Camera dei Deputati 3 Indagine conoscitiva 11. La seduta comincia alle (La Commissione approva il processo verbale della seduta precedente).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Camera dei Deputati 3 Indagine conoscitiva 11. La seduta comincia alle 14.05. (La Commissione approva il processo verbale della seduta precedente)."

Transcript

1 Camera dei Deputati 3 Indagine conoscitiva 11 La seduta comincia alle (La Commissione approva il processo verbale della seduta precedente). Sulla pubblicità dei lavori. PRESIDENTE. Avverto che, se non vi sono obiezioni, la pubblicità dei lavori della seduta odierna sarà assicurata anche attraverso impianti audiovisivi a circuito chiuso. (Così rimane stabilito). Audizione del presidente della Consob, Luigi Spaventa. PRESIDENTE. L ordine del giorno reca, nell ambito dell indagine conoscitiva sull attuazione del testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, l audizione del presidente della Consob, professor Luigi Spaventa. Sono presenti, inoltre, i rappresentanti della Consob, il dottor Massimo Tezzon, direttore generale, il dottor Lamberto Cardia, commissario, il professor Filippo Cavazzuti, commissario, il dottor Riccardo Carriero, rappresentante della divisione relazioni esterne ed il dottor Alberto Aghemo, rappresentante dell ufficio stampa, che ringrazio per aver accolto il nostro invito. Abbiamo acquisito agli atti la relazione del presidente della Consob, Luigi Spaventa, presentata durante una giornata nella quale i lavori parlamentari non consentivano lo svolgimento dell audizione, ed il testo del discorso che due giorni fa lo stesso professor Spaventa ha tenuto nell incontro annuale con i rappresentanti del mercato finanziario. Do ora la parola al presidente della Consob, Luigi Spaventa. Consob. Desidero ringraziare il presidente della Commissione per la sua pazienza e per averci voluto nuovamente ascoltare. Siamo a disposizione dei membri della Commissione per rispondere alle loro domande. PRESIDENTE. Desidero iniziare con una questione, sollevata nella sua relazione, che riguarda i rapporti con Borsa Spa, sulla quale ieri sono stati ascoltati i rappresentanti della stessa Borsa Spa. Da parte della Consob sembrano esserci riserve di un certo rilievo sull assetto privatistico di Borsa Spa; in particolare, è in questione il conflitto di interessi derivante dal fatto che le entrate di Borsa Spa sono costituite da commissioni pagate alla società di gestione, da cui potrebbe conseguire una qualità del servizio inferiore a quella auspicabile. Un altra questione concerne la preoccupazione sull assetto proprietario che, del resto, riflette una sua considerazione, compiuta in altre occasioni, sull eccessiva presenza delle banche in tutti i segmenti del mercato finanziario, da quelli che formulano consigli sugli acquisti e sulle vendite (che lei stesso ha affermato essere sempre consigli sugli acquisti) a quelli delle società di intermediazione e così via. Infine, un ulteriore problema è rappresentato dalla quotazione delle borse, su cui, pur non essendo stato esplicito, lei pare avere alcune riserve o perplessità. La risposta dei rappresentanti della Borsa Spa è stata, invece, che la quotazione in borsa rappresenta un elemento di trasparenza.

2 Camera dei Deputati 4 Indagine conoscitiva 11 Consob. Si tratta di due questioni distinte. L assetto privatistico della Borsa Spa fu deciso in occasione del varo del Testo unico delle finanze ed allora si decise anche l assetto proprietario della Borsa Spa, che vede prevalenti gli intermediari finanziari. Non è un assetto ideale dal punto di vista della corporate governance e non vi è dubbio che abbiano ragione il presidente e l amministratore delegato di Borsa italiana che una quotazione di borsa contribuirebbe in qualche modo ad alleviare i problemi di assetto societario. La presenza di azionisti diffusi consentirebbe, quanto meno, l ingresso in consiglio di amministratori indipendenti. Nella mia relazione, che lei ha avuto la cortesia di richiamare, ho affermato che in linea di principio esistono rischi di conflitto di interessi, che, tuttavia, sono fortemente alleviati dalla concorrenza fra le borse che sta diventando sempre più vivace, in quanto oramai è indifferente operare sull una piazza o sull altra. Certamente, l assetto di corporate governance può essere migliorato. Qualche passo è stato fatto per impulso della Consob nella cosiddetta separation of duties, nel separare i compiti del consiglio di amministrazione e dell amministratore delegato, soprattutto per quanto riguarda l ammissione a quotazione. Esistono due possibili alternative: l una è quella di ritornare radicalmente indietro (ma il Testo unico non fece tale scelta) e di restituire l ammissione a quotazione ad una autorità di vigilanza; ciò, probabilmente, è antistorico, osservando gli avvenimenti su altri mercati. L altra possibilità, perseguita essenzialmente nel Regno Unito, è di creare un organismo separato sottoposto al controllo dell autorità di vigilanza che decide sull ammissione a quotazione. Il problema però non è soltanto quello della quotazione e dell ammissione. Un mercato regolamentato, infatti, esercita non solo i poteri di quotazione e di ammissione, ma anche quelli di vigilanza sulle società quotate in borsa, detenendo un potere, seppure blando, sanzionatorio e di sospensione della quotazione. Una questione importante che la Consob ha esaminato, ma che non ha trovato soluzione, riguarda la quotazione di Borsa Spa la sua «autoquotazione» su un mercato gestito dalla stessa. Avremmo, infatti, una situazione per cui non solo e non tanto Borsa Spa decide la sua ammissione a quotazione, ma essa vigila sui suoi doveri: diventerebbe, palesemente, non facile l assunzione, da parte del soggetto vigilante, di un provvedimento sanzionatorio nei propri confronti. Abbiamo affrontato il tema anche dibattendo la soluzione proposta da Borsa Spa, che prevedeva da parte di Consob l assunzione di poteri particolari di vigilanza e di sanzione, ma devo dire che non abbiamo trovato la base normativa che permettesse a Consob di assumere tali poteri su una società quotata. Sarebbe opportuno, allora, provvedere con una innovazione normativa per avere tale eccezione, se Borsa Spa si quotasse. Ad ordinamento dato, e fermo restando che non vi è alcuna contrarietà alla quotazione di Borsa Spa, se dotata di un suo progetto industriale, non è facile trovare un sistema per risolvere il problema del «vigilante vigilato» o, se volete, del nemo iudex in causa sua. Ciò che ho esposto rappresenta il nostro problema principale. Il Testo unico delle finanze è stato innovativo per il fatto che mai si riferisce a un mercato ufficiale e a una borsa con la «B» maiuscola, ma ha sempre trattato di mercati regolamentati. L attuale realtà è quella di una sola borsa; però già ora esiste, nell after hours, un mercato non regolamentato concorrente, quello di Uni- Credito, TLX-Tradinglab, che si accinge a chiedere di essere riconosciuto come un mercato regolamentato. Nel caso in cui vi sia una pluralità di mercati regolamentati, evidentemente, il problema della ammissione a quotazione si riproporrà con maggior forza. È stata la concorrenza fra mercati ad indurre gli inglesi a sottrarre alla borsa di Londra la funzione di ammissione a quotazione. Ove vi siano o vi saranno altri mercati regolamentati (che sono un bene dal punto di vista della concorrenza, perché attualmente Borsa

3 Camera dei Deputati 5 Indagine conoscitiva 11 italiana è monopolistica), sarà difficile osservare un altro mercato regolamentato vivere a spese di chi, invece, compie l ammissione a quotazione. Credo che presto o tardi un problema del genere si porrà e appare difficile trovare un modo per affrontarlo senza che il legislatore lo consideri apprezzandone la complessità e fornendo norme adeguate. ROBERTO PINZA. Anche io sono d accordo sul fatto che la possibilità di una autoquotazione della Borsa debba essere accompagnata da un adeguamento delle norme attuali e credo che in Commissione rifletteremo su tale aspetto. Vorrei conoscere il parere della Consob sulla questione che riguarda i rapporti tra le società che gestiscono le varie borse europee. Ho seguito la vicenda nei suoi vari sviluppi, da quando si ipotizzavano fusioni tra banche nazionali, passando per il periodo in cui si presagiva un solo network tra varie borse, giungendo infine al momento attuale, in cui si immaginano network alternativi e concorrenziali. Mi interesserebbe perciò sapere cosa ne pensate al riguardo. Inoltre vorrei sapere che valutazione fornisca la Consob su alcuni fatti degenerativi, peraltro sottolineati dalla stessa Consob nella sua ultima relazione, e soprattutto che tipi di indicazioni fornisce in relazione a quella serie di rapporti tra società che permettono di raggiungere posizioni di controllo assoluto anche con percentuali esigue di capitale sociale. Mi riferisco a casistiche che possono interessare la Commissione dal punto di vista legislativo, interpretando quindi questa indagine conoscitiva nella accezione classica, come strumento di acquisizione di ulteriori conoscenze da parte del Parlamento attraverso l audizione di soggetti direttamente operanti nella materia oggetto di attenzione normativa. Un ulteriore questione, che pure è stata sfiorata dalla sua relazione annuale, su cui desidererei un parere più approfondito riguarda i controlli societari. Anche nell audizione dei rappresentanti di Borsa italiana Spa abbiamo convenuto sul fatto che legiferare sulla spinta dell emergenza sia il modo peggiore per intervenire su una materia come questa. Tuttavia il problema esiste già da diverso tempo; da anni i sindaci non controllano le società, da anni il rapporto tra società e revisori è assai meno garantista di quanto si pensava fosse al momento del varo delle norme, anche se in Italia il problema si è presentato in forme più attenuate grazie ad alcune forme di garanzia comunque inserite nel TUF soprattutto riguardo alla durata e all eventuale rinnovo del rapporto tra revisore e società. Su questo punto non considero concludente la discussione svoltasi in sede di riforma del diritto societario per quanto riguarda gli organi di controllo interni, poiché essa non ha affrontato il nodo centrale del problema: la dipendenza di fatto del controllore dal controllato. Dico tutto ciò non perché da qualche tempo intere pagine di giornale sono dedicate a vicende correlate a questa anomalia, ma piuttosto per capire se ci stiamo dirigendo verso una forma di maggiore trasparenza del sistema societario e finanziario oppure se abbiamo imboccato la strada che porta verso una sua maggiore oscurità. GIORGIO BENVENUTO. Ho assistito con piacere alla riunione della Consob ed ho potuto apprezzare in maniera particolare la relazione del professor Spaventa. Trovo pertinenti molte delle osservazioni fatte, ad esempio quella riguardante la trasparenza. Particolarmente importante mi sembra la denuncia, contenuta nella sua relazione, della diminuzione del numero delle società quotate in borsa, nonché quella che richiama l attenzione sui soggetti forti che sempre più stanno acquisendo una posizione rilevante. Nel corso delle audizioni abbiamo potuto constatare una diffusa preoccupazione nei confronti dell eccesso di regolamentazione del settore. In sostanza, ci è stato fatto notare come dalla delegificazione sia derivata una eccessiva regolamentazione. Si tratta di una questione delicata, che a mio parere deriva anche dal fatto che non è stato risolto il pro-

4 Camera dei Deputati 6 Indagine conoscitiva 11 blema della definizione dei poteri da attribuire alla Consob; penso ad esempio alle limitate possibilità di intervento che essa ha per contrastare l insider trading. È chiaro che l eccesso di regolamentazione dovrà essere arginato nel futuro prossimo, ma quali indicazioni suggerite al riguardo? La quotazione della società che gestisce la Borsa pone anche dei problemi dimensionali, con tutti i rischi che ne conseguono. Si tratta di una questione che ho posto anche ai vertici di Borsa Spa, che con la privatizzazione è certamente diventata più efficiente. Al di là del problema del conflitto di interessi, data la dimensione della nostra borsa e data la concorrenza esistente tra le borse, non esiste il rischio che la società che gestisce la Borsa italiana possa essere preda di operazioni dirette da società straniere del settore? Ieri ricordavo alcune cifre che desidero ripetere anche oggi: siamo il quarto listino in Europa quanto a capitalizzazione; la società che gestisce la nostra borsa ha un fatturato di 140 milioni di euro, pari alla metà della borsa di Londra, ad un quarto di Euronext, ad un quinto di Francoforte. Visti questi rapporti, il rischio che, una volta quotata, Borsa Spa diventi oggetto di una acquisizione da parte di una società straniera mi appare molto concreto. Ieri abbiamo avuto delle indicazioni al riguardo, ma vorrei avere ulteriori elementi di valutazione anche da parte della Consob. MAURIZIO LEO. Vorrei conoscere il punto di vista della Consob su un aspetto del provvedimento di riforma del sistema fiscale che stiamo esaminando in questi giorni. All interno di tale provvedimento c è una parte che riguarda specificamente i redditi da capitale ed i redditi diversi di natura finanziaria. Come è noto viene praticamente sovvertito l attuale assetto di tassazione sul risparmio gestito. Ovviamente, laddove vi sono intermediari finanziari che gestiscono le risorse dei contribuenti, nel periodo in cui i mercati hanno avuto un andamento regressivo si sono venuti a consolidare una serie di crediti di imposta che dovranno in qualche modo essere riconosciuti. In sostanza il problema è vedere in quale modo queste somme, che hanno dato luogo ad un credito e quindi dovranno essere restituite agli intermediari per effetto della tassazione sui differenziali tra l inizio del periodo di imposta e la sua chiusura, dovranno essere riconosciute. Quale sono le vostre valutazioni al riguardo? PRESIDENTE. Anch io vorrei rivolgere al presidente Spaventa e ai commissari presenti alcune domande. Uno dei punti su cui ci soffermeremo nel documento conclusivo riguarda il sistema capitalistico nel suo complesso. Forse per il modo in cui sono cresciuto negli ambienti finanziari non riesco a considerare gli accordi tra gli azionisti, i cosiddetti patti parasociali, come un elemento di ingessatura del mercato. Della mia stessa opinione era anche un uomo di sicuro valore come Bruno Visentini, che in alcuni articoli memorabili difese l idea dell autolimitazione dei maggiori azionisti rispetto a quella del capitalismo contendibile americano. L onorevole Agostini è assertore di una visione di moderno capitalismo, basato sulla contendibilità piena delle imprese, presente nel sistema americano e non in quello italiano. Vorrei conoscere meglio le vostre opinioni su tale tema. A tale argomento è collegata la questione della tutela degli azionisti di minoranza, cui del resto il presidente Spaventa è stato attento sia nella sua relazione sia nel discorso di ieri ai rappresentanti dei mercati finanziari. È vero che c è un problema di tutela degli azionisti di minoranza, ma dovremmo prevedere delle forme legislative che consentano all azionista di minoranza di adire più rapidamente i tribunali per ottenere trasparenza? In altri sistemi giuridici gli azionisti di minoranza sono più tutelati che nel nostro, al di là di quanto è stato fatto con il TUF? Nella relazione del presidente della Consob, trattando di offerte ostili e di passività, si afferma che sarebbe oppor-

5 Camera dei Deputati 7 Indagine conoscitiva 11 tuno un chiarimento legislativo per stabilire l inizio della regola di passività. Inizialmente, la Consob decise che il primo annuncio sarebbe stato il momento iniziale per la regola di passività; successivamente, il Consiglio di Stato ed il TAR stabilirono l inizio della regola di passività solo da una offerta completa in tutti i suoi aspetti. La Consob, nella relazione presentata, afferma di preferire la sua impostazione, sebbene ritenga necessario un chiarimento legislativo. LAMBERTO CARDIA, Commissario della Consob. Non siamo tutti d accordo. PRESIDENTE. Comunque, nella conclusione del documento presentato dal presidente Spaventa si sostiene che un chiarimento legislativo sarebbe auspicabile. Il tema della vigilanza è molto delicato; attualmente, a cavallo dei precedenti si stanno affermando nuovi strumenti finanziari, come gli assicurativi di carattere bancario o quelli bancari di carattere assicurativo. Ha senso un assetto della vigilanza che assegni quella concernente tali titoli per una parte ad un ente e per un altra ad uno diverso? Oppure dobbiamo immaginare de iure condendo un riordino del nostro sistema di vigilanza? ROBERTO PINZA. Su tale argomento esistono delle proposte di legge. Il tema dei prodotti di confine ha fatto riflettere, ed io stesso con Amato, Letta e Mancini ho presentato una proposta di legge per unificare le funzioni, che attualmente sono svolte da COVIP ed ISVAP, nell area della Consob. Altri colleghi, invece, pensano che uno svuotamento di fatto, realizzato in larga misura, dei poteri di Banca d Italia debba essere compensato spostando a suo favore la vigilanza su tali settori. Consob. Vorrei chiedere al professore di scienza delle finanze Filippo Cavazzuti di rispondere alla non semplice domanda dell onorevole Leo. FILIPPO CAVAZZUTI, Commissario della Consob. In realtà, onorevole Leo lo dico in modo scherzoso non può chiedere alla Consob; ma ha suscitato in me una curiosità, come ex professore di scienza delle finanze. In Italia vigeva un regime fiscale che prevedeva la tassazione delle plusvalenze maturate e non di quelle realizzate. Oggi, il Governo propone il passaggio ad un altro sistema. Entrambi i sistemi sono legittimi; nelle esperienze internazionali sono presenti sia le plusvalenze maturate sia quelle realizzate nella tassazione delle attività finanziarie. Certo, si pone un problema delicato di passaggio dall uno all altro sistema e, anche da ex professore di scienza delle finanze, non so risponderle come si potrà fare. Sarà compito di una norma transitoria regolare il passaggio; onestamente, ripeto, non saprei dirle tecnicamente come procedere. Consob. Forse, allontanando la cassa dalla competenza. FILIPPO CAVAZZUTI, Commissario della Consob. Probabilmente; oppure ricorrendo a norme transitorie. La sua domanda mi dà l occasione per rispondere alle domande sui gruppi piramidali. Siamo oggi in un ottima sede, in quanto una delle componenti (almeno nell esame comparato) della formazione dei gruppi piramidali è il regime fiscale della tassazione di gruppo. È chiaro che la tassazione consolidata (oggi, è possibile fare valere il credito d imposta e «sgranare» gli utili lungo la catena), come anche si rileva a livello internazionale, non risolve il problema dei gruppi piramidali, ma costituisce un disincentivo alla loro costituzione. Nel disegno di legge del Governo la preoccupazione esiste ed incentiva la riduzione della struttura di comando. MAURIZIO LEO. So bene che il mio quesito presenta difficoltà. Il problema posto è collegato alla possibilità di intravedere una via d uscita. Anche noi siamo in imbarazzo di fronte ad un ammontare

6 Camera dei Deputati 8 Indagine conoscitiva 11 cospicuo di crediti che in qualche modo deve trovare una regolamentazione. A mio modo di vedere si potrebbe intervenire attraverso una distribuzione su più esercizi. Lei mi ha risposto che non può essere un problema risolvibile dalla Consob. La riforma del sistema fiscale incide abbastanza nettamente sul consolidato. Sarà necessario adottare misure di cautela laddove esista un consolidato transfrontaliero; infatti, il vero problema è l esistenza di una società controllata estera che importa perdite nel sistema italiano che sono compensate con utili; un ruolo efficace, allora, sarà svolto dal soggetto che effettuerà la certificazione. Mi sembra che uno dei punti essenziali della delega, in particolar modo per le operazioni transfrontaliere, sia quello di sottoporre ad una certificazione puntuale tali operazioni per evitare che siano importate perdite in Italia; nel consolidato interno, invece, tale cautela non è posta nel dettato normativo. Consob. Per rispondere all onorevole Benvenuto sull eccesso di regolamentazione valgono le seguenti osservazioni; la dimensione della regolamentazione Consob è molto modesta rispetto a quella dei nostri omologhi stranieri, in particolare, della SEC e della Financial Services Authority. Andare per principi, lasciando interpretazioni del caso ed, in alcuni casi, discrezionalità di regolamentazione all autorità di vigilanza, fu la scelta operata dal Testo unico delle finanze. Vi è chi lamenta un insufficienza della regolamentazione. Gli intermediari sottoposti a contestazione da parte della vigilanza della Consob lamentano che non sia stato elencato analiticamente nelle norme ciò che essi devono fare. In sostanza, ci troviamo a cavalcare un crinale non facile; non voglio affermare che la soluzione trovata sia quella ottimale, pur tuttavia non mi pare di poter dire che vi sia un eccesso di regolamentazione. Secondo la mia opinione non si può parlare di eccesso neanche qualora vengano incluse nel novero della regolamentazione anche le raccomandazioni o quegli atti che non possono essere qualificati come atti amministrativi tipici. Quando un intermediario o un emittente chiedono un parere alla Consob, questo non può essere assimilato alla regolamentazione, anche se attualmente vi è la tendenza a considerare ogni atto della Consob, perfino uno scambio di opinioni con i colleghi, come impugnabile di fronte ai tribunali amministrativi (ma su questo vorrei sorvolare). PRESIDENTE. Chiedo scusa per l interruzione, ma credo che il rilievo si riferisse più al fatto che Consob ritorni sulle stesse materie con pronunce diverse troppo frequentemente piuttosto che ad un presunto eccesso di regolamentazione. Consob. Il vantaggio della regolamentazione secondaria, che si sta tentando di adottare anche a livello europeo con grande ostilità da parte del Parlamento europeo che non vuole abbandonare competenze di legge delegata, è quello di poter adattare la regolazione a realtà mutevoli. È vero che in alcuni casi vi è stato un cambiamento di impostazione. Faccio un esempio per tutti, in cui a mio parere si è avuto un miglioramento: le azioni proprie. Esse prima venivano sommate alle azioni della società controllante, mentre ora si è deciso di sottrarre le azioni proprie (quelle che in assemblea non hanno diritto di voto) dal denominatore su cui si calcolano i rapporti per determinare la soglia di Opa. Indubbiamente vi sono stati dei mutamenti di impostazione; comunque credo che l intera Consob riconosca l esigenza, prospettata da alcuni, di raccogliere le decisioni principali in modo da renderle note e ben articolate per gli operatori. LAMBERTO CARDIA, Commissario della Consob. Se mi consente, presidente, vorrei innanzitutto ringraziare lei e la Commissione per il recente parere che all unanimità è stato espresso sulla mia riconferma, parere di cui mi sento profondamente onorato e a cui cercherò di corrispondere come ho sempre fatto e anche meglio, se possibile.

7 Camera dei Deputati 9 Indagine conoscitiva 11 In più occasioni ho sentito quanto in questa sede è stato opportunamente fatto presente. L eccesso di regolamentazione non è da intendere come una normativa secondaria numerosa e consistente, quanto piuttosto come una flessibilità troppo frequente nell aggiornare le norme di fronte al mutare della materia in oggetto. Su tale aspetto mi sento molto vicino all operatore destinatario delle norme perché se è faticoso per noi stessi ricordare la norma come era, come è stata modificata o come sta per essere modificata figuriamoci per chi deve rispettarla. Stimolata da segnalazioni del genere credo che la Consob potrebbe fare meglio, cercando di modificare solamente l essenziale, perfezionando norme sempre in via di principio e meno sui casi specifici. Questo doppio intento non modificare con frequenza le norme e nello stesso tempo cercare di renderle più «aperte» ed in quanto tali capaci di acquistare valenza per più fattispecie e non per una soltanto potrebbe essere un tentativo su cui noi stessi ci potremmo cimentare. Consob. Rispondo adesso alla domanda dell onorevole Benvenuto sui poteri della Consob, senza riprendere l annosa questione dell insider trading. Entro un anno circa sembra che verrà approvata la direttiva europea sugli abusi di mercato, che stabilisce la possibilità e quindi obbliga l autorità di vigilanza ad assumere i relativi poteri di comminare sanzioni di natura amministrativa, con la facoltà di affiancare a queste ultime sanzioni anche di tipo penale. Qualora questa direttiva venisse approvata, nel momento in cui verrà recepita in Parlamento si porrà il problema di una modifica legislativa della sezione del TUF che riguarda gli abusi di mercato (insider trading, manipolazione dei prezzi dei borsa). La Consob dovrà allora stare molto attenta a separare il momento istruttorio dal momento sanzionatorio, poiché più di una autorità straniera è rimasta «impigliata» nella Convenzione di Strasburgo per il mancato rispetto della separazione di questi due momenti, fatto che acquista molta rilevanza qualora una stesso soggetto venga a detenere entrambi i poteri. Qualora la direttiva venisse recepita, poiché essa lascia libera la determinazione delle sanzioni, vorrei pregare il Parlamento di considerarne l entità anche con riferimento a quelli che già oggi sono illeciti amministrativi. Attualmente le sanzioni sono irrisorie sul versante amministrativo perché si è scelta la strada della perseguibilità dell individuo e non della persona giuridica. Sono meno che modeste perché vi è la possibilità di oblazione, che elimina la pena accessoria della pubblicità. La sanzione «reputazionale» non viene applicata e sovente ci viene chiesto perché non abbiamo sanzionato questo o quell altro soggetto, quando spesso invece la contestazione vi è stata, seguita però dall oblazione nella misura di un terzo del massimo della pena, che ha eliminato ogni forma di pubblicità della contestazione. Peraltro ciò si è verificato anche in un paio di casi di insider trading che riguardavano il versante penale; pregherei perciò la Commissione che si occuperà al momento opportuno di queste materie di voler considerare l adeguatezza delle sanzioni non tanto dal punto di vista della loro entità, quanto piuttosto sotto il profilo della conciliazione e della necessità in questi casi di una sanzione reputazionale. Per quanto riguarda le sanzioni penali, come gli onorevoli deputati ben sanno, attraverso una interpretazione dell articolo 185 del TUF mandiamo tutto il materiale alla magistratura. Faccio presente che gli eventuali elementi raccolti dalla Consob, soprattutto se riguardano soggetti non sottoposti a vigilanza, non costituiscono materiale probatorio per il magistrato. Le difficoltà si stanno manifestando più che per l abuso di informazione privilegiata, reato difficile da provare ovunque salvo che nell ordinamento americano, per i casi di manipolazione dei prezzi che si vanno facendo sempre più frequenti. Il TUF li sanziona con una pena dimezzata rispetto all insider trading, tuttavia ritengo che abbiano una gravità notevole; manipolare i

8 Camera dei Deputati 10 Indagine conoscitiva 11 prezzi è equivalente a rompere un semaforo, nel senso che si toglie un valore «segnaletico» al prezzo. L onorevole presidente ha posto il problema, integrato ed ampliato dall onorevole Pinza, della vigilanza. Mi permetto di distinguere. Penso che la ripartizione di funzioni fra la Banca d Italia e la Consob sia corretta: stabilità da un lato e trasparenza e tutela del consumatore dall altro. La separazione di compiti ha trovato una eccezione singolarissima nell articolo 100, comma 1, lettera f), del Testo unico della finanza, laddove si afferma che sono esentati dalla disciplina sulla sollecitazione i prodotti assicurativi e le obbligazioni emesse da banche, salvo che non diano diritto all acquisto o alla vendita di azioni. Si tratta di una eccezione alla disciplina esistente. I risparmiatori, che hanno ricevuto poco liete sorprese, si rivolgono a noi, che poco possiamo dire. Interveniamo, infatti, solamente quando si presenta il prospetto, ma non nella sollecitazione. Quello sollevato dall onorevole Pinza è problema più ampio e non è nostra intenzione trattare di ambiti di competenza di autorità di vigilanza, avendo affermato la mia personale opinione (non sto riflettendo l opinione della Consob) che la distinzione fra stabilità e tutela del consumatore è cosa buona. Un dirigente della Banca d Italia ha pubblicamente affermato che la tutela del consumatore non è nel DNA delle banche centrali, ed è giusto che sia così. La protezione della stabilità del sistema, infatti, consente di tutelare il depositante e tutela meno l investitore azionista nella banca quotata. Si tratta di due profili abbastanza diversi. L onorevole presidente ha posto il problema dei patti parasociali e del rapporto con la contendibilità. Premetto che personalmente, e penso di averlo accennato nella mia relazione, non sono un patito del sistema anglosassone ad azionariato diffuso. D altra parte, gli esempi recenti direi che abbiano consentito qualche ripensamento. Non v è dubbio che la contendibilità valorizzi la partecipazione dell azionista di minoranza; osserviamo, da subito, che appena una società diventa meno contendibile, perché non soggetta al regime di OPA, il prezzo delle azioni cade, in quanto si aspetta sempre che in un OPA lo stesso aumenti. Il Testo unico della finanza ha trovato un buon temperamento con la regola di OPA al 30 per cento, fermo restando che si tratta di un numero come un altro. Il Testo unico della finanza ha riconosciuto l esistenza dei patti parasociali e li ha disciplinati, ammettendone così l esistenza. Si tratta di un unicum; in altri ordinamenti il patto parasociale non trova il riconoscimento legislativo compiuto dal Testo unico delle finanze. Il problema dei patti parasociali è, semmai, quello di una limitata trasparenza di ciò che avviene nel suo ambito. Si ha maggiore pubblicità di una riunione di consiglio d amministrazione che non di una riunione di patto parasociale che decide il comportamento del Consiglio. Esiste, naturalmente, la questione che per l azione di concerto si è voluto compiere la deviazione di passare attraverso la necessità di presumere l esistenza di un patto. A mio parere si è aggiunta una difficoltà «alpinistica» in più alla dimostrazione dell azione di concerto, che può avvenire anche senza dover presumere l esistenza di un patto che deve avere uno specifico fine. Tuttavia, si tratta di una scelta del Testo unico che, mi dicono, è stata molto combattuta. Si era partiti, inizialmente, con un azione di concerto reale, senza dover passare per il tramite del patto parasociale. Ricordo comunque che la disciplina dei patti parasociali vedrà la sua modifica nella delega di riforma del diritto societario, quanto meno nella durata, che sarà prolungata da tre a cinque anni, senza possibilità di rinnovo. L analisi di tale argomento mi consente di passare alla questione dei gruppi piramidali, sollevata dall onorevole Pinza, a cui ha risposto in parte il professor Cavazzuti. Non mi consta che in altri ordinamenti vi sia legislazione che vieti i gruppi piramidali. Gli stessi, però, trovano sanzione in due momenti, il primo dei quali è rappresentato dal mercato, che li svaluta. La Consob ha compiuto uno studio dello

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 RINGRAZIO IL PRESIDENTE VEGAS PER AVERMI INVITATO IN OCCASIONE DELLA SUA PRIMA RELAZIONE ANNUALE. IL FATTO CHE SIAMO QUI OGGI TESTIMONIA

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)?

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? Secondo il testo recentemente aggiornato dell art.207 Legge Fall. richiamato dall

Dettagli

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Congresso Commissioni giuridiche ACI- Napoli - Riflessioni su : Patente di guida

Dettagli

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS La mia relazione riprende il filo del discorso tracciato con la prima relazione che si soffermava

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 20 Maggio 2012 Borsa Italiana, nel rispondere all invito a fornire osservazioni

Dettagli

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 3 DICEMBRE 2008

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 3 DICEMBRE 2008 Atti Parlamentari 1 Camera Deputati Senato Repubblica COMITATO PARLAMENTARE DI CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI SCHENGEN, DI VIGILANZA SULL ATTIVITÀ DI EUROPOL, DI CON- TROLLO E VIGILANZA IN MATERIA

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 27 marzo 2006 e successivamente modificata nella

Dettagli

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency Osservazioni di Confindustria 27 ottobre 2015 Premessa Lo scorso Lo scorso 12 ottobre il Ministero dell economia e delle finanze (di

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano Adozione del sistema monistico o governance tradizionale? In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

RAI WAY S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

RAI WAY S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING RAI WAY S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione del 4 settembre 2014 1. PREMESSA Il presente codice di comportamento in materia di

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 163 3) se non siano vincolati a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione e non forniscano consulenze fondate

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Mid Industry Capital S.p.A.

Mid Industry Capital S.p.A. Mid Industry Capital S.p.A. *********** Codice di comportamento per la gestione, il trattamento e la comunicazione delle informazioni relative a operazioni sulle azioni o altri strumenti finanziari ad

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

SEDUTA DI MARTEDÌ 15 LUGLIO 2014

SEDUTA DI MARTEDÌ 15 LUGLIO 2014 Atti Parlamentari 1 Camera Deputati Senato Repubblica COMMISSIONE PARLAMENTARE DI CONTROLLO SULLE ATTIVITÀ DEGLI ENTI GESTORI DI FORME OBBLIGATORIE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA SOCIALE RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti POLICY Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti [ Pagina Bianca ] Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti 1 INDICE Indice... 2 PREMESSA...

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME Con la firma del CIR 2012/2013, avvenuta il giorno 15 maggio

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

F.I.L.A. FABBRICA ITALIANA LAPIS ED AFFINI S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

F.I.L.A. FABBRICA ITALIANA LAPIS ED AFFINI S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING F.I.L.A. FABBRICA ITALIANA LAPIS ED AFFINI S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Space S.p.A. (oggi F.I.L.A. Fabbrica Italiana

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993.

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993. Dossier riforma TFR Inizia il conto alla rovescia per la nuova disciplina sul TFR, che dovrebbe contribuire ad alimentare la previdenza complimentare. Con lo schema di decreto legislativo previsto dalla

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE COMUNICAZIONE IN MATERIA DI INFORMAZIONI DA FORNIRE AL PUBBLICO IN RELAZIONE ALLE INDENNITÀ E BENEFICI RICONOSCIUTI AD AMMINISTRATORI, DIRETTORI GENERALI E ALTRI DIRIGENTI CON

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

DE LONGHI CLIMA S.P.A.

DE LONGHI CLIMA S.P.A. DE LONGHI CLIMA S.P.A. (che a seguito della quotazione delle proprie azione sul MTA organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. assumerà la denominazione di DeLclima S.p.A.) PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

Risposta dell Associazione Bancaria Italiana al documento di consultazione CONSOB

Risposta dell Associazione Bancaria Italiana al documento di consultazione CONSOB Risposta dell Associazione Bancaria Italiana al documento di consultazione CONSOB Comunicazione in materia di informazione da fornire al pubblico in relazione alle indennità e benefici riconosciuti ad

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA Delibera Consob 19 dicembre 2014 n. 19084 Modifiche al regolamento di attuazione del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli emittenti adottato con delibera del 14 maggio 1999 n.

Dettagli

Spett.le. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, n. 3 00198 ROMA

Spett.le. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, n. 3 00198 ROMA Spett.le Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, n. 3 00198 ROMA Roma, 26 novembre 2014 A mezzo SIPE (Sistema Integrato per l Esterno) Oggetto:

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2012

ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2012 ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2012 INFORMAZIONI IN MERITO ALLA PROCEDURA DI NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI DI UNICREDIT S.P.A. UniCredit S.p.A. - Sede Sociale: Via Alessandro Specchi 16-00186 Roma - Direzione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2597 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Introduzione del principio di separazione bancaria Presentata il

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

Oggetto: Invio Testo intervento audizione 22/07 p.v.

Oggetto: Invio Testo intervento audizione 22/07 p.v. Spett.le Segreteria della Commissione Finanze e tesoro Senato della Repubblica Alla C.A. Presidente Commissione Finanze e tesoro Mauro Maria Marino tel. 06-67062803-4679-4680 Fax 06 67063662 P.zza Madama

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO ATTUATIVO DELLA LEGGE 243/04 IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Oggetto: Raccomandazioni in materia di informazioni da fornire al pubblico su indennità e/o altri benefici riconosciuti ad amministratori esecutivi e direttori

Dettagli

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo? PROFESSIONE FORENSE 04 SETTEMBRE 2015 Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?». Il Ministro della Giustizia ha firmato, il 14 agosto 2015, il regolamento che disciplina le modalità

Dettagli

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative -

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative - Assemblea ordinaria 24 aprile 2015 prima convocazione 27 aprile 2015 seconda convocazione Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle materie all ordine del giorno redatta ai sensi dell art. 125-ter

Dettagli

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato Codice documento: MOG 231 - PSE COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 22/02/2012 1 REVISIONE 03/12/2013 2 3 4 5 Tutti i

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

Commissione Nazionale per le Società e la Borsa

Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Pagina 1 di 6 English - Versione accessibile - Mappa - Contatti e PEC - Privacy - Avvertenze - Link utili - Ricerca - RSS Albi Elenchi Società quotate Prospetti/documenti opa Equity Crowdfunding La Consob

Dettagli

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE INDICE 1. Premessa...3 2. Definizioni...3 3. Individuazione delle Operazioni di maggiore rilevanza...4 4. Operazioni esenti...5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010 Altre deliberazioni Assemblea 16-19 aprile 2010 Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie come già detto in altra parte della relazione, l Assemblea ordinaria del 17 aprile 2009

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. All Assemblea degli Azionisti di Mittel SpA. Nel corso dell esercizio chiuso al 30 settembre 2012

Dettagli

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI Approvato dal Revisionato dal Consiglio di Amministrazione del 27 aprile 2012 Le presenti linee guida rappresentano

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana Angelo Tantazzi Presidente di Borsa Italiana Signor Presidente della Repubblica, Signor Presidente del Consiglio, Autorità, Signore e Signori, è per me un onore e un piacere porgere il benvenuto a quanti

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Procedura per la comunicazione delle operazioni aventi ad oggetto azioni emesse da Bialetti Industrie S.p.A. o altri strumenti finanziari ad esse

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

a) adottato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati considerati;

a) adottato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati considerati; L Organismo di vigilanza (ODV) nel sistema del d.lg. n. 231 L art. 6 del d.lg. n. 231 prevede che l ente possa essere esonerato dalla responsabilità amministrativa conseguente alla commissione dei reati

Dettagli

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Le specificità dei singoli servizi. Offerta fuori sede e tecniche di comunicazione a distanza 161 3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli

CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012

CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012 CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012 CAMBI MERCE: QUANDO E OBBLIGATORIO CAMBIARE LA MERCE E QUANDO E OBBLIGATORIO, INVECE, RESTITUIRE IL PREZZO PAGATO? Preliminarmente il D.LGS. 206/05 (Codice

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI

LO SAPEVATE CHE...? DDL CONCORRENZA: MEGLIO PREPARARSI LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI Dopo una pausa nella pubblicazione del nostro mensile, dovuta alle modifiche legislative che hanno assorbito tutto il personale del Fondo, torniamo

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Relazione Finanziaria Annuale 2013. Relazione del Collegio Sindacale

Cassa depositi e prestiti. Relazione Finanziaria Annuale 2013. Relazione del Collegio Sindacale Cassa depositi e prestiti Relazione Finanziaria Annuale 2013 Relazione del Collegio Sindacale Signori Azionisti, nel corso dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 il Collegio Sindacale ha svolto l attività

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE IN LOMBARDIA 8 febbraio 2011 PRESIDENZA PROVVISORIA DEL SENATORE GENNARO CORONELLA. La seduta inizia alle 18.06.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE IN LOMBARDIA 8 febbraio 2011 PRESIDENZA PROVVISORIA DEL SENATORE GENNARO CORONELLA. La seduta inizia alle 18.06. 1/5 MISSIONE IN LOMBARDIA 8 febbraio 2011 PRESIDENZA PROVVISORIA DEL SENATORE GENNARO CORONELLA La seduta inizia alle 18.06. PRESIDENTE. Buonasera. Ringrazio il presidente di Confindustria della provincia

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

MINUSVALENZE PREGRESSE: COME RECUPERARLE E VIVERE (QUASI) FELICI

MINUSVALENZE PREGRESSE: COME RECUPERARLE E VIVERE (QUASI) FELICI 06/12/2013 In questo Diario di Bordo parliamo dell astruso meccanismo italiano di tassare le plusvalenze nel risparmio amministrato e di come utilizzare il proprio zainetto fiscale per ridurre la tassazione

Dettagli

sette componenti almeno tre composizione qualitativa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A.

sette componenti almeno tre composizione qualitativa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. PUNTO 2. ALL ORDINE DEL GIORNO (parte ordinaria): Elezione dei Consiglieri di Amministrazione, previa determinazione del loro numero, tra cui il Presidente e il Vice Presidente, che resteranno in carica

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

1 In corso di pubblicazione su Appalti e Contratti.

1 In corso di pubblicazione su Appalti e Contratti. Dichiarazione del socio anche in caso di maggioranza relativa? 1 1. Si registra una prima posizione del Consiglio di Stato in relazione alla questione interpretativa creatasi intorno all articolo 38, comma

Dettagli

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Primo periodo: opting out; 3. Primi provvedimenti: passaggio all opting in; 4. li provvedimento del Garante per

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate 1. Quadro normativo L art. 115-bis del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 come successivamente

Dettagli

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione Verbale di mediazione e accordo di conciliazione PASQUALE MACCHIARELLI Notaio Il procedimento di mediazione può avere tre diverse conclusioni: - le prime due positive, se le parti raggiungono un accordo

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n.

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10 Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. 461019 Capitale Sociale di Euro 43.797.505 i.v. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Proposta di legge sul precariato. Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati

Proposta di legge sul precariato. Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati Proposta di legge sul precariato Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati Art. 1 (Sostegno del reddito, formazione, previdenza

Dettagli

Oggetto: PROCEDURE PER I FINANZIAMENTI DEI SOCI

Oggetto: PROCEDURE PER I FINANZIAMENTI DEI SOCI Oggetto: PROCEDURE PER I FINANZIAMENTI DEI SOCI L apporto di liquidità dei soci alle società partecipate può avvenire a diverso titolo, passando dal prestito (quindi con previsione di restituzione sin

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente MAP Legge di Stabilità: nuove agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente A cura di Cecilia Rabagliati Dottore Commercialista e Revisore contabile in Cuneo La

Dettagli