I mercati di borsa italiani Ancona, novembre 2002

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I mercati di borsa italiani Ancona, 28-29 novembre 2002"

Transcript

1 Università degli Studi di Ancona Facoltà di Economia Giorgio Fuà Corso di laurea specialistico: FINANZA, BANCHE E ASSICURAZIONI (Classe 19/S) Percorso: Borsa e Mercati Struttura e funzionamento dei mercati di borsa I mercati di borsa italiani Ancona, novembre 2002 Prof.. Michele Modina Istituto di Teoria delle Decisioni e di Finanza Innovativa 1

2 Agenda I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto N.d.A.: ringrazio il dott. Sergio Paris per la collaborazione nella preparazione del materiale sui mercati di borsa 2

3 I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani Assetto dei mercati borsistici I mercati dei titoli a reddito fisso I mercati azionari I mercati dei derivati Sistemi di liquidazione e garanzia IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto Agenda 3

4 Obiettivi Alla fine della terza sessione di lezioni (terza settimana), lo studente dovrebbe avere acquisito i seguenti concetti: conoscere l assetto dei mercati di borsa italiani distinguere i diversi ruoli delle autorità di borsa capire la struttura e il funzionamento dei mercati delle obbligazioni approfondire la conoscenza delle diverse forme di efficienza informativa capire la struttura e il funzionamento dei mercati delle azioni approfondire la conoscenza dei test empirici sulle diverse forme di efficienza informativa capire la struttura e il funzionamento dei mercati dei derivati sapere dell esistenza di alcuni limiti dei test di natura empirica 4

5 I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani Assetto dei mercati borsistici I mercati dei titoli a reddito fisso I mercati azionari I mercati dei derivati Sistemi di liquidazione e garanzia IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto Agenda 5

6 assetto Assetto istituzionale Ministero dell Economia e delle Finanze Consob Banca d Italia Borsa Italiana Spa Cassa Mts Spa Monte Titoli Compensazione Strumenti azionari Covered warrants Derivati Reddito fisso Nuovo Mercato Borsa MTA Mercato Ristretto Blue Chips STAR SBO MCW IDEM MIF MPR MOT Euro- MOT MTS Organizzazione, regolamentazione Servizi ausiliari Strumenti finanziari Mercati 6

7 assetto III Mercati italiani regolamentati: titoli negoziati Mercato telematico azionario (MTA) e Mercato Ristretto: azioni ordinarie, privilegiate e di risparmio, obbligazioni convertibili, diritti di opzione, warrant, certificati rappresentativi di fondi mobiliari e immobiliari chiusi Nuovo mercato: azioni ordinarie di PMI (high tech) ad elevate potenzialità di crescita Mercato telematico dei covered warrant (MCW): covered warrant Mercato degli strumenti derivati (IDEM): future sul Mib30, opzione sul Mib30, future sull indice Midex, opzioni su singoli titoli e, dal luglio 2002, future su singole azioni Mercato italiano dei derivati sui tassi di interesse (MIF): future sul BTP trentennale e decennale, sul tasso Euribor a 1 mese, opzione sul BTP future decennale Mercato telematico dei premi (MPR): call, put, stellage, strap e strip Mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato (MOT): titoli di Stato (Bot, Btp, Cct, Ctz), obbligazioni non convertibili di emittenti privati Mercato telematico delle euro-obbligazioni (EUROMOT): euro-obbligazioni, obbligazioni di emittenti esteri, asset backed securities (strumenti finanziari emessi a fronte di operazione di cartolarizzazione) Mercato all ingrosso dei titoli di Stato (MTS): titoli di Stato (Bot,Btp,Cct,Ctz) 7

8 assetto Vigilanza sui mercati: Consob Controlla il mercato al fine di tutelare il pubblico risparmio e assicurare la trasparenza e la regolarità delle negoziazioni Autorizza la costituzione dei mercati regolamentati (eccezione: mercati all ingrosso su titoli di Stato, autorizzati dal Ministero del Tesoro) Approva il regolamento dei mercati in cui si stabiliscono: le condizioni e le modalità di ammissione, esclusione e sospensione degli operatori e degli strumenti finanziari dalle contrattazioni le condizioni e le modalità per lo svolgimento delle negoziazioni le modalità di accertamento, pubblicazione e diffusione dei prezzi Vigila sulla trasparenza e la correttezza dei comportamenti degli operatori Controlla l esattezza e la completezza delle informazioni fornite al pubblico dalle società quotate e dai prospetti informativi Vigila sulle società di revisione iscritte all apposito Albo Speciale Compie accertamenti per la verifica di eventuali violazioni in materia di insider trading (abuso di informazioni privilegiate e aggiotaggio) 8

9 assetto Vigilanza sui mercati: Banca d Italia e Borsa BANCA D ITALIA Vigila sul sistema bancario e sulla stabilità degli intermediari finanziari Esercita la supervisione del mercato per evitare l insolvenza degli intermediari BORSA ITALIANA Stabilisce i regolamenti (e relative istruzioni) dei mercati (approvati dalla Consob) Stabilisce parametri, fasi e orari di negoziazione Controlla il regolare andamento delle negoziazioni e adotta gli atti necessari ad assicurarlo, verifica il rispetto del Regolamento e delle relative Istruzioni Sospende gli strumenti finanziari o gli intermediari ammessi alle contrattazioni Gestisce delle interruzioni causate da malfunzionamento tecnico: può cancellare le proposte inevase degli operatori esclusi dal malfunzionamento può sospendere le contrattazioni se il malfunzionamento è esteso a molti operatori può modificare gli orari delle sedute 9

10 assetto Intermediari abilitati REQUISITI DI AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI gli agenti di cambio autorizzati alla prestazione di servizi di negoziazione per conto terzi le banche nazionali, comunitarie ed extracomunitarie autorizzate alla prestazione di servizi di negoziazione per conto proprio e/o per conto terzi le imprese di investimento nazionali, comunitarie ed extracomunitarie autorizzate alla prestazione di servizi di negoziazione per conto proprio e/o per conto terzi gli intermediari finanziari iscritti all elenco previsto dall art. 107 del TUB autorizzati alla prestazione di servizi di negoziazione per conto proprio (intermediari esercenti l attività di finanziamento, assunzione di partecipazioni, intermediazione in cambi o emissione e gestione di carte di credito o debito) i locals aventi sede legale in uno Stato comunitario, i quali siano autorizzati a negoziare su un mercato comunitario e siano soggetti nello stato di origine alla vigilanza di una Autorità con la quale la Consob abbia stabilito apposite intese 10

11 I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani Assetto dei mercati borsistici I mercati dei titoli a reddito fisso I mercati azionari I mercati dei derivati IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto Agenda 11

12 mkt obbligazionari Mercati dei titoli a reddito fisso Mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato (MOT): titoli di Stato (Bot, Btp, Cct, Cto, Ctz), obbligazioni non convertibili di emittenti privati Mercato telematico delle euro-obbligazioni (EUROMOT): euro-obbligazioni, obbligazioni di emittenti esteri, asset backed securities (strumenti finanziari emessi a fronte di operazione di cartolarizzazione) Mercato all ingrosso dei titoli di Stato (MTS): titoli di Stato (Bot, Btp, Cct, Ctz) 12

13 mkt obbligazionari Mercato primario dei TdS Modalità di emissione: BOT: asta competitiva altri titoli di Stato: asta marginale Fasi in cui si articola l asta di emissione: offerta da parte del Tesoro domanda da parte di banche e SIM (con indicazione di quantità e prezzi richiesti) aggiudicazione asta competitiva: prezzo effettivamente offerto dai partecipanti (prezzo ufficiale d asta pari alla media ponderata dei prezzi di aggiudicazione) asta marginale: prezzo unico pari alla domanda dell ultimo operatore non escluso Intermediari ammessi alla sottoscrizione: banche, Poste Italiane Spa, società di intermediazione mobiliare e agenti di cambio 13

14 mkt obbligazionari Mercati secondari: MOT E il Mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato A differenza dell MTS è un mercato al dettaglio (contrattazioni per lotti medio-piccoli) Vengono negoziati titoli di Stato e obbligazioni non convertibili, ripartiti all interno di 3 segmenti: Segmento 1: BOT, BTP, CCT e CTZ Segmento 2: obbligazioni denominate in lire/euro Segmento 3: obbligazioni denominate in valuta estera 14

15 mkt obbligazionari Requisiti di ammissione Requisiti delle OBBLIGAZIONI Requisiti delle SOCIETA Emesse nel rispetto di leggi, regolamenti e ogni altra disposizione Liberamente trasferibili Depositate presso Monte Titoli Spa Idonee alle procedure di liquidazione Ammontare residuo del prestito di almeno 15 milioni di euro (salvo deroga) Grado di diffusione fra il pubblico e gli investitori istituzionali ritenuto adeguato Pubblicazione e deposito (salvo eccezione) dei bilanci, anche consolidati, degli ultimi tre anni (anche non in utile) Bilancio dell ultimo anno soggetto a revisione contabile (art. 156 TUF) Incarico di revisione a società ex art. 159 TUF Per i TITOLI DI STATO italiani la procedura di ammissione è pressoché automatica (il decreto di emissione di titoli della Repubblica Italiana configura domanda di ammissione) 15

16 mkt obbligazionari Intermediari abilitati Possono essere autorizzati a negoziare sul MOT: Broker Dual Capacity Dealer (in conto terzi) (in conto proprio e in conto terzi) Agenti di Cambio SIM Banche L autorizzazione è concessa dalla società di Borsa previa verifica di requisiti di adeguatezza: professionale organizzativa tecnologica 16

17 mkt obbligazionari Contrattazione sul MOT FASI DI NEGOZIAZIONE Pre-asta preventiva: Inserimento di PDN, senza conclusione di contratti Asta preventiva: Eliminazione dalle contrattazioni e rinvio alla seduta successiva dei titoli per i quali non esistono PDN Pre-asta definitiva:inserimento di PDN, senza conclusione di contratti Asta definitiva: Conclusione dei contratti per le PDN compatibili con il prezzo teorico di apertura (si veda di seguito) Negoziazione continua: inserimento di PDN in contrattazione continua e conclusione dei contratti fra le proposte abbinabili Chiusura: riscontro dei contratti conclusi nella giornata di negoziazione ed eliminazione delle PDN inevase 17

18 mkt obbligazionari Contrattazione sul MOT FASI E ORARI DI NEGOZIAZIONE BTP -CTZ -BOT-CCT OBBLIG. LIRE/EURO OBBL. ESTERE Pre-Asta Prevent. 8:30 8:30 8:30 Asta Preventiva 9:10 Pre-Asta Definitiva 9:15 9:10 9:15 9:10 9:15 Asta Definitiva 9:45 Negoziazione 10:00 10:15 10:30 15:30 15:45 Chiusura 17:30 17:30 17:30 18

19 mkt obbligazionari Prezzo teorico d asta E il prezzo al quale vengono conclusi i contratti al termine della fase d asta definitiva Calcolato e aggiornato a titolo informativo durante le fasi di preasta preventiva e pre-asta definitiva E il prezzo che soddisfa le seguenti condizioni (si ricorre al condizione successiva solo se la precedente non determina un prezzo univoco) ❶ prezzo al quale è negoziabile il maggior quantitativo di strumenti finanziari ❷ prezzo che minimizza le PDN insoddisfatte con prezzi uguali o migliori a quello di apertura ❸ prezzo più prossimo al prezzo ufficiale ❹ prezzo maggiore 19

20 mkt obbligazionari Prezzo teorico d asta: casi particolari Il prezzo teorico di apertura non può essere determinato se: non esistono PDN in entrambi i lati del mercato qualora siano presenti solo PDN con limite di prezzo incompatibili Il prezzo teorico di apertura è considerato non valido se: il rapporto percentuale tra la quantità scambiabile e il maggiore fra la quantità totale in acquisto o in vendita (escluse le PDN a prezzo limitato peggiore del prezzo teorico d apertura) è inferiore all 1% la differenza fra il prezzo teorico di apertura e l ultimo prezzo ufficiale è superiore a un determinato parametro stabilito sulla base della duration del titolo (es. BOT vita residua inferiore a 180 gg.= 0,25) Inoltre, qualora siano presenti solo PDN al prezzo di apertura, il prezzo teorico di apertura è pari all ultimo prezzo ufficiale 20

21 mkt obbligazionari Passaggio alla fase continua Al termine della fase di asta definitiva, vengono trasferiti: alla negoziazione continua: gli strumenti per i quali non si è concluso il contratto e per i quali sia stato determinato un prezzo teorico d asta valido gli strumenti per i quali non è stato determinato un prezzo teorico d apertura, ma per i quali esiste almeno una PDN eseguibile nella fase continua alla seduta successiva di borsa: gli strumenti per i quali non è possibile determinare un prezzo d apertura valido gli strumenti per i quali non esistono PDN 21

22 mkt obbligazionari Proposte di Negoziazione Esprimono la volontà negoziale degli operatori Possono essere inserite, modificate o cancellate durante le fasi di pre-asta preventiva, pre-asta definitiva e di sottoscrizione Contengono le seguenti indicazioni obbligatorie: Strumento Finanziario Codice ISIN o Ced Segno Operazione Compera (C); Vendita (V) Quantità Uguale o multipla del lotto minimo Prezzo Multiplo dello scarto previsto dal tick di negoziazione Tipo Conto Proprio (P); Terzi (T) Parametri di Negoziazione VSC/TON 22

23 mkt obbligazionari PdN in fase d asta Nelle fasi di pre-asta preventiva e pre-asta definitiva: Proposte a prezzo limitato Inserite con un limite di prezzo sopra il quale lo strumento finanziario non può essere acquistato o sotto il quale non può essere venduto Proposte a prezzo d asta (APA) Inserite senza un limite di prezzo e che si intendono far partecipare alla conclusione dei contratti in fase di asta. Assumono, come prezzo di esecuzione, il prezzo di asta Possono essere specificate secondo i parametri: VSA (Valida sino ad asta definitiva) La proposta deve essere soddisfatta nella fase di asta definitiva. La parte ineseguita viene cancellata, anziché trasferita in negoziazione continua VSC (Valida sino a cancellazione) La proposta permane nel circuito, per la quantità totale o ineseguita, sino alla cancellazione o sino al termine della seduta 23

24 mkt obbligazionari PdN in negoziazione continua Possono essere immesse solo PDN con limite di prezzo Le PDN possono essere specificate dai parametri: VSC (Valida sino a cancellazione) La proposta permane nel circuito, per la quantità totale o ineseguita, sino alla cancellazione da parte dell operatore o al termine della seduta TON (Tutto o niente) La proposta deve essere abbinata totalmente per la quantità esposta. Impedisce esecuzioni parziali 24

25 mkt obbligazionari Mercati secondari: MTS Mercato all ingrosso con contrattazioni riservate a banche, SIM e altre istituzioni finanziarie (lotto minimo 2,5 milioni di euro) Gestito da MTS Spa e dal punto di vista tecnico-operativo dalla SIA Dotato di 3 tipi di operatori: dealer: sono banche, SIM, compagnie di assicurazione e società di gestione di fondi comuni che non agiscono da market maker primary dealer: grandi banche e SIM che agiscono come market maker, autorizzati da Banca d Italia sulla base di: 1. patrimonio netto minimo di 10 milioni di euro 2. negoziazione di almeno 1 miliardo di euro sull MTS nell anno precedente specialist (o superprimaries): sono una parte ristretta dei primary dealer che hanno accesso privilegiato a collocamenti supplementari dei titoli di Stato, vantando: 1. patrimonio netto minimo di 38 milioni di euro 2. negoziazione di almeno 38 miliardi di euro sull MTS nell anno precedente 25

26 mkt obbligazionari Mercati secondari: EUROMOT Si negoziano all interno di tre segmenti: euro-obbligazioni, obbligazioni di emittenti esteri asset backed securities E prevista la presenza obbligatoria di specialist che assicurino la liquidità (a fronte di tale servizio tali operatori godono di particolari agevolazioni, anche economiche) Esiste unicamente la negoziazione continua ( ) La liquidazione può avvenire sia presso il sistema di regolamento di cui all art. 69 TUF, sia presso altri sistemi (Euroclear, Cedel) 26

27 I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani Assetto dei mercati borsistici I mercati dei titoli a reddito fisso I mercati azionari I mercati dei derivati Sistemi di liquidazione e garanzia IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto Agenda 27

28 mkt azionari Mercati regolamentati azionari Mercato telematico azionario (MTA) e Mercato Ristretto: azioni ordinarie, privilegiate e di risparmio, obbligazioni convertibili, diritti di opzione e warrant certificati rappresentativi di fondi mobiliari e immobiliari chiusi Nuovo mercato: azioni ordinarie di PMI (high tech) ad elevate potenzialità di crescita 28

29 mkt azionari Segmentazione dell MTA (1 di 2) > 800 ml euro BLUE CHIPS Società quotanda Capitalizzazione prevedibile SI S.T.A.R. < 800 ml euro Accettazione volontaria alti requisiti info. / liq.? NOTA: I fondi chiusi sono negoziati sull SBO Obbl. conv. e warrant seguono le azioni di compendio Le azioni con diritto di voto limitato seguono le azioni ordinarie NO Segmento Ordinario 29

30 mkt azionari Segmentazione dell MTA (2 di 2) TRASFERIMENTO DA UN SEGMENTO ALL ALTRO UPGRADING DOWNGRADING Se approvato dalla società Dopo 6 mesi da verifica Immediato, su richiesta BLUE CHIPS (147) S.T.A.R. (34) S.B.O. ( ) Superamento soglia capitaliz. Domanda emittente Riduzione capitale Provved. Borsa Revisione della composizione dei segmenti in corrispondenza della revisione ordinaria degli indici (marzo e settembre) L eventuale downgrading avviene decorsi 6 mesi dalla data di comunicazione alla società da parte della Borsa dell insussistenza dei requisiti di ammissibilità al segmento 30

31 mkt azionari MTA: requisiti ammissione REQUISITI DELLA SOCIETA REQUISITI DELLE AZIONI Capacità di generare ricavi in condizioni di autonomia gestionale (non sono ammesse divisioni di società) Pubblicazione e deposito (salvo eccezione) dei bilanci, anche consolidati, degli ultimi tre anni (anche non in utile) Bilancio dell ultimo anno soggetto a revisione contabile (art. 156 TUF) Incarico di revisione a società ex art. 159 TUF Deposito del budget dell esercizio in corso e dei piani dei due anni successivi Nomina di uno sponsor (banca, SIM o merchant bank) Emesse nel rispetto di leggi, regolamenti e ogni altra disposizione applicabile Liberamente trasferibili Depositate presso Monte Titoli Spa Idonee alle procedure di liquidazione Flottante pari ad almeno il 25% del capitale (sono esclusi dal computo pacchetti di controllo, vincolati da patti parasociali o superiori al 2%) Capitalizzazione di mercato prevedibile del nuovo titolo almeno pari a 5 milioni di euro (non per azioni di risparmio) 31

32 mkt azionari MTA: fasi di negoziazione ASTA DI APERTURA a) Pre-asta: immissione PDN e determinazione prezzo teorico d apertura con 4 criteri: prezzo al quale è negoziabile la maggior quantità di titoli prezzo che minimizza il quantitativo di PDN insoddisfatte con prezzo migliore del P.A. prezzo con la minore differenza rispetto al precedente prezzo di riferimento prezzo più elevato b) Validazione: verifica della validità del prezzo di apertura; la preapertura può essere prorogata (25 minuti, modificabili) in caso di eccesso di rialzo o di ribasso (±10% per azioni, ±30% warrant e ±5% obbligazioni convertibili ) c) Apertura: esecuzione delle operazioni compatibili con il prezzo di apertura NEGOZIONAZIONE CONTINUA: immissione continua di PDN e di applicazioni ASTA DI CHIUSURA a) Pre-asta di chiusura (medesime modalità dell asta di apertura) b) Validazione del prezzo d asta di chiusura e determinazione di: prezzo di riferimento: prezzo dell asta di chiusura o, in mancanza, prezzo medio ponderato dell ultimo 10% delle contrattazioni prezzo ufficiale: media ponderata della giornata, al netto operazioni cross-order c) Chiusura 32

33 mkt azionari Blue-Chips, Nuovo Mercato e STAR Preasta aper 8:00 Validazione 9:15 Apertura 9:20 Negoziazione 9:30 Preasta chius 17:25 Validazione 17:35 Chiusura 17:40 MTA: orari di negoziazione SBO 1 (ex titoli liquidi) * SBO 2 (ex titoli sottili) e Mercato Ristretto* Preasta aper 8:00 Preasta aper 8:00 Validazione 10:45 Validazione 10:45 Apertura 10:50 Apertura 10:50 Negoziazione 11:00 Preasta chius 11:00 Preasta chius 16:25 Validazione 16:35 Chiusura 16:40 Validazione 16:35 Chiusura 16:40 * Orari in vigore dal 24 settembre

34 mkt azionari MTA: proposte e parametri di negoziazione Proposte di negoziazione: in fase di preapertura: con limite di prezzo o a prezzo di apertura in negoziazione continua: con limite di prezzo o a prezzo di mercato (applicazioni) Parametri di negoziazione: in fase di preapertura: esegui o cancella (Eoc), esecuzione, anche parziale, e cancellazione del residuo valida fino a cancellazione (Vfc), la quantità ineseguita viene cancellata a fine seduta valida sino a data specificata (Vsd), validità per periodo indicato (max 30 giorni) in fase di negoziazione continua: esponi al raggiungimento del prezzo di (Erp), funzione di stop loss/profit esegui o cancella (Eoc), se l esecuzione è parziale il residuo viene cancellato valida fino a cancellazione (Vfc), tutto o niente (Ton), impedisce esecuzioni parziali esegui per quantità minima (Eqm), esecuzione anche parziale per il quantitativo minimo, alternativamente cancellazione automatica valida sino a data specificata (Vsd), valida fino all orario specificato esegui comunque (Eco), risale il book applicando in successione PDN di segno opposto (parametro valido per le applicazioni) 34

35 mkt azionari Segmento STAR Dimensione: capitalizzazione massima pari a 800 milioni di euro Liquidità: Flottante di ingresso: 35% (neo-quotate), 20% (società già quotate) Flottante di permanenza: 20% Nomina di uno specialista (obblighi assunti dagli specialist delle 20 società che hanno esordito sul mercato STAR il 2 aprile 2001: range controvalore minimo giornaliero euro; range spread 2,5% -3,5%) Trasparenza informativa Pubblicazione delle trimestrali Invio alla Borsa di tutti i rendiconti contabili in formato elettronico Informativa in italiano e inglese sul proprio sito Internet Nomina di un investor relator Corporate governance Nomina nel CdA di amministratori non esecutivi e indipendenti Istituzione di un comitato per il controllo interno Remunerazione del management collegata ai risultati economici 35

36 mkt azionari Nuovo Mercato Dimensione: Patrimonio netto minimo ante quotazione: 3 milioni di euro Liquidità: Offerta pubblica minima pari al 20% (deroga se dual listing) Numero minimo di azioni destinate alla quotazione: Valore minimo offerta: 5 milioni di euro Nomina di uno specialist Trasparenza informativa Nomina di uno sponsor nel processo di quotazione Bilanci soggetti a revisione contabile: ultimo esercizio Corporate governance Lock-in agreement: (azionisti presenti nella compagine sociale dodici mesi prima della quotazione, soci fondatori, amministratori e dirigenti si impegnano per almeno 12 mesi a non compiere operazioni che riguardino l 80% delle azioni ordinarie detenute al momento dell avvio delle contrattazioni) 36

37 mkt azionari GARANZIE DELLO SPONSOR La documentazione e i dati forniti sono completi L emittente è informato degli impegni che conseguono alla quotazione L emittente dispone di un valido sistema di programmazione e controllo di gestione Le previsioni relative ai dodici mesi successivi all ultimo documento contabile sono ragionevolmente realizzabili Il collocamento dei titoli viene effettuato secondo le regole della migliore prassi nazionale e internazionale Nuovo Mercato: sponsor e specialist IMPEGNI DELLO SPECIALIST Esporre continuamente ordini di acquisto e di vendita (per un dato quantitativo minimo giornaliero) con spread massimo del 5% (harmonisation agreement dei Nuovi Mercati europei) Pubblicare almeno due analisi finanziarie l anno sull emittente Pubblicare brevi analisi in occasione dei principali eventi societari Gestire (in modo esclusivo) il book istituzionale, ovvero le proposte immesse nella negoziazione continua superiori al quantitativo definito dalla Borsa (5 minuti di monopolio informativo) Organizzare almeno due volte l anno incontri con la comunità finanziaria 37

38 mkt azionari Nuovo Mercato vs. MTA Nel Nuovo Mercato è possibile emettere solo azioni ordinarie e, da poco, diritti di opzione (trattati sull IDEM). Non è possibile emettere azioni privilegiate, di risparmio, nonché obbligazioni convertibili e warrant Diversi requisiti formali per l ammissione Minori costi di quotazione per il Nuovo Mercato Medesime modalità di contrattazione, fasi e orari di negoziazione Medesime procedure di regolamento e liquidazione: sistema di liquidazione a contante con regolamento a tre giorni (T+3) Anche nel Nuovo Mercato esiste un After Hours (TAHnm) simile a quello del mercato azionario e le negoziazioni sono garantite dal Fondo di garanzia dei contratti 38

39 mkt azionari Nuovo Mercato vs. altri mercati NASDAQ NASDAQ Europe AIM NUOVO MERCATO Requisiti patrimoniali sì sì no sì Requisiti economici sì no no no Flottante 25% 20% 0% 20% Sponsor Market makers Corporate governance sì sì sì sì Costi di ammissione* circa 8-10% n.d. circa 7,5% n.d. * in % del valore di offerta 39

40 mkt azionari Mercato After Hours (TAH) Sono negoziati i titoli azionari oppure covered warrant che possiedono il livello di liquidità stabilito dalla Borsa (oppure con un livello di liquidità inferiore se un operatore agisce da specialist) Attualmente vengono negoziati i titoli appartenenti al Mib30 e al Midex, i titoli del Nuovo Mercato e i covered warrant Orari e fasi di negoziazione: negoziazione continua Limite massimo di variazione del prezzo dei contratti rispetto al prezzo di riferimento del giorno: azioni: ±3,5% covered warrant: variabile in funzione del livello del prezzo (30%-200%) Il prezzo medio giornaliero corrisponde alla media ponderata di tutte le negoziazioni effettuate (al netto delle operazioni cross-order) 40

41 mkt azionari Mercato ristretto Vengono quotate azioni, obbligazioni (anche convertibili), warrant e diritti di opzione di società che, per capitalizzazione e diffusione tra il pubblico, non possiedono il rango di società del listino ufficiale Non esiste la negoziazione continua, solo le aste di apertura e chiusura: Le società vengono ammesse previa presentazione dell ultimo bilancio (anche consolidato) certificato da una società di revisione Requisiti delle azioni: capitalizzazione prevista di almeno euro e diffusione fra il pubblico di non meno del 20% del capitale Requisiti delle obbligazioni: ammontare residuo del prestito pari ad almeno 1,5 milioni di euro ( se convertibile) 41

42 I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani Assetto dei mercati borsistici I mercati dei titoli a reddito fisso I mercati azionari I mercati dei derivati Sistemi di liquidazione e garanzia IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto Agenda 42

43 Mercato degli strumenti derivati: IDEM mkt derivati E il mercato degli strumenti derivati non vertenti su titoli di Stato. Si negoziano: contratti future sul Mib30(Fib30 del taglio di 5 euro * Mib30 e mini-fib del taglio di 1 euro * Mib30) e sul Midex (Midex futures del taglio di 2,5 euro * Midex) e contratti future su singoli titoli azionari (dal luglio 2002) contratti di opzione su strumenti finanziari (opzioni sui titoli azionari -Isoα), tassi di interesse, valute, merci e sui relativi indici (opzione sul Mib30 -Mibo30-) Prevede una fase di negoziazione continua dalle 9.15 alle (nessuna asta vista la natura professionale del mercato) Gli intermediari possono operare sull IDEM in qualità di: market maker (esposizione continua di offerte di acquisto e vendita) dealer puro (operazioni in conto proprio) broker (operazioni in conto terzi) dealer/broker Il ruolo di market maker può essere svolto da SIM con almeno 5 milioni di euro di patrimonio netto o da banche con almeno 10 milioni autorizzate dalla Consob L autorizzazione po essere revocata in mancanza di due requisiti: esposizione continuativa di un determinato numero di PDN mantenimento di un sufficiente livello di competitività negli spread applicati 43

44 Mercato dei derivati sui tassi di interesse: MIF mkt derivati Nato nel 1992, è gestito dalla Borsa Italiana dal 1998 (in precedenza da Mif Spa) E il mercato su cui avvengono le contrattazioni di future e opzioni aventi come sottostante titoli di Stato e future su tassi di interesse Attualmente sono negoziati: future su Btp decennale con cedola semestrale 6% del valore nominale di euro e vita residua 8,5-10,5 anni future su Btp trentennale con cedola semestrale 5% del valore nominale di euro e vita residua maggiore di 15 anni future su tasso di interesse Euribor su un deposito a termine di 1 mese pari a 3 milioni di euro opzione su Btp future decennale con cedola semestrale 6% Il compratore dell opzione call o put sul Btp future decennale può esercitare la relativa facoltà in qualsiasi giorno compreso tra la prima seduta di negoziazione e il giorno di scadenza dell opzione 44

45 Mercato dei covered warrant: MCW mkt derivati I covered warrant vengono scambiati in negoziazione continua ( ) dopo una fase di cancellazione proposte ( articolata come per il mercato azionario in preapertura, validazione e apertura) Strumenti negoziati in quattro diversi segmenti: segmento plain vanilla: call o put con strike price diverso da zero segmento benchmark: call con strike price pari a zero segmento certificates: call con sottostante indice costruito dall emittente segmento strutturati/esotici: combinazioni di call e put o covered warrant che incorporano opzioni esotiche Il prezzo ufficiale è il prezzo medio ponderato dell ultimo 10% delle contrattazioni 45

46 Mercato telematico dei premi: MPR mkt derivati Vengono negoziati contratti che attribuiscono la facoltà (non l obbligo) di : call: ritirare un valore mobiliare put: consegnare un valore mobiliare stellage: acquistare o vendere titoli strip: acquistare una certa quantità di titoli o consegnarne il doppio strap: acquistare una certa quantità di titoli o consegnarne la metà I titoli sottostanti i contratti a premio possono essere: azioni e diritti di opzione obbligazioni convertibili warrant Solo negoziazione in continua ( ) La facoltà può essere esercitata in ogni momento entro la data di risposta premi fissata nel terzo venerdì di ciascun mese (per i diritti di opzione l ultimo giorno di negoziazione del diritto) 46

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO STRUTTURA DELLA BORSA VALORI ITALIANA Sommario: 1. I comparti della Borsa valori italiana. - 2. Il sistema telematico. - 3. MTA. - 4. Il mercato Expandi. - 5. Idem. - 6. IL sedex. - 7. Il

Dettagli

Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio 1 Mercati e strumenti finanziari gestiti Dal 1998 Borsa Italiana SpA regolamenta, sviluppa e gestisce i mercati italiani azionari (MTA e Mercato Expandi), il mercato degli strumenti derivati (IDEM), il

Dettagli

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets SeDeX, MOT ed EuroMOT Mauro Giangrande Borsa Italiana Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 2 Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 3 Mercato SeDeX SeDeX: il mercato telematico dei securitised derivatives SeDeX è il mercato

Dettagli

Indice Generale PARTE PRIMA STRUTTURA DEI MERCATI FINANZIARI E MODALITÀ OPERATIVE. Introduzione... Pag. 7 Piano della trattazione...

Indice Generale PARTE PRIMA STRUTTURA DEI MERCATI FINANZIARI E MODALITÀ OPERATIVE. Introduzione... Pag. 7 Piano della trattazione... Indice Generale PARTE PRIMA STRUTTURA DEI MERCATI FINANZIARI E MODALITÀ OPERATIVE Introduzione... Pag. 7 Piano della trattazione...» 9 Sezione I Struttura e organizzazione dei mercati degli strumenti finanziari

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo 7 La Borsa valori e le operazioni in titoli Sommario 1. I servizi e le attività di investimento e gli strumenti finanziari. - 2. Il mercato mobiliare. 3. Le funzioni essenziali della Borsa valori.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A. del 29 aprile 2005 e approvato dalla Consob con delibera n. 15101 del 5 luglio

Dettagli

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Mercati Regolamentati Italiani ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Mercati Regolamentati

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 16 luglio 2010 e approvato dalla Consob con delibera n. 17467 del 7 settembre 2010

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. La segmentazione dei Mercati Borsistici

Gestione Finanziaria delle Imprese. La segmentazione dei Mercati Borsistici GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La segmentazione dei Mercati Borsistici Borsa Italiana SpA Si occupa dell organizzazione, della gestione e del funzionamento dei mercati finanziari, con l obiettivo di:

Dettagli

Classificazione del mercato dei capitali

Classificazione del mercato dei capitali Classificazione del mercato dei capitali Mercato dei capitali: complesso delle negoziazioni che si svolgono nel sistema finanziario Mercati creditizi Mercati mobiliari (circuito indiretto) (circuito diretto)

Dettagli

I mercati finanziari sono luoghi,, non necessariamente fisici, in cui vengono scambiate le attività finanziarie.

I mercati finanziari sono luoghi,, non necessariamente fisici, in cui vengono scambiate le attività finanziarie. I mercati finanziari sono luoghi,, non necessariamente fisici, in cui vengono scambiate le attività finanziarie. Si possono fare diverse classificazioni dei mercati finanziari a seconda del parametro di

Dettagli

Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 21 aprile 2008 e approvato dalla Consob con delibera n. 16502 del 4 giugno 2008

Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 21 aprile 2008 e approvato dalla Consob con delibera n. 16502 del 4 giugno 2008 REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI EGESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 21 aprile 2008 e approvato dalla Consob con delibera n. 16502 del 4 giugno 2008 (data

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 28 giugno 2011 e approvato dalla Consob con delibera n. 17904 del 25 agosto 2011 In

Dettagli

I N D I C E - DISPOSIZIONI GENERALI. - Oggetto del regolamento - Competenze e principi organizzativi PARTE II - AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI

I N D I C E - DISPOSIZIONI GENERALI. - Oggetto del regolamento - Competenze e principi organizzativi PARTE II - AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.P.A, deliberato dall Assemblea di Borsa italiana del 6 giugno 2008 e approvato dalla Consob con delibera n. 16615 del 9 settembre 2008.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A. del 26 aprile 2007 e approvato dalla Consob con delibera n. 15996 del 26 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A. del 26 aprile 2007 e approvato dalla Consob con delibera n. 15996 del 26 giugno

Dettagli

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI VERSIONE 1.0 TITOLO 1 MERCATO TELEMATICO AIM Articolo 1 (Strumenti negoziabili) 1. Nel mercato AIM si negoziano, per qualunque quantitativo, strumenti finanziari.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MERCATO TLX

REGOLAMENTO DEL MERCATO TLX REGOLAMENTO DEL MERCATO TLX Deliberato dall'assemblea di TLX S.p.A. del 16 settembre 2008 approvato dalla Consob con delibera n. 16685 del 12 novembre 2008 Data di entrata in vigore: 16 febbraio 2009 INDICE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI CARLO BO URBINO

UNIVERSITA DEGLI STUDI CARLO BO URBINO UNIVERSITA DEGLI STUDI CARLO BO URBINO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Corso di laurea CL 4 Lingue e cultura per l impresa Corso di FINANZA E IMPRESA Prof. Bruno Pirozzi Anno accademico 2007-2008

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 10 settembre 2009 e approvato dalla Consob con delibera n. 17026 del 7 ottobre 2009

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A I N D I C E

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A I N D I C E REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 10 settembre 2009 e approvato dalla Consob con delibera n. 17026 del 7 ottobre 2009

Dettagli

dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A

dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A 3 OTTOBRE 2011 Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 28 giugno 2011 e approvato dalla Consob con delibera n. 17904 del 25

Dettagli

dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A

dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A Regolamento 28 GIUGNO 2010 dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 13 aprile 2010 e approvato dalla Consob con delibera n. 17302 del 4

Dettagli

dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A

dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A 19 SETTEMBRE 2011 Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 28 giugno 2011 e approvato dalla Consob con delibera n. 17904 del

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 28 giugno 2011 e approvato dalla Consob con delibera n. 17904 del 25 agosto 2011 In

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A.

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A. REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A. Deliberato dal Consiglio di Amministrazione di Borsa Italiana del 7 novembre 2014 e approvato dalla Consob con delibera n. 19101 del

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A.

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A. REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A. Deliberato dal Consiglio di Amministrazione di Borsa Italiana del 10 giugno 2014 e approvato dalla Consob con delibera n. 18973 del

Dettagli

Regolamento del Nuovo Mercato Organizzato e Gestito DA BORSA ITALIANA S.P.A.

Regolamento del Nuovo Mercato Organizzato e Gestito DA BORSA ITALIANA S.P.A. Regolamento del Nuovo Mercato Organizzato e Gestito DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A.del 23 settembre 2004 e approvato dalla Consob con delibera n. 14735 del 12

Dettagli

PREMESSA PROPOSTA. Di seguito sono illustrati i principali cambiamenti.

PREMESSA PROPOSTA. Di seguito sono illustrati i principali cambiamenti. PROPOSTA DI MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEI MERCATI E RELATIVE ISTRUZIONI MIGRAZIONE DEI MERCATI MTA ED EXPANDI SULLA NUOVA PIATTAFORMA TRADELECT: MODALITÀ DI NEGOZIAZIONE PREMESSA Il processo di integrazione

Dettagli

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 1. Ai sensi del dell art. 98, comma 2, del regolamento Consob n. 11522/1998,

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE SERVIZI DI INVESTIMENTO

DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE SERVIZI DI INVESTIMENTO Data release 21/01/2015 N release 0024 Pagina 1 di 10 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede legale P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

AVVISO n.19378. 13 Novembre 2014 ETFplus. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.19378. 13 Novembre 2014 ETFplus. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.19378 13 Novembre 2014 ETFplus Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Regolamento dei Mercati e relative Istruzioni: OICR aperti/ Amendments

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A.

REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A. REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A. TITOLO I- DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 - Oggetto del Mercato Interno. Art. 2 Modifiche al

Dettagli

GRAFICO 9 - ANDAMENTO DEL NUMERO DI COVERED WARRANT QUOTATI

GRAFICO 9 - ANDAMENTO DEL NUMERO DI COVERED WARRANT QUOTATI il mercato dei covered warrant Il Mercato dei Covered Warrant Il trend positivo che caratterizza il numero di covered warrant quotati fin dall ammissione di questi strumenti sul mercato italiano nel 1998

Dettagli

La nuova articolazione dei mercati azionari di Borsa Italiana

La nuova articolazione dei mercati azionari di Borsa Italiana La nuova articolazione dei mercati azionari di Borsa Italiana Francesco Castagna Iscritto al Corso di Laurea in Economia Bancaria, indirizzo Economia e tecnica dei mercati c/o l Università degli Studi

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATI A CURA DELLA DIVISIONE RELAZIONI ESTERNE UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO MERCATI A CURA DELLA DIVISIONE RELAZIONI ESTERNE UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REGOLAMENTO MERCATI A CURA DELLA DIVISIONE RELAZIONI ESTERNE UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO MAGGIO 2007 [pagina bianca] Regolamento in materia di mercati pag. 1 Regolamento recante norme di attuazione

Dettagli

Elementi costitutivi del sistema finanziario

Elementi costitutivi del sistema finanziario Elementi costitutivi del sistema finanziario Ordinamento Strumenti Sistema Finanziario Mercati Monetario e dei cambi obbligazionario di partecipazione di indebitamento di assicurazione Intermediari mobiliari

Dettagli

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 1. STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI 2. UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO 3. I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 4. LA PROCEDURA DI AMMISSIONE E IL MONITORAGGIO 5. I SERVIZI

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a medio - lungo termine CTZ: Certificati del Tesoro zero coupon ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225 Avviso integrativo di emissione della Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 03.07.2002, a seguito di nullaosta n. 2045403 del 27.06.2002 relativa

Dettagli

Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A.del 23 settembre 2004 e approvato dalla Consob con delibera n. 14735 del 12 ottobre 2004 I N D I C E

Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A.del 23 settembre 2004 e approvato dalla Consob con delibera n. 14735 del 12 ottobre 2004 I N D I C E Regolamento del Nuovo Mercato Organizzato e Gestito da BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A.del 23 settembre 2004 e approvato dalla Consob con delibera n. 14735 del 12

Dettagli

Pietro Boni - Pietro Ghigini - Clara Robecchi. Telepass 4.2 - Istituti tecnici. Compensi agli amministratori: aspetto previdenziale

Pietro Boni - Pietro Ghigini - Clara Robecchi. Telepass 4.2 - Istituti tecnici. Compensi agli amministratori: aspetto previdenziale MODULO G Le società di persone MODULO H Le società di capitali e le cooperative LEZIONE 83 LEZIONE 88 LEZIONE 93 LEZIONE 107 L utile d esercizio e la sua destinazione pag. 14 Il trattamento fiscale delle

Dettagli

PAS 2014 Mishkin Eakins Forestieri, Istituzioni e mercati finanziari, Pearson, 2010. Il mercato obbligazionario

PAS 2014 Mishkin Eakins Forestieri, Istituzioni e mercati finanziari, Pearson, 2010. Il mercato obbligazionario PAS 2014 Mishkin Eakins Forestieri, Istituzioni e mercati finanziari, Pearson, 2010. Il mercato obbligazionario 1 Anteprima In questo capitolo analizzeremo i titoli di debito a lungo termine, cioè le obbligazioni.

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 2.1 Indice Premessa... 3 a) Ambito... 3 b) Obiettivi... 3 1. Metodologia di calcolo

Dettagli

Orientamento al mercato: i mercati di borsa le quotazioni di borsa. Giuseppe Squeo

Orientamento al mercato: i mercati di borsa le quotazioni di borsa. Giuseppe Squeo Orientamento al mercato: i mercati di borsa le quotazioni di borsa Giuseppe Squeo La classificazione dei mercati Rapporto con impresa Mercato creditizio Formazione prezzo Mercato mobiliare Liquidità Mercato

Dettagli

Titoli di debito. caratteristiche rendimento

Titoli di debito. caratteristiche rendimento Titoli di debito caratteristiche rendimento categorie BUONI ORDINARI DEL TESORO (BOT); CERTIFICATI DEL TESORO ZERO COUPON (CTZ); BUONI DEL TESORO POLIENNALI (BTP); BTP INDICIZZATI ALL INFLAZIONE EUROPEA

Dettagli

INDICE. Capitolo 1 INTRODUZIONE pag. 1.1. Intermediazione finanziaria e investimento... 1 1.2. Gliintermediarifinanziari... 2

INDICE. Capitolo 1 INTRODUZIONE pag. 1.1. Intermediazione finanziaria e investimento... 1 1.2. Gliintermediarifinanziari... 2 INDICE Capitolo 1 INTRODUZIONE 1.1. Intermediazione finanziaria e investimento................... 1 1.2. Gliintermediarifinanziari... 2 Capitolo 2 L ANALISI MACROECONOMICA 2.1. IlbilanciodelloStato...

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Guida dell azionista privato

Guida dell azionista privato Guida dell azionista privato 1 Il Gruppo Pirelli Pirelli è un gruppo con una grande tradizione industriale, fra i leader a livello mondiale in tutti i segmenti in cui opera. La nostra forza competitiva

Dettagli

La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi

La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi Presidente, Borsa Italiana S.p.A. Fiera del Levante Bari, 14 settembre 2000 La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Contenuti

Dettagli

SOLUZIONI DELLA II SESSIONE PROVA D ESAME DEL 1 luglio 2005

SOLUZIONI DELLA II SESSIONE PROVA D ESAME DEL 1 luglio 2005 SOLUZIONI DELLA II SESSIONE PROVA D ESAME DEL 1 luglio 2005 1. Ai sensi del D.lgs. n. 58/1998, la Consob iscrive in un apposito albo: A) le Sim e gli agenti di cambio; B) le Sim e le imprese di investimento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI)

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI) FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni Sede Legale

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO LE ARTICOLAZIONI DEL MERCATO DEI CAPITALI SOMMARIO: 1. Il mercato dei capitali. - 2. Tipologia dei mercati finanziari. - 3. Il mercato monetario e il mercato dei cambi. - 4. Il mercato mobiliare.

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Reddito Fisso. Per la negoziazione degli strumenti del reddito fisso Borsa Italiana organizza e gestisce. I mercati del

Reddito Fisso. Per la negoziazione degli strumenti del reddito fisso Borsa Italiana organizza e gestisce. I mercati del I mercati del Reddito Fisso Per la negoziazione degli strumenti del reddito fisso Borsa Italiana organizza e gestisce due comparti: il Mercato Telematico delle Obbligazioni e dei titoli di Stato (Mot)

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 2 agosto 2011 Data di entrata in vigore: 8 agosto 2011 Aggiornamento del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Regolamento del nuovo mercato organizzato e gestito dalla Borsa Italiana S.p.A.

Regolamento del nuovo mercato organizzato e gestito dalla Borsa Italiana S.p.A. Regolamento del nuovo mercato organizzato e gestito dalla Borsa Italiana S.p.A. Deliberato dall Assemblea della Borsa Italiana S.p.A. del 6 settembre 2001 e approvato dalla Consob con delibera n. 13338

Dettagli

Prodotti derivati del mercato IDEM e trading online

Prodotti derivati del mercato IDEM e trading online Prodotti derivati del mercato IDEM e trading online Valentina Sidoti Derivatives Markets, Borsa Italiana Invito in Borsa: oggi si parla di derivati Milano 6, Giugno 2002 &217(187, IDEM: il mercato italiano

Dettagli

Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 6 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE

Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 6 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 6 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: CASSA LOMBARDA SPA Sede legale:

Dettagli

Prospetto Informativo per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla

Prospetto Informativo per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l Offerta al Pubblico di cui all art.34-ter, comma 4 del regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 26 GIUGNO 2015 Banca di Credito Cooperativo del Circeo Società Cooperativa

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

Istruzioni al Regolamento

Istruzioni al Regolamento 22 NOVEMBRE 2010 Istruzioni al Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A I N D I C E TITOLO IA.1 - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE...7 MODELLI

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

Prospetto Informativo per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla

Prospetto Informativo per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l Offerta al Pubblico di cui all art.34-ter, comma 4 del regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 11 giugno 2012 Banca di Credito Cooperativo del Circeo Società Cooperativa

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 14 1 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene nella Parte 1 la disciplina relativa ai limiti

Dettagli

11 - Deposito Titoli

11 - Deposito Titoli Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 11 - Deposito Titoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca della Provincia di Rimini

Dettagli

SOLUZIONI DELLA I SESSIONE: PROVA D'ESAME DEL 15 MARZO 2002

SOLUZIONI DELLA I SESSIONE: PROVA D'ESAME DEL 15 MARZO 2002 SOLUZIONI DELLA I SESSIONE: PROVA D'ESAME DEL 15 MARZO 2002 1) Quale dei seguenti non è definito nel Decreto Legislativo n.58/1998 "servizio accessorio"? A. La locazione di cassette di sicurezza; La consulenza

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99

PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 24 Aprile 14 (da consegnare al sottoscrittore che ne faccia richiesta)

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin no. 1

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin no. 1 PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 15.01.2014 (da consegnare al sottoscrittore che ne faccia richiesta)

Dettagli

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO PERIODO: II SEMESTRE DOCENTI: LUIGI MIGLIAVACCA,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI)

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI) FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni Sede Legale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato Allegato 4 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato ARTICOLO 1 - ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO INTERNO La Società ha istituito in data 2 dicembre 2010, e gestisce secondo le modalità

Dettagli

Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE

Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE RELATIVO ALL AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE DI WARRANT BANCA INTESA S.p.A. VALIDI PER VENDERE A BANCA INTESA AZIONI ORDINARIE O AZIONI DI RISPARMIO BANCA COMMERCIALE ITALIANA

Dettagli

I metodi di collocamento dei titoli di Stato sono riconducibili:

I metodi di collocamento dei titoli di Stato sono riconducibili: INTRODUZIONE Il Ministro dell Economia e delle Finanze e autorizzato, di anno in anno, ad emanare decreti che consentano di effettuare operazioni di indebitamento sul mercato interno od estero nelle forme

Dettagli

LE OBBLIGAZIONI NELLA STAMPA FINANZIARIA

LE OBBLIGAZIONI NELLA STAMPA FINANZIARIA LE OBBLIGAZIONI NELLA STAMPA FINANZIARIA 1 Tabella quantitativi trattati (prima pagina del Sole 24 Ore) 19.01 16.01 Azioni: numero 643.314.169 574.051.164 Azioni: valore 1.727.230.318 1.801.108.021 Titoli

Dettagli

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Obbligazionario

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Obbligazionario Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta Mercato Obbligazionario OBBLIGAZIONE: Titolo di debito che impegna l'emittente al rimborso del capitale oltre che alla corresponsione

Dettagli

CODICE ISIN GB00B39MSQ94 SCHEDA TECNICA

CODICE ISIN GB00B39MSQ94 SCHEDA TECNICA CREDIT SUISSE TRIGGER YIELD CERTIFICATES DUE 2013 ( DOLLAR PREMIUM ) LINKED TO EUR/USD emessi da Credit Suisse International Certificato a cinque anni con rimborso anticipato automatico collegato al tasso

Dettagli

Glossario Finanziario. Aggiotaggio

Glossario Finanziario. Aggiotaggio Glossario Finanziario Aggiotaggio E un atteggiamento, punito penalmente dalla legge, che viene assunto da coloro che per il proprio personale profitto diffondono notizie false e tendenziose relative a

Dettagli

Banca Versilia Lunigiana e Garfagnana Credito Cooperativo Società Cooperativa

Banca Versilia Lunigiana e Garfagnana Credito Cooperativo Società Cooperativa Banca Versilia Lunigiana e Garfagnana Credito Cooperativo Società Cooperativa PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato

Dettagli

Posta elettronica certificata (PEC): segreteria@scabanca.bcc.it

Posta elettronica certificata (PEC): segreteria@scabanca.bcc.it P R O S P E T T O S E M P L I F I C A T O Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 pubblicato il 15/06/2012 (da consegnare al sottoscrittore che

Dettagli

MOT ed ExtraMOT. I mercati obbligazionari MOT ed ExtraMOT: trasparenza ed efficienza

MOT ed ExtraMOT. I mercati obbligazionari MOT ed ExtraMOT: trasparenza ed efficienza MOT ed ExtraMOT I mercati obbligazionari MOT ed ExtraMOT: trasparenza ed efficienza MOT ed ExtraMOT: i mercati Fixed Income per gli investitori retail e professionali. MOT ed ExtraMOT Leader in Europa

Dettagli

REGOLAMENTO BONDVISION

REGOLAMENTO BONDVISION REGOLAMENTO BONDVISION DISCIPLINA DEL MERCATO REGOLAMENTATO ALL INGROSSO DI TITOLI DI STATO Art. 1 - Definizioni Nel presente regolamento l espressione: TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI - Categorie di strumenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n.

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

Il MOT: il mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato

Il MOT: il mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato Il Mot: il mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato Apartire dal 1994, anno della sua nascita, il Mot ha conosciuto un continuo processo di innovazioni strutturali che si è assestato

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

MODULO F Forme e strutture aziendali

MODULO F Forme e strutture aziendali MODULO F Forme e strutture aziendali U.D. 1 Dalle imprese individuali alle società: le società di persone Paragrafo 6 L utile d esercizio e la sua destinazione pag. 18 Paragrafo 11 Il trattamento fiscale

Dettagli

Istruzioni al Regolamento

Istruzioni al Regolamento 15 O T T O B R E 2 0 1 2 Istruzioni al Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A I N D I C E TITOLO IA.1 - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE...

Dettagli