BB/Stable. Rating Update. Telecom Italia S.p.A. Rating Rationale. Key Rating Factors. Telecomunicazioni / ITALIA FINANCIAL SUMMARY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BB/Stable. Rating Update. Telecom Italia S.p.A. Rating Rationale. Key Rating Factors. Telecomunicazioni / ITALIA FINANCIAL SUMMARY"

Transcript

1 Rating Update Telecom Italia S.p.A. Telecomunicazioni / ITALIA BB/Stable Rating Rationale FINANCIAL SUMMARY EUR/ Ricavi (EUR '000) Ebitda (EUR '000) Interessi (EUR '000) ( ) ( ) ( ) Utile/Perd (EUR '000) ( ) ( ) Debito Netto* (EUR '000) Ebitda margin (%) 38,94 39,30 40,84 Ebit margin (%) 19,95 20,54 20,75 Debito Netto*/PN (x) 1,43 1,49 1,39 Debito Netto*/ Ebitda (x) 3,52 3,16 2,58 Ebitda/Interessi+Dividendi privilegiati (x) Debito Netto*/ FFO+Int+Div priv (x) 3,82 4,09 6,62 3,74 3,48 - Ebitda-Capex/Interessi (x) 1,65 2,20 - * Passività finanziarie al netto della cassa e dei titoli equivalenti CRIF Rating Agency ( CRIF ) conferma il rating di controparte BB di Telecom Italia S.p.A. ( TI o Gruppo TI ) e modifica l Outlook a Stabile da In evoluzione. La revisione dell Outlook a Stabile riflette la maggiore chiarezza sull assetto azionario del gruppo, l aspettativa di crescita dei ricavi legata alla ripresa, seppur fragile, del mercato domestico e l incremento della marginalità grazie al contributo degli investimenti in reti di nuova generazione previsti dal piano , che ampliano progressivamente la capacità di innovare le offerte bundling (fisso-mobile) e riducono il tasso di recesso contrattuale (churn rate). Il processo di riduzione del debito rimane ancora lento e frutto di operazioni straordinarie, piuttosto che di incremento organico del free cash flow. Sul prossimo triennio gli investimenti incideranno per complessivi EUR14bn e l indice di leva, calcolata come EBITDA net leverage, nel rating case di CRIF, rimane superiore a 3x fino al 2017 in assenza di sviluppi positivi di mercato e regolamentazione. Il contesto competitivo sui servizi fisso-mobile tradizionali potrebbe infatti beneficiare di un ulteriore consolidamento delle quote di mercato, mentre eventuali contributi e/o incentivi governativi allo sviluppo della rete di banda ultralarga (UBB) potrebbero risultare in una riduzione degli investimenti. Il rating non incorpora eventuali nuove operazioni di cessione/acquisizione di assets e di buy back delle obbligazioni sul mercato, che potrebbero essere concluse nel triennio oggetto di forecast. Key Rating Factors Nuovo Assetto Azionario - Il nuovo assetto azionario che si è definito successivamente alla scissione di Telco (holding veicolo attraverso cui Telefonica, Mediobanca, Generali e Intesa Sanpaolo controllavano TI con il 22,4% delle quote azionarie), avvenuta a maggio 2015, vede l ingresso del gruppo francese Vivendi al 14,9%, di cui l 8,3% ceduto da Telefonica e il restante 6,6% acquisito per EUR1bn. L insediamento del nuovo azionista prevede l inserimento nel Consiglio di Amministrazione di due esponenti del gruppo francese. Telefonica detiene ancora il 6,42% delle quote di TI, non cedibili in quanto a servizio di un bond convertendo da questa emesso nel 2014 e in scadenza nel 2017 (mediante sottoscrizione di un contratto di Total Return Equity Swap); le quote attualmente detenute da Generali, Intesa Sanpaolo e Mediobanca (ricevute da Telco al momento della scissione per un totale complessivo del 7,6% circa del capitale), come da dichiarazioni degli azionisti, dovrebbero essere cedute nel medio termine sul mercato a soggetti diversi da Vivendì, che manterrebbe comunque la quota di maggioranza. CRIF ritiene che il nuovo assetto azionario e di governance supportino uno scenario di miglioramento del business Media grazie alle potenziali sinergie derivanti dalla collaborazione con il gruppo Vivendì, tramite la library delle società del gruppo Canal+ e Universal Music Group. Analisti Pietro Ragghianti, Rating Analyst Tel.: Ilaria Ottoboni, Junior Rating Analyst Tel.: Riduzione della Leva Finanziaria e Difesa dei Margini - Nel triennio , la marginalità e i flussi di cassa a servizio del debito del Gruppo TI sul mercato domestico si sono progressivamente deteriorati a causa del difficile contesto macroeconomico, della forte concorrenza sui prezzi sul segmento mobile e delle pressioni del regolatore sulle tariffe di terminazione. La strategia di protezione delle metriche di credito, ed in particolare la riduzione degli indici di leva è stata attuata tramite cessione di assets, come la business unit Argentina, le torri in Brasile e la quotazione della società di gestione delle torri mobili in Italia (Inwit). CRIF stima che, nel triennio , la riduzione del debito non deriverà da maggiore marginalità (stimata attorno al 39%-40%) ma da ulteriori dismissioni. Buona Capacità di Accesso al Mercato - La società conserva un ottimo accesso sia al mercato obbligazionario che bancario come dimostra il rifinanziamento del debito in scadenza e il mantenimento delle linee bancarie committed, che preservano un adeguata posizione di liquidità nonostante il deterioramento del rating. Si segnala l allungamento progressivo della vita media del debito finanziario a m/l termine, che alla fine del primo trimestre 2015 era di circa 7 anni. Rating Unsolicited Riproduzione vietata 1 di Agosto 2015

2 Quadro Normativo e Regolamentare - Il settore italiano delle telecomunicazioni ha beneficiato per molti anni di tariffe di terminazione significativamente superiori alla media europea. Le performance del Gruppo TI nel triennio hanno riflesso il difficile contesto regolamentare del mercato domestico che, su sollecitazione della Commissione Europea, ha registrato ripetute azioni al ribasso da parte delle Authority locali (Agcom e Anatel) sulle tariffe di terminazione, con impatti sui ricavi e sulla marginalità. Sul mercato domestico le tariffe si prevedono stabili fino al 2017; CRIF ritiene che successivamente a tale data ci siano margini di ulteriori riduzioni per allineare maggiormente le tariffe nazionali alla media europea.tale eventualità potrebbe ridurre i benefici in termini di marginalità derivanti dall offerta di servizi innovativi basati sulla convergenza e sull utilizzo della rete in Ultra Broad Band (UBB). Alle problematiche del contesto regolamentare, si affiancano le incertezze del quadro normativo nazionale in relazione alla definizione degli incentivi e dei contributi pubblici a supporto degli investimenti in reti innovative. Tali incertezze accrescono il rischio di esecuzione del piano di investimenti del gruppo che, in qualità di operatore verticalmente integrato, potrebbe non aver accesso ad alcune delle agevolazioni previste. L intervento di Enel, a supporto della realizzazione delle nuove infrastrutture di rete, avrebbe un effetto di riduzione dei capex ma potrebbe neutralizzare il piano di riduzione dei costi operativi previsto dal Gruppo per il prossimo triennio. Evoluzione Tecnologica e Nuovo Assetto di Mercato e Competitivo - All interno del piano nazionale di sviluppo della rete in fibra dettato dagli obiettivi dell Agenda Digitale, diversamente dalle indicazioni del Governo e dai piani dei principali competitors che prevedono investimenti esclusivamente in reti Fiber to the Home (Ftth), TI prevede uno sviluppo delle rete in parte Fiber to the Cabinet (Fttc) e in parte Ftth. La tecnologia Ftth garantisce performance qualitativamente migliori e maggiormente in grado di supportare i servizi innovativi basati sulla convergenza, che rappresenteranno il principale driver competitivo del settore. Le nuove tecnologie e la convergenza fisso mobile, insieme al processo di aggregazione e consolidamento tra operatori tradizionali e nuovi operatori, ovvero operatori privi di infrastruttura propria (fissa e/o mobile) ma ad alto tasso di contenuti, modificheranno notevolmente il contesto competitivo; CRIF ritiene che, allo stato tecnologico attuale, non vi siano certezze sull adeguatezza della rete mista Fttc/Ftth alla trasmissione di contenuti innovativi; ulteriori investimenti per adeguare le infrastrutture al modello full Ftth potrebbero rendersi necessari. Incertezze sulla Contribuzione del Mercato Brasile - A partire dal 2013 il rallentamento della crescita economica, gli elevati tagli alle tariffe di terminazione fatti dall Authority locale (Anatel) e la svalutazione della valuta locale (Real) hanno frenato la crescita della marginalità, facendo registrare comunque alla business unit Brasiliana una buona performance in termini di Ebitda organico. Nonostante il mercato presenti ancora margini per un aumento della penetrazione, CRIF ritiene che gli elementi evidenziati potrebbero avere impatti sui risultati della BU anche nel triennio , frenandone la crescita e il contributo all Ebitda di gruppo. Rating Sensitivities Eventi futuri che potrebbero, singolarmente e/o collettivamente, impattare positivamente sul rating: EBITDA Net Leverage Ratio <3x Ebitda-Capex/Interessi >2x Consolidamento del mercato e riduzione della pressione competitiva Sviluppo e stabilizzazione favorevole del contesto normativo e regolamentare Eventi futuri che potrebbero, singolarmente e/o collettivamente, impattare negativamente sul rating: EBITDA Net Leverage Ratio >4x Ebitda-Capex/Interessi <1x Persistente incertezza o sviluppo sfavorevole del contesto normativo e regolamentare Incremento della pressione competitiva Rating Unsolicited Riproduzione vietata 2 di Agosto 2015

3 Profilo della Liquidità Il profilo della liquidità del Gruppo è adeguato e sufficiente a coprire tutto il debito in scadenza entro il 2017 (pari a circa il 30% del debito complessivo). A Marzo 2015, la liquidità era pari a circa EUR14bn, supportata da disponibilità di cassa pari a EUR7,1bn (comprensiva della liquidità raccolta dalle due emissioni obbligazionarie di Gennaio e Marzo 2015 per complessivi EUR3bn), e da due linee di credito revolving committed per complessivi EUR7bn (EUR4bn in scadenza nel 2017 e EUR3bn nel 2018); a tali disponibilità, al lordo dei movimenti del circolante, si somma la liquidità raccolta nei mesi successivi tramite la quotazione della controllata Inwit (c.a. EUR870m) e dall incasso della prima tranche della cessione delle torri in Brasile (circa EUR980m), per contro Telecom ha riacquistato titoli obbligazionari in USD e EUR per complessivi EUR980m. Il profilo di rimborso del debito finanziario evidenzia una maturity media di 7 anni. Il Gruppo può inoltre contare su una struttura delle fonti diversificata sia per tipologia (oltre il 70% del debito è composto da emissioni obbligazionarie e la restante parte da finanziamenti erogati da banche e altri finanziatori) sia geograficamente (circa il 35% del debito finanziario è in valuta estera). Le recenti emissioni e operazioni di buy back evidenziano una buona capacità di rifinanziamento del debito e di allungamento del profilo di maturity. BUSINESS RISK Telecom Italia S.p.A. - Breakdown Ricavi million Domestic Brasile Media Source: CRIF and company data Telecom Italia S.p.A. - Breakdown Ebitda million Domestic Brasile Media Source: CRIF and company data Descrizione del business TI ha un business model integrato, opera sia sul segmento fisso che mobile offrendo servizi voce e data ed è proprietaria della rete in rame nazionale (circa 115,3mil di km, con 12,5mil di accessi fisici retail nel 2014 in costante calo negli ultimi esercizi) oltre che della più estesa rete in fibra sul territorio nazionale. Con l evoluzione della tecnologia il business model si è modificato e ampliato, comprendendo anche attività rivolte al Cloud Computing e alla trasmissione di contenuti multimediali (audio/video). In qualità di operatore verticalmente integrato il Gruppo è in grado di cogliere al meglio le opportunità attualmente offerte delle nuove tecnologie (bundling dei servizi, partnership con OTT e distributori di contenuti audio/video) ed è quindi meno esposto alla ciclicità del mercato e agli impatti di questa sui ricavi e i flussi. Il Gruppo è organizzato in tre BU principali: Domestic, Brasile e Media (il ramo Argentina è stato ceduto nel 2013, la cessione non è stata ancora interamente perfezionata ma le risultanze contabili di tale BU nel 2014 sono indicate separatamente tra le Discontinued Operations del Gruppo). BU Domestic La BU Domestic ha generato c.a. il 71% dei ricavi e l 80% dell Ebitda 2014 del Gruppo e registra da oltre un triennio una decrescita organica ed un deterioramento della marginalità che hanno comportato una flessione dei ricavi e dell Ebitda. Sul trend del mercato domestico hanno impattato negativamente l erosione dei prezzi e dell ARPU nei servizi tradizionali (sia sulla rete fissa che su quella mobile) e l elevato churn rate, imputabili alla elevata concorrenza tra operatori e alla progressiva maturità ed obsolescenza dei servizi offerti. In qualità di proprietaria delle rete fissa in rame e della più estesa rete mobile su tutto il territorio nazionale, TI ha goduto di una posizione privilegiata grazie alle tariffe di accesso alla rete fissa e di terminazione mobile imposte ai competitor, che garantiscono maggiore prevedibilità ai ricavi e ai flussi di cassa; gli interventi in materia da parte dell Authority negli ultimi anni hanno però ridotto la rendita derivante da tali asset, e la rete in rame ha registrato significative svalutazioni nel corso degli ultimi esercizi sia a causa delle limitate performance del business domestico sia in vista del progressivo passaggio alla rete in fibra. La strategia del gruppo prevede una forte accelerazione degli investimenti in infrastrutture innovative (attraverso l acquisto di reti mobili LTE e la posa della rete fissa UBB, in parte con tecnologia Fiber to the Home e in parte Fiber to the Cabinet) a supporto dell offerta dei nuovi servizi bundling, gettando le basi per lo sviluppo di offerte Quadruple Play (offerta congiunta di servizi di telefonia mobile+fissa, di connettività a banda larga/ultralarga e di contenuti digitali audio e video any time/any where, any device ). I recenti accordi di partnership commerciale sottoscritti dal Gruppo con SKY, Netflix e Mediaset Premium rappresentano un tassello fondamentale nel mantenimento della posizione di leadership nel settore tlc da parte del Gruppo, minata dalla forte concorrenza dei competitor nel segmento dei servizi innovativi, e costituiscono un ulteriore stimolo alla realizzazione in tempi brevi delle infrastrutture di nuova generazione per la veicolazione dei contenuti video. Rating Unsolicited Riproduzione vietata 3 di Agosto 2015

4 Lo sviluppo della rete in fibra e l innovazione dell offerta commerciale sosterranno l incremento della Customer Base (fino a c.a. +1milione di clienti entro il 2017 secondo le stime del management), il miglioramento dell ARPU (Average Revenue per User) e della marginalità (grazie al premium price delle offerte bundling ), oltre che la riduzione del churn rate (tasso di recesso dal contratto), favorendo una ripresa dei flussi di cassa generati dalla BU. Il recente annuncio della fusione tra Wind e 3 Italia dovrebbe supportare ulteriormente la ripresa dell ARPU e della marginalità sul segmento Mobile domestico, grazie alla riduzione della pressione competitiva sui prezzi e del churn rate (maggiore stabilità della customer base e contestuale riduzione dei costi associati alla gestione del cambio operatore). Tali benefici sono però previsti solo a partire dalla fine del 2016 in quanto il processo di integrazione industriale avrà inizio solo dopo l autorizzazione dell Antitrust italiano ed europeo. BU Brasile La BU Brasile ha generato c.a. il 29% dei ricavi e il 20% dell ebitda di Gruppo 2014 ed ha rappresentato negli ultimi esercizi il principale sostegno alla tenuta del fatturato e dei margini operativi del gruppo compensando il trend in flessione del mercato domestico. Dal 2013 la crescita della BU è stata frenata dal contesto di forte concorrenza del mercato mobile, dal rallentamento della crescita economica del Paese, dalla revisione al ribasso delle tariffe di terminazione mobile da parte dell Authority locale (Anatel) e dalla progressiva svalutazione della moneta locale (Real) rispetto all Euro. L acquisto nel 2014 da parte di TIM Celular delle licenze relative alla banda 700 MHz per lo sviluppo della rete mobile di quarta generazione (LTE), per la durata di 15 anni e rinnovabile per un periodo di ulteriori 15 anni, rappresenta un vantaggio competitivo in un mercato in cui la rete 3G non ha raggiunto ancora una percentuale di penetrazione molto elevata, garantendo al Gruppo TI la possibilità di competere sul mercato con le nuove tecnologie disponibili. Anche sul mercato Brasiliano lo sviluppo del network e delle infrastrutture è prioritario per il Gruppo: tra i progetti su cui Tim Brasil sta lavorando ci sono il miglioramento della qualità della rete per le 195 maggiori città in cui è presente, il Mobile BroadBand, lo sviluppo della Fiber-To-The-Site (FTTS) in circa 40 città, diversi progetti pilota di smallcell e Wi-Fi e lo sviluppo del progetto di trasmissione LT Amazonas fiber nella regione amazzonica. BU Media La BU Media, pur contribuendo limitatamente ai ricavi e alla marginalità (0,3% dei ricavi e 0,1% dell Ebitda 2014), contribuisce alla definizione della strategia di TI nel proporsi come principale veicolatore di contenuti multimediali attraverso la rete in fibra. TI ha già sottoscritto un accordo con Sky per l utilizzo della rete UBB del gruppo nell offerta internet tv di quest ultima. A questo si aggiunge l accordo recentemente sottoscritto con con Netflix e l ingresso nel capitale di Vivendi che, con i suoi contenuti media, potrebbe garantire un ampia offerta e il massimo sfruttamento delle potenzialità offerte dal Quadruple Play. Contesto normativo e regolamentare Il Gruppo opera in un contesto normativo e regolamentare stringente, anche se attualmente incerto e dall evoluzione non facilmente prevedibile, che influenza sensibilmente il contesto competitivo, la marginalità degli operatori e la possibilità di questi di effettuare investimenti remunerativi in tecnologie innovative. Sotto il profilo normativo, il recepimento delle direttive imposte a livello europeo (Agenda Digitale 2020) ha portato alla definizione da parte del Governo del Piano Nazionale Banda Ultra Larga, da attuarsi inizialmente mediante l emanazione di un Decreto Legge (Decreto Comunicazioni). Il Piano nazionale prevede una compartecipazione pubblico/privato nella realizzazione delle reti di nuova generazione (NGN) con investimenti complessivi pari a circa EUR12bn (di cui EUR7bn pubblici e EUR5bn investiti dagli operatori privati), e dovrebbe fissare contributi a sostegno degli investimenti da parte degli operatori tlc (agevolazioni fiscali, contributi a fondo perduto) oltre che incentivi per facilitare la penetrazione dei servizi innovativi a queste collegati (voucher per i clienti finali). Attualmente gli operatori tlc si trovano ancora a operare e a effettuare investimenti innovativi in un contesto altamente incerto in relazione all entità e alla effettiva capacità di remunerazione dei piani di investimento definiti. La strada del Decreto Comunicazioni è stata abbandonata, a questo si è sostituito il Cipe (Comitato Interministeriale per la Programmazione economica) che ha recentemente deliberato lo sblocco di EUR2,2bn (su EUR 7bn totali previsti) da destinarsi alle aree a minor rendimento per gli operatori. Lo sblocco dei fondi destinati alle aree più redditizie e alle Rating Unsolicited Riproduzione vietata 4 di Agosto 2015

5 agevolazioni per gli utenti e gli operatori (benefici fiscali e voucher) è ancora subordinato alla delibera e allo sblocco del negoziato con la Commissione Europea. CRIF ritiene che tale contesto normativo potrebbe non garantire il rispetto delle tempistiche di realizzazione delle reti NGN preventivate dal Governo nel Piano Nazionale, con impatti anche sulla pianificazione degli investimenti degli operatori che potrebbero non rivelarsi più redditizi come da previsioni. Sotto il profilo regolamentare, negli ultimi esercizi il Gruppo TI ha dovuto affrontare, sia sul mercato domestico che su quello Brasiliano, la pressione derivante da una progressiva revisione al ribasso delle tariffe di terminazione mobile da parte delle Authority locali (Agcom in Italia, Anatel in Brasile). A livello domestico tale riduzione è stata imposta dalla Commissione Europea per adeguare le tariffe nazionali alla media Europea, l effetto retroattivo di tale azione ha avuto impatti sull ARPU e quindi sui ricavi e sulla marginalità del biennio Attualmente, al fine di agevolare gli investimenti nello sviluppo della rete da parte degli operatori tlc, le tariffe sono fissate su un livello stabile fino al 2017; non si esclude che oltre tale orizzonte l Authority possa intervenire con ulteriori ribassi per dato il divari oche ancora esiste in rapporto agli altri Paesi europei. Il quadro regolamentare relativo alle tariffe di accesso alla rete fissa nazionale, ad esclusivo beneficio di Telecom in qualità di proprietaria dell intera rete in rame su cui transitano i servizi tradizionali e in parte anche quelli innovativi (tecnologia Fiber to the Cabinet), è attualmente in corso di revisione con la nuova analisi dei mercati dei servizi di accesso. La tendenza dell Authority dovrebbe essere quella di incentivare il passaggio dalla vecchia rete a quelle di nuova generazione, che si dovrebbe tradurre in un aumento di tali tariffe nelle zone dove lo sviluppo della fibra è maggiormente avanzato e remunerativo per le tlc, e in una tendenziale stabilità nelle zone difficilmente raggiungibili dalla fibra o con bassa densità di popolazione; nonostante le incertezze in relazione a tale aspetto normativo, non si prevedono impatti negativi per TI in termini di ricavi e marginalità derivanti dall intervento dell Authority. Contesto e posizionamento competitivo Market Share Mobile (per numero di utenze) 29% 35% Source: CRIF and company data 36% Wind+3 Italia Telecom Italia Vodafone Italia Market Share Banda larga (per numero di utenze) 13% 15% 6% Source: CRIF and company data 16% 50% Wind+3 Italia Telecom Italia Vodafone Italia Fastweb Tiscali Il settore delle tlc è tendenzialmente poco correlato al ciclo economico e caratterizzato da ricavi e flussi di cassa relativamente stabili ITA e prevedibili. L evoluzione tecnologica e la Debito Netto crisi economica lo hanno reso però negli ultimi Wind+3 Italiaanni un settore maturo, con tassi di Telecom Italia crescita negativi. Dal 2007 al 2014 gli operatori nazionali hanno perso circa il 30% dei Vodafone Italia ricavi (di cui oltre il 50% sul segmento mobile), Debiti vs banche mentre a m/l terminel ARPU e la marginalità si sono Debiti vs altri finanziatori ridotte a causa sia della forte concorrenza Disponibilità sui liquide prezzi sia della continua revisione al ribasso delle tariffe fissate dall Authority. Wind+3 Italia Il mercato domestico è maturo sia sul segmento Fisso, sia sul segmento Mobile. Il trend Telecom Italia in flessione dei ricavi del segmento fisso è imputabile Vodafone Italia principalmente al segmento Retail, Fastweb mentre il Wholesale ha resistito maggiormente Tiscali grazie ai ricavi derivanti dall affitto della rete in rame ai competitor (il Wholesale è storicamente per TI un business in monopolio con visibilità sui ricavi e una marginalità del 65% contro poco più del 40% degli altri business). Nonostante le attuali evoluzioni tecnologiche e i cambiamenti in atto nel ITA contesto Debito Netto competitivo, CRIF ritiene che la rete in monopolio continuerà a rappresentare Wind+3 Italia per Telecom TI Italia un importante elemento di certezza e visibilità sulla marginalità ed i flussi di cassa Vodafone Italia attesiquantomeno nel prossimo futuro, in quanto non risente della concorrenza che Debiti vs banche a m/l termine caratterizza Debiti vs altri finanziatori invece gli altri ambiti di business. Il progressivo sviluppo della rete in fibra e Disponibilità liquide lo switch tecnologico comporterà per TI la necessità di svalutare la rete in rame, sostituendo i ricavi e la marginalità da questa generati con nuovi servizi e ampliare la Wind+3 Italia rete Telecom in Italia fibra di proprietà, ma tale processo sarà graduale. Vodafone Italia Le tempistiche del processo di svalutazione ed il contributo ai margini operativi della rete Fastweb in Tiscali rame nei prossimi esercizi dipenderanno dalle decisioni del legislatore e del regolatore (Agcom) in relazione alle tariffe di accesso alla rete fissa. La possibilità di realizzare soluzioni miste rame-fibra tramite l utilizzo della tecnologia Vectoring, sviluppata in collaborazione con Fastweb, potrebbe rallentare il processo di perdita di valore della rete in rame. La flessione del segmento mobile è dovuta all elevata competizione sul prezzo, ai consumi in calo e agli interventi dell Authority che hanno portato a una riduzione dell ARPU. La ripresa dei ricavi e della marginalità generati dal segmento è legata alle strategie di retention e di riduzione del churn rate tramite offerte di servizi bundling basati sulla convergenza tra Fisso e Mobile e tra operatori tlc e proprietari dei contenuti video (OTT-operatori Over the Top); le strategie competitive non si baseranno unicamente sui prezzi ma anche sulla qualità e velocità dei servizi offerti, influenzati dalle caratteristiche della rete in fibra realizzata dagli operatori (Fiber to the Cabinet vs Fiber to the Home). Rating Unsolicited Riproduzione vietata 5 di Agosto 2015

6 I trend a livello internazionale confermano che le reti di nuova generazione rappresentano il driver strategico di crescita e competitività per i prossimi anni, all interno di un settore dove la competizione si sta spostando dai prezzi/tariffe all offerta di servizi sempre più integrati e innovativi; la capacità degli operatori di investire in reti di nuova generazione di proprietà determinerà il futuro assetto competitivo del mercato tlc. A conferma di tale trend, nel 2014 il settore ha evidenziato investimenti in tecnologie innovative in crescita di circa il 7%, in contrapposizione alla costante erosione dei ricavi e della marginalità. Il Gruppo TI si trova ad affrontare una concorrenza già elevata sul mercato dei servizi innovativi, registrando negli ultimi 5 anni una perdita di circa il 10% delle quote di mercato nei servizi a banda larga. Servizi tradizionali Sul mercato domestico TI opera in qualità di ex incumbent, come tale mantiene la leadership nel settore ma con quote di mercato in costante flessione nel corso degli ultimi esercizi. A Dicembre 2014 il Gruppo sul mercato domestico aveva una market share in termini di fatturato di circa il 60% nel segmento della telefonia Fissa (-1,9% rispetto al 2013, contro un +1% di Fastweb e un +0,5% di Vodafone) e del 33% nel segmento Mobile (+0,4% rispetto al 2013). In termini di clienti la quota del Gruppo era del 32,1%, contro il 27,5% del secondo operatore sul mercato nazionale (Vodafone). A Dicembre 2014 TI gestiva in Italia una rete fissa in rame di proprietà di circa 115,3mil di km (con circa 12,5mil di accessi fisici retail, in costante calo negli ultimi esercizi) e un numero di linee Mobile di circa 30,1mil. La sfida degli operatori tlc, ed in particolare di TI, è quella di ripensare e far evolvere il modello di business tradizionale, basato sul traffico voce e sulla rendita derivante dalla proprietà della rete (tariffe di terminazione mobile e tariffe di accesso alla rete fissa in rame). Sempre in ambito di servizi tradizionali in Brasile il Gruppo è presente con TIM Brasil, uno dei maggiori player per numero di linee mobili (oltre 75,7 milioni di linee mobili al 31 marzo 2015). Con una quota di mercato sulle linee pari a circa il 27%, TIM Brasil è il secondo operatore del paese ed è stato il primo a essere presente, con i propri servizi, in tutti gli stati del paese. Servizi innovativi Il Gruppo a Dicembre 2014 disponeva di una rete in fibra di circa 8,6mil di km (con accessi retail pari a circa 7mil); per quanto si tratti della rete in fibra più estesa sul territorio nazionale, e il numero di accessi alla rete fissa e di linee mobili siano in crescita, in termini di penetrazione della clientela TI ha perso quote di mercato (-1,3% rispetto al 2013) a vantaggio di Fastweb (+0,6%), che gode del vantaggio del primo entrante nel segmento della fibra, e di Vodafone (+0,5%). Ad Agosto 2015 l annunciata fusione tra Wind e 3 Italia ha ulteriormente modificato il contesto competitivo domestico; si tratta della prima grossa operazione di concentrazione del settore in Italia, destinata a incidere sulle dinamiche del settore, le quote di mercato e l andamento dei ricavi e della marginalità di tutti gli operatori presenti in Italia. La nuova realtà nascente dalla fusione sarà un operatore verticalmente integrato come TI, in quanto Wind ha mantenuto la proprietà di Infostrada, operatore di rete fissa con circa 2,8 milioni di clienti. Il nuovo operatore diventerà leader nel segmento della telefonia mobile con quota di mercato complessiva del 36% (rispetto al 35% per Telecom). In particolare 3 Italia- Wind presenterà una quota superiore di circa 10 punti percentuali sul segmento Consumer rispetto a TI (secondo operatore). Telecom Italia manterrà la leadership sul segmento Business, con circa il 59% di market share. Nel segmento della banda larga TI continua a mantenere la leadership di mercato per numero di utenze e km di rete di proprietà, pur avendo registrato nell'ultimo esercizio una perdita di quote di mercato pari a circa il -1,3%. Di seguito il confronto con i principali competitor a livello domestico: Telecom Group Vodafone Group Wind-H3G Fastweb EUR/m Proforma Ricavi yoy% - -8% - 1% na - 5% Ebitda Ebitda margin 39,3% 38,9% 30,1% 28,9% 39,3% 31,6% 30,5% Net Debt/Ebitda 3,2 3,5 2,2 1,2 4,9 3,6 3,7 Rating Unsolicited Riproduzione vietata 6 di Agosto 2015

7 Key driver del settore L ARPU (ricavo medio mensile per cliente) e il Churn Rate (tasso di abbandono dei clienti) sono tra i principali driver su cui gli operatori delle tlc dovranno fare leva nei prossimi anni per recuperare competitività e marginalità; il miglioramento di tali parametri passerà attraverso gli investimenti in reti di nuova generazione in grado di garantire elevate prestazioni (tecnologie FttH). Per TI sia il mercato del fisso che quello del mobile hanno evidenziato fatturato e marginalità in calo dal 2012 al 2014, l ARPU ed il churn rate sono tra i principali driver di tale flessione; negli ultimi anni hanno registrato valori in diminuzione ma la rapida evoluzione tecnologica del settore degli ultimi anni, la rimodulazione delle offerte da parte di TI e dei principali operatori tlc ed il processo di aggregazione tra gli stessi (a partire da Wind e 3) dovrebbe consentire un recupero di tali parametri. Si ritiene che i margini di miglioramento di tali parametri nel segmento dei servizi tradizionali siano molto ridotti, trattandosi di un mercato maturo e intensamente competitivo, oltre che sottoposto a pressioni da parte dell Authority in materia tariffaria. La ripresa di questi sarà quindi guidata dal lancio dei servizi innovativi basati sulla convergenza. FINANCIAL RISK 20,0 18,0 16,0 14,0 12,0 10,0 Telecom Italia S.p.A. - Indici di Copertura 8,0 6,0 4,0 2,0 0,0 (X) Ebitda/Interessi+Dividendi privilegiati (FFO+Interessi+Dividendi privilegiati)/interessi+dividendi privilegiati E 2016E 2017E Source: CRIF and company data Telecom Italia S.p.A. - Indici di Leva & Capitalizzazione Debito Netto/(FFO+Interessi+Dividendi privilegiati) Debito netto/ebitda (X) Debito Netto/PN 4,5 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0, E 2016E 2017E Source: CRIF and company data Nel triennio il fatturato di gruppo ha subito un decremento del 14,5%. La contrazione è imputabile principalmente alle performances della BU Domestic, che da più esercizi evidenzia ricavi ed Ebitda in flessione a causa: (i) dell intervento del Regolatore (Agcom) nella determinazione delle tariffe di terminazione mobile, (ii) della elevata competizione sui prezzi nel segmento mobile (più intensa nel 2013, in riduzione nel 2014), (iii) delle condizioni macroeconomiche negative, mercato debole e in declino per i servizi tradizionali (iv) della significativa underperformance sul segmento business. La BU Domestic nel 2014 ha generato il 71% dei ricavi e l 80% dell Ebitda di Gruppo, rispettivamente in diminuzione rispetto al 2013 del 7% e del 10%. In contrazione le performance nel segmento mobile per il -9% (ARPU in flessione del 7,7% vs 2013) e nel fisso per il 7% (-3% c.a. le utenze vs 2013, churn rate in aumento). Pur mantenendosi negativo, il trend dei ricavi nel corso dei trimestri 2014 ha evidenziato un leggero progressivo miglioramento (-8,3% nel 1Q14,e -5% in4q14 variazioni yoy). La BU Brasile nel 2014 ha generato il 29% dei ricavi e il 19% dell Ebitda di Gruppo. Rispetto al 2013 i ricavi sono in flessione del 10% (-2% la variazione organica), nonostante un incremento della customer base (+3% yoy), a causa della riduzione dell ARPU dovuta alla revisione al ribasso delle tariffe di terminazione mobile. Sulla flessione dei ricavi ha inoltre impattato negativamentela svalutazione del Real brasiliano sull euro (oltre l 8% rispetto al 2013 in termini di tassi medi). Nonostante tali dinamiche l Ebitda è cresciuto di circa il 6,6% grazie alla riduzione dei costi operativi. Complessivamente nel 2014 l Ebitda margin di gruppo si è mantenuto costante rispetto al 2013 al 39%, dopo la flessione di c.a. 2%. registrata nel 2013 rispetto al 2012, grazie al contributo della BU Brasile e al lancio di nuovi servizi innovativi (LTE per il mobile, nuovi contratti su rete fissa in fibra). Nel primo trimestre 2015, pur mantenendo un trend negativo, il fatturato e l Ebitda domestici hanno confermato il trend di minore flessione rispetto ai trimestri precedenti (- 2,6% vs 1Q2014), grazie all attenuazione della contrazione dei servizi tradizionali e allo sviluppo dei servizi innovativi. In particolare sul segmento Mobile si è registrato un continuo rafforzamento del posizionamento competitivo, con una tenuta delle market share ed una limitata erosione dei ricavi medi per cliente (ARPU), sostenuti in particolare dalla maggiore penetrazione dell internet mobile e da una concorrenza che si è progressivamente ridotta a partire dal Sul Fisso il trend di recupero dei ricavi è stato sostenuto dal positivo andamento dell ARPU broadband (Premium price sui servizi innovativi), dalla progressiva crescita dei clienti ADSL, con offerte premium bundle/flat, e dallo sviluppo dei servizi ICT. Rating Case Principali linee guida CRIF stima per il triennio una stabilizzazione dei ricavi attorno a EUR21bn imputabile all effetto congiunto di: (i) proseguimento del trend in flessione dei servizi tradizionali (sia su fisso che su mobile) sul mercato domestico, (ii) progressiva crescita dei servizi innovativi bundling basati sulla convergenza fisso-mobile e la trasmissione di contenuti media, che sosterranno i ricavi per gli esercizi , (iii) tendenziale stabilità della BU Brasile, dove la crescita è frenata dalla forte competizione nel segmento mobile oltre che dal trend sfavorevole del tasso di cambio. In particolare si conferma per il 2015 una leggera flessione dei ricavi (-2% vs 2014), in linea con l andamento del 2014 e dei risultati del 1Q2015, imputabile alla lenta ripresa Rating Unsolicited Riproduzione vietata 7 di Agosto 2015

8 del mercato domestico, l Ebitda margin è stimato in progressivo leggero miglioramento a partire dal 2016 per il sempre maggiore contributo dei servizi innovativi; eventuali upside alla ripresa del fatturato e della marginalità potrebbero provenire dalla BU Media, grazie alle sinergie sfruttabili in seguito all ingresso del nuovo socio Vivendi, e dai recenti accordi stretti con Netflix (che dovrebbe supportare la crescita dell ARPU e un incremento della customer base). Le previsioni dei ricavi e della marginalità riflettono la stima di una lieve ripresa dell ARPU nell arco del triennio grazie a: (i) determinazione di tariffe di terminazione mobile flat da parte del regolatore a EUR0,98 fino al 2017 (contro la precedente previsione di costante decrescita di queste); (ii) atteggiamento conservativo da parte dell Authority in relazione alle tariffe di accesso alla rete in rame e in fibra (nella definizione degli scenari Alfa e Beta); (iii) premium price e maggiore marginalità dei servizi bundle; (iv) efficiency program che prevede costi operativi in riduzione per EUR1bn cumulato (EUR0,6bn nel 2015, EUR0,2bn nel 2016 e nel 2017). Per la BU Brasile CRIF prevede ricavi e marginalità sostanzialmente stabili, sostenuti dalla strategia di difesa della market share attraverso il continuo investimento nello sviluppo delle infrastrutture (soprattutto nelle componenti innovative). Si stima che la crescita registrata dalla BU nel triennio sarà frenata dalla progressiva penetrazione e saturazione del mercato Mobile, dal fenomeno di migrazione dai servizi tradizionali voce-sms ai servizi internet, dall impatto di riduzione delle tariffe di terminazione mobile (MTR) e dal tasso di cambio Euro/Real sfavorevole. A supporto delle stime, CRIF incorpora il piano di investimenti previsto dal gruppo pari a ca EUR14bn nel triennio , di cui EUR10bn dedicati alla BU Domestic e ca EUR4bn alla BU Brasile. CRIF ritiene che ci sia un significativo tasso di incertezza in relazione all entità e alle tempistiche del piano di investimenti del Gruppo, dovuta sia a un quadro normativo ancora instabile (sblocco integrale dei contributi erogabili, delibera degli incentivi ai consumatori e dei benefici fiscali per gli operatori e eleggibilità di TI questi), sia alla collaborazione con Enel nello sviluppo fisico della rete in fibra che potrebbe ridurre sensibilmente gli investimenti necessari per TI e consentire di raggiungere gli obiettivi fissati in termini di copertura della rete fissa in tempi inferiori. Tali fattori non sono inclusi nel Rating Case, che incorpora prudenzialmente l intero ammontare degli investimenti messi a piano. Non vengono inoltre considerati i possibili upside a livello di ricavi e marginalità derivanti dalla partnership commerciale recentemente sottoscritta con Netflix e Mediaset Premium e dalle sinergie sfruttabili nella BU Media in seguito all ingresso del nuovo azionista di maggioranza, né il potenziale contributo al miglioramento della marginalità derivante dalla fusione 3 Italia- Wind ufficializzata nei primi giorni di Agosto 2015, ipotizzando che gli effetti non si manifesteranno nel breve termine (si stima che sarà necessario un anno per ottenere tutte le autorizzazioni dell Antitrust italiano ed europeo, e che solo a partire dalla fine del 2016 inizierà il processo di integrazione industriale tra i due operatori). Rating Case Flussi di cassa e Debito Nel 2014 il debito netto di Gruppo è aumentato di EUR800m, portandosi a EUR30,9bn, per effetto dei minori flussi di cassa imputabili alla riduzione dell Ebitda, all assorbimento del circolante e alle significative esigenze di investimento. L Ebitda Net Leverage è passato da 3,2x nel 2013 a 3,5x nel 2014 e l indice di copertura degli oneri finanziari (Ebitda Interest Coverage), anche se in lieve riduzione da 4,09x nel 2013 a 3,82x nel 2014, si è mantenuto sulivelli accettabili. Il debito lordo a dicembre 2014 era complessivamente pari a EUR37bn (-EUR200m rispetto al 2013), con una scadenza media pari a ca 7 anni e un costo medio del 5,4% circa. A copertura delle esigenze finanziarie emerse nel corso dell esercizio 2014 sono stati emessi due nuovi prestiti obbligazionari pe run importo complessivo di circa EUR 2,4b. Il 35% del debito è in valuta straniera (60% USD, 25% GBP), di cui il 40% fully hedged. La liquidità disponibile al 31 dicembre 2014 era pari a c.a. EUR13b, data da: - Cassa e altre disponibilità liquide equivalenti per EUR4,8bn, in diminuzione rispetto al 2013 pari a EUR5,7bn; hanno impattato l utilizzo della liquidità per il riacquisto di obbligazioni proprie, oltre che la dinamica accensioni/rimborsi; - Titoli correnti diversi dalle partecipazioni per EUR1,3b (stabili sul 2013), Includono principalmente titoli di stato, oltre ad obbligazioni quotate; - Linee di credito committed per EUR7b (EUR8b nel 2013) non utilizzate. Nel 1Q2015 il margine di liquidità ammontava a ca EUR14b, di cui: - Cassa e altre disponibilità liquide equivalenti per EUR5,5b; - Titoli correnti diversi dalle partecipazioni per EUR1,6b; - Linee di credito committed per EUR7b, ancora inutilizzate. Rating Unsolicited Riproduzione vietata 8 di Agosto 2015

9 Il profilo di liquidità e il FCF,nella prima parte del del 2015 si caratterizza per la la cassa generata dalla quotazione di Inwit (ca EUR900m) e dalla cessione delle torri in Brasile (c.a. EUR550m), oltre che per le recenti operazioni di buy back per un importo complessivo di circa EUR3,8bn. Da stime di CRIF negli esercizi prospettici il profilo della liquidità continuerà a essere supportato dalla generazione di Free Cash Flow postivi (mediamente pari a ca EUR0,7bn annui), oltre che dall ottimo accesso che il gruppo può vantare sia al mercato obbligazionario che bancario, come dimostrano le recenti operazioni di rifinanziamento del debito in scadenza (operazioni di buy back e nuove emissioni obbligazionarie) e il mantenimento nel tempo delle linee bancarie committed. Nonostante la stima di FCF positivi per un valore complessivo di circa EUR2bn per l intero triennio , CRIF ritiene che il processo di riduzione del debito rimanga ancora lento e legato a operazioni straordinarie, piuttosto che a un incremento organico dei free cash flow, principalmente a causa della lenta ripresa del mercato domestico che comprime la crescita dei margini. L Ebitda Net Leverage, nel Rating Case di CRIF, resta superiore a 3x fino al 2017 in assenza di sviluppi positivi di mercato e regolamentazione che potrebbero accelerare il processo di ripresa del fatturato e della marginalità con impatti positivi sui flussi di cassa. PROFILO SOCIETARIO Telecom Italia S.p.A. è l ex incumbent e attuale leader di mercato nazionale nel settore delle tlc per fatturato e numero di accessi alle linee fisse sia tradizionali che in banda larga; a seguito della recente fusione tra Wind e 3 Italia, TI ha ceduto la leadership di mercato in termini di utenze sul segmento Mobile consumer al nuovo operatore nato dall integrazione, mentre ha mantenuto la leadership sul segmento Mobile Business. In termini di quote di mercato complessive sul segmento Mobile, il nuovo operatore (Wind+3 Italia) ha acquisito la leadership di mercato, con il 36% delle utenze contro il 35% di TI. Operatore verticalmente integrato, offre una gamma completa di servizi che vanno dalla telefonia fissa e mobile, alla trasmissione dati, contenuti interattivi e soluzioni ICT. A Dicembre 2014 il Gruppo riportava 12,5 milioni di accessi fisici alle linee fisse e 30,4 milioni di linee mobili, un fatturato consolidato attorno a EUR21,6b e un debito netto di circa EUR31bn. Il Gruppo, tramite la divisione TIM Brasil, è inoltre il secondo operatore sul mercato Brasiliano dove gestisce oltre 75 milioni di linee mobili (circa il 27% della quota di mercato in termini di clienti); nel 2014 la Business Unit Brasile ha generato c.a. il 29% del fatturato e il 20% dell Ebitda di gruppo. Di seguito il confronto con i principali competitor a livello internazionale: Telecom Italia Deutsche Telekom France Telecom BT Group Plc Telefonica EUR/m Dec-13 Dec-14 Dec-13 Dec-14 Dec-13 Dec-14 Dec-13 Dec-14 Dec-13 Dec-14 Ricavi 23,4 21,6 65,8 68,6 44,8 43,2 23,6 24,5 62,4 55,1 yoy% - -8% - 4% - -4% - 4% - -12% Ebitda ,6 21,0 14,7 13,4 8,5 9,0 21,7 17,3 Ebitda Margin 39,3% 38,9% 31,3% 30,6% 32,9% 31,1% 36,0% 36,7% 34,8% 31,4% Debt/Ebitda 3,2 3,5 3,8x 4,0x 3,2x 3,5x 3,1x 3,2x 3,4x 4,3x Organigramma societario al 31 marzo 2015* * la struttura di Gruppo attuale comprende anche la partecipazione al 60% nella società Inwit SpA. Rating Unsolicited Riproduzione vietata 9 di Agosto 2015

10 Eventi Recenti Compagine societaria - A maggio 2015 l'antitrust argentino ha dato l'approvazione alla scissione di Telco, consegnando il 22,3% delle azioni a Telecom, il 14,72% a Telefonica, il 4,3% a Generali, l 1,64% a Intesa Sanpaolo e a Mediobanca. Telefonica, Generali, Intesa e Mediobanca hanno espresso la volontà di cedere le proprie quote, ad esclusione della parte della quota di proprietà di Telefonica (6,4%) legata al convertendo in scadenza nel A giugno 2015 Telefonica ha ceduto l'8,3% del capitale votante a Vivendi, come da accordi per l acquisto della brasiliana Gvt. Subito dopo il gruppo francese ha portato la quota al 14,9%, acquistando il rimanente 6,6% per EUR1b. CRIF ritiene che l ingresso del nuovo socio e l inserimento di suoi esponenti all interno del CdA di Telecom, daranno maggiore impulso alla realizzazione delle strategie e degli investimenti del gruppo nello sviluppo della rete in fibra e dei servizi innovativi, e consentiranno lo sfruttamento di sinergie nella BU Media incrementando il contributo di questa alla generazione dei ricavi e dell Ebitda. Il nuovo azionista di maggioranza relativa, per il tramite dei suoi esponenti, potrebbe inoltre fare leva su ulteriori operazioni di dismissione di assets al fine di ridurre la leva finanziaria del Gruppo. Accordo Netflix/Mediaset Premium - A fine luglio 2015 TI ha concluso l accordo con Netflix per la trasmissione, tramite la sua piattaforma digitale TIMvision, dei contenuti di quest ultima; l operazione costituisce un tassello fondamentale nella strategia di convergenza tra tlc e contenuti video che rappresenta uno dei principali driver di sviluppo del settore delle telecomunicazioni. Netflix passerà quindi attraverso la rete fissa in UBB di TI, sfruttando il decoder TIMvision, l accordo consentirà al Gruppo di allargare la base clienti e darà impulso al miglioramento dell ARPU e della marginalità grazie alle tariffe applicabili a i nuovi servii in banda larga e ultra larga. E inoltre stato concluso recentemente un accordo commerciale anche con il Gruppo Mediaset per l utilizzo della rete fissa in fibra di Telecom finalizzato alla trasmissione dei contenuti Mediaset Premium tramite il canale on demand on line. Accordo Enel a inizio agosto 2015 è stato formalizzato un accordo tra TI e Enel relativo allo sfruttamento della rete mobile LTE di Telecom per il monitoraggio dei dati relativi ai consumi di energia dei contatori elettronici di Enel; l accordo comporterebbe la sostituzione da parte di Enel delle attuali SIM dell operatore Wind con quelle TIM, e rappresenterebbe per il Gruppo TI un ulteriore elemento a supporto della ripresa del fatturato sul mercato domestico; tale accordo va inoltre a rafforzare la collaborazione tra i due gruppi e rende sempre più probabile una partnership nei lavori di sviluppo della rete fissa UBB di TI, che in tale caso dovrebbe sostenere investimenti molto inferiori rispetto a quelli pianificati nella realizzazione del proprio piano Sono già in corso studi di fattibilità su 25 città italiane condotti in partnership da TI e Enel, il piano concreto degli interventi potrebbe essere presentato già da fine Settembre 2015 in considerazione dell accelerazione che Enel ha dato al suo piano di sostituzione dei contatori. Cessione delle Torri in Brasile - ad aprile 2015 ha avuto luogo il primo trasferimento di torri di trasmissione (sottoscritto a novembre 2014) ad American Tower do Brasil che ha così acquisito siti, a fronte del pagamento di c.a. EUR550m. Il perfezionamento della vendita delle rimanenti massime torri di telecomunicazione è attesa per i prossimi mesi. Essendo regolata in Reias l operazione presenta rischi in relazione al tasso di cambio, soprattutto alla luce della recente svalutazione del Reais rispetto al USD. L accordo di cessione prevede inoltre un contratto di locazione di parte di tali torri da parte di TIM Brasil avente la durata complessiva di 20 anni. Quotazione di Inwit SpA - In data 22 giugno 2015 si è conclusa la quotazione di Inwit. L IPO è stata promossa a maggio 2015 per una quota fino al 40% delle azioni ordinarie, e si è conclusa a un prezzo per azione pari a EUR3,65, per un valore complessivo stimato dell intera società pari a circa EUR2,2b. La raccolta di liquidità effettiva derivante dall IPO è pari a circa EUR875m. Inwit detiene, gestisce e concede in locazione, in particolare a operatori della telefonia mobile, infrastrutture per le comunicazioni wireless (i siti, storicamente parte delle infrastrutture di TI) e genera ricavi dalla locazione di spazi e dall offerta di servizi sui siti medesimi. Al 31 dicembre 2014 i siti ammontavano a circa , distribuiti su tutto il territorio nazionale. CRIF ritiene che lo scorporo del business relativo alle gestione delle torri di trasmissione, in linea con la tendenza del settore attualmente in atto a livello internazionale, consentirà una gestione maggiormente efficiente delle stesse e che la nuova BU contribuirà progressivamente al miglioramento delle performance economiche del gruppo. Rating Unsolicited Riproduzione vietata 10 di Agosto 2015

11 FINANCIALS CONTO ECONOMICO (EUR '000) Dic 2012 Dic 2013 Dic 2014 Valore della Produzione Ricavi netti Ebitda Ebit Interessi ( ) ( ) ( ) Utile (Perdita) d'esercizio ( ) ( ) STATO PATRIMONIALE (EUR '000) Dic 2012 Dic 2013 Dic 2014 Capitale Circolante Netto ( ) ( ) ( ) Rimanenze Crediti vs. clienti Debiti vs. fornitori ( ) ( ) ( ) Altri crediti/debiti commerciali ( ) ( ) ( ) Attivo fisso netto Fondi ( ) ( ) ( ) Capitale Investito Netto Patrimonio Netto (PN) Posizione Finanziaria Netta (PFN) Debiti bancari a breve termine Debiti bancari a m/l termine Obbligazioni Altri debiti/crediti finanziari Cassa e disponibilità liquide ( ) ( ) ( ) Risorse finanziarie Debito netto FLUSSI DI CASSA (EUR '000) Dic 2013 Dic 2014 Flusso di cassa da gestione reddituale (FFO) Capitale Circolante Netto (CCN) ( ) Flusso di cassa operativo (CFO) CAPEX ( ) ( ) Flusso di cassa lordo (FCF) ( ) Flusso di cassa netto ( ) ( ) INDICI DI COPERTURA Dic 2012 Dic 2013 Dic 2014 EBITDA Interest Coverage (x) 6,62 4,09 3,82 FFO Interest Coverage (x) 3,71 3,59 INDICI DI LEVA & CAPITALIZZAZIONE Dic 2012 Dic 2013 Dic 2014 FFO Gross Leverage (x) 4,30 4,48 FFO Net Leverage (x) 3,48 3,74 EBITDA Net Leverage (x) 2,58 3,16 3,52 Debito netto/pn (x) 1,39 1,49 1,43 FFO/CAPEX (%) 143,95 119,64 CAPEX/Ricavi netti (%) 18,80 23,10 PFN/PFN+PN (%) 55,80 58,06 56,36 Rating Unsolicited Riproduzione vietata 11 di Agosto 2015

12 DETTAGLIO RATING Denominazione Telecom Italia S.p.A. Codice fiscale Tipologia di Rating Rating Unsolicited sottoposto a monitoraggio Classe di Rating BB Outlook/Credit Watch Outlook Stable Entità la cui capacità di adempimento dei propri impegni finanziari è modesta e altamente correlata alle condizioni di mercato o di business e Descrizione Rating presenta elementi speculativi. Il rischio di insolvenza è rilevante. Per ulteriori informazioni sulla Scala di Rating (significato delle classi di rating, definizione di default) si rimanda alla metodologia utilizzata. Data di prima pubblicazione del Rating 18/07/2013 Data di pubblicazione dell ultima revisione del Rating 27/07/2014 Metodologia utilizzata CRIF Rating Methodology: Emittenti Corporate (http://www.creditrating.crif.com) Modifiche a seguito della comunicazione NO Approvazione Nota Francesca Fraulo, Presidente Comitato di Rating Il rating non è stato sollecitato dalla controparte, o da suoi intermediari, e pertanto CRIF Rating Agency non ha percepito un compenso a fronte dell esercizio analitico effettuato. FONTI INFORMATIVE CONSULTATE al 20/07/2015 Visura Camerale ordinaria Procedure concorsuali Archivio protesti Informazioni da Tribunali e da Uffici di Pubblicità immobiliare Bilanci Individuale/Consolidato al 31/12/2014 Altre informazioni pubbliche e proprietarie DISCLAIMER Il rating attribuito da CRIF rappresenta l esito di un giudizio indipendente sull entità valutata. In accordo con la politica in materia di conflitto d interesse di CRIF, le persone intervenute nell attribuzione del rating risultano non avere conflitti d interesse con l entità valutata. Il rating è basato su informazioni di fonte pubblica e su informazioni disponibili sui siti aziendali. Il rating è altresì basato su un quadro informativo giudicato completo ed affidabile dagli analisti di rating; in assenza dei requisiti di completezza e affidabilità, CRIF si astiene dall emettere il rating. CRIF non è tuttavia responsabile della veridicità delle informazioni utilizzate per l attribuzione del rating, sulle quali non svolge alcuna attività di audit né assume obbligazioni di verifiche indipendenti/due diligence. I rating di CRIF sono attribuiti sulla base delle linee guida metodologiche definite all interno di CRIF Rating Agency e sono il risultato di un lavoro collegiale, non potendo dunque essere ascritto alla responsabilità dei singoli analisti. Il rating è un opinione fornita da CRIF Rating Agency, sul merito di credito dell entità valutata e non costituisce in alcun modo raccomandazione a comprare, vendere o detenere titoli o altri strumenti finanziari emessi dalla stessa.crif si riserva il diritto di aggiornare o ritirare in qualsiasi momento i rating emessi, in accordo con le linee guida metodologiche e di processo definite all interno di CRIF Rating Agency. I rating di CRIF sono richiesti e remunerati dalle entità valutate, da soggetti terzi a questa riferiti o da investitori, ovvero assegnati dall agenzia di propria iniziativa laddove si ravvisi un interesse, ancorché indiretto, dal mercato. CRIF è manlevata dall utilizzo indiscriminato del Rating da parte del CLIENTE. Rating Unsolicited Riproduzione vietata 12 di Agosto 2015

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DELIBERA N. 747/13/CONS

DELIBERA N. 747/13/CONS DELIBERA N. 747/13/CONS MODIFICHE ALLA DELIBERA N. 476/12/CONS E APPROVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E TECNICHE DELL OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA PER L ANNO 2013 RELATIVA AI SERVIZI DI

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli