Analisi della comunicazione tra pediatra e madre attraverso l applicazione l F.A.C.S.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi della comunicazione tra pediatra e madre attraverso l applicazione l F.A.C.S."

Transcript

1 Università degli Studi di Trieste Dottorato di ricerca in medicina materno infantile, pediatria dello sviluppo e dell educazione, educazione, perinatologia XIX ciclo Dott.ssa Vanessa Greco Analisi della comunicazione tra pediatra e madre attraverso l applicazione l del metodo F.A.C.S. di P. Ekman e W.V. Friesen

2 Il progetto di ricerca OBIETTIVI DELLA RICERCA: 1. Analizzare il linguaggio non verbale nel rapporto pediatra e madre correlato al vissuto emozionale di entrambi 2. Esaminare le differenze nella comunicazione determinate dalla variabile pediatra maschio/pediatra femmina 3. Esaminare le varianti nella comunicazione determinate dalla variabile pediatri giovani e pediatri esperti

3 Metodologia della ricerca 1. Decodificazione dell espressione espressione facciale e delle emozioni del pediatra e della madre del bambino durante la visita mediante il metodo F.A.C.S. 2. Utilizzo di due videocamere al fine di registrare simultaneamente le espressioni facciali di entrambi i soggetti presenti nell ambulatorio 3. L analisi mediante il F.A.C.S. avverrà 3 volte: entrata della madre e del bambino in ambulatorio comunicazione dell esito esito della visita effettuata uscita della madre e del bambino dall ambulatorio ambulatorio

4 Schema di analisi delle riprese mediante il F.A.C.S. Totale delle visite: 22 1 per ciascuna sede ambulatoriale presente nella Regione Friuli Venezia Giulia 3 analisi facs per la madre e 3 per il pediatra 6 facs per ogni visita 22 X 6 = 132 facs SOGGETTI: 8 pediatri esperti maschi 8 pediatre esperte femmine 6 specializzandi in pediatria presso il Burlo Garofalo di Trieste (2 maschi e 4 femmine)

5 Il Facial Action Coding System di P. Ekman e W.V. Friesen È un sistema di codifica che si basa sull identificazione e la misurazione di unità visibili di comportamento facciale Ogni movimento facciale singolarmente riproducibile e individuabile visivamente è stato indicato come AU (Action Unit): 44 AU relative ai movimenti del volto 14 AU che rendono conto dei cambiamenti nella direzione dello sguardo e nell orientamento della testa

6 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 1 Sollevare l interno della fronte Frontalis, Pars medialis 2 Sollevare l esterno della fronte Frontalis, Pars lateralis 4 Avvicinare e abbassare le sopracciglia Depressor Glabellae, Corrugator supercilii, Depressor supercilii 5 Sollevare le palpebre superiori Levator Palpebrae Superioris 6 Sollevare le guance Orbicularis Oculi, Pars Orbitalis 7 Serrare le palpebre Orbicularis Oculi, Pars Palpebralis

7 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 8 Le labbra l una contro l altra Orbicularis Oris 9 Corrugare il naso Levator Labii Superioris Alaquae Nasi 10 Innalzare il labbro superiore Levator Labii Superioris 11 Depressore della piega nasolabiale Levator anguli Oris (a.k.a. Caninus) 12 Innalzare gli angoli delle labbra Zygomaticus major 13 Gonfiare le guance (guance prominenti) Zygomaticus minor

8 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 14 Fossette Buccinator 15 Depressore degli angoli delle labbra Depressor anguli oris (a.k.a. Triangularis) 16 Depressore del labbro inferiore Depressor labii inferioris 17 Sollevare il mento Mentalis 18 Corrugare le labbra Incisivii Labii Superrioris and Incisivii Labii Inferioris AD 19 Esibizione della lingua

9 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 20 Tendere le labbra Risorius w/platysma 21 Tensore del collo 22 Protendere le labbra (bocca ventosa) Orbicularis Oris 23 Labbra tese Orbicularis Oris 24 Compressore delle labbra Orbicularis Oris 25 Separa le labbra Depressor Labii inferioris or Relaxation of Mentalis or Orbicularis Oris

10 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 26 Abbassare la mascella Masseter; Temporal and Internal Pterygoid Relaxed 27 Stiramento delle labbra Pterygoids, Digastric 28 Risucchio delle labbra Orbicularis Oris AD 29 Protrusione della mascella AD 30 Spostamento laterale della mascella 31 Tenere la mascella serrata/stretta

11 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio AD 32 Mordere il labbro AD 33 Sbuffare AD 34 Gonfiare le guance AD 35 Succhiare le guance AD 36 Spingere la lingua contro la guancia AD 37 Passarsi la lingua sulle labbra

12 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 38 Dilatare le narici Nasalis; Pars Alaris 39 Comprimere le narici Nasalis; Pars transversa and depressor septi nasi 41 Caduta delle palpebre Relaxation of levator palpebrae superioris 42 Tenere le palpebre a fessura Orbicularis oculi 43 Occhi Chiusi Relaxation of Levator Palpebrae Superioris; Orbicularis Oculi, Pars Palpebralis 44 Stabismo Orbicularis Oculi, Pars Palpebralis

13 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 45 Lampeggio (battito delle sopracciglia) Relaxation of Levator Palpebrae Superioris; Orbicularis Oculi, Pars Palpebralis 46 Sbattere le palpebre (ammiccamento) Relaxation of Levator Palpebrae Superioris; Orbicularis Oculi, Pars Palpebralis 51 La testa girata verso sinistra 52 La testa girata verso destra 53 Testa volta verso l alto 54 Testa volta verso il basso

14 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 55 La testa inclinata a sinistra 56 La testa inclinata a destra 57 La testa rivolta in avanti 58 La testa volta all indietro 61 Gli occhi girano a sinistra 62 Gli occhi girano a destra

15 Gli esempi di AU con l indicazione dei muscoli coinvolti in ogni movimento descritto AU Descrizione Muscolo facciale Immagine di esempio 63 Occhi in su 64 Occhi in giù 65 Occhi sbarrati 66 Occhi incrociati

16 Codici dei movimenti della testa Codice M55 + Au14 M56 + Au14 M57 + Au 17 + Au24 Descrizione Testa inclinata a sinistra In M55 l inizio della Au 14 (fossette) è immediatamente preceduta o accompagnata dall inclinazione della testa a sinistra. Testa inclinata a destra In M56 l inizio della Au 14 (fossette) è immediatamente preceduta o accompagnata dall inclinazione della testa a destra. Testa in avanti In M57 l inizio di Au17 (solleva il mento) + Au24 (pressione delle labbra) è immediatamente preceduto, accompagnato o seguito da uno spostamento della testa in avanti Immagine di esempio

17 Codice M59 + Au17 +Au24 M60 M83 + Au14 Codici dei movimenti della testa Descrizione Immagine di esempio Annuire. In M59 l inizio di Au17 (solleva il mento) + Au24 (pressione delle labbra) è immediatamente preceduto, accompagnato o seguito da uno scuotimento della testa da su in giù. Scuotimento della testa da una parte all altra In M60 l inizio di Au17 + Au24 è immediatamente preceduto, accompagnato o seguito da uno scuotimento della testa da parte a parte. La testa viene sollevata, girata o scossa da destra a sinistra In M83 l inizio di un movimento simmetrico di Au14 (fossette) è immediatamente preceduto e accompagnato dal movimento della testa che viene sollevata, girata o scossa da destra a sinistra. Altri codici in questo gruppo sono M55, M56, M61, M62, M68 e M69.

18 Codici dei movimenti degli occhi Codice Descrizione Immagine di esempio M61 + Au14 M62 + Au14 M68 + Au4, Au5, Au7 o Au14 Occhi girati a sinistra In M61 l inizio di Au14 (fossette) è immediatamente preceduto, accompagnato o seguito da un movimento degli occhi verso sinistra. Occhi girati a destra In M62 l inizio di Au14 (fossette) è immediatamente preceduto, accompagnato o seguito da un movimento degli occhi verso destra. Gli occhi si muovono in su e di lato e tornano giù con un movimento continuo. M69 + Au4, Au5, Au7 o Au14 Presenza di un movimento degli occhi o della testa che si rivolgono ad un altra persona coinvolta nella conversazione.

19 Codici dei grossi movimenti del corpo Codici Descrizione Sniffare Parlare Oscillare Masticare Sollevare le spalle Scuotere la testa all indietro e in avanti Annuire Spalancare gli occhi Spalancare gli occhi parzialmente

20 UPPER FACE ACTION UNITS Frontalis, Pars Medialis Frontalis, Pars Lateralis Orbicularis Oculi, Pars Orbitalis Depressor Glabellae, Corrugator supercillii, depressor supercilii Orbicularis Oculi, Pars Palpebralis

21 LOWER FACE ACTION UNITS UP/DOWN ACTIONS Levator Labii Superipris Alaquae Nasi Levator Labii Superioris Depressor anguli oris - Triangularis Depressor labii inferioris Mentalis

22 LOWER FACE ACTION UNITS HORIZONTAL ACTIONS Risorius/Platysma Buccinator

23 LOWER FACE ACTION UNITS OBLIQUE ACTIONS Zygomaticus minor Levator anguli Oris - Caninus Zygomaticus major

24 LOWER FACE ACTION UNITS ORBITAL ACTIONS Orbicularis Oris Orbicularis Oris Incisivii Labii Superioris and Incisivii Labii Inferioris

25 LA NOMENCLATURA DEI MUSCOLI DEL VOLTO

26 GLI UNDICI MUSCOLI CHIAVE DELL ESPRESSIONE FACCIALE 1. Orbicularis oculi 2. Levator palpebrae 3. Levator labii superioris 4. Zigomatico maggiore 5. Risorius/Platysma 6. Frontalis 7. Orbicularis oris 8. Corrugator 9. Triangularis 10. Depressor labii inferioris 11. Mentalis

27 Sorpresa Collera Paura Disgusto Felicità Emozioni di base Tristezza Sono universali (condivide da tutte le culture) Se sono sincere solitamente sono simmetriche Tutte le altre azioni compiute con il volto sono emozioni secondarie o non-emozioni (atti che regolano l interazione verbale, commenti sulla comunicazione, messaggi volontari) L espressione delle emozioni, nella nostra cultura, ci induce ad inibire l esibizione delle emozioni negative e ad esaltare quelle degli stati d animo positivi Le espressioni emotive si esprimono in modo più intenso e, a volte, esclusivo in situazioni sociali

28 Importante è la loro collocazione rispetto al discorso (se ad esempio la mimica della collera si presenta dopo che si sono dette parole di minaccia è verosimilmente fasulla). Se sono genuine hanno un tempo di attacco e di stacco (quanto ci mettono a comparire e scomparire); non ci sono regole fisse, se non per la sorpresa, in cui i tempi devono essere brevissimi perché sia sincera. Emozioni di base Micro espressioni (espressioni complete, ma brevissime) Espressioni soffocate (espressioni parziali che durano più a lungo delle microespressioni)

29 ASIMMETRIA Paura Asimmetrica nel lato inferiore sin. Collera Asimmetrica nel lato inferiore sin. Felicità Asimmetrica nel lato inferiore destro La parte sinistra del volto esprime in modo più intenso le emozioni; perciò, il volto può risultare asimmetrico. Se tentiamo di camuffare l espressione di una certa emozione con un altra espressione la più genuina mostrerà una maggiore accentuazione nel lato sinistro. Le espressioni prodotte involontariamente sono più asimmetriche di quelle prodotte volontariamente.

30 LE ESPRESSIONI EMOZIONALI DEL VOLTO SORPRESA RABBIA FELICITÀ

31 LE ESPRESSIONI EMOZIONALI DEL VOLTO PAURA TRISTEZZA DISGUSTO

32 SORPRESA Le combinazioni: AU1+AU2+AU5B+AU26 AU1+AU2+AU5B+AU27 AU1+AU2+AU5B AU1+AU2+AU26 AU1+AU2+AU27 AU5B+AU26 AU5B+AU27 I tratti caratteristici della sorpresa sono: La pelle sotto le sopracciglia è tirata Delle pieghe orizzontali attraversano l intera fronte Gli occhi sono aperti; le palpebre superiori sono sollevate e le inferiori abbassate Il bianco degli occhi la sclera è visibile sopra l iride e spesso anche sotto Le sopracciglia sono sollevate, così da apparire curvate e più in alto Il mento è abbassato aprendo così le labbra e rendendo parzialmente visibili i denti La bocca non è né tesa né tirata

33 RABBIA Le combinazioni: Oppure tutte queste senza 4/5/7/10 I tratti caratteristici della rabbia sono: Le sopracciglia sono abbassate e unite Delle pieghe verticali appaiono fra le sopracciglia Le palpebre inferiori sono tese e possono o non essere sollevate Le palpebre superiori sono tese e possono o non essere abbassate dall azione azione delle sopracciglia Gli occhi hanno un espressione dura e fissa e possono apparire sporgenti Le labbra possono mostrarsi in due pose: premute strettamente l una l contro l altra l con gli angoli tirati verso l esterno l e abbassati; oppure aperte assumendo una forma squadrata mentre l individuo grida Le narici possono essere dilatate, ma questo non è un atteggiamento esclusivo della collera, perché possiamo osservarlo anche nella tristezza Se la collera è mostrata solo in una o due aree del volto il suo significato diventa ambiguo

34 Le combinazioni: FELICITÀ I tratti caratteristici della felicità sono: L espressione di felicità si mostra sulla parte inferiore del volto e sulle palpebre inferiori Gli angoli delle labbra sono tirati indietro e verso l alto La bocca può o non essere aperta, con l esposizione o meno dei denti La piega naso labiale diventa più marcata o visibile Le guance sono sollevate Sotto le palpebre inferiori si possono osservare delle pieghe; inoltre le palpebre possono essere sollevate, ma non tese A lato degli occhi possono comparire le «zampe di gallina» AU6+AU12 AU6 Au12C/D

35 È unico fra le espressioni del viso, perché mentre le altre mimiche emotive richiedono l azione coordinata di più muscoli, per mostrare gioia basta muovere un solo muscolo che produce il sorriso (Au12 innalzare gli angoli delle labbra zygomaticus major). Sono numerose le emozioni positive segnalate dal sorriso: gioia, piacere fisico o sensoriale, soddisfazione, divertimento, ecc. Ma si sorride anche quando si è infelici o intimoriti. SORRISO L elemento comune a quasi tutti i sorrisi è il cambiamento d aspetto prodotto dal muscolo zigomatico maggiore: quando si contrae, solleva gli angoli della bocca, stira le labbra, solleva le gote, rigonfiando la pelle sotto gli occhi e provocando le «zampe di gallina». È il segnale che più spesso è usato per dissimulare un emozione o per dimostrare una piacevolezza che non si prova.

36 Sorriso sentito Le labbra sono tese e sollevate agli angoli, si notano «borse» sotto gli occhi, occhi lucidi e «zampe di gallina».. Gli zigomi appaiono più «liftati». Sorriso di circostanza È esibito quando si vuole simulare piacevolezza. I muscoli sono piùp atonici.

37 Sorriso nervoso La persona cerca di dissimulare la paura; spesso gli angoli delle e labbra sono stirati orizzontalmente, verso gli orecchi, così le labbra assumono una forma rettangolare o sono atteggiamenti simili ad una smorfia. Le sopracciglia sono sollevate e unite, gli occhi «sbarrati». Sorriso triste Il sorriso è spesso accennato e gli occhi e le sopracciglia hanno l espressionel di tristezza.

38 Sorriso beffardo È un sorriso di disprezzo. Si osserva un rigonfiamento agli angoli i della bocca, spesso una fossetta e un inclinazione verso l alto l di uno ed entrambi gli angoli delle labbra. Sorriso luciferino È un misto di collera e piacere (sadismo). Le labbra appaiono tirate, le sopracciglia abbassate e unite e gli occhi socchiusi.

39 Le combinazioni: PAURA I tratti caratteristici della paura sono: Le sopracciglia sono sollevate e unite assieme; il lato esterno delle sopracciglia appare piuttosto angolato Le rughe sulla fronte compaiono al centro, ma non attraverso la fronte intera Le palpebre superiori sono sollevate, esponendo la sclera e le palpebre inferiori sono tese e stirate La bocca è aperta e le labbra sono entrambe tese e tirate indietro La bocca appare più ampia oppure tirate lateralmente e verso l internol AU1+AU2+AU4+AU5+AU20+AU25, U26 oppure AU27 AU1+AU2+AU4+AU5+AU25, AU26 oppure AU27 AU1+AU2+AU4+AU5+AU20Sinistro o 20Destro+AU25+AU26 oppure AU27 AU1+AU2+AU4+AU5 AU1+AU2+AU5 con o senza 25, 26, 27 AU5+20 con o senza 25, 26, 27

40 TRISTEZZA I tratti caratteristici della tristezza sono: Gli angoli interni delle sopracciglia sono sollevati La pelle sotto le sopracciglia assume una forma triangolare, con gli angoli interni orientati verso l altol Gli angoli delle palpebre superiori sono sollevati Gli angoli delle labbra sono piegati verso giù e le labbra sono tremolanti Le combinazioni: AU1+AU4+AU11+AU15 con o senza AU54 e AU64 AU1+AU4+AU15 con o senza AU54/64 AU6+15 con o senza 54/64 AU con o senza 54/64 Au1+4+15B+17 con o senza AU11+15B con o senza AU11+17

41 DISGUSTO Le combinazioni: AU9 AU9+AU16+AU15, AU26 AU9+AU17 AU10 AU10+AU17 AU10+AU16+AU25, AU26 I tratti caratteristici del disgusto sono: Il disgusto si mostra principalmente nella parte inferiore del volto e nell espressione delle palpebre inferiori Il labbro superiore è sollevato Il labbro inferiore è sollevato e spinto in su verso il labbro superiore oppure è abbassato e leggermente protruso Il naso è arricciato e alla sua radice si possono osservare delle pieghe che convergono verso il centro Le guance sono sollevate Compaiono delle pieghe orizzontali od oblique sotto le palpebre inferiori e queste sono spinte verso l alto, ma non tese Le sopracciglia sono abbassate, coprendo in parte le palpebre superiori

42 Comunicazione non verbale Tutto quel complesso di segnali, gesti, movimenti del corpo, posture, espressioni del volto, direzione dello sguardo, vicinanza e posizione spaziale, contatto corporeo, orientazione, toni di voce ed altri aspetti non verbali del discorso, abiti e ornamenti del corpo. INFORMATIVO: quando veicola un significato condiviso da altri soggetti oltre che dal diretto interlocutore COMUNICATIVO: indica esclusivamente quegli atti inviati da un soggetto solo a una persona precisa, a cui vuole comunicare qualcosa INTERATTIVO: fa riferimento ai gesti che si usano all interno di un contesto gruppale in cui i membri si influenzano vicendevolmente con il proprio comportamento

43 Funzioni della CNV Un «linguaggio di relazione» per segnalare le modifiche intercorrenti nelle relazioni interpersonali (atteggiamenti) Lo strumento principale per comunicare emozioni Un linguaggio simbolico per rappresentare l immagine l di sé agli altri Una sommatoria di elementi per chiarificare il messaggio trasmesso dal linguaggio verbale Svolge la funzione di lasciare trapelare contenuti profondi non sottoposti a controlli o censure consci e inconsci Un elemento di regolarizzazione negli scambi interpersonali (tempo, pausa, parlato) Un elemento di sostituzione del linguaggio parlato in particolari situazioni

44 Funzioni della CNV Ripetizione: conferma la comunicazione verbale, rafforzandola (ad esempio, dico di essere d accordo d e annuisco con il capo). Contraddizione: si contrappone e contraddice quanto viene affermato verbalmente (ad esempio, si afferma di sentirsi rilassati e felici e ci spuntano le lacrime). Sostituzione: sostituisce il messaggio verbale (ad esempio, uno sbadiglio e gli occhi che si chiudono comunicano noia o stanchezza). Accentuazione: rimarca e rafforza il linguaggio verbale (ad esempio, si dice vai fuori e si indica la porta con l indice)

45 I canali della CNV Aspetti non verbali del parlato Comportamento spaziale (o prossemico) 1. Distanza interpersonale 2. Orientamento 3. Contatti corporei 4. Postura Comportamento motorio gestuale Comportamento mimico del volto 1. Espressioni del volto (emozioni) 2. Sguardo e contatto visivo Aspetto esteriore 1. Conformazione fisica 2. Abbigliamento

46 Aspetti non verbali del parlato Due interlocutori non interagiscono solo attraverso messaggi verbali e variazioni linguistiche (scelta della lingua, uso di un linguaggio semplice o elaborato, scelta delle forme e dei tempi, ecc.) ma attraverso variazioni non propriamente linguistiche (il tono, il timbro, l intensità,, le pause, ecc.) indipendenti dal contenuto (ad esempio tamburellare con le dita, battere i piedi, raschiamenti di voce, sospiri, soffiare il naso, le sfumature e le inflessioni della voce, ecc.) Paralinguistica (Trager 1958) comprende i fenomeni fonici del linguaggio articolato e tutte le diverse sonorità producibili oralmente Qualità della voce (tono, risonanza, età,, sesso, provenienza) Le vocalizzazioni (insieme dei suoni): qualificatori vocali (intensità,, timbro ed estensione) e segregati vocali («Uhm( Uhm», «Ah»)

47 Il comportamento spaziale o prossemico La prossemica è quella branca della psicologia che studia i comportamenti spaziali, ovvero il modo in cui ci collochiamo nello lo spazio e regoliamo le nostre distanze rispetto agli altri e all ambiente ambiente È nella natura degli animali, uomo compreso, esibire uno specifico o tipo di comportamento che noi definiamo «territorialità» La distanza scelta dipende da un rapporto di transazione nel quale si distinguono: il tipo di relazione fra gli individui che interagiscono il loro sentimento della situazione ciò che stanno facendo Il nostro spazio personale rivela la nostra posizione sociale, il nostro sesso, la nostra personalità,, il tipo di relazione che stiamo intrattenendo o desideriamo intrattenere, il nostro grado di soddisfazione, insoddisfazione e disagio

48 TIPO DI ZONA Distanza interpersonale Edward T. Hall, 1966 RELAZIONI APPROPRIATE QUALITÀ SENSORIALI Intima (0 45 cm) Contatti intimi (fare l amore, confortare, accarezzare) e contatti praticati in sport come la lotta o il pugilato. L odore e il calore sono gli input sensoriali dominanti. Il modo primario di comunicare passa dalle vocalizzazioni al toccarsi. Personale ( cm) Contatti fra amici e interazioni quotidiane con persone che si conoscono. Minore importanza per odore e calore rispetto alla distanza intima. La vista diventa il canale sensoriale dominante. La comunicazione avviene prevalentemente in modo verbale e non con il tatto.

49 Distanza interpersonale Edward T. Hall, 1966 TIPO DI ZONA Sociale ( m) RELAZIONI APPROPRIATE Contatti impersonali, con persone che non si conoscono o per affari. QUALITÀ SENSORIALI Odore e calore sono input minimi. Le informazioni date dai canali visivi sono meno dettagliate rispetto alla distanza personale. Le comunicazioni avvengono vocalmente ad un normale livello di voce. Non è possibile toccarsi. Pubblica (Più di 3.5 m) Contatti formali fra un individuo (ad esempio un attore o un politico) e il pubblico. Odore e calore assenti. L input visivo non è dettagliato. Comportamenti non verbali esagerati per migliorare e integrare la comunicazione verbale.

50 Orientamento Si definisce orientazione l angolo con cui le persone si situano nello spazio rispetto all altro altro interlocutore Costituisce elemento di comunicazione di atteggiamenti interpersonali AMICIZIA COLLABORAZIONE RAPPORTO GERARCHICO

51 Contatti corporei (Comunicazione digitale) Rappresenta la forma più primitiva di azione sociale Interessa molte parti del corpo e assume forme diverse (accarezzare, are, abbracciare, baciare, leccare, stringere, pizzicare, colpire, ecc.) c.) Esistono differenze interculturali sull uso uso del segnale ad esempio gli inglesi e i giapponesi ne fanno scarso uso: risulta eccitante te e fastidioso al contempo gli africani e gli arabi invece ne usano molti di più Abbiamo 5 categorie di contatto corporeo nelle relazioni interpersonali (Heslin,, 1974) 1. Funzionale /Professionale (il contatto dipende dal ruolo dei soggetti getti rapporto medico paziente) 2. Sociale (esempio di saluto) 3. Amichevole (esempio gesti di conferma) 4. Intimo affettuoso (esempio giocare con i bambini) 5. Sessuale (rapporti) 5.

52 Postura Segnale in gran parte involontario nel processo comunicativo (in piedi, seduto, disteso, in ginocchio, ecc.) Vi sono: 1. Posture dominanti/superiori (portamento eretto, testa piegata all indietro, mani sui fianchi, posizione centrale) 2. Posture inferiori/sottomesse 3. Posture denotanti amicizia o ostilità 4. Posture denotanti status o posizione sociale (portamento eretto e posizione centrale di fronte agli altri) 5. Posture convenzionali e pubbliche 5. La postura comunica l intensitl intensità dell emozione emozione non il tipo di emozione ed è poco controllabile rispetto al volto e al tono della voce (P. Ekman e W. V. Friesen) Ogni postura è determinata dalla situazione in cui ci troviamo e dalla specifica situazione di interazione che stiamo vivendo Può riflettere il nostro stato d animo, d i nostri atteggiamenti, il ruolo e lo stato sociale che ricopriamo, l immagine l che abbiamo del nostro corpo

53 Comportamento motorio gestuale (o cinesico) La comunicazione cinesica indica l insieme l dei gesti che noi compiamo, più o meno involontariamente, mentre comunichiamo con il mondo (movimento delle nostre braccia, mani, gambe, piedi, bacino, occhi, ecc.) Si considerano non i singoli elementi del comportamento motorio, ma tutti insieme (P. Ekman e W. V. Friesen): espressioni del volto movimenti del volto movimenti delle mani movimenti degli arti

54 Gesti «emblematici» (emblems) Tipologie di gesti P. Ekman e W. V. Friesen sono segnali intenzionali che possono essere tradotti in parole (scuotere la mano per salutare, chiamare con la mano) Gesti «illustratori» (illustrators) illustrano il comportamento verbale e ne chiariscono il contenuto o (riprodurre la forma dell oggetto di cui sto parlando) Gesti che esprimono stati emotivi (affect( displays «indicatori dello stato emotivo») esprimono emozioni primarie (l atto di scuotere un pugno in segno di rabbia) Gesti che regolano l interazione l (regulators( - regolatori) controllano il flusso della comunicazione (segnali di attenzione e di feed back, cenni col capo, espressioni del volto, spostamento della postura, ecc) Gesti di adattamento (adaptors( adaptors): non sono intenzionali e rappresentano il modo di soddisfare bisogni situazionali (appresi nell infanzia vengono riproposti dall adulto adulto inconsapevolmente) - auto adattivi (self( adaptors) (movimenti di manipolazione del proprio corpo che gli individui realizzano nel corso dell interazione) - centrati sull altro (alter( adaptors) (scambiare oggetti o contatti fisici con un altra persona) - diretti su oggetti (object( adaptors) ) (contatto con oggetti - giocare con la penna)

55 Il comportamento mimico del volto Il volto è l area del corpo più importante sul piano espressivo e comunicativo Rappresenta il canale privilegiato atteggiamenti interpersonali per la trasmissione degli È composto da due aree specializzate: inferiore (bocca e naso) superiore (occhi, sopracciglia, fronte) Le espressioni del volto hanno la funzione, durante l interazione, l di comunicare ciò che sentiamo a livello emozionale, di sostenere, facilitare e accompagnare il discorso e di manifestare aspetti tipici t della personalità dell individuo L espressione del volto nelle sue possibilità di variazione è usata anche in stretta combinazione con il linguaggio sia in colui che parla sia nell ascoltatore Le sopracciglia forniscono un commento continuo e puntuale secondo lo seguente schema (Argyle, 1972): Sopracciglia completamente inarcate: incredulità Sopracciglia semiinarcate: sorpresa Sopracciglia normali: indifferenza Sopracciglia semiabbassate: perplessità Sopracciglia completamente abbassate: collera

56 La tipologia dei segnali P. Ekman e W. V Friesen Il volto è in grado di veicolare informazioni attraverso quattro classi di segnali: Segnali «statici statici» e relativamente permanenti, determinati dalla struttura ossea e dalle masse di tessuto che compongono il viso. Segnali «lenti» determinati da cambiamenti che avvengono con il tempo e apportano delle mutazioni nell apparenza della faccia di un individuo (la comparsa di rughe). Segnali Segnali «artificiali» causati da trattamenti esterni (l applicazione di cosmetici o il fatto di indossare gli occhiali). Segnali «rapidi» che comportano modificazioni dell attivit attività neuromuscolare e provocano dei cambiamenti visibili dell apparenza del viso. Segnali

57 Il comportamento visivo I movimenti degli occhi svolgono un ruolo di estrema importanza nel corso dell interazione sociale Lo sguardo è parte integrante dell espressione espressione globale del volto ed è altamente espressivo Funzioni dell interazione visiva: comunica atteggiamenti interpersonali (interesse, preferenza o dominanza) instaura relazioni stretto legame con la comunicazione verbale regolare la sincronizzazione nell ambito di un dialogo segnale per avviare incontri, nel salutare, per indicare che si è capita un idea espressa dall altro altro - Se non si guarda l interlocutore l si manifesta l impressione l di rifiuto o indifferenza - Se si guarda intensamente e in silenzio si rafforza l impressione l di essere un deviante o strano (Exline( Exline,, 1972) - Un altro fattore importante sono le variazioni individuali in rapporto alle modalità abituali d uso d dello sguardo: 1. Le persone estroverse fanno maggiore uso dello sguardo e usano occhiate o più lunghe degli introversi 2. Chi ha bisogno di affiliazione usa maggiormente lo sguardo in situazione amichevole o di collaborazione 3. Chi è dominante lo usa di più in situazioni competitive 4. Le donne lo usano di più mentre parlano con una persona verso cui provano simpatia, gli uomini mentre ascoltano la stessa persona

58 I segnali dello sguardo Alto Immaginazione a sinistra: passato a destra: futuro o ipotesi Centro Rappresentazioni verbali Basso Sensazioni Occhi in alto a destra immagini costruite Occhi in alto a sinistra immagini ricordate Occhi in centro sfuocati immaginazione Occhi in linea mediana a destra dialogo interno Occhi in linea mediana a sinistra ascolto parole o discorsi Occhi in basso a sinistra ascolto suoni o rumori ri Occhi in basso a destra sensazioni

59 L Aspetto esteriore Cook M. (1971) Segnali statici (non mutano durante il corso dell interazione) Il volto La conformazione fisica L abbigliamento Il trucco L acconciatura dei cappelli Lo stato della pelle Segnali dinamici (mutano nel corso dell interazione) Orientazione Distanza Postura, gesti e movimenti del corpo Espressione del volto Direzione dello sguardo Tono di voce Ritmo e velocità dell eloquio eloquio

Imparare a. del corpo Giuseppe Falco

Imparare a. del corpo Giuseppe Falco Imparare a leggere il linguaggio del corpo Giuseppe Falco LIBRO DIGITALE Parte I http://www.comunicazionepositiva.it Giuseppe Falco Imparare a leggere il linguaggio del corpo Parte I http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 1 RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 2 Le informazioni trovate in questo opuscolo non sostituiscono il colloquio col

Dettagli

T E C N I C H E D I C O D I F I C A D E L L E M I C R O E S P R E S S I O N I F A C C I A L I

T E C N I C H E D I C O D I F I C A D E L L E M I C R O E S P R E S S I O N I F A C C I A L I presenta In collaborazione con T E C N I C H E D I C O D I F I C A D E L L E M I C R O E S P R E S S I O N I F A C C I A L I Spesso la nostra faccia dice di più delle nostre parole 1 PROGRAMMA DEL CORSO

Dettagli

Verbale e non verbale nella comunicazione faccia a faccia

Verbale e non verbale nella comunicazione faccia a faccia La competenza comunicativa Verbale e non verbale nella comunicazione faccia a faccia Giovanna Cosenza 2010. Comunicazione efficace 1 Per comunicare con gli altri, occorre avere e sapere usare tutte queste

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

A cura della dott.ssa Laura Tassini

A cura della dott.ssa Laura Tassini A cura della dott.ssa Laura Tassini Alla Gentile Att.ne Della Scuola dell Infanzia PROGETTO BABY DANCE DANZANDO S IMPARA D ANZA è una forma di espressione che appartiene alla storia dell uomo e della collettività

Dettagli

METODO VERBO-TONALE RITMI CORPOREI FONETICI

METODO VERBO-TONALE RITMI CORPOREI FONETICI 3PAG11 METODO VERBO-TONALE la parola, nella sua produzione e nella sua percezione, è studiata nel metodo verbo-tonale in tutta la catena della comunicazione : emissione, trasmissione, ricezione e percezione.

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane

Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane Istituto Magistrale Statale di Rieti Elena Principessa di Napoli Liceo delle Scienze Sociali Liceo Sociopsicopedagogico Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane Modulo: Aspetti generali

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! Dott. Simone Agostini, Medico Veterinario Ambulatorio Veterinario San Giorgio in Bosco tel. 0499450520-3478941059 Come sicuramente moltissimi

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA Capire i meccanismi comunicativi per relazionarsi meglio Sistemi sensoriali e comunicazione Che cosa è la comunicazione verbale è uno scambio di informazioni tra più persone

Dettagli

Attività Motoria Evolutiva e Anziani

Attività Motoria Evolutiva e Anziani Attività Motoria Evolutiva e Anziani Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@uniroma4.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Il gioco Giocando s impara e si

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4 35040 Boara Pisani (PD) Quando comunichiamo con altre persone dobbiamo riuscire a capire: se ci stanno seguendo, se comprendono

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti.

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Obiettivi: 1. Autoconsapevolezza: Saper riconoscere sul nascere e monitorare le proprie emozioni, saper essere consapevoli

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

INTRODUZIONE...5 I. LA COMUNICAZIONE NON VERBALE...7

INTRODUZIONE...5 I. LA COMUNICAZIONE NON VERBALE...7 INTRODUZIONE...5 I. LA COMUNICAZIONE NON VERBALE...7 1.1. Introduzione...7 1.1.1. Rapporto tra comunicazione verbale e non verbale...7 1.1.2. Aspetti storici dello studio della C.N.V...8 1.1.3. Perche

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

Animazione Facciale. Sommario

Animazione Facciale. Sommario Animazione Facciale N. Alberto Borghese N.B.: Il diritto di scaricare questo file è riservato solamente agli studenti regolarmente iscritti al corso di Animazione Digitale. 1/50 Sommario Introduzione.

Dettagli

Elaborazione di Fabio De Pilla - Giugno 2011 -

Elaborazione di Fabio De Pilla - Giugno 2011 - LIFE IS NOW! 2 UNICA LEGGE UNIVERSALE DELL IMPRESA 3 RICHIESTA DI COMPETENZA 4 MOTIVAZIONE AL LAVORO COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO CONOSCENZE DI DISCIPLINE ABILITA CONCRETE RICHIESTA DI COMPETENZA 5 Nel

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

Corso MODULO C. Il sistema delle relazioni e la comunicazione. Maria Bonadies

Corso MODULO C. Il sistema delle relazioni e la comunicazione. Maria Bonadies Corso MODULO C Il sistema delle relazioni e la comunicazione 2013 Programma Ruolo dell RSPP Competenze relazionali Competenze comunicative Chi sono? Perché mi occupo di sicurezza? Perché sono qui oggi?

Dettagli

SIMBOLISMO DEL DISEGNO INFANTILE

SIMBOLISMO DEL DISEGNO INFANTILE SIMBOLISMO DEL DISEGNO INFANTILE a cura di 1 SIGNIFICATO Il bambino è riflesso nel suo disegno. Il disegno infantile è la manifestazione del bisogno naturale di esteriorizzare, per mezzo delle immagini

Dettagli

digitazione della tastiera; uso del mouse; frequenti spostamenti della testa; torsioni del busto rispetto al piano di lavoro.

digitazione della tastiera; uso del mouse; frequenti spostamenti della testa; torsioni del busto rispetto al piano di lavoro. PROBLEMI MUSCOLO - SCHELETRICI Sebbene siano più frequenti i problemi di tipo visivo e oculare, da sempre l`attenzione si è principalmente concentrata su problemi di tipo muscolo-scheletrico, come ad esempio

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA Pasquale Gallina Dottore in Fisioterapista Master in Riabilitazione dei Disordini MuscoloScheletrici OMT Orthopedic Manipulative Therapist LE FASI DELL ETÀ EVOLUTIVA

Dettagli

4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI

4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI 4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI Rafforzare l autonomia e la stima di sé, l identità. Rispettare e aiutare gli altri cercando di capire i loro pensieri, azioni e sentimenti. Rispettare

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: inglese. ORIGINE: Brasile DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO

LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO ESERCIZI FASE DELL ATTENZIONE Il cliente sarà coinvolto nel processo di auto se prestiamo attenzione Es.1: prestare

Dettagli

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Seconde NUMERO UDA UDA N.1 TITOLO In equilibrio tra arte, musica e movimento PERIODO ORIENTATIVO DI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Masci Francavilla al Mare

Istituto Comprensivo Statale F. Masci Francavilla al Mare Istituto Comprensivo Statale F. Masci Francavilla al Mare CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ALENTO - FONTECHIARO Anno Scolastico 2012/2013 Insegnanti Scuola Infanzia Alento : Bellonio Adelina, Corrado Gabriella,

Dettagli

Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller

Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller Già nella vita fetale ci sono sensibilità alla luce, al suono, al dolore, movimenti coordinati

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

Il cervello siamo noi

Il cervello siamo noi SISSA PER LA SCUOLA Il cervello siamo noi Un gioco di neuroscienze per le scuole superiori Titolo: Il cervello siamo noi Area: Neuroscienze Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Bambini delle elementari

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

IL CORPO CAMBIA: LA CRESCITA E LA CONOSCENZA DISÈ. Dott.ssa Valeria Rossi Badia Polesine, 3 aprile 2014

IL CORPO CAMBIA: LA CRESCITA E LA CONOSCENZA DISÈ. Dott.ssa Valeria Rossi Badia Polesine, 3 aprile 2014 IL CORPO CAMBIA: LA CRESCITA E LA CONOSCENZA DISÈ Dott.ssa Valeria Rossi Badia Polesine, 3 aprile 2014 Da bambino ad adulto: un percorso accidentato maschio femmina Spesso durante l età infantile le differenza

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

La Comunicazione. Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale. G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria

La Comunicazione. Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale. G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria La Comunicazione Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria La comunicazione è. Dimensione psicologica costitutiva di ogni

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

VERO/FALSO Riconoscimento della menzogna

VERO/FALSO Riconoscimento della menzogna VERO/FALSO Riconoscimento della menzogna VERO O FALSO? Corso sul riconoscimento delle menzogne Riconoscere la menzogna e smascherarla. In cosa può essere utile? In ogni istante della vita siamo a contatto

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

STIMOLAZIONI DIRETTE E GIOCHI ORGANIZZATI POSSIBILMENTE IN GRUPPO

STIMOLAZIONI DIRETTE E GIOCHI ORGANIZZATI POSSIBILMENTE IN GRUPPO COUNSELING ALLA FAMIGLIA COUNSELING AL NIDO E ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPEDEUTICA STIMOLAZIONI DIRETTE E GIOCHI ORGANIZZATI POSSIBILMENTE IN GRUPPO INTERVISTA ALLA FAMIGLIA INERENTE LA GIORNATA DEL

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici. Anselmo Cro

La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici. Anselmo Cro La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici Anselmo Cro LA COMUNICAZIONE I Principi NON SI PUO NON COMUNICARE OGNI COMUNICAZIONE E COMPORTAMENTO OGNI COMPORTAMENTO E COMUNICAZIONE IL SIGNIFICATO

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

IMPARA A COMUNICARE!

IMPARA A COMUNICARE! IMPARA A COMUNICARE! I TRE LIVELLI DELLA COMUNICAZIONE PAROLE TONO e TIMBRO DI VOCE, VOLUME LINGUAGGIO DEL CORPO TONO DI VOCE / TIMBRO / VOLUME = 38 % PAROLE = 7 % LINGUAGGIO DEL CORPO = 55 % Materiale

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE Anna M. Re Psicanalisi Comportamentismo Cognitivo-comportamentale Etologia Secondo il comportamento e la psicoanalisi L uomo alla nascita non è dotato di tendenze

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

I SEGNALI NASCOSTI Il linguaggio del corpo nella professione forense

I SEGNALI NASCOSTI Il linguaggio del corpo nella professione forense I SEGNALI NASCOSTI Il linguaggio del corpo nella professione forense APPUNTI SULLA COMUNICAZIONE EFFICACE E IL LINGUAGGIO SEGRETO DEL CORPO SEMINARIO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI SIRACUSA 14 GENNAIO 2011 Comunicare

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO

CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO Campo di esperienza: IL SÈ E L ALTRO Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme NUCLEI FONDANTI COMPETENZE Esempi di ATTIVITA

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

GLI AUSILI COMUNICATIVI

GLI AUSILI COMUNICATIVI GLI AUSILI COMUNICATIVI nella SCLEROSI LATERLE AMIOTROFICA Dott. M. Siccardi ASL CN1 PO FOSSANO SOC Medicina Riabilitativa Ospedaliera Direttore Dott. GF Lamberti DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE Oltre 80%

Dettagli

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Novembre 2007 Gennaio 2008 M. Gibertoni, R. Padovani Centro per l Autismo, ASL di Modena Comportamento problema:

Dettagli

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Circolo Didattico Collodi-Gebbione Scuola Primaria Anno Scolastico 2010/2011 LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Premessa Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza

Dettagli

dott. Massimiliano Molfetta

dott. Massimiliano Molfetta dott. Massimiliano Molfetta Telefono amb. 0436890344 Cellulare 330537056 molfettamassimiliano@gmail.com medico chirurgo specialista in chirurgia generale via Annibale De Lotto 34/a San Vito di Cadore esercizi

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo

Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo Premessa: 1. Il seguente protocollo innesta il sistema della codificazione ICF nelle Aree PDF 2. Potrebbe essere significativa l apertura

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE Allegato 2 SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE IN CASO DI COSA FARE COSA NON FARE Indossare i guanti monouso Lavare la ferita con acqua

Dettagli

Manuale di riabilitazione cardiologica

Manuale di riabilitazione cardiologica CARDIOLOGIA Manuale di riabilitazione cardiologica Divisione di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE S.p.A. Divisione di Riabilitazione Cardiologica Manuale di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA H H H Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Questionario sul comportamento della prima infanzia

Questionario sul comportamento della prima infanzia Questionario sul comportamento della prima infanzia Nome del bambino: Data di nascita del bambino: giorno mese anno Data odierna: giorno mese anno Età del bambino: anni mesi Relazione con il bambino: Sesso

Dettagli

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A Daniele Roccetti L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A - equilibrio statico e dinamico - sensori cervicali - labirinto - cervelletto - occhi - plesso solare - cervicale - circolazione - problemi articolari

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili

RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili 2 Ad oggi il carcinoma alla mammella è il tumore più frequente nelle donne. Il trattamento si avvale di varie strategie, chirurgiche e mediche e

Dettagli

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A Via G. Dolce 8 Presidenza 0922-826570- Segreteria e Fax 0922-820290- Sc.Primaria 0922-820289 Sc.Dell Infanzia

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

ESERCIZI PER TUTTI I GIORNI PER CONTINUARE A PRENDERSI CURA DELLA PROPRIA SCHIENA. Per le foto ringraziamo Nicoletta VERGARO

ESERCIZI PER TUTTI I GIORNI PER CONTINUARE A PRENDERSI CURA DELLA PROPRIA SCHIENA. Per le foto ringraziamo Nicoletta VERGARO ASL 4 CHIAVARESE DIPARTIMENTO della RIABILITAZIONE e della DISABILITA Direttore: Dott.ssa Valeria LEONI S.C. MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA A cura di: Mirella DEFILIPPI - Sonia CERETTO CASTIGLIANO - Alice

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli