DiM. Pensare Next ??? la dimensione di parole idee immagini progetti racconti disegni esperienze tecnologia professioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DiM. Pensare Next 7. 14 ??? la dimensione di parole idee immagini progetti racconti disegni esperienze tecnologia professioni"

Transcript

1 DiM gli iornale de alscuola de ml ob eli 7. 14??? Per questo progetto non c è budget! Di Rito Giuseppina, Mirto Antonel, Borsetti Marziantonio, Marta Raminelli, Pensare Next Ferraro Maurizio la dimensione di parole idee immagini progetti racconti disegni esperienze tecnologia professioni :e per l Industria e l Artigianato Arredi e Forniture di Interni Via Galileo Galilei, Brugnera (PN) Tel otats idelanoiseforpotutitsi Istituto Professionale di Stato Arredi e Forniture di Interni di Brugnera : id otubirtnoc l Il futuro è in mano a chi ha entusiasmo e voglia di rischiare. Questa è l unica strada possibile per ripartire Foto rielaborata da Zava Nicola 5D Il futuro è in mano ai giovani. I nostri giovani. Questo numero del magazine DIM è dedicato a loro. Ai nostri giovani diplomati e a chi, si è diplomato già da qualche anno, e sta affrontando la sua avventura di vita. Vita che oggi spesso appare incerta e difficile. L incertezza e le limitate possibilità di programmare la propria realtà se non nel breve-brevissimo termine, incidono profondamente sulle capacità relazionali e nei processi d apprendimento con l effetto di diminuire molte delle potenzialità personali. La scuola, intesa come comunità educante e "motore del cambiamento", può e deve intervenire con forza in questo processo impedendo che le potenzialità si disperdano. Si deve proporre ai giovani una forte visione di un intelligenza collettiva che metta insieme le idee e costruisca un percorso concreto e positivo. La scuola non deve fornire soluzioni prestabilite, ma guidare i giovani ad allenare le loro intelligenze, a sviluppare le loro personali capacità, ad aumentare le loro conoscenze e a diventare protagonisti in ciò che sceglieranno di fare. La scuola deve insegnare a prendere le difficoltà come un opportunità di mettersi in gioco e a trasformare ogni ostacolo in una intelligente e positiva prova di flessibilità intellettiva e d azione.

2 La scuola del Mobile intitolata a Bruno Carniello: un insegnante protagonista del suo territorio. Otto e venti, atrio della scuola del legno, Brugnera: via vai di zainetti colorati, scarpe da ginnastica, libri e registri sotto braccio, un caffè al volo seduti per la chiacchiera mattutina sotto l albero, che accoglie tutti in atrio. E una scuola particolare, questa, che ha una storia legata a filo doppio al suo territorio e allo sviluppo industriale dell Alto Livenza nel settore del mobile fin dalla sua nascita, nel Che ha formato generazioni di imprenditori e tecnici; dove la creatività va di pari passo con il saper fare. Una scuola senza nome, fino a poco tempo fa; oggi, intitolata a qualcuno che ha incrociato zainetti, registri e chiacchiere del mattino per anni, e che ha lavorato non solo per la scuola, ma per tutta la comunità di Brugnera: Bruno Carniello. Bruno aveva studiato all Accademia di Belle Arti, a Venezia, dopo le medie; poi alla facoltà di Archiettura, mai conclusa per motivi familiari. E da allora che comincia a dedicarsi all insegnamento, prima alle scuole medie di Sacile, poi in quelle di Brugnera. Insegnava la creatività e gli strumenti che la veicolano in progetto e concretezza; insegnava, come ricorda un suo alunno, ad essere uomini onesti con umiltà e umanità. Generazioni di lavoratori del comparto del mobile dell Alto Livenza e di imprenditori che hanno fatto buona parte della storia economica di questo territorio sono stati suoi allievi, imparando a tenere dritte stecca e squadra, a temperare le matite, a non macchiarsi con la china, a tenere in ordine tavole e disegni, a risolvere problemi ed equazioni. Il professor Carniello investì la vita per la sua comunità: insieme all insegnamento, infatti, si dedicò all amministrazione del suo paese. Fu vicesindaco dal 1951 al 1956, e poi sindaco dal 1960 al Ritornò al servizio in comune anche dal 1970 al Un impegno fattivo e prolungato, ricordato da molti come un esempio e insignito della nomina a Cavaliere della Repubblica. Non stupisce che il suo nome sia stato scelto: ogni mattina, in questa scuola, cerchiamo di fare proprio quel che lui ha fatto per anni. Insegnare non era per il prof. Carniello solo un impiego, ma un mestiere, che si esercita secondo tecnica, competenza, umanità. La scuola di oggi è decisamente diversa da quella nella quale il professor Carniello ha lavorato per anni; oggi sotto l albero dell atrio ci sono più tablet che tavole a china; e i ragazzi spesso sono più preoccupati per il loro avvenire che spinti ad investire per esso. Immaginiamo che il prof. Carniello sarebbe felicissimo di utilizzare i tablet e le LIM in classe con i suoi alunni, ma non altrettanto delle conseguenze, non ancora risolte, della crisi che ha investito i settori produttivi, e che preoccupa le nuove generazioni. Possiamo immaginare però cosa direbbe agli alunni della scuola del legno: il futuro si costruisce, e lo si fa all interno di una comunità. A partire da un idea, da un progetto, utilizzando i materiali più adatti, il design più accattivante e funzionale. E non dimenticando mai che a scuola si realizza il più grande dei progetti: la persona.

3 ANNA BRENELLI Nata il 30 luglio anni Residenza attuale Sacile Anno diploma:2013 Frequenta il primo anno della Facoltà di Design Industriale IUAV -Venezia Cinque anni fa ho scelto di iscrivermi a questa scuola perché volevo frequentare una scuola creativa. Chi visita al nostro istituto può notare i mobili da noi realizzati e la nostra creatività in continua evoluzione. Le idee non rimangono solo utopie, noi le concretizziamo! I nostri laboratori ci permettono di sviluppare la manualità e di approfondire la conoscenza di materiali. La collaborazione con le aziende del territorio ci permette di trattare argomenti di design con i nostri progetti Gli alunni del quarto anno effettuano, ogni anno, delle settimane di alternanza scuola- lavoro e vengono inseriti, con stage formativi, all interno di un azienda Al quarto anno, tre alunni scelti dai docenti, volano a Belgrado per partecipare ad un concorso di design tra scuole di settore. Ogni anno partecipiamo a concorsi di progettazione come il Progetto Stars, Il progetto Unioncamere e molti altri scelti per noi dai docenti di disegno e laboratorio. Abbiamo spesso delle occasioni di confronto con studenti stranieri e, in rapporto alla nostra preparazione, nuove esperienze professionali al di fuori del contesto scolastico. Nell anno scolastico 2011/2012 sono stata scelta per partecipare alla gara nazionale tra istituti professionali del settore del mobile di tutta Italia. La gara si è svolta a Tirano (SO). In due giorni ho progettato e realizzato un supporto per PC e mi sono classificata al primo posto! L interesse per l apprendimento mi hanno portata a ricevere quattro borse di studio. Il mio progetto di presentazione all esame finale di stato: CHIAVE di VIOLINO violino elettrico. Grazie a questa scuola sono riuscita a concretizzare uno dei miei sogni: durante il quinto anno ho progettato e realizzato, nei nostri laboratori e con la collaborazione dei docenti, un violino elettrico. Il mio violino funziona attraverso un pick up piezoelettrico, dispositivo in grado di rilevare le variazioni di pressione esercitate da una corda in vibrazione generando un segnale elettrico che poi viene amplificato. E realizzato in legno di tiglio e in precomposto simil Wengè. Il prototipo è stato realizzato il circa 50 ore e ha messo alla prova le mie capacità progettuali e pratiche. Ho deciso di continuare gli studi e durante l estate mi preparerò ai test d ingresso per la facoltà di design del prodotto al Politecnico di Milano e allo IUAV di Treviso.

4 ERIK FAGOTTO Nato il 21 maggio anni Residenza attuale Azzano Decimo Pn Anno diploma:2013 Frequenta il primo anno della Facoltà di Ingegneria di Udine Sono un ragazzo di 19 anni, mi definisco logico e razionale e mi piace stare solo con me stesso. Informatica e fisica sono le discipline che più mi affascinano. Se c è qualcosa che odio è l ignoranza, il non sapere, cogliendo il significato proprio del termine: la mancanza di conoscenza. Se mi viene posta una domanda a cui non so rispondere devo rimediare, non sopporto di non poter rispondere a qualcosa. Mi sono iscritto a questa scuola quasi senza dubbi, per poi incontrarli durante il mio percorso. Ho incontrato alcuni insegnanti che si distinguevano tra tutti. Non finirò mai di ringraziarli. Ora capisco che erano veramente bravi. Dalla terza superiore sono emersi i primi dubbi sul mio presente e sul mio futuro ed è nata la passione per la fisica e l interesse per la chimica La quinta superiore è stato forse l anno che mi ha dato più soddisfazione, sento di essere maturato e di aver acquisito maggior capacità d analisi. Durante quest anno ho incontrato insegnanti che, a mio parere, hanno saputo attribuire ad ogni cosa il giusto valore. LIBRERIA MULTIFUNZIONALE Ho progettato con il Prof. Borsetti una libreria multifunzionale. Il progetto è stato svolto durante l arco di tutto l anno scolastico per concludersi all esame di stato, come focus della tesina. Il mobile si compone di un solo modulo (330x330x18 mm) in multistrato bilaminato, verde chiaro opaco e verde scuro lucido che richiama le fattezze di una foglia. Con l utilizzo di quel solo componente, prodotto in serie con una macchina a controllo numerico, si lascia al cliente completa libertà di composizione. Oggi il mio futuro mi appare incerto più che mai. Se dovessi decidere di proseguire gli studi sceglierei la facoltà di fisica presso l università di Trieste.

5 ERMES CAPOVILLA Nato il 19 dicembre anni Residenza attuale Campomolino, frazione di Gaiarine (TV) Anno diploma: 2013 Attualmente vive a LONDRA e lavora per uno studio di Design Sin da bambino volevo diventare un Interior Designer ed ero interessato al disegno e alla progettazione. Nella Scuola del Mobile mi son sentito libero di esprimere le mie passioni. I professori mi hanno guidato ad esplorare quello che è il vasto ambito del Design come la grafica, la modellazione 3D e la progettazione anche nel campo del design tecnologico e automobilistico. Nella scuola ho avuto modo di conoscere studenti con le mie stesse passioni e insieme ai professori e ai compagni ho avuto modo di scambiare idee, opinioni, progetti e di confrontarmi con studenti provenienti anche da altre realtà scoprendomi sempre più capace d affrontare nuovi percorsi. Il mio progetto di presentazione all esame finale di stato: BOOSTER 33 - Amplificatore per ipod touch - Booster 33 è un amplificatore fisico per ipod touch di 4^ generazione. Per il disegno ho utilizzato un software di modellazione tridimensionale e per la realizzazione del prototipo mi sono rivolto ad un servizio di stampa tridimensionale in Belgio. In breve tempo ho trasformato un progetto virtuale in un oggetto concreto. L amplificazione di Booster non è una amplificazione elettrica ma naturale quindi ecocompatibile ed indipendente da batterie, corrente elettrica o collegamenti wireless., Sfruttando un principio fisico detto risonanza acustica sono riuscito ad amplificare la musica ma ho anche amplificato la mia voce. Per noi giovani è sempre più difficile farsi strada, e il mio progetto, pensato inizialmente come tesina per l esame di stato, si è amplificato nel web e ha dato inizio alla mia carriera professionale. In breve tempo sono stato notato da alcune aziende della zona, da una Start-Up di Design, da uno studio di design londinese e da un rappresentante di Hong Kong. Sto già lavorando per la realizzazione di quella che sarà un evoluzione di Booster 33. Contemporaneamente ho vinto in team una gara di progettazione con tema la stampa tridimensionale e il mio progetto è ora in vendita sotto forma di file (per essere stampato in 3D), prossimamente verrà prodotto e verrà venduto sul web. UN FUTURO A LONDRA Prima ancora di diplomarmi ho firmato un contratto di collaborazione con lo studio di Exterior Design Bamboo Landscaping di Londra. Seguirò la progettazione e curerò l aspetto grafico dell azienda. Nel frattempo porterò avanti i miei nuovi personali progetti. Non so dire con certezza se riuscirò a frequentare corsi oppure un università, sta di fatto che se sono giunto fino a questo livello, lo devo ai professori e a questa scuola.

6 SARA ZANETTE Nata il 20 Febbraio anni Residenza attuale Brugnera anno diploma: 2013 frequenta il primo anno della facoltà di Design industriale ISIA di Pordenone -ISIA ROMA DESIGN- Non mi sono mai pentita della scelta di frequentare la Scuola del mobile e del design di Brugnera. E stata una scelta compiuta a soli quattordici anni. Questa scuola ha contribuito a farmi diventare la ragazza che sono oggi. Mi sono sempre impegnata al massimo per raggiungere i miei obiettivi e ho ottenuto gradi soddisfazioni che hanno reso orgogliosa me e la mia famiglia. Ho vinto, per due anni consecutivi una borsa di studio. Nel marzo del 2012 sono stata scelta per partecipare al concorso Design playground di Belgrado, ho avuto la possibilità di mettermi in gioco e di far valere le mie abilità. Lo studio non mi hanno però impedito di farmi vivere appieno la mia adolescenza. Mi piace staccare la spina dagli impegni scolastici e dedicare del tempo ai miei amici. Mi piace socializzare e divertirmi! Viaggiare e conoscere nuove persone è quello che voglio. Queste esperienze mi aiutano ad essere meno timida ed introversa. Ho avuto la fortuna di soggiornare per una mese a Londra. Ho vissuto la frenesia della città e delle persone che ci abitano e ho migliorato il mio inglese, una lingua al giorno d oggi indispensabile per poter comunicare con il mondo. Oggi mi trovo davanti ad un bivio: università o lavoro? La scelta è un continuo alternarsi di idee. Invio il curriculum ad aziende del settore e nello stesso tempo mi informo su università ed accademie che possano migliorare le mie conoscenze e che, nel limite del possibile, mi garantiscano un occupazione nel mondo del lavoro. Io credo che valga la pena fare qualche sacrificio per raggiungere i propri sogni. Quello che vorrei è girare il mondo lavorando all estero. Il tema della mia tesina di presentazione all esame finale di stato: IL PACKAGING Strumento di comunicazione e di marketing.

7 ANDREA POLESEL Nato nel anni Residenza attuale: Brugnera Anno diploma:2009 Attualmente Impiegato presso l ufficio acquisti, controllo qualità e gestione dei fornitori di un mobilificio della zona. Cosa ne pensi della formazione che hai ricevuto nella nostra scuola? La formazione che ho ricevuto a livello scolastico è stata una buona base di partenza che però deve essere approfondita sotto il punto di vista tecnico dei materiali e della comunicazione interpersonale nel mondo del lavoro. Sottolinea quelli che ritieni siano stati i punti di forza della tua preparazione e indica i punti deboli. Quali erano le tue aspettative quando ti sei diplomato? Qual è oggi la tua attività di studio o di lavoro? Ad oggi che sono un tecnico in formazione posso dire che le nozioni imparate a livello tecnico sono quelle che mi hanno permesso di capire con che materiale è fatto un componente e quali sono le caratteristiche, gli aspetti di prova tecnici del materiale con le interconnesse capacità di relazionali di dei risultati ottenuti. Mi sono trovato spaesato quando si è trattato di dover parlare di un' industrializzazione in serie di un prodotto. A scuola, secondo me, l'approccio alla progettazione è stato troppo artigianale e mi sono mancate delle nozioni su quelli che sono i particolari delle giunzioni dei mobili (ferramenta). Le aspettative quando mi sono diplomato erano quelle di trovare un buon lavoro con delle buone prospettive di crescita all'interno di un'azienda... e non nascondiamocelo speravo anche di guadagnare bene. Sfortunatamente mi sono imbattuto nel triste periodo che tutti stiamo passando. Si deve continuare a lavorare con mille responsabilità e uno stipendio che non cresce con il crescere delle mansioni e spesso devo fare i conti con la gelosia tecnica di alcuni colleghi più vecchi che ti vedono come una minaccia! Ricordo un detto del buon Gaspardo: "Chi è bravo e creativo non ha bisogno di essere geloso delle proprie conoscenze" già belle parole!!! E oggi, quali sono le tue attese e come pensi di raggiungere i tuoi obiettivi? I miei obiettivi sono quelli di capire e apprendere il maggior numero di cose sul mondo del mobile e dell arredamento addentrandomi in profondità anche su quello che riguarda il flusso di produzione e di pianificazione delle attività, nella scelta dei materiali in fase di acquisto.. La mia idea sarebbe diventare un responsabile di stabilimento e poi magari un domani, confidando in un mutamento economico mondiale, mettermi in proprio. Cosa consiglieresti ad un giovane che frequenta la scuola superiore? Hai qualcosa da suggerire ai professori per migliorare il loro lavoro? Ad un giovane che frequenta la nostra scuola consiglio di rubare tutto il possibile dal personale preposto... soprattutto dai professori tecnici; non nascondo che le materie accademiche (matematica, storia ecc..) sono delle cornicette che nel mondo del lavoro di ora contano poco... si parla in dialetto ovunque Ma gli consiglio anche di imparare ad adattarsi a temprarsi moralmente per emergere in qualsiasi ambito lavorativo con dedizione applicazione e costanza. Ad un professore l'unica cosa che posso dire é di alzare il tiro e di pressare, mantenere sotto pressione... il mondo del lavoro presenta ogni giorno esami e prove e non sono mai programmati!

8 CHIARA BAITA Nata nel anni Residenza attuale: Trivignano (Venezia) Anno diploma:2007 Laureata nel 2012 in Scienze Religiose all Istituto Superiore di Scienze Religiose di Udine. Attualmente sta raggiungendo il traguardo della Laurea Magistrale con la specializzazione in Didattica e lavora come Insegnante di Religione Cattolica presso due Istituti Comprensivi della provincia di Venezia. Cosa ne pensi della formazione che hai ricevuto nella nostra scuola? Ritengo che la formazione sia stata puntuale per quanto riguarda l indirizzo di studi e il settore lavorativo dell Industria del Mobile. I percorsi di studio delle materie non di indirizzo sono stati svolti con alcune difficoltà. La formazione è stata buona non solo dal punto di vista tecnologico e tecnico-progettuale, ma anche dal punto di vista professionale e soprattutto umano. Avresti voluto cambiare qualche cosa? Nel periodo in cui frequentavo io, non era ancora stato fatto l ampliamento dell edificio scolastico, perciò per alcune lezioni dovevamo trasferirci dalla sede principale a altre sedi. Questo era certamente scomodo e non giovava ad un ottimale impiego del tempo scolastico, ora penso che le cose siano nettamente migliorate. Talvolta mancavano materiali per eseguire alcune lavorazioni e vi dovevamo provvedere personalmente o tramite la buona volontà del professore. Sottolinea quelli che ritieni siano stati i punti di forza della tua preparazione e indica i punti deboli. I punti di forza della preparazione ricevuta all IPSIA sono certamente: Avere avuto la possibilità di imparare un mestiere, entrando a contatto con professionisti del settore e tramite il periodo dello Stage in azienda che ha permesso una conoscenza, seppur parziale, del mondo del lavoro nel settore dell Industria del mobile e dell arredamento Essere stata educata a lavorare in gruppo sia in condizione di leadership, che di sottoposto, che di pari grado Aver imparato a rispettare le scadenze sia imposte che auto-imposte Aver avuto la possibilità di costruire rapporti educativi e sociali di alta qualità basati sulla professionalità, la stima reciproca e, in alcuni casi, l amicizia, sia tra gli appartenenti al gruppo classe (i compagni) sia con insegnanti e tecnici I punti deboli della preparazione ritengo non siano da imputare in maniera specifica all istituto o agli insegnanti ma, se da un lato a livello di indirizzo specifico di studi la formazione è ottima, dall altro i programmi ministeriali delle materie comuni a tutte le scuole sono di un livello che ritengo insufficiente. Per quanto mi riguarda sarebbe meglio, per l Italia intera, che gli artigiani ed esperti nei mestieri più svariati, non solo siano competenti nel loro settore, ma abbiano anche una solida cultura. Di sicuro una cosa non preclude l altra!!! Un altro punto debole che mi sento di sottolineare è la mancanza di materiali. Se io e i miei compagni abbiamo avuto la possibilità di acquisire un eccellente capacità tecnica nel nostro futuro settore lavorativo, è stato perché nel percorso di studi abbiamo potuto sperimentare anche manualmente ciò che stavamo studiando e abbiamo potuto sviluppare i progetti, che altrimenti sarebbero stati un semplice sforzo teorico, ma non certamente pratico. Qual è oggi la tua attività di studio o di lavoro? Oggi io non lavoro più nel settore del legno. Sono rimasta disgustata dallo stile, spesso poco umano e rispettoso della persona, nonché decisamente poco professionale presente purtroppo in alcune aziende e negozi del settore.

9 Ciò non lo dico con leggerezza, ma con tristezza, delusione e anche grande rammarico, sapendo che il mestiere che ho lasciato è veramente splendido e stimolante. Ora studio Scienze Religiose e insegno Religione Cattolica nelle scuole Statali, un salto molto grande mi hanno detto tutti! Se da un lato posso essere d accordo, dall altro dirò che questo salto è stato possibile grazie alle persone che ho incontrato nel mio percorso alle scuole superiori compagni e soprattutto insegnanti. I miei professori mi hanno trasmesso i valori della fatica, la pazienza, la tenacia nel raggiungere un obiettivo, la correttezza nell ambiente di studio e lavoro, il valore del lavoro di squadra e la capacità di spalleggiare i compagni in modo sano, nonché l energia positiva che può dare un ambiente sereno dal punto di vista delle relazioni umane. Ciò che hai imparato sui nostri banchi ti è stato utile? Dire che è stato utile ciò che ho imparato all IPSIA è estremamente riduttivo, io definirei che è stato indispensabile! Ho sempre avuto un problema di dislessia (un disturbo dell apprendimento) che non ha facilitato i miei studi, sono arrivata alle superiori con la voce della mia vecchia professoressa di lingua Inglese che mi suggeriva di non studiare e di andare a lavorare. L IPSIA, o meglio le persone che la compongono mi hanno insegnato a conoscere i miei limiti e le mie potenzialità, a superarmi sempre e a perseguire con tenacia i miei obiettivi, esultando per le vittorie e impegnandomi ancora di più nelle sconfitte. Risultato? Una persona formata dal punto di vista tecnico e scolastico che si è potuta permettere di affrontare una laurea magistrale in un settore umanistico mai conosciuto prima, uscendo con un punteggio superiore al cento e in grado ora di lavorare nella Scuola Statale. Non male per una che doveva smettere di studiare a quindici anni!!! E oggi, quali sono le tue attese e come pensi di raggiungere i tuoi obiettivi? Oggi le mie attese sono di poter lavorare nel mondo della Scuola per donare ad altri ciò che mi è stato insegnato in tutto il percorso di vita e di studi svolto fino ad ora, certa che ciò che mi verrà donato sarà ancora maggiore di ciò che io darò. Come per tutti i campi della vita umana gli obiettivi si raggiungono con fatica, passione, perseveranza, pazienza, senso del dovere, energia e gioia. Cosa consiglieresti ad un giovane che frequenta la scuola superiore? Ad un giovane delle scuole superiori consiglio di non lasciarsi fregare da chi gli dice che non vale niente e che nessuno ascolta la sua voce, perché se anche oggi può sembrare che per i grandi lui non conti nulla, tra non molto anche lui sarà un grande, con tutti i diritti e tutti i doveri, operaio o senatore e deve poter essere non un numero nella società, ma un elemento pensante in grado di spendersi per gli altri, perché l uomo è un essere sociale, e ciò, nella nostra società, si capisce e si apprende con lo studio, l istruzione e la vita nell ambiente scolastico. Per realizzarvi come persone, ve lo dico subito, non potrete prescindere dalla fatica, fisica, psicologia e morale, ma nulla vi potrà fermare se sarete in grado di perseguire alti e grandi ideali, e ciò si fa iniziando dal quotidiano e dando il massimo in questi anni dedicati allo studio, che sono le radici che permetteranno all albero della vostra persona di stendere i suoi rami ovunque vorrete. Hai qualcosa da suggerire ai professori per migliorare il loro lavoro? Sì, non scoraggiatevi dalle difficoltà oggettive e logistiche del nostro splendido lavoro, ma pensate sempre al fine altissimo che questo lavoro ha. Non dimenticatevi di incardinare il vostro insegnamento in un ruolo educativo, cioè su una solida base di relazioni umane sane, positive e collaborative, prima tra voi e poi con i ragazzi. Se saprete essere prima educatori e poi insegnanti sarete in grado di offrire alla società Italiana ragazzi preparati ad essere uomini e donne capaci dal punto di vista umano e certamente anche dal punto di vista professionale.

10 BARZAN GIADA Nata nel anni Residenza attuale: Pordenone Anno diploma:2009 Laureata nel 2012 in Comunicazione integrata per le Imprese e le Organizzazioni presso l Università di Trieste Attualmente studentessa in Lingue e letterature straniere presso l Università di Udine Cosa ne pensi della formazione che hai ricevuto nella nostra scuola? Gli anni passati all IPSIA Brugnera a mio parere sono stati molto formativi non solo dal punto di vista vero e proprio dell istruzione, ma anche dal punto di vista umano e caratteriale. La scuola da modo, non solo di interagire con i propri compagni di classe mediante i lavori di gruppo ma permette anche di esprimere la propria creatività e la propria personalità in lavori e presentazioni individuali, a mio parere, molto formativi. Inoltre permette di entrare in contatto con professori che amano il loro lavoro e cercano di trasmettere agli studenti le loro conoscenze e la loro passione. Avresti voluto cambiare qualche cosa? Ripensando alla mia esperienza e a ciò che richiede il mondo del lavoro oggi forse avrei preferito che qualche ora in più fosse stata dedicata all insegnamento dei programmi di grafica e al disegno a mano libera. Sottolinea quelli che ritieni siano stati i punti di forza della tua preparazione e indica i punti deboli. Punti di forza: buona padronanza della lingua inglese, buone capacità nella comprensione e nella realizzazione di disegni tecnici, ottima capacità nel relazionarsi con il prossimo, buona capacità nell esprimere la mia personalità nei vari progetti (da quelli grafici, agli elaborati,..); Punti di debolezza: scarsa capacità di realizzazione di disegni con programmi di grafica. Qual è oggi la tua attività di studio o di lavoro? Attualmente frequento l Università degli studi di Udine. Nello specifico la Facoltà di Lingue e letterature straniere, corso di laurea in Comunicazione integrata per le imprese e le organizzazioni. Ciò che hai imparato sui nostri banchi ti è stato utile? Anche se il mio percorso di studi mi ha portato ad allontanarmi da quello che ho studiato alle superiori ritengo che quello che ho imparato sui banchi di scuola mi sia stato utile. Quando si parla di comunicazione si parla anche di grafica e ritengo che i miei gusti e le mie competenze espressive si siano sviluppate proprio alle superiori. Quali erano le tue aspettative quando ti sei diplomato? Quando mi sono diplomata sapevo di voler continuare a studiare, e così è stato. Le aspettative che avevo riguardavano soprattutto l università. Non sapevo se ce l avrei fatta a superare gli esami, a laurearmi. Ma mi sono impegnata e i risultati sono arrivati. E oggi, quali sono le tue attese e come pensi di raggiungere i tuoi obiettivi? Oggi sono concentrata su quello che sto studiando. Anche se mi sono laureata lo scorso ottobre faccio già il conto alla rovescia per gli esami che mi mancano alla laurea specialistica e alla fine del mio percorso universitario. Spero che ciò che ho studiato, non solo all università ma anche alle superiori, possa essermi utile per poter trovare un lavoro che mi soddisfi e mi gratifichi.

11 GIULIA CANDOSIN Nata nel anni Residenza attuale: Oderzo Anno diploma:2007 Attualmente. Commessa presso un wine shop -bottiglieria Cosa ne pensi della formazione che hai ricevuto nella nostra scuola? Trovo che la formazione ricevuta sia stata a dir poco soddisfacente, mi sono trovata a relazionare con gente del settore ed a essere preparata nel design di interni, nella storia dell'arte e nei contenuti tecnici. purtroppo quello che stiamo passando non e' uno dei migliori momenti per il nostro settore ma io sono molto fiduciosa e so che tutto passerà. Avresti voluto cambiare qualche cosa? No. Gli anni passati alla Scuola del mobile sono stati alcuni dei migliori anni della mia vita e non esagero. Sottolinea quelli che ritieni siano stati i punti di forza della tua preparazione e indica i punti deboli. I punti forti sono stati sicuramente la storia del design, e disegno. Quelli deboli la tecnologia dei materiali e la matematica. Non ho mai sopportato queste materie. Qual è oggi la tua attività di studio o di lavoro? Oggi faccio la commessa e tengo la contabilita' in una bottiglieria di Oderzo. Ciò che hai imparato sui nostri banchi ti è stato utile? Si, moltissimo. Sono dei concetti che comunque cerco sempre di applicare nella vita di tutti i giorni, per esempio, disponendo l'arredo degli ambienti dove lavoro. Quali erano le tue aspettative quando ti sei diplomato? Quando mi sono diplomata volevo frequentare l'universita'. Sogno che ho deciso di non seguire perché non ero sicura dei risultati che avrei ottenuto, avrei voluto un lavoro nel settore dei miei studi, ci ho provato ricevendo molti no o molti le faremo sapere. Ancora non mi sono arresa e nel frattempo, anche se faccio un altro lavoro, cerco sempre di tenermi in contatto con il settore dell arredo. E oggi, quali sono le tue attese e come pensi di raggiungere i tuoi obiettivi? Attendo un lavoro che mi piaccia veramente e che sento mio, vorrei ancora diventare un'arredatrice d'interni. Questo è ancora tra i miei obiettivi. Cosa consiglieresti ad un giovane che frequenta la scuola superiore? Consiglierei ai giovani di scegliere con il cuore non con la testa anche se in questo momento il settore del mobile è in crisi, io penso che la situazione non possa che migliorare. Se ti piace veramente fare un mestiere scegli quello oltre tutto e tutti e non farti condizionare mai! Hai qualcosa da suggerire ai professori per migliorare il loro lavoro? Continuate così! Siate, come sempre. non solo insegnanti ma anche amici dei vostri alunni. Severi ma allo stesso tempo attenti alle loro esigenze, io ho avuto molto bisogno dei vostri consigli. Questa scuola che mi ha fatto vivere dei momenti bellissimi e conoscere alcune delle persone più importanti per me.

12 MARCO CELOTTO Nato nel anni Residenza attuale: Cavolano di Sacile (PN) Anno diploma:2010 Laureato nel 2013 in Scienze dell Architettura -IUAV Venezia Attualmente studente universitario frequenta il corso di Laurea specialistica in Architettura Cosa ne pensi della formazione che hai ricevuto nella nostra scuola? Sicuramente è stata una preparazione di tipo pratico, dove all atto progettuale seguiva l atto costruttivo ossia concreta materializzazione. Il continuo confronto di una propria idea astratta con l arte del costruire permette di semplificare l oggetto nelle sue parti evitando le utopie o effimeri riferimenti legati alla mode. Avresti voluto cambiare qualche cosa? Sono contento del mio percorso di studi cominciato a Brugnera e terminato a Venezia; per quello che riguarda eventuali cambiamenti nella didattica, avrei preferito incrementare del tutto le esperienze pratiche. Sottolinea quelli che ritieni siano stati i punti di forza della tua preparazione e indica i punti deboli. Senza dubbio i fondamenti maggiori che questa scuola mi ha dato riguardano il buon metodo di progettazione insegnato: il continuo confronto tra l idea astratta e come fisicamente l oggetto possa essere costruito non solo può evitare la creazione di utopie ma soprattutto pone la persona in una costante e continua ricerca della conoscenza. Sicuramente devo a questa scuola gli ottimi risultati ottenuti nei primi esami, infatti, proprio qui, mi è stato insegnato il disegno manuale che con il tempo ho potuto poi perfezionare trasformandolo nell attuale metodo di rappresentazione: il disegno digitale. Troppo spesso però, almeno nella mia esperienza, ci si soffermava su degli ottimi metodi quali le proiezioni ortogonali e l assonometria ponendo poca attenzione a quello che, secondo me, è un metodo fondamentale:la prospettiva. La ritengo basilare sia per rappresentare le proprie idee e per comprendere i rapporti fra l oggetto e il contesto. In generale posso dire di aver ricevuto una buona preparazione anche se per alcune discipline scientifiche quali la fisica e l analisi matematica, la preparazione richiesta all università si avvicina maggiormente a quella offerta da un liceo. Qual è oggi la tua attività di studio o di lavoro? Ciò che hai imparato sui nostri banchi ti è stato utile? L attività di studio di cui attualmente mi sto occupando è l Architettura. Si, ciò che ho imparato è stato utile ed in un certo senso credo che l attuale strada intrapresa possa definirsi come la continuazione di una passione cominciata nell istituto che ho frequentato. Quali erano le tue aspettative quando ti sei diplomato? E oggi, quali sono le tue attese e come pensi di raggiungere i tuoi obiettivi? Credo che la mia più grande aspettativa sia sempre stata, fin da piccolo, la curiosità intesa come voglia di conoscere sia essa legata a materie umanistiche come la storia, sia intesa nelle discipline tecniche o legate alle arti. Tutt ora nell affrontare un qualsiasi problema è la curiosità che mi spinge a cercare sempre nuove e migliori soluzioni. Cosa consiglieresti ad un giovane che frequenta la scuola superiore? Hai qualcosa da suggerire ai professori per migliorare il loro lavoro? Consiglio loro di essere curiosi, di non soffermarsi all apparenza delle cose e cercare di studiare ed approfondire ciò che più gli piace, creando il proprio percorso di studio fatto di riferimenti forti e chiari che li accompagneranno nelle scelte future. Le esperienze tra le più interessanti e formative svolte durante il percorso di studi universitario, che consiglierei come novità da poter inserire nella scuola di Brugnera, riguardano dei workshop estivi durante i quali, in sole tre settimane, gli studenti sono impegnati a definire un progetto e rappresentarlo correttamente. In particolare l ultimo laboratorio ha visto il progetto e realizzazione di un piccolo padiglione in legno in scala 1.1, sicuramente un esperienza diversa dalle classiche lezioni frontali universitarie. All interno di questi Atelier si formano delle vere e proprie piccole comunità e persone provenienti da paesi diversi legano tra di loro.

13 SARA ABBIATICI Nata nel anni Residenza attuale Motta di Livenza e Milano Anno diploma:2010 Attualmente è studentessa universitaria al Politecnico di Milano frequenta il corso di Design degli interni Sono uscita dalle scuole superiori con un' ottima conoscenza tecnica e professionale a livello progettuale. Credo che il punto forte della mia formazione a Brugnera sia stato il disegno tecnico. Ho acquisito una precisione tale del segno che tante volte, riguardando i miei disegni di quel periodo, mi stupisco dei livelli ai quali ero arrivata. Inoltre, ho avuto la fortuna di studiare gran parte dei maestri del design e dell'architettura e di apprezzare e capire molti dei loro lavori. Il punto debole, invece, è stata l'insufficiente conoscenza di programmi fondamentali in questo settore, quali Autocad e Solidworks poiché, una volta uscita dalla scuola, mi sono resa conto che saper usare questi programmi è indispensabile nel mondo del lavoro. Attualmente ho appena terminato il secondo anno di università alla Scuola del design del Politecnico di Milano. Ammetto che non è facile portare avanti questo tipo di studi poiché la maggior parte dei miei compagni di corso arriva dal Liceo Scientifico e sono molte le materie scientifiche con cui ci dobbiamo confrontare. Però, per quanto riguarda la progettazione, io ho una marcia in più rispetto a loro e, avendo già anni di esperienza alle spalle, mi risulta più facile e veloce affrontare queste materie. Quando mi sono diplomata sognavo di riuscire ad entrare al Politecnico (facoltà a numero chiuso con solo 315 posti per Design degli interni). Il primo anno non sono riuscita a superare il test d'ingresso. Ho quindi cercato lavoro e dopo diversi tentativi ho conosciuto una Visual merchandiser e ho iniziato a collaborare con lei nell'allestimento di mostre d'arredo, servizi fotografici di aziende locali e stand fieristici al Salone del mobile di Milano. Tutt'ora appena posso continuo a collaborare con lei e spero di mantenere i contatti anche dopo l'università perché è un settore molto interessante e coinvolgente. L anno dopo ho riprovato il test al Politecnico e sono riuscita ad entrare in questa ottima università. Spero di laurearmi a luglio Non credo che continuerò la Laurea specialistica, o per lo meno non al Politecnico, perché affrontano la progettazione in modo troppo teorico. Mi piacerebbe fare degli stage in qualche studio di architettura per farmi un'idea del mondo del lavoro e perché no, magari fare dei corsi aggiuntivi come Wedding planner o Art Buyer. Per gli studenti consiglio di proseguire gli studi perché, al giorno d'oggi la laurea è molto richiesta dalle aziende. Oppure, a chi è stanco di studiare, consiglio di seguire qualche corso aggiuntivo di modellazzione 3d e rendering, che sono molto utili e richiesti nel mondo del lavoro. Alla scuola e ai professori consiglierei di integrare l'insegnamento con programmi grafici. Secondo me, è fondamentale saper usare perfettamente programmi utili alla progettazione. Consiglio anche l uso di programmi come Illustrator e Indesign per l'impaginazione grafica dei progetti. Ho visto molto spesso idee premiate non solo per l'originalità progettuale ma anche per la qualità grafica giusta.

14 TANYA ROMAN Nata nel anni Residenza attuale: Cecchini di Pasiano Anno diploma:2009 Finite le superiori ha frequentato un corso post diploma di design industriare della durata di sei mesi. Nel 2011 si è iscritta all'università facoltà di "Design Industriale" a Pordenone. Attualmente è studentessa universitaria e docente tecnico pratico di tecnologia del legno all' Istituto Palladio di Treviso. Quando ho scelto di iscrivermi alla "scuola del mobile e dell'arredamento " non ero molto convinta di quello che stavo facendo. Quasi subito mi sono resa conto di essere in una scuola/famiglia, gli insegnanti erano sempre presenti per qualsiasi problema, ti ascoltavano e ti davano consigli su come affrontare la vista scolastica, il clima che si respirava era bellissimo. La formazione che ho ricevuto mi è servita molto sia per i miei studi che per la vita di tutti i giorni. Mi ricordo ancora le lezioni con la professoressa Di Rito sulla storia del design. Quando mi sono iscritta all'università ero una delle poche che conosceva il design italiano. E stata una gran soddisfazione. All Università sono avvantaggiata rispetto ai compagni anche per le conoscenze in disegno tecnico. Io ho una preparazione molto più ampia e molto più specifica e sapevo già usare Autocad. Penso che se tornassi indietro non cambierei niente, ho fatto delle bellissime esperienze, ho avuto la possibilità di essere eletta anche come rappresentante degli studenti, ho conosciuto professori fantastici che mi hanno insegnato moltissime cose e sono riusciti anche a farmi appassionare a determinate materie e hanno creduto molto in me, forse se non ci fossero stati magari adesso non farei quello che sto facendo. Prima di iscrivermi all'università ho lavorato per un anno in ufficio tecnico in una azienda del mobile, poi ho capito che non era quello che faceva per me e allora mi sono iscritta all'università, ho scelto "design industriale" a Pordenone e sono al secondo anno. Mi piace molto. Poi quest'anno ho avuto la possibilità di fare una bellissima esperienza nel mondo del lavoro, ho insegnato per un anno come ITP, nell' istituto per geometri "Palladio" di Treviso. In realtà quando mi sono diplomata mai avrei pensato di andare all'università e di fare la professoressa, anche perché non ero proprio la classica studentessa modello. Invece eccomi qua che racconto di come mi sto realizzando, anche se la salita ancora non è finita e ho ancora molti traguardi e altri obiettivi da raggiungere, ma pian piano c'e la farò come sono sempre riuscita a fare nella mia vita. Se devo consigliare a un ragazzo che ha appena iniziato a frequentare "la mia scuola" gli direi di ascoltare più che può, di stare attento, che ha fatto la scelta migliore, che può imparare divertendosi e che quando uscirà da quella scuola si porterà dietro un bagaglio di conoscenza non indifferente. Non ho niente da suggerire ai professori (anche se adesso lo sono anch'io ;)), spero non cambino mai che con me sono stati fantastici, (in particolare la Di Rito e Gaspardo).

15 MARCELLO SANTIN Nato nel anni Residenza attuale: Milano Anno diploma: 2004 Attualmente Impiegato presso foscarini srl / tema design Azienda Foscarini Marcon VE Tema design - San Quirino Pordenone Cosa ne pensi della formazione che hai ricevuto nella nostra scuola? Reputo la formazione della scuola del mobile molto valida soprattutto per gli aspetti pratici e l approccio veritiero al mondo del progetto, penso che non ci sia modo migliore di imparare alternando teoria alla pratica in egual quantità, credo che mi sia stato dato l esempio di come tutto possa essere progettato e realizzato con le proprie mani, quello che viene dopo è solo l aggiustaggio dei dettagli che l esperienza ti da come risultato di un percorso di perseveranza e impegno, che non dovrebbe mai finire! Avresti voluto cambiare qualche cosa? Sottolinea quelli che ritieni siano stati i punti di forza della tua preparazione e indica i punti deboli. Qual è oggi la tua attività di studio o di lavoro? Ciò che hai imparato sui nostri banchi ti è stato utile? L unica cosa che cambierei, anche se non è la parola corretta: direi piuttosto che evolverei le cose con il seguente tipo di approccio. Il modo del progetto ormai non può più vivere di una sola disciplina, ma è un continuo assorbimento di informazioni e stilemi che si hanno solo con la ricerca a tutto tondo, passando dall arte alla tecnica e soprattutto alla grafica cosa che per ora non viene affrontata in maniera esaustiva, ci vorrebbe una piccola infarinatura anche di questa importantissima disciplina di progetto. Ad oggi mi occupo di molteplici cose all interno del sisitema del design italiano, ho un impiego presso l ufficio ricerca e sviluppo dell azienda Foscarini srl e contemporaneamente seguo una piccolo marchio di complementi d arredo del Pordenonese con l incarico di art director insieme al mio ex collega ed amico Joeri Reynaert. Credo che tutto quello che si impara dietro i banchi di scuole sia utile a presindere dalla disciplina o percorso che si sceglie. Abolirei l attuale nozionismo che frena le scuole italiane. Quali erano le tue aspettative quando ti sei diplomato? E oggi, quali sono le tue attese e come pensi di raggiungere i tuoi obiettivi? Ora come ora non ricordo che cosa pensavo quando mi sono diplomato, l unica cosa di cui sono sicuro è che volevo questo e ci sto riuscendo, la gavetta lavorando con i maestri tipo Paolo Orlandini e Roberto Lucci, Sergio Calatroni ecc ecc, l impronta che mi hanno dato persone tipo Michele DeLucchi e Tobia Scarpa mentre frequentavo l università mi hanno regalato soddisfazioni numerose. Oggi vedo che il dilettantismo dilaga a dismisura e che la parola design sta velocemente perdendo il suo significato, la semiotica viene meno e i progetti si impoveriscono rendendoli deboli nel tempo, con la mia art direction cerco di cambiare questo, ma come ogni cambiamento sarà lento e probabilmente poco capito, ma scrivendo di mano mia la nuova filosofia aziendale ho modo di analizzare e auto criticare il mio stesso lavoro giorno per giorno, perché una delle molteplici regole non scritte che ho imparato è l autocritica sempre! Solo così riesco ad essere sempre puntuale e dettagliato, arrivando il più vicino possibile al risultato sperato! Cosa consiglieresti ad un giovane che frequenta la scuola superiore? Hai qualcosa da suggerire ai professori per migliorare il loro lavoro? L unica cosa che consiglio è quella di affrontare il proprio percorso con la felicità e l impegno, questo richiede passione e ognuno ne ha una, dico solo che se qualcuno vi dice che la scuola serve a poco, io rispondo che grazie a quello che ho studiato ora come ora sono soddisfatto, quindi che serva o non serva studiare, dipende da chi prende in mano il proprio percorso e non da chi segue percorsi già tracciati. Studiare serve a comprendere e capire i percorsi che esistono e che sono già stati formati, in modo che tu possa creare il tuo senza doverti allienare ai desideri altrui. Ma questo è solo un mio pensiero!

16 ALLEGA FOTO DI TUE REALIZZAZIONI DIVANO PALIO Menzione speciale Concorso young&design 2011 By Marcello Santin Per Orlandini design SERIE DI sedute Ray Per horm 1989 Progetto Orlandini Design Sviluppo totale della serie seguito interamente da me presso l azenda stessa.

17 Tavolino Botton Molto significativo perché È il primo lavoro con l azienda pordenonese Tema design. Design by Marcello Santin Joery Reynaert

18 NICOLA SCIAN Nato nel 1983 Anni: 30 Residenza attuale: Pordenone Anno diploma: 2001 Attualmente impiegato presso: studio associato di architettura Luogo: Pordenone Cosa ne pensi della formazione che hai ricevuto nella nostra scuola? In generale è difficile dire, ho frequentato solo una scuola superiore! La considero un buon punto di partenza, se si è interessati al fare e al progetto. Questa scuola mi ha insegnato a realizzare un idea, una forma, con il disegno, le mani e le macchine. In questa scuola mi hanno presentato il legno, è stato un piacere! Ricordo che una delle prime cose da fare erano gli incastri, conservo ancora gli schemi. Imparare facendo è diverso da imparare studiando, il corpo ricorda meglio. Avresti voluto cambiare qualche cosa? A posteriori, potendo aggiungere alcune materie, inserirei lo studio dei colori, la fotografia, il disegno dal vero e le tecniche di rappresentazione. Credo che la manualità artistica sia importante per progettare. Sottolinea quelli che ritieni siano stati i punti di forza della tua preparazione e indica i punti deboli. Punti di forza: buona preparazione al progetto del mobile industriale ed uso del disegno tecnico (manuale ed assistito), buona formazione professionale, rapporto diretto con le realtà produttive circostanti. È una scuola ben aggiornata, soprattutto per i metodi e i software di disegno. Si impara presto a fare cose molto tecniche e specialistiche. La scuola fornisce una buona cultura del progetto, dall idea alla realizzazione. Punti deboli: tra le materie manca la filosofia! Qual è oggi la tua attività di studio o di lavoro? Collaboro con una società di architettura, composta da diverse figure professionali. Mi occupo di progettazione. Ciò che hai imparato sui nostri banchi ti è stato utile? Si, non si butta niente! La familiarità con i materiali, il controllo del progetto attraverso la rappresentazione e la dimestichezza con le soluzioni tecniche sono un ottimo bagaglio culturale. Quali erano le tue aspettative quando ti sei diplomato? Lavorare, ma un professore incoraggiante mi ha indicato l università. E oggi, quali sono le tue attese e come pensi di raggiungere i tuoi obiettivi? Fare bene il mio lavoro; lavorando, studiando. Cosa consiglieresti ad un giovane che frequenta la scuola superiore? Viaggiare, quando possibile. Imparare qualche lingua. Capire cosa si vuol fare una volta finita la scuola. Hai qualcosa da suggerire ai professori per migliorare il loro lavoro? Professori udite! Insegnate la meraviglia e la curiosità! Considerate il lavoro di insegnante come rischiosissimo e pericolosissimo! Fate di ogni studente un buon insegnante! Ovviamente, ciascuno a suo modo.

19 GIULIA TURBIAN Nata nel anni Residenza attuale: Dublino Irlanda Anno diploma:2009 Laureata nel 2013 in Management del Progetto - IUAV Venezia Attualmente ragazza aupair e studentessa universitaria di Architettura Cosa ne pensi della formazione che hai ricevuto nella nostra scuola? Il mio percorso scolastico è stato un percorso sereno e coinvolgente sotto i più diversi aspetti. Se qualche volta non ho mostrato interesse verso alcune discipline era perché alcuni professori, a mio avviso, non erano adeguatamente preparati e coinvolti nel proprio lavoro. Ogni docente dovrebbe trasmettere il proprio sapere con cognizione di causa, entusiasmo e sopratutto deve amare l insegnamento. Certo è che ancor oggi ricordo con estrema felicità il mio percorso di studi. Avresti voluto cambiare qualche cosa? Anche se la Scuola del Mobile è un istituto tecnico/professionale credo che si dovrebbero fornire agli studenti basi più solide in campo umanistico e culturale. Inoltre mi sento di suggerire uno sviluppo dell'insegnamento della lingua inglese. Non basta solo lo sviluppo del vocabolario specifico del settore del mobile e dell'arredamento, si deve fornire una solida base grammaticale e apprendere le espressioni più comunemente usate nella vita di tutti i giorni. Sottolinea quelli che ritieni siano stati i punti di forza della tua preparazione e indica i punti deboli. I punti di forza della mia preparazione sono stati la qualità e l efficacia del disegno tecnico a mano libera e con strumenti informatici. Qual è oggi la tua attività di studio o di lavoro? Ciò che hai imparato sui nostri banchi ti è stato utile? Nel marzo del 2012 mi sono laureata in Management del progetto presso l'università IUAV di Venezia. Percorso di studi entusiasmante volto a formare una figura che si occupi di coordinare i diversi aspetti della progettazione architettonica ed acquisire la sensibilità sotto diversi aspetti quali progettuali, tecnologici, ingegneristici ed economico/valutativi, sviluppando così una particolare capacità nella gestione di processi di costruzione e gestione delle opere. La preparazione in disegno tecnico e l'uso di programmi come il Cad è stata fondamentale. Ritengo d'esser stata avvantaggiata rispetto ad altri compagni di corso, in quanto la mia preparazione in ambito tecnico-illustrativo mi ha permesso di gestire facilmente i primi esami universitari. Mi sono trovata svantaggiata negli altri ambiti. Quali erano le tue aspettative quando ti sei diplomato? E oggi, quali sono le tue attese e come pensi di raggiungere i tuoi obiettivi? Ricordo con chiarezza che molti dei miei amici erano certi di volersi iscrivere all'università e oramai da tempo gestivano le più diverse pratiche per i test di ammissione, chi al corso di disegno industriale e chi a quello di architettura. Molti altri invece erano certi di volersi affacciare al mondo del lavoro. Mentre con realismo studiavo strategie per il mio futuro rimasi colpita dal nuovo piano di studi che l'università di Venezia promuoveva: Management del Progetto :una nuova figura nel campo architettonico. Con una certa apprensione decisi di iscrivermi al test di ammissione. E andata bene al primo colpo. Dieci giorni dopo la laurea sono partita per Dublino. Dovevo fermarmi solo tre mesi, ma ho trovato lavoro e oggi sono ancora in Irlanda con un lavoro stupendo ed una seconda famiglia meravigliosa.

20 Oltre a vivere la vita giorno dopo giorno cerco di guardare al mio futuro più vicino, per questo al mio rientro in Italia inizierò nuovamente un percorso universitario che mi porterà a conseguire il diploma di laurea magistrale e concludere i miei studi. Credo che viaggiare dia nella vita la più ampia possibilità di crescita e la certezza di tornare a casa con una ricchezza e un'aurea diversa. Cosa consiglieresti ad un giovane che frequenta la scuola superiore? Hai qualcosa da suggerire ai professori per migliorare il loro lavoro? Direi semplicemente di trarre profitto da ogni minuto che si trascorre all'interno della scuola. All'inizio non capirai perché, ma quando affronterai la routine quotidiana sia nello studio che nel lavoro ringrazierai ogni suggerimento che ricorderai e che ti aiuterà a superare gli ostacoli. Fare lo studente non è certamente un lavoro facile, ma allo stesso tempo non pensare di svegliarti la mattina solo per sederti sul banco ripetendo nella tua testa "non mi interessa ciò di cui stai parlando, preferisco pensare ai fatti miei". Purtroppo è un errore che facciamo in tanti e si tratta di ingenuità. Cerca invece di entrare in classe con il desiderio di imparare qualcosa di nuovo che ti servirà nel costruire il tuo personale bagaglio tecnico-culturale. Direi a tutti i docenti di trasmettere passione per le materie che si insegnano. Rendete le lezioni coinvolgenti ed armoniche, non sedetevi mai alla cattedra a leggere solamente ciò che il libro riporta. Non smettere mai di interessarsi alle novità, dovete aggiornare continuamente il vostro sapere e trasmettere agli studenti sempre qualche cosa di nuovo.

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project TWUM-ANTWI KWUKU Età: 29 anni Ho finito la scuola superiore 5 anni fa nella regione Ashanti con un buon punteggio ma, per mancanza di denaro, non ho potuto continuare a studiare. Ho deciso quindi di lavorare

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? A cura dell I.I.S.S. di LERCARA FRIDDI A.S.2013-2014 Progetto P.O.F. UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI! DOCENTE: Terrasi Francesca Nuovo impianto organizzativo

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 100 E LODE VIGLIANI VALENTINA 5B 100/100 GATTUSO GIANLUCA 5 A PERRERO JESSICA 5 B CARIGNANO SILVIA 5 C 100/100 CIVIDINO DAVIDE 5C CIELO ANDREA 5 D RIZZA DAVIDE 5 D

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA 1 INS. BORTOLATO GIUSEPPINA CLASSE E7 RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA Il progetto LA STORIA OLTRE LA STORIA è stato realizzato per far comprendere al bambino, che quando, ci sono modifiche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

la strada della Istruzione Artistica

la strada della Istruzione Artistica la strada della Istruzione Artistica Come viverci senza problemi... In questo percorso è necessario essere disponibili ad andare a scuola per un monte ore settimanale di circa 40 ore, per cui è probabile

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Guida del tutor Associazione LECCO 100

Guida del tutor Associazione LECCO 100 Guida del tutor Associazione LECCO 100 Sommario INTRODUZIONE... 3 Dediche dagli allievi ai tutor... 4 GLI OBIETTIVI... 6 LE REGOLE... 7 LE ATTIVITÀ... 8 La preparazione... 8 La giornata con l'allievo...

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

SCUOLE APERTE I.S.I.S. A. MALIGNANI UDINE GUIDA ALL ORIENTAMENTO. Anno scolastico 2014 > 2015

SCUOLE APERTE I.S.I.S. A. MALIGNANI UDINE GUIDA ALL ORIENTAMENTO. Anno scolastico 2014 > 2015 I.S.I.S. A. MALIGNANI UDINE Sede SAN GIOVANNI AL NATISONE LICEO SCIENTIFICO Opzione Scienze Applicate alle tecnologie dell arredo IeFP ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Qualifica triennale Operatore

Dettagli

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 Ho seguito, insieme ai miei alunni, due percorsi differenti che poi si

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali Studenti che hanno conseguito la laurea specialistica nell anno solare 2009 Questa indagine statistica

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Le opinioni degli studenti raccolte tramite i gruppi Facebook Sondaggio promosso dai Rappresentati degli Studenti nel

Dettagli

Diventano grandi: è l ora delle scelte!

Diventano grandi: è l ora delle scelte! Diventano grandi: è l ora delle scelte! 1. Il significato dell orientamento oggi 2. Quali ingredienti per un buon orientamento 3. La riforma scolastica in breve 4. Progetti di orientamento 1 1. Il significato

Dettagli

TIMSS 2011. Questionario studente. Scuola secondaria di I grado classe terza. School ID: School Name:

TIMSS 2011. Questionario studente. Scuola secondaria di I grado classe terza. School ID: School Name: Identification Etichetta identificativa Label School ID: School Name: TIMSS 2011 Questionario studente Scuola secondaria di I grado classe terza Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari NUMERO 04 MARZO 2010 il punto G del gioco ZERO ASSOLUTO CASINÒ DI SANREMO SPECIALE ENADA SPECIALE ENADA Il gioco ritorna in fiera POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari numero 04 marzo 2010 PAMELA

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

PROGETTO DI STAGE a.f. 2014 2015

PROGETTO DI STAGE a.f. 2014 2015 PROGETTO DI STAGE a.f. 2014 2015 Indice Premessa pag. 3 Capitolo I: presentazione pag. 4 Capitolo II: descrizione dell'azienda pag. 6 Capitolo III: analisi dello stage pag. 7 Conclusioni pag. 8 2 Premessa

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

1. Come è nata l esperienza

1. Come è nata l esperienza Storia di una collaborazione di Maurizio Cattaneo, docente di sostegno pedagogico e Antonella Frezza, docente di matematica Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola media, no. 12, marzo

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Newsletter Ufficio Programmi Internazionali

Newsletter Ufficio Programmi Internazionali Newsletter Ufficio Programmi Internazionali Università degli Studi di Bergamo 01/04/2015 Bimestrale, Numero 3 Studenti Selezionati per mobilità Erasmus o extra UE: cosa fare Mobilità per tirocinio: Application

Dettagli

CORSO di COACHING PROFESSIONALE CORSO RICONOSCIUTO DALLA PIÙ IMPORTANTE ASSOCIAZIONE ITALIANA COACH PROFESSIONISTI

CORSO di COACHING PROFESSIONALE CORSO RICONOSCIUTO DALLA PIÙ IMPORTANTE ASSOCIAZIONE ITALIANA COACH PROFESSIONISTI CORSO di COACHING PROFESSIONALE II EDIZIONE GENOVA Genova piazza colombo 3 - info@xelon.org CORSO RICONOSCIUTO DALLA PIÙ IMPORTANTE ASSOCIAZIONE ITALIANA COACH PROFESSIONISTI La figura in uscita dal percorso

Dettagli

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle proteste dei docenti contro le ultime disposizioni del governo, avevamo deciso di non offrire nessuna attività extra-

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Introduzione Surfing time,navigare nel tempo, è stato il filo conduttore che il consiglio di classe si è dato per sviluppare il progetto, come illustrato nella mappa inserita nel documento di progettazione.

Dettagli

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione Heinrich Lintze - Brema Altes Gymnasium Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione 1 la struttura della pubblica istruzione in Germania e gli ultimi sviluppi 1.1 cultura

Dettagli

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013 Elenco e Programmi dei candidati ISIA Firenze, aprile 2010 ELENCO DEI CANDIDATI PER LA CONSULTA DEGLI STUDENTI TRIENNIO 2010-2013

Dettagli

Casi pratici di comunicazione per il farmacista

Casi pratici di comunicazione per il farmacista Casi pratici di comunicazione per il farmacista 1 Premessa e Punti di vista Un futuro farmacista viene addestrato, ma vuol dire la sua opinione La storia Farmacia lunedì mattina ore 8.15 Buon giorno. Si

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli