UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE TESI DI LAUREA in PATOLOGIA GENERALE L INTERAZIONE DEL PROTEOGLICANO NG2 CON IL COLLAGENE DI TIPO VI MODULA LA CRESCITA TUMORALE E LA FORMAZIONE DI METASTASI Laureanda: Ilaria DE POL Relatore: Prof. Giuliano ZABUCCHI Correlatori: Prof. Roberto PERRIS Dott.ssa Sabrina CATTARUZZA ANNO ACCADEMICO

2 Ai miei genitori, con affetto

3 Questo lavoro di tesi è stato interamente svolto presso l Istituto Nazionale Tumori C.R.O. di Aviano (PN), presso la divisione di Oncologia Sperimentale 2 diretta dal prof. Alfonso Colombatti, sotto la guida del prof. Roberto Perris e della dott.ssa Sabrina Cattaruzza.

4 INDICE Pag. ABBREVIAZIONI 1. INTRODUZIONE PROGRESSIONE TUMORALE E FORMAZIONE DELLE METASTASI ALTERAZIONI A LIVELLO MOLECOLARE FORMAZIONE DELLE METASTASI I PROTEOGLICANI LA MATRICE EXTRACELLULARE STRUTTURA E FUNZIONE DEI PROTEOGLICANI CLASSIFICAZIONE DEI PROTEOGLICANI CARATTERISTICHE STRUTTURALI ED INTERAZIONI MOLECOLARI DEL PROTEOGLICANO NG STRUTTURA DEL PROTEOGLICANO INTERAZIONI MOLECOLARI INTERAZIONI DI NG2 CON L ECM INTERAZIONI DI NG2 CON IL COLLAGENE VI COINVOLGIMENTO DI NG2 NELLA PROGRESSIONE TUMORALE SCOPO DELLA TESI MATERIALI E METODI TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE ESTRAZIONE DI RNA REAZIONE DI RETROTRASCRIZIONE PCR (POLYMERASE CHAIN REACTION) PCR QUANTITATIVA (REAL TIME) ELETTROFORESI DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE DI DNA GENOMICO ED ANALISI DEL LIVELLO DI METILAZIONE GENICO GENERAZIONE DI SONDE sirna E TRASFEZIONE TECNICHE DI BIOLOGIA CELLULARE COLTURE CELLULARI CONTA DELLE CELLULE CONGELAMENTO DELLE CELLULE TECNICHE DI SEPARAZIONE CELLULARE TRAMITE BIGLIE MAGNETICHE... 30

5 2.2.5 SAGGI DI PROLIFERAZIONE SAGGIO DI CRESCITA IN SOFT-AGAR SAGGI DI MIGRAZIONE SCRATCH ASSAY SAGGIO DI EVASIONE DA MATRIGEL SAGGI DI ADESIONE SAGGI DI AGGREGAZIONE CELLULA-CELLULA COLORAZIONI IMMUNOCITOCHIMICHE ANALISI FACS TECNICHE BIOCHIMICHE PREPARAZIONE DI LISATI PROTEICI, SEPARAZIONE ELETTROFORETICA SDS-PAGE E WESTERN BLOTTING ANALISI FOSFO-PROTEOMICA TUMORIGENESI IN MODELLI ANIMALI MURINI ISTOLOGIA ED IMMUNOISTOCHIMICA TAMPONI E SOLUZIONI RISULTATI E DISCUSSIONE ESPRESSIONE COSTITUTIVA DI NG2 IN CELLULE DI SARCOMA EFFICACIA D ABROGAZIONE DI NG2 MEDIANTE DUE DISTINTE STRATEGIE NG2 INFLUENZA L ADESIONE CELLULARE AL COLLAGENE DI TIPO VI NG2 INFLUENZA LO SPREADING SU SUBSTRATI DI COLLAGENE VI ANALISI DELLE VIE DI SEGNALAZIONE COINVOLTE NELL ADESIONE CELLULARE AL COLLAGENE VI TRAMITE NG NG2 PROMUOVE L AGGREGAZIONE CELLULA-CELLULA RUOLO DI NG2 NELLA MODULAZIONE DELLA PROLIFERAZIONE CELLULARE EFFETTO DEGLI INIBITORI DI MOLECOLE DI SEGNALAZIONE SULLA PROLIFERAZIONE CELLULARE RUOLO DI NG2 NELLA FORMAZIONE DI COLONIE CELLULARI NG2 INFLUENZA LA MOTILITA CELLULARE EFFETTO DEGLI INIBITORI DI MOLECOLE DI SEGNALAZIONE SULLA MIGRAZIONE CELLULARE NG2 INFLUENZA L INVASIVITA CELLULARE VALUTAZIONE DELLA MOTILITA CELLULARE MEDIANTE SCRATCH ASSAY NG2 INFLUENZA LA CAPACITA TUMORIGENICA DELLE CELLULE INOCULATE IN VIVO... 72

6 4. CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA... I

7

8 INDICE DELLE FIGURE -INTRODUZIONE Fig. 1. Fasi successive del processo di progressione metastatica...3 Fig. 2. Rappresentazione schematica della composizione delle diverse catene Pag. glicosamminoglicaniche presenti nelle principali specie di proteoglicani... 6 Fig. 3. Rappresentazione schematica del proteoglicano NG Fig. 4. Rappresentazione schematica della struttura del collagene VI prima e dopo taglio proteolitico con tripsina e collagenasi MATERIALI E METODI Fig. 5. Principio base della Real Time PCR...21 Fig. 6. PCR quantitativa o Real Time...22 Fig. 7. Schema riassuntivo delle principali sequenze di attivazione degli sirna...27 Fig. 8. Rappresentazione schematica della camera di Burker...29 Fig. 9. Schema della separazione cellulare tramite biglie magnetiche...31 Fig. 10. Rappresentazione schematica del saggio FATIMA...34 Fig. 11. Schema illustrativo della procedura CAFCA RISULTATI E DISCUSSIONE Fig. 12. Schema riassuntivo degli studi effettuati in questa tesi...45 Fig. 13. PCR quantitativa o Real Time...47 Fig. 14. Livelli di espressione di NG2 mrna, determinati mediante PCR quantitativa...47 Fig. 15. Analisi dell espressione proteica costitutiva di NG2, tramite citofluorimetria...48 Fig. 16. Rappresentazione grafica dei livelli di espressione di NG2 sulla superficie cellulare mediante FACS...49 Fig. 17. Analisi mediante Western blotting, sfruttando l anticorpo B Fig. 18. Analisi mediante Western blotting di campioni pretrattati con condroitinasi ABC...50 Fig. 19. Analisi mediante Western blotting di campioni pretrattati con condroitinasi C...51 Fig. 20. Abrogazione di NG2 mediante trasfezione della sonda RNAi...52 Fig. 21. Analisi dell espressione di NG2 in SK-LMS-1, prima e dopo immunoselezione...52 Fig. 22. Profilo di adesione al collagene di tipo I e di tipo VI...53 Fig. 23. NG2 influenza in maniera specifica l adesione al collagene di tipo VI...54

9 Fig. 24. Comparazione dell adesione al collagene VI di cellule SK-UT Fig. 25. Possibile cooperazione tra integrine della classe β 1 e NG Fig. 26. Colorazioni immunocitochimiche anti-actina...57 Fig. 27. Spreading di cellule su vari substrati...57 Fig. 28. Spreading di cellule su substrati di collagene VI...58 Fig. 29. Adesione al collagene VI in presenza di specifici inibitori...59 Fig. 30. Aggregazione cellulare indotta da NG Fig. 31. Aggregazione cellula-cellula indotta da NG2, in presenza di collagene VI in forma solubile Fig. 32. Valutazione della capacità proliferativa...62 Fig. 33. Effetto di alcuni inibitori di molecole di segnalazione sulla proliferazione cellulare.64 Fig. 34. Capacità di NG2 di stimolare la formazione di colonie cellulari...65 Fig. 35. Valutazione, mediante saggio FATIMA, della capacità migratoria costitutiva...66 Fig. 36. Valutazione della capacità migratoria costitutiva, per SK-UT-1 NG2 positive o negative...67 Fig. 37. Valutazione della migrazione cellulare attraverso vari componenti dell ECM...68 Fig. 38. Migrazione di cellule MG-63, in risposta al collagene VI...69 Fig. 39. Immagini rappresentative a contrasto di fase del saggio dell invasività cellulare, valutata mediante il saggio di evasione da Matrigel...70 Fig. 40. Immagini rappresentative a contrasto di fase dell invasività cellulare, valutata mediante il saggio di evasione da collagene...70 Fig. 41. Immagini rappresentative a contrasto di fase delle capacità migratorie delle cellule, valutate mediante srcatch assay...71 Fig. 42. Modello singenico e xenogenico...72 Fig. 43. Capacità tumorigenica di cellule HT1080 NG2 + ed NG

10 INDICE DELLE TABELLE Pag. Tab. 1. Struttura e proprietà dei proteoglicani (PG)...9 Tab. 2. Classificazione dei collageni e distribuzione tissutale...14 Tab. 3. Modello singenico: dati riassuntivi di un esperimento tipo...74

11 ABBREVIAZIONI AMV: Avian Myeloblastosis Virus ATCC: American Type Culture Collection bfgf: Basic Fibroblastic Growth Factor, fattore di crescita basico dei fibroblasti (noto anche come FGF-2) BSA: Bovine Serum Albumine, albumina di siero bovino CAFCA: Centrifugal Assay for Fluorescent-based Cell Adhesion cdna: Complementary DNA, DNA complementare DMEM: Dulbecco s Modified Eagle s Medium DMSO: dimetilsolfossido DNA: acido deossiribonucleico ECM: matrice extracellulare EDTA: acido etilen-diaminotetracetico EGF: Epidermal Growth Factor, fattore di crescita epidermico EGTA: acido glicol-bis-2-aminotetracetico EMT: Epithelial-to-Mesenchymal Transition FACS: Fluorescence-Activated Cell Sorter, selezione delle cellule in base alla presenza di fluorescenza FATIMA: Fluorescence-Assisted Transmigration Invasion and Motility Assay FBS: Fetal Bovine Serum, siero fetale bovino FN: fibronectina kda: Kilodalton LN10: laminina 10 MAPK: Mitogen-Activated Protein Kinase MEK: proteina appartenente alle MAPK ( attivatore di ERK: Extracellular signal-regulated Kinase) mrna: Messanger RNA, RNA messaggero MTT: 3-(4, 5-dimethylthiazolyl-2)-2, 5-diphenyltetrazolium bromide NG2: antigene neuro-gliale 2, anche noto come Melanoma Chondroitin Sulfate Proteoglycan (MCSPG), proteoglicano di tipo condroitin solfato associato ai melanomi NGS: Normal Goat Serum, siero normale di capra

12 NRS: Normal Rabbit Serum, siero normale di coniglio PBS: Phosphate Buffered Saline, tampone fosfo-salino PCK: Protein Kinase C PCR: Polymerase Chain Reaction, reazione polimerasica a catena PDGF-AA: Plateled-Derived Growth Factor, isoforma del fattore di crescita prodotto dalle piastrine PG: proteoglicano PP1/PP2: Protein Phosphatase 1/2 PVP: polivinilpirrolidone RGD: dominio arginina-glicina-acido aspartico RISC: RNA-Induced-Silencing-Complex RNA: acido ribonucleico SDS: sodio dodecil-solfato sirna: Small Interfering RNA SLRPs: Small Leucine Rich Proteoglycans TBE: Tris-Borato-EDTA TBST: Tris Buffered Saline con Tween 20 TGF-β: Trasforming Growth Factor-β, fattore di crescita trasformante β

13 1. INTRODUZIONE 1.1 PROGRESSIONE TUMORALE E FORMAZIONE DELLE METASTASI ALTERAZIONI A LIVELLO MOLECOLARE È noto che i tumori si sviluppano attraverso una successione di modificazioni genetiche ed epigenetiche che conferiscono via via alle cellule le caratteristiche di cellule neoplastiche (Bernard & Weinberg, 2002). Questo processo, in cui a più stadi varie mutazioni si accumulano a livello cellulare, è comunemente definito progressione tumorale (Bernard & Weinberg, 2002; Yokota, 2000; Nowell, 2002). In particolare le lesioni pre-maligne possono essere causate da alterazioni genetiche che inducono un espansione monoclonale delle cellule, o da fattori ambientali, come gli agenti virali, che inducono un espansione policlonale delle cellule. Successivamente altre mutazioni si verificano in una o poche cellule delle lesioni premaligne, originando così dei cloni maligni che daranno origine al tumore primario. Tuttavia negli stadi preliminari, le cellule della lesione primaria non acquisiscono le capacità di invadere i tessuti o di metastatizzare; queste proprietà sono invece il risultato di ulteriori modificazioni a livello genico che si accumulano nelle cellule nel corso della progressione tumorale (Price et al., 1997; Yokota, 2000; Price & Thompson, 2002). Le mutazioni che si verificano nel corso della progressione tumorale possono colpire pro-oncogeni, come ras, c- myc, c-erb-b2, o geni onco-soppressori, come Rb e p53 (Yokota, 2000). Inoltre si possono verificare alterazioni a carico delle proteine che mediano il legame cellula-cellula: ad esempio le caderine che si trovano a livello delle giunzioni aderenti e si legano al citoscheletro delle cellule mediante le catenine, perdono la loro funzione in molti tumori di origine epiteliale, favorendo così il distacco reciproco delle cellule e l avanzare della progressione tumorale (Cavallaro & Christofori, 2004). Una simile perdita di interazioni cellula-cellula si verifica anche fisiologicamente durante il rimodellamento dei tessuti o la guarigione delle ferite in cui le cellule sono chiamate ad acquisire un fenotipo migratorio. Questo cambiamento viene definito transizione epitelio-mesenchimale (EMT, Epithelial-to-Mesenchymal Transition) e sembra molto importante anche nelle prime fasi della progressione tumorale (Grunert et al., 2003; Thiery, 2003). La secrezione di fattori di crescita quali il TGF-β (Trasforming Growth Factor β) e l FGF-2 (Fibroblast Growth Factor-2) da parte delle cellule tumorali e stromali è 1

14 Introduzione in grado di indurre questa transizione. Durante questo processo le cellule ridistribuiscono o sottoesprimono specifiche proteine apicali o basolaterali, come le caderine, e riesprimono molecole tipiche di cellule di origine mesenchimale, come la vimentina (Thiery, 2002). I tumori, quindi, si espandono come cloni a partire da singole cellule alterate e l accumulo di modificazioni che si verifica nel corso della progressione tumorale genera sottopopolazioni cellulari con vari gradi di aggressività (Nowell, 2002). Tra le modificazioni che avvengono nelle fasi iniziali della progressione tumorale e che conferiscono dei vantaggi selettivi alle cellule si può citare l acquisizione di segnali mitogenici costitutivi, la capacità di resistere ai segnali di inibizione della crescita, di sfuggire alla morte cellulare programmata (o apoptosi) e di indurre angiogenesi (Bernard & Weinberg, 2002). L acquisizione delle capacità di invadere i tessuti e di formare metastasi necessitano di ulteriori alterazioni cellulari che riguardano l abilità della cellula di modulare l adesione, di degradare la matrice extracellulare (ECM) circostante attraverso la secrezioni di proteasi, di migrare e proliferare in un sito secondario e la capacità si eludere il sistema immunitario dell organismo ospite (Price et al., 1997; Nowell, 2002; Price & Thompson, 2002) FORMAZIONE DELLE METASTASI La formazione delle metastasi è un processo estremamente complesso che avviene attraverso una serie di diverse fasi che si susseguono (Chambers et al., 2002; Mehlen & Puisieux, 2006): - distacco delle cellule dalla lesione primaria e invasione dei tessuti adiacenti; - intravasazione; - trasporto in circolo; - extravasazione; - proliferazione in un sito secondario (Fig. 1). Più in dettaglio la prima fase della disseminazione metastatica comprende il distacco delle cellule tumorali dall ECM e l alterazione dello scheletro di actina, processi che conferiscono alle cellule una morfologia rotondeggiante (Martin & Vuori, 2004). La massa tumorale è composta da un parenchima formato dalle cellule neoplastiche e da uno stroma di supporto costituito da componenti dell ECM, fibroblasti, adipociti, cellule muscolari lisce e cellule emopoietiche (Pollard, 2004). Durante la progressione tumorale e la formazione di metastasi avviene uno scambio di segnali tra le cellule tumorali e lo stroma, mediato sia da contatti diretti cellula-cellula, sia da segnalazioni paracrine attraverso citochine e fattori di crescita. Queste interazioni possono portare a cambiamenti morfologici e strutturali a livello 2

15 Introduzione della massa tumorale o del microambiente circostante che supportano i processi di invasione e disseminazione metastatica (Mueller & Fusenig, 2004). Figura 1. Fasi successive del processo di progressione metastatica (tratto da Chambers et al., 2002). In realtà un esiguo numero di cellule che migrano dalla lesione primaria riescono a colonizzare un sito secondario. Infatti meno dello 0.01% delle cellule tumorali circolanti effettivamente formano metastasi (Luzzi, 1998; Chambers et al., 2002; Fidler et al., 2003), in quanto le cellule tumorali sono soggette ad apoptosi, che costituisce normalmente un valido sistema di salvaguardia per l organismo e che colpisce le cellule riconosciute come estranee o le cellule che acquistano un fenotipo mutato. È stato ipotizzato che il successo dell evento metastatico derivi proprio da una perdita di funzione del meccanismo di apoptosi o alla comparsa di particolari caratteristiche che permettono alle cellule tumorali di eludere questo naturale sistema di protezione (Mehlen & Puisieux, 2006). L intravasazione delle cellule tumorali è necessaria per permettere la disseminazione in circolo delle cellule stesse e il raggiungimento del sito secondario in cui si insedierà la metastasi. Le cellule neoplastiche possono entrare nel circolo sanguigno direttamente, con 3

16 Introduzione intravasazione a livello dei capillari venosi, oppure indirettamente se l intravasazione avviene a livello dei capillari linfatici (Wong & Hynes, 2006). La decisione di scegliere il circolo sanguigno o il circolo linfatico come punto di intravasazione dipende maggiormente dalle restrizioni fisiche imposte alla massa tumorale primaria. Tuttavia i capillari linfatici mancano delle giunzioni strette tra le cellule endoteliali, tipiche invece dei capillari sanguigni (Alitalo et al., 2002). Questo fatto unito al sistema di drenaggio passivo proprio del circolo linfatico, rende l intravasazione linfatica una via preferenziale. Tuttavia entrambi i tipi di intravasazione portano le cellule tumorali nel circolo venoso poiché mediante il dotto linfatico destro e il dotto linfatico sinistro, si riversano nella vena succlavia (Wong & Hynes, 2006). È stato dimostrato che fegato e polmone siano i siti preferenziali in cui il flusso di cellule metastatiche si arrestano. Infatti questi organi sono ricchi di letti capillari filtranti: i capillari presentano un diametro di circa 7 μm, di gran lunga inferiore a quello di una generica cellula tumorale (circa 20 μm). Questo favorisce l arresto del flusso cellulare e la conseguente uscita dal letto capillare (Chambers et al., 1998; 2001). Tuttavia esistono anche dei fattori chemiotattici (come la citochina TGF-β) prodotti dall organo bersaglio che possono indirizzare il flusso di cellule metastatiche (Robbins, 2000). Anche le interazioni tra le cellule metastatiche e il microambiente circostante rivestono un ruolo determinante nello sviluppo delle metastasi. Infatti è stato dimostrato che la presenza del recettore dell acido ialuronico CD44 sulla superficie delle cellule tumorali consente il legame con questo componente dell ECM, particolarmente abbondante nei tessuti connettivi, favorendo l arresto e la crescita delle cellule tumorali (Mehlen & Puisieux, 2006). Infine, dopo l infiltrazione delle cellule metastatiche a livello del sito secondario è necessario un processo di angiogenesi, stimolato da fattori solubili rilasciati dalle cellule tumorali stesse, per procurare alle cellule i nutrienti necessari e garantire la sopravvivenza e l espansione della metastasi (Kopfstein & Christofori, 2006). 1.2 I PROTEOGLICANI LA MATRICE EXTRACELLULARE L ECM è costituita da una varietà di macromolecole, capaci di autoassemblarsi prevalentemente attraverso legami non covalenti. È composta in prevalenza da collageni, glicoproteine non collageniche, elastina, acido ialuronico e proteoglicani (Iozzo, 1998; Cattaruzza & Perris, 2005; 2006). Il collagene e l elastina hanno funzione prevalentemente 4

17 Introduzione strutturale mentre glicoproteine non collageniche, come fibronectina e laminina, sono implicate nei processi di adesione. La matrice non funziona solo da impalcatura per le cellule di un determinato tessuto ma costituisce anche una riserva per fattori di crescita e citochine coinvolte nell omeostasi tissutale, modulando il loro stato di attivazione e turnover. Infatti interagendo con le molecole della ECM, i fattori di crescita possono essere più facilmente sequestrati dai loro recettori, attivati ad esempio per proteolisi e presentati alle rispettive cellule bersaglio. Inoltre le molecole della matrice possono svolgere funzione di molecole di segnalazione interagendo sia con recettori cellulari, quali le integrine, sia con i fattori di crescita stessi. L ECM svolge quindi un ruolo determinante anche nella modulazione di importanti attività cellulari quali proliferazione, migrazione e differenziamento, poiché questi processi risultano non solo dalle interazioni dei fattori di crescita solubili con i loro recettori ma anche dai rapporti delle cellule con le macromolecole circostanti STRUTTURA E FUNZIONE DEI PROTEOGLICANI I proteoglicani sono prodotti da gran parte delle cellule eucariotiche e rappresentano dei componenti molto abbondanti dell ECM, assicurandone la configurazione tessuto-specifica e l integrità. Inoltre giocano un ruolo fondamentale nell assemblaggio e disassemblaggio delle membrane basali, delle matrici elastiche ed interstiziali (Cattaruzza & Perris, 2005; 2006). Queste macromolecole sono caratterizzate dalla presenza di una o più catene glicosamminoglicaniche legate covalentemente ad una proteina centrale. Diversi sono i criteri classificativi di queste molecole sulla base della localizzazione, composizione delle catene e funzione svolta. Tuttavia non si può individuare un unica struttura ricorrente all interno di questa classe di macromolecole (Ruoslahti, 1988): esistono infatti diversi tipi di proteoglicani e possono inoltre subire modificazioni nel corso dell espressione cellulare, adattandosi alle diverse esigenze biologiche. Le variazioni strutturali maggiori si riscontrano a livello delle catene glicosamminoglicaniche che possono variare in numero o lunghezza, così come il livello di solfatazione è altamente versatile (Hardingham & Fosang, 1992). Le catene glicosamminoglicaniche laterali, composte da unità disaccaridiche ripetute, determinano le proprietà fisiche delle proteine a cui sono attaccate e possono essere a base di condroitin solfato, dermatan solfato (omologo epimerizzato), keratan solfato, eparan solfato o eparina [Evered & Whelan, 1986 (Fig. 2)]. I proteoglicani sono capaci di creare un compartimento acquoso nelle immediate vicinanze grazie alle cariche negative portate dai gruppi solfato e carbossilici presenti sulle catene laterali. Questi ioni attraggono ioni positivi e lo squilibrio osmotico causato dall alta 5

18 Introduzione concentrazione locale di specie cariche richiama acqua dalle zone circostanti, mantenendo in questo modo la matrice ben idratata (Hardingham & Bayliss, 1990). Le catene glicosamminoglicaniche inoltre, formano una sorta di barriera per le grosse macromolecole della matrice, consentendo invece il passaggio delle molecole a basso peso molecolare. In questo modo la concentrazione delle macromolecole aumenta in determinati distretti e ciò favorisce tutte le interazioni, specie quelle concentrazione-dipendenti. I proteoglicani sono quindi importanti modulatori dell organizzazione della matrice extracellulare e dei processi che qui risiedono ( Hardingham & Fosang, 1992). Acido ialuronico Condroitin solfato Dermatan solfato Eparina Eparan solfato Keratan solfato Ac. glucuronico Ac. galattosico Galattosina Ac. galatturonico Ac Iduronico Legame β Gruppo solfato Legame α (N) Figura 2. Rappresentazione schematica della composizione delle diverse catene glicosaminoglicaniche presenti nelle principali specie di proteoglicani. Nell uomo i proteoglicani sono codificati da più di trenta geni: alcuni di questi sono soggetti a splicing alternativo, consentendo così la generazione di una elevata variabilità funzionale e strutturale all interno di questa classe di macromolecole. Indipendentemente dal 6

19 Introduzione fatto che siano legati alla superficie cellulare o assemblati con altri componenti della matrice, molti dei proteoglicani conosciuti sono coinvolti nelle interazioni con altre cellule o molecole extracellulari, sia mediante la proteina centrale che attraverso particolari domini delle catene glicosamminoglicaniche. Queste interazioni possono essere suddivise in tre categorie principali: quelle coinvolte nel legame dei proteoglicani con altri elementi strutturali della ECM, quelle implicate nel sequestro di fattori solubili, ed infine quelle che mediano il legame dei proteoglicani a recettori della superficie cellulare o ad altre componenti associate alla membrana. In particolare i proteoglicani associati alla superficie cellulare si comportano come co-recettori per molti fattori solubili e ne aumentano l affinità nei confronti dei loro recettori veri e propri (Cattaruzza & Perris, 2006) CLASSIFICAZIONE DEI PROTEOGLICANI I proteoglicani della ECM possono essere raggruppati in diverse famiglie [Iozzo, 1998; Yamaguchi, 2000 (Tab. 1)]. Gli ialectani sono proteoglicani multidominio, contenenti un dominio globulare all estremità N-terminale, in grado di interagire con l acido ialuronico e un dominio, C-terminale, simile alla selectina, che media il legame con altre componenti proteiche della matrice. Nella maggioranza dei casi possiedono catene laterali di condroitin solfato ma è stata riscontrata anche la presenza di catene laterali di keratan solfato. La funzione principale degli ialectani sembra essere quella di fornire ai tessuti la resistenza contro le forze di compressione (Kresse & Schonherr, 2001). I membri di questa famiglia sono aggrecano, versicano, neurocano e brevicano e sembrano tutti coinvolti nel controllo della crescita cellulare e del differenziamento. L aggrecano è presente soprattutto a livello di cartilagini, presenta una proteina centrale di circa 250 KDa ed è costituito da molti monomeri uniti da legami non covalenti (Hardingham, 1990). In particolare nella struttura di questo proteoglicano si individuano tre domini globulari, G1 e G2 all estremità N-terminale e G3 all estremità carbossilica terminale. Il versicano, che possiede una struttura simile, caratterizzata da un dominio globulare G1 presente all estremità N-terminale e da un dominio G3 all estremità C-terminale (Sheng et al., 2006), è altamente espresso dalle cellule in fase di proliferazione attiva (Zimmermann et al., 1994) e una sua sovraespressione stimola la proliferazione di condrociti e fibroblasti (Zhang et al., 1998). A livello del sistema nervoso il versicano stimola la proliferazione degli astrociti, effetto mediato da due sequenze ripetute simili all EGF (Epidermal Growth Factor) presenti a livello del dominio G3 (Yang et al., 1999). L estremità carbossilica di questo 7

20 Introduzione dominio media il legame con altre proteine della matrice extracellulare, creando una rete di interazioni utili anche per la migrazione delle cellule (Kresse & Schonherr, 2001). Una seconda famiglia è costituita da piccoli proteoglicani con sequenze ricche in leucina a livello della proteina centrale (SLRPs, Small Leucine Rich Proteoglicans). Gli elementi più rappresentativi di questa famiglia sono decorina e biglicano, caratterizzati da una o due catene laterali rispettivamente di condroitin e dermatan solfato, e fibromodulina con catene di keratan solfato. Sono riscontrabili a livello del tessuto connettivo e presentano una proteina centrale di circa 40 KDa (Heinegard & Oldberg, 1989; Hardingham & Fosang, 1992). Le sequenze ricche in leucina permettono alla molecola di adottare una conformazione a ferro di cavallo che facilita le interazioni tra proteina e proteina (Kresse & Schonherr, 2001). Questo gruppo di proteoglicani sembra coinvolto nel legame con i collageni e nella modulazione della fibrillogenesi, regolando così l assemblaggio della matrice interstiziale e la sua configurazione tridimensionale in base al carico meccanico che questo tessuto deve sopportare. Per quanto riguarda il ruolo di questi proteoglicani nel controllo della proliferazione cellulare, è stato dimostrato che la decorina, in particolare, quando legata al collagene è in grado di sequestrare le citochine a livello della ECM. Più in dettaglio la decorina inibisce l azione del TGFβ, (Yamaguchi & Ruoslahti, 1988; Yamaguchi et al., 1990) e si lega al recettore dell EGF, ostacolando la sua fosforilazione (Patel et al.,1998; Iozzo et al., 1999; Santra et al., 2002). La decorina risulta particolarmente espressa nelle cellule quiescenti mentre è scarsamente rappresentata nelle lesioni tumorali (Cattaruzza & Perris, 2006). Due famiglie di proteoglicani, sindecani e glipicani, prevalentemente con catene di eparan solfato, rappresentano i principali e più diffusi proteoglicani associati alla membrana. Anche queste macromolecole sono coinvolte nel controllo della proliferazione cellulare poiché molti fattori di crescita interagiscono con alta affinità con particolari domini delle catene di eparan solfato da un lato, e con i rispettivi recettori dall altro (Lin & Perrimon, 2000; Kresse & Schönherr; 2001). I sindecani, così come altri proteoglicani con catene laterali di eparan solfato, partecipano all instaurarsi dell infezione virale poiché molti agenti patogeni sfruttano queste macromolecole come recettore per facilitare la loro entrata nella cellula ospite (Dehio et al., 1998; Yang et al., 2004; Gallay, 2004; Jones et al., 2005). Inoltre alcuni batteri sono in grado di scindere dalla struttura principale della molecola particolari sequenze capaci di legare enzimi battericidi, come ad esempio il lisozima, garantendosi così una maggior sopravvivenza (Park et al., 2001). 8

21 Introduzione Tabella 1. Struttura e proprietà dei proteoglicani (PG) Tipo di PG Proteina centrale Prodotto genico Dimensione (kda) SLRP (Small Leucine Rich Proteoglycan) Decorina Biglicano Fibromodulina Lumicano Edificano Osteoglicina PG della membrana basale Perlecano Agrina Testicano Leprecano Bamacano Versicano Ialectani Aggregano Neurocano Brevicano PG Sindecani transmembrana Glipicani CD-44 Neuroglicano-C MCSPG (NG2) GAG Tipo (numero) CS/DS (1) CS/DS (1-2) KS (4) KS (2-3) KS (2) KS (2) HS/CS (3-10) HS (3-6) HS/CS (1-2) CS CS CS/DS (10-30) CS (~100) CS (3-7) CS (1-3) HS/CS (1-3) HS (1-3) CS/HS/KS (1-3) CS CS (1-3) Interazioni molecolari Collagene, fibronectina, TGF-β Collagene,TGF-β Collagene, fibronectina, TGF-β Collagene, fibronectina Collagene (?) Collagene (?) Laminine, figuline, FGF AcetilColinesterasi Cationi, ioni metallici?? HA, fibulina-1, tenascina-r HA, matrillina-1, L-selectina HA HNK-1 Collagene,fibronectina, cdc42hs, FGF FGF, VEGF, interferone γ HA, bfgf? FGF-2, PDGF-AA, collagene, fibronectina Distribuzione Tissutale Ubiquitario Cartilagine, osso,vasi sanguigni Matrici collageniche Cornea, intestino, fegato, muscolo, cartilagine Cartilagine epifisaria Cartilagine, cornea Ubiquitario Sinapsi delle giunzioni neuromuscolari, membrane basali Fluido seminale Pelle, rene Sistema nervoso Tessuto connettivo, sistema nervoso, muscolo liscio Cartilagine, cervello, vasi sanguigni Cervello, cartilagine Cervello Muscolo liscio, cellule mesenchimali, cartilagine fibrosa, sistema nervoso, epitelio Rene, sistema nervoso, cervello, fibroblasti Ubiquitario Sistema nervoso Sistema nervoso, muscolo, osso, vasi sanguigni 9

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO Grazyna Ptak, PhD, DSc Dipartimento di Scienze Biomediche Comparate Università degli Studi di Teramo Il ciclo della vita: gli stadi dello sviluppo animale 1. specificazione

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Linea di ricerca Via Gattamelata, 64 35128 Padova Linea di ricerca 8 Immunologia dei tumori e approcci terapeutici Innovativi

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

CROMATOGRAFIA SU COLONNA

CROMATOGRAFIA SU COLONNA 1 CROMATOGRAFIA SU COLONNA La cromatografia è una tecnica di migrazione differenziata che permette la separazione dei costituenti di una miscela di sostanze affini. La cromatografia può essere di tipo

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI:

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: - RETINOLO PURO - RETINOLO IN LIPOSOMI - RETINOLO IN LIPOSYSTEM COMPLEX - RETINOLO IN CYCLOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

FATTORI DELLA COAGULAZIONE

FATTORI DELLA COAGULAZIONE FATTORI DELLA COAGULAZIONE I Fattori della Coagulazione sono un insieme eterogeneo di molecole che prende parte alla cascata coagulativa, in quella che viene chiamata FASE COAGULATIVA del processo emostatico.

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Acidi nucleici non codificanti

Acidi nucleici non codificanti Vol. Giacca 4bozza 17-02-2011 11:05 Pagina 19 Acidi nucleici non codificanti 19 maniera controllata in modo da non favorire la crescita di eventuali tumori presenti in sedi lontane da quella in cui sono

Dettagli