La comunicazione è diventata unica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La comunicazione è diventata unica"

Transcript

1 Pubblicazione trimestrale della CCIAA di Roma per le imprese registrate Rivista a carattere economico Anno VII - Numero 18 Direttore responsabile: Massimiliano Colella Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma Via de Burrò, Roma [t] [w] Stampa: Grafica Giorgetti Srl - Via di Cervara, Roma Autorizzazione Tribunale di Roma n. 25 del 22 gennaio 2004 Progettazione grafica e impaginazione: Menexa Sas D ora in poi tutti gli imprenditori italiani (almeno questo è l auspicio) avranno vita più semplice perché i tempi per avviare un impresa, spesso troppo lunghi e burocratici, si sono ridotti e semplificati. Si è, infatti, concluso lo scorso 31 marzo il periodo di sei mesi di sperimentazione della Comunicazione Unica per l avvio delle attività d impresa. Prevista dalla legge dell aprile 2007, la Comunicazione Unica riguarda gli oltre 6 milioni di imprese attualmen- La comunicazione è diventata unica te esistenti in Italia e tutti coloro che, dal primo aprile scorso, intendono aprire una qualunque iniziativa economica in forma d impresa. La Comunicazione Unica - ormai nota a tutti gli operatori professionali come ComUnica - è la procedura attraverso la quale le nuove imprese potranno essere operative in 1 giorno e assolvere, al massimo in 7 giorni, gli adempimenti dichiarativi verso Registro delle Imprese, Inps, Inail e Agenzia delle Entrate mediante la presentazione di un modello informatico unificato indirizzato (per via telematica o su supporto informatico), alla sola Camera di Commercio competente per territorio. In pratica, la regia delle comunicazioni è affidata alle Camere di Commercio che, attraverso InfoCamere - la loro società di informatica - diventano l unico front office per tutte le registrazioni ai fini dell attribuzione del codice fiscale e/o della partita Iva (Agenzia delle Entrate) e per l iscrizione al Registro delle Imprese, ma anche ai fini, previdenziali (Inps) e assicurativi (Inail). In questo modo, ComUnica rende possibile al neo-imprenditore o a chi un impresa l ha già, di dialogare con un solo soggetto in rappresentanza della Pubblica amministrazione (la Camera di commercio) che provvederà in modo del tutto trasparente a comunicare alle altre amministrazioni interessate i dati di competenza di ciascuna Ai lettori RomaCrea Notizie è anche on line e sulla vostra RomaCrea Notizie è anche newsletter on line. Tutte le imprese di Roma e provincia interessate e regolarmente iscritte alla CCIAA di Roma possono ricevere, via mail, RomaCrea Notizie Flash. Una newsletter, utile e di facile consultazione, sulle principali misure e attività del sistema camerale. RomaCrea Notizie - il periodico gratuito della CCIAA di Roma, che informa le imprese iscritte sulle attività dell Istituzione camerale, delle organizzazioni della rappresentanza imprenditoriale e più in generale sul sistema economico del nostro territorio, resterà ancora per qualche numero nella sua tradizionale versione cartacea, ma il passaggio a una edizione on line è sempre più prossimo. Per questo motivo tutte le imprese interessate a ricevere in futuro RomaCrea Notizie on line e RomaCrea Notizie Flash, devono registrarsi all indirizzo internet www. rm.camcom.it/romacrea notizie. Ricordiamo che RomaCrea Notizie, fin dal suo primo numero, lo si può leggere o scaricare in versione.pdf dal sito della CCIAA di Roma all indirizzo www. rm.camcom.it/romacrea notizie. Allo stesso indirizzo è possibile prendere visione dell informativa sul trattamento dei dati personali di cui all articolo 13 del decreto legislativo 196/03. Per ulteriori informazioni è possibile contattare la redazione all camera.it. Stress da trasloco? Tutele e diritti ora sono scritti nero su bianco Elaborato dalla Camera di Commercio di Roma un contratto tipo che disciplina i rapporti tra consumatori e imprese Quando una persona o un nucleo familiare deve cambiare abitazione le incombenze da affrontare possono essere di vario tipo. In primo luogo si è reduci da un periodo che potrebbe essere stato poco facile a causa di aspetti eventuali ma comunque relativamente frequenti: la ricerca della nuova casa, l impegno finanziario conseguente all acquisto, l accensione di un mutuo più o meno oneroso, i lavori di ristrutturazione della nuova abitazione e le spese sostenute per l arredo della medesima. Può capitare, dunque, di arrivare al momento del trasloco in una situazione di stress, accentuata da quel che significa la casa per ciascuno di noi, come dimostrerebbe anche una ricerca pubblicata nel 2007 su un autorevole rivista scientifica negli Stati Uniti ( Scientific American, edizione italiana Le Scienze ). È proprio in quel momento che è importante, nel caso in cui ci si rivolga ad un impresa specializzata, usufruire di un servizio efficiente, capace di tutelare il consumatore nei suoi diritti e, nel contempo, di garantire alla controparte la possibilità di programmare il lavoro e la propria attività. Il trasloco, dal canto suo, mostra caratteristiche peculiari rispetto al trasporto degli oggetti ovvero alla loro spedizione da un posto ad un altro. Il traslocatore, infatti, deve curare personalmente la fase di carico dei beni facendola precedere da una stima puntuale del materiale sul quale intervenire. Inoltre, occorre studiare bene sia il luogo di carico sia quello di scarico delle merci, anche alla luce del loro eventuale rimontaggio nonché di possibili ostacoli alla circolazione ovvero alla sosta dei mezzi di trasporto. La programmazione, quindi, è fondamentale per il buon funzionamento del servizio e deve essere resa compatibile con le forme di tutela garantite dalla legge al consumatore. In una grande città come Roma, come è facilmente immaginabile, queste esigenze sono ancora più marcate, anche alla luce dell elevata densità abitativa e degli spazi stradali e logistici che non sempre facilitano le operazioni di trasloco. È per tali motivi che la Camera di Commercio di Roma, su richiesta delle competenti associazioni di categoria, ha deciso di intervenire su questo mercato predisponendo uno schema contrattuale standard. Come al solito, il testo è stato approntato tenendo conto delle esigenze di entrambe le controparti, coinvolgendole nei lavori e sensibilizzandole al raggiungimento di un punto di equilibrio capace di aiutare il buon funzionamento di questo settore. Il contratto tipo riguarda, come si accennava, i rapporti tra consumatori e imprese, limitandosi ai traslochi in ambito locale e nazionale. Ad esso si affianca uno schema di preventivo, da predisporre gratuitamente a cura dell impresa, il quale cerca di affiancare la completezza delle informazioni alla chiarezza dei contenuti del servizio. In un secondo momento la Camera passerà ad occuparsi dei contratti tra imprese o tra organizzazioni, ossia ad un segmento di mercato assai rilevante e nel quale non trova applicazione il Codice del Consumo. Altro set- tore sul quale si cercherà di intervenire è il trasloco in ambito internazionale, nel quale trova attuazione una normativa diversificata. Infine, il contratto di trasloco verrà portato all attenzione dell apposita Commissione costituita presso Unioncamere, alla quale partecipano anche il Ministero dello Sviluppo Economico e l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, onde fornire al testo ulteriore forza ed autorevolezza nonché uniformità su scala nazionale. Il testo del contratto tipo può essere scaricato gratuitamente consultando il sito web dell Ente alla pagina it/contrattualistica Tel /2772/2773 lu-ve , , Fax , RomaCrea Notizie - numero 18 - pag.1

2 dalla Camera di commercio industria artigianato e agricoltura di roma Kne, un progetto di formazione che avvicina domanda e offerta La CCIAA di Roma, insieme al Ministero dell Interno, protagonista di un iniziativa rivolta agli immigrati e utile alle imprese in cerca di specifiche figure professionali Il progetto Knowledge Network Estero, complesso dal punto di vista organizzativo e per le realtà con cui ci si confronta, ha messo in luce la capacità organizzativa della Camera di Commercio di Roma e della sua Azienda speciale Irfi, attivando la concertazione fra le diverse istituzioni e associazioni che hanno reso possibile l iniziativa. L auspicio è che questo progetto possa diventare un modello per attività analoghe da realizzare nei prossimi anni. Lavorando insieme, unendo esperienze e professionalità di diverse istituzioni e associazioni, si possono realizzare iniziative concrete, che aiutino i migranti a migliorare la propria formazione e, allo stesso tempo, forniscano alle nostre imprese nuove figure professionali. Questi, in sintesi, i diversi aspetti che connotano Kne (Knowledge Network Estero), l innovativo progetto di formazione profes- sionale per immigrati, finanziato dal Ministero dell Interno attraverso il Fei - Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi - e cofinanziato e realizzato dalla Camera di Commercio di Roma, attraverso l Istituto Romano per la Formazione Imprenditoriale (Irfi). Il ruolo delle associazioni Fin dalla fase di selezione, anche grazie a un campagna di promozione capillare, capace di coinvolgere e interessare le diverse comunità di migranti presenti a Roma, il progetto ha riscosso grande successo, come testimoniano le oltre 4mila domande presentate. Dopo una prima selezione basata sui criteri individuati dal regolamento - la provenienza da Paesi non membri dell Ue, l essere regolarmente in Italia da non più di 5 anni e il trovarsi senza lavoro, un età compresa fra i 18 e i 40 anni -, si sono svolti i colloqui individuali, che hanno riguardato oltre mille persone, e in cui sono stati decisivi nella scelta la motivazione e l esperienza professionale maturata nei settori interessati dai corsi. In questa fase un ruolo fondamentale hanno avuto i rappresentanti delle Associazioni di categoria, che realizzeranno i corsi professionali e avranno i rapporti con le imprese presso cui si svolgeranno gli stages, che insieme all Irfi hanno individuato i 335 giovani che parteciperanno ai corsi. Lo scorso 22 febbraio tutti i partecipanti si sono ritrovati nella sede di piazza Firenze della Società Dante Alighieri, dove sono iniziati i corsi di italiano, prima fase del percorso formativo. Un piccolo mondo di giovani provenienti da alcune decine di Paesi, dal Bangladesh al Perù, Marocco, Ecuador, Ucraina, Camerun, Etiopia. Sono stati divisi in tredici classi, a seconda del livello di conoscenza dell italiano, per poter garantire a tutti lezioni efficaci. Ad accoglierli per presentare nel dettaglio il progetto i rappresentanti dell Irfi, che hanno sottolineato l elemento centrale per la riuscita dell iniziativa. La serietà. Da una parte quella dell Irfi e della Camera di Commercio, che ha investito economicamente in questa iniziativa, impegnando personale ed energie. E delle associazioni di categoria, chiamate a un forte impegno soprattutto per individuare le aziende più adatte dove svolgere gli stage. Dall altra quella dei migranti che dovranno seguire assiduamente i corsi, per poter concludere il percorso di formazione e ricevere il rimborso previsto per chi frequenterà almeno l 80% delle lezioni. Il progetto, infatti, prevede una diaria giornaliera, con un valore complessivo che può raggiungere i 600 euro mensili, oltre all abbonamento ai mezzi pubblici. Rispetto ad altre iniziative analoghe, Kne ha una formula innova- tiva, prevedendo un primo periodo di formazione di complessive 120 ore per migliorare la conoscenza della lingua italiana e dei propri diritti e doveri, con uno specifico corso di orientamento civico realizzato dall Oim (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni). Alla fine di marzo ha preso il via il corso di formazione professionale, per complessive 240 ore, comprensivo di stage presso aziende nei settori dell edilizia, falegnameria, officina meccanica e saldatura, alimentazione, panificazione, ristorazione e pizzeria, florovivaistica, assistenza familiare e altri ambiti emergenti del mercato, come l installazione di pannelli solari. L obiettivo è di migliorare la formazione professionale dei partecipanti attraverso un incontro mirato di domanda qualificata e offerta di lavoro. L intento del progetto è che al termine degli stage le aziende coinvolte possano assumere chi ha attivamente partecipato. «Si realizza - ha spiegato il Presidente di Cna World, Indra Perera, imprenditore dello Sri Lanka da trent anni attivo a Roma - un percorso formativo per quei lavori che i giovani italiani non vogliono più fare» Irfi Via Capitan Bavastro 116, Roma Tel , Fax , Eventi in fiera MARMOMACC Fiera di Verona, 29 settembre - 2 ottobre 2010 Mostra internazionale di marmi, pietre e tecnologie Riservata agli operatori del settore SETTIMANA DELLA VITA COLLETTIVA Roma - Palazzo dei Congressi, ottobre 2010 Mostra-convegno internazionale per l accoglienza civile e religiosa Riservata agli operatori del settore IO SPOSA Nuova Fiera di Roma, ottobre - novembre 2010 La fiera per il tuo matrimonio Aperta al pubblico MOA CASA (edizione autunnale) Nuova Fiera di Roma, 23 ottobre - 1 novembre 2010 Mostra di arredo e design Aperta al pubblico DESIDERI PREZIOSI Roma - Tempio di Adriano, 3-8 dicembre 2010 Mostra di argentieri e orafi romani Aperta al pubblico ROMASPOSA Nuova Fiera di Roma, gennaio 2011 Salone nazionale dell abito da sposa e da cerimonia Aperta al pubblico ARAB HEALTH Dubai International Exhibition Centre, gennaio 2011 Salone internazionale di apparecchi e tecnologie elettromedicali Riservata agli operatori del settore Per avere ulteriori informazioni è possibile consultare il sito internet Per le iniziative di seguito riportate, realizzate in collaborazione con Unioncamere Lazio, le relative informazioni sono disponibili anche sul sito web lazio.it FIERA AERO EXPO BRASIL San Paolo, giugno 2010 Servizi aeroportuali THE BIG FIVE SHOW Dubai, novembre 2010 Marmo, costruzioni, arredo IDEA REGALO Spazio Etoile Edizione primaverile: maggio 2010 Edizione autunnale: novembre 2010 Artigianato ARTI E MESTIERI EXPò Nuova Fiera di Roma, dicembre 2010 Artigianato RomaCrea Notizie - numero 18 - pag.2

3 dalla Camera di commercio industria artigianato e agricoltura di roma Partenariato Pubblico Privato e Facility Management: due settori in vetrina grazie ai dati e alle analisi contenute nei portali dedicati La Camera di Commercio di Roma, con la collaborazione del Cresme, ha realizzato due Osservatori regionali su questi mercati in continua evoluzione I siti sono costantemente aggiornati con studi mirati, notizie e bandi di gara. Un opportunità importante e gratuita per enti locali, istituzioni e imprese Il mercato italiano delle costruzioni sta cambiando. Sul fronte delle opere pubbliche si vanno affermando mercati di tipo nuovo. Tra questi crescono progressivamente le diverse forme di Partenariato Pubblico Privato (PPP) e del Facility Management (FM). Oggi Istituzioni, Enti Locali, Imprese, soggetti finanziari e professionisti del settore delle costruzioni e dei servizi del Lazio possono conoscere in tempo reale ogni giorno le opportunità di questi mercati, grazie agli Osservatori promossi dalla Camera di Commercio di Roma in collaborazione con Cresme Europa Servizi. Attraverso i siti web e tramite la sezione il mercato quotidianamente aggiornata, è possibile consultare gratuitamente in tempo reale, previa registrazione, i bandi di gara e le aggiudicazioni. Ogni quadrimestre, su entrambi gli Osservatori, tramite la sezione l Analisi, è possibile consultare, previa registrazione, i Rapporti sull andamento del mercato nei quali vengono analizzate le gare e le aggiudicazioni per tipologie di committenza, aree territoriali, classi di importo, settori di attività, nonché gli elenchi di dettaglio di tutte le iniziative censite nel periodo di riferimento. Oltre alla banca dati e ai Rapporti è possibile trovare, su entrambi i siti con accesso libero, notizie di attualità e una rassegna stampa selezionata quotidiana, tramite la sezione l informazione. Sono altresì disponibili approfondimenti su alcuni dei principali progetti realizzati o in via di realizzazione (sezione le opportunità ), un informativa sui principali eventi in materia di PPP e di FM (sezione gli eventi ) e la normativa di riferimento continuamente aggiornata (sezione la normativa ). La Camera di Commercio di Roma attraverso gli Osservatorio Regionali del FM e del PPP rileva dal 2008 l andamento dei due nuovi mercati nel Lazio, e ana- In base ai dati dell Osservatorio Regionale del Facility Management del Lazio (www.fm- Lazio.it), un sistema informativo e di monitoraggio degli avvisi di gara e delle aggiudicazioni sull intero panorama del FM, nel 2009, sono state indette gare per un volume d affari di 7,1 miliardi. Rispetto al 2008 si osservano Osservatorio FM L outsourcing dei servizi no-core è ormai prassi consolidata anche per la Pubblica Amministrazione. Le Amministrazioni Locali e Centrali, gli Ospedali, i Gestori del patrimonio abitativo pubblico affidano sempre più spesso i servizi complementari al loro corebusiness a gestori specializzati nelle attività di supporto. Il ricorso a forme di gestione esterna avviene nella maggior parte dei casi attraverso la pubblicazione di bandi di gara che ci consentono di determinare, quantitativamente e qualitativamente, questo mercato. In generale il mercato del Facility Management monitorato dall Osservatorio è composto dai contratti pubblici di servizi insieme a quelli relativi ai due segmenti del mercato delle opere pubbliche del PPP e della costruzione, manutenzione e gestione di opere pubbliche che oltre alla componente lavori prevedono anche attività di manutenzione e gestione. Osservatorio PPP Il partenariato pubblico-privato, generalmente identificato con l acronimo PPP, definisce i contratti, basati su una relazione tra soggetti pubblici e privati, aventi ad oggetto una o più prestazioni, quali la progettazione, la costruzione, la gestione o la manutenzione di un opera pubblica o di pubblica utilità, oppure la fornitura di un servizio, compreso, in ogni caso il finanziamento totale o parziale a carico dei privati. Tra i contratti di PPP monitorati dall Osservatorio rientrano le concessioni di lavori di iniziativa pubblica (concessione tradizionale ) e privata (project financing), la concessione di servizi e le altre gare di partenariato pubblico-privato che raggruppano varie tipologie di collaborazione tra pubblico e privato. lizza le trasformazioni che coinvolgono sia il lato della domanda che dell offerta. Macrotipologie di servizi: oltre 4 miliardi per la manutenzione e gestione di edifici e infrastrutture Il mercato del Facility Management del Lazio si compone sostanzialmente di tre grandi segmenti: i servizi legati agli edifici e alle infrastrutture, un segmento composto da interventi di manutenzione e gestione di edifici e infrastrutture, che nel 2009 hanno totalizzato 205 gare per un valore di oltre 4 miliardi, corrispondente al 61% del mercato regionale; i servizi ausiliari, un segmento composto da servizi alberghieri, ristorazione, pulizia, custodia e vigilanza, con più gare, 222, ma con un valore decisamente inferiore, circa 771 milioni, pari al 11% del valore attuale del mercato; i servizi ICT, servizi informatici e di telecomunicazione, con 111 gare per oltre 600 milioni di importo (9% del valore totale). Insieme questi tre crescite del 178% per volume d affari (da 2,9 miliardi a 7,1) e del 10% per numero di gare. Rispetto all intero mercato nazionale, nel 2009, il Lazio con interventi in gara, contro una media regionale italiana di 1.350, si colloca al terzo posto nella classifica per numero di gare, dopo la Lombardia e la Campania. Nella classifica segmenti rappresentano il 25% del mercato per numero di gare e oltre l 80% del volume d affari complessivo regionale. Committenti: le gare più ricche arrivano da Roma Metropolitane, ENAV, Consip, Met.Ro, Policlinico Umberto I e ATER Roma I principali committenti per valore posto in gara sono le amministrazioni territoriali con 5,5 miliardi e tra queste si distinguono: le aziende speciali (Roma Metropolitane, ATAC Roma, AMA Roma, ACEA, ecc) con il 57% degli importi, poco meno di 4 miliardi; i Comuni, con 651 milioni (9,5%); gli enti della sanità (Asl, Ospedali, Rsa, ecc), con 471 milioni (6,9%). Tra le altre committenze spiccano gli enti dell Amministrazione Centrale (Ministeri, Consip, ENAV, ecc), con 1,1 miliardi dei quali oltre 850 relativi al mercato della capitale. Mercati locali: Roma città prima per numero di gare e investimenti nel Lazio La distribuzione territoriale delle gare di FM censite nel 2009 tra I dati degli Osservatori regionali promossi dalla Camera di Commercio di Roma Principali risultati del mercato FM nel Lazio nel 2009 Boom del Facility Management nel Lazio: 7,1 miliardi di euro nel 2009, contro i 2,9 miliardi del 2008 per volume d affari si colloca al primo posto, con 7,1 miliardi contro una media regionale italiana di 1,8 miliardi, con un ampio vantaggio sulla Lombardia seconda classificata con 4,1 miliardi. Un anno prima con 2,9 miliardi occupava il terzo posto, dopo la Lombardia (4,5 miliardi) ed Emilia Romagna (3 miliardi). FM LAZIO: le macro tipologie di servizi - Bandi di gara pubblicati nel 2009 (Mln di euro) TOTALE di cui con importo segnalato TOTALE di cui con importo segnalato Numero Importo Importo medio Numero Importo Importo medio Edifici e infrastrutture , ,9 Utilities , ,1 Ambientali e cimiteriali , ,1 Mobilità , ,0 Consulenza tecnico-scientifica , ,4 ICT , ,0 Installazioni-manutenzioni macchinari , ,2 Attività culturali e tempo libero , ,7 Servizi ausiliari , ,8 Assistenza sociale-sanità-educazione , ,9 Amministrativi e legali , ,1 Altri servizi , ,2 TOTALE , ,6 Fonte: elaborazione CRESME Europa Servizi per CCIAA di Roma - Osservatorio Regionale Lazio del Facility Management (www.fm-lazio.it) I dati degli Osservatori regionali promossi dalla Camera di Commercio di Roma Principali risultati del mercato PPP nel Lazio nel 2009 Il mercato del PPP nel Lazio: 3,9 miliardi di euro, il 71% delle opere pubbliche nel 2009 In base ai dati dell Osservatorio Regionale del Partenariamento tiene conto della gestione casi, oltre al valore dell investito Pubblico Privato del Lazio dei servizi no core nei quali figura il servizio di manutenzione di (www.siop-lazio.it), un sistema informativo e di monitoraggio degli avvisi di gara e Rispetto al 2008 si osserva un infrastrutture e impianti). delle aggiudicazioni sull intero numero di iniziative incrementato di circa un terzo (da 86 gare panorama del PPP, tra Gennaio e Dicembre 2009, sono state a 113) ma soprattutto la crescita messe in gara 113 opere pubbliche attraverso forme conti (da 211 milioni a 3,9 miliardi, esponenziale degli investimentrattuali che rientrano nel campo del Partenariato Pubblico e nale valore economico raggiunto %) per effetto dell eccezio- Privato (PPP). Per 56 di queste nel 2009 dovuto alla maxi gara di sono noti, nei bandi, gli importi project financing per la realizzazione della Linea D della rete me- di gara, che sommati portano il valore di mercato a quasi tropolitana di Roma, dell importo milioni (l importo considerato di 3,2 miliardi di euro. L eccezionale consistenza economica degli è relativo al costo complessivo dell affidamento che, in alcuni investimenti in PPP porta verso PPP LAZIO - I risultati del biennio 2008 e 2009 a confronto - Importo in milioni di euro TOTALE di cui con importo noto TOTALE di cui con importo noto Numero Importo Importo medio Numero Importo Importo medio Selezioni di proposte (PF fase I)* ,8 3, ,3 7,3 Gare di concessione di CG su proposta del promotore ,0 7, PF fase II ,2 7, ,1 537,7 PF gara unica 0 0 0,0 0, ,6 11,0 Concessione di CG su proposta della s.a ,4 3, ,2 62,1 Concessione di servizi ,1 1, ,4 1,4 Altre gare di PPP** ,3 12, ,4 0,2 Gare di PPP , ,9 Fonte: elaborazione Cresme ES per Camera di Commercio di Roma - * Non considerati nel dato statistico delle gare in quanto rappresentano la fase di preselezione del progetto da affidare con contratto di concessione di costruzione e gestione ai sensi dell art.153 del D.Lgs.n.163/06 ** Tra le altre gare di PPP sono classificate le gare per: Stu, Società miste per l esercizio di servizi pubblici, Contratti di quartiere, Programmi edilizi e Sponsorizzazioni i mercati locali del Lazio mostra un interesse diffuso, con una maggiore concentrazione nella città di Roma. Il mercato della capitale, con gare e un importo di 5,7 miliardi, rappresenta il 48% per numero di gare e l 83% per volume d affari del mercato regionale. La gran parte degli importi in gara riguardano le macrotipologie di servizi Edifici e Infrastrutture (circa 4 miliardi), che include le due concessioni di costruzione e gestione, del valore complessivo di 3,6 miliardi, per il potenziamento della rete metropolitana di Roma (prolungamento Linea B verso Casal Monastero e intera Linea D da Talenti all EUR), ma anche la gestione dei servizi tecnici integrati (gestione e manutenzione delle opere edili e degli impianti e servizio energia) del Policlinico Umberto I (circa 86 milioni di euro) e il servizio energia, la manutenzione ordinaria e straordinaria, l adeguamento normativo e la riqualificazione tecnologica degli impianti di riscaldamento e condizionamento a servizio dei fabbricati di proprietà, pertinenza e/o in gestione dell A.T.E.R del Comune di Roma (57 milioni). Significativa in questo ambito territoriale anche la quota dei servivi ICT, oltre 580 milioni dei quali 370 per lo sviluppo ed avviamento operativo del nuovo sistema ATM di ENAV Spa, e dei servizi Ausiliari, circa 373 milioni che includono due gare dell ammontare complessivo pari a 102 milioni di euro per il servizio di vigilanza armata delle sedi di Met.Ro Spa comprensivo della gestione e manutenzione full service del sistema tecnologico e supporto alla vigilanza Territori: Lazio nona per numero di opportunità ma prima per investimento in Italia Rispetto all intero mercato nazionale, tra Gennaio e Dicembre 2009, il Lazio con 113 interventi in gara, contro una media regionale italiana di 98, si colloca all ottavo posto insieme all Abruzzo nella classifica per numero di opportunità dopo la Lombardia, la Campania, il Piemonte, la Toscana, la Puglia, l Emilia Romagna, la Sardegna e l Abruzzo. Un anno prima occupava la sesta posizione con 86 opere. Nella classifica per volume d affari si colloca al primo posto, con 3,9 miliardi contro una media regionale italiana di 477 milioni, con un largo vantaggio sul Piemonte secondo classificato con 1,1 miliardi. Un anno prima con 210 milioni occupava il quinto posto, dopo la Lombardia (2,3 miliardi), l Emilia Romagna (1,3 miliardi), la Sardegna (522 milioni) e la Campania (481 milioni). Mercati locali: Roma città prima per investimento; il Resto della provincia per numero di gare La distribuzione territoriale delle gare di PPP censite nel 2009 nelle province del Lazio mostra un interesse diffuso. Il mercato più importante è quello della provincia di Roma: con Informativa su banca dati redazionale La Camera di Commercio di Roma, editore della rivista RomaCrea Notizie, in osservanza del decreto legislativo 196/03 e del Codice di Deontologia relativo al trattamento dei dati personali nell ambito della attività giornalistica, informa tutti i soggetti interessati che la redazione della rivista è assistita da una banca dati redazionale contenente dati personali multimediali relativi a soggetti del mondo economico, politico e della cultura. I suddetti dati sono raccolti in occasione l alto il peso del PPP rispetto al mercato complessivo delle gare per opere pubbliche registrato dall Osservatorio Cresme Edilbox, attestatosi a quota 71% (3,9 miliardi su 5,4 miliardi totali), una percentuale record che non trova quote simili nel passato e supera di 41 punti percentuali la quota media nazionale (30%). In forte crescita anche il peso del numero di interventi: nel 2002 rappresentavano meno dell 1% del mercato delle opere pubbliche regionali, nel 2008 sono arrivati a rappresentare il 6,7% ma il valore più alto spetta al 2009 con una quota prossima al 10%, il linea con il dato medio nazionale. 55 gare e un investimento di 3,8 miliardi rappresenta il 50% del mercato per numero di opportunità e il 97% per investimento. Il maggiore investimento è localizzato nella città di Roma: 3,7 miliardi di euro pari al 96% dell investimento complessivo regionale, riferito quasi totalmente agli ingenti investimenti (3,6 miliardi) finalizzati alla realizzazione del prolungamento della Linea B della Metropolitana di Roma, tratta Rebibbia - Casal Monastero (447,6 milioni di euro), e dell intera Linea D della Metropolitana di Roma (3.178,8 milioni di euro). Il maggior numero di gare invece compete al resto della provincia di Roma, con 38 gare indette da 19 Comuni, dal Consorzio ASI della provincia di Rieti (completamento e gestione dell impianto di depurazione al servizio dell area industriale di Passo Corese-Montelibretti) e dalla Provincia di Roma. Tra le altre province si distingue Latina per numero di opportunità e investimento, con 23 gare per un volume d affari di circa 20 milioni di convegni, pubbliche manifestazioni e altri analoghi avvenimenti nell ambito della attività giornalistica e per gli scopi propri di tale attività. L accesso alla banca dati è consentito unicamente ai dipendenti e collaboratori incaricati della redazione della rivista e dell Ufficio Stampa della Camera di Commercio. I soggetti interessati possono esercitare i diritti di cui al titolo II del decreto legislativo 196/03 rivolgendosi ad Asset Camera, Azienda speciale della Camera di Commercio di Roma. RomaCrea Notizie - numero 18 - pag.3

4 dalla Camera di commercio industria artigianato e agricoltura di roma Enterprise Europe Network, una rete a sostegno delle Pmi Seicento le organizzazioni coinvolte tra cui Unioncamere Lazio Molti i servizi offerti: dalla ricerca di partner all innovazione Enterprise Europe Network è la nuova rete europea nata per aiutare le Pmi a sviluppare il loro potenziale innovativo e a sensibilizzarle sulle politiche della Commissione Europea. La rete è presente in più di 40 Paesi ed è composta da più di 600 organizzazioni quali Agenzie di sviluppo per le imprese, Camere di Commercio, Business Innovation Centre, Università e Centri di Ricerca. Attraverso il nuovo network, la Commissione Europea ha, pertanto, l ambizioso obiettivo di essere motore di sviluppo e di creazione d impiego per il tessuto delle Pmi europee. Unioncamere Lazio è uno dei nodi ufficiali della nuova rete che per il Lazio è partecipata anche da Bic Lazio, Filas, Confcommercio, Tor Vergata, CNR, APRE. L obiettivo della rete è quello di offrire servizi di informazione ed assistenza ad imprenditori, ricercatori e altri operatori economici per: 1) internazionalizzare il proprio business; 2) ricercare partner ed esplorare nuove opportunità di business nel mercato europeo; 3) sviluppare il proprio potenziale di innovazione; 4) accedere ai programmi europei di finanziamento; 5) rispondere alle consultazioni della Commissione Europea. In particolare, per la ricerca dei partner è stato creato dalla Commissione Europea uno specifico database, il Business Cooperation Database (BCD), per pro- muovere l incontro tra offerta e domanda di cooperazione internazionale. Attraverso questo servizio, a cui hanno accesso i membri della rete Enterprise Europe Network dell Unione europea e di numerosi Paesi Terzi, vengono gestite tutte le opportunità di ricerca partner per accordi di natura commerciale, tecnico-produttiva e finanziaria. Le proposte di cooperazione internazionale delle imprese locali vengono inserite nel database e pubblicizzate nei singoli Paesi dagli uffici corrispondenti utilizzando diversi mezzi di promozione quali giornali specializzati, riviste, bollettini, banche dati on line, internet, e qualsiasi altro strumento in grado di garantirne una più larga diffusione. Successivamente, in seguito alla richiesta da parte dell eventuale partner estero, vengono fornite tutte le informazioni, relative all impresa locale, necessarie per avviare un contatto diretto ed una partnership internazionale. I profili inseriti hanno un anno di validità. Una costante fonte di aggiornamento sull Europa attraverso le newsletter, gli alert sui bandi comunitari, il monitoraggio sui programmi comunitari, la ricerca partner e trasferimenti tecnologici. Un opportunità importante per le imprese del Lazio che hanno come obiettivo lo sviluppo di strategie commerciali internazionali Immigrazione: gli imprenditori aumentano anche se c è la crisi I dati del VI rapporto dell Osservatorio Romano sulle Migrazioni: la comunità più numerosa è quella rumena, poi ci sono i filippini Nella Capitale e in provincia gli immigrati si avviano all imprenditoria, sono più giovani dei romani e rappresentano ormai più del 10% sul totale dei cittadini. Molti frequentano l università e tra gli stranieri il fenomeno della criminalità è in calo. È quanto emerge dal VI rapporto dell Osservatorio Romano sulle Migrazioni, realizzato dalla Caritas diocesana, la Camera di Commercio e la Provincia di Roma. Secondo i dati del Comune di Roma, al 1 gennaio 2009 la popolazione straniera complessiva è di residenti (per il 53,1% donne) e registra un aumento di persone rispetto al A Roma, come nell insieme della provincia, in dieci anni si è raggiunto quasi il raddoppio e l incidenza sul totale dei residenti è passata dal 4,8% del 1998 al 10,3% di oggi. Nella Capitale la popolazione immigrata continuerà ad aumentare al ritmo di almeno 25-30mila unità l anno. In base alle previsioni Istat del 2008, si prevede per il 2020 nel Lazio una popolazione di cittadini stranieri. Nella Capitale, il maggior numero di immigrati è nel municipio I ( pari al 27,4% della popolazione). In tutta la provincia sono i cittadini stranieri: la loro incidenza è dell 8,9% (media nazionale 6,5%) su una popolazione provinciale di unità. Nell intera provincia di Roma l età media è più bassa rispetto a quella dei romani (31,4 anni rispetto ai 44 dei romani) e c è un consistente apporto degli occupati immigrati (165mila). Nel 2008 nel Comune di Roma i nuovi nati sono stati e altri sono nati nei Comuni della Provincia. I nuovi nati da entrambi i genitori stranieri sono È consistente il numero di minori , dei quali circa 7 su 10 nati in Italia. In aumento le aziende con titolare straniero anche in periodo di crisi (23.018). Aumenta anche l interesse alla nostra lingua attraverso la frequenza a corsi di italiano per adulti ( nella sola Capitale) mentre in 7mila frequentano le università romane. Nel 2008 la criminalità degli stranieri è diminuita del 7,6% nel Lazio e del 15,3% in provincia di Roma, nonostante l aumento della popolazione straniera residente. Ma la prima esigenza di un immigrato è quella di un tetto: molti a Roma si trasferiscono nei Comuni vicini dove i costi sono più convenienti lavorando a Roma da pendolari. Le provenienze nella Capitale sono caratterizzate dalla prevalenza di europei (45,1%), asiatici (27,1%), africani (14,0%), americani (12,9%). I romeni, aumentati di , sono e incidono per il 19,6% sulla presenza straniera totale. La seconda collettività comunitaria è quella polacca (14mila unità), superata però da quella filippina (31.068), che nel passato e per molti anni è stata a Roma in assoluto la più numerosa Opere edili, tutti i prezzi anche in formato digitale è disponibile l edizione del volume Prezzi dei materiali e delle opere edili in Roma n.2/2009 nella versione in formato digitale, studiato per fornire uno strumento che risponda maggiormente alle esigenze di una consultazione più veloce e pratica. La pubblicazione risulta invariata nella struttura, ma riporta i consueti aggiornamenti delle quotazioni dei vari capitoli. Presenta, inoltre, un ulteriore miglioramento delle voci inserite nei paragrafi relativi agli impianti di riscaldamento, sia per nuova costruzione che per manutenzione e ristrutturazione, con la rilevazione di soluzioni a basso impatto ambientale. Il costo di un singolo volume è di 20 euro da pagare tramite versamento su bollettino postale c/c numero intestato a CCIAA di Roma - Via de Burrò, Roma; bollettino che dovrà essere inviato via fax o via per ricevere copia del volume tramite posta elettronica Servizio Prezzi, CCIAA di Roma, Lu-ve , , Tel /2716, Fax , Ecco i migliori oli extravergine Premi alle eccellenze regionali Grande partecipazione alla XVII edizione del concorso promosso da Unioncamere Lazio con l organizzazione dell Azienda Romana Mercati. Novità: il riconoscimento della stampa Si è svolta recentemente a Roma, presso il Tempio di Adriano, la cerimonia ufficiale di premiazione dei vincitori della XVII edizione del concorso per i migliori oli extravergine di oliva del Lazio. Il concorso è promosso da Unioncamere Lazio, l unione delle cinque Camere di Commercio del Lazio che, nel quadro delle iniziative promozionali a sostegno del settore agricolo, rivolge la massima attenzione alla filiera olivicola attraverso una serie di iniziative a supporto delle imprese del settore. Quest anno il concorso regionale per i migliori oli extravergine d oliva ha fatto registrare la partecipazione di 74 aziende, con una equa ripartizione tra le province titolari di dop considerate le 20 aziende della provincia di Roma, i 19 partecipanti di Viterbo seguita da Rieti con 18 imprese mentre Latina e Frosinone fanno registrare rispettivamente 11 e 6 imprese iscritte. Le categorie messe a concorso sono state: Olio extravergine di oliva, DOP Sabina, DOP Canino e DOP Tuscia. Per ciascuna categoria, da quest anno, sono stati premiati i primi due oli classificati mentre è stata introdotta la possibilità (a giudizio insindacabile della Commissione di assaggio) di riconoscere delle menzioni speciali agli oli immediatamente successivi ai primi in graduatoria ma che avranno fatto registrare un punteggio elevato in sede di valutazione. Il concorso per i migliori oli extravergine di oliva del Lazio, nel corso degli anni, ha assunto prestigio e visibilità proprie. Esso costituisce, infatti, un momento significativo sia per stimolare i produttori verso un percorso di costante crescita qualitativa, sia per indirizzare i consumatori verso il consumo di oli extravergine di oliva di qualità del territorio. E proprio per favorire la conoscenza delle eccellenze regionali da parte del grande pubblico, successivamente alla cerimonia di premiazione è stata offerta la possibilità ai partecipanti al concorso di essere presenti ad una edizione speciale del farmer s market del Comune di Roma, attivo a Testaccio con i propri prodotti in degustazione e vendita. Anche per questa edizione, come avviene ormai da alcuni anni, Unioncamere Lazio ha deciso di affidare l organizzazione tecnica del concorso ad ARM Azienda Romana Mercati, Azienda speciale della Camera di Commercio di Roma per lo sviluppo del settore agroalimentare che cura la valorizzazione delle diverse filiere nell ottica di favorire il miglioramento qualitativo delle imprese e la consapevolezza dei consumatori nei confronti dei prodotti tipici. Da queste edizione è stato poi introdotto un premio speciale in ricordo di Tonino Zelinotti, storico capo panel per tante edizioni del concorso, scomparso di recente. Per esaltare la professionalità degli assaggiatori coinvolti, il Premio sarà assegnato annualmente al miglior tecnico degustatore della Commissione di Assaggio del concorso sulla base della valutazione individuale della capacità di assaggio, misurata secondo i parametri di ripetibilità ed efficacia riscontrati con gli altri componenti del gruppo. La Commissione esaminatrice, che ha selezionato i vincitori attraverso specifiche sessioni di assaggio, è composta da degustatori professionisti individuati Vincitori della XVII edizione del Concorso OLIO Extravergine Il Comitato per la Promozione dell Imprenditorialità Femminile della Camera di Commercio di Roma è stato rinnovato per il triennio Le componenti del nuovo Comitato sono: Alberta Parissi (Presidente), Claudia Bella, Alessandra Bianchi, Elisabetta Falcone, Tiziana Ferrante, Cristina Filippini, Maria Gabriella Fregonese, Adalgisa Gherso, Claudia Giuliani, Filomena Iezzi, Arianna Isotti, Alessandra Leo, Francesca Liani, Monica Lucarelli, Elisabetta Maggini, Donatella Morganti, Antonella Nanna, Maria Michela Nannerini, Antonella Panetta, Arianna Panzetta, Anna Rizzo, Martina Savina, Monica Taglione, Tiziana Zorzan. Il Comitato è stato costituito dalla Camera di Commercio di Roma con due importanti obiettivi: 1) valorizzare e sostenere le attività imprenditoriali delle donne sul territorio, esprimendo nel contempo un importante segnale di apertura alla città e una volontà di integrazione con attività e iniziative già realizzate da altri soggetti; 2) dare un attuazione originale e innovativa al tra l altro, in base all anzianità di iscrizione nell Albo ufficiale degli assaggiatori ed all esperienza specifica di sedute di assaggio degli oli regionali. I lavori del panel si sono svolti presso il Laboratorio Chimico Merceologico della Camera di Commercio di Roma che è l unico organismo autorizzato su base regionale, ad effettuare analisi chimico fisiche ufficiali sui prodotti che rivendicano una denominazione di origine controllata o protetta, registrata in ambito comunitario (come gli oli DOP). Infine, c è stata anche una iniziativa rivolta alla stampa che ha coinvolto diversi rappresentanti delle principali testate radiofoniche, televisive e della carta stampata negli assaggi dei migliori 15 oli nella classifica generale del concorso attraverso dei test e dei giochi basati sull analisi sensoriale del prodotto, per far riconoscere ed apprezzare le caratteristiche delle eccellenze del nostro territorio proposte in abbinamento con alcune ricette tipiche 1 Quattrociocchi Valentina Alatri (FR) Fruttato intenso 2 1 Az. Agr. Tenuta Piscoianni di Gina Cetrone Frantoio Oleario Quattrociocchi Americo Sonnino (LT) Alatri (FR) Fruttato intenso Fruttato medio 2 Az. Agr. Biologica Paola Orsini Priverno (LT) Fruttato medio 1 Società Agricola L Uliveto delle Mandrie s.s. Grotte di Castro (VT) Fruttato leggero 2 Az. Agr. Marcella Giuliani Anagni (FR) Fruttato leggero OLIO DOP Sabina 1 Az. Agr. Tenuta Massimi Palombara Sabina (RM) Fruttato intenso 1 Az. Agr. Domenici Antonella Palombara Sabina (RM) Fruttato medio 2 Az. Agr. Fagiolo di Laura e Antonella Fagiolo s. s. Fara in Sabina (RI) Fruttato medio 1 Società Agricola Milani s.s. Roma Fruttato leggero 2 Az. Agr. Altobelli Leonardo Montelibretti (RM) Fruttato leggero OLIO DOP Canino 1 Az. Agr. Laura De Parri Canino (VT) Fruttato medio 1 Oleificio Sociale Cooperativo di Canino Soc. Coop. Canino (VT) Fruttato leggero 2 Cooperativa Olivicola di Canino Canino (VT) Fruttato leggero OLIO DOP Tuscia 1 Soc. Agricola Colli Etruschi Blera (VT) Fruttato intenso 2 Frantoio F.lli Paolocci S.r.l. Vetralla (VT) Fruttato intenso 1 L Oliveto Matarazzo Viterbo Fruttato medio 2 Azienda Agricola e Frantoio Battaglini Bolsena ( VT) Fruttato medio 1 Soc. Agr. Sciuga s.s. Montefiascone (VT) Fruttato leggero OLIO BIOLOGICO Quattrociocchi Valentina Alatri (FR) OLIO Monovarietale Quattrociocchi Valentina Alatri (FR) OLIO ad Alto Tenore di Polifenoli e Tocoferoli Quattrociocchi Valentina Alatri (FR) Migliore confezione Az. Agr. Silvi Sabina Sapori Palombara Sabina (RM) Valorizzare e promuovere l impresa rosa Una sfida che non deve conoscere pause Eletto il Comitato per l imprenditoria femminile della CCIAA di Roma che resterà in carica fino al Parissi, all unanimità, eletta Presidente protocollo d intesa Unioncamere - MSE, configurando la Capitale come città-guida, come laboratorio per la progettazione di nuove esperienze, all avanguardia nelle attività di promozione dell imprenditoria femminile e dell occupazione in genere. Nel corso dei diversi mandati, il Comitato ha svolto attività di promozione finalizzata alla nascita e allo sviluppo delle imprese femminili del territorio, attraverso modalità e strumenti condivisi e concordati con l Istituzione camerale RomaCrea Notizie - numero 18 - pag.4

5 dalle istituzioni, associazioni di categoria ed enti locali Dall aerospazio ai media digitali, tante le attività a supporto dell innovazione L azione di Filas, la società strumentale della Regione Lazio, è dedicata ai settori di punta dell economia hi-tech della nostra regione. Ecco i progetti in campo Un avviso pubblico per progetti integrati di frontiera, di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nella filiera dell Aerospazio. La procedura - varata dalla Filas - si articola in due fasi, la prima, in corso, è un Invito a presentare proposte e sarà seguita, per i soggetti ritenuti idonei, da un Invito per progetti esecutivi. Alla fine della seconda fase, saranno assegnati 14 milioni e 350 mila euro a progetti innovativi di Comunicazione e tecnologie per i sistemi di navigazione satellitare; Tecnologie, architetture e reti per tlc satellitari e sistemi di monitoraggio per sicurezza e ambiente; Tecnologie, metodologie e processi innovativi per materiali, componenti ed equipaggiamenti e nanotecnologie per l aerospazio. Ambito sanitario Si è chiuso il secondo bando del Distretto Tecnologico delle Bioscienze, per progetti innovativi in ambito sanitario, realizzati in collaborazione tra mondo della ricerca e industria. Progetti che siano in grado di agevolare il trasferimento tecnologico e ottimizzare la gestione, l organizzazione e la competitività del sistema sanitario e di favorire la diffusione dei risultati della ricerca e l incremento dell occupazione attraverso l inserimento di giovani laureati nel mondo del lavoro. Le risorse disponibili sono pari a 12 milioni e 950mila euro e finanzieranno iniziative nei settori Farmaceutica e farmacogenomica, Dispositivi e diagnostici medici e Ict per la salute, il biomedicale e i servizi assistenziali. Le domande pervenute a Filas sono state oltre 80, per un valore complessivo dei progetti presentati pari a circa 80 milioni di euro. Progetto ImMediaTe Il 9 e 10 febbraio si è poi svolto a Roma il secondo meeting di Im- MediaTe, il progetto UE, ideato e coordinato da Filas, che si propone di fornire strumenti e servizi per assistere la crescita di Pmi dei settori media digitali e industrie creative, eliminando gli ostacoli che spesso impediscono l incontro tra finanziatori e ideatori. Ad oggi, i partner del consorzio hanno creato un database che include più di 250 imprese innovative e stanno analizzando nel dettaglio 25 case study per trarne gli elementi base su cui organizzare un serie di eventi tematici nel corso del I meeting, uno per ciascuno dei cluster partecipanti, si terranno ad Amsterdam, Barcellona, Malta, Parigi e nel Lazio, per mobilitare le Pmi e gli stakeholder di ciascun territorio e richiamare un'audience internazionale selezionata. Ogni evento includerà: un modulo introduttivo di coaching per riflettere sugli effettivi bisogni delle imprese e un modulo avanzato, costumizzato per bilanciare i punti di forza di ogni cluster, in modo da permettere di attrarre un pubblico più ampio. Del consorzio ImMediate fanno parte, oltre a Filas, 4 cluster/ fondi dell Unione Europea: Media Deals (Parigi), (Barcellona), Cap Digital (Parigi) e Fondazzjoni Temi Zammit (Malta); 2 Istituzioni educative/ di ricerca: Institute of Electronic Business (Berlino), Media Business School (Madrid) e 3 organizzazioni di servizi innovativi: IIP Create (Utrecht), INNOVA (Roma) e Living Labs (Copenhagen). Incontri culturali b2b Il 4 e 5 febbraio, poi, nell ambito delle attività per il Distretto tecnologico della Cultura, Filas ha contribuito al convegno internazionale Along the Silk Road, promosso dalla Regione Lazio, organizzando la prima edizione del Culture Business Matching. Una serie di incontri B2B, grazie ai quali circa 50 aziende italiane, che hanno sviluppato beni e servizi innovativi per la valorizzazione culturale, hanno avuto modo di confrontarsi con enti, investitori e istituzioni estere rappresentanti di realtà consolidate e territori emergenti come Grecia, Bulgaria, Iran, Indonesia, India, Cina, Slovenia e Macedonia, ma anche Stati Uniti. Formazione gratuita Infine, Filas riprende l'attività di formazione per le imprese con una nuova edizione gratuita di webinar (seminari via web) dedicata al Project Management, attraverso il portale I primi 20 iscritti al gruppo Webinar: la certificazione di Base ISIPM su Lazio-Side hanno partecipato alla prima edizione nel mese di aprile. Gli altri interessati che si iscriveranno al gruppo, verranno distribuiti in quelle successive Tel , Pmi e giovani: realtà che bisogna avvicinare Iniziativa della CCIAA e del settimanale Lavorare all interno del Brain at Work Quasi la metà dei lavoratori dipendenti (il 49 per cento), in Italia, lavora per aziende con meno di 10 addetti. E oltre il 90 per cento delle imprese italiane è di piccole e medie dimensioni. Due dati che fanno saltare agli occhi il ruolo che le piccole e medie imprese, quelle che non superano i 249 dipendenti, svolgono nel mercato del lavoro di casa nostra. Una realtà che si è fatta conoscere giovedì 11 marzo, all Acquario Romano, in piazza Manfredo Fanti 47, a Roma. Qui si è svolta, nel contesto della decima edizione del Brain at Work, la prima edizione di Pmi al lavoro, il career day promosso dalla Camera di Commercio di Roma, attraverso la sua Azienda speciale Promoroma e dal settimanale Lavorare e dedicato alle piccole e medie imprese. Le aziende che hanno aderito a questa prima edizione sono 15, e operano nei settori più diversi. Si va dall alberghiero all elettronica, passando per la fisioterapia e addirittura per la Formula 1. Poi c erano quattro associazioni di categoria: la Federlazio, la Confederazione nazionale dell artigianato - Cna, l Unione industriali di Roma - Uir, Comitato per la piccola e media impresa e la Federalberghi Roma. Due le opportunità che Pmi al lavoro ha offerto ai giovani in cerca di lavoro. La prima è quella di conoscere le aziende presenti con il loro stand, farsi conoscere e lasciare il proprio curriculum a quelle che cercano profili simili al proprio. La seconda è quella di poter ottenere informazioni di prima mano su cosa vuol dire avviare un attività in proprio, quali sono gli strumenti necessari e quali possono essere gli aiuti finanziari facilmente accessibili. «Abbiamo toccato con mano - spiegano da Promoroma - la difficoltà delle aziende di minore dimensione nel reperire energie giovani e preparate sul mercato del lavoro. Questo è un problema centrale, perché forze giovani e preparate vogliono dire innovazione, un fattore competitivo irrinunciabile proprio per le Pmi. Dall altra parte c è la grande difficoltà dei giovani ad entrare nel mondo del lavoro, e la scarsa conoscenza che i giovani hanno del mondo della piccola e media impresa. Per questo il progetto Lavorare, e di conseguenza l idea di Pmi al lavoro, ci hanno convinto». «C è una differenza sostanziale tra le politiche di selezione delle grandi aziende - spiegano dalla Federlazio - e quelle delle piccole e medie imprese. Le prime hanno numeri consistenti, anche quando sono semplicemente legati al turn-over, e quindi possono programmare. Per questo partecipano abitualmente ai career day, raccolgono curriculum, offrono stage. Per le piccole invece i tempi sono molto più stretti. Quando serve una figura, serve subito. Per questo la nostra partecipazione a Pmi al lavoro è stata duplice: da un lato come associazione abbiamo rappresentato le ricerche di personale espresse in queste settimane dalle aziende più piccole. Quelle presenti in prima persona, invece, erano le imprese medie, più strutturate, che si sono scelte autonomamente i giovani da provare» Dal cervello alla mano bionica ricerca vincente made in Italy Medici e ingegneri del Campus Bio-Medico di Roma hanno messo a punto il progetto Life-Hand. Ecco come Un paziente che, per la prima volta al mondo, riesce a muovere per impulsi provenienti direttamente dal cervello una mano bionica a cinque dita. La notizia nelle ultime settimane ha fatto il giro dei cinque continenti, partita dall Università Campus Bio-Medico di Roma, dove un gruppo di medici e di ingegneri biomedici è riuscito ad assestare un successo tutto italiano, chiamato LifeHand, in collaborazione con i laboratori della Scuola Superiore Sant Anna di Pisa. Testimonianza di una ricerca che in Italia è possibile e segno della capacità di formare personale scientifico in grado di ottenere risultati importanti a livello mondiale. Una ricerca con Università e Centri di ricerca a livello europeo, ma sono molti i progetti che l Ateneo sta sviluppando anche insieme alle aziende a livello locale e nazionale. Tra queste, i tre progetti Filas decisi nel 2009 sempre in ambito medico e bioingegneristico e ancora il progetto Sweetage-1, finalizzato allo sviluppo di tecnologie per il monitoraggio a distanza dei parametri clinici di pazienti in cura, in sostanza la possibilità per il medico di tenere sotto controllo lo stato di salute del paziente anche quando questi si trova a chilometri di distanza dall ambulatorio. Contatto ateneo-aziende Il progetto vede l Università Campus Bio-Medico di Roma e la Fondazione Alberto Sordi lavorare a braccetto con imprese del settore elettronico. Tra le priorità dell ateneo, sia nell elaborazione dei programmi di studio che nella scelta dei programmi d indagine svolti presso il Polo di Ricerca Avanzata in Biomedicina e Bioingegneria dell ateneo c è proprio quello di raggiungere forti sinergie con il mondo produttivo. In particolare con i corsi di laurea in Ingegneria Biomedica, Ingegneria Chimica per lo Sviluppo Sostenibile e in Scienze dell Alimentazione e della Nutrizione Umana - spiega il Rettore, Vincenzo Lorenzelli - ci sono le condizioni per collaborazioni efficaci in due settori molto importanti: quello bioingegneristico a forte potenziale innovativo e quello delle Scienze dell Alimentazione, che interessa un settore strategico per il nostro Paese, come l agroalimentare. Sia in ambito di formazione che di ricerca lo stile di collaborazione che promette l ateneo alle aziende è smart : percorsi decisionali brevi, numero limitato di referenti, sia nella condivisione del capitale umano in formazione o neolaureato, sia nel delineare programmi di collaborazione e compartecipazione a progetti innovativi Università Campus Bio-Medico di Roma RomaCrea Notizie - numero 18 - pag.5

6 dalle istituzioni, associazioni di categoria ed enti locali Favorire la cultura d impresa con formazione e percorsi di progettazione Una serie di iniziative per aiutare le aziende esistenti e nuove start-up Bic Lazio e Provincia di Roma: insieme per promuovere le imprese creative e innovative. Prevista l organizzazione di una giornata dell imprenditore e varie azioni per facilitare le relazioni tra il mondo del design e quello aziendale Bic Lazio e Provincia di Roma hanno recentemente siglato un protocollo d intesa per favorire lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali nei settori della creatività e dell innovazione e per sostenere la diffusione della cultura d impresa. Amministrazione provinciale e Bic Lazio collaboreranno per rafforzare i servizi di promozione e assistenza all avvio di nuove attività produttive nel territorio attraverso la promozione di un sistema di relazioni stabili tra tutti i soggetti impegnati nella creatività. Il protocollo, per evitare duplicazioni e sovrapposizioni, prevede che verranno messe in rete le competenze esistenti nelle due strutture. L accordo, in particolare, individua risorse ed ambiti di intervento nei settori: 1) della creatività; 2) dell innovazione; 3) della promozione della cultura imprenditoriale nella società e nelle scuole; 4) della ricerca di fondi europei. Queste le azioni congiunte previste dal protocollo: Giornata dell imprenditore Come già accade in alcune delle aree metropolitane più innovative, è prevista l organizzazione di una Giornata dell imprenditore - da contestualizzare anche in collegamento con altre iniziative e seminari internazionali. L incontro sarà dedicato alla diffusione di informazioni sul fare impresa, sulle forme per migliorare i raccordi con il mondo della ricerca e, più in generale, si vuole configurare come un momento di riflessione sui tema dell impresa dell area metropolitana. Al suo interno sarà previsto anche un momento di incontro tra imprenditori e/o portatori di idee innovative e creative con eventuali investitori, attraverso l attivazione di iniziative di elevator pitch, match-making e start up meeting. Strumenti che permettono l incontro tra domanda e offerta dei capitali, partendo da una rapida ed efficace presentazione dell idea imprenditoriale (o della propria attività professionale), per finire con l organizzazione di veri e propri incontri one to one tra aspiranti imprenditori e business angels. Nel corso della giornata sarà assegnato il premio Imprenditore creativo, che consiste in un riconoscimento della Provincia e la possibilità di avere a disposizione un servizio di tutoraggio da parte di Bic Lazio. Sinergie specifiche Specifiche sinergie saranno avviate su attività di interesse comune: a) Bic Lazio, Provincia di Roma e Camera di Commercio, sono impegnati nell iniziativa del Fondo per la Creatività che prevede il sostegno finanziario, per complessivi 450mila euro, ai progetti innovativi delle piccole imprese tesi a valorizzare il capitale umano. In quest ottica Bic Lazio metterà a disposizione le proprie competenze per aiutare le imprese che saranno selezionate nella costruzione del proprio business plan; b) sarà promosso un Laboratorio del design per dare impulso alla creatività e, più in particolare, ai rapporto tra design ed impresa. Verrà attivato, in sinergia con alcuni tra i più qualificati soggetti che si occupano di design nella provincia di Roma, un sistema di tutoraggio dedicato alle imprese, al fine di migliorare l accesso ai servizi dei designer dell area metropolitana e facilitare le relazioni tra i due mondi - design ed impresa - in modo da accrescere la produttività del settore e la competitività dei prodotti realizzati sul territorio; c) la Provincia, inoltre, contribuirà a promuovere le opportunità del fondo Seed e Start Capital gestito da Bic Lazio presso le imprese coinvolte nel progetto Officina dell Innovazione. In particolare, tutte le iniziative imprenditoriali nate e sostenute all interno di questo progetto potranno beneficiare dei servizi (tutoraggio, assistenza alla redazione di business plan, formazione imprenditoriale) e dell ospitalità degli incubatori di Bic Lazio dislocati nella provincia di Roma. Marketing territoriale Provincia di Roma e Bic Lazio progetteranno e definiranno linee di intervento comuni che, partendo dalla lettura del territorio, permetteranno di promuovere lo sviluppo ed il potenziamento delle realtà imprendi- toriali presenti nella provincia di Roma (sia in termini di strumenti finanziari, che di servizi) in uno sforzo coordinato di marketing territoriale. Fondi europei La Provincia e Bic Lazio mettono in rete e coordinano le loro attività per la ricerca di fondi europei per imprese della Provincia. è previsto, in questo senso, un sistema di comunicazione diretta tra i due uffici per selezionare programmi e progetti di interesse comune e presentare candidature congiunte ai bandi europei. Simulazioni d impresa Nell ambito dell accordo - e in linea con le indicazioni che provengono dall Unione Europea - sono previste iniziative dirette a promuovere all interno delle scuole la cultura imprenditoriale, sia attraverso moduli informativi, sia attraverso la sperimentazione di percorsi di progettazione e simulazione d impresa (formazione imprenditoriale, business games, stage, concorsi per idee imprenditoriali sviluppate all interno degli istituti, accompagnamento alla presentazione dei progetti, valutazione, erogazione premi) Numero verde , Dalla sicurezza sul lavoro ai corsi sull apprendistato professionalizzante L attività della Federlazio a supporto delle imprese regionali. Concluso il progetto realizzato insieme alla CCIAA di Roma sull internazionalizzazione Apprendistato professionalizzante: disponibili dei nuovi corsi di formazione Presentato il dodicesimo rapporto Ebla sulla sicurezza nei luoghi di lavoro Iniziativa CCIAA Roma - Federlazio sui percorsi di internazionalizzazione Formare Srl, Centro di Ricerca e Formazione della Federlazio accreditato presso la Regione Lazio, ha formato nel 2009 oltre 100 apprendisti. Ora, grazie al nuovo bando della Provincia di Roma per la realizzazione delle attività formative per l apprendistato professionalizzante, ha aperto le iscrizioni per i seguenti corsi: Modulo A: acquisizione di competenze base e trasversale (42 ore), livello base e avanzato. Modulo B: acquisizione di competenze settoriali (24 ore) per il settore altre attività del terziario. Modulo C: acquisizione di competenze professionali - profilo formativo: addetti al settore amministrativo - con CCNL del terziario (54 ore). Tante sono inoltre le offerte formative contenute nel catalogo dei corsi privati previsti nei prossimi mesi. Tra queste: i corsi di Project management, Lavorare per progetti, Linux e tanto altro ancora che può essere organizzato anche su richiesta delle aziende e tenendo conto delle loro necessità.inoltre, particolare rilievo è dato ai corsi per la sicurezza nei luoghi di lavoro, per la formazione di responsabili e addetti al servizio di prevenzione e protezione dai rischi, dirigenti e datori di lavoro. Per informazioni: Formare Srl, tel , www. federlazio.it, federlazio.it. L Ebla - Ente Bilaterale Lavoro e Ambiente (Federlazio - Cgil - Cisl - Uil) - ha presentato il 12 Rapporto annuale sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Il Rapporto di quest anno - realizzato con la collaborazione di Asl Rm/B/C/H e con il Patrocinio della Regione Lazio - è intitolato Le imprese di pulimento: fattori di rischio e misure di prevenzione e, grazie ad interviste svolte su un campione di imprese di tutta la regione, ha monitorato l attuazione del D.lgs. 81/08 (Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro) concentrandosi specificatamente su un settore, quello del pulimento, di cui spesso si ignorano i molti potenziali rischi connessi a questo tipo di attività. L indagine, che ha coinvolto 30 imprese del settore, ha monitorato in particolare la conoscenza e l attuazione del D.U.V.R.I. (Documento Unico Valutazione dei Rischi di Interferenza). I risultati dell indagine sono consultabili sul sito Rossignoli nuovo Presidente settore Aerospazio e Difesa di Federlazio La Federlazio ha presentato i risultati del progetto Scouting nuovi mercati fieristici e percorsi di internazionalizzazione. Il progetto, realizzato dalla Federlazio con il contributo della Camera di Commercio di Roma, in collaborazione con Federlazio SPI (società di consulenza aziendale della Federlazio), consorzio Rome (Consorzio export Federlazio) e Gruppo Moccia, è l ideale proseguimento dei due progetti realizzati nel 2007 e 2009 per analizzare i servizi che il sistema camerale offre alle imprese romane nel campo delle fiere e per individuare nuove soluzioni ed opportunità. Il progetto attuale ha avuto l obiettivo di analizzare un mercato estero ed un settore merceologico, utilizzando lo strumento fieristico quale mezzo più efficace per promuoverlo. Sono state contattate più di 30 imprese e dalle interviste è emerso quale settore di interesse dell economia romana quello alimentare, mentre è stata scelta l India come mercato estero. Il consorzio Rome ha aperto un contact point in India, a Mumbai, per offrire assistenza professionale alle imprese romane nel loro processo di internazionalizzazione nel grande mercato asiatico. Per richiedere il rapporto completo: Consorzio Rome, tel , Consuma Federlazio: un nuovo servizio per intensificare le relazioni tra imprese È attivo in Federlazio un nuovo servizio per le imprese denominato Consuma Federlazio. L iniziativa è stata creata per sviluppare rapporti tra aziende che vogliono vendere o acquistare prodotti e servizi, un circuito nato per intensificare le relazioni tra le imprese associate e per aiutare ad espandere e ottimizzare le potenzialità di ogni impresa. Consuma Federlazio nasce con l intento di dare una risposta concreta alle richieste delle imprese e dare un contributo al superamento della crisi. Nello specifico Consuma Federlazio permette di creare gruppi d acquisto tra le imprese aderenti al circuito, acquistare al miglior rapporto qualità/ prezzo, ampliare il proprio mercato di fornitura, ridurre in modo significativo i tempi. Oltre ad un intensificazione degli scambi commerciali, Consuma Federlazio si pone come obiettivo anche quello di fare incontrare le imprese aderenti al circuito, non solo per promuovere scambi commerciali, ma anche per condividere esperienze e progetti finalizzati alla crescita. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito internet consumafederlazio.it La Federlazio ha presentato nel corso di una conferenza stampa l indagine congiunturale del secondo semestre L indagine si occupa di monitorare lo stato di salute Silvio Rossignoli è il nuovo Presidente del settore Aerospazio e Difesa della Federlazio. Rossignoli, ingegnere, è Presidente della Aero Sekur Spa, società di Aprilia operante nei settori dello Spazio, dell Aeronautica e della Difesa. Obiettivo primario della categoria è aggregare competenze e dimensioni industriali per sostenere le imprese sia nei processi d internazionalizzazione che nell ampliamento del mercato nazionale. Recentemente è stato organizzato in Federlazio un incontro tra le imprese del settore e l Asi (Agenzia Spaziale Italiana) per presentare la categoria e per rafforzare i rapporti di collaborazione. Indagine congiunturale sulle Pmi Il rapporto è disponibile on line delle piccole e medie imprese del Lazio ed è stata realizzata intervistando un campione di 350 imprese. È possibile scaricare il rapporto completo sul sito Un modello per prevenire infortuni nel settore dell autotrasporto La Federlazio ha realizzato il progetto Evidence Based Model - Nuovi orizzonti per la valutazione della percezione del rischio nel settore dell autotrasporto. Il progetto - promosso dall Ebla (Ente Bilaterale Lavoro Ambiente), attuato da Formare Srl (Centro di ricerca e formazione della Federlazio) e finanziato dalla Regione Lazio - propone un modello di prevenzione del rischio infortuni per ridurre drasticamente le cause che determinano gli infortuni sul lavoro dovuti ai comportamenti umani nel settore trasporti. Evidence Based Model propone nuove tecniche per la valutazione e gestione del rischio in grado di agire direttamente sulla percezione, e quindi sulla consapevolezza del rischio di ogni singolo lavoratore così da prevenire, e successivamente modificare, tutti quei comportamenti umani errati che generano il più alto tasso di infortuni sul lavoro. Il modello di prevenzione si fonda su un principio base: la condivisione del principio di tutela della salute dei lavoratori e degli strumenti preventivi. Il progetto Ebm è formato da un kit che qualunque azienda può scaricare gratuitamente dal sito www. trasportiebm.it. RomaCrea Notizie - numero 18 - pag.6

7 dalle istituzioni, associazioni di categoria ed enti locali Smaltimento dei rifiuti, si cambia Alti i costi e tanti gli oneri in arrivo Il Sistri prevede una dotazione informatica a carico delle imprese estremamente articolata La Cna preoccupata per l impatto che le disposizioni possono avere sulle micro e sulle piccole Al via la nuova normativa per lo smaltimento dei rifiuti. Un sistema difficilmente sopportabile per le piccole imprese. Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, nel supplemento ordinario del 13 gennaio 2010, del decreto ministeriale 17 dicembre 2009, nasce il Sistri. Sono coinvolti autoriparatori, tipografie, falegnamerie, tintolavanderie, acconciatori, odontotecnici, impiantisti, restauratori, trasportatori di rifiuti e tutte le aziende che producono rifiuti pericolosi. Soggette alla normativa anche le aziende con più di dieci addetti che producono rifiuti non pericolosi. Il Sistri (Sistema informatico di controllo della tracciabilità dei rifiuti) ha come obiettivo, per i rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, la sostituzione graduale dell attuale sistema cartaceo basato sul registro di carico e scarico, sul formulario dei rifiuti e sul Mud, con un innovativo procedimento basato su tecnologie informatiche. A fronte della cancellazione di questi adempimenti il Sistri prevede una dotazione informatica in carico alle imprese estremamente articolata, particolarmente onerosa, di difficile gestione, senza alcuna reale semplificazione. Il sistema così come delineato non sembra dunque apportare una riduzione dei costi, né per le imprese, né per il sistema, ma anzi un aggravio, in particolare per i piccoli produttori di rifiuti e per i trasportatori. Un sistema che risulterà difficilmente sopportabile per le micro e piccole im- prese che non dispongono della strumentazione, delle competenze e del tempo necessario per gestire sistemi così complessi. Per questi motivi la Cna unitamente alle altre organizzazioni, ha contrastato con ogni mezzo questo sistema, chiedendone sostanziali modifiche in termini di semplificazione e riduzione dei costi e un rinvio della sua entrata in vigore oltre ad una maggiore gradualità applicativa per le micro e piccole imprese. Queste richieste sono state accolte dal Ministero solo parzialmente. Per quanto riguarda i soggetti coinvolti, l articolo 1 del decreto ministeriale individua 2 categorie: le categorie di soggetti tenuti ad iscriversi obbligatoriamente (secondo una gradualità temporale); le categorie di soggetti che possono aderire su base volontaria e quindi facoltativa. Opportunità di credito In un momento economico così difficile trovare ossigeno per le imprese non è facile. Eppure il tessuto imprenditoriale della capitale è ricco di aziende che hanno deciso di non tirare i remi in barca e di accettare la sfida. Farlo da sole, però, è tutt altro che semplice. La strada è in salita e per questo è importante cogliere tutte le opportunità che le istituzioni, gli enti camerali, i confidi offrono a chi continua a fare impresa. Ci sono e puntano a dare risposte alla problematica più grande: l accesso al credito. La Cna è pronta a mettere in campo la sua esperienza e la professionalità dei suoi dipendenti per accompagnare le imprese nel cammino verso la ripresa. Milioni di euro sono ad oggi disponibili per le aziende romane pronte a reinvestirli nella propria impresa. Ma un attenzione particolare è stata posta anche all occupazione con contributi per le imprese che stabilizzano il personale, alle neo imprese e alle imprese femminili, grazie a finanziamenti della Regione e della Provincia. Scoprite come rientrare nelle agevolazioni concesse contattando l Ufficio Credito di Serfina della Cna che opera a tutto campo intervenendo con attività di consulenza nelle domande per le leggi di incentivazione regionali e nazionali. La struttura collabora con i principali istituti bancari e società di leasing per investimenti aziendali e interviene a livello di consulenza e operatività per la definizione e l erogazione di mutui aziendali. L Ufficio, inoltre, offre convenzioni bancarie alla definizione di tassi e condizioni di conto corrente decisamente convenienti per le imprese associate Cna e veicola i contributi pubblici regionali, provinciali, comunali della Camera di Commercio Numero verde , Sicurezza alimentare e tutela del consumatore Un binomio inscindibile e sempre più stringente Le norme vigenti impongono a tutti gli operatori del settore di dotarsi di un sistema di controllo e gestione delle proprie attività: il supporto e la formazione in materia della Confesercenti Roma L igiene e la sicurezza degli alimenti costituiscono oggi requisiti fondamentali, sempre più legati al rispetto di corretti comportamenti del personale impegnato ai vari livelli della filiera alimentare nelle attività di manipolazione, modalità di conservazione e distribuzione e alla gestione degli ambienti dove le lavorazioni avvengono. Il ruolo dell alimento e i suoi componenti di base rivestono un importanza altrettanto rilevante per comprenderne e valutarne la qualità complessiva delle materie prime presenti sul mercato, al fine di fornire la massima garanzia a consumatori sempre più esigenti. Cosa prevede la legge Tutti questi principi sono contenuti in norme di legge rivolte indistintamente a tutti gli operatori del settore alimentare, sia che trattino prodotti alimentari distribuiti allo stato sfuso o già preconfezionato (il cosiddetto Pacchetto Igiene e le norme sulla Rintracciabilità alimentare ); attraverso queste norme viene coniugato l obbligo della responsabilità e della tutela nei confronti del consumatore, imponendo all operatore di adottare procedure di prevenzione delle situazioni di rischio nelle proprie attività per garantire il rispetto dei requisiti igienici nelle varie fasi lavorative e distributive degli alimenti, nella varie fasi di lavorazione della filiera alimentare. Ai fini della prevenzione delle malattie trasmesse at- traverso gli alimenti, è fondamentale quindi l analisi preventiva dei rischi di contaminazione (e quindi l applicazione di procedure per evitarli). Le norme vigenti impongono a tutti gli operatori del settore alimentare di dotarsi di un sistema di gestione e controllo dell igiene e sicurezza alimentare delle proprie attività: 1) piano di autocontrollo basato sul metodo HACCP, attraverso il quale predisporre tutte le strategie per garantire la sicurezza alimentare nell impresa condotta; 2) effettuazione di tamponi/prelievi di alimenti in modo da valutare le cariche microbiche; 3) effettuazione di audit di verifica a dimostrazione dell autocontrollo; 4) formazione. La Confesercenti Provinciale di Roma e del Lazio coadiuva le imprese nell adeguamento a questa normativa già dal 1998 avendo maturato professionalità ed esperienza. Eroga, inoltre, anche solo la formazione per le aziende associate del settore merceologico sia della ristorazione che della vendita di generi alimentari. I corsi obbligatori a) corso di 20 ore per il Responsabile dell industria alimentare; b) corso di 14 ore per il personale qualificato (cuochi; pasticceri; fornai; pizzaioli; gelatai; addetti alle gastronomie - produzione e vendita; addetti alla produzione di pasta fresca; addetti alla lavorazione del latte e dei formaggi - esclusi addetti alla stagionatura e mungitori; addetti alla macellazione, sezionamento, lavorazione, trasformazione e vendita - con laboratorio cibi pronti - delle carni, del pesce e dei molluschi; salumieri; addetti alla produzione di ovoprodotti - escluso imballaggio); c) corso di 8 ore per il personale non qualificato (addetti alla vendita di alimenti; personale addetto; camerieri; lavapiatti; trasportatori/magazzinieri, etc.) Questi corsi vengono ridotti rispettivamente a 12 ore, 8 ore e 4 ore se il responsabile o gli addetti hanno esercitato per un congruo periodo di tempo, rispettando le norme di corretta prassi igienica, mentre il responsabile dell industria alimentare che ha effettuato i corsi PIA, dovrà effettuare un integrazione al predetto corso di 8 ore. Per ulteriori informazioni è possibile contattare gli uffici della Confesercenti allo (Daniela D Andrea, Jacopo Eugenio Tognazzi e Giorgia Tonini) Risorse alle Pmi del turismo grazie a un fondo regionale Pubblicato un bando per le imprese del settore Finanziamenti per particolari tipi di interventi Le piccole e medie imprese del settore turistico del Lazio hanno la possibilità di usufruire di finanziamenti per promuovere il loro sviluppo, grazie al Fondo Rotativo messo a disposizione dalla Regione Lazio. Il finanziamento previsto è a tasso agevolato (mutuo), per una durata massima di sette anni che può coprire fino al 100% dell investimento ammissibile al netto dell Iva. Per beneficiarne le imprese turistiche interessate devono avere sede operativa nel territorio ed essere in possesso dei requisiti dimensionali previsti dalla normativa europea; il Fondo fa particolare riferimento alle strutture ricettive alberghiere, extralberghiere e all aria aperta. Interventi di ampliamento, adeguamento, trasformazione, riqualificazione e ammodernamento delle strutture ricettive o delle unità produttive delle stesse sono i piani di investimento ammissibili per le aziende turistiche che intendono approfittare di questa iniziativa vantaggiosa per la loro crescita. Inoltre, sono previste le spese di proget- Un 2009 difficile, con una perdita secca del 12% del fatturato e del 10% delle esportazioni, non sembra aver intaccato la solida struttura finanziaria delle medie imprese industriali italiane, oggetto della nona indagine di Mediobanca e Unioncamere, presentata questa mattina a Milano. Queste eccellenze del made in Italy, malgrado le difficoltà, nel 50,2% dei casi (contro il 33,9% attribuito alla media delle Pmi) si confermano infatti altamente affidabili secondo il modello di scoring R&S-Unioncamere. Al 2010, poi, guardano con una dose di pacato ottimismo, convinte, in un caso su tre, che fatturato, produzione ed esportazioni torneranno in positivo. Nel frattempo, serrano gli organici, ma una media impresa su 7 continuerà a creare occupazione, investono sul futuro e puntano a una maggiore efficienza, ricorrendo, nel 56% dei casi, all introduzione di nuovi macchinari e nel 45% all avvio di nuovi progetti e attività che si avvalgono di servizi e tecnologie informatiche, facendo ricorso nel 53,5% dei casi all autofinanziamento. Per sfidare la crisi le medie imprese hanno continuato a puntare sull eccellenza, insistendo sulla creazione di nuove nicchie di mercato dove a livello internazionale non è il prezzo più basso a vincere, ma è la qualità combinata al rispetto dell ambiente e delle persone. Continuando a differenziare l offerta produttiva, investendo in innovazione, in design, in gusto. Quello delle medie imprese, insomma, può e deve costituire un modello efficace da sostenere, favorire, irrobustire. La redditività A spiegare la solidità delle medie imprese italiane oggi, aiuta l esame degli ultimi dati di bilancio disponibili, riferiti al Ci segnalano che proprio il 2007 è stato l anno d oro per le medie imprese industriali, prima del giro di boa tazione di massima ed esecutiva, direzione lavori, studio di fattibilità economico finanziaria, collaudi di legge (fino ad un massimo del 10% dell investimento complessivo); per opere murarie e impianti anche finalizzati al risparmio idrico ed energetico; per arredamenti ed attrezzature; per opere inerenti strutture complementari all attività ricettiva (parcheggi, aree verdi). Il finanziamento si articola in due componenti di pari importo e durata, una a tasso agevolato e una a tasso ordinario, sia fisso che variabile. Un piano di ammortamento a rate trimestrali costanti posticipate provvederà al rimborso del mutuo, con le seguenti scadenze: 30 marzo, 30 giugno, 30 settembre e 30 dicembre di ciascun anno. Per presentare domanda è possibile scegliere la prenotazione telematica sul sito oppure l invio postale in formato cartaceo. La prenotazione telematica rimarrà aperta fino al 20 dicembre 2010, ovvero fino ad esaurimento delle risorse finanziarie stanziate Le medie imprese nostrane resistono bene alla crisi Studio Unioncamere-Mediobanca: 1 azienda su 3 è convinta che il 2010 sarà l anno della ripresa segnato dal 2008, quando, secondo le stime, i fatturati hanno avuto una crescita del 2%, ma i margini lordi si sono ridotti di circa 8 punti. Tra il 1998 ed il 2007, le medie imprese hanno mantenuto il primato della crescita, con un incremento del valore aggiunto del 46,7% contro il 30,5% delle grandi imprese, del 69,8% del fatturato (contro il +51,5% delle grandi imprese), del 92,7% delle esportazioni (+70,5% delle grandi), del 16,7% dei dipendenti (-10% il corrispondente indicatore per le grandi). I settori di attività Il 48% del valore aggiunto delle medie imprese ha origine nelle aree del NEC (principalmente nel Nord-Est), il 43% in quelle del Nord-Ovest ed il rimanente 9% nelle regioni centro-meridionali. Le produzioni prevalenti nel Nord-Ovest e del Nord-Est sono la meccanica ed i beni per la persona e la casa (che rappresentano il 61,9% ed il 68,6% del prodotto complessivo); il NEC si caratterizza per l alta quota di valore aggiunto nel comparto dei beni per la persona e la casa (35,7%). Nel Centro Sud e nelle Isole prevale invece la meccanica (33,4%) mentre l insieme degli altri settori (esclusi alimentare e beni per la persona e la casa) supera il 26% del totale. Nel Nord-Ovest, la quota di altri settori è pari a circa un terzo del totale, con chimica e metallurgia che contano per il 22,6%. Le produzioni del made in Italy interessano prevalentemente le imprese dell area NEC, che vi realizzano il 66,7% del valore aggiunto, seguite dal Centro Sud e Isole con il 60,6% e dal Nord- Ovest con il 56,4% Questo numero di RomaCrea Notizie è stato chiuso in redazione il 10/5/10 RomaCrea Notizie - numero 18 - pag.7

8 dalle istituzioni, associazioni di categoria ed enti locali Dal barman al pasticcere fino all organizzatore di matrimoni vecchie e nuove professioni che non conoscono la parola crisi Le proposte formative della Confcommercio Roma. Dagli sbocchi professionali alle materie da studiare: quello che bisogna sapere BARMAN La Confcommercio Roma organizza, tramite il suo Ente di formazione Promo.ter Roma, un corso per barman di American Bar. Il corso è svolto in collaborazione con la Flair Project, scuola capitolina leader nel settore di formazione tecnico professionale relativamente al beverage, che vanta docenti di fama internazionale come il master trainer Carlo Maria Munafò e Andrea De Pascalis. La durata complessiva del corso è di 40 ore: durante le lezioni si potranno approfondire tutte le tecniche relative all arte del bartending, si conosceranno i ferri del mestiere, ovvero tutte le attrezzature professionali che permettono di svolgere al meglio il proprio lavoro e verrà affrontata l organizzazione del banco bar. Particolare attenzione sarà poi riservata al comportamento da assumere dietro il banco e quindi all interazione con il cliente e alle tecniche di vendita. Si passerà quindi alle tecniche di verseggio e di dosaggio, al fine di raggiungere un altissima precisione su tutti i procedimenti da seguire che fino ad oggi erano basati su l approssimazione e su una scarsa informazione. Si affronteranno uno ad uno i vari metodi per la preparazione dei drinks: dai classici I.B.A., come il Negroni, il Margarita, il White Lady, a quelli più di moda come il Long Island Ice Tea, il Sex on the Beach e il Cosmopolitan, fino ad arrivare ai più esclusivi Blue King China o June Bug. Si introdurrà il concetto di meccaniche di lavoro utile per abituare il barman alla preparazione di più drinks contemporaneamente e nel minor tempo possibile, conservando come sempre altissimi standard qualitativi attraverso la preparazione e l utilizzo dei premix, a cui verranno dedicate lezioni specifiche. La parte teorica del corso riguarderà l aspetto merceologico di tutti i prodotti, dai distillati, liquori, succhi e sciroppi, andando a scoprire la storia e i metodi di preparazione. Infine si vedrà come rendere accattivante un drink anche dal lato estetico, intagliando frutta per tutti i tipi di guarnizioni, dalle classiche a quelle più elaborate e spettacolari. Il corso sarà in gran parte pratico per permettere agli allievi di esercitarsi concretamente, simulando al meglio la realtà lavorativa in cui ci si troverà in futuro: per questo ognuno avrà una postazione di lavoro personale totalmente attrezzata, per tutta la durata del corso. Al termine, verrà rilasciato un attestato di partecipazione, la dispensa didattica con tutte le lezioni teorico pratiche affrontate, il ricettario dei cocktails i.b.a. ed un ricettario di cocktails fashion. I corsi si svolgeranno presso la sede della Flair Project in Via Antonio Dionisi, 50 (zona Monteverde/Portuense), in aule appositamente concepite per garantire alti standard di apprendimento didattico e per offrire ai partecipanti il massimo del comfort. pasticceri L arte della pasticceria è da sempre il fiore all occhiello della cucina italiana. Gli stili di vita cambiano e l affermazione di nuove abitudini alimentari ha rivoluzionato il settore che si è adeguato alle nuove esigenze, proponendo preparazioni e presentazioni di dolci sempre più innovative. Per questo, la Confcommercio Roma tramite il suo Ente di formazione Promo.ter Roma, ha avviato un percorso formativo rivolto a chi desidera imparare il mestiere di pasticcere e anche a chi, magari, già svolge questa attività e intende migliorare e aggiornarsi. La teoria riguarderà la normativa sulla qualità degli alimenti, la legislazione igienico sanitaria, le norme di sicurezza, le macchine professionali. La parte pratica, condotta da esperti del settore, prevede la preparazione di impasti e masse montate. Gli allievi impareranno a lavorare i prodotti base della pasticceria come il pan di Spagna, la pasta briseè, le meringhe alla francese, il babà, il plum cake, la sfoglia, lo choux e altri preparati ancora. Non mancheranno inoltre lezioni pratiche per imparare a preparare le creme, la pasticceria salata, la panna acida e i semifreddi. Alla fine del corso, a tutti gli allievi, verrà rilasciato un attestato di partecipazione. Wedding Planner La Confcommercio Roma organizza un corso di formazione all interno di un settore in espansione, ma ancora poco conosciuto: quello dei wedding planner, una figura professionale sempre più richiesta nell ambito dell organizzazione di eventi, che in altri Paesi, come gli Stati Uniti, trova da sempre ampi spazi di lavoro, e che finalmente sta diventando una realtà anche in Italia. Ma come si diventa wedding planner? La Confcommercio Roma tramite il suo ente di formazione Promo.ter Roma, gestisce un percorso formativo per tutti coloro che vogliono approfondire e saperne di più di questo mestiere: esperti in grado di organizzare un ricevimento nei minimi dettagli, con conoscenze di enogastronomia, buone maniere e allestimenti. Consulenti che sappiano affrontare senza problemi le pratiche burocratiche di un matrimonio religioso o civile. Liberi professionisti che consiglino ai propri clienti la migliore location, il giusto invito e la perfetta accoglienza, per un ottimale riuscita del giorno più bello della propria vita. Il percorso formativo, guidato da docenti qualificati, prevede nozioni di marketing, amministrazione e diritto, indispensabili per poter esercitare al meglio questa professione. Le lezioni si terranno il lunedì e il giovedì, dalle 17 alle 20. Alla fine del corso i partecipanti riceveranno un attestato di frequenza Segreteria Corsi PROMO.TER ROMA Ente di formazione della Confcommercio Roma Via Silvio D Amico 40 (metrò S.Paolo), lu-gi, , , Tel /306/301, roma.it, Inserzione a titolo gratuito RomaCrea Notizie - numero 18 - pag.8

TUSCIA DOP FRUTTATO MEDIO. Soc. Agr. Sergio Delle Monache S.r.l. FRUTTATO INTENSO. Bassano in Teverina. Le Olive di Ale. Vetralla VT Tamia Gold

TUSCIA DOP FRUTTATO MEDIO. Soc. Agr. Sergio Delle Monache S.r.l. FRUTTATO INTENSO. Bassano in Teverina. Le Olive di Ale. Vetralla VT Tamia Gold Vincitori della XXI edizione EXTRAVERGINE FRUTTATO LEGGERO 2 Frantoio Archibusacci dal 1888 S.r.l. Canino VT Frantoio Arturo Archibusacci 1 Soc. Agr. Sciuga S.s. Montefiascone VT Il Molino 2 Az. Ag. Maselli

Dettagli

IL MERCATO PUBBLICO DEI SERVIZI DI FACILITY MANAGEMENT NEL LAZIO NEL 2013

IL MERCATO PUBBLICO DEI SERVIZI DI FACILITY MANAGEMENT NEL LAZIO NEL 2013 IL MERCATO PUBBLICO DEI SERVIZI DI FACILITY MANAGEMENT NEL LAZIO NEL 2013 Presentazione convegno "Competitività e innovazione delle PMI: nuove opportunità per crescere nel settore del Facility Management"

Dettagli

Vinitaly - Verona 25-28 marzo 2012

Vinitaly - Verona 25-28 marzo 2012 Vinitaly - Verona 25-28 marzo 2012 E L E N C O e g u i d a E S P O S I T O R I a g li eventi Quattro Oli a Denominazione d Origine Protetta. Dopo le storiche Sabina, Tuscia e Canino, espressioni delle

Dettagli

PPP e FM: questo matrimonio s ha da fare? Per una di queste

PPP e FM: questo matrimonio s ha da fare? Per una di queste Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Economia PPP e FM: questo matrimonio s ha da fare? Per una di queste stradicciole, tornava bel bello dalla passeggiata verso casa, sulla sera del giorno

Dettagli

INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012

INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012 INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012 Area Commercio e Promozione Estero Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Treviso www.tv.camcom.it promozione@tv.camcom.it

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

FINANZIAMENTO AGEVOLATO

FINANZIAMENTO AGEVOLATO FINANZIAMENTO AGEVOLATO MICROCREDITO CONTRIBUTO 40 MLN Il Microcredito è un fondo di garanzia istituito dal Ministero dello sviluppo economico ( MISE ), finanziato, per una cifra di 10 milioni di Euro,

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 213 Sommario IL MERCATO DEL PROJECT

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes Migranti nel mondo, in Sardegna,nel Medio Campidano ASSESSORATO AL LAVORO - IMMIGRAZIONE ED EMIGRAZIONE Osservatorio provinciale sui flussi migratori Presentazione del Dossier Statistico Immigrazione 2007

Dettagli

Newsletter International Business & Technology Cooperation

Newsletter International Business & Technology Cooperation Enterprise Europe Network La nuova rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network.ec.europa.eu/index_en.htm N 14 Marzo 2010 Newsletter International Business & Technology Cooperation

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

P R O M O S. Ruolo, servizi ed attività di supporto all operatività internazionale delle imprese. Maria Pulsana Bisceglia

P R O M O S. Ruolo, servizi ed attività di supporto all operatività internazionale delle imprese. Maria Pulsana Bisceglia Internazionalizzazione e marketing territoriale P R O M O S CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA MILANO Dal 1786 l istituzione al servizio del sistema produttivo di Milano. Ruolo, servizi

Dettagli

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità.

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. DIREZIONE QUALITÀ La carta servizi di Verona Innovazione Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. 1 Verona Innovazione 5 servizio nuova impresa 10 sportello comunica

Dettagli

Tra le altre iniziative nel novembre del 2007 il Comitato da me presieduto, ha realizzato: San Martino e le donne del vino con lo

Tra le altre iniziative nel novembre del 2007 il Comitato da me presieduto, ha realizzato: San Martino e le donne del vino con lo Buongiorno a tutti, ringrazio chi mi ha voluta oggi a questo forum e tutte le donne imprenditrici e non che con la loro presenza testimoniano che l essere donna è una risorsa per la cooperazione internazionale.

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 EXPO 2015: UNA GRANDE OPPORTUNITÀ PER LA CRESCITA E IL LAVORO Attesi 20 milioni di visitatori Già venduti 8 milioni di biglietti 23,5 miliardi di indotto previsto tra

Dettagli

DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE. Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA

DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE. Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA DISTRETTI TECNOLOGICI NEL LAZIO Distretto Tecnologico dell Aerospazio (DTA) Distretto Tecnologico

Dettagli

Presentazione della Società. Maggio 2014

Presentazione della Società. Maggio 2014 Presentazione della Società Maggio 2014 La Società La Struttura Produttiva Il Sistema di Competenze Il Posizionamento I Dati Economico - Finanziari 2 La Società La Storia 2004 Costituzione della StraDe

Dettagli

APULIA ATTRACTION. Seconda Edizione

APULIA ATTRACTION. Seconda Edizione APULIA ATTRACTION Seconda Edizione AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI N.15 MANAGER/IMPRENDITORI DI ORIGINE PUGLIESE E RESIDENTI ALL ESTERO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO DI INFORMAZIONE, PROMOZIONE

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

SINTESI DEGLI INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA RICERCA E INNOVAZIONE AVVIATI NELL ULTIMO PERIODO

SINTESI DEGLI INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA RICERCA E INNOVAZIONE AVVIATI NELL ULTIMO PERIODO SINTESI DEGLI INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA RICERCA E INNOVAZIONE AVVIATI NELL ULTIMO PERIODO La nostra regione è stata tra le prime ad avviare l attuazione degli strumenti di ricerca, sviluppo e innovazione

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015 Le imprese a Bologna nel 2014 Marzo 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

7 a edizione. Bando di concorso. Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6

7 a edizione. Bando di concorso. Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6 7 a edizione Bando di concorso Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6 Art.1 Finalità, soggetti promotori e obiettivi Il Premio Impresa Ambiente è promosso dalla Camera di Commercio di Roma - Asset

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

Congresso Esportare di più si può, si deve

Congresso Esportare di più si può, si deve ICE AGENZIA PER LA PROMOZIONE ALL ESTERO E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE Congresso Esportare di più si può, si deve Lecce, 16 ottobre 2014 Giovanni Sacchi Direttore Ufficio di coordinamento

Dettagli

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori,

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, COSMIT FEDERLEGNOARREDO ISALONI (Milano, 22 Aprile 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, sono molto lieto di partecipare

Dettagli

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA di Nizza, Sophia Antipolis, Costa Azzurra. sintesi dei principali servizi e modalità di erogazione

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA di Nizza, Sophia Antipolis, Costa Azzurra. sintesi dei principali servizi e modalità di erogazione CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA di Nizza, Sophia Antipolis, Costa Azzurra sintesi dei principali servizi e 1 INTRODUZIONE CHE COSA E Il Catalogo Servizi della Camera di Commercio Italiana

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP)

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) spedizione via mail: 2 novembre 2009 TOTALE OPPORTUNITA' 8 suddivise in REGIONALE, PROVINCIALE E COMUNALE 1 Ente titolare

Dettagli

Ance Salerno: Industria culturale, flop-campania

Ance Salerno: Industria culturale, flop-campania 1 Ance Salerno: Industria culturale, flop-campania L industria della cultura in Campania produce il 4,4% del valore aggiunto, incidendo per il 4,5% sul mercato dell occupazione. Con questi risultati la

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Il piano di rafforzamento amministrativo A cura della redazione

Il piano di rafforzamento amministrativo A cura della redazione Bollettino mensile N. 9 ottobre 2014 Ultime da fuori Il piano di rafforzamento amministrativo A cura della redazione Migliore capacità di spesa e maggiore efficacia di FESR e FSE: questi i principali obiettivi

Dettagli

Il talento delle idee: concorso per la selezione e premiazione delle migliori start up innovative

Il talento delle idee: concorso per la selezione e premiazione delle migliori start up innovative UniCredit S.p.A. e Giovani Imprenditori di Confindustria con il patrocinio di Il talento delle idee: concorso per la selezione e premiazione delle migliori start up innovative Iniziativa per il sostegno

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Il Sodalitas Social Award acquista respiro europeo Promuovere

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

OICE/INFORMATEL. INDICE 1) I risultati dell Osservatorio fino al 31 dicembre (sintesi) pag. 2

OICE/INFORMATEL. INDICE 1) I risultati dell Osservatorio fino al 31 dicembre (sintesi) pag. 2 OICE/INFORMATEL OSSERVATORIO MENSILE SUI BANDI DI GARA PUBLICI PER SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA, INIZIATIVE DI PROJECT FINANCING E APPALTI DI PROGETTAZIONE E LAVORI INDICE 1) I risultati dell Osservatorio

Dettagli

PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI

PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO Asse 2 Internazionalizzazione misura D PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI AVVISO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE ANNO 2010

Dettagli

A. Tarsia in Curia/Turismo e Psicologia 2 (2009) 365-372

A. Tarsia in Curia/Turismo e Psicologia 2 (2009) 365-372 La formazione turistica universitaria in Italia 365 Amedeo Tarsia in Curia Touring Club Italiano Abstract: Il boom dei corsi di laurea in turismo sembra essersi esaurito. Dopo anni di entusiasmo, l attuale

Dettagli

Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese

Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese Ermanno Maritano, Confindustria Piemonte EEN ALPS NordOvest Roma, 14 novembre 2011 European Commission Enterprise

Dettagli

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza Arianna Attivazione Rete nazionale antiviolenza Il progetto sperimentale Arianna Si propone come azione di sistema volta a fornire un servizio nazionale di accoglienza telefonica alle donne vittime di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca 20 10122 Torino

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca 20 10122 Torino Circ. Reg. n. 132 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca 20 10122 Torino dirreg@scuole.piemonte.it Prot. n 5912/P Torino, 28/8/2002

Dettagli

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS DEVELOPMENT

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS DEVELOPMENT EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS DEVELOPMENT per Piccole & Medie Imprese EDIZIONE 2007 FACOLTÀ DI ECONOMIA PRESENTAZIONE Le scelte strategiche di molte imprese italiane di piccola e media dimensione si stanno

Dettagli

La più importante manifestazione dedicata all Orientamento, la Scuola, la Formazione, il Lavoro

La più importante manifestazione dedicata all Orientamento, la Scuola, la Formazione, il Lavoro XIX mostra convegno nazionale FIERA DI VERONA 26-28 novembre 2009 ore 9.00-18.30 ingresso libero La più importante manifestazione dedicata all Orientamento, la Scuola, la Formazione, il Lavoro SEZIONI

Dettagli

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con ATLAZIO Agenzia Regionale

Dettagli

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Movimprese III trimestre 2015 Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Firenze, Novembre 2015 Indice CAPITOLO 1: IL QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: TIPOLOGIE

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Campagna: Il credito. Se lo conosci lo ottieni. 14 Maggio 2012. A cura dell Ufficio Comunicazione Relazioni esterne e Immagine

RASSEGNA STAMPA. Campagna: Il credito. Se lo conosci lo ottieni. 14 Maggio 2012. A cura dell Ufficio Comunicazione Relazioni esterne e Immagine RASSEGNA STAMPA Campagna: Il credito. Se lo conosci lo ottieni 14 Maggio 2012 A cura dell Ufficio Comunicazione Relazioni esterne e Immagine di CNA Forlì Cesena febbraio 2012 CNA Associazione Provinciale

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia Newsletter della rete EEN Centro Italia N 1 - Anno 2014 Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu http://een.ec.europa.eu Questo è il primo

Dettagli

Filas vademecum. Filas. gli strumenti, le azioni, i progetti. della Finanziaria laziale di sviluppo. Finanziaria laziale di sviluppo

Filas vademecum. Filas. gli strumenti, le azioni, i progetti. della Finanziaria laziale di sviluppo. Finanziaria laziale di sviluppo Per maggiori informazioni e per la modulistica www.filas.it Filas vademecum gli strumenti, le azioni, i progetti della Finanziaria laziale di sviluppo Finanziaria laziale di sviluppo Filas Interventi nel

Dettagli

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011*

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011* Si attenua la dinamica imprenditoriale Scende, anche se di poco, per la prima volta in 10 anni il numero di imprese registrate a Torino e provincia. Cala il tasso di natalità e sale quello di mortalità.

Dettagli

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA di PERTH. sintesi dei principali servizi per le Imprese e le Amministrazioni e modalità di erogazione

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA di PERTH. sintesi dei principali servizi per le Imprese e le Amministrazioni e modalità di erogazione CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA di PERTH sintesi dei principali servizi per le Imprese e le Amministrazioni e INTRODUZIONE CHE COSA E Il Catalogo Servizi della Camera di Commercio & Industria

Dettagli

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE EDIZIONE 2014/2015

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE EDIZIONE 2014/2015 progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE 08 EDIZIONE 2014/2015 Per presentare il vostro progetto d impresa cooperativa dovete compilare una scheda di partecipazione. 6 Si tratta di una griglia standard,

Dettagli

L innovazione nell economia lecchese: dati e valori

L innovazione nell economia lecchese: dati e valori Nota informativa n. 6 del 26 giugno 2015 L innovazione nell economia lecchese: dati e valori A cura dell U.O. Studi, Programmazione, Statistica e Osservatori della Camera di Commercio di Lecco Carlo Guidotti

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Dati personali Nome e cognome: Davide D Amico Data di nascita: 03 Luglio 1974 Nazionalità : italiana Titoli di studio e culturali Master

Dettagli

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Company Profile Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Assistenza alle aziende italiane nel pianificare e attuare un percorso

Dettagli

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA Dell ONTARIO. sintesi dei principali servizi e modalità di erogazione

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA Dell ONTARIO. sintesi dei principali servizi e modalità di erogazione CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA Dell ONTARIO sintesi dei principali servizi e 1 INTRODUZIONE CHE COSA E Il Catalogo Servizi della Camera di Commercio Italiana di (CCIE.) favorisce lo stabilirsi

Dettagli

America Latina protagonista del XXI secolo: incontri e opportunità

America Latina protagonista del XXI secolo: incontri e opportunità America Latina protagonista del XXI secolo: incontri e opportunità Brasile, Colombia, El Salvador, Nicaragua Min. Plen. Inigo Lambertini Direttore Centrale per l Internazionalizzazione e le Autonomie Territoriali

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

per l assegnazione del premio Made NEW in Italy 2009

per l assegnazione del premio Made NEW in Italy 2009 Bando di concorso per l assegnazione del premio Made NEW in Italy 2009 1. COS È Made NEW in Italy? Il Premio Made NEW in Italy, promosso dal Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia

Dettagli

Consorzio Italbiotec. Industria&Università. insieme. per lo sviluppo delle biotecnologie

Consorzio Italbiotec. Industria&Università. insieme. per lo sviluppo delle biotecnologie CONSORZIO ITALBIOTEC 1 Consorzio Italbiotec Alta Formazione e corsi di perfezionamento Ricerca, Sviluppo e Innovazione Fund Raising per lo sviluppo delle biotecnologie Industria&Università insieme 2 CONSORZIO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015 Oggetto: Strategia per l internazionalizzazione del sistema produttivo regionale. Programma regionale triennale per l internazionalizzazione 2015-2018. L Assessore dell industria evidenzia alla Giunta

Dettagli

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS DEVELOPMENT

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS DEVELOPMENT EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS DEVELOPMENT per Piccole & Medie Imprese Edizione 2007 Un Master per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Per imparare a guidare i processi di internazionalizzazione

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia N 3 - Anno 2013 Newsletter della rete EEN Centro Italia Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu/ http://een.ec.europa.eu/ Questo è il

Dettagli

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA 3.4 - PROGRAMMA N. 08 ATTIVITÀ PRODUTTIVE, TURISMO, ATTIVITÀ GIOVANILI E POLITICHE MONTANE AMMINISTRATORE COMPETENTE: GIORGIO BONASSOLI RESPONSABILE: MARIAGRAZIA FRESCURA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

Lo Sportello per l Internazionalizzazione di Piacenza

Lo Sportello per l Internazionalizzazione di Piacenza Lo Sportello per l Internazionalizzazione di Piacenza Nel 2005, con la sottoscrizione di un accordo di collaborazione operativa, la Regione Emilia Romagna e Unioncamere Emilia Romagna si sono impegnati

Dettagli

IL FACILITY MANAGEMENT NEL LAZIO MAGGIO-AGOSTO 2009

IL FACILITY MANAGEMENT NEL LAZIO MAGGIO-AGOSTO 2009 II Rapporto quadrimestrale IL FACILITY MANAGEMENT NEL LAZIO MAGGIOAGOSTO 2009 Elaborazione CRESME per CCIAA di 1 INDICE PARTE PRIMA: IL MERCATO DEL FACILITY MANAGEMENT 5 1. Il mercato potenziale del FM

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

OSSERVATORIO SUL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE

OSSERVATORIO SUL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE OSSERVATORIO SUL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLA CITTA METROPOLITANA DI Luglio, 2015 CRESME Ricerche Spa INDICE OSSERVATORIO SUL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLA CITTÀ METROPOLITANA DI 1. EVOLUZIONE

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

REGOLAMENTO MIMPRENDO ITALIA 2014-15

REGOLAMENTO MIMPRENDO ITALIA 2014-15 REGOLAMENTO MIMPRENDO ITALIA 2014-15 Articolo 1 -Definizione dell iniziativa Mimprendo Italia propone un esperienza formativa collegata ad una competizione nazionale tra team multidisciplinari di studenti

Dettagli

XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero. Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio

XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero. Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio Monza, 9 13 novembre 2013 ABSTRACT PREMESSA La crescita del nostro

Dettagli

Progetto per la realizzazione di un. Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation

Progetto per la realizzazione di un. Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation Progetto per la realizzazione di un Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation 1 1. Introduzione Il sistema socio-economico Empolese Valdelsa si caratterizza

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

ASSESSORATO ISTRUZIONE E POLITICHE PER I GIOVANI PREMESSA

ASSESSORATO ISTRUZIONE E POLITICHE PER I GIOVANI PREMESSA Allegato A INFORMAGIOVANI DEL LAZIO PREMESSA Obiettivo del presente documento è delineare elementi, caratteristiche, modalità e formule possibili per adeguare al meglio - anche alla luce dei nuovi scenari

Dettagli

c) ATTIVITÀ E PROGETTI DEL PROGRAMMA PROMOZIONALE 2016 PAG. 7 d) PROPOSTE PROGETTUALI PAG. 8 SEZIONI:

c) ATTIVITÀ E PROGETTI DEL PROGRAMMA PROMOZIONALE 2016 PAG. 7 d) PROPOSTE PROGETTUALI PAG. 8 SEZIONI: PROGRAMMA DI ATTIVITÀ 2016 (Aggiornato CdA 30.11.15) SEZIONI: a) ATTIVITÀ A CARATTERE GENERALE DI SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA PROMOZIONALE DI PAG. 1 b) ATTIVITÀ E PROGETTI DEI PROGRAMMI PROMOZIONALI

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia N 6 - anno 2014 Newsletter della rete EEN Centro Italia Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu/ http://een.ec.europa.eu/ Questo è il

Dettagli

I Poli Formativi per gli IFTS nel Lazio. Regione Lazio Assessorato Istruzione, Diritto allo studio e Formazione

I Poli Formativi per gli IFTS nel Lazio. Regione Lazio Assessorato Istruzione, Diritto allo studio e Formazione I Poli Formativi per gli IFTS nel Lazio Regione Lazio Assessorato Istruzione, Diritto allo studio e Formazione Polo formativo per la Logistica integrata e mobilità sostenibile I Poli Formativi Il sistema

Dettagli

Novità dall Agenzia Lazio Lavoro

Novità dall Agenzia Lazio Lavoro Pagina 1 Novità dall Agenzia Lazio Lavoro Aggiornamento del 22 maggio di Roma e provincia, in particolare Roma, Velletri, Albano, Cerveteri, Monterotondo Stage: nuove proposte dai centri per l impiego.

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 3 dicembre 2013, n. 25. c. la presentazione delle comunicazioni di. per lo svolgimento delle manifestazioni

REGOLAMENTO REGIONALE 3 dicembre 2013, n. 25. c. la presentazione delle comunicazioni di. per lo svolgimento delle manifestazioni 40402 REGOLAMENTO REGIONALE 3 dicembre 2013, n. 25 Promozione e sviluppo del sistema fieristico regionale Art. 12 della L.R. 9 marzo 2009, n. 2. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Visto l art. 121 della

Dettagli

CApitolo 7 la ricerca nel CAmpo delle scienze della vita

CApitolo 7 la ricerca nel CAmpo delle scienze della vita Capitolo 7 La ricerca nel campo delle scienze della vita 7. la ricerca nel campo delle scienze della vita Promozione e valorizzazione della ricerca per il Sistema sanitario regionale In ambito di promozione

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

Enterprise Europe Network

Enterprise Europe Network N 2 ANNO 2012 FOCUS Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese Enterprise Europe Network Lazio HORIZON 2020 http://www.enterprise-europe-network.ec.europa.eu/index_en.htm FOCUS HORIZON

Dettagli

Così l immigrazione ci apre strade nel futuro

Così l immigrazione ci apre strade nel futuro Così l immigrazione ci apre strade nel futuro L ultimo dossier Caritas/Migrantes sull immigrazione prende le mosse da un inversione di prospettiva, e da nuove parole chiave. L immigrazione non è più un

Dettagli

BANDI 2013 2. Bando con scadenza 30 settembre 2013. Contesto di riferimento. Premessa. Linee guida

BANDI 2013 2. Bando con scadenza 30 settembre 2013. Contesto di riferimento. Premessa. Linee guida Bando con scadenza 30 settembre 2013 BANDI 2013 2 Bando ad invito Promuovere progetti internazionali finalizzati ad incrementare l attrattività del sistema ricerca regionale FASE 2 Individuazione dei progetti

Dettagli

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

Sostenere la competitività delle imprese Il programma COSME. Bologna 25 febbraio 2015

Sostenere la competitività delle imprese Il programma COSME. Bologna 25 febbraio 2015 Sostenere la competitività delle imprese Il programma COSME Bologna 25 febbraio 2015 MISSION ENTERPRISE EUROPE NETWORK Assistere le imprese nell identificare potenziali partner commerciali, tecnologici,

Dettagli

DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI

DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI PROGETTO: DONNA E IMPRESA: CAPITANE CORAGGIOSE DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI The future liesin the handsofwomen thathavethe couragetodream Kerry Kennedy, Firenze Giugno 2013 al Convegno di Microsoft

Dettagli

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP All.5 BPW Italy FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI FIDAPA - BPW ITALY INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONAL WOMEN Via Piemonte, 32 00187 Roma Tel 06 4817459 Fax 06 4817385

Dettagli

Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009

Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 a cura di DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE CARITAS/MIGRANTES Via Aurelia 796 00165 ROMA tel. ++39/06/66514345 fax. ++39/06/66540087

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Il supporto alle imprese per il trasferimento tecnologico fornito dalla rete europea Enterprise Europe Network della Confindustria Piemonte

Il supporto alle imprese per il trasferimento tecnologico fornito dalla rete europea Enterprise Europe Network della Confindustria Piemonte Il supporto alle imprese per il trasferimento tecnologico fornito dalla rete europea Enterprise Europe Network della Confindustria Piemonte Ing. Ermanno Maritano Asti, 3 giugno 2013 Creata il 1 Gennaio

Dettagli