TTM tension technology s.r.l. Engineering geotechnical applications

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TTM tension technology s.r.l. Engineering geotechnical applications"

Transcript

1 I tiranti tipo TPE-02-SP sono da considerarsi permanenti e sono realizzati secondo EURO NORM EN paragrafo 6.9.3, sono formati da trefoli di acciaio armonico secondo EN Il tirante permanenti tipo TPE-02-SP è utilizzato per il consolidamento di paratie e di diaframmi quando la tipologia del terreno presenti la necessità d impiego di tiranti permanenti dove sono richieste le re iniezioni ripetute e selettive ( I.R.S. iniezioni ripetitive selettive ). Tirante TPE 02SP con tubo valvolato esterno 27x34 mm. T001 Il tirante permanenti tipo TPE-02-SP è stato realizzato secondo la norma Europea e Italiana Esecuzione di lavori geotecnica speciali TIRANTI D ANCORAGGIO EURO NORM EN , Tiranti TPE02SP_2009_rev.A.doc Pagina 1 di 14

2 DESCRIZIONE: Il tirante è realizzato in due parti: - I trefoli di acciaio armonico sono protetti nella parte libera da guaina liscia in P.E.A.D. e singolarmente protetti con guaine in P.E.A.D. e grasso. La separazione della parte libera con la parte attiva avviene mediante un tampone di materiale sigillante che consente una perfetta ermeticità tra le parti stesse. - Nella parte attiva i trefoli sono separati da appositi distanziatori ed essendo disposti in forma sinusoidale, tramite opportune reggiature e nastrature, consentono di incrementare la loro aderenza con la miscela di cemento della fondazione. L iniezione ( primaria e parte libera ) avviene tramite tubetti in polietilene 16x20 mm. Le re iniezioni avvengono con tubo esterno valvolato 27/34 mm. corredato di valvole manchette esterne per consentire iniezioni ripetute e selettive ( I.R.S. iniezioni ripetitive selettive ). VARIANTI ALLO STANDARD - Inserimento sacco otturatore - Parte libera protetta da guaina corrugata anziché guaina liscia, - Ulteriori tubetti d iniezione, - Distanziatori esterni, - Protezione sotto piastra, - Cap di protezione. Tiranti TPE02SP_2009_rev.A.doc Pagina 2 di 14

3 Lunghezza fondazione Lunghezza libera Tiranti TPE02SP_2009_rev.A.doc Pagina 3 di 14

4 RIFERIMENTI NORMATIVI SECONDO EURO NORM EN Norma Italiana Esecuzione di lavori geotecnica speciali TIRANTI D ANCORAGGIO EURO NORM EN , stabilisce e definisce i principi relativi alla tecnologia degli ancoraggi. Si applica all installazione, al collaudo ed al controllo dei tiranti di ancoraggio permanenti, temporanei e dove la capacità di carico è sottoposta a prova. Nella norma EURO NORM EN è lasciata facoltà al responsabile tecnico del cliente, di approvare le varie modifiche apportate al tirante in fase d acquisto, modifiche alle quali il produttore si attiene. PUNTALI PER TIRANTI PERMANENTI, sono realizzati ad avvitamento sulla guaina corrugata e sono dotati di blocco anti sfilamento. Garantiscono il mantenimento dello spessore come richiesto dalla UNI EN Puntale per tirante permanente in polietilene Sono realizzati in Polietilene e dotati di fermo anti sfilamento, sono avvitati sulla guaina corrugata e garantiscono una protezione al piegamento del tubetto in uscita per l iniezione primaria. Il puntale ha la funzione di agevolare l infilaggio nel foro di perforazione del tirante e preservare le pareti di perforazioni da danneggiamenti causati dallo sfregamento dei trefoli e dal peso del tirante. ATTREZZATURA/TARATURA EURO NORM EN paragrafo Attrezzatura è fornita completa di istruzioni operative e di Marcatura CE, è identificata da un numero di matricola e da una tipologia costruttiva per ogni componente dell attrezzatura stessa. E fornita tarata a richiesta secondo EURO NORM EN paragrafo e la taratura ha validità semestrale e accompagna la macchina e i martinetti di tesatura. Il sistema martinetti centralina, permette di mettere in tensione l intero cavo simultaneamente, applicando lo stesso carico a tutti i trefoli dell armatura. - Tiro massimo di bloccaggio EURO NORM EN paragrafo 9.8 Il tiro massimo di bloccaggio ( Po ) deve essere limitato a 0,6 Ptk. - Prove di indagine preliminare EURO NORM EN paragrafo 9.5 Il tirante deve essere caricato a rottura ( Ra ) oppure al carico di prova che corrisponde al minor valore fra 0,80 Ptk oppure 0,95 Pt0,1K. Tiranti TPE02SP_2009_rev.A.doc Pagina 4 di 14

5 ARMATURA EURO NORM EN paragrafo 6.2 Le armature impiegate nella realizzazione del tirante sono in accordo con la norma EURO NORM EN paragrafo 6.2 e in accordo con la norma EURO NORM EN Caratteristiche dei trefoli: Diametro Norma Trefolo tipo Diametro Area nominale nominale Massa f tk Carico di rottura ( Ptk ) Limite elastico allo 0,1% ( Pt0,1k ) mm. mm 2 gr./m N/mm 2 KN KN % Rilassamento dopo 1000 h.0,7-0,8 f pk % T15 T15S pr EN normale super T15C ASTM A779/90 pr EN Compatto Modulo d elasticità = 196 +/- 10 KN / mm 2 MESSA IN TENSIONE EURO NORM EN paragrafo 8.4 la messa in tensione del tirante deve essere eseguita con un idonea attrezzatura atta a permettere le seguenti funzioni: - mettere in trazione l armatura e fissarla al suo tiro di bloccaggio, - accertare e registrare il comportamento del tirante sotto carico, La messa in tensione e la registrazione devono essere svolte da Personale esperto, sotto il controllo di un supervisore adeguatamente qualificato, proveniente preferibilmente da un impresa specializzata in tiranti o da un fornitore di attrezzature, in accordo con EURO NORM EN paragrafo A tale scopo T.T.M. è disponibile: - promuovere corsi di formazione del personale sull uso delle proprie attrezzatura, - rilasciare attestati d uso delle proprie attrezzatura dopo lo svolgimento di un corso presso la propria sede, - fornire supporto tecnico specialistico direttamente in cantiere, con proprio personale, EURO NORM EN UNI paragrafo Tiranti permanenti sono per definizione quelli per i quali è prevista una durata di servizio maggiore di 2 anni. Prospetto 3 ( pagina 13 ) EURO NORM EN UNI paragrafo Esempi di sistemi anticorrosione per tiranti permanenti. Verifica della protezione offerta: a) Tutti i sistemi di protezione da corrosione devono essere stati sottoposti a prova ( e ) per verificare l'efficienza del sistema. I risultati di tutte le prove devono essere ben documentati; b) il Rappresentante Tecnico del Cliente effettuerà una valutazione tecnica dei risultati delle prove per verificare che sia conseguita la protezione offerta da ciascuna barriera nel sistema. Si dovrebbe notare che in certi sistemi l'integrità della barriera protettiva interna dipende dal mantenimento Tiranti TPE02SP_2009_rev.A.doc Pagina 5 di 14

6 dell'integrità della barriera esterna; c) se è prevista soltanto una singola barriera protettiva in corrispondenza alla lunghezza vincolata del tirante, l'integrità di tale barriera può essere controllata con una prova in sito, come per esempio una prova di resistività elettrica. 1. Lunghezza vincolata del tirante La protezione può essere ottenuta con uno dei sistemi seguenti: a) un singolo tubo di plastica contenente armatura/e e malta cementizia; b) due tubi corrugati coassiali di plastica contenenti l'armatura, completamente pre iniettati (con cemento o resina) nella parte centrale e nell'intercapedine fra i tubi prima della posa in opera; c) un singolo tubo corrugato di plastica contenente un'armatura a barra oppure a trefoli, pre iniettato con malta cementizia. Fra tubo e barra é prevista una copertura minima di 5 mm. La/e armatura/e a barra ha/hanno una superficie esterna nervata in continuo. La larghezza delle fessure della malta cementizia fra tubo e barra sotto il tiro di esercizio non è maggiore di 0,1 mm in condizioni di servizio; d) un singolo tubo di acciaio o di plastica corrugato, munito di valvole d'iniezione a manicotto, con spessore non minore di 3 mm, circondato da almeno 20 mm di copertura di malta cementizia, iniettata con pressione non minore di 500 KPa attraverso valvole a distanza non maggiore di 1 m. Una copertura minima di 5 mm è prevista fra tubo e armature. La larghezza delle fessure della miscela cementizia sotto il tiro di servizio non è maggiore di 0,2 mm; e) un singolo tubo corrugato di acciaio ( tubo a compressione ) contenente un'armatura ingrassata di acciaio. Il tubo e la calotta di plastica in corrispondenza al dado di ancoraggio interno sono protetti dalla malta con uno spessore non minore di 10 mm, con larghezza di fessurazioni non maggiore di 0,1 mm sotto il tiro di servizio. Barriere di protezione in sito a ) un tubo di plastica; b ) due tubi di plastica; c ) un tubo esterno di plastica e malta cementizia all'interno; d ) un tubo esterno metallico o di plastica e miscela cementizia all'interno; e ) un tubo di acciaio e miscela cementizia all'esterno. 2. Lunghezza libera del tirante EURO NORM EN UNI paragrafo Il sistema di protezione permette la libertà di scorrimento dell'armatura nel foro. Ciò può essere ottenuto con uno dei sistemi seguenti: a) una guaina di plastica per ciascuna armatura, completamente riempita di composto protettivo molle, più una disposizione A, B, C oppure D ( segue descrizione ); b) una guaina di plastica per ciascuna armatura, completamente riempita con miscela cementizia, più A oppure B; c) una guaina di plastica comune per armature multiple, completamente riempita con miscela cementizia, più B; con: a tubo o guaina plastica comuni, riempiti con composto anticorrosione molle; b tubo o guaina plastica comuni, sigillata alle estremità contro la penetrazione d'acqua; c tubo o guaina plastica comuni, riempiti con miscela cementizia; d tubo di acciaio comune, riempito con miscela cementizia densa. Per assicurare un libero scorrimento dell'armatura durante la messa in tiro, le guaine singole o la guaina comune risulteranno internamente lubrificate e senza vincoli. Tiranti TPE02SP_2009_rev.A.doc Pagina 6 di 14

7 3. Raccordo fra testa di ancoraggio e lunghezza libera EURO NORM EN UNI paragrafo Sulla testa di ancoraggio s'inserisce a tenuta o si salda un manicotto rigido di plastica o di metallo verniciato e iniettato. Questo si raccorda a tenuta con la guaina o tubo del tratto libero, riempito con composto anticorrosione, cemento o resina. TIRANTI TEMPORANEI O PERMANENTI EURO NORM EN paragrafo 6.9 In riferimento alla norma EURO NORM EN paragrafo 6.9 sono definiti: Tiranti temporanei EURO NORM EN paragrafo quelli per i quali è prevista una durata di servizio non oltre i due anni. Tiranti permanenti EURO NORM EN paragrafo quelli per i quali è prevista una durata di servizio superiore ai due anni. La norma prevede ai punti e al punto la possibilità per il responsabile tecnico del cliente, di variare le protezioni e la fattura del manufatto. Prospetto 2 ( pagina 11 ) EURO NORM EN UNI paragrafo Esempi di sistemi anticorrosione per tiranti temporanei. 1. Lunghezza di armatura vincolata Tutte le armature installate devono avere una copertura minima di 10 mm. di malta cementizia verso la parete del foro. Se il terreno presenta condizioni di aggressività, può essere conveniente migliorare la protezione, per esempio disponendo un tubo corrugato intorno alla ( e ) armatura ( e ). tipo DD-ED ( a fiasco ) DD-EF ( a dentellature fisse ) DISTANZIATORI EURO NORM EN paragrafo 6.6 I tiranti sono forniti su richiesta del cliente, dotati di centratori/distanziatori, che permettono il centraggio del tirate nel foro e una copertura minima di 10 mm. di malta cementizia verso la parete del foro. I distanziatori/centratori, non ostacolano il flusso della malta d iniezione e sono realizzati in materiale resistente alla corrosione. I sistemi di centraggio proposti sono di due tipi, nel rispetto dell EURO NORM EN paragrafo 6.6 o come diversamente stabilito dal Rappresentante Tecnico del Cliente, Tiranti TPE02SP_2009_rev.A.doc Pagina 7 di 14

8 Il tipo DD-EF ( a dentellature fisse ), che garantisce solo una spaziatura fissa del tirante dalle pareti di perforazione su quattro punti. Il tipo DD-ED ( a fiasco ), garantisce un effetto dinamico del centratore, che deformandosi, permette una centratura dell intera sezione nel foro di perforazione e su tutta la circonferenza della sezione interessata. 2. Lunghezza di armatura libera Il sistema di protezione deve presentare un basso attrito e permettere lo scorrimento dell'armatura nel foro. Ciò può essere ottenuto con uno dei seguenti sistemi: a) guaina di plastica intorno a ogni singola armatura, con estremità sigillate contro la penetrazione d'acqua; b) guaina di plastica intorno a ogni singola armatura, completamente riempita di un prodotto anticorrosione; c) guaina di plastica o di acciaio, comune per tutte le armature, con estremità sigillate contro la penetrazione d'acqua; d) guaina di plastica o di acciaio, comune per tutte le armature, completamente riempiti di un prodotto anticorrosione; I sistemi b) oppure d) sono appropriati nel caso di impiego temporaneo prolungato o in condizioni di terreno aggressivo. 3. Raccordo fra testa di ancoraggio e lunghezza libera ( testa di ancoraggio interna ) Il tubo e la guaina sul tratto libero possono essere raccordati a tenuta sulla piastra di appoggio/testa di ancoraggio; oppure un tubo di plastica o di metallo può essere raccordato o saldato alla piastra. Il tubo deve sovrapporsi alla guaina o tubo della lunghezza libera e, per impiego temporaneo prolungato, deve essere riempito con prodotto protettivo anticorrosione, cemento o resina, a tenuta verso l'estremo inferiore. Protezione sotto piastra Tiranti TPE02SP_2009_rev.A.doc Pagina 8 di 14

9 4. Testa di ancoraggio Allorché la testa di ancoraggio rimane accessibile, consentendo ispezioni e successive verniciature, si ammetteranno le seguenti protezioni: a) un prodotto di rivestimento protettivo anticorrosione, non fluido; b) una combinazione di prodotto protettivo e nastro adesivo impregnato anticorrosione. Se la testa non è accessibile, si deve disporre una calotta di metallo o di plastica, da riempire con un composto anticorrosione in caso di uso prolungato. Qualora siano note condizioni di aggressività, si deve riempire la calotta con un composto anticorrosione. Protezione dei singoli trefoli su ancoraggi permanenti è realizzata in tre fasi: - ingrassaggio dei trefoli e dei relativi ancoraggi, - ricoprimento in polietilene, trefolo per trefolo, con copri bussola tipo DD0015-CV, permette di evitare il riempimento di grasso del cap, - cap di protezione lungo o corto. Ancoraggi elementari protetti da copri bussola tipo DD0015-CV Tiranti TPE02SP_2009_rev.A.doc Pagina 9 di 14

10 TIRANTI TEMPORANEI EURO NORM EN UNI paragrafo I componenti di acciaio di un tirante temporaneo devono essere dotati di una protezione che prevenga la corrosione per una durata di progetto minima di due anni. Se vi è la possibilità che la vita di esercizio di un tirante temporaneo debba prolungarsi provvisoriamente oppure se il tirante è installato in condizioni di terreno note come corrosive, allora si devono prendere provvedimenti, approvati dal Rappresentante Tecnico del Cliente, per proteggere dalla corrosione tutte le parti del tirante. Esempi di protezione da corrosione, che possono considerarsi adeguati ai suddetti principi di protezione per tiranti temporanei, sono descritti nel prospetto 2. MATERIALI IMPIEGATI E RIFERIMENTI NORMATIVI Il sistema offerto è stato sottoposto ad una prova di sistema che ne ha verificato la validità, i risultati tecnici delle prove sono a disposizione del responsabile tecnico del cliente per approvazione e risultano in accordo con quanto prescritto dalla norma EURO NORM EN paragrafo 6.1. Il sistema è stato testato secondo la circolare Circolare del 15 Ottobre 1996 n 252 AA.GG./S.T.C. Paragrafo F GUAINE E TUBI I PLASTICA EURO NORM EN paragrafo Le guaine e tutti i materiali impiegati nell assemblaggio del tirante sono conformi a quanto richiesto nella norma EURO NORM EN paragrafo TESTA ANCORAGGIO EURO NORM EN paragrafo 6.3 Permette il tiro dell armatura, la prova di carico e il bloccaggio, come pure, se richiesto, il rilascio, il detensionamento e il nuovo tiro. Inoltre è in grado di sostenere al 97% la trazione caratteristica Ptk dell armatura. La testa d ancoraggio distribuisce il carico dell armatura sulla struttura ancorata, attraverso componenti sottoposti a prova, in accordo con EURO NORM EN paragrafo 6.3 Gli ancoraggi T15 e le piastre TTM e TTR sono realizzate secondo la circolare Circolare del 15 Ottobre 1996 n 252 AA.GG./S.T.C. Paragrafo F e le prove sostenute sono a disposizione del responsabile tecnico del Cliente. Piastre d ancoraggio TTM e TTR sono realizzate in acciaio C40-45 UNI EN 10083/1 che offre un'alta resistenza alle sollecitazioni. Bussole d ancoraggio T15 Sono realizzate in acciaio C40-45 UNI EN 10083/1. Morsetti tipo con morsetti tipo 7015-T15 in acciaio 16NiCr4Pb UNI EN o tipo 7017-T15 in acciaio 9SMnP28 UNI Ancoraggio TTM Ancoraggio TTR Tiranti TPE02SP_2009_rev.A.doc Pagina 10 di 14

11 CAP DI PROTEZIONE EURO NORM EN paragrafo Cap di protezione sono conformi a quanto richiesto all EURO NORM EN paragrafo e sono disponibili su richiesta del cliente nelle versioni TTR-100 e TTR-450, per testate d ancoraggio: - TTR-100 normali in cui i baffi di tesatura sono tagliati in prossimità dell ancoraggio, - TTR-450 speciali in cui i baffi di tesatura sono L = 400 mm. tali da garantire la possibilità di ri tesatura nel tempo. Cap TTR-100 Cap TTR-400 Tiranti TPE02SP_2009_rev.A.doc Pagina 11 di 14

12 Il tubo valvolato per iniezioni selettive ( I.R.S. iniezioni ripetitive selettive ) 27x34 mm. tipo T-001 garantisce il passaggio del doppio pistoncino dopo lo srotolamento avendo come caratteristica principale la calibrazione interna del tubo. E realizzato in PVC stabilizzato additivato con resine che ne garantiscono la richiesta flessibilità. Con i tubi tipo T-001 è possibile iniettare valvola per valvola, applicando iniezioni ripetute al tirante. Tutti i tubi tipo T-001 sono realizzati in barra unica. Per garantire iniezioni ripetute è necessario procedere al lavaggio del tubo dopo ogni ciclo di iniezioni. Il tubo tipo T-001 può portare a pressioni di apertura valvole di 150 bar. Valvola 27x34 mm. manchette Per il corretto utilizzo di tubi valvolati tipo T-001, si consiglia di srotolare i tiranti in cantiere all arrivo realizzando uno stoccaggio di tiranti distesi. Su richiesta sono disponibili tubi ( I.R. iniezioni ripetitive ) 27x34 mm. tipo T-002 che non garantiscono le iniezioni selettive ma solo l iniezione da bocca foro. Sono realizzati in polietilene ( H.D.P.E. ) ed hanno la tendenza ad ovalizzarsi nell arrotolamento offrendo una scarsa memoria geometrica delle dimensioni interne di calibrazione del tubo. Si sconsiglia l utilizzo di tubi T-002 con doppio pistoncino, causa la perdita dello stesso, il doppio pistoncino può presentare l inconveniente di rimanere bloccato sulle ovalizzazioni. Il tubo T-002 non è impiegabile per re iniezioni ripetute, essendo di difficile lavaggio dopo la prima iniezione. Il tubo tipo T-002 può portare a pressioni di apertura valvole di 100 bar. Tiranti TPE02SP_2009_rev.A.doc Pagina 12 di 14

13 Le iniezioni tipo I.R.S. sono realizzate con tubi 27x34 mm. realizzati valvolati con valvole manchette, i tubi sono realizzati in PVC stabilizzato secondo EURO NORM paragrafo Questa soluzione permette più re iniezioni selettive, il numero delle stesse è subordinato al grado di lavaggio che è possibile garantire in cantiere. Le re iniezioni I.R.S. sono selettive essendo possibile entrare nel tubo 27x34 mm. con un doppio pistoncino ed aprire valvola per valvola, ed eseguendo se richiesto un iniezione volumetrica oltre che in pressione. L apertura delle valvole pertanto e valvola per valvola, controllata. Questo tipo di applicazione è normalmente adottato su tiranti dove la re iniezione è necessaria per gravi problemi di ancoraggio della fondazione al terreno. Questa soluzione permette di garantire la re iniettabilità nel tempo del tirante, se si rilevasse un cedimento nel tempo della fondazione tramite il valvolato esterno T001 è possibile re iniettare il tirante e ripristinare il tiro iniziale. Tirante TPE 02SP permanente con re iniezione I. R. S. Il tubo valvolato per iniezioni selettive 27x34 mm. tipo T-001 garantisce il passaggio del doppio pistoncino dopo lo srotolamento avendo come caratteristica principale la calibrazione interna del tubo. E realizzato in PVC stabilizzato additivato con resine che ne garantiscono la richiesta flessibilità. Con i tubi tipo T-001 è possibile iniettare valvola per valvola, applicando iniezioni ripetute al tirante. Tutti i tubi tipo T-001 sono realizzati in barra unica. Per garantire iniezioni ripetute è necessario procedere al lavaggio del tubo dopo ogni ciclo di iniezioni. Il tubo tipo T-001 può portare a pressioni di apertura valvole di 150 bar. Tiranti TPE02SP_2009_rev.A.doc Pagina 13 di 14

14 IL DOPPIO PISTONCINO tipo XG e realizzato con una molla ad alta resistenza, che permette la flessibilità del dispositivo, risulta atta a compensare le deviazioni naturali del tubo valvolato e tale da garantire un iniezione selettiva delle valvole Manchette, fino ad una pressione max. di 120 bar. Le guarnizioni PO27 sono realizzate in poliuretano ad alta resistenza all abrasione, tali da garantire un utilizzo prolungato. Doppio pistoncino flessibile tipo XG La particolare proprietà di questo pistoncino è la sua adattabilità alle deformazioni del tubo valvolato, garantendo sempre una perfetta tenuta all iniezione. PRODUZIONE TIRANTI Fabbricazione secondo EURO NORM EN paragrafo La fabbricazione del tirante rispetta quanto richiesto dall EURO NORM EN paragrafo , rispettando le indicazioni di stoccaggio ed assemblaggio richieste. Trasporto, manipolazione e posa, sono svolte secondo EURO NORM EN paragrafo La manipolazione in fase di lavorazione e stoccaggio, il carico per il trasporto del tirante al cantiere, rispetta quanto richiesto dall EURO NORM EN paragrafo Uffici e stabilimento: Via Alberto da Giussano Corbetta (MI) - Tel.: 0039/02/ Fax: 0039/02/ Tutti dettagli dei particolari offerti, sono visibili sul nostro sito Azienda certificata ISO il 12 Aprile 2003 documento N Tiranti TPE02SP_2009_rev.A.doc Pagina 14 di 14

TTM tension technology s.r.l. Engineering geotechnical applications

TTM tension technology s.r.l. Engineering geotechnical applications I tiranti tipo TPE-02 sono da considerarsi permanenti e sono realizzati secondo EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 6.9.3, sono formati da trefoli di acciaio armonico secondo EN 10138. Il tirante permanenti

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale ALLEGATO AL VOTO 62_11 Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Linea guida per la certificazione di idoneità tecnica dei tiranti di ancoraggio per uso geotecnico

Dettagli

MONITORAGGIO CON CELLE DI CARICO DE-S

MONITORAGGIO CON CELLE DI CARICO DE-S CELLE DI CARICO MONITORAGGIO CON CELLE DI CARICO DE-S I tiranti possono essere integrati con una strumentazione di monitoraggio. Quando una struttura è sensibile alle variazioni di tiro o ai movimenti

Dettagli

Sicurezza al 300% con EMIFLEX. 100% informati 100% qualità per il vostro lavoro 100% a norma di legge

Sicurezza al 300% con EMIFLEX. 100% informati 100% qualità per il vostro lavoro 100% a norma di legge Sicurezza al 300% con EMIFLEX 100% informati 100% qualità per il vostro lavoro 100% a norma di legge CHIARIMENTI TECNICI NORMATIVE GAS EMIFLEX è l azienda leader in Italia nella progettazione e produzione

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II

Università degli studi di Napoli Federico II Università degli studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle scienze di base Corso di Laurea Triennale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed

Dettagli

Fornitura di tubi in materiale composito per armatura di micropali. Controlli e collaudo

Fornitura di tubi in materiale composito per armatura di micropali. Controlli e collaudo Fornitura di tubi in materiale composito per armatura di micropali Controlli e collaudo Le armature di nostra fornitura sono costituite da tubi di diametro 200 mm e spessore 10 mm in resina poliestere

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

Le piastre Precompresse

Le piastre Precompresse Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Precompresse Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ PIASTRE

Dettagli

CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 Produzione di tiranti di ancoraggio permanenti e provvisori

CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 Produzione di tiranti di ancoraggio permanenti e provvisori Produzione tiranti permanenti e provvisori secondo UNI EN 1537, assistenza tecnica alla posa, attrezzature per la messa in opera, fornitura di dispositivi per l ingegneria strutturale, assistenza tecnica

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio Listino Prezzi DEPOSITO DI BARI 70027 PALO DEL COLLE BARI - S.S. 96 Km. 113+200 TEL. 080 627580 - FAX 080 629648 e-mail: appa.commerciale@tiscali.it www.appartubi.it TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA Sistemi di protezione collettivi ed individuali con riferimento alle normative europee UNI EN 13374 e UNI EN 795. I lavori in quota possono esporre

Dettagli

Linea vita temporanea orizzontale SOIT402/HLLW1 Manuale d Utilizzo e Manutenzione rev.00

Linea vita temporanea orizzontale SOIT402/HLLW1 Manuale d Utilizzo e Manutenzione rev.00 (immagine puramente indicativa per identificare il prodotto) Introduzione Linea vita orizzontale temporanea SOIT402/HLLW1 La linea vita orizzontale temporanea SOIT402/HLLW1 è un sistema di protezione provvisorio

Dettagli

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI Il Cap.9 delle NTC detta disposizioni minime per l esecuzione del collaudo statico, atto a verificare il comportamento e le prestazioni delle parti di opera

Dettagli

SAFERALPS. Prg n 6782-103 28-02-2012

SAFERALPS. Prg n 6782-103 28-02-2012 SAFERALPS Prg n 6782-103 28-02-2012 Study of the characteristics of the "via ferrata Analysis of the installation and maintenance techniques Similarities and differences in the Alps P1-Universität Salzburg

Dettagli

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: POS FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0003 - INFRASTRUTTURE

Dettagli

SISTEMA SOLARE BSTD. Manuale di montaggio e messa in funzione

SISTEMA SOLARE BSTD. Manuale di montaggio e messa in funzione SISTEMA SOLARE BSTD Manuale di montaggio e messa in funzione 1 INDICE AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 3 ELENCO DEI COMPONENTI 4 INFORMAZIONI GENERALI 4 ACCUMULO BSTD 4 Descrizione generale 4 Dati tecnici 5

Dettagli

Direttiva per la posa ed il calibraggio di tubi

Direttiva per la posa ed il calibraggio di tubi Direttiva per la posa ed il calibraggio di tubi Pag. 1/5 Direttiva per la posa ed il calibraggio di tubi 1. Impianto di tubi per cavi La sicurezza operativa di un impianto di cavi dipende, oltre che dalla

Dettagli

Derivazioni su tubi di grande diametro, come risparmiare incrementando la qualita e la sicurezza: la soluzione Georg Fischer

Derivazioni su tubi di grande diametro, come risparmiare incrementando la qualita e la sicurezza: la soluzione Georg Fischer Derivazioni su tubi di grande diametro, come risparmiare incrementando la qualita e la sicurezza: la soluzione Georg Fischer La risposta Georg Fischer ai tecnici che chiedono un risparmio in termini economici

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale PROCEDURA PER IL RILASCIO, DA PARTE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE, DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ TECNICA ALL IMPIEGO, DI CUI

Dettagli

Palificazioni e Consolidamenti

Palificazioni e Consolidamenti Palificazioni e Consolidamenti PALI TRIVELLATI Pali trivellati a secco, incamiciati e con utilizzo di fanghi bentonitici/polimeri. PALI C.F.A. Pali ad elica continua C.F.A. PALI VIBROINFISSI Pali vibroinfissi,

Dettagli

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche FOGNATURA SANITARIO VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO RADIANTE ADDUZIONE RECUPERO Sistema Multistrato Fluxo Gas Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni

Dettagli

Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è:

Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è: Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è: + innovativo perché: il profilo di ancoraggio del bicchiere iniettato è stato appositamente concepito in modo da ottenere la sezione

Dettagli

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 75 Convegno ATE - ASSOCIAZIONE TECNOLOGI PER L EDILIZIA: Le Saldature in Cantiere Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 Materiale a cura di: P.I. BENEDETTO SCOTTI (AREA CONSULTING

Dettagli

CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 Produzione di tiranti di ancoraggio permanenti e provvisori

CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 Produzione di tiranti di ancoraggio permanenti e provvisori Produzione tiranti permanenti e provvisori secondo UNI EN 1537, assistenza tecnica alla posa, attrezzature per la messa in opera, fornitura di dispositivi per l ingegneria strutturale, assistenza tecnica

Dettagli

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio Ing. Salvatore LEANZA 22 Giugno 2012 - Fondazione Ordine degli Ingegneri - Catania UNI EN 795:2002 TITOLO

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN 16 TWIN ECO SN 16 è il nuovo tubo corrugato

Dettagli

SET RUBINETTO D ARRESTO AD INCASSO RAUTITAN GAS ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO

SET RUBINETTO D ARRESTO AD INCASSO RAUTITAN GAS ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO SET RUBINETTO D ARRESTO AD INCASSO RAUTITAN GAS ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO Rispettare sempre le prescrizioni della norma UNI TS 11343 e le istruzioni contenute nell edizione aggiornata delle Informazioni

Dettagli

Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE

Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE DESCRIZIONE Nell ambito della manutenzione e rispristino delle condutture, il sistema di lavorazione senza scavo, garantisce grandi vantaggi minimizzando costi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione.

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione. Battitura di pali duttili Generalità: Grazie agli escavatori idraulici leggeri e maneggevoli, i lavori per fondazioni di pali possono essere eseguiti anche in condizioni difficili oppure quando lo spazio

Dettagli

SCALE FISSE A DUE MONTANTI IN PRFV PER POZZETTI DI ISPEZIONE A MARCATURA CE

SCALE FISSE A DUE MONTANTI IN PRFV PER POZZETTI DI ISPEZIONE A MARCATURA CE SCALE VERTICALI CE MM13 30.07.2015 Rev. 3 SCALE FISSE A DUE MONTANTI IN PRFV PER POZZETTI DI ISPEZIONE A MARCATURA CE COMPOSITE SOLUTION PAGINA 1 SOMMARIO 1. APPLICAZIONI E CARATTERISTICHE... 3 2. RIFERIMENTI

Dettagli

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio KDIX 8810 Istruzioni di montaggio Sicurezza della lavastoviglie 4 Requisiti di installazione 5 Istruzioni di installazione 7 Sicurezza della lavastoviglie La vostra sicurezza e quella degli altri sono

Dettagli

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124 Tubi e raccordi in ghisa sferoidale per acquedotti norma EN 545 CLASSE K9 e per fognature norma EN 598 CLASSE K9 - prodotti da azienda certificata ISO 9001 DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel

Dettagli

1.3 RETE ACQUEDOTTISTICA CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

1.3 RETE ACQUEDOTTISTICA CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA 1.3 RETE ACQUEDOTTISTICA CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO Aggiornamento settembre 2012 SPECIFICHE MATERIALI Materiali per

Dettagli

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI Relatore : GianMarco Simioni L ispezione nella rete fognaria I POZZETTI D ISPEZIONE NELLE FOGNATURE Come elemento di ispezione

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 357 Analisi R.05.10.10.a Perforazione fino al diametro di mm 36 e lunghezza fino a m 1,20 con martello a rotopercursione a secco, per consolidamenti Per diametri fino a 32 mm in muratura di tufo cm 1,00

Dettagli

listino prezzi 2014 Multistrato

listino prezzi 2014 Multistrato listino prezzi 2014 Multistrato Tubi Multistrato PE-Xc/Al/PE-Xc 2 I Raccordi a pinzare 3-4-5-6 N D I C Collettori e cassette 7 Attrezzatura 8-9 Caratteristiche e vantaggi 10-11 E Dati tecnici 12 TUBI

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

con giunzione elettrosaldabile Tubazioni composite PE-ACCIAIO per collettori di scarico interrati attraversamenti rilevati SYSTEM GROUP

con giunzione elettrosaldabile Tubazioni composite PE-ACCIAIO per collettori di scarico interrati attraversamenti rilevati SYSTEM GROUP con giunzione elettrosaldabile Tubazioni composite PE-ACCIAIO per collettori di scarico interrati attraversamenti rilevati SYSTEM GROUP 01.2015 SGS é la tubazione composita PE + acciaio in grandi diametri

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

Tubi Per Il Gas In Acciaio Inox Con rivestimento ondulato con standard europeo EN15266:2007

Tubi Per Il Gas In Acciaio Inox Con rivestimento ondulato con standard europeo EN15266:2007 Facile Economico Veloce pipegas Tubi Per Il Gas In Acciaio Inox Con rivestimento ondulato con standard europeo EN15266:2007 Conforme con EN 15266:2007 TUBI FLESSIBILI PER IMPIANTI DOMESTICI A GAS NATURALE

Dettagli

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE 1. GENERALITÀ...2 1.1. Messa a livello...2 1.2. Sollecitazioni...2 1.3. Saldature elettriche...2 1.4. Fulmini...2 1.5. Influenze meccaniche esterne...3 2.

Dettagli

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12.

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12. 12 Prove di collaudo S copo del collaudo è quello di verificare l efficienza e la funzionalità idraulica di un collettore posato in opera. In particolare si dovrà verificare: n la deformazione diametrale;

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

ONREGEL. Pali di ghisa duttile Dimensioni, installazione e assicurazione qualitativa ONR 22567. Traduzione autenticata dalla lingua tedesca

ONREGEL. Pali di ghisa duttile Dimensioni, installazione e assicurazione qualitativa ONR 22567. Traduzione autenticata dalla lingua tedesca Traduzione autenticata dalla lingua tedesca Pagina 1 ICS 93.020 ONREGEL Pali di ghisa duttile Dimensioni, installazione e assicurazione qualitativa Edizione: 1 ottobre 2001 PG 8 Comitato per la normalizzazione

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture 1 Acciaio 2 Acciaio Controlli Tre forme di controllo sono obbligatorie : IN STABILIMENTO DI PRODUZIONE.. da eseguirsi sui lotti di produzione NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE

Dettagli

Descrizione. Caratteristiche tecniche

Descrizione. Caratteristiche tecniche brevettato Descrizione La CMO è un dispositivo atto a garantire la protezione di persone/cose da urti provocati da organi meccanici in movimento quali cancelli o porte a chiusura automatica. L ostacolo

Dettagli

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO DOMESTICO E SIMILARE A NORMA UNI 11353

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO DOMESTICO E SIMILARE A NORMA UNI 11353 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS PER USO DOMESTICO E 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 8 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

PRESSFAR 1. DESCRIZIONE 2. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE. Certificati N DW - 8511BS0157 DW - 8511BS0155

PRESSFAR 1. DESCRIZIONE 2. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE. Certificati N DW - 8511BS0157 DW - 8511BS0155 ST.09.01.00 PRESSFAR Certificati N DW - 8511BS0157 DW - 8511BS0155 1. DESCRIZIONE I raccordi a pressare Pressfar per tubi multistrato sono utilizzabili per impianti di riscaldamento, raffrescamento ed

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

Schede tecniche e linee guida per l installazione

Schede tecniche e linee guida per l installazione Schede tecniche e linee guida per l installazione 43 Intumex RS10 - Collare tagliafuoco Generalità Intumex RS10 è un tagliafuoco per tubazioni in plastica realizzato in acciaio inossidabile vericiato a

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 10 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI, DEFINIZIONI,

Dettagli

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ACQUA

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ACQUA PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 9 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI, DEFINIZIONI,

Dettagli

INSTALLAZIONE e MANUTENZIONE HIRIS / COMPACT

INSTALLAZIONE e MANUTENZIONE HIRIS / COMPACT INSTALLAZIONE e MANUTENZIONE HIRIS / COMPACT NORME DI SICUREZZA: E necessario, in quanto previsto dalla legislazione vigente in materia, che l installazione e la manutenzione venga effettuata da un tecnico

Dettagli

Barre autoperforanti ed accessori, modalita di esecuzione, campi di impiego, problemi esecutivi e controlli in cantiere

Barre autoperforanti ed accessori, modalita di esecuzione, campi di impiego, problemi esecutivi e controlli in cantiere Incontro sul tema Autoperforanti: una tecnologia in evoluzione 7 Ottobre, 2010 Barre ed accessori, modalita di, campi di, problemi esecutivi e Con la collaborazione di: Con il patrocinio Dell Istittuto

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE In accordo a Regolamento Prodotti da Costruzione n 305/2011

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE In accordo a Regolamento Prodotti da Costruzione n 305/2011 DICHIARAZIONE DI In accordo a Regolamento Prodotti da Costruzione n 305/2011 DoP N 14/0223 1. Codice di identificazione unico del prodotto-tipo: MAURER PLUS TCA-V CE 2. Numero di tipo, lotto, serie o qualsiasi

Dettagli

SISTEMA DI CONSOLIDAMENTO ATTIVO CON TELI DI RETE IN FILO

SISTEMA DI CONSOLIDAMENTO ATTIVO CON TELI DI RETE IN FILO INCOFIL Srl Via Degli Artigiani 52 ZI Pergine Valsugana (TN) SISTEMA DI CONSOLIDAMENTO ATTIVO CON TELI DI RETE IN FILO ISONET SYSTEM Mod. IS-A e IS-B Scheda tecnico-prestazionale Emissione: maggio 2007

Dettagli

Sistemi di scarico in PP

Sistemi di scarico in PP Sistemi di scarico in PP Condensazione / Accessori Residenziale SEZIONE 1 Introduzione 1.1 Sistema per intubamento in PP traslucido per caldaie a condensazione Beretta propone, esclusivamente per le caldaie

Dettagli

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE IN GAS IN GAS Rubinetto a sfera per gas da incasso VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE DADI DI FISSAGGIO SEDI LATERALI CODOLI PER SALDATURA O-RINGS GUARNIZIONI METALLICHE ROSONE DI COPERTURA LEVA VITI

Dettagli

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo PALO tipo SP Il Soil Displacement (SP) è una metodologia di esecuzione del palo di fondazione eseguita senza asportazione di terreno, quindi alternativa ai pali battuti, vibroinfissi e trivellati. La tecnologia

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

SISTEMI DI ACCUMULO FORMATI DA TUBI SPIRALATI IN HDPE SGK

SISTEMI DI ACCUMULO FORMATI DA TUBI SPIRALATI IN HDPE SGK Integrated 1 CALOTTA PER SERBATOI FORMATI DA TUBO SPIRALATO SGK Tubo spiralato in HDPE Norma DIN 16961 Diametri da ID1000 a ID2500 mm Le giunzioni degli elementi saranno eseguite a mezzo di apposito bicchiere

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

il sistema di giunzione raddoppia la sicurezza che 11.2013 www.tubi.net

il sistema di giunzione raddoppia la sicurezza che 11.2013 www.tubi.net il sistema di giunzione che raddoppia la sicurezza 11.2013 www.tubi.net L AIRBAG DELLE TUBAZIONI Così come nel settore delle autovetture i parametri di sicurezza hanno portato all impiego di sistemi sempre

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Sistema di Gestione per la Qualità ISO 9001:2000 Certificato CSQ n.9122 ASLB Servizio Impiantistica e Sicurezza Lavoro Responsabile: Ing. Basilio A. Sertori 24125 Bergamo Via

Dettagli

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1. Premessa Il presente Piano di manutenzione è relativo alle opere strutturali da eseguire per il ripristino

Dettagli

D.P.I. D.P.I. Corde - UNI EN 1891

D.P.I. D.P.I. Corde - UNI EN 1891 D.P.I. Corde - UNI EN 1891 SUL MERCATO SONO DISPONIBILI DUE TIPOLOGIE DI CORDE: DINAMICHE - Norma di riferimento EN 892 SEMI STATICHE - Norma di riferimento EN 1891 La norma UNI EN 353-2 (linee vita fless.)

Dettagli

AquaFast Bigiunti e giunti flangiati Per giunzioni in polietilene e U-PVC

AquaFast Bigiunti e giunti flangiati Per giunzioni in polietilene e U-PVC Sensibili AquaFast Bigiunti e giunti flangiati Per giunzioni in polietilene e U-PVC NUOVO Design Migliorato Montaggio più semplice su tubi ovali o in rotolo Ora disponibile nel diametro da 280 mm giunzioni

Dettagli

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN 16 TWIN ECO SN 16 è il nuovo tubo corrugato

Dettagli

BQ Press GAS per impianti gas per uso domestico

BQ Press GAS per impianti gas per uso domestico BQ Press GAS in accoppiamento a tubi di rame conformi alla norma UNI 1057 nei diametri da 12 a 54 mm può essere utilizzato per la realizzazione di impianti a gas per usi domestici, non superiori la portata

Dettagli

/ 01- " 23 )"(!"# $% "&' ()"') *+,-.

/ 01-  23 )(!# $% &' ()') *+,-. / 01-!" " 23 )"( ) """#$"%!"# $% "&' ()"') *+,-. - Premessa "Piano di manutenzione riguardante le strutture" previsto dalle nuove Norme Tecniche per le Costruzioni (D.M. 14 gennaio 2008 e dalla relativa

Dettagli

INDICE. VERSIONE DATA COMMENTI 00 04/12/2013 Prima emissione

INDICE. VERSIONE DATA COMMENTI 00 04/12/2013 Prima emissione PRESSIONE A NORMA UNI : 2006 REGOLAMENTO PARTICOLARE LICENZA D USO DEL MARCHIO BV PER TUBI FOGNATURA E SCARICHI INTERRATI NON IN PRESSIONE A NORMA UNI : 2006 AD ACCRESCIUTA RESISTENZA AGLI ACIDI INDICE

Dettagli

Tubi scaldanti e accessori I.5

Tubi scaldanti e accessori I.5 La qualità dei sistemi di riscaldamento a pavimento dipende anche dalla bontà dei tubi scaldanti. Devono essere resistenti contro la formazione di fessure per tensioni interne, resistenti alla diffusione

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE:

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Pag. 1 Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Alla semplicità strutturale si accompagnano soluzioni avanzate che fanno una macchina molto versatile utilizzabile in tutte

Dettagli

acqua Hydro Active Grout Flex Slv resina poliuretanica monocomponente non tossica

acqua Hydro Active Grout Flex Slv resina poliuretanica monocomponente non tossica Hydro Active Grout Flex Slv resina poliuretanica monocomponente non tossica Funzione Ha Flex Slv è una resina idroattiva poliuretanica da iniezione. Si tratta di una resina monocomponente con bassa viscosità,

Dettagli

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI:

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: UNI EN 3834 -Requisiti per la qualità della saldatura UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità Centri di trasformazione:

Dettagli

ALL.9 - ANALISI PREZZI

ALL.9 - ANALISI PREZZI AP_01 muro rivestito prefabbricato c.re MURO DI SOSTEGNO IN C.A. voce a misura MURO DI SOSTEGNO IN C.A. Realizzato con Pannelli PREFABBRICATI rivestiti con pietra di vario genere. Possono essere realizzate

Dettagli

QUALITÀ ED AFFIDABILITÀ

QUALITÀ ED AFFIDABILITÀ QUALITÀ ED AFFIDABILITÀ Ogni prodotto BREBE viene realizzato in conformità alle normative vigenti in materia di prevenzione dalle cadute dall alto rispettando in oltre tutti i più alti standard di qualità.

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

Murali Condensing. Sommario. Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12

Murali Condensing. Sommario. Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12 Murali Condensing Sommario Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12 1 Sistemi di scarico in PP Introduzione Sistema per intubamento in PP per caldaie a condensazione

Dettagli

BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5

BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5 BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5 BORDO PONTE CON CORRIMANO IN ACCIAIO MODELLO ABESCA NJBPH4 OMOLOGATA IN CLASSE DI CONTENIMENTO H4b Pagina

Dettagli

VETROMATTONE ONDULATO CHIARO TERMINALE CURVO

VETROMATTONE ONDULATO CHIARO TERMINALE CURVO INDICE 1. Anagrafica 2. Caratteristiche Tecniche 3. Certificazioni 4. Utilizzo 5. Posa in Opera 5.A. Fase preliminare 5.B. Fase di installazione 5.C. Fase di finitura 6. Disegni 7. Voce di capitolato 1/5

Dettagli

INDICAZIONI PER LA REVISIONE ANNUALE DEI DPI TRACTEL

INDICAZIONI PER LA REVISIONE ANNUALE DEI DPI TRACTEL INDICAZIONI PER LA REVISIONE ANNUALE DEI DPI TRACTEL 1 2 4 5 6 7 3 DURATA DI VITA E REVISIONI ANNUALI D.P.I. ANTICADUTA INDICAZIONI PRIORITARIE Durata di vita dei prodotti: Ogni DPI anticaduta ha una durata

Dettagli

CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA I & F BUREAU VERITAS ITALIA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA REGOLAMENTO PARTICOLARE REGOLE PARTICOLARI PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BUREAU

Dettagli

Operating Manual: Pull-Off DRT100. Manuale Operativo PULL - OUT DRG-100

Operating Manual: Pull-Off DRT100. Manuale Operativo PULL - OUT DRG-100 Manuale Operativo PULL - OUT DRG-100 1. Avvertenze Generali Questo manuale d uso contiene norme di sicurezza nonché le istruzioni necessarie per l utilizzo del Pull-Out DRG 100. Per trarre il massimo vantaggio

Dettagli

Sistema a parete. ecowall. Il sistema ecologico a parete

Sistema a parete. ecowall. Il sistema ecologico a parete IT Sistema a parete Il sistema ecologico a parete Il sistema ecologico a parete Materiali isolanti totalmente ecologici Posa verticale ed orizzontale del tubo Flessibilità nelle realizzazioni in cantiere

Dettagli

PUNTI D ANCORAGGIO Classe A e Classe E

PUNTI D ANCORAGGIO Classe A e Classe E PUNTI D ANCORAGGIO Cla se A e Cla se E classe A e classe E punti d ancoraggio Duomo di MIlano Punti d ancoraggio in classe A ed E per la messa in sicurezza di coperture e pareti classe A e classe E punti

Dettagli

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA PORTE DI USCITA DI SICUREZZA (fire safety exits) Per uscita (di sicurezza) il decreto 30/11/1983 intende: Apertura atta a consentire il deflusso di persone verso un luogo sicuro avente altezza non inferiore

Dettagli

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv 1 L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv La Norma CEI EN 50107 ( entrata in vigore nel settembre del 1999 e classificata come 34-86) fornisce i criteri

Dettagli

Strumenti meccanici di misura della pressione nell industria di processo. Redazionale tecnico

Strumenti meccanici di misura della pressione nell industria di processo. Redazionale tecnico Convenienza e sicurezza allo stesso tempo Strumenti meccanici di misura della pressione nell industria di processo Al lavoro o a casa, la nostra vita è o diventerà sempre più digitale. Ciò nonostante,

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

Omniplast Sabiana. La gamma comprende 6 diametri (60-80-110-125-160-200 mm) Canne Fumarie in PPs

Omniplast Sabiana. La gamma comprende 6 diametri (60-80-110-125-160-200 mm) Canne Fumarie in PPs Omniplast Sabiana Canne Fumarie in PPs Il sistema Omniplast Sabiana è un sistema progettato e realizzato espressamente per l evacuazione dei prodotti della combustione a bassa temperatura provenienti da

Dettagli