Analisi della comunicazione tra pediatra e madre attraverso l applicazione l F.A.C.S.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi della comunicazione tra pediatra e madre attraverso l applicazione l F.A.C.S."

Transcript

1 Università degli Studi di Trieste Dottorato di ricerca in medicina materno infantile, pediatria dello sviluppo e dell educazione, educazione, perinatologia XIX ciclo Dott.ssa Vanessa Greco Analisi della comunicazione tra pediatra e madre attraverso l applicazione l del metodo F.A.C.S. di P. Ekman e W.V. Friesen

2 Il progetto di ricerca OBIETTIVI DELLA RICERCA: 1. Analizzare il linguaggio non verbale nel rapporto pediatra e madre correlato al vissuto emozionale di entrambi 2. Esaminare le differenze nella comunicazione determinate dalla variabile pediatra maschio/pediatra femmina 3. Esaminare le varianti nella comunicazione determinate dalla variabile pediatri giovani e pediatri esperti

3 Metodologia della ricerca 1. Decodificazione dell espressione espressione facciale e delle emozioni del pediatra e della madre del bambino durante la visita mediante il metodo F.A.C.S. 2. Utilizzo di due videocamere al fine di registrare simultaneamente le espressioni facciali di entrambi i soggetti presenti nell ambulatorio 3. L analisi mediante il F.A.C.S. avverrà 3 volte: entrata della madre e del bambino in ambulatorio comunicazione dell esito esito della visita effettuata uscita della madre e del bambino dall ambulatorio ambulatorio

4 Schema di analisi delle riprese mediante il F.A.C.S. Totale delle visite: 22 1 per ciascuna sede ambulatoriale presente nella Regione Friuli Venezia Giulia 3 analisi facs per la madre e 3 per il pediatra 6 facs per ogni visita 22 X 6 = 132 facs SOGGETTI: 8 pediatri esperti maschi 8 pediatre esperte femmine 6 specializzandi in pediatria presso il Burlo Garofalo di Trieste (2 maschi e 4 femmine)

5 Il Facial Action Coding System di P. Ekman e W.V. Friesen È un sistema di codifica che si basa sull identificazione e la misurazione di unità visibili di comportamento facciale Ogni movimento facciale singolarmente riproducibile e individuabile visivamente è stato indicato come AU (Action Unit): 44 AU relative ai movimenti del volto 14 AU che rendono conto dei cambiamenti nella direzione dello sguardo e nell orientamento della testa

6 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 1 Sollevare l interno della fronte Frontalis, Pars medialis 2 Sollevare l esterno della fronte Frontalis, Pars lateralis 4 Avvicinare e abbassare le sopracciglia Depressor Glabellae, Corrugator supercilii, Depressor supercilii 5 Sollevare le palpebre superiori Levator Palpebrae Superioris 6 Sollevare le guance Orbicularis Oculi, Pars Orbitalis 7 Serrare le palpebre Orbicularis Oculi, Pars Palpebralis

7 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 8 Le labbra l una contro l altra Orbicularis Oris 9 Corrugare il naso Levator Labii Superioris Alaquae Nasi 10 Innalzare il labbro superiore Levator Labii Superioris 11 Depressore della piega nasolabiale Levator anguli Oris (a.k.a. Caninus) 12 Innalzare gli angoli delle labbra Zygomaticus major 13 Gonfiare le guance (guance prominenti) Zygomaticus minor

8 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 14 Fossette Buccinator 15 Depressore degli angoli delle labbra Depressor anguli oris (a.k.a. Triangularis) 16 Depressore del labbro inferiore Depressor labii inferioris 17 Sollevare il mento Mentalis 18 Corrugare le labbra Incisivii Labii Superrioris and Incisivii Labii Inferioris AD 19 Esibizione della lingua

9 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 20 Tendere le labbra Risorius w/platysma 21 Tensore del collo 22 Protendere le labbra (bocca ventosa) Orbicularis Oris 23 Labbra tese Orbicularis Oris 24 Compressore delle labbra Orbicularis Oris 25 Separa le labbra Depressor Labii inferioris or Relaxation of Mentalis or Orbicularis Oris

10 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 26 Abbassare la mascella Masseter; Temporal and Internal Pterygoid Relaxed 27 Stiramento delle labbra Pterygoids, Digastric 28 Risucchio delle labbra Orbicularis Oris AD 29 Protrusione della mascella AD 30 Spostamento laterale della mascella 31 Tenere la mascella serrata/stretta

11 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio AD 32 Mordere il labbro AD 33 Sbuffare AD 34 Gonfiare le guance AD 35 Succhiare le guance AD 36 Spingere la lingua contro la guancia AD 37 Passarsi la lingua sulle labbra

12 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 38 Dilatare le narici Nasalis; Pars Alaris 39 Comprimere le narici Nasalis; Pars transversa and depressor septi nasi 41 Caduta delle palpebre Relaxation of levator palpebrae superioris 42 Tenere le palpebre a fessura Orbicularis oculi 43 Occhi Chiusi Relaxation of Levator Palpebrae Superioris; Orbicularis Oculi, Pars Palpebralis 44 Stabismo Orbicularis Oculi, Pars Palpebralis

13 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 45 Lampeggio (battito delle sopracciglia) Relaxation of Levator Palpebrae Superioris; Orbicularis Oculi, Pars Palpebralis 46 Sbattere le palpebre (ammiccamento) Relaxation of Levator Palpebrae Superioris; Orbicularis Oculi, Pars Palpebralis 51 La testa girata verso sinistra 52 La testa girata verso destra 53 Testa volta verso l alto 54 Testa volta verso il basso

14 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 55 La testa inclinata a sinistra 56 La testa inclinata a destra 57 La testa rivolta in avanti 58 La testa volta all indietro 61 Gli occhi girano a sinistra 62 Gli occhi girano a destra

15 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 63 Occhi in su 64 Occhi in giù 65 Occhi sbarrati 66 Occhi incrociati

16 Codici dei movimenti della testa Codice M55 + Au14 M56 + Au14 M57 + Au 17 + Au24 Descrizione Testa inclinata a sinistra In M55 l inizio della Au 14 (fossette) è immediatamente preceduta o accompagnata dall inclinazione della testa a sinistra. Testa inclinata a destra In M56 l inizio della Au 14 (fossette) è immediatamente preceduta o accompagnata dall inclinazione della testa a destra. Testa in avanti In M57 l inizio di Au17 (solleva il mento) + Au24 (pressione delle labbra) è immediatamente preceduto, accompagnato o seguito da uno spostamento della testa in avanti Immagine di esempio

17 Codice M59 + Au17 +Au24 M60 M83 + Au14 Codici dei movimenti della testa Descrizione Immagine di esempio Annuire. In M59 l inizio di Au17 (solleva il mento) + Au24 (pressione delle labbra) è immediatamente preceduto, accompagnato o seguito da uno scuotimento della testa da su in giù. Scuotimento della testa da una parte all altra In M60 l inizio di Au17 + Au24 è immediatamente preceduto, accompagnato o seguito da uno scuotimento della testa da parte a parte. La testa viene sollevata, girata o scossa da destra a sinistra In M83 l inizio di un movimento simmetrico di Au14 (fossette) è immediatamente preceduto e accompagnato dal movimento della testa che viene sollevata, girata o scossa da destra a sinistra. Altri codici in questo gruppo sono M55, M56, M61, M62, M68 e M69.

18 Codici dei movimenti degli occhi Codice Descrizione Immagine di esempio M61 + Au14 M62 + Au14 M68 + Au4, Au5, Au7 o Au14 Occhi girati a sinistra In M61 l inizio di Au14 (fossette) è immediatamente preceduto, accompagnato o seguito da un movimento degli occhi verso sinistra. Occhi girati a destra In M62 l inizio di Au14 (fossette) è immediatamente preceduto, accompagnato o seguito da un movimento degli occhi verso destra. Gli occhi si muovono in su e di lato e tornano giù con un movimento continuo. M69 + Au4, Au5, Au7 o Au14 Presenza di un movimento degli occhi o della testa che si rivolgono ad un altra persona coinvolta nella conversazione.

19 Codici dei grossi movimenti del corpo Codici Descrizione Sniffare Parlare Oscillare Masticare Sollevare le spalle Scuotere la testa all indietro e in avanti Annuire Spalancare gli occhi Spalancare gli occhi parzialmente

20 UPPER FACE ACTION UNITS Frontalis, Pars Medialis Frontalis, Pars Lateralis Orbicularis Oculi, Pars Orbitalis Depressor Glabellae, Corrugator supercillii, depressor supercilii Orbicularis Oculi, Pars Palpebralis

21 LOWER FACE ACTION UNITS UP/DOWN ACTIONS Levator Labii Superipris Alaquae Nasi Levator Labii Superioris Depressor anguli oris - Triangularis Depressor labii inferioris Mentalis

22 LOWER FACE ACTION UNITS HORIZONTAL ACTIONS Risorius/Platysma Buccinator

23 LOWER FACE ACTION UNITS OBLIQUE ACTIONS Zygomaticus minor Levator anguli Oris - Caninus Zygomaticus major

24 LOWER FACE ACTION UNITS ORBITAL ACTIONS Orbicularis Oris Orbicularis Oris Incisivii Labii Superioris and Incisivii Labii Inferioris

25 LA NOMENCLATURA DEI MUSCOLI DEL VOLTO

26 GLI UNDICI MUSCOLI CHIAVE DELL ESPRESSIONE FACCIALE 1. Orbicularis oculi 2. Levator palpebrae 3. Levator labii superioris 4. Zigomatico maggiore 5. Risorius/Platysma 6. Frontalis 7. Orbicularis oris 8. Corrugator 9. Triangularis 10. Depressor labii inferioris 11. Mentalis

27 Sorpresa Collera Paura Disgusto Felicità Emozioni di base Tristezza Sono universali (condivide da tutte le culture) Se sono sincere solitamente sono simmetriche Tutte le altre azioni compiute con il volto sono emozioni secondarie o non-emozioni (atti che regolano l interazione verbale, commenti sulla comunicazione, messaggi volontari) L espressione delle emozioni, nella nostra cultura, ci induce ad inibire l esibizione delle emozioni negative e ad esaltare quelle degli stati d animo positivi Le espressioni emotive si esprimono in modo più intenso e, a volte, esclusivo in situazioni sociali

28 Importante è la loro collocazione rispetto al discorso (se ad esempio la mimica della collera si presenta dopo che si sono dette parole di minaccia è verosimilmente fasulla). Se sono genuine hanno un tempo di attacco e di stacco (quanto ci mettono a comparire e scomparire); non ci sono regole fisse, se non per la sorpresa, in cui i tempi devono essere brevissimi perché sia sincera. Emozioni di base Micro espressioni (espressioni complete, ma brevissime) Espressioni soffocate (espressioni parziali che durano più a lungo delle microespressioni)

29 ASIMMETRIA Paura Asimmetrica nel lato inferiore sin. Collera Asimmetrica nel lato inferiore sin. Felicità Asimmetrica nel lato inferiore destro La parte sinistra del volto esprime in modo più intenso le emozioni; perciò, il volto può risultare asimmetrico. Se tentiamo di camuffare l espressione di una certa emozione con un altra espressione la più genuina mostrerà una maggiore accentuazione nel lato sinistro. Le espressioni prodotte involontariamente sono più asimmetriche di quelle prodotte volontariamente.

30 LE ESPRESSIONI EMOZIONALI DEL VOLTO SORPRESA RABBIA FELICITÀ

31 LE ESPRESSIONI EMOZIONALI DEL VOLTO PAURA TRISTEZZA DISGUSTO

32 SORPRESA Le combinazioni: AU1+AU2+AU5B+AU26 AU1+AU2+AU5B+AU27 AU1+AU2+AU5B AU1+AU2+AU26 AU1+AU2+AU27 AU5B+AU26 AU5B+AU27 I tratti caratteristici della sorpresa sono: La pelle sotto le sopracciglia è tirata Delle pieghe orizzontali attraversano l intera fronte Gli occhi sono aperti; le palpebre superiori sono sollevate e le inferiori abbassate Il bianco degli occhi la sclera è visibile sopra l iride e spesso anche sotto Le sopracciglia sono sollevate, così da apparire curvate e più in alto Il mento è abbassato aprendo così le labbra e rendendo parzialmente visibili i denti La bocca non è né tesa né tirata

33 RABBIA Le combinazioni: Oppure tutte queste senza 4/5/7/10 I tratti caratteristici della rabbia sono: Le sopracciglia sono abbassate e unite Delle pieghe verticali appaiono fra le sopracciglia Le palpebre inferiori sono tese e possono o non essere sollevate Le palpebre superiori sono tese e possono o non essere abbassate dall azione azione delle sopracciglia Gli occhi hanno un espressione dura e fissa e possono apparire sporgenti Le labbra possono mostrarsi in due pose: premute strettamente l una l contro l altra l con gli angoli tirati verso l esterno l e abbassati; oppure aperte assumendo una forma squadrata mentre l individuo grida Le narici possono essere dilatate, ma questo non è un atteggiamento esclusivo della collera, perché possiamo osservarlo anche nella tristezza Se la collera è mostrata solo in una o due aree del volto il suo significato diventa ambiguo

34 Le combinazioni: FELICITÀ I tratti caratteristici della felicità sono: L espressione di felicità si mostra sulla parte inferiore del volto e sulle palpebre inferiori Gli angoli delle labbra sono tirati indietro e verso l alto La bocca può o non essere aperta, con l esposizione o meno dei denti La piega naso labiale diventa più marcata o visibile Le guance sono sollevate Sotto le palpebre inferiori si possono osservare delle pieghe; inoltre le palpebre possono essere sollevate, ma non tese A lato degli occhi possono comparire le «zampe di gallina» AU6+AU12 AU6 Au12C/D

35 È unico fra le espressioni del viso, perché mentre le altre mimiche emotive richiedono l azione coordinata di più muscoli, per mostrare gioia basta muovere un solo muscolo che produce il sorriso (Au12 innalzare gli angoli delle labbra zygomaticus major). Sono numerose le emozioni positive segnalate dal sorriso: gioia, piacere fisico o sensoriale, soddisfazione, divertimento, ecc. Ma si sorride anche quando si è infelici o intimoriti. SORRISO L elemento comune a quasi tutti i sorrisi è il cambiamento d aspetto prodotto dal muscolo zigomatico maggiore: quando si contrae, solleva gli angoli della bocca, stira le labbra, solleva le gote, rigonfiando la pelle sotto gli occhi e provocando le «zampe di gallina». È il segnale che più spesso è usato per dissimulare un emozione o per dimostrare una piacevolezza che non si prova.

36 Sorriso sentito Le labbra sono tese e sollevate agli angoli, si notano «borse» sotto gli occhi, occhi lucidi e «zampe di gallina».. Gli zigomi appaiono più «liftati». Sorriso di circostanza È esibito quando si vuole simulare piacevolezza. I muscoli sono piùp atonici.

37 Sorriso nervoso La persona cerca di dissimulare la paura; spesso gli angoli delle e labbra sono stirati orizzontalmente, verso gli orecchi, così le labbra assumono una forma rettangolare o sono atteggiamenti simili ad una smorfia. Le sopracciglia sono sollevate e unite, gli occhi «sbarrati». Sorriso triste Il sorriso è spesso accennato e gli occhi e le sopracciglia hanno l espressionel di tristezza.

38 Sorriso beffardo È un sorriso di disprezzo. Si osserva un rigonfiamento agli angoli i della bocca, spesso una fossetta e un inclinazione verso l alto l di uno ed entrambi gli angoli delle labbra. Sorriso luciferino È un misto di collera e piacere (sadismo). Le labbra appaiono tirate, le sopracciglia abbassate e unite e gli occhi socchiusi.

39 Le combinazioni: PAURA I tratti caratteristici della paura sono: Le sopracciglia sono sollevate e unite assieme; il lato esterno delle sopracciglia appare piuttosto angolato Le rughe sulla fronte compaiono al centro, ma non attraverso la fronte intera Le palpebre superiori sono sollevate, esponendo la sclera e le palpebre inferiori sono tese e stirate La bocca è aperta e le labbra sono entrambe tese e tirate indietro La bocca appare più ampia oppure tirate lateralmente e verso l internol AU1+AU2+AU4+AU5+AU20+AU25, U26 oppure AU27 AU1+AU2+AU4+AU5+AU25, AU26 oppure AU27 AU1+AU2+AU4+AU5+AU20Sinistro o 20Destro+AU25+AU26 oppure AU27 AU1+AU2+AU4+AU5 AU1+AU2+AU5 con o senza 25, 26, 27 AU5+20 con o senza 25, 26, 27

40 TRISTEZZA I tratti caratteristici della tristezza sono: Gli angoli interni delle sopracciglia sono sollevati La pelle sotto le sopracciglia assume una forma triangolare, con gli angoli interni orientati verso l altol Gli angoli delle palpebre superiori sono sollevati Gli angoli delle labbra sono piegati verso giù e le labbra sono tremolanti Le combinazioni: AU1+AU4+AU11+AU15 con o senza AU54 e AU64 AU1+AU4+AU15 con o senza AU54/64 AU6+15 con o senza 54/64 AU con o senza 54/64 Au1+4+15B+17 con o senza AU11+15B con o senza AU11+17

41 DISGUSTO Le combinazioni: AU9 AU9+AU16+AU15, AU26 AU9+AU17 AU10 AU10+AU17 AU10+AU16+AU25, AU26 I tratti caratteristici del disgusto sono: Il disgusto si mostra principalmente nella parte inferiore del volto e nell espressione delle palpebre inferiori Il labbro superiore è sollevato Il labbro inferiore è sollevato e spinto in su verso il labbro superiore oppure è abbassato e leggermente protruso Il naso è arricciato e alla sua radice si possono osservare delle pieghe che convergono verso il centro Le guance sono sollevate Compaiono delle pieghe orizzontali od oblique sotto le palpebre inferiori e queste sono spinte verso l alto, ma non tese Le sopracciglia sono abbassate, coprendo in parte le palpebre superiori

42 Comunicazione non verbale Tutto quel complesso di segnali, gesti, movimenti del corpo, posture, espressioni del volto, direzione dello sguardo, vicinanza e posizione spaziale, contatto corporeo, orientazione, toni di voce ed altri aspetti non verbali del discorso, abiti e ornamenti del corpo. INFORMATIVO: quando veicola un significato condiviso da altri soggetti oltre che dal diretto interlocutore COMUNICATIVO: indica esclusivamente quegli atti inviati da un soggetto solo a una persona precisa, a cui vuole comunicare qualcosa INTERATTIVO: fa riferimento ai gesti che si usano all interno di un contesto gruppale in cui i membri si influenzano vicendevolmente con il proprio comportamento

43 Funzioni della CNV Un «linguaggio di relazione» per segnalare le modifiche intercorrenti nelle relazioni interpersonali (atteggiamenti) Lo strumento principale per comunicare emozioni Un linguaggio simbolico per rappresentare l immagine l di sé agli altri Una sommatoria di elementi per chiarificare il messaggio trasmesso dal linguaggio verbale Svolge la funzione di lasciare trapelare contenuti profondi non sottoposti a controlli o censure consci e inconsci Un elemento di regolarizzazione negli scambi interpersonali (tempo, pausa, parlato) Un elemento di sostituzione del linguaggio parlato in particolari situazioni

44 Funzioni della CNV Ripetizione: conferma la comunicazione verbale, rafforzandola (ad esempio, dico di essere d accordo d e annuisco con il capo). Contraddizione: si contrappone e contraddice quanto viene affermato verbalmente (ad esempio, si afferma di sentirsi rilassati e felici e ci spuntano le lacrime). Sostituzione: sostituisce il messaggio verbale (ad esempio, uno sbadiglio e gli occhi che si chiudono comunicano noia o stanchezza). Accentuazione: rimarca e rafforza il linguaggio verbale (ad esempio, si dice vai fuori e si indica la porta con l indice)

45 I canali della CNV Aspetti non verbali del parlato Comportamento spaziale (o prossemico) 1. Distanza interpersonale 2. Orientamento 3. Contatti corporei 4. Postura Comportamento motorio gestuale Comportamento mimico del volto 1. Espressioni del volto (emozioni) 2. Sguardo e contatto visivo Aspetto esteriore 1. Conformazione fisica 2. Abbigliamento

46 Aspetti non verbali del parlato Due interlocutori non interagiscono solo attraverso messaggi verbali e variazioni linguistiche (scelta della lingua, uso di un linguaggio semplice o elaborato, scelta delle forme e dei tempi, ecc.) ma attraverso variazioni non propriamente linguistiche (il tono, il timbro, l intensità,, le pause, ecc.) indipendenti dal contenuto (ad esempio tamburellare con le dita, battere i piedi, raschiamenti di voce, sospiri, soffiare il naso, le sfumature e le inflessioni della voce, ecc.) Paralinguistica (Trager 1958) comprende i fenomeni fonici del linguaggio articolato e tutte le diverse sonorità producibili oralmente Qualità della voce (tono, risonanza, età,, sesso, provenienza) Le vocalizzazioni (insieme dei suoni): qualificatori vocali (intensità,, timbro ed estensione) e segregati vocali («Uhm( Uhm», «Ah»)

47 Il comportamento spaziale o prossemico La prossemica è quella branca della psicologia che studia i comportamenti spaziali, ovvero il modo in cui ci collochiamo nello lo spazio e regoliamo le nostre distanze rispetto agli altri e all ambiente ambiente È nella natura degli animali, uomo compreso, esibire uno specifico o tipo di comportamento che noi definiamo «territorialità» La distanza scelta dipende da un rapporto di transazione nel quale si distinguono: il tipo di relazione fra gli individui che interagiscono il loro sentimento della situazione ciò che stanno facendo Il nostro spazio personale rivela la nostra posizione sociale, il nostro sesso, la nostra personalità,, il tipo di relazione che stiamo intrattenendo o desideriamo intrattenere, il nostro grado di soddisfazione, insoddisfazione e disagio

48 TIPO DI ZONA Distanza interpersonale Edward T. Hall, 1966 RELAZIONI APPROPRIATE QUALITÀ SENSORIALI Intima (0 45 cm) Contatti intimi (fare l amore, confortare, accarezzare) e contatti praticati in sport come la lotta o il pugilato. L odore e il calore sono gli input sensoriali dominanti. Il modo primario di comunicare passa dalle vocalizzazioni al toccarsi. Personale ( cm) Contatti fra amici e interazioni quotidiane con persone che si conoscono. Minore importanza per odore e calore rispetto alla distanza intima. La vista diventa il canale sensoriale dominante. La comunicazione avviene prevalentemente in modo verbale e non con il tatto.

49 Distanza interpersonale Edward T. Hall, 1966 TIPO DI ZONA Sociale ( m) RELAZIONI APPROPRIATE Contatti impersonali, con persone che non si conoscono o per affari. QUALITÀ SENSORIALI Odore e calore sono input minimi. Le informazioni date dai canali visivi sono meno dettagliate rispetto alla distanza personale. Le comunicazioni avvengono vocalmente ad un normale livello di voce. Non è possibile toccarsi. Pubblica (Più di 3.5 m) Contatti formali fra un individuo (ad esempio un attore o un politico) e il pubblico. Odore e calore assenti. L input visivo non è dettagliato. Comportamenti non verbali esagerati per migliorare e integrare la comunicazione verbale.

50 Orientamento Si definisce orientazione l angolo con cui le persone si situano nello spazio rispetto all altro altro interlocutore Costituisce elemento di comunicazione di atteggiamenti interpersonali AMICIZIA COLLABORAZIONE RAPPORTO GERARCHICO

51 Contatti corporei (Comunicazione digitale) Rappresenta la forma più primitiva di azione sociale Interessa molte parti del corpo e assume forme diverse (accarezzare, are, abbracciare, baciare, leccare, stringere, pizzicare, colpire, ecc.) c.) Esistono differenze interculturali sull uso uso del segnale ad esempio gli inglesi e i giapponesi ne fanno scarso uso: risulta eccitante te e fastidioso al contempo gli africani e gli arabi invece ne usano molti di più Abbiamo 5 categorie di contatto corporeo nelle relazioni interpersonali (Heslin,, 1974) 1. Funzionale /Professionale (il contatto dipende dal ruolo dei soggetti getti rapporto medico paziente) 2. Sociale (esempio di saluto) 3. Amichevole (esempio gesti di conferma) 4. Intimo affettuoso (esempio giocare con i bambini) 5. Sessuale (rapporti) 5.

52 Postura Segnale in gran parte involontario nel processo comunicativo (in piedi, seduto, disteso, in ginocchio, ecc.) Vi sono: 1. Posture dominanti/superiori (portamento eretto, testa piegata all indietro, mani sui fianchi, posizione centrale) 2. Posture inferiori/sottomesse 3. Posture denotanti amicizia o ostilità 4. Posture denotanti status o posizione sociale (portamento eretto e posizione centrale di fronte agli altri) 5. Posture convenzionali e pubbliche 5. La postura comunica l intensitl intensità dell emozione emozione non il tipo di emozione ed è poco controllabile rispetto al volto e al tono della voce (P. Ekman e W. V. Friesen) Ogni postura è determinata dalla situazione in cui ci troviamo e dalla specifica situazione di interazione che stiamo vivendo Può riflettere il nostro stato d animo, d i nostri atteggiamenti, il ruolo e lo stato sociale che ricopriamo, l immagine l che abbiamo del nostro corpo

53 Comportamento motorio gestuale (o cinesico) La comunicazione cinesica indica l insieme l dei gesti che noi compiamo, più o meno involontariamente, mentre comunichiamo con il mondo (movimento delle nostre braccia, mani, gambe, piedi, bacino, occhi, ecc.) Si considerano non i singoli elementi del comportamento motorio, ma tutti insieme (P. Ekman e W. V. Friesen): espressioni del volto movimenti del volto movimenti delle mani movimenti degli arti

54 Gesti «emblematici» (emblems) Tipologie di gesti P. Ekman e W. V. Friesen sono segnali intenzionali che possono essere tradotti in parole (scuotere la mano per salutare, chiamare con la mano) Gesti «illustratori» (illustrators) illustrano il comportamento verbale e ne chiariscono il contenuto o (riprodurre la forma dell oggetto di cui sto parlando) Gesti che esprimono stati emotivi (affect( displays «indicatori dello stato emotivo») esprimono emozioni primarie (l atto di scuotere un pugno in segno di rabbia) Gesti che regolano l interazione l (regulators( - regolatori) controllano il flusso della comunicazione (segnali di attenzione e di feed back, cenni col capo, espressioni del volto, spostamento della postura, ecc) Gesti di adattamento (adaptors( adaptors): non sono intenzionali e rappresentano il modo di soddisfare bisogni situazionali (appresi nell infanzia vengono riproposti dall adulto adulto inconsapevolmente) - auto adattivi (self( adaptors) (movimenti di manipolazione del proprio corpo che gli individui realizzano nel corso dell interazione) - centrati sull altro (alter( adaptors) (scambiare oggetti o contatti fisici con un altra persona) - diretti su oggetti (object( adaptors) ) (contatto con oggetti - giocare con la penna)

55 Il comportamento mimico del volto Il volto è l area del corpo più importante sul piano espressivo e comunicativo Rappresenta il canale privilegiato atteggiamenti interpersonali per la trasmissione degli È composto da due aree specializzate: inferiore (bocca e naso) superiore (occhi, sopracciglia, fronte) Le espressioni del volto hanno la funzione, durante l interazione, l di comunicare ciò che sentiamo a livello emozionale, di sostenere, facilitare e accompagnare il discorso e di manifestare aspetti tipici t della personalità dell individuo L espressione del volto nelle sue possibilità di variazione è usata anche in stretta combinazione con il linguaggio sia in colui che parla sia nell ascoltatore Le sopracciglia forniscono un commento continuo e puntuale secondo lo seguente schema (Argyle, 1972): Sopracciglia completamente inarcate: incredulità Sopracciglia semiinarcate: sorpresa Sopracciglia normali: indifferenza Sopracciglia semiabbassate: perplessità Sopracciglia completamente abbassate: collera

56 La tipologia dei segnali P. Ekman e W. V Friesen Il volto è in grado di veicolare informazioni attraverso quattro classi di segnali: Segnali «statici statici» e relativamente permanenti, determinati dalla struttura ossea e dalle masse di tessuto che compongono il viso. Segnali «lenti» determinati da cambiamenti che avvengono con il tempo e apportano delle mutazioni nell apparenza della faccia di un individuo (la comparsa di rughe). Segnali Segnali «artificiali» causati da trattamenti esterni (l applicazione di cosmetici o il fatto di indossare gli occhiali). Segnali «rapidi» che comportano modificazioni dell attivit attività neuromuscolare e provocano dei cambiamenti visibili dell apparenza del viso. Segnali

57 Il comportamento visivo I movimenti degli occhi svolgono un ruolo di estrema importanza nel corso dell interazione sociale Lo sguardo è parte integrante dell espressione espressione globale del volto ed è altamente espressivo Funzioni dell interazione visiva: comunica atteggiamenti interpersonali (interesse, preferenza o dominanza) instaura relazioni stretto legame con la comunicazione verbale regolare la sincronizzazione nell ambito di un dialogo segnale per avviare incontri, nel salutare, per indicare che si è capita un idea espressa dall altro altro - Se non si guarda l interlocutore l si manifesta l impressione l di rifiuto o indifferenza - Se si guarda intensamente e in silenzio si rafforza l impressione l di essere un deviante o strano (Exline( Exline,, 1972) - Un altro fattore importante sono le variazioni individuali in rapporto alle modalità abituali d uso d dello sguardo: 1. Le persone estroverse fanno maggiore uso dello sguardo e usano occhiate o più lunghe degli introversi 2. Chi ha bisogno di affiliazione usa maggiormente lo sguardo in situazione amichevole o di collaborazione 3. Chi è dominante lo usa di più in situazioni competitive 4. Le donne lo usano di più mentre parlano con una persona verso cui provano simpatia, gli uomini mentre ascoltano la stessa persona

58 I segnali dello sguardo Alto Immaginazione a sinistra: passato a destra: futuro o ipotesi Centro Rappresentazioni verbali Basso Sensazioni Occhi in alto a destra immagini costruite Occhi in alto a sinistra immagini ricordate Occhi in centro sfuocati immaginazione Occhi in linea mediana a destra dialogo interno Occhi in linea mediana a sinistra ascolto parole o discorsi Occhi in basso a sinistra ascolto suoni o rumori ri Occhi in basso a destra sensazioni

59 L Aspetto esteriore Cook M. (1971) Segnali statici (non mutano durante il corso dell interazione) Il volto La conformazione fisica L abbigliamento Il trucco L acconciatura dei cappelli Lo stato della pelle Segnali dinamici (mutano nel corso dell interazione) Orientazione Distanza Postura, gesti e movimenti del corpo Espressione del volto Direzione dello sguardo Tono di voce Ritmo e velocità dell eloquio eloquio

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE II LEZIONE C. Bonasia IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE DIMENSIONE VERTICALE: top -down bottom - up DIMENSIONE ORIZZONTALE trasversale, tra persone

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA per lavoratori La formazione vincente. Il CFRM, Centro Formazione e Ricerca Macchine del Gruppo Merlo, è la prima struttura in Italia ed una delle prime in Europa specializzata

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI CORSO PER CHI VUOLE CAMBIARE LA PROPRIA VITA Questo corso si proporne di insegnare e cambiare. Alterna conoscenza e applicazione. Ha come obiettivo la trasformazione. Perché sono malato? Perché proprio

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni

Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni VideoFisco - VideoLavoro ottobre 2014 Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni a cura di Eros Tugnoli 1 COMUNICAZIONE

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli