IL CITOFLUORIMETRO. - quantificare e memorizzare contemporaneamente più parametri per ogni cellula che compone la popolazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CITOFLUORIMETRO. - quantificare e memorizzare contemporaneamente più parametri per ogni cellula che compone la popolazione"

Transcript

1 IL CITOFLUORIMETRO E uno strumento di laboratorio che permette un analisi veloce ed automatica di popolazioni cellulari in sospensione misurandone le caratteristiche fisiche e/o biochimiche (volume, granulosita, fluorescenza). Consente di: - quantificare e memorizzare contemporaneamente più parametri per ogni cellula che compone la popolazione - analizzare i dati ottenuti anche dopo l acquisizione

2 Basi della citofluorimetria a flusso La popolazione cellulare in sospensione viene spinta all interno di una camera a flusso dove le singole cellule si dispongono in fila e, venendo colpite dalla luce di un raggio laser, riflettono/rifrattono la luce ed emettono fluorescenza. Si generano così dei segnali che vengono raccolti e trasformati in segnali digitali e inviati ad un computer.

3 APPLICAZIONI Determinazione dei marcatori di differenziamento cellulare, di superficie, intracitoplasmatici e intranucleari Valutazione del contenuto cellulare di DNA Discriminazione tra cellule vive, cellule apoptotiche e necrotiche Predisposizione per la separazione cellulare

4 VANTAGGI dell ANALISI citofluorimetrica : multiparametricità possibilità di mettere in relazione più caratteristiche della stessa cellula analisi di grandi quantità di cellule riproducibilità ed affidabilità statistica delle acquisizioni grande sensibilità rapidità di analisi possibilità di ulteriori analisi a posteriori ( DIVA, CELL QUEST, FLOW JO)

5 FACScalibur

6 FACScanto

7 Il citofluorimetro è costituito da quattro elementi: 1. un sistema fluidico per il trasporto del campione nella cella di analisi 2. un sistema di eccitazione che può essere costituito da una o più sorgenti luminose. 3. un sistema ottico elettronico che raccoglie ed elabora i segnali, composto da lenti, specchi e filtri che inviano i segnali ai fotomoltiplicatori che ne permettono l acquisizione sottoforma di dati digitali. 4. un computer che, tramite specifici programmi, permette (il controllo dello strumento) e l analisi dei dati da parte di un operatore mediante una rappresentazione grafica (DIVA, FLOW JO, CELL QUEST).

8

9 1. Sistema fluidico per il trasporto del campione nella cella di analisi Passaggio delle cellule in sospensione in fila, attraverso il raggio laser. Analisi di una sospensione di globuli bianchi contente linfociti, monociti e granulociti granulocito linfocito monocito Il campione viene spinto con pressione verso il punto di misura situato all interno della camera a flusso, in cui avviene l allineamento in singola fila delle cellule. La pressione di spinta consente di contare centinaia di cellule al secondo

10 2. Sistema di eccitazione costituito da una o più sorgenti luminose che generano segnali monocromatici e unidirezionali che intercettano le cellule nella cella di analisi. - I citometri con sorgente a luce laser - I citometri con sorgente a lampada ad arco (più economici perché le lampade a vapori di Mercurio e Xenon non richiedono raffreddamento). I citometri con luce laser, sono usati in immunologia ed ematologia, settori in cui vengono utilizzati maggiormente i fluorocromi. Il laser consente di misurare minime quantità di fluorocromo. Nella maggior parte degli strumenti è impiegato un laser a ioni Argon, di potenza variabile, centrato su una lunghezza di 488nm (blu). Questa lunghezza d onda consente un efficiente misura dei parametri fisici e può eccitare contemporaneamente diversi fluorocromi. Per altre lunghezze d onda si usano laser al Kripton, Elio neon, ecc

11

12 3. sistema ottico elettronico che raccoglie ed elabora i segnali, composto da lenti, specchi e filtri ottici che inviano i segnali ai fotomoltiplicatori, che amplificano i segnali e ne permettono l acquisizione sottoforma di dati digitali. Filtri dicroici: i bandpass permettono il passaggio della luce solo ad una certa lunghezza d onda. filtri dicroici Fotomoltiplicatori cella di flusso I fotomoltiplicatori amplificano il segnale luminoso filtrato. Il PMT1 funziona come scatter a 90 gradi, raccoglie la luce rifratta/diffratta ( scatterata ) dalle cellule. 4. Computer con specifici programmi permette l analisi dei dati da parte di un operatore

13

14 Scatter Frontale granulocito Laser Sensore (FSC) linfocito monocito Il passaggio delle cellule attraverso il laser, dà origine ad un segnale di difrazione che viene captato dal sensore che raccoglie la luce nel canale dello scatter frontale (forward), e che dà informazioni sul volume cellulare. L intensita del Forward Scatter (FSC) e proporzionale alla dimensione e alla forma delle cellule.

15 Scatter Laterale Laser granulocito linfocito Sensore FSC monocito Sensore per il 90 O SSC Il passaggio delle cellule dà anche origine ad segnale di rifrazione/ riflessione, che viene captato dal sensore che raccoglie la luce dello Scatter Laterale, (a 90 gradi) e dà informazioni sulla densità/granularità (compreso il rapporto nucleo/citoplasma) delle cellule che passano attraverso il laser Anche l intensita del side scatter e proporzionale alla dimensione e alla forma delle cellule

16 Il Forward Scatter è piu sensibile alle proprieta della superficie cellulare e pertanto puo essere usato per distinguere cellule vive da cellule morte Il Side Scatter è piu sensibile agli organuli presenti all interno della cellula e pertanto puo essere usato per distinguere cellule granulate da quelle non-granulate. Proprietà tipiche del Forward e del Side Scatter detriti La combinazione dei due tipi di segnale (FSC ed SSC) permette di ottenere un diagramma di dispersione denominato CITOGRAMMA (a dot plots), nel quale si possono evidenziare differenti popolazioni cellulari, in base alle sole caratteristiche fisiche. monociti Linfociti T,B,NK

17 Striscio di sangue Citogramma Sangue periferico

18 CITOGRAMMA, nel quale si possono evidenziare 3 differenti popolazioni cellulari, in base alle sole caratteristiche fisiche. 90 Degree Scatter (SSC) Forward Scatter (FSC) Esempio di analisi dei leucociti del sangue perriferico e gating elettronico si possono identificare tre popolazioni: - linfociti, - monociti - granulociti. Si può disegnare un gate elettronico che permetterà in seguito l analisi del segnale di fluorescenza proveniente soltanto della popolazione scelta

19

20

21

22 (Isotiocianato di fluoresceina) (ficoeritrina) (alloficocianina)

23

24

25

26 Il diagramma ad istogrammi rappresenta graficamente la misura di un singolo parametro. Gli eventi che si accumulano nei vari canali vanno a costruire un diagramma di distribuzione. La statistica si basa sulla impostazione di cursori che definiscono le aree di interesse calcolando gli eventi che cadono al loro interno.

27

28 FENOTIPO cellule di coltura primaria da tumore solido gine 2K/97 (Kovarico cellule chiare) M1 M1 M1 M1 % Gated % Total Mean % Gated % Total Mean % Gated % Total Mean % Gated % Total Mean

29

30 CD56 PC5 13% 11% 64% CD3 FITC

31 0% 29% 0% 29%

32 Quad Events % Gated UL UR LL LR Quad Events % Gated UL UR LL LR Quad Events % Gated UL UR LL LR

33

34 IMPORTANZA DELLA COMPENSAZIONE Sottrarre dal canale del rosso una quota fissa di segnale che deriva dal verde e viceversa

35 Cellule in fase G2 e M hanno una quantità doppia di DNA rispetto a cellule in fase G1. Cellule in fase S hanno una quantità intermedia di DNA perché in fase di replicazione.

36 Per determinare il tipo di morte cellulare (apoptosi o necrosi) si utilizzano Annessina V-FITC e ioduro di propidio (PI) L annessina si lega alla fosfatidilserina (fosfolipide normalmente situato nel lato interno della membrana cellulare). Lo ioduro di propidio (intercalante del DNA), si intercala stechiometricamente quando la membrana cellulare non è integra. Le cellule negative all annessina e allo ioduro di propidio sono cellule vive. Le cellule positive solo all annessina sono cellule in fase precoce di apoptosi poiché presentano la traslocazione del fosfolipide; Le cellule positive all annessina e allo ioduro di propidio sono invece cellule o in fase avanzata di apoptosi o cellule necrotiche.

37 Il Sorting cellulare FACS: Fluorescence Activated Cell Sorting Piastre cariche elettricamente Cellule singole separate dentro diverse provette FSC Fluorescence detector Il campione viene frammentato in minuscole goccioline, ognuna delle quali contiene una cellula. Le gocce che contengono cellule con caratteristiche rientranti nei parametri prefissati si presentano elettricamente cariche ed indirizzate in appositi raccoglitori da placche di deflessione.

38 Il Sorting cellulare Il campione viene frammentato in minuscole goccioline, ognuna delle quali contiene una cellula. Piastre cariche elettricamente Le gocce che contengono cellule con caratteristiche rientranti nei parametri prefissati si presentano elettricamente cariche ed indirizzate in appositi raccoglitori da placche di deflessione. Cellule singole separate

39 Le NK rappresentano una sottopopolazione di linfociti presenti nel sangue periferico dal 5% al 20%. Sono cellule dell immunità innata in grado di riconoscere ed uccidere cellule tumorali e/o infettate da virus Ogni cellula NK presenta recettori attivatori e inibitori I recettori inibitori riconoscono sulla cellula bersaglio le molecole HLA di classe I self I recettori attivatori riconoscono ligandi ancora non del tutto noti sulla superficie delle cellule bersaglio KIR KAR CD94/NKG2A CD94/NKG2C ILT2 + + CD2 DNAM-1 CD NK + Cell + + LAIR 1 p75/ IRp60 AIRM1 NTB-A 2B4 NKp46 NKp30 NKp44 NKG2D + NKp80

40 LINEE DI RICERCA DEL NOSTRO LABORATORIO -Immunodeficienze primarie (pazienti pediatrici) -Pazienti adulte affette da vari tipi carcinaoma ovarico -Produzione di anticorpi monoclonali Materiale utilizzato: -Sangue periferico -Liquido peritoneale -Pezzo bioptico (tumorale) (incluso in paraffina o congelato) Valutazioni fenotipiche e funzionali delle NK presenti in circolo, nel liquido peritoneale e nei tessuti tumorali. Analisi dei ligandi riconosciuti dalle cellule NK a livello delle cellule tumorali purificate dalla massa tumorale.

41 Isoliamo le cellule mononucelate presenti nel sangue periferico mediante centrifugazione in gradiente di densità e analizziamo il campione linfocitario così separato A livello del PLB troviamo le NK Resting, cioè le NK non attivate. Quando le NK si attivano, sotto stimoli specifici, esprimono con Intensità differente vari recettori di superficie. Possiamo inoltre far crescere in coltura popolazioni policlonali di NK attivate con IL2 sulle quali fare ulteriori analisi dei recettori espressi in superficie.

42 Esistono due diversi subsets di cellule Natural Killer

43 Caratteristiche fenotipiche delle cellule Natural Killer umane. Le cellule natural Killer rappresentano la terza linea linfocitaria del sistema immunitario (dal 5% al 20% dei linfociti nel sangue periferico). Sono presenti nella milza mentre negli organi linfoidi sono scarsamente rappresentate. Si differenziano dai linfociti T e B per l assenza dei convenzionali recettori per l antigene quali le immunoglobuline di membrana o il recettore delle cellule T (TCR), e sono caratterizzate dall espressione sulla loro superficie della molecola CD16 e CD56 CD56 38% CD56 CD3 CD16

44 PBL CTR R4 CD56+/CD3-19% CD56 bright CD56 dim

45 Anti-NKp46 Anti-CD16 Anti-KIRs

46 Anti-HLA classe I

03/11/15. Metodi vigorosi

03/11/15. Metodi vigorosi Metodi blandi Lisi cellulare con detergenti Metodi vigorosi 1 1. Centrifugazione preparativa Centrifugazione preparativa permette di separare i vari elementi di un omogenato cellulare 2. Ultracentrifugazione

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO

APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO STUDIO DEL SISTEMA IMMUNITARIO Una delle maggiori applicazioni della citofluorimetria e rappresentata dall analisi (e sorting) delle diverse popolazioni

Dettagli

Microscopio convenzionale

Microscopio convenzionale Microscopio convenzionale 160 mm 195 mm 45 mm Midollo osseo normale Anti-kappa vs. Anti-lambda DEFINIZIONI Citometria a flusso Metodologia per misurare le proprietà di cellule in flusso Cell Sorting Separazione

Dettagli

ANALISI CITOFLUORIMETRICA E SUE APPLICAZIONI IN AMBITO BIOMEDICO

ANALISI CITOFLUORIMETRICA E SUE APPLICAZIONI IN AMBITO BIOMEDICO ANALISI CITOFLUORIMETRICA E SUE APPLICAZIONI IN AMBITO BIOMEDICO Cos è la CITOMETRIA A FLUSSO? Citometria si riferisce alla misura di caratteristiche chimico-fisiche di cellule o di altre particelle biologiche.

Dettagli

Misurazione e uso di anticorpi. Misurazione delle funzioni dei linfociti T

Misurazione e uso di anticorpi. Misurazione delle funzioni dei linfociti T Misurazione e uso di anticorpi Misurazione delle funzioni dei linfociti T Misurazione e uso di Abs Saggio ELISA ELISPOT Cromatografia d affinità Western Blotting Microscopia ad immunofluorescenza Citometria

Dettagli

La citometria a flusso con...... BD FACSCalibur

La citometria a flusso con...... BD FACSCalibur La citometria a flusso con...... BD FACSCalibur Citometria a Flusso (CFM) La CFM è una tecnica che consente la misurazione e la caratterizzazione di cellule sospese in un mezzo fluido. SOSPENSIONI CELLULARI

Dettagli

Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5

Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5 Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5 Colture cellulari Un organismo è un sistema molto complesso, costituito da organi, che a loro volta sono costituiti da diversi

Dettagli

Tecniche Immunologiche

Tecniche Immunologiche Tecniche Immunologiche Reazioni Antigene (Ag)/Anticorpo (Ab) Modello Chiave-Serratura Legami non covalenti: Ag Interazione Lisozima/Anti-Lisozima Legami Idrogeno Legami Elettrostatici Legami Idrofobici

Dettagli

Tecniche Immunologiche

Tecniche Immunologiche Tecniche Immunologiche Reazioni Antigene (Ag)/Anticorpo (Ab) Modello Chiave-Serratura Legami non covalenti: Ag Interazione Lisozima/Anti-Lisozima Legami Idrogeno Legami Elettrostatici Legami Idrofobici

Dettagli

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Il materiale presente in questo documento viene distribuito solamente per uso interno ed esclusivamente a scopo didattico. Anticorpo o immunoglobulina! IL legame

Dettagli

10/03/16. Metodi vigorosi

10/03/16. Metodi vigorosi Metodi blandi Lisi cellulare con detergenti Metodi vigorosi 1 10/03/16 FRAZIONAMENTO CELLULARE 1. Centrifugazione preparativa Centrifugazione preparativa permette di separare i vari elementi di un omogenato

Dettagli

Metodi biochimici che utilizzano anticorpi

Metodi biochimici che utilizzano anticorpi Metodi biochimici che utilizzano anticorpi Produzione di anticorpi policlonali 1. Si inietta nel topo (o coniglio) l antigene X purificato 2. Si preleva il siero, che contiene anticorpi contro X 3. Eventualmente

Dettagli

CITOMETRIA A FLUSSO. E una tecnica che permette la misurazione e la caratterizzazione di cellule sospese in un mezzo fluido.

CITOMETRIA A FLUSSO. E una tecnica che permette la misurazione e la caratterizzazione di cellule sospese in un mezzo fluido. CITOMETRIA A FLUSSO E una tecnica che permette la misurazione e la caratterizzazione di cellule sospese in un mezzo fluido. Rende possibile la misurazione di proprieta multiple di singole cellule ad una

Dettagli

Principi di Citofluorimetria di flusso

Principi di Citofluorimetria di flusso Principi di Citofluorimetria di flusso Il citofluorimetro è un microscopio modificato Definizioni Flow Cytometry (Citofluorimetria di Flusso) Misurazione delle proprietà di cellule in flusso Flow Sorting

Dettagli

KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA

KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA C.Vilches, P. Parham Natural Killer Cellule di origine linfoide la cui funzione è lisare le cellule infettate da virus

Dettagli

Donatella Nava Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno

Donatella Nava Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno Donatella Nava Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno Definizione La citrometria a flusso è un metodo di conteggio, ed eventualmente di selezione e isolamento, di elementi corpuscolati (cellule)

Dettagli

Misura della concentrazione intracellulare di ioni calcio con tecniche di video-imaging

Misura della concentrazione intracellulare di ioni calcio con tecniche di video-imaging Misura della concentrazione intracellulare di ioni calcio con tecniche di video-imaging Lo ione Calcio è il catione più abbondante nel corpo umano La concentrazione intracellulare di Calcio è bassa (100

Dettagli

Commento ai dati sperimentali su Stamina

Commento ai dati sperimentali su Stamina Commento ai dati sperimentali su Stamina Sono un ricercatore, impegnato da più di dieci anni in progetti di immunologia dei tumori e terapia genica. Nel momento in cui credo di avere raggiunto un risultato

Dettagli

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene I linfociti T sono le cellule dell immunità adattativa responsabili della protezione verso le infezioni ad opera dei microbi intracellulari. Essi derivano da cellule staminali del midollo osseo che si

Dettagli

BD FACSCalibur flow cytometer. FACS (Fluorescence Activated Cell Sorting)

BD FACSCalibur flow cytometer. FACS (Fluorescence Activated Cell Sorting) BD FACSCalibur flow cytometer FACS (Fluorescence Activated Cell Sorting) Un citometro a flusso è essenzialmente costituito di: Sistema fluidico per il trasporto del campione e la sua focalizzazione idrodinamica

Dettagli

Citofluorimetria a flusso:

Citofluorimetria a flusso: ISSN 0394 3291 I t a l i a n o Carla Valtriani Carlo Hurle in collaborazione con Susanna Balagi Alessandra Manzin Citofluorimetria a flusso: aspetti generali con riferimento particolare allo studio di

Dettagli

FluoroSpheres Codice n. K0110

FluoroSpheres Codice n. K0110 FluoroSpheres Codice n. K0110 Quinta edizione Sfere di calibrazione per il monitoraggio giornaliero della citometria a flusso. Il kit contiene i reagenti per 40 calibrazioni. (105800-003) K0110/IT/TJU/2010.11.03

Dettagli

La citometria a flusso

La citometria a flusso La citometria a flusso La citometria a flusso è in grado di rilevare le proprietà individuali di singole particelle sospese in un liquido. Il dispositivo che consente tale studio è il citometro che utilizza

Dettagli

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 1 Vaccini a Dna Sono costituiti da un plasmide, cioè un anello di dna, di origine

Dettagli

Trasmissione della informazione: livello cellulare

Trasmissione della informazione: livello cellulare Trasmissione della informazione: livello cellulare Prof.ssa Flavia Frabetti aa.2010-11 ACCRESCIMENTO E DIVISIONE DIVISIONE CELLULARE CRESCITA CELLULARE E DUPLICAZIONE DEI CROMOSOMI SEGREGAZIONE DEI CROMOSOMI

Dettagli

Regione cerniera monomero regione cerniera

Regione cerniera monomero regione cerniera Regione cerniera Tutte le Ig, sia quelle secrete che quelle presenti sulla membrana plasmatica dei linfociti B, sono costituite da quattro catene proteiche, due pesanti (H, da heavy, in rosso nel disegno)

Dettagli

Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE

Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE Le lampade a vapori di mercurio sono sicuramente le sorgenti di radiazione UV più utilizzate nella disinfezione delle acque destinate al consumo umano in quanto offrono

Dettagli

MISURE DI VELOCITA OTTICHE

MISURE DI VELOCITA OTTICHE MISURE DI VELOCITA OTTICHE SOMMARIO VISUALIZZAZIONI ANALISI DI IMMAGINI 1) METODO DELLA SOGLIA 2) PARTICLE TRACKING VELOCIMETRY (PTV) 3) PARTICLE IMAGE VELOCIMETRY (PIV) 2 VISUALIZZAZIONI 1. INIEZIONE

Dettagli

IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO. Reggio Emilia, 24 gennaio 2011

IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO. Reggio Emilia, 24 gennaio 2011 SCUOLA REGIONALE DI DI FORMAZIONE SPECIFICA IN IN MEDICINA GENERALE -- CORSO 2008-2011 IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO Dott.ssa Laura Laura Albertazzi Dott.ssa Maria Maria Brini Brini Reggio Emilia,

Dettagli

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008. 2008 Lezione 28 Marzo 2008 Ore 11-13

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008. 2008 Lezione 28 Marzo 2008 Ore 11-13 Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 2008 Lezione 28 Marzo 2008 Ore 11-13 13 Continuiamo il discorso sulla fluorescenza ricordando alcuni fra i più comuni utilizzi dei fluorocromi Istochimica

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali il colore e le immagini la gestione delle immagini Il computer è in grado di gestire le immagini in formato digitale. Gestire vuol dire acquisirle,

Dettagli

Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari Servizio Provveditorato ed Economato. Via Ospedale, 54 09124 Cagliari Tel. 070/6092130 - Fax 070/6092288

Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari Servizio Provveditorato ed Economato. Via Ospedale, 54 09124 Cagliari Tel. 070/6092130 - Fax 070/6092288 Capitolato Tecnico Caratteristiche generali valide per fornitura in oggetto: Offerta tecnica 1.strumentazione la Ditta dovrà indicare la strumentazione che intende proporre che deve essere nuova di ultima

Dettagli

Formazione. cambia il modo di. lavorare: AUTOMAZIONE. dalle abilità manuali a nuove competenze

Formazione. cambia il modo di. lavorare: AUTOMAZIONE. dalle abilità manuali a nuove competenze Automazione e ruolo del Tecnico nell esame delle urine TSLB Mauro Ercolin AUTOMAZIONE cambia il modo di lavorare: dalle abilità manuali a nuove competenze Tecnico analitiche Formazione Statistica Microscopica

Dettagli

ADESIONE CELLULARE SU MATERIALI BIOCOMPATIBILI

ADESIONE CELLULARE SU MATERIALI BIOCOMPATIBILI Capitolo 11 - studi sperimentali e di ricerca ADESIONE CELLULARE SU MATERIALI BIOCOMPATIBILI a cura di Maristella Di Carmine Marco Marchisio Sebastiano Miscia 237 Implantologia Pratica Caratterizzazione

Dettagli

LA CELLULA VEGETALE. Il MICROSCOPIO OTTICO

LA CELLULA VEGETALE. Il MICROSCOPIO OTTICO LA CELLULA VEGETALE Il MICROSCOPIO OTTICO L origine del microscopio ottico è ancora materia di discussione. La maggior parte degli studiosi, tuttavia, fanno risalire i primi microscopi ottici alla fine

Dettagli

Metodi di conta microbica

Metodi di conta microbica Metodi di conta microbica esistono differenti metodiche per la determinazione quantitativa dei microrganismi tecniche colturali e non colturali conta diretta ed indiretta il tipo di microrganismo/i ed

Dettagli

Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon

Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon Carmelo Lupo Coordinatore Tecnico U.O. Anatomia Patologica e Patologia Molecolare

Dettagli

IMMUNOLOGIA. L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo.

IMMUNOLOGIA. L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo. IMMUNOLOGIA L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo. L'IMMUNOPATOLOGIA analizza i casi in cui il sistema immunitario non funziona correttamente:

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

ESCCA Italy SUMMER SCHOOL ESCCA ITALIAN BRANCH SUMMER SCHOOL. CORSO IN CITOMETRIA DI BASE Università di Urbino

ESCCA Italy SUMMER SCHOOL ESCCA ITALIAN BRANCH SUMMER SCHOOL. CORSO IN CITOMETRIA DI BASE Università di Urbino ESCCA Italy SUMMER SCHOOL ESCCA ITALIAN BRANCH SUMMER SCHOOL Università di (PU) 7 11 july 2014 RELATORI DOCENTI E MODERATORI & TUTORI Marcella Arcangeletti Bruno Brando Legnano, MI Flavia Buccella Barbara

Dettagli

Capitolato Tecnico Allegato C.1 Sistema completo d analisi in citometria a flusso. Giancarlo Salomone. Timbro e firma per accettazione

Capitolato Tecnico Allegato C.1 Sistema completo d analisi in citometria a flusso. Giancarlo Salomone. Timbro e firma per accettazione I R C C S I s t i t u t o T u m o r i " G i o v a n n i P a o l o I I " A r e a G e s t i o n e T e c n i c a V i a l e O r a z i o F l a c c o, 6 5-7 0 1 2 4 B a r i t e l. 0 8 0. 5 5 5 5 1 2 3 F a x

Dettagli

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Anatomia e Fisiologia Umana Department of Human Anatomy and Physiology Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione

Dettagli

IREA. Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell Ambiente

IREA. Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell Ambiente IREA Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell Ambiente Romeo Bernini Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell Ambiente (IREA) Consiglio Nazionale delle Ricerche Via Diocleziano 328, 80124

Dettagli

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica AlphaReal BREAST Scheda Tecnica A3 DS RT 607 ARBreast_01_2015.doc Pag. 1 di 5 Rev. 01 del Gennaio 2015 Prodotto: AlphaReal BREAST Codice prodotto: RT-607.05.20 / RT-607.10.20 N Tests: 5/10 tests Destinazione

Dettagli

Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di

Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di reazione Inizialmente i 20 µl dell amplificato vengono

Dettagli

Tecnica computerizzata che consente l analisi l della morfologia e della fluorescenza di un gruppo di cellule in flusso

Tecnica computerizzata che consente l analisi l della morfologia e della fluorescenza di un gruppo di cellule in flusso CITOFLUORIMETRIA Tecnica computerizzata che consente l analisi l della morfologia e della fluorescenza di un gruppo di cellule in flusso BASI DELLA CITOMETRIA A FLUSSO Cellule in sospensione scorrono in

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO FUNZIONI DEL SISTEMA IMMUNITARIO difesa contro le infezioni difesa contro i tumori riconoscimento dei tessuti trapiantati e di proteine estranee CD34

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA.

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA. TECNICHE PER L ANALISI DELL ESPRESSIONE GENICA RT-PCR REAL TIME PCR NORTHERN BLOTTING ANALISI POST-GENOMICHE Conoscere la sequenza genomica di un organismo non è che l inizio di una serie di esperimenti

Dettagli

Tecniche di studio in Biologia Cellulare. - Colture cellulari. - Gi an-corpi: policlonali e monoclonali

Tecniche di studio in Biologia Cellulare. - Colture cellulari. - Gi an-corpi: policlonali e monoclonali - Colture cellulari - Gi an-corpi: policlonali e monoclonali - Tecniche morfologiche: la microscopia - Colorazioni e immunocitochimica - Microscopia o?ca: a campo chiaro, a fluorescenza (confocale) - Microscopia

Dettagli

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile Elementi di ottica L ottica si occupa dello studio dei percorsi dei raggi luminosi e dei fenomeni legati alla propagazione della luce in generale. Lo studio dell ottica nella fisica moderna si basa sul

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 1 di 11 Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Responsabile: Prof. Arnaldo Caruso Sezione Specializzata di Ematologia e Coagulazione Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 2 di 11

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16 Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16 L'immunoistochimica e' una tecnica ampiamente utilizzata per l'identificazione e la localizzazione di costituenti cellulari

Dettagli

XRF SEM Micro-Raman. Fluorescenza a raggi X (XRF) S4 Pioneer - Bruker. Analisi elementale qualitativa e quantitativa

XRF SEM Micro-Raman. Fluorescenza a raggi X (XRF) S4 Pioneer - Bruker. Analisi elementale qualitativa e quantitativa XRF SEM Micro-Raman Fluorescenza a raggi X (XRF) S4 Pioneer - Bruker Analisi elementale qualitativa e quantitativa Non distruttiva Campioni solidi, liquidi o in polvere Multielementale Veloce Limite di

Dettagli

Applicazioni della citometria a flusso nel laboratorio di ricerca: Corso teorico-metodologico. 17-18 Ottobre 2007

Applicazioni della citometria a flusso nel laboratorio di ricerca: Corso teorico-metodologico. 17-18 Ottobre 2007 Applicazioni della citometria a flusso nel laboratorio di ricerca: Corso teorico-metodologico 17-18 Ottobre 2007 Ciclo cellulare - Contenuto di DNA - Apoptosi Delia Mezzanzanica Il ciclo cellulare Analisi

Dettagli

IL MICROSCOPIO: principi e componenti di base. Che cos è un microscopio? Il microscopio è uno strumento che rende visibili i dettagli più piccoli

IL MICROSCOPIO: principi e componenti di base. Che cos è un microscopio? Il microscopio è uno strumento che rende visibili i dettagli più piccoli IL MICROSCOPIO: principi e componenti di base Che cos è un microscopio? Il microscopio è uno strumento che rende visibili i dettagli più piccoli Il microscopio compie tre operazioni: 1) Ingrandimento:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA. Attivazione delle cellule Natural Killer durante infezione Acuta da virus dell epatite C

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA. Attivazione delle cellule Natural Killer durante infezione Acuta da virus dell epatite C UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dottorato di ricerca in Immunologia, Immunopatologia Sperimentale e Comparata Ciclo XXIII Attivazione delle cellule Natural Killer durante infezione Acuta da virus dell

Dettagli

Difese dell organismo

Difese dell organismo Difese dell organismo Gli organismi hanno essenzialmente 3 tipi di difese, disposte sequenzialmente, che il virus deve superare: Difese di superficie Barriere fisiche Difese sistemiche Immunità innata

Dettagli

CITOMETRIA A FLUSSO CENNI STORICI. Tecnica nata alla fine degli anni 60, fortemente connessa alla microscopia ottica.

CITOMETRIA A FLUSSO CENNI STORICI. Tecnica nata alla fine degli anni 60, fortemente connessa alla microscopia ottica. CITOMETRIA A FLUSSO CENNI STORICI Tecnica nata alla fine degli anni 60, fortemente connessa alla microscopia ottica. Semplificando, trattasi di microscopio con sistema automatico di trasporto delle cellule

Dettagli

Analisi della Malattia Minima Residua

Analisi della Malattia Minima Residua XIX CORSO NAZIONALE PER TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Riccione, 22-25 Maggio 2012 Analisi della Malattia Minima Residua Dr.ssa Anna Gazzola Laboratorio di Patologia Molecolare, Sezione di Emolinfopatologia,

Dettagli

Proliferazione cellulare: CFSE staining

Proliferazione cellulare: CFSE staining Proliferazione cellulare: CFSE staining La CFSE (Carboxyfluorescein Succinimidyl ester) e una molecola fluorescente lipofilica, in grado di diffondere liberamente attraverso la membrana cellulare. All

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA. Analisi di dati citofluorimetrici con tecniche di Data Mining

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA. Analisi di dati citofluorimetrici con tecniche di Data Mining ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA SCIENZA E INGEGNERIA TESI DI LAUREA in Processi e tecniche di Data

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

Apoptosi. Geni espressi Proteine correlate Apoptosi. Induzione. Attività delle Caspasi Identificazione dell apoptosi. Induzione. Kit INDUTTORI CHIMICI

Apoptosi. Geni espressi Proteine correlate Apoptosi. Induzione. Attività delle Caspasi Identificazione dell apoptosi. Induzione. Kit INDUTTORI CHIMICI LINEA BIOTECH Apoptosi Geni espressi Proteine correlate Apoptosi Induzione Attività delle Caspasi Identificazione dell apoptosi Induzione INDUTTORI CHIMICI Actinomycin D, Anisomycin, Antibiotic A23187,

Dettagli

Tipi di microscopio ottico

Tipi di microscopio ottico Tipi di microscopio ottico MIcroscopio brightfield: quello piu usato: il campione e retroilluminato Microscopio darkfield: il campione e illuminato lateralmente e viene osservato con uno sfondo nero Microscopio

Dettagli

Tecniche di microscopia

Tecniche di microscopia Tecniche di microscopia I microscopi permettono di vedere l estremamente piccolo I microscopi ottici utilizzano lenti di vetro in grado di deflettere e focalizzare i raggi luminosi per riprodurre le immagini

Dettagli

METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI

METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI Marcatura di acidi nucleici Una sonda per ibridazione è una molecola di DNA marcata, con una sequenza complementare al DNA bersaglio da individuare. Poiché la sonda

Dettagli

Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare

Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare Il mondo del molto piccolo si può osservare anche utilizzando un microscopio ottico. Esistono dei limiti?? Carl Zeiss (1816-1888) Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare Il

Dettagli

Lo spettro IR. Lo spettro IR è un grafico in cui vengono riportate: -Nell Nell asse delle ascisse

Lo spettro IR. Lo spettro IR è un grafico in cui vengono riportate: -Nell Nell asse delle ascisse Lo spettro IR Lo spettro IR è un grafico in cui vengono riportate: -Nell Nell asse delle ascisse la frequenza della radiazione IR assorbite espressa in numero d onda (wavenumbers) -In ordinate è riportata

Dettagli

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative Manuele Ongari Esame di Immunologia Scuola di specializzazione in Biochimica clinica I LINFOCITI T CD8

Dettagli

Lampada Sbiancante Zoom

Lampada Sbiancante Zoom Lampada Sbiancante Zoom Lampada al Plasma Wand Anestesia Indolore Ultrasuoni Soniflex Air Abrasion Endox Foto San Radar Monitorizzazione Ceramica senza Metallo Cosa Sono Lampada Sbiancante Zoom Per sbiancare

Dettagli

04_12_08. Microscopia confocale. Esempio di analisi con focale: vedi il filmato corrispondente. Vedi filmato

04_12_08. Microscopia confocale. Esempio di analisi con focale: vedi il filmato corrispondente. Vedi filmato Citologia Animale e Vegetale (corso A - I. Perroteau) - microscopia confocale Microscopia confocale 1 Citologia Animale e Vegetale (corso A - I. Perroteau) - microscopia confocale Esempio di analisi con

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007

Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007 Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007 24-5-2010 22 A DISPOSITIVI DA SOMMINISTRAIONE, PRELIEVO

Dettagli

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo - Pavia Principali applicazioni

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 1 di 11 Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Responsabile: Prof. Arnaldo Caruso Sezione Specializzata di Ematologia e Coagulazione Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 2 di 11

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

LOTTO 1 - CAPITOLATO TECNICO. Spettrometro di Massa lineare/reflectron MALDI completo di sistema 2D-gel e HPLC con Spotting caratterizzato da

LOTTO 1 - CAPITOLATO TECNICO. Spettrometro di Massa lineare/reflectron MALDI completo di sistema 2D-gel e HPLC con Spotting caratterizzato da 1 All.to 1 LOTTO 1 - CAPITOLATO TECNICO Spettrometro di Massa lineare/reflectron MALDI completo di sistema 2D-gel e HPLC con Spotting caratterizzato da Analizzatore Tubo di volo lineare di almeno 1,5m

Dettagli

BAL: TECNOLOGIE PER L ANALISI DI LABORATORIO

BAL: TECNOLOGIE PER L ANALISI DI LABORATORIO Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio SODc LABORATORIO GENERALE Dir. f.f. Dott.ssa Alessandra Fanelli SODs MICROSCOPIA E CITOMETRIA EMATOLOGICA BAL: TECNOLOGIE PER L ANALISI DI LABORATORIO Roberto

Dettagli

REGIONE SICILIANA AZIENDA per i SERVIZI SANITARI N. 2 VIA CUSMANO N. 1 CALTANISSETTA CAPITOLATO SPECIALE

REGIONE SICILIANA AZIENDA per i SERVIZI SANITARI N. 2 VIA CUSMANO N. 1 CALTANISSETTA CAPITOLATO SPECIALE REGIONE SICILIANA AZIENDA per i SERVIZI SANITARI N. 2 VIA CUSMANO N. 1 CALTANISSETTA CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA NEGOZIATA PER LA FORNITURA DI ATTREZZATURE PER LE BRANCHE DI CARDIOLOGIA DEI POLIAMBULATORI

Dettagli

Esercitazione di Microbiologia generale. Microscopia

Esercitazione di Microbiologia generale. Microscopia Esercitazione di Microbiologia generale Microscopia I microrganismi Le cellule più primitive viventi attualmente sono i batteri questi appartengono a un gruppo di organismi chiamati procarioti (letteralmente

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

Azienda USL Frosinone. Lotto n 3. Service per analisi settore specialistico di autoimmunità per il Laboratorio di Frosinone(LEC/S)

Azienda USL Frosinone. Lotto n 3. Service per analisi settore specialistico di autoimmunità per il Laboratorio di Frosinone(LEC/S) Azienda USL Frosinone Lotto n 3 Service per analisi settore specialistico di autoimmunità per il Laboratorio di Frosinone(LEC/S) SPECIFICHE TECNICHE E ORGANIZZATIVE 1. Oggetto della fornitura L oggetto

Dettagli

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA Lezione prima parte Dott.ssa Annamaria Fiarè Il MICROSCOPIO e uno strumento che consente di osservare oggetti di dimensioni

Dettagli

Per il persistere delle crisi emolitiche e della piastrinopenia si decideva di eseguire ulteriori accertamenti:

Per il persistere delle crisi emolitiche e della piastrinopenia si decideva di eseguire ulteriori accertamenti: Sindrome Linfoproliferativa Autoimmune Rossana Pignataro, Marco Saporito, Ignazio Morselli, Ester Olivastro, Andrea Domenico Praticò, Lara Buscema, Patrizia Barone, Rosaria Garozzo Rossana Pignataro Casi

Dettagli

Laboratorio 2B A.A. 2012/2013. 7 Ottica Fisica II. Assorbimento Sorgenti luminose LED Diodi laser. Lab 2B CdL Fisica

Laboratorio 2B A.A. 2012/2013. 7 Ottica Fisica II. Assorbimento Sorgenti luminose LED Diodi laser. Lab 2B CdL Fisica Laboratorio 2B A.A. 2012/2013 7 Ottica Fisica Assorbimento Sorgenti luminose LED Diodi laser Spettrofotometria: assorbimento ottico La spettroscopia può fornire informazioni sulla natura degli atomi. Esempio:

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli

SLA e mitocondri. sporadica. genetica. attività del Complesso II e IV. stress ossidativo. citosolica e mitocondriale SOD1

SLA e mitocondri. sporadica. genetica. attività del Complesso II e IV. stress ossidativo. citosolica e mitocondriale SOD1 SLA e mitocondri sporadica attività del Complesso II e IV stress ossidativo genetica SOD1 citosolica e mitocondriale Huntington e mitocondri attività del Complesso II e III acido 3-nitropropionico (C2)

Dettagli

APPARATO CIRCOLATORIO

APPARATO CIRCOLATORIO APPARATO CIRCOLATORIO 1 FUNZIONI F. respiratoria e nutritiva F. depuratrice F. di difesa (trasporto di O 2, principi alimentari...) (trasporto di CO 2 e altre sostanze di scarto) (nei confronti dei batteri

Dettagli

APPARECCHI PER USO DOMESTICO METANO E GPL

APPARECCHI PER USO DOMESTICO METANO E GPL Rivelatori con allarme acustico e relè Omologato secondo la norma Europea CEI EN 50194 Quando la concentrazione di gas presente in ambiente supera il valore prefissato, emettono un segnale acustico, accendono

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi

Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi XIX CORSO NAZIONALE PER TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Riccione, 22-25 Maggio 2012 Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi Dr.ssa Claudia Mannu Laboratorio di Patologia Molecolare,

Dettagli

Sviluppo dei linfociti B

Sviluppo dei linfociti B Sviluppo dei linfociti B Checkpoints multipli nella maturazione dei linfociti Durante lo sviluppo i linfociti che esprimono recettori per l antigene funzionali sono selezionati e sopravvivono, gli altri

Dettagli

Le memorie di massa. Il disco floppy 1

Le memorie di massa. Il disco floppy 1 Le memorie di massa Tutti i sistemi di elaborazione dispongono di alcuni supporti per memorizzare permanentemente le informazioni: le memorie di massa Dischetti o floppy disk Dischi fissi o hard disk CD

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli