COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA. OGGETTO: Integrazioni e modificazioni al Regolamento comunale per i servizi funebri e cimiteriali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA. OGGETTO: Integrazioni e modificazioni al Regolamento comunale per i servizi funebri e cimiteriali"

Transcript

1 COPIA Deliberazione Consiglio Comunale N. 4 del COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Integrazioni e modificazioni al Regolamento comunale per i servizi funebri e cimiteriali L anno duemilaquattordici il giorno cinque del mese di febbraio alle ore 20:30, nella sala delle adunanze consiliari, convocato dal Sindaco con avvisi scritti, notificati a ciascun consigliere, si è riunito il consiglio Comunale in seduta pubblica Fatto l appello nominale risultano: ALUNNI PROIETTI MASSIMO Presente LAGETTI MASSIMO Presente CHIODINI GIACOMO Presente TABORCHI LUCIANO Presente BALDONI IVO Presente PAPARELLI MONICA Presente ORECCHINI GIULIANA Presente SORDI GIANCARLA Presente MAGHINI ELEONORA Presente CONTINI LANDO Presente MICCIO FABRIZIO Presente ANNETTI NAZARENO Presente MONTANELLI SAURO Presente OLLIERI MASSIMO Presente CARROZZA GIULIANO Presente MENCONI MARCO Presente RUBECA FRANCESCO Presente BIZZARRI STEFANO Presente ALVISI GIORGIO Presente PIETROPAOLI ELISA Presente TUFO CRISTINA Presente Assume la presidenza il SINDACO MASSIMO ALUNNI PROIETTI nella sua qualità di Presidente del Consiglio. Partecipa alla seduta il Segretario LUIGI LEPORE. Vengono nominati scrutatori i Signori: GIANCARLA SORDI MASSIMO OLLIERI FRANCESCO RUBECA (min.) E il Presidente, riconosciuta legale l adunanza, invita il Consiglio a trattare l argomento iscritto all O.D.G. Pag. 1

2 COPIA Deliberazione Consiglio Comunale N. 4 del OGGETTO: Integrazioni e modificazioni al Regolamento comunale per i servizi funebri e cimiteriali Il Sindaco Presidente nel procedere alla trattazione dell argomento iscritto all O.d.g. illustra la seguente proposta di delibera. RICHIAMATI: il D.P.R. 396/2000 Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello stato civile, a norma dell'articolo 2, comma 12, della L. 15 maggio 1997, n. 127; il D.P.R. 285/1990 Approvazione del regolamento di polizia mortuaria; Dato atto che la proposta di deliberazione è stata istruita dal Responsabile dell Area Attività Produttive e culturali e dal Responsabile dell Area Segreteria generale con l assistenza e la consulenza giuridica del Segretario Generale; Acquisito il parere di regolarità tecnica di cui all art. 49, c.1, D.Lgs. n.267/2000, espresso in termini positivi sulla predetta proposta dal Responsabile dell Area Attività Produttive e culturali e dal Responsabile dell Area Segreteria generale; Dato atto che non viene richiesto il parere di regolarità contabile in conformità a quanto statuito dall'art.49, c.1, D. Lgs. n.267/2000 in quanto la proposta non esplica effetti diretti o indiretti sulla situazione economicofinanziaria e sul patrimonio dell ente; PREMESSO CHE: Alla luce dell esperienza applicativa del vigente regolamento comunale per i servizi funebri e cimiteriali, adottato con deliberazione consiliare n. 22 del 26/02/1999, è emersa l esigenza di apportarvi modificazioni ed integrazioni dal punto di vista operativo nonché per adeguarlo alla vigente normativa; Tali modificazioni ed integrazioni sono state elaborate dal Responsabile dell Area Attività Produttive e culturali e dal Responsabile dell Area Segreteria generale con l assistenza e la consulenza giuridica del Segretario Generale e vengono di seguito illustrate e precisate: l articolo 2 viene così integrato: dopo il comma 1 viene aggiunto il comma 1 bis: Le funzioni di polizia mortuaria di competenza del Comune sono esercitate dal Sindaco quale Ufficiale di governo ed Autorità Sanitaria Locale e possono essere delegate agli Ufficiali di Stato Civile ; all art. 16 comma 2 dopo:.. il Sindaco vengono aggiunte le parole o suo delegato ; all art. 19 comma 1 dopo:.. il Sindaco vengono aggiunte le parole o suo delegato ; l articolo 21 viene così integrato: dopo il comma 2 viene aggiunto il comma 2 bis: Il Sindaco può delegare il rilascio delle autorizzazioni di cui ai commi 1 e 2 del presente articolo all Ufficiale di Stato Civile ; l art. 39 comma 3 terzo periodo viene così sostituito: Tutto ciò che durante le operazioni di esumazione ed estumulazione viene rinvenuto dovrà essere smaltito nel rispetto delle vigenti norme sanitarie. all art. 41 comma 1 dopo:.. D.P.R. 285/90 vengono aggiunte le parole come modificato ed integrato dalla Legge n. 130 del 30 marzo Tali disposizioni integrano e sostituiscono le successive disposizioni di cui agli artt. 42, 43 e 44 del presente Regolamento qualora in contrasto ; l oggetto dell art. 63 viene modificato nel modo seguente: Rinuncia a concessione di loculo a tempo determinato di durata fino a 99 anni ; TUTTO CIO PREMESSO, Aperto il dibattito consiliare: Chiuso il dibattito consiliare, Con votazione svolta in forma palese, il cui esito è proclamato dal Sindaco nei seguenti termini: consiglieri presenti: consiglieri votanti: Pag. 2

3 COPIA Deliberazione Consiglio Comunale N. 4 del astenuti: voti favorevoli: voti contrari: DELIBERA 1) 2) 3) 4) di approvare le modificazioni ed integrazioni al vigente regolamento comunale per i servizi funebri e cimiteriali, adottato con deliberazione consiliare n. 22 del come di seguito riportate: l articolo 2 viene così integrato: dopo il comma 1 viene aggiunto il comma 1 bis: Le funzioni di polizia mortuaria di competenza del Comune sono esercitate dal Sindaco quale Ufficiale di governo ed Autorità Sanitaria Locale e possono essere delegate agli Ufficiali di Stato Civile ; all art. 16 comma 2 dopo:.. il Sindaco vengono aggiunte le parole o suo delegato ; all art. 19 comma 1 dopo:.. il Sindaco vengono aggiunte le parole o suo delegato ; l articolo 21 viene così integrato: dopo il comma 2 viene aggiunto il comma 2 bis: Il Sindaco può delegare il rilascio delle autorizzazioni di cui ai commi 1 e 2 del presente articolo all Ufficiale di Stato Civile ; l art. 39 comma 3 terzo periodo viene così sostituito: Tutto ciò che durante le operazioni di esumazione ed estumulazione viene rinvenuto dovrà essere smaltito nel rispetto delle vigenti norme sanitarie. all art. 41 comma 1 dopo:.. D.P.R. 285/90 vengono aggiunte le parole come modificato ed integrato dalla Legge n. 130 del 30 marzo Tali disposizioni integrano e sostituiscono le successive disposizioni di cui agli artt. 42, 43 e 44 del presente Regolamento qualora in contrasto ; l oggetto dell art. 63 viene modificato nel modo seguente: Rinuncia a concessione di loculo a tempo determinato di durata fino a 99 anni ; di trasmettere la presente deliberazione ai Responsabili di Area ed all Organo di Revisione economicofinanziaria; di dare atto che il presente regolamento entrerà in vigore dopo che la relativa deliberazione sarà divenuta esecutiva e dopo la pubblicazione per ulteriori quindici giorni all albo pretorio del Comune, ai sensi dell art. 63, comma 2, dello Statuto vigente; di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile, ai sensi dell art. 134, c.4, D. Lgs. n. 267/2000, ricorrendo le circostanze d urgenza, previa ulteriore votazione in forma palese, il cui esito è proclamato dal Sindaco nei seguenti termini: consiglieri presenti: consiglieri votanti: astenuti: voti favorevoli: voti contrari: Aperto il dibattito consiliare ****************** SINDACO Questa è una pratica seppur di routine, ha l obbligo di essere presentata, votata dal Consiglio Comunale per ragioni istituzionali, giuridiche e anche procedurali, non è altro che una rivisitazione, correzione o meglio puntualizzazione del regolamento che viene esercitato per l attività anagrafica dello stato civile nel suo insieme, ma in maniera specifica per i defunti qualora transitano nel Comune di Magione, quindi nei cimiteri del Comune di Magione, quindi è un aggiornamento, un riallineamento delle competenze del funzionario e quindi vanno anche a raccogliere quelle che sono state normative ultime recepite o comunque abbiamo anche migliorato e comunque anche perfezionato l iter che il cittadino in quel momento deve fare, tutto ciò per rendere meno burocratica la procedura e comunque più puntuale e più precisa e anche più attenta, ammesso che comunque su argomenti di questo genere, l attenzione è obbligatoria. Pag. 3

4 COPIA Deliberazione Consiglio Comunale N. 4 del Niente di eccezionale, ovviamente la delega dello stato civile la esercita il Sindaco che può comunque nominare funzionari con tale esercizio, proprio perché possa esercitarlo anche in assenza del Sindaco stesso. Devo anche ringraziare o meglio mettere in evidenza la capacità, la bravura certosina anche la dedizione e puntualità dell ufficio stato civile e stato anagrafe anche in tempi e momenti o in giorni differenti da quelli ordinari che vanno dal lunedì al venerdì, nel mentre il sabato c è un turno di reperibilità, la domenica comunque qualora ci siano le condizioni, le necessità, ovviamente c è sempre comunque una deroga e quindi il Sindaco o l ufficiale di Stato civile, concede l autorizzazione per tumulazione, estumulazione, traslazione, trasferimenti o operazioni cimiteriali di vario genere, non sono poche, ma mi fermo qui perché non voglio allungare né rubare tempo e spazio ai punti successivi. Questa pratica è stata esaminata dalla Terza Commissione, ha ricevuto almeno da quanto ho letto dal verbale, quanto ho anche ascoltato, ero presente, non è stato obiettato nessun tipo di rilievo, per cui se ci sono interventi invito i consiglieri a intervenire, altrimenti passerò alla votazione. CONS. BIZZARRI Brevemente perché le modifiche effettivamente come ricordavi te, sono modifiche parziali, dove spesso negli articoli, nei commi, vedi il 16, il 19, il 21, il 39 spesso alla parola Sindaco si aggiunge Sindaco che delega l ufficiale i miei dubbi sono è che il regolamento cimiteriale sarebbe stato opportuno lavorarci con un po più di calma e non vedo perché questi aggiornamenti, dato che si fa riferimento alla legge 130 che risale al 2001 debbono essere fatte in così breve tempo e così rapido. Poi per quanto riguarda in pratica vorrei chiedere dei chiarimenti rispetto all art. 63, dove si parla a una rinuncia a concessione di loculo a tempo determinato fino a 99 anni, questo è un punto interrogativo che mi piace praticamente chiarire, anche perché ho espresso un concetto che non mi è rimasto chiaro, significa che dopo 99 anni in pratica il comune ritorna in possesso perfettamente del loculo, senza però che ci sia un addebito ulteriore da parte di chi ne ha usufruito perché spesso, quando ci sono le rimozioni o ci sono le riesumazioni, vedo anche in altri comuni la necessità di versare senza nessun servizio da parte del comune, la necessità, questo succede per esempio nel Comune di Perugia, di versamenti in bollettini che sono nell ordine di 200/300 Euro per le famiglie, poi la famiglia è costretta a rivolgersi comunque a un impresa funebre quindi anche una semplice riesumazione, se la riesumazione poi va in una certa direzione, che si possono utilizzare dei piccoli contenitori la spesa per la famiglia è 300 più l impresa funebre, se sono necessarie le casse quelle a schiacciamento perché magari il defunto è mummificato, il costo per una famiglia sono praticamente anche di migliaia di Euro, il chiarimento su questo art. 63 penso che sia legato al fatto, sia necessario che non ci sia un aggravio economico per quanto riguarda una famiglia che viene momentaneamente cointeressata. SINDACO Intanto le normative generali ovviamente sono uguali per tutti i comuni d Italia, quindi la legislazione è nazionale, è altrettanto comprensibile che ogni comune magari adegua con il regolamento le proprie consuetudini, abitudini o comunque metodi comportamentali, non voglio richiamare ciò che succede a Perugia, dovrei dire che a Perugia il loculo te lo danno 18 ore dopo il decesso, voglio invece valorizzare ciò che vanno migliaia di comuni, ma anche il Comune di Magione, il quale permette ai cittadini di prenotare abbondantemente, vorrei aggiungere, anzitempo ma anche decenni. La seconda precisazione, visto che entri nel particolare, anche nel nostro ordinamento ci sono loculi di proprietà perenne, quindi ci sono cittadini che hanno acquistato gli spazi tantissimi anni fa e ne sono proprietari, è la parola più ufficiale che conosciamo, come pure ci sono edicole funerarie che sono andate in proprietà alla persona o alle persone, o alla famiglia poi successivamente si è inserita una norma, una legge, una normativa che stabilisce che il comune non vende i loculi e non vende neanche le aree cimiteriali, ma concede a chi ne fa richiesta, l utilizzo di quegli spazi tanto che siano locali singoli che gruppi di loculi o terreni per la costruzione di edicole funerarie per cui ci sono dei loculi che hanno un tempo di 99 anni di concessione, quelli di ultima generazione, ci sono concessioni di loculi che durano 50 anni! Quindi noi paghiamo la concessione, ma non paghiamo la proprietà del loculo e comunque dopo 50 anni dobbiamo restituire il loculo perché è in concessione, ma dico cose banali, forse troppo banali, ma forse anche poco conosciute perché molti nell immaginario collettivo c è l intenzione, la credenza popolare di dire: siccome ho comprato il mio No, sono concessioni, quindi non si può neanche fare mercato tra cittadini perché è vietato, non si può vendere al mercato, si deve restituire, qualora il cittadino ha la facoltà o la necessità di Pag. 4

5 COPIA Deliberazione Consiglio Comunale N. 4 del restituire, il comune si riprende anche il loculo e se era di proprietà in alcuni casi abbiamo restituito il valore di quel loculo sempre aggiornato ai prezzi di mercato, comunque aggiornato secondo la vetustà del loculo stesso. Ma credo che comunque la conclusione di questa mia risposta non è tanto incentrata sulla consegna o sulla costruzione, perché la crisi economica di fatto ha raffreddato il mercato anche cimiteriale, quindi ci sono un numero abbondante di spazi, toccate ferro magari, ma c è un numero abbondante di spazi per la popolazione di Magione, considerato che negli anni passati c è stato anche un accaparramento un po esagerato rispetto al numero delle persone, della famiglia o comunque della parentela, quindi si è un po esagerato, ma c erano le condizioni economiche, oggi c è invece una controtendenza, quindi anche i progetti di ampliamento che abbiamo messo in atto, come quello presso il Comune di Magione, ampliamento di aree per edicole funerarie o comunque ampliamento per la costruzione di loculi, abbiamo visto che nel corso di almeno un anno e mezzo non ci sono state richieste o comunque non c è per niente la fila, per cui forse dovremmo ripensare anche a quell aspetto finale della nostra vita o meglio per chi richiesta, perché chi va il problema lo risolve immediatamente. Quindi il regolamento non è che siamo arrivati in anticipo, in ritardo, ci sono delle procedure che ci hanno dato qualche problema di carattere burocratico, anche di tempo, anche di disponibilità del personale, quindi abbiamo razionalizzato e concentrato la delega all ufficiale anagrafico che può essere comunque delegato dal Sindaco o può essere comunque più di uno, quindi non è detto che debba essere uno per forza, quindi c è questo margine, credo che i costi del Comune di Magione sono estremamente relativi, comunque il Comune di Magione ha appaltato il servizio cimiteriale, ha appaltato un azienda che fa questo lavoro, naturalmente il comune riconosce il servizio dell azienda cimiteriale, quindi si è sostituita ai famosi necrofori comunali o becchini, quindi anche il comune ha dei costi secchi sulla gestione, non solo dello stato civile, non solo della semplice tumulazione, ma anche sulla gestione, manutenzione straordinaria, manutenzione ordinaria e comunque sulla custodia e comunque su ciò che poi di fatto meglio di me potete vedere e quindi anche questa parte delle strutture o del patrimonio del comune ha un costo giornaliero, quindi di fatto lo sostiene il bilancio del comune e quindi lo sosteniamo tutti noi. CONS. CARROZZA Ne approfitto del discorso sul regolamento, approfitto per fare una segnalazione più che altro, ho visto che i terreni per le inumazioni, per mettere le salme dentro la terra non sui loculi o su cappelle, ho visto che il terreno è esaurito e secondo me ci dovrebbero essere delle norme che nell ambito dello spazio cimiteriale devono essere riservate tante quantità di terreno a disposizione per questa utilizzazione, ho visto che quel poco di terreno che è a sinistra, andando su è bello e che completato, se dovessero esserci altre richieste anche per ragioni economiche si tenderà anche a questo, sono gli spazi disponibili, quindi sempre questi nuovi spazi, perché mi sembra sono assolutamente insufficienti. SINDACO Mentre sui cimiteri delle frazioni o comunque dei paesi del territorio, c è il rispetto della percentuale relativa al campo comune o comunque allo spazio collettivo o anche allo spazio inerente o a disposizione addirittura come dice il regolamento, anche per catastrofi e anche per epidemie o anche per situazioni di evenienze straordinarie, anche nel cimitero del capoluogo di Magione vige la regola della percentuale del rispetto delle aree che sono a disposizione delle tumulazioni a terra e quindi si cerca sempre di rispettare questa proporzione anche sommando spazi o spicchi di terreni distribuiti lungo i corridoi della parte vecchia, della parte antica e della parte anche nuova, ma soprattutto il progetto che abbiamo approvato e abbiamo anche messo a disposizione di ipotetici, probabili acquirenti, rispetta lo stesso principio e lo stesso metodo della percentuale dello spazio o del terreno comune, quindi l ampliamento ha, a sua volta, messo a disposizione in percentuale perché è una regola fissa che adesso non ricordo perché non mi è capitato neanche di leggerlo, ma è questa la norma, per cui è giusto tenere conto anche di queste esigenze o di queste volontà che la pubblica amministrazione deve, nei confronti dei cittadini, magari c è da fare un equazione architetto, nei cimiteri delle grandi città ci sono le liste di attesa, nei cimiteri dei comuni come quello di Magione, obiettivamente fino a oggi abbiamo risposto a tutte le esigenze di qualsiasi genere anche quelle della cremazione, che ha una procedura complessa o coloro che dichiarano di voler essere tumulati nel terreno comunque senza occupare altri spazi, per cui l Amministrazione Comunale è attenta e lo sta facendo giorno Pag. 5

6 COPIA Deliberazione Consiglio Comunale N. 4 del per giorno in base a quanto riesce a vendere le concessioni dei loculi, magari facendo ricognizioni che durano qualche anno, quindi tutti i giorni non abbiamo ovviamente né il tempo e neanche la necessità, quando si fanno ristrutturazioni o ampliamenti, si verifica anche lo spazio del campo comune così come in gergo viene chiamato per cui c è soddisfazione che fino a oggi abbiamo garantito e rispettato. Chiuso il dibattito consiliare *************** Vista la sopraestesa proposta di delibera; Udita la discussione che ne è scaturita in aula; Riscontrata la propria competenza; Visto lo Statuto Comunale; IL CONSIGLIO COMUNALE Con votazione legalmente resa in forma palese che dà il seguente risultato: Consiglieri presenti: n. 21 Consiglieri astenuti: n. 7 (Rubeca, Bizzarri, Alvisi, Menconi, Carrozza, Pietropaoli, Tufo) Consiglieri votanti: n. 14 Consiglieri favorevoli: n. 14 Consiglieri contrari: n. 0 DELIBERA 1) Di approvare la sopraestesa proposta di delibera al cui contenuto ci si richiama per relationem, dando atto che è stato reso il parere di cui all art. 49 del T.U.E.L.; 2) Di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile, ai sensi dell'art.134, comma 4, del D.Lgs 18 agosto 2000, n.267, ricorrendo le circostanze d'urgenza, previa apposita e separata votazione resa in forma palese, per alzata di mano, che dà il seguente esito, proclamato dal SindacoPresidente: Consiglieri presenti: n. 21 Consiglieri astenuti: n. 7 (Rubeca, Bizzarri, Alvisi, Menconi, Carrozza, Pietropaoli, Tufo) Consiglieri votanti: n. 14 Consiglieri favorevoli: n. 14 Consiglieri contrari: n. 0 Il Presidente passa alla trattazione del successivo punto iscritto all O.d.g. Pag. 6

7 COPIA Deliberazione Consiglio Comunale N. 4 del PROPOSTA DI DELIBERAZIONE: Integrazioni e modificazioni al Regolamento comunale per i servizi funebri e cimiteriali In ordine alla Regolarita' tecnica si esprime il seguente parere Favorevole Magione, lì: IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO f.to PAOLA IPPOLITO In ordine alla Regolarita' tecnica si esprime il seguente parere Favorevole Magione, lì: IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO f.to ROBERTA AMBROSI Pag. 7

8 COPIA Deliberazione Consiglio Comunale N. 4 del CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE X Si attesta, su conforme dichiarazione dell addetto alla pubblicazione, che la presente deliberazione viene affissa all Albo Pretorio del Comune dal al con N. 467 del registro delle pubblicazioni. X E stata dichiarata immediatamente eseguibile (art. 134 del D.lgs. 18/08/2000 n.267) Magione, lì CERTIFICATO DI ESECUTIVITA` DELL ATTO Il sottoscritto Segretario Generale, visti gli atti d ufficio, ATTESTA che la presente deliberazione è divenuta esecutiva in data per decorrenza dei termini di rito Magione, lì PER COPIA CONFORME ALL ORIGINALE Addì, L ISTRUTTORE AMMINISTRATIVO Pag. 8

9 COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA C.F./P.I Tel. 075/ Fax AREA SEGRETERIA GENERALE Il presente Regolamento Comunale concernente: Integrazioni e modificazioni al regolamento comunale per i servizi funebri e cimiteriali 1) è stato approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 22 del 26/02/1999; 2) è stato modificato con deliberazione di Consiglio comunale n. 4 del 05/02/2014; 4) è stato pubblicato all Albo Pretorio per 15 giorni consecutivi dal 25/02/2014 al 12/03/2014 al n. 467; 5) è stato ripubblicato all Albo Pretorio per 15 giorni consecutivi dal 13/03/2014 al 28/03/2014 al n. 555; 6) sarà pubblicato nel sito istituzionale del Comune nella Sezione In Comune, nella sottosezione Regolamenti ; 7) è entrato in vigore il giorno 29/03/2014 ai sensi dell art. 62 del vigente Statuto Comunale. Magione, 03/04/2014 f.to Luigi Lepore

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 812 del 28/11/2013 N. registro di area 139 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 28/11/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore AFFARI GENERALI

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 95 Del reg. Data 28.4.2015 COPIA OGGETTO: Elezioni regionali del 31 maggio 2015

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR)

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) Tel. 0564 861111 Fax 0564 860648 C.F. 82001470531 P.I. 00105110530 DETERMINAZIONE N 722 DEL 27/10/2011 U.O. Politiche

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXVI - Numero 1 Roma, 15 gennaio 2015 Pubblicato il 15 gennaio 2015 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA CONCORSI E COMMISSIONI DIPARTIMENTO

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 27.9.2010 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - ARTICOLO 1 FINALITA ED AMBITO

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t Regolamento interno del Consiglio regionale TITOLO I ORGANI DEL CONSIGLIO E LORO FUNZIONI Capo I Presidenza provvisoria Art. 1 (Ufficio provvisorio di Presidenza) Nella prima adunanza successiva alle elezioni

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Partecipanza Agraria di Cento

Partecipanza Agraria di Cento Prot. Num. Fasc. Delibera della Magistratura N. 46 del 14/04/2014 Oggetto: LIQUIDAZIONE SPESE VARIE. L, addì 14 del mese di aprile alle ore 19:15 a seguito di invito Prot. Num. 896 Fasc. 11 del 12/04/2014

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN

VERBALEDror**xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN COMUNE DI MAGLIANO VETERE. 84050 MAGLIANO VETERE (SA) C.so Umberro t @ 0974/s92A32 _992076 COPIA VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN OGGETTO: Approvazione Progetto esecutivo di efficientamento energetico

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO (Testo così come modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n 20 in data 03/07/2006) TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 DEFINIZIONE Il Comune di San Demetrio

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO DETERMINAZIONE INGEGNERE CAPO SETTORE LL.PP. 3 SETTORE TECNICO Servizio di manutenzione beni comunali e servizi tecnologici DETERMINA N 263 DEL 28/07/2011

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

C O M U N E D I S E L V I N O

C O M U N E D I S E L V I N O C O M U N E D I S E L V I N O (Provincia di Bergamo) Corso Milano, 19 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA PERSONA E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON PARTICOLARE

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Regolamento di Polizia Mortuaria

Regolamento di Polizia Mortuaria Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con delibera n. 56 del 29.09.2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I NORME PRELIMINARI ARTICOLO 1 Riferimenti Normativi Il presente Regolamento è formulato

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

? S. P. Q. R. C O M U N E D I R O M A

? S. P. Q. R. C O M U N E D I R O M A Prot. Serv. Deliberazioni n. 543/02? S. P. Q. R. C O M U N E D I R O M A Deliberazione n. 203 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Anno 2003 VERBALE N. 73 Seduta Pubblica del

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli