Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005"

Transcript

1 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3 milioni di Euro, +13% su base annua Crescita degli abbonati: 1,48 milioni di abbonati ADSL, +160 mila nuovi clienti nel trimestre Crescita della profittabilità: Risultato Operativo Lordo (EBITDA) nel trimestre pari a 31,7 milioni di Euro (17% dei ricavi) (+ 25% su base annua) Risultato Operativo Lordo (EBITDA) nei 9 mesi pari a 84,1 milioni di Euro (16% dei ricavi) (+85% su base annua) I risultati economico finanziari del Gruppo Tiscali ed i dati storici di confronto contenuti nel presente comunicato sono stati redatti secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS e sulla base di un perimetro di Gruppo omogeneo, che include le partecipazioni in Italia, Regno Unito, Germania, Olanda, Repubblica Ceca e TiNet IP. Cagliari, 10 novembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione riunitosi oggi ha esaminato e approvato i risultati relativi al terzo trimestre concluso il 30 settembre Andamento economico I ricavi del Gruppo nel trimestre si attestano a 185,7 milioni di Euro, in crescita del 16% rispetto al dato registrato nel terzo trimestre del Nei primi nove mesi del 2005 il Gruppo Tiscali ha registrato ricavi per 539,3 milioni di Euro, in crescita del 13% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente (479,4 milioni di Euro). L incremento del fatturato è attribuibile al segmento accesso ed alla forte crescita del fatturato nel Regno Unito. All interno del segmento accesso continua la crescita dei ricavi ADSL che, attestandosi a 90,6 milioni di Euro risultano in crescita del 45% rispetto al terzo trimestre 2004 e del 12% rispetto secondo trimestre Tel Tiscali S.p.A. Sa Illetta Cagliari Italy

2 Nei nove mesi i ricavi ADSL sono pari a 237,1 milioni di Euro, con un peso del 59% circa sul totale ricavi da accesso, e una crescita del 58% rispetto ai primi nove mesi del 2004 (150,3 milioni di Euro, con un incidenza del 44% sui ricavi accesso). I nuovi clienti ADSL attivati nel terzo trimestre ammontano a circa 160 mila, portando il numero totale degli abbonati ADSL al 30 settembre 2005 a oltre 1,48 milioni (+8% rispetto al 30 giugno 2005). Il dato è al netto della cessione a KPN di circa 60 mila utenti ADSL in modalità wholesale da parte della controllata olandese a fine luglio 2005) clienti sono in modalità unbundling. I ricavi dial-up del trimestre si attestano a 48,7 milioni di Euro, contro i 57,7 del terzo trimestre Tale contrazione riflette la migrazione dell utenza dial-up verso la modalità ADSL. In particolare, si registra una diminuzione dell incidenza dei ricavi dialup sui ricavi d accesso, che passa dal 48% del settembre 2004 al 41% circa di fine settembre Gli utenti attivi dial-up ammontano a circa 3,38 milioni, in leggera contrazione rispetto al dato registrato a fine giugno 2005 anche a causa della stagionalità che caratterizza il terzo trimestre. Nei primi nove mesi dell esercizio i ricavi dial-up sono pari a 164,9 milioni di Euro, in flessione (-16%) rispetto ai 195,1 milioni di Euro dello stesso periodo del I ricavi voce nel trimestre ammontano a 21,6 milioni di Euro (12% dei ricavi totali), contro i 21,5 milioni di Euro (13% dei ricavi totali) registrati nel terzo trimestre Il risultato sostanzialmente stabile di tale linea di business, non riflette ancora la rifocalizzazione dell offerta voce tradizionale verso i servizi voce su IP che presentano una maggiore redditività. I ricavi nei primi nove mesi del 2005, sono pari a circa 65,6 milioni di Euro (12% sui ricavi totali), in contrazione (-6%) rispetto ai 69,6 milioni di Euro (15% sui ricavi totali) del 30 settembre La riduzione dei ricavi del segmento è stata peraltro in parte controbilanciata dall offerta dei servizi bundled, accesso e voce in modalità Code Pre Selection (CPS). I ricavi derivanti dai servizi per le aziende nel trimestre sono pari a 16,8 milioni di Euro (9% dei ricavi totali), in crescita del 49% rispetto agli 11,3 milioni di Euro (7% dei ricavi totali) del terzo trimestre 2004, grazie ad una rifocalizzazione commerciale dell offerta business. I ricavi nei nove mesi si attestano a 45,3 milioni di Euro (8% dei ricavi totali) in crescita del 19% rispetto ai 38,1 milioni di Euro (8% dei ricavi) registrati nei primi nove mesi del I ricavi da media e servizi a valore aggiunto nel trimestre si attestano a 6,4 milioni di Euro (3% dei ricavi totali), in flessione rispetto ai 7,6 milioni di Euro (5% dei ricavi totali) dello stesso periodo dell esercizio precedente. 2

3 Nei primi nove mesi dell esercizio i ricavi ammontano a circa 21 milioni di Euro (4% del totale ricavi) in contrazione rispetto ai 22 milioni di Euro (5% del totale ricavi) registrati a fine settembre Andamento per area geografica nei primi nove mesi dell esercizio I ricavi in Italia ammontano complessivamente a 143,7 milioni di Euro con una crescita del 3% rispetto ai primi nove mesi del Gli utenti ADSL al 30 settembre 2005 sono circa 257 mila, di cui circa 60 mila in modalità ULL. Il prodotto d accesso ADSL a 1,2 Mb/s e voce a 19,95 Euro, lanciato nel corso del secondo trimestre, è stato il traino della crescita degli utenti ADSL. La rete unbundling a fine settembre ha raggiunto una copertura di oltre il 30% del mercato potenziale ADSL in Italia. L Italia, chiude i primi nove mesi con un risultato operativo lordo, prima degli ammortamenti e svalutazioni (EBITDA), positivo per circa 16 milioni di Euro (11% dei ricavi), più che triplicato rispetto ai 4,8 milioni di Euro al 30 settembre 2004 (3% dei ricavi). Il maggior contributo ai ricavi del Gruppo nei primi nove mesi proviene dalla controllata operante nel Regno Unito che, con 231,2 milioni di Euro di ricavi, registra una crescita del 25% rispetto allo stesso periodo del 2004 (184,3 milioni di Euro) grazie alla crescita degli utenti ADSL, che raggiungono 764 mila unità a fine settembre Il risultato operativo lordo prima degli ammortamenti e svalutazioni (EBITDA) realizzato dalla controllata nel Regno Unito è positivo per 38,2 milioni di Euro e pari al 17% dei ricavi, in crescita del 32% rispetto ai 28,9 milioni di Euro al 30 settembre 2004 (16% dei ricavi). Al 30 settembre la controllata operante in Olanda registra ricavi per circa 84,1 milioni di Euro, in crescita del 26% rispetto ai primi nove mesi del 2004 (67 milioni di Euro). Il dato dei ricavi include l incasso derivante dalla cessione a KPN di circa 60 mila utenti ADSL in modalità wholesale, portata a termine nel corso del trimestre. Gli utenti ADSL in modalità unbundling, sono 227 mila, al netto degli utenti ceduti. L Olanda registra un risultato operativo lordo prima degli ammortamenti e svalutazioni (EBITDA) di 29,8 milioni di Euro (35% dei ricavi), in crescita del 66% rispetto ai 17,9 milioni di Euro del 30 settembre 2004 (27% dei ricavi). Le controllate in Germania generano ricavi per oltre 63,4 milioni di Euro, in contrazione (-13%) rispetto al risultato registrato nei primi nove mesi dell esercizio 2004 (70,7 milioni di Euro). Il decremento è stato determinato dalla cancellazione dei prodotti a marginalità ridotta e dalla conseguente riduzione degli utenti ADSL che, a fine settembre, sono 216 mila. Le motivazioni di tale contrazione risiedono nelle caratteristiche del mercato tedesco che, con un offerta di servizi ADSL principalmente in modalità wholesale, hanno indotto a rallentare le spese di marketing. La cancellazione dei prodotti a marginalità negativa, soprattutto nel segmento dei servizi 3

4 alle imprese, unita alla continua riduzione dei costi operativi, ha determinato il miglioramento del risultato operativo lordo. Nei primi nove mesi dell anno il risultato operativo lordo prima degli ammortamenti e svalutazioni (EBITDA) è infatti positivo per 1,9 milioni di Euro (3% dei ricavi). Tale risultato al 30 settembre 2004 era pari a 0,5 milioni di Euro Il Risultato Operativo Lordo (EBITDA), prima degli accantonamenti a fondi rischi, svalutazioni e ammortamenti, nel terzo trimestre 2005 è stato pari a 31,7 milioni di Euro (17% dei ricavi), in crescita del 25% rispetto ai 25,4 milioni di Euro nel terzo trimestre 2004 (16% dei ricavi). Il Risultato Operativo Lordo dei primi nove mesi è pari a 84,1 milioni di Euro in crescita dell 85% rispetto alla performance realizzata nello stesso periodo dell esercizio 2004 (45,5 milioni di Euro). In termini percentuali il miglioramento sui ricavi passa dal 9% al 16%. Tali risultati operativi sono stati resi possibili, oltre che dalla positiva dinamica dei ricavi, anche dal controllo dei costi e dalle efficienze realizzate. L andamento dei costi variabili, grazie prevalentemente alla crescita della clientela ADSL nella modalità unbundling, ha consentito il miglioramento delle performance già a livello di Gross Margin (misura non riportata negli schemi di conto economico, in quanto non prevista dagli standard IAS/IFRS, ma fornita a titolo di ulteriore informazione), passato, come incidenza sui ricavi, dal 49% nei nove mesi conclusi al 30 settembre 2004 al 54% del corrispondente periodo I costi operativi nel terzo trimestre 2005 si attestano a 63,5 millioni di Euro, in crescita del 16% rispetto ai 55 millioni di euro nel terzo trimestre L incidenza sul trimestre dei costi operativi sui ricavi rimane invariata al 34%. Nei primi nove mesi dell esercizio i costi operativi si attestano a 203,5 milioni di Euro, in crescita del 17% in valore assoluto rispetto allo stesso periodo nel 2004 (174,6 milioni di Euro) e con un incidenza percentuale sui ricavi che passa dal 36% nei primi nove mesi dell esercizio 2004 al 38% nel In particolare: I costi di marketing nel terzo trimestre 2005 sono pari a 24,1 milioni di Euro (13% dei ricavi), in crescita del 51% rispetto ai 16 milioni di Euro (10% dei ricavi) del terzo trimestre I costi di marketing nei primi nove mesi dell esercizio sono pari a 89,0 milioni di Euro (17% dei ricavi), in crescita del 55% rispetto ai 57,2 milioni di Euro (14% dei ricavi) dei primi nove mesi del Gli investimenti effettuati sono in gran parte dedicati alla promozione del servizio ADSL. I costi del personale nel terzo trimestre 2005 sono pari a 28,4 milioni di Euro, sostanzialmente stabili in valore assoluto rispetto al terzo trimestre 2004, ma in diminuzione in termini percentuali dei ricavi (15% vs 18%). Nei primi nove mesi 4

5 dell esercizio i costi del personale ammontano a 82,6 milioni di Euro, in contrazione in valore assoluto rispetto agli 83,4 milioni di Euro dei primi nove mesi del 2004, con un significativo miglioramento in termini di incidenza degli stessi sui ricavi (15% vs 17%). Il numero dei dipendenti a fine settembre 2005 è di unità. Gli altri costi operativi, nel terzo trimestre 2005 sono pari a 11 milioni di Euro (6% dei ricavi), contro i 10,3 milioni di Euro (6% dei ricavi) del terzo trimestre Nei nove mesi essi ammontano a 31,9 milioni di Euro rispetto al dato di 33,9 milioni dei primi nove mesi dell esercizio precedente, mostrando nei primi nove mesi del 2005 una minore incidenza sui ricavi (6%) rispetto allo stesso periodo del 2004 (7% dei ricavi). Il Risultato Operativo (EBIT) del terzo trimestre 2005 negativo per 7,8 milioni di Euro, in migliormento rispetto alla perdita di 8,1 milioni di Euro registrata nel terzo trimestre Nei nove mesi il Risultato Operativo (EBIT) è negativo per 54,2 milioni di Euro, in netto miglioramento (+28%) rispetto al dato negativo di 75,0 milioni di Euro nei primi nove mesi dell esercizio precedente. Tale performance è stata realizzata grazie al significativo miglioramento della redditività operativa lorda analizzata nel precedente paragrafo. Nei primi nove mesi del 2005, gli ammortamenti delle immobilizzazioni materiali e immateriali sono stati pari a 101,3 milioni di Euro rispetto ai 89,9 milioni di Euro registrati al 30 settembre Il dato, in leggera crescita, è riconducibile agli investimenti effettuati per lo sviluppo della rete unbundling e dell offerta di servizi ADSL (costi del modem e costi di attivazione). Gli accantonamenti a fondi rischi nei primi nove mesi del 2005 e le svalutazioni (unitamente ad alcuni costi di ristrutturazione) sono stati pari a 36,9 milioni di Euro, contro i 30,7 milioni di Euro registrati nei primi nove mesi del L importo riferito al terzo trimestre, pari a 6,5 milioni di Euro si riferisce prevalentemente agli accantonamenti a fronte di perdite su crediti. Il Risultato prima delle imposte delle attività in funzionamento ( continuing operations ) al 30 settembre 2005, dopo le componenti finanziarie, è negativo per 77,0 milioni di Euro, in diminuzione rispetto alla perdita di 104,5 milioni di Euro dei primi nove mesi del Se a tale risultato si somma l utile di 120,6 milioni derivante dalle attività cessate ( discontinuing operations ), sul quale non gravano peraltro imposte, e prevalentemente originato dalla plusvalenza di 144 milioni di Euro relativa alla cessione di Liberty Surf Group, al netto dei risultati di periodo delle partecipazioni di pertinenza del Gruppo e degli oneri accessori alla cessione, il risultato complessivo ante imposte del Gruppo Tiscali al 30 settembre 2005 è positivo per circa 43,6 milioni di Euro. 5

6 Il Gruppo Tiscali chiude i primi nove mesi del 2005, con un Risultato netto vicino al pareggio (- 1,5 milioni di Euro), contro la perdita netta di 148,6 milioni di Euro registrata nello stesso periodo dell esercizio precedente. Il risultato netto di periodo sconta un carico di imposte di periodo di 45,1 milioni di Euro, che ha comportato l utilizzo del corrispondente importo di attività fiscali differite (imposte anticipate) contabilizzate alla fine dell esercizio 2004 e relative alla Capogruppo Tiscali S.p.A. Deve essere precisato che a tale carico fiscale non corrisponde un debito per imposte, ma soltanto un parziale utilizzo di perdite fiscali pregresse. La valorizzazione di eventuali ulteriori attività fiscali differite verrà determinata in sede di chiusura del bilancio di esercizio Investimenti L estensione della rete unbundling ed i conseguenti investimenti operativi relativi alla connessione ed attivazione dei nuovi clienti ADSL, nei primi nove mesi dell esercizio hanno generato investimenti per 96,7 milioni di Euro, di cui 65,7 milioni di Euro imputabili a investimenti in beni immateriali e circa 31 milioni di Euro in investimenti in impianti e macchinari (apparecchiature di rete). Tali investimenti hanno consentito di raggiungere ed attivare, 10 siti nel Regno Unito (concentrati nell area di Londra), oltre 330 siti in Italia e oltre 220 siti in Olanda. In Germania, dove si stanno attualmente effettuando test nell area di Francoforte, i primi investimenti dovrebbero partire entro la fine del corrente esercizio. Situazione finanziaria Al 30 settembre 2005, il Gruppo Tiscali può contare su disponibilità liquide per 39 milioni di Euro, a fronte di una posizione finanziaria netta alla stessa data negativa per circa 269 milioni di Euro (259 milioni di Euro al 30 giugno 2005). Nel mese di luglio è stato rimborsato il prestito obbligazionario di 250 milioni di Euro nominali. L 8 agosto è stato raggiunto un accordo con Silver Point Finance LLC per un finanziamento di complessivi 150 milioni di Euro. L operazione comprende due tranche, la prima tranche, pari a 50 milioni di Euro è stata incassata nel mese di agosto 2005, mentre la seconda tranche, pari a 100 milioni di Euro, sarà disponibile a settembre 2006 per il rimborso dell obbligazione convertibile in scadenza. Si veda al riguardo quanto riportato nella sezione dedicata ai fatti di rilievo. 6

7 La posizione finanziaria è riassunta nella seguente tabella (Euro milioni) Note 30 settembre giugno 2005 Disponibilità liquide 38,8 245,9 Altre attività finanziarie (a) 42,7 45,7 Obbligazioni luglio ,6 Obbligazioni settembre 2006 (b) 208,6 214,9 Totale obbligazioni 208,6 452,5 Debiti verso banche per finanziamenti a medio/lungo termine 91,7 45,5 Debiti verso banche a breve termine 17,9 16,0 Totale debiti verso le banche 109,6 61,5 Debiti per locazioni finanziarie (Leasing) 32,0 36,8 Totale indebitamento lordo (c) 350,2 550,8 Indebitamento netto 268,7 259,2 (a) La voce comprende esclusivamente depositi vincolati e a garanzia, unitamente a crediti fiscali (IVA) (b) Il valore al 30 settembre 2005 comprende gli interessi maturati alla data e tiene conto della valutazione del debito secondo la metodologia IAS/FRS del costo ammortizzato (c) Non comprensivo dei debiti verso soci per finanziamenti (28,2 milioni di Euro al 30 settembre 2005) Il cash-flow operativo del terzo trimestre 2005, al netto pertanto degli effetti derivanti dalle cessioni di asset non strategici, e comprensivo degli oneri finanziari, è stato negativo per circa 23 milioni di Euro. Sul risultato del terzo trimestre, hanno gravato principalmente gli oneri finanziari relativi al prestito obbligazionario Equity Linked Bond con scadenza a settembre 2006 per circa 9 milioni di Euro e gli investimenti effettuati (circa 29 milioni di Euro) per lo sviluppo dell infrastruttura di rete unbundling. Tenuto conto di questi due fattori, si evidenzia una riduzione dell assorbimento di cassa operativa rispetto ai trimestri precedenti (46 milioni di Euro nel primo trimestre 2005, 20 milioni di Euro nel secondo trimestre 2005), in linea con il piano industriale del Gruppo. 7

8 Fatti di rilievo nel trimestre Focalizzazione offerta ADSL in modalita unbundling in Olanda Il 26 luglio 2005 la controllata olandese Tiscali BV ha raggiunto un accordo per il trasferimento di circa utenti ADSL a KPN. Finanziamento per 150 milioni di Euro da Silver Point Lo scorso 8 agosto è stato raggiunto un accordo per un finanziamento di complessivi 150 milioni di Euro. La linea di credito è stata strutturata e fornita da Silver Point Finance LLC (USA), società specializzata in finanziamenti ad imprese di medie e grandi dimensioni operanti nei diversi settori industriali. L operazione comprende due tranche, di durata di tre anni dall erogazione di ciascuna delle stesse. Il tasso è pari a EURIBOR +600 punti base. La prima tranche, pari a 50 milioni di Euro, è stata tirata nel mese di agosto 2005, mentre la seconda tranche, pari a 100 milioni di Euro, sarà disponibile a settembre 2006, tenuto conto del rispetto di alcune condizioni e termini stabiliti dal contratto, abituali nelle circostanze, e che riguardano essenzialmente la conformità al piano industriale di alcuni indicatori gestionali e finanziari. La prima tranche di finanziamento di 50 milioni di Euro viene utilizzata per finanziare la gestione e lo sviluppo della strategia del Gruppo, mentre la seconda tranche è al servizio esclusivamente del rimborso dell obbligazione Equity-Linked in scadenza a settembre Il finanziamento è assistito da garanzie, quali in particolare il pegno sulle azioni detenute nelle controllate Tiscali UK Ltd e Tiscali BV (Olanda); sono inoltre previsti alcuni covenants di natura finanziaria e gestionale, prevalentemente relativi al rapporto tra risultato operativo lordo (Ebitda) ed investimenti effettuati e al numero di clienti ADSL. Questo accordo consente al Gruppo di sostenere il proprio piano industriale, focalizzato sulla crescita degli utenti ed il miglioramento della redditività, attraverso l implementazione di un infrastruttura di rete in unbundling ed un offerta di servizi di alta qualità ad un prezzo congruo per i propri clienti. 8

9 Eventi successivi al 30 settembre 2005 Tommaso Pompei nuovo Direttore Generale (CEO) del Gruppo Tiscali Il 31 ottobre 2005, il Consiglio di Amministrazione di Tiscali SpA, ha nominato Tommaso Pompei Direttore Generale (CEO) del Gruppo. Ruud Huisman lascia la guida operativa del Gruppo, rimanendo membro del Consiglio di Amministrazione. La nomina di Tommaso Pompei avviene in un momento importante per la Società. Dopo aver completato il processo di focalizzazione nei mercati chiave e aver implementato con successo il processo di rifinanziamento, Tiscali oggi è pronta per affrontare una nuova fase di sviluppo che Tommaso Pompei saprà perseguire con il giusto approccio. Perfezionamento cessione della rete internazionale in fibra ottica a Telecom Italia Il 1 novembre, è stata perfezionata la cessione a Telecom Italia Sparkle. della rete in fibra ottica di Tiscali Tiscali International Network SAS (TINet SAS), per un controvalore pari a 8 milioni di Euro. L accordo non comprende la cessione delle reti IP e Voice over IP internazionali e nazionali, che fanno capo a Tiscali International Network B.V.. Il Gruppo Tiscali manterrà infatti la proprietà e il controllo di tali reti, per continuare ad offrire servizi IP e VoIP di alta qualità ai propri clienti. Obiettivi 2005 La Società conferma gli obiettivi per il 2005: Fatturato di circa 750 milioni di Euro Risultato operativo Lordo (EBITDA) di oltre100 milioni di Euro Oltre 1,7 milioni di utenti ADSL Investimenti pari al 15% del fatturato 9

10 Conto economico (Euro migliaia) 30 settembre 2005 Terzo trimestre 30 settembre 2004 Terzo trimestre 30 settembre 2005 Primi nove mesi 30 settembre 2004 Primi nove mesi Ricavi Altri proventi 859 Acquisti di materiali e servizi esterni Costi del personale Altri costi operativi Risultato operativo lordo Costi di ristrutturazione, accantonamenti a fondi rischi e svalutazioni Ammortamenti Risultato operativo (7.786) Quota dei risultati delle partecipazioni valutate secondo il metodo del patrimonio netto (30) Proventi (Oneri) finanziari netti (3.069) Risultato prima delle imposte (10.885) Imposte sul reddito 17 Risultato netto delle attività in funzionamento (continuative) (10.902) Risultato delle attività cedute e/o destinate alla cessione (5.135) Risultato netto (16.037) 160,551 1, ,744 28,836 5,110 25,295 4, (8.131) (436) (8.310) (16.877) 612 (17.489) (7.301) (24.790) (54.221) (75.016) (726) (229) (22.087) (29.235) (77.034) ( ) ( ) ( ) (43.982) (1.498) ( ) 10

11 STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO (migliaia di Euro) 30 settembre giugno dicembre 2004 Attività non correnti Attività correnti Attività detenute per la vendita Totale Attivo Patrimonio netto Passività non correnti Passività correnti Passività direttamente correlate ad attività detenute per la vendita Totale Patrimonio netto e Passivo

12 Il presente comunicato stampa contiene alcune dichiarazioni di carattere previsionale fondate sulle aspettative attuali e sulle proiezioni circa eventi futuri. Le suddette dichiarazioni previsionali dipendono da rischi noti e ignoti, incertezze e dai presupposti considerati. Inoltre il presente comunicato stampa contiene alcuni dati finanziari proforma non soggetti a revisione contabile. Tiscali non si assume alcun impegno di aggiornare pubblicamente o modificare le dichiarazioni previsionali, sia se per effetto di nuove informazioni, sia in caso di eventi futuri o altrimenti. Alla luce dei suddetti rischi, incertezze e presupposti, le dichiarazioni previsionali contenute nel presente comunicato stampa potrebbero non essere confermate. Ogni dichiarazione relativa a passati andamenti o attività non deve essere considerata come una dichiarazione che tali andamenti o attività continueranno in futuro. 12

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012 Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 311 dicembre 2012 BILANCIO SEPARATO DADA A S.P..A. E CONSOLIDATO GRUPPO DADA AL 31 DICEMBRE 2012 (REDATTO SECONDO I PRINCIPI

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2014

Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2014 Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppoo Dada al 311 dicembre 2014 PROGETTO BILANCIO SEPARATO DADAA S.P..A. E CONSOLIDATO GRUPPO DADA AL 31 DICEMBRE 2014 (REDATTO SECONDO I PRINCIPI

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE RELATIVA AL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2003

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE RELATIVA AL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2003 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE RELATIVA AL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2003 I. M. A. INDUSTRIA MACCHINE AUTOMATICHE S. P. A. - SEDE: OZZANO DELL EMILIA (BOLOGNA) CAPITALE SOCIALE I.V. EURO

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

RELAZIONIBILANCI 2007

RELAZIONIBILANCI 2007 RELAZIONIBILANCI 2007 Indice LETTERA DEL PRESIDENTE 2 ORGANI SOCIALI 6 INFORMAZIONI SUL GRUPPO GEWISS 7 PRINCIPALI DATI ECONOMICI, FINANZIARI E PATRIMONIALI DEL 2007 9 CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%)

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) 14/03/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 dicembre 2012 1 Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) Si rafforza il capitale con crescita patrimonio

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE CORSO MATTEOTTI, 10 20121 MILANO, ITALIA TEL +39 02 45 41 3800 FAX +39 02 45 41 3801 PIAZZA DELLA CROCE ROSSA, 2 00161 ROMA, ITALIA TEL +39 06 45 21 3900 FAX +39 06 68 19

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

Bilancio Consolidato 2013

Bilancio Consolidato 2013 34 esercizio Finanziaria Internazionale Holding S.p.A. Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (TV) www.finint.com 2 SOMMARIO Lettera degli Amministratori... 5 Organi sociali in carica... 12 Il modello

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione TXT e-solutions Group Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 TXT e-solutions S.p.A. Sede legale, direzione e amministrazione: Via Frigia, 27 20126 Milano Capitale sociale: Euro 5.911.932 interamente

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Relazione finanziaria semestrale al 30 Giugno 2014

Relazione finanziaria semestrale al 30 Giugno 2014 Relazione finanziaria semestrale al 30 Giugno 2014 RCS MediaGroup S.p.A. Via A.Rizzoli, 8 20132 Milano Capitale Sociale 475.134.602,10 Registro Imprese e Codice Fiscale/Partita IVA n. 12086540155 R.E.A.

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli