Bando FIPIT Settore Lapidei Annamaria Iotti Silvana Di Stefano Con.T.A.R.P.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bando FIPIT - 2014 Settore Lapidei Annamaria Iotti Silvana Di Stefano Con.T.A.R.P."

Transcript

1 Bologna, 7 ottobre 2014 Bando FIPIT Settore Lapidei Annamaria Iotti Silvana Di Stefano

2 FIPIT Settore Lapidei - Allegato 3 Codici ATECO (2007) aziende beneficiarie 05 - Estrazione di carbone (esclusa torba) 07 - Estrazione di minerali metalliferi 08 - Altre attività di estrazione di minerali da cave e miniere Taglio, modellatura e finitura di pietre 1

3 FIPIT Settore Lapidei - Allegato 3 Interventi finanziabili / 1 intervento riferimento d.lgs. 17/2010 macchine art.2, lett. a, punti 1, 2, 3, 4 * accessori sollevamento art. 2. lett. d *, ** * con marcatura CE ai sensi d.lgs. 17/2010 ** attenzione alle limitazioni imposte dal bando 2

4 FIPIT Settore Lapidei - Allegato 3 Interventi finanziabili / 2 Fino a 3 interventi tra: PUNTI macchina bagnatura/umidificazione 60 macchina aspirazione polveri 58 accessori sollevamento a ventosa alimentati 54 elettricamente o ad aria compressa macchina estrazione * 50 macchina lavorazione blocchi o lastra * 48 macchina lavorazione inerti * 30 * solo con sostituzione di analoga macchina non marcata CE 3

5 FIPIT Settore Lapidei - Allegato 3 Punteggi / 1 sezione parametro punti A costo 0,00-25,00 * B oggetto dell intervento C ambiente di lavoro 5-15 Punteggio massimo = 100 (maggiore punteggio per minor costo del progetto) * l applicativo calcola i punti alla seconda cifra decimale (formula contenuta nell Allegato 3) 4

6 FIPIT Settore Lapidei - Allegato 3 Punteggi / 2 Nel caso l azienda richieda più interventi (fino a 3) sezione parametro A costo complessivo B media punteggi alla seconda cifra decimale C 5

7 FIPIT Settore Lapidei - Allegato 3 Punteggi / 3 In caso di pari punteggio nell ultima posizione utile in graduatoria si adottano i seguenti criteri: minore età legale rappresentante minore fatturato possesso rating di legalità per le imprese con fatturato superiore a 2 milioni di euro 6

8 FIPIT Settore Lapidei - Allegato 3 In fase di domanda Documenti / 1 Documentazione art. 12 Bando: dichiarazione replicabilità (Ente bilaterale / Organismo paritetico) preventivo/i di spesa ev. documento identità intermediario Documentazione Allegato 3: listino prezzi / dichiarazione sostitutiva di atto notorio stralcio manuale d uso / pubblicazione dichiarazione venditore macchina non usata 7

9 FIPIT Settore Lapidei - Allegato 3 In rendicontazione Documenti / 2 Documentazione art. 19 Bando: fatture stralcio conto corrente bancario o postale dichiarazione de minimis Documentazione Allegato 3: dichiarazione conformità CE ev. certificazione rottamazione macchina sostituita 8

10 Aspetti particolari / FAQ FIPIT Settore Lapidei Macchine per bagnatura/umidificazione Macchine fisse o mobili la cui funzione è quella di ridurre la formazione di polveri mediante bagnatura o umidificazione: dei materiali sottoposti a lavorazione zone di transito dei mezzi in cave o miniere ambienti di lavoro P.es.: cannone nebulizzante mobile per cava nebulizzatore fisso 9

11 Aspetti particolari / FAQ FIPIT Settore Lapidei Macchine per aspirazione polveri Macchine fisse o mobili la cui funzione è quella di ridurre la formazione di polveri mediante aspirazione. P.es.: parete aspirante (anche a velo d acqua) banco aspirante aspiratore mobile 10

12 Aspetti particolari / FAQ Esempi: FIPIT Settore Lapidei Macchine per l estrazione escavatori e pale meccaniche, anche dotati di accessori per l estrazione (martelli pneumatici, ripper, tagliatrici, ecc.) martelli pneumatici e fioretti perforatrici per la realizzazione di fori guida per il filo diamantato tagliatrici a catena, seghe a filo diamantato 11

13 Aspetti particolari / FAQ FIPIT Settore Lapidei Macchine per la lavorazione di blocchi o lastre Esempi: macchine tagliablocchi telai multilama e monolama cubettatrici segatrici e fresatrici macchine waterjet lucidatrici e lucidacoste 12

14 Aspetti particolari / FAQ FIPIT Settore Lapidei Macchine per la lavorazione degli inerti Esempi: frantumatori (mulini, granulatori, ecc.) macchine per il lavaggio (lavatrici, sfangatrici, ecc.) vagli vibranti nastri trasportatori 13

15 Aspetti particolari / FAQ Ambiente di lavoro: FIPIT Settore Lapidei luogo nel quale si svolge la lavorazione e nel quale è previsto l utilizzo della macchina/accessorio di sollevamento richiesto 14

16 Aspetti particolari / FAQ FIPIT Settore Lapidei Ambiente di lavoro: In sotterraneo Al chiuso Al coperto All aperto Assenza di copertura Al di sotto della superficie del suolo o seminterrato Presenza di copertura e pareti laterali su tutti i lati Presenza di copertura e pareti laterali non su tutti i lati 15

17 Aspetti particolari / FAQ Macchina analoga: FIPIT Settore Lapidei macchina, già in possesso dell azienda, che presenti le funzioni della macchina oggetto dell intervento e per la quale si chiede il finanziamento N.B: la macchina da acquistare potrà avere funzioni aggiuntive rispetto alla macchina sostituita e prestazioni diverse (potenza, velocità di lavorazione, ecc.) 16

18 FIPIT Settore Lapidei Grazie! 17

Roma, 11 settembre 2014

Roma, 11 settembre 2014 Roma, 11 settembre 2014 Bando FIPIT per il sostegno al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, con particolare riferimento alla innovazione tecnologica in attuazione dell articolo

Dettagli

minidumper e pale caricatrici con massa operativa minore o uguale a 4500 kg eventualmente corredati di accessori per il sollevamento;

minidumper e pale caricatrici con massa operativa minore o uguale a 4500 kg eventualmente corredati di accessori per il sollevamento; FAQ INAIL Settore edilizia 1. Cosa deve contenere la Descrizione complessiva del progetto? Deve contenere la descrizione degli interventi (massimo tre) per cui si richiede il finanziamento in funzione

Dettagli

Riferimento giuridico: Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza (D.Lgs. n.81/2008 Art.11 comma 5)

Riferimento giuridico: Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza (D.Lgs. n.81/2008 Art.11 comma 5) Riferimento giuridico: Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza (D.Lgs. n.81/2008 Art.11 comma 5) FINALITA Con il Bando FIPIT l INAIL mette a disposizione 30 Milioni di euro al fine

Dettagli

Codici ATECO (2007) aziende beneficiarie

Codici ATECO (2007) aziende beneficiarie Bando FIPIT per il sostegno al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, con particolare riferimento alla innovazione tecnologica in attuazione dell articolo 11, comma 5, del d.lgs.

Dettagli

Settore Agricoltura (Allegato 1)

Settore Agricoltura (Allegato 1) Bologna, 7 ottobre 2014 Bando FIPIT per il sostegno al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, con particolare riferimento alla innovazione tecnologica in attuazione dell articolo

Dettagli

ESTRAZIONE DI GHIAIA, SABBIA; ESTRAZIONE DI ARGILLE E CAOLINO

ESTRAZIONE DI GHIAIA, SABBIA; ESTRAZIONE DI ARGILLE E CAOLINO STUDIO DI SETTORE WD04A ATTIVITÀ 08.11.00 ESTRAZIONE DI PIETRE ORNAMENTALI E DA COSTRUZIONE, CALCARE, PIETRA DA GESSO, CRETA E ARDESIA ATTIVITÀ 08.12.00 ESTRAZIONE DI GHIAIA, SABBIA; ESTRAZIONE DI ARGILLE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD04A ATTIVITÀ 08.12.00 ATTIVITÀ 08.99.09 ATTIVITÀ 09.90.01

STUDIO DI SETTORE UD04A ATTIVITÀ 08.12.00 ATTIVITÀ 08.99.09 ATTIVITÀ 09.90.01 STUDIO DI SETTORE UD04A ATTIVITÀ 08.11.00 ESTRAZIONE DI PIETRE ORNAMENTALI E DA COSTRUZIONE, CALCARE, PIETRA DA GESSO, CRETA E ARDESIA ATTIVITÀ 08.12.00 ESTRAZIONE DI GHIAIA, SABBIA; ESTRAZIONE DI ARGILLE

Dettagli

Portale Consulenti. Pagina 1/5. Bando Fipit FAQ. Amministratore, 28 settembre 2014

Portale Consulenti.  Pagina 1/5. Bando Fipit FAQ. Amministratore, 28 settembre 2014 Pagina 1/5 Bando Fipit FAQ Amministratore, 28 settembre 2014 Bando Fipit FAQ l'inail mette a disposizione 30 milioni di euro Con il bando Fipit, l'inail mette a disposizione 30 milioni di euro, suddivisi

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 ESTRAZIONE GAS, PETROLIO, CARBONE, MINERALI E LAVORAZIONE PIETRE Processo Sequenza di processo Area

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DALLE POLVERI PRODOTTE DURANTE LA LAVORAZIONE LAPIDEI (pietre naturali e/o artificiali)

LISTA DI CONTROLLO DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DALLE POLVERI PRODOTTE DURANTE LA LAVORAZIONE LAPIDEI (pietre naturali e/o artificiali) GRUPPO ESP SIZIONE SILICE emilia romagna LISTA DI CONTROLLO DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DALLE POLVERI PRODOTTE DURANTE LA LAVORAZIONE LAPIDEI (pietre naturali e/o artificiali) Azienda : Indirizzo

Dettagli

FAC SIMILE documento riepilogativo MODULO DI DOMANDA - SETTORE EDILIZIA DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE:

FAC SIMILE documento riepilogativo MODULO DI DOMANDA - SETTORE EDILIZIA DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE: CODICE DOMANDA BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL INNOVAZIONE TECNOLOGICA in attuazione dell articolo 11, comma 5,

Dettagli

Allegato 3: Sostituzione/adeguamento di attrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21 settembre 1996 ALTO ADIGE

Allegato 3: Sostituzione/adeguamento di attrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21 settembre 1996 ALTO ADIGE CONTENUTI DEL PRESENTE DOCUMENTO Per i progetti di: 1. sostituzione di attrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21 settembre 1996 con attrezzature rispondenti ai requisiti di cui al Titolo

Dettagli

Derrick - macchine e apparecchi di sollevamento e movimentazione (28.22.02)

Derrick - macchine e apparecchi di sollevamento e movimentazione (28.22.02) Allegato 1 MACCHINARI SPECIFICI DI CANTIERE Elenco alfabetico dei macchinari compresi nella divisione 28 ATECO 2007 Apripista: - macchine movimento terra (28.92.09) Rientrano in tale voce: Dozer gommato,

Dettagli

Roma, 11 settembre 2014

Roma, 11 settembre 2014 Roma, 11 settembre 2014 Bando FIPIT per il sostegno al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, con particolare riferimento alla innovazione tecnologica in attuazione dell articolo

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD04B ATTIVITÀ 23.70.30 SEGAGIONE E LAVORAZIONE DELLE PIETRE E DEL MARMO

STUDIO DI SETTORE UD04B ATTIVITÀ 23.70.30 SEGAGIONE E LAVORAZIONE DELLE PIETRE E DEL MARMO STUDIO DI SETTORE UD04B ATTIVITÀ 23.70.10 SEGAGIONE E LAVORAZIONE DELLE PIETRE E DEL MARMO ATTIVITÀ 23.70.20 LAVORAZIONE ARTISTICA DEL MARMO E DI ALTRE PIETRE AFFINI, LAVORI IN MOSAICO ATTIVITÀ 23.70.30

Dettagli

UNICO 2014. Modello VD04A. ntrate. genzia. Studio di settore (4) Imprese. QUADRO A Personale addetto all attività

UNICO 2014. Modello VD04A. ntrate. genzia. Studio di settore (4) Imprese. QUADRO A Personale addetto all attività 04 08..00 - Estrazione di pietre ornamentali e da costruzione, calcare, pietra da gesso, creta e ardesia 08..00 - Estrazione di ghiaia, sabbia; estrazione di argille e caolino 08.99.09 - Estrazione di

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA

BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA in attuazione dell articolo 11, comma 5, del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA

BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA in attuazione dell articolo 11, comma 5, del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

15/01/ Bando Inail (Fipit) - Agricoltura, edilizia, estrazione e lavorazione dei materiali lapidei

15/01/ Bando Inail (Fipit) - Agricoltura, edilizia, estrazione e lavorazione dei materiali lapidei I.N.A.I.L. (Bando Fipit) BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA (agricoltura, edilizia, estrazione

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI Prot. Generale N. 0064577 / 2013 Atto N. 2675 OGGETTO: AUTORIZZAZIONE ALLA GESTIONE

Dettagli

FAC SIMILE documento riepilogativo MODULO DI DOMANDA - SETTORE ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DEI MATERIALI LAPIDEI

FAC SIMILE documento riepilogativo MODULO DI DOMANDA - SETTORE ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DEI MATERIALI LAPIDEI CODICE DOMANDA BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL INNOVAZIONE TECNOLOGICA in attuazione dell articolo 11, comma 5,

Dettagli

DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA AMBIENTE VI BANDO Anno 2011

DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA AMBIENTE VI BANDO Anno 2011 DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA AMBIENTE VI BANDO Anno 2011 1 - OGGETTO Il Comune di Capannori concede incentivi per: - acquisto di veicoli a basso

Dettagli

NETWORK ITALIANO SILICE

NETWORK ITALIANO SILICE NETWORK ITALIANO SILICE (COORDINAMENTO REGIONI ISPESL ISS INAIL) MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER RIDURRE L ESPOSIZIONE A POLVERI CONTENENTI SILICE LIBERA CRISTALLINA COMPARTO LAPIDEO Relazione conclusiva

Dettagli

ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010

ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010 ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010 Perché parlare di Silice Libera Cristallina (SLC)? Presenza estremamente comune in natura Ampio utilizzo di materiali

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 ESTRAZIONE GAS, PETROLIO, CARBONE, MINERALI E LAVORAZIONE PIETRE Processo Coltivazione di cave e miniere

Dettagli

Finanziamenti INAIL alle imprese BANDO ISI 2013

Finanziamenti INAIL alle imprese BANDO ISI 2013 F i n a n z i a m e n t i I N A I L B A N D O I S I 2 0 1 3 P a g. 1 Finanziamenti INAIL alle imprese BANDO ISI 2013 Incentivi in conto capitale alle imprese per la realizzazione di interventi in materia

Dettagli

Abbattimento di rocce ed estrazione di sabbia e ghiaia. Opuscolo tecnico

Abbattimento di rocce ed estrazione di sabbia e ghiaia. Opuscolo tecnico Abbattimento di rocce ed estrazione di sabbia e ghiaia Opuscolo tecnico Sommario 1 Campo di applicazione........................................ 3 2 efinizioni..................................................

Dettagli

REPORT BANDI ISI IN SICILIA: ASPETTI TECNICI

REPORT BANDI ISI IN SICILIA: ASPETTI TECNICI REPORT BANDI ISI IN SICILIA: ASPETTI TECNICI ing. Eugenio Davì - Coordinatore della CON.T.A.R.P. (Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione) I.N.A.I.L. - D.R. Sicilia Il presente REPORT sugli

Dettagli

4.3) Requisiti tecnico costruttivi e gestionali dei impianti utilizzati per la produzione di calcestruzzo.

4.3) Requisiti tecnico costruttivi e gestionali dei impianti utilizzati per la produzione di calcestruzzo. 4.3) Requisiti tecnico costruttivi e gestionali dei impianti utilizzati per la produzione di calcestruzzo. 1) FASI LAVORATIVE Gli impianti per la produzione di calcestruzzo sono autorizzati allo svolgimento

Dettagli

Liste di controllo Suva per l'individuazione del rischio e la pianificazione delle misure.

Liste di controllo Suva per l'individuazione del rischio e la pianificazione delle misure. Liste di controllo Suva per l'individuazione del rischio e la pianificazione delle misure. (agosto 2004) Gruppi mirati: Internet: le nostre liste di controllo sono uno strumento utile per i superiori e

Dettagli

Nuovi incentivi ISI INAIL

Nuovi incentivi ISI INAIL Per una migliore qualità della vita Nuovi incentivi ISI INAIL IL BANDO ISI INAIL 2014 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2015 FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 Il bando ISI INAIL 2014

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA ALL'ATTIVITA' DI TRATTAMENTO, STOCCAGGIO E MOVIMENTAZIONE DI MATERIALI INERTI POLVERULENTI NON PERICOLOSI.

Dettagli

più alternative proposte: barrare l alternativa presentata in questa scheda alternativa A alternativa B alternativa C alternativa D alternativa E

più alternative proposte: barrare l alternativa presentata in questa scheda alternativa A alternativa B alternativa C alternativa D alternativa E (da compilarsi a cura della ditta concorrente) TIPOLOGIA DI APPARECCHIATURA RICHIESTA: VITRECTOMO Quantità di apparecchiature identiche richieste all interno del lotto in questione: 1 proposta unica più

Dettagli

Allegato 3 (A) Informazioni relative agli spazi destinati ad ospitare il sistema SLM e linee guida per la stesura del Progetto di layout dell impianto

Allegato 3 (A) Informazioni relative agli spazi destinati ad ospitare il sistema SLM e linee guida per la stesura del Progetto di layout dell impianto Allegato 3 (A) Informazioni relative agli spazi destinati ad ospitare il sistema SLM e linee guida per la stesura del Progetto di layout dell impianto Si richiede la stesura di una progetto di massima

Dettagli

Attività che comportano un rischio basso

Attività che comportano un rischio basso MODULO INFORMATIVO 1 Cemento-amianto Davanzale Lastre ondulate (tetti e pareti) Lastre per facciate Tubi Pannelli per quadri elettrici Tegole Attività che comportano un rischio basso Salita/discesa di

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 08 Gennaio 2014 BANDO INAIL ISI 2013 Incentivi alle imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro. OBIETTIVO

Dettagli

L elenco della documentazione da inviare alla Sede INAIL in fase di completamento della domanda (COLONNA 2)

L elenco della documentazione da inviare alla Sede INAIL in fase di completamento della domanda (COLONNA 2) CONTENUTI DEL PRESENTE DOCUMENTO Questo documento raccoglie in quadro sinottico: L elenco della documentazione da inviare alla Sede INAIL in fase di completamento della domanda (COLONNA ) I parametri per

Dettagli

Allegato 1: Progetti di investimento IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI

Allegato 1: Progetti di investimento IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI Allegato 1: Progetti di investimento IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI Nel presente allegato sono definiti per gli interventi di Tipologia 1 -

Dettagli

Powertools TRAPANI ELETTRICI MARTELLI PNEUMATICI UTENSILI ELETTRICI

Powertools TRAPANI ELETTRICI MARTELLI PNEUMATICI UTENSILI ELETTRICI TRAPANI ELETTRICI Fig. C5.007 Mandrino mm. 13 Regolazione elettronica della velocità Asta regolazione profondità foro Fig. C5.015 Impugnatura soft grip supplementare orientabile Pulsante per funzionamento

Dettagli

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI REGIONE TOSCANA - INCENTIVI ALLE PMI PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI BENEFICIARI PMI in forma singola o associata, aventi sede o unità locale destinataria

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

COMUNE DI PORTOFERRAIO PROVINCIA DI LIVORNO. SALES S.p.A.

COMUNE DI PORTOFERRAIO PROVINCIA DI LIVORNO. SALES S.p.A. COMUNE DI PORTOFERRAIO PROVINCIA DI LIVORNO SALES S.p.A. RELAZIONE TECNICA SU EMISSIONI LOCALIZZATE E DIFFUSE NONCHE MODALITA E CRITERI DI BAGNATURA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI CUMULI, PIAZZALI E STRADE

Dettagli

INTERVENTI FINANZIABILI E AGEVOLAZIONE

INTERVENTI FINANZIABILI E AGEVOLAZIONE BANDO POR Mis. 1.1.4._ Bando 2010 Diffusione di servizi di consulenza esterna a sostegno delle PMI finalizzati al processo evolutivo aziendale e alla continuità d impresa Pubblicato sul BUR della Regione

Dettagli

[MACCHINARI LAVORAZIONE

[MACCHINARI LAVORAZIONE ANETRINI S.R.L. Zona Ind. Loc. Capannelle 01030 Carbognano (VT) Part. IVA e Codice Fiscale: 01955020563 Tel./ Fax. 0761613882 Cell. 3939121419 Sito internet : www.anetrini.com E-mail : info@anetrini.it

Dettagli

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Chi può finanziare Unifidi? Tutte le PMI imprese iscritte alla CCIAA Artigianato

Dettagli

BANDO INAIL ISI 2013

BANDO INAIL ISI 2013 BANDO INAIL ISI 2013 Incontro informativo organizzato da Confartigianato Asolo Montebelluna ASPETTI OPERATIVI PER LA PARTECIPAZIONE Ing. Ivano Alessio Finalità del bando Obiettivo di incentivare le imprese

Dettagli

Tabella A/1 Vibrazioni al sistema mano-braccio. Valutazioni senza misurazioni Attrezzature portatili o trasportabili

Tabella A/1 Vibrazioni al sistema mano-braccio. Valutazioni senza misurazioni Attrezzature portatili o trasportabili Tabella A/1 Vibrazioni al sistema mano-braccio. Valutazioni senza misurazioni 16 7 X/Y Avvitatrici pneumatiche Bussola per dadi 28662-7 13 28 17 X Bocciardatrici pneumatiche o martelli pneumatici scalpellatori

Dettagli

Allegato 3: Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto

Allegato 3: Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto Allegato 3: Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI Nel presente allegato sono definiti per gli

Dettagli

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE già operante in Procedura di Comunicazione ex art.

Dettagli

La Valutazione del Rischio da Polveri e Silice Libera Cristallina in Edilizia

La Valutazione del Rischio da Polveri e Silice Libera Cristallina in Edilizia La Valutazione del Rischio da Polveri e Silice Libera Cristallina in Edilizia Piacenza 30 Maggio 2007 A cura di Anna Bosi, Giorgio Passera e Claudio Arcari Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL di Piacenza

Dettagli

Scheda 7 MATERIALI E MEZZI IMPRESE PRIVATE MOVIMENTO TERRA

Scheda 7 MATERIALI E MEZZI IMPRESE PRIVATE MOVIMENTO TERRA Scheda 7 MATERIALI E IMPRESE PRIVATE MOVIMENTO TERRA Ditta Sede Telefono - fax Referente Cell. e-mail All Service Via Umberto I 82 0921/422978 Domenico Di Fatta 3805339258 ID1 TIPOLOGIA SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

Azienda Certificata DASA-RAEGISTER EN ISO 9001:2008 IQ-0707-20 POMPE - COMPRESSORI - GRUPPI ELETROGENI PIATTAFORME TELESCOPICHE - GRU A TORRE

Azienda Certificata DASA-RAEGISTER EN ISO 9001:2008 IQ-0707-20 POMPE - COMPRESSORI - GRUPPI ELETROGENI PIATTAFORME TELESCOPICHE - GRU A TORRE Azienda Certificata DASA-RAEGISTER EN ISO 9001:2008 IQ-0707-20 POMPE - COMPRESSORI - GRUPPI ELETROGENI PIATTAFORME TELESCOPICHE - GRU A TORRE CARICATORI GOMMATI - MINIESCAVATORI - RULLI VIBRANTI RECINZIONI

Dettagli

PROGRAMMA DI FORNITURA

PROGRAMMA DI FORNITURA PROGRAMMA DI FORNITURA Pezzi di avvio di grossa dimensione e componenti con pareti ad elevato spessore, fibre, film in pacchi, rimanenze di cavi La serie è versatile e particolarmente adatta a grandi prestazioni.

Dettagli

NUOVO BANDO EFFICIENZA ENERGETICA

NUOVO BANDO EFFICIENZA ENERGETICA NUOVO BANDO EFFICIENZA ENERGETICA Premessa Obiettivo del documento è illustrare la procedura informatica di registrazione, compilazione e presentazione delle domande di agevolazione di cui al decreto del

Dettagli

IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI SITO IN BARLETTA BAT- VIA REGINA MARGHERITA, (PV NI010613) RIMOZIONE IMPIANTO RELAZIONE TECNICA

IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI SITO IN BARLETTA BAT- VIA REGINA MARGHERITA, (PV NI010613) RIMOZIONE IMPIANTO RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI SITO IN BARLETTA BAT- VIA REGINA MARGHERITA, (PV NI010613) RIMOZIONE IMPIANTO RELAZIONE TECNICA INDICE 1. OGGETTO... 3 2. MOTIVAZIONE... 3 3. DESCRIZIONE DELL'ATTIVITÀ...

Dettagli

Allegato 1: Progetti di investimento IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI

Allegato 1: Progetti di investimento IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI Allegato 1: Progetti di investimento IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI Nel presente allegato sono definiti per gli interventi di Tipologia 1 -

Dettagli

SISTEMA DI ABBATTIMENTO POLVERI BREVETTATO

SISTEMA DI ABBATTIMENTO POLVERI BREVETTATO SISTEMA DI ABBATTIMENTO POLVERI BREVETTATO PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Esistono diverse tecniche di abbattimento delle polveri applicabili sugli impianti di frantumazione. La più frequente è quella dell

Dettagli

COMUNE di ROCCAVIONE

COMUNE di ROCCAVIONE REGIONE PIEMONTE COMUNE di ROCCAVIONE PROVINCIA di CUNEO AUA Autorizzazione Unica Ambientale ai sensi e per gli effetti del D.P.R. 13 marzo 2013 n.59 TITOLO: Procedimento di Verifica Impatto Ambientale

Dettagli

CD-Rom MACCHINE SICURE - FILERA LEGNO

CD-Rom MACCHINE SICURE - FILERA LEGNO CD-Rom MACCHINE SICURE - FILERA LEGNO UNI EN 1366-5:2005 Prove di resistenza al fuoco per impianti di fornitura servizi - Parte 5: Canalizzazioni di servizio e cavedi UNI EN 1870-11:2005 Sicurezza delle

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA PROMOZIONE D ELLA GR EEN EC ON OM Y AN N O 2011

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA PROMOZIONE D ELLA GR EEN EC ON OM Y AN N O 2011 BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA PROMOZIONE D ELLA GR EEN EC ON OM Y AN N O 2011 MODULO DI DOMANDA All Azienda Speciale SEI della Camera di Commercio di Isernia C.so Risorgimento, 302 86170

Dettagli

BANDO GIOVENTÙ ESPLOSIVA Torino 2010 Capitale Europea dei Giovani. La mia associazione può presentare 2 progetti come soggetto proponente?

BANDO GIOVENTÙ ESPLOSIVA Torino 2010 Capitale Europea dei Giovani. La mia associazione può presentare 2 progetti come soggetto proponente? BANDO GIOVENTÙ ESPLOSIVA Torino 2010 Capitale Europea dei Giovani F.A.Q. La mia associazione può presentare 2 progetti come soggetto proponente? Sì, purché i progetti appartengano a due aree tematiche

Dettagli

ALLEGATO V. Parte I. 1. Disposizioni generali

ALLEGATO V. Parte I. 1. Disposizioni generali ALLEGATO V Parte I Emissioni di polveri provenienti da attività di produzione, manipolazione, trasporto, carico, scarico o stoccaggio di materiali polverulenti. 1. Disposizioni generali 1.1. Nei casi in

Dettagli

Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio

Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio Nel presente documento si riporta un riepilogo degli adempimenti richiesti dal Bando ISI-INAIL della Regione Lazio per poter accedere ai contributi

Dettagli

GYSLINER GYSLINER 35.02 GYSLINER 35.04 INDICE

GYSLINER GYSLINER 35.02 GYSLINER 35.04 INDICE MANUALE D ISTRUZIONI GYSLINER GYSLINER 35.02 GYSLINER 35.04 INDICE MONTAGGIO... 2 COMPOSIZIONE... 3 LEVE E BARRE PER RADDRIZZARE... 3 Scelta della barra o della leva... 3 Scelta del giusto procedimento

Dettagli

INAIL AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

INAIL AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (art. 11 comma 5 dei D.lgs 81/2008 e 106/2009) Luigi Trimarchi Dir. Reg.

Dettagli

PROFESSIONALITA A PREZZI ECCEZIONALI

PROFESSIONALITA A PREZZI ECCEZIONALI LABOR SECURITY SRL PROFESSIONALITA A PREZZI ECCEZIONALI Sede Operativa: Viale Sacco e Vanzetti, 141 00155 Roma Tel. 06-83608632 Fax.06-83608634 E-mail: info@laborsecurity.it www.laborsecurity.it OGGETTO:

Dettagli

Questo documento raccoglie in quadro sinottico, a seconda delle caratteristiche del progetto presentato (COLONNA 1):

Questo documento raccoglie in quadro sinottico, a seconda delle caratteristiche del progetto presentato (COLONNA 1): CONTENUTI DEL PRESENTE DOCUMENTO Questo documento raccoglie in quadro sinottico, a seconda delle caratteristiche del progetto presentato (COLONNA 1): l elenco della documentazione da inviare alla Sede

Dettagli

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE 1. Domanda: Con quale modalità sarà possibile ottenere chiarimenti in merito alle procedure di attuazione e rendicontazione dei progetti cofinanziati?

Dettagli

Codice : CTC36LI-ON Codice a barre : 5411074120856 Prezzo : 24,00. Caratteristiche :

Codice : CTC36LI-ON Codice a barre : 5411074120856 Prezzo : 24,00. Caratteristiche : CTC36LI-ON Cacciavite a batteria ricaricabile Potenza : 3,6 V Velocità a vuoto : 180 giri al minuto Batteria al LITIO 1300 ma/h Avvita e svita Fornito con LED per illuminare la zona di lavoro + caricatore

Dettagli

ALLEGATO C al bando di gara per il servizio di tesoreria comunale

ALLEGATO C al bando di gara per il servizio di tesoreria comunale ALLEGATO C al bando di gara per il servizio di tesoreria comunale AL COMUNE DI SPERLONGA PIAZZA EUROPA N. 1 04029 SPERLONGA (LT) OGGETTO: Offerta per il servizio di Tesoreria Comunale periodo 01/01/2016

Dettagli

GAVARINI LOCAZIONI S.r.l. Via A. Einstein, 79 - Zona Ind.le Molinaccio Ponte S. Giovanni (PERUGIA) Tel. (+39) 075.39.51.72 - Fax (+39) 075.39.78.

GAVARINI LOCAZIONI S.r.l. Via A. Einstein, 79 - Zona Ind.le Molinaccio Ponte S. Giovanni (PERUGIA) Tel. (+39) 075.39.51.72 - Fax (+39) 075.39.78. GAVARINI LOCAZIONI S.r.l. Via A. Einstein, 79 - Zona Ind.le Molinaccio Ponte S. Giovanni (PERUGIA) Tel. (+39) 075.39.51.72 - Fax (+39) 075.39.78.88 Via Pasteur, 14/16 - Zona Ind.le Pratacci - AREZZO -

Dettagli

L essenziale in breve

L essenziale in breve L essenziale in breve La presente edizione aggiornata completa quella del 2011. Inoltre i valori costanti sono stati adattati: Riduzione del tasso d interesse al 4% (finora 6%) Aumento dei costi di stazionamento

Dettagli

braccio in trave a sbalzo

braccio in trave a sbalzo Gru a bandiera nuovi modelli ventose per marmo es.gru a colonna es. gru con 2 bracci es. gru a mensola Le gru a bandiera a rotazione manuale ed elettrica sia in versione "a colonna" che in versione "a

Dettagli

FINE. di Raspadori Martino Nicola e Znati Nadia. 4A/TIM I.P.I.A. F.Alberghetti

FINE. di Raspadori Martino Nicola e Znati Nadia. 4A/TIM I.P.I.A. F.Alberghetti di Raspadori Martino Nicola e Znati Nadia 4A/TIM I.P.I.A. F.Alberghetti Abbiamo pensato di sviluppare il progetto d impresa di uno studio tecnico. Questo studio progetta particolari per macchine utensili

Dettagli

DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA

DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA Art. 1 Denominazione Il marchio Marmo di Carrara con le sottodenominazioni alternativamente inscindibili Estratto nel Distretto di Carrara o Estratto e lavorato nel Distretto

Dettagli

CONTRIBUTO BUONI PASTO MENSE SCOLASTICHE

CONTRIBUTO BUONI PASTO MENSE SCOLASTICHE CONTRIBUTO BUONI PASTO MENSE SCOLASTICHE ********************************** Bando per l attribuzione di vouchers per l acquisto di buoni pasto nelle mense scolastiche delle Scuole Primarie della Provincia

Dettagli

Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Interventi ammissibili

Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Interventi ammissibili BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO FINALIZZATI ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI BONIFICA, RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA MANUFATTI, FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI SUL TERRITORIO

Dettagli

Allegato 2: Progetti per l adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale

Allegato 2: Progetti per l adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale Allegato : Progetti per l adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI Nel presente allegato

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE RIATTIVAZIONE DELLA CAVA DI PIETRA ORNAMENTALE DENOMINATA PONTE A COSCE

PROGETTO PRELIMINARE RIATTIVAZIONE DELLA CAVA DI PIETRA ORNAMENTALE DENOMINATA PONTE A COSCE RICHIEDENTE: EFFEDUE SRL OGGETTO: PROGETTO PRELIMINARE RIATTIVAZIONE DELLA CAVA DI PIETRA ORNAMENTALE DENOMINATA PONTE A COSCE PROGETTISTI: dott. geol. Iacopo Parenti (coltivazione e geologia) dott. for.

Dettagli

MEZZI DI TRASPORTO PER I SOLIDI

MEZZI DI TRASPORTO PER I SOLIDI Generalità dei materiali solidi MEZZI DI TRASPORTO PER I SOLIDI Tecnologie chimiche 07:26 Prof.ssa Silvia Recchia! conoscenza delle caratteristiche peculiari come:! durezza! friabilità! adesività! punto

Dettagli

Con Clean aria pulita da polveri: Mod. CAP 150.60

Con Clean aria pulita da polveri: Mod. CAP 150.60 Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo. Con Clean aria pulita da polveri: Mod. CAP 150.60 Gruppo electtrogeno 30 kva - 24 kw: Silenziato. 400 V 50 HZ Cannone abbattimento polveri. Silenziato:.

Dettagli

INAIL : Meccanismi incentivanti disponibili per le imprese virtuose rispetto alla sicurezza e prevenzione nel luogo di lavoro

INAIL : Meccanismi incentivanti disponibili per le imprese virtuose rispetto alla sicurezza e prevenzione nel luogo di lavoro INAIL : Meccanismi incentivanti disponibili per le imprese virtuose rispetto alla sicurezza e prevenzione nel luogo di lavoro Reggio Emilia, 15 gennaio 2015 Dott.ssa Sandra Berselli Responsabile Processo

Dettagli

Reggio Emilia, 15 ottobre 2008. Andrea Pappacena Servizio Politiche Industriali

Reggio Emilia, 15 ottobre 2008. Andrea Pappacena Servizio Politiche Industriali MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DI PROGETTI INNOVATIVI NEL CAMPO DELLE TECNOLOGIE ENERGETICO-AMBIENTALI VOLTI AL RISPARMIO ENERGETICO E ALL UTILIZZO DELLE FONTI RINNOVABILI

Dettagli

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Montichiari, 14 Settembre 2007 Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Ing., Amministratore Delegato Il Car-Fluff

Dettagli

impianti e accessori di sollevamento macchine per lavorazione lamiera prodotti per impianti industriali

impianti e accessori di sollevamento macchine per lavorazione lamiera prodotti per impianti industriali impianti e accessori di sollevamento macchine per lavorazione lamiera prodotti per impianti industriali divisione sollevamento La Cecchini Service offre alla propria clientela una completa gamma di prodotti

Dettagli

OGGETTO: Modalità consulenza gratuita per l ottenimento dei finanziamenti INAIL ISI 2015

OGGETTO: Modalità consulenza gratuita per l ottenimento dei finanziamenti INAIL ISI 2015 OGGETTO: Modalità consulenza gratuita per l ottenimento dei finanziamenti INAIL ISI 2015 Buongiorno, in riferimento alla partecipazione al Bando Inail Isi per l erogazione dei contributi a fondo perduto

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 5 Analisi E.01.10.10.a Scavo di pulizia generale eseguito con mezzi meccanici in terreno di qualsiasi natura e consistenza fino alla profondità di m 0.4, compresa l'estirpazione d'erbe, arbusti e radici,

Dettagli

COSTRUZIONI BERGAMASCO S.R.L. IMPIANTO DI POLVERIZZAZIONE D1400

COSTRUZIONI BERGAMASCO S.R.L. IMPIANTO DI POLVERIZZAZIONE D1400 IMPIANTO DI POLVERIZZAZIONE D1400 DESCRIZIONE L'impianto di polverizzatore RUBER SELECTY D1400 si pone all avanguardia dei sistemi basati sulla macinazione ad urto del prodotto ed è il frutto della pluridecennale

Dettagli

Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo

Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo Mod. Clean CAP 100.50 Cannone abbattimento polveri. Serbatoi di accumulo acqua in PE con accessori. Quadro elettrico con comando a distanza. Gruppo

Dettagli

SARTORELLO ESCAVAZIONI S.R.L.

SARTORELLO ESCAVAZIONI S.R.L. Centro Analliisii Chiimiiche S.r.ll. Analisi chimiche, microbiologiche e ambientali Via Avogadro, 23 35030 RUBANO (PADOVA) ITALY - Tel. 049 631746 Fax 049 8975477 E-mail: info@centroanalisichimiche.it

Dettagli

Per poter cose costruire nuove ABBRUCHARBEITEN Demolizione Brillamento Smontaggio Risanamento Smaltimento Dal 1938, noi alla Liesegang siamo specializzati nello smantellamento e smontaggio di installazioni

Dettagli

MODELLO A/1. 1. Numero degli occupati alla fine di ciascun trimestre 3. Spese per il personale dipendente. Operai e apprendisti.

MODELLO A/1. 1. Numero degli occupati alla fine di ciascun trimestre 3. Spese per il personale dipendente. Operai e apprendisti. MODELLO A/1 COMUNE PROVINCIA MI ANNO 2014 TITOLARE AUTORIZZAZIONE SEDE NATURA DEL MATERIALE SIGLA CAVA 1. SEZIONE A - OCCUPAZIONE, ORE DI LAVORO, SPESE DEL PERSONALE 1. Numero degli occupati alla fine

Dettagli

ALLEGATO 2/trastrad (trasporto stradale in genere escluso merci conto terzi) (26)

ALLEGATO 2/trastrad (trasporto stradale in genere escluso merci conto terzi) (26) REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente Posizione di Funzione Tutela delle risorse ambientali ALLEGATO 2/trastrad (trasporto stradale in genere escluso merci conto terzi) (26) Sono

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 ESTRAZIONE GAS, PETROLIO, CARBONE, MINERALI E LAVORAZIONE

Dettagli

Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo.

Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo. Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo. Con Clean aria pulita da polveri: Gruppo electtrogeno 250 kva - 200 kw: Silenziato. 400 V 50 HZ Quadro elettrico con comando a distanza: Avviamento

Dettagli

MAGAZZINO - MATERIALE USATO

MAGAZZINO - MATERIALE USATO MAGAZZINO - MATERIALE n IMPIANTO DI CHIARIFICA DELLE ACQUE CARICHE mod. IC 60 GARD/VR marca "COMEC" con CHIARIFICATORE diam. 6 mt - completo di impianto elettrico e Accessori (vasca acque chiare - preparatore

Dettagli

Contributi CCIAA di Prato per realizzazione check up energetici. Prato, 21 gennaio 2014 20/01/2014 1

Contributi CCIAA di Prato per realizzazione check up energetici. Prato, 21 gennaio 2014 20/01/2014 1 Contributi CCIAA di Prato per realizzazione check up energetici Prato, 21 gennaio 2014 20/01/2014 1 Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione di check up energetici anno

Dettagli

impianto mobile di frantumazione secondaria e terziaria

impianto mobile di frantumazione secondaria e terziaria I M F 1 3 2 impianto mobile di frantumazione secondaria e terziaria il cuore: mulino master frantuma tutti gli inerti di tipo alluvionale e calcareo, ghiaie, ciottoli e pietrischi naturali o prefrantumati

Dettagli

Smaltatura dei materiali ceramici, identificazione delle macchine e degli insiemi presenti

Smaltatura dei materiali ceramici, identificazione delle macchine e degli insiemi presenti Smaltatura dei materiali ceramici, identificazione delle macchine e degli insiemi presenti Indicazioni tecniche approvate dal Gruppo di lavoro regionale per la prevenzione infortuni sul lavoro nel comparto

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli