PLEIADI - periodico quadrimestrale spedizione AP 70% - Sondrio n.46 - aprile pag. pag. pag. pag. 17 ATLETICA: PROF. PAOLO BIGLIOLI COPPA EUROPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PLEIADI - periodico quadrimestrale spedizione AP 70% - Sondrio n.46 - aprile 2007. pag. pag. pag. pag. 17 ATLETICA: PROF. PAOLO BIGLIOLI COPPA EUROPA"

Transcript

1 PLEIADI - periodico quadrimestrale spedizione AP 70% - Sondrio n.46 - aprile 2007 pag. 6 SPECIALSOCIO pag. INTERVISTA AL VENT ANNI DI MOSTRE PROF. PAOLO BIGLIOLI 17 ATLETICA: pag. pag. COPPA EUROPA 18 24

2 sommario pag Editoriale Gruppo Credito Valtellinese: il valore dell autonomia 6. Specialsocio Piano strategico Aumento di capitale. Il titolo Credito Valtellinese entra nel Midex. Dati economici al Nuovi Prodotti Nasce CrevalHedge nasce CrevalHedge pag Flash Economia Correzione dei mercati azionari ma l economia mondiale tiene 17. Sport Coppa Europa di Atletica leggera 18. Personaggi Intervista al Prof. Paolo Biglioli Nardi Elettrodomestici pag L azienda del Mese Nardi elettrodomestici 22. Imprese e Mercati La conformità alle norme: fattore competitivo e di crescita dell impresa 24. Gallerie Creval 20 anni di Mostre 26. Focus Arte Le Mostre Le Mostre pag Promozione del Territorio Gruppo bancario Golf Cup Eventi Speciali Campionato di giornalismo 30. Riconoscimenti Importanti attestati per il Creval 31. La Banca nel Sociale Cultura, sport campionato di giornalismo PLEIADI periodico quadrimestrale del Gruppo bancario Credito Valtellinese spedizione AP 70% - Sondrio - n aprile 2007 Autorizz. del Trib. di Sondrio n. 167 del 15 gennaio 1985 Fascicolo impaginato da Roberto Conti e stampato da Arti Grafiche Ramponi - Sondrio Indirizzo: redazione Pleiadi c/o Direzione Mercato Piazza Quadrivio Sondrio. Stampato in copie. 35. L Edicola Rassegna Stampa In copertina: Valle di Cancano in Valdidentro (So) Direttore responsabile: Mario Cotelli Responsabili di redazione: Michele De Dosso, Roberto Grazioli Comitato di redazione: Paolo Baroli, Michela Beltrama, Attilio Bertini, Tiziana Colombera, Giovanni De Agostini, Stefania De Luis, Alberto Della Penna, Miro Fiordi, Cinzia Franchetti, Michele Gusmeroli, Stefano Maggioni, Renè Paniga, Vittorio Pontoni, Raffaella Premoli, Cristina Quadrio Curzio, Enzo Rocca, Antonio Spartà.

3 EDITORIALE Gruppo Credito Valtellinese: il valore dell autonomia Giovanni De Censi - Presidente del Credito Valtellinese La nuova dinamica del sistema bancario italiano Il sistema bancario del nostro Paese è entrato in una nuova fase caratterizzata da diversi eventi che ne modificano le caratteristiche in modo sostanziale. In particolare: 1. l accelerazione del processo di concentrazione, che ha conosciuto nel corso del 2006 e all inizio del 2007 episodi molto significativi; 2. l attenzione posta dalla Commissione europea e dall Autorità Antitrust italiana (che ha concluso dopo un anno l indagine conoscitiva avviata il 1 febbraio 2006) ai temi relativi ai costi dei servizi bancari, alla trasparenza e confrontabilità dell offerta, agli ostacoli alla mobilità dei rapporti di conto tra aziende di credito e, più in generale, alla qualità complessiva dei prodotti e servizi proposti alla clientela; 3. l intervento pregnante del legislatore, anche sotto forma di decreti legge, in un ottica di protezione del consumatore e di controllo su ipotesi di oligopolio collusivo tra gli intermediari. Si afferma un nuovo paradigma di riferimento che cerca di affrontare i sintomi dell incertezza sistemica. Siamo chiamati a confrontarci, sulla base delle nostre capacità e delle strategie operative delineate nel nuovo Piano strategico , con uno scenario in continua evoluzione che presenta anche importanti opportunità da cogliere. In questo quadro, la determinazione e la consapevolezza nei nostri mezzi costituiscono il presupposto per affrontare il mercato con fiducia. L aumento di capitale Al fine di accrescere la presenza competitiva del Gruppo sul mercato, la politica del patrimonio ha costituito lo strumento per noi più idoneo a finanziare il processo di crescita dimensionale che ha consentito un aumento importante delle dimensioni - a fine anno 368 sportelli diffusi in cinque regioni - e dell operatività, caratterizzata da una struttura a rete fondata sulla presenza «Cambia il paradigma di riferimento e cresce l incertezza sistemica, che siamo tutti chiamati ad affrontare con la forza della convinzione nelle nostre capacità...» di quattro banche territoriali, sette società operative nel settore della finanza specializzata e quattro società di produzione. L articolazione delle quindici società consente il presidio specialistico delle singole aree e settori di attività e il soddisfacimento di requisiti sempre più stringenti in termini di affidabilità delle relazioni ed efficienza dei prodotti e servizi offerti. Lo sforzo in termini di rafforzamento della dotazione p a t r i m o n i a l e prosegue, come a n n u n c i a t o a d i c e m b r e, con un operazione di aumento di capitale proposta ai Soci che determinerà un i n c r e m e n t o p a t r i m o n i a l e complessivamente pari a 990 milioni di euro, consentendo il perseguimento di una pluralità di obiettivi così riassumibili: 1. rafforzamento patrimoniale della Capogruppo e delle sue controllate, al fine di sostenere i piani di sviluppo per linee interne contenuti nel Piano Strategico ; 2. disponibilità di un adeguato livello di capitale libero che assicuri l elasticità finanziaria e le risorse patrimoniali necessarie per finanziarie lo sviluppo delle partnership attualmente in essere con altre realtà bancarie (Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane, Banca di Cividale, Banca della Ciociaria) e per acquisire partecipazioni di controllo o di collegamento in banche o intermediari operanti in aree territoriali 3

4 EDITORIALE o segmenti di mercato attualmente non presidiati dal Gruppo; 3. capacità di fronteggiare le tipologie di rischio rilevanti; 4. aumento del volume del patrimonio netto, incrementando contestualmente i risultati economici e la remunerazione per i Soci; 5. miglioramento del rating assegnato al Credito Valtellinese e a Bancaperta. La politica dei dividendi attuata dalla banca Capogruppo, attenta alla crescita in termini reali della remunerazione per i Soci, ha consentito un buon rendimento dell azione del Credito Valtellinese e si è riflessa nel successo testimoniato dall integrale sottoscrizione di tutte le operazioni di aumento di capitale proposte. Un Gruppo a matrice cooperativa L accelerazione del processo aggregativo sta coinvolgendo anche il mondo delle banche popolari, essenziali per il sostegno all economia dei territori e al segmento delle piccole e medie imprese e delle famiglie. Come Gruppo a matrice cooperativa, intendiamo mantenere la nostra autonomia sul mercato e ribadire la nostra vocazione primaria a configurarci come soggetto in grado di servire la clientela in tutte le proprie esigenze, rispetto alla quale Credito Valtellinese, Credito Artigiano, Credito Siciliano, Banca dell Artigianato e dell Industria e Bancaperta intendono essere banca di riferimento; pensiamo che la natura di banca popolare e i valori ad essa associati ci aiutino a tenere la barra dritta, costituendo una scelta vincente a partire dal nostro profilo identitario distintivo che si nutre dei principi del localismo e della personalizzazione della relazione con il Socio-cliente (intesi in primo luogo come strumento per lo sviluppo e la valorizzazione del territorio), unitamente a tre elementi specifici: 4 1. cultura del servizio; 2. capacità di generare innovazione nel tempo; 3. specializzazione operativa. La natura dei prodotti e servizi forniti dal Gruppo ne rende possibile l estensione a realtà bancarie collegate e non che ne condividono l impostazione strategica e culturale. Si tratta di continuare a dare sostanza ad un sistema dalle radici profonde, basato sull attenzione particolare riservata ai Soci, alle zone di insediamento e all impegno sociale che anima quotidianamente tutti i collaboratori del Gruppo. «Come Gruppo a matrice cooperativa, intendiamo mantenere la nostra autonomia sul mercato e ribadire la nostra vocazione primaria a configurarci come soggetto in grado di servire la clientela in tutte le proprie esigenze» Le banche cooperative per il F.M.I. In un rapporto recentemente pubblicato dal Fondo Monetario Internazionale ( Cooperative banks and financial stability ) emerge come il credito cooperativo nel suo complesso abbia accresciuto il proprio peso di mercato nell area Ocse al 14%, con porzioni significative delle reti di sportelli nazionali (in Francia e Austria più della metà, in Italia un quarto) e una presenza rilevante all interno dei 25 maggiori gruppi bancari dell Unione europea Crédit Agricole, DZ Bank e Rabobank in particolare. Lo studio evidenzia una particolarità da sottolineare: la minore volatilità dei risultati delle banche cooperative compensa i più bassi livelli di profittabilità e capitalizzazione. In linea con il proprio ruolo di co-motore strutturale della crescita economica e sociale, il segmento si caratterizza nel suo complesso come più stabile rispetto ad altri, contribuendo così a tenere sotto controllo i rischi sistemici. Le banche popolari in Italia La realtà del nostro Gruppo si iscrive all interno di un movimento solido ed in espansione anche nel nostro Paese. Le banche popolari italiane contano infatti a fine settembre (ultimi dati disponibili) oltre un milione di soci e più di otto milioni di clienti. I loro sportelli, diffusi su tutto il territorio nazionale, rappresentano oltre il 24% della rete di vendita bancaria complessiva, con una concentrazione maggiore nelle aree in cui si registra un alta presenza di piccole e medie unità produttive. Contribuiscono in maniera decisiva al sostegno della congiuntura economica, garantendo flussi di finanziamento in zone di insediamento anche periferiche del nostro Paese. La competitività e l affidabilità raggiunte dal segmento si riassumono con efficacia nei seguenti, ulteriori dati disponibili: 93 aziende di credito (il calcolo comprende anche le banche, in forma di S.p.A., detenute in parte maggioritaria da gruppi aventi per capogruppo una banca popolare); sportelli pari al 24,2% del totale; in 49 delle 103 province del nostro Paese l incidenza in termini di presenza del sistema delle banche popolari supera il 25% del totale, mentre in 91 è maggiore del 10%; dipendenti. La caratterizzazione di banche fortemente implicate nella vita economica e sociale locale è per noi una premessa per il successo di lungo periodo. La matrice ideale di riferimento e i valori che la accompagnano non hanno tempo e costituiscono un ancoraggio forte alla tradizione e la migliore garanzia per il cammino di sviluppo di un Gruppo nato e progettato per crescere.

5

6 specialsocio Il Direttore Generale del Creval Miro Fiordi illustra il Piano Strategico Gruppo Credito Valtellinese: verso il 2010 con i valori di sempre Milano. Il Direttore Generale del Credito Valtellinese Miro Fiordi presenta il Piano Strategico alla comunità finanziaria e alla stampa (17 gennaio, Palazzo delle Stelline) Sondrio. Il Direttore Generale del Credito Valtellinese Miro Fiordi ha presentato alla comunità finanziaria e alla stampa (17 gennaio, Palazzo delle Stelline in Milano) e successivamente in sede di Assemblea Straordinaria dei Soci della Banca (10 febbraio) il Piano Strategico del Gruppo Creval. Ma cos è un piano strategico? Quale funzione persegue? E in particolare, quali strategie delinea il nuovo Piano Strategico? Poniamo queste domande direttamente al D.G. Fiordi. Direttore, può spiegare cos è e che funzioni assolve un Piano Strategico? Con il Piano Strategico un impresa, nelle sue diverse articolazioni istituzionali ed organizzative, definisce quali sono le visioni condivise di sviluppo nel medio-lungo periodo e con quali obiettivi e risorse poterle raggiungere. E un progetto strutturato di sviluppo futuro basato sull analisi dei mutamenti attesi nello scenario competitivo e di mercato. Il Piano Strategico declina in un ottica di medio-lungo periodo gli obiettivi generali dell attività aziendale, nonché i modi e i mezzi più opportuni per raggiungerli. R e l a t i v a m e n t e a l sistema bancario italiano, in quali scenari si muoverà il Gruppo Creval? Il sistema bancario italiano sta entrando in una nuova fase caratterizzata da fattori che renderanno sempre più difficile ottenere performance di eccellenza, almeno rispetto al passato. L aumento della pressione competitiva ha ridisegnato la geografia del panorama bancario attraverso forti spinte aggregative che hanno portato e porteranno alla creazione di operatori di elevate dimensioni con nuovi modelli di business ed un avanzato know-how. «Il Piano Strategico declina in un ottica di medio-lungo periodo gli obiettivi generali dell attività aziendale» Ciò comporterà, stando ai recenti studi di Prometeia, una progressiva riduzione dei margini di interesse, dovuta in parte anche ai recenti interventi normativi (Decreto Bersani) e ad una maggiore difficoltà per le banche di trarre profitti dai tradizionali flussi di entrate. Anche il profilo medio della clientela sta mutando rapidamente e si affermano perciò nuovi modelli di consumo, da cui consegue un cambiamento strutturale della domanda dei servizi bancari. In questi scenari, il Gruppo Credito Valtellinese si muoverà consapevole delle difficoltà ma anche con fiducia nei propri mezzi e capacità. Un personale eccellente, selezionato negli anni, manager giovani e preparati, un sistema organizzativo semplice e flessibile, un sapiente governo delle tecnologie saranno i punti di forza della nostra Banca negli anni a venire. Nonostante l accelerato sviluppo dimensionale perseguito dalla nostra Banca negli ultimi anni, nel nuovo Piano viene indicato l obiettivo di una ulteriore sostenuta crescita. Come si intende perseguire? Negli ultimi 10 anni il Gruppo ha registrato un considerevole sviluppo IL SISTEMA BANCARIO STA ENTRANDO IN UNA NUOVA FASE TASSI DI CRESCITA NELLE MASSE DECRESCENTI CLIENTI PIU ESIGENTI PIU DIFFICOLTA RISPETTO AL PASSATO PER OTTENERE PERFORMANCE DI ECCELLENZA CONTRAZIONE DEI MARGINI AUMENTA LA PRESSIONE COMPETITIVA 6

7 specialsocio dimensionale, se consideriamo che nel 1996 le filiali erano 109 ed oggi sono circa 370. Dimensione che noi giudichiamo però ancora non ottimale, motivo per cui abbiamo previsto nel Piano Strategico le aperture di circa 100 nuovi sportelli in Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna, regioni, le ultime due citate, nelle quali non siamo ancora insediati. L obiettivo è di arrivare a 500 filiali nel Cercheremo anche opportunità di crescita per linee esterne attraverso modelli di partnership in linea con quello già sperimentato con la Banca di Cividale. Naturalmente lo sforzo, in termini economici ed organizzativi, sarà intenso, ma contiamo di affrontarlo grazie alla prossima operazione di rafforzamento patrimoniale che prevede una variazione del patrimonio netto stimata in 990 milioni di euro in tre anni. Ai nostri Soci chiediamo ancora una volta di accordarci fiducia, che abbiamo sempre ricambiato se CRESCITA DEL GRUPPO: RETE TERRITORIALE 500 sportelli nel 2010 PRINCIPALI OPPORTUNITA PER IL GRUPPO OPPORTUNITA CRESCITA PER LINEE INTERNE CRESCITA PER LINEE ESTERNE CREDITO AL CONSUMO ASSICURAZIONI MERCATO ESTERO consideriamo l elevato rendimento del nostro titolo azionario: dal 1996 il dividend/yield (escluso il capital gain del titolo) si è mantenuto costantemente al di sopra del tasso medio annuale dei Bot a 12 mesi. Perché, per una banca popolare come la nostra, è opportuno incrementare la propria massa critica? Per affrontare meglio le sfide del mercato. L accresciuta dimensione porterà benefici sia in termini di economie di scala con una riduzione dei costi dei servizi erogati alla nostra clientela retail - sia in termini di mantenimento di autonomia ed i n d i p e n d e n z a, g a r a n t e n d o un sostegno economico anche nel futuro a l l e c o m u n i t à locali insediate nei nostri territori di riferimento. COME REALIZZARLE Apertura di 100 sportelli entro il 2010 nel Nord Italia (Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna) Due accordi di Partnership (esempio: Banca di Cividale S.p.A.) Sviluppo società di prodotto insieme ad altre realtà per veicolare i prodotti non finalizzati su reti proprie e di terzi Ampliamento dell offerta e vendita tramite sportelli di terzi di prodotti assicurativi Global Ampliamento dell offerta e miglioramento del servizio oggi proposto alla clientela «Abbiamo previsto nel Piano Strategico le aperture di circa 100 nuovi sportelli in Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna» Particolarmente positive sono le performance di mercato attese per le banche del Gruppo. Ce le può illustrare? Ci proponiamo obiettivi di eccellenza in termini di efficienza e di redditività attraverso un significativo miglioramento delle performance di mercato di tutte le banche del gruppo, in particolar modo per il Credito Siciliano; la nostra controllata infatti, dopo aver affrontato in questi anni un profondo processo di razionalizzazione, otterrà significativi incrementi nei propri dati economici e patrimoniali. A livello di Gruppo nel 2010 ci attendiamo un ROE superiore al 10% e un utile netto consolidato a 195 milioni di euro, in crescita di circa il 30% annuo nel quadriennio; una crescita media annua superiore al 10% per la raccolta diretta da clientela e del 15% per i crediti verso clientela. 7

8 specialsocio Inaugurazione della filiale di Almè (BG) Attraverso quali strumenti e strategie verranno perseguiti questi risultati? Da una parte, attraverso un attento governo dei costi: si procederà ad una semplificazione dell organizzazione del Gruppo, ridisegnandola nell ottica di ottimizzazione dei processi; verranno sviluppati ulteriormente gli strumenti di analisi della performance della rete commerciale; si perverrà ad una riduzione dei costi legati alla svalutazione dei crediti mediante l affinamento dei processi di affidamento e l implementazione operativa dei modelli di rating interno. Dall altro lato, procederemo ad un potenziamento dell offerta commerciale dedicata alla clientela core, sia in relazione al segmento impresa (estero, prodotti specializzati, corporate finance), sia al segmento privati (credito al consumo e bancassicurazione). PRINCIPALI DATI PREVISIONALI DATI PREVISIONALI Patrimonio netto medio consolidato (MLN ) Tier 1 Capital RATIO TOTAL CAPITAL RATIO FREE CAPITAL (MLN ) Prodotto bancario lordo (MLN ) RACCOLTA DIRETTA CONSOLIDATA (MLN ) RACCOLTA INDIRETTA CONSOLIDATA (MLN ) IMPIEGHI (MLN ) UTILE NETTO CONSOLIDATO (MIGLIAIA DI ) COST / INCOME ROE evoluzione utile consolidato per azione In questo processo di forte crescita e di rapido cambiamento, che fisionomia assumerà il nostro Gruppo bancario? La crescita non snaturerà la nostra matrice di banca popolare cooperativa. Continueremo ad essere vicini alle esigenze dei territori, delle famiglie, dei professionisti, degli artigiani, dei commercianti e delle PMI, con una visione di impresa che rimarrà solidamente ancorata ai nostri elementi fondanti: solidarietà, sussidiarietà ,97% 13,73% ,5% 7,5% 0, ,03% 13,96% ,7% 8,5% 0,698 Inaugurazione della filiale di Empoli ,81% 14,17% ,9% 9,3% 0, ,17% 12,98% ,4% 10,1% 0,932 ESSERE BANCA POPOLARE PER IL GRUPPO CREVAL VUOL DIRE... SVOLGERE UN RUOLO DETERMINANTE SUL TERRITORIO ESSERE ATTIVO NELLA PROMOZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO RISERVARE AL SOCIO UNA RELAZIONE SPECIALE PER STIMOLARE NEL TEMPO LA CONTRIBUZIONE AL CAPITALE DELLA BANCA DA PARTE DEL TERRITORIO AVERE RELAZIONI FORTI CON IL SEGMENTO RETAIL E PICCOLE/MEDIE IMPRESE «Ci proponiamo obiettivi di eccellenza in termini di efficienza e di redditività attraverso un significativo miglioramento delle performance di mercato di tutte le banche del Gruppo» e localismo. L equilibrio tra produzione di beni economici con la durevole creazione di valore per gli azionisti e per tutti gli stakeholders - e creazione di beni sociali con il sostegno nei nostri ambiti territoriali ad iniziative sociali, di solidarietà, culturali e sportive - mi fanno dire con assoluta certezza che affronteremo le sfide future con i valori di sempre. 8

9 specialsocio Un opportunità per Soci e azionisti Credito Valtellinese: aumento di capitale Sondrio. L Assemblea straordinaria dei Soci del Credito Valtellinese, tenutasi a Sondrio lo scorso 10 febbraio, ha approvato l operazione di rafforzamento patrimoniale proposta dal Consiglio di Amministrazione, così articolata: 1) Maggio 2007 Aumento gratuito del capitale sociale mediante incremento del valore nominale delle azioni da 3 euro a 3,50 euro, per un controvalore massimo di nominali 53,6 milioni di euro. 2) Maggio Giugno 2007 Aumento di capitale a pagamento da offrire in opzione ai Soci in rapporto di un azione di nuova emissione ogni due azioni possedute, ad un prezzo compreso tra 9 e 11 euro, per un controvalore massimo di 589 milioni di euro; Assegnazione gratuita di warrant - 2 warrant da esercitarsi nel 2008 e 2 warrant da esercitarsi nel 2009 ogni 5 azioni ordinarie sottoscritte quotati sul mercato ufficiale che daranno diritto alla sottoscrizione di un azione di nuova AUMENTO DEL CAPITALE DEL CREDITO VALTELLINESE Ipotesi ESEMPLIFICATIVA 20 warrant warrant 2009 (pari 2 warrant 2008 e 2 warrant 2009 ogni 5 azioni sottoscritte) Ogni warrant da diritto di sottoscrivere azioni nel 2008 o nel 2009 con uno Sconto del 20% rispetto al prezzo medio ponderato rilevato nei 3 mesi precedenti Con 100 AZIONI si avrà diritto a sottoscrivere 50 NUOVE AZIONI ad un prezzo tra 9-11 EURO (1 nuova azione ogni 2) inoltre con la sottoscrizione si otterranno GRATUITAMENTE Andamento titolo Credito Valtellinese volume prezzo 0 7,5 31/12/ /04/07 5 azioni (bonus shares) Se le nuove azioni sottoscritte saranno detenute ininterrottamente fino al 12 luglio 2008 (1 nuova azione ogni 10) 14,5 13,5 12,5 11,5 10,5 9,5 8,5 emissione ogni warrant posseduto, a un prezzo pari alla media delle quotazioni sul MTA della Borsa Italiana delle azioni Credito Valtellinese nei 3 mesi antecedenti la data di decorrenza del periodo di esercizio dei warrant, diminuito del 20%. 3) Luglio 2008 Attribuzione gratuita di azioni ( Bonus shares ) a favore degli azionisti che sottoscriveranno l aumento di capitale a pagamento e che manterranno le azioni sottoscritte fino al 12 luglio data in cui ricorre il centenario di fondazione della Banca Piccolo Credito Valtellinese - in rapporto di una nuova azione ogni 10 azioni sottoscritte nell ambito dell aumento di capitale a pagamento di cui al punto precedente. L Assemblea ha conferito delega al Consiglio di Amministrazione per la determinazione delle condizioni, modalità e termini di esecuzione dell operazione, in particolare per la determinazione del prezzo definitivo di emissione delle azioni relative all aumento di capitale a pagamento. L incremento patrimoniale complessivo a conclusione delle operazioni è previsto in circa 990 milioni di euro ed è destinato a sostenere i piani di crescita per linee interne con l apertura di circa 100 filiali nel quadriennio e un totale di 500 sportelli entro il 2010 e per linee esterne - attraverso la stipula di nuovi accordi di partnership con realtà bancarie e finanziarie italiane - fissate secondo le linee guida del Piano Strategico approvato a gennaio 2007 dal Consiglio di Amministrazione della Banca. 9

10 specialsocio Il Creval tra le blue chip Il titolo Credito Valtellinese entra nel Midex La Borsa di Milano Segmenti di Borsa Italiana Un traguardo importante per il Gruppo bancario Credito Valtellinese e per i propri Soci. Il titolo Credito Valtellinese, il 19 marzo scorso, è stato infatti promosso nel Midex, l indice delle società del segmento blue chip che vantano una capitalizzazione superiore al miliardo di euro. E il riconoscimento del mercato verso la solidità aziendale del Gruppo Creval, il cui titolo era precedentemente quotato nel segmento Standard. Il cammino del Creval in Borsa ha avuto inizio nel 1981, con la quotazione al Mercato Ristretto, per poi continuare nel 1994 con l ingresso nel circuito telematico principale di Borsa italiana. Con l attuale ingresso nel Midex il titolo Credito Valtellinese beneficerà di una maggiore visibilità sui mercati finanziari e di una più ampia negoziabilità: la quotazione after hours ne consentirà infatti la contrattazione dalle 9 del mattino fino alle 20,30 della sera. Il Creval in Borsa 1981 quotazione al mercato ristretto 1994 ingresso nel circuito telematico principale di Borsa italiana 2007 ingresso nel Midex, tra le blue chip INDICI SEGMENTAZIONE DEI MERCATI S&P/MIB Include 40 tra i principali titoli quotati sul mercato italiano, selezionati sulla base della loro liquidità, del free float e della rappresentatività settoriale. MIDEX E l indice rappresentativo di tutte le società appartenenti al segmento Blue Chip, sufficientemente liquide e non incluse nell indice S&P/Mib. All STARS L indice rappresentativo di tutte le società quotate sul segmento STAR. STAR Include le società quotate sul segmento STAR appartenenti a settori tradizionali. BLUE CHIP BORSA ITALIANA Alti Requisiti: Le società devono soddisfare requisiti più alti in termini di: > trasparenza > liquidità > corporate governance LARGE CAP Capitalizzazione > mln. techstar Include le società quotate sul segmento STAR appartenenti a settori high tech. STAR BORSA ITALIANA STANDARD BORSA ITALIANA Requisiti Standard MEDIUM CAP Capitalizzazione < mln. > 40 mln. NOTA: tutti gli indici sono a capitalizzazione ponderata per il flottante FONTE: Borsa Italiana MERCATO EXPANDI BORSA ITALIANA SMALL CAP 10

11 specialsocio Approvati i bilanci al Ottimi risultati economici per tutte le banche del Gruppo Gruppo Credito Valtellinese: utile netto +23,6% Dati Economici (importi in milioni di euro) Utile netto Margine di interesse Margine di intermediazione Risultato netto della gestione finanziaria Risultato lordo dell attività operativa Dati Patrimoniali (importi in milioni di euro) Raccolta diretta Raccolta indiretta Crediti verso clientela Patrimonio netto Trend Raccolta e Impieghi (valori in milioni di euro) Raccolta Diretta Raccolta Indiretta impieghi clienti Credito Valtellinese: utile netto +32,5% Dati Economici (importi in milioni di euro) Utile netto Margine di interesse Margine di intermediazione Risultato netto della gestione finanziaria Risultato lordo dell attività operativa Dati Patrimoniali (importi in milioni di euro) Raccolta diretta Raccolta indiretta Crediti verso clientela Patrimonio netto Variazione 68,6 347,4 564,6 506,5 136, ,5 297,2 500,3 457,3 115, ,6% + 16,9% + 12,9% + 10,8% + 18% Variazione ,1 120,6 204,4 183,4 68, ,3 103,8 182,4 163,3 60, ,1% + 6,8% + 15,3% + 16,6% Variazione + 32,5% + 16,2% + 12,1% + 12,3% + 11,9% Variazione + 17,1% + 12,9% + 18,4% + 14,4% Ottime notizie da tutte le banche del Gruppo. I risultati conseguiti a livello consolidato - in miglioramento rispetto agli obiettivi del Piano strategico per il evidenziano apprezzabili progressi degli indicatori di redditività e una crescita significativa delle masse intermediate. L utile netto consolidato si attesta a 68,6 milioni di euro, in crescita del 23,6% rispetto all esercizio precedente. In progresso anche il margine di interesse (+16,9%) e la raccolta globale che assomma a milioni di euro (+10,7%). Il ROE si attesta al 9,1%, in crescita rispetto all 8,5% del Per quanto concerne la Capogruppo Credito Valtellinese, il margine di interesse si attesta a 120,6 milioni di euro, con un aumento del 16,2% su base annua, l utile netto segna un incremento del 32,5%. Al 31 dicembre 2006, la raccolta globale assomma a milioni di euro a fronte di milioni dell anno precedente, con un progresso superiore al 15%. All Assemblea dei Soci di sabato 21 aprile è proposta la distribuzione di un dividendo di 0,40 euro per azione, in pagamento dal 4 maggio 2007 (data stacco: 30 aprile 2007). Positiva evoluzione dell andamento economico per il Credito Artigiano: il margine di interesse segna un progresso del 18,6% e si attesta a 128,2 milioni di euro contro i 108 milioni dell anno precedente, il risultato netto della gestione finanziaria ammonta a 169,8 milioni di euro (+14%). Gli indici di efficienza sono in ulteriore miglioramento: il rapporto tra i costi operativi e il margine di intermediazione si attesta a 59,7% rispetto al precedente 62,5%, confermando una dinamica in progressiva evoluzione. In crescita significativa le principali grandezze patrimoniali: la raccolta globale assomma a milioni di euro (+10%), i crediti verso la clientela 11

12 specialsocio Credito Artigiano: utile netto +21,8% Dati Economici (importi in milioni di euro) Utile netto Margine di interesse Margine di intermediazione Risultato netto della gestione finanziaria Risultato lordo dell attività operativa Dati Patrimoniali (importi in milioni di euro) Raccolta diretta Raccolta indiretta Raccolta globale Crediti verso clientela Credito Siciliano: utile netto +24,2% Dati Economici (importi in milioni di euro) Utile netto Margine di interesse Margine di intermediazione Risultato netto della gestione finanziaria Risultato lordo dell attività operativa Dati Patrimoniali (importi in milioni di euro) Raccolta diretta Raccolta indiretta Raccolta globale Crediti verso clientela Variazione 7,8 83,9 133,3 121,1 16, ,3 76,8 123,0 114,3 13, ,2% + 9,1% + 8,3% + 6% + 18,5% Variazione + 7,9% + 1,6% + 5,3% + 7,1% Banca dell Artigianato e dell Industria: raccolta globale +36,2% Dati Economici (importi in migliaia di euro) Variazione Utile netto Margine di interesse Margine di intermediazione Risultato lordo dell attività operativa ,6% + 55,5% - Dati Patrimoniali (importi in migliaia di euro) Variazione Raccolta diretta Raccolta indiretta Raccolta globale Crediti verso clientela Variazione 34,1 128,2 195,4 169, ,9 42, ,8% + 18,6% + 14,8% + 14% + 24,6% Variazione + 18,6% + 2,9% + 10% + 13,7% + 33,5% + 45,8% + 36,2% + 45,2% a milioni di euro (+13,7%). Al 31 dicembre 2006 il patrimonio netto, che comprende le riserve da valutazione e l utile netto di periodo, evidenzia una consistenza di 446 milioni di euro contro i 430 milioni dell anno precedente. Durante l Assemblea degli Azionisti, convocata il 5 aprile scorso, è stata deliberata la distribuzione di un dividendo unitario di 0,1635 euro, con un incremento prossimo al 32% rispetto allo 0,1240 dello scorso anno. Ottimi risultati anche per il Credito Siciliano. Oltre al miglioramento dei principali indicatori reddituali, le politiche gestionali hanno determinato una positiva dinamica delle masse intermediate. Per quanto concerne il profilo reddituale, il margine di interesse si attesta a 83,9 milioni di euro, +9,1% rispetto al dicembre 2005; il margine di intermediazione a 133,3 milioni di euro, +8,3%. Il risultato netto di periodo è pari a 7,8 milioni di euro, +24,2% rispetto ai 6,3 milioni dell esercizio Tra gli aggregati patrimoniali, la raccolta globale è in incremento del 5,3%, i crediti verso la clientela in aumento del 7,1%. Il 3 aprile scorso l Assemblea degli Azionisti ha deliberato la distribuzione di un dividendo di 0,55 euro per azione, con un aumento del 120% (euro 0,25 nel 2005). In pagamento: il 13 aprile scorso. Positiva evoluzione dell andamento economico anche per la Banca dell Artigianato e dell Industria: il risultato lordo dell attività operativa si attesta a 1,3 milioni di euro. In crescita le principali grandezze patrimoniali: raccolta diretta a 365 milioni di euro (+33,5% rispetto al ) raccolta indiretta a 107,7 milioni di euro (+45,8%), crediti verso clientela a 483 milioni di euro (+45,2%). 12

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A.

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A. Eurizon Capital SGR S.p.A. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return SISTEMA TOTAL RETURN COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI ai sensi del Provvedimento della Banca

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 12 maggio 2016 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Dopo la revisione al ribasso apportata alle stime

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups

Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups I Quadrimestre 2014 Roma, luglio 2014 I risultati del questionario per la rilevazione del Sentiment del mercato immobiliare Primo Quadrimestre 2014

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 6 giugno 2011 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017.

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi attraverso una maggiore spinta sui mercati e una migliore gestione del portafoglio clienti con focus sui proventi commissionali

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 1 Gennaio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Considerazioni riassuntive degli indicatori analizzati

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

Risultati 30 settembre 2010

Risultati 30 settembre 2010 Risultati 30 settembre 2010 Il modello di business Strategia e linee di sviluppo Dati economico-finanziari consolidati Allegati Banca IFIS: innovazione per le PMI In un contesto di mercato ancora difficile,

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio?

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? 14 marzo, 2011 Dovrebbe essere sufficiente dire che il più grande fondo obbligazionario mondiale, Pimco, ha deciso di uscire dal mercato

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati L Andamento dei mercati Azionari La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati che aveva interessato gli ultimi mesi del 2 è proseguita per tutto il 21.

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: inflazione in ripresa in Italia, +0,2% a/a l indice nazionale e +0,5% a/a quello

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI Luglio 2015 ECONOMIC RESEARCH AND MARKETS STRATEGY Salvo diversa specificazione, Thomson Reuters è la fonte per i dati ed i grafici riportati. CONGIUNTURA

Dettagli

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Prato, 14 maggio 2015 Lo scenario Il contesto italiano si caratterizza per una diffusa sottocapitalizzazione delle imprese,

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Il fatturato dell industria italiana rimarrà su ritmi di crescita ancora superiori al 2% nell anno in corso per poi entrare in

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. La segmentazione dei Mercati Borsistici

Gestione Finanziaria delle Imprese. La segmentazione dei Mercati Borsistici GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La segmentazione dei Mercati Borsistici Borsa Italiana SpA Si occupa dell organizzazione, della gestione e del funzionamento dei mercati finanziari, con l obiettivo di:

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

Indice di Benessere Finanziario ING Bank: prosegue il trend positivo che dai 42,2 punti dello scorso autunno sale ai 42,5 di questa primavera

Indice di Benessere Finanziario ING Bank: prosegue il trend positivo che dai 42,2 punti dello scorso autunno sale ai 42,5 di questa primavera COMUNICATO STAMPA Indice di Benessere Finanziario ING Bank: prosegue il trend positivo che dai 42,2 punti dello scorso autunno sale ai 42,5 di questa primavera Milano, 06 luglio 2015 - Secondo l ultima

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 2 Aprile 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La politica monetaria nelle economie avanzate sta

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 Art.1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, l Impresa ha costituito

Dettagli

Comunicato stampa del 12 agosto 2015

Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Cassa di Risparmio di Bolzano torna all utile nel primo semestre 2015, approva il Piano Strategico 2015/2019 e si prepara a lanciare l aumento di capitale. Il Consiglio

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEL PIANO STRATEGICO 2011-2014:

AGGIORNAMENTO DEL PIANO STRATEGICO 2011-2014: AGGIORNAMENTO DEL PIANO STRATEGICO 2011-2014: APPROVATO UN PROGETTO DI RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE ATTRAVERSO UN ULTERIORE OTTIMIZZAZIONE DELLA STRUTTURA DEL GRUPPO RIVISTI GLI OBIETTIVI ECONOMICO-PATRIMONIALI

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO. I Consigli di Amministrazione approvano all unanimità la creazione del 7 gruppo bancario italiano

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO. I Consigli di Amministrazione approvano all unanimità la creazione del 7 gruppo bancario italiano COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO I Consigli di Amministrazione approvano all unanimità la creazione del 7 gruppo bancario italiano Circa 1.200 sportelli (500 nella sola Lombardia), 2,5 milioni di clienti, 60

Dettagli

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo.

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo. Morning Call 21 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di volatilità sul Dax: andamento I temi del giorno Mercati nervosi: nuove elezioni in Grecia, economia cinese in rallentamento, valute dei Paesi emergenti

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio)

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio) Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio) VALUTE: - L Euro/Dollaro dopo i massimi annuali (1,3995) ha corretto con decisione- ha chiuso a 1,3762 - Il cambio Usd/Yen è in

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Il leader nel leasing per le Farmacie pag. 1. La storia pag. 2. Il mercato delle Farmacie pag. 4. Attività e prodotti pag. 7

Il leader nel leasing per le Farmacie pag. 1. La storia pag. 2. Il mercato delle Farmacie pag. 4. Attività e prodotti pag. 7 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Il leader nel leasing per le Farmacie pag. 1 La storia pag. 2 Il mercato delle Farmacie pag. 4 Attività e prodotti pag. 7 Punti di forza e obiettivi pag. 11 Scheda

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017 Roma, 23.09.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 30.06.2015

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli