P.I.S.L. MONTAGNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.I.S.L. MONTAGNA 2011-2013"

Transcript

1 Piano Integrato di Sviluppo Locale Montagna

2 Comunità Montana di Valle Sabbia 2

3 INDICE 1. INTRODUZIONE CONTESTO SOCIO ECONOMICO ED AMBIENTALE Descrizione fisica Andamento demografico Assetto economico Sistema agricolo Turismo Nuove tecnologie LA COMUNITÀ MONTANA E LA GESTIONE SOVRACOMUNALE Sistema informativo territoriale Realizzazione PGT comunali Realizzazione uffici unici Sportello Unico per le Attività Produttive SUAP Gara per la distribuzione del gas metano Gara per servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani Piano di indirizzo forestale P.I.F Reticolo idrico minore R.I.M Piano operativo Piano viabilità agro-silvo-pastorale Marchi di qualità PISL MONTAGNA PARTENARIATO: TAVOLO PUBBLICO DI CONFRONTO COERENZA CON LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE E LOCALE Programma Regionale di Sviluppo Documento Strategico Annuale Programma triennale dei lavori pubblici Protocollo d intesa con la Provincia di Brescia Accordo Quadro di Sviluppo Territoriale della valle sabbia Piano di Sviluppo Socio Economico PISL MONTAGNA CONNESSIONE BANDA ULTRA LARGA EDIFICI PUBBLICI DEL TERRITORIO DELLA COMUNITÁ MONTANA DI VALLE SABBIA Il quadro di riferimento

4 7.1.1 Gli indirizzi dell Unione Europea Il Piano d azione i L'Agenda Digitale Europea I piani a livello nazionale Le Linee guida per i Piani territoriali per la banda larga Il Rapporto Caio Il Piano Romani Gli interventi regionali L'Accordo di Programma Quadro in materia di società dell informazione Bando per l'erogazione di un contributo per la diffusione di servizi a banda larga Il Programma di Sviluppo rurale Gli interventi della Provincia di Brescia per il superamento del digital divide Realizzazione e concessione in gestione di una rete wireless: Organizzazione del piano di posa di fibre ottiche per le centrali: Supporto all'azione di Telecom Italia per lo sviluppo dell'offerta ADSL in wholesale Promozione del territorio bresciano per lo sviluppo di reti wimax Sviluppo del sistema pubblico connettività (SPC) per il back office della Pubblica amministrazione Analisi delle infrastrutture a Banda Larga sul territorio provinciale Il servizio ADSL e lo sviluppo di fibra ottica per le centrali telefoniche Le dorsali in fibra ottica Le celle wi-fi in aree urbane di particolare pregio e zone turistiche La copertura wireless su frequenze condivise: la tecnologia hiperlan La copertura dell offerta wi-max Bibliografia di riferimento Il CIT della Provincia di Brescia Il contesto normativo Definizione, abbreviazioni e convenzioni generali Il contesto funzionale e applicativo Le tecnologie abilitanti Gestione delle identità - SSO SOA Conservazione digitale a norma Sistema di pagamenti on-line

5 7.4.5 I procedimenti dei servizi on-line BresciaGOV Il piano di Disaster Recovery Il centro servizi della Comunità Montana di Valle Sabbia Ufficio tecnico Tributi Ragioneria Supporto tecnologico Elaborazioni avanzate Progettazione Infrastruttura tecnologica Server farm I servizi on line della Comunità Montana di Valle Sabbia Portali istituzionali Portale dei servizi Porta di dominio Il piano per la Comunità Montana della Valle Sabbia Ipotesi di dorsale Stima parametrica dei costi Quadro normativo e regolamentare Modelli societari Piano di sviluppo temporale del progetto ALLEGATI 1. Invito tavolo pubblico di confronto 2. Pubblicazione sul sito CMVS: convocazione tavoli di confronto 3. Pubblicazione sul sito Vallesabbianews: convocazione tavolo di confronto 4. Presenze tavolo di confronto 5. Slides di presentazione del tavolo di confronto 6. Delibera n 149 del 03/11/2011 L.R. 25/2007: Approvazione bozza P.I.S.L. Montagna 2011/2013 5

6 1. INTRODUZIONE La Regione Lombardia con legge regionale n 11 del 3 agosto 2011 ha disposto l istituzione del PISL Montagna con lo scopo di finanziare lo sviluppo delle aree montane attraverso interventi concorrenti al raggiungimento di obiettivi di valenza strategica e territoriale in armonia con quanto previsto dalla legge regionale n 25 del 2007 che disciplina gli Interventi regionali in favore della popolazione dei territori montani. Il PISL Montagna è il nuovo strumento di Programmazione negoziata sancito dalla Regione Lombardia. Tale strumento punta a sostenere la programmazione territoriale, coerentemente con gli indirizzi strategici delineati dalla Regione Lombardia. Con d.g.r. 4 agosto 2011 n IX/2096 sono state approvate le Linee guida per l avvio e l accompagnamento dei PISL Montagna che, in conformità a quanto stabilito nella L.R. 11/2011, hanno previsto semplificazioni e adeguamenti procedurali rispetto a quanto disposto del r.r. 18/2003. Il PISL Montagna quale strumento di programmazione negoziata è espressione di condivisione ed attuazione delle scelte programmatiche regionali, in coerenza con il principio di sussidiarietà e con l obiettivo primario d individuazione di un percorso di sviluppo dell economia locale che valorizzi le risorse umane, ambientali, culturali, produttive ed infrastrutturali presenti sul territorio, coerenti con le strategie di sviluppo e gli obiettivi di governo espressi nel Programma Regionale di Sviluppo (aggiornato annualmente dal Documento di Programmazione Economico Finanziaria) e nelle programmazioni settoriali regionali. 6

7 2. CONTESTO SOCIO ECONOMICO ED AMBIENTALE Una prima analisi di contesto sul territorio Valsabbino aiuta a definire gli aspetti fondanti ed i contenuti del presente documento. In particolare, è utile avere una panoramica su aspetti generali quali l andamento demografico, l assetto economico per cogliere alcuni suggerimenti e orientare strategie di sviluppo territoriale il più possibile efficaci. 2.1 DESCRIZIONE FISICA Il territorio della Valle Sabbia, oltre ad essere molto variegato sotto l aspetto morfologico, risulta anche particolarmente frammentato per la presenza di una miriade di località diffuse. L asse principale è costituito dal fiume Chiese, con una tendenza alla conurbazione a Sud di Vestone, attraverso i Comuni di Barghe, Sabbio Chiese, Vobarno, Roè Volciano, Villanuova sul Clisi, Gavardo. All uscita dal territorio della Comunità montana, la incipiente conurbazione del Chiese prosegue verso Sud attraverso i Comuni di Prevalle, Bedizzole, Calcinato, Montichiari. All interno della Valle Sabbia, si innestano sull asta del Chiese altri due sistemi urbano-industriali minori (ma non nella scala della valle), attorno ai torrenti Vrenda e Nozza. Il sistema del Vrenda da Sabbio Chiese si protende verso Ovest, toccando Odolo, Bione e Agnosine, allargandosi nella Conca d Oro e giungendo a breve distanza in linea d aria dal compatto insediamento di Lumezzane in Valle Trompia. Più a Nord, il sistema del Nozza interessa l area da Vestone a Casto. Evidentemente è in atto un processo di trasformazione territoriale a carattere metropolitano, che ha il suo epicentro nella città di Brescia e si allarga a macchia d olio in tutte le direzioni, interrompendo il naturale collegamento tra montagna e pianura e risalendo in forma tentacolare nelle stesse valli. Percorrendo la strada statale che da Brescia porta verso il Garda lo sguardo può spaziare in quanto si è in presenza di un ampia conca, ma più si prosegue lungo l asta del fiume Chiese e più ci si rende conto di come la valle si stringa arrivando in alcuni punti a dare quasi un effetto ottico di chiusura, con larghezze effettive di poche centinaia di metri. Dal punto di vista amministrativo la Valle Sabbia inizia con Serle e Paitone e termina a Bagolino, sul confine con il Trentino, abbracciando 25 comuni e poco meno di 60 mila ettari di territorio, con circa abitanti. Sul lato occidentale della valle sorge l altopiano carsico delle Cariadeghe, dichiarato riserva naturale e che presenta una forte caratterizzazione morfologica. 7

8 Proseguendo lungo la direttrice per Salò si apre la conca di Vallio, nella quale scorre il torrente Vrenda, omonimo a quello della Conca d Oro più a nord. In corrispondenza di Vobarno la valle si indirizza verso nord-ovest; qui confluiscono la valle di Collio e la Val Degagna, la quale, caratterizzata dal percorso del torrente Agna, è la maggiore delle convalli che insistono sulla sinistra idrografica del Chiese ed ospita abitati di sicuro interesse, come Eno e Carvanno. A Sabbio Chiese il territorio presenta, a destra, un ampio terrazzo di origine fluvio-glaciale sul quale sorgono i nuclei di Pavone e Sabbio Sopra mentre, a sinistra, si apre la Conca d Oro, ospitante il torrente Vrenda ed i nuclei di Preseglie, Odolo, Agnosine e Bione, contraddistinti da una marcata presenza di attività industriali ma, nello stesso tempo, caratterizzati dalla zona più fertile dell intera Valle Sabbia. Quest area, via di comunicazione intervalliva con la vicina Val Trompia, risulta particolarmente compromessa dal punto di vista del consumo di suolo dato che la pesante lavorazione industriale qui praticata non trova sfoghi esterni causa la chiusura morfologica operata dai versanti; i centri abitati e quelli produttivi sono contigui arrivando a formare un urbanizzazione omogenea in quanto alcune delle attuali acciaierie sono sorte sulla stessa area delle vecchie fucine. La valle offre ampi terrazzi sino a Barghe, da dove parte la strada che porta a Provaglio Valle Sabbia, mentre più avanti si incrocia la stretta di S. Gottardo, seguita da quella di Nozza, suggestive forre che conducono alla capitale e cuore del comprensorio valsabbino, Vestone. Da qui partono quattro valli laterali contraddistinte dai rispettivi corsi d acqua: il Savallese con il torrente Nozza, che porta a Casto, altra importante realtà economico-produttiva, e Mura; le due Pertiche con il Tovere ed il Degnone, rispettivamente per la Pertica Alta e per la Bassa, ambedue gravitanti su Vestone, mentre la valle che porta a Treviso Bresciano è percorsa dal Gorgone. Attraversato Vestone si giunge a Lavenone, al quale risulta legato soprattutto per la presenza di insediamenti produttivi che sino a questo punto della valle contraddistinguono l intero territorio; da qui, risalendo la montagna, si possono raggiungere le caratteristiche frazioni di Bisenzio e Presegno. Lasciato Lavenone si entra in quella che può essere definita l Alta Valle, grossa porzione di territorio distinta sia sotto l aspetto ambientale che insediativo, nonché turistico. È qui che troviamo il lago d Idro, l elemento naturalistico e morfologico che caratterizza tutta quest area, con tratti particolarmente suggestivi ed ameni (come ad esempio il sentiero dei contrabbandieri), concentrati sul fianco orientale, e tratti con maggiore presenza antropica, prevalentemente sul lato occidentale solcato dalla S.S. 237, strada altamente trafficata che porta in territorio trentino. Da Idro parte la strada per Treviso Bresciano e Capovalle, che poi si addentra nella Valvestino, via di collegamento intervallivo con il Parco dell Alto Garda Bresciano. Costeggiando invece il lato occidentale del lago si trova il centro di Anfo, famoso per la sua rocca, fortificazione militare risalente al 400; alle sue spalle l oasi di Baremone, raggiungibile con una angusta e 8

9 sinuosa strada che si inerpica sulla montagna, dalla quale è possibile raggiungere il Passo del Maniva e, da questo, la Val Camonica, Bagolino o la Val Trompia. All estremo nord del lago si apre il Pian d Oneda, ampia distesa un tempo paludosa ed oggi bonificata sulla quale si trova il borgo di Ponte Caffaro, appartenente al comune di Bagolino, ma da esso distinto sia sotto l aspetto paesaggistico che culturale ed istituzionale; in questo punto viene segnato il confine con l area trentina, ed il Chiese, dopo aver ricevuto le acque del torrente Caffaro, confluisce nel lago d Idro. Bagolino, suggestivo centro di riconosciuta importanza, lo si trova risalendo la Valle del Caffaro; da qui sono facilmente raggiungibili le note località del Maniva e del Gaver, che conducono alla Val Camonica ed al Parco dell Adamello. Una peculiarità che contraddistingue l intero territorio è l evidente contrasto tra la Valle principale, solcata dal Chiese e dal sistema conurbativo di fondovalle, e le amene convalli laterali, caratterizzate da un elevata naturalità e da un valore paesistico di sicuro interesse. La loro potenzialità territoriale è sostenuta dai collegamenti, sia quelli interni che quelli intervallivi; i primi, assicurati da anelli viabilistici di limitata larghezza, permettono, alle zone più periferiche e marginali, di porsi nei confronti del comprensorio come transito e non come semplice accesso unidirezionale. Ciò, nella prospettiva di uno sviluppo maggiormente equilibrato del territorio, contribuirà di certo a favorirne il successo. 2.2 ANDAMENTO DEMOGRAFICO L andamento demografico valsabbino nel complesso è in crescita (+11% dal 2000 al 2010), seppur con considerevoli differenze fra le varie realtà comunali. Mentre alcuni centri presentano un incremento della popolazione residente (Anfo, Gavardo, Idro, Odolo, Paitone, Preseglie, Sabbio Chiese, Vallio Terme, Villanuova sul Clisi e Vobarno presentano un incremento superiore al 10%), in altri si assiste ad una calo costante e continuo (Capovalle, Lavenone e Treviso Bresciano presentano un decremento superiore al 5%). Sostanzialmente la fascia dei comuni di fondo valle presentano un andamento demografico quantomeno stabile; si tratta di aree che coincidono di fatto con una maggiore presenza di servizi e con una più facile accessibilità. Questo dato assume ancor più valore se lo si incrocia con il quadro delle dinamiche economiche in atto. Sono i Comuni economicamente più forti ad attrarre sul loro territorio la popolazione degli altri Comuni, generando flussi di migrazione interna al territorio della Comunità Montana. Il problema dello spopolamento interessa centri periferici e, quindi, Agnosine, Capovalle, Lavenone, Mura, Pertica Alta, Pertica Bassa, Treviso Bresciano; tale tendenza è stata ulteriormente aggravata dal frazionamento dei comuni dove, nelle piccole e isolate località (frazioni delle Pertiche, ecc.), sono venuti 9

10 progressivamente a mancare quei servizi di base, di tipo sia commerciale, che sanitario e culturale, che creano disagi rilevanti e con effetti sulla qualità della vita. La tabella di seguito sintetizza i dati demografici riferiti al numero degli abitanti tra il 2000 e il Comuni POPOLAZIONE RESIDENTE DAL 2000 AL 2010 Abitanti al 31/12/2000 Abitanti al 31/12/2010 Differenza Differenza % Agnosine % Anfo % Bagolino % Barghe % Bione % Capovalle % Casto % Gavardo % Idro % Lavenone % Mura % Odolo % Paitone % Pertica Alta % Pertica Bassa % Preseglie % Provaglio Val sabbia % Roè Volciano % Sabbio Chiese % Serle % Treviso Bresciano % Vallio Terme % Vestone % Villanuova sul Clisi % Vobarno % Totale % 2.3 ASSETTO ECONOMICO In merito all assetto economico, il comparto commerciale è dinamico e ben rappresentato in tutta la zona ad alto tasso di insediamento, cioè nei comuni più popolati della Valle Sabbia, ma presenta carenze 10

11 gravissime o addirittura assenze nei centri interni, in particolare quelli di minori dimensioni. Tre i settori principali: produzione industriale, sistema agricolo, settore turistico. La tradizionale vocazione produttiva e il concetto di monocultura del ferro che impera da secoli nella Media e Bassa Valle Sabbia ha subito un declino aggravatosi con l attuale contingenza di crisi economica, ed allo stesso tempo ha lasciato poco spazio all apertura ad altre forme di economia (come per esempio l economia turistica). 2.4 SISTEMA AGRICOLO Il sistema agricolo è in oggettiva difficoltà, e le imprese agricole, penalizzate dalle particolari condizioni dell agricoltura di montagna e da un problematico ricambio generazionale, rischiano di non essere in grado di assumere i nuovi ruoli multifunzionali (ambientali, turistici, artigianali, culturali) che la società vorrebbe affidare loro. Alla sempre minor competitività dell agricoltura e, di conseguenza, ad un progressivo abbandono delle superfici coltivate poste nelle zone più svantaggiate si deve sommare la sottrazione di superfici da destinare ad altri usi nelle zone di fondovalle, con un reale rischio di peggioramento della qualità ambientale. Il dato relativo agli addetti in agricoltura è in coerenza con il dato relativo alla popolazione; sono i comuni maggiormente interessati dallo spopolamento e quindi, quelli con una struttura economica più debole, ad avere un maggior numero percentuale di addetti (in particolare si segnalano Bagolino, Capovalle, Lavenone, Pertica Alta, Pertica Bassa). 2.5 TURISMO Per quanto riguarda il turismo, il mancato sviluppo del settore non è imputabile a carenze quantitative o qualitative dal punto di vista ambientale, paesaggistico, culturale e architettonico, assicurate da ricche testimonianze del passato legate soprattutto alla funzione di confine che il territorio possedeva e da un ambiente naturale caratterizzato sia dagli scenari ameni dell alta montagna (Gaver, Maniva e Bagolino) che dalle suggestioni del lago d Idro. L insuccesso è in parte correlabile a una insufficiente gestione di queste potenzialità, ad una necessità di maggiore valorizzazione e promozione a livello nazionale ed internazionale, nonché ad una cronica indifferenza verso un coordinamento degli sforzi per creare una piacevole immagine di valle e anche dalla scarsità di strutture. Le presenze turistiche alberghiere ed extralberghiere sono concentrate in particolare a Idro (affacciato sul lago, in cui è possibile praticare sport acquatici come la canoa e il windsurf) e Bagolino (espressione di un tipico turismo montano). Perseguire quindi obiettivi di recupero e valorizzazione delle testimonianze del passato e dell ambiente naturale da una parte, e di miglioramento della struttura turistica complessiva e, soprattutto, di avvicinamento ad una cultura per il turismo dall altra, aprirebbe possibilità di sviluppo a questo settore; costruendo, conseguentemente per il territorio un alternativa occupazionale interessante e 11

12 che non precluderebbe l inserimento lavorativo alle fasce più deboli. In questo contesto la vicinanza e il raccordo con il bacino turistico del Garda e del Trentino rappresentano un eccezionale opportunità. 2.6 NUOVE TECNOLOGIE In questi ultimi anni la Valle Sabbia ha attivato nuove iniziative volte a perseguire percorsi di innovazione e incentivi allo sviluppo del territorio. In modo specifico, gli investimenti e il lavoro sull informatizzazione territoriale stanno supportando gli enti locali ad avere una panoramica territoriale mai avuta finora. Ciò in particolare grazie a due principali attività: - servizio di supporto all innovazione della pubblica amministrazione tramite l ammodernamento dei sistemi e reti informatiche; - riordino, completamento e aggiornamento della mappatura cartografica del territorio con le sue risorse e caratteristiche. I cambiamenti delle dinamiche occupazionali, vanno considerati nella direzione di un opportunità di revisione delle attività agro-silvo-pastorali, guardando ai settori di turismo e servizi innovativi quali ambiti di potenzialità lavorative. 12

13 3. LA COMUNITÀ MONTANA E LA GESTIONE SOVRACOMUNALE La Comunità Montana di Valle Sabbia da alcuni anni si è attivata per far sì che il ruolo tradizionale di Ente di programmazione con funzioni delegate dallo Stato e dalla Regione si trasformasse sempre più in quello di Ente erogatore di servizi per il territorio. L attività amministrativa e gestionale della COMUNITÁ MONTANA DI VALLE SABBIA, grazie anche alla collaborazione delle 25 Amministrazioni Comunali del territorio di propria competenza e del supporto operativo di Secoval, si concretizza, quindi, nella cosiddetta gestione associata di funzioni e servizi comunali. L Ente ha pertanto assunto un nuovo ruolo che lo rende parte attiva e concreta nello sviluppo del territorio, superando i limiti che spesso incontrano soprattutto le piccole realtà amministrative, sviluppando e garantendo al cittadino tutti i servizi tradizionali dell Ente pubblico, ma anche e principalmente una vasta gamma di nuovi servizi altamente innovativi, dando così la possibilità anche alle realtà montane più disagiate di poter superare i limiti che tale marginalità presenta, cercando di impedire lo spopolamento del territorio. La finalità è quella di sostenere le amministrazioni nell esercizio delle funzioni amministrative proprie, sia da un punto di vista funzionale che qualitativo e, aspetto non meno importante, anche dal punto di vista economico. Tutto questo non più con una visione limitata ai soli confini comunali ma con il coinvolgimento attivo di tutto il territorio della Valle ed anche dei comuni confinanti. E infatti evidente la difficoltà oggettiva per le piccole realtà comunali ad affrontare e risolvere le diverse problematiche legate alla gestione ed alla promozione del proprio territorio in maniera autonoma, a causa della difficoltà nel reperire le risorse e le figure professionali qualificate che consentano di esercitare concretamente i propri poteri per dare risposte ai cittadini. La valenza delle gestioni associate, consiste nella possibilità data ai comuni di poter fruire di servizi di alto livello a costi contenuti e di poter ovviare, soprattutto nelle piccole realtà ma anche in quelle di media dimensione, alla carenza di personale, di figure professionali qualificate, alle problematiche relative all espletamento di servizi e/o prodotti tecnologicamente avanzati, oltre che di avere procedure unificate e standardizzate uniche per tutto il territorio. D altra parte i nuovi servizi, unitamente alle numerose competenze trasferite negli ultimi anni, hanno comportato un consistente aumento di lavoro e di tutta la connessa parte logistica che, al fine di evitare duplicazione e sovrapposizioni burocratiche, ha dovuto essere rivista attraverso: - un complessivo ed organico ridisegno dei flussi procedurali; 13

14 - un intensivo utilizzo delle nuove tecnologie; - un forte coinvolgimento dei Comuni e di tutti i soggetti portatori di interessi; E subito risultata evidente la necessità di un processo di razionalizzazione per ottimizzare le risorse umane ed economiche disponibili, in modo particolare la necessità di svolgere le varie funzioni in modo unitario. Gli obiettivi iniziali erano: - la condivisione di informazioni, di infrastrutture e beni (es. informatiche, lo stesso linguaggio di comunicazione); - l attivazione di servizi on-line dialoganti con le altre Pubbliche Amministrazioni accessibili via internet dagli enti e dai cittadini, ottenendo in tempo reale informazioni sullo stato di una istanza o sul suo esito; - raccogliere, ampliare e informatizzare i molteplici studi, indagini e progetti inerenti il territorio per avere un quadro territoriale organizzato e sistematizzato e per supportare i processi di pianificazione e autorizzativi, in ottica di difesa e salvaguardia del territorio; - permettere ai cittadini di accedere in via telematica alla consultazione dei dati o alla verifica dell iter delle proprie istanze; - limitare le necessità di accesso agli archivi cartacei; Per raggiungere tali obbiettivi è stato necessario avere un approccio sovraccomunale, considerando l intera valle come un unico sistema economico, sociale ed ambientale e dedicare molto lavoro alla fase di progettazione e di raccolta e informatizzazione dei dati, per avere poi la struttura su cui attivare i servizi, studiare e programmare i progetti e gli interventi, alcuni dei quali vengono di seguito descritti. 3.1 SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE Consiste in un sistema tecnologicamente avanzato costituito da una base topografica di tutto il territorio della Valle Sabbia e zone limitrofe, costantemente aggiornato, che permette alle amministrazioni di interagire, disponendo di un supporto tecnologico utile ed indispensabile per lo sviluppo di nuovi servizi e/o per l informatizzazione di quelli classici (ICI TARSU TIA ecc.). Il SIT rappresenta lo strumento Informatico a servizio delle amministrazioni e dei cittadini nel quale sono raccolti e coordinati fra di loro tutti gli strumenti di pianificazione e programmazione territoriale: Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, Piano di Indirizzo Forestale, Piano della Viabilità Agro-Silvo- Pastorale, Piano di Governo del Territorio dei singoli comuni, Piano di Indirizzo Forestale, Reticolo Idrografico Minore, Piano Operativo, Studi Geologici, etc. Si tratta di una banca dati centralizzata ufficiale in continua fase di aggiornamento in base ai nuovi studi e ai relativi risultati. La peculiarità è data dalla capacità di cartografare e quindi monitorare tutto ciò che avviene sul territorio, dal punto di vista tecnico e della spesa pubblica. 14

15 In particolare riguarda: - Nuovi dissesti idrogeologici; - Interventi di sistemazione idraulico-forestali; - Miglioramenti forestali; - Inserimento nuove infrastrutture viarie (dalle arterie principali, alla VASP, alle piste ciclabili), e reti tecnologiche (collettori fognari, reti gas, acquedotti, ). In sostanza si tratta di una piattaforma sistematica di analisi e aggregazione dati che consente un risparmio di decine di migliaia di euro ai Comuni per funzioni strategiche e costose, quale la formazione del Piani di Governo del Territorio, nonché il monitoraggio urbanistico con recupero di tasse non versate come l ICI. I Professionisti inoltre possono scaricare direttamente informazioni per avviare pratiche edilizie o attività con risparmio di tempi e risorse. E uno strumento in grado di fluidificare e semplificare sempre di più le procedure. 3.2 REALIZZAZIONE PGT COMUNALI E stata coordinata l attività di realizzazione dei Piani di Governo del Territorio dei Comuni. In particolare 9 comuni si sono convenzionati con la C.M. al fine di progettare i loro strumenti urbanistici mediante un approccio unitario, per addivenire ad obiettivi comuni di sviluppo dei territori valorizzando la costruzione e l organizzazione di un sistema omogeneo di conoscenze e servizi per la promozione di politiche territoriali unitarie. Tale visione globale del territorio, oltre al notevole risparmio economico, ha consentito lo sviluppo di una progettualità impensabile se ogni comune avesse proceduto chiuso entro i propri confini territoriali. Tale approccio ha per esempio consentito, a seguito dell'analisi del territorio, il confronto con le singole realtà amministrative, la conoscenza delle iniziative relative alla valorizzazione ambientale, culturale e paesaggistica dei nove comuni interessati, la perimetrazione della parte più incontaminata di questi territori come ambito da tutelare e valorizzare, dando luogo al "Comprensorio delle 3 Corne". E in fase di studio un percorso indirizzato ad un uso sostenibile di questo territorio a fini turistico ricettivi con l obiettivo di valorizzare il patrimonio immobiliare esistente favorendone il riutilizzo anche al fine di realizzarvi seconde case, attività di agriturismo, case d affitto per la villeggiatura, stazioni di sosta, stalle per il ricovero dei cavalli, ecc... Si tratta sostanzialmente di favorire la realizzazione di un sistema dell accoglienza diffusa in considerazione di tutte le offerte che il territorio può offrire. 15

16 3.3 REALIZZAZIONE UFFICI UNICI UFFICIO RAGIONERIA UNICO UFFICIO TECNICO UNICO UFFICIO SEGRETERIA UNICO L istituzione degli uffici unici costituisce un innovazione sul piano dell organizzazione amministrativa e sul piano della semplificazione procedimentale, oltre a rispondere a tutto il processo di riforma in atto, che vede coinvolte le autonomie locali. Inoltre valorizza uno degli elementi di forza del sistema enti locali: il personale. L ufficio unico si struttura attraverso l utilizzo del personale già in forza nelle singole amministrazioni con una organizzazione che tende a valorizzare le capacità e le competenze dei singoli a vantaggio dell intero sistema. Questo si traduce in termini pratici attraverso l utilizzo da parte di più amministrazioni del personale facente parte dell ufficio unico e la possibilità di avere a disposizione Jolly a sostegno delle singole realtà comunali. L Ufficio Unico si basa sui seguenti principi: Coordinamento a livello sovracomunale del personale; Maggiore specializzazione e formazione del personale; Accentramento delle attività ripetitive di competenza del servizio con diminuzione del tempo ad esse dedicato da parte del personale operante presso il comune; Definizione e razionalizzazione delle procedure di predisposizione dei documenti; Uno dei principali punti di forza del sistema Comunità Montana è l aver creato un Sistema Informativo Territoriale unico per tutti i Comuni della Valle, che sta sviluppando delle potenzialità veramente notevoli e ha messo a disposizione una serie di servizi rivolti ai cittadini con una fruizione semplice e veloce. Un esempio relativo ad una qualsiasi pratica edilizia: Il cittadino/professionista entrando nel SIT ottiene in tempo reale tutte le informazioni inerenti una determinata area/fabbricato: destinazione urbanistica e relativa normativa, vincolistica presente sull area (idrogeologica, forestale, paesistica, rispetto fluviale, etc ), classe di fattibilità geologica, etc. A questo punto è a conoscenza di cosa può fare sulla sua area/fabbricato e quindi può decidere di presentare istanza di autorizzazione. Entrando nel sistema tramite la Carta Regionale dei Servizi all apposita sezione Relazione Tecnica Asseverata, si procede mediante una compilazione guidata in cui: rispondendo semplicemente si/no si completano automaticamente tutte le istanze e relativa modulistica; 16

17 ogni sezione indica la documentazione da allegare a completamento dell istanza. Se la domanda non risulta completa il sistema attraverso un semaforo rosso non consente di procedere; a semaforo verde tramite posta elettronica certificata il tutto viene inoltrato al comune di competenza per le relative istruttorie; il protocollo comunale interagisce con il sistema registrando automaticamente tutti i dati trasmessi (l operatore in tal modo non deve digitare nome, cognome, etc.). Il sistema provvede anche alla verifica della correttezza dei dati (per es. codice fiscale, mappali), consentendo un notevole risparmio di tempo oltre che una maggiore garanzia di correttezza. tutto l iter successivo segue la stessa metodologia. 3.4 SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE SUAP Lo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) è uno strumento innovativo in grado di semplificare e concludere in minor tempo le pratiche e l'iter inerente tutti gli adempimenti necessari all'avvio e gestione di una attività imprenditoriale. Presso lo sportello telematico si possono avere informazioni su cosa fare per aprire, modificare, cessare un'attività, si può ritirare la modulistica e prendere visione della normativa di riferimento. Lo Sportello telematico diviene il punto di riferimento dell'imprenditore: garantisce facilità di accesso ai servizi della Pubblica Amministrazione, informazioni sugli adempimenti utili alle imprese, una gestione delle pratiche caratterizzate da una maggiore semplicità nella presentazione delle domande e dalla certezza dei tempi, nonché la precisa individuazione del personale cui la pratica viene affidata. E importante che l imprenditore si rivolga direttamente allo Sportello Unico della Comunità Montana e dialoghi con essa via web. E l unico modo per velocizzare, con la massima trasparenza, le proprie istanze, e rappresenta l esercizio concreto di un diritto: lo Sportello Unico costituisce l unico punto di accesso per il richiedente in relazione a tutte le vicende amministrative riguardanti la sua attività produttiva e fornisce, altresì, una risposta unica e tempestiva in luogo di tutte le Pubbliche Amministrazioni comunque coinvolte nel procedimento (Legge n. 133/2008). Il SUAP diviene quindi l unico punto di riferimento per tutti gli adempimenti burocratici tra imprese e Pubblica Amministrazione e può essere riepilogato e rappresentato: S = SEMPLIFICAZIONE Attraverso l entrata a regime dei SUAP, si riducono i tempi di rilascio dei pareri e delle autorizzazioni e si snellisce in generale la procedura di avvio dell attività produttiva: semplificazione amministrativa e razionalizzazione degli atti istruttori. U = UNICITA 17

18 I procedimenti per l avvio, la conversione/trasformazione e la cessazione di attività produttive seguono un unico iter ed una modulistica uniformata ed omogeneizzata in tutto il territorio provinciale. A = ASSISTENZA Attraverso la C.M., i Responsabili e gli Operatori di Sportello hanno a disposizione un servizio di consulenza costante ed aggiornato, mirato all adeguamento del Servizio ad uno standard unificato ed efficiente, a tutto vantaggio dell utente-impresa. P = PROMOZIONE Il Coordinamento svolge una mirata attività di promozione economica del territorio, individuando eventuali criticità e carenze nel tessuto economico e indicando le più efficaci azioni da intraprendere. 3.5 GARA PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO Un importante risultato, sempre nell ambito di una visione sovraccomunale del territorio, è stato conseguito dalla Comunità Montana con lo svolgimento della gara della distribuzione gas, costituendo un ambito ottimale di circa abitanti, primo in Italia e precursore di quello che la norma è andata successivamente a definire. Questo risultato è frutto di un intenso lavoro di rapporti fra gli Enti interessati e in modo particolare con Regione e con la partecipazione ai tavoli di lavoro nazionali. La maggior parte dei Comuni della Valle ha una popolazione relativamente bassa e con un utenza molto sparsa quindi con poca attrattività per i gestori. L unione di tutti i Comuni della Valle, ma ancor più, il coinvolgimento di tutti i Comuni dell area Brescia Est ha generato un bacino di abitanti, un area grande quasi come l intera provincia di Cremona con un potere contrattuale nei confronti dei gestori molto forte. Questa unione ha dato forza all operazione con un palpabile vantaggio sia per i grossi comuni che, oltre ad avere costi di gara bassissimi, si sono visti riconoscere dei canoni maggiori, sia per i piccoli comuni i quali oltre al canone per loro quasi insperato se fossero rimasti da soli, hanno la certezza di avere un ottimo servizio, in quanto il gestore si muoverà sull intero territorio con una sede operativa in loco. Non ultimo il vantaggio di essere riusciti ad ottenere notevoli investimenti per l ottimizzazione del servizio ed il mantenimento dell efficienza delle strutture. 3.6 GARA PER SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI Con lo stesso principio e con le stesse motivazioni sopra esposte per la gara del gas, la Comunità Montana ha esperito un unica gara per il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti per tutti i Comuni della Valle. Oltre ai vantaggi economici e di ottimizzazione del servizio va qui sottolineato come la Comunità Montana abbia svolto un importante ruolo a favore dei piccoli Comuni montani. Attraverso la gara unica si 18

19 è infatti ottenuta l applicazione delle medesime tariffe sia per i grossi Comuni di fondo valle che per i piccoli Comuni Montani. Questo risultato sarebbe stato impensabile se non ci fosse stata questa unione e quindi la possibilità anche per il gestore di ottimizzare il servizio ed offrire tariffe molto competitive. 3.7 PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE P.I.F. Il Piano di Indirizzo Forestale provvede all attribuzione del concetto di attitudine potenziale (o funzione) ai comprensori boscati ricadenti nella propria area di indagine. Per attitudine potenziale si intende la capacità delle formazioni forestali di erogare determinati beni e servizi in relazione alle proprie caratteristiche intrinseche ed estrinseche, le quali non sono necessariamente correlate con il reale utilizzo del bosco. Ovviamente il bosco esercita tutte le funzioni contemporaneamente e la gestione dovrebbe tendere a non pregiudicarne alcuna, anche se per opportunità legate proprio al contesto in cui il bosco si trova a vegetare, può tendere ad enfatizzarne una o più. Il Piano di Indirizzo Forestale definisce la predisposizione di ciascun complesso forestale ad erogare determinati beni o servizi, indipendentemente dall utilizzo attuale e che dovrebbe costituire un obiettivo per la gestione, e lo fa attraverso un metodo di seguito illustrato che è in grado di sintetizzare, su piattaforma GIS, informazioni territoriali qualificanti la funzione di volta in volta indagata. Le attitudini individuate dal Piano di Indirizzo Forestale vanno intese come indicazioni generali ed orientative delle scelte selvicolturali. Costituiscono una base conoscitiva per supportare e orientare l applicazione degli indirizzi selvicolturali delle proprietà assestate nella fase di revisione dei Piani di Assestamento Forestale vigenti, o durante la presentazione delle denunce di taglio da parte dei proprietari di ambiti forestali non pianificati. 3.8 RETICOLO IDRICO MINORE R.I.M. L Ente ha in corso da tempo un attività finalizzata a sostenere i comuni nella gestione del Servizio Reticolo Idrico Minore per la gestione dei corsi d acqua divenuti di competenza comunale in seguito alla delega conferita dalla Regione Lombardia nel L attività è stata rivolta prima di tutto all individuazione del Reticolo Idrico e alle occupazioni in alveo e quindi all inserimento nel SIT. Il lavoro è stato svolto mediante sopralluoghi con conseguente rilievo, successivamente si è provveduto alla sovrapposizione con la carta dei dissesti della Regione Lombardia, e lo studio geologico del comune di riferimento. 19

20 Lo strumento consente la riscossione dei canoni di concessione, oltre all individuazione delle situazioni di rischio per gli abitati e le strutture con la proposta di un piano tecnico finanziario quale strumento di programmazione delle opere di difesa e protezione civile. 3.9 PIANO OPERATIVO Stessa filosofia e impostazione è stata attuata per predisporre un Piano di sviluppo integrato d area o di filiera Piano Operativo (P.O.) quale strumento in grado di coordinare e concretizzare azioni ed interventi di prevenzione del dissesto idrogeologico e di difesa del suolo atti alla salvaguardia del territorio, oltre ad interventi di miglioramento forestale e di sostegno a imprese boschive e consorzi forestali, il tutto in conformità agli strumenti pianificatori della Comunità Montana PIANO VIABILITÀ AGRO-SILVO-PASTORALE Il Piano della Viabilità Agro-Silvo-Pastorale costituisce lo strumento conoscitivo del patrimonio viabilistico a servizio dell attività agricola e forestale dell intero territorio della Valle Sabbia, permette di avere una visione d insieme del sistema infrastrutturale e consente di: migliorare e ottimizzare le condizioni di lavoro nei boschi; ridurre le spese di taglio, consentendo l accesso agli operatori con attrezzature nel bosco; facilitare le attività antincendio e di pronto intervento; incrementare la fruizione turistico ricreativa di zone di rilevante interesse paesistico ambientale; facilitare la realizzazione di interventi di manutenzione diffusa del territorio, interventi di difesa del suolo e sistemazioni idraulico-forestali. Questo Piano permette inoltre di programmare, a livello di Valle, gli interventi di manutenzione, nuova costruzione e recupero delle strade forestali e di monitorare lo stato di percorribilità delle stesse al fine di migliorarne la sicurezza e di razionalizzare l utilizzo delle risorse finanziarie disponibili. Il sistema della viabilità agro-silvo-pastorale così pianificato è stato inserito in un apposita cartografia digitale (GIS), ottenendo una banca dati georeferenziata accessibile a tutti attraverso il SIT della Comunità Montana. Questa cartografia digitale consente di associare la visualizzazione grafica delle infrastrutture alle informazioni disponibili (denominazione, lunghezza, larghezza, pendenza max, tipologia del fondo ), di aggiornarle in modo dinamico in base alle variazioni che si verificano nel tempo e di rendere disponibili i dati alle Pubbliche Amministrazioni, ai Tecnici e ai cittadini per le più svariate esigenze. 20

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli