Il Benessere Equo e Sostenibile nei Comuni: il caso di Palermo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Benessere Equo e Sostenibile nei Comuni: il caso di Palermo"

Transcript

1 Il Benessere Equo e Sostenibile nei Comuni: il caso di Palermo Girolamo D Anneo ECONOMIA SICILIANA Si illustrano i risultati del progetto urbes che ha portato alla definizione di indicatori di Benessere Equo e Sostenibile, soffermandosi in particolare sulle evidenze raccolte per il Comune di Palermo 1. Introduzione Negli ultimi anni si è sviluppato un ampio dibattito sulla misurazione del benessere, concetto ben più ampio e articolato del solo aspetto economico. Ferma restando l importanza del PIL quale misura della ricchezza di una comunità, infatti, ci sono altre dimensioni di cui è necessario tener conto se si vuole misurare il livello di benessere, quali ad esempio: le relazioni sociali, il lavoro, la salute, la sicurezza, l ambiente, il benessere soggettivo. Fra le esperienze più significative, a livello internazionale, ricordiamo: la Commissione voluta nel 2008 dall allora Presidente francese Sarkozy, presieduta da Joseph E. Stiglitz (con Amartya Sen e Jean-Paul Fitoussi, fra i cui membri figurava anche Enrico Giovannini, attuale Ministro del Lavoro), i cui lavori hanno confermato la necessità di un approccio multidimensionale al tema del benessere, con un ruolo importante della componente soggettiva,

2 il Better Life index proposto dall OCSE, che prende in considerazione 11 dimensioni 1 per misurare il benessere, il World Happiness Report (Rapporto sulla Felicità nel mondo 2 ) dell ONU, giunto alla seconda edizione (presentata lo scorso 9 settembre), che prende in considerazione, oltre al PIL procapite, anche l aspettativa di vita, l assenza di corruzione, la generosità, la libertà di scelta e la solidarietà. In Italia, l Istat e il Cnel hanno avviato, a fine 2010, un processo che ha portato alla definizione del BES (Benessere Equo e Sostenibile), primo tentativo italiano di misurare il benessere attraverso un approccio multidimensionale. Al termine di questa fase, che ha avuto anche importanti momenti di condivisione con i cittadini, sono stati individuati 134 indicatori, di cui una buona parte soggettivi, suddivisi in 12 domini 3. Il primo Rapporto BES è stato presentato l 11 marzo Il progetto urbes Il processo che ha portato allo sviluppo del Progetto urbes ha avuto avvio a febbraio del 2012, quando il Presidente dell Istat, facendo propria l iniziativa del Comune di Bologna 1 Community, education, environment, civic engagement, health, housing, income, jobs, life satisfaction, safety, work-life balance. I primi posti sono occupati da Australia, Svezia, Canada; l Italia occupa il 23 posto, dopo Giappone e Repubblica Ceca, e prima di Israele e Polonia. Per maggiori informazioni: 2 La graduatoria vede ai primi posti Danimarca, Norvegia, Svizzera, Paesi Bassi, Svezia e Canada; l Italia occupa il 45 posto, dopo Giappone e Slovenia, e prima di Slovacchia e Guatemala. Per maggiori informazioni: 3 Salute, Istruzione e formazione, Lavoro e conciliazione tempi di vita, Benessere economico, Relazioni sociali, Politica e istituzioni, Sicurezza, Benessere soggettivo, Paesaggio e patrimonio culturale, Ambiente, Ricerca e innovazione, Qualità dei servizi. Per maggiori informazioni:

3 e del Centro di ricerca Laboratorio Urbano, ha invitato le Città metropolitane ad aderire al Progetto, che costituisce la declinazione a livello locale del BES, ovvero il tentativo di misurare il benessere equo e sostenibile non soltanto a livello nazionale o regionale, ma anche a livello urbano. Il Comune di Palermo, insieme alla maggior parte delle città metropolitane, ha immediatamente manifestato grande interesse per il Progetto. L 11 aprile dello stesso anno si è tenuta a Roma la riunione istitutiva del Progetto, e ne è stata delineata una prima road map. Il processo si è sviluppato grazie ad una stretta collaborazione fra gli Uffici di statistica dei Comuni e gli Uffici regionali dell Istat, e facendo ampio ricorso a web-conference, e- mail e community (all interno del nuovo portale del Sistan). Al termine, sono stati individuati 26 indicatori (rispetto ai 134 del BES) immediatamente disponibili a livello comunale e/o provinciale, che coprono 10 dei 12 domini del BES 4. Ciascun Comune ha inoltre potuto arricchire in vari modi il numero degli indicatori. Alcuni Comuni, ad esempio, utilizzando dati propri sia di fonte campionaria che amministrativa, hanno potuto aggiungere il dettaglio comunale ad alcuni indicatori del BES generalmente disponibili al massimo fino al livello provinciale. Altri Comuni hanno potuto utilizzare, con il coordinamento tematico e metodologico dell Istat, ulteriori indicatori ritenuti particolarmente importanti per monitorare aspetti specifici del benessere nelle città Salute, 2. Istruzione e Formazione, 3. Lavoro e conciliazione dei tempi di vita, 4. Benessere economico, 5. Politica e Istituzioni, 6. Sicurezza, 7. Paesaggio e Patrimonio culturale, 8. Ambiente, 9. Ricerca e Innovazione, 10. Qualità dei Servizi. Rimangono scoperti i domini Relazioni sociali e Benessere soggettivo. 5 Il Comune di Palermo, ad esempio, ha proposto 3 indicatori relativi agli incidenti stradali, nell ambito del dominio Sicurezza (sub-dominio Sicurezza stradale), un indicatore relativo alla qualità ambientale del parco autoveicoli (dominio Ambiente), e tre indicatori relativi al reddito e al risparmio, che sono stati oggetto del focus di approfondimento: reddito imponibile procapite, depositi bancari procapite e impieghi bancari procapite.

4 Il processo ha funzionato, e ha messo in luce una proficua e innovativa cooperazione tra l Istat, sia a livello centrale che a livello regionale, e gli Uffici di statistica degli Enti locali coinvolti nel Progetto, costituendo una vera e propria "rete urbes" all interno della rete del Sistema statistico nazionale. E interessante notare come questa iniziativa abbia determinato fra gli Enti partecipanti l avvio di un attenta analisi volta alla ricerca e alla valorizzazione di informazioni utili per arricchire il Progetto. Essa ha anche stimolato ciascuna città a leggere i dati che la riguardano, in modo da fornire una rappresentazione multidimensionale dello stato del benessere nella propria realtà locale e delle linee di evoluzione che si sono manifestate nel periodo dal 2004 al 2012, costituendo pertanto un momento di crescita del ruolo e della professionalità degli Uffici di statistica dei Comuni. Il 15 giugno 2013 è stato presentato a Pesaro il I Rapporto urbes 6 : in poco più di un anno, si è passati dall avvio del Progetto alla realizzazione del Rapporto. In un tempo relativamente breve è stato realizzato un prodotto che rappresenta la declinazione territoriale del benessere equo e sostenibile, che prende in esame le città metropolitane e alcuni altri territori che hanno manifestato interesse al Progetto. Il Rapporto è costituito da 15 capitoli, redatti dai Comuni che hanno partecipato al Progetto, che offrono una prima descrizione delle tendenze e dei livelli di benessere nelle città italiane, applicando in termini omogenei i concetti e le metodologie del BES. 6 Per maggiori informazioni:

5 Figura 1: il I Rapporto urbes Il prodotto ha funzionato: il Rapporto propone, in una veste editoriale particolarmente riuscita, un analisi interessante e innovativa dei territori. Dalla lettura del Rapporto emerge infatti un quadro complessivo che, nonostante il limitato numero di indicatori rispetto al BES, ben descrive le diverse realtà comunali e metropolitane. Oltre al commento sull andamento dei 26 indicatori individuati, ciascun Comune ha avuto la possibilità di sviluppare specifici approfondimenti, utilizzando ulteriori indicatori non presenti nel BES, arricchendo ulteriormente l analisi del livello di benessere a livello locale 7. 7 Il Comune di Palermo ha proposto un approfondimento sul reddito e risparmio, Genova sul patrimonio culturale, Milano sulla spesa per consumi, Brescia sull astensionismo elettorale, Venezia sulla qualità delle acque, Bologna sulla distribuzione del reddito, Firenze sul benessere economico, Pesaro e Urbino sull istruzione, Roma sugli incidenti stradali, Napoli sulla rete commerciale, Messina sulle spese per consumi dei turisti, Cagliari sulla spesa sociale

6 Un plauso va fatto alla scelta di non aver fatto la solita graduatoria dei comuni, ma di aver proposto per ciascun indicatore confronti fra i risultati del singolo Comune e quelli relativi alle aree territoriali di riferimento (provincia, regione, ripartizione geografica) e, soprattutto, di aver proposto la serie storica dei valori dal 2004 al 2012, in modo da poter studiare l evoluzione nel tempo del fenomeno. Naturalmente ciò non significa che non è possibile effettuare confronti territoriali, considerato che la base informativa è comune, ma semplicemente che non è l obiettivo prioritario del progetto. Un plauso va fatto anche alla scelta di non aver proposto un indicatore sintetico, ma di aver offerto un analisi multidimensionale. Il concetto di benessere, infatti, è troppo complesso e articolato per essere ridotto ad un solo numero. A fronte dei descritti punti di forza, il Rapporto presenta anche alcuni limiti: un modello a geometria variabile, con alcuni indicatori a livello provinciale e altri a livello comunale un numero ridotto di indicatori, 26 contro i 134 del BES. Come rilevato dal Comitato CNEL ISTAT, nell introduzione del documento di selezione degli indicatori del Progetto BES, mentre la maggior parte delle informazioni sono disaggregabili per regione, la disponibilità di indicatori provinciali (e aggiungo io comunali) risulta drasticamente limitata. un analisi sbilanciata su alcune dimensioni a scapito di altre (Salute 6 indicatori, Politica e istituzioni 5 indicatori, contro Sicurezza o Benessere economico, 1 indicatore, e Relazioni sociali e Benessere soggettivo, zero indicatori) Infine, la componente soggettiva, alla quale l Istat e il CNEL riconoscono un ruolo fondamentale nel fornire informazioni complementari di assoluta rilevanza 8, è assente. 8 Comitato CNEL - ISTAT sugli indicatori di progresso e benessere - La misurazione del Benessere Equo e Sostenibile (BES), 25 giugno 2012

7 3. I risultati: il benessere equo e sostenibile a Palermo Pur con i limiti sopra evidenziati, il Rapporto urbes costituisce il primo riuscito tentativo di misurare alcuni aspetti del benessere delle città italiane. Come ne esce la città di Palermo? Non bene, soprattutto con riferimento alle dimensioni istruzione e formazione, lavoro, qualità dei servizi e propensione all innovazione. Nelle righe che seguono viene proposto un breve commento ai principali risultati, riferiti, come già detto, in alcuni casi alla città di Palermo, in altri casi alla Provincia. Tavola 1: Indicatori Bes per comune, provincia, regione e ripartizione geografica: Palermo

8 Salute. La vita media in provincia di Palermo è pari a 78,6 anni per gli uomini e a 83,5 per le donne. Si tratta di valori sostanzialmente allineati a quelli relativi all intera Sicilia e al Mezzogiorno, mentre i corrispondenti dati nazionali risultano leggermente più elevati. Rispetto al 2004, la vita media nella provincia di Palermo è aumentata di quasi 11 mesi per gli uomini e di un anno per le donne, secondo una tendenza riscontrabile anche a livello regionale. La differenza di genere è a vantaggio delle donne di 4,9 anni. Il tasso di mortalità infantile della provincia di Palermo, pari nel 2010 a 39,2, è inferiore a quello regionale (46,4) e del Mezzogiorno (40,2), ma significativamente più elevato del dato nazionale (31,6). Fra il 2006 e il 2010, a fronte di un trend costantemente decrescente a livello nazionale, in provincia di Palermo si è registrato un incremento della mortalità per incidenti stradali fino al 2008, quando è stato raggiunto il valore di 1,2, e successivamente una decisa inversione di tendenza che in 2 anni ha comportato un dimezzamento del fenomeno. Analogamente a quanto si registra su tutto il territorio nazionale, la mortalità per incidenti dei mezzi di trasporto colpisce prevalentemente il sesso maschile (1,1 morti ogni abitanti in età anni) e in misura residuale il sesso femminile (0,1 morti ogni abitanti in età anni). La mortalità per tumore in età dai 20 ai 64 anni è pari nel 2010 a 9,4 casi per abitanti, superiore a quella regionale (9,0), ripartizionale (9,1) e nazionale (9,0). Diversamente dall andamento registrato per il Paese nel complesso, che mostra un trend decrescente dal 2006 al 2010, in provincia di Palermo si assiste dal 2006 al 2007 ad una decisa crescita e ad una successiva diminuzione negli anni seguenti. La mortalità per tumore colpisce di più gli uomini (10,9 morti ogni abitanti in età anni) che non le donne (8,1 ogni abitanti in età anni).

9 Istruzione e formazione. Gli studenti palermitani fanno registrare un gap di competenze, sia alfabetica che numerica, rispetto a quelli del Mezzogiorno e soprattutto rispetto alla media degli studenti italiani. È quanto si rileva, nell anno scolastico 2011/2012, dai risultati delle prove Invalsi degli studenti di secondo anno delle scuole secondarie di secondo grado. Più in particolare, il livello di competenza alfabetica degli studenti palermitani è pari a 188,6 contro un valore riferito al Mezzogiorno di 190,6 e un valore nazionale di 200,0. Il livello di competenza numerica è invece pari a 189,9, anche in questo caso inferiore sia al valore del Mezzogiorno (192,6) che a quello medio nazionale (200,0), e di poco superiore rispetto al valore provinciale (188,5). Lavoro e conciliazione dei tempi di vita. Nel 2012, in provincia di Palermo, soltanto il 43,4% delle persone dai 20 ai 64 anni risulta occupato, 4,3 punti percentuali in meno di quanto registrato nel Tale livello occupazionale, assai critico, risulta nel 2012 inferiore di 4,2 punti rispetto al Mezzogiorno, di ben 17,6 punti rispetto alla media nazionale, e addirittura di 26,6 punti rispetto all obiettivo della strategia di Lisbona (tasso di occupazione al 70%). Elevatissimo il divario di genere, sebbene negli ultimi anni si sia lentamente ridotto: nel 2012 il tasso di occupazione maschile nella provincia di Palermo è pari al 56,9%, inferiore di 14,7 punti rispetto alla media nazionale, mentre quello femminile si ferma al 30,4%, ovvero la metà dell obiettivo della strategia di Lisbona (tasso di occupazione femminile al 60%) e inferiore di 20 punti rispetto alla media nazionale. Benessere economico. Nel 2010, il reddito disponibile pro capite delle famiglie consumatrici nella provincia di Palermo è risultato pari a euro. Il valore della provincia è superiore a quello regionale ( euro) e ripartizionale (12.790), ma risulta inferiore a quello nazionale (17.029).

10 Politica e istituzioni. La propensione alla partecipazione elettorale, osservata attraverso l andamento dei dati delle elezioni del Parlamento Europeo, mostra nel comune capoluogo una forte tendenza alla diminuzione, che del resto si verifica anche a livello provinciale, ripartizionale e (in misura minore) nazionale. A Palermo la percentuale di persone di 18 anni e più che ha partecipato alle elezioni del 2009 è stata pari ad appena il 44,2%, valore significativamente più basso del dato del Mezzogiorno (58,6%) e di quello nazionale (66,5%). La bassa (e fortemente decrescente) partecipazione alle elezioni del Parlamento Europeo potrebbe in parte essere espressione di un crescente disinteresse nei confronti di quella che viene percepita come la più distante fra le Istituzioni. Se infatti si prende in esame la partecipazione elettorale alle ultime elezioni amministrative, tenutesi a Palermo il 6 e 7 maggio 2012 per l elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale, la percentuale di votanti sale al 63,2%. Molto bassa, a Palermo ancor più che a livello nazionale, la percentuale di donne presenti nel Consiglio Comunale nel periodo , anche se in occasione delle ultime elezioni amministrative del 6 e 7 maggio 2012 si è registrato un netto aumento rispetto alle precedenti elezioni: sono state elette 10 donne (pari al 20% del totale degli eletti), contro le 6 del 2007 (12% del totale degli eletti). Il dato del 2012, peraltro, risulta sensibilmente più elevato della media del Mezzogiorno (dove le donne elette sono pari al 14,8% del totale degli eletti), e sfiora il valore medio nazionale (20,5%). Sicurezza. Nel 2011 il tasso di omicidi nel comune di Palermo è risultato pari a 1,2 per abitanti: un valore leggermente inferiore rispetto a quello provinciale e del Mezzogiorno (1,3 in entrambi i casi), uguale al dato regionale ma superiore alla media nazionale (0,9). Nel corso degli anni, il fenomeno evidenzia forti oscillazioni, legate anche all esiguità degli eventi osservati; in ogni caso, dal 2006 al 2010 il tasso di omicidi del comune si è mantenuto al di sotto di quello medio nazionale.

11 Con riferimento alla sicurezza stradale, nel 2011 nel comune di Palermo si sono verificati 392,9 incidenti con danni alle persone ogni residenti, quasi 16 casi (per ) in più rispetto al Il tasso di mortalità stradale è pari a 5 deceduti per residenti, in diminuzione rispetto al 2010, confermando così la tendenza già registrata in quell anno. A livello nazionale il tasso di incidentalità stradale mostra, rispetto al comune di Palermo, valori più bassi (346,2 incidenti per abitanti nel 2011), mentre il tasso di mortalità stradale è più elevato (6,5 morti per residenti). Paesaggio e patrimonio culturale. Nella città di Palermo, la presenza di aree verdi e parchi urbani di interesse storico o artistico, rappresenta l 1,1% della superficie dei centri abitati; si tratta di una quota sensibilmente più bassa rispetto a quanto rilevato per l insieme dei comuni capoluogo di provincia. Per quanto riguarda il tessuto urbano storico, prendendo in considerazione lo stato di conservazione degli edifici abitati costruiti prima del 1919, nel comune di Palermo (secondo i risultati del Censimento 2001) soltanto il 29,2% di essi risulta in ottimo o buon stato. Si tratta di un valore basso, inferiore di oltre 16 punti percentuali rispetto al corrispondente dato provinciale, di oltre 22 rispetto a quello del Mezzogiorno e di oltre 32 rispetto al dato medio nazionale. Ambiente. Con riferimento alla qualità dell aria, il monitoraggio del materiale particolato PM10 nel comune di Palermo ha evidenziato che nel 2011 il valore limite per la protezione della salute umana è stato superato per 66 giorni, a fronte di una media per tutti i capoluoghi di provincia pari a 54,4 giorni. Tale valore, in crescita rispetto al 2010 (quando il valore limite era stato superato per 59 giorni), è in ogni caso sensibilmente più basso rispetto ai picchi registrati nel 2007 (109 giorni) e soprattutto nel 2006 (210 giorni).

12 Altre indicazioni sulla qualità dell aria sono ricavate dalla qualità ambientale del parco autoveicoli circolanti, indicatore calcolato rapportando gli autoveicoli in classe euro 4, euro 5 ed euro 6 al totale degli autoveicoli circolanti. A Palermo, nel 2011, il 40% delle autovetture circolanti appartiene alle classi sopra richiamate, percentuale in netta crescita rispetto agli anni precedenti: nel 2007 le autovetture meno inquinanti rappresentavano poco più del 22%. Ricerca e innovazione. Nella provincia di Palermo, il ruolo delle attività volte alla ricerca e innovazione, misurato attraverso il numero totale di domande di brevetto presentate all Ufficio Europeo dei Brevetti (Epo), risulta estremamente limitato. Infatti, nel 2008 la propensione alla brevettazione è risultata pari a 7,6 casi per milione di abitanti, a fronte di 8,6 casi a livello regionale, di 13 per il Mezzogiorno e di 69,6 per l intero Paese. Nel confronto con il 2004, la propensione alla brevettazione della provincia di Palermo è diminuita, passando da 10,2 a 7,6 casi per milione di abitanti. Qualità dei servizi. La quota di bambini di 0-2 anni che usufruiscono dei servizi per l infanzia nella provincia di Palermo si attesta nel 2010 intorno al 5%, ossia su livelli leggermente inferiori rispetto a quelli già estremamente contenuti della Sicilia e del Mezzogiorno. Risulta assai penalizzante il confronto con la media nazionale, pari al 14%. La raccolta differenziata nel 2010 nella città di Palermo si è attestata al 7,7% della raccolta totale, un valore molto basso, sia pure di poco superiore rispetto al dato provinciale (6,8%). Si tratta di valori sensibilmente inferiori rispetto a quelli del Mezzogiorno (21,2%) e alla media nazionale (35,3%), oltre che assai lontani dagli obiettivi fissati dalla normativa vigente. La recente introduzione, in un numero crescente di zone della città, del servizio di raccolta differenziata "porta a porta" potrà contribuire, con ogni probabilità, ad incrementare la percentuale di raccolta differenziata che, secondo i primi dati disponibili del comune di Palermo, nel 2011 è già passata al 10,2%.

13 4. I risultati: confronti territoriali Tavola 2 - Confronti territoriali per alcuni indicatori Bes Tasso di mortalità per tumore Livello di competenza Livello di competenza Tasso di mancata Tasso di partecipazion occupazione e al lavoro 15- Reddito disponibile delle famiglie consumatrici Bambini da 0 a 2 anni che hanno usufruito dei servizi per Raccolta differenziata dei rifiuti indicatore Speranza di vita alla nascita anni alfabetica numerica anni 74 anni pro capite l'infanzia urbani competenza territoriale (P=Provincia; P P P C C P P P P C C=Comune) anno / / genere M F M+F M+F M+F M+F M+F M+F Torino 79,6 84,7 9,3 202,7 207,9 67,3 13, ,7 43,3 Genova 79,2 84,2 8,7 204,2 207,2 66,9 13, ,3 27,8 Milano 80,1 85,2 8,8 203,4 207,7 70,7 12, ,3 35,9 Brescia 79,5 84,7 9,8 209,4 214,0 66,3 11, ,3 40,2 Venezia 79,4 85,0 8,6 205,9 206,3 65,9 13, ,1 35,6 Bologna 80,3 85,1 9,1 209,5 219,7 72,8 10, ,7 34,8 Firenze 80,3 85,0 8,8 191,7 195,1 71,6 10, ,3 38,4 Pesaro e Urbino 80,5 85,7 7,0 208,2 202,9 70,9 13, ,8 42,6 Roma 79,4 84,3 9,4 200,9 200,0 65,4 16, ,6 22,0 Napoli 77,2 82,2 11,4 185,9 187,1 40,1 42, ,2 17,7 Bari 80,4 84,6 7,9 197,6 204,0 52,1 28, ,8 20,1 Reggio di Calabria 79,0 84,5 8,4 196,7 194,4 44,0 39, ,9 8,2 Palermo 78,6 83,5 9,4 188,6 189,9 43,4 40, ,8 7,7 Messina 78,8 83,2 8,4 191,0 194,4 47,8 34, ,3 5,3 Cagliari 79,5 85,4 9,9 190,8 184,8 56,1 26, ,0 33,4 Tavola 2: Confronti territoriali per alcuni indicatori Bes Come già detto, il Rapporto urbes non offre confronti diretti fra i risultati dei diversi comuni; tuttavia, grazie all impiego degli stessi indicatori, è possibile conoscere come il livello di benessere si differenzia sul territorio. Così, ad esempio, la speranza di vita è più alta al nord, e in particolare a Bologna, Milano e Firenze, dove mediamente di vivono tre anni in più rispetto a Napoli, che presenta il valore più basso. Napoli ha anche un altro primato negativo, quello del più alto tasso di mortalità per tumore nella fascia di età anni. Forti differenze territoriali anche sul versante dell istruzione, almeno a giudicare dai risultati dei test Invalsi degli studenti di scuola media, con tutte le città del sud (ad eccezione di Bari) nettamente al di sotto delle città del nord (ad eccezione di Firenze). Particolarmente negativi i risultati delle città isolane, Palermo, Messina e Cagliari, dove

14 sia la competenza alfabetica che quella numerica sono fra le più basse fra tutte le città in esame. Gli indicatori relativi al mercato del lavoro sono forse quelli che più di altri mettono in evidenza il divario fra il nord e il sud del Paese: il tasso di occupazione delle città del mezzogiorno oscilla fra il 40,1% di Napoli e il 56,1% di Cagliari, mentre fra le città del centro-nord oscilla fra il 65,4% di Roma e il 72,8% di Bologna. Ancora più pesanti le differenze nel tasso di mancata partecipazione al lavoro: al sud si va dal 26,3% di Cagliari al 42,9% di Napoli, mentre al centro-nord dal 10% di Bologna al 16,5% di Roma, Altro indicatore che esprime forti differenze territoriali fra nord e sud è il reddito disponibile, che nelle città del sud oscilla fra i euro di Napoli e i di Cagliari, mentre nelle città del centro-nord varia fra i euro di Brescia e i di Milano. L Italia è divisa in due, con il sud particolarmente svantaggiato rispetto al centro-nord, anche con riferimento ai servizi. La percentuale di bambini fino a 2 anni che hanno fruito di servizi per l infanzia nelle città del centro-nord parte da un minimo del 14-15% di Venezia, Brescia e Torino, a più del 25% di Milano, fino al 36,7% di Bologna; nelle città del sud, invece, con la sola eccezione di Cagliari (18%), i bambini che hanno fruito di servizi per l infanzia sono una percentuale estremamente ridotta: 2,2% a Napoli, 2,8% a Bari, 4,8% a Palermo. Relativamente alla raccolta differenziata, solo Napoli (17,7%) e Bari (20,1%) riescono a superare il 10%, e addirittura Palermo e Messina si fermano, rispettivamente, al 7,7% e al 5,3%. Nelle città nel centro-nord, invece, con l eccezione di Roma (22%) e Genova (27,8%), la percentuale di raccolta differenziata è sempre superiore al 30%, e in più casi anche al 40%: Torino 43,3%, Brescia 40,2%, Pesaro 42,6%.

15 5. Le prospettive di sviluppo Come può crescere il Progetto? Una prima opportunità è stata illustrata dall Istat lo scorso 3 settembre alla Conferenza annuale dell AISRe a Palermo, ed è costituita dallo sviluppo di set di indicatori specifici per le città, non presenti nel BES, al fine di adattare il modello alle esigenze informative delle grandi città. Una seconda opportunità è costituita dagli indicatori aggiuntivi proposti dai Comuni: va valutata la possibilità di standardizzare il calcolo per tutti i Comuni, in modo da ampliare la base informativa comune del Progetto, andando ad alimentare principalmente le dimensioni del benessere che attualmente presentano un numero limitato di indicatori. L Istat, come peraltro ha già fatto, deve svolgere un ruolo di garanzia della correttezza metodologica dei nuovi indicatori, della pertinenza rispetto al progetto UrBES e alla specifica dimensione, e della standardizzabilità, anche al fine di evitare che ciascun comune abbia un set di indicatori diverso dagli altri Una terza opportunità è costituita dalla possibilità di elaborare informazioni per le grandi città utilizzando le indagini campionarie già inserite nel Programma statistico nazionale. Oggi i risultati di queste indagini offrono un dettaglio territoriale che nel migliore dei casi arriva al livello provinciale, ma spesso si ferma al livello regionale. Occorre approfondire se ricorrere al sovracampionamento (e in questo caso è necessario quantificare i costi e trovare le risorse necessarie) o a tecniche di stima per piccole aree. Si pensi ad esempio all indagine sulle forze di lavoro, che fornisce informazioni sul mercato del lavoro, all indagine sui consumi delle famiglie, e all indagine EUSILC sul reddito e condizioni di vita, che forniscono informazioni sul benessere economico. Peraltro, questa terza opportunità potrebbe dare risposta anche al problema degli indicatori soggettivi. Oggi costituiscono una grande criticità, una lacuna da colmare, possibilmente in modo unitario e standardizzato, (ad esempio anche in questo caso con sovracampionamento e/o stime per piccole aree), piuttosto che con indagini effettuate

16 individualmente dai singoli comuni. La prima ipotesi consentirebbe, infatti, insieme ad un impianto metodologico condiviso e robusto, anche la possibilità di confrontare i risultati delle diverse realtà territoriali. Si pensi in questo caso all indagine multiscopo. Indagine multiscopo che, peraltro, in passato (nel 1998) è già stata oggetto di un sovracampionamento al fine di fornire le stime anche per le grandi città italiane. Certamente importanti prospettive di sviluppo per il Progetto urbes potranno arrivare dal prossimo passaggio al censimento permanente, introdotto dal Decreto Legge 179/2012, fra i cui obiettivi vi è l elaborazione di dati socioeconomici e di dati sulle abitazioni aggiornati annualmente a livello comunale. Ci sono altri due aspetti che accrescono l importanza del Progetto urbes: le Città metropolitane e le Comunità intelligenti. In un momento storico in cui è tornato d attualità, sia a livello nazionale che a livello regionale, il tema del riordino degli Enti Locali, e in particolare il rilancio delle Città metropolitane, acquista particolare rilievo lo spirito iniziale del progetto, volto proprio ad arricchire la quantità di informazioni disponibili per le Città metropolitane. Il Progetto urbes costituisce infatti un occasione di crescita per la statistica ufficiale italiana, e in particolare per colmare uno dei principali suoi limiti attuali: la ridotta disponibilità di informazioni statistiche a livello locale. Il Rapporto urbes può costituire anche una prima risposta a quanto previsto dal Decreto Legge 179/2012 che, all art. 20 9, dedicato alle Comunità intelligenti, prevede, fra l altro, 9 Comma 12. Ai fini della realizzazione del sistema di monitoraggio, e per valutare l'impatto delle misure indicate nel piano nazionale delle comunità intelligenti, l'agenzia, sentito il comitato tecnico, di concerto con ISTAT: a) definisce, sentita l'anci, un sistema di misurazione basato su indicatori statistici relativi allo stato e all'andamento delle condizioni economiche, sociali, culturali e ambientali delle comunità intelligenti e della qualità di vita dei cittadini; tra tali indicatori sono inclusi: indicatori di contesto o di risultato;

17 che l Agenzia per l Italia digitale, ai fini della realizzazione del sistema di monitoraggio, di concerto con l Istat, definisca un sistema di misurazione basato su indicatori statistici relativi allo stato e all andamento delle condizioni economiche, sociali, culturali e ambientali delle Comunità intelligenti e della qualità della vita dei cittadini. Tra gli indicatori sono inclusi indicatori per la misurazione del livello di benessere soggettivo dei cittadini e della loro soddisfazione rispetto ai servizi della comunità in cui risiedono : proprio ciò che il Progetto urbes intende misurare. In conclusione, si può senz altro condividere l auspicio espresso dall allora Presidente dell Istat (oggi Ministro del lavoro) nel corso dell audizione presso la Commissione Bilancio, tesoro e programmazione della Camera dei Deputati 10 : l elaborazione della base informativa necessaria alla misura del Bes, anche a livello territoriale spinto (regioni, province, aree metropolitane, ecc) potrebbe essere inserita tra i compiti indicatori relativi alle applicazioni tecnologiche funzionali alle misure adottate delle comunità intelligenti; indicatori di spesa o investimento; i dati dei bilanci delle pubbliche amministrazioni oggetto della misurazione, da acquisire dalla Banca dati delle amministrazioni pubbliche costituita ai sensi dell'articolo 13 della legge 31 dicembre 2009, n. 196, sulla base dello schema di classificazione adottato nell'ambito della stessa, individuando uno schema comune di riclassificazione che ne faciliti la lettura e l'utilizzo in riferimento al sistema di indicatori definito; indicatori per la misurazione del livello di benessere soggettivo dei cittadini e della loro soddisfazione rispetto ai servizi della comunità in cui risiedono; b) avvalendosi dei dati e della collaborazione dell'istat e degli enti appartenenti al Sistema statistico nazionale (SISTAN), definisce il processo di raccolta, gestione, analisi e indicizzazione dei dati, promuove sistemi e applicazioni di visualizzazione e provvede affinché i dati raccolti all'interno del sistema di monitoraggio delle comunità intelligenti siano accessibili, interrogabili e utilizzabili dagli enti pubblici e dai cittadini, in coerenza con la definizione di «dati di tipo aperto»; c) inserisce nel rapporto annuale di cui al comma 1, lettera b), l'analisi delle condizioni economiche, sociali, culturali e ambientali delle comunità intelligenti, con particolare riguardo allo stato di attuazione e all'effettivo conseguimento degli obiettivi indicati nel piano nazionale delle comunità intelligenti. 10 Indagine conoscitiva sull individuazione di indicatori di misurazione del benessere ulteriori rispetto al PIL - Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Enrico Giovannini - Commissione V "Bilancio, tesoro e programmazione" della Camera dei Deputati, Roma, 22 febbraio 2012

18 obbligatori dell Istat e del Sistema Statistico Nazionale, ( ), con coerente destinazione di risorse finanziarie aggiuntive a questo scopo specifico.

Il benessere equo e sostenibile nelle Città: Il Progetto

Il benessere equo e sostenibile nelle Città: Il Progetto Il Progetto Dalla qualità dei dati alla qualità dell informazione statistica Trieste Palazzo Comunale, Sala del Consiglio Comunale 25-26 settembre 2014 Oltre il PIL si inserisce nell ampio dibattito volto

Dettagli

UNIVERSITA` POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA` DI ECONOMIA

UNIVERSITA` POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA` DI ECONOMIA UNIVERSITA` POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA` DI ECONOMIA Corso di Laurea in Economia e Commercio Internazionale : Il Progetto UrBes applicato alla Provincia di Ancona Relatore: Tesi di Laurea di: Prof.

Dettagli

Reggio Calabria. I numeri del comune. Abitanti* 184.937 559.759 Superficie (km 2 ) 239,04 3.210,37 Densità (ab. per km 2 ) 773,66 174,36

Reggio Calabria. I numeri del comune. Abitanti* 184.937 559.759 Superficie (km 2 ) 239,04 3.210,37 Densità (ab. per km 2 ) 773,66 174,36 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Reggio Calabria I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.97 9.79 Superficie (km ) 9,.,7 Densità (ab. per km ) 77, 7, * al.. Numero Addetti unità

Dettagli

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 872.367 2.247.78 Superficie (km 2 ) 13,2 6.83,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.71,8 329,1 a cura del Servizio Statistica e Toponomastica Città

Dettagli

Parma. I numeri del comune. Abitanti* 187.938 443.176 Superficie (km 2 ) 260,6 3.447,48 Densità (ab. per km 2 ) 721,17 128,55

Parma. I numeri del comune. Abitanti* 187.938 443.176 Superficie (km 2 ) 260,6 3.447,48 Densità (ab. per km 2 ) 721,17 128,55 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Parma I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 87.98.7 Superficie (km ),.7,8 Densità (ab. per km ) 7,7 8, * al.. Numero Addetti unità locali Imprese*

Dettagli

Bari. I numeri del comune. Abitanti* 322.751 1.261.964 Superficie (km 2 ) 117,39 3.862,88 Densità (ab. per km 2 ) 2.749,4 326,69

Bari. I numeri del comune. Abitanti* 322.751 1.261.964 Superficie (km 2 ) 117,39 3.862,88 Densità (ab. per km 2 ) 2.749,4 326,69 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Bari I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.71 1.1.9 Superficie (km ) 117,9.8,88 Densità (ab. per km ).79,,9 * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

Il Benessere equo e sostenibile in ambito urbano e metropolitano

Il Benessere equo e sostenibile in ambito urbano e metropolitano Primo Rapporto UrBes 2013 Il Benessere equo e sostenibile in ambito urbano e metropolitano Adolfo Morrone, Istat responsabile Progetto Misure del benessere Marco Ricci, Istat responsabile Ufficio territoriale

Dettagli

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 2.617.175 3.997.465 Superficie (km 2 ) 1.37,7 5.381, Densità (ab. per km 2 ) 2.1,3 742,9 a cura dell Ufficio di Statistica e Censimento Marketing

Dettagli

Bolzano/Bozen. I numeri del comune. Abitanti* 105.713 515.714 Superficie (km 2 ) 52,29 7.398,38 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Bolzano/Bozen. I numeri del comune. Abitanti* 105.713 515.714 Superficie (km 2 ) 52,29 7.398,38 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Bolzano/Bozen I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.7.7 Superficie (km ),9 7.98,8 Densità (ab. per km )., 9,7 * al.. Numero Addetti unità locali

Dettagli

Trieste. I numeri del comune. Abitanti* 204.849 235.700 Superficie (km 2 ) 85,11 212,51 Densità (ab. per km 2 ) 2.407,01 1.109,14

Trieste. I numeri del comune. Abitanti* 204.849 235.700 Superficie (km 2 ) 85,11 212,51 Densità (ab. per km 2 ) 2.407,01 1.109,14 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Trieste I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti*.89.7 Superficie (km ) 8,11 1,1 Densità (ab. per km ).7,1 1.19,1 * al 1.1.1 Numero

Dettagli

Catanzaro. I numeri del comune. Abitanti* 91.028 363.979 Superficie (km 2 ) 112,72 2.415,45 Densità (ab. per km 2 ) 807,53 150,69

Catanzaro. I numeri del comune. Abitanti* 91.028 363.979 Superficie (km 2 ) 112,72 2.415,45 Densità (ab. per km 2 ) 807,53 150,69 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Catanzaro I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9..979 Superficie (km ),7., Densità (ab. per km ) 7,,9 * al.. Numero Addetti unità locali Imprese*..9

Dettagli

Forlì. I numeri del comune. Abitanti* 118.359 396.636 Superficie (km 2 ) 228,2 2.378,4 Densità (ab. per km 2 ) 518,66 166,77

Forlì. I numeri del comune. Abitanti* 118.359 396.636 Superficie (km 2 ) 228,2 2.378,4 Densità (ab. per km 2 ) 518,66 166,77 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Forlì I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 8.9 9. Superficie (km ) 8,.78, Densità (ab. per km ) 8,,77 * al.. Numero Addetti unità locali Imprese*.9.

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

Bologna I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 371.337 976.243. Superficie (km 2 ) 140,7 3.702,4 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Bologna I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 371.337 976.243. Superficie (km 2 ) 140,7 3.702,4 Densità (ab. per km 2 ) 2. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 371.337 976.243 Superficie (km 2 ) 14,7 3.72,4 Densità (ab. per km 2 ) 2.638,6 263,7 a cura del Dipartimento Programmazione Settore Statistica

Dettagli

Torino. I numeri del comune. Abitanti* 902.137 2.297.917 Superficie (km 2 ) 130,01 6827,0 Densità (ab. per km 2 ) 6.938,92 336,59

Torino. I numeri del comune. Abitanti* 902.137 2.297.917 Superficie (km 2 ) 130,01 6827,0 Densità (ab. per km 2 ) 6.938,92 336,59 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Torino I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.17.97.917 Superficie (km ) 1,1 7, Densità (ab. per km ).9,9,9 * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

Roma. I numeri del comune. Abitanti* 2.863.322 4.321.244 Superficie (km 2 ) 1.287,36 5.363,28 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma. I numeri del comune. Abitanti* 2.863.322 4.321.244 Superficie (km 2 ) 1.287,36 5.363,28 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Roma I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.8..1. Superficie (km ) 1.87,.,8 Densità (ab. per km ).,18 8,71 * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Trasporti Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Incidenti stradali Nel 2012, come comunicato dall'istat, si sono registrati in Italia 186.726

Dettagli

CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI. Firenze, 07 maggio 2015

CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI. Firenze, 07 maggio 2015 CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI Firenze, 07 maggio 2015 1 Le 14 città metropolitane italiane. Un primo sguardo Le città metropolitane coprono il 17% del territorio italiano

Dettagli

Firenze. I numeri del comune. Abitanti* 377.207 1.007.252 Superficie (km 2 ) 102,32 3.513,69 Densità (ab. per km 2 ) 3.

Firenze. I numeri del comune. Abitanti* 377.207 1.007.252 Superficie (km 2 ) 102,32 3.513,69 Densità (ab. per km 2 ) 3. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Firenze I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 377.7 1.7. Superficie (km ) 1,3 3.13,69 Densità (ab. per km ) 3.686,9 86,66 * al 1.1.1

Dettagli

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLE CITTÀ

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLE CITTÀ IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLE CITTÀ Il progetto è stato coordinato dall Istituto nazionale di statistica, hanno partecipato: Roma Capitale Comune di Torino Comune di Genova Comune di Milano Comune

Dettagli

Brescia. I numeri del comune. Abitanti* 193.599 1.262.295 Superficie (km 2 ) 90,34 4.785,62 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Brescia. I numeri del comune. Abitanti* 193.599 1.262.295 Superficie (km 2 ) 90,34 4.785,62 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Brescia I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 193.99 1..9 Superficie (km ) 9,3.7, Densità (ab. per km ).13,1 3,77 * al 1.1.1 Numero

Dettagli

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Verona I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.9 91.717 Superficie (km ) 19,9.9,9 Densità (ab. per km ) 1.,91 97,7 * al 1.1.1 Numero Addetti

Dettagli

Pesaro. I numeri del comune. Abitanti* 94.705 364.385 Superficie (km 2 ) 126,77 2.567,78 Densità (ab. per km 2 ) 747,06 141,91

Pesaro. I numeri del comune. Abitanti* 94.705 364.385 Superficie (km 2 ) 126,77 2.567,78 Densità (ab. per km 2 ) 747,06 141,91 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Pesaro I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 9.7.8 Superficie (km ),77.7,78 Densità (ab. per km ) 77,,9 * al.. Numero Addetti unità

Dettagli

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Atlante della salute nelle province metropolitane Migliore e peggiore performance provincia per provincia Torino: la provincia con i tassi di dimissione ospedaliera

Dettagli

Genova. I numeri del comune. Abitanti* 596.958 868.046 Superficie (km 2 ) 240,29 1.833,79 Densità (ab. per km 2 ) 2.484,3 473,36

Genova. I numeri del comune. Abitanti* 596.958 868.046 Superficie (km 2 ) 240,29 1.833,79 Densità (ab. per km 2 ) 2.484,3 473,36 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Genova I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.98 88. Superficie (km ),9 1.8,79 Densità (ab. per km ).8, 7, * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2009

Informazioni Statistiche N 3/2009 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2008 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2009 AGOSTO 2009 Sindaco: Assessore alle Società ed Enti controllati

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Sintesi per la stampa

Sintesi per la stampa Sintesi per la stampa Il secondo rapporto sul Benessere equo e sostenibile nelle città offre una panoramica multidimensionale dello stato e delle tendenze del benessere nelle realtà urbane, applicando

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2010

Informazioni Statistiche N 3/2010 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2009 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2010 NOVEMBRE 2010 Sindaco: Assessore ai Tributi e alla Statistica:

Dettagli

Il Benessere Equo Sostenibile. nella Provincia di CREMONA. Mara Pesaro. Sala Mercanti, 21 ottobre

Il Benessere Equo Sostenibile. nella Provincia di CREMONA. Mara Pesaro. Sala Mercanti, 21 ottobre Il Benessere Equo Sostenibile nella Provincia di CREMONA Mara Pesaro Sala Mercanti, 21 ottobre Prima realizzazione 88 indicatori per 11 dimensioni per 21 province aderenti, le rispettive regioni e l Italia

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2013

Informazioni Statistiche N 3/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2013 NOVEMBRE 2013 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2012

Informazioni Statistiche N 3/2012 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2011 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2012 NOVEMBRE 2012 Sindaco: Assessore alla Statistica: Segretario

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale

Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale Enrico Giovannini Presidente dell Istituto nazionale di statistica Milano, 21 gennaio

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Ambiente e territorio

Ambiente e territorio Ambiente e territorio Acqua Nel 2012 nel complesso dei comuni capoluoghi di provincia il consumo di acqua per uso civile domestico è pari a 172,1 litri per abitante al giorno, in costante diminuzione nell'ultimo

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.214 Settembre 215 Capo Area Programmazione Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura

Dettagli

Il mercato del credito

Il mercato del credito Il mercato del credito 1 Gli sportelli bancari In riferimento alla distribuzione del numero di istituti bancari per sede amministrativa e del numero di sportelli per localizzazione geografica, i dati statistici

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI Forlì, 15 giugno 2009 Premessa Nel 1800 meno del 3% della popolazione mondiale viveva nelle città. Nel 1900 erano 150 milioni le persone

Dettagli

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione L'Istat calcola che al 31 dicembre 2012 risiedono in Italia 59.685.227 persone.

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Palermo. I numeri del comune. Abitanti* 678.492 1.275.598 Superficie (km 2 ) 160,59 5.009,28 Densità (ab. per km 2 ) 4.

Palermo. I numeri del comune. Abitanti* 678.492 1.275.598 Superficie (km 2 ) 160,59 5.009,28 Densità (ab. per km 2 ) 4. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Palermo I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 78.9 1.7.98 Superficie (km ) 1,9.9,8 Densità (ab. per km ).,93, * al 1.1.1 Numero

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

Censimento industria e servizi

Censimento industria e servizi Censimento industria e servizi Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Censimento Industria e Servizi Il Censimento generale dell industria

Dettagli

Informazioni Statistiche N 8/2014

Informazioni Statistiche N 8/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2013 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 8/2014 SETTEMBRE 2014 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE

CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE D.SANTONICO APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

Reggio Emilia. I numeri del comune. Abitanti* 172.525 534.258 Superficie (km 2 ) 230,66 2.291,26 Densità (ab. per km 2 ) 747,95 233,17

Reggio Emilia. I numeri del comune. Abitanti* 172.525 534.258 Superficie (km 2 ) 230,66 2.291,26 Densità (ab. per km 2 ) 747,95 233,17 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Reggio Emilia I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 7..8 Superficie (km ),66.9,6 Densità (ab. per km ) 77,9,7 * al.. Numero Addetti

Dettagli

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI 17 Novembre 2014 V Rapporto sui costi degli Atenei italiani II parte: lo studente fuori sede Introduzione Gli studenti universitari in Italia sono circa 1.663.800 1. Questo significa che ci sono altrettante

Dettagli

Bambini e adolescenti nelle città metropolitane: benessere e condizioni di vita

Bambini e adolescenti nelle città metropolitane: benessere e condizioni di vita Qualità della vita: territorio e popolazioni Track 1- Indicatori sociali oggettivi e soggettivi per la misurazione del benessere sociale Bambini e adolescenti nelle città metropolitane: benessere e condizioni

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009. Settembre 2010

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009. Settembre 2010 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009 Settembre 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza e Tiziana

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.213 Ottobre 214 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza 1 Nel 213 parco

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II

NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II Benessere e qualità della vita: dalla misurazione statistica alla percezione dei cittadini Introduzione Oggi la percezione della realtà è un elemento importante di cui

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Informazioni Statistiche N 2/2013

Informazioni Statistiche N 2/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Anno 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2013 SETTEMBRE 2013 Sindaco:

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Alessandro Panaro Milano, 23 gennaio 2015 Le fonti

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Il ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, intervenendo alla presentazione del III Rapporto APAT

Il ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, intervenendo alla presentazione del III Rapporto APAT Il ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, intervenendo alla presentazione del III Rapporto APAT sulla Qualità dell Ambiente Urbano edizione 2006, ha sottolineato

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

ANALISI CRITICA DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA CENTRALE TERMOELETTRICA DI QUILIANO E VADO LIGURE

ANALISI CRITICA DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA CENTRALE TERMOELETTRICA DI QUILIANO E VADO LIGURE 6.1 Salute umana Dall analisi della documentazione di progetto sottoposta ad autorizzazione emerge come la tematica della Salute Umana sia stata affrontata in modo inadeguato, ovvero con estrema superficialità

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012 Ottobre 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2012 parco

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1832 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GARRAFFA, BARATELLA, BATTAGLIA Giovanni, BATTISTI, COLETTI, DATO, FASSONE, FILIPPELLI, FLAMMIA, FORMISANO, LIGUORI,

Dettagli

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO Roma, 19 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 629.496, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI

Dettagli

Milano. I numeri del comune. Abitanti* 1.324.169 3.176.180 Superficie (km 2 ) 181,67 1.575,65 Densità (ab. per km 2 ) 7.288,76 2.

Milano. I numeri del comune. Abitanti* 1.324.169 3.176.180 Superficie (km 2 ) 181,67 1.575,65 Densità (ab. per km 2 ) 7.288,76 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Milano I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 1.3.169 3.176.18 Superficie (km ) 181,67 1.7,6 Densità (ab. per km ) 7.88,76.1,79 *

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

Bologna. I numeri del comune. Abitanti* 384.202 1.001.170 Superficie (km 2 ) 140,86 3.702,32 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Bologna. I numeri del comune. Abitanti* 384.202 1.001.170 Superficie (km 2 ) 140,86 3.702,32 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Bologna I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 38. 1.1.17 Superficie (km ) 1,8 3.7,3 Densità (ab. per km ).77,7 7, * al 1.1.1 Numero

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio In un periodo nel quale si è parlato tanto (e spesso a sproposito) di gabbie salariali

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Napoli ha l obiettivo di sintetizzare le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Roma 20 maggio 2015 ore 10.30. Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio

Roma 20 maggio 2015 ore 10.30. Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio Roma 20 maggio 2015 ore 10.30 Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio La domanda estera sostiene l economia PIL E COMPONENTI DELLA DOMANDA IN ITALIA Variazioni congiunturali percentuali

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

Legambiente - Ecosistema Urbano

Legambiente - Ecosistema Urbano Comune di Palermo Ufficio Statistica Statistica flash (29/10/2012) Legambiente - Ecosistema Urbano Il Sole 24 Ore ha pubblicato i risultati del 19 Rapporto di Legambiente Ecosistema Urbano. La di Palermo,

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali

Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali ECONOMIA DELL'ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE a.a. 2012/2013 - Prof. G. Favretto Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali Serena Cubico Ricercatore

Dettagli

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI Il costo per le casse pubbliche non dovrebbe superare i 150 milioni di euro. Secondo un sondaggio della CGIA, negli ultimi 10 anni la quota di spesa

Dettagli

Il diritto per tutti a fare turismo non dovrebbe più essere solo una prescrizione di legge da far osservare, imponendo l abbattimento

Il diritto per tutti a fare turismo non dovrebbe più essere solo una prescrizione di legge da far osservare, imponendo l abbattimento Milano, 15 febbraio 2013 Il Libro Bianco sul Turismo per Tutti in Italia è il risultato di un processo di lunga deriva, che ha presupposti, basi e svolgimento, attualità e certamente anche futuro. Perché

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

IL RAPPORTO ORES 2009

IL RAPPORTO ORES 2009 IL RAPPORTO ORES 2009 SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI Con ORES, Osservatorio Regionale sull Esclusione Sociale della Lombardia, l ente regionale si è dotato di uno strumento in grado di integrare i dati

Dettagli

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici Executive Summary Andamento degli indicatori tecnici Nella prima metà dell anno, la frequenza dei sinistri denunciati al settore assicurativo per il complesso dei veicoli analizzati (pari al 9,00%), risulta

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015 Roma, 4 Dicembre 2015 I giovani presi in carico sono 553.507. A più di 239 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 38.000 gli iscritti a dodici settimane dal lancio. A partire

Dettagli