I NUMERI INDICI DI BORSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I NUMERI INDICI DI BORSA"

Transcript

1 I NUMERI INDICI DI BORSA I numeri indici di borsa Sono degli indicaori sineici dell andameno di un mercao azionario. Si calcolano a arire dai corsi dei ioli reseni in un dao mercao o in un suo segmeno. Danno una valuazione immediaa della direzione in cui si sa muovendo il mercao e con quale inensià. La variazione % dell indice esrime il rendimeno di un orafoglio di ioli ce riroduca fedelmene la sua comosizione. Solo l avveno dell informaica e oi della elemaica li a fai divenire di uso correne. E difficile ce un singolo dao ossa cogliere ui gli asei rilevani di una realà comlessa e raresenarla in modo esausivo. 1

2 I numeri indici di borsa L indice di Borsa è cosruio in base alle informazioni disonibili all ao del suo calcolo. Ha lo sesso valore del rezzo ufficiale del singolo iolo, riferio erò al mercao azionario nel suo comlesso. Gli indici di Borsa sono calcolai con una base (sabilia nel momeno in cui l'indice nasce) di solio indicaa in cenesimi (COMIT), millesimi (MIB correne), decimillesimi (S&P/MIB). Se un invesiore comra il rodoo indice sineico di borsa realizza un guadagno o una erdia ari alla variazione dello sesso indice. ETF I numeri indici di borsa Indici ce si differenziano non solo er l insieme di ioli considerai, ma ance: er il rezzo al quale fanno riferimeno er la frequenza con cui sono diffusi (giorno, ora, minuo). 2

3 I numeri indici di borsa Princiali rezzi uilizzabili er ciascun iolo azionario: rezzo ufficiale: rezzo medio dell inera quanià di ioli raaa nella giornaa borsisica; rezzo di riferimeno: rezzo medio dell ulimo 10% di ioli raai nella giornaa borsisica; rezzo las : rezzo dell ulimo conrao concluso alla scadenza di un inervallo di emo resabilio ( fixing ), ce aualmene è ari a 30 secondi. I NUMERI INDICI DI BORSA Quani fenomeni (economici) confronare? N = 1 Numeri indici semlici (elemenari) N 2 Numeri indici sineici (comosi) Molelici cami di alicazione: numeri indici dei rezzi, delle quanià, dei valori Esemio 3

4 Numeri indici di borsa Meodo di calcolo Si scelgono i ioli ce comongono l indice (ance ui). Occorre suddividere i ioli riseo all'indusria di aarenenza e scegliere i ioli raresenaivi er ogni seore. L'obieivo è selezionare le socieà ce descrivano oorunamene ogni seore. Base 1 2 M T azione _ M T1 azione _ M T O... azione _ N 0N 1N 2N M TN In base alla abella si cosruiscono i numeri indici elemenari er i T eriodi e er gli N ioli. I NUMERI INDICI DI BORSA I numeri indici di Borsa sono numeri indici sineici. Due formule fondamenali er calcolare numeri indici sineici: 1) Indice di Laseyres (indice a base fissa e onderazione fissa): 0 I L = N = 1 0 N 0 = 1 0 q 0 q 0 = q q Indice di Paasce (indice a base fissa e onderazione variabile): N 0 q = q P I = = N 0q q = 1 0 N.B.: Gli indici di borsa radizionali sono N. I. di Laseyres con eso ari alla caializzazione di borsa dei vari ioli al emo base. Esemio

5 Sruura del mercao di borsa in Ialia (dal 19 seembre 2005) Borsa Ialia MTA/MTAX (caializ > 40 milioni di Euro) Mercao exandi (iccole imrese oerani in seori radizionali) Blue ci (caializ > 1 miliardo di Euro) File excel Sar e ecsar (ali requisii) (caializ < 1 miliardo di Euro) Segmeno sandard I numeri indici calcolai da BorsaIalia Indici in Coninua MIBTEL, S&P/MIB, MIDEX, All STARS, STAR, ecstar, MIB30 Indici Afer Hours MIBTEL-s, MIB30-s Indici di Riferimeno MIB R, MIB30R Indici Sorici MIB, MIBSTAR 5

6 I NUMERI INDICI DI BORSA METODI DI CALCOLO DEGLI INDICI DELLA BORSA IT. (1) Gli indici radizionali (MIB, MIBTEL, MIB30) sono cosruii secondo una formula io Laseyres, come segue: I B L 0 N = =1 wτ Rτ τ w τ τ = N τ = 1 τ τ q q τ τ è l indice elemenare relaivo all azione -esima, dao dal raoro ra il rezzo correne e il rezzo base calcolao alla daa τ dell ulima revisione; è il eso aribuio all azione -esima alla daa τ dell ulima revisione rezzo base ( rezzo di aerura del giorno della revisione dell indice, evenualmene molilicao er il coefficiene di reifica calcolao da Borsa Ialiana al verificarsi di oerazioni sul caiale della socieà -esima [vedi doo]) I NUMERI INDICI DI BORSA METODI DI CALCOLO DEGLI INDICI DELLA BORSA IT. (2) q τ il numero base di azioni resene sul Lisino Ufficiale (re giorni di Borsa aera anecedeni la revisione); R τ è il faore di raccordo er manenere la coninuià dell indice in occasione degli aggiornameni del aniere: è dao dall ulimo valore del aniere con veccia comosizione, calcolao sui rezzi di aerura del giorno della revisione τ 6

7 I NUMERI INDICI DI BORSA METODI DI CALCOLO DEGLI INDICI DELLA BORSA IT. (3) Alcuni commeni: La onderazione avviene con riferimeno ai raori di caializzazione ( caializzazione dell azione -esima/caializzazione dell inero aniere), non al volume degli scambi. Le revisioni ordinarie nella comosizione dei anieri (cioè, dei rezzi base e dei numeri base di azioni) avvengono due vole l anno, nei mesi di marzo e di seembre. Grazie all uso della serie dei faori di raccordo, gli indici di borsa anno una sruura del io Laseyres, con esi quelli del giorno base indicao: N 0 q0 B L = I K q = [NB: al solio, la relazione vale arossimaivamene ercé l indice di Laseyres non soddisfa la condizione di ransiivià.] r I s s I = I, r, s, = 0,1, K, n r I NUMERI INDICI DI BORSA ALCUNI INDICI DELLA BORSA ITALIANA MIB (base = 1.000): ue le azioni quoae in Borsa Ialiana (MIB sorico). Formula di Laseyres. Una sola vola al giorno al ermine della sedua di Borsa, uilizza i rezzi ufficiali di ui i comoneni. È un indice di io aero : ermee l inserimeno di nuovi ioli quoai e l esclusione di ioli cancellai in qualunque giorno dell anno (ramie il ricalcolo immediao dei esi e il raccordo del valore risulane con l ulimo valore dell indice anecedene ale oerazione). Al 14/02/2007, comrendeva 293 azioni (ved. File excel). 7

8 I NUMERI INDICI DI BORSA Variani del MIB: MIB seoriali (base = 1.000): 24 indici calcolai su anieri ce rifleono la suddivisione seoriale del Lisino ufficiale (3 macroseori: indusriali, servizi, finanziari; sooseori: auo, carari, cimici,disribuzione,bance, ). Elenco. MIB-R (base = 1.000): è l analogo del MIB, ma calcolao uilizzando i rezzi di riferimeno. MIBrnc (base = 1000): indice delle azioni di risarmio non converibili quoae resso la Borsa Ialiana. Al ermine di ogni sedua di borsa sui rezzi ufficiali. I NUMERI INDICI DI BORSA MIBTEL (base = ): sosiuisce il MIB coninuo; indice relaivo a ue le azioni quoae in Borsa Ialiana, calcolao giornalmene durane la fase della negoziazione coninua con frequenza di 60 secondi. Secondo Laseyres. Diffuso ogni minuo, uilizza i rezzi las di ui i comoneni. Ad esso si alicano, in quano comaibili, le sesse regole di gesione e aggiornameno del MIB. Non è revisa alcuna versione seoriale. Variani: MIBTEL-s, cosiuio da ue le azioni dell Afer ours. 8

9 MIBTEL 3 gen feb 2008 I NUMERI INDICI DI BORSA INDICE DI LIQUIDITA E CAPITALIZZAZIONE (ILC) ILC i = M ( Cai ) + α M ( Voli ) M ( Ca ) = q i i P i caializzazione media giornaliera del iolo nei sei mesi recedeni al calcolo di ILC = numero di azioni del iolo in esame in circolazione alla daa del calcolo x rezzo medio; se si sono effeuae oerazioni sul caiale, i rezzi vengono oorunamene modificai; M ( Voli ) volume (conrovalore) medio giornaliero di scambi del iolo nei sei mesi recedeni al calcolo di ILC; se vi sono ioli caraerizzai da oerazioni di aumeno di caiale, si considera il numero di azioni successive all'aumeno. 9

10 INDICE DI LIQUIDITA E CAPITALIZZAZIONE (ILC) (segue) ILC i = M ( Cai ) + α M ( Voli ) α = M ( Ca ) M ( Vol ) raoro ra la caializzazione media dell inero lisino di mercao nei sei mesi recedeni al calcolo di ILC e la media degli scambi giornalieri nello sesso eriodo; α = i M ( Ca M ( Vol i i ) ) Alfa dell i-esimo iolo I NUMERI INDICI DI BORSA MIB 30 (base = ): su base camionaria, 30 ioli azionari nazionali iù caializzai e scambiai sul Lisino ( graduaoria sulla base all indicaore ILC); calcolao giornalmene durane la fase della negoziazione coninua con frequenza di 60 secondi. Possono far are del aniere MIB30 solo le azioni con alfa<1.5 Diffuso ad ogni fixing, uilizza i rezzi las relaivi ai 30 ioli ce lo comongono. NB: È saisicamene dimosrao ce il corso del MIB 30 è raresenaivo del MIBTEL, con una correzione [molilicaiva] rossima all unià. Comosizione MIB30 al 14 febbraio 2007 (file) Variani: MIB 30-R (base = ): è l analogo del MIB 30, ma calcolao uilizzando i rezzi di riferimeno. MIB 30s: è l analogo del MIB 30, ma calcolao sul mercao afer ours. 10

11 MIB30 3 gen feb 2008 I NUMERI INDICI DI BORSA Lo S&P/MIB S&P/MIB (inizio diffusione 2 giugno 2003). 40 ioli, ma numero non fisso. Sceli dall Index Commiee. Più amia e accuraa raresenaivià del mercao azionario ialiano riseo al MIB30; fino all 80% dell inera caializzazione di mercao (comosizione al 13 febbraio 2007: file). Ponderazione in base al floane (free-floa) al fine di risecciare iù fedelmene l imoranza del iolo sul mercao. A ogni comonene dell indice viene alicao il Global Indusry Classificaion Sandard (GICS: 10 seori) accuraa comarazione degli indici ialiani con gli alri indici seoriali mondiali. Sono comresi Beni di Consumo Discrezionali, Beni di Consumo di Prima Necessià, Energia, Finanziari, Sanià, Indusriali, Informaica, Maeriali, Servizi di elecomunicazioni e Servizi Pubblici. 11

12 I NUMERI INDICI DI BORSA Lo S&P/MIB (la selezione dei ioli) Candidai ui i ioli azionari quoai in Borsa. Azioni di risarmio o rivilegiae solo se Tioli di nuova quoazione (liquidià ulimi 6 mesi). Tioli sranieri solo se Crieri di selezione: Raresenazione seoriale Liquidià (conrovalore negoziao, urnover velociy del floane (almeno 30%) (conrovalore volumi ulimi 6 mesi x 2)/floane)) Invesable Weig Facor (IWF) = 100 (somma areciazioni ercenuali dei rinciali azionisi), riviso due vole l anno; non inferiore al 25%. Le azioni con un IWF inferiore al 25% Possono essere incluse nell indice S&P/MIB solano se vengono amiamene negoziae e se la caializzazione del floane e la urnover velociy del floane sono sufficienemene ali riseo ad alre socieà dello sesso seore. Ques ulima valuazione viene effeuaa dall Index Commiee. I NUMERI INDICI DI BORSA Lo S&P/MIB (esemio calcolo IWF) Azionisi a) Bea S..A. b) Sig. Gamma c) Fondo Comune Dela d) Assicurazione Esilon e) Fondo Pensione Ea f) Banca Tea g) Alri (mercao) % di azioni deenue dalla socieà Omega 32% 12% 6% 3% 2% 15% 30% Incluse in Omega calcolo del free floa NO NO SI (fondo comune) SI (< 5%) SI (< 5%) NO SI Toale floane (100 - a b - f) 41% 12

13 I NUMERI INDICI DI BORSA Lo S&P/MIB (meodo di calcolo) I = M ( ) / D M ( ) = N = 1 q IWF -Dè un divisore ce viene calcolao er rendere il S&P/MIB confronabile con il MIB30. Il valore base dell indice S&P/MIB è ari al livello dell indice MIB 30 alla ciusura delle conraazioni alla daa del 27 oobre Ciò é sao fao er sandardizzare l indice con il MIB 30 e faciliare la ransizione dei Fuures e degli alri conrai derivai dal MIB 30 all S&P/MIB. I valori sorici dell S&P/MIB sono sai calcolai fino al 31 dicembre è il rezzo las. L indice viene calcolao ogni 60 secondi. Esemio (file) SP/MIB gen 2004-feb

14 I NUMERI INDICI DI BORSA MIDEX (base = ): ioli quoai nel segmeno blue cis del MTA e MTAX non incluse nel S&P/MIB (comosizione al 13 febbraio 2007: file). Solo azioni con alfa < 1.5. Il eso di ogni azione non sueriore al 10%. Calcolo (onderazione free-floa adjused): I B L 0 NB: sruura, emi di diffusione e modalià di gesione di MIDEX analogi a quelli adoai er l indice SP/MIB. Variane: MIDEX-s N = =1 τ w R τ τ = q IWF w τ τ τ τ N τ qτ IWFτ = 1 MIDEX gen 2000-feb

15 Alri indici calcolai da BorsaIalia STAR: Indice relaivo a ue le azioni quoae, aareneni ai seori radizionali, nel segmeno STAR dei mercai MTA/MTAX. TecSTAR: Indice relaivo a ue le azioni quoae, aareneni ai seori ecnologici, nel segmeno STAR dei mercai MTA/MTAX. ALLSTARS: Indice relaivo a ue le azioni quoae nel segmeno STAR dei mercai MTA/MTAX. Per ui: Base = ; Ponderazione sulla base del floane; Calcolo e diffusione ogni minuo a arire dalla fase di negoziazione coninua in base ai rezzi degli ulimi conrai conclusi. Indici Toal Reurn (dal 19 seembre 2005) Calcolai una vola al giorno al ermine della sedua di borsa: S&P/MIB, Mibel, MIB, MIB-R, MIDEX, ALLSTARS, STAR, TECHSTAR. Ricaializzazione dei dividendi ce le socieà eriodicamene disribuiscono agli azionisi. Obbligo er i fondi a ricaializzazione dei roveni di uilizzare come bencmark gli indici Toal Reurn (Regolameno Emieni Consob). ES.: S&P/MIB oal reurn d = N = 1 d / D R ( I + d ) = 1 I 1 S&P/MIB rading afer ours 15

16 I NUMERI INDICI DI BORSA Per il confrono di indici di borsa diversi, è ovviamene necessario enere cono ce anno basi diverse: diverso giorno base [es.: MIB: ; MIBTEL: ], diversa grandezza della base [es.: MIB: 1.000; MIBTEL: ]. Confroni aroriai ossono essere condoi guardando (i) a variazioni relaive (giornaliere, seimanali, mensili, ) (ii) a saggi medi di variazione (mensili, annui, ). Esemio Confrono fra MIDEX e SP/MIB 16

17 I NUMERI INDICI DI BORSA Mercai sranieri Mercai sauniensi: Calcolai da S&P e Dow Jones Comany. Comosie New York Sock Excange (NYSE) e NASDAQ (Naional Associaion of Securiies Dealer Auomaed Quoaion): includono ue le azioni quoae dalle riseive isiuzioni (1600 er il NYSE). S&P500: 500 asses del NYSE (80% della caializzazione); S&P100; S&P asses ce non aarengono al S&P500; gli S&P suorano i riseivi derivai; DJ30: 30 ioli (25% del NYSE). DJ 30 P i = 1 = i 30 Media arimeica semlice I NUMERI INDICI DI BORSA Mercai sranieri (2) Mercai inglesi Calcolai da Financial Times e London Sock Excange FTSE100 (deo Foosie): 100 ioli; 70% del LSE; suora ozioni e conrai forward FT30: 30 ioli iù imorani FT-Acuarial-All Sares: indice generale; include 650 azioni e un cero numero di obbligazioni; 80% della caializzazione oale FT 30 Pi = Pi 0q i= 1 Pi 0 i0 1/ 30 Media geomerica onderaa 17

18 I NUMERI INDICI DI BORSA Mercai sranieri (3) Mercai giaonesi Nikkei: er lungo emo è sao calcolao con esi uguali; ora esi roorzionali alla caializzazione; 225 azioni, 70% della caializzazione del Tokio Sock Excange (TSE) TOPIX: indice generale della rima sezione del TSE (circa 1100 ioli); esi ari alla caializzazione; Enrambi gli indici suorano dei corrisondeni derivai; Mercai Francesi Calcolai dalla Paris Bourse CAC40 (Coaion Assisée en Coninu: quoazione coninua): calcolao nel coninuo e diffuso ogni 30 secondi; 40 ioli; suora derivai; Secondo Laseyres SBF 120 e 250: (Sociéé de Bourses Françaises); calcolai giornalmene; engono in considerazione la raresenaivià seoriale Mercai Tedesci: DAX30; Secondo Laseyres. N.B.: E un erformance Index dividendi e ricavi dei dirii d ozione. I NUMERI INDICI DI BORSA La loro rilevanza economica 1. Misure dell evoluzione dei rezzi Inerreazione ciara e raida del segno e della dimensione delle variazioni dei rezzi Modalià di calcolo semlice Paniere di ioli ce risondono raidamene agli sock (ioli liquidi) Pesi uguali er ui i ioli o roorzionali alla caializzazione 18

19 I NUMERI INDICI DI BORSA La loro rilevanza economica (2) 2. Bencmark er la gesione di orafoglio Indice di mercao come valore di un orafoglio efficiene Conseguenze sulla comosizione dell indice: L indice deve raresenare un orafoglio efficiene dinamico (ossibilià di variare la comosizione del orafoglio) esi dai dalla caializzazione correne (no Laseyres) L indice deve considerare i flussi di cassa ricevui durane il eriodo di gesione del orafoglio inclusione dei dividendi nell indice. Dall indice dei rezzi all indice dei rendimeni. Indici dei rezzi iù facili da suerare (ouerform). Indici dei rezzi classici sono indici ex-os. Indici ex-ane considerano il riscio oenziale (coefficiene di Sare e Value a Risk) I NUMERI INDICI DI BORSA La loro rilevanza economica (3) 3. Suoro ai derivai Derivai da srumeno di coerura del riscio a srumeno di seculazione Gli indici devono essere aggiornai molo frequenemene (indici in coninua) Sufficienemene volaili 19

20 I NUMERI INDICI DI BORSA La loro rilevanza economica (4) 4. Indicaori economici Sinesi del valore delle socieà e seccio dei fondamenali soosani Comarabilià con alri indici dei rezzi (es.: indice dei rezzi al consumo) Laseyres I esi devono garanire la raresenaivià seoriale I COEFFICIENTI DI RETTIFICA A SEGUITO DI OPERAZIONI SUL CAPITALE L azione raresena una quoa are del caiale di una Socieà. Quesa quoa varia, nel emo, quando il caiale della socieà è soggeo a oerazioni (emissione di nuove azioni, aumeno del valore nominale a agameno, svaluazione del caiale, ecc.). Ciò deermina una disconinuià nei rezzi delle azioni, alla quale occorre orre rimedio er ririsinare la coninuià della serie sorica. Esemio Ciò si oiene: alicando ai rezzi recedeni l oerazione un ooruno coefficiene di reifica k, deerminao a arire da un ioesi di neuralià ( i vecci azionisi non raggono alcun beneficio, né ricevono alcun danno, dall oerazione in quesione); bilanciando la variazione del rezzo base, così effeuaa, mediane una variazione in misura reciroca del numero di azioni (in modo da manenere inalerao il valore comlessivo dei ioli ossedui). 20

21 Esemio disconinuià er oerazione sul caiale: fusione Bio in Caialia Daa oerazione sul caiale: 26 giugno x1000 February Marc Aril May June July Augus Seember Ocober November December 2003 Februar I COEFFICIENTI DI RETTIFICA (2) Un caso ioeico: al emo 1, q -1 azioni quoae al rezzo P -1 ; nell inervallo ( 1, ), la Socieà offre in ozione agli azionisi di sooscrivere m nuove azioni al coso uniario P*. Come si rocede? Innanziuo, si calcola il corso eorico P re doo l oerazione (deo ance rezzo reificao ), in ioesi di arià finanziaria ra il valore comlessivo delle azioni emesse rima e doo l oerazione: re = q 1 P q m P + m * Conseguenemene, si deermina il coefficiene di reifica k: re P k = P 1 Quindi si alica k a Pτ, τ < 21

22 I COEFFICIENTI DI RETTIFICA (3) Alcuni esemi (1) Aumeno di caiale a agameno con sovrarezzo CREDITO AGRARIO BRESCIANO Ulima quoazione rima L ( ) Prima quoazione doo L ( ) Raoro di emissione 1 az. ord. : 8 az. ord. Prezzo di emissione L P re = (8* * 6000)/(8+1) = 9612 rezzo reificao k = 9612/10064 = faore di reifica I COEFFICIENTI DI RETTIFICA (4) Alcuni esemi (2) Aumeno grauio di caiale mediane emissione di nuove azioni GENERALI Ulima quoazione "rima" L ( ) Prima quoazione "doo" L ( ) Raoro di emissione 1 az. ord. : 10 az. ord. ossedue grais P re = (33716* *1)/11= rezzo reificao k = 30651/33716 = 0, (faore di reifica) In raica si deve avere P -1 x 10 = P re x 11 22

23 I COEFFICIENTI DI RETTIFICA (5) Alcuni esemi (3) Raggruameno del valore nominale di un'azione MONTEDISON S..A. Ulima quoazione "rima" ord. L ( ) Prima quoazione "doo" ord. L ( ) Raggruameno di: 37 az. ord. (da nominale 1000) er 50 az. ord. Valore nominale = 740 P re = 795.7*50/37= 1075 rezzo reificao k = 1075/ = faore di reifica ://sviluo.aiaf.i/ml/modules.?name=faori_di_reifica I COEFFICIENTI DI RETTIFICA (4) Conseguenze sul calcolo degli indici In definiiva, l indice elemenare er l azione -esima risula: P P0 k dove P 0 è il rezzo base recedene l oerazione In sede di calcolo dell indice sineico, si divide il numero di azioni base er il coefficiene di reifica, al fine di manenere invariaa la onderazione: I L 0 = N = 1 P ( P0 k) ( P0 k) N q0 ( P0 k) k = 1 q0 k = N = 1 P w ( P k)

24 I COEFFICIENTI DI RETTIFICA (5) Conseguenze sul calcolo degli indici Commeni: (1): Il coefficiene di reifica k inerviene, ovviamene, solano in corrisondenza delle azioni riguardani Socieà ce anno effeuao oerazioni in cono caiale. (2): Procedendo in queso modo, non si aggiorna il sisema di onderazione all oerazione effeuaa dalla Socieà sulle azioni. Quesa scela è coerene con la logica di un indice io Laseyres (cioè, a onderazione fissa), e risula uleriormene lausibile alla luce del fao ce si rocede ordinariamene a due revisioni del aniere ogni anno. I COEFFICIENTI DI RETTIFICA (5) Conseguenze sul calcolo degli indici Un esemio fiizio: Nell inervallo ( 1, ), la Socieà B dà corso a un aumeno del caiale, offrendo in ozione agli azionisi nuove azioni, in ragione di 1 azione nuova ogni 2 veccie, al rezzo uniario di Lire 810. emo Socieà A q P Socieà B Q

25 I COEFFICIENTI DI RETTIFICA (5) Conseguenze sul calcolo degli indici (Segue esemio) Indici elemenari al emo +1: er la Socieà A: A P+ 1 A P0 = 1, 2 er la Socieà B: B P+ 1 B P0 B k = 0, 7835 essendo k = P B P q P + m P* 1 P re B 1 B 1 B B B / B 1 = = B q 1+ Bm B 1 0,7922 Indice sineico (base = 100): L 0 I + 1 = 1,2 18,69 + 0, ,31 = 86,1344 File excel Alri uilizzi dei faori di reifica Aricolo 106 del Teso unico delle disosizioni in maeria di inermediazione finanziaria revede ce l'offera sia romossa a un rezzo non inferiore alla media arimeica fra il rezzo medio onderao di mercao degli ulimi dodici mesi e quello iù elevao auio nello sesso eriodo dall'offerene er acquisi di azioni ordinarie. Al fine di oer rocedere al calcolo del rezzo medio onderao degli ulimi dodici mesi occorre uilizzare dai omogenei, relaivi ad un enià aziendale con caraerisice cosani nel emo e, comunque, non modificae da oerazioni di naura sraordinaria (Comunicazione Consob n. DEM/ del ); erano, occorre reificare la serie sorica delle quoazioni er gli evenuali faori di reifica. I faori di reifica ossono essere uilizzai ance er effeuare le necessarie reifice sugli srumeni derivai aveni come soosane l azione ineressaa dall oerazione di naura sraordinaria, al fine di conenere gli effei disorsivi dell eveno ce genera 25

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari. Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari

Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari. Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari Conoscere la Borsa e gli strumenti finanziari Una breve guida al ruolo di Borsa Italiana e alle caratteristiche dei principali strumenti finanziari ALETTI VIEW CERTIFICATE Prima dell'adesione leggere il

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana ***

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana *** LA BORSA ITALIANA DAL 1928 Indice annuale dei corsi della Borsa italiana La serie storica dell indice di borsa dal 2 gennaio 1928 al 3 giugno 213 è stata elaborata a puro titolo indicativo. Essa è stata

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset.

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Indice Chi Siamo Azienda Conte Diamonds 2 Investire in Diamanti 3 Vantaggi dell investimento in Diamanti 5 Il Diamante. Un investimento

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato MERCATI NON CONCORRENZIALI Le iotesi che sorreono lo schema di concorrenza eretta sono: 1. inormazione eretta e comleta er tutti li aenti; 2. rande numero di roduttori e consumatori in ciascun mercato;

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Agenzia Nazionale er le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Studio comarativo tra fabbisogni energetici netti, lato edificio, sia er la climatizzazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

ALEA Tech Reports. I modelli interni per la valutazione del rischio di mercato secondo l approccio del Value at Risk

ALEA Tech Reports. I modelli interni per la valutazione del rischio di mercato secondo l approccio del Value at Risk ALEA Tech Reports I modelli interni per la valutazione del rischio di mercato secondo l approccio del Value at Risk Flavio Bazzana Tech Report Nr. 11 Giugno 2001 Alea - Centro di ricerca sui rischi finanziari

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 CODICE DOCUMENTO REG044/I/BIM (Allegato 1) SOCIETA BANCA INTERMOBILIARE

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Rischio e Volatilità

Rischio e Volatilità 2 Meeting annuale SellaAdvice Trading Rho,, 20 novembre 2004 Rischio e Volatilità Relatore: Maurizio Milano Da dove deve partire un analisi tecnica operativa a supporto di un attività di trading? L elemento

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate)

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate) 6 Collegamento cerniera con iastra d anima (in Plate) 6. Generalità e caratteristiche del collegamento Il collegamento a cerniera con iastra d anima si realizza saldando in oicina una iastra all elemento

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli