ANALISI CITOFLUORIMETRICA E SUE APPLICAZIONI IN AMBITO BIOMEDICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI CITOFLUORIMETRICA E SUE APPLICAZIONI IN AMBITO BIOMEDICO"

Transcript

1 ANALISI CITOFLUORIMETRICA E SUE APPLICAZIONI IN AMBITO BIOMEDICO Cos è la CITOMETRIA A FLUSSO? Citometria si riferisce alla misura di caratteristiche chimico-fisiche di cellule o di altre particelle biologiche. Citometria a flusso è una tecnica di misurazione multiparametrica di caratteristiche fisiche e/o chimiche condotta su cellule in sospensione all interno di un fluido di trasporto. FACS - Fluorescence Activated Cell Sorting È la citometria a flusso con la capacità aggiuntiva di separare e raccogliere le cellule con una serie di caratteristiche meccaniche ed elettriche. 1

2 Definizione CITOFLUORIMETRIA o CITOMETRIA A FLUSSO Metodica di laboratorio che permette un analisi automatica di sospensioni cellulari monodisperse misurando le caratteristiche citologiche e/o biochimiche all interno di un flusso laminare che interseca una sorgente luminosa, acquisendo e memorizzando piu parametri (volume, granulosita, fluorescenza) per ogni cellula acquisita 2

3 Un po di storia La comparsa della citofluorimetria a flusso (CFM) avviene intorno agli anni 70, determinando un veloce ed intenso sviluppo delle tecniche istologiche e citochimiche. Inizialmente era limitata alla misura di 1-2 parametri: uno per le misure fisiche e l altro per la fluorescenza. La CFM porto grande impulso allo studio del sistema immunitario, grazie all utilizzo di anticorpi monoclonali marcati con fluoresceina (FITC). La grande complessita del sistema immunitario e la presenza di diverse subpopolazioni che reagivano con lo stesso anticorpo stimolarono: lo sviluppo di MoAb sempre piu specifici; la ricerca di nuovi coloranti fluorescenti da coniugare agli anticorpi; la creazione di citofluorimetri a flusso multiparametrici I PRIMI PROBLEMI.. trovare coloranti che potevano essere coniugati agli Ab senza modificare la loro capacita di legame all antigene; selezionare fluorocromi con spettri distinti di emissione. E LE SOLUZIONI!!! un punto di svolta nella CFM fu lo sviluppo di coloranti come le ficobiliproteine, fluorocromi naturali solubili in acqua, fluorescenti a ph neutro, facilmente coniugabili con MoAb, con elevate rese quantiche. Ficoeritrina (PE): viene eccitata dalla stessa lunghezza d onda del FITC (488 nm), quindi possono essere usati insieme per realizzare un sistema di rilevazione molto sensibile in doppia marcatura. 3

4 Citofluorimetria a flusso oggi Negli ultimi anni la CFM ha raggiunto una notevole diffusione, sia in laboratori clinici che in laboratori di ricerca. Fattori che hanno contribuito a questo notevole sviluppo: la possibilita di utilizzare piu laser di emissione, che permette di effettuare analisi multiparametriche a 4 e piu colori; la disponibilita di MoAb marcati con un ampia gamma di fluorocromi e diretti contro una larghissima varieta di Ag di membrana e/o intracellulari; la riduzione dei costi e della complessita nell utilizzo dello strumento. APPLICAZIONI Permette di analizzare un elevato numero di cellule in breve tempo ( cellule in pochi secondi), quantificando numerosi parametri per ogni singola cellula. Permette ad es. di determinare il contenuto di DNA, i diversi sottotipi cellulari, gli organelli intracellulari, l attivita di alcuni enzimi. Studio della ploidia e della proliferazione cellulare; Analisi del ciclo cellulare; Analisi immunofenotipica multiparametrica; Risposta del sistema immunitario alla somministrazione di vaccini (cellule antigene specifiche, produzione di citochine, ecc); Livelli di apoptosi in patologie associate a deplezione cellulare (es AIDS) o accumulo cellulare (tumori); ecc ecc!!!!! 4

5 COME FUNZIONA UN CITOFLUORIMETRO? 1) Le cellule di una popolazione eterogenea vengono aspirate dalla provetta e immesse in un sistema fluidico il quale tende, in opportune condizioni idrodinamiche, a trasportare le cellule in maniera separata e ordinata fino al punto di misura. 2) Ogni singola cellula viene poi attraversata da un fascio di luce che eccita i fluorocromi e determina l emissione di un segnale fluorescente 3) Il segnale passando attraverso un sistema lenti, specchi e filtri ottici, viene inviato ai sensori (fotodiodi e fotomoltiplicatori) che ne misurano l intensita. 4) I segnali elettrici provenienti da ogni sensore,opportunamente amplificati vengono quindi processati e digitalizzati, sono inviati ad un analizzatore, che elabora il dato e lo visualizza tramite un grafico. 5) Attraverso piastre di deflessione le cellule analizzate possono essere raccolte separatamente tramite un processo definito sorting. Componenti di un citofluorimetro a flusso Sistema fluidico (focalizzazione idrodinamica) Sistema ottico (laser Argon 488nm) Sistema elettronico (software CellQuest) 5

6 Il sistema di dispersione del campione liquido fornisce un efficiente mezzo in grado di presentare individualmente le cellule del campione alla stazione di misura, dove intersecano il raggio di luce emesso dal laser. E importante evitare la formazione di aggregati cellulari. Sistema Fluidico La velocita di efflusso delle cellule viene valutata come numero di eventi al secondo: numero di particelle che hanno incontrato il raggio di luce nell unita di tempo. La sospensione cellulare viene spinta con pressione all interno della camera di flusso, dove le cellule vengono messe in fila una dietro l altra, grazie alla differenza di pressione tra il campione e il fluido di trasporto. Si realizza così un flusso laminare concentrico di liquidi (FOCALIZZAZIONE IDRODINAMICA) in cui il più esterno (liquido di trascinamento) trasporta all interno una sottile vena fluida di campione. Le cellule sono così forzate ad allinearsi ed attraversare individualmente un punto di misura interagendo con il fascio di luce del sistema di eccitazione. La pressione di spinta e la diluizione del campione consentono di contare fino a qualche migliaia di cellule al secondo. 6

7 Le cellule così disposte passano davanti al raggio laser di forma ellittica, focalizzato in modo da colpire le cellule al centro del canale di conta formato dal liquido di trasporto. Sistema Ottico Sorgenti luminose Nella grande maggioranza dei citofluorimetri si utilizza una sorgente luminosa a ioni Argon centrata su una lunghezza d onda di 488 nm (blu). Tale luce consente una efficace misura dei parametri fisici, inoltre permette la contemporanea eccitazione di diversi fluorocromi. Se e necessario utilizzare altre lunghezze d onda bisogna utilizzare altri tipi di laser (es Kripton, Elio Neon, ecc) I laser hanno costi molto elevati!!! Un alternativa piu economica e costituita dall uso dei citometri a lampada, che hanno come fonte di eccitazione una lampada a vapori di Mercurio o Xenon che non richiede particolari sistemi di raffreddamento. Sono utili per le applicazioni che riguardano particolari fluorocromi (es quelli utilizzati per la marcatura del DNA). LIMITI: bassa potenza erogata, scarsa stabilita della luce di emissione, rapido decadimento 7

8 Proprietà del Laser Radiazione coerente a discrete lunghezze d onda. Sorgenti più comuni: Ione Argon. UV 350/364 nm Visible nm Ione Krypton. UV 350/356 nm Visible nm Helium/Neon 633 nm Dall interazione delle cellule con il raggio luminoso del sistema di eccitazione, vengono generati dei segnali dipendenti dalle caratteristiche fisiche e dalla presenza di marcatori fluorescenti sulla superficie, nel citoplasma o nel nucleo della cellula. Light scattering : I due segnali che permettono di identificare le caratteristiche fisiche delle popolazioni cellulari sono correlabili alle dimensioni delle cellule. Se si osserva una cellula in controluce, si misura un segnale legato alla diffrazione (scatter) che è in relazione al diametro cellulare (FORWARD SCATTER O SCATTER LINEARE = FSC) Rifrazione & Riflessione: proporzionale alla granularità cellulare e alla complessità rilevate a 90 rispetto la luce incidente Diffrazione: proporzionale all area della cellula rilevata lungo l asse della luce incidente 0 Se ci si pone ortogonalmente al fascio, si misura un segnale legato sostanzialmente alla riflessione e alla rifrazione (SIDE SCATTER O SCATTER A 90 = SSC) dovute alla granulosità cellulare, al rapporto n/c e alla irregolarità della superficie cellulare. 8

9 RICAPITOLANDO: Il Forward scatter distingue le cellule sulla base del volume ed è anche in grado di distinguere cellule vive da morte. Il Side scatter tende ad essere più sensibile rispetto alle inclusioni all interno della cellula e può essere usato per distinguere le cellule granulate dalle non-granulate. FSC e SSC rappresentano i parametri fisici. Raggruppandoli in un unico grafico se ne ottiene uno biparametrico, il Citogramma: diagramma bidimensionale ottenuto dalla combinazione di questi due tipi di segnale. Permette di discriminare tra diverse popolazioni cellulari basandosi solamente sulle loro caratteristiche fisiche. Grafici monoparametrici (istogrammi) Citogramma 9

10 Componenti di un citofluorimetro a flusso Segnali di fluorescenza: in citofluorimetria vengono rilevati segnali fluorescenti generati: dall utilizzo di MoAb marcati con fluorocromi (FITC, PE, PerCp, APC, ecc) specifici per antigeni presenti sulla membrana, nel citoplasma, nel nucleo; da fluorocromi che si legano in maniera stechiometrica a determinate sostanze come il DNA e l RNA. Ogni fluorocromo presenta una caratteristica lunghezza d onda per l eccitazione e l emissione. Limiti alla scelta di fluorocromi da utilizzare in combinazione: La lunghezza d onda di eccitazione Le bande di emissione devono essere sufficientemente separate da permettere la loro appropriata misurazione. FLUOROCROMI La fluorescenza e il fenomeno per cui una molecola colpita da una radiazione luminosa di definita ne emette un altra a maggiore (effetto Bohr). Ogni fluorocromo presenta una caratteristica per l eccitazione e per l emissione. Se utilizziamo piu fluorocromi nello stesso protocollo sperimentale, le loro emissioni devono essere sufficientemente distanti per poter essere selezionate in modo distinto, ciascuna da un Fotomoltiplicatore. L intensita della fluorescenza emessa è proporzionale al numero di siti di legame. 10

11 Con l utilizzo degli anticorpi coniugati a Fluorocromi (e. Isotiocianato di fluoresceina: FITC, FICOERITRINA (PE), etc:) ed il Citofluorimetro, sonostatiidentificatinumerosideterminantiantigenicidisuperficieche permettono di differenziare sia i vari tipi di cellule che il loro stadio di maturazione Come lavorano i fluorocromi? Un laser eccita il fluorocromo il fluorocromo eccitato sale nel livello successivo della nuvola elettronica il fluorocromo ritorna al livello originale e rilascia l energia in eccesso come fotone i fotoni emettono a lunghezze d onda maggiori rispetto a quelle a cui vengono eccitati Fluorocromi diversi hanno lunghezze d onda diverse L eccitazione proviene dal laser. Ci sono 4 diverse opzioni: 488nm Blue, 633nm Red, 405nm violet, 350nm UV. Usando filtri e specchi è possibile separare le diverse lunghezze d onda ed inviarle a diversi detectors 11

12 In caso di impiego di più di una sostanza fluorescente, le diverse emissioni di colore vengono separate attraverso un sistema di filtri ottici, in modo da poter analizzare separatamente tutte le diverse fluorescenze (FL1, FL2, FL3, FL4). I segnali emessi vengono raccolti da un sistema di lenti, specchi e filtri ottici ed inviati ai relativi sensori (fotodiodi e Fotomoltiplicatori) che trasformano i segnali luminosi in impulsi elettrici direttamente proporzionali alla luce raccolta (ampiezza del segnale). Vengono poi digitalizzati ed inviati ad un elaboratore che provvede alla loro definizione statistica. Sistema Elettronico Sistema di conversione ed elaborazione digitale Ogni singolo valore proveniente dai sensori, viene amplificato e convertito, costituendo cosi il quanto citometrico o evento. Tutti gli eventi relativi all insieme dei dati misurati si accumulano nei canali che ne rappresentano la distribuzione dei valori. Il modo piu semplice di rappresentare una correlazione tra due parametri è il diagramma di dispersione a due punti (dot plot),nel quale ogni punto rappresenta un singolo evento o un insieme di eventi dotati di un definito valore per ciascuno dei due parametri considerati. 12

13 Elementi fotoelettronici di base di un FACS Fotomoltiplicatori trasformano il segnale in voltaggi FSC SSC FL1 FL2 FL3 Amplificazione e linear linear log log linear trasformazione log se richiesta Digitalizzati su una scala discreta (un byte) per la maggior parte per risoluzioni superiori (i.e. DNA). Elencate e visualizzate Header contiene informazioni riguardanti come Flow Cytometry l esperimento ed il settaggio del citometro. Standard ( FCS ) I dati correlati sono registrati per singola cellula Files elencata per tutti I parametri selezionati. File Size header+cells x (parameters x bytes). Rappresentazione dei dati Esistono diversi modi per rappresentare un dato citofluorimetico. La rappresentazione piu semplice e costituita dall istogramma dove l ascissa riporta l intensita di fluorescenza e l ordinata il numero di cellule che esprimono o meno l antigene (diagramma di distribuzione). L analisi statistica si basa sull impostazione di cursori che delimitano le aree di interesse, e sulla quantificazione degli eventi cellulari che rientrano in tali aree (la % di cellule è determinata con una funzione integrale- area sottesa dalla curva). Per ogni picco e possibile calcolare dati statistici (valore medio, deviazione standard, coefficiente di variazione, ecc) 13

14 Rappresentazione bidimensionale Oltre all istogramma, e possibile utilizzare una serie di rappresentazioni bidimensionali, che permettono di mettere in correlazione due parametri tra di loro. Dot-plot: ogni singolo punto rappresenta un evento Contour-plot: Visualizzano aree aventi la stessa densita mediante linee concentriche CD8 - /CD4 + CD8 + /CD4 - CD8 - /CD4 - Si possono utlizzare altre rappresentazioni dove l intensita del colore e proporzionale alla densita degli eventi 14

15 Campione : cellule ematiche periferiche dopo lisi emzie. Dati raccolti su cellule. Dot Density Contour Horizontal : low angle scatter. Vertical : high angle scatter. VANTAGGI dell ANALISI citofluorimetrica : multiparametricità possibilità di mettere in relazione più caratteristiche della stessa cellula analisi di grandi quantità di cellule riproducibilità ed affidabilità statistica delle acquisizioni grande sensibilità rapidità di analisi possibilità di ulteriori analisi a posteriori 15

16 Limitazioni dell ANALISI citofluorimetrica : nella necessita di impiegare sospensioni monocellulari, nei costi, nella relativa complessità della strumentazione che richiede un addestramento estensivo del personale ed accurata manutenzione. Nessun citofluorimetro a flusso potrà dare buoni risultati da cattivi campioni, e questo fondamentale aspetto preanalitico dipende dallo scrupolo dell operatore e dalla sua capacità di valutare anche visivamente la qualità di un preparato cellulare o di una marcatura. Applicazioni 1. determinazione dei marcatori di differenziamento cellulare, di superficie, intracitoplasmatici e intranucleari 2. valutazione del contenuto cellulare di DNA 3. discriminazione tra cellule vive, cellule apoptotiche e necrotiche 4. predisposizione per la separazione cellulare 5. Macchina per l emocromo-> un citofluorimetro a basso costo predisposto alla lettura degli elementi corpuscolati del sangue. 16

17 Una delle principali applicazioni cliniche e sperimentali della Citofluorimetria riguarda l immunofenotipizzazione linfocitaria che consiste nell utilizzazione di anticorpi specifici diretti verso i vari marcatori di membrana CD (Cluster Of Differentiation) al fine di differenziare, all interno di un pool di linfociti, le diverse sottopopolazioni. I linfociti infatti, morfologicamente indistinguibili tra loro, sono costituiti da diverse sottopolazioni con ruoli specifici nella risposta immunitaria, le quali hanno pero diverse espressioni antigeniche. Nelle patologie coinvolgenti il sistema immunitario, ritroviamo caratteristiche alterazioni dei rapporti tra le sottopolazioni linfocitarie, che possono essere riconosciute grazie alla loro Tipizzazione citofluorimetrica. Tipi di cellule Immunofluorescenza Antigene specifico Reporters genetici FACS Gal FISH GFP 17

18 Immunofluorescence Antigene specifico Reporters genetici FACS Gal FISH GFP Immunofluorescence Specific antigen Genetic reporters FACS Gal FISH GFP 18

19 Stadi: Quiescenza, Attività, Apoptosi DNA Totale: ciclo cellulare Sintesi di RNA Mitocondri Ca ++ Intracellulare ph Intracellulare Esposizione di fosfatidilserina G0/1 S G2/M Apoptosi: Annexin-V + PI Dead Cells Late Apoptosis Viable Cells Early Apoptosis Ref: Beckman Coulter Inc: 19

20 The Pre-Apoptotic Sequence 20

La citometria a flusso con...... BD FACSCalibur

La citometria a flusso con...... BD FACSCalibur La citometria a flusso con...... BD FACSCalibur Citometria a Flusso (CFM) La CFM è una tecnica che consente la misurazione e la caratterizzazione di cellule sospese in un mezzo fluido. SOSPENSIONI CELLULARI

Dettagli

IL CITOFLUORIMETRO. - quantificare e memorizzare contemporaneamente più parametri per ogni cellula che compone la popolazione

IL CITOFLUORIMETRO. - quantificare e memorizzare contemporaneamente più parametri per ogni cellula che compone la popolazione IL CITOFLUORIMETRO E uno strumento di laboratorio che permette un analisi veloce ed automatica di popolazioni cellulari in sospensione misurandone le caratteristiche fisiche e/o biochimiche (volume, granulosita,

Dettagli

Misurazione e uso di anticorpi. Misurazione delle funzioni dei linfociti T

Misurazione e uso di anticorpi. Misurazione delle funzioni dei linfociti T Misurazione e uso di anticorpi Misurazione delle funzioni dei linfociti T Misurazione e uso di Abs Saggio ELISA ELISPOT Cromatografia d affinità Western Blotting Microscopia ad immunofluorescenza Citometria

Dettagli

CITOMETRIA A FLUSSO. E una tecnica che permette la misurazione e la caratterizzazione di cellule sospese in un mezzo fluido.

CITOMETRIA A FLUSSO. E una tecnica che permette la misurazione e la caratterizzazione di cellule sospese in un mezzo fluido. CITOMETRIA A FLUSSO E una tecnica che permette la misurazione e la caratterizzazione di cellule sospese in un mezzo fluido. Rende possibile la misurazione di proprieta multiple di singole cellule ad una

Dettagli

Microscopio convenzionale

Microscopio convenzionale Microscopio convenzionale 160 mm 195 mm 45 mm Midollo osseo normale Anti-kappa vs. Anti-lambda DEFINIZIONI Citometria a flusso Metodologia per misurare le proprietà di cellule in flusso Cell Sorting Separazione

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO

APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO STUDIO DEL SISTEMA IMMUNITARIO Una delle maggiori applicazioni della citofluorimetria e rappresentata dall analisi (e sorting) delle diverse popolazioni

Dettagli

Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5

Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5 Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5 Colture cellulari Un organismo è un sistema molto complesso, costituito da organi, che a loro volta sono costituiti da diversi

Dettagli

Tecniche Immunologiche

Tecniche Immunologiche Tecniche Immunologiche Reazioni Antigene (Ag)/Anticorpo (Ab) Modello Chiave-Serratura Legami non covalenti: Ag Interazione Lisozima/Anti-Lisozima Legami Idrogeno Legami Elettrostatici Legami Idrofobici

Dettagli

Principi di Citofluorimetria di flusso

Principi di Citofluorimetria di flusso Principi di Citofluorimetria di flusso Il citofluorimetro è un microscopio modificato Definizioni Flow Cytometry (Citofluorimetria di Flusso) Misurazione delle proprietà di cellule in flusso Flow Sorting

Dettagli

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Il materiale presente in questo documento viene distribuito solamente per uso interno ed esclusivamente a scopo didattico. Anticorpo o immunoglobulina! IL legame

Dettagli

Citofluorimetria a flusso:

Citofluorimetria a flusso: ISSN 0394 3291 I t a l i a n o Carla Valtriani Carlo Hurle in collaborazione con Susanna Balagi Alessandra Manzin Citofluorimetria a flusso: aspetti generali con riferimento particolare allo studio di

Dettagli

Tipi di microscopio ottico

Tipi di microscopio ottico Tipi di microscopio ottico MIcroscopio brightfield: quello piu usato: il campione e retroilluminato Microscopio darkfield: il campione e illuminato lateralmente e viene osservato con uno sfondo nero Microscopio

Dettagli

Donatella Nava Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno

Donatella Nava Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno Donatella Nava Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno Definizione La citrometria a flusso è un metodo di conteggio, ed eventualmente di selezione e isolamento, di elementi corpuscolati (cellule)

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA. Analisi di dati citofluorimetrici con tecniche di Data Mining

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA. Analisi di dati citofluorimetrici con tecniche di Data Mining ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA SCIENZA E INGEGNERIA TESI DI LAUREA in Processi e tecniche di Data

Dettagli

Metodi biochimici che utilizzano anticorpi

Metodi biochimici che utilizzano anticorpi Metodi biochimici che utilizzano anticorpi Produzione di anticorpi policlonali 1. Si inietta nel topo (o coniglio) l antigene X purificato 2. Si preleva il siero, che contiene anticorpi contro X 3. Eventualmente

Dettagli

Teoria dell immagine

Teoria dell immagine Archivi fotografici: gestione e conservazione Teoria dell immagine Elementi di base: la luce, l interazione tra luce e materia, il colore Mauro Missori Cos è la fotografia? La fotografia classica è un

Dettagli

Capitolato Tecnico Allegato C.1 Sistema completo d analisi in citometria a flusso. Giancarlo Salomone. Timbro e firma per accettazione

Capitolato Tecnico Allegato C.1 Sistema completo d analisi in citometria a flusso. Giancarlo Salomone. Timbro e firma per accettazione I R C C S I s t i t u t o T u m o r i " G i o v a n n i P a o l o I I " A r e a G e s t i o n e T e c n i c a V i a l e O r a z i o F l a c c o, 6 5-7 0 1 2 4 B a r i t e l. 0 8 0. 5 5 5 5 1 2 3 F a x

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

FluoroSpheres Codice n. K0110

FluoroSpheres Codice n. K0110 FluoroSpheres Codice n. K0110 Quinta edizione Sfere di calibrazione per il monitoraggio giornaliero della citometria a flusso. Il kit contiene i reagenti per 40 calibrazioni. (105800-003) K0110/IT/TJU/2010.11.03

Dettagli

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008. 2008 Lezione 28 Marzo 2008 Ore 11-13

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008. 2008 Lezione 28 Marzo 2008 Ore 11-13 Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 2008 Lezione 28 Marzo 2008 Ore 11-13 13 Continuiamo il discorso sulla fluorescenza ricordando alcuni fra i più comuni utilizzi dei fluorocromi Istochimica

Dettagli

Metodi di conta microbica

Metodi di conta microbica Metodi di conta microbica esistono differenti metodiche per la determinazione quantitativa dei microrganismi tecniche colturali e non colturali conta diretta ed indiretta il tipo di microrganismo/i ed

Dettagli

vi dipende dalla composizione del mezzo che attraversa

vi dipende dalla composizione del mezzo che attraversa LA SPETTROSCOPIA Le tecniche spettroscopiche si basano sull assorbimento o sulla emissione di una radiazione elettromagnetica da parte di un atomo o di una molecola La radiazione elettromagnetica è una

Dettagli

Simposio Educazionale Aspetti Normativi in Citometria a Flusso

Simposio Educazionale Aspetti Normativi in Citometria a Flusso Simposio Educazionale Aspetti Normativi in Citometria a Flusso Procedure per il Controllo di Qualità e la Standardizzazione in Citometria Clinica M. Valentini Laboratorio di Patologia Clinica AO San Salvatore

Dettagli

Spettroscopia e spettrometria ottica. Francesco Nobili

Spettroscopia e spettrometria ottica. Francesco Nobili Spettroscopia e spettrometria ottica Francesco Nobili SPETTROSCOPIA OTTICA Nelle tecniche spettroscopiche si analizza l intensità dell interazione radiazione-materia a varie lunghezze d onda Tale interazione

Dettagli

Spettrofotometria. Le onde luminose consistono in campi magnetici e campi elettrici oscillanti, fra loro perpendicolari.

Spettrofotometria. Le onde luminose consistono in campi magnetici e campi elettrici oscillanti, fra loro perpendicolari. Spettrofotometria. Con questo termine si intende l utilizzo della luce nella misura delle concentrazioni chimiche. Per affrontare questo argomento dovremo conoscere: Natura e proprietà della luce. Cosa

Dettagli

BD FACSCalibur flow cytometer. FACS (Fluorescence Activated Cell Sorting)

BD FACSCalibur flow cytometer. FACS (Fluorescence Activated Cell Sorting) BD FACSCalibur flow cytometer FACS (Fluorescence Activated Cell Sorting) Un citometro a flusso è essenzialmente costituito di: Sistema fluidico per il trasporto del campione e la sua focalizzazione idrodinamica

Dettagli

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi La possibilità di osservare direttamente singole molecole dà grandi vantaggi

Dettagli

Diagnosi di linfoma: citologia, citochimica e citofluorimetria

Diagnosi di linfoma: citologia, citochimica e citofluorimetria Diagnosi di linfoma: citologia, citochimica e citofluorimetria Antonio Carminato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie acarminato@izsvenezie.it Percorso oncologico Mestre Diagnosi di linfoma:

Dettagli

Note Tecniche al LightCycler Selezione di sonde di ibridazione per LightCycler. Olfert Landt e Andreas Nitsche, TIB MOLBIOL, Berlino

Note Tecniche al LightCycler Selezione di sonde di ibridazione per LightCycler. Olfert Landt e Andreas Nitsche, TIB MOLBIOL, Berlino Note Tecniche al LightCycler Selezione di sonde di ibridazione per LightCycler Olfert Landt e Andreas Nitsche, TIB MOLBIOL, Berlino 1. Introduzione Scopo di questa nota La detezione di amplicon specifici

Dettagli

Paola Foladori, Laura Bruni, Giuliano Ziglio Potenzialità della citometria a flusso nell analisi di matrici ambientali

Paola Foladori, Laura Bruni, Giuliano Ziglio Potenzialità della citometria a flusso nell analisi di matrici ambientali Quaderni del Dipartimento SAN 2 Paola Foladori, Laura Bruni, Giuliano Ziglio Potenzialità della citometria a flusso nell analisi di matrici ambientali INDICE PRESENTAZIONE...7 1 INTRODUZIONE...9 2 PRINCIPI

Dettagli

Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione

Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione Istituto di Medicina dello Sport CONI - F.M.S.I Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche in Medicina dello Sport Sede di Bologna PULSED

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Applicazioni della citometria a flusso nel laboratorio di ricerca: Corso teorico-metodologico. 17-18 Ottobre 2007

Applicazioni della citometria a flusso nel laboratorio di ricerca: Corso teorico-metodologico. 17-18 Ottobre 2007 Applicazioni della citometria a flusso nel laboratorio di ricerca: Corso teorico-metodologico 17-18 Ottobre 2007 Ciclo cellulare - Contenuto di DNA - Apoptosi Delia Mezzanzanica Il ciclo cellulare Analisi

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

CARTA INTESTATA DELLA FACOLTA DI INGEGNERIA

CARTA INTESTATA DELLA FACOLTA DI INGEGNERIA CARTA INTESTATA DELLA FACOLTA DI INGEGNERIA Domanda n. [a cura dell Ufficio] ALLEGATO 1 Al Preside della Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio S E D E IL/LA SOTTOSCRITT NAT A IL / / E

Dettagli

Tutti i sistemi sono aggiornabili sino alla configurazione a tre laser.

Tutti i sistemi sono aggiornabili sino alla configurazione a tre laser. Puoi iniziare con un laser e aggiungere gli altri quando serviranno. NovoCyte TM, la nuova frontiera della citofluorimetria in ricerca. E con i reagenti ebioscience Affymetrix, completiamo l offerta facendoti

Dettagli

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE 1 Illuminatore L illuminatore provvede a generare la luce e inviarla, minimizzando ogni dispersione con un sistema ottico opportuno, nel bundle cioè nel collettore

Dettagli

Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni

Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni Guido Giuliani - Architettura Università di Pavia guido.giuliani@unipv.it Fotonica - Cos è? Scienza che utilizza radiazione elettromagnetica a frequenze ottiche

Dettagli

RIVELATORI A SCINTILLAZIONE Step del processo di rivelazione di radiazione ionizzante mediante uno scintillarore:

RIVELATORI A SCINTILLAZIONE Step del processo di rivelazione di radiazione ionizzante mediante uno scintillarore: Step del processo di rivelazione di radiazione ionizzante mediante uno scintillarore: Interazione della radiazione (ionizzazione e eccitazione) Processi di diseccitazione (emissione di luce) Raccolta della

Dettagli

La legge di Lambert-Beer

La legge di Lambert-Beer La legge di Lambert-Beer In questa esperienza determinerete la concentrazione di una soluzione incognita di permanganato di potassio per via spettrofotometrica. Generalita La spettroscopia si occupa dell

Dettagli

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA.

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA. TECNICHE PER L ANALISI DELL ESPRESSIONE GENICA RT-PCR REAL TIME PCR NORTHERN BLOTTING ANALISI POST-GENOMICHE Conoscere la sequenza genomica di un organismo non è che l inizio di una serie di esperimenti

Dettagli

TECNICHE IMMUNOCHIMICHE

TECNICHE IMMUNOCHIMICHE TECNICHE IMMUNOCHIMICHE ALCUNE DEFINIZIONI ANTIGENE: molecola che, introdotta in un organismo, è in grado di attivare la risposta anticorpale. Gli antigeni sono tipicamente macromolecole solubili in acqua

Dettagli

FLUORESCENZA. 1. Emissione di radiazioni di una molecola che torna

FLUORESCENZA. 1. Emissione di radiazioni di una molecola che torna FLURESCENZA allo stato fondamentale da uno stato elettronico 1. Emissione di radiazioni di una molecola che torna eccitato 2. L emissione è spostata verso il rosso rispetto alla eccitazione (= lunghezza

Dettagli

La citometria a flusso

La citometria a flusso La citometria a flusso La citometria a flusso è in grado di rilevare le proprietà individuali di singole particelle sospese in un liquido. Il dispositivo che consente tale studio è il citometro che utilizza

Dettagli

IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO. Reggio Emilia, 24 gennaio 2011

IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO. Reggio Emilia, 24 gennaio 2011 SCUOLA REGIONALE DI DI FORMAZIONE SPECIFICA IN IN MEDICINA GENERALE -- CORSO 2008-2011 IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO Dott.ssa Laura Laura Albertazzi Dott.ssa Maria Maria Brini Brini Reggio Emilia,

Dettagli

Tecnologie per lo studio. delle cellule staminali

Tecnologie per lo studio. delle cellule staminali Tecnologie per lo studio delle cellule staminali Dr.ssa Annalisa Buffo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Neuroscienze Introduzione: come smascherare le cellule staminali Le cellule staminali

Dettagli

Fluorescenza e fluorocromi: caratteristiche. fisico chimiche e spettrali

Fluorescenza e fluorocromi: caratteristiche. fisico chimiche e spettrali Fluorescenza e fluorocromi: caratteristiche fisico chimiche e spettrali Le applicazioni della Citometria a Flusso (CF) sono quasi esclusivamente basate sullʹimpiego di uno o più fluorocromi in vario modo

Dettagli

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi 2 Principi Generali della Fotografia LE MISURAZIONI DELLA LUCE 3 LA LUCE QUALE ENERGIA MISURABILE Abbiamo visto che la luce è una forma

Dettagli

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica Maria Antonietta Lepore Principali tecniche di biologia molecolare clinica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06)

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 1 Vaccini a Dna Sono costituiti da un plasmide, cioè un anello di dna, di origine

Dettagli

Newsletter 11/2012. Introduzione. Definizione ROA e Laser. Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM

Newsletter 11/2012. Introduzione. Definizione ROA e Laser. Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM Newsletter 11/2012 Introduzione Per quanto riguarda il rischio fisico, le radiazioni ottiche artificiali (ROA) ed i laser rappresentano uno dei fattori di rischio

Dettagli

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia)

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI FOTONICHE La materia viene ionizzata prevalentemente ad opera degli elettroni secondari prodotti a seguito di una interazione

Dettagli

La soluzione ideale per estendere la Microscopia alla nanoscala in campo Biologico.

La soluzione ideale per estendere la Microscopia alla nanoscala in campo Biologico. La soluzione ideale per estendere la Microscopia alla nanoscala in campo Biologico. Il Bioscope Catalyst è il nuovo AFM sviluppato da Veeco per la ricerca in campo biologico. Fin dall introduzione da parte

Dettagli

XRF - Fluorescenza a raggi X

XRF - Fluorescenza a raggi X XRF - Fluorescenza a raggi X La Fluorescenza a raggi X (X-Ray-Fluorescence) è una metodologia che consente di determinare la composizione qualitativa e quantitativa di solidi, liquidi e polveri, usando

Dettagli

Palazzo Ducale Lucca 22-25 settembre 2015. Programma Preliminare

Palazzo Ducale Lucca 22-25 settembre 2015. Programma Preliminare XXXIII CONFERENZA NAZIONALE DI CITOMETRIA Aggiornamenti e Innovazioni della Citometria in Applicazioni Cliniche e di Ricerca Palazzo Ducale Lucca 22-25 settembre 2015 Programma Preliminare Martedì 22 settembre

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 1: INTRODUZIONE ED APPARECCHIATURE D. Cecchin, F. Bui INTRODUZIONE Circa il

Dettagli

Corso di insegnamento Biochimica e Biotecnologie degli Alimenti. Spettrofotometria. Lezione n. XXII-30.05.14

Corso di insegnamento Biochimica e Biotecnologie degli Alimenti. Spettrofotometria. Lezione n. XXII-30.05.14 Corso di insegnamento Biochimica e Biotecnologie degli Alimenti Spettrofotometria Lezione n. XXII-30.05.14 RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE Le radiazioni elettromagnetiche possono essere rappresentate sia

Dettagli

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci.

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci. Il DSS7 Lo spettroscopio dell Osservatorio Monte Baldo A.Gelodi L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X

TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X Dipartimento di Scienze Chimiche TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X Analisi superficiali via XRF: Le misure sono effettuate in tempi dell ordine di qualche centinaio

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993).

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). End point PCR vs quantitative Real-Time PCR PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando

Dettagli

ATI GRUPPO MANERBIESI GRUPPO MANERBIESI SRL Manerbio BS MECTEX SPA Erba CO STAZIONE SPERIMENTALE PER LA SETA Milano

ATI GRUPPO MANERBIESI GRUPPO MANERBIESI SRL Manerbio BS MECTEX SPA Erba CO STAZIONE SPERIMENTALE PER LA SETA Milano SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI GRUPPO MANERBIESI GRUPPO MANERBIESI SRL Manerbio BS MECTEX SPA Erba CO STAZIONE SPERIMENTALE PER LA SETA Milano ID79/2003 PROGETTO R&S MID Marcatura ed Identificazione

Dettagli

materia: qualche applicazione

materia: qualche applicazione Proprietà quantistiche della Marco Anni Dipartimento di Ingegneria dell Innovazione Università del Salento, Lecce materia: qualche applicazione Proprietà ondulatorie della materia: microscopia elettronica

Dettagli

POTENTE. INTUITIVO. PERSONALIZZABILE. THE NEW STAR OF DEL BENCHTOP FLOW CYTOMETRY

POTENTE. INTUITIVO. PERSONALIZZABILE. THE NEW STAR OF DEL BENCHTOP FLOW CYTOMETRY POTENTE. INTUITIVO. PERSONALIZZABILE. THE NEW STAR OF DEL BENCHTOP FLOW CYTOMETRY ACEA Fondata nel 2002, ACEA Biosciences, Inc. sviluppa piattaforme di analisi cellulare all'avanguardia per la ricerca

Dettagli

Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di

Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di reazione Inizialmente i 20 µl dell amplificato vengono

Dettagli

Le immagini digitali: introduzione

Le immagini digitali: introduzione Le immagini digitali: introduzione 1 L immagine digitale Un immagine pittorica è compsta da milioni di pigmenti colorati molto piccoli che, messi vicino l uno all altro, danno l impressione dei vari oggetti.

Dettagli

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA Storia delle comunicazioni ottiche 84 a.c.: caduta di Troia comunicata a Micene (550km di distanza) attraverso una serie di fuochi allineati 794 d.c.: rete di Chappe collega

Dettagli

Elettroerosione Macchina per elettroerosione

Elettroerosione Macchina per elettroerosione Elettroerosione 1 Macchina per elettroerosione 2 Politecnico di Torino 1 Il processo di elettroerosione Viene generato un campo elettrico tra elettrodo e pezzo Si forma un canale ionizzato tra elettrodo

Dettagli

COLTURE DI CELLULE LEUCEMICHE ESPOSTE A CAMPI ELETTROMAGNETICI, VALUTAZIONE DEGLI INDICI DI PROLIFERAZIONE E DEI PROFILI DI ESPRESSIONE GENICA

COLTURE DI CELLULE LEUCEMICHE ESPOSTE A CAMPI ELETTROMAGNETICI, VALUTAZIONE DEGLI INDICI DI PROLIFERAZIONE E DEI PROFILI DI ESPRESSIONE GENICA PROGETTO ISPESL/CNR: COLTURE DI CELLULE LEUCEMICHE ESPOSTE A CAMPI ELETTROMAGNETICI, VALUTAZIONE DEGLI INDICI DI PROLIFERAZIONE E DEI PROFILI DI ESPRESSIONE GENICA - INTRODUZIONE 2 - MATERIALI E METODI:..

Dettagli

Telomeri e citochine infiammatorie in pazienti con malattia di Alzheimer a diversa velocità di progressione

Telomeri e citochine infiammatorie in pazienti con malattia di Alzheimer a diversa velocità di progressione Telomeri e citochine infiammatorie in pazienti con malattia di Alzheimer a diversa velocità di progressione E. Tedone 1, B. Arosio 1,2, A. Cattaneo 3, C. Gussago 1, F. Colombo 3, M. Casati 2, E. Ferri

Dettagli

GIE - Gruppo Italiano di studio di Ematopatologia

GIE - Gruppo Italiano di studio di Ematopatologia INDAGINI DI CARATTERIZZAZIONE CITOFLUORIMETRICA E GENETICO- MOLECOLARE PREFAZIONE La diagnosi delle malattie linfoproliferative si basa sull integrazioni delle informazioni istomorfologiche con i dati

Dettagli

HPV metodiche molecolari e considerazioni su una casistica omogenea

HPV metodiche molecolari e considerazioni su una casistica omogenea XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012 HPV metodiche molecolari e considerazioni su una casistica omogenea Dott. Filippo Micheli HPV I Papillomavirus sono

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze.

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze. Con il termine elettrosmog si intende l'inquinamento elettromagnetico derivante da radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti quali quelle prodotte dalle infrastrutture di telecomunicazioni come la radiodiffusione

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

Studiare le cellule:

Studiare le cellule: Studiare le cellule: Le cellule possono essere studiate dal punto di vista morfologico, biochimico e funzionale. L'analisi biochimica e funzionale ha lo scopo di studiare la natura chimica e le modalità

Dettagli

Metodi di analisi mutazionale

Metodi di analisi mutazionale Metodi di analisi mutazionale I metodi impiegati per l analisi di mutazioni o polimorfismi nel DNA genomico possono essere suddivise in due principali categorie: (1) metodi per individuare mutazioni note,

Dettagli

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Cavità principali del corpo umano Dee Unglaub Silverthorn, Fisiologia umana 2010 Pearson Italia S.p.A Organizzazione generale dell organismo: un visione

Dettagli

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari!

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Lezione ISM 4! G. Vladilo! Astronomia Osservativa C, Lezione ISM 4, Vladilo (2011)! 1! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Alta risoluzione!

Dettagli

Azienda USL Frosinone. Lotto n 3. Service per analisi settore specialistico di autoimmunità per il Laboratorio di Frosinone(LEC/S)

Azienda USL Frosinone. Lotto n 3. Service per analisi settore specialistico di autoimmunità per il Laboratorio di Frosinone(LEC/S) Azienda USL Frosinone Lotto n 3 Service per analisi settore specialistico di autoimmunità per il Laboratorio di Frosinone(LEC/S) SPECIFICHE TECNICHE E ORGANIZZATIVE 1. Oggetto della fornitura L oggetto

Dettagli

IL LASER. Principio di funzionamento.

IL LASER. Principio di funzionamento. IL LASER Acronimo di Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation (amplificazione di luce per mezzo di emissione stimolata di radiazione), è un amplificatore coerente di fotoni, cioè un dispositivo

Dettagli

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita.

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. Elettroforesi Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. A qualunque ph diverso dal pi le proteine hanno una carica netta quindi,

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA LANZONI s.r.l. Via Michelino, 93/B--40127 BOLOGNA, tel. 051-504810/501334-fax 051-6331892 http://www.lanzoni.it e-mail: lanzoni@lanzoni.it LASER LIMAX RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Campi di applicazione

Dettagli

I fotoni sono le particelle di luce che possiedono un energia E che dipende dalla frequenza ν in base alla relazione di Plank: E = hν

I fotoni sono le particelle di luce che possiedono un energia E che dipende dalla frequenza ν in base alla relazione di Plank: E = hν 3. Natura quantistica di fotoni e particelle materiali Le particelle utilizzate per studiare i mezzi materiali obbediscono alle regole della meccanica quantistica. La loro natura perciò è duale, nel senso

Dettagli

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Z-2015-200 Z-2015-50 20 (0.2 ml) 5 (0.05 ml) Per la rilevazione del gene umano HER2 e degli alfa-satelliti del cromosoma 17 mediante ibridazione in situ fluorescente

Dettagli

Potere Risolutivo di un microscopio ottico composto

Potere Risolutivo di un microscopio ottico composto Potere Risolutivo di un microscopio ottico composto Il massimo potere risolutivo di un microscopio ottico composto e' di 0.2 µm con luce di illuminazione del preparato blu.per migliorare il contrasto (attenuazione

Dettagli

CHIMICA DELLE SUPERFICI ED INTERFASI

CHIMICA DELLE SUPERFICI ED INTERFASI CHIMICA DELLE SUPERFICI ED INTERFASI DOTT. GIULIA FIORAVANTI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CHIMICA LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE CHIMICHE A.A. 2014-2015 TECNICHE MICROSCOPICHE

Dettagli

UNITA' DI MONITORAGGIO POLVERI FINI

UNITA' DI MONITORAGGIO POLVERI FINI UNITA' DI MONITORAGGIO POLVERI FINI PM 10 - PM 2,5 - PM 1 Inalabili - Toraciche - Respirabili Conteggio particelle in classi granulometriche DustMonit ENGINEERING SRL Via Paolo Diacono, 1-20133 Milano

Dettagli

Riproduzione molecolare. Riproduzione cellulare. Riproduzione degli organismi. Gametogenesi (femminile e maschile) Fecondazione

Riproduzione molecolare. Riproduzione cellulare. Riproduzione degli organismi. Gametogenesi (femminile e maschile) Fecondazione ARGOMENTO STRUTTURA CELLULARE CONCETTO DI REGOLAZIONE GENICA REGOLAZIONE GENICA PROCARIOTI REGOLAZIONE GENICA EUCARIOTI trascrizione e maturazione RNA trasporto nucleo-citoplasma sintesi proteica via secretiva

Dettagli

STAGE RISCOPRIAMO IL NUCLEO ATOMICO CON L ESPERIMENTO DI RUTHERFORD PUBBLICHIAMO I RISULTATI SU WEB

STAGE RISCOPRIAMO IL NUCLEO ATOMICO CON L ESPERIMENTO DI RUTHERFORD PUBBLICHIAMO I RISULTATI SU WEB STAGE 08/07/2002-26/07/2002 RISCOPRIAMO IL NUCLEO ATOMICO CON L ESPERIMENTO DI RUTHERFORD E PUBBLICHIAMO I RISULTATI SU WEB PREMESSA Ventiquattro secoli dopo il pensiero di Democrito, chimici e fisici,

Dettagli

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Centro di Riferimento Oncologico di Basilicata Rionero in Vulture (PZ)

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Centro di Riferimento Oncologico di Basilicata Rionero in Vulture (PZ) I.R.C.C.S. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Centro di Riferimento Oncologico di Basilicata Rionero in Vulture (PZ) C.R.O.B. 85028 Rionero in Vulture (PZ) Via Padre Pio n. 1 - Partita

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

31 maggio 2005 Ist. Maria SS Consolatrice Via Galvani,26 - Milano

31 maggio 2005 Ist. Maria SS Consolatrice Via Galvani,26 - Milano O R G A N I Z Z A I L C O R S O R E S I D E N Z I A L E La Citometria e l Anatomia Patologica 31 maggio 2005 Ist. Maria SS Consolatrice Via Galvani,26 - Milano C O N I L P A T R O C I N I O D I Associazione

Dettagli