COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI"

Transcript

1 COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI ******* Formazione Unindustria Treviso 29 Novembre 2004

2 Indice Brevi richiami all attività direzionale e al budget...2 L Attività Direzionale... 2 Il Budget... 3 Il Margine di Contribuzione... 5 Il reporting...6 Alcuni esempi di Report... 7 L analisi degli scostamenti...9 Allegati Allegato 1 Schema riassuntivo dei report direzionali Allegato 2 Report Direzionale Ordinato per Agente Allegato 3 Report Operativo riferito al singolo Agente Allegato 4 Report Direzionale Ordinato per Area Manager Allegato 5 Report Operativo riferito al singolo Area Manager Margine di Contribuzione Allegato 6 Report Direzionale Analisi Margine gestione Italia Allegato 7 Report Direzionale Crediti scaduti per Agente 1

3 BREVI RICHIAMI ALL ATTIVITÀ DIREZIONALE E AL BUDGET L ATTIVITÀ DIREZIONALE L Attività di Direzione consiste nella determinazione degli obiettivi strategici (a medio-lungo termine) e operativi (di breve periodo), nell individuazione dei processi e degli strumenti da utilizzare per il raggiungimento degli obiettivi e nel controllo dei risultati. Ciò significa individuare alcune fasi fondamentali e successive tra loro, quali 1. la definizione degli obiettivi generali dell impresa e delle sue politiche aziendali, unitamente a scelte relative alla sua struttura di fondo (attinenti le combinazioni prodotti/mercati/tecnologie, la capacità produttiva da installare, ); 2. l individuazione delle linee d azione per il raggiungimento degli obiettivi; 3. la stesura di Piani e Programmi d azione e quindi dei conseguenti Budget; 4. l attività di reporting, attraverso la quale si rilevano i risultati raggiunti, ponendoli a confronto con i valori iscritti a budget; 5. l analisi degli scostamenti, per individuare cause e responsabilità; 6. l attuazione di interventi correttivi, sia rispetto agli obiettivi, sia rispetto ai programmi. Di conseguenza, l attività direzionale si concretizza in 3 azioni fondamentali (Tabella 1): PIANIFICARE, ovvero prendere delle decisioni riguardanti alternative d azione con orizzonti temporali di medio-lungo periodo e attinenti la dimensione strategica della gestione (come ad esempio l attività di ricerca e sviluppo, le capacità produttive, gli assetti organizzativi e delle risorse umane, le combinazioni prodotti/mercati, ). L insieme ordinato di tali scelte contribuisce a definire la strategia dell impresa e producono quindi effetti strutturali vincolanti la generale combinazione produttiva aziendale. L attività di pianificazione viene formalizzata e valorizzata attraverso la stesura di Piani che, solitamente, coprono un orizzonte temporale di 3-5 anni. PROGRAMMARE, ovvero porre in essere delle decisioni con un orizzonte temporale di breve periodo, in grado di impattare sulla gestione operativa (assunte come vincolanti le scelte strategiche) e quindi sull implementazione e l utilizzo ottimale delle capacità aziendali. In termini pratici, programmare significa esplicitare 2

4 - il fine che si desidera raggiungere, - le azioni necessarie per la sua realizzazione, - la tempistica e - le persone coinvolte. La valorizzazione di quanto esplicitato nei programmi d azione avviene attraverso i Budget. CONTROLLARE, ovvero formalizzare strumenti e processi in grado di porre a confronto le attività e i valori programmati/pianificati rispetto a quelli effettivamente verificatisi, rilevando gli eventuali scostamenti ed indagando le cause che li hanno generati, nonché realizzando le opportune azioni correttive. Tale confronto viene realizzato mediante il ricorso a Report (operativi e direzionali) che organizzano dati effettivi e dati programmati. Tabella 1: L attività direzionale Attività Direzionale Pianificare Programmare Caratteristiche Orizzonte temporale di medio lungo periodo (solitamente 3-5 anni); Scelte di carattere strategico. Orizzonte temporale di breve periodo (l esercizio); Scelte di carattere operativo Controllare Confronto tra dati di budget e dati effettivi Report Strumenti Piano Pluriennale Programma d azione Budget IL BUDGET Concentrando l attenzione sul Budget, appare utile soffermarsi sul suo ruolo di strumento funzionale alla programmazione, ovvero all assunzione di scelte di carattere operativo necessarie per la realizzazione degli obiettivi di breve periodo. In questo senso, il Budget costringe l imprenditore ad esplicitare la strategia e a riflettere sul futuro. Tale processo, frutto non di previsioni, bensì di ragionamenti e considerazioni riguardanti i fattori produttivi impiegati in azienda, viene formalizzato all interno dei cosiddetti Programmi d azione, che successivamente vengono valorizzati nel Budget. al controllo e al coordinamento, attraverso il confronto tra valori iscritti a budget e valori concretamente realizzati. all incentivazione, poiché esso presuppone il possesso di alcune leve economiche in capo a colui che lo formula e quindi l assunzione di responsabilità. Di conseguenza, il collaboratore può essere incentivato sul raggiungimento di determinati livelli dei fattori dei quali è responsabile. Ad esempio, l incentivazione del responsabile commerciale viene 3

5 spesso operata sui margini, ovvero sulla sua capacità di espandere le vendite e di contenere i costi. In questo senso il budget diventa un utile strumento organizzativo. In generale, al coinvolgimento dei collaboratori per il miglioramento dei risultati economici-finanziari, sui quali focalizza l attenzione. In termini pratici, il Budget non è uno strumento unitario, bensì complesso poiché si compone di una pluralità di componenti, ciascuna delle quali rispecchia le diverse funzioni aziendali e le sue gestioni. Si è soliti infatti parlare, nel primo caso, di budget settoriali e, nel secondo, di budget economico, degli investimenti e finanziario. I BUDGET SETTORIALI attengono la gestione operativa caratteristica e sono osservati nelle loro conseguenze sui flussi di reddito del periodo oggetto del budget. Essi si articolano in: Budget delle vendite, Budget dei costi di fabbricazione, Budget dei costi commerciali e di marketing, Budget degli approvvigionamenti (materie prime, semilavorati, materiali di consumo), Budget del personale, Budget dei costi di struttura, Budget dei costi discrezionali, e vanno a comporre, in sintesi, il BUDGET ECONOMICO. Il BUDGET DEGLI INVESTIMENTI è finalizzato a definire i nuovi impieghi di risorse finanziarie in beni materiali ed immateriali ad utilità ripetuta nel tempo. Il BUDGET FINANZIARIO, articolato in budget di cassa e delle fonti e impieghi, è destinato a valutare l impatto sulla dinamica finanziaria dei programmi di azione relativi la gestione operativa (entrate/uscite di cassa, crediti/debiti) e delle politiche di gestione extra-caratteristica (investimenti/disinvestimenti, rimborsi o accensione di mutui, ). Alcune note sui budget operativi Il primo budget che viene formulato è quello relativo alle vendite. Esso implica la costruzione preliminare di una matrice prodotto/mercato (Tabella 2), attraverso la quale si definiscono quantità e valori programmati delle vendite relative ad ogni prodotto, attuale e nuovo, nei rispettivi mercati, attuali e nuovi/potenziali. Elaborato questo budget è necessario poi quantificare le risorse monetarie necessarie affinché le vendite siano collocate sul mercato. Ciò significa formalizzare il Budget dei costi commerciali e di marketing e quindi programmare gli stipendi per il personale commerciale di back office e per i venditori, gli ammortamenti, le spese di gestione, le provvigioni, la pubblicità e le spese di promozione, le spese di trasporto e imballo, A questo proposito risulta importante operare una distinzione tra costi fissi e costi variabili. 4

6 Tabella 2: Matrice prodotto/mercato MERCATI ATTUALI NUOVI PRODOTTI A B C D E P1 P2 ATTUALI P3 Tot. P att. PY NUOVI PZ Tot P nuovi IL MARGINE DI CONTRIBUZIONE La funzione di controllo assolta dal Budget trova nel MARGINE DI CONTRIBUZIONE la sua massima espressione. Esso infatti può essere monitorato periodicamente, è caratterizzato da maggiore flessibilità rispetto al Fatturato, poiché quest ultimo considera anche i costi fissi che sono invece più difficilmente modificabili e il cui monitoraggio può avvenire con cadenza trimestrale. In valore assoluto, consente di indagare se sono intervenute delle variazioni in termini di quantitativi venduti, di prezzi o di mix prodotti. Il concetto di Margine di Contribuzione si ricollega alle 2 principali metodologie di calcolo dei costi di prodotto (Tabella 3): DIRECT COSTING: attribuisce all oggetto di calcolo solo i costi variabili diretti (consumi, manodopera diretta, energia elettrica, sconti, provvigioni, premi, spese di trasporto, ) e i costi fissi specifici (ovvero quelli che si riferiscono all attività e scompaiono al suo cessare es. ammortamento impianti specifici), FULL COSTING: considera anche i costi fissi comuni, ovvero quelli che si riferiscono all intera azienda e per i quali è necessario quindi procedere ad un riparto e all attribuzione pro-quota (es. utenze). Alcune formule: Prezzo Unitario di Vendita Costo variabile unitario = Margine di Contribuzione Prezzo di vendita / Costo variabile unitario = Coefficiente di ricarico 5

7 Tabella 3: Direct e full costing Prodotto 1 Prodotto 2 Totale Ricavi X X X - Costi variabili X X X = Margine di Contribuzione di 1 grado o lordo X X X - Costi fissi specifici X X X = Margine di Contribuzione di 2 grado o netto X X X - Costi fissi comuni X Risultato Operativo X IL REPORTING L applicazione del processo di controllo budgetario presuppone un sistema informativo altamente affidabile e puntuale, che informi costantemente il management ai vari livelli sui risultati ottenuti e renda possibile l effettuazione del controllo. Tale sistema informativo viene denominato Reporting. Esso si compone di un insieme di reports e relazioni redatti da coloro che sono responsabili di un budget e contenenti i dati consuntivi rilevati nella gestione aziendale. Affinché sia uno strumento efficace, il reporting deve possedere le seguenti caratteristiche: le informazioni contenute devono essere chiare e comprensibili per i destinatari e devono essere trasmesse con la dovuta tempestività per essere utilizzate nelle decisioni. Possono avere sia natura monetaria, che qualitativa; la forma può essere molto varia (tabelle, relazioni, grafici, ), tuttavia è necessario pongano a confronto dati consuntivi con quelli di budget, evidenziando gli scostamenti; la frequenza con la quale vanno formulati deve essere fissata, come pure un termine massimo di scadenza per la loro presentazione e analisi. i destinatari dei diversi rapporti possono essere sia a livello di management strategico, che operativo e vanno definiti a priori, poiché diverso sarà il dettaglio e la tipologia delle informazioni inserite (inerenti l azienda nel suo complesso nel primo caso, di carattere operativo nel secondo). Quest ultima caratteristica ci consente di introdurre le 2 macro tipologie di report: i report operativi 6

8 e i report direzionali (Tabella 4). Tabella 4: Report direzionali e operativi Report Destinatari, obiettivi e caratteristiche Report Direzionali - sono rivolti alla Direzione dell Azienda, - sono sintetici, poiché riassumono quanto evidenziato nei rapporti operativi, - hanno come obiettivo il controllo del budget economico, - sono progressivi, poiché evidenziano l andamento dell impresa nel suo divenire. Report Operativi - sono destinati ai responsabili, - hanno come obiettivo la fornitura di dati analitici necessari per l analisi degli scostamenti. Nello specifico è necessario definire: numero e nome del report (es. Report 01 Ordinato a valore), contenuto, modalità di preparazione, individuazione del responsabile (nel caso dei report commerciali, il responsabile è colui che ha in mano la leva prezzo), individuazione del soggetto che deve predisporre il budget, individuazione dei destinatari, termine di consegna, termine per la predisposizione dell analisi e degli interventi correttivi. La definizione di ciascun aspetto è funzionale all ottimizzazione dei tempi, all efficacia delle informazioni fornite e ad una corretta responsabilizzazione delle risorse coinvolte. ALCUNI ESEMPI DI REPORT L Allegato 1 esemplifica un foglio di calcolo in cui sono richiamati tutti i vari report direzionali, con indicazione - del codice - del nome - del contenuto (in sintesi) - del responsabile - del soggetto che lo ha elaborato - della frequenza. Esso potrebbe inoltre essere integrato da altre informazioni come: destinatario/i, termine di presentazione, 7

9 L Allegato 2 esemplifica un report direzionale relativo all ordinato di periodo per ciascun Agente. Da evidenziare - la numerazione e il nome riprendono quelli indicati nell Allegato 1, - l indicazione, in testa, del periodo di riferimento, - l articolazione ordinata in 3 aree: - la prima richiama il numero e il nome dell Agente/Cliente Direzionale e la relativa zona servita; - la seconda pone a confronto i dati di periodo a consuntivo 2002 e 2003 con i dati preventivati a budget per il medesimo periodo 2003, con l indicazione del differenziale percentuale (consuntivo 2003 su 2002 e budget 2003 su consuntivo 2003) e di eventuali note; - la terza segue la stessa impostazione della seconda, riportando, per l intero anno, il consuntivo 2002, il budget 2003 e il differenziale percentuale tra i 2, nonché il target attribuito a ciascun agente. - l evidenziazione in grassetto dell intestazione delle colonne e dei totali. L Allegato 3 propone un esempio di report operativo, poiché viene riferito al singolo Agente e dettagliato per ogni Cliente da questo servito. In questo caso l informazione viene articolata su 4 livelli: - Nome Agente - Regione Servita - Provincia Servita - Cliente Servito. Vengono posti a confronto i dati 2000 (per l intero anno), 2001 (per l intero anno) e 2002 (limitatamente al periodo gennaio-aprile) riguardanti l ordinato dell Agente Enrico in ciascun mese. Vi è poi il totale (di periodo, di anno e per mese) e il differenziale percentuale. Gli scostamenti negativi sono evidenziati ponendo a lato 2 asterischi. Il medesimo foglio di lavoro deve essere consegnato anche all Agente. Un altro esempio di report direzionale può riepilogare l andamento dell ordinato per Area Manager (Allegato 4) riportando sia dati di periodo, che su base annua e, per ciascuno, sia dati a consuntivo che di budget. Anche in questo caso, in testa alla tabella è riportato il numero e il nome del report (lo stesso richiamato in allegato 1) e sono state evidenziate in grassetto i totali e il riferimento temporale. Il report operativo riguardante l Area Manager viene riportato nell Allegato 5, nel quale si evidenzia il Margine di Contribuzione realizzato in ciascun Paese/Area. Anche in questo caso le informazioni sono - riferite ad un periodo specifico dell anno, riportato in testa al foglio di lavoro, - articolate su più livelli (Area, Paese, Cliente, Modello del Prodotto). Per la ricostruzione del Margine di Contribuzione, la tabella riporta i seguenti dati: 8

10 - ordinato o fatturato di periodo, - il Margine Lordo (Tabella 5), ricavato da un altro report denominato Report Margine lordo per Area Manager. - i costi diretti di vendita (Provvigioni, Spese di Trasporto, Premi, ). Tabella 5: Ricostruzione del Margine Lordo Ordinato o fatturato Q.tà Prezzo medio unitario Costo std unitario (costi diretti di produzione) Costo totale del venduto Margine Lordo A B C=A/B E D=ExB F=A-D Un altro report significativo è quello contenuto nell Allegato 6 e denominato Analisi margine Gestione Italia : esso è riferito ad un determinato periodo e riprende lo schema scalare del Conto Economico, evidenziando sia dati consuntivi, che preventivi e i corrispondenti differenziali. A lato di ogni delta è stata inserita la sigla F (favorevole) o SF (sfavorevole), funzionale ad una più rapida leggibilità dei dati esposti. Il differenziale totale può essere ricostruito in tutte le sue componenti al fine di comprendere quali fattori giustificano lo scostamento. L ultimo allegato (Allegato 7) evidenzia invece i crediti scaduti e in contenzioso per ciascun Agente, con riferimento ad una certa data (nell esempio, al X). In particolare, le informazioni riportate sono: - numero e nome dell Agente e la relativa zona servita; - Crediti in contenzioso, riferiti sia alla data del dell anno precedente, sia alla data di riferimento dell anno in corso; - Crediti scaduti relativi all anno in corso e risultanti alla data alla quale il report si riferisce, oltre che al Fatturato degli ultimi 12 mesi, l incidenza dello scaduto sul fatturato e l incidenza medesima del mese precedente (funzionale all analisi del trend). Per ciascun valore è inoltre possibile inserire anche delle note, funzionali all arricchimento ulteriore del documento. L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI L analisi degli scostamenti, quale strumento utile ed indispensabile per valutare la bontà delle decisioni strategiche aziendali ed intervenire prontamente con azioni correttive, cerca di evidenziare, in modo più o meno analitico, gli elementi che hanno determinato variazioni nelle grandezze economico-patrimoniali-finanziarie più significative, come il fatturato, i costi di produzione e il margine. 9

11 È possibile operare il confronto sia tra valori consuntivi riferiti a periodo diversi (agosto 2004 rispetto agosto 2003, esercizio 2003 rispetto esercizio 2002, ), sia tra valori consuntivi e valori programmati (consuntivo al rispetto al budget al ). Di norma, la variazione totale viene scomposta in 3 componenti: DELTA PREZZO: è la variazione imputabile al fatto che il prezzo corrente (dei prodotti venduti e/o dei fattori produttivi) è risultato diverso rispetto a quello passato o programmato, con quantitativi che si sono mantenuti inalterati rispetto al periodo precedente. Delta Prezzo: Q t-1 x (P t P t-1 ) DELTA QUANTITÀ: è la variazione imputabile al fatto che il volume corrente (dei prodotti venduti e/o acquistati) è risultato differente da quello passato, con prezzi che si sono mantenuti inalterati rispetto al periodo precedente. Delta Quantità: P t-1 x (Q t Q t-1 ) DELTA MIX: è la variazione imputabile al fatto che vi sono stati prezzi diversi praticati su quantità diverse. Delta Mix: (P t P t-1 ) x (Q t Q t-1 ) Limitare l analisi degli scostamenti solamente al fatturato può non essere sufficiente per fornire valide indicazioni al management: è possibile infatti che dietro ad una soddisfacente crescita dei ricavi si nascondano pesanti minacce alla sopravvivenza stessa della realtà aziendale. Ad esempio, può essere che l incremento del fatturato sia stato ottenuto attraverso un aumento dei volumi dei prodotti caratterizzati da minor redditività, compensando così l eventuale calo dei prezzi, ma creando anche un maggior fabbisogno di fattori produttivi e, conseguentemente, un ulteriore peggioramento della redditività. Di conseguenza, è necessario compiere un analisi a 360, in grado di monitorare il giro d affari, l impiego dei fattori produttivi e il margine di prodotto. Specificatamente per lo scostamento del costo dei fattori produttivi, risulta utile far riferimento anche a quantitativi e prezzi standard, che consentono di verificare il grado di efficienza con cui viene impiegato il fattore produttivo in esame. 10

12

13

14

15

16

17

18

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

Controllo di gestione budget settoriali budget economico

Controllo di gestione budget settoriali budget economico Controllo di gestione budget settoriali budget economico TEMA Pianificazione, programmazione e controllo di gestione costituiscono le tre fasi del processo globale attraverso il quale l impresa realizza

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

La pianificazione strategica

La pianificazione strategica Esempio budget 1 Obiettivi 1. Capire cosa si intende per pianificazione strategica e in quale contesto si inserisce il processo di formazione del budget 2. Capire perché le aziende preparano il budget

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ

1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ 1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ Il controllo di gestione: tecniche e finalità 1. Premessa 1.1. 1.1. PREMESSA I sistemi di programmazione e controllo iniziarono a svilupparsi nel diciannovesimo

Dettagli

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Controllo di Gestione e Gestione Commesse TARGET DEL MODULO Il modulo Controllo di Gestione e Gestione Commesse di Passepartout Mexal è stato progettato

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Strumenti per l analisi della redditività a preventivo: il budget d esercizio

Strumenti per l analisi della redditività a preventivo: il budget d esercizio 5 Strumenti per l analisi della redditività a preventivo: il budget d esercizio 147 5.1 Caratteristiche e funzioni del budget Come anticipato nel primo capitolo, attraverso il processo di pianificazione

Dettagli

I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte II

I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte II I Fondamentali di Controllo di Gestione Parte II LA STRUTTURA DEL SISTEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE definizione di una struttura organizzativa costruzione della struttura tecnico contabile attivazione del

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli.

I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli. I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli.it e iscriversi nella home page al servizio Informatemi per ricevere

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale n La Pianificazione n L Organizzazione n Il Coinvolgimento del Personale n Il Controllo Componenti del Sistema di Pianificazione n Valutazioni interne

Dettagli

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORTING INTERNO: PREMESSE Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORT ISTITUZIONALI REPORT OPERATIVI REPORT

Dettagli

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA Economia Aziendale DOCENTE Rezzonico Isabella MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTABILITÀ GENERALE BILANCI AZIENDALI E REVISIONE LEGALE DEI CONTI CONTENUTI

Dettagli

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite Il budget 1 Il Budget Il budget è un programma di gestione aziendale, tradotto in termini economico-finanziari, che guida e responsabilizza i manager verso obiettivi di , definiti nell

Dettagli

Il caso CodeInt s.r.l.

Il caso CodeInt s.r.l. L ANALISI DEI COSTI DI DISTRIBUZIONE PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA COMMERCIALE Il caso CodeInt s.r.l. Che cos è la contabilità analitica? insieme di determinazioni economicoquantitative mediante cui

Dettagli

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Anno scolastico 2013/2014 Programma di Economia Aziendale Classe: 5^ F Mercurio Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche

Dettagli

l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse contabilità dei costi contabilità industriale contabilità analitica economico-quantitative

l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse contabilità dei costi contabilità industriale contabilità analitica economico-quantitative Analisi dei Costi La gestione implica l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse, e dunque, costose. L analisi dei costi, è un momento fondamentale del sistema del controllo di gestione con l'espressione

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE

IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE Dott.ssa Giovanna Castelli 1 Quanti si pongono queste domande: Quali sono i miei obiettivi di vendita? Li sto raggiungendo? Quali margini conseguo? I costi

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie

Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie Master EMSS VIII edizione Lugo, 15 Aprile 2010 Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie Prof.ssa Monia Castellini Monia Castellini Università di Ferrara 1 Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della CCIAA di BRINDISI Adeguamento dei sistemi di misurazione e valutazione ai sensi del dlgs 150/2009

Il sistema di misurazione e valutazione della CCIAA di BRINDISI Adeguamento dei sistemi di misurazione e valutazione ai sensi del dlgs 150/2009 Il sistema di misurazione e valutazione della CCIAA di BRINDISI Adeguamento dei sistemi di misurazione e valutazione ai sensi del dlgs 150/2009 Versione 1.0 1 Indice 1. COS E IL SISTEMA DI MISURAZIONE

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-MAIL: MAIL@ITCGFERMI.IT PIANO DI LAVORO ECONOMIA

Dettagli

L analisi dei costi per le decisioni di impresa

L analisi dei costi per le decisioni di impresa Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia Giorgio Fuà Dipartimento di Management e Organizzazione Industriale Prof. Attilio Mucelli mucelli@econ.univpm.it - www.econ.univpm.it/mucelli L analisi

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

Il Reporting Direzionale

Il Reporting Direzionale L offerta di consulenza di Professionisti per l Impresa www.piconsulenza.it A cosa serve il controllo individuare i fattori che determinano le performance misurare le performance informare i responsabili

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

I Sistemi Informativi Direzionali. I reporting direzionali

I Sistemi Informativi Direzionali. I reporting direzionali I Sistemi Informativi Direzionali I reporting direzionali Concezioni del controllo Concezione tradizionale valutare l efficienza, l onestà e la diligenza dei dipendenti Concezione moderna (p.e. Anthony)

Dettagli

La necessità di controllare l evoluzione

La necessità di controllare l evoluzione METODI LA COSTRUZIONE DEL BUDGET DI TESORERIA: L ESPERIENZA DI ALFA S.P.A. La necessità di controllare l evoluzione dell andamento finanziario in un ristretto arco di tempo viene soddisfatta dal budget

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria

Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria Capitolo 6 Indice degli argomenti 1. Perché è necessario prevedere le dimensioni dei

Dettagli

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico.

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico. Introduzione L aspetto finanziario della gestione aziendale riveste un ruolo strategico nella conduzione della moderna impresa ed è argomento di rilevante interesse anche dal punto di vista scolastico.

Dettagli

PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Indice PIANO STRATEGICO PROGRAMMAZIONE LA PIANIFICAZIONE AZIENDALE ACTION PLAN PIANO AZIENDALE IL BUSINESS PLAN FUNZIONI DEL BUSINESS PLAN DESTINATARI DEL BUSINESS

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

CAPITOLO SECONDO IL CONTROLLO DI GESTIONE 1. NOZIONE

CAPITOLO SECONDO IL CONTROLLO DI GESTIONE 1. NOZIONE CAPITOLO SECONDO IL CONTROLLO DI GESTIONE Sommario: 1. Nozione. 2. L approccio sistemico al controllo di gestione. - 3. Gli strumenti contabili del controllo di gestione (nozioni e rinvio). - 4. I sistemi

Dettagli

La contabilità gestionale: full costing e direct costing

La contabilità gestionale: full costing e direct costing La contabilità gestionale: full costing e direct costing Impostazione tradizionale: la contabilità gestionale a costi diretti A seconda del metodo con cui si calcola il costo di un oggetto, ossia del tipo

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

Fondamenti di contabilità analitica

Fondamenti di contabilità analitica Incontri di formazione per la contabilità economico-patrimoniale Prima fase Principi base della contabilità economico-patrimoniale ed analitica Fondamenti di contabilità analitica Riccardo Giannetti (rgiannet@ec.unipi.it)

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

Il calcolo della tariffa della manodopera. di Angelo Saitta Fiscalista e Consulente del lavoro

Il calcolo della tariffa della manodopera. di Angelo Saitta Fiscalista e Consulente del lavoro Il calcolo della tariffa della manodopera di Angelo Saitta Fiscalista e Consulente del lavoro Introduzione In ogni organizzazione aziendale vi è la necessità di verificare i risultati aziendali e di risalire

Dettagli

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Classificazione delle opere in PPP Progetti dotati di generare reddito Progetti dove il soggetto privato fornisce direttamente servizi alla

Dettagli

Redditività aziendale: i sistemi incentivanti per migliorare le performance aziendali

Redditività aziendale: i sistemi incentivanti per migliorare le performance aziendali Redditività aziendale: i sistemi incentivanti per migliorare le performance aziendali Dott. Alberto Sesini Managing Director Sesini & Associati sas 21-22 maggio 2008 - Centro Congressi VeronaFiere Il contesto

Dettagli

LA GIUSTA DIREZIONE PER IL TUO BUSINESS

LA GIUSTA DIREZIONE PER IL TUO BUSINESS LA GIUSTA DIREZIONE PER IL TUO BUSINESS DIREZIONALE MANAGEMENT SOLUTIONS È LA SOLUZIONE SOFTWARE PER LA CHE ABBINA AGLI STRUMENTI TIPICI DEL UN MODELLO BASATO SULLE LINEE GUIDA CHE TIPICAMENTE CARATTERIZZANO

Dettagli

K Venture Corporate Finance. Self Control. Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

K Venture Corporate Finance. Self Control. Il futuro che vuoi. Sotto controllo! K Venture Corporate Finance Self Control K Venture Corporate Finance K Venture Corporate Finance è una società di consulenza direzionale specializzata nel controllo di gestione, nella contabilità industriale,

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

Ad oggi gli strumenti informatici

Ad oggi gli strumenti informatici SISTEMI Controllo DATA WAREHOUSE: L ESPERIENZA DI PORTARREDO S.R.L. Ad oggi gli strumenti informatici rappresentano un fondamentale supporto alla gestione aziendale ed acquisiscono particolare importanza

Dettagli

Conto Economico % Si riportano i dati per la localizzazione dei costi e le informazioni necessarie per procedere al calcolo dei costi.

Conto Economico % Si riportano i dati per la localizzazione dei costi e le informazioni necessarie per procedere al calcolo dei costi. ESERCIZIO 20 - CASO TEX - (full costing per centri di costo) La società Tex SpA produce tessuti per arredamento ed è specializzata nella produzione di tovaglie (tovaglie antimacchia e tovaglie damascate),

Dettagli

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Dott. Ing. Matteo Moi Dott. Ing. Matteo Moi 1 ARGOMENTI CONTENUTI Introduzione ai sistemi di controllo di gestione La Pianificazione strategica Il Bilancio

Dettagli

Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A.

Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A. Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A. di Andrea Panizza (*) Una corretta quantificazione del costo di prodotto rappresenta uno dei più importanti fattori di successo dell impresa.

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

Il mantenimento del ciclo di gestione della performance. Le attività di helpdesk

Il mantenimento del ciclo di gestione della performance. Le attività di helpdesk Il mantenimento del ciclo di gestione della performance Le attività di helpdesk Dicembre 2014 Introduzione e indice del documento Le attività di helpdesk sono state progettate con l obiettivo di supportare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 08-04-10 DOMANDA 1 Definire e illustrare graficamente il concetto di break even point. ESERCIZIO 1 La società Dolly Creation S.p.A. produce bambole da collezione e giochi per la prima infanzia.

Dettagli

IL REPORTING. Caratteristiche generali. La rilevazione ed elaborazione dei dati. La progettazione del reporting. L analisi degli scostamenti

IL REPORTING. Caratteristiche generali. La rilevazione ed elaborazione dei dati. La progettazione del reporting. L analisi degli scostamenti IL REPORTING Caratteristiche generali La rilevazione ed elaborazione dei dati La progettazione del reporting L analisi degli scostamenti CARATTERISTICHE GENERALI DEFINIZIONE Il report è uno strumento di

Dettagli

Controllo direzionale

Controllo direzionale IL BUDGET 1 Indice 1. Caratteristiche fondamentali 2. Funzioni 3. Limiti 4. Presupposti 5. Fasi di formazione 6. Il Budget distributivo 7. Il Budget della produzione 8. I Budget delle altre aree funzionali

Dettagli

! "#$ #$$% # % &#'('! #' ' %. $$ /'( &

! #$ #$$% # % &#'('! #' ' %. $$ /'( & ! "#$ #$$% # % &#'('! )**+,)**- #' ' %. $$ /'( & IL PROCESSO DI MARKETING Capitolo 3 La pianificazione di marketing: dalla strategia alla gestione operativa Marketing Marketing La pianificazione di marketing

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale Mario Fochi e Associati S.a.s. PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale Presentazione del servizio Sede: TORINO Via Pietro

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina gli aspetti contabili e gestionali dell

Dettagli

Contabilità generale e contabilità direzionale. Definizioni e distinzioni

Contabilità generale e contabilità direzionale. Definizioni e distinzioni Contabilità generale e contabilità direzionale Definizioni e distinzioni L attività di direzione aziendale Obiettivi strategici Organizzazione aziendale ATTIVITA DI DI DIREZIONE AMBIENTE STRATEGIA SCELTE

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

La Business Intelligence Ready to go Ready to work

La Business Intelligence Ready to go Ready to work SIDI SpA Soluzione KPI S La Business Intelligence Ready to go Ready to work Monitoring KPI s Monitoring KPI s è una Soluzione che fornisce, nella modalità sintetica e di maggior dettaglio, informazioni

Dettagli

Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE IMPRESE GIOVANILI

Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE IMPRESE GIOVANILI UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE PIAIG PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE IMPRESE GIOVANILI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO: q PROGRAMMARE LA PRODUZIONE OTTIMIZZARE L UTILIZZO DELLA CAPACITA PRODUTTIVA

Dettagli

studio della gestione

studio della gestione studio della gestione individuazione ed analisi delle cause che agiscono sulla economicità aziendale l economicità aziendale può essere scomposta: - in un livello di efficienza interna (Q/f) e in un livello

Dettagli

I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA

I. T. C.  S. BANDINI  - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I SISTEMI DI MISURA E GLI ARROTONDAMENTI. I sistemi di misurazione. Il sistema metrico decimale.

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

Case Study Case Study Case Study Case Study Case Study

Case Study Case Study Case Study Case Study Case Study Il Gruppo ALFA REFRATTARI, attivo nel settore dell edilizia dagli anni 70, è leader nel campo dei prodotti refrattari (caminetti, barbecue, forni, malte, rivestimenti, ecc.). E un gruppo in costante espansione

Dettagli

Analisi delle configurazioni dei costi

Analisi delle configurazioni dei costi Analisi delle configurazioni dei costi i costi riferiti ad un medesimo oggetto possono assumere varie configurazioni a seconda del tipo di attività e dei fattori produttivi che s intende analizzare in

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Aggiornato il 6 marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE

Dettagli

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete.

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete. ALLEGATO A BANDO 2014 PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEI PROGETTI PRESENTATI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ISCRITTE ALLA SEZIONE REGIONALE E ALLE SEZIONI PROVINCIALI DEL REGISTRO GENERALE

Dettagli

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 6_L utilizzo dei costi nelle decisioni di breve periodo. Il Margine di Contribuzione e l Analisi Differenziale I costi come strumento di ausilio nelle decisioni

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione La e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri e Controllo di Produzione : compiti 2 Rendere disponibili le informazioni necessarie per: Gestire in modo efficiente ed efficace il

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Prima Puntata www.studiobarale.it Parte 1 di 6 Obiettivi spiegare le diverse metodologie di calcolo dei costi di prodotto, mostrandone logiche

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Pianificazione. e controllo. Controllare la marginalità delle vendite: il caso Saltari S.r.l. Strumenti di P&C

Pianificazione. e controllo. Controllare la marginalità delle vendite: il caso Saltari S.r.l. Strumenti di P&C Strumenti di P&C Pianificazione Controllare la marginalità delle vendite: il caso Saltari S.r.l. di Massimo Lazzari (*) e Andrea Corsini (**) L analisi delle varianze o degli scostamenti è una metodologia

Dettagli

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo Corso di specializzazione TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE Percorso formativo Moduli propedeutici ELEMENTI DI OFFICE AUTOMATION Foglio elettronico Presentazione multimediale Servizi

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

Economia Aziendale. L analisi dei costi

Economia Aziendale. L analisi dei costi Economia Aziendale L analisi dei costi Roma, 03 novembre 2014 Dott.ssa Sabrina Ricco 1 Tematiche La contabilità generale e la contabilità analitica I costi aziendali: i costi fissi e i costi variabili

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli