COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione"

Transcript

1 COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI Art. 1 Istituzione Il Forum giovanile, previsto dall art. 15 bis dello Statuto comunale, è strumento di autorappresentanza e di partecipazione dialettica alla vita cittadina. Costituisce, inoltre, occasione di incontro delle rappresentanza dei giovani per verificare e proporre linee di intervento ed iniziative nelle politiche dell ente locale, nei confronti dei giovani. Il Forum è il referente obbligato, anche se non esclusivo, del Comune per le Politiche Giovanili. Il presente Regolamento recepisce le finalità della Carta Europea della Partecipazione dei Giovani alla vita comunale e regionale del Consiglio d Europa. Il presente Regolamento definisce i principi programmatici, gli scopi e le modalità di elezione degli organi del Forum dei Giovani, il quale svolge le proprie funzioni liberamente ed in autonomia e le modalità di funzionamento. Art. 2 Principi programmatici Il FORUM DEI GIOVANI concorre a promuovere: il pieno sviluppo della persona umana attraverso una politica attiva del tempo libero e della vita associativa; l effettiva partecipazione di tutti i cittadini all organizzazione politica, economica, sociale e culturale della comunità civile attraverso una politica di formazione ed educazione che favorisca in particolare la partecipazione dei giovani; la difesa dei principi democratici e delle libertà individuali e collettive attraverso una politica di formazione del senso civico e della prevenzione sociale; l affermazione dei Diritti dell Uomo; la diffusione della cultura della pace, della non violenza, della solidarietà e delle pari opportunità tra uomini e donne; l affermazione di uno spirito di coesione sociale che nasce dalla condivisione delle singole esperienze; la difesa del pieno equilibrio dell ecosistema attraverso una politica dell ambiente urbano ed extraurbano; l affermazione del principio costituzionale del diritto al lavoro attraverso una politica di centri di informazione e banche dati per i Giovani.

2 Art. 3 Fini Il FORUM DEI GIOVANI è organo consultivo dell Assessorato alle Politiche Giovanili al quale presenta proposte sulle deliberazioni inerenti alle tematiche giovanili. 1. E strumento di conoscenza delle realtà dei giovani; 2. Promuove progetti, attività ed iniziative inerenti i giovani; 3. Promuove dibattiti, ricerche ed incontri; 4. Attiva e promuove iniziative per un migliore utilizzo del tempo libero; 5. Favorisce il raccordo tra i gruppi giovanili e le istituzioni locali; 6. Si rapporta con i gruppi informali; 7. Tiene ed aggiorna un anagrafe comunale dei gruppi di base; 8. Promuove rapporti permanenti con le Consulte ed i Forum presenti nel territorio regionale, con le Consulte ed i Forum presenti nel territorio delle altre regioni e si raccorda con il livello nazionale ed internazionale; 9. Può raccogliere informazioni nei settori di interesse giovanile (scuola, università, mondo del lavoro, tempo libero, sport, volontariato, cultura e spettacolo, mobilità all estero, ambiente, vacanze e turismo) direttamente, con ricerche autonome, o a mezzo delle strutture amministrative comunali. Art. 4 Durata e Sede La durata del Forum dei Giovani è illimitata. La sede del Forum dei Giovani è assicurata presso strutture pubbliche individuate dalla Giunta Comunale. Art. 5 Adesione Al FORUM DEI GIOVANI possono aderire tutti i cittadini di età non inferiore a 15 anni e non superiore a 35 anni, senza distinzione di sesso, razza, religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Possono aderire: - i giovani residenti o domiciliati nel Comune di Leverano; - i giovani non residenti che risultano regolarmente iscritti ad una delle Associazioni legalmente operanti nel Comune di Leverano; Il giovane componente del Forum durante l espletamento del mandato anche se ha raggiunto il limite di età massima non decade dalla carica. Il giovane componente del Forum decade raggiunto il limite di età massima alla scadenza della carica. Il Forum può prevedere altre forme di partecipazione, distinte dalla qualifica di componente del Forum e dai relativi obblighi, per quei soggetti che si dimostrino a vario titolo interessati alle attività di cui si rende promotore. Sono riconosciuti come componenti onorari del Forum, senza diritto di voto alcuno, quei componenti che, decaduti per raggiunti limiti d età, decidano spontaneamente ed in maniera gratuita di continuare a collaborare col Forum dei Giovani. 2

3 Art. 6 Ammissioni e dimissioni Per essere ammesso a componente del Forum è necessario presentare, presso l ufficio Comunale appositamente individuato, domanda al Presidente del Forum dei Giovani, indicando e dichiarando: - nome e cognome, luogo e data di nascita, residenza, eventuale professione mestiere o eventuale scuola frequentata, domicilio nel Comune di Leverano o iscrizione ad un associazione legalmente operante nel Comune di Leverano; settore di attività di interesse; - di attenersi al presente Regolamento, ai Regolamenti interni e alle Deliberazioni degli Organi del Forum. La presentazione della domanda di ammissione dà diritto immediato a ricevere la TESSERA di COMPONENTE del FORUM DEI GIOVANI DI LEVERANO. I giovani di età inferiore a 18 anni devono presentare, allegata alla domanda di ammissione, l autorizzazione da parte di uno dei genitori. Le dimissioni vanno presentate per iscritto al Consiglio del Forum con contestuale consegna della tessera di Componente del Forum. Art. 7 Carta dei giovani e diritti dei Componenti del Forum La Tessera di Componente del Forum, costituita dalla Carta dei Giovani, non è trasferibile e dà diritto a: usufruire dei servizi del Forum alle condizioni fissate dai regolamenti interni; usufruire degli sconti delle agevolazioni concordate con il Comune di Leverano con associazioni, esercizi commerciali, strutture sportive, librerie, agenzie di trasporti ed Enti pubblici o privati che offrano prodotti o servizi funzionali al benessere ed allo sviluppo psico-fisico dei Giovani; usufruire a prezzi ridotti di servizi organizzati appositamente dal Comune di Leverano determinati dalla Giunta; partecipare alle votazioni per le elezioni degli organi del Forum dei Giovani; partecipare alle manifestazioni organizzate dal Forum stesso. La qualità di Componente del Forum non è trasferibile. L Assemblea del Forum può stabilire un eventuale pagamento della Tessera. Art. 8 Obblighi dei Componenti del Forum I Componenti del Forum s impegnano all osservanza del Regolamento e delle Deliberazioni adottate dagli organi del Forum. I componenti i quali risultano assenti alle iniziative e alle assemblee, siano esse ordinarie o straordinarie, nel corso dell anno, decadono dalla qualifica stessa di Componente del Forum. 3

4 Il Presidente e il Consiglio Direttivo si riservano di valutare e deliberare in merito alla decadenza della qualifica di componente del Forum. Risultano assenti giustificati i componenti che per motivi di studio, di lavoro e di salute non partecipano alla vita del Forum e lo comunicano al Presidente e al Consiglio Direttivo. Art. 9 Sanzioni Quando i componenti non ottemperano alle disposizioni del presente Regolamento o delle Deliberazioni adottate dagli Organi del Forum, vengono richiamati ufficialmente dal Consiglio. Al secondo richiamo ufficiale i componenti decadono dal Forum dei Giovani. Art. 10 Settori di Attività Sono istituiti i seguenti Settori di Attività che hanno valenza solo ed unicamente come scelta di interessi: 1. artigianato e pittura; 2. educazione civica, informazione, attività di interesse sociale; 3. territorio ed ecologia; 4. musica; 5. sport; 6. teatro, cinema e fotografia; 7. cultura e spettacolo; 8. tempo libero e turismo giovanile; 9. lavoro. Art. 11 Organi Gli Organi del Forum dei Giovani sono: Assemblea; Consiglio Direttivo; Presidente; Vice Presidente; Segretario; Commissione Elettorale. E inoltre prevista l istituzione in forma temporanea o permanente di Commissioni di Lavoro per Settori di Attività ad hoc, su temi specifici ritenuti di interesse rilevante per il Forum dei Giovani. 4

5 Art. 12 Assemblea L Assemblea dei Componenti del Forum può essere Ordinaria o Straordinaria. L Assemblea ORDINARIA è convocata dal Presidente mediante un avviso, affisso presso la Sede del Forum. L affissione deve avvenire almeno 10 giorni prima della data fissata per l Assemblea. L Assemblea STRAORDINARIA è convocata: tutte le volte che il Consiglio del Forum dei Giovani o il Presidente del Forum dei Giovani o il Sindaco lo reputino necessario; allorché ne faccia richiesta motivata al Presidente (discussione di una specifica problematica), almeno 1/4 dei componenti del Forum; in tal caso l Assemblea dovrà avere luogo entro 15 giorni dalla data in cui viene richiesta. L Assemblea ORDINARIA è convocata almeno quattro volte all anno, in periodi specifici che saranno stabiliti durante la prima assemblea generale dei componenti del Forum. L Assemblea Ordinaria è convocata necessariamente: all inizio dell anno, per determinare le linee generali del programma; alla fine dell anno per valutare lo stato di attuazione di tale programma. L Assemblea sia ordinaria che straordinaria può: deliberare su tutte le questioni attinenti alla gestione del Forum; presentare proposte, istanze, petizioni al Consiglio del Forum dei Giovani, al Presidente, agli Organi elettivi comunali e ad altri Enti Pubblici; deliberare proposte di modifiche al presente Regolamento; approvare regolamenti interni che disciplinano lo svolgimento delle attività del Forum dei Giovani; delibera proposte di scioglimento del Forum istituire in forma temporanea o permanente le Commissioni di Lavoro per Settori di Attività di cui all articolo 11, regolamentandone la composizione, le funzioni e la durata. Approva regolamenti interni; Le adunanze dell Assemblea sono valide in prima convocazione con la presenza della maggioranza dei Componenti del Forum, dedotti gli assenti giustificati, nel limite massimo di 1/4 degli iscritti al Forum. In seconda convocazione l Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita con il numero di 1/3 degli iscritti dedotti gli assenti giustificati; la seconda convocazione deve aver luogo almeno 24 ore dopo la prima. Le votazioni possono avvenire per alzata di mano o a scrutinio segreto, quando ne faccia richiesta 1/4 dei presenti. Alle votazioni partecipano tutti i Componenti del Forum senza distinzione d età. L Assemblea è presieduta dal Presidente. 5

6 Ad ogni assemblea, sia ordinaria che straordinaria, verrà predisposto un registro delle presenze dei componenti del Forum. Il verbale delle riunioni e delle deliberazioni adottate dovrà essere stilato dal Segretario del Forum e riposto in apposito fascicolo. Il registro dei verbali, depositato presso la sede del Forum è a disposizione di chiunque voglia prenderne visione, e consegnato al Presidente in occasione delle sedute dell assemblea che entro sette giorni dalla data delle riunioni deve riconsegnarlo. La sede dell Assemblea è assicurata dalla Sala Consiliare del Comune di Leverano. Art. 13 Prima riunione Il Forum dei Giovani è insediato dal Sindaco o da un suo delegato. Art. 14 Commissione elettorale La Commissione Elettorale è composta da un funzionario del Comune di Leverano, con funzione di Presidente della Commissione e da quattro scrutatori nominati dal Consiglio del Forum. La Commissione provvede alle operazioni di spoglio e ha il compito di decidere a maggioranza su eventuali ricorsi inerenti le procedure elettorale. Tali ricorsi dovranno essere presentati al Sindaco entro 24 ore dalla presentazione dalla proclamazione ufficiale degli eletti. La Commissione elettorale decide entro 48 ore successive. La decisione è inappellabile. Art. 15 Elezione del Presidente del Forum, del Vice Presidente e del Consiglio Direttivo Hanno diritto di voto tutti i componenti regolarmente iscritti al Forum dei Giovani. La votazione avviene a scrutinio segreto su apposite schede elettorali, predisposte dall Ufficio che cura le Politiche Giovanili del Comune di Leverano. Nello specifico: una scheda per l indicazione della preferenza per uno soltanto dei candidati alla carica di Presidente del Forum dei Giovani, da scegliere tra quelli regolarmente iscritti alla lista elettorale; una scheda per l indicazione della preferenza per uno soltanto dei candidati alla carica di Vice Presidente del Forum dei Giovani, da scegliere tra quelli regolarmente iscritti alla lista elettorale; una scheda con un numero di spazi per l indicazione delle preferenze per i candidati alla carica di Consigliere del Direttivo, da scegliere tra quelli regolarmente iscritti alla lista elettorale. 6

7 L indicazione di una preferenza per un nominativo non inserito nella lista elettorale alla carica di riferimento, comporta la nullità soltanto del voto per quella preferenza e non della scheda completa. Il Consiglio Direttivo del Forum dei Giovani è composto da: 1 Presidente del Forum eletto direttamente dall assemblea; 1 Vice Presidente eletto direttamente dall assemblea tra i candidati alla carica di Consigliere; 5 (cinque) o 7 (sette) Consiglieri del Direttivo eletti direttamente dall assemblea. Il numero delle preferenze per la carica di Consigliere viene stabilito dall Assemblea. La Candidatura ad ogni carica è individuale. Ogni componente può scegliere di candidarsi (secondo le modalità di seguito descritte) per più cariche. Ogni candidato alla carica di Presidente del Forum dei Giovani deve: presentare per iscritto la propria candidatura all Ufficio che cura le Politiche Giovanili; presentare la propria candidatura all Assemblea nel corso di una adunanza che precederà l assemblea elettiva; essere maggiorenne; essere iscritto al Forum da almeno un anno. Ogni candidato alla carica di Consigliere del Direttivo deve: presentare per iscritto la propria candidatura all Ufficio che cura le Politiche Giovanili; deve essere iscritto al Forum da almeno un anno. Per l elezione del Presidente è richiesta la maggioranza assoluta dei voti dei presenti nel primo e nel secondo scrutinio, mentre nel terzo si procede per ballottaggio tra i due che nell ultimo scrutinio hanno ottenuto maggior voti. In caso ulteriore parità tra i due candidati si procederà per anzianità di iscrizione al Forum. In caso di parità di iscrizione si procederà alla scelta del candidato più anziano di età. Per l elezione del Vice Presidente è richiesta la maggioranza assoluta dei voti dei presenti nel primo e nel secondo scrutinio, mentre nel terzo si procede per ballottaggio tra i due che nell ultimo scrutinio hanno ottenuto maggior voti. In caso ulteriore parità tra i due candidati si procederà per anzianità di iscrizione al Forum. In caso di parità di iscrizione si procederà alla scelta del candidato più anziano di età. Vengono eletti Consiglieri del Direttivo i candidati che avranno riportato più preferenze tra quelli regolarmente iscritti alla lista elettorale. In caso di parità si procederà per anzianità di iscrizione. In caso di parità di iscrizione si procederà alla scelta del candidato più anziano di età. Nessun componente che ricopra cariche istituzionali può essere eletto nel Consiglio del Forum dei Giovani. Nessun componente che ricopra cariche politiche può essere eletto nel Consiglio del Forum dei Giovani. I componenti che, ricoprendo cariche negli Organi del Forum, si candidino ad elezioni politiche e/o amministrative, decadono automaticamente dal loro incarico. 7

8 Art Presidente Il Presidente rappresenta il Forum dei Giovani. Inoltre, egli: convoca, presiede e disciplina le riunioni dell Assemblea e del Consiglio del Forum dei Giovani; redige l elenco degli enti ed esercizi o strutture convenzionate con il Comune a favore dei componenti del Forum; provvede ad aggiornare tale elenco trimestralmente e provvede affinché tutti i componenti del Forum possano prenderne conoscenza; cura l esecuzione delle deliberazioni del Consiglio; Al Presidente del Forum dei Giovani compete, sulla base delle direttive emanate dall Assemblea e dal Consiglio Direttivo, al quale comunque riferisce circa l attività compiuta, l ordinaria amministrazione del Forum dei Giovani; in casi di eccezionali necessità e urgenze il Presidente può anche compiere atti di straordinaria amministrazione; in tal caso deve subito convocare il Consiglio Direttivo per la ratifica del suo operato. Il Presidente può chiedere di essere invitato alle sedute del Consiglio Comunale su invito del Sindaco, quando all ordine del giorno vi siano materie di interesse giovanile. In caso di assenza o inadempimento del Presidente le sue funzioni sono svolte dal Vice Presidente. Il Presidente che non partecipa a due assemblee, senza giustificato motivo, decade dalla carica. Art. 17 Consiglio Direttivo del Forum dei Giovani Il Consiglio del Forum dei Giovani è composto dal Presidente, dal Vice-Presidente e da un numero di 5 o 7 Consiglieri eletti dall Assemblea. Il Consiglio del Forum dei Giovani si riunisce quando lo ritenga necessario il Presidente o qualora ne facciano richiesta almeno 3 consiglieri entro 5 giorni dalla data richiesta. I Consiglieri sono convocati dal Presidente con modalità concordate all interno del Consiglio Direttivo; Il Consiglio del Forum dei Giovani dovrà riunirsi almeno una volta ogni due mesi. In caso di mancata convocazione il Sindaco o suo delegato provvederà alla convocazione del Consiglio del Forum dei Giovani nel rispetto minimo di riunioni annuali. Il Consiglio del Forum dei Giovani: formula proposte per l Assemblea; cura l esecuzione delle deliberazioni dell Assemblea; stabilisce i programmi di attività del Forum dei Giovani sulla base dei principi programmatici e dei compiti stabiliti dal regolamento comunale e sulla base delle linee generali approvate dall Assemblea; svolge le funzioni dell Assemblea in caso quest ultima non abbia deliberato su un determinato argomento in quanto non validamente riunitasi per almeno due volte consecutive; 8

9 nomina il Segretario tra i componenti del Forum; può nominare uno o più consiglieri e/o componenti responsabili di determinati servizi, progetti o attività specificando il contenuto e la durata dell incarico; delibera sulle iniziative, sugli acquisti e su tutto quanto altro riguardi le attività del Forum dei Giovani; esprime i pareri su richiesta del Sindaco e dell Assessore alle Politiche Giovanili; formula proposte al Sindaco, alla Giunta e al Consiglio Comunale, in particolare per materie di interesse giovanile; può invitare esperti e/o terzi alle sue riunioni; è competente per tutte le funzioni e le decisioni non espressamente previste dal presente regolamento, come competenza dell Assemblea o del Presidente. Il Consiglio del Forum dei Giovani delibera validamente a maggioranza dei voti con la presenza di almeno la metà dei componenti più uno. Le decisioni prese sono verbalizzate dal Segretario e trasmesse al Sindaco. Il Sindaco entro 20 giorni dal ricevimento delle istanze o delle richieste di informazione, su materie di interesse giovanile, formulerà risposta alle stesse nella forma più opportuna. I membri del Consiglio Direttivo che non partecipano a tre riunioni di Consiglio, senza giustificato motivo, decadono dalla carica. Art. 18 Consiglieri del Direttivo I Consiglieri del Forum possono presentare proposte al Consiglio del Forum e fare interrogazioni al Presidente del Forum. Nel corso del mandato si potrà provvedere alla surroga dei dimissionari con il primo dei non eletti. In caso di impossibilità di surroga di dimissionari, si provvede alla Elezione tra i componenti del Forum, per la sola carica vacante, con modalità stabilite dal Consiglio Direttivo e coerenti con l articolo 15 del presente regolamento. I Consiglieri che non partecipano a due Assemblee, senza giustificato motivo, decadono dalla carica. Art. 19 Vice Presidente Il Vice Presidente sostituisce il Presidente in ogni sua attribuzione in tutti i casi in cui questi è impedito all esercizio delle proprie funzioni o assente Art. 20 Segretario Il Segretario svolge la funzione di verbalizzazione delle adunanze dell Assemblea e del Consiglio Direttivo. E nominato dal Consiglio Direttivo tra i componenti del Forum e lo coadiuva nell esplicazione delle attività esecutive che si rendano necessarie o opportune per il funzionamento dell amministrazione del Forum dei Giovani. Il Segretario cura la tenuta del Registro delle Presenze alle Assemblee, del libro dei verbali delle Assemblee, del Consiglio Direttivo, della Commissione Elettorale e, unitamente al Presidente, del Libro dei Componenti del Forum. 9

10 Art. 21 Libri del Forum dei Giovani Oltre alla tenuta dei libri prescritti dalla legge, il Forum dei Giovani tiene i libri verbali delle adunanze dell Assemblea, del Consiglio Direttivo, nonché il Libro dei Componenti del Forum. Art. 22 Durata e scadenza delle cariche Il mandato in carica per il Presidente, il Vice Presidente, i Consiglieri ed il Segretario è di 2 ( due) anni. Avendo, sia il Presidente che il Consiglio Direttivo, legittimazione diretta dall Assemblea, vige il principio <aut simul stabunt, aut simul cadent>. Il Presidente alla fine del suo mandato può ricandidarsi ed essere rieletto una sola volta, pertanto, un componente del Forum non può svolgere più di due mandati consecutivi con la carica di Presidente. In caso di dimissioni scritte del Presidente del Forum, decade l intero Consiglio Direttivo e si procede a nuove elezioni, nella prima Assemblea utile, convocata dal Sindaco. In caso di dimissioni scritte contestuali della metà più uno dei Consiglieri, decadono tutte le cariche del Direttivo compresa quella di Presidente. In entrambi i casi si procede a nuove elezioni nel termine massimo di trenta giorni. La relativa assemblea è convocata dal Presidente dimissionario. Qualora questo non vi provveda, provvederà il Vice Presidente o il Sindaco. Art. 23 Sedute pubbliche Ai lavori del Consiglio del Forum e dell Assemblea del Forum dei Giovani sarà data la massima pubblicità a mezzo di avvisi scritti presso il Comune, la sede del Forum dei Giovani e altri luoghi di pubblica frequentazione. Le sedute dell Assemblea sono pubbliche. Art. 24 Disponibilità finanziaria del Forum Ogni anno l'amministrazione Comunale all atto di approvare il bilancio preventivo assegna al capitolo denominato Forum dei Giovani un apposito fondo nell ambito delle risorse destinate alle politiche giovanili. Tutte le somme iscritte nel capitolo di bilancio di cui sopra possono essere utilizzate solo per il finanziamento delle iniziative e delle attività programmate dal Consiglio o dall'assemblea del Forum stesso, ovvero dall Amministrazione per iniziative inerenti le Politiche Giovanili. Per la gestione delle somme previste nel capitolo di bilancio comunale il Forum si avvarrà della struttura dell Ente Comunale. Art. 25 Rapporti con il Comune di Leverano 10

11 Il Comune di Leverano collabora all esecuzione delle iniziative del Forum dei Giovani, stipula intese o accordi con enti pubblici o privati a favore dei Componenti del Forum dei Giovani. L Ordine del giorno delle riunioni dell Assemblea e del Consiglio del Forum dei Giovani viene sempre inviato al Sindaco, all Assessore alle politiche giovanili e ai Capigruppo consiliari.. L Ordine del giorno delle riunioni del Consiglio Comunale viene inviato al Presidente del Forum dei Giovani. Il Sindaco e l Assessore alle Politiche Giovanili, possono partecipare, senza diritto di voto, alle riunioni del Consiglio del Forum dei Giovani e dell Assemblea. Il Consiglio del Forum dei Giovani può invitare alle sue riunioni i Rappresentanti del Comune di Leverano per la discussione di determinati argomenti. Ogni anno, nel mese di Marzo, il Sindaco o un suo delegato presenta all Assemblea una Relazione sullo stato di attuazione delle politiche giovanili e sul programma delle iniziative dell Amministrazione a favore dei giovani. Il Consiglio del Forum dei Giovani, d intesa con l assessore delegato si avvale, per la gestione della vita del Forum stesso, dell assistenza degli Uffici e dei mezzi del Comune di Leverano con opportuna intesa preliminare. Nell ultima assemblea il Presidente del Forum fornisce al Sindaco e all Assessore alle Politiche Giovanili una relazione sulle attività svolte dal Forum nel corso dell anno. Art Modifiche al regolamento L Assemblea delibera la proposta di modifica del presente regolamento con il voto favorevole della maggioranza assoluta dei componenti in prima convocazione, e in seconda, con la maggioranza assoluta dei presenti purchè superiore a 1/3. Art. 27 Norma Transitoria Nella prima fase dell attività del Forum dei Giovani e della elezione degli organi non si applica la previsione dell iscrizione di un anno al Forum. 11

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI INDICE ART. 1 Forum dei Giovani Finalità pag. 3 ART. 2 Principi programmatici pag. 3 ART. 3 Compiti del Forum pag. 3 ART. 4 Pareri pag. 4 ART. 5 Soci

Dettagli

COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI

COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI - COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI 1 INDICE ART. 1 Forum dei Giovani Finalità pag. 4 ART. 2 Principi programmatici pag. 4 ART. 3

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO. Statuto del Forum dei Giovani

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO. Statuto del Forum dei Giovani COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO Statuto del Forum dei Giovani Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.8 del 30/06/2011 Titolo Primo: Istituzione, durata, sede, principi programmatici

Dettagli

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 21 DEL 02/08/07) INDICE ARTICOLO 1 - FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO 1 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Art. 1 Istituzione

Dettagli

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI.

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. COMUNE DI ALA Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e contenuti 1. Questo regolamento stabilisce le modalità per l

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA Approvato in data con deliberazione consiliare n. Premesso che la Legge 5 Febbraio 1992 n.

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE PROVINCIA DI Carbonia Iglesias REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Santa Maria a Vico, riconosciuta

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 24 febbraio 2005 e modificato con deliberazione C.C. n. 55 del 20 dicembre 2006 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE (STATUTO art. 51: Il consiglio comunale può avvalersi di consulte di settore su tematiche specifiche: giovani, cultura,solidarietà

Dettagli

COMUNE DI CALVENE. Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI CALVENE. Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CALVENE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 44 DEL 29.11.2012 INDICE Art. 1 FINALITA Art. 2 COMPETENZE Art.

Dettagli

Comune di Paduli Provincia di Benevento

Comune di Paduli Provincia di Benevento Comune di Paduli Provincia di Benevento Regolamento di funzionamento del Forum dei giovani di Paduli (BN) per la partecipazione giovanile, in attuazione della carta europea della partecipazione dei giovani

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ART. 1 ISTITUZIONE La Consulta Giovanile Comunale è istituita dal Comune di Torino di Sangro con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI Approvato con deliberazione consiliare n. 34 del 10.10.2008 Art. 1- Istituzione 1. Il Consiglio Comunale di Pontecagnano Faiano aderendo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.03.2008) (MODIFICATO CON DELIBERA C.C. NR. 8 DEL 10.03.2009). I N D I C E CAPO I NORME

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA Art.1 Costituzione Il Comune di Ozieri riconosce lo sport come servizio sociale e di volontariato e intende

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI PASIAN DI PRATO (Approvato con delibera C.C. n. 90 del 29.11.2003, modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera consiliare n. 91 del 19 dicembre 2006 Comune di Prata di Pordenone Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17.09.2012 INDICE Art.

Dettagli

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato **************************

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato ************************** ******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato ************************** Approvato con delibera consiliare n. 180 del 18 Dicembre 2012.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Elaborazione Ufficio Servizi Culturali Ottobre 2007 INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta delle Associazioni Art. 3 Finalità ed attività Art. 4

Dettagli

COMUNE DI ESCALAPLANO

COMUNE DI ESCALAPLANO COMUNE DI ESCALAPLANO Provincia di Cagliari STATUTO CONSULTA GIOVANI DI ESCALAPLANO CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro

Dettagli

Regolamento gruppo giovani

Regolamento gruppo giovani Regolamento gruppo giovani Art.1 Costituzione E costituito presso l Associazione Costruttori Salernitani, con sede presso la stessa, il Gruppo Giovani Imprenditori Edili della Provincia di Salerno. Art.2

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI DI PRAIANO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI DI PRAIANO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI DI PRAIANO TITOLO PRIMO COSTITUZIONE SEDE PRINCIPI PROGRAMMMATICI COMPITI Il presente Statuto definisce i principi programmatici, gli scopi e le modalità di elezione degli

Dettagli

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità I SOCI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 I SOCI che intendono iscriversi all Associazione, condividendone gli scopi, compilano

Dettagli

Statuto Associazione EX _TRA Via Sopranzi, 26 21049 Tradate(VA)

Statuto Associazione EX _TRA Via Sopranzi, 26 21049 Tradate(VA) Statuto Associazione EX _TRA Via Sopranzi, 26 21049 Tradate(VA) PARTE GENERALE Art. 1. E costituita la Associazione EX_TRA con sede presso l Istituto PAVONI Scuola Media Paolo VI in Tradate via Sopranzi,26.

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

COMUNE DI POLISTENA. Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLA SOLIDARIETA E VOLONTARIATO

COMUNE DI POLISTENA. Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLA SOLIDARIETA E VOLONTARIATO Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLA SOLIDARIETA E VOLONTARIATO Approvato con delibera C.C. n. 36 del 29-07-2005 Modifiche: delibera C.C. n. 10 del 09-05-2008 P a g i n a 2 Sommario

Dettagli

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Grosseto, riconosciuta l importanza di coinvolgere

Dettagli

COMUNE DI CERRETO LAZIALE

COMUNE DI CERRETO LAZIALE COMUNE DI CERRETO LAZIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE PER ANZIANI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Art. 1 Istituzione 1. Il Comune di Bari istituisce la Consulta comunale degli Studenti Universitari della Città di Bari,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI Approvato in data con deliberazione consiliare n. 1. E istituita la Consulta Anziani. Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con deliberazione del

Dettagli

Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI

Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore TITOLO I ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Articolo 1 ISTITUZIONE 1. E istituito il Registro Comunale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Città di Racconigi ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI RACCONIGI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 42 del 25.10.2011 1 Art. 1 - Istituzione È

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO Art 1 Denominazione e sede dell associazione 1. È costituita l Associazione culturale e professionale degli operatori delle istituzioni scolastiche e formative lend

Dettagli

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale Statuto INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale 1 E costituita una Associazione denominata GAS INSIEME PER LIMANA L Associazione è costituita in conformità al dettato della L. 383/2000, pertanto

Dettagli

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (modificato con delibera di C.C. n. 77 del 26.10.2015) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 PRINCIPI L Amministrazione

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS ART. 1. COSTITUZIONE. Si è costituita con sede in Viale della Rimembranza 35, piano terra Fallo (CH) un associazione che assume la denominazione di Faldus. Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO APERTO POLIVALENTE ANZIANI ART. 1

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE INDICE SISTEMATICO ART.1 CONSIGLI DI QUARTIERE ART.2 COMPOSIZIONE E NOMINA DEI CONSIGLI DI QUARTIERE E DETERMINAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Servizio Protezione Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI

Dettagli

SOCREM SOCIETÀ MANTOVANA PER LA CREMAZIONE STATUTO

SOCREM SOCIETÀ MANTOVANA PER LA CREMAZIONE STATUTO SOCREM SOCIETÀ MANTOVANA PER LA CREMAZIONE STATUTO CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI MANTOVA 46100 MANTOVA VIA A. ALTOBELLI,19- e +390376220886 3389973382 info@socremmn.it www.socremmn.it ART. 1 In considerazione

Dettagli

STATUTO ALLEGATO A. È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA

STATUTO ALLEGATO A. È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA Art. 1. Denominazione STATUTO ALLEGATO A È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA Art. 2. Sede L Associazione ha sede legale in Pisa

Dettagli

Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO

Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO ART. 1 Costituzione - Denominazione - Sede È costituito un Comitato civico cittadino denominato Centro Storico, di seguito chiamato anche

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI 1 TITOLO I 3 Disposizioni Generali 3 Art. 1 3 Finalità 3 Art. 2 3 Obiettivi 3 Art. 3 3 Funzionamento del Regolamento del C.C.R. 3 TITOLO II 4 Il Consiglio

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi STATUTO Art. 1 Costituzione e scopi Il CLUB FORZA SILVIO..., costituito in data... ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile, è una associazione di cittadini che si propongono di sviluppare

Dettagli

Progetto di Regolamento del Circolo PD di Bruxelles

Progetto di Regolamento del Circolo PD di Bruxelles Progetto di Regolamento del Circolo PD di Bruxelles Approvato dall Assemblea del Circolo PD di Bruxelles il XXX PREAMBOLO Il presente Regolamento (in prosieguo: "Regolamento PD Bruxelles") ha per scopo

Dettagli

COMUNE DI LATERINA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI LATERINA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI LATERINA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 66 del 28.11.2015 1 INDICE Art. 1 PRINCIPI ISPIRATORI... 3 Art. 2 CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI...

Dettagli

Regolamento del Forum Comunale Giovani

Regolamento del Forum Comunale Giovani COMUNE DI CASTELVENERE Provincia di Benevento ------ Regolamento del Forum Comunale Giovani 1 INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9 - Art. 10 - Art. 11 -

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO DALMINE

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO DALMINE STATUTO DEL ART. 1 COSTITUZIONE ******* 1.1. E costituita un associazione senza scopo di lucro denominata. 1.2. L associazione è apartitica ed apolitica. 1.3. L associazione ha sede in DALMINE (BG), via

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS Art. 1 - DENOMINAZIONE SEDE DURATA E costituita una associazione di volontariato ai sensi della legge 11 agosto 1991 n. 266. L Associazione è denominata Casa

Dettagli

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Laterza Provincia di Taranto Regolamento comunale Istituzione Consiglio Comunale dei ragazzi Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.27 del 5 Giugno 2007 1 REGOLAMENTO COMUNALE ISTITUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE - Approvato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 28 aprile 1992 - Modificato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 29 aprile 1993 - Modificato dal Comitato

Dettagli

DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT

DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT COMUNE di BRUGHERIO Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 04/02/2005 Modificato con Deliberazione

Dettagli

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE. 2. L attività dell Associazione

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO Sommario ART. 1... 3 ART. 2... 3 ART. 3 - ATTRIBUZIONI... 3 ART. 4 - COMPOSIZIONE... 3 ART.

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede STATUTO DELLA FONDAZIONE Articolo 1 Denominazione e Sede La Fondazione di interesse collettivo denominata Fondazione San Bortolo O.N.L.U.S. è costituita ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE TITOLO I. DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1. Costituzione È costituita l Associazione denominata SLOW TIME. Essa avrà durata illimitata. L Associazione SLOW TIME è disciplinata dal

Dettagli

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.72 DEL 30DICEMBRE2014 REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D. L. 460/97 e della Legge 383/2000

Dettagli

TITOLO III. - LA STRUTTURA. 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad

TITOLO III. - LA STRUTTURA. 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad TITOLO III. - LA STRUTTURA a) L Assemblea Art. 14 Composizione 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad essa affi liate, che vi partecipano, con eguali

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata..

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata.. ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Denominata.. L anno (in lettere), il mese, il giorno. (in lettere), i Signori: 1. (Cognome, Nome, luogo e data di nascita, residenza, attività svolta

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI

COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Costituzione, sede e durata Il Comune di Iglesias attiva, ai sensi dell art. 11, dello Statuto, la Consulta

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di L E C C E REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 04-12-2014 1 PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento

Dettagli

L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore:

L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore: ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore: - RE DONATELLA, nata ad Arezzo il10/04/1970 e residente a M.Montemarciano

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di STATUTO COSTITUZIONE E SCOPI 1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di solidarietà e con durata illimitata,

Dettagli

Associazione di Volontariato ARCI 690.

Associazione di Volontariato ARCI 690. STATUTO Art 1 E costituita con sede in Cascina, presso i locali della Pubblica Assistenza, Via Comaschi, 46 un Associazione di Volontariato che assume la denominazione di Associazione di Volontariato ARCI

Dettagli

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N. 35 del 29.04.2010 1 INDICE ART. 1: Oggetto del regolamento ART. 2: Valorizzazione della partecipazione

Dettagli

CONSULTA DELLA CULTURA

CONSULTA DELLA CULTURA T/360/U14 STATUTO DELLA CONSULTA DELLA CULTURA DEL COMUNE DI GRANAROLO DELL EMILIA ************** Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 35 del 14 giugno 2000. Approvato dal Comitato Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Donatori di sangue liceo A.Vallisneri ART. 1- l Associazione di volontariato donatori di sangue liceo A.Vallisneri più avanti chiamata per brevità associazione,

Dettagli

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO Titolo I Denominazione, Funzionamento, Sede, Scopo, Durata Art. 1 - Denominazione Nell ambito dell Associazione Italiana Cultura Qualità

Dettagli

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato Il giorno, alle ore, nel Comune di Via n. con la presente scrittura privata si sono riuniti i sig.ri (1): per costituire l organizzazione

Dettagli

Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA

Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA Art. 1 Denominazione - Oggetto e scopi E costituita la associazione denominata Società Italiana di Diritto ed Economia - SIDE (Italian Society of Law and

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO Art. 1 - Istituzione della Consulta Ai sensi dell art. 80 dello Statuto Comunale e deliberazione del C.C. n 55 del 13/11/2008

Dettagli

STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE. Articolo 1 (Denominazione e sede)

STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE. Articolo 1 (Denominazione e sede) STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE Articolo 1 (Denominazione e sede) E costituita, ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n.383 e della legge regionale 6 dicembre 2012, n.42, l Associazione di Promozione Sociale

Dettagli