UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE TESI DI LAUREA in PATOLOGIA GENERALE L INTERAZIONE DEL PROTEOGLICANO NG2 CON IL COLLAGENE DI TIPO VI MODULA LA CRESCITA TUMORALE E LA FORMAZIONE DI METASTASI Laureanda: Ilaria DE POL Relatore: Prof. Giuliano ZABUCCHI Correlatori: Prof. Roberto PERRIS Dott.ssa Sabrina CATTARUZZA ANNO ACCADEMICO

2 Ai miei genitori, con affetto

3 Questo lavoro di tesi è stato interamente svolto presso l Istituto Nazionale Tumori C.R.O. di Aviano (PN), presso la divisione di Oncologia Sperimentale 2 diretta dal prof. Alfonso Colombatti, sotto la guida del prof. Roberto Perris e della dott.ssa Sabrina Cattaruzza.

4 INDICE Pag. ABBREVIAZIONI 1. INTRODUZIONE PROGRESSIONE TUMORALE E FORMAZIONE DELLE METASTASI ALTERAZIONI A LIVELLO MOLECOLARE FORMAZIONE DELLE METASTASI I PROTEOGLICANI LA MATRICE EXTRACELLULARE STRUTTURA E FUNZIONE DEI PROTEOGLICANI CLASSIFICAZIONE DEI PROTEOGLICANI CARATTERISTICHE STRUTTURALI ED INTERAZIONI MOLECOLARI DEL PROTEOGLICANO NG STRUTTURA DEL PROTEOGLICANO INTERAZIONI MOLECOLARI INTERAZIONI DI NG2 CON L ECM INTERAZIONI DI NG2 CON IL COLLAGENE VI COINVOLGIMENTO DI NG2 NELLA PROGRESSIONE TUMORALE SCOPO DELLA TESI MATERIALI E METODI TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE ESTRAZIONE DI RNA REAZIONE DI RETROTRASCRIZIONE PCR (POLYMERASE CHAIN REACTION) PCR QUANTITATIVA (REAL TIME) ELETTROFORESI DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE DI DNA GENOMICO ED ANALISI DEL LIVELLO DI METILAZIONE GENICO GENERAZIONE DI SONDE sirna E TRASFEZIONE TECNICHE DI BIOLOGIA CELLULARE COLTURE CELLULARI CONTA DELLE CELLULE CONGELAMENTO DELLE CELLULE TECNICHE DI SEPARAZIONE CELLULARE TRAMITE BIGLIE MAGNETICHE... 30

5 2.2.5 SAGGI DI PROLIFERAZIONE SAGGIO DI CRESCITA IN SOFT-AGAR SAGGI DI MIGRAZIONE SCRATCH ASSAY SAGGIO DI EVASIONE DA MATRIGEL SAGGI DI ADESIONE SAGGI DI AGGREGAZIONE CELLULA-CELLULA COLORAZIONI IMMUNOCITOCHIMICHE ANALISI FACS TECNICHE BIOCHIMICHE PREPARAZIONE DI LISATI PROTEICI, SEPARAZIONE ELETTROFORETICA SDS-PAGE E WESTERN BLOTTING ANALISI FOSFO-PROTEOMICA TUMORIGENESI IN MODELLI ANIMALI MURINI ISTOLOGIA ED IMMUNOISTOCHIMICA TAMPONI E SOLUZIONI RISULTATI E DISCUSSIONE ESPRESSIONE COSTITUTIVA DI NG2 IN CELLULE DI SARCOMA EFFICACIA D ABROGAZIONE DI NG2 MEDIANTE DUE DISTINTE STRATEGIE NG2 INFLUENZA L ADESIONE CELLULARE AL COLLAGENE DI TIPO VI NG2 INFLUENZA LO SPREADING SU SUBSTRATI DI COLLAGENE VI ANALISI DELLE VIE DI SEGNALAZIONE COINVOLTE NELL ADESIONE CELLULARE AL COLLAGENE VI TRAMITE NG NG2 PROMUOVE L AGGREGAZIONE CELLULA-CELLULA RUOLO DI NG2 NELLA MODULAZIONE DELLA PROLIFERAZIONE CELLULARE EFFETTO DEGLI INIBITORI DI MOLECOLE DI SEGNALAZIONE SULLA PROLIFERAZIONE CELLULARE RUOLO DI NG2 NELLA FORMAZIONE DI COLONIE CELLULARI NG2 INFLUENZA LA MOTILITA CELLULARE EFFETTO DEGLI INIBITORI DI MOLECOLE DI SEGNALAZIONE SULLA MIGRAZIONE CELLULARE NG2 INFLUENZA L INVASIVITA CELLULARE VALUTAZIONE DELLA MOTILITA CELLULARE MEDIANTE SCRATCH ASSAY NG2 INFLUENZA LA CAPACITA TUMORIGENICA DELLE CELLULE INOCULATE IN VIVO... 72

6 4. CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA... I

7

8 INDICE DELLE FIGURE -INTRODUZIONE Fig. 1. Fasi successive del processo di progressione metastatica...3 Fig. 2. Rappresentazione schematica della composizione delle diverse catene Pag. glicosamminoglicaniche presenti nelle principali specie di proteoglicani... 6 Fig. 3. Rappresentazione schematica del proteoglicano NG Fig. 4. Rappresentazione schematica della struttura del collagene VI prima e dopo taglio proteolitico con tripsina e collagenasi MATERIALI E METODI Fig. 5. Principio base della Real Time PCR...21 Fig. 6. PCR quantitativa o Real Time...22 Fig. 7. Schema riassuntivo delle principali sequenze di attivazione degli sirna...27 Fig. 8. Rappresentazione schematica della camera di Burker...29 Fig. 9. Schema della separazione cellulare tramite biglie magnetiche...31 Fig. 10. Rappresentazione schematica del saggio FATIMA...34 Fig. 11. Schema illustrativo della procedura CAFCA RISULTATI E DISCUSSIONE Fig. 12. Schema riassuntivo degli studi effettuati in questa tesi...45 Fig. 13. PCR quantitativa o Real Time...47 Fig. 14. Livelli di espressione di NG2 mrna, determinati mediante PCR quantitativa...47 Fig. 15. Analisi dell espressione proteica costitutiva di NG2, tramite citofluorimetria...48 Fig. 16. Rappresentazione grafica dei livelli di espressione di NG2 sulla superficie cellulare mediante FACS...49 Fig. 17. Analisi mediante Western blotting, sfruttando l anticorpo B Fig. 18. Analisi mediante Western blotting di campioni pretrattati con condroitinasi ABC...50 Fig. 19. Analisi mediante Western blotting di campioni pretrattati con condroitinasi C...51 Fig. 20. Abrogazione di NG2 mediante trasfezione della sonda RNAi...52 Fig. 21. Analisi dell espressione di NG2 in SK-LMS-1, prima e dopo immunoselezione...52 Fig. 22. Profilo di adesione al collagene di tipo I e di tipo VI...53 Fig. 23. NG2 influenza in maniera specifica l adesione al collagene di tipo VI...54

9 Fig. 24. Comparazione dell adesione al collagene VI di cellule SK-UT Fig. 25. Possibile cooperazione tra integrine della classe β 1 e NG Fig. 26. Colorazioni immunocitochimiche anti-actina...57 Fig. 27. Spreading di cellule su vari substrati...57 Fig. 28. Spreading di cellule su substrati di collagene VI...58 Fig. 29. Adesione al collagene VI in presenza di specifici inibitori...59 Fig. 30. Aggregazione cellulare indotta da NG Fig. 31. Aggregazione cellula-cellula indotta da NG2, in presenza di collagene VI in forma solubile Fig. 32. Valutazione della capacità proliferativa...62 Fig. 33. Effetto di alcuni inibitori di molecole di segnalazione sulla proliferazione cellulare.64 Fig. 34. Capacità di NG2 di stimolare la formazione di colonie cellulari...65 Fig. 35. Valutazione, mediante saggio FATIMA, della capacità migratoria costitutiva...66 Fig. 36. Valutazione della capacità migratoria costitutiva, per SK-UT-1 NG2 positive o negative...67 Fig. 37. Valutazione della migrazione cellulare attraverso vari componenti dell ECM...68 Fig. 38. Migrazione di cellule MG-63, in risposta al collagene VI...69 Fig. 39. Immagini rappresentative a contrasto di fase del saggio dell invasività cellulare, valutata mediante il saggio di evasione da Matrigel...70 Fig. 40. Immagini rappresentative a contrasto di fase dell invasività cellulare, valutata mediante il saggio di evasione da collagene...70 Fig. 41. Immagini rappresentative a contrasto di fase delle capacità migratorie delle cellule, valutate mediante srcatch assay...71 Fig. 42. Modello singenico e xenogenico...72 Fig. 43. Capacità tumorigenica di cellule HT1080 NG2 + ed NG

10 INDICE DELLE TABELLE Pag. Tab. 1. Struttura e proprietà dei proteoglicani (PG)...9 Tab. 2. Classificazione dei collageni e distribuzione tissutale...14 Tab. 3. Modello singenico: dati riassuntivi di un esperimento tipo...74

11 ABBREVIAZIONI AMV: Avian Myeloblastosis Virus ATCC: American Type Culture Collection bfgf: Basic Fibroblastic Growth Factor, fattore di crescita basico dei fibroblasti (noto anche come FGF-2) BSA: Bovine Serum Albumine, albumina di siero bovino CAFCA: Centrifugal Assay for Fluorescent-based Cell Adhesion cdna: Complementary DNA, DNA complementare DMEM: Dulbecco s Modified Eagle s Medium DMSO: dimetilsolfossido DNA: acido deossiribonucleico ECM: matrice extracellulare EDTA: acido etilen-diaminotetracetico EGF: Epidermal Growth Factor, fattore di crescita epidermico EGTA: acido glicol-bis-2-aminotetracetico EMT: Epithelial-to-Mesenchymal Transition FACS: Fluorescence-Activated Cell Sorter, selezione delle cellule in base alla presenza di fluorescenza FATIMA: Fluorescence-Assisted Transmigration Invasion and Motility Assay FBS: Fetal Bovine Serum, siero fetale bovino FN: fibronectina kda: Kilodalton LN10: laminina 10 MAPK: Mitogen-Activated Protein Kinase MEK: proteina appartenente alle MAPK ( attivatore di ERK: Extracellular signal-regulated Kinase) mrna: Messanger RNA, RNA messaggero MTT: 3-(4, 5-dimethylthiazolyl-2)-2, 5-diphenyltetrazolium bromide NG2: antigene neuro-gliale 2, anche noto come Melanoma Chondroitin Sulfate Proteoglycan (MCSPG), proteoglicano di tipo condroitin solfato associato ai melanomi NGS: Normal Goat Serum, siero normale di capra

12 NRS: Normal Rabbit Serum, siero normale di coniglio PBS: Phosphate Buffered Saline, tampone fosfo-salino PCK: Protein Kinase C PCR: Polymerase Chain Reaction, reazione polimerasica a catena PDGF-AA: Plateled-Derived Growth Factor, isoforma del fattore di crescita prodotto dalle piastrine PG: proteoglicano PP1/PP2: Protein Phosphatase 1/2 PVP: polivinilpirrolidone RGD: dominio arginina-glicina-acido aspartico RISC: RNA-Induced-Silencing-Complex RNA: acido ribonucleico SDS: sodio dodecil-solfato sirna: Small Interfering RNA SLRPs: Small Leucine Rich Proteoglycans TBE: Tris-Borato-EDTA TBST: Tris Buffered Saline con Tween 20 TGF-β: Trasforming Growth Factor-β, fattore di crescita trasformante β

13 1. INTRODUZIONE 1.1 PROGRESSIONE TUMORALE E FORMAZIONE DELLE METASTASI ALTERAZIONI A LIVELLO MOLECOLARE È noto che i tumori si sviluppano attraverso una successione di modificazioni genetiche ed epigenetiche che conferiscono via via alle cellule le caratteristiche di cellule neoplastiche (Bernard & Weinberg, 2002). Questo processo, in cui a più stadi varie mutazioni si accumulano a livello cellulare, è comunemente definito progressione tumorale (Bernard & Weinberg, 2002; Yokota, 2000; Nowell, 2002). In particolare le lesioni pre-maligne possono essere causate da alterazioni genetiche che inducono un espansione monoclonale delle cellule, o da fattori ambientali, come gli agenti virali, che inducono un espansione policlonale delle cellule. Successivamente altre mutazioni si verificano in una o poche cellule delle lesioni premaligne, originando così dei cloni maligni che daranno origine al tumore primario. Tuttavia negli stadi preliminari, le cellule della lesione primaria non acquisiscono le capacità di invadere i tessuti o di metastatizzare; queste proprietà sono invece il risultato di ulteriori modificazioni a livello genico che si accumulano nelle cellule nel corso della progressione tumorale (Price et al., 1997; Yokota, 2000; Price & Thompson, 2002). Le mutazioni che si verificano nel corso della progressione tumorale possono colpire pro-oncogeni, come ras, c- myc, c-erb-b2, o geni onco-soppressori, come Rb e p53 (Yokota, 2000). Inoltre si possono verificare alterazioni a carico delle proteine che mediano il legame cellula-cellula: ad esempio le caderine che si trovano a livello delle giunzioni aderenti e si legano al citoscheletro delle cellule mediante le catenine, perdono la loro funzione in molti tumori di origine epiteliale, favorendo così il distacco reciproco delle cellule e l avanzare della progressione tumorale (Cavallaro & Christofori, 2004). Una simile perdita di interazioni cellula-cellula si verifica anche fisiologicamente durante il rimodellamento dei tessuti o la guarigione delle ferite in cui le cellule sono chiamate ad acquisire un fenotipo migratorio. Questo cambiamento viene definito transizione epitelio-mesenchimale (EMT, Epithelial-to-Mesenchymal Transition) e sembra molto importante anche nelle prime fasi della progressione tumorale (Grunert et al., 2003; Thiery, 2003). La secrezione di fattori di crescita quali il TGF-β (Trasforming Growth Factor β) e l FGF-2 (Fibroblast Growth Factor-2) da parte delle cellule tumorali e stromali è 1

14 Introduzione in grado di indurre questa transizione. Durante questo processo le cellule ridistribuiscono o sottoesprimono specifiche proteine apicali o basolaterali, come le caderine, e riesprimono molecole tipiche di cellule di origine mesenchimale, come la vimentina (Thiery, 2002). I tumori, quindi, si espandono come cloni a partire da singole cellule alterate e l accumulo di modificazioni che si verifica nel corso della progressione tumorale genera sottopopolazioni cellulari con vari gradi di aggressività (Nowell, 2002). Tra le modificazioni che avvengono nelle fasi iniziali della progressione tumorale e che conferiscono dei vantaggi selettivi alle cellule si può citare l acquisizione di segnali mitogenici costitutivi, la capacità di resistere ai segnali di inibizione della crescita, di sfuggire alla morte cellulare programmata (o apoptosi) e di indurre angiogenesi (Bernard & Weinberg, 2002). L acquisizione delle capacità di invadere i tessuti e di formare metastasi necessitano di ulteriori alterazioni cellulari che riguardano l abilità della cellula di modulare l adesione, di degradare la matrice extracellulare (ECM) circostante attraverso la secrezioni di proteasi, di migrare e proliferare in un sito secondario e la capacità si eludere il sistema immunitario dell organismo ospite (Price et al., 1997; Nowell, 2002; Price & Thompson, 2002) FORMAZIONE DELLE METASTASI La formazione delle metastasi è un processo estremamente complesso che avviene attraverso una serie di diverse fasi che si susseguono (Chambers et al., 2002; Mehlen & Puisieux, 2006): - distacco delle cellule dalla lesione primaria e invasione dei tessuti adiacenti; - intravasazione; - trasporto in circolo; - extravasazione; - proliferazione in un sito secondario (Fig. 1). Più in dettaglio la prima fase della disseminazione metastatica comprende il distacco delle cellule tumorali dall ECM e l alterazione dello scheletro di actina, processi che conferiscono alle cellule una morfologia rotondeggiante (Martin & Vuori, 2004). La massa tumorale è composta da un parenchima formato dalle cellule neoplastiche e da uno stroma di supporto costituito da componenti dell ECM, fibroblasti, adipociti, cellule muscolari lisce e cellule emopoietiche (Pollard, 2004). Durante la progressione tumorale e la formazione di metastasi avviene uno scambio di segnali tra le cellule tumorali e lo stroma, mediato sia da contatti diretti cellula-cellula, sia da segnalazioni paracrine attraverso citochine e fattori di crescita. Queste interazioni possono portare a cambiamenti morfologici e strutturali a livello 2

15 Introduzione della massa tumorale o del microambiente circostante che supportano i processi di invasione e disseminazione metastatica (Mueller & Fusenig, 2004). Figura 1. Fasi successive del processo di progressione metastatica (tratto da Chambers et al., 2002). In realtà un esiguo numero di cellule che migrano dalla lesione primaria riescono a colonizzare un sito secondario. Infatti meno dello 0.01% delle cellule tumorali circolanti effettivamente formano metastasi (Luzzi, 1998; Chambers et al., 2002; Fidler et al., 2003), in quanto le cellule tumorali sono soggette ad apoptosi, che costituisce normalmente un valido sistema di salvaguardia per l organismo e che colpisce le cellule riconosciute come estranee o le cellule che acquistano un fenotipo mutato. È stato ipotizzato che il successo dell evento metastatico derivi proprio da una perdita di funzione del meccanismo di apoptosi o alla comparsa di particolari caratteristiche che permettono alle cellule tumorali di eludere questo naturale sistema di protezione (Mehlen & Puisieux, 2006). L intravasazione delle cellule tumorali è necessaria per permettere la disseminazione in circolo delle cellule stesse e il raggiungimento del sito secondario in cui si insedierà la metastasi. Le cellule neoplastiche possono entrare nel circolo sanguigno direttamente, con 3

16 Introduzione intravasazione a livello dei capillari venosi, oppure indirettamente se l intravasazione avviene a livello dei capillari linfatici (Wong & Hynes, 2006). La decisione di scegliere il circolo sanguigno o il circolo linfatico come punto di intravasazione dipende maggiormente dalle restrizioni fisiche imposte alla massa tumorale primaria. Tuttavia i capillari linfatici mancano delle giunzioni strette tra le cellule endoteliali, tipiche invece dei capillari sanguigni (Alitalo et al., 2002). Questo fatto unito al sistema di drenaggio passivo proprio del circolo linfatico, rende l intravasazione linfatica una via preferenziale. Tuttavia entrambi i tipi di intravasazione portano le cellule tumorali nel circolo venoso poiché mediante il dotto linfatico destro e il dotto linfatico sinistro, si riversano nella vena succlavia (Wong & Hynes, 2006). È stato dimostrato che fegato e polmone siano i siti preferenziali in cui il flusso di cellule metastatiche si arrestano. Infatti questi organi sono ricchi di letti capillari filtranti: i capillari presentano un diametro di circa 7 μm, di gran lunga inferiore a quello di una generica cellula tumorale (circa 20 μm). Questo favorisce l arresto del flusso cellulare e la conseguente uscita dal letto capillare (Chambers et al., 1998; 2001). Tuttavia esistono anche dei fattori chemiotattici (come la citochina TGF-β) prodotti dall organo bersaglio che possono indirizzare il flusso di cellule metastatiche (Robbins, 2000). Anche le interazioni tra le cellule metastatiche e il microambiente circostante rivestono un ruolo determinante nello sviluppo delle metastasi. Infatti è stato dimostrato che la presenza del recettore dell acido ialuronico CD44 sulla superficie delle cellule tumorali consente il legame con questo componente dell ECM, particolarmente abbondante nei tessuti connettivi, favorendo l arresto e la crescita delle cellule tumorali (Mehlen & Puisieux, 2006). Infine, dopo l infiltrazione delle cellule metastatiche a livello del sito secondario è necessario un processo di angiogenesi, stimolato da fattori solubili rilasciati dalle cellule tumorali stesse, per procurare alle cellule i nutrienti necessari e garantire la sopravvivenza e l espansione della metastasi (Kopfstein & Christofori, 2006). 1.2 I PROTEOGLICANI LA MATRICE EXTRACELLULARE L ECM è costituita da una varietà di macromolecole, capaci di autoassemblarsi prevalentemente attraverso legami non covalenti. È composta in prevalenza da collageni, glicoproteine non collageniche, elastina, acido ialuronico e proteoglicani (Iozzo, 1998; Cattaruzza & Perris, 2005; 2006). Il collagene e l elastina hanno funzione prevalentemente 4

17 Introduzione strutturale mentre glicoproteine non collageniche, come fibronectina e laminina, sono implicate nei processi di adesione. La matrice non funziona solo da impalcatura per le cellule di un determinato tessuto ma costituisce anche una riserva per fattori di crescita e citochine coinvolte nell omeostasi tissutale, modulando il loro stato di attivazione e turnover. Infatti interagendo con le molecole della ECM, i fattori di crescita possono essere più facilmente sequestrati dai loro recettori, attivati ad esempio per proteolisi e presentati alle rispettive cellule bersaglio. Inoltre le molecole della matrice possono svolgere funzione di molecole di segnalazione interagendo sia con recettori cellulari, quali le integrine, sia con i fattori di crescita stessi. L ECM svolge quindi un ruolo determinante anche nella modulazione di importanti attività cellulari quali proliferazione, migrazione e differenziamento, poiché questi processi risultano non solo dalle interazioni dei fattori di crescita solubili con i loro recettori ma anche dai rapporti delle cellule con le macromolecole circostanti STRUTTURA E FUNZIONE DEI PROTEOGLICANI I proteoglicani sono prodotti da gran parte delle cellule eucariotiche e rappresentano dei componenti molto abbondanti dell ECM, assicurandone la configurazione tessuto-specifica e l integrità. Inoltre giocano un ruolo fondamentale nell assemblaggio e disassemblaggio delle membrane basali, delle matrici elastiche ed interstiziali (Cattaruzza & Perris, 2005; 2006). Queste macromolecole sono caratterizzate dalla presenza di una o più catene glicosamminoglicaniche legate covalentemente ad una proteina centrale. Diversi sono i criteri classificativi di queste molecole sulla base della localizzazione, composizione delle catene e funzione svolta. Tuttavia non si può individuare un unica struttura ricorrente all interno di questa classe di macromolecole (Ruoslahti, 1988): esistono infatti diversi tipi di proteoglicani e possono inoltre subire modificazioni nel corso dell espressione cellulare, adattandosi alle diverse esigenze biologiche. Le variazioni strutturali maggiori si riscontrano a livello delle catene glicosamminoglicaniche che possono variare in numero o lunghezza, così come il livello di solfatazione è altamente versatile (Hardingham & Fosang, 1992). Le catene glicosamminoglicaniche laterali, composte da unità disaccaridiche ripetute, determinano le proprietà fisiche delle proteine a cui sono attaccate e possono essere a base di condroitin solfato, dermatan solfato (omologo epimerizzato), keratan solfato, eparan solfato o eparina [Evered & Whelan, 1986 (Fig. 2)]. I proteoglicani sono capaci di creare un compartimento acquoso nelle immediate vicinanze grazie alle cariche negative portate dai gruppi solfato e carbossilici presenti sulle catene laterali. Questi ioni attraggono ioni positivi e lo squilibrio osmotico causato dall alta 5

18 Introduzione concentrazione locale di specie cariche richiama acqua dalle zone circostanti, mantenendo in questo modo la matrice ben idratata (Hardingham & Bayliss, 1990). Le catene glicosamminoglicaniche inoltre, formano una sorta di barriera per le grosse macromolecole della matrice, consentendo invece il passaggio delle molecole a basso peso molecolare. In questo modo la concentrazione delle macromolecole aumenta in determinati distretti e ciò favorisce tutte le interazioni, specie quelle concentrazione-dipendenti. I proteoglicani sono quindi importanti modulatori dell organizzazione della matrice extracellulare e dei processi che qui risiedono ( Hardingham & Fosang, 1992). Acido ialuronico Condroitin solfato Dermatan solfato Eparina Eparan solfato Keratan solfato Ac. glucuronico Ac. galattosico Galattosina Ac. galatturonico Ac Iduronico Legame β Gruppo solfato Legame α (N) Figura 2. Rappresentazione schematica della composizione delle diverse catene glicosaminoglicaniche presenti nelle principali specie di proteoglicani. Nell uomo i proteoglicani sono codificati da più di trenta geni: alcuni di questi sono soggetti a splicing alternativo, consentendo così la generazione di una elevata variabilità funzionale e strutturale all interno di questa classe di macromolecole. Indipendentemente dal 6

19 Introduzione fatto che siano legati alla superficie cellulare o assemblati con altri componenti della matrice, molti dei proteoglicani conosciuti sono coinvolti nelle interazioni con altre cellule o molecole extracellulari, sia mediante la proteina centrale che attraverso particolari domini delle catene glicosamminoglicaniche. Queste interazioni possono essere suddivise in tre categorie principali: quelle coinvolte nel legame dei proteoglicani con altri elementi strutturali della ECM, quelle implicate nel sequestro di fattori solubili, ed infine quelle che mediano il legame dei proteoglicani a recettori della superficie cellulare o ad altre componenti associate alla membrana. In particolare i proteoglicani associati alla superficie cellulare si comportano come co-recettori per molti fattori solubili e ne aumentano l affinità nei confronti dei loro recettori veri e propri (Cattaruzza & Perris, 2006) CLASSIFICAZIONE DEI PROTEOGLICANI I proteoglicani della ECM possono essere raggruppati in diverse famiglie [Iozzo, 1998; Yamaguchi, 2000 (Tab. 1)]. Gli ialectani sono proteoglicani multidominio, contenenti un dominio globulare all estremità N-terminale, in grado di interagire con l acido ialuronico e un dominio, C-terminale, simile alla selectina, che media il legame con altre componenti proteiche della matrice. Nella maggioranza dei casi possiedono catene laterali di condroitin solfato ma è stata riscontrata anche la presenza di catene laterali di keratan solfato. La funzione principale degli ialectani sembra essere quella di fornire ai tessuti la resistenza contro le forze di compressione (Kresse & Schonherr, 2001). I membri di questa famiglia sono aggrecano, versicano, neurocano e brevicano e sembrano tutti coinvolti nel controllo della crescita cellulare e del differenziamento. L aggrecano è presente soprattutto a livello di cartilagini, presenta una proteina centrale di circa 250 KDa ed è costituito da molti monomeri uniti da legami non covalenti (Hardingham, 1990). In particolare nella struttura di questo proteoglicano si individuano tre domini globulari, G1 e G2 all estremità N-terminale e G3 all estremità carbossilica terminale. Il versicano, che possiede una struttura simile, caratterizzata da un dominio globulare G1 presente all estremità N-terminale e da un dominio G3 all estremità C-terminale (Sheng et al., 2006), è altamente espresso dalle cellule in fase di proliferazione attiva (Zimmermann et al., 1994) e una sua sovraespressione stimola la proliferazione di condrociti e fibroblasti (Zhang et al., 1998). A livello del sistema nervoso il versicano stimola la proliferazione degli astrociti, effetto mediato da due sequenze ripetute simili all EGF (Epidermal Growth Factor) presenti a livello del dominio G3 (Yang et al., 1999). L estremità carbossilica di questo 7

20 Introduzione dominio media il legame con altre proteine della matrice extracellulare, creando una rete di interazioni utili anche per la migrazione delle cellule (Kresse & Schonherr, 2001). Una seconda famiglia è costituita da piccoli proteoglicani con sequenze ricche in leucina a livello della proteina centrale (SLRPs, Small Leucine Rich Proteoglicans). Gli elementi più rappresentativi di questa famiglia sono decorina e biglicano, caratterizzati da una o due catene laterali rispettivamente di condroitin e dermatan solfato, e fibromodulina con catene di keratan solfato. Sono riscontrabili a livello del tessuto connettivo e presentano una proteina centrale di circa 40 KDa (Heinegard & Oldberg, 1989; Hardingham & Fosang, 1992). Le sequenze ricche in leucina permettono alla molecola di adottare una conformazione a ferro di cavallo che facilita le interazioni tra proteina e proteina (Kresse & Schonherr, 2001). Questo gruppo di proteoglicani sembra coinvolto nel legame con i collageni e nella modulazione della fibrillogenesi, regolando così l assemblaggio della matrice interstiziale e la sua configurazione tridimensionale in base al carico meccanico che questo tessuto deve sopportare. Per quanto riguarda il ruolo di questi proteoglicani nel controllo della proliferazione cellulare, è stato dimostrato che la decorina, in particolare, quando legata al collagene è in grado di sequestrare le citochine a livello della ECM. Più in dettaglio la decorina inibisce l azione del TGFβ, (Yamaguchi & Ruoslahti, 1988; Yamaguchi et al., 1990) e si lega al recettore dell EGF, ostacolando la sua fosforilazione (Patel et al.,1998; Iozzo et al., 1999; Santra et al., 2002). La decorina risulta particolarmente espressa nelle cellule quiescenti mentre è scarsamente rappresentata nelle lesioni tumorali (Cattaruzza & Perris, 2006). Due famiglie di proteoglicani, sindecani e glipicani, prevalentemente con catene di eparan solfato, rappresentano i principali e più diffusi proteoglicani associati alla membrana. Anche queste macromolecole sono coinvolte nel controllo della proliferazione cellulare poiché molti fattori di crescita interagiscono con alta affinità con particolari domini delle catene di eparan solfato da un lato, e con i rispettivi recettori dall altro (Lin & Perrimon, 2000; Kresse & Schönherr; 2001). I sindecani, così come altri proteoglicani con catene laterali di eparan solfato, partecipano all instaurarsi dell infezione virale poiché molti agenti patogeni sfruttano queste macromolecole come recettore per facilitare la loro entrata nella cellula ospite (Dehio et al., 1998; Yang et al., 2004; Gallay, 2004; Jones et al., 2005). Inoltre alcuni batteri sono in grado di scindere dalla struttura principale della molecola particolari sequenze capaci di legare enzimi battericidi, come ad esempio il lisozima, garantendosi così una maggior sopravvivenza (Park et al., 2001). 8

21 Introduzione Tabella 1. Struttura e proprietà dei proteoglicani (PG) Tipo di PG Proteina centrale Prodotto genico Dimensione (kda) SLRP (Small Leucine Rich Proteoglycan) Decorina Biglicano Fibromodulina Lumicano Edificano Osteoglicina PG della membrana basale Perlecano Agrina Testicano Leprecano Bamacano Versicano Ialectani Aggregano Neurocano Brevicano PG Sindecani transmembrana Glipicani CD-44 Neuroglicano-C MCSPG (NG2) GAG Tipo (numero) CS/DS (1) CS/DS (1-2) KS (4) KS (2-3) KS (2) KS (2) HS/CS (3-10) HS (3-6) HS/CS (1-2) CS CS CS/DS (10-30) CS (~100) CS (3-7) CS (1-3) HS/CS (1-3) HS (1-3) CS/HS/KS (1-3) CS CS (1-3) Interazioni molecolari Collagene, fibronectina, TGF-β Collagene,TGF-β Collagene, fibronectina, TGF-β Collagene, fibronectina Collagene (?) Collagene (?) Laminine, figuline, FGF AcetilColinesterasi Cationi, ioni metallici?? HA, fibulina-1, tenascina-r HA, matrillina-1, L-selectina HA HNK-1 Collagene,fibronectina, cdc42hs, FGF FGF, VEGF, interferone γ HA, bfgf? FGF-2, PDGF-AA, collagene, fibronectina Distribuzione Tissutale Ubiquitario Cartilagine, osso,vasi sanguigni Matrici collageniche Cornea, intestino, fegato, muscolo, cartilagine Cartilagine epifisaria Cartilagine, cornea Ubiquitario Sinapsi delle giunzioni neuromuscolari, membrane basali Fluido seminale Pelle, rene Sistema nervoso Tessuto connettivo, sistema nervoso, muscolo liscio Cartilagine, cervello, vasi sanguigni Cervello, cartilagine Cervello Muscolo liscio, cellule mesenchimali, cartilagine fibrosa, sistema nervoso, epitelio Rene, sistema nervoso, cervello, fibroblasti Ubiquitario Sistema nervoso Sistema nervoso, muscolo, osso, vasi sanguigni 9

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri).

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri). Retrotrascrizione l mrna viene convertito in cdna per mezzo dell enzima trascrittasi inversa (DNA polimerasi RNAdipendenti ricavate dai virus della mieloblastosi aviaria AMV o della leucemia murina di

Dettagli

PROCESSI DI ADESIONE ED ACCRESCIMENTO DEI TESSUTI: BIOMOLECOLE DI INTERESSE APPLICATIVO

PROCESSI DI ADESIONE ED ACCRESCIMENTO DEI TESSUTI: BIOMOLECOLE DI INTERESSE APPLICATIVO Interazione tra Biomateriali e Tessuti Anno Accademico 2004/2005 PROCESSI DI ADESIONE ED ACCRESCIMENTO DEI TESSUTI: BIOMOLECOLE DI INTERESSE APPLICATIVO Premessa Negli ultimi 20 anni, indagini in campo

Dettagli

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b)

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) RT-PCR: serve a valutare l espressione di un gene tramite l amplificazione dell mrna da esso trascritto PCR COMPETITIVA: serve a valutare la concentrazione iniziale di DNA o RNA

Dettagli

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR Dott. Paolo Cascio Tecnica della reazione a catena della DNA polimerasi o PCR (Polymerase Chain Reaction) 1) Introdotta da Kary Mullis alla metà degli anni

Dettagli

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica Maria Antonietta Lepore Principali tecniche di biologia molecolare clinica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06)

Dettagli

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI Il primo passaggio per la maggior parte delle procedure che verranno trattate in questo corso consiste nell estrazione del DNA (e dell RNA) da materiale biologico, e nella sua purificazione mediante separazione

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993).

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). End point PCR vs quantitative Real-Time PCR PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando

Dettagli

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro Polymerase Chain Reaction Inventata a metà degli anni 80 da Kary Mullis, è a tutt oggi uno strumento

Dettagli

TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE. LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici

TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE. LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici POLYMERASE CHAIN REACTION (PCR) 1955 A. Kronembreg e coll. (Stanford University) scoprono la DNA-polimerasi

Dettagli

Seminario. Domini modulari delle proteine 1

Seminario. Domini modulari delle proteine 1 Seminario Proteine della matrice DOMINI E MODULI Domini modulari delle proteine 1 La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette

Dettagli

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2 Domini modulari delle proteine 1 Proteine della matrice DOMINI E MODULI La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette domini,

Dettagli

EPITHELIAL TO MESENCHYMAL TRANSITION (EMT) IN DEVELOPMENT AND DISEASES. Cristina Valacca 18 Maggio 2012

EPITHELIAL TO MESENCHYMAL TRANSITION (EMT) IN DEVELOPMENT AND DISEASES. Cristina Valacca 18 Maggio 2012 EPITHELIAL TO MESENCHYMAL TRANSITION (EMT) IN DEVELOPMENT AND DISEASES Cristina Valacca 18 Maggio 2012 DEFINIZIONE L'EMT è un processo biologico che consente a una cellula epiteliale di iniziare numerosi

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene I linfociti T sono le cellule dell immunità adattativa responsabili della protezione verso le infezioni ad opera dei microbi intracellulari. Essi derivano da cellule staminali del midollo osseo che si

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

DELPLVTLPHPNLHGPEILDVPST EILDVPST

DELPLVTLPHPNLHGPEILDVPST EILDVPST Tesi di Laurea Triennale Anna Pezzutto Glicoproteine transmembrana eterodimeriche (α/β) 18 subunitàαe 8 β che si possono assemblare in 24 diversi eterodimeri Mediano interazioni cellula-cellula e cellula-matrice

Dettagli

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? OVERESPRESSIONE DELLA PROTEINA ESPRESSIONE ECTOPICA CON UN VETTORE DI ESPRESSIONE ABOLIZIONE DELLA ESPRESSIONE DELLA PROTEINA INTERFERENZA

Dettagli

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati Durante l invecchiamento L invecchiamento è l incapacità di organi, tessuti, cellule e molecole a mantenere la propria integrità funzionale e strutturale perturbata

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo TECNICHE PER L ANALISI

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Recettori a tirosina chinasi I recettori a tirosina chinasi presentano vari domini Una regione di legame (extracellulare) Una regione transmembrana Una coda intracellulare con numerose tirosine scaricato

Dettagli

TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO. Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali

TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO. Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali Tessuto connettivo pr. detto Tessuto adiposo Cartilagine Osso Sangue

Dettagli

1. Capacità di autorinnovamento illimitato

1. Capacità di autorinnovamento illimitato 1. Capacità di autorinnovamento illimitato 2. Capacità di dare origine in risposta a stimoli adeguati e specifici a cellule progenitrici di transito dalle quali discendono popolazioni di cellule altamente

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PCR. PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a)

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PCR. PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) EAZIONE A CATENA DELLA POLIMEASI (PC) PINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PC UPPE primer LOWE primer GENE X 1. Identificazione di agenti patogeni nell uomo, negli animali o negli alimenti (batteri e virus) 2.

Dettagli

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E possibile scegliere selettivamente cosa amplificare (specificità)

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli

Metodi di analisi mutazionale

Metodi di analisi mutazionale Metodi di analisi mutazionale I metodi impiegati per l analisi di mutazioni o polimorfismi nel DNA genomico possono essere suddivise in due principali categorie: (1) metodi per individuare mutazioni note,

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

PROCESSI REGRESSIVI DELLA MATRICE EXTRACELLULARE

PROCESSI REGRESSIVI DELLA MATRICE EXTRACELLULARE PROCESSI REGRESSIVI DELLA MATRICE EXTRACELLULARE Accumulo anomalo di molecole di varia natura nella matrice extracellulare Disorganizzazione del tessuto interstiziale Perdita di funzionalità dell interstizio

Dettagli

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita.

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. Elettroforesi Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. A qualunque ph diverso dal pi le proteine hanno una carica netta quindi,

Dettagli

8-06-2010. BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING. BLOTTING delle proteine: NORTHERN BLOTTING SOUTHERN BLOTTING

8-06-2010. BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING. BLOTTING delle proteine: NORTHERN BLOTTING SOUTHERN BLOTTING 8-06-2010 TECNICHE PER L ANALISI DELL ESPRESSIONE GENICA BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR REAL TIME PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING BLOTTING delle proteine: MICROARRAYS MACROARRAYS

Dettagli

SEQUENZIAMENTO DEL DNA

SEQUENZIAMENTO DEL DNA SEQUENZIAMENTO DEL DNA Il metodo di Sanger per determinare la sequenza del DNA Il metodo manuale La reazione enzimatica Elettroforesi in gel denaturante di poliacrilammide Autoradiografia Il metodo automatico

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

Funzioni delle proteine del sangue:

Funzioni delle proteine del sangue: PROTEINE DEL SANGUE Funzioni delle proteine del sangue: 1. Funzioni nutrizionali 2. Regolazione dell equilibrio acido base 3. Ripartizione dell acqua nei vari distretti 4. Funzione di trasporto 5. Coagulazione

Dettagli

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING E NEL TRATTAMENTO DELLA NEOPLASIA POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E METASTATICA Giuseppe De Vincentis 18 FDG PET: presupposti La degenerazione cancerosa si associa

Dettagli

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

Medicina rigenerativa e Nanomateriali

Medicina rigenerativa e Nanomateriali Medicina rigenerativa e Nanomateriali Paolo Milani Dipartimento di Fisica dell'università di Milano Focus Medicina Rigenerativa e Nanomateriali Definizione di Medicina Rigenerativa La Medicina Rigenerativa

Dettagli

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO La collaborazione con il Virgilio e il progetto dell IFOM Il progetto DNA chiavi in mano è un percorso pensato dal Centro di Ricerca internazionale IFOM per avvicinare i ragazzi

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16 Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16 L'immunoistochimica e' una tecnica ampiamente utilizzata per l'identificazione e la localizzazione di costituenti cellulari

Dettagli

Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico

Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico Dottoressa Camerin Consuelo Laboratorio Oncoematologia Pediatrica

Dettagli

Identificazione e quantificazione degli acidi nucleici DNA RNA

Identificazione e quantificazione degli acidi nucleici DNA RNA BIOLOGIA MOLECOLARE Identificazione e quantificazione degli acidi nucleici DNA RNA ESTRAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI DNA genomico RNA totale messaggero 1) OMOGENIZZAZIONE LISI Soluzione alcalina concentrata

Dettagli

Regione cerniera monomero regione cerniera

Regione cerniera monomero regione cerniera Regione cerniera Tutte le Ig, sia quelle secrete che quelle presenti sulla membrana plasmatica dei linfociti B, sono costituite da quattro catene proteiche, due pesanti (H, da heavy, in rosso nel disegno)

Dettagli

DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI

DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI Testi di riferimento: Alberts B. et al. Biologia molecolare della cellula - Ed. Zanichelli Gilbert S.F. Biologia dello sviluppo - Ed. Zanichelli COS E UNA CELLULA

Dettagli

Riassunto della presentazione dal titolo I mirna, lo sviluppo ontogenico e la trasformazione tumorale: nuovi meccanismi molecolari all opera

Riassunto della presentazione dal titolo I mirna, lo sviluppo ontogenico e la trasformazione tumorale: nuovi meccanismi molecolari all opera Riassunto della presentazione dal titolo I mirna, lo sviluppo ontogenico e la trasformazione tumorale: nuovi meccanismi molecolari all opera 1- I microrna sono coinvolti in numerosi meccanismi molecolari

Dettagli

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Distrofia dei cingoli Le diverse distrofie dipendono da mutazioni

Dettagli

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali Soluzioni ai problemi del Capitolo 15 Domande concettuali C1. 1. La struttura DNA-cromatina. Questo livello comprende l amplificazione genica, un aumento del numero di copie; riarrangiamenti di geni, come

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino

La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino La Polymerase Chain Reaction (PCR) o reazione di amplificazione a catena è una tecnica che permette di amplificare una specifica

Dettagli

Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica)

Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica) DNA Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica) Principali tecniche di base Enzimi di restrizione (Endonucleasi) Gel elettroforesi Ibridizzazione PCR (Polymerase Chain Reaction) Sequenziamento

Dettagli

PROTEINE. Amminoacidi

PROTEINE. Amminoacidi PROTEINE Le proteine sono le macromolecole alla base delle attività cellulari. Sono oltre diecimila per cellula, dove svolgono differenti funzioni: Sono ad esempio: enzimi: aumentano la velocità delle

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE LE PRINCIPALI MOLECOLE CHE PROVVEDONO ALLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI TRA LE CELLULE SONO FATTORI SOLUBILI QUALI NEUROTRASMETTITORI, ORMONI, FATTORI DI CRESCITA, CITOCHINE. UN CASO

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Lezioni di biotecnologie

Lezioni di biotecnologie Lezioni di biotecnologie 2 Lezione 2 Analisi del DNA e delle proteine 3 Analizzare DNA e proteine Per le applicazioni delle biotecnologie è di fondamentale importanza: 1. essere in grado di identificare

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

SEMINARIO NIDOGENO (ENTACTINA) Nidogeno/Entactina

SEMINARIO NIDOGENO (ENTACTINA) Nidogeno/Entactina Glicoproteine adesive della MEC SEMINARIO NIDOGENO (ENTACTINA) Nidogeno/Entactina Tipica proteine della membrana basale. Ci sono due tipi, nidogeno 1 e nidogeno 2. Entrambi sono un singolo polipeptide

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Tecniche Diagnostiche molecolari

Tecniche Diagnostiche molecolari Tecniche Diagnostiche molecolari Tecniche di Biologia Molecolare La scoperta che il DNA è alla base di tutte le funzioni della cellula ha aperto la strada allo sviluppo di una disciplina denominata biologia

Dettagli

ISOLAMENTO DI CELLULE STAMINALI PLURIPOTENTI DALLA PLACENTA E LIQUIDO AMNIOTICO PER LA CURA DELLA FIBROSI CISTICA

ISOLAMENTO DI CELLULE STAMINALI PLURIPOTENTI DALLA PLACENTA E LIQUIDO AMNIOTICO PER LA CURA DELLA FIBROSI CISTICA ISOLAMENTO DI CELLULE STAMINALI PLURIPOTENTI DALLA PLACENTA E LIQUIDO AMNIOTICO PER LA CURA DELLA FIBROSI CISTICA Dott.ssa Annalucia Carbone Laboratorio di Genetica Molecolare Fondazione IRCCS Policlinico,

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 e loro applicazione in studi pre-clinici. Il trasferimento genico è una tecnologia

Dettagli

Protocollo Crime Scene Investigation

Protocollo Crime Scene Investigation Protocollo Crime Scene Investigation Precauzioni da adottare in laboratorio: - non mangiare o bere - indossare sempre i guanti quando si maneggiano i tubini, i gel, le micropipette - nel dubbio, chiedere!

Dettagli

DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI. www.fisiokinesiterapia.biz

DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI. www.fisiokinesiterapia.biz DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI www.fisiokinesiterapia.biz sito dell NIH sulle cellule staminali in genere http://stemcells.nih.gov/info/basics/basics4.asp sito completo

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 7

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 7 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 7 La struttura delle proteine Concetti chiave: La struttura terziaria di una proteina descrive il ripiegamentodei suoi elementi

Dettagli

Regolazione dell espressione genica EUCARIOTI

Regolazione dell espressione genica EUCARIOTI Regolazione dell espressione genica EUCARIOTI Regolazione della espressione genica Molte proteine sono comuni a tutte le cellule RNA polimerasi, proteine ribosomali, enzimi che regolano il metabolismo,

Dettagli

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico RNA interference Tecnica che permette di interferire con l espressione di alcuni geni mediante la trasfezione di piccoli frammenti di RNA a doppio filamento in grado di antagonizzare l RNA messaggero corrispondente.

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili.

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. La sensibilita delle vie di trasduzione dipende da 3 fattori: -l affinita

Dettagli

Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di

Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di reazione Inizialmente i 20 µl dell amplificato vengono

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Cavità principali del corpo umano Dee Unglaub Silverthorn, Fisiologia umana 2010 Pearson Italia S.p.A Organizzazione generale dell organismo: un visione

Dettagli

Capitolo 1 Introduzione alla PCR

Capitolo 1 Introduzione alla PCR Capitolo 1 Introduzione alla PCR La tecnologia della PCR ha rivoluzionato l attività dei laboratori di ricerca e di diagnostica trovando applicazioni ed impieghi in svariati campi della medicina e della

Dettagli

Legame al GMPciclico COOH

Legame al GMPciclico COOH Moduli strutturali delle proteine Nelle proteine è possibile individuare alcune strutture caratterizzate da omologia, che svolgono particolari funzioni, e che si ritrovano in proteine diverse. Si può parlare

Dettagli

Protocollo di Real-Time RT-PCR per la diagnosi del fitoplasma della Moria del Pero. Claudio Ratti, Chiara Lanzoni e Carlo Poggi Pollini

Protocollo di Real-Time RT-PCR per la diagnosi del fitoplasma della Moria del Pero. Claudio Ratti, Chiara Lanzoni e Carlo Poggi Pollini Protocollo di Real-Time RT-PCR per la diagnosi del fitoplasma della Moria del Pero Claudio Ratti, Chiara Lanzoni e Carlo Poggi Pollini Moria del pero (Candidatus Phytoplasma pyri) Fitoplasmi: Microrganismi

Dettagli

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere l informazione genetica nelle cellule,

Dettagli

Strategie di purificazione di proteine

Strategie di purificazione di proteine Laurea Magistrale in Scienze e Biotecnologie degli Alimenti Strategie di purificazione di proteine Lezione n.xx-2-23 PRINCIPIO - ALIMENTI DA MATRICI SOLIDE E LIQUIDE MATRICI SOLIDE - ROMPERE LA STRUTTURA

Dettagli

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE)

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) SALVATORE GIRLANDO LABORATORIO PATOLOGIA MOLECOLARE ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN)

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN) e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme Massimo Degan, CRO Aviano (PN) perchè è importante verificare l RNA La verifica della qualità dell RNA nei saggi diagnostico-molecolari

Dettagli

sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale

sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale RNAi Introduction RNAi = RNA interference Il termine è utilizzato per descrivere l interferenza dell RNA come meccanismo naturale e anche come

Dettagli

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH (Silver Enhanced In Situ Hybridization) CON LA METODICA MANUALE FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) PER LA VALUTAZIONE DELLO STATO DEL GENE HER2 (neu)

Dettagli

Relazione struttura-funzione

Relazione struttura-funzione Biotecnologie applicate alla progettazione e sviluppo di molecole biologicamente attive A.A. 2010-2011 Modulo di Biologia Strutturale Relazione struttura-funzione Marco Nardini Dipartimento di Scienze

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

Esperienza 10: la PCR

Esperienza 10: la PCR Esperienza 10: la PCR La tecnica della polimerizzazione a catena (in inglese polymerase chain reaction) o PCR, permette di amplificare milioni di volte un unico frammento di DNA. Questo metodo è diventato

Dettagli

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco.

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Svolgono funzioni biologiche di fondamentale importanza e possono

Dettagli

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92 PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale Esercizio Tipizzazione del gene PV92 Elementi trasponibili Che cosa sono gli elementi trasponibili? Sono segmenti di DNA che sono in grado di trasferirsi in

Dettagli

- Assenza di mitogeni - Presenza di segnali conflittuali ( se durano troppo va incontro ad apoptosi) - Segnali differenziativi

- Assenza di mitogeni - Presenza di segnali conflittuali ( se durano troppo va incontro ad apoptosi) - Segnali differenziativi Ciclo Cellulare M --> G1--> S --> G2 --> M S, G2 e M hanno durata sempre uguale mentre la fase G1 (in media 10 ore) può subire enormi variazioni da tessuto a tessuto (fino a migliaia di ore per i neuroni).

Dettagli

Come funzionano gli oligo Antisenso? RNA WORLD. mrna. Regolare l espressione genica tramite molecole di RNA. Come funzionano gli oligo antisenso?

Come funzionano gli oligo Antisenso? RNA WORLD. mrna. Regolare l espressione genica tramite molecole di RNA. Come funzionano gli oligo antisenso? RNA WORLD RNA Come funzionano gli oligo Antisenso? mrna Non coding RNA AAAAAAA rrna trna snrna snorna RNA Antisenso sirna Arresto della traduzione Proteina incompleta o nessuna sintesi MECCANISMO PASSIVO

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction

PCR - Polymerase Chain Reaction PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando i principi della duplicazione del DNA,

Dettagli

Personale coinvolto: Prof. A. Arcangeli, Dr. A Fortunato, Dr. A Gurriero, Dr. M. Ristori. Riassunto

Personale coinvolto: Prof. A. Arcangeli, Dr. A Fortunato, Dr. A Gurriero, Dr. M. Ristori. Riassunto Relazione progetto dal titolo Uso di vettori lentivirali per il silenziamento genico del complesso CXCR4/hERG1: una nuova strategia terapeutica nei tumori pediatrici chemio resistenti Personale coinvolto:

Dettagli

Tecnologie per lo studio. delle cellule staminali

Tecnologie per lo studio. delle cellule staminali Tecnologie per lo studio delle cellule staminali Dr.ssa Annalisa Buffo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Neuroscienze Introduzione: come smascherare le cellule staminali Le cellule staminali

Dettagli

Lezioni di biotecnologie

Lezioni di biotecnologie Lezioni di biotecnologie 2 Lezione 3 Biotecnologie avanzate 3 L evoluzione delle biotecnologie Le biotecnologie hanno conosciuto un evoluzione continua, grazie anche agli avanzamenti tecnologici. Infatti

Dettagli