IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa:"

Transcript

1 IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: Normativa: *** - Titolo V del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (Testo Unico Enti Locali), relativo alla gestione dei servi pubblici locali, e sue successive modificazioni ed integrazioni; - L.R. n. 19 del Disciplina in materia funeraria e di polizia mortuaria e successive modificazioni, che obbliga la separazione della gestione dei servizi pubblici cimiteriali e dell attività funebre. Precedenti: - atto C.C. n. 8610/616 del Servizi cimiteriali Municipalizzazione mediante accorpamento delle Amf con cui si delibera di affidare alle Aziende Municipalizzate Faentine la gestione dei servizi cimiteriali; - atto C.C. n. 1157/36 del Municipalizzazione servizi cimiteriali: decorrenza e provvedimenti conseguenti con cui è stabilita la decorrenza dell affidamento alle Aziende Municipalizzate Faentine della gestione dei servizi cimiteriali dal ; - atto C.C. n. 3462/153 del Municipalizzazione Servizi Comunali: controdeduzioni ed integrazione atto C.C. n. 36 del che precisa la dotazione organica del Servizio Cimiteriale; - atto C.C. n. 379/35 del Trasformazione Amf Faenza in SpA e conferimento ciclo idrico integrato ad AMI ; - atto C.C. 3605/344 del Approvazione del contratto di trasferimento a Seabo SpA dell intero capitale di Ami SpA, Taularia SpA e di rami di azienda di Amf SpA, Amia SpA, Area SpA, Asc SpA, Team SpA e Unica SpA in cambio di azioni di Seabo SpA, patti inerenti le modalità di quotazione ed atti collegati ; - atto C.C. n. 3697/240 del Indirizzi per: a) riacquisizione da Hera SpA del Servizio cimiteriale e definizione della nuova forma di gestione; nuova modalità di gestione del Servizio onoranze funebri, attualmente gestito da Hera SpA; c) ridefinizione degli scopi e della forma societaria di Amf SpA ; - atto C.C. n. 4725/297 del Acquisizione da parte di Amf SpA del ramo d azienda Servizi Cimiteriali da Hera SpA e conseguenti modifiche allo statuto della medesima società ed approvazione del relativo contratto di servizio ; - atto G.C. n. 3515/306 del Accordo per la risoluzione consensuale del contratto di servizio fra Hera SpA, Hera Imola-Faenza srl e Comune di Faenza per i servizi cimiteriali, ad esclusione dei trasporti ed onoranze funebri; - atto C.C. n. 5217/380 del Bilancio di previsione 2006, Relazione previsionale e programmatica 2006/2008, Bilancio pluriennale 2006/2008, Programma investimenti 2006/2008, Piano triennale opere pubbliche: assestamento, applicazione avanzo di amministrazione e relazione patto di stabilità interno. Motivo del provvedimento: Premessa Considerato che 1

2 - il Servizio di Onoranze funebri comunale, è stato gestito per molti anni dall azienda municipalizzata, poi azienda speciale, poi Amf SpA; - con la scissione parziale dei rami d azienda di Amf SpA che ha portato al processo di integrazione tra le società di gestione dei servizi pubblici del cosiddetto Perimetro romagnolo con Seabo SpA di Bologna ed alla conseguente costituzione della holding Hera SpA, la gestione del servizio di Onoranze funebri è stata trasferita alla società Hera SpA attraverso la sua società territoriale Hera Imola-Faenza Srl; - che con la Legge della Regione Emilia-Romagna n. 19 del , all art. 5 comma 2, che recita Nel caso in cui il gestore dei servizi pubblici cimiteriali o necroscopici svolga anche l attività funebre di cui all articolo 13 della presente legge, è d obbligo la separazione societaria, da attuare entro dodici mesi dall entrata in vigore della presente legge, fatta salva l eventuale scadenza originaria della gestione antecedente tale data, la società Hera SpA è stata obbligata a separare le due attività relative ai servizi pubblici cimiteriali o necroscopici dall attività funebre e ciò si è realizzato attraverso l acquisizione da parte di Amf SpA del ramo d azienda Servizi Cimiteriali, approvata dal citato atto C.C. n. 4725/297 del ; - che, quindi, è stato approvato l accordo per la risoluzione consensuale del contratto di servizio fra Hera SpA, Hera Imola-Faenza srl e Comune di Faenza per i servizi cimiteriali, ad esclusione dei trasporti ed onoranze funebri, ancora gestite da Hera (atto C.C. n. 3515/306 del ); - il Servizio di Onoranze funebri è oggi un servizio per il quale non esiste più privativa e deve pertanto operare nel libero mercato, così come stabilito dalle normative, che hanno dato seguito ad esplicite pronunce dell Autorità per la tutela della concorrenza (Antitrust); - tale Servizio di Onoranze funebri comunale ha comunque rappresentato un importante punto di riferimento per i cittadini faentini, che necessitavano di un servizio personale, in un momento particolarmente difficile per l utente, sia per la tradizione, sia per la qualità, sia per la capacità di contenere i prezzi del servizio. Indirizzi del Consiglio comunale modifica all atto C.C. n. 3697/240 del Con atto C.C. n. 3697/240 del sono stati forniti indirizzi in merito alla futura gestione del ramo d azienda Onoranze funebri. In tali indirizzi il Consiglio Comunale conveniva, tra l altro, sulla opportunità di procedere alla costituzione di un apposito soggetto che potesse acquisire il ramo d azienda Onoranze funebri da Hera SpA e che tale soggetto dovesse essere promosso in forma societaria dalla società Amf e da essa partecipato, oltre che specificare che Amf avrebbe dovuto detenere la maggioranza delle azioni della citata società. Inoltre, Amf avrebbe dovuto promuovere la società per la gestione delle Onoranze funebri, mediante una procedura di evidenza pubblica per la ricerca dei partners, tenendo conto del fatto che i soggetti candidati avessero sottoscritto, a quella data, il codice di autoregolamentazione promosso per il settore dal Comune di Faenza e che fossero operanti a Faenza, almeno dal momento in cui fu istituito tale codice; oltre ad altre specifiche indicazioni sulle qualità morali ed economiche dei soci delle imprese funebri candidate a divenire partner del nuovo soggetto così costituito. Infine, qualora la società avesse assunto l orientamento di operare in comuni diversi, avrebbe dovuto prevedere la possibilità di ingresso nel capitale sociale di soggetti pubblici e/o di soggetti privati operanti nei territori interessati, con il vincolo che la maggioranza del capitale fosse posseduto da soggetti pubblici, unitamente ad Amf. Amf avrebbe dovuto adoperarsi affinché la società di gestione delle Onoranze funebri adottasse criteri gestionali e di rapporto con gli utenti improntati alla massima trasparenza ed orientati a soddisfare le loro esigenze, tenendo conto delle particolari condizioni 2

3 psicologiche nelle quali si trovano i cittadini che fruiscono del servizio, oltre che assicurare criteri gestionali, compatibili con una sana amministrazione, volti ad esercitare una azione di calmieramento dei prezzi praticati nel settore. Successivamente l Amministrazione comunale ha valutato, a seguito di vari confronti con le società di onoranze funebri operanti nei territori di Ferrara e Ravenna, facenti capo agli enti locali come soci di riferimento indiretti e diretti, la possibilità di affidare la gestione delle Onoranze funebri ad un soggetto pubblico o partecipato da società a proprietà pubblica anziché ad un soggetto misto pubblico-privato come ipotizzato all inizio. Tale opportunità di partecipare una società a capitale pubblico diretto o indiretto permette di integrare il servizio su più territori compiendo un salto di qualità in termini di competitività e di sinergie economiche, ma permettendo anche di garantire maggiormente gli enti locali sull impostazione dell attività aziendale secondo criteri morali e di interesse pubblico, conseguenti agli indirizzi dei soci di riferimento, facenti capo ai Comuni dei territori su cui opererà l azienda. Pertanto, alla luce delle valutazioni sopra esposte, il Consiglio comunale ritiene necessario modificare gli indirizzi sopradescritti, assunti con l atto n. 3697/240 del con i seguenti: - il Servizio di Onoranze funebri è oggi un servizio per il quale non esiste più privativa e deve pertanto operare nel libero mercato, così come stabilito dalle normative; - il Servizio di Onoranze funebri comunale, gestito per molti anni dall azienda municipalizzata, poi azienda speciale, poi società Amf, ha comunque rappresentato un importante punto di riferimento per i cittadini faentini, che necessitavano di un servizio personale, in un momento particolarmente difficile per l utente, sia per la tradizione, sia per la qualità, sia per la capacità di contenere i prezzi del servizio; - pertanto, si ritiene utile mantenere un servizio di Onoranze funebri legato al territorio, che continui la tradizione comunale e di Amf; - quindi, si conviene sulla opportunità di procedere alla costituzione di un apposito soggetto che possa acquisire il ramo d azienda Onoranze funebri da Hera SpA; - che tale soggetto debba essere promosso in forma societaria da Amf SpA e dalla stessa partecipato; - Amf SpA dovrà partecipare una società a capitale pubblico diretto o indiretto che permetta di integrare il servizio su più territori compiendo un salto di qualità in termini di competitività e di sinergie economiche, ma permettendo anche di garantire maggiormente gli enti locali di riferimento sull impostazione dell attività aziendale secondo criteri morali e di interesse pubblico. - Amf SpA dovrà adoperarsi affinché la società di gestione delle Onoranze funebri adotti criteri gestionali e di rapporto con gli utenti improntati alla massima trasparenza ed orientati a soddisfare le loro esigenze, tenendo conto delle particolari condizioni psicologiche nelle quali si trovano i cittadini che fruiscono del servizio; - Amf SpA dovrà assicurare che la società di gestione delle Onoranze funebri adotti criteri gestionali, compatibili con una sana amministrazione, volti ad esercitare una azione di calmieramento dei prezzi praticati nel settore. Partecipazione di Amf SpA alla società A.Se.R. srl di Ravenna per la gestione dei servizi di Onoranze funebri di Ravenna e Faenza Valutato che sul territorio provinciale è nata, nel 2006, una società per le Onoranze funebri che avrà le caratteristiche gestionali e di compagine sociale coerenti con gli indirizzi sopra esposti. 3

4 Infatti, in data 9 giugno 2006 è stata costituita la società A.Se.R. Azienda Servizi Romagna srl con sede in Ravenna, partecipata da Atm SpA di Ravenna (a sua volta partecipata al 14,70% da enti locali ed al 85,30% dalla società Ravenna Holding SpA che è a totale partecipazione del Comune di Ravenna), da Amsefc SpA di Ferrara (che ha come unico socio il Comune di Ferrara, quindi è a totale capitale pubblico) e da Hera SpA di Bologna, che ha per oggetto l'organizzazione, la gestione e l'esecuzione in proprio e/o per conto terzi, sia in via diretta che attraverso società controllate e/o collegate, delle attività e dei servizi funerari. Il Capitale sociale della società ammonta ad ,00, suddiviso nelle seguenti quote: Atm SpA 51%, Amsefc SpA 24% ed Hera SpA 25%. E previsto un aumento del Capitale sociale fino ad ,00; L intento di Hera SpA, considerato che le Onoranze funebri non rientrano tra le attività fondamentali della holding (core business), è quello di cedere al più presto la partecipazione di Capitale sociale agli altri soci, fino ad ora detenute al fine di scorporare il ramo d azienda in questione, apportandolo nella nuova società. Pertanto, A.Se.R. srl si caratterizzerà per una compagine sociale controllata dagli enti locali di riferimento, coerente con gli indirizzi di cui al paragrafo precedente. Quindi, al fine di cogliere le opportunità di integrazione tra i rami d azienda Onoranze funebri di Ravenna e Faenza, oltre che le sinergie tra gli stessi e le possibilità di dotarsi di un soggetto imprenditoriale con le caratteristiche gestionali e societarie in linea con gli indirizzi del Consiglio comunale di Faenza, è opportuno che Amf SpA proceda alla partecipazione di A.Se.R. srl. La sottoscrizione del Capitale sociale di A.Se.R. srl da parte di Amf SpA permetterà di formare, a seguito dell uscita dalla stessa di Hera SpA, una compagine societaria così composta: - Atm Spa partecipazione del 34% al capitale della società; - Amf SpA partecipazione del 33% al capitale della società; - Amsefc SpA partecipazione del 33% al capitale della società. Le risorse che A.Se.R. srl reperirà a seguito dell ingresso in società di Amf SpA saranno utilizzate, per quanto necessario, per l acquisizione da Hera Imola-Faenza srl del ramo d azienda Onoranze funebri di Faenza, portando a compimento il processo sopra descritto, con effetti dai primi giorni del Il Consiglio di Amministrazione di Amf SpA, tenuto conto delle prime indicazioni economiche informali fornite da A.Se.R. srl, ha espresso il suo orientamento favorevole all operazione. Successivamente gli organi sociali di Amf SpA, a seguito dei presenti indirizzi forniti dal Consiglio comunale di Faenza e dalla presa visione e valutazione del progetto industriale fornito da A.Se.R. srl, adotteranno i necessari atti per procedere alla sottoscrizione del Capitale sociale di A.Se.R. srl, adeguatamente aumentato dalla stessa. Aumento del Capitale sociale di Amf SpA sottoscritto dal Comune di Faenza Al fine di permettere ad Amf SpA di portare avanti l operazione societaria sopra descritta con adeguate risorse patrimoniali, si rende necessario adeguarne il Capitale sociale mediante aumento dello stesso commisurato al valore di partecipazione societaria che Amf SpA andrà ad acquisire in A.Se.R. srl. Tale aumento, quantificato in ,00 di Capitale sociale sarà offerto ai soci di Amf SpA (Comune di Faenza che possiede una quota pari al 99,99% del Capitale sociale e Con.Ami che possiede lo 0,01% del Capitale sociale). Pertanto, reperendo le risorse necessarie mediante mutuo passivo, si rende necessario finanziare la sottoscrizione da parte del Comune di Faenza delle nuove quote di Capitale sociale di Amf SpA per l entità indicativa sopra descritta, quantificabile in ,00. 4

5 Modifiche allo statuto di Amf SpA Si rende pertanto necessario modificare l art. 5 dello Statuto di Amf SpA relativo al Capitale sociale, come di seguito riportato. Testo vigente ART Il capitale sociale è di Euro ,00 (centoventimilavirgolazero), suddiviso in n azioni da nominali Euro 1 (un euro) ciascuna. 2. Il capitale può essere aumentato anche con conferimenti di crediti e di beni in natura. 3. Le azioni sono esclusivamente nominative e indivisibili ed ogni azione da' diritto ad un voto. 4. La qualità di azionista costituisce di per sé sola adesione all'atto costitutivo della Società ed al presente statuto. 5. Il domicilio dei Soci, per quel che riguarda i loro rapporti con la Società, e' quello che risulta dal Libro Soci. Testo modificato ART Il capitale sociale e' di Euro ,00 (trecentoquarantacinquemila), suddiviso in n azioni da nominali Euro 1 (un euro) ciascuna. 2. Il capitale può essere aumentato anche con conferimenti di crediti e di beni in natura. 3. Le azioni sono esclusivamente nominative e indivisibili ed ogni azione da' diritto ad un voto. 4. La qualità di azionista costituisce di per sé sola adesione all'atto costitutivo della Società ed al presente statuto. 5. Il domicilio dei Soci, per quel che riguarda i loro rapporti con la Società, e' quello che risulta dal Libro Soci. Conclusioni A seguito della modifica dei sopradescritti indirizzi in materia di Onoranze funebri e dell opportunità fornita dalla nascita di A.Se.R. srl per portarli a compimento, Amf SpA ed il Comune di Faenza procederanno come di seguito sintetizzato: - Amf SpA aumenterà il proprio Capitale sociale nell ordine di ,00, che saranno sottoscritti dal Comune di Faenza mediante risorse reperite con mutuo passivo; - Amf SpA valuterà la proposta di piano industriale fornita da A.Se.R. srl, sia dal punto di vista della congruità economico-gestionale, sia da quello della coerenza con gli indirizzi ricevuti dal Consiglio Comunale di Faenza; - Amf SpA, a seguito della valutazione di cui al precedente punto, nel caso di esito positivo, procederà alla approvazione della sottoscrizione del Capitale sociale di A.Se.R. srl, appositamente aumentato per formare una compagine societaria adeguata alle necessità di governo pubblico degli enti locali dei territori interessati (ravennate e faentino) ed alle esigenze gestionali ed industriali connesse con l attività da svolgere, nonché all approvazione dello statuto di A.Se.R. srl e di eventuali patti parasociali che si rendesse opportuno adottare; - A.Se.R. srl, completato il nuovo assetto societario sopra descritto, anche a seguito dell uscita dalla società di Hera SpA, procederà all acquisizione del ramo d azienda Onoranze funebri di Faenza da Hera Imola-Faenza srl. Pareri: - Visti i pareri favorevoli espressi, a norma dell art. 49 D.Lgs. 267 del 18/08/2000 in ordine alla regolarità tecnica ed alla regolarità contabile; 5

6 - visto il parere della competente Commissione consiliare; Pertanto IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA 1) Approvare le modifiche agli indirizzi assunti dal Consiglio comunale con atto n. 3697/240 del in ordine all assetto societario del ramo d azienda Onoranze funebri, attualmente di Hera SpA, già di proprietà comunale e di Amf, così come espresso in premessa. 2) Invitare Amf SpA, per le motivazioni e con le modalità descritte in premessa, a procedere, secondo gli indirizzi del Consiglio comunale di cui al punto precedente, al processo di integrazione tra i rami d azienda Onoranze funebri (ex comunali) di Faenza e Ravenna, acquisendo un adeguata partecipazione societaria in A.Se.R. srl. 3) Approvare la sottoscrizione dell aumento di Capitale sociale di Amf SpA, nei termini descritti in premessa, finanziandolo per una somma di ,00, reperiti mediante assunzione di un mutuo passivo. 4) Approvare le modifiche all art. 5 dello Statuto di Amf SpA relativo al Capitale sociale, come descritto in premessa. 5) Dare atto che, con successivi atti gestionali, sarà impegnata la somma necessaria per l acquisizione della quota di aumento del capitale sociale di Amf SpA di cui al precedente punto 3), già opportunamente stanziata nel Bilancio 2006 Programma Investimenti 2006/2008, e saranno assunti tutti gli eventuali ulteriori atti necessari all attuazione di quanto oggetto della presente deliberazione. 6) Dare mandato al Sindaco, legale rappresentante dell Ente o, in sua assenza o impedimento, l Assessore alle Attività economiche, ad intervenire in Assemblea di Amf SpA secondo gli indirizzi forniti dal presente atto. 7) Dichiarare l immediata esecutività del provvedimento, a termini del 4 comma dell art. 134 del D.Lgs. 267 del 18/08/2000, stante l urgenza di definire con tempestività i rapporti derivanti dal presente provvedimento. A norma dell art. 49 D.Lgs. 267 del 18/08/2000, SI ATTESTA, per l atto in oggetto: a) la regolarità tecnica IL CAPO SERVIZIO AZIENDE E PARTECIPAZIONI COMUNALI (Pier Luigi Fallacara) IL CAPO SETTORE SVILUPPO ECONOMICO (Claudio Facchini) 6

7 b) la regolarità contabile IL CAPO SETTORE FINANZIARIO (Rag. Pier Paola Capra) st X:\Archivio\Atti\Delibere\2006\Aumento capitale AMF per ingresso in ASER.doc 7

Atto C.C. n. 3697/240 del 28 luglio 2005

Atto C.C. n. 3697/240 del 28 luglio 2005 Atto C.C. n. 3697/240 del 28 luglio 2005 OGGETTO: Indirizzi per: a) riacquisizione da Hera Spa del Servizio cimiteriale e definizione della nuova forma di gestione; b) nuova modalità di gestione del Servizio

Dettagli

pluriennale 2008/2010, Programma Investimenti 2008/2010 e Programma triennale delle opere pubbliche.

pluriennale 2008/2010, Programma Investimenti 2008/2010 e Programma triennale delle opere pubbliche. IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa Decreto Presidente della Repubblica n. 285/1990 Regolamento nazionale di polizia mortuaria. Circolare Ministero Sanità n. 24/1993

Dettagli

Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE

Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE Il Presidente sottopone per l approvazione quanto segue: Normativa di riferimento: - Legge regionale n. 47 del 07.12.1978

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Atto C.C. n. 4725/297 del 13 ottobre 2005

Atto C.C. n. 4725/297 del 13 ottobre 2005 Atto C.C. n. 4725/297 del 13 ottobre 2005 OGGETTO: Acquisizione da parte di AMF S.p.A. del ramo d azienda Servizi Cimiteriali da HERA S.p.A. e conseguenti modifiche allo statuto della medesima società

Dettagli

RELAZIONE SUI RISULTATI CONSEGUITI DAL PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DETENUTE DAL COMUNE DI SALERNO (art.

RELAZIONE SUI RISULTATI CONSEGUITI DAL PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DETENUTE DAL COMUNE DI SALERNO (art. RELAZIONE SUI RISULTATI CONSEGUITI DAL PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DETENUTE DAL COMUNE DI SALERNO (art. 1, comma 612 della Legge 190/2014) 31 marzo 2016 PREMESSA

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 260/2014 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 03 del mese di marzo dell' anno 2014 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via Aldo

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Area Segretario Generale DIRETTORE CRISCUOLO avv. PASQUALE Numero di registro Data dell'atto 2064 16/12/2015 Oggetto : Approvazione contratto cessione azioni Autocamionale

Dettagli

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 46 DEL 26/06/2013

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 46 DEL 26/06/2013 C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 46 DEL 26/06/2013 OGGETTO: AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER VENDITA AZIONI HERA L anno duemilatredici

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue:

IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: * * * Normativa: - D.Lgs. n. 422 del 19/11/1997 Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico

Dettagli

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale COPIA Delibera n 30/2014 COMUNE DI SUNO Provincia di NOVARA Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale Seduta del 22/04/2014 - delibera n.30 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO Estratto DETERMINAZIONE N. 115 del 15/04/2013 Proposta n. 115 Oggetto: CONTRATTO D'APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL CIMITERO DI SANTA MARIA SUBENTRO GESIT PIEMONTE SNC (Z0B091A936) Area

Dettagli

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 34/29.03.2011

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 760 / 2014 OGGETTO: IMPEGNO DELLA SPESA DI EURO 1.462,78 PER IL RINNOVO

Dettagli

BANCA SISTEMA S.P.A. 3. Soggetti aderenti al Patto, strumenti finanziari e numero dei diritti di voto conferiti al Patto

BANCA SISTEMA S.P.A. 3. Soggetti aderenti al Patto, strumenti finanziari e numero dei diritti di voto conferiti al Patto Estratto dei patti parasociali comunicati alla Consob e pubblicati ai sensi dell articolo 122 del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58. Informazioni essenziali previste dall articolo 130 del Regolamento Consob

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

In particolare riassumendo i principali atti e comportamenti della Società in materia:

In particolare riassumendo i principali atti e comportamenti della Società in materia: ATTUAZIONE DEGLI INDIRIZZI OPERATIVI PER LA GOVERNANCE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DI PARMA E DEGLI ENTI AZIENDE ED ISTITUZIONI (DELIB. G.C. 355/38 2013) Con lettera del 6 Giugno 2013 prot. 96974/2013

Dettagli

Autorizzazione all acquisto di azioni proprie e al compimento di atti di disposizione sulle medesime.

Autorizzazione all acquisto di azioni proprie e al compimento di atti di disposizione sulle medesime. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.P.A. RELATIVA ALLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI REDATTA

Dettagli

UNIONE COMUNI D OGLIASTRA

UNIONE COMUNI D OGLIASTRA UNIONE COMUNI D OGLIASTRA COMUNE DI LANUSEI COMUNE DI ELINI COMUNE DI ARZANA COMUNE DI LOCERI COMUNE DI BARI SARDO COMUNE DI ILBONO COPIA DI DELIBERAZIONE DELL'ASSEMBLEA N. DEL 17 28.07.2015 OGGETTO: Ratifica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. I Consigli di Amministrazione di Banco di Desio e della Brianza e di Banca Popolare di Spoleto hanno approvato

Dettagli

Estratto del patto parasociale ai sensi dell art. 122 del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 MONCLER S.P.A.

Estratto del patto parasociale ai sensi dell art. 122 del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 MONCLER S.P.A. Estratto del patto parasociale ai sensi dell art. 122 del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 MONCLER S.P.A. Premesse In data 16 dicembre 2013, Ruffini Partecipazioni S.r.l.( Ruffini Partecipazioni ), ECIP

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEL COMUNE DI RIMINI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEL COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEL COMUNE DI RIMINI ARTICOLO 1 DEFINIZIONI 1.1 Ai fini del presente regolamento i seguenti termini hanno i significati di seguito indicati:

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A

Cerved Information Solutions S.p.A Cerved Information Solutions S.p.A Sede legale in Milano, Via San Vigilio n. 1 capitale sociale euro 50.450.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA: 08587760961 REA MI-2035639

Dettagli

CONTRATTO DI COMPRAVENDITA DELLA PARTECIPAZIONE AZIONARIA detenuta da Italia Lavoro S.p.A. in S.p.A. tra

CONTRATTO DI COMPRAVENDITA DELLA PARTECIPAZIONE AZIONARIA detenuta da Italia Lavoro S.p.A. in S.p.A. tra CONTRATTO DI COMPRAVENDITA DELLA PARTECIPAZIONE AZIONARIA detenuta da Italia Lavoro S.p.A. in S.p.A. tra ITALIA LAVORO s.p.a., con sede legale in Roma, Via Guidubaldo del Monte, 60, capitale sociale 74.786.057,00

Dettagli

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 giunta regionale Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 FAC SIMILE DI STATUTO DI ASSOCIAZIONE Nota bene: il presente fac-simile è indicativo e può essere adattato alle specifiche esigenze

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 6 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI NELL AMBITO DEL PREMIO AZIENDALE 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO Ex art. 84-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

ALLEGATO A) Trasferimento del S.I.I. Città di Udine da AMGA a CAFC Relazione economico-tecnica illustrativa Allegato A

ALLEGATO A) Trasferimento del S.I.I. Città di Udine da AMGA a CAFC Relazione economico-tecnica illustrativa Allegato A ALLEGATO A) Trasferimento del S.I.I. Città di Udine da AMGA a CAFC Relazione economico-tecnica illustrativa Allegato A 11 dicembre 003 1. Il modello dell operazione L operazione in sintesi 1 36% C O M

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SECONDA APPENDICE CONTRATTUALE

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SECONDA APPENDICE CONTRATTUALE SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SECONDA APPENDICE CONTRATTUALE L anno duemilaotto (2008), il giorno 13 (tredici) del mese di ottobre, presso la sede dell Agenzia d ambito per i servizi pubblici di Ravenna, Piazza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. In data odierna i Consigli di Amministrazione di KME

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE AI SENSI 2501 TER DEL CODICE CIVILE CONDIFESA RAVENNA. Sede Legale: Ravenna (RA) Via dell Aida, 17

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE AI SENSI 2501 TER DEL CODICE CIVILE CONDIFESA RAVENNA. Sede Legale: Ravenna (RA) Via dell Aida, 17 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE AI SENSI 2501 TER DEL CODICE CIVILE CONDIFESA RAVENNA Sede Legale: Ravenna (RA) Via dell Aida, 17 Codice Fiscale 80008590392 - INCORPORANTE - CONDIFESA MODENA Sede

Dettagli

Tra La Regione Emilia-Romagna, rappresentata dal Vice Presidente della Giunta,...; e. Il Comune di Bologna, rappresentato dal,...;

Tra La Regione Emilia-Romagna, rappresentata dal Vice Presidente della Giunta,...; e. Il Comune di Bologna, rappresentato dal,...; SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA RELATIVO AL PROGETTO "IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA-RETE INTEGRATO DI PROTEZIONE E SICUREZZA" INTEGRATIVO DELL ACCORDO SOTTOSCRITTO IN DATA 06/04/2009 Tra La Regione Emilia-Romagna,

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 763 / 2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL CONTRATTO PER LA MANUTENZIONE E

Dettagli

PREMESSO; all.b RITENUTO:

PREMESSO; all.b RITENUTO: PREMESSO; - che con atto pubblico redatto dal Notaio dott. Pietro Caserta il 30/3/1998 - repertorio n. 126685, raccolta 11201 è stata costituita la società mista PicenAmbiente Spa a seguito di espletamento

Dettagli

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 118 di data 29 luglio 2013

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 118 di data 29 luglio 2013 Deliberazione della Giunta esecutiva n. 118 di data 29 luglio 2013 Oggetto: Approvazione variazione di bilancio ai sensi dell art. 27 della legge provinciale 14 settembre 1979, n. 7 e successive modificazioni

Dettagli

COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA VERBALE DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione nr. 22 del 17/7/2014 OGGETTO: Approvazione piano economico-finanziario per il servizio rifiuti anno 2014.

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 812 / 2014 OGGETTO: IMPEGNO DELLA SPESA DI EURO 6316,55 PER LA FORNITURA

Dettagli

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010 Altre deliberazioni Assemblea 16-19 aprile 2010 Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie come già detto in altra parte della relazione, l Assemblea ordinaria del 17 aprile 2009

Dettagli

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE.

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI CONVOCATA PER IL GIORNO 29 APRILE 2015 RELATIVA AL SETTIMO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 89 IN DATA 19/07/2007 O G G E T T O BILANCIO DI PREVISIONE DELL'ESERCIZIO 2007.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 97

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 97 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 97 Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Francesco Vezzaro OGGETTO: VARIAZIONE D'URGENZA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013,

Dettagli

Al punto 3 durante la trattazione dell argomento è entrato il Consigliere Manfredini pertanto i presenti sono n. 15. IL CONSIGLIO COMUNALE

Al punto 3 durante la trattazione dell argomento è entrato il Consigliere Manfredini pertanto i presenti sono n. 15. IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2005, ALLA RELAZIONE PREVISIONALE PROGRAMMATICA ED AL BILANCIO PLURIENNALE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 47/23 DEL 25.11.2014

DELIBERAZIONE N. 47/23 DEL 25.11.2014 Oggetto: Fondo immobiliare regionale - housing sociale di cui all articolo 11 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 e D.P.C.M. del 16.4.2009.

Dettagli

Direzione Generale 2013 06553/064 Direzione Partecipazioni Comunali GG 0/D CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE.

Direzione Generale 2013 06553/064 Direzione Partecipazioni Comunali GG 0/D CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Direzione Generale 2013 06553/064 Direzione Partecipazioni Comunali GG 0/D CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 4 dicembre 2013 Convocata la Giunta presieduta dal Vicesindaco Elide TISI,

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

YOOX NET-A-PORTER GROUP

YOOX NET-A-PORTER GROUP Patto parasociale avente a oggetto azioni di YOOX NET-A-PORTER GROUP S.p.A. - Informazioni essenziali ai sensi dell art. 122 del D.Lgs. 58/1998 e dell art. 130 del Regolamento Consob n. 11971/1999 Le informazioni

Dettagli

La Casa di Margherita

La Casa di Margherita La Casa di Margherita Associazione di Solidarietà Familiare Via Trento Trieste 1-20043 Arcore (MI) www.lacasadimargherita.org Statuto dell Associazione Art. 1 Costituzione 2.1. É costituita l Associazione

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L., LEM S.P.A.P.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L., LEM S.P.A.P. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.,

Dettagli

Piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie dell Ente

Piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie dell Ente Piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie dell Ente Premessa La Legge di Stabilità per il 2015 (legge 23 dicembre 2014 n. 190) ha imposto agli enti locali l avvio

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

2 aprile 2015: unica convocazione

2 aprile 2015: unica convocazione SPACE S.P.A. ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI 2 aprile 2015: unica convocazione Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie all ordine

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 115 IN DATA 03/09/2009 O G G E T T O INFORMATIZZAZIONE DELLA GESTIONE DEL CANONE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI Testo approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 26 ottobre 2011 Art. 1 Disposizioni preliminari 1.1 Il presente regolamento interno

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni

Cassa depositi e prestiti società per azioni Direzione Finanziamenti Pubblici Roma, 22 luglio 2008 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1273 Oggetto: Revisione delle condizioni generali per l accesso al credito della gestione

Dettagli

CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA

CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA Esente da bollo ai sensi art. 8 Legge 266/91 Comune di Russi (Provincia di Ravenna) Prot. n. Rep. n. CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA Periodo: dal

Dettagli

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE ( 174 20/11/2012) Oggetto: VARIAZIONE AL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 - ASSESTAMENTO GENERALE DI BILANCIO Premesso: IL - che con iberazione Consiglio Comunale n. 56 26/07/2012

Dettagli

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE.

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI CONVOCATA PER IL GIORNO 29 APRILE 2014 RELATIVA AL PUNTO TRE ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

Comune di POGGIO RENATICO

Comune di POGGIO RENATICO Comune di OGGIO RENATICO DELIBERAZIONE N. 41 rovincia di Ferrara VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria - Adunanza in rima convocazione - Seduta ubblica OGGETTO: RINNOVO CONVENZIONE

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELL ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELL ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELL ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI Premessa Questo Regolamento, nell ambito dell autonomia gestionale,

Dettagli

Partecipazioni Comunali 2014 02794/064 GP 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 17 giugno 2014

Partecipazioni Comunali 2014 02794/064 GP 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 17 giugno 2014 Partecipazioni Comunali 2014 02794/064 GP 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 17 giugno 2014 Convocata la Giunta presieduta dal Sindaco Piero Franco Rodolfo FASSINO, sono presenti, oltre

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

E U R O T E C H S.P.A.

E U R O T E C H S.P.A. E U R O T E C H S.P.A. SEDE IN AMARO (UD) VIA FRATELLI SOLARI, 3/A CODICE FISCALE 01791330309 ISCRITTA AL REGISTRO IMPRESE DI UDINE AL N. 01791330309 CAPITALE SOCIALE IN EURO 8.878.946,00 I.V. RELAZIONI

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 1920/ARL DEL 10.12.2014

DETERMINAZIONE N. 1920/ARL DEL 10.12.2014 DETERMINAZIONE N. 1920/ARL Oggetto: DETERMINAZIONE A CONTRARRE: AVVISO PUBBLICO D'INDAGINE DI MERCATO CONOSCITIVA FINALIZZATA AD UNA MANIFESTAZIONE D INTERESSE E ALL'INDIVIDUAZIONE DI UN ESPERTO IN MATERIA

Dettagli

1. Proposta di distribuzione in natura di riserve disponibili mediante assegnazione della partecipazione posseduta dalla Società in Green Energy.

1. Proposta di distribuzione in natura di riserve disponibili mediante assegnazione della partecipazione posseduta dalla Società in Green Energy. Proposta di distribuzione di riserve disponibili mediante assegnazione di partecipazioni possedute dalla Società in KME Green Energy S.r.L. previa trasformazione della stessa in società per azioni; deliberazioni

Dettagli

Italcementi S.p.a. Ai sensi dell art. 122 del TUF e dell art. 129 del Regolamento Emittenti si rende noto, per quanto occorrer possa, quanto segue.

Italcementi S.p.a. Ai sensi dell art. 122 del TUF e dell art. 129 del Regolamento Emittenti si rende noto, per quanto occorrer possa, quanto segue. Estratto delle pattuizioni comunicate alla Consob, per quanto occorrer possa, ai sensi dell'art. 122 del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, come successivamente modificato e integrato ( TUF ) e delle disposizioni

Dettagli

Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell

Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria degli Azionisti del 27 febbraio 2015

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. N. 20 del 31/01/2015. Oggetto: Assunzione impegno di spesa per emissione bollettazione TARI anno 2014. CIG.

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. N. 20 del 31/01/2015. Oggetto: Assunzione impegno di spesa per emissione bollettazione TARI anno 2014. CIG. Repubblica Italiana CITTÀ DI MAZARA DEL VALLO Settore : 2 Gestione delle Risorse Servizio : Entrate e Tributi Ufficio : Tari DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE INDIVIDUATO CON DETERMINAZIONE DEL SINDACO N. 177

Dettagli

Assemblea degli Azionisti di Cembre S.p.A.

Assemblea degli Azionisti di Cembre S.p.A. Assemblea degli Azionisti di Cembre S.p.A. (28 aprile 2009, I conv. 30 aprile 2009, II conv.) Relazione del Consiglio di Amministrazione ai sensi degli artt. 73 e 93 del Regolamento Consob 11971/99 e successive

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n.

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10 Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. 461019 Capitale Sociale di Euro 43.797.505 i.v. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE (art. 2501-ter C.C.)

PROGETTO DI FUSIONE (art. 2501-ter C.C.) PROGETTO DI FUSIONE (art. 2501-ter C.C.) Il Consiglio di amministrazione della Banca di Credito di Impruneta società cooperativa, con sede in Impruneta (FI) e il Consiglio di amministrazione del Credito

Dettagli

COMUNE DI SPINADESCO Provincia di Cremona

COMUNE DI SPINADESCO Provincia di Cremona COMUNE DI SPINADESCO Provincia di Cremona Copia N 33 del 25/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione: straordinaria di prima convocazione seduta pubblica OGGETTO: LIQUIDAZIONE SOCIETA'

Dettagli

Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD-2014-422 DEL 28/03/2014

Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD-2014-422 DEL 28/03/2014 Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD-2014-422 DEL 28/03/2014 Inserita nel fascicolo: 2014.VII/12/3.3/3 Centro di Responsabilità: 65 4 2 0 - SETTORE WELFARE - SERVIZIO SERVIZI PER IL WELFARE

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA. Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE

REGOLAMENTO DI CONTABILITA. Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE Approvato con delibera n. 09 del C.D.A del 6 Agosto 2013 1 INDICE ART 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... pag 3 ART

Dettagli

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE La formulazione del testo del presente statuto-tipo è puramente esemplificativa. Nell ambito dell esercizio del proprio potere di autonomia privata, i costituenti

Dettagli

DELIBERA DI GIUNTA N. 155

DELIBERA DI GIUNTA N. 155 COMUNITA VALSUGANA E TESINO DELIBERA DI GIUNTA N. 155 OGGETTO : Adesione alle polizze assicurative in convenzione con il Consorzio dei Comuni Trentini - periodo 31.10.2014-31.10.2018 - affidamento del

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo Allegato alla Delib.G.R. n. 46/14 del 22.9.2015 FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO (VENTURE CAPITAL) PER INVESTIMENTI IN EQUITY PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI IMPRESE INNOVATIVE Legge regionale 29 maggio

Dettagli

V e r b a le di deliberazione della Giunta Comu n a l e

V e r b a le di deliberazione della Giunta Comu n a l e COPIA D E L I B E R A 1 2 7 D E L 2 8 / 1 1 / 2 0 1 4 V e r b a le di deliberazione della Giunta Comu n a l e Oggetto: ESTINZIONE ANTICIPATA PARZIALE MUTUO ISTITUTO CREDITO SPORTIVO. L anno duemilaquattordici,

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 40 DEL 03/02/2016

DETERMINAZIONE N. 40 DEL 03/02/2016 COMUNE DI GAGGIO MONTANO PROVINCIA DI BOLOGNA P.zza A. Brasa, 1 40041 Gaggio Montano Tel 0534/38003 Fax 0534/37666 DETERMINAZIONE N. 40 DEL 03/02/2016 OGGETTO: IMPEGNO DI SPESA PULIZIE EDIFICI COMUNALI

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2009 (Atti del Consiglio) Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2010 e pluriennale 2010 2012. *************** Approvata dal Consiglio

Dettagli

Consiglio di Bacino dell Ambito BACCHIGLIONE

Consiglio di Bacino dell Ambito BACCHIGLIONE Consiglio di Bacino dell Ambito BACCHIGLIONE Proposta di Deliberazione dell Assemblea SEDUTA del 8.04.2014 N. di Reg. N. di Prot. Odg 3 Immediatamente eseguibile Oggetto: APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BILANCIO

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 23 DI DATA 19.06.2014 OGGETTO: Approvazione del progetto definitivo per la realizzazione del centro raccolta materiali a servizio dei Comuni di Roncone, Lardaro,

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. EMILIA ROMAGNA L.R. n.7 del 14/05/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. EMILIA ROMAGNA L.R. n.7 del 14/05/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE EMILIA ROMAGNA L.R. n.7 del 14/05/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: collegamento tra il sistema produttivo regionale e il sistema ricerca, spin off,

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 7 del 21/03/2014 Oggetto: AUTORIZZAZIONE ALLA VENDITA E ALL'ACQUISTO DI AZIONI PROPRIE VERITAS SPA AI SENSI DEGLI

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 43 OGGETTO: PARTECIPAZIONE DEL COMUNE ALLA XXIV ASSEMBLEA ANNUALE A.N.C.I. - DETERMINAZIONI. L anno duemilasette addì

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 795 / 2014 OGGETTO: IMPEGNO DELLA SPESA DI EURO 1.828,78 A FAVORE DI

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Impregilo S.p.A. sul quarto punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria,

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Impregilo S.p.A. sul quarto punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Impregilo S.p.A. sul quarto punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Modifica dell art. 33 dello Statuto sociale, al

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 305 OGGETTO: VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015. L anno duemilaquindici, il mese di SETTEMBRE, il

Dettagli

Oggetto: L.R. n. 12/2011, art. 6. Linee di indirizzo ex art. 8, 8. comma 1, 1. L.R. n. 31/1998.

Oggetto: L.R. n. 12/2011, art. 6. Linee di indirizzo ex art. 8, 8. comma 1, 1. L.R. n. 31/1998. Oggetto: Iniziative a sostegno del servizio s idrico integrato nella Regione R Sardegna, di cui alla L.R. n. 12/2011, art. 6. Linee di indirizzo ex art. 8, 8 comma 1, 1 L.R. n. 31/1998. Il Presidente,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 3 dicembre 2015 INFORMATIVA AL MERCATO

COMUNICATO STAMPA Milano, 3 dicembre 2015 INFORMATIVA AL MERCATO COMUNICATO STAMPA Milano, 3 dicembre 2015 INFORMATIVA AL MERCATO SOTTOSCRITTO ACCORDO TRA INDUSTRIA E INNOVAZIONE E LA CENTRALE FINANZIARIA GENERALE PER LA TRASFORMAZIONE DI INDUSTRIA E INNOVAZIONE IN

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA 22 APRILE 2009 23 APRILE 2009 AVVISO DI CONVOCAZIONE. all ordine del giorno

ASSEMBLEA ORDINARIA 22 APRILE 2009 23 APRILE 2009 AVVISO DI CONVOCAZIONE. all ordine del giorno ASSEMBLEA ORDINARIA 22 APRILE 2009 23 APRILE 2009 AVVISO DI CONVOCAZIONE Relazioni degli Amministratori sulle proposte all ordine del giorno AMPLIFON S.p.A. Capitale sociale: Euro 3.968.400,00.= Sede Sociale

Dettagli

ALLEGATO I. Apprendistato Professionalizzante o Contratto di Mestiere (art. 4 D.Lgs. 14 settembre 2011, n.167)

ALLEGATO I. Apprendistato Professionalizzante o Contratto di Mestiere (art. 4 D.Lgs. 14 settembre 2011, n.167) Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE

Dettagli

Patto parasociale avente a oggetto azioni di YOOX S.p.A. (quale società risultante dall operazione infra

Patto parasociale avente a oggetto azioni di YOOX S.p.A. (quale società risultante dall operazione infra Patto parasociale avente a oggetto azioni di YOOX S.p.A. (quale società risultante dall operazione infra descritta) - Informazioni essenziali ai sensi dell art. 122 del D.Lgs. 58/1998 e dell art. 130 del

Dettagli

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LA RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI COMUNALI E STRUMENTALI, DELLE SOCIETA PARTECIPATE E PER IL REGOLAMENTO

Dettagli

FRENDY ENERGY S.P.A.

FRENDY ENERGY S.P.A. FRENDY ENERGY S.P.A. Sede legale in Firenze, Via Fiume n. 11 Capitale sociale Euro 4.225.000,00 i.v. Codice fiscale ed iscrizione nel Registro delle Imprese di Firenze n. 05415440964 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

RELAZIONI ILLUSTRATIVE E PROPOSTE. DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI EMAK S.p.A. IN ORDINE AI DIVERSI PUNTI ALL ORDINE DEL GIORNO

RELAZIONI ILLUSTRATIVE E PROPOSTE. DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI EMAK S.p.A. IN ORDINE AI DIVERSI PUNTI ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONI ILLUSTRATIVE E PROPOSTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI EMAK S.p.A. IN ORDINE AI DIVERSI PUNTI ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 24 APRILE 2014 Emak S.p.A.

Dettagli

ACCORDO DI MASSIMA CONTENENTE PATTUIZIONI PARASOCIALI RELATIVE A PIRELLI & C S.p.A.

ACCORDO DI MASSIMA CONTENENTE PATTUIZIONI PARASOCIALI RELATIVE A PIRELLI & C S.p.A. ACCORDO DI MASSIMA CONTENENTE PATTUIZIONI PARASOCIALI RELATIVE A PIRELLI & C S.p.A. Informazioni essenziali previste dall art. 130 del Regolamento Consob n. 11971/1999, come successivamente modificato

Dettagli