FINAL TERMS datati 8 febbraio 2008 MERRILL LYNCH S.A. Emissione fino a Certificati legati all Indice Dow Jones Euro Stoxx 50 (i Certificati )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FINAL TERMS datati 8 febbraio 2008 MERRILL LYNCH S.A. Emissione fino a 150.000 Certificati legati all Indice Dow Jones Euro Stoxx 50 (i Certificati )"

Transcript

1 Di seguito è riportato in lingua italiana il contenuto dei Final Terms (cd. Condizioni Definitive), applicabili agli strumenti finanziari di seguito individuati, fermo restando che (i) il testo di lingua inglese prevarrà in caso di eventuale divergenza con, od omissioni nella, presente traduzione, (ii) ai sensi della vigente normativa applicabile in materia di prospetti, non sussiste alcun obbligo di effettuare, ovvero consegnare, la presente ai potenziali investitori, né di trasmetterla ad alcuna autorità, (iii) la presente traduzione è effettuata esclusivamente al fine di agevolare la lettura da parte dei potenziali investitori del testo in lingua inglese dei Final Terms redatto ai sensi dell Articolo 5.4 della Direttiva sui Prospetti (come di seguito definita), e, in tal senso, (iv) i potenziali investitori sono invitati, ai fini di avere una informativa completa sull'emittente e sull offerta degli strumenti finanziari, di seguito individuati, a leggere attentamente le informazioni contenute nei menzionati Final Terms e nel Prospetto Informativo (come di seguito definito). FINAL TERMS datati 8 febbraio 2008 MERRILL LYNCH S.A. Emissione fino a Certificati legati all Indice Dow Jones Euro Stoxx 50 (i Certificati ) ai sensi del Merrill Lynch S.A. Certificate Programme incondizionatamente e irrevocabilmente garantiti per quanto riguarda il pagamento e l esecuzione delle obbligazioni di Merrill Lynch S.A. da Merrill Lynch & Co., Inc. PARTE A CONDIZIONI CONTRATTUALI L Information Memorandum che segue (completato dai presenti Final Terms) è stato preparato sul presupposto che, salvo per quanto stabilito al sotto-paragrafo (ii) che segue, qualsiasi offerta di Certificati in uno Stato Membro dell Area Economica Europea che ha attuato la Direttiva Prospetti (2003/71/CE) (ognuno, uno Stato Membro Rilevante ) avverrà in virtù di un esenzione, attuata nello Stato Membro Rilevante in questione, dall obbligo di pubblicazione del prospetto per le offerte dei Certificati, previsto dalla Direttiva Prospetti. Pertanto, il soggetto che realizza o intende realizzare l offerta delle Obbligazioni potrà farlo soltanto: (i) (ii) in circostanze in cui non sorga alcuna obbligazione in capo all Emittente od a qualsiasi Manager di pubblicare un prospetto ai sensi dell Articolo 3 della Direttiva Prospetti o un supplemento al prospetto ai sensi dell Articolo 16 della Direttiva Prospetti, in ciascun caso in relazione a tale offerta; o nella Giurisdizione dell Offerta Pubblica di cui al punto 24 della seguente parte A, a condizione che tale soggetto sia uno dei soggetti menzionati nel punto 24 della Parte A che segue e che l offerta si realizzi durante il Periodo di Offerta ivi appositamente specificato. Né l Emittente, né alcun Manager hanno autorizzato, o autorizzano, l effettuazione di alcuna offerta di Certificati in altre circostanze.

2 Resta inteso che i termini utilizzati nel presente documento mantengono lo stesso significato che hanno nel Regolamento contenuto nell Information Memorandum datato 27 settembre 2007, come di volta in volta integrato, i quali costituiscono un prospetto di base ai fini della Direttiva Prospetti (Direttiva 2003/71/CE) (la "Direttiva Prospetti"). Il presente documento costituisce i Final Terms dei Certificati, qui descritti ai fini dell articolo 5.4 della Direttiva Prospetti, e deve essere letto congiuntamente all Information Memorandum, come integrato. Le informazioni complete che riguardano l Emittente e l offerta dei Certificati si ottengono soltanto dalla lettura congiunta dei presenti Final Terms e dell Information Memorandum, come integrato. L'Information Memorandum, i relativi supplementi, i presenti Final Terms e la traduzione italiana della Nota di Sintesi sono disponibili per consultazione, durante il normale orario di lavoro, presso la sede legale dell Emittente e le sedi specificate dei Certificates Agents, e copie degli stessi si possono ottenere da Merrill Lynch Financial Centre, 2 King Edward Street, Londra EC1A 1HQ e sul sito web dell Emittente I riferimenti ai numeri delle Condizioni in questo documento sono gli stessi presenti nel regolamento dei Certificati ed i termini e le espressioni utilizzate nel predetto Regolamento manterranno lo stesso significato anche nei presenti Final Terms, salvo espressa indicazione contraria. 1. Emittente: Merrill Lynch S.A. (l'"offerente") 2. Garante: Merrill Lynch & Co., Inc. 3. Tipo dei Certificati: I Certificati sono Certificati su Indice. 4. Averaging: L Averaging non si applica ai Certificati. 5. Data di Emissione: La data di emissione dei Certificati è il 20 marzo Data di Esercizio: La data di esercizio dei Certificati è il 13 marzo 2012, fermo restando che, qualora la predetta data non sia un Giorno Lavorativo di Esercizio, la Data di Esercizio sarà il Giorno Lavorativo di Esercizio immediatamente successivo. 7. Data di Regolamento: La Data di Regolamento è il giorno (i) 20 marzo 2012 oppure, qualora la data non sia Giorno Lavorativo, il Giorno Lavorativo immediatamente successivo o, se successivo, (2) il quinto Giorno Lavorativo successivo alla Data di Valutazione. 8. Numero di Certificati da emettere: Il numero dei Certificati da emettere è fino a Certificati. 9. Prezzo di Emissione: Il prezzo di emissione per Certificato è pari ad EUR Ammontare del Regolamento in Contanti. Alla Data di Regolamento, salvo che siano rimborsati o acquistati in precedenza (incluso il rimborso al verificarsi di un Evento di Rimborso 2

3 Anticipato, come specificato al paragrafo 21(a) che segue), a seguito del valido esercizio dei Certificati in conformità al Regolamento, ciascun Titolare dei Certificati riceverà l Ammontare del Regolamento in Contanti nella Valuta di Regolamento, che sarà calcolato dall Agente per il Calcolo in base al paragrafo (a) o (b) che segue: (a) qualora non si sia verificato un Evento Barriera, l Ammontare del Regolamento in Contanti per Certificato sarà calcolato dall Agente per il Calcolo secondo la seguente formula: EUR x [100% + Premio di Rimborso] (b) qualora si sia verificato un Evento Barriera, l Ammontare del Regolamento in Contanti per Certificato sarà calcolato dall Agente per il Calcolo secondo la seguente formula: EUR x [100% +{(Xm/Xo) 1}] Dove il Premio di Rimborso indica un importo calcolato dall Agente per il Calcolo secondo la seguente formula: Max[(Xm/Xo) 1; 1 (Xm/Xo)] 11. Centro/i del Giorno Lavorativo: Il Centro del Giorno Lavorativo applicabile agli effetti della definizione di Giorno Lavorativo di cui alla Condizione 4 è Londra. 12. Regolamento: Il regolamento avverrà con pagamento per contanti ("Certificati Regolati in Contanti"). 13. Opzione dell Emittente di variare il Regolamento: L Emittente non ha l opzione di modificare le modalità di Regolamento dei Certificati. 14. Valuta di Regolamento: La valuta di regolamento relativa al pagamento dell Ammontare Regolato in Contanti è l EUR. 15. Nome e Indirizzo dell Agente per il Calcolo: L Agente per il Calcolo è Merrill Lynch International 2 King Edward Street Londra EC1A 1HQ Regno Unito L'Agente per il Calcolo interverrà come un consulente indipendente e non come un agente dell'emittente o dei Titolari dei Certificati. 3

4 Tutti i calcoli e le stime saranno effettuate dall'agente per il Calcolo a sua assoluta discrezione, in buona fede e a condizioni di mercato. Tutti i predetti calcoli così effettuati saranno definitivi e vincolanti per l'emittente e i Titolari dei Certificati (salvo il caso di errore manifesto). L'Agente di Calcolo comunicherà prontamente tali calcoli e stime, i quali saranno definitivi e vincolanti, ai Certificate Agents ed all'emittente. L'Agente di Calcolo non assumerà alcuna responsabilità in relazione a tali calcoli o stime, salvo in caso di colpa grave o mala fede. 16. Borsa/e e Sponsor dell Indice: Ai fini della Condizione 4 e della Condizione 15(A): (a) la Borsa rilevante è definita alla Voce 21(b) che segue; e (b) lo Sponsor dell Indice rilevante è Stoxx Limited; (c) la Valuta dell Indice rilevante è l EUR. 17. Borsa/e Correlata/e: Ai fini della Condizione 4 e della Condizione 15(A), la Borsa Correlata rilevante è l EUREX. 18. Ora di Valutazione: L Ora di Valutazione indica (a) al fine di determinare se si è prodotto un Giorno di Turbativa del Mercato: (i) in relazione ad un Titolo Componente, l Ora della Chiusura Programmata nella Borsa Valori in relazione a tale Titolo Componente e (ii) in relazione ai contratti di opzione o contratti future sull Indice, la chiusura delle contrattazioni nella Borsa Correlata, e (b) in tutti gli altri casi, l ora in cui lo Sponsor dell Indice calcola e pubblica il livello ufficiale dell Indice alla chiusura degli scambi. 19. Ulteriori Eventi di Turbativa: Non applicabile INFORMAZIONI GENERALI 20. Forma dei Certificati I Certificati devono essere emessi a e trasferiti mediante Euroclear e Clearstream, Lussemburgo. Certificato Globale Temporaneo Euroclear/CBL scambiabile con un Certificato Globale Permanente Euroclear/CBL che è scambiabile con Certificati Definitivi con un preavviso di almeno 60 giorni da parte di Euroclear e/o Clearstream, Lussemburgo, a 4

5 seconda dei casi (che agiscono su istruzioni di un titolare del Certificato Globale Permanente Euroclear/CBL). 21. Altre Condizioni Definitive: (a) Rimborso Anticipato Automatico A meno che non siano stati già rimborsati od acquistati e cancellati, qualora ad una Data di Valutazione del Rimborso Anticipato il Livello Ufficiale di Chiusura dell Indice sia pari o superiore al Prezzo di Esercizio Ottimale (un Evento di Rimborso Anticipato ), i Certificati saranno rimborsati automaticamente e integralmente, ma non in parte, alla data di Rimborso Anticipato immediatamente successiva e ciascuno dei Titolari dei Certificati riceverà l Ammontare del Rimborso Anticipato alla Data di Rimborso Anticipato. Data di Valutazione del Rimborso Anticipato Data del Rimborso Anticipato Ammontare del Rimborso Anticipato 13 marzo marzo 2009 EUR marzo marzo 2010 EUR marzo marzo 2011 EUR (b) Definizioni: Ai fini dei presenti Final Terms, si applicheranno le seguenti definizioni in aggiunta alle definizioni generali contenute nella Condizione 4: Un Evento Barriera si verificherà qualora l Agente per il Calcolo determini che il Livello Ufficiale di Chiusura dell Indice in un Giorno di Negoziazione Programmato durante il Periodo di Osservazione sia inferiore al Livello di Barriera; Livello Barriera indica il cinquantacinque per cento (55%) del Prezzo di Esercizio Ottimale; Ammontare del Rimborso Anticipato indica l importo per Certificato che ciascuno dei Titolari dei Certificati ha diritto di ricevere alla Data di Rimborso Anticipato nella Valuta di Regolamento, come specificato nella tabella di cui sopra alla voce Ammontare del Rimborso Anticipato ; Data di Rimborso Anticipato indica ciascuna data elencata nella tabella di cui sopra alla voce Data di Rimborso Anticipato a condizione che, qualora tale data non sia un Giorno Lavorativo, la Data di Rimborso Anticipato sia il Giorno Lavorativo immediatamente successivo; Data di Valutazione del Rimborso Anticipato indica ciascuna data elencata nella tabella di cui 5

6 sopra alla voce Data di Valutazione del Rimborso Anticipato, a meno che, secondo l opinione dell Agente per il Calcolo, tale giorno sia un Giorno di Turbativa, nel qual caso la Data di Valutazione del Rimborso Anticipato sarà il primo Giorno di Negoziazione Programmato successivo che non sia un Giorno di Turbativa relativo all Indice, a meno che ciascuno degli otto Giorni di Negoziazione Programmati immediatamente successivi alla Data di Valutazione del Rimborso Anticipato sia un Giorno di Turbativa relativo all Indice. In quest ultimo caso, (i) tale ottavo Giorno di Negoziazione Programmato sarà considerato essere la Data di Valutazione del Rimborso Anticipato malgrado tale giorno sia un Giorno di Turbativa, e (ii) l Agente per il Calcolo, agendo in buona fede, determinerà il livello dell Indice utilizzando il livello dell Indice all Ora di Valutazione di tale Giorno di Negoziazione Programmato, in conformità (subordinatamente alla Condizione 15(A)(2)) alla formula per ed al metodo di calcolo di tale Indice in vigore prima del verificarsi del primo Giorno di Turbativa, utilizzando il prezzo di scambio o di quotazione della Borsa all Ora di Valutazione di tale ottavo Giorno di Negoziazione Programmato di ciascun titolo che componga tale Indice (o, qualora si sia verificato un evento che dà luogo ad un Giorno di Turbativa in relazione al titolo del caso in tale ottavo Giorno di Negoziazione Programmato, secondo la propria stima in buona fede del valore del titolo del caso all Ora di Valutazione di tale ottavo Giorno di Negoziazione Programmato); "Indice" indica il Dow Jones Euro Stoxx 50 (Price) Index, un indice ponderato in base alla capitalizzazione di mercato di 50 titoli azionari europei di prim ordine (blue chips) dei Paesi che partecipano all UME. Nel calcolo dell indice vengono utilizzate le azioni del flottante negoziabile di borsa. L indice è stato creato con un livello di base pari a 1000 al 31 dicembre 1991; Periodo di Osservazione indica ciascun Giorno di Negoziazione Programmato dal 20 giugno 2008 (escluso) alla Data di Valutazione (inclusa). Ai soli fini di determinare se si sia verificato un Evento Barriera, qualora un Giorno di Negoziazione Programmato sia un Giorno di Turbativa, come determinato dall Agente per il Calcolo, l Agente per il Calcolo determinerà se un Evento Barriera si sia verificato o meno in tale Giorno di Negoziazione Programmato, con 6

7 riguardo alle condizioni di mercato allora prevalenti ed agli altri fattori che l Agente per il Calcolo consideri rilevanti. Livello Ufficiale di Chiusura indica il livello di chiusura dell Indice, come quotato alla pagina Bloomberg SX5E<Index><Go>. Se un Livello Ufficiale di Chiusura non è pubblicato sulla pagina Bloomberg rilevante di cui sopra, l Agente per il Calcolo può, a sua esclusiva discrezione, utilizzare una pagina/pubblicazione sostitutiva o alternativa, come riterrà più indicato. Periodo di Osservazione dell Esercizio Ottimale indica ciascun Giorno di Negoziazione Programmato durante il periodo tra la Data di Emissione ed il 20 giugno 2008, inclusi. Qualora tale giorno sia un Giorno di Turbativa, il Livello Ufficiale di Chiusura dell Indice per tale giorno sarà il Livello Ufficiale di Chiusura dell Indice del Giorno di Negoziazione Programmato precedente che non sia un Giorno di Turbativa. Prezzo di Esercizio Ottimale indica il Livello Ufficiale di Chiusura più basso dell Indice durante il periodo di Osservazione dell Esercizio Ottimale; Xm indica il Prezzo di Regolamento, come definito nella Condizione 4 dell'offering Circular; Xo indica il Prezzo di Esercizio Ottimale. Modifiche della Condizione 4 e della Condizione 15 dell'offering Circular: La Condizione 4 e la Condizione 15 sono modificate sostituendo le definizioni di Giorno di Turbativa, Chiusura Anticipata, Borsa Valori, Turbativa di Borsa, Evento di Turbativa del Mercato, Ora Programmata di Chiusura, Giorno di Negoziazione Programmato e Turbativa della Negoziazione con le seguenti, ove applicabile: Giorno di Turbativa indica qualunque Giorno di Negoziazione Programmato in cui (a) lo Sponsor ometta di pubblicare il livello dell Indice, (b) una Borsa Correlata non sia aperta alle contrattazioni durante la normale sessione di scambio oppure (c) si sia verificato un Evento di Turbativa del Mercato. Chiusura Anticipata indica la chiusura, in un qualunque Giorno Lavorativo di Borsa, della Borsa Valori in relazione ad un Titolo Componente oppure della Borsa Correlata prima della sua Ora di 7

8 Chiusura Programmata, a meno che detta chiusura anticipata non sia preannunciata dalla Borsa Valori o dalla Borsa Correlata in questione, a seconda dei casi, almeno con un ora di anticipo sul primo tra (a) l effettiva ora di chiusura della normale sessione degli scambi in detta Borsa Valori o Borsa Correlata, a seconda dei casi, in detto Giorno Lavorativo di Borsa e (b) il termine ultimo per la presentazione degli ordini da inserire, al fine di esecuzione, nel sistema della Borsa Valori o Borsa Correlata rilevante all Ora di Valutazione rilevante in quel Giorno Lavorativo di Borsa. Borsa Valori indica, con riferimento a ciascun titolo componente l Indice (ognuno, un "Titolo Componente"), la borsa valori principale sulla quale il Titolo Componente è prevalentemente scambiato, secondo quanto stabilito dall Agente per il Calcolo. Turbativa di Borsa indica un qualunque evento (diverso dalla Chiusura Anticipata) che sconvolga od ostacoli in generale (a giudizio dell Agente per il Calcolo) la capacità degli operatori sul mercato di effettuare le operazioni oppure di ottenere i valori di mercato nei confronti di (a) qualunque Titolo Componente in tale Borsa Valori in relazione a detto Titolo Componente oppure (b) contratti future o contratti di opzione relativi all Indice su qualunque Borsa Correlata. Evento di Turbativa del Mercato indica: (a) l insorgere o la sussistenza, per quanto riguarda un Titolo Componente, di: (A) una Turbativa della Negoziazione che interessa il Titolo Componente, ritenuta importante dall Agente per il Calcolo, in qualunque momento durante l ora che termina all Ora di Valutazione rilevante nella Borsa Valori in cui detto Titolo Componente è principalmente negoziato; (B) una Turbativa di Borsa che interessa detto Titolo Componente, ritenuta importante dall Agente per il Calcolo, in qualunque momento durante l ora che termina con l Ora di Valutazione rilevante nella Borsa Valori in cui detto Titolo Componente è principalmente negoziato; oppure 8

9 (C) una Chiusura Anticipata per il Titolo Componente, reputata rilevante dall Agente per il Calcolo; e (b) (c) l insieme di tutti i Titoli Componenti rispetto ai quali la Turbativa del Mercato, la Turbativa di Borsa o la Chiusura Anticipata che si verificano o sono in essere interessano il 20% o più del livello dell Indice; oppure il prodursi o l'esistenza, per quanto riguarda i contratti future o di opzione attinenti all Indice di: (i) una Turbativa della Negoziazione in qualunque momento durante l ora che termina con l Ora di Valutazione in una Borsa Correlata, (ii) una Turbativa di Borsa in qualunque momento dell ora che termina all Ora di Valutazione in una Borsa Correlata oppure (iii) una Chiusura Anticipata, in ciascun caso relativa a detti contratti future o di opzione, che l Agente per il calcolo reputi rilevante. Agli effetti della determinazione dell'esistenza dell Evento di Turbativa del Mercato che interessi un Titolo Componente in qualunque momento, qualora l evento che dà origine all Evento di Turbativa del Mercato interessi tale Titolo Componente in quel momento, il relativo contributo in percentuale di detto Titolo Componente al livello dell Indice risulterà dal confronto tra (i) la parte del livello dell Indice pertinente a detto titolo o Titolo Componente, e (ii) il livello complessivo dell Indice, utilizzando, in ciascun caso, i valori ponderati ufficiali di apertura pubblicati dallo Sponsor nel quadro dei dati di apertura del mercato. Ora Programmata di Chiusura indica, in relazione ad una Borsa Valori o Borsa Correlata e ad un Giorno di Negoziazione Programmato, l ora programmata della chiusura in un giorno feriale di detta Borsa Valori o Borsa Correlata in tale Giorno di Negoziazione Programmato, senza considerare l after hours o gli altri scambi che si realizzino fuori dal normale orario della sessione di negoziazione. Giorno di Negoziazione Programmato indica qualunque giorno in cui è previsto che (i) lo Sponsor dell Indice pubblichi il livello dell Indice, e (ii) la Borsa Correlata sia aperta alla negoziazione 9

10 durante le sue normali sessioni di scambio. Turbativa della Negoziazione indica qualunque sospensione o limitazione imposta alla negoziazione da parte della Borsa Valori rilevante o Borsa Correlata, a seconda dei casi, o ad altro titolo, per ragioni di movimenti dei prezzi che superano i limiti consentiti dalla Borsa Valori rilevante o Borsa Correlata o comunque riguardante (a) un Titolo Componente nella Borsa Valori, con riferimento a detto Titolo Componente oppure (b) i contratti future o di opzione relativi all Indice nella Borsa Correlata. DISTRIBUZIONE 22. Sindacazione: I Certificati saranno distribuiti su base non sindacata. 23. Commissione e concessione complessiva: Una commissione percentuale dell importo nozionale collocato dal Collocatore durante il Periodo di Offerta sarà pagata al Collocatore in relazione all offerta, pagabile alla Data di Emissione. Tale commissione sarà pari ad un importo fino 6,20% per i primi EUR , eventualmente collocati dal Collocatore, ed ad una percentuale, da determinarsi tenendo conto della commissione già pagata per i primi EUR ed in base alle condizioni di mercato prevalenti, sui successivi EUR eventualmente collocati dal Collocatore. Ulteriori informazioni sono disponibili su richiesta al Collocatore. 24. Offerta non esente: Un'offerta di Certificati può essere effettuata attraverso Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. (con sede in Piazza Velasca, 7/9, 20122, Milano, Italia) (il Collocatore ) oltre che ai sensi dell Articolo 3(2) della Direttiva Prospetti in Italia (la Giurisdizione dell Offerta Pubblica ) nel periodo compreso tra il giorno 8 febbraio 2008 e il 10 marzo 2008 (il Periodo di Offerta ). Si veda il Paragrafo 5 della Parte B che segue. A scopo di chiarimento, Merrill Lynch International non agirà come collocatore. 10

11 25. Limitazioni di vendita aggiuntive: Repubblica Italiana Fino a quando i Certificati non sono stati registrati, e fino a quando l'offerta di Certificati non è stata registrata (si veda inoltre il Paragrafo 5 della Parte B seguente) ai sensi della legislazione italiana sui titoli non potrà essere offerto, venduto o consegnato alcun Certificato, né potranno essere distribuite copie dei Final Terms o di qualunque altro documento connesso ai Certificati, nella Repubblica Italiana, tranne che: (i) ad investitori qualificati, secondo la definizione dell articolo 100 del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 e successive modificazioni (il "Testo Unico delle Disposizioni in Materia di Intermediazione Finanziaria") e la normativa regolamentare CONSOB di attuazione e successive modificazioni e integrazioni e dall art. 2 della Direttiva 4 novembre 2003 n. 2003/71/CE; oppure (ii) in altre circostanze esenti ai sensi delle norme sulla sollecitazione all'investimento di cui all articolo 100 del Testo Unico delle Disposizioni in Materia di Intermediazione Finanziaria e dell articolo 33, paragrafo primo, del Regolamento CONSOB del 14 maggio 1999, n , e successive modificazioni e integrazioni (il Regolamento n ). Qualunque offerta, vendita o consegna dei Certificati o distribuzione di copie dei Final Terms o di qualunque altro documento connesso ai Certificati, nella Repubblica Italiana di cui ai precedenti punti (i) o (ii) deve: (a) essere realizzata da una società d investimento, istituto bancario o intermediario finanziario autorizzato a svolgere le suddette attività nella Repubblica Italiana in conformità con il Testo Unico delle Disposizioni in Materia di Intermediazione Finanziaria, con il Regolamento CONSOB del 29 ottobre 2007 n (come modificato) e il Decreto Legislativo 1 settembre 1993 n. 385 e successive modificazioni (il "Testo Unico delle Leggi in materia Bancaria e Creditizia"); e (b) ottemperare all articolo 129 del Testo Unico delle Leggi in materia Bancaria e Creditizia, come modificato, e alle norme attuative della Banca d Italia, di volta in volta modificate, in virtù delle quali la Banca d Italia può richiedere informazioni sull'emissione o sull'offerta dei titoli nella Repubblica Italiana; e (c) ottemperare ad ogni altra vigente legge e normativa applicabile o requisiti imposti dalla CONSOB o altra autorità italiana. 11

12 SCOPO DEI FINAL TERMS I presenti Final Terms includono le condizioni definitive necessarie per l emissione e l offerta pubblica in Italia e l ammissione alle negoziazioni su Borsa Italiana e sull'official List della Luxembourg Stock Exchange dei Certificati descritti nel presente documento ai sensi del Certificate Programme di Merrill Lynch S.A. RESPONSABILITÀ Fatto salvo quanto disposto di seguito, l Emittente e il Garante si assumono la responsabilità delle informazioni contenute nei presenti Final Terms. Le informazioni concernenti l Indice contenute in questo documento sono state estratte da Bloomberg Financial Markets. L Emittente e il Garante si assumono la responsabilità in ordine all esattezza di tale estrazione, ma non accettano ulteriori o altre responsabilità relativamente alle predette informazioni. Firmato per conto dell Emittente: Da: Legale rappresentante 12

13 PARTE B ALTRE INFORMAZIONI 1. QUOTAZIONE E AMMISSIONE ALLA NEGOZIAZIONE (i) Quotazione: Luxembourg Stock Exchange e Borsa Italiana (ii) Ammissione alle negoziazioni: È stata presentata domanda di ammissione alla negoziazione per i Certificati sulla Luxembourg Stock Exchange, con effetto a partire dalla Data di Emissione o da una data ad essa prossima. Sarà presentata inoltre domanda di ammissione alla negoziazione su Borsa Italiana per i Certificati; non si può tuttavia assicurare che tale domanda di ammissione sarà accolta. 2. INTERESSI DELLE PERSONE FISICHE E GIURIDICHE COINVOLTE NELL EMISSIONE Per quanto è dato di sapere all Emittente, fatta eccezione per le commissioni da corrispondere ai Manager, nessun soggetto coinvolto nell emissione dei Certificati ha interessi rilevanti nell offerta. 3. RAGIONI DELL OFFERTA, STIMA DEI PROVENTI NETTI E SPESE TOTALI (i) Ragioni dell offerta: L Emittente intende utilizzare i proventi netti di ciascuna emissione di Certificati per scopi societari generali. Una parte considerevole dei proventi può essere utilizzata per coprire i rischi di mercato relativi ai Certificati. (ii) Proventi netti stimati: Fino ad EUR PERFORMANCE DELL INDICE, SPIEGAZIONE DELL EFFETTO SUL VALORE DELL INVESTIMENTO E RISCHI ASSOCIATI E ALTRE INFORMAZIONI CONCERNENTI L INDICE L andamento passato e futuro e la volatilità dell Indice sono disponibili nell Allegato 2 e possono essere ottenuti su Bloomberg Financial Systems alla pagina SX5E<Index><Go>. 5. TERMINI E CONDIZIONI DELL OFFERTA 13

14 Prezzo di Offerta: Condizioni cui è soggetta l offerta: Descrizione della procedura di offerta: Il Prezzo di Offerta è pari ad EUR per Certificato. Quanto alle commissioni pagabili, si prega di fare riferimento al paragrafo 23 di cui sopra Commissione e Concessione Complessiva. Le offerte dei Certificati sono subordinate all emissione degli stessi. L emittente si riserva il diritto di non emettere i Certificati. Il Periodo di Offerta (come di seguito definito) inizierà alle ore 8:00 (fuso orario dell Europa Centrale) dell 8 febbraio 2008 e si concluderà alle ore 17:00 (fuso orario dell Europa Centrale) del 10 marzo Durante il suddetto periodo (il Periodo di Offerta ), gli investitori individuali possono aderire all offerta durante il normale orario lavorativo della Giurisdizione dell Offerta Pubblica. Il Prospetto di Base, unitamente alla traduzione della Nota di Sintesi, saranno a disposizione degli investitori presso gli uffici del Collocatore. I Certificati saranno collocati in Italia dal Collocatore. L assegnazione dei Certificati agli investitori interessati sarà gestita e coordinata dal Collocatore, subordinatamente alle disposizioni che seguono. I Certificati saranno collocati in Italia senza alcun impegno di sottoscrizione da parte del Collocatore o di Merrill Lynch International (il Manager ). Durante il Periodo di Offerta nessun terzo ha assunto impegni di garanzia della sottoscrizione dei Certificati. Un potenziale Titolare dei Certificati dovrebbe contattare il Collocatore nella relativa Giurisdizione dell Offerta Pubblica prima del termine del Periodo di Offerta. Un potenziale Titolare dei Certificati sottoscriverà i Certificati mediante la sottoscrizione della scheda di adesione del Collocatore per i Certificati. Tale scheda di adesione deve essere specifica per i Certificati e redatta secondo gli accordi in essere tra il Collocatore ed i suoi clienti in relazione alla sottoscrizione di titoli in generale. I potenziali investitori non saranno tenuti a stipulare alcun accordo contrattuale direttamente con 14

15 l Emittente o con il Manager relativi alla sottoscrizione dei Certificati. A scopo di chiarimento, nessuna operazione relativa ai Certificati potrà avere luogo prima della Data di Emissione. Informazioni relative all ammontare minimo e/o massimo della sottoscrizione: Non vi sono criteri di assegnazione prestabiliti. Tutti i Certificati richiesti dagli investitori durante il Periodo di Offerta saranno assegnati fino a concorrenza dell ammontare massimo dell offerta destinata ai potenziali Titolari dei Certificati (ossia fino all ammontare di Certificati). Qualora, durante il Periodo di Offerta, le richieste eccedano l ammontare dell offerta destinato ai potenziali Titolari dei Certificati fino a concorrenza di Certificati, l accettazione di ulteriori richieste sarà sospesa immediatamente. Alla chiusura del Periodo di Offerta, qualora, in deroga a quanto sopra, sia sottoscritto un ammontare di Certificati superiore all ammontare massimo, il Manager comunicherà al Collocatore l importo dei loro lotti. In tal caso, il Collocatore comunicherà ai potenziali investitori l ammontare dei Certificati da allocare. Il Manager adotterà criteri di assegnazione che assicurino il trattamento equo dei potenziali investitori. Descrizione della possibilità di ridurre le sottoscrizioni e modalità di rimborso dell importo in eccesso pagato dai potenziali investitori: Non applicabile 15

16 Dettagli relativi alla metodologia e ai limiti temporali per il pagamento e per la consegna dei Certificati: Modalità e data di comunicazione al pubblico dei risultati dell offerta: Procedura per l esercizio di diritti di prelazione, negoziabilità di diritti di sottoscrizione e trattamento dei diritti di sottoscrizione non esercitati: Categorie dei potenziali investitori cui i Certificati sono offerti e Paesi ai quali una o più tranche siano eventualmente state riservate: Processo di notifica ai potenziali investitori dell importo assegnato e indicazione della possibilità o meno di iniziare le negoziazioni prima che sia effettuata la notifica: Importo di eventuali spese e tasse specificatamente a carico del sottoscrittore o dell acquirente: Nell'ambito dell'offerta pubblica, gli investitori saranno informati dal Collocatore delle loro assegnazione di Certificati e dei relativi accordi di regolamento. I Certificati saranno emessi alla Data di Emissione contro pagamento all Emittente degli importi di sottoscrizione netti. I risultati dell'offerta saranno pubblicati sul sito internet del Collocatore (www.allianzbank.it) dopo la chiusura del periodo di offerta e prima della data di emissione. Non Applicabile L Offerta si rivolge, nella Giurisdizione dell Offerta Pubblica, a qualsiasi soggetto. In altri paesi dello Spazio Economico Europeo, saranno effettuate offerte soltanto ai sensi di un esenzione prevista dalla Direttiva Prospetti, come attuata in tali Paesi. Qualsiasi investitore che non si trovi nella Repubblica Italiana dovrà contattare il proprio consulente finanziario per ulteriori informazioni e potrà acquistare i Certificati soltanto dal proprio consulente finanziario, banca o intermediario finanziario. Non Applicabile Per il regime fiscale applicabile nella Giurisdizione dell Offerta Pubblica, si faccia riferimento all Allegato 3 che segue. 6. INFORMAZIONI RELATIVE ALL OPERAZIONE (i) Codice ISIN: XS (ii) Common Code: (iii) Sistema/i di Gestione Accentrata: (iv) Altro od altri Sistemi di Gestione Accentrata diversi Euroclear Bank S.A./N.V. e Clearstream Banking, société anonyme Monte Titoli qualora richiesto da Borsa Italiana S.p.A. in connessione con la quotazione dei 16

17 da Euroclear Bank S.A./N.V. e Clearstream Banking, société anonyme, Clearstream Banking AG, Frankfurt am Main e relativo o relativi numeri di identificazione: Certificati sul proprio mercato regolamentato. 17

18 ALLEGATO 1 Dow Jones Euro Stoxx 50 (Price) Index STOXX e Dow Jones non hanno altri legami con Merrill Lynch & Co., Inc. al di fuori della licenza d uso del Dow Jones Euro Stoxx 50 (Price) Index e dei marchi correlati per quanto riguarda i Titoli. STOXX e Dow Jones non: Sponsorizzano, approvano, vendono o promuovono i Titoli. Raccomandano ad alcun soggetto di investire nei Titoli o in altri titoli. Hanno alcuna responsabilità nell assunzione di decisioni in ordine alla scelta delle tempistiche, dell ammontare o del prezzo dei Titoli. Hanno alcuna responsabilità od obbligo di amministrazione, gestione o commercializzazione dei Titoli. Tengono conto delle esigenze connesse ai Titoli o dei portatori dei Titoli nella determinazione, composizione o calcolo del Dow Jones Euro Stoxx 50 (Price) Index, né hanno alcun obbligo di fare ciò. STOXX e Dow Jones non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i Titoli. In particolare, STOXX e Dow Jones non rilasciano alcuna garanzia, espressa o implicita e rigettano qualunque garanzia per: o o o I risultati che dovranno ottenere i Titoli, il portatore dei Titoli e qualunque soggetto terzo in relazione all utilizzo del Dow Jones Euro Stoxx 50 (Price) Index e dei dati ivi inclusi. Esattezza o completezza del Dow Jones Euro Stoxx 50 (Price) Index e relativi dati. Commerciabilità e idoneità per un particolare scopo o impiego del Dow Jones Euro Stoxx 50 (Price) Index e dei relativi dati. STOXX e Dow Jones non saranno responsabili di errori, omissioni o interruzioni del Dow Jones Euro Stoxx 50 (Price) Index o dei relativi dati e in nessun caso STOXX e Dow Jones saranno responsabili per mancato guadagno o per danni o perdite indiretti, punitivi, speciali o consequenziali, anche se STOXX e Dow Jones fossero a conoscenza di tali eventualità. 18

19 ALLEGATO 2 DATI STORICI Le informazioni sul Dow Jones Euro Stoxx (Price) Index contenute nel presente Allegato 2 (Dati storici) sono desunte da Bloomberg Financial Systems o da altre fonti di informazioni disponibili. L Emittente conferma che dette informazioni sono state accuratamente riprodotte e, per quanto gli è dato di sapere ed è in grado di accertare dalle fonti di informazioni pubbliche, non è stato omesso alcun fatto tale da rendere inesatte o fuorvianti le informazioni riprodotte. Né l Emittente né il Collocatore si assumono ulteriori responsabilità per dette informazioni. Le informazioni che seguono non implicano alcuna dichiarazione da parte dell Emittente, dell Agente per il Calcolo o del Collocatore oppure di qualunque altro soggetto in merito all esattezza delle informazioni. Dow Jones Euro Stoxx (Price) Index Il livello del Dow Jones Euro Stoxx (Price) Index sarà a disposizione alla pagina di Bloomberg SX5E<Index><GO>. Livelli recenti e livelli storici del Dow Jones Euro Stoxx (Price) Index Massimo Minimo , , , , , , ,15 Agosto , ,33 Settembre , ,45 Ottobre , ,24 Novembre , ,58 Dicembre , ,34 Gennaio , ,99 Il livello del Dow Jones Euro Stoxx (Price) Index al 31 gennaio 2008 era EUR 3.792,80. 19

20 ALLEGATO 3 TRATTAMENTO FISCALE DEI CERTIFICATI IN ITALIA Le informazioni di seguito riportate riassumono la legislazione italiana e la prassi vigente in relazione al regime fiscale applicabile ai Certificati. Le indicazioni di seguito riportate si basano sulle leggi vigenti in Italia alla data di redazione del presente Prospetto di Basee sono soggette ad ogni variazione normativa intervenuta dopo tale data, variazione che potrebbe avere anche effetto retroattivo. Il seguente paragrafo non intende offrire un quadro completo ed esaustivo di tutti i profili fiscali che potrebbero rilevare al fine di valutare la sottoscrizione, l'acquisto, il possesso o la cessione dei Certificati. Non è altresì descritto il regime fiscale applicabile a tutte le possibili categorie di investitori, alcuni dei quali (come ad esempio gli intermediari istituzionali) potrebbero essere soggetti a regimi speciali. I potenziali investitori sono invitati a rivolgersi ai propri consulenti fiscali per valutare accuratamente le conseguenze che possono derivare dalla sottoscrizione, dall'acquisto, dal possesso e dalla cessione dei Certificati. In tal senso si segnala che il Governo Italiano potrebbe a breve essere autorizzato dal Parlamento a modificare il regime fiscale applicabile ai redditi di capitale ed ai redditi diversi di natura finanziaria. Tale modifica potrebbe incidere sul regime fiscale dei Certificati. Tassazione dei Certificati Ai sensi dell'art. 67 del D.P.R. 22 Dicembre 1986 n. 917 (TUIR), e del Decreto Legislativo 21 Novembre 1997 n. 461, se l'investitore è residente in Italia ed è (i) una persona fisica che non svolge un'attività d'impresa alla quale i Certificati siano connessi; (ii) una società di persone o un'associazione di cui all'art. 5 del TUIR, che non svolga attività commerciale (con l'esclusione delle società in nome collettivo, in accomandita semplice e di quelle ad esse equiparate); (iii) un ente privato o pubblico, diverso dalle società, che non abbia per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciale; o (iv) un soggetto esente dall'imposta sul reddito delle persone giuridiche, le plusvalenze derivanti dalla cessione o dal rimborso dei Certificati sono soggetti ad un'imposta sostitutiva ad aliquota pari al 12.5%. Il beneficiario può optare per i tre diversi criteri di applicazione dell'imposta sostitutiva di seguito elencati: (1) Secondo il cosiddetto "regime della dichiarazione", che è il regime fiscale applicabile in via residuale ed in assenza di opzione per gli altri regimi impositivi, alle suddette tipologie di investitori, l imposta sostitutiva è applicata cumulativamente sull'importo complessivo delle plusvalenze, al netto delle eventuali minusvalenze, realizzate in relazione a tutte le vendite o i rimborsi dei Certificati effettuati nel corso di un determinato periodo di imposta. Tali investitori sono tenuti ad indicare le plusvalenze complessive - realizzate nel periodo di imposta, al netto delle relative minusvalenze - nella dichiarazione annuale dei redditi ed a versare la relativa imposta sostitutiva, unitamente alle altre imposte sui redditi dovute per il medesimo periodo d'imposta. Se, in relazione allo stesso periodo d'imposta, le minusvalenze sono superiori alle plusvalenze, l'eccedenza è riportata in deduzione dalle plusvalenze realizzate nei quattro periodi di imposta successivi. (2) In alternativa al regime della dichiarazione, i suddetti investitori possono optare per l'applicazione dell imposta sostitutiva sulle plusvalenze realizzate in occasione di ciascuna vendita o rimborso dei Certificati, nell'ambito del cosiddetto "regime del risparmio amministrato". Questo regime è applicabile a condizione che: (i) i 20

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Termine di sottoscrizione 24 aprile 2015 ore 16:00 CET

Termine di sottoscrizione 24 aprile 2015 ore 16:00 CET Termsheet (Indication) Defender Vonti +41 (0)58 283 78 88 oppure www.derinet.ch DENOMINAZIONE ASPS: BARRIER REVERSE CONVERTIBLE (1230) 4.55% (4.50% p.a.) Defender Vonti su Gold (Troy Ounce) DESCRIZIONE

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000»

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000» Sede legale e amministrativa: Via Venti Settembre, 30 00187 Roma Tel. 06.4771.1 Fax 06. 4771.5952 Sito internet: www.dexia-crediop.it n iscrizione all Albo delle Banche: 5288 Capogruppo del Gruppo bancario

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

5.25% p.a. Barrier Reverse Convertible su Basilea Pharmaceutica Osservazione continua della barriera

5.25% p.a. Barrier Reverse Convertible su Basilea Pharmaceutica Osservazione continua della barriera Termsheet indicativo del' 23.04.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 Imposta preventiva 5.25% p.a. Barrier Reverse Convertible su Basilea

Dettagli

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

5.70% p.a. Barrier Reverse Convertible su ABB Osservazione continua della barriera

5.70% p.a. Barrier Reverse Convertible su ABB Osservazione continua della barriera Termsheet indicativo del' 23.04.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 Imposta preventiva 5.70% p.a. Barrier Reverse Convertible su ABB

Dettagli

10.00% p.a. Multi Barrier Reverse Convertible su ABB, Holcim, OC Oerlikon Osservazione continua della barriera Rimborso anticipato a discrezione

10.00% p.a. Multi Barrier Reverse Convertible su ABB, Holcim, OC Oerlikon Osservazione continua della barriera Rimborso anticipato a discrezione Termsheet indicativo del' 26.06.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 Imposta preventiva 10.00% p.a. Multi Barrier Reverse Convertible

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230. Report dei prodotti del' 23.04.

Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230. Report dei prodotti del' 23.04. Report dei prodotti del' 23.04.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 7.00% p.a. Multi Barrier Reverse Convertible su Carrefour, Nestlé,

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Il presente modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia delle classi di azioni dei comparti dell OICVM Dexia Quant, Società d investimento a capitale variabile di diritto Lussemburghese

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

I. DESCRIZIONE DEL PRODOTTO. Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 Imposta preventiva

I. DESCRIZIONE DEL PRODOTTO. Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 Imposta preventiva Termsheet del' 08.07.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 Imposta preventiva 11.00% p.a. Multi Barrier Reverse Convertible su BMW, Daimler,

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli