La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali"

Transcript

1 Seminario di Ingegneria Clinica 2013 La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Con il Patrocinio di Cagliari, Facoltà di Ingegneria Aula V 14 Giugno 2013 ore A.N.M.D.O Associazione Nazionale dei Medici delle Direzioni Ospedaliere

2 Le principali apparecchiature elettromedicali in Sala Operatoria Antonio Festi

3 Sala Operatoria La sala operatoria è un ambiente asettico ad elevata complessità tecnologica Ampiezza media di 30m 2 Caratteristiche principali: Climatizzata e dotata di filtri assoluti 15 ricambi d aria all ora Leggerente in Sovrapressione Dotata di impianti per erograzione di gas medicinali (Aria, Ossigeno,protossido d azoto, vuoto) È presente un sistema di evaquazione attivo dei gas anestetici vetusti 3

4 Le principali tipologie di Sale Chirurgia Generale Ginecologia Ortopedia Emodinamica Elettrofisiologia Sala parto Sale per Cardio/Neuro Chirurgia Etc.. Operatorie Ogni tipologia di blocco operatorio ha sempre delle apparecchiature di base a cui si vanno ad aggiungere ulteriori apparecchiature altamente specifiche per la tipologia di pazienti che vengono trattati 4

5 Quali sono le principali apparecchiature elettromedicali in sala operatoria? Sicuramente tra le principali Apparecchiature Terapeutiche e Diagnostiche troviamo: Lampada scialitica Lettino operatorio chirurgico Ventilatore per anestesia e rianimazione Monitor Multiparametrici Sistema Pensile per Anestesia e Rianimazione Elettrobisturi Aspiratori chirurgici Carrello di emergenza con Monitor Defibbrillatore Negativoscopi (Monitor per Bioimmagini) Molto spesso troviamo anche: Colonne per Videolaparoscopia, artroscopia e ginecologia Amplificatori di brillanza Laser chirurgici 5

6 Lampade scialitiche La lampada scialitica è uno strumento indispensabile in ogni sala operatoria e per qualunque specialità chirurgica. Essa emette un fascio luminoso di tipo diurno tale da : Non proiettare ombre sul campo operatorio Diminuire il piu possibile il calore sviluppato Garantire una opportuna acuità visiva Si dividono in Alogene o LED 6

7 I parametri di natura fotometrica che caratterizzano la lampada L INTENSITA LUMINOSA(misurata in lux) La TEMPERATURA DI COLORE Tra i 600 e i 700 nm la differenziazione dei tessuti simili è particolarmente delicata. Basse temperature conferiscono agli oggetti in esame una tinta rossiccia, mentre le alte una tinta bluastra. ILUMINAZIONE AL CENTRO (Ec) DIAMETRO DEL CAMPO LUMINOSO (a 1 m) PROFONDITA DELL ILLUMINAZIONE DILUIZIONE DELL OMBRA 7

8 Alle scialitiche è possibile integrare dei sistemi di acquisizione delle immagini e dei video riprendendo le operazioni attraverso sistemi a CCD integrati direttamente nei manipoli delle lampade oppure istallati in appositi bracci Questi sistemi permettono le tele consultazioni la trasmissione delle immagini a sistemi RIS PACS oltre a garantire maggiore sicurezza sotto il profilo medico legale. 8

9 Tavolo Operatorio Il piano operatorio è formato da vari segmenti che, con un movimento di snodo dell uno rispetto all altro, permettono di flettere o estendere i segmenti del corpo, consentendo la migliore esposizione del campo operatorio Il tavolo operatorio può essere inoltre corredato di particolari accessori che permettono l esecuzione di interventi di chirurgia specialistica, quali la maxillofacciale, ortopedica, ginecologica, toracica e neurochirurgica 9

10 Gli apparecchi per anestesia, monitoraggio, rianimazione d emergenza SISTEMA PER ASPIRAZIONE Vaporizzatore MATERIALE PER ANESTESIA TESTATA DI VENTILAZIONE L inspirazione è il risultato dell erogazione di un flusso gassoso nelle vie aeree generato dalla differenza tra la pressione prodotta dal ventilatore e quella presente a livello alveolare. L espirazione è il risultato della differenza tra la pressione generata dall energia accumulata dalle forze elastiche toraco polmonari durante l inspirazione precedente e la pressione atmosferica. 10

11 MONITORAGGIO DEI PARAMETRI VITALI Questo è il Monitor integrato con l'apparecchio di anestesia, cioè uno schermo su cui sono riportati in modo continuo i valori e le tracce dei vostri parametri vitali : ECG/Respiro con analisi del tratto ST e possibilità di utilizzare cavo a 3, 5 e 12 derivazioni Pressione non invasiva Pressioni invasive Temperatura Saturazione di ossigeno con pulsossimetria (SPO2) Trend grafici e numerici fino a 24 ore, con allarmi acustici e visivi. Questi dati sono sempre sotto il vigile controllo dell Anestesista. 11

12 DEFIBRILLATORI e CARRELLI DI EMERGENZA Dispositivi portatili impiegati per il trattamento di episodi acuti di interesse cardiaco Laringoscopio Tavola massaggio cardicaco Saturimetro Aspiratore medico chirurgico Pallone autoespansibile completo di reservoir Flussometro di erogazione con raccordo standard per O2 12

13 Elettrobisturi L elettrobisturi è lo strumento principe per praticare delle incisioni sul campo operatorio. Lo possiamo classificare in monopolare e in bipolare L elettrobisturi utilizza corrente alternata con frequenza dell ordine delle centinaia di khz (radio frequenza) perché questa induce solo effetto termico nel tessuto che attraversa e non effetto faradico. Utilizzando la radiofrequenza non si ha neanche l effetto elettrolitico. 13

14 Dipendentemente dalla forma dell elettrodo attivo, dall intensità della corrente RF che si utilizza e, principalmente dalla sua forma d onda, si ottengono azioni di taglio, di coagulo, oppure di taglio e coagulo insieme. Taglio Se l elettrodo attivo è a punta sottile e la forma d onda della corrente che scorre in esso è sinusoidale, di ampiezza costante e sufficientemente elevata Coagulo Per ottenere la coagulazione occorre alimentare l elettrodo con una corrente intermittente in modo che la quantità di calore sviluppata non produca l esplosione delle cellule e quindi il taglio del tessuto. Taglio e coagulo Abbiamo entrambe le caratteristiche insieme 14

15 ELETTROBISTURI: monopolare Il monopolare è costituito da due elettrodi, uno attivo e uno di ritorno, le correnti dall elettrodo attivo si disperdono nel paziente fino all elettrodo di ritorno. 15

16 ELETTROBISTURI: Bipolare Nel bipolare si ha un unica pinza metallica con due punte, non si ha l elettrodo di ritorno e quindi c è meno dispersione di corrente nel paziente. 16

17 Altre tecniche di dieresi Tra le tecniche che si sono sviluppate notevolmente negli ultimi anni ricordiamo: la dieresi ultrasonica ottenuta trasformando l energia elettrica in vibrazioni meccaniche (Sistemi Ultracision); la dieresi laser ottenuta utilizzando soprattutto laser a CO2 o ad Argon. Conversione del segnale elettrico a onda ultrasonica che ha luogo nel manipolo 17

18 Pensili per Sala operatoria Le unità di alimentazione a soffitto forniscono tutti i gas medicali necessari per la cura del paziente oltre a prese elettriche per l'installazione di apparecchiature elettromedicali e accessi per il trasferimento dati Essi risolvono il problema dell'ingombro dei cavi, permettono un ordinata allocazione delle apparecchiature e facilitano la pulizia della sala operatoria 18

19 Colonne per VLC La video laparo chirurgia (VLC), nota come laparoscopia (CL), dal greco lapára, "addome", è una tecnica chirurgica che prevede l'esecuzione di un intervento chirurgico addominale senza apertura della parete. Le parti che compongono la colonna sono: Monitor Sistema di irrigazione Fonte luminosa Generatore di alta frequenza Videoregistratore Insufflatore gas (VLC) Telecamera CCD 19

20 Arco a C Tra le apparecchiature di sala operatoria deve essere disponibile un radiologico portatile per acquisire le immagini in real time in sala operatoria. 20

21 Sala Operatoria Giovanni Paolo II Olbia 21

22 Sala Emodinamica GPII Olbia 22

23 Sale per elettrofisiologia GPII 23

24 Sale Parto GPII Poltrona Parto Vasca per parti in Acqua 24

25 Ospedale S. Andrea di ROMA Sale Operatorie con RM Attualmente esistono nel mondo solo 11 sale operatorie dotate di tomografo RM. Ci sono molti rischi legali al suo utilizzo. 25

26 RM interventistica Tecnici e addetti alle operazioni di prova/collaudo hanno un bel da fare per eseguire tutti i controlli necessari ai fini del suo utilizzo in sicurezza! 26

27 Sale operatorie galleggianti La portaerei Cavour 27

28 A bordo della portaerei Cavour abbiamo due modernissime sale operatorie 28

29 Grazie per l attenzione 29

Microtherapeutics Sas. Gli Elettromedicali In Sala Operatoria

Microtherapeutics Sas. Gli Elettromedicali In Sala Operatoria Gli Elettromedicali In Sala Operatoria La struttura di una sala operatoria Apparecchi e dispositivi elettromedicali Tavolo operatorio Impianto elettrico e di massa Impianto di illuminazione Impianto di

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 BLOCCO OPERATORIO - REQUITI STRUTTURALI RPER01.AU.1.1 Le sale operatorie sono di dimensione adeguata alla tipologia e al

Dettagli

NOME ENTE 1 : PRESIDIO (SOLO PER LE STRUTTURE PUBBLICHE): INDIRIZZO DEL PRESIDIO: UNITÀ OPERATIVA 2 : DIRETTORE/RESPONSABILE DELL UO:

NOME ENTE 1 : PRESIDIO (SOLO PER LE STRUTTURE PUBBLICHE): INDIRIZZO DEL PRESIDIO: UNITÀ OPERATIVA 2 : DIRETTORE/RESPONSABILE DELL UO: SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE DELLE STRUTTURE CHE EROGANO PRESTAZIONI CONNESSE CON L ATTIVITÀ OPERATORIA -RIANIMAZIONE TERAPIA INTENSIVA- REQUISITI STRUTTURALI, IMPIANTISTICI, TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI NOME

Dettagli

LOTTO 1: LOTTO 2: LOTTO 3:

LOTTO 1: LOTTO 2: LOTTO 3: LOTTO 1: N. 9 Apparecchi per anestesia a circuito chiuso per l Azienda Ospedaliero Universitaria S. Orsola di Bologna n 6 Apparecchi per anestesia a circuito chiuso per l Azienda Ospedaliera di Ferrara

Dettagli

Servizio di Ingegneria Clinica

Servizio di Ingegneria Clinica LOTTO N. 1 SISTEMA PER VIDEOGASTROENTEROLOGIA n. 1 monitor televisivo per bioimmagini U.O. CHIRURGIA N.1 SISTEMA PER VIDEOGASTROENTEROLOGIA (1) caratteristiche e prestazioni essenziali richieste Di grado

Dettagli

Servizio di Ingegneria Clinica

Servizio di Ingegneria Clinica LOTTO N. 2 - SISTEMI PER VIDEOCHIRURGIA UROLOGICA U.O. UROLOGIA N.2 SISTEMI PER VIDEOCHIRURGIA UROLOGICA (1) caratteristiche e prestazioni essenziali richieste n. 2 Monitor televisivo per bioimmagini Di

Dettagli

Esposizioni ai campi elettromagnetici nelle attività sanitarie

Esposizioni ai campi elettromagnetici nelle attività sanitarie Esposizioni ai campi elettromagnetici nelle attività sanitarie Dr. R. Di Liberto r.diliberto@smatteo.pv.it Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia 1 Le

Dettagli

Scheda Tecnica SISTEMA DI MONITORAGGIO

Scheda Tecnica SISTEMA DI MONITORAGGIO Scheda Tecnica SISTEMA DI MONITORAGGIO Caratteristiche generali Il sistema di aggio multiparametrico dovrà essere composto da multiparametrici, centrali di aggio, display per ripetizione di segnale e networking,

Dettagli

La gestione dei gas medicinali nelle aziende sanitarie ai sensi della UNI EN ISO 7396-1:2010

La gestione dei gas medicinali nelle aziende sanitarie ai sensi della UNI EN ISO 7396-1:2010 La gestione dei gas medicinali nelle aziende sanitarie ai sensi della UNI EN ISO 7396-1:2010 Gli impianti gas medicinali e le Apparecchiature Biomedicali Giampiero Pirini Bologna 30/11/2011 Giampiero Pirini

Dettagli

ATTIVITA DI CHIRURGIA GENERALE BLOCCO OPERATORIO

ATTIVITA DI CHIRURGIA GENERALE BLOCCO OPERATORIO Il Blocco Operatorio è dedicato all esecuzione delle procedure chirurgiche e delle attività ad esse funzionalmente connesse. Fanno parte del blocco operatorio: a) locali di preparazione preoperatoria;

Dettagli

BLOCCO OPERATORIO - OSPEDALE G. FRACASTORO S. Bonifacio, Ulss 20 Verona. Direttore: dr. Francesco Orcalli

BLOCCO OPERATORIO - OSPEDALE G. FRACASTORO S. Bonifacio, Ulss 20 Verona. Direttore: dr. Francesco Orcalli G. FRACASTORO S. Bonifacio, Ulss 20 Verona. Direttore: dr. Francesco Orcalli 1 2 IL BLOCCO OPERATORIO E' UN SISTEMA COMPLESSO 3 I processi di comunicazione, il lavoro d equipe, la massima integrazione

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE NAPOLI 1 - CENTRO U.O.C. ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE NAPOLI 1 - CENTRO U.O.C. ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI AZIENDA SANITARIA LOCALE NAPOLI 1 - CENTRO Via Comunale del Principe 13/a 80145 Napoli Tel. 081/2545911 Fax 081/2544854 email: dip.amm.acqbeniservizi@aslnapoli1centro.it P. I.V.A. 06328131211 ALLEGATO

Dettagli

La st rument azione chirurgica. Prof. Robert o Mont isci Chirurgia vascolare - Policlinico

La st rument azione chirurgica. Prof. Robert o Mont isci Chirurgia vascolare - Policlinico La st rument azione chirurgica Prof. Robert o Mont isci Chirurgia vascolare - Policlinico L elettrochirurgia Nella seconda metà del XIX secolo, la scoperta del fatto che una corrente elettrica

Dettagli

endodermal la soluzione che cercavi.

endodermal la soluzione che cercavi. endodermal la soluzione che cercavi. Scopri tutte le novità Esclusiva endodermal la soluzione che cercavi di serie Vacum Radiofrequenza Ultrasuoni Elettroporazione Musicoterapia (Relax) in aggiunta Multipla

Dettagli

STARLED 5 LAMPADA A LED PER SALA OPERATORIA

STARLED 5 LAMPADA A LED PER SALA OPERATORIA STARLED 5 LAMPADA A LED PER SALA OPERATORIA Sistema di illuminazione medicale STARLED 5 Evoluzione, precisione e affidabilita in sala operatoria Con la sua costante attenzione all evoluzione delle tecnologie

Dettagli

Impresa: Ragione Sociale. Città..(Provincia) Indirizzo.Tel

Impresa: Ragione Sociale. Città..(Provincia) Indirizzo.Tel UNI EN ISO 9001:2008 ALL. 3/1 QUESTIONARIO TECNICO PER SISTEMI DI MONITORAGGIO PAZIENTI, SISTEMI DA ANESTESIA E VENTILATORI PER NIV PER REPARTI VARI DEL NUOVO BLOCCO NORD DELL OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA

Dettagli

Il contributo dell' Ingegneria g Clinica alla gestione dei gas medicinali secondo la UNI EN ISO 7396

Il contributo dell' Ingegneria g Clinica alla gestione dei gas medicinali secondo la UNI EN ISO 7396 Il contributo dell' Ingegneria g Clinica alla gestione dei gas medicinali secondo la UNI EN ISO 7396 Giampiero Pirini Ingegneria Clinica Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Segreteria Scientifica

Dettagli

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Seminario di Ingegneria Clinica 2013 La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Con il Patrocinio di Cagliari, Facoltà di Ingegneria Aula V 14 Giugno 2013 ore

Dettagli

ST-XXXXX-XXXX D-18954-2010. Al vostro fianco in sala operatoria

ST-XXXXX-XXXX D-18954-2010. Al vostro fianco in sala operatoria ST-XXXXX-XXXX D-18954-2010 Al vostro fianco in sala operatoria 2 La sala operatoria costituisce metà delle entrate annuali complessive. È l efficienza dei processi che conta. D-18956-2010 D-18957-2010

Dettagli

PARTE 1. A. SISTEMA DI RIPRESA e ARCHIVIAZIONE PER VIDEOLAPAROSCOPIA DIGITALE a 3CCD FORMATO HDTV composta da:

PARTE 1. A. SISTEMA DI RIPRESA e ARCHIVIAZIONE PER VIDEOLAPAROSCOPIA DIGITALE a 3CCD FORMATO HDTV composta da: PARTE 1 N. 4 Colonne per videolaparoscopia e videoartroscopia per le specialità di chirurgia generale, chirurgia ginecologica e chirurgia ortopedica, ciascuna completa dei seguenti elementi: A. SISTEMA

Dettagli

La sicurezza degli impianti elettrici nei locali ad uso medico. 1. Generalità

La sicurezza degli impianti elettrici nei locali ad uso medico. 1. Generalità La sicurezza degli impianti elettrici nei locali ad uso medico. Generalità Il paziente all'interno di un locale ad uso medico è sottoposto ad una serie di pericoli di natura elettrica sicuramente maggiori

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. VdS Samuele Luzi

CROCE ROSSA ITALIANA. VdS Samuele Luzi CROCE ROSSA ITALIANA Apparati Elettromedicali VdS Samuele Luzi Comitato Locale di Castelplanio OBBIETTIVI La Check List Le apparecchiature elettromedicali Gestione e utilizzo LA CHECK LIST L IMPIANTO ELETTRICO

Dettagli

(inclusi nell appalto)

(inclusi nell appalto) Azienda Ospedaliera PUGLIESE CIACCIO Catanzaro SERVIZIO INTEGRATO DI MANUTENZIONE DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI ALLEGATO N 5 Elenco materiali soggetti ad usura (inclusi nell appalto) MATERIALI

Dettagli

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE ALLEGATO B REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INDICE Requisiti organizzativi, strutturali e tecnologici

Dettagli

I CONTROLLI DI SICUREZZA ELETTRICA E FUNZIONALITÀ DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI IN AMBITO

I CONTROLLI DI SICUREZZA ELETTRICA E FUNZIONALITÀ DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI IN AMBITO I CONTROLLI DI SICUREZZA ELETTRICA E FUNZIONALITÀ DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI IN AMBITO SANITARIO Modalità operative e protocolli di verifica Ing. R. Nativio Modena, martedi 7 luglio 2015 Sala

Dettagli

Impianto elettrico in locale ad uso medico

Impianto elettrico in locale ad uso medico Impianto elettrico in locale ad uso medico Studio di Ingegneria Magrini Polloni Marco Tel. 0382-21902 Fax 0382-21902 Via San Carlo 5 27100 Pavia www.mpm1962.altervista.org Alessia94@libero.it Sommario

Dettagli

APPARECCHIO RADIOGENO

APPARECCHIO RADIOGENO UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia APPARECCHIO RADIOGENO A.A. 2014 2015 Tecniche di Radiodiagnostica

Dettagli

Risposta n. 1. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA P.zza dell Ateneo Nuovo, 1 20126 Milano

Risposta n. 1. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA P.zza dell Ateneo Nuovo, 1 20126 Milano Oggetto: procedura aperta per l'affidamento della fornitura e posa in opera di sistema audiovisivo in streaming, completo di apparecchiature ed attrezzature, dalla sala operatoria c/o Ospedale S. Gerardo

Dettagli

I CONTROLLI E LE VERIFICHE. Giancarlo Ettorre Sezione Scienze Radiologiche Dip. Specialità Medico-Chirurgiche Università degli Studi di Catania

I CONTROLLI E LE VERIFICHE. Giancarlo Ettorre Sezione Scienze Radiologiche Dip. Specialità Medico-Chirurgiche Università degli Studi di Catania I CONTROLLI E LE VERIFICHE Giancarlo Ettorre Sezione Scienze Radiologiche Dip. Specialità Medico-Chirurgiche Università degli Studi di Catania 10. I CONTROLLI E LE VERIFICHE Il CRI è un sistema complesso

Dettagli

D-3541-2011. Al servizio delle vostre esigenze in ambito clinico VISTA 120

D-3541-2011. Al servizio delle vostre esigenze in ambito clinico VISTA 120 D-3541-2011 Al servizio delle vostre esigenze in ambito clinico VISTA 120 02 D-3533-2011 Monitoraggio di parametri essenziali a un prezzo eccezionale Le strutture ospedaliere di tutto il mondo si trovano

Dettagli

Sistema per anestesia e monitoraggio ad alte prestazioni, composto di:

Sistema per anestesia e monitoraggio ad alte prestazioni, composto di: CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA A LOTTO UNICO DI SISTEMI DI MONITORAGGIO E VENTILAZIONE COMPOSTO DA: n. 6 Apparecchi per anestesia completi di monitoraggio da installarsi nel nuovo B.O. del Presidio

Dettagli

Più comfort ed efficienza nella sala operatoria

Più comfort ed efficienza nella sala operatoria Lampade Scialitiche Più comfort ed efficienza nella sala operatoria DAY HOSPITAL SALA OPERATORIA Una nuova MeriLED per la sala operatoria Le luci hanno un ruolo fondamentale nella sala operatoria. La luce

Dettagli

ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C.

ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C. Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 46/22 del 22.9.2015 ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C. Scheda La terapia intensiva coronarica rappresenta

Dettagli

Impianti elettrici in edifici adibiti ad uso medico

Impianti elettrici in edifici adibiti ad uso medico V.I.T.E.S.A. Impianti elettrici in edifici adibiti ad uso medico Dott. Ing. Pietro Antonio SCARPINO Professore a contratto Università di Firenze e Libero Professionista Un po di storia Decreto del Duce

Dettagli

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA. Milano, 18 gennaio 2007

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA. Milano, 18 gennaio 2007 SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA Immagini in sala operatoria: verso il filmless Francesco Di Giovanni Direzione Sistemi Informativi Ospedale San Raffaele Milano, 18 gennaio 2007 I blocchi operatori

Dettagli

La gestione del paziente portatore di PMK/ICD impiantabile. Luca Sangiovanni Tecnico di cardiologia Policlinico Casilino Roma

La gestione del paziente portatore di PMK/ICD impiantabile. Luca Sangiovanni Tecnico di cardiologia Policlinico Casilino Roma La gestione del paziente portatore di PMK/ICD impiantabile Luca Sangiovanni Tecnico di cardiologia Policlinico Casilino Roma Il post intervento Dopo la completa cicatrizzazione della ferita, il pz può

Dettagli

25/11/2009. scaricato da www.sunhope.it 1

25/11/2009. scaricato da www.sunhope.it 1 CHIRURGIA MININVASIVA Si propone di raggiungere gli stessi obiettivi delle tecniche chirurgiche classiche attraverso una via d accesso ad organi addominali o toracici che riduca al minimo il trauma chirurugico

Dettagli

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO?

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? TORINO 27-29 Marzo 2014 Martina Ronzoni Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma 2 OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA 3 SEGNI CLINICI DI IPOSSIA Ipossia Segni Respiratori

Dettagli

oggetto Tradizionale APPARECCHIATURE

oggetto Tradizionale APPARECCHIATURE Tubo a raggi X oggetto Schermi di rinforzo Scintillatori Radiologia Radioscopia Tradizionale APPARECCHIATURE Stativo a colonna E il più comune accessorio porta tubo radiogeno. E costituito da una struttura

Dettagli

DESCRIZIONE ANALITICA

DESCRIZIONE ANALITICA M8500 Monitor M8500 BLTM8500-XX PRODUTTORE: BIOLIGHT LTD. DESCRIZIONE ANALITICA Monitor portatile versatile, progettato per l utilizzo in un ampia varietà di aree critiche. E dotato di uno schermo ad alta

Dettagli

Incubatrice da trasporto Quality for life

Incubatrice da trasporto Quality for life Baby Shuttle Baby Shuttle Incubatrice da trasporto Quality for life Baby Shuttle La tecnologia più avanzata per il trasporto ad alto rischio neonatale interno ed esterno Il trasporto del neonato patologico

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 PUNTO NASCITA/BLOCCO PARTO - REQUITI STRUTTURALI BPAR01.AU.1.1 L'AREA NEONATALE, oltre agli spazi specifici già individuati

Dettagli

VERIFICHE ELETTRICHE ED APPARECCHI ELETTROMEDICALI NEGLI STUDI ODONTOIATRICI

VERIFICHE ELETTRICHE ED APPARECCHI ELETTROMEDICALI NEGLI STUDI ODONTOIATRICI VERIFICHE ELETTRICHE ED APPARECCHI ELETTROMEDICALI NEGLI STUDI ODONTOIATRICI Attività soggette Per luoghi ad uso medico la Norma CEI 64/8 intende qualsiasi locale destinato a scopi diagnostici, terapeutici,

Dettagli

La sicurezza negli impianti di Risonanza Magnetica

La sicurezza negli impianti di Risonanza Magnetica UNIVERSITA degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Principi di funzionamento di un Tomografo RM La sicurezza negli impianti di Risonanza Magnetica Dott. Gianni Gobbi S.C. di Fisica Sanitaria

Dettagli

imec 8 MONITOR PAZIENTE (COD: 6302B-PA001XX) Breve descrizione del prodotto Caratteristiche principali Opzioni

imec 8 MONITOR PAZIENTE (COD: 6302B-PA001XX) Breve descrizione del prodotto Caratteristiche principali Opzioni imec 8 MONITOR PAZIENTE (COD: 6302B-PA001XX) Breve descrizione del prodotto Monitor Paziente multiparametrico preconfigurato con schermo TFT a colori da 8,4 visualizzazione sino a 8 tracce. Questa unità

Dettagli

Unità tecniche ospedaliere

Unità tecniche ospedaliere Unità tecniche ospedaliere UNITÀ TECNICHE OSPEDALIERE La Hackermann & Bild srl è una divisione del Gruppo SIARE Engineering International Group srl, società leader nella produzione di apparecchiature elettromedicali.

Dettagli

SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO

SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 4 5 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

DESCRIZIONE ANALITICA

DESCRIZIONE ANALITICA V6 Monitor V6 PRODUTTORE: BIOLIGHT LTD. DESCRIZIONE ANALITICA Monitor per parametri vitali portatile progettato per l utilizzo in un ampia varietà di aree critiche. Il monitor V6 è dotato di uno schermo

Dettagli

1.0.0. PREMESSA pag. 2. 2.0.0. TIPO DI INTERVENTO pag. 3. 3.0.0. CRONOPROGRAMMA pag. 4. 4.0.0. QUADRO ECONOMICO pag. 5. 5.0.0. ALLEGATI pag.

1.0.0. PREMESSA pag. 2. 2.0.0. TIPO DI INTERVENTO pag. 3. 3.0.0. CRONOPROGRAMMA pag. 4. 4.0.0. QUADRO ECONOMICO pag. 5. 5.0.0. ALLEGATI pag. 1.0.0. PREMESSA pag. 2 2.0.0. TIPO DI INTERVENTO pag. 3 3.0.0. CRONOPROGRAMMA pag. 4 4.0.0. QUADRO ECONOMICO pag. 5 5.0.0. ALLEGATI pag. 6 1 di 6 1.0.0. PREMESSA L'Azienda Ospedaliera San Paolo di Milano

Dettagli

PROSEGUI LA LETTURA!

PROSEGUI LA LETTURA! PROGETTO HySyONE LABORATORIO DELL'IDROGENO Il 5 febbraio 2005 è stato inaugurato all'itis "G.C.FACCIO" di Vercelli l'impianto didattico HySyONE, realizzato con la collaborazione di HySyLAB e del Politecnico

Dettagli

Versatilità ed ergonomia. Lampada scialitica Harmony vled

Versatilità ed ergonomia. Lampada scialitica Harmony vled Versatilità ed ergonomia Lampada scialitica Harmony vled La tecnologia LED La tecnologia LED è, oggi, la scelta obbligatoria per la sala operatoria poiché risponde perfettamente alle esigenze delle équipe

Dettagli

La Normativa Italiana in materia di Installazione Impianti RM

La Normativa Italiana in materia di Installazione Impianti RM La Normativa Italiana in materia di Installazione Impianti RM Carpi 20 Marzo 2009 Marco Serafini m.serafini@ausl.mo.it AUSL Modena D.M. 29/11/85 D.M. 02/08/91 D.M. 03/08/93 D.P.R. 542/94 Sistema autorizzativo

Dettagli

REGIONE BASILICATA. Contratto ad esecuzione istantanea

REGIONE BASILICATA. Contratto ad esecuzione istantanea REGIONE BASILICATA AZIENDA OSPEDALIERA SAN CARLO Via Potito Petrone- 85100 Potenza Telefono 0971613007 Fax 0971613006 e-mail: provveditore@ospedalesancarlo.it Codice Fiscale e Partita IVA - 01186830764

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA)

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) Le prestazioni di procreazione medicalmente assistita comportano interventi di diversa complessità tecnica, scientifica e organizzativa, tali da prevedere differenti livelli di requisiti strutturali, tecnologici

Dettagli

Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione

Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione Migliora il tuo ambiente di lavoro! Un ambiente di lavoro libero da fumi, polveri e particelle nocive è un bene sotto molti aspetti. Le condizioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Ospedale di Ivrea: inaugurate oggi le nuove sale operatorie

COMUNICATO STAMPA. Ospedale di Ivrea: inaugurate oggi le nuove sale operatorie UFFICIO COMUNICAZIONE Responsabile: dott.ssa Tiziana Guidetto tel. 0125 414726 011 9176594 cell. 335 5812438 fax 0125 641248 e-mail: tguidetto@aslto4.piemonte.it COMUNICATO STAMPA Ospedale di Ivrea: inaugurate

Dettagli

OT STARLED. La nuova lampada scialitica per sala operatoria con tecnologia a led SISTEMA DI ILLUMINAZIONE MEDICALE

OT STARLED. La nuova lampada scialitica per sala operatoria con tecnologia a led SISTEMA DI ILLUMINAZIONE MEDICALE OT STARLED La nuova lampada scialitica per sala operatoria con tecnologia a led SISTEMA DI ILLUMINAZIONE MEDICALE OT - STARLED L evoluzione tecnologica a led in sala operatoria Grazie alla continua ricerca,

Dettagli

CORSO TEORICO-PRATICO DI ELETTROCARDIOGRAFIA PER INFERMIERI

CORSO TEORICO-PRATICO DI ELETTROCARDIOGRAFIA PER INFERMIERI Novi Ligure, 10-11 Dicembre 2007 CORSO TEORICO-PRATICO DI ELETTROCARDIOGRAFIA PER INFERMIERI Gabriele Zaccone Laura Giorcelli L ELETTROCARDIOGRAMMA Laura GIORCELLI L ECG Significato Esecuzione Interpretazione

Dettagli

I GAS MEDICINALI NELLE STRUTTURE SANITARIE: ASPETTI LEGISLATIVI E GESTIONALI. Giovedì 23 maggio 2002 Sala Congressi Milan Marriott Hotel

I GAS MEDICINALI NELLE STRUTTURE SANITARIE: ASPETTI LEGISLATIVI E GESTIONALI. Giovedì 23 maggio 2002 Sala Congressi Milan Marriott Hotel I GAS MEDICINALI NELLE STRUTTURE SANITARIE: ASPETTI LEGISLATIVI E GESTIONALI Giovedì 23 maggio 2002 Sala Congressi Milan Marriott Hotel TECNOLOGIE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ARIA MEDICALE PRESSO

Dettagli

Pulizia e disinfezione endoscopi flessibili

Pulizia e disinfezione endoscopi flessibili Pulizia e disinfezione endoscopi flessibili Carlotta Annunziata ENDOSCOPI Specifiche apparecchiature che permettono di esplorare visivamente l interno di alcuni organi e cavità del corpo allo scopo di

Dettagli

QUESTIONARI DATI TECNICI

QUESTIONARI DATI TECNICI CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO DI BASILICATA Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Rionero in Vulture (PZ) C. R. O. B. 85028 Rionero in Vulture (PZ) Via Padre Pio,1 P. IVA. 01323150761

Dettagli

PERCORSO NASCITA PUNTO NASCITA BLOCCO PARTO DI 1, 2 e 3 LIVELLO

PERCORSO NASCITA PUNTO NASCITA BLOCCO PARTO DI 1, 2 e 3 LIVELLO Il Punto nascita costituisce l unità di assistenza per le donne in gravidanza e per i neonati e comprende l Ostetricia, il Nido, la Neonatologia ed il Blocco Parto. L attività di assistenza è prestata

Dettagli

PROCEDURA N 11 UTILIZZO DELLE PRESE ELETTRICHE IN SALA OPERATORIA - Ospedale di Vaio -

PROCEDURA N 11 UTILIZZO DELLE PRESE ELETTRICHE IN SALA OPERATORIA - Ospedale di Vaio - Dipartimento Tecnico e delle Tecnologie Procedura n. 11 per l utilizzo delle prese elettriche in sala operatoria ospedale Vaio Versione:01 PROCEDURA N 11 UTILIZZO DELLE PRESE ELETTRICHE IN SALA OPERATORIA

Dettagli

CHECK LIST CAMPI ELETTROMAGNETICI

CHECK LIST CAMPI ELETTROMAGNETICI CHECK LIST CAMPI ELETTROMAGNETICI 1. ALTA FREQUENZA Macchinari e/o dispositivi in grado di emettere campi elettromagnetici con frequenze naturali da 100 khz a 40 GHz. Viene condotta una singola misura

Dettagli

di Nicola.Torina, infermiere del Complesso Operatorio, Ospedale Buccheri La Ferla, FBF Palermo.

di Nicola.Torina, infermiere del Complesso Operatorio, Ospedale Buccheri La Ferla, FBF Palermo. La Sala Risveglio di Nicola.Torina, infermiere del Complesso Operatorio, Ospedale Buccheri La Ferla, FBF Palermo. Con il termine reparto operatorio si definisce l unita operativa nella quale la persona

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA LANZONI s.r.l. Via Michelino, 93/B--40127 BOLOGNA, tel. 051-504810/501334-fax 051-6331892 http://www.lanzoni.it e-mail: lanzoni@lanzoni.it LASER LIMAX RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Campi di applicazione

Dettagli

Schema generale SALA COMANDI SALA MAGNETE SALA TECNICA

Schema generale SALA COMANDI SALA MAGNETE SALA TECNICA Apparecchiature RM Queste diapositive fanno parte di un corso completo e sono a cura dello staff di rm-online.it E vietata la riproduzione anche parziale Schema generale SALA MAGNETE Magnete Gradienti

Dettagli

Indice. 5 Introduzione. Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini

Indice. 5 Introduzione. Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini IN QUESTA GUIDA Indice GUIDA PER I GENITORI 5 Introduzione Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini Fisiopatologia 8 Cos è l occlusione

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali INGEGNERIA G BIOMEDICA Seminario di Ingegneria Clinica 2013 La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Con il Patrocinio di Cagliari, Facoltà di Ingegneria Aula

Dettagli

Servizio Ingegneria Clinica Energy Management Tel. 0874/409.550 (Interno 2550) Fax 0874/409.551 (Interno 2551) e-mail: sic@asrem.

Servizio Ingegneria Clinica Energy Management Tel. 0874/409.550 (Interno 2550) Fax 0874/409.551 (Interno 2551) e-mail: sic@asrem. Descrizione dell attività Il controllo è stato compiuto il giorno con l apparecchiatura per il rilevamento posizionata all interno dei seguenti ambienti del P.O. ): L analizzatore è programmato per rilevare

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

Impianti elettrici negli ambienti medici

Impianti elettrici negli ambienti medici Impianti elettrici negli ambienti medici Un po di storia Panorama Legislativo per la realizzazione degli impianti Decreto del Duce e del Fascismo 29/07/1939 Approvazione per le costruzioni ospedaliere

Dettagli

Definizione di blocco operatorio

Definizione di blocco operatorio Per garantire la privacy, è stato impedito il download automatico di questa immagine esterna. Per scaricare e visualizzare l'immagine, fare clic su Opzioni sulla barra dei messaggi, quindi fare clic su

Dettagli

ACCETTAZIONE REQUISITI STRUTTURALI RELAZIONI FUNZIONALI GENERALI

ACCETTAZIONE REQUISITI STRUTTURALI RELAZIONI FUNZIONALI GENERALI 1 ACCETTAZIONE REQUISITI STRUTTURALI OBIETTIVI : L accettazione deve garantire spazi distinti per l attività sanitaria e per l attività amministrativa. In termini di collegamenti, deve essere garantita

Dettagli

Nuove Norme CEI del mese di novembre 2003

Nuove Norme CEI del mese di novembre 2003 Nuove Norme CEI del mese di novembre 2003 CEI EN 50329 Applicazioni ferroviarie, tranviarie, filoviarie e metropolitane - Impianti fissi - Trasformatori di trazione CEI EN 50123-7-1 Applicazioni ferroviarie,

Dettagli

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE La norma CEI 64 8 per impianti elettrici utilizzatori prevede che prima di

Dettagli

Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini

Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Apparecchiature radiologiche medicali In medicina le apparecchiature radiografiche vengono utilizzate per: diagnosi dentale

Dettagli

Programma di manutenzione preventiva

Programma di manutenzione preventiva Programma di manutenzione preventiva studiato per mantenere invariata negli anni la capacità di tutelare la salute degli operatori di cappe chimiche, cappe pensili, armadi e bracci aspiranti. IL PROGRAMMA

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO

IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Individuazione del rischio L individuazione del rischio per il

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Parte 1 a - Concetti di base 1.0.0 - Natura del calore 1.1.0 - misura del calore: - strumentazione - scale

Dettagli

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica: l alternativa alla chirurgia Negli ultimi venti anni la Radiologia Interventistica si è guadagnato il prezioso ruolo

Dettagli

Diagnostica per Immagini

Diagnostica per Immagini UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica Anno accademico 2005-2006 Diagnostica per Immagini Argomento 2 Tecnica radiografica Arturo Brunetti Tel 0817463102 Fax

Dettagli

La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli impianti gas medicali

La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli impianti gas medicali La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli impianti gas medicali Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM POLITECNICO DI MILANO, 20 Maggio 2011 SOMMARIO Gli impianti gas

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM)

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM) F. Paolo Gentile Canale Monterano (RM) FISICA MEDICA Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina 1 Chi è il Fisico medico? Il Fisico medico è una figura professionale che applica

Dettagli

CHECK LIST - CHIRURGIA OCULISTICA

CHECK LIST - CHIRURGIA OCULISTICA ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico V.I. del c/o 1-REQUISITI STRUTTURALI 1.1-Generali 1.1.1 E' garantita una facile accessibilità dall'esterno sia per quanto concerne l'ingresso

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016

LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016 LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016 Approfondimenti sulla gestione dei gas medicinali : Il punto di vista dell industria Stefania Mariani I GAS UTILIZZATI IN OSPEDALE In ambito

Dettagli

Potente ed affidabile La resistente unità di alimentazione pensile DRÄGER FORTA

Potente ed affidabile La resistente unità di alimentazione pensile DRÄGER FORTA MT-3110-2005 Potente ed affidabile La resistente unità di alimentazione pensile DRÄGER FORTA 02 DRÄGER FORTA Versatilità ed Efficienza MT-4597-2007 DRÄGER FORTA 03 Massima versatilità per carichi elevati

Dettagli

più alternative proposte: barrare l alternativa presentata in questa scheda alternativa A alternativa B alternativa C alternativa D alternativa E

più alternative proposte: barrare l alternativa presentata in questa scheda alternativa A alternativa B alternativa C alternativa D alternativa E (da compilarsi a cura della ditta concorrente) TIPOLOGIA DI APPARECCHIATURA RICHIESTA: VITRECTOMO Quantità di apparecchiature identiche richieste all interno del lotto in questione: 1 proposta unica più

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA HUMANITAS FIRENZE S.M.S.

PUBBLICA ASSISTENZA HUMANITAS FIRENZE S.M.S. PUBBLICA ASSISTENZA HUMANITAS FIRENZE S.M.S. L Intubazione Endotracheale L intubazione endotracheale rientra nelle misure di soccorso specialistico (insieme alla defibrillazione e alla creazione di un

Dettagli

mondiale NOVITÀ NOVITÀ NOVITÀ Visione chiara grazie a un illuminazione ottimale Serraggio unico dell utensile mediante pressione del pedale

mondiale NOVITÀ NOVITÀ NOVITÀ Visione chiara grazie a un illuminazione ottimale Serraggio unico dell utensile mediante pressione del pedale Anteprima mondiale Visione chiara grazie a un illuminazione ottimale Serraggio unico dell utensile mediante pressione del pedale Per lavori professionali Serraggio dell utensile mediante pressione del

Dettagli

VIO S. Sistema di chirurgia HF per interventi in clinica o nello studio medico privato CHIRURGIA AD ALTA FREQUENZA

VIO S. Sistema di chirurgia HF per interventi in clinica o nello studio medico privato CHIRURGIA AD ALTA FREQUENZA VIO S Sistema di chirurgia HF per interventi in clinica o nello studio medico privato CHIRURGIA AD ALTA FREQUENZA VIO 300 S e VIO 200 S: La perfezione su misura della chirurgia HF. Con il sistema HF VIO,

Dettagli

seduta ergonomica per il massimo confort del chirurgo visione 3D assistita da due Flat Panel Monitors con elevata risoluzione

seduta ergonomica per il massimo confort del chirurgo visione 3D assistita da due Flat Panel Monitors con elevata risoluzione Sistema per esecuzione di intervento chirurgico mininvasivo robot-assistito in particolare con procedure di endoscopia videoassistita effettuabili con tecnica laparoscopica dotato di: Specifiche tecniche

Dettagli

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate allegato 3 - protezione personale degli occhi Allegato 3 (*) Si riportano di seguito le appendici delle norme UNI EN 169 (1993), UNI EN 170 (1993) e UNI EN 171 (1993) Protezione personale degli occhi (*)

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI della rispondenza della posizione delle porte REI al progetto di

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli