ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO RADIO REGIONALE E DI DI COMUNITA MONTANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO RADIO REGIONALE E DI DI COMUNITA MONTANA"

Transcript

1 ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO RADIO REGIONALE E DI DI COMUNITA MONTANA

2 TRASMISSIONI RADIO I segnali di radio frequenza vengono irradiati dall antenna trasmittente in ogni direzione

3 PORTATA DEL COLLEGAMENTO si può definire come la distanza massima (D) alla quale è possibile stabilire una comunicazione fra due apparecchi radio D ponte radio area di di influenza P.R.

4 PORTATA DEL COLLEGAMENTO viene limitata in in maniera drastica da: dagli ostacoli; dalla curvatura terrestre. la la portata D max teorica del collegamento fra due stazioni situate in in terreno pianeggiante, dipende essenzialmente dalla quota delle rispettive antenne.

5 PORTATA DEL COLLEGAMENTO si si esprime con la formula: D = 3,57( H1+ H2) dove D=Km. e H1-2 = m.

6 PORTATA DEL COLLEGAMENTO esempio di di collegamento fra due stazioni fisse (Tx e Rx con H=20m.). La portata teorica risulta 3,57( )=31 Km.

7 PORTATA DEL COLLEGAMENTO In pratica, però, le cose vanno un pò meglio per l intervento di diversi fattori quali: riflessioni; diffrazioni; rifrazioni.

8 PORTATA DEL COLLEGAMENTO su terreno pianeggiante la la portata utile del collegamento radio diretto risulta: 25 Km. per le le stazioni fisse; 15 Km. per le le stazioni veicolari; 5 Km. per le le stazioni portatili. la la distanza può variare leggermente, in in funzione di: condizioni atmosferiche; consistenza del terreno.

9 PORTATA DEL COLLEGAMENTO Nelle città si si possono avere forti variazioni di di segnale anche fra punti situati a breve distanza a causa della presenza di di caseggiati che riflettono in in vario modo i i segnali radio che arrivano all antenna ricevente con fase diversa.

10 PONTI RADIO RIPETITORI SI SI USANO PER INCREMENTARE IL RAGGIO DI AZIONE DELLE STAZIONI Ponte Radio H = 1000m V1 15 km F1 F2 V2 113 km 113 km 226 km

11 CANALI DI LAVORO MHz Tx Mobile MHz Tx Ponte MHz Tx Ponte V1 Tx diretta MHz F1 V2 Trasmissione radio attraverso il ponte radio ed in diretta

12 STAZIONE TERMINALE Possiede due canali: RIPETUTO per l uso del ripetitore (due frequenze R/T complementari); DIRETTO per il il collegamento a breve distanza (una sola frequenza corrispondente a quella di trasmissione del P.R.);

13 PONTI RADIO INTERCONNESSI Ridiffusione Canale 22 Canale 14 Interconnesione Ridiffusione Zona A Zona B

14 LA RETE DI TLC AIB REGIONE

15 RETE REGIONALE Il collegamento per la copertura di una zona viene detto CIRCOLARE ; Alcune stazioni di P.R. hanno la possibilità di essere collegate con una sezione chiamata DORSALE

16 UTILIZZO DELLE STAZIONI RADIO MOLTO IMPORTANTI SONO: NORME DI PROCEDURA PER IL TRAFFICO RADIO; ISTRUZIONI PER GLI OPERATORI DELLE STAZIONI RADIO; CONTROLLO E MANUTENZIONE DELLE STAZIONI RADIO

17 NORME DI PROCEDURA PER IL TRAFFICO RADIO 1. Fare solo comunicazioni di servizio. 2. Precedenza assoluta per messaggi riguardanti interventi. 3. La chiamata si effettua pronunciando una o due volte il nominativo della stazione desiderata, seguito da quello della propria stazione. Es.: aib sondrio da sala operativa. 4. La risposta viene data con i nominativi posti sempre nello stesso ordine. Es.: aib sondrio é in ascolto per sala operativa.

18 5. Eseguire lo scambio dei messaggi dicendo passo ogni volta che si cede la parola al corrispondente; 6. Quando il collegamento radio con il corrispondente destinatario è negativo, il messaggio può essere trasmesso ad una stazione intermedia che provvederà ad inoltrarlo al destinatario, e darà poi la conferma se il messaggio è stato effettivamente recapitato. 7. Non effettuare il lancio del messaggio se non vi è la certezza che il corrispondente sia in grado di poterlo ricevere.

19 8. Le comunicazioni devono esse brevi e concise, comunque gli apparati sono programmati per interrompere automaticamente la trasmissione dopo 60 sec.. 9. Per le comunicazioni importanti chiedere la conferma della ricezione, facendo ripetere la parte essenziale del messaggio trasmesso (indirizzi, date, orari, ecc.).

20 10. In caso di collegamento difficile è consigliabile parlare a bassa voce vicino al microfono e trasmettere le parole con l alfabeto fonetico. 11. Se si presenta la necessità di trasmettere un messaggio molto urgente ed il canale risulta occupato, l operatore può interrompere le comunicazioni delle altre stazioni, pronunciando più volte la parola, Urgente all inizio della chiamata.

21 12. La chiamata circolare serve per trasmettere un messaggio a più stazioni contemporaneamente seguendo le seguenti procedure: a) Chiamare una alla volta le stazioni invitandole a rimanere in attesa per ricevere il messaggio. La prima di queste, avrà anche l incarico di confermare la ricezione durante le pause del collegamento. b) Trasmettere il messaggio lentamente, con voce chiara e pause frequenti. Al termine aggiunge ora ed il nome dell operatore.

22 c) Fare rileggere il messaggio alla stazione che era stata incaricata di riscontrare la ricezione d) Richiamare tutte le stazioni nell ordine già seguito al punto a), per chiedere ad ognuna la conferma della ricezione ed il nome dell operatore. In questa fase potranno essere ripetute le parti del messaggio che non sono state ricevute in modo corretto.

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE 1 COSA SONO? Le radiocomunicazioni, sono comunicazioni effettuate utilizzando onde radio, cioè onde elettromagnetiche

Dettagli

Guida all uso delle radio (Febbraio 2009)

Guida all uso delle radio (Febbraio 2009) Guida all uso delle radio (Febbraio 2009) Guida Pratica per l uso di apparati Radio Ricetrasmittenti Innanzi tutto specifichiamo che questo piccolo manuale nasce per portare a conoscenza chi non ha nessuna

Dettagli

Operatori abilitati. Emercom.Net: Formazione operatori mod. C2

Operatori abilitati. Emercom.Net: Formazione operatori mod. C2 Operatori abilitati L uso della rete e degli relativi apparati èriservato esclusivamenteagli operatori che abbiano partecipato all attivitàformativa organizzata dalla Regione Piemonte la sala operativa

Dettagli

MANUALE D USO DELL APPARATO RADIO PORTATILE ICOM IC-H16T

MANUALE D USO DELL APPARATO RADIO PORTATILE ICOM IC-H16T CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI LANCIANO MANUALE D USO DELL APPARATO RADIO PORTATILE ICOM IC-H16T ICOM IC-H16T PREMESSE PER UN CORRETTO USO DEGLI APPARATI PORATILI La ICOM IC-H16T, la cui progettazione

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Le comunicazioni radio

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Le comunicazioni radio Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Le comunicazioni radio Argomenti della lezione L importanza delle comunicazioni radio. Elementi che compongono la radio. Funzionamento degli apparati radio.

Dettagli

MANUALE D USO DELL APPARATO RADIO PORTATILE ICOM IC-H16T

MANUALE D USO DELL APPARATO RADIO PORTATILE ICOM IC-H16T CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI MILANO MANUALE D USO DELL APPARATO RADIO PORTATILE ICOM IC-H16T ICOM IC-H16T 1. PREMESSE PER UN CORRETTO USO DEGLI APPARATI PORATILI La ICOM IC-H16T, la cui progettazione

Dettagli

ABC della RADIO Nozioni basilari sull uso degli apparati radio

ABC della RADIO Nozioni basilari sull uso degli apparati radio ABC della RADIO Nozioni basilari sull uso degli apparati radio. Alessandro Redaelli IZ2XFX www.radiocorbetta.altervista.org 0 Premessa Questo manuale è per dare le basi a un operatore radio coinvolto in

Dettagli

Polizia Provinciale Squadra Nautica. A cura del Responsabile Comm. C. Lucio Semenzato. SOS Canale 16

Polizia Provinciale Squadra Nautica. A cura del Responsabile Comm. C. Lucio Semenzato. SOS Canale 16 Polizia Provinciale Squadra Nautica Procedure VHF Di Radiotelefonia Comunicazioni di soccorso, di urgenza e di sicurezza in radiotelefonia nautica A cura del Responsabile Comm. C. Lucio Semenzato SOS Canale

Dettagli

Note%per%la%programmazione%degli%apparati% Motorola%per%l accesso%alla%rete%mondiale% % %!!!!

Note%per%la%programmazione%degli%apparati% Motorola%per%l accesso%alla%rete%mondiale% % %!!!! Note%per%la%programmazione%degli%apparati% Motorola%per%l accesso%alla%rete%mondiale% % % Questachesegueèunabrevenotaperaiutareadeffettuarelagiustaprogrammazionedegli apparatimotorola,perl usodelripetitorediroma,connessoallaretemondiale.miscusoper

Dettagli

CORSO PROTEZIONE CIVILE 2011 WWW.CALDINESOCCORSO.IT

CORSO PROTEZIONE CIVILE 2011 WWW.CALDINESOCCORSO.IT CORSO PROTEZIONE CIVILE 2011 RADIO Automezzi SEDE 118 CANALE 5 FIRENZE ISO CANALE 5 CANALE 17 Val di Sieve CANALE 36 Mugello RADIO CENTRALINO Tasto P4 --------- Apertura e chiusura canale Tasto P2 ---------

Dettagli

Propagazione Troposferica

Propagazione Troposferica Propagazione Troposferica 1 Valeria Petrini, Ph.D. Student DEIS/ARCES - Fondazione Ugo Bordoni valeria.petrini@unibo.it Introduzione (1) 2 Una corretta caratterizzazione dei collegamenti radio non può

Dettagli

Sistema trasmittente-ricevente DRM-15

Sistema trasmittente-ricevente DRM-15 Sistema trasmittente-ricevente DRM-15 RADIOMICROFONI portatili DP-2 / TH 30310 stagni ST-2 / ST 15 da rack DK 3 RICEVITORI fissi RM 1-U / RM-1UT stagni RS 1 / RS 2 portatile RM 12 amplificati vari modelli

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

EMERGENZA SISMA ABRUZZO 2009

EMERGENZA SISMA ABRUZZO 2009 1. PREMESSA Le prove radio standard (2 volte al giorno) si effettuano a partire dalle ore 8.00 e dalle ore 20.00 Il canale identificato sul display come ABRUZZO 1 è dedicato al collegamento fra i COM e

Dettagli

SCHEMA DEL MODULO PER MESSAGGIO

SCHEMA DEL MODULO PER MESSAGGIO SCHEMA DEL MODULO PER MESSAGGIO ALLEGATO Il messaggio, inteso come informazione da trasmettere, viene normalmente compilato utilizzando il modulo di messaggio. Il modulo viene compilato dal mittente e

Dettagli

Nota tecnica applicativa nr. 8802

Nota tecnica applicativa nr. 8802 Nota tecnica applicativa nr. 8802 Argomento: combinatore telefonico per centrali Advisor Master Scopo Lo scopo di questo documento è di fornire maggiori informazioni riguardanti la configurazione e l utilizzo

Dettagli

Cosa sono? Come avvengono? A cosa servono? Gli apparati. L utilizzo

Cosa sono? Come avvengono? A cosa servono? Gli apparati. L utilizzo Le radiocomunicazioni, sono trasmissioni che come mezzo di collegamento tra due o più stazioni utilizzano onde radio ossia onde elettromagnetiche. Onda elettromagnetica è un fenomeno ondulatorio (trasversale),

Dettagli

RADIOCOMUNICAZIONI IN AMBITO DI CROCE ROSSA:

RADIOCOMUNICAZIONI IN AMBITO DI CROCE ROSSA: RADIOCOMUNICAZIONI IN AMBITO DI CROCE ROSSA: RICORDA : Una comunicazione radio deve essere: Rapida, Univoca, Efficace. Soprattutto in caso di emergenza e/o calamità di qualsiasi tipo. TIPI DI APPARATI

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ----Impianti trasmittenti radiotelevisivi ---- Materia: Telecomunicazioni. prof. Ing. Zumpano Luigi

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ----Impianti trasmittenti radiotelevisivi ---- Materia: Telecomunicazioni. prof. Ing. Zumpano Luigi I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ----Impianti trasmittenti radiotelevisivi ---- Aunni: Filippelli Maria Fortunata Lautieri Mariacaterina prof. Ing. Zumpano

Dettagli

Telecomunicazioni Radio

Telecomunicazioni Radio Corso base per operatori di Protezione Civile Telecomunicazioni Radio alcuni elementi di teoria delle trasmissioni radio Ughi Gilberto Il corso è rivolto agli operatori di Protezione Civile che intendono:

Dettagli

Ricevitore Supervisionato RX-24 Dati tecnici

Ricevitore Supervisionato RX-24 Dati tecnici Ricevitore Supervisionato RX-24 Dati tecnici Gestione a microprocessore 24 sensori memorizzabili 8 uscite allarme uno per canale 8 canali con 3 sensori per ogni canale 10 telecomandi programmabili 1 uscita

Dettagli

Come utilizzare la radio

Come utilizzare la radio Come utilizzare la radio Come utilizzare la radio Caratteristiche della ricezione FM In generale, la qualità della banda FM è superiore a quella della banda AM. Tuttavia, la ricezione FM e FM stereo incontra

Dettagli

LA RETE CIVICA. Comune di Bari Sardo (OG) in collaborazione con Coinfas

LA RETE CIVICA. Comune di Bari Sardo (OG) in collaborazione con Coinfas LA RETE CIVICA Comune di Bari Sardo (OG) in collaborazione con Coinfas Scopo del progetto La Rete Civica è nata concettualmente per poter offrire connettività nei luoghi di riunione (Piazze, Vie Principali

Dettagli

PEGASO SMS PEGASO MEMO. Servizio SMS

PEGASO SMS PEGASO MEMO. Servizio SMS PEGASO SMS PEGASO MEMO Servizio SMS REALIZZATO/PUBBLICATO/PRODOTTO DA: Olivetti S.p.A. con unico azionista Gruppo Telecom Italia Direzione e coordinamento di Telecom Italia S.p.A. Stampato in Italia. Codice

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza LE COMUNICAZIONI RADIO

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza LE COMUNICAZIONI RADIO Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza LE COMUNICAZIONI RADIO Perché sono importanti le comunicazioni radio? Non sempre il CELLULARE è la soluzione 2 Agenti atmosferici Linee telefoniche sature Interruzione

Dettagli

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura 01/06/2007 dei Campi Elettromagnetici 1 Normativa tecnica di riferimento Guida CEI 211-10: Guida

Dettagli

ALLEGATO TECNICO per le reti radio di Protezione Civile

ALLEGATO TECNICO per le reti radio di Protezione Civile ALLEGATO B ALLEGATO TECNICO per le reti radio di Protezione Civile CIG : 2462539776 C.U.P. : B34C11000150002 Pag. 1 ALLEGATO TECNICO per le reti radio di Protezione Civile di cui al protocollo d intesa

Dettagli

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA NOAAA (National Oceanic and Atmospheric Administrator L ente statunitense civile per la meteorologia e l oceanografia Definizione satellite meteorologico Un satellite

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

SINT-13 SINTESI VOCALE VIA RADIO CON ATTIVAZIONE. Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso

SINT-13 SINTESI VOCALE VIA RADIO CON ATTIVAZIONE. Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso SINT-13 SINTESI VOCALE VIA RADIO CON ATTIVAZIONE MANUALE D USO E INSTALLAZIONE (VERSIONE 1.1) Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso Vi ringraziamo per aver scelto il nostro

Dettagli

Progetto Ripetitore Digitale Terrestre. Zona. d ombra via Caria e Fralemura

Progetto Ripetitore Digitale Terrestre. Zona. d ombra via Caria e Fralemura Progetto Ripetitore Digitale Terrestre Zona d ombra via Caria e Fralemura Tecnico e progettista Renato Tassone Indice: 1) Copertura teorica zona d ombra 2) Posizionamento Antenne TX e RX 3) Calcolo teorico

Dettagli

Se invece si usa come Client non serve l interfaccia e si possono usare anche le applicazioni per Smartphone.

Se invece si usa come Client non serve l interfaccia e si possono usare anche le applicazioni per Smartphone. ECHOLINK ( Italink ) Echolink è un sistema Voip riservato ai radioamatori che interfaccia la radio con Internet, per fare un nodo servono: il Software, l interfaccia da collegare al PC, e una linea telefonica

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz]

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz] 58 Ponti radio Per ponte radio si intende un sistema di collegamento, bidirezionale, a larga banda, che utilizza le onde elettromagnetiche per trasmettere informazioni sia analogiche sia digitali. I ponti

Dettagli

COMUNICARE DURANTE UN EMERGENZA

COMUNICARE DURANTE UN EMERGENZA BREVE CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI UTILIZZO DELLE RADIO RICETRASMITTENTI IN PROTEZIONE CIVILE COMUNICARE DURANTE UN EMERGENZA La conseguenza più immediata di un evento calamitoso di una certa gravità

Dettagli

Rete Radiomobile TETRA

Rete Radiomobile TETRA Aeroporti di Roma La Tecnologia Digitale TETRA TErrestrial Trunked RAdio TETRA - Lo standard digitale per i Sistemi Radiomobili Professionali European Telecommunications Standardization Institute attraverso:

Dettagli

ISTITUTO DI RADIOASTRONOMIA Stelio Montebugnoli Senior Engineer

ISTITUTO DI RADIOASTRONOMIA Stelio Montebugnoli Senior Engineer . ISTITUTO DI RADIOASTRONOMIA Stelio Montebugnoli Senior Engineer XXII Convegno Nazionale del GAD (Gruppo Astronomia Digitale) Ravenna 10-12 Ottobre 2014 La Croce nel Nord in numeri.. - 500 T di peso

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. OLIVETTI FAX-LAB 310 SMS http://it.yourpdfguides.com/dref/2432254

Il tuo manuale d'uso. OLIVETTI FAX-LAB 310 SMS http://it.yourpdfguides.com/dref/2432254 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di OLIVETTI FAX-LAB 310 SMS. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni,

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI I: I MEZZI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2

TELECOMUNICAZIONI I: I MEZZI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2 1 INDICE TELECOMUNICAZIONI I: I MEZZI DI COMUNICAZIONE INTRODUZIONE..... pag.2 IL SEGNALE.. pag.2 Il segnale sonoro. pag.2 Il segnale immagine... pag.3 Il segnale dato. pag.3 IL CANALE DI COMUNICAZIONE....

Dettagli

GESTIONE VIDEOSORVEGLIANZA NELLA A.O. SAN PAOLO

GESTIONE VIDEOSORVEGLIANZA NELLA A.O. SAN PAOLO Procedura Operativa GESTIONE VIDEOSORVEGLIANZA NELLA A.O. SAN PAOLO Codice Documento_Edxx AZI_POP_042_Ed00 Pag. 1/7 Data emissione: 03/04/10 Unità Operativa Tipo Documento Numero Locale AZI POP 042 GESTIONE

Dettagli

Messaggi di allarme DMR

Messaggi di allarme DMR Messaggi di allarme DMR Radio Activity S.r.l. Registrazione CCIAA Milano N 1728248 P.I./C.F.: 04135130963 Sede legale e operativa: Via Ponte Nuovo 8 20128 Milano Tel.: 0236 514 205 - Fax: +39 0236 514

Dettagli

Esercizi Multiplazione TDM Accesso Multiplo TDMA

Esercizi Multiplazione TDM Accesso Multiplo TDMA Esercizi Multiplazione TDM Accesso Multiplo TDMA Esercizio 1 Un sistema di multiplazione TDM presenta una trama di 10 slot e in ciascuno slot vengono trasmessi 128 bit. Se il sistema è usato per multiplare

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Utilizzo Apparati Radio

Utilizzo Apparati Radio Manuale di formazione di base in materia di incendi boschivi Utilizzo Apparati Radio Direzione Foreste ed Economia Montana Servizio Antincendi Boschivi 10 Direzione Regionale Foreste ed Economia Montana

Dettagli

PROCEDURE RADIOTELEFONICHE

PROCEDURE RADIOTELEFONICHE Capitolo 24 PROCEDURE RADIOTELEFONICHE Elab. F. Tinarelli CAPITOLO 24 PROCEDURE RADIOTELEFONICHE 1 PROCEDURE RADIOTELEFONICHE 1.1 TECNICA DELLE COMUNICAZIONI 1.1.1 Le trasmissioni devono essere effettuate

Dettagli

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario A.s. 2010-2011 2011 Segnali analogici e digitali (a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario Un segnale si definisce analogico se può assumere tutti gli infiniti valori nel

Dettagli

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base Mezzi trasmissivi Vittorio Maniezzo Università di Bologna Funzionamento di base Si codificano i dati come energia e si trasmette l'energia Si decodifica l'energia alla destinazione e si ricostruiscono

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Premessa Il presente schema di Regolamento verrà sottoposto all approvazione del Consiglio Comunale,

Dettagli

MotoTRBO: nuova System Release 2.3.!

MotoTRBO: nuova System Release 2.3.! MotoTRBO: nuova System Release 2.3. Versione del documento v1.0 Aggiornato a Gennaio 2014 Realizzazione a cura di Armando Accardo, IK2XYP Email: ik2xyp@ik2xyp.it Team ircddb-italia http://www.ircddb-italia.it

Dettagli

Con sede legale in: via/piazza/località n

Con sede legale in: via/piazza/località n Allegato n. 14 (art. 107) Al Ministero delle Comunicazioni Direzione generale per le concessioni e le autorizzazioni Viale America, 201 00144 Roma DICHIARAZIONE PER L'ATTIVITA' DI INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO

Dettagli

EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz

EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz Le caratteristiche d irradiazione di un antenna possono essere modificate, oltre che da eventi estranei, anche dal suolo sottostante. Infatti, quando l antenna

Dettagli

Il Sistema NVIS e la Protezione Civile in Sardegna

Il Sistema NVIS e la Protezione Civile in Sardegna Il Sistema NVIS e la Protezione Civile in Sardegna Associazione Radioamatoriale Sardinia QRP Club 1 di 9 Indice Indice...2 Prefazione...3 Scenario...4 La Propagazione dei Segnali Radio...5 I vantaggi del

Dettagli

SERVIZIO TELECOMUNICAZIONI DEL C.N.VV.F. STUDENT BOOK REV. 2.2 DEL 10/02/2009

SERVIZIO TELECOMUNICAZIONI DEL C.N.VV.F. STUDENT BOOK REV. 2.2 DEL 10/02/2009 STUDENT BOOK REV. 2.2 DEL 10/02/2009 Il logo in copertina è stato realizzato grazie al contributo del V.F.Q. Pietro LIPARI. 2/55 AMBITO DI UTILIZZO Questo documento costituisce un supporto alla formazione

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA

CROCE ROSSA ITALIANA CROCE ROSSA ITALIANA MANUALE PER LE RADIOCOMUNICAZIONI CORSO 1 LIVELLO Aggiornato a maggio 2006 v.2.01 a cura di Matteo GENTILE Per le segnalazioni scrivere a brokind@tin.it INDICE PREMESSA... Pag. 1 INTRODUZIONE...

Dettagli

GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI.

GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI. GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI. INDICE TUTTO SULLA TUA RUBRICA 02 COS È IL SERVIZIO RUBRICA 02 PER UTILIZZARE IL SERVIZIO 03 ALCUNE INFORMAZIONI UTILI

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli

La configurazione e la messa in servizio dei dispositivi del sistema, si esegue facilmente e con poche operazioni: Fig. 2 2 a fase: trasmissione

La configurazione e la messa in servizio dei dispositivi del sistema, si esegue facilmente e con poche operazioni: Fig. 2 2 a fase: trasmissione Sistema RF comando e controllo Configurazione dei dispositivi a configurazione e la messa in servizio dei dispositivi del sistema, si esegue facilmente e con poche operazioni: A - Associazione tra i dispositivi

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

DIGITAL LUX DIGITAL LUX WL DIGI KIT 120

DIGITAL LUX DIGITAL LUX WL DIGI KIT 120 DIGITAL LUX 80 Metri DIGITAL LUX WL 80 Metri a Parete DIGI KIT 120 120 Metri in KIT 10 METRI 2+2 RAGGI DIRETTI o 4+4 INCROCIATI 15 METRI 3+3 RAGGI DIRETTI o 7+7 INCROCIATI 20 METRI 4+4 RAGGI DIRETTI o

Dettagli

Piano di sviluppo della rete VODAFONE OMNITEL N.V. per il comune di Ortona

Piano di sviluppo della rete VODAFONE OMNITEL N.V. per il comune di Ortona Piano di sviluppo della rete VODAFONE OMNITEL N.V. per il comune di Ortona Ottobre 2008 Fax. +39 6 5092.3401 Pag. 1/9 Introduzione è una delle 5 società vincitrici della gara per l assegnazione delle licenze

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 7: Propagazione Radio Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/36 Trasmissione radio dell informazione Ci occuperemo

Dettagli

Sei una Pubblica Amministrazione e a breve sarai obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA?

Sei una Pubblica Amministrazione e a breve sarai obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Sei una Pubblica Amministrazione e a breve sarai obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Namirial ha la soluzione per la fatturazione PA - PASSIVA e la conservazione a norma di

Dettagli

LTE Duplex Gap 821- -832 - BANDA Uplink Wind 832- -842 837 Uplink Tim 842- -852 847 Uplink Vodafone 852- -862 857

LTE Duplex Gap 821- -832 - BANDA Uplink Wind 832- -842 837 Uplink Tim 842- -852 847 Uplink Vodafone 852- -862 857 TABELLA CANALI TV DIGITALI DVB-T Banda Canale Estremi canale MHz Frequenza MHz E1 40- -47 / E2 47- -54 / VHF I E3 54- -61 / E4 61- -68 / E5 174- -181 177,5 E6 181- -188 184,5 E7 188- -195 191,5 VHF III

Dettagli

Misericordia Montelupo F.no. Utilizzo degli apparati radio

Misericordia Montelupo F.no. Utilizzo degli apparati radio Misericordia Montelupo F.no Utilizzo degli apparati radio CONCETTI DI RADIOCUMUNICAZIONI La RADIOCUMINCAZIONE è la tecnica che consente di trasmettere a distanza messaggi parlati, suoni o segnali. Mediante:

Dettagli

Lunghezza di un antenna In generale l antenna ideale è lunga esattamente quanto la lunghezza d onda della frequenza per cui viene utilizzata.

Lunghezza di un antenna In generale l antenna ideale è lunga esattamente quanto la lunghezza d onda della frequenza per cui viene utilizzata. Antenne Premessa L antenna di un ricetrasmettitore è uno degli elementi più importanti per la buona riuscita di una trasmissione (ricezione): senza di essa anche il miglior apparecchio radio diventa inutilizzabile.

Dettagli

Base del sistema è la centralina di raccolta, memorizzazione e trasmissione dati, denominata TELEaQua/S.

Base del sistema è la centralina di raccolta, memorizzazione e trasmissione dati, denominata TELEaQua/S. GENERALITA Base del sistema è la centralina di raccolta, memorizzazione e trasmissione dati, denominata TELEaQua/S. Alla centralina possono pervenire direttamente (tramite cavo) gli impulsi di un massimo

Dettagli

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT Il gestore di un ipermercato richiede l' installazione di un access point da utilizzare per il collegamento wireless delle casse automatiche alla rete

Dettagli

CT2-GSM COMBINATORE TELEFONICO GSM MANUALE D USO E INSTALLAZIONE. Si consiglia di seguire attentamente le istruzioni contenute in questo manuale.

CT2-GSM COMBINATORE TELEFONICO GSM MANUALE D USO E INSTALLAZIONE. Si consiglia di seguire attentamente le istruzioni contenute in questo manuale. CT2-GSM COMBINATORE TELEFONICO GSM MANUALE D USO E INSTALLAZIONE Si consiglia di seguire attentamente le istruzioni contenute in questo manuale. NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO: ATTENZIONE: NON EFFETTUARE

Dettagli

Linee Guida di Protezione Civile. Radiocomunicazioni di Protezione Civile Veneto. Radiocomunicazioni Elementi di funzionamento

Linee Guida di Protezione Civile. Radiocomunicazioni di Protezione Civile Veneto. Radiocomunicazioni Elementi di funzionamento Linee Guida di Protezione Civile Radiocomunicazioni di Protezione Civile Veneto Radiocomunicazioni Elementi di funzionamento Versione 04/2010 Carissimi, i volontari sono il cuore e la base fondante del

Dettagli

NEW Digital Mobile Radio

NEW Digital Mobile Radio NEW Digital Mobile Radio Giugno 2012 Ampliamento Portfolio Portatili DMR VX-231 VX-351 VX-354 VX-410 VX-420 VX-924 VX-821 VX-824 VX-829 VX-451 VX-454 VX-459 VXD-720 Ampliamento Portfolio Veicolari DMR

Dettagli

V. Franceschelli Diritto delle comunicazioni AA 2014 / 2015

V. Franceschelli Diritto delle comunicazioni AA 2014 / 2015 DIRITTO delle COMUNICAZIONI -Communication Law & Policy- V - Telegrafo Telefono Lezione di giovedì 6 novembre 2014 comunicazioni Strade Posta Telegrafo Telefono Stampa Radio Televisione Internet Convergenza

Dettagli

Il processo di comunicazione

Il processo di comunicazione Il processo di comunicazione La comunicazione comprende l insieme delle attività che nutrono le relazioni biunivoche tra l impresa ed i suoi pubblici di riferimento (interni ed esterni) con l obiettivo

Dettagli

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE Introduzione alle reti 1 2 Perché... All inizio degli anni 80 sono nati i PC, in contrapposizione ai grossi sistemi presenti allora nelle aziende che collegavano terminali

Dettagli

Esercizi su: Ritardi di trasferimento Commutazione Sorgenti di Traffico

Esercizi su: Ritardi di trasferimento Commutazione Sorgenti di Traffico Esercizi su: Ritardi di trasferimento ommutazione Sorgenti di raffico Esercizio 1 Un sistema trasmissivo della velocità di 100 kb/s presenta una lunghezza di 500 km. Si calcoli il tempo che intercorre

Dettagli

Tipologia di Evento. La legge 225/92 stabilisce tre livelli di Emergenza di Protezione Civile con le rispettive competenze istituzionali

Tipologia di Evento. La legge 225/92 stabilisce tre livelli di Emergenza di Protezione Civile con le rispettive competenze istituzionali Corso base per operatori TLC di Protezione Civile Le telecomunicazioni tra Centri Operativi di Comando e Controllo Ughi Gilberto Protezione Civile Emilia-Romagna Comunicazione e Telecomunicazioni durata

Dettagli

Modalità di segnalazione al Centro di. Gestione Rete di problematiche riscontrate. nell utilizzo dei terminali sulla rete ERretre

Modalità di segnalazione al Centro di. Gestione Rete di problematiche riscontrate. nell utilizzo dei terminali sulla rete ERretre Modalità di segnalazione al Centro di Gestione Rete di problematiche riscontrate nell utilizzo dei terminali sulla rete ERretre Pagina 1 di 8 Indice 1. Premessa... 3 2. Il Centro di Gestione della Rete

Dettagli

CORSO DI TELECOMUNICAZIONI IN EMERGENZA MANUALE PRATICO

CORSO DI TELECOMUNICAZIONI IN EMERGENZA MANUALE PRATICO CORSO DI TELECOMUNICAZIONI IN EMERGENZA MANUALE PRATICO PER OPERATORI DEI GRUPPI DI VOLONTARIATO Bertone Bruno Il presente manuale, volutamente conciso, intende fornire alcune conoscenze di base a chi

Dettagli

RILANCIO ALLARMI SU SWC701

RILANCIO ALLARMI SU SWC701 1 RILANCIO ALLARMI SU SWC701 Il rilancio allarmi è un gruppo di funzioni molto ampio, che consente di trasmettere automaticamente le informazioni riguardanti gli allarmi presi in carico dal computer centrale

Dettagli

DIVISIONE COMUNICAZIONI DI TECHBOARD

DIVISIONE COMUNICAZIONI DI TECHBOARD 1 DIVISIONE COMUNICAZIONI DI TECHBOARD, COMUNICAZIONI ALTERNATIVE, la neo nata DIVISIONE TELECOMUNICAZIONI di TECHBOARD opera nel campo delle telecomunicazioni professionali da oltre 30 anni. Il core business

Dettagli

di RICCARDI FABRIZIO IZ0FVJ - Resp. TLC pro-tempore dell Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in Congedo

di RICCARDI FABRIZIO IZ0FVJ - Resp. TLC pro-tempore dell Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in Congedo di RICCARDI FABRIZIO IZ0FVJ - Resp. TLC pro-tempore dell Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in Congedo ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** ** PRESENTAZIONE **

Dettagli

COMUNICAZIONI RADIO AVVISTAMENTO INCENDI BOSCHIVI ARIBO-RE

COMUNICAZIONI RADIO AVVISTAMENTO INCENDI BOSCHIVI ARIBO-RE COMUNICAZIONI RADIO AVVISTAMENTO INCENDI BOSCHIVI COMUNICAZIONI RADIO IN PROTEZIONE CIVILE o Propagazione onde radio o Apparati o Utilizzo della radio o Linguaggio nelle comunicazioni o Terminologia o

Dettagli

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Comunicazione codifica dei dati Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Trasmissione dati La trasmissione dati,permette di trasmettere a distanza informazioni di tipo digitale

Dettagli

Infrastrutture per la banda larga

Infrastrutture per la banda larga Infrastrutture per la banda larga Pier Luca Montessoro Dip. di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Università degli Studi di Udine 2009 - DIEGM - Università di Udine 1 Servizi di rete Cos è la

Dettagli

MODULAZIONI ANGOLARI

MODULAZIONI ANGOLARI MODULAZIONI ANGOLARI Una sinusoide: v(t) = V M * cos (ω * t + φ o ) = V M * cos φ(t) : t è il tempo e φ(t) = fase istantanea è identificata da: 1. Ampiezza V M o V P oppure anche dal suo valore efficace

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

FX-50 Manuale di istruzioni - italiano

FX-50 Manuale di istruzioni - italiano FX-50 Manuale di istruzioni - italiano Antenna Pulsante PTT (push to talk) -Premere e tenere premuto per trasmettere. (SU) / (GIU ) -Premere per cambiare canali, volume, per selezionare le impostazioni

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta La comunicazione interpersonale Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta Comunicazione interpersonale Quella che avviene tra due persone o all interno di un gruppo definito. E immediata e prevede la

Dettagli

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Prerequisiti: Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Definizione di nodo Un nodo è un computer: client o server o un apparato di rete: hub,

Dettagli

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti Il procedimento di mediazione, oggi disciplinato dal DLgs n 28/2010, introduce nel nostro sistema una nuova figura professionale, quella appunto del mediatore che deve necessariamente possedere competenze

Dettagli

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento La telefonia cellulare Piccola presentazione di approfondimento Introduzione Oggigiorno, i telefoni cellulari sono diffusissimi e godono della massima popolarità. Molte persone, tuttavia, non conoscono

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli