Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni"

Transcript

1 Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal Centro storico dove hanno sede le principali funzioni civili, sociali e terziarie.; si trova nella parte sud est dell area centrale a circa 400 metri dalla sede del Comune La stazione si trova in una zona mista residenziale e con attività terziaria e di uffici privati e pubblici. Il lato principale della stazione si apre su via Roma, che conduce verso piazza della Vittoria, la piazza centrale di Empoli. Al lato sud dell area ferroviaria, molto estesa non si accede direttamente, ma è necessario un percorso un po tortuoso. In questa zona vi sono sia residenze, che attività produttive e da qui si diramano alcuni collegamenti verso le frazioni e verso il comune di Montespertoli. ciclostazione EM02 inquadramento ciclostazioni ciclostazione EM01 ciclostazione EM03

2 Condizioni della stazione La stazione di Empoli è una delle più importanti stazioni ferroviarie della Toscana sulla linea Firenze Pisa - Livorno per l elevato traffico che genera dovuto al capiente bacino di utenza. L impianto è classificato da RFI nella categoria Gold. La stazione per il traffico passeggeri occupa una parte a nord ovest di un area ferroviaria estesa e in fase di trasformazione, di cui una parte è stata trasformata in parcheggio e un altra è destinata al terminal bus. La stazione, che ha solo un ingresso dal lato che guarda verso il centro, ha per il servizio passeggeri degli spazi limitati, essendo gli altri locali o ceduti al comune, destinati ad altri usi o difficilmente utilizzabili. Il fabbricato viaggiatori ha una biglietteria e alcuni servizi commerciali. La stazione è videosorvegliata. Dispone di un parcheggio di intercambio e di monitor per visualizzare i treni in arrivo e partenza. Il servizio ferroviario La stazione di Empoli è una importante stazione ferroviaria sulla linea Firenze Pisa ed è interessata da due linee ferroviarie a media percorrenza. La stazione è servita da treni regionali; il traffico passeggeri si mantiene buono in tutto l arco della giornata. Le linee interessano soprattutto i flussi pendolari e sono quelle della direttrice Pontedera-Pisa e da qui lungo la direttrice costiera tirrenica, della direttrice Poggibonsi, Siena. Il collegamento principale per l entità degli spostamenti e per l intensità del servizio è naturalmente quello con Firenze, su questa direttrice è stata da poco attivata una linea metropolitana verso Firenze Porta a Prato. La stazione di Empoli fa parte del progetto Memorario avviato già da tempo da Trenitalia in collaborazione con la Regione Toscana. I collegamenti sono svolti con orario cadenzato compreso nel Memorario sia verso Firenze, che verso Pontedera e Pisa, poi anche verso Poggibonsi e Siena. Il traffico medio giornaliero di passeggeri è di oltre unità nei giorni feriali, che scende a circa il sabato e a nei festivi.. Il numero di treni che ferma giornalmente a Empoli è nei feriali di 198 treni, 189 il sabato, e nei festivi di 124. Condizioni dell intermodalità La stazione di Empoli rispetto alle possibilità di scambio intermodale si presenta relativamente adeguata e con la riorganizzazione in corso che prevede la creazione di un terminal bus la funzione di interscambio diventerà più funzionale. Sono molte le linee di trasporto urbano e quelle extraurbane che passano dalla stazione, e sono linee importanti come frequenza delle corse e itinerari. Diverse di queste hanno il capolinea proprio alla stazione. Il collegamento tra i due lati della fascia dei binari non è agevole, essendo basato su un sottopassaggio con un marciapiede pedonale, distante circa 100 metri dall ingresso principale della stazione. Funziona con un adeguato spazio dedicato, proprio davanti all uscita principale, il servizio taxi. Esiste un ampio parcheggio auto, realizzato di recente nell area ferroviaria, con condizioni agevolate

3 per possessori di abbonamento ferroviario, gestito da Metropark. Accessibilità e servizi per la bicicletta La stazione di Empoli presenta una buona accessibilità in bicicletta da alcune direzioni: dalla direzione verso il centro e da via Buozzi, dove esiste una pista ciclabile dedicata che corre lungo la ferrovia; da questa direttrice, al cui termine vi è una rastrelliera per la sosta delle bici, è però difficile l accesso alla stazione causa un incrocio al sottopasso di non agevole attraversamento. E in corso di realizzazione un accesso diretto da viale Buozzi alla banchina del bacino di utenza primo binario. Problematica è invece l accessibilità da sud e anche da est. Lo stato delle rastrelliere presenta una condizione di carenza e criticità, con diverse biciclette non più funzionanti e rastrelliere piene. Vi sono poi molte biciclette parcheggiate in situazioni non adeguate, sui parapedonali e su molti pali dei dintorni, a segnalare un uso diffuso di biciclette, ma anche una carenza di spazi di sosta adeguati. Bacino di utenza della CS Il bacino di riferimento per la Ciclostazione di Empoli è esteso e offre ampie possibilità di trovare una adeguata domanda interessata ai servizi offerti dalla Ciclostazione. Oltre al bacino di utenza costituito dalle persone che frequentano la stazione per il servizio ferroviario, prevalentemente pendolari diretti a Firenze e Pisa, provenienti anche dai comuni adiacenti di Vinci (loc. Sovigliana e Spicchio) e Limite, e in ingresso a Empoli, vi è l utenza costituita dai residenti nell intorno della stazione (lato via Roma) per un raggio di 200 metri, e quello delle imprese e istituzioni, tra cui alcuni uffici pubblici, ubicati nei pressi della stazione. Dal lato ovest, su via Buozzi, il bacino di utenza è costituito, oltre che dai residenti, dagli studenti e dai professori diretti al polo scolastico. Entro una distanza di 3 km è localizzata gran parte della popolazione residente nel capoluogo di Empoli e nelle frazioni di Spicchio e Sovigliana di Vinci. Prospettive per la CS In relazione alla localizzazione della stazione, degli accessi ai binari e del bacino di riferimento, tenuto conto della domanda esistente e potenziale abbiamo da un lato dimensionato le esigenze di spazi e di

4 servizi, riferibili sia alla situazione attuale che a quella a regime, che sono riportate nelle tabelle seguenti; dall altro abbiamo ipotizzato un organizzazione della Ciclostazione imperniata su tre installazioni: EM01, costituita da una struttura localizzata nelle adiacenze dell edificio centrale, vicino al nuovo terminal bus, che avrà funzione logistica principale e sarà la sede dell officina e degli uffici, con una serie di servizi ai ciclisti; EM02, posta nel giardinetto alla fine di viale Buozzi, alla base dell ingresso da questo lato al binario 1, per le funzioni di custodia e di noleggio, da gestire per gran parte del tempo in forma automatizzata; EM03, posta sul lato sud dell area ferroviaria, gestita in forma completamente automatizzata e videosorvegliata per gli utenti provenienti dalle aree a sud della stazione. Le prestazioni offerte dalla Ciclostazione sono riferite al bacino di utenza primario sopra indicato costituito dai pendolari da e per Empoli e frazioni adiacenti dei comuni vicini e riguardano la custodia e il noleggio di biciclette, assieme all attività di riparazione e manutenzione. Per queste attività abbiamo predisposto un business plan, i cui ricavi sono indicati nella tabella a pagina seguente. Si possono inoltre prevedere una serie di prestazioni aggiuntive: - bike sharing protetto, - biglietteria per trasporti e spettacoli, - deposito bagagli, - vendita cicli e accessori, - servizi di consegna e di messaggeria, - servizio di biblioteca circolante e infopoint del circondario empolese. accesso a EM03 distanza: 250 mt ciclostazione EM02 utile: 60 mq max: 120 mq mappa ciclostazioni accesso a EM02 distanza: 200 mt ciclostazione EM03 utile: 120 mq max: 240 mq ciclostazione EM01 utile: 300 mq max: 450 mq accesso a EM01 distanza: 150 mt

5 fabbisogno: situazione iniziale posti bici superficie (mq) Considerazioni Le condizioni attuali della movimentazione di passeggeri nella stazione di Empoli, lo stato delle infrastrutture per la mobilità ciclistica e la presenza di un bacino di utenza notevole, che comprende non solo gli utenti della ferrovia, fanno ritenere, anche sulla base di un ipotesi di business plan, la creazione e la gestione di una ciclostazione presso la stazione di Empoli utile, fattibile ed economica. Le difficoltà sono di tipo logistico, date le caratteristiche degli spazi disponibili, sia nell area ferroviaria (lato nuovo terminal bus), che negli spazi pubblici adiacenti, per questo pur mantenendo la dimensione calcolata, si è ritenuto di organizzare la ciclostazione su tre installazioni separate fisicamente, ma unitarie dal punto di vista funzionale e gestionale: una nell area adiacente alla stazione, una alla fine della pista ciclabile di via Buozzi, ai piedi del nuovo ingresso ai binari e la terza sull altro lato dell area ferroviaria, all inizio del sottopasso. La ciclostazione potrà fornire oltre ai tre servizi tipici ed essenziali di ogni ciclostazione la custodia, il noleggio, e la riparazione e manutenzione delle biciclette, delle prestazioni accessorie quali una forma di bike sharing assistito, la gestione una flotta di biciclette per conto di Enti, Istituzioni e imprese, un servizio di informazioni e di guida in bicicletta per la visita della città. Il personale della ciclostazione potrà inoltre essere incaricato della gestione delle rastrelliere nell area della stazione e nelle immediate adiacenze. Sulla base della descrizione effettuate, dei dati e della documentazione esposta e delle valutazioni svolte crediamo che si possa passare da questo studio preliminare ad un progetto esecutivo vero e proprio. fabbisogno: situazione a regime posti bici superficie (mq) ipotesi di ricavi per i servizi di base ricavi in incidenza in % MIN MAX MIN MAX stalli disponibili: ,8% 30,2% bici a disposizione: 70 numero addetti: ,3% 44,3% ,8% 16,4% - 20 altri servizi ,1% 9,1% TOTALE ,0% 100,0%

REGIONE TOSCANA. Direzione generale Politiche territoriali, ambientali e per la mobilità

REGIONE TOSCANA. Direzione generale Politiche territoriali, ambientali e per la mobilità REGIONE TOSCANA Direzione generale Politiche territoriali, ambientali e per la mobilità Progetto di fattibilità di una rete regionale di Ciclostazioni Documento di sintesi Maggio, 2011 Fiab Federazione

Dettagli

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti Negli ultimi anni i livelli di traffico e di inquinamento atmosferico registrati a Cuneo hanno indotto istituzioni e cittadini all adozione di nuove e più sostenibili modalità di spostamento. Il Comune

Dettagli

Riorganizzazione rete TPL del Comune di Empoli per l ATO regionale

Riorganizzazione rete TPL del Comune di Empoli per l ATO regionale COMUNE DI EMPOLI Ufficio Tecnico Settore OO.PP. e Infrastrutture Riorganizzazione rete TPL del Comune di Empoli per l ATO regionale RELAZIONE TECNICA L ISTRUTTORE TECNICO DIRETTIVO - Ing. Roberta Scardigli

Dettagli

ING. NUNZIO LOZITO DIRETTORE GENERALE AMTAB S.P.A. G R E E N C I T Y E N E R G Y M E D - B A R I 1 2 E 1 3 N O V E M B R E 2 0 1 2

ING. NUNZIO LOZITO DIRETTORE GENERALE AMTAB S.P.A. G R E E N C I T Y E N E R G Y M E D - B A R I 1 2 E 1 3 N O V E M B R E 2 0 1 2 ING. NUNZIO LOZITO DIRETTORE GENERALE AMTAB S.P.A. 1 Il progetto Bari in Bici nasce in collaborazione con l Amministrazione Comunale alla fine del 2007 con l installazione dei primi cinque cicloposteggi

Dettagli

Politiche per la moblità sostenibile

Politiche per la moblità sostenibile Politiche per la moblità sostenibile PERFORMANCE INFRASTRUTTURE STRADALI 2004 2005 * FONTE Sottopassi e sovrappassi ciclopedonali 25 29 29 31 31 N. rotatorie 87 108 120 129 136 N. attraversamenti pedonali

Dettagli

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo European Mobility Week Palermo 16/22 settembre Mobilità sostenibile a Palermo A A sampler (of benzene level) in a central street: Via Roma Zone a traffico limitato ZTL A = auto Euro 3 and Euro 4 e mezzi

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA Imperia-Porto Maurizio, 21 luglio 2008 Il territorio della Liguria è interessato da un intenso programma di potenziamento infrastrutturale e tecnologico. Rete Ferroviaria Italiana

Dettagli

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani;

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani; PROGETTO PEOPLE MOVER 16 luglio 2011 A cura di Comune di Pisa, SAT e PISAMO Contenuti della delibera del 14 luglio 2011 Contenuti Prende atto dell Accordo di Programma siglato in data 13 aprile 2011 da

Dettagli

ASSESSORATO MOBILITÁ, TRASPORTI E AMBIENTE Interventi di potenziamento del trasporto pubblico e di modifiche della viabilitä.

ASSESSORATO MOBILITÁ, TRASPORTI E AMBIENTE Interventi di potenziamento del trasporto pubblico e di modifiche della viabilitä. ASSESSORATO MOBILITÁ, TRASPORTI E AMBIENTE Interventi di potenziamento del trasporto pubblico e di modifiche della viabilitä. In occasione dell edizione 2009 dei Saloni l assessorato alla MobilitÄ, Trasporti

Dettagli

Piano della Mobilità Ciclistica

Piano della Mobilità Ciclistica Assessorato Mobilità Trasporti Ambiente Direzione Centrale Mobilità Trasporti Ambiente Settore Pianificazione Mobilità Trasporti Ambiente Comune di Milano Settore Pianificazione Mobilità Trasporti e Ambiente

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO NUOVA FERMATA DI BRUZZANO/BRUSUGLIO 1. spostamento della fermata di circa 500 m verso nord; 2. realizzazione di due banchine di 250 m, alte 55 cm sul p.f.,

Dettagli

1.2.3. Accessibilità ciclabile e pedonale del territorio

1.2.3. Accessibilità ciclabile e pedonale del territorio 1.2.3. Accessibilità ciclabile e pedonale del territorio La percorribilità pedonale degli spazi pubblici non risulta essere ottimale, soprattutto dal punto di vista della continuità. Numerose sono le strade

Dettagli

Alternativa 4 - Pedonalizzazione forte della penisola

Alternativa 4 - Pedonalizzazione forte della penisola Alternativa 4 - Pedonalizzazione forte della penisola Questa alternativa si differenzia dalle altre per la regolamentazione degli accessi alla penisola particolarmente rigida: non sono autorizzati ad accedere

Dettagli

IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA

IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA Uno dei maggiori parcheggi periferici di interscambio di Milano, realizzato dalla Metropolitana Milanese, si avvia a servire l area sud del capoluogo lombardo

Dettagli

La gestione della sosta per la smartcity

La gestione della sosta per la smartcity La gestione della sosta per la smartcity L analisi delle performance dei gestori della sosta toscani e i modelli organizzativi nella prospettiva delle «smart cities» Pisa, 12 ottobre 2015 Il quadro dei

Dettagli

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 Sabrina Spaghi Università

Dettagli

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete 1 Overview Brescia e l Europa: i corridoi della Rete TEN-T Nodo di Brescia: infrastruttura e servizi Il Piano TPL

Dettagli

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Ottobre 2010 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 12 Tutti in autobus,

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia

Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia Inquadramento cartografico Descrizione/introduzione Itinerario radiale che collega Piazza Risorgimento con la zona periferica ovest di Cremona nei pressi del Quartiere

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE. Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001

GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE. Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001 GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001 Intervento del Presidente della Provincia di Pistoia Gianfranco

Dettagli

Alla cortese attenzione degli assessori Viabilità (Claudio Lubatti) ed Ambiente (Enzo La Volta) del Comune di Torino

Alla cortese attenzione degli assessori Viabilità (Claudio Lubatti) ed Ambiente (Enzo La Volta) del Comune di Torino Alla cortese attenzione degli assessori Viabilità (Claudio Lubatti) ed Ambiente (Enzo La Volta) del Comune di Torino Coerentemente con quanto dichiarato e nelle intenzioni del Biciplan di Torino approvato

Dettagli

COME ARRIVARE AD EXPO E COME RAGGIUNGERE IL PADIGLIONE WAA CONAF

COME ARRIVARE AD EXPO E COME RAGGIUNGERE IL PADIGLIONE WAA CONAF COME ARRIVARE AD EXPO E COME RAGGIUNGERE IL PADIGLIONE WAA CONAF http://www.expo2015.org/it/esplora/sito-espositivo/come-raggiungere-il-sito-espositivo Di seguito trovate le istruzioni per raggiungere

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

PARCHEGGI PER BICICLETTE NELLE STAZIONI DI INTERSCAMBIO

PARCHEGGI PER BICICLETTE NELLE STAZIONI DI INTERSCAMBIO Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / TRASPORTI PUBBLICI PARCHEGGI PER BICICLETTE NELLE STAZIONI DI INTERSCAMBIO Visione d insieme La disponibilità di parcheggi e depositi per biciclette

Dettagli

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile Workshop ManagEnergy Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile La promozione della Mobilità Sostenibile Simone Antinucci Roma, 8 luglio 2011 Roma, 7-8 Luglio Workshop:

Dettagli

Ferrovia Roma Civita Castellana Viterbo

Ferrovia Roma Civita Castellana Viterbo Ferrovia Roma Civita Castellana Viterbo http://pendolariromanord.com Stato attuale delle stazioni Ultimo aggiornamento: Sa 04/10/2014 Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord Elenco delle stazioni Piazzale

Dettagli

NATALE 2009: IL PIANO PER LA MOBILITÀ

NATALE 2009: IL PIANO PER LA MOBILITÀ In occasione delle prossime festività natalizie il Campidoglio ha predisposto un piano integrato di interventi atti ad incentivare l'uso del trasporto pubblico per spostamenti motivati dallo shopping natalizio.

Dettagli

Il Metabolismo della Città

Il Metabolismo della Città Il Metabolismo della Città Mobilità e trasporti Punti di Attenzione/Approfondimento Scelte di fondo: auto e parcheggi per tutti o trasporto pubblico? Compatibilità tra qualità urbana e flussi di traffico.

Dettagli

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2.1. Un processo graduale La messa in atto di un sistema di monitoraggio, quale quello sinteticamente delineato nel capitolo precedente, richiede un cambiamento

Dettagli

53 milioni di Euro. il Parcheggio di Acilia Nord, 550 mila Euro. Acilia sud.

53 milioni di Euro. il Parcheggio di Acilia Nord, 550 mila Euro. Acilia sud. Gent.mo sig. Mazzanti, la stazione di Tor di Valle non è certo abbandonata a se stessa come non lo è l intera tratta Roma Lido. Lo dimostrano i provvedimenti che il nostro Assessorato alla Mobilità ha

Dettagli

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Principali obbiettivi: - creare nell area metropolitana un sistema di trasporto pubblico integrato; - migliorare la

Dettagli

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI MOBILITA CICLISTICA A MILANO MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI BICICLETTA elaborato: presentazione codifica: 120100013_00 data: 17/05/2012 redatto: Veronica Gaiani verificato:

Dettagli

DI COSA SI TRATTA. Gli obbiettivi: salvaguardare il patrimonio verde costituito da Parco Increa e prevenire ulteriori danni ambientali,

DI COSA SI TRATTA. Gli obbiettivi: salvaguardare il patrimonio verde costituito da Parco Increa e prevenire ulteriori danni ambientali, DI COSA SI TRATTA E un piano che nasce dalla volontà dall Amministrazione Comunale per iniziare a regolamentare e riqualificare la fruizione di Parco Increa, ormai soggetto a continui utilizzi non consoni,

Dettagli

dott. Demetrio Arena Amministratore Unico

dott. Demetrio Arena Amministratore Unico La realizzazione dell autostazione di Largo Botteghelle rappresenta il raggiungimento di un importante traguardo per la città e per la nostra azienda, conseguito grazie alla valida azione sinergica tra

Dettagli

INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO PRELIMINARE PER L AVVIO DELLE CONFERENZE PROVINCIALI. 26 settembre 2011

INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO PRELIMINARE PER L AVVIO DELLE CONFERENZE PROVINCIALI. 26 settembre 2011 INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO PRELIMINARE PER L AVVIO DELLE CONFERENZE PROVINCIALI 26 settembre 2011 1 Stima dell impatto tecnico economico della manovra di 160 milioni di risorse regionali Il processo Lo

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

Così fan tutte. Eugenio Galli Presidente Fiab CICLOBBY. Biciclettiamo Milano. Milano, Palazzo Reale, 3 ottobre 11

Così fan tutte. Eugenio Galli Presidente Fiab CICLOBBY. Biciclettiamo Milano. Milano, Palazzo Reale, 3 ottobre 11 Così fan tutte (le virtuose) Eugenio Galli Presidente Fiab CICLOBBY Eugenio Galli Così fan tutte (le virtuose) 1 Trends La mobilità ciclistica sta conoscendo una nuova giovinezza. Nei Paesi europei, con

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO DI MILANO Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

Comune di Parma. Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA PIANO DI RIQUALIFCAZIONE URBANA STAZIONE IL CONTESTO URBANO

Comune di Parma. Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA PIANO DI RIQUALIFCAZIONE URBANA STAZIONE IL CONTESTO URBANO Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA PIANO DI RIQUALIFCAZIONE URBANA STAZIONE IL CONTESTO URBANO Il Comune di Parma ha avviato negli anni scorsi una forte politica di riqualificazione urbana nel quadrante

Dettagli

Picenengo Via Sesto Via Milano

Picenengo Via Sesto Via Milano Inquadramento cartografico Picenengo Via Sesto Via Milano Descrizione/introduzione L itinerario principale è radiale e collega il quartiere di Picenengo e relativa zona industriale e il quartiere di via

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

Deliverable 2.2.1. Report on Park & Ride actions in Bologna. Report sugli interventi Park & Ride a Bologna

Deliverable 2.2.1. Report on Park & Ride actions in Bologna. Report sugli interventi Park & Ride a Bologna Deliverable 2.2.1 Report on Park & Ride actions in Bologna Report sugli interventi Park & Ride a Bologna INTRODUZIONE Le politiche locali di gestione della mobilità hanno fra i principali obiettivi l incentivazione

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario ing. Vincenzo Conforti 1 Scelte economiche e tecniche nel Nodo di Bologna

Dettagli

Esperienze di riferimento

Esperienze di riferimento Esperienze di riferimento Perché? Cosa? Come? "Se vuoi costruire una nave, non spronare la gente a raccogliere legna, preparare gli strumenti, assegnare loro compiti e il lavoro, ma insegna alla gente

Dettagli

Mobility Management for Business and Industrial Zones

Mobility Management for Business and Industrial Zones Mobility Management for Business and Industrial Zones Relazione sull'attuazione del Piano di Mobilità nella Zona Industriale di Corso Alessandria (Asti) Deliverable D5.b WP: 5 WP Leader: EAP Ultimo aggiornamento:

Dettagli

Programma Urbano Mobilità

Programma Urbano Mobilità Programma Urbano Mobilità Interventi 2004-2006 Parte 3 GRADAZIONE PRIORITA La graduazione delle priorità! La sintesi tra l analisi della situazione attuale della mobilità, le sue necessità di incremento

Dettagli

Analisi delle modalità di spostamento a Pianezza

Analisi delle modalità di spostamento a Pianezza A PIANEZZA Liberi di muoversi Liberi dalla CO 2 Analisi delle modalità di spostamento a Pianezza Mercoledì 19 dicembre 2012 Hotel Gallia Elena Pedon Provincia di Torino Ufficio Pianificazione ed Educazione

Dettagli

Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015

Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015 Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015 Misure concernenti il contenuto minimo degli specifici diritti, anche di

Dettagli

Pianificazione della ciclabilità

Pianificazione della ciclabilità Pianificazione della ciclabilità Planning of cycling Enrico Goberti Provincia di Ferrara 22 ottobre 2010 PREMESSA PISTE CICLABILI: Sono strade definite e normate dal Codice della Strada (Ministero dei

Dettagli

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU (redatto il 4 dicembre 2014) 1 SINTESI... 1 2 IL PGTU... 1 2.1 IL PGTU IN BREVE... 2 2.2 LE 6 AREE DI ROMA...

Dettagli

COME RAGGIUNGERE fieramilano

COME RAGGIUNGERE fieramilano MILANO SPECIALE EXPO 2015 INDICE Metropolitana pag. 1 Mezzi di Superficie pag. 2 Auto pag. 2 Mappa accessibilità pag. 3 Treno pag. 4 Mappa Metropolitane e Linee S pag. 5 Mappa Servizio Ferroviario Suburbano

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE 17/04/2009 1 PROGETTO PRELIMINARE D. Lgs. 163/2006; DM 05.11.2001 Tavola E.3 del Progetto Preliminare delle Opere di Urbanizzazione -Strada di circa 900 m con andamento Nord Sud, parallela a Via Unità

Dettagli

TARIFFE IN VIGORE DAL 1 MAGGIO 2014

TARIFFE IN VIGORE DAL 1 MAGGIO 2014 TARIFFE IN VIGORE DAL 1 MAGGIO 2014 Il sistema tariffario di ATP si basa su zone identificate da un numero e da un nome che generalmente richiama la località principale della zona. Lo scatto tariffario

Dettagli

Nuovi collegamenti continuativi e ad elevata frequenza con i principali parcheggi scambiatori della Città

Nuovi collegamenti continuativi e ad elevata frequenza con i principali parcheggi scambiatori della Città Comunicato stampa Dal 13 settembre, con l entrata in vigore dell orario invernale, diventa operativa la revisione della rete urbana di ATV. Rafforzati i collegamenti con i comuni di prima cintura Eliminate

Dettagli

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI Il Progetto Il progetto nasce dalla necessità di riflettere e stimolare la coscienza dei ragazzi più giovani, sulle problematiche ambientali: l ambiente naturale e materiale (cioè modificato dai bisogni

Dettagli

BICIPLAN 2015 COMMISSIONE AMBIENTE 01 APRILE 2015

BICIPLAN 2015 COMMISSIONE AMBIENTE 01 APRILE 2015 BICIPLAN 2015 COMMISSIONE AMBIENTE 01 APRILE 2015 COSA NON SI INTENDE PER BICIPLAN? Mero progetto di piste ciclabili esse costituiscono solo uno degli ingredienti della ciclabilità sarebbe un po come fare

Dettagli

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Reti Infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO. Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.)

L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO. Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.) L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.) INQUADRAMENTO DEL CONTESTO IL TERRITORIO PROVINCIA DI BG o NUMERO COMUNI: 244 o

Dettagli

COME RAGGIUNGERE fieramilano e fieramilanocity

COME RAGGIUNGERE fieramilano e fieramilanocity e fieramilanocity MILANO e fieramilanocity INDICE COME RAGGIUNGERE fieramilano pg. 1...Metropolitana pg. 2...Mezzi di superficie e Auto pg. 3...Mappa accessibilità pg. 4...Treno pg. 5...Mappa servizio

Dettagli

Ing. Giancarlo Crepaldi

Ing. Giancarlo Crepaldi Ing. Giancarlo Crepaldi FERROVIA TRENTO-MALE -MARILLEVA La ferrovia Trento-Malé nasce sotto l Impero Asburgico. I lavori iniziarono nel 1907 e la struttura fu inaugurata solo due anni dopo nel 1909. Oggi

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 CESARE LAPIANA Assessore all Ambiente del Comune di Palermo La mobilità nella Città di Palermo 1. MANCANZA DI FLESSIBILITÀ NEL COMPLESSO

Dettagli

Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi

Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi www.coordinamentopendolari.it A SETTEMBRE 2009 NASCE DALL UTENZA PENDOLARE ATTIVA LA PRIMA RETE PROVINCIALE PAVESE di PENDOLARI e COMITATI PENDOLARI del trasporto

Dettagli

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA NORMATIVA DI RIFERIMENTO La funzione di Mobility Manager istituita dal Decreto del Ministero dell Ambiente del 27 marzo 1998 sulla mobilità sostenibile

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

In treno. In aereo. dalla Stazione Termini è possibile raggiungerci:

In treno. In aereo. dalla Stazione Termini è possibile raggiungerci: In treno dalla Stazione Termini è possibile raggiungerci: in metropolitana* direttamente nella stazione andate a prendere la linea B (colore blu) direzione Laurentina scendere alla prima fermata Cavour.

Dettagli

LEGGE-OBIETTIVO DELLA LOMBARDIA PER LO SVILUPPO INFRASTRUTTURALE STRATEGICO DELLA GRANDE MILANO. La forza di Milano è la Grande Milano

LEGGE-OBIETTIVO DELLA LOMBARDIA PER LO SVILUPPO INFRASTRUTTURALE STRATEGICO DELLA GRANDE MILANO. La forza di Milano è la Grande Milano Gennaio 2014 - MOZIONE LEGGE-OBIETTIVO DELLA LOMBARDIA PER LO SVILUPPO INFRASTRUTTURALE STRATEGICO DELLA GRANDE MILANO La forza di Milano è la Grande Milano SOMMARIO Slides 1-3 CITTÀ EUROPEE A CONFRONTO

Dettagli

via Calzolai via Malpasso

via Calzolai via Malpasso Nel corso del 2015 il Comune di Ferrara ha realizzato un grosso intervento di ricucitura di un percorso ciclo-pedonale che nel suo complesso attraversa i centri abitati di Francolino, Malborghetto di Boara,

Dettagli

Misure di accompagnamento

Misure di accompagnamento intermodalità6 Misure di accompagnamento e Il presente capitolo descrive le misure di accompagnamento che il Piano della Mobilità Ciclistica dell Alto Milanese intende attivare, accanto le buone pratiche

Dettagli

LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO

LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO Torino, settembre 2006 Torino 25 26 Febbraio 2009 Gabriella BIANCIARDI Percorsi europei per la mobilità sostenibile 1 TORINO ALCUNI DATI N ABITANTI:

Dettagli

Azioni per la mobilità sostenibile

Azioni per la mobilità sostenibile Azioni per la mobilità sostenibile 2004: PIANO INTEGRATO DELLA CICLABILITA e diversi interventi 1) PIANO INTEGRATO DELLA CICLABILITA Obiettivo: individuare la rete ciclabile di collegamento degli 11 comuni

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Direttore Settore Attuazione Mobilità Trasporti Ambiente Corridoi Europei in Italia (Reti TEN) Milano: una posizione strategica rispetto alle

Dettagli

Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia. Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia

Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia. Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia LA MOBILITA DI BRESCIA IN NUMERI PRIORITA e CRITERI di PIANIFICAZIONE P.U.M.S.

Dettagli

TARIFFE BUS, INVARIATI ABBONAMENTI E SERVIZI URBANI

TARIFFE BUS, INVARIATI ABBONAMENTI E SERVIZI URBANI anno 9> numero 1>febbraio 2014 TARIFFE BUS, INVARIATI ABBONAMENTI E SERVIZI URBANI Nessun aumento per gli abbonamenti ordinari mensili e annuali e nessun aumento per i biglietti di corsa semplice urbana

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento Allegato n.1 La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento L infrastruttura La ferrovia Trento Bassano del Grappa o ferrovia della Valsugana è una linea

Dettagli

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 Sabrina Spaghi Università di Pavia,

Dettagli

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO Scalo Smistamento Retroporto Casello Alessandria sud A27 Genova - Gravellona Toce Strada di collegamento con la tangenziale 1 PRA STRADA DI COLLEGAMENTO CON LA TANGENZIALE

Dettagli

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY Sedi di C.so Marche, Caselle Nord, Caselle Sud Torino, Dicembre 2008 MVRS_ALENIA_174_08 AGENDA OBIETTIVI AZIONI QUESTIONARIO PSCL ANALISI DEGLI SPOSTAMENTI: QUADRO GENERALE

Dettagli

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE Seminario Politiche, prospettive e strategie in tema di mobilità sostenibile e sicurezza stradale INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE 24 maggio 2010 Salone d onore del

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

MILANO. a cura ufficio DO-L-SAM

MILANO. a cura ufficio DO-L-SAM COME RAGGIUNGERE fieramilano e fieramilanocity MILANO COME RAGGIUNGERE fieramilano e fieramilanocity INDICE COME RAGGIUNGERE fieramilano pg. 1...Metropolitana pg. 2...Mezzi di superficie e Auto pg. 3...Mappa

Dettagli

Piano degli Spostamenti Casa Lavoro Delle società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane TORINO Anno 2013

Piano degli Spostamenti Casa Lavoro Delle società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane TORINO Anno 2013 Piano degli Spostamenti Casa Lavoro Delle società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane TORINO Anno 2013 redatto da: Società Mobility Manager Firma RFI Trenitalia Margherita Rosa Ernesto Gringeri Torino,

Dettagli

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma 1. L occasione III Municipio: apertura della linea metro

Dettagli

La linea Firenze-Empoli-Pisa

La linea Firenze-Empoli-Pisa La linea Firenze-Empoli-Pisa La variante Signa-Montelupo La variante Signa-Montelupo La realizzazione della variante Signa-Montelupo sulla linea Firenze-Empoli-Pisa consentirà il potenziamento del servizio

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

Servizi Postali. Presentazione progetto Piano Regolatore Postale 09/02/2009. Versione: x.x. Servizi Postali - Recapito

Servizi Postali. Presentazione progetto Piano Regolatore Postale 09/02/2009. Versione: x.x. Servizi Postali - Recapito Servizi Postali Presentazione progetto Piano Regolatore Postale Versione: x.x. Servizi Postali - Recapito Piano Regolatore Postale 2 Lo scopo del progetto è di elaborare, sull intero territorio nazionale,

Dettagli

Seminario INTERMODALITÀ TRA I SISTEMI DI TRASPORTO SOSTENIBILE

Seminario INTERMODALITÀ TRA I SISTEMI DI TRASPORTO SOSTENIBILE In collaborazione con il Gruppo Interparlamentare per la mobilità nuova e ciclistica Seminario INTERMODALITÀ TRA I SISTEMI DI TRASPORTO SOSTENIBILE Sala Aldo Moro Palazzo Montecitorio a cura di Beatrice

Dettagli

X 5. L abbonamento per studenti si può fare all inizio di ogni mese. X 6. L abbonamento impersonale è più costoso di altri. X

X 5. L abbonamento per studenti si può fare all inizio di ogni mese. X 6. L abbonamento impersonale è più costoso di altri. X Livello A2 Unità 1 Trasporti urbani Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Vero Falso 1. Il costo dei biglietti urbani di Siena dipende dai km

Dettagli

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Fabio Formentin Mobility Manager Regione Emilia-Romagna Settimana

Dettagli