rapine, la città si difende

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "rapine, la città si difende"

Transcript

1 SGRT notizie Q colonne Quattro Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in A.P. 70% regime libero ANNO XXII n OttObre 2013 AUt.Dr/CbPA/CeNtrO1 VALIDA DAL 27/04/07 Cronaca Aumenta il numero dei sistemi di allarme installati in casa dei perugini rapine, la città si difende Intanto riprende a Firenze il processo per l omicidio di Meredith che sconvolse Perugia sei anni fa negli ultimi tre anni sono cresciuti i casi di furti violenti. a perugia i proprietari cercano di proteggersi come possono, ma prevenire una rapina non è certo cosa semplice. nel frattempo di nuovo a giudizio Knox e sollecito dopo l annullamento dell assoluzione. servizi alle pagg. 2-3 «Q Conversazioni Quando piange il telefono uando chiami tu mi dice sempre: digli che non ci sono». Un inconsolabile innamorato resta appeso alla cornetta a parlare con una bambina, mentre la madre si nega. Piangeva il telefono di Domenico Modugno, che lo cantava nel E piange oggi, sommerso da trilli sempre più indiscreti ai quali, però, ci si può facilmente sottrarre. Un tempo si trascorrevano ore in casa, inchiodati al telefono, temendo che non suonasse. Ora che ci squilla in tasca, è la telefonata a spaventarci. Un clic per rispondere, ovunque siamo. Lo stesso con cui si può declinare una chiamata, anche se non è indesiderata. Come fosse un peso, e non un piacere, l essere cercati da qualcuno che desidera dialogare con noi, reclamando qualche minuto del nostro tempo, da concedere a fatica. Eppure, in media, trascorriamo con lo smartphone in mano un terzo della nostra giornata. Ma non a parlare. Dita frenetiche si intrecciano sulla tastiera per digitare , chat e messaggi. Ubiqui e immediati. Una tastiera che ci invita, seduttiva, a connetterci virtualmente al mondo intero. Cattura la nostra attenzione, perché non la pretende. Ci si aggrappa alle parole scritte su di lei, come ad accarezzare le nostre solitudini, a preservarci dal contatto fisico con l altro, che ci consuma. C è da rimpiangere la sfuriata con l impiegato del call center, quando si inveisce contro la voce metallica e preregistrata del servizio clienti. Abbiamo rincorso la smania di essere sempre raggiungibili per divenirlo, paradossalmente, sempre di meno. alessandra Borella PALLAVOLO Arriva dalla Formula 1 il manager che fa volare il Todi femminile in B1 servizio a pag. 6 Inchiesta niente crisi per il matrimonio «Vi dichiaro marito e moglie»: la cerimonia, il rito, il sogno e le spese nonostante i dati Istat fotografino la progressiva diminuzione delle unioni celebrate in chiesa, il sogno di convolare a nozze non tramonta mai. Che a spiegarlo sia un sacredote, una fresca sposa o una sociologa della famiglia, la PASSIONI Il sì di Chandler e MonICa, protagonisti della famosa serie tv friends riends Armature spade e balestre: viaggio a Gubbio, nel negozio dove rivive il Medioevo servizio a pag. 8 forza della tradizione resiste al passare degli anni. tanto che c è chi arriva a chiedere in banca prestiti da 10 mila euro pur di fare del proprio matrimonio una cerimonia da favola. Una favola, però, da organizzare nei minimi dettagli. servizi alle pagg. 4-5 GIOVANI TALENTI Scherma, basket, tennis, judo: ecco chi sono le promesse umbre servizio a pag. 7 «C neomamme parcheggi gratuiti se hai il pancione era una vodka sempre in mano e oggi c è un bimbo di sei mesi». È una mamma che non si sente tanto mamma Lucrezia Sarnari, rimasta incinta a trent anni, sola e con un lavoro precario a Perugia. Mille dubbi, mille paure. E la sensazione che un passo del genere avrebbe potuto essere vissuto con meno disagi se solo avesse saputo delle facilitazioni alle quali aveva diritto. I medici spesso danno per scontate cose che non lo sono. Esiste un servizio consultoriale gratuito e accessibile anche senza prescrizione del medico di famiglia, né una prenotazione al Cup. Semplice, comodo, a saperlo. Come sarebbe stato utile sapere che le analisi e le ecografie, a Perugia, vanno prenotate con largo anticipo perché altrimenti si rischia di avere due appuntamenti lo stesso giorno: quello per l ecografia morfologica e quello per il parto. E anche gli enti locali potrebbero informare di più. Il Comune di Perugia dovrebbe pubblicizzare meglio il fatto che mette a disposizione delle donne un permesso rosa che consente la sosta gratuita nelle aree blu, la sosta illimitata nei parcheggi col disco orario, il transito e la sosta gratuita nelle aree Ztl all interno di tutto il territorio comunale. Il permesso viene rilasciato dal sesto mese di gravidanza fino al sesto mese del neonato e, valido per due targhe, è utilizzabile anche dal padre. Per ottenerlo la procedura è semplice. Basta consegnare all ufficio Permessi del Comune la domanda con allegato il certificato medico. Niente altro. fotografia ValentIna rossini Umbria, immagini d autore e iphone Quando la pellicola diventa pixel, la foto d autore si confronta con un mondo di fotografi improvvisati, un tempo nascosti dietro una piccola fotocamera automatica, oggi capaci di raccontarci il mondo in un clic. Così, se l Umbria più spirituale e suggestiva viene impressa sulla pellicola di uno dei mostri sacri della fotografia, Steve McCurry, l Umbria meno conosciuta arriva, corredata di hashtag, direttamente sui social network. Twitter, Instagram, Facebook. Un clic per scattare, un clic per inviare le foto in rete. L ultimo concorso lanciato in regione, marcaato dall hashtag #YOUmbria, ha raccolto oltre 5mila foto. È il fenomeno degli instagramers, soprannominati igers. L altro lato della fotografia per un fine che è lo stesso delle cento fotografie scattate da Steve McCurry per il progetto Sensational Umbria : promuovere la bellezza del paesaggio umbro. Dalla pellicola di una reflex ai pixel di uno smartphone. Un clic e il gioco è fatto: la tecnologia fissa sullo schermo lo sguardo del cittadino comune. Sensational Umbria e #YOUmbria: se in una si vive la spiritualità dei luoghi di Francesco d Assisi, nell altra si racconta la vita quotidiana. E non è un caso che entrambe le iniziative promuovano allo stesso modo la candidatura di Perugia-Assisi come capitale della cultura Sintesi di due mondi che ormai convivono con successo. CeCIlIa andrea BaCCI

2 2 CRONACA 31 OttOBRE 2013 La prima udienza del nuovo processo si è tenuta il 30 settembre. Depositati i risultati della perizia sul coltello di Raffaele Meredith, si riparte da firenze Assenti i due imputati: Raffaele è a Santo Domingo. Amanda, ormai negli Usa, non sembra avere intenzione di tornare in Italia Una nuova perizia sul coltello che l accusa considera l arma del delitto. E la testimonianza del pentito di camorra Luciano Aviello, che in primo grado aveva accusato dell omicidio suo fratello, nel frattempo morto. Sono questi gli elementi nuovi da cui è ripartito il quarto processo a Raffaele Sollecito e Amanda Knox, dopo che a marzo la Cassazione aveva annullato le assoluzioni dei due giovani che erano state decise in appello, nell ottobre Il procedimento, dopo il colpo di scena della scorsa primavera, ha preso il via dalla Corte di assise di Firenze: obbligato lo spostamento da Perugia, visto che nel capoluogo umbro c è una sola corte di appello. Il 30 settembre scorso la prima udienza, con i due imputati entrambi assenti, e dichiarati contumaci. Amanda, subito dopo l assoluzione di Sul coltello sono state ritrovate solo tracce del Dna di Amanda due anni fa, è tornata nella sua Seattle, e sembra non avere nessuna intenzione di venire in Italia per il processo. Sollecito, che si trova a Santo Domingo per motivi di studio e lavoro, ha invece fatto sapere, tramite la sua legale Giulia Bongiorno, che potrebbe presentarsi a sorpresa in aula per il terzo dibattimento, il 6 novembre. La perizia su quel coltello che per l accusa ha ucciso Meredith Kercher è stata depositata dai Ris il 30 ottobre, e i risultati saranno discussi in aula il 6. Le indiscrezioni della vigilia sono state confermate, come spiega Luciano Ghirga, principale avvocato di Amanda Knox: «Sul coltello ci sono solo alcune tracce del Dna di Amanda, una cosa perfettamente normale visto che la ragazza lo usava per cucinare a casa del suo fidanzato dell epoca, Raffaele». Ghirga non nasconde una certa soddisfazione per l esito di un esame che l accusa considerava cruciale, visto che eventuali tracce di Dna di Meredith o Rudy Guedè su un coltello ritrovato a casa di Sollecito sarebbero risultate quasi schiaccianti: «Hanno cercato di segnare un bel colpo, ma il tentativo è andato a vuoto. Ora diranno che il reperto si doveva esaminare prima, ma le tracce di Dna erano state considerate minime, e comunque in precedenza nessuno aveva chiesto di prenderlo in considerazione.» Luciano Aviello è stato ascoltato nella seconda udienza, il 4 ottobre. L ex collaboratore di giustizia, che in passato era stato compagno di cella di Sollecito, è tornato ad accusare suo fratello Antonio, anche lui camorrista e morto anni fa, dell omicidio di Meredith. Secondo Aviello, che ha dichiarato di chiamarsi Lucia e di essere in attesa di un cambio di sesso, la giovane inglese sarebbe stata uccisa durante una rapina da suo fratello e da un uomo albanese, e Amanda e Raffaele sarebbero totalmente estranei. Il testimone, che negli scorsi processi era stato indagato per calunnia per le sue dichiarazioni, ha spesso ritrattato la sua versione, e non viene, quindi, considerato attendibile neanche dagli avvocati dei due imputati. La verità giudiziaria su quella notte di sei anni fa arriverà, se finalmente si riuscirà a raggiungerla, dalle tracce ritrovate sul luogo del delitto. Indizi che avevano inizialmente inchiodato Raffaele e Amanda, poi ritenuti inattendibili dalle nuove perizie decise in appello. Ma in seguito la Cassazione ha demolito le prove scientifiche su cui si è basata la sentenza di secondo grado, e ha messo in relazione con l omicidio il tentativo di Amanda di depistare le indagini accusando il congolese Patrick Lumumba: un successo per l accusa, che ha visto accogliere tutte le sue richieste. L unico punto fermo, finora, è la condanna definitiva di Rudy Guede per concorso in omicidio. Ma chi ha agito con lui? Questa è la domanda a cui si cercherà di rispondere. antonello paciolla la notte dell omicidio Meredith Kercher è uccisa la notte tra il primo e il due novembre sul posto la polizia trova la coinquilina amanda Knox e il fidanzato, l italiano raffaele sollecito. le loro versioni dei fatti non sono ritenute attendibili e vengono arrestati. rudy guede, amico di amanda la cui presenza viene attestata sul luogo del delitto, viene raggiunto in germania. le prime condanne nel 2009 amanda e raffaele vengono condannati in pri - mo grado, rispettivamente a 26 e 25 anni. rudy guede sceglie il rito abbreviato e per lui la pena è di 30 anni, ridotti a 16 in via definitiva dalla Cas - sazione nel le sentenze parlano di un movente erotico sessuale violento. ad incastrarli, le tracce di dna ritrovate sul luogo dell omicidio. l assoluzione la prima svolta arriva nell ottobre del 2011: la Corte d assise di appello di perugia condanna amanda per calunnia ma scagiona lei e sollecito dall accusa di omicidio. amanda torna subito negli Usa. le nuove perizie hanno rovesciato completamente la sentenza di primo grado, smentendo la loro presenza al momento del delitto. angelo o diavolo? amanda vista da vicino La giovane è ormai una star mentre l opinione pubblica, in Italia e Usa, resta divisa su di lei amanda Knox Film, libri, documentari, trasmissioni televisive. L attenzione mediatica nei suoi confronti è stata, a tratti, morbosa. E torna, prepotente, non appena riappare in pubblico qualcosa che la riguarda. Che sia la pubblicazione delle sue confessioni o l annullamento della sentenza che l ha assolta dall accusa di omicidio. Come spesso accade per gli scottanti casi di cronaca, quasi ci si dimentica della vittima mentre i media si concentrano sul principale indiziato. E l opinione pubblica si divide tra innocentisti e colpevolisti. Questo è un po quanto accaduto ad Amanda Knox, tendenzialmente etichettata come colpevole dall opinione pubblica italiana. Sarà per le accuse, totalmente infondate da lei rivolte a Patrick Lumumba. O per quello sguardo sveglio e furbo in quel viso angelico. Così ne parla Leo, cantante degli Hot, gruppo rock di Orvieto. «Abbiamo suonato per la prima volta nel carcere di Perugia l 8 marzo 2011». Da allora è iniziato, tra i due, un rapporto epistolare costante sfociato poi in una collaborazione. «Ad Amanda piaceva una nostra canzone che parla di libertà e ci ha dato delle idee per la sceneggiatura del videoclip». Nel video trovano spazio anche delle immagini girate durante i concerti degli Hot a Capanne. Nel pubblico si nota l illustre detenuta, che canta e balla. Lei è inizialmente d accordo per la pubblicazione del video così com è, ma la firma di Amanda Knox e le scene che la riprendono nel carcere fanno gola a molti. Da più parti arrivano offerte di denaro al gruppo rock in cambio della cessione dei diritti, ma la band si dimostra sempre contraria. Intanto, Amanda è stata dichiarata innocente ed è tornata a Seattle. «Da quel momento ci è sembrata un po cambiata, più attenta alla costruzione del suo personaggio e ai risvolti economici che tutta questa storia poteva portare» continua Leo. Gli Hot le inviano il video finito ma Amanda chiede di rimuovere le immagini del carcere con le quali, conclude il cantante, «lei e il suo entourage vedevano evaporare la loro esclusiva sui diritti d immagine». Anche Rocco Girlanda, sottosegretario al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, ha conosciuto personalmente Amanda, che definisce una ragazza intelligente e colta, diversa, in termini positivi, dalla sue coetanee. «All epoca, ero presidente della Fondazione Italia-Usa. A quel primo colloquio ne sono seguiti altri fino ad instaurare con lei una vera e propria amicizia». Da questa esperienza è scaturito un libro: Io vengo con te. Colloqui in carcere con Amanda Knox. Non c era in aula Amanda il 30 settembre, quando a Firenze si è aperto il nuovo processo. «Non tornerà mai in Italia», dice Barbie Latza Nadeau, giornalista americana autrice di un libro su Amanda Knox dal titolo Faccia d angelo.. La posizione della giornalista si discosta notevolmente da quella dominante tra l opinione pubblica americana, da sempre schierata a difesa della giovane connazionale. Persino l allora segretario di stato Hillary Clinton aveva espresso il suo forte scetticismo sulla condanna di Amanda. Secondo la Nadeau, Amanda ha posto molta cura e attenzione nella costruzione della propria immagine: «Ha ingaggiato come portavoce un vero guru delle pubbliche relazioni, David Marriott. È incaricato di tradurre in inglese tutta la documentazione relativa al processo. Così ha modellato i testi, riscrivendoli in modo tale che favorissero la propria cliente. Questi testi sono poi circolati per tutti gli Stati Uniti contribuendo non poco a costruire un immagine distorta che ha fatto passare Amanda come una vittima del sistema giudiziario italiano». Al libro della Nadeau è ispirato un film le cui riprese inizieranno a novembre a Firenze, sotto la direzione del regista inglese Michael Winterbottom. «Il mio libro si basa sui fatti, non su interpretazioni. Per questo spero che attraverso il libro e il film che ne verrà tratto, l opinione pubblica americana possa finalmente conoscere tutta la verità e non solo una parte dei fatti». antonella spinelli tutto da rifare a marzo del 2013, la Cassazione accoglie il ricorso presentato dalla procura di perugia. le sentenze di assoluzione del processo di appello vengono annullate e il procedimento è rinviato alla Corte di assise di appello. Il 30 settembre si è tenuta la prima udienza al tribunale di firenze. amanda Knox e raffaele sollecito erano assenti. gli altri protagonisti Patrick lumumba: «Amanda è colpevole, altrimenti non mi avrebbe calunniato». Così si esprime l ex datore di lavoro della giovane americana. «In questa vicenda ci sono due vittime: la prima è Meredith, la seconda sono io». Lumumba ora vive in Polonia con la sua famiglia. La Corte d appello di Perugia ha stabilito un risarcimento di 8000 euro per l ingiusta detenzione di 14 giorni. Il suo avvocato ne aveva chiesto 516mila. Rudy guede: originario della Costa d Avorio ma arrivato in Italia da piccolo. Aveva 23 anni all epoca dei fatti. Venne arrestato in Germania, dove era fuggito, un mese dopo la morte di Meredith Kercher. Ha chiesto il rito abbreviato. Sta scontando una pena di 16 anni.i dirigenti del carcere di Viterbo dov è detenuto lo definiscono un detenuto modello, assiduo frequentatore della biblioteca. R affaele sollecito: l annullamento delle assoluzioni è arrivato proprio il giorno del suo ventinovesimo compleanno, quando ormai pensava solo a rifarsi una vita. Adesso il ragazzo pugliese laureato in Informatica è a Santo Domingo per imparare lo spagnolo, dice, e progettare il suo futuro lavorativo. Sollecito ha detto che vuole un futuro lontano dall Italia. Dove, però, è ripartito il processo che su quel futuro dovrà decidere.

3 31 OttOBRE 2013 CRONACA 3 Case a soqquadro, spariscono gioielli soldi e ricordi. Ma a lasciare le cicatrici più profonde sono le minacce e la violenza dei rapinatori rapine, l incubo dei perugini Tutto inizia nel 2010, negli ultimi anni i colpi nelle abitazioni sono sensibilmente aumentati e con essi l ansia di essere le prossime vittime toccherà a me sta notte? A elencare gli ultimi casi di furti e rapine nel Perugino, sembra di leggere un bollettino di guerra. Lo sanno bene i residenti lungo quel tratto della strada Marscianese che va da Montebello a San Martino in Colle. I derubati iniziano a confrontare le proprie esperienze in assemblee pubbliche e addirittura alcuni sono stati ricevuti nel comando provinciale dei carabinieri di piazzale Bove. Si sono messi a disposizione delle forze di sicurezza pur di arginare il fenomeno che negli ultimi tempi sta terrorizzando non poche famiglie. A dar loro ragione sono anche le statistiche. La sicurezza resta uno dei nodi dolenti per Perugia, appena 68esima nella classifica delle province criminali de Il Sole 24Ore. Il dato più allarmante è quello relativo alla crescita dei furti nelle case (+ 47,5%), come evidenziato da altri studi. Finiti i tempi dei ladri professionisti, che sparivano senza lasciar traccia. I moderni malviventi molto spesso sono bande alle prime armi: entrano nelle case con l obiettivo di arraffare quanto più possibile. Non vivono nelle zone che hanno intenzione di colpire, ma prendono di mira un determinato territorio con l aiuto del basista. Sono squadre modulari, formate da alcune figure fisse e altri elementi che vengono ingaggiati a seconda del tipo di colpo da sferrarelo scopo è quello di massimizzare i bottini nel minor tempo possibile. In parecchi casi, però, non sono in grado di gestire la tensione. Questo è uno dei motivi per cui negli NON DESIDERARE LA ROBA D ALTRI furto: in base all art. 624 bis del codice penale si rischiano da uno a sei anni di reclusione e una multa che può andare dai 309 ai euro. La pena può arrivare fino a 10 anni di carcere laddove siano rilevate circostanze aggravanti: tra queste il possesso di armi o narcotici anche se non ne viene fatto uso. rapina: secondo l art.628 del codice sono previsti da tre a 10 anni di galera e una multa che può arrivare fino a euro. Se il rapinatore fa in modo che il malcapitato non sia in grado di reagire, o lo minaccia con arma, può addirittura guadagnarsi fino a 20 anni di reclusione. «Quella notte mi perseguita» Parla la madre di Luca Rosi, ucciso per aver difeso i suoi cari Sono i ricordi il peggior nemico di Ivana Rosi, che ha perso il figlio Luca poco più di un anno fa, ucciso a colpi di pistola durante una rapina in villa. I ricordi di quella notte le si sono infilati dentro, incastrati così in profondità che non c è modo di tirarli fuori e lì rimangono, destinati a infettarle l esistenza come delle schegge sotto pelle. «Mi emoziono, non riesco a parlarne», è questa la sua premessa, la voce che già si incrina un poco. Eppure le parole sgorgano, si inceppano e si alternano con i singhiozzi, ma continuano a scivolare oltre le sue labbra una dopo l altra, a dipingere il quadro di quella notte che non riesce a dimenticare. Luca Rosi è morto nella villetta dei genitori, la sera del 2 marzo Di solito passava di lì il sabato o la domenica, ma quel venerdì era andato a trovare la madre che aveva un ginocchio dolorante. Con lui c era la sua fidanzata, Mery Mirabassi, e a casa c era anche il nipotino, figlio della sorella Mariagrazia. «Quando ci si mette il destino!», esclama Ivana, il respiro che si rompe intorno a un singhiozzo. Racconta che poco prima che entrassero i rapinatori Luca e Mery stavano per andar via, ma non hanno fatto in tempo. I rapinatori hanno fatto irruzione e Luca ha opposto resistenza, preoccupato per i suoi cari; voleva difendere la sua ragazza, il ricordo della rapina-stupro di Resina ancora fresco. È stato allora che i rapinatori lo hanno trascinato in un altra stanza e gli hanno sparato. Sono queste le scene che la signora Rosi dice di rivivere giorno dopo giorno. Il semplice, e atroce, fatto di vivere nella casa in cui tutto è accaduto è sufficiente per garantire che i ricordi non sbiadiscano mai. «È un dolore terribile ed è sempre vivo nella mia mente Ivana tenta di spiegare Ormai la mia vita è così, con i ricordi». Un film costantemente rimandato al punto di partenza, gli stessi fotogrammi che si ripetono sempre più vividi. «Più si va avanti, più ho tutto vivo nella mente», dice. Al piano di sopra ci sono ancora tutte le cose di Luca. Sotto il dolore di una madre che non può evitare di domandarsi «perché lui, perché non io», c è anche l incredulità, l incapacità di capire il perché di quella violenza. Non solo perché «a una morte per malattia ti ci prepari, ma a una cosa così mai», ma anche perché fino a qualche anno fa lei e la sua famiglia non si immaginavano di poter diventare vittime di una rapina così violenta. «tenevamo sempre tutto aperto qui», ricorda Ivana, mentre adesso gli episodi di questo tipo sono aumentati e con essi la paura della gente. Sono tante le domande che la signora Ivana si pone nel suo calvario quotidiano, ma quando il nipotino le chiede di quella notte di inizio marzo non sa cosa rispondere. la signora IVana rosi, Madre di luca CaterIna VIlla ultimi anni i classici furti in villa hanno ceduto il passo a episodi che hanno scioccato le coscienze di una città che non era stata abituata a tanta efferatezza. Marco Chiacchiera, capo della Mobile di Perugia, spiega che tutto è iniziato all incirca tre anni fa. «Nell inverno 2010 abbiamo avuto la prima ondata, oltre 15 colpi in pochissimo tempo e in un area circoscritta. tra gli sfortunati c è stato anche l allenatore Serse Cosmi. Abbiamo capito che si trattava di un unica banda, che alla fine siamo riusciti ad arrestare». Quello che sembrava un capitolo chiuso si è però riaperto a distanza di alcuni mesi. Il 2012 è l anno degli omicidi di Ramazzano e Cenerente nel giro di poche settimane. La prima impressione è quella di un escalation di violenza, ma non sembra esserci un filo rosso che colleghi questi casi. Come sottolineano in questura, occorre fare riferimento ai singoli episodi. Di volta in volta, infatti, tutto dipende dalla personalità dei rapinatori. Allo stesso modo, non è scontato che ci sia un legame così forte tra l aumento di furti e la crisi economica. «È ovvio che in queste situazioni sia inevitabile immedesimarsi, dal momento che le famiglie colpite sono assolutamente normali continua Chiacchiera Se ci si pensa quasi tutti una volta nella vita hanno subito almeno un furto. Ma una cosa sono le emozioni e un altra l analisi obiettiva dei fatti». Prevenire un furto o una rapina non è cosa semplice, molto spesso per sgominare una banda sono necessarie lunghe indagini, che contrastano con l esigenza di dare una risposta immediata a cittadini spaventati. Cogliere in flagranza il ladro spesso non basta, perché ne deriva una pena più lieve rispetto a quella prevista laddove ci siano prove di un attività continuata. «Sappiamo chi sono, pensiamo di conoscere i loro basisti conclude Chiacchiera - ma a volte ci sembra davvero una lotta contro il tempo». alessia MarzI CaterIna VIlla antifurti: quanto costa la paura Per sentirsi al sicuro sempre più famiglie non badano a spese SSistemi di allarme perimetrali, doppi vetri, porte blindate e serrature di ultima generazione. Le famiglie perugine non si sentono al sicuro e sempre più persone scelgono di armarsi e allarmarsi. Come? Rivolgendosi a imprese che offrono sistemi antifurto con soluzioni (più o meno) per tutte le tasche. Così si finisce per pagare quella che sembra essere una vera e propria tassa occulta sulla sicurezza, a beneficio di un industria che non conosce crisi. I fratelli Valeri lavorano nel settore e non hanno dubbi: negli ultimi tre anni si è registrato un sensibile aumento della domanda. «Una volta i nostri clienti erano solo i proprietari di villette isolate, in campagna, oggi invece molte persone che ci commissionano gli interventi vivono in appartamenti ai piani alti; negli ultimi tempi l allarme in casa è diventato un vero e proprio vincolo condominiale». Sono entrati dal mio vicino di casa, ho bisogno di una serratura nuova Chi fa questo lavoro, spie - gano, si rende conto di come furti e rapine sembrano essersi trasformati in un morbo che si espande a mac chia d olio. «Quest anno 2012: un anno da dimenticare 3 febbraio, resina Due rapinatori fuggono con 20mila euro in gioielli e denaro dopo aver stuprato una donna sudamericana e terrorizzato sua nipote per due ore prima che tornasse il cognato della vittima 2 marzo, ramazzano tre romeni entranoa volto coperto in una villetta. Il figlio dei proprietari, Luca Rosi, viene ucciso con quattro colpi di pistola mentre tentava di proteggere i familiari. 6 aprile, Cenerente Sergio Scoscia, orafo di 52 anni, viene massacrato a colpi di martello davanti alla madre Maria Raffaelli, che muore di infarto. La banda cercava l oro che l uomo teneva in casa sono passati per Ponte San Giovanni, Deruta e Ferro di Cavallo, mentre proprio in questi giorni c è una banda che sta ripulendo Magione», raccontano i titolari, che vengono chiamati sempre dai vicini di casa di chi ha subito un furto la notte prima. Quando i fratelli Valeri rispondono al telefono del loro ufficio, la metà delle volte si trovano a dover intervenire con urgenza per soddisfare le richieste di chi si è convinto che sarà la prossima vittima. Modificare la serratura di una vecchia porta può costare fino a 1770 euro, mentre il costo di un allarme per appartamento oscilla tra i 2500 e i 5000 euro. «Esistono sistemi anti-intrusione da mettere sulle porte, costano meno di 20 eurospiegano i fratelli- ma tutti sanno che per fermare i veri professionisti ci vuole decisamente qualcosa in più». Se poi questi investimenti siano davvero una garanzia di sicurezza è un altra storia. Secondo una ricerca presentata da Stefano Anastasia e tamar Pitch, professori dell Università di Perugia, il vero problema è il panico creato dai casi più gravi, rimbalzati sulle pagine di tutti i giornali. Il 62,7% del campione intervistato ritiene che la criminalità in Italia sia aumentata negli ultimi dodici mesi (a preoccuparsi di più sono donne, casalinghe e pensionati), ma l 81% degli intervistati dichiara di non aver subito alcun reato negli ultimi dodici mesi. Nel dubbio, meglio cambiare la serratura di casa. alessia MarzI

4 STORIE E INTERVISTE In chiesa o in comune, festa mondana o con gli amici di sempre: il giorno del si rimane un istituzione. Racconti e testimonianze di chi, crisi permettendo, all altare ci arriva per scelta e chi per lavoro matrimonio: il sogno che resiste STORIE E INTERVISTE sì, lo voglio : la frase intramontabile i fiori d arancio ai tempi del business loro pensano a tutto... o quasi Organizzare un matrimonio non è cosa da poco. Progettare un ponte al confronto sembrerebbe un gioco da ragazzi. Il primo problema, come dice chi lavora nel settore, è trovare i luoghi adatti. C è chi vuole la classica chiesa medioevale umbra, chi la sala del consiglio comunale e chi magari qualcosa di più particolare. E poi le foto, il menu giusto nel ristorante giusto, i fiori, la trafila dei ricevimenti, la lista dei regali. Come ciliegina sulla torta non possono mancare le manie e le voglie, alcune davvero assurde, di chi quel giorno deve arrivare all altare (o magari davanti ad un sindaco). Francesca Batori organizza una media di venti matrimoni all anno dal 2007 per l agenzia Nozze e dintorni e ne ha viste di tutte i colori: «C è stata una sposa che si è tagliata completamente i capelli il giorno delle nozze a metà del ricevimento, cambiandosi anche di abito. Dal bianco al rosso fuoco per fare una sorpresa al marito. Non immaginate quanto una cosa del genere scombussola tutti i piani che uno può fare. C è anche chi si è voluto sposare di mattina facendo il pranzo con uno straniante effetto notte al lume di candele. In fondo io sono qui anche per questo no?». Francesca ama il suo lavoro ma guai a chiamarla wedding planner (organizzatrice di ma- Francesca Batori event manager un immagine di elena nel giorno delle nozze trimoni ndr), lei è una event manager, una che crea eventi. Preferibilmente, matrimoni. «Oggi la famiglia è un sostegno sempre più morale e sempre meno pratico a tutto quello che concerne un matrimonio- spiega la Batori- per questo nascono le nostre professioni. E poi quel giorno è diventato un momento di festa, di divertimento con centinaia di cose da organizzare nel dettaglio». «Mi piacecontinua come un fiume in piena- un matrimonio su misura degli sposi. Certo, le coppie che vengono da noi sono sempre un po spaventate. I programmi televisivi che fanno vedere quanto sia difficile e costoso organizzare un matrimonio non aiutano! Tutto, se ci si affida al professionista capace e qualificato, è in realtà molto più facile e bello! In fondo, diciamocelo, è la realizzazione di un sogno, di una fiaba che molti di noi cullano fin da quando sono dei bambini». In questo universo fatto di fiori d arancio piccoli vizi e tanti sogni c è chi è approdato nel grande business del sì dopo una storia da fotoreporter di guerra in Bosnia per i più importanti quotidiani italiani. Lì ha rischiato la vita ed è tornato in Italia. tre anni di convivenza io e (ora posso dirlo!) mio marito abbiamo deciso di fare il grande pas- «Dopo so. Volevamo costruire la nostra famiglia. Questo perché crediamo nel matrimonio e per noi essere famiglia significa sposarsi». Il ricordo del grande giorno di Elena è ancora fresco: a settembre ha sposato Francesco. Prima del sì sull altare ha frequentato un corso di preparazione spirituale, obbligatorio per tutti coloro che intendano sposarsi in chiesa. Infatti, nell iter previsto dal sacramento matrimoniale, la mancanza di scelta su questo passaggio vincola non poco la coppia di promessi sposi, soprattutto dal punto di vista degli orari e dell impegno dedicato. Ma la ricchezza e l utilità delle testimonianze di coppie che stanno insieme da anni - e che partecipano agli incontri portando la loro esperienza - è qualcosa di impagabile. Quando chiediamo ad Elena se da piccola sognava l abito bianco, essere accompagnata all altare da suo padre, pronunciare la formula di rito Sì, lo voglio, non ha dubbi: «È stato proprio come mi aspettavo, un giorno carico di emozioni». Elena e Francesco hanno scelto una festa sobria, senza troppi sfarzi, anche grazie all aiuto economico delle loro famiglie: il contributo principale è servito a pagare la cena con amici e parenti. Uno che di matrimoni se ne intende, per averne celebrati moltissimi, è monsignor Luciano Tinarelli, parroco della chiesa di Santa Maria Assunta a Monteluce. Ha 87 anni, 68 dei quali vissuti da sacerdote: entusiasmo e cordialità arricchiscono le sue parole profonde. Cita Papa Francesco: «Non sposandosi si maltratta la tradizione, la promessa, il progetto». Poi aggiunge: «L importanza del corso di preparazione al matrimonio sta nella possibilità per i celebranti di verificare la condivisione di una volontà, una volontà che risiede nelle cellule di ognuno, dove nasce la forza d amarsi ed essere amati. Questa forza ti precede, nasce prima ancora che tu nasca perché deriva da Dio. Per questo la separazione è una ferita insanabile ed un offesa a Lui». Per monsignor Tinarelli la fedeltà «è la perla più grande e preziosa della vita matrimoniale. Nel mio vissuto di ministro della Chiesa ho offerto un esperienza, mostrando ai fedeli che è volontà di Dio che due persone si incontrino, si sposino, si amino. La Chiesa è e deve essere aperta all intervento di altre forze, che irrobustiscono il sacramento del matrimonio. Ma l energia più grande viene dal Cielo». Bastano queste due sole testimonianze per capire quanto resista in Italia la tradizione matrimoniale. Sebbene, infatti, sposarsi in chiesa sia meno diffuso rispetto agli ultimi anni (anche grazie all aumento delle convivenze e del matrimonio civile), il sogno dei fiori d arancio resta ben radicato nel patrimonio culturale del nostro paese. I dati Istat lo certificano: a partire dagli anni Sessanta il tasso di nuzialità è in costante diminuzione. Ciò significa che sono sempre meno le coppie che decidono di convolare a nozze in chiesa. Si è innalzata l età media in cui ci si sposa, sono aumentate le separazioni e i divorzi. Da dove nasce, allora, questo appeal, questa insormontabile tradizione? Lo abbiamo chiesto alla professoressa Elisabetta Donati, docente di sociologia della famiglia all Università di Torino: «Il matrimonio è insieme un istituzione tenace e porosa, la cui funzione rimane basilare, mutando nel tempo il modo, le relazioni e i significati con cui le persone lo praticano. Per questo è da sempre un istituto ad alto rischio. Che resista, quindi, è un dato storico: negli anni si è arricchito di simboli e pratiche ma le sua pelle è mutata. Ed è proprio questo che ha portato all aumento delle unioni civili. Le ragioni per cui si fa un matrimonio, il modo in cui le relazioni fra i coniugi sono stabilite e i motivi che rendono possibile scioglierlo sono molto cambiate: la sequenza non è più cerimonia, sessualità, procreazione». Se allora dovessimo dare una spiegazione strettamente sociale al resistere del matrimonio in Italia, chiameremmo in causa altri fattori che in questa scelta sono comunque determinanti, come l età fino a cui si vive in famiglia. Ci spiega la professoressa Donati: «Le nozze rimangono in Italia la ragione principale per cui, al di là degli studi, si esce di casa. Segna l autonomia abitativa ma in forme che spesso con i matrimoni di vecchia generazione hanno poco in comune». Insomma, a sentire Elena, don Luciano e la professoressa Donati, tante volte si dirà ancora Sì, lo voglio. antonio Bonanata Si tratta di Michele Pero, una vita con la macchina fotografica a tracolla a fare scatti in tutto il mondo e con una scuola da dirigere la dark room di Firenze, ha inaugurato una nuova moda: quella del fotoreportage. Ora è la cosa tredy che c è. Lui lavora soprattutto tra la Toscana e l Umbria. Una volta, una decina di anni fa, un suo caro amico gli chiese di immortalare il giorno delle nozze: Gli risposi che andava bene ma avrei fatto come mi pareva. quando mi presentai nessuno sapeva che ero il fotografo ufficiale e per questo sono riuscito a rubare immagini uniche. Così è andata e da quel momento è iniziata una nuova avventura. Di cosa si tratta? «Semplice, come se fosse un racconto di immagini. Uno sguardo, un sorriso, una mano che accarezza il velo, una intimità di intesa. Insomma la storia vera della vostra giornata più bella. Dimenticate gli sposi in posa, le foto artefatte e finti sorrisi». Michele realizza quegli album fotografici, molti dei quali ormai pubblicati sui social network, che non annoieranno mai amici e parenti: «Passatemi la battuta, mi muovo nell ombra, il mio stile non è invadente e vuole cogliere l attimo, non ricrearlo artificialmente». michele pero inventore del matrimonio-reportage nicola mechelli I matrimoni in Umbria celebrati nel % Si sono sposati con rito religioso 45% Si sono sposati con rito civile il teatro più piccolo del mondo a monte castello di vibio, una atmosfera magica per un momento indimenticabile le nuove tradizioni iola ti posso sposare?» Dimenticate la ce- al lume di candela, dimenticate il pano- «Vna rama mozzafiato o il week end a Parigi. C è chi a Perugia preferisce chiedere alla sua fidanzata di sposarsi al ritmo del rock and roll. Bernardo Romizi è giovane un architetto. Una vita tra il lavoro, gli amici, il baseball e la musica.. Ma niente di tutto questo avrebbe sapore se al suo fianco non ci fosse la sua Viola.Ne lei e ne le oltre quattrocento persone presenti dimenticheranno il momento della sua Bernardo romizi sul palco durante uno dei suoi concerti 40 anni L età media dello sposo dichiarazione di matrimonio. Era il 15 febbraio e Bernardo stava suonando con il suo gruppo musicale in un locale del centro di Perugia: «Sì, lo so a raccontarla fa un po ridere ma è stato il modo che più mi rappresenta. Nessuno quella sera sapeva che avrei chiesto a Viola di sposarci. Ho preso coraggio e durante un pezzo, nel pieno del divertimento, l ho chiamata sul palco, mi sono inginocchiato e gli ho detto se mi voleva sposare. Volete sapere una cosa? Lo rifarei altre cento volte». Non è una favola ma Bernardo e Viola si sono sposati il 30 agosto di quest anno e vivono felici e contenti n.m. nozze umbre in cifre 34 anni L età media della sposa 15 anni La durata media di un matrimonio 60% Si sposa nei mesi di giugno, luglio e sttembre euro Il costo medio di un matrimonio luoghi insoliti, rito antico Tenute di campagna, ville, castelli, agriturismi: l Umbria offre i migliori scenari per il matrimonio country, la nuova tendenza per chi decide di convolare a nozze. Alla ricerca di spazi insoliti per una cerimonia che si vuole indimenticabile, le coppie umbre - e non solo - scelgono sempre più riti sull erba, chiesette sperdute o (per matrimoni civili) cappelle sconsacrate. Oppure il teatro più piccolo del mondo, come viene definito e pubblicizzato. Si trova a Monte Castello di Vibio, un borgo fra Todi e Marsciano. 99 posti, poco più di cento metri quadrati, due secoli di storia. Riaperto nel 93, ha cominciato ad accogliere coppie di fidanzati 17 anni fa e da allora vi sono stati celebrati circa 300 riti la chiesa di san pietro ad assisi civili. Quasi la metà di quelli che decidono di scambiarsi gli anelli nel Teatro della concordia vengono da tutta Italia; il 40% sono stranieri e solo il 10% umbri. Basta una tariffa comunale di 500 euro per prenotare un luogo d eccezione come questo e coronare il proprio sogno d amore. Affrettatevi, però: potreste non trovare posto, come nelle chiesa di San Pietro ad Assisi. Qui l attesa è di mesi. a.b. Non ho mai idealizzato il matrimonio, l ho sempre pensato come un processo di costruzione. Non era il mio sogno di bambina. Dopo tre mesi dal giorno delle nozze sono sempre più convinta che sia sbagliato dare troppa importanza alla data in se, ciò che conta davvero comincia l indomani». Maria, perugina di 28 anni, lavora nella reception di un azienda. Lo scorso 27 luglio ha percorso la navata della chiesa di San Sisto. Ad aspettarla all altare c era Tommaso, 36anni, geologo e ric ercatore all università di Perugia. Fidanzati dal 2009, hanno pensato al matrimonio fin da subito: «Volevo costruire un futuro con lui, un progetto di vita insieme. Io sono cattolica, lui no. Nonostante questo ha accettato di sposarmi in chiesa, è stato un grande gesto d amore nei miei confronti e verso la mia famiglia». Maria è felice adesso, ma il mondo che ha conosciuto durante i preparativi l ha delusa. Ha dovuto arrendersi alla realtà e con l amaro in bocca è costretta ad ammettere che dietro le nozze si nasconde un vero e proprio bussiness. Chi si occupa dell organizzazione, chi ti vende le bomboniere o il vestito spiega Maria non lavora per te gratuitamente, anzi. Loro fanno affari giocando sulla tua emotività, ribadisce. Il matrimonio non è solo un progetto razionale di crescita e condivisione, è anche il paradigma di una tradizione secolare: lo stereotipo perfetto del lieto fine. Chi ti aiuta a confezionarlo non fa sconti, approfitta dell entusiasmo e della frenesia del momento per convincerti che quanti più soldi spendi tanto più sarai felice. Aspettative che non sempre vengono soddisfatte. nella buona e nella povera sorte «No, quello non è stato il giorno più bello della mia vita. Lo rifarei adesso solo per non fare tanti errori. Prima cosa: avere troppe aspettative è sbagliato, a cominciare dal vestito. Rischi di impazzire e di spendere un sacco di soldi per un abito che indosserai solo per mezza giornata». Maria prima di scegliere il vestito è andata in sette negozi, voleva trovare un compromesso tra bello, ma accessibile. Quando finalmente l ha acquistato si è accorta di essere stata imbrogliata. «Me l hanno venduto spacciandolo maria e tommaso subito dopo il sì Dove vanno gli italiani dopo essersi promessi amore per l eternità? A quanto pare, la risposta è: in banca. I matrimoni costano e, se in tempi di crisi i soldi accumulati negli anni non sono sufficienti, è prassi ormai diffusa pagare la cerimonia con rivolgendosi ad una finanziaria. Secondo un indagine dei portali Prestiti.it e Facile.it che hanno condotto una ricerca su circa richieste di finanziamento, nel periodo , la percentuale di prestiti richiesti per sostenere le spese per la cerimonia nunziale ha avuto un incremento del 41%. Bomboniere, ristorante, pranzo da offrire agli ospiti, chiesa, addobbi floreali, fotografo, vestiti, automobile, confetti: sono in tanti a non voler rinunciare a nulla pur di ricordare quel giorno come il più bello della vita. In media, in banca viene chiesto un prestito di euro da restituire in 5 anni; a richiederlo i giovani trentenni, ma soprattutto i loro genitori. Sono gli ultracinquantenni che bussano alle porte delle banche pur di garantire ai loro figli una cerimonia da favola. La spesa complessiva parte dai euro per un matrimonio low cost, una cifra che può lievitare in fretta visto che quasi il 20% delle nozze costa più di euro. E chi non si indebita come fa? Il presidente dell Adoc Umbria, Angelo Garofalo, spiega quali sono le tendenze nella nostra regione: «I matrimoni sono diminuiti del 10% e quasi nessuno si sposa prima dei trent anni. Prima di questa età è raro poter contare su una stabilità economica su cui costruire una vita di coppia. Abbiamo ricevuto delle telefonate di donne che ci chiedevano informazioni su come spendere di meno. Il problema è che molte di loro sono restie a certe soluzioni. Spesso consigliamo di noleggiare l abito, risparmierebbero fino al 77%. In fondo l abito da sposa lo usi un giorno e poi lo metti in soffitta. In poche si fanno convincere». Che il vestito da sposa sia ancora il simbolo di un sogno e di una tradizione lunga secoli, lo conferma Claudia che di questi sogni ne vende da anni: «La sposa vuole sentirsi una principessa e non è un luogo comune dire che l abito bianco non passa mai di moda. Quel che è cambiato rispetto al passato è che la prima cosa che queste ragazze chiedono è il prezzo, un tempo si innamoravano del vestito poi veniva il portafoglio». Un cambiamento facile a capirsi alla luce dell attuale congiuntura economica. Sono aumentate le convivenze, ma anche le separazioni di fatto: anche le parcelle degli avvocati sono un bene di lusso. Tuttavia sposarsi non è un impresa impossibile se si sostituisce la creatività al lusso. Lo sostiene Angelo Garofalo: «Puntando sul fai-da-te e su soluzioni economiche ma non meno originali si può spendere il 55% in meno rispetto al matrimonio tradizionale. Per esempio, inviando le partecipazioni via sms o a mano si risparmia il 90%, realizzando le bomboniere a mano l 86%. Sostituendo il pranzo o la cena con un aperitivo come un abito della collezione sposa Un giorno navigando su internet ho scoperto che era del Ovviamente al di là dell immagine, la differenza la faceva il prezzo. Più un vestito è nuovo più costa. E loro su questo speculano. I titolari del negozio non hanno mai ammesso la verità, mi hanno detto che era talmente bello che era stato inserito nella nuova collezione con delle piccole modifiche.non sapevano cosa inventarsi, alla fine mi hanno fatto solo un piccolissimo sconto. Non è un ambiente trasparente: le commesse chiaramente ti dicono che sei meravigliosa qualsiasi cosa indossi. Quando chiedi il prezzo, ti rispondono sempre: ci pensiamo dopo. Il fatto che andassi da sola nei negozi veniva visto con diffidenza. Si aspettavano una sfilata di mamme, amiche, zie. Insomma alla fine ho speso 1800 euro». L incubo non finisce al vestito: «Non parliamo della lista di nozze. I titolari del negozio ti convincono che qualunque cosa loro vendano corrisponde ad un oggetto a cui non puoi rinunciare. E tu finisci per crederci, dopo ti accorgi che sono tutti bisogni indotti. Loro ti offrono la cosa prima che tu lo percepisca come necessaria. Io e Tommaso non avevamo mai convissuto, sarebbe stato meglio scoprire insieme nel corso del tempo le nostre necessità. Adesso abbiamo la casa piena di roba inutile. Molto meglio farsi regalare dei soldi, così con calma capisci cosa desideri davvero». Le cose di cui Maria è più fiera sono quelle create da lei, come le bomboniere e le partecipazioni: «Visto l infinita quantità di soldi che abbiamo speso per vestito e ristorante, abbiamo pensato che fosse giusto risparmiare. Ci siamo fatti venire un idea: per le partecipazioni sono andata direttamente in tipografia, ho risolto con cento euro. Una signora che conosco, madre di 11 figli, mi ha fatto le bomboniere artigianalmente. Almeno ho dato i miei soldi a chi ne aveva bisogno. Sono rimasta davvero soddisfatta. Vorrei dire una sola cosa a chi decide di sposarsi oggi: fatelo, ma ricordatevi che il matrimonio non è quel giorno, il matrimonio vero è dopo». michela mancini seguito dal taglio della torta si risparmia quasi il 100%». In nome della crisi si può accantonare la tradizione delle grandi e cerimonie. In fondo, mettere da parte lo sfarzo non significa certo rinunciare all amore. m.m. claudia la venditrice di sogni

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

abbonamenti 2015.2016

abbonamenti 2015.2016 abbonamenti 2015.2016 FARE DEL NOSTRO STADIO UNA FORTEZZA Caro Interista, San Siro e piu bello quando ci sei tu, io lo so bene. L ho visto vibrare nelle sue notti piu belle. Ho sentito la spinta, la voglia

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli