombofilico eseguito per la prima volta su BIOPSIA del 1^ feto (MEF) C.R. - feto Feto: F II eterozigosi MTHFR eterozigosi PAI1 4g/4g

59 Caso 8

60 F.R. Nata il 17/2/1983. Anamnesi ostetrica: Nel 1999 (16 aa) Aborto interno a 10 w Nel 2003 (20aa) T.C. (podice) > Feto vivo, gr Nel 2004 ( 21aa ) > Aborto interno a 8 w Nel 2004 (21aa) > T.C. a 36 w per IUGR > Feto (xx) vivo gr ma a 18 mesi questa bimba, in pieno benessere, ha una emiparesi sn per trombosi cerebrale Nel 2007 (24aa) > Aborto interno a 8 w Su 5 gravidanze : 3 aborti ed 1 IUGR Nel 2008 giunge alla nostra osservazione desiderosa di altra prole

61 Genotipo della pz : doppia eterozigosi per MTHFR ( A1298C C677T ) Si richiede lo studio del marito: FV Leiden in eterozigosi MTHFR in omozigosi Chiediamo anche quello della bambina affetta da emiparesi: FV Leiden in eterozigosi doppia eterozigosi MTHFR E utile, in casi simili, richiedere anche lo studio Trombofilico del coniuge? Quale profilassi se la paziente ha una comunissima eterozigosi MTHFR ma il marito è portatore di fattori Trombofilici a maggiore rischio? ( FV MTHFR omo )

62 Conclusioni

63 Conclusioni Non è ancora dimostrato che la Trombofilia sia la causa di alcune complicanze della gravidanza, ma le complicanze nelle pazienti trombofiliche sono: Più frequenti Più severe Più precoci Tendono a ripetersi nelle gravidanze successive

64 Conclusioni La paziente trombofilica ha un rischio maggiore di eventi trombotici: In gravidanza Ancora di più in puerperio Ancora di più dopo T.C. Ancora di più se ha fattori di rischio aggiuntivi

65 Conclusioni I difetti trombofilici non hanno tutti la stessa valenza. Alcuni maggiori possono determinare un evento anche in eterozigosi. Altri minori determinano eventi in omozigosi o quando variamente associati fra loro.

66 Conclusioni Alcuni difetti trombofilici sono più frequenti nelle complicanze materne Altri nelle complicanze feto/placentari Negli insuccessi riproduttivi emerge sempre di più un ruolo ancora tutto da definire della Trombofilia Fetale Sarebbero pertanto assai utili ulteriori approfondimenti sulla Trombofilia della coppia

67 Conclusioni Possibili protocolli futuri di profilassi fetale? ( Anticoagulanti orali in casi selezionati? )

68 Grazie

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA

TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA Divisione di Ostetricia e Ginecologia Ospedale V. Cervello Palermo Direttore Dott. Desiderio Gueli Alletti TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA I Corso di Aggiornamento su Trombofilia e Complicanze

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi Le varici in gravidanza: gestione della paziente Le varici in gravidanza sono un evenienza tutt altro che rara. Possiamo ritenerle quasi la regola. Poiché oltre il 70% delle donne durante la gravidanza

Dettagli

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Prof. Valerio De Stefano Dott. Antonio Oliverio Roma 12 aprile 2014 Dott. Antonio Oliverio MMG Roma 12 aprile 2014 screening indagine sanitaria

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Test genetici per evidenziare il rischio di trombolfilia Il Fattore V della coagulazione è un cofattore essenziale per l attivazione della protrombina a trombina. La variante G1691A, definita variante

Dettagli

CARTELLA DELLA GRAVIDANZA

CARTELLA DELLA GRAVIDANZA CARTELLA DELLA GRAVIDANZA Portare tutta la documentazione ad ogni visita ed al ricovero N 20.. Cognome.Nome.... Nata a. il. età.. Residente via/piazza. Comune.. Prov tel/cel.. Professione. Tessera Sanitaria.

Dettagli

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro Emicrania e trombofilie C. Cavestro Perché porsi il problema L emicrania comporta un aumentato rischio di malattie vascolari, in particolare l emicrania con aura 2/3 degli emicranici sono donne, categoria

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

Trombofilia in gravidanza: percorsi diagnostici e terapeutici. Dr. A.Lojacono. Cattedra di Ginecologia e Ostetricia Università degli Studi di Brescia

Trombofilia in gravidanza: percorsi diagnostici e terapeutici. Dr. A.Lojacono. Cattedra di Ginecologia e Ostetricia Università degli Studi di Brescia Trombofilia in gravidanza: percorsi diagnostici e terapeutici Dr. A.Lojacono Cattedra di Ginecologia e Ostetricia Università degli Studi di Brescia TROMBOFILIE CONGENITE IN GRAVIDANZA: SAPPIAMO DAVVERO

Dettagli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA ARCISPEDALE S.ANNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA SEZIONE DI EMATOLOGIA Centro per lo Studio dell Emostasi e della Trombosi Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Dettagli

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza CENNI DI ANATOMIA Il sistema venoso Superficiale Profondo Perforanti DEFINIZIONE

Dettagli

Laboratorio e trombofilia

Laboratorio e trombofilia Laboratorio e trombofilia Cristina Legnani Laboratorio Specialistico di Coagulazione UO Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola Malpighi, Bologna Cremona, 10 Marzo 2017 Quali alterazioni

Dettagli

TROMBOFILIA definizione

TROMBOFILIA definizione 17 novembre 2012 1 TROMBOFILIA definizione 2 i difetti trombofilici non sono malattie 3 TROMBOFILIA 4 TROMBOFILIA EREDITARIA 5 TROMBOFILIA ACQUISITA 6 Negli ultimi anni si è osservata una maggior sensibilità

Dettagli

- Quadri ecografici di aborto - Aborto interno - Aborto completo e incompleto - Cause di aborto sporadico - Cause di aborto ricorrente

- Quadri ecografici di aborto - Aborto interno - Aborto completo e incompleto - Cause di aborto sporadico - Cause di aborto ricorrente - Quadri ecografici di aborto - Aborto interno - Aborto completo e incompleto - Cause di aborto sporadico - Cause di aborto ricorrente redatto da E. Cimmino, G Albano, A. Di Meglio, N. Pacilio L aborto

Dettagli

Decreto Legge 10 settembre 1998

Decreto Legge 10 settembre 1998 Decreto Legge 10 settembre 1998 Protocolli di accesso ad esami di Laboratorio e di Diagnostica strumentale delle donne in stato di gravidanza ed a tutela della maternità (Gazzetta Ufficiale 20 ottobre

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri

La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri Dr. V. Agnello, Dr. P. Di Gaetano, Dr. V. Guaiana, Dr. V. Sparacino Taormina, 15 aprile 2011 CONTATTI SCHEDA DATI 10 anni (1977-1987)

Dettagli

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Dr. Luciano DI Mauro ANGIOLOGIA A.S.P. 3 Catania Corso di formazione ECM Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della relativa scheda di

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA. PORDENONE, 20 Aprile 2001

EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA. PORDENONE, 20 Aprile 2001 EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA P.F. Tropeano Pronto soccorso e Medicina d Urgenza Azienda Ospedaliera S.M. degli Angeli Pordenone PORDENONE, 20 Aprile 2001

Dettagli

I CONTRACCETTIVI ORMONALI: NOTIZIE IN PILLOLE

I CONTRACCETTIVI ORMONALI: NOTIZIE IN PILLOLE I CONTRACCETTIVI ORMONALI: NOTIZIE IN PILLOLE COME FUNZIONANO: L EFFETTO CONTRACCETTIVO I contraccettivi ormonali sono farmaci generalmente contenenti estrogeni (o derivati) e progestinici di diverso tipo

Dettagli

La Malattia Tromboembolica Venosa

La Malattia Tromboembolica Venosa La Malattia Tromboembolica Venosa Dr. Angelo Ghirarduzzi Responsabile SSD Angiologia Dpt di Medicina Interna e Specialita Mediche ASMN Reggio Emilia 09.12.09 Il Tromboembolismo Venoso LE TROMBOFILIE EREDO-

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

TROMBOFILIA EREDITARIA

TROMBOFILIA EREDITARIA TROMBOFILIA EREDITARIA Le trombofilie ereditarie (predisposizione genetica alla trombosi) sono un gruppo di patologie caratterizzate dalla tendenza a soffrire di episodi trombotici. Si ha un evento trombotico,

Dettagli

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania ASP-CT Corso di Formazione Aziendale Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della scheda di valutazione: integrazione Ospedale-Territorio INDAGINI DI LABORATORIO NEL RISCHIO TROMBOEMBOLICO Carmelita

Dettagli

La diagnosi prenatale presso l'ospedale Val d'elsa

La diagnosi prenatale presso l'ospedale Val d'elsa AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE U.O.C. Genetica Medica AZIENDA USL 7 DI SIENA U.O. Ginecologia e Ostetricia Val d'elsa La diagnosi prenatale presso l'ospedale Val d'elsa Cristina Ferretti Indicazioni

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA Dr.ssa FEDERICA GIOMMI Milano Marittima 5 Giugno 2010 www.centroaretusa.it Preeclampsia Preeclampsia : 2% delle gravidanze,

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

Che cos è la fibrosi cistica

Che cos è la fibrosi cistica La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

Test genetico Trombofilia: un buon percorso diagnostico può proteggere da una cattiva circolazione.

Test genetico Trombofilia: un buon percorso diagnostico può proteggere da una cattiva circolazione. medicina classica e molecolare T R O M B O F I L I A Test genetico Trombofilia: un buon percorso diagnostico può proteggere da una cattiva circolazione. Pensai a quanti luoghi qualcuno ha nel sangue e

Dettagli

Il test combinato del primo trimestre:

Il test combinato del primo trimestre: CORSO DI ECOGRAFIA CLINICA: SCREENING DEL I TRIMESTRE e SCREENING GINECOLOGICO PRECHIRURGICO Il test combinato del primo trimestre: interpretazione e gestione del referto A.Visentin M.Segata Azienda USL

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI Parto e Diabete Timing del parto Modalità del parto Timing del parto pretermine a termine Modalità del parto Travaglio spontaneo Induzione

Dettagli

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici LABORATORIO ANALISI CLINICHE K.R.A.S.I. srl Via Annone,1 00199 Roma Tel. 06 86 06 414 fax. 06 86 38 43 71 Direttore: Dott. Giovanni Finazzi Agrò Laboratorio Analisi Cliniche K.R.A.S.I srl diretto dal Dott.re

Dettagli

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano della sensibilizzazione Rhesus Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano Esami Ricerca degli anticorpi irregolari Al primo controllo della gravidanza Gruppo

Dettagli

IL TAGLIO CESAREO. Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo

IL TAGLIO CESAREO. Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo IL TAGLIO CESAREO ELETTIVO: INDICAZIONI Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo Marcella Falcieri 2011 TAGLIO CESAREO ELETTIVO INDICAZIONI DA EBM/EBO LG ISS 2011 RCOG 2011 REALTA ASSISTENZIALE Tasso

Dettagli

DIABETE IL MONITORAGGIO OSTETRICO

DIABETE IL MONITORAGGIO OSTETRICO UPDATE Diabete in Gravidanza Cesena 10 Aprile 2010 DIABETE IL MONITORAGGIO OSTETRICO Dott.ssa Mirella Guazzarini CLASSIFICAZIONE W.H.O. (World Health Oraganization) DIABETE Pregravidico DIABETE Gestazionale

Dettagli

DIAGNOSI di GRAVIDANZA

DIAGNOSI di GRAVIDANZA DIAGNOSI di GRAVIDANZA Anamnesi ed Esame Obiettivo Generale Segni di Gravidanza ed danamnesi Ostetrica t Esame Ostetrico Esami di laboratorio Ecografia Segni di Gravidanza SEGNI DI PROBABILITÀ amenorrea

Dettagli

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine ECOGRAFIA FETO NUMERO e VITALITA CORIONICITA AMBIENTE FETALE ACCRESCIMENTO MORFOLOGIA e FUNZIONALITA PLACENTA LOCALIZZAZIONE FUNZIONALITA

Dettagli

IPOTIROIDISMO i dubbi

IPOTIROIDISMO i dubbi IPOTIROIDISMO i dubbi Dr. Giuseppe Polizzi Dr.ssa Michela Dal Pont Appropriatezza in patologia tiroidea Belluno, 30 settembre - 1 ottobre 2011 CASO CLINICO Amalia Donna di 39 anni ANAMNESI FAMILIARE: La

Dettagli

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98)

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98) IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 400 Prestazioni prescrivibili per la donna 89.26.2 VITA GINECOLOGICA DI CONTROLLO. Incluso: eventuale rimozione di dispositivo contraccettivo intrauterino, eventuale rimozione

Dettagli

PraenaTest. Esame non invasivo delle trisomie nel feto. Qualità dall Europa ORA NUOVO. Brochure informativa per gestanti

PraenaTest. Esame non invasivo delle trisomie nel feto. Qualità dall Europa ORA NUOVO. Brochure informativa per gestanti ORA NUOVO PraenaTest express Esito in 1 settimana PraenaTest Qualità dall Europa Esame non invasivo delle trisomie nel feto Brochure informativa per gestanti Care gestanti, Tutti i futuri genitori si chiedono

Dettagli

La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale

La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale Bertinoro, 19 Ottobre 2013 Eva Pompilii eva_pompilii@yahoo.it Limiti attuali del Non invasive Prenatal Testing/ Non Invasive Prenatal

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ 1 Frequenza delle anomalie cromosomiche alla nascita in funzione dell età materna anomalie/1000 nati 40 35 30 25 20 15 10

Dettagli

SINDROME DA ANTICORPI ANTI-FOSFOLIPIDI

SINDROME DA ANTICORPI ANTI-FOSFOLIPIDI SINDROME DA ANTICORPI ANTI-FOSFOLIPIDI Malattia caratterizzata da trombosi arteriose e/o venose ricorrenti, aborti ripetuti, trombocitopenia,, in associazione a titoli medio-alti di anticorpi anti-fosfolipidi

Dettagli

TromboEmbolismo Venoso

TromboEmbolismo Venoso TromboEmbolismo Venoso Fattori di Rischio Emilio Santoro UOC Medicina Casentino TEV: FATTORI DI RISCHIO Il rischio individuale di tromboembolia venosa varia in misura rilevante ed è il risultato dell

Dettagli

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Camposampiero 6 Marzo -- 2015 La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Prof. Cesario Bellantuono Ambulatorio Specialistico DEGRA Disturbi Affettivi in Gravidanza e Puerperio Ancona -Rimini

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

UN CASO DI TROMBOSI VENOSA RECIDIVANTE: SOLO INERZIA TERAPEUTICA? Montevarchi 8 Aprile 2017

UN CASO DI TROMBOSI VENOSA RECIDIVANTE: SOLO INERZIA TERAPEUTICA? Montevarchi 8 Aprile 2017 UN CASO DI TROMBOSI VENOSA RECIDIVANTE: SOLO INERZIA TERAPEUTICA? Montevarchi 8 Aprile 2017 Dott.ssa Maria Silvia Montini Dott.ssa Simona Brancati Dott. Rinaldo La Vecchia Medicina interna I ASL area vasta

Dettagli

SOMMARIO. -Introduzione pag.2. -Il Fenomeno della Coagulazione...pag.5. -Mutazione del Gene della Protrombina.. pag.13

SOMMARIO. -Introduzione pag.2. -Il Fenomeno della Coagulazione...pag.5. -Mutazione del Gene della Protrombina.. pag.13 SOMMARIO -Introduzione pag.2 -Il Fenomeno della Coagulazione...pag.5 -Mutazione del Gene della Protrombina.. pag.13 -Mutazione del Fattore V (Leiden)..pag.14 -Cap.I:Trombofilìa Congenita e Gravidanza pag.20

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

ASSISTENZA PERINATALE

ASSISTENZA PERINATALE ASSISTENZA PERINATALE ALESSANDRO VOLTA Responsabile Assistenza Neonatale Ospedale di Montecchio Emilia (RE) ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo Allegato III Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo 39 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 40 Paragrafo 4.1. Indicazioni terapeutiche

Dettagli

Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica. Dottor Roberto Cionini

Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica. Dottor Roberto Cionini Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica Dottor Roberto Cionini A cosa deve fare attenzione il Pediatra di Famiglia in un bambino nato da madre diabetica. ANOMALIE NEL FETO INDOTTE

Dettagli

LA TEA CAROTIDEA NEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO ACUTO: PERCHE E QUANDO DOTT. FULVIO D ANGELO

LA TEA CAROTIDEA NEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO ACUTO: PERCHE E QUANDO DOTT. FULVIO D ANGELO LA TEA CAROTIDEA NEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO ACUTO: PERCHE E QUANDO AZIENDA OSPEDALIERA G. SALVINI DOTT. FULVIO D ANGELO Garbagnate Milanese DEFINIZIONE ICTUS ISCHEMICO ACUTO E UN A TERMINOLOGIA GENERICA

Dettagli

1. Acido folico e prevenzione

1. Acido folico e prevenzione 1. Acido folico e prevenzione dei difetti del tubo neurale e di altre malformazioni congenite Renata Bortolus Azienda Ospedaliera Istituti Ospitalieri di Verona, Verona Dottorato in Scienze dell Educazione

Dettagli

Percorso clinico ed assistenziale dell Ambulatorio Rene e Gravidanza

Percorso clinico ed assistenziale dell Ambulatorio Rene e Gravidanza Percorso clinico ed asstenziale dell Ambulatorio Rene e Gravidanza Linda Gammaro, Eugenio Biondaro, Alex Cosaro, Vincenzo Cosentini, Lamberto Oldrizzi, Debora Balestreri, Francesca Lazzari, Patrizia Ro,

Dettagli

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA Di cosa parleremo? Potrò concepire e avere figli come tutte le altre persone? Influenza della gravidanza sul decorso della malattia e influenza

Dettagli

Legga le informazioni che seguono e poi risponda alla domanda:

Legga le informazioni che seguono e poi risponda alla domanda: La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

Diagnosi invasiva delle anomalie fetali: dall amniocentesi alla villocentesi

Diagnosi invasiva delle anomalie fetali: dall amniocentesi alla villocentesi Diagnosi invasiva delle anomalie fetali: dall amniocentesi alla villocentesi Gianluigi Pilu Clinica Ginecologica e Ostetrica, Università di Bologna GynePro Medical Centers Bologna, Italy Amniocentesi e

Dettagli

La gravidanza patologica nelle donne immigrate

La gravidanza patologica nelle donne immigrate La gravidanza patologica nelle donne immigrate Linda Gammaro Ospedale di San Bonifacio (Verona) Taormina, 15 e 16 aprile 2011 Madrugada ( Guinea Bissau) 11 marzo 2011 Mortalità materna nei Pesi poveri

Dettagli

RISK MANAGEMENT DEL PAZIENTE A RISCHIO TROMBOEMBOLICO

RISK MANAGEMENT DEL PAZIENTE A RISCHIO TROMBOEMBOLICO PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E UTILIZZO DELLA RELATIVA SCHEDA DI VALUTAZIONE: INTEGRAZIONE OSPEDALE-TERRITORIO RISK MANAGEMENT DEL PAZIENTE A RISCHIO TROMBOEMBOLICO ACIREALE 7 DICEMBRE 2013 GENERALITA

Dettagli

SCREENING PRENATALE ED ESAMI DIAGNOSTICI PRENATALI

SCREENING PRENATALE ED ESAMI DIAGNOSTICI PRENATALI SCREENING PRENATALE ED ESAMI DIAGNOSTICI PRENATALI Opuscolo elaborato delle Ostetriche Territoriali e validato dal DMI. Gli argomenti trattati in questa breve dispensa, possono aiutare i futuri genitori

Dettagli

VISITA PRE-CONCEZIONALE

VISITA PRE-CONCEZIONALE VISITA PRE-CONCEZIONALE Avete deciso che è arrivato il momento giusto di avere un bambino è avete già iniziato a prepararvi anche emotivamente al coinvolgimento necessario e all impegno a lungo termine

Dettagli

Donatrice: Cognome Nome. Partner: Cognome Nome

Donatrice: Cognome Nome. Partner: Cognome Nome PARTE A Donatrice: Cognome Nome Partner: Cognome Nome ANAMNESI FAMILIARE a) Le informazioni anamnestiche su partner e genitori di entrambi sono disponibili? (esempio: fecondazione eterologa, adozione):

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

TALASSEMIA INTERMEDIA: casi clinici. Melania Serra Centro Microcitemie-Pediatria Ospedale San Luigi Gonzaga Orbassano (TO)

TALASSEMIA INTERMEDIA: casi clinici. Melania Serra Centro Microcitemie-Pediatria Ospedale San Luigi Gonzaga Orbassano (TO) TALASSEMIA INTERMEDIA: casi clinici Melania Serra Centro Microcitemie-Pediatria Ospedale San Luigi Gonzaga Orbassano (TO) Talassemia intermedia: definizione Anemia a esordio tardivo (sopra i 2 anni di

Dettagli

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98)

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98) IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 400 Prestazioni prescrivibili per la donna 89.01 ANAMNE E VALUTAZIONE, DEFINITE BREVI Storia e valutazione abbreviata, Visita successiva alla prima Consulenza ginecologica -

Dettagli

A.I.E.O.P. Gruppo Immunodeficienze primitive

A.I.E.O.P. Gruppo Immunodeficienze primitive A.I.E.O.P. Gruppo Immunodeficienze primitive Mod.1.01 SCHEDA DI REGISTRAZIONE Questa scheda deve essere compilata ed inviata al più presto per ogni paziente affetto da XLA, CGD, CVID, THI, WAS, AAR. Centro

Dettagli

Il test del 1 trimestre (1.-TT) Informazioni per i genitori

Il test del 1 trimestre (1.-TT) Informazioni per i genitori Il test del 1 trimestre (1.-TT) Informazioni per i genitori Cari genitori Voi decidete! Questa brochure è stata redatta per darvi informazioni importanti sul test del 1 trimestre (1.-TT). La decisione

Dettagli

ALLEGATO 1 - II parte

ALLEGATO 1 - II parte CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DELLE MALATTIE - ICD-9-CM MALATTIE E CONDIZIONI CHE DANNO DIRITTO ALL'ESENZIONE DALLA PARTECIPAZIONE AL Codice Definizione di malattia Codice esenzione 394 MALATTIE DELLA

Dettagli

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Regione Provincia Comune Sezione 1 - INFORMAZIONI ANAGRAFICHE del PAZIENTE

Dettagli

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde Fiumicino, 19 dicembre 2015 Parte terza Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde www.cos.it/mediter Trombosi venosa profonda Ricerca Dynamed: Deep vein Thrombosis (DVT) Tipi

Dettagli

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari Dia 1 Quando parliamo di diabete in gravidanza, dobbiamo distinguere : il Diabete di tipo 1, il Diabete di tipo 2, la ridotta tolleranza glucidica preesistenti alla gravidanza, oppure tutte quelle alterazioni

Dettagli

TROMBOFILIE EREDITARIE

TROMBOFILIE EREDITARIE WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ TROMBOFILIE EREDITARIE La trombofilia identifica una tendenza a sviluppare trombosi conseguenti ad alterazioni del sistema coagulativo o fibrinolitico su base ereditaria o acquisita

Dettagli

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO REGIONE VENETO OSSERVATORIO REGIONALE PER LA PATOLOGIA IN ETÀ PEDIATRICA CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO Regione Istituto/Azienda Ospedaliera Azienda USL Comune di evento Sezione Generale COGNOME della

Dettagli

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI DIABETE E GRAVIDANZA SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI ALESSANDRO VOLTA Alessandro.Volta@ausl.re.it ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES)

LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES) LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES) A cura della Dottoressa Susanna Peccatori UO Reumatologia Ospedale Santa Chiara Trento La parola lupus fu utilizzata in passato per indicare malattie della pelle che determinano

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE.

PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE. PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE. PREMESSE. 1) Il progressivo sviluppo delle conoscenze e delle tecniche assistenziali

Dettagli

Linee guida per l assegnazione del codice Presente all Accettazione - PAA

Linee guida per l assegnazione del codice Presente all Accettazione - PAA Allegato 3 Linee guida per l assegnazione del codice Presente all Accettazione - PAA Edizione aggiornata Tradotto e adattato da: Centers for Medicare and Medicaid Services (CMS) and National Center for

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE. Bari, 7-10 novembre 2013 TAKE HOME MESSAGES. Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari

DIABETE GESTAZIONALE. Bari, 7-10 novembre 2013 TAKE HOME MESSAGES. Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari DIABETE GESTAZIONALE TAKE HOME MESSAGES Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari DIABETE GESTAZIONALE Ridotta tolleranza al glucosio insorta o diagnosticata in

Dettagli

Malattie Reumatiche e Gravidanza

Malattie Reumatiche e Gravidanza Malattie Reumatiche Autoimmuni e Gravidanza Dipartimento Medico Specialistico Unità Operativa Complessa di Reumatologia Direttore: Prof. Marcello Govoni Malattie Reumatiche e Gravidanza Cosa è utile sapere

Dettagli

CASO CLINICO EMBOLIA POLMONARE. Dr. Ermanno Angelini

CASO CLINICO EMBOLIA POLMONARE. Dr. Ermanno Angelini CASO CLINICO Dr. Ermanno Angelini ANAMNESI PZ. ANNI 78,SESSO FEMMINILE. FUMATRICE(20 SIGARETTE AL GIORNO). IPERTESA (ENALAPRIL 20mg/die). NO INTERVENTI CHIRURGICI. VITA SEDENTARIA PER MOLTE ORE DEL GIORNO.

Dettagli

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo Azienda USL Valle d Aosta Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo In Italia e in Valle d Aosta, il parto cesareo (PC) riguarda ormai un caso di parto su tre.

Dettagli

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Congresso Anep Italia 9 e 10 Giugno 2001 Palazzo delle Stelline, Milano Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Relazione della Dott. ssa Francesca Malatacca

Dettagli

Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel

Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel complesso tessuto con funzione di riempimento, sostegno

Dettagli

FORMULARIO TERAPEUTICO DELLA PAZIENTE

FORMULARIO TERAPEUTICO DELLA PAZIENTE FORMULARIO TERAPEUTICO DELLA PAZIENTE Per un trattamento efficace e fondamentale avere l informazione accurata, che consente ai nostri medici di scegliere la strategia terapeutica piu adatta ad ogni paziente.

Dettagli

Radiazioni e gravidanza

Radiazioni e gravidanza Treviso 24.11.2011 Radiazioni e gravidanza G.Bracalente gbracalente@ulss.tv.it Unita Operativa Semplice DIAGNOSI PRENATALE ED ECOGRAFIA OSTETRICA Dir. Dott.ssa G.Bracalente Unità Operativa Complessa GINECOLOGIA

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostetricia e medicina feto-materna Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostetricia e medicina feto-materna Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostetricia e medicina feto-materna Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Sommario Introduzione Informazioni minime sulla genetica e sulla possibilità

Dettagli

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER LA SITUAZIONE ATTUALE IN ITALIA La formazione specialistica nell ambito delle malattie emorragiche e tromboemboliche

Dettagli

Prof. Luigi Fedele Prof. Giorgio Bolis D.ssa Alessandra Kustermann

Prof. Luigi Fedele Prof. Giorgio Bolis D.ssa Alessandra Kustermann Percorso nascita in CLINICA MANGIAGALLI - Milano Schede di Dimissione Ospedaliera e del Certificato di Assistenza al Parto 2009 e 2010 DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO

Dettagli

TVP: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Valter Camesasca

TVP: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Valter Camesasca TVP: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Valter Camesasca SOSPETTO di TVP EDEMA A RAPIDA INSORGENZA DOLORE IMPOTENZA FUNZIONALE Incidenza annua: 1-2 ogni 1000 abitanti DIAGNOSI TVP Score di Wells EcoColordoppler

Dettagli

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE Il Bilancio di Salute è il risultato dell incontro tra la donna e il professionista che segue la sua gravidanza. Durante tale incontro la donna fornisce tutte le informazioni sulla sua

Dettagli

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre più di non conoscere, nell avvedersi di saper sempre meno,

Dettagli

Ruolo della tromboprofilassi in donne con aborto ricorrente: outcome delle successive gravidanze e terapie a confronto

Ruolo della tromboprofilassi in donne con aborto ricorrente: outcome delle successive gravidanze e terapie a confronto Università degli Studi di Roma La Sapienza I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA DIPARTIMENTO DI GINECOLOGIA E OSTETRICIA Ruolo della tromboprofilassi in donne con aborto ricorrente: outcome delle successive

Dettagli