Regione Emilia-Romagna Confindustria Emilia-Romagna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regione Emilia-Romagna Confindustria Emilia-Romagna"

Transcript

1

2

3 La Cina fa parte del ristretto gruppo dei Paesi prioritari sui quali sono stati focalizzati numerosi programmi e iniziative di internazionalizzazione della Regione Emilia-Romagna e del Sistema Confindustria Emilia-Romagna. Non a caso uno dei primi progetti sui mercati esteri promossi congiuntamente alcuni anni fa era rivolto proprio alla Cina, quando venti imprenditori dell Emilia-Romagna iniziarono a ricercare nuove opportunità di business in questo immenso mercato. Già allora fu chiaro che la Cina aveva ormai conquistato un ruolo di primo piano nell economia mondiale e che per molte aziende questo Paese non era non più una scelta, ma un obbligo. Nelle tante e successive iniziative dedicate al mercato cinese, ci si è sempre sorpresi della capacità, non facilmente prevedibile, di questo Paese di mantenere, per molti anni consecutivi, gli incredibili livelli e ritmi di crescita ai quali siamo stati abituati sino ad oggi. Sebbene l attuale gelata dell economia e del commercio mondiale si sia fatta sentire anche sull industria manifatturiera cinese, le più recenti analisi e ricerche internazionali indicano tuttavia, ancora una volta, come la Cina sia nelle prime posizioni della graduatoria delle aree del mondo più attraenti per fare impresa. Molte previsioni ci dicono che tra pochi anni la Cina scalzerà gli Stati Uniti dalla vetta di questa graduatoria, dominata per oltre un secolo. La Cina rappresenta quindi un Paese di riferimento per gli imprenditori che, in questo difficile momento economico, si guardano in giro nel mondo alla ricerca di mercati che possano offrire buone prospettive di crescita. Le Linee guida pratico-operative agli insediamenti in Cina sintetizzano i risultati di una importante iniziativa congiunta del Sistema Confindustria Emilia-Romagna e della Regione Emilia-Romagna sul tema degli insediamenti strutturati in Cina, proponendo al lettore una utile metodologia per avviare una qualificata strategia di insediamento, alla luce delle più recenti dinamiche degli investimenti stranieri in Cina. Inoltre l analisi di benchmarking svolta su un gruppo di rilevanti imprese dell Emilia-Romagna ha permesso evidenziando i plus e le criticità delle loro attività di insediamento in Cina di rafforzare le informazioni e gli orientamenti contenuti nella Guida, in particolare su temi complessi quali la scelta delle location e dei partner, la gestione delle risorse umane, il rapporto con i fornitori e così via. Il presente lavoro si inserisce tra le iniziative promosse e sostenute dal Programma sull internazionalizzazione della Regione Emilia-Romagna. Alle imprese dell Emilia-Romagna che hanno collaborato all analisi di benchmarking della Guida, unitamente a Capitalia (oggi Gruppo Unicredit) che ha contribuito al progetto, desideriamo rivolgere uno speciale ringraziamento per aver consentito la realizzazione di questo lavoro. Regione Emilia-Romagna Confindustria Emilia-Romagna

4 Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma e mezzo elettronico, meccanico, reprografico, digitale se non in base ad una esplicita autorizzazione rilasciata da Confindustria Emilia-Romagna e Regione Emilia-Romagna (Sprint)

5 INDICE 1 Introduzione alla Guida: gli Obiettivi La metodologia Le aziende coinvolte nella stesura della guida Lo Scenario di Riferimento L ambiente economico, politico, demografico e sociale Quadro macroeconomico (PIL, inflazione, consumi, risparmi e investimenti) Evoluzione del quadro politico-amministrativo e delle riforme Politiche monetarie e valutarie Quadro demografico e sociale Mercato del lavoro: dinamiche e politiche Commercio estero I flussi IDE e l evoluzione della normativa e della fiscalità per gli insediamenti Politiche fiscali per l impresa Politiche ambientali Norme per la protezione della proprietà intellettuale I principali fattori localizzativi Mercato di sbocco Costi Disponibilità di manodopera (e qualità) Sourcing La caratterizzazione macro delle aree I nuovi trend di insediamento: JV, WHOFE, Merger & Acquisition L insediamento in Cina: dalle Motivazioni alle Esigenze Operative, alla Scelta della Location Le motivazioni all insediamento Mercato attrattivo Richiesta dei clienti Minaccia competitiva Efficienza operativa/risparmio sui costi Pressioni da parte degli stakeholder Identificare le proprie motivazioni e la relativa urgenza...44

6 3.1.7 Essere preparati al passo Focus sulle aziende della meccanica Linee guida per la valutazione delle aree geografiche in Cina Le esigenze delle aziende I parametri chiave per le aziende La classificazione e identificazione dei parametri chiave La rilevazione degli obiettivi specifici dell azienda e la scelta della location Il case study: Hansa TMP L azienda Le aree di business Mercati e clienti I principali asset competitivi L azienda e l insediamento in Cina Le motivazioni all insediamento Obiettivi, fasi e strategie Individuazione dei parametri chiave La Valutazione delle Aree in Cina Le Zone di Sviluppo del territorio cinese Le ETDZ Zone di Sviluppo Economico e Tecnologico Le HTDZ Zone di Sviluppo ad Alta Tecnologia Le FTZ Zone di Libero Scambio Le EPZ Zone di Lavorazione per l Export La classificazione delle città in base agli indici di attrattività Le principali regioni economiche La preselezione dell area per le PMI italiane La Greater Shanghai area La descrizione delle location selezionate in base a parametri generali Shanghai Ningbo Suzhou Changzhou Il case study: Hansa TMP Le esigenze dell azienda e le possibili location La SPAIZ nel distretto di Jiading, città di Shanghai La SQIZ nel distretto di Qingpu, città di Shanghai La città di Ningbo, della provincia di Zhejiang Il Modello di Insediamento e le Imprese Emiliano-Romagnole in Cina Il Format per le interviste Le aziende intervistate Linee guida per l insediamento Premesse al piano strategico La verifica dei fattori chiave Il sostegno da parte del management...105

7 5.3.2 Le linee guida per il Piano di Insediamento Il percorso La tipologia di insediamento La scelta della location Cosa trasferire (fasi e attività) Quali prodotti Fornitori Risorse Umane La proprietà intellettuale Timing Alcune considerazioni Individuazione dei servizi collettivi Le Possibili Fonti di Finanziamento per l insediamento in Cina I principali strumenti della Regione Emilia-Romagna I principali strumenti a livello nazionale Il sistema bancario e finanziario in Cina Le banche statali Le banche commerciali Le banche straniere I servizi per gli investitori stranieri La Borsa Acronimi e sigle utilizzate Appendice interviste aziende BLM, Duplomatic, Sessa Klein, Volpak Bibliografia...171

8

9 capitolo 1

10

11 1 Introduzione alla Guida: gli Obiettivi La presente guida vuol essere uno strumento utile al servizio delle imprese italiane, soprattutto le PMI, che intendano insediarsi in Cina al fine di presidiarne il mercato dal punto di vista commerciale o produttivo. Essa si rivolge quindi a tutte le aziende il cui progetto di insediamento è caratterizzato da un diverso stadio di avanzamento del processo decisionale di internazionalizzazione, ovvero: 1. aziende che stanno conducendo una valutazione preliminare per comprendere in maniera approfondita i vantaggi e i requisiti dei possibili modelli di insediamento in Cina, sulla base di un modello più generale e di dati tecnico-economici strutturati; 2. aziende che stanno operativamente sperimentando o pianificando una forma di insediamento, maggiormente bisognose di acquisire ulteriori esperienze concrete di percorsi di insediamento, al fine di limitare i rischi e di disporre di supporti operativi specifici in termini di servizi e/o sinergie con altri soggetti imprenditoriali. Pur affiancandosi agli innumerevoli testi e manuali già esistenti sull argomento, questa guida intende tuttavia distinguersi per il carattere molto concreto e per il fatto di presentare modelli e strategie e fornire percorsi e strumenti operativi derivanti da esperienze reali, quali: l esperienza di esperti di società di consulenza 1 che sviluppano da anni analisi strategiche e di mercato sulle opportunità di aziende italiane e occidentali in Cina; l esperienze di aziende dell Emilia-Romagna che hanno investito in Cina o che stanno sviluppando una strategia di insediamento, supportate anche dal Gruppo di lavoro 2 del progetto dal quale scaturisce questa guida; l esperienza di altre imprese italiane e straniere che presidiano direttamente il mercato cinese (benchmarking). La guida si colloca nel quadro generale delle iniziative promosse e realizzate dalla Regione Emilia-Romagna a sostegno delle attività di internazionalizzazione delle PMI regionali e si pone come momento di riflessione e collegamento tra due importanti progetti riguardanti la Cina, precisamente China Mech e China Net. 1 PEGroup (che ha curato la redazione della guida) società italiana di consulenza strategica direzionale specializzata in percorsi e strategie di internazionalizzazione per le aziende del made in Italy (www.pe-group.it), con sede a Roma InterChina Consulting (che ha collaborato allo sviluppo della guida) società di consulenza strategica specializzata nell assistenza alle aziende che decidono di insediarsi in Cina, con sedi a Pechino, Shanghai, Shenzhen, Madrid, Milano e Washington DC (www.interchinaconsulting.com) 2 Il gruppo di lavoro è composto da Confindustria Emilia-Romagna, PEGroup, InterChina Consulting 13

12 Introduzione alla Guida: gli Obiettivi Il progetto China Mech, promosso e coordinato dal Sistema Confindustria Emilia-Romagna in collaborazione con l Unione Industriali di Reggio Emilia (capofila regionale) è stato realizzato nel biennio con l obiettivo di favorire opportunità di business (scambi commerciali e investimenti) sul mercato cinese a favore di un gruppo di imprese emiliano-romagnole, operanti prevalentemente nel comparto della meccanica avanzata e della meccatronica. Nel modello seguito, l aggregazione tra le PMI partecipanti ha funzionato come strumento utile a rafforzare le risorse disponibili, in termini soprattutto di conoscenze e capacità di investigazione del mercato cinese, nell ambito di un percorso di internazionalizzazione che ha valorizzato l appartenenza delle imprese ad una medesima filiera e allo stesso territorio. Al progetto hanno aderito 9 PMI e 7 imprese di dimensioni maggiori, e il Club Meccatronica degli Industriali di Reggio-Emilia (per maggiori informazioni si veda il sito Il progetto China Net, invece, è stato avviato nel 2008 ed è tuttora in corso. Coordinato da Unindustria Bologna in qualità di capofila regionale, il progetto si rivolge alle imprese emiliano-romagnole del settore della meccanica e si pone come obiettivo la realizzazione, entro il 2009, di uno studio di fattibilità per la creazione di un HUB China, ovvero di un Centro multiservizi localizzato in Cina, in grado di assistere le imprese dell Emilia-Romagna e fornire loro servizi quali attività di sourcing, logistica, controllo qualità, formazione professionale, produzione, diventando anche una specie di piattaforma commerciale. In particolare, il Centro servizi potrebbe avere il ruolo di coordinare la rete di fornitura in Cina, assistendo le imprese fornitrici e sub fornitrici dell Emilia-Romagna che intendono seguire le grandi imprese committenti nelle loro strategie di localizzazione produttiva in Cina. Grazie a questi due progetti, è stato possibile individuare un gruppo di imprese importanti, con sede principale in Emilia-Romagna, che hanno collaborato alla realizzazione di una attenta analisi di benchmarking, dalla quale sono emerse informazioni ed orientamenti utili alla costruzione dei modelli e delle linee guide contenuti in questa guida. Il presente lavoro si pone dunque in continuità con l approccio che vede nell aggregazione di filiera e nel coordinamento di risorse ed operatori a tutti i livelli il modello ideale grazie al quale le imprese di piccola e media dimensione possono avere accesso anche solo esplorativo ad un mercato che si conferma estremamente complesso, ma altrettanto ricco di opportunità e meritevole di approfondimento. Tali elementi di opportunità sono oggi strettamente interconnessi con minacce evidenti o latenti, legate anche alla competizione sempre più agguerrita delle aziende cinesi nei confronti delle multinazionali occidentali su fattori quali la manodopera specializzata, il mercato, i clienti ed anche l innovazione di prodotto. Un recente testo americano 3 paragona scherzosamente l ondata di investimenti in Cina nella prima metà degli anni 90 alla corsa all oro nello Yukon: Delle decine di migliaia che ce la fecero a raggiungere quella terra di prosperità, solo una manciata riuscirono a fare fortuna. In quel periodo molte multinazionali americane e occidentali si sono precipitate a cercare di conquistare una posizione sul mercato cinese, la maggior parte attraverso joint venture al 50%, l unica forma possibile in quegli anni 4, spesso senza dedicare il tempo necessario a valutazioni di opportunità, soprattutto nella scelta dei partners. E a partire dalla fine degli anni 90 che si sono manifestate con crescente evidenza alcune serie difficoltà (cfr. figura 1.1), legate principalmente al tentativo del Governo cinese di porre un freno al surriscaldamento dell economia e alle continue migrazioni della popolazione rurale verso la città, da cui derivavano problemi sociali, disoccupazione, congestione delle infrastrutture e altre criticità. 3 Steven H. Ganster: The China Ready Company, China Pathways, cfr. capitolo successivo, par

13 Figura 1.1 Fasi dell investimento estero in Cina 5 Introduzione alla Guida: gli Obiettivi In particolare, le aziende a livello nazionale ed internazionale hanno dovuto metabolizzare una serie di lezioni 6 : il mercato era stato sovra-stimato nelle sue potenzialità, in termini soprattutto di crescita e di livelli di prezzi applicabili; si è confidato in modo eccessivo nella capacità delle imprese locali, scelte come partner, di offrire un supporto allineato a standard occidentali, in termini di marketing e commercializzazione; le pratiche di due diligence sui partner sono state svolte in modo troppo rapido e superficiale; si è talvolta sottovalutato il ruolo delle istituzioni e delle Amministrazioni cinesi nel processo di insediamento, soprattutto per quanto riguarda la loro capacità di incidere sulle decisioni strategiche, relative ad esempio alla scelta della location, orientando in modo anche pressante le scelte degli imprenditori stranieri in base ai propri fini, non sempre espliciti e trasparenti. La localizzazione in Cina viene oggi considerata dalle aziende occidentali come parte integrante (e forse necessaria) di una strategia globale: per la maggior parte delle imprese che intendono affermare e consolidare la propria competitività, l opzione di non affrontare il mercato cinese o di affrontarlo come un iniziativa a sé stante semplicemente non è sostenibile. Allo stesso tempo è importante ricordare che il doing business in Cina è una materia estremamente complessa, che richiede un continuo percorso di definizione ed aggiornamento delle strategie, sia sul piano offensivo, che su quello difensivo. L insieme di queste considerazioni conferma la necessità di un approccio strategico e condiviso dalle PMI, ed evidenzia l utilità di strumenti di guida ed interpretazione del mercato cinese sempre più orientati ed aggiornati. Molte aziende occidentali a questo punto sono state costrette a rivedere le loro strategie di penetrazione nel mercato cinese, fino a pervenire, nella decade in corso, ad un approccio più misurato e ad una maggiore pianificazione, in base anche ad una visione più equilibrata delle minacce ed opportunità, come sintetizzato nella figura Fonte: Steven H. Gangster, op. cit. 6 Gli attuali elementi di minaccia e di rischio, alcuni anche in continuità con il passato, vengono trattati nel capitolo successivo 15

14 Introduzione alla Guida: gli Obiettivi Figura 1.2 Investimento in Cina: minacce e opportunità 7 Alla luce di questo scenario, è necessario prendere atto di due elementi chiave: la struttura del mercato cinese sta cambiando velocemente e questo dunque impone una revisione della metodologia e del senso degli investimenti: la Cina e i Paesi limitrofi non rappresentano più solo un opportunità di abbattimento dei costi di produzione, ma sono diventati un mercato di sbocco finale sempre più interessante; ancora oggi, malgrado l esperienza acquisita, le PMI italiane fanno fatica a metabolizzare le lezioni a cui si è accennato prima. Per quanto riguarda il primo elemento, la Cina sta vivendo in effetti il passaggio da un economia basata sulle esportazioni ad un economia mossa da consumi domestici in continuo aumento. Studi e ricerche 8 condotti sulle imprese a livello globale, hanno evidenziato che ormai al primo posto, tra le motivazioni principali delle imprese agli investimenti in Cina, il 56% delle imprese dei mercati evoluti mette la crescita e il potenziale di mercato, seguiti subito dopo da abbattimento dei costi e maggiore efficienza. Questo dato, come vedremo, viene confermato anche dall analisi di benchmarking svolta sulle imprese della meccanica della Regione Emilia-Romagna, illustrata nel capitolo 5. Con un tasso di crescita del PIL dell 11,5% nel 2007, del 4,1% nel 2008, sono infatti complessivamente aumentate le fasce di popolazione che godono di maggiore ricchezza e capacità di spesa, anche se la crisi che sta sconvolgendo i mercati globali negli ultimi mesi del 2008 e nei primi mesi del rende difficile qualunque previsione per i mesi a seguire. Ad ogni modo, gli sforzi del Governo cinese per diminuire la disoccupazione, sostenendo e guidando i processi di urbanizzazione e lo spostamento della popolazione dalle aree rurali più interne e arretrate verso le città, potranno contribuire a migliorare la condizione di vita dei cittadini e, crisi permettendo, il reddito disponibile. E da registrare infine il cambiamento di rotta nelle politiche governative, con una maggiore tendenza ad incentivare e supportare, tramite specifici strumenti economici, gli investimenti stranieri ad alto contenuto tecnologico, destinati ad accelerare il passaggio della Cina verso una fase di economia avanzata. 7 Fonte: Steve H. Ganster, op. cit. 8 Ernst&Young, Risk Management in China, Fonte: Fondo Monetario Internazionale 16

15 Questo significa quindi un approccio più selettivo agli investimenti in entrata, dettato da una maggiore propensione alla difesa e al protezionismo dell industria locale, sempre più competitiva e qualificata dal punto di vista della qualità e innovazione dei prodotti. Per quanto riguarda il secondo elemento chiave, ovvero l esperienza delle PMI italiane in Cina, le difficoltà incontrate dalle aziende come dimostra l indagine regionale illustrata nel cap. 5 - appartengono a sfere diverse e possono essere legate a barriere all entrata (scelta del luogo dove investire, scelta del partner e della tipologia di investimento, risorse umane, mancanza di una visione di lungo periodo anche in ragione di un quadro normativo e istituzionale confuso e ambiguo), oppure a problemi di tipo gestionale (distribuzione, logistica, risorse umane, aspetti legali), oltre naturalmente alle questioni concernenti la difesa della proprietà intellettuale La metodologia Introduzione alla Guida: gli Obiettivi Come già accennato, la guida si sviluppa a partire dall analisi di esperienze concrete e case history, e precisamente: a) Analisi di benchmarking su un gruppo di aziende emiliano-romagnole L analisi ha previsto la rilevazione e valutazione delle esperienze concrete di un gruppo di imprese regionali e delle tipologie e caratteristiche dei diversi modelli di insediamento produttivo e/o logistico già realizzati e/o in fase di realizzazione. Ai casi analizzati si fa riferimento, ove possibile e opportuno, nei vari capitoli della guida. b) Analisi di benchmarking su alcune aziende occidentali (non dell Emilia-Romagna) L analisi è stata sviluppata attraverso i seguenti punti: descrizione dei diversi modelli di insediamento produttivo e/o logistico possibili, sulla base di esperienze concrete (casi di successo e insuccesso) di aziende occidentali (non regionali) già localizzate in Cina; revisione critica dei punti di forza e debolezza di ciascun modello, con identificazione di criticità e opportunità emergenti, al fine di valutare la trasferibilità del modello stesso e le possibili applicazioni delle sue caratteristiche essenziali. Il risultato di questa analisi di benchmarking condotta sulle aziende italiane ed estere localizzate in Cina è stato la modellizzazione del percorso di insediamento e la definizione di linee guida. Tale percorso di insediamento dovrebbe idealmente ripercorrere lo stesso schema adottato per la costruzione della presente guida, ovvero: 1. Analisi delle esigenze e motivazioni all insediamento L analisi puntuale e approfondita delle motivazioni di insediamento rappresenta il primo passo per tracciare un quadro puntuale delle esigenze e delle aspettative rispetto alla possibilità di insediamento in Cina da cui partire per definire obiettivi e strategie specifiche. 2. Identificazione della localizzazione ottimale per il potenziale insediamento A valle della fase 1 è possibile ricavare i parametri in base ai quali valutare le aree di potenziale insediamento (nella guida sono state considerate quattro possibili location di partenza), tenendo conto sia degli obiettivi espressi dalle imprese, sia delle caratteristiche rilevanti delle aree stesse (ad es.: presenza di distretti analoghi, presenza di concorrenti, presenza di clienti, ecc.). 10 Fonte: Osservatorio Asia 17

16 Introduzione alla Guida: gli Obiettivi 3. Analisi di benchmarking e sviluppo del modello di insediamento L ultima fase è quella della modellizzazione del percorso per gli investimenti, ovvero dell elaborazione e formalizzazione di una metodologia raccomandata per progettare l insediamento, intesa come un modello di riferimento (linee guida) che ciascuna azienda può declinare e applicare alla propria situazione, come supporto per orientare e/o riconsiderare le proprie scelte relative alla prospettiva di un insediamento in Cina. 1.2 Le aziende coinvolte nella stesura della guida Le aziende coinvolte appartengono al settore della meccanica (anche per continuità con il progetto China Mech - cfr. pag.11), come settore consolidato che offre opportunità considerevoli, derivanti dal bisogno della Cina di tecnologie occidentali. In Emilia-Romagna il comparto della meccanica allargata (che unisce alla meccanica i settori metalli e prodotti in metallo, macchine elettriche, elettroniche ed ottiche e mezzi di trasporto ) è di gran lunga il macro-settore che negli anni dal 1997 al 2008 ha visto l aumento più significativo in termini di incidenza sul totale delle esportazioni regionali. Ciò è confermato da un primato anche in termini di vocazione all internazionalizzazione, con 57,1% di quota export sul fatturato e 41,6% di imprese esportatrici 11 ; nel ha mostrato performance tali da farlo considerare come il settore trainante per l andamento economico regionale. In particolare poi, l export italiano verso la Cina vede una quota significativa di meccanica strumentale. E le presenze produttive dell Emilia-Romagna mostrano una notevole concentrazione nel settore meccanico (50% del totale 12 ). Coerentemente con l obiettivo del progetto e la metodologia seguita, che mirano a fornire un piano di azione che consenta di minimizzare i rischi della delocalizzazione, i contenuti di questa guida hanno una valenza generale trasferibile anche ad aziende di settori diversi che non partecipano al progetto stesso. 11 Unioncamere Rapporto sull economia regionale nel 2006 e previsioni per il Fonte: Osservatorio Asia 18

17 capitolo 2

18

19 2 Lo Scenario di Riferimento Per la complessità del Paese, la sua eterogeneità in termini geografici, economici, demografici e sociali, l enorme distanza anche e soprattutto culturale - che ce ne separa, la scelta di insediarsi in Cina rappresenta una decisione da prendere in modo ponderato e con assoluta cognizione di causa. Per questa ragione, è molto importante che le aziende acquisiscano informazioni puntuali e affidabili su una serie di fattori che possono rivelarsi determinanti per il successo o l insuccesso dell impresa in Cina. È necessario avere un quadro chiaro sia degli ambiti più generali entro i quali è definita l attività di impresa nel Paese, sia degli elementi più specifici che possono influenzare in un modo o nell altro la scelta dell insediamento, determinandone le caratteristiche. In altre parole, bisogna focalizzare l attenzione su due macro-ambiti principali: 1. quello più generale concernente tutti gli aspetti fiscali, normativi e regolamentari 2. quello più specifico che riguarda gli aspetti tecnici e operativi, quali la scelta della location, il modello di insediamento, ecc Nei paragrafi che seguono sarà tracciato un quadro d insieme della situazione nel Paese relativamente agli aspetti citati, che saranno maggiormente approfonditi in particolar modo quelli tecnico-operativi nei capitoli successivi, con gli opportuni richiami allo scenario generale. In primo luogo vengono descritte, in questo capitolo, alcune caratteristiche e tendenze macro del Paese, mettendone in luce gli elementi di interesse per le aziende, soprattutto laddove si evidenzino dei rischi di cambiamento significativo delle condizioni dell insediamento: dall evoluzione dell economia in genere, alle tendenze demografiche e relative politiche messe in atto dal Governo (anche in campo monetario e valutario), al sistema amministrativo, ai rapporti economici con l estero, comprendendo anche materie più immediatamente prossime agli interessi dei potenziali investitori, quali il mercato del lavoro, le politiche fiscali, le politiche ambientali, la protezione dei diritti di proprietà intellettuale. In secondo luogo si forniscono alcune considerazioni sui tradizionali punti di forza della Cina come location di investimenti produttivi: costi, manodopera, opportunità di sourcing e mercato di sbocco. Si prosegue poi con una visione d insieme delle forme di investimento più vantaggiose e più adatte alle tendenze in atto, nonché delle specializzazioni settoriali delle macro-aree geografiche. 2.1 L ambiente economico, politico, demografico e sociale La Cina è oggi considerata la migliore destinazione al mondo per gli investimenti produttivi/manifatturieri, grazie anche alla competitività dei costi, al crescente impegno nella realizzazione di una rete infrastrutturale al passo con lo sviluppo 1, al buon livello di istruzione della popolazione. 1 L investimento nelle infrastrutture sta crescendo al ritmo del 28,5% ( An American Guide to Doing Business in China, Mike Saxon, 2007) 21

20 Lo scenario di riferimento Come emerge infatti dallo studio sull indice di attrazione europeo An open world, condotto annualmente da Ernst & Young e presentato alla World Investment Conference di La Baule, in Francia, il Paese è al primo posto come polo di attrazione mondiale per gli investimenti esteri, davanti all Europa Orientale e a quella Occidentale. Con un indice di gradimento del 21% sul totale, ha infatti superato India (9%), Usa/Canada (9%), Russia (7%), Brasile (2%) e Giappone (2%). Allo stesso tempo, gli imprenditori che si preparano ad affrontare, o che hanno già affrontato e realizzato, un processo di avvicinamento al mercato cinese sono consapevoli dei rischi e delle contraddizioni insite nello sviluppo di questo gigante economico, che si appresta a diventare nel 2050, secondo le proiezioni di Price Waterhouse Coopers, la più grande economia del mondo 2. L insieme di questi rischi e contraddizioni probabilmente spiega perché sia ancora così difficile per le aziende straniere e in particolare per quelle di piccola dimensione, come le italiane - concludere percorsi insediativi di successo in Cina. Si tratta di una serie di fenomeni (identificabili in alcuni casi come condizioni al contorno ), qui anticipati in sintesi e spiegati poi nella trattazione che segue, che vanno attentamente monitorati per stabilire con esattezza il quadro di partenza applicabile alla generalità delle imprese - per valutare l opportunità dell investimento in Cina: 1. un economia in via di surriscaldamento, con tensioni inflattive crescenti; 2. una lentezza affatto sorprendente nell adeguamento del livello dei consumi alla crescita; 3. le forti disomogeneità territoriali, con possibili fenomeni di tensione sociale; 4. una difficoltà nell allineamento delle pratiche legali, amministrative e di business rispetto ai mutamenti del quadro legislativo in direzione di un maggiore rispetto delle condizioni di mercato e dei diritti; 5. in particolare, un perdurante elemento di rischio sulla protezione della proprietà intellettuale; 6. una certa scarsità nell offerta di manodopera di qualità, specie nelle aree già congestionate, cui si aggiunge un alto tasso medio di turnover, che a livello generale si attesta al 10-15% 3 e riguarda soprattutto le posizioni di mid-management; 7. una nuova legislazione del lavoro che rende più stringente il rispetto delle condizioni contrattuali dei lavoratori cinesi (ed un rafforzamento del potere del sindacato); maggiori oneri contributivi per le imprese; 8. norme più stringenti e costi aggiuntivi per le imprese sulla protezione dell ambiente; 9. una politica restrittiva della Cina sugli investimenti esteri che non apportano valore, soprattutto in termini di innovazione tecnologica; 10. una politica di protezionismo verso le proprie industrie a discapito di quelle straniere, che si realizza attraverso forme legittimate da regolamenti o, in alcuni casi, da pratiche non ortodosse, quali ad esempio l assenza di controlli sulle aziende nazionali che non pagano le tasse. A metà luglio, inoltre, è entrato in vigore il provvedimento sull aumento dei rimborsi sull IVA corrisposta dagli esportatori tessili, che eleva dall 11 al 15% lo sconto governativo sull Iva all export di prodotti di abbigliamento, e dall 11 al 13% quello sui tessuti 4. Di seguito si riporta una scheda sintetica ma esaustiva dei rischi principali, suddivisi per macroaree, che è necessario considerare nel valutare l opportunità di un investimento in Cina. 2 La Banca Mondiale prevede che nel 2025 la Cina rappresenterà il 25% di tutta l economia mondiale 3 China. Business perspectives 2008, InterChina Consulting 4 L.Vinciguerra Troppi vincoli, imprenditori cinesi in fuga dal Guandong, Il Sole 24 ore,

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA

RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA TRIENNIO 2010-2012 L attuale crisi finanziaria ed economica mondiale trae origine dalla bolla immobiliare che ha maggiormente coinvolto paesi

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SESTO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 2013 CON 50.000 AZIENDE ANALIZZATE

INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SESTO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 2013 CON 50.000 AZIENDE ANALIZZATE COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SESTO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 2013 CON 50.000 AZIENDE ANALIZZATE Migliore andamento delle imprese dei distretti

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 Bari 21/11/05 Prot. n. 38/A/7899 Alla Commissione Europea STATEAIDGREFFE@CEC.EU.INT

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

MEDIAZIONE E GIUSTIZIA ORDINARIA: TEMPI E COSTI PER LE IMPRESE ITALIANE

MEDIAZIONE E GIUSTIZIA ORDINARIA: TEMPI E COSTI PER LE IMPRESE ITALIANE MEDIAZIONE E GIUSTIZIA ORDINARIA: TEMPI E COSTI PER LE IMPRESE ITALIANE maggio 2010 commissione conciliazione Marcello Guadalupi Laura Pigoli Massimo Oldani Pietro Biagio Monterisi PREMESSA Il presente

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita GUALTIERO TAMBURINI ASSEMBLEA ANNUALE FEDERIMMOBILIARE ROMA, 18 GENNAIO 2012 Il quadro macroeconomico PIL ed occupazione (variazioni %

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA

IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA Gian Carlo Bertoni Responsabile Dipartimento Promozione e Marketing Roma, 25 settembre 2007 Cina: punti di di forza sesta grande potenza economica

Dettagli

Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale

Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale Venezia, 30 settembre 2015 La Tavola Rotonda si pone l obiettivo di analizzare i nuovi orientamenti che il sistema produttivo italiano può

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con Comune di Pontassieve Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato In collaborazione con 1 Indice Indice... 1 1. Il processo di sviluppo organizzativo in corso...

Dettagli

Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali

Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali SCHEDA CASOTTI Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali Il commercio internazionale 15,0 10,0 Scambi manifatturieri e PIL mondiale (var. annua a prezzi costanti) var.

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

PIL. (trilioni di $ a parità di potere d acquisto) Fonte: Fmi

PIL. (trilioni di $ a parità di potere d acquisto) Fonte: Fmi Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9//22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE Raffaele Farella Dirigente con incarico speciale per l internazionalizzazione e la promozione estera,

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com News release Contact Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com PwC: I patrimoni globali gestiti supereranno quota 100.000 miliardi

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno.

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SETTIMO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 214 CON 46.5 AZIENDE ANALIZZATE protagonisti della ripresa: già nel biennio 213-14

Dettagli

Il lavoro in Cina: nuovi operatori e strumenti legislativi

Il lavoro in Cina: nuovi operatori e strumenti legislativi Il lavoro in Cina: nuovi operatori e strumenti legislativi Stefano Colli-Lanzi Amministratore Delegato Gi Group Alcuni indicatori economici Anno 2007 PIL nominale (mld USD) 3280 PIL reale (variazione %)

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO. Reggio Emilia, 25 marzo 2015. Relatore: Rodolfo Baroni

PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO. Reggio Emilia, 25 marzo 2015. Relatore: Rodolfo Baroni PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO Reggio Emilia, 25 marzo 2015 Relatore: Rodolfo Baroni Export In un contesto domestico con prospettive incerte vendere sui mercati esteri continua ad essere

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Allegato sub A Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi Div. I Affari Generali, Personale, Gestione Amministrativa PROCEDURA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map KAZAKISTAN Capitale Astana Popolazione (milioni) 17,23 41/100 71/100 83/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 243,56 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO www.momentumborsa.it Pierluigi Lorenzi Muoversi nel mercato finanziario per uscire dalla crisi CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO 2 CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO Muoversi nel mercato finanziario

Dettagli

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali fra AUIL FEMCA-CISL FILTEA-CGIL UILTA-UIL Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Sintesi Dati di scenario: 600 imprese per 15 addetti

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

Roadmap per la ricerca e l innovazione

Roadmap per la ricerca e l innovazione Roadmap per la ricerca e l innovazione EXECUTIVE SUMMARY Questo documento ha l obiettivo di descrivere visioni e strategie per il futuro del manufacturing italiano. Il documento è il risultato dell'attività

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli